PROVINCIA DI PISA. Pisa. Alla Ditta "Spedi Sri" Via della Madonnina, Capannori (LU) Al Comune di Vecchiano Ufficio Ambiente 560 i 9 Vecchiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI PISA. Pisa. Alla Ditta "Spedi Sri" Via della Madonnina, 35 55012 Capannori (LU) Al Comune di Vecchiano Ufficio Ambiente 560 i 9 Vecchiano"

Transcript

1 PROVINCIA DI PISA Dipartimento del Territorio Sviluppo Sostenibile ed Energia U.O. Smaltimento Rifiuti Via P.Nenni, PISA 8 050/ FAX 050/ Prot.N 09/08/04 Pisa Alla Ditta "Spedi Sri" Via della Madonnina, Capannori (LU) Al Comune di Vecchiano Ufficio Ambiente 560 i 9 Vecchiano Aìl'ARPAT Via Veneto, Pisa All'Albo Smaltitori Via dei Giudici, Firenze OGGETTO: Trasmissione Determinazione Dirigenziale. Con la presente si trasmette in allegato Determinazione Dirigenziale N. 505 del 06/02/2009 avente per oggetto: Rinnovo autorizzazione all'esercizio dell'impianto di stoccaggio rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi in Loc. Migliarino nel comune di Vecchiano gestito dalla Spedi srl. Distinti saluti. Il Dirigente dei/servizio Sviluppo Stt.ssa L. Pioli

2 PROVINCIA DI PISA Dipartimento del Territorio Serv Sviluppo Sostenibile ed Energia Proposta nr. 521 Del 06/02/2009 Determinazione nr. 505 Del 06/02/2009 Oggetto: Rinnovo autorizzazione all'esercizio dell'impianto di stoccaggio rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ubicato in loc. Migliarino nel Comune di Vecchiano gestito dalla Spedi Sri IL DIRIGENTE VISTA la parte IV del D.Lgs. 152/2006 "Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati" che sostituisce il Decreto Legislativo n. 22 relativo all'attuazione delle direttive CEE sui rifiuti, e successive modifiche; VISTA la L.R. n. 25 del 18.5.'98 "Norme per la gestione dei rifiuti e la bonifica dei siti inquinati" con la quale vengono riconfermate alle Province tutte le funzioni amministrative attribuite in materia di gestione dei rifiuti, e successive modifiche; VISTO il Regolamento Regionale n. 14/R del contenente norme tecniche e procedurali per l'esercizio delle funzioni amministrative e di controllo attribuite agli Enti Locali in materia di gestione rifiuti e delle bonifiche; PREMESSO che con D.D. n del 10/07/2003 è stato autorizzato l'esercizio di un impianto di stoccaggio di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ubicato in loc. Migliarino nel comune di Vecchiano, gestito la Ditta Spedi S.r.l ; VISTA la richiesta di rinnovo trasmessa dalla Spedi S.r.l. in data 29/05/2008; VISTA la relazione d'ufficio allegata al presente provvedimento del quale è parte integrante e sostanziale (ali. A); VISTA la polizza fidejussoria n stipulata con l'aurora Assicurazioni S.p.a. e con scadenza al 01/07/2013 maggiorata di ulteriori due anni; RITENUTO di poter procedere al rilascio del rinnovo dell'autorizzazione richiesta; ACCERTATA la propria competenza a determinare ai sensi dell'ari. 107 del T.U. n. 267 del e dell'articolo del regolamento sull'ordinamento degli Uffici e dei Servizi di questo Ente; DETERMINA 1) di rinnovare l'autorizzazione all'esercizio dell'impianto di stoccaggio rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ubicato in loc. Migliarino, nel comune di Vecchiano gestito dalla Spedi S.r.l., con le modalità previste nella documentazione conservata agli atti di questa Provincia e riassunte nella relazione tecnica allegata al presente atto; Provincia di Pisa - Determinazione n. 505 del 06/02/2009

3 2) di prescrivere alla Ditta Spedi S.r.l. quanto segue: a) dovranno essere rispettati i massimi quantitativi di rifiuti stoccati, le tipologie di rifiuti conferiti con i relativi codici CER, nonché le modalità di gestione di cui alla relazione d'ufficio allegata; b) il rispetto delle osservazioni contenute nella relazione d'ufficio allegata (ali. A); e) lo stoccaggio e la movimentazione delle apparecchiature fuori uso dovrà avvenire in maniera da evitare la dispersione di gas pericolosi e da non comprometterne il successivo disassemblaggio ai fini del recupero delle componenti, nel rispetto del D.Lgs 151/2005 relativo alle apparecchiature elettriche ed elettroniche; d) i rifiuti identificati con i codici CER , , , , , , per motivi igienico - sanitario ed in ragione della normativa vigente in materia di rifiuti sanitari, non dovranno provenire da strutture sanitarie ma solo da attività commerciali, professionali e industriali conferiti in imballi di sicurezza e sottoposti esclusivamente a stoccaggio; e) entro il 30 gennaio di ciascun anno dovrà essere inoltrato a questa Provincia un rendiconto dettagliato sull'attività svolta che illustri per ogni tipologia di rifiuto, il quantitativo movimentato durante l'anno e relativa provenienza, il quantitativo avviato al recupero e quello avviato allo smaltimento differenziati tra quelli smaltiti presso impianti di bacino e quelli smaltiti presso impianti ubicati fuori Provincia e fuori Italia, e in riferimento ai RAEE gli impiantì di destinazione. II rendiconto dovrà inoltre contenere i certificati di analisi annuale del punto di emissione "El"; 3) di autorizzare il punto di emissione in atmosfera denominato "El", derivante dal convogliamento dell'aria proveniente dal filtro a maniche annesso al trituratore di materiali plastici con le seguenti prescrizioni: a) dovranno essere rispettati i valori limite di emissione, la periodicità dei controlli e le prescrizioni specificate nello schema n. 2 della relazione tecnica allegata al presente atto (ali. A); b) i risultati delle analisi dovranno essere conservati presso l'azienda e trascritti in apposito registro secondo quanto previsto in appendice 1 - allegato VI - alla parte quinta del D. Igs 152/06. Il registro delle analisi dovrà avere pagine numerate in sequenza e dovrà essere vidimato dalla U.O. Emissioni in Atmosfera della Provincia di Pisa; e) le date e gli orari dei campionamenti prescritti di cui allo schema n. 2 dovranno essere comunicate con almeno 15 giorni di anticipo all'arpat di Pisa; 4) di precisare che la presente autorizzazione è valida fino 01/07/2018 e che potrà essere rinnovata previa nuova richiesta da inoltrare entro 180 gg precedenti la suddetta scadenza; 5) di prescrivere il rinnovo della polizza fidejussoria richiamata in premessa entro e non oltre il 01/07/2013 pena la non validità della presente autorizzazione; 6) di ricordare che è fatto divieto di smaltimento di rifiuti prodotti da attività ubicate in territori esterni alle province di Pisa, Lucca, Livorno e Massa presso la discarica per rifiuti speciali non pericolosi ubicata in loc. Gello nel comune di Pontedera e gestita dalla Soc. Ecofor-Service; 7) di precisare che contro il presente provvedimento è ammesso ricorso in opposizione, da presentare al Dirigente di Servizio competente entro 30 giorni dalla pubblicazione del presente Provincia dì Pisa - Determinazione n. 505 del 06/02/2009

4 atto. È fatta salva comunque, la possibilità di ricorrere o per via giurisdizionale al TAR della Regione Toscana o per via straordinaria al Capo dello Stato, rispettivamente entro 60 giorni o 120 giorni ai sensi di Legge. E comunque possibile rivolgersi al difensore civico provinciale in forma scritta e anche in modo informale, senza termine di scadenza; 8) di trasmettere per quanto di competenza copia del presente provvedimento alla Ditta Spedi S.r.l. Via della Madonnina Capannori (LU), al Comune di Vecchiano, all'arpat di Pisa e all'albo Smaltitori di Firenze. IL DIRIGENTE Laura Pioli Ai sensi dell'ari. 124, comma 1 T.U. Enti locali il presente provvedimento è in pubblicazione all'albo pretorio informatico per 15 giorni consecutivi dal 09/02/2009 al 24/02/2009. IL RESPONSABILE - Elisabetta Samek Lodovici L'atto è sottoscritto digitalmente ai sensi del Dlgs n. 10/2002 e del T.U. n. 445/2000 E' Copia conforme all'originale. Firma e Timbro Provincia di Pisa - Determinazione n. 505 del 06/02/2009

5 ALL. A Oggetto: Rinnovo autorizzazione all'esercizio dell'impianto di stoccaggio rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ubicato loc. Migliarino nel comune di Vecchiano gestito dalla Spedi S.r.l.. Premessa La Società Spedi S.r.l. è titolare di un impianto di stoccaggio di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ubicato in loc. Migliarino nel comune di Vecchiano autorizzata all'esercizio con D.D. n del 10/07/2003 e successive integrazioni. La Ditta in vista della scadenza della suddetta autorizzazione in data 29/05/2008 ha presentato domanda di rinnovo. In data 27/11/2008 la Ditta ha presentato integrazione volontaria al fine della riorganizzazione dello stoccaggio dei rifiuti solidi. Modalità di Gestione Rifiuti Solidi I rifiuti speciali solidi sia pericolosi che non pericolosi vengono conferiti all'impianto in appositi imballi o in cassoni. La gestione consiste essenzialmente nello stoccaggio delle diverse tipologie di rifiuti in maniera distinta se pericolosi o miscelati in base alla compatibilita ai fini del successivo avvio al recupero o allo smaltimento se non pericolosi. I rifiuti possono essere stoccati sfusi in 5 baie appositamente predisposte o in apposite scaffalature se confezionati. Le baie di dimensioni in pianta di 6m X 3,3 m sono delimitate con pannelli in cls removibili e provviste di sistema di raccolta acque di percolamento recapitante in due pozzetti, uno asservito alle aree di stoccaggio dei rifiuti pericolosi e l'altro per le aree di stoccaggio rifiuti non pericolosi. Tali scomparti potranno essere utilizzati anche per il posizionamento di cassoni contenenti rifiuti a seconda delle caratteristiche dei rifiuti e delle esigenze gestionali della Ditta. Limitatamente ai rifiuti non pericolosi, viene previsto lo stoccaggio in 2 cassoni scarrabili da 30 me posizionati sul retro del capannone sotto tettoia. Al fine di migliorare la fruibilità dell'area interna di stoccaggio dei suddetti rifiuti i cassoni pronti per l'invio al centro di smaltimento e recupero, provvisti di opportuna telonatura di protezione contro le intemperie, vengono posizionati, in numero massimo di 3, sul piazzale per un periodo non superiore alle 48 ore. Le tipologie dei rifiuti solidi pericolosi e non pericolosi sono rappresentati da: plastiche, materiali assorbenti, materiali filtranti, stracci, indumenti protettivi, pneumatici fuori uso, parti leggere provenienti da demolizione di auto, materiali isolanti, vetro ed imballaggi di materiali diversi, scarti di legno, carta e cartone, miscele bituminose, rifiuti da attività di costruzione e demolizione, inerti da demolizione, detriti, rocce, minerali, rivestimenti, fibre, fanghi secchi, catalizzatori, polveri. flutt. ceneri, particolato, limatura, scaglie, metalli, fanghi palabili. colle, terre, sabbie, sali, oli, grassi detergenti, pitture, vernici, inchiostri induriti, asfalti e catrami, medicinali, toner, batterie, pile, gas contenuti in recipienti in pressione, apparecchiature contenenti amianto in fibre libere, rifiuti derivanti dalla lavorazione dell'amianto, materiali isolami e da costruzione contenenti amianto. Lo stoccaggio dei filtri dell'olio identificati con il codice CER *. è effettuato in un apposito cassone scarrabile provvisto di una griglia che permette lo sgoggiolamento dei filtri sul fondo stesso. L'olio raccolto sul fondo dello scarrabile è trasferito in un box in polietilene da litri

6 munito di apposita vasca di contenimento prefabbricata ed identificato dal codice * (scarti di olio minerale per motori, ingranaggi e lubrificazione, clorurati) con il quale viene smaltito. Gli imballaggi in materiali misti composti essenzialmente da carta, cartone e materiale plastico identificati dal codice CER , possono subire una pressatura mediante un cassone provvisto di un sistema meccanico di compattazione allo scopo di effettuare una riduzione volumetrica dei rifiuti. I rifiuti conferiti in imballi prima dello stoccaggio nelle scaffalature possono essere sottoposti a reimballaggio nel caso questi non risultassero in buono stato. Rifiuti contenenti PCB ] rifiuti contenenti PCB sono costituiti da oli idraulici, isolanti e termoconduttori oltre ad apparecchiature quali trasformatori, condensatori ed interruttori in disuso contenenti oli con PCB. II rifiuto conferito all'impianto viene movimentato con carrello elevatore o con autogrù, pesato e stoccato su apposite scaffalature provviste di bacino di contenimento, o se le dimensioni e il peso non lo permettono sono posizionate a terra, nell'apposita area di stoccaggio dei rifiuti pericolosi per il successivo avvio allo smaltimento finale. Tale area è provvista di canaletta e pozzetto di raccolta di eventuali sversamenti. Rifiuti contenenti Amianto I rifiuti contenenti amianto conferiti in appositi imballi vengono stoccati su scaffalature porta pallets in attesa di un lotto tale da giustificare un unico conferimento allo smaltimento finale senza subire alcun trattamento. Rifiuti Liquidi I rifiuti liquidi, costituiti da vernici, pitture, inchiostri, adesivi, sigillanti, percolati, fanghi pompabili, acque di lavaggio, vengono conferiti in appositi fusti o cassonetti di polietilene con capacità massima di Lo stoccaggio avviene sulle apposite scaffalature per tipologie omogenee in attesa dell'avvio allo smaltimento finale e non comporta alcuna miscelazione o accorpamento. salvo il reinfustaggio in caso di imballi in cattivo stato. Oltre aile suddette tipologie vengono conferiti anche acque contenenti inchiostri e acque contenenti adesivi e sigillanti conferiti in appositi imballi e trasferite mediante pompa pneumatica in 3 serbatoi da 30 me provvisti di bacino di contenimento. I contenitori con i quali sono conferiti i rifiuti vengono lavati in un'apposita area delimitata e provvista di sistema di raccolta acque, con avvio dei residui ai serbatoi di stoccaggio, al fine di essere riutilizzati per il conferimento delle stesse tipologie di rifiuti. Triturazione matene plastiche Nell'impianto viene effettuata anche un'attività di triturazione mediante apposito trituratore insonorizzato e provvisto di sistema di aspirazione e abbattimento polveri. Le tipologie di rifiuti sottoposte a triturazione sono rappresentate da imballaggi e altri rifiuti in plastica classificate non pericolose, nonché plastiche rappresentanti l'involucro esterno delle batterie a seguito del loro smontaggio e lavaggio in impianti consorziati COBAT, conferite all'impianto con il codice CER *. II trituratore è fornito di una griglia selezionatrice per variare le dimensioni del granulato le cui dimensioni variano tra 5 e 50 mm. All'uscita della camera di triturazione il materiale viene trasportato pneumaticamente all'interno di un ciclone separatore e da qui raccolto in "big-bags" o cassoni. Il quantitativo massimo annuo di rifiuti da inviare alla triturazione, corrispondente alla potenzialità

7 massima del trituratore è pari a t/anno. Sezione concenti-azione acque contenenti inchiostro Nell'impianto è presente una sezione di concentrazione delle acque inchiostrate. Il sistema di concentrazione è basato sul principio di evaporazione sotto vuoto mediante pompa di calore, al fine di ottenere l'evaporazione dell'acqua ad una temperature di soli C con conseguente concentrazione dell1 inchiostro. L'acqua distillata viene poi condensata e raccolta in un serbatoio. Il riscaldamento e il raffreddamento del l'apparecchi atura vengono realizzati mediante un circuito chiuso alimentato a freon ecologico che svolge la funzione di fluido riscaldante e raffreddante in modo alternativo a seconda della sua pressione. La potenzialità del suddetto Concentratore è pari a 42 litri/h. L'apparecchiatura è alimentata tramite elettropompa centrifuga da uno dei serbatoi esterni nel quale sono stoccate le acque inchiostrate. Il residuo concentrato pompabile è inviato ad un serbatoio di stoccaggio in vetroresina da 10 me mentre il distillato è stoccato in un serbatoio sempre in vetroresina da 20 me. La sezione lavora a ciclo chiuso e pertanto non produce emissioni in atmosfera né scarichi idrici. Massimi quantitativi di rifiuti stoccabili Speciali pericolosi Speciali non pericolosi 200 t 300 t La movimentazione massima annua per i rifiuti non pericolosi è stimata in ton. La movimentazione massima annua per i rifiuti pericolosi è stimata in ton. Emissioni in Atmosfera Lo stabilimento possiede un unico punto di emissione significativo relativo al camino designato con la sigla El ed associato alla triturazione di materie plastiche il cui quadro emissivo ed i valori limile di emissione sono di seguito riportati. Le emissioni prodotte dal laboratorio di analisi e gli sfiati dei serbatoi di stoccaggio delle acque contenenti inchiostri non sono soggette ad autorizzazione ai sensi dell'ari 269 punto 14 comma i) del D.Lgs. 152/2006. Schema \o emissivo Sigla Origine, Portata Sez. j Velocità i Temp. Altezza Durata!.T^" I Inquinanti emessi 0 * ' abbattimento Nm3/h m2 m/s ' Triturazione, Ciclone e Filiro Polveri El matene Ambiente 4 8 : 220 ; a Maniche ^ T o l a)j i plastiche!.

8 Schema n. 2 - Valori Limite di Emissione Origine Impianto di abbattim. Inquinanti Valori limite di emissione Periodicità rilevamenti emissioni Frequenza manutenzione impianto abbattim. Altre prescriz. mg/ntn3 S/h Et Triturazione materie plastiche Ciclone e Filtro a Maniche Polveri Totali < 5 ANNUALE <a> (b).{c) NOTE ALLO SCHEMA 2 - («VALORI LIMITE Di EMISSIONE?): a) La manutenzione dell'impianto di abbattimento dovrà seguire scrupolosamente quanto riportato nelle schede e nei manuali tecnici della Ditta fornitrice. b) Al fine di ottenere un quadro rappresentativo dell'effettivo livello di emissione e di variabilità dei dati, i rilevamenti obbligatori dovranno essere effettuati tramite I controllo costituito da 3 prelievi da effettuarsi anche in un unico giorno. e) Deve essere effettuato un programma di manutenzione agli impianti di abbattimento presenti in modo tale da garantire una funzionalità ottimale. Gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria (finalizzati al ripristino immediato della funzionalità dell'impianto) devono essere riportati in un apposito registro per gli interventi sugli impianti di abbattimento, secondo il fac-simile riportato nell'appendice 3 dell'allegato V alla parte quinta del D.Lgs 152/06. In caso di guasti tali da non poter essere riparati nelle successive 8 ore lavorative, oltre alla compilazione del registro e all'obbligo (sempre vigente) di cessare o diminuire la lavorazione qualora non siano garantiti i valori limite emissivi prescritti, è richiesto dijivvisare prontamente per fax la Provincia di Pisa. Scarichi Idrici Lo stabilimento non produce alcun tipo di scarico idrico che necessiti di autorizzazione ai sensi del D.Lgs. 152/99, in quanto le acque nere sono raccolte in fossa Incamerale stagna, mentre le acque di prima pioggia raccolte dalle canalette a servizio del piazzale impermeabilizzato sono trasferite in un serbatoio da litri ed avviate con opportuna frequenza allo smaltimento presso impianti autorizzati. Osservazioni 1) Relativamente alle plastiche destinate alla triturazione e identificate con il codice CBR *, in ragione del fatto che il suddetto codice identifica "altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, contenenti sostanze pericolose" si precisa che la triturazione dovrà essere limitata alle sole plastiche derivanti dallo smontaggio delle batterie; 2) Relativamente al posizionamento su piazzale esterno dei 3 cassoni contenenti rifiuti solidi non pericolosi per un periodo non superiore a 48 ore, si precisa che questi dovranno essere provvisti di opportuna telonatura di protezione e posizionati esclusivamente su piazzale impermeabilizzato e provvisto di sistema di raccolta acque di prima pioggia. I Funzionavi Istruttori Dott.ssa Laura Cantiani Ing. Irene Moroni

9 Si riporta di seguito l'elenco dei codici CER dei rifiuti conferibili nell'impianto. Rifiuti non Pericolosi rifiuti da estrazione di minerali metalliferi 'rifiuti da estrazione di minerali non metalliferi \ isterilì diversi da quelli di cui alle voci e polveri e residui affini diversi da quelli di cui alla voce fanghi rossi derivanti dalla produzione di allumina, diversi da quelli di cui alla voce i 'rifiuti non specificati altrimenti ^ ^_i scarti di ghiaia e pietrisco, diversi da quelli dì cui alla voce se arti di sabbia e argilla polveri e residui affini, diversi da quelli di cui alla voce _ 'rifiuti della lavorazione di potassa e salgemma, diversi da quelli di cui alla voce mo/in isterilì ed altri residui del lavaggio e della pulitura di minerali, diversi da quelli di cui alle voci e ! rifiuti prodotti dalla lavorazione della pietra, diversi da quelli di cu! rifiuti non specificati altrimenti ; fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci (fanghi e rifiuti di perforazione contenenti barite, diversi da quelli di cui alle voci e fanghi e rifiuti di perforazione contenenti cloruri, diversi da quelli di cui alle voci e [rifiuti non specificati altrimenti 'fanghi da operazioni di lavaggio e pulizia scarti di tessuti animali scarti di tessuti vegetali rifiuti plastici (ad esclusione degli imballaggi) s feci animali, urine e letame (comprese le lettiere usate), effluenti, raccolti separatamente e trattati fuori sito 'rifiuti della silvicoltura " rifiuti metallici rifiuti non specificati altrimenti _^QjOj_ fanghija^perazioni di lavaggio e pulizia iscarti di tessuti animali scarti inutilizzabili per il consumo o la trasformazione [fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti irifiuti non specificati altrimenti... fanghi prodotti da operazioni di lavaggio, pulizia, sbucciatura, centrifugazione e i separazione di componenti ^^ Ò203Ò2 rifiuti legati all'impiego di conservanti..... _Q20303 infinti prodotti dall'estrazione tramite solvente _^ ^_ 1)20304 jscarti inutilizzabili per il consumo o la trasformazione 1)20305[[fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti _020399_jifìuti non specificati altrimenti. "020401_ 'terriccio residuo dalie operazioni di pulizja^java^o^lje^rbabietole_ ^carbonato di ca]cio fuori specìfica 'fanghiprodotti dal trattamento in loco degli effluenti_ Infiliti non specificati altrimenti Q2Q50j Scgtj_mutUizzabili_per il consumo o la trasformazione i 2Q5Ó2~ fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti scarti inutilizzabili per il consumo o la trasfonnazione_

10 020602,rifiuti legati all'impiego di conservanti fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti rifiuti non specificati altrimenti ;rìfiuti prodotti dalle operazioni di lavaggio, pulizia e macinazione della materia prima [rifiuti prodotti dalla distillazione di bevande alcoliche jrifìuti prodotti dai trattamenti chimici _02p704 iscarti inutilizzabili per il consumo o la trasformazione Tanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti rifiuti non specificati altrimenti i scarti di corteccia e suhero ^ 'segatura, trucioli, residui di taglio, legno, pannelli di truciolare e piallacci diversi da quelli UJUIUJ i,.. rtinin/i _ 'di cui alla voce [rifiuti non specificati altrimenti earti di corteccia e legno [fanghi di recupero dei bagni di macerazione (green liquor) fanghi prodotti dai processi dì di s inchiostrazione nel riciclaggio della carta [scarti della separazione meccanica nella produzione di polpa da rifiuti di carta e cartone scarti della selezione di carta e cartone destinati ad essere riciclati j fanghi di scarto contenenti carbonato di calcio ^scarti di fibre e fanghi contenenti fibre, riempitivi e prodotti di rivestimento generati dai [processi di separazione meccanica fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da quelli di cui alla voce rifiuti non specificati altrimenti ìcarniccio e frammenti di calce rifiuti di calcinazione _040104_}liquido di concia contenente cromo ; liquido di concia non contenente cromo 0401J) ifangl^ro^u^ ^MOTTàrig^ - " ìrifiuti da^lej) )en^ionm^^ Q40,jj9 nfìutì non specificati altrimenti.. Rifiuti da materiali compositi (fibre impregnate, ^tome^lastomerì) I materiale_ organico_proveniente da prodotti naturali (ad_es ^grasso,_cera) 0402TJ~7Tfiu^d^^ e pigmenti, diversi _da quelli di cui alla voce " Tanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da quelli di cui alla voce J ìrifiuti da fibre tessili grezze rifiuti da fibre tessili lavorate»... - ~ _ ";rifiuti_non_sp_ecificati _ altrimenti Tanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da quelli di cui alla voce ' 05QJJ 3 _^ghi_residu[deiracquaj[ alimentazione delle caldaie i contenenti zolfo prodotti dalla _deso^njzazip_nedel petrolio ìrifiuti prodotti_danejo^di_r^fgrgddamento

11 rifiuti contenenti zolfo ; rifiuti non specificati altrimenti jsali e loro soluzioni, diversi da quelli di cui alle voci e [ossidi metallici, diversi da quelli di cui alla voce 'rifiuti non specificati altrimenti [rifiuti non specificati altrimenti! n^acm 'fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da quelli di cui alla voce = _ [rifiuti contenenti solfuri, diversi da quelli di cui alla voce rifiuti non specificati altrimenti : rifiuti non specificati altrimenti rifiuti non specificati altrimenti scorie fosforose rifiuti prodotti da reazioni a base di calcio, diversi da quelli di cui alla voce ' jrifìuti non specificati altrimenti irìfiuti prodotti da reazioni a base di calcio nella produzione dì biossido di titanio i [rifiuti non specificati altrimenti Inerofumo 'rifiuti non specificati altrimenti fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da quelli di cui alla voce rifiuti non specificati altrimenti! 9. - fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da quelli di cui alla voce ; Ì07Q211 _^_^ ^^_ i 0702B! rifiuti plastici rifiuti contenenti silicone diversi da quelli menzionati alla voce [rifiuti non specificati altrimenti jfanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da quelli di cui alla voce rifiuti non specificati altrimenti 'fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da quelli di cui alla voce [rifiuti non specificati altrimenti "777. _ : fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da quelli dì cui alla voce I rifiuti solidi, diversi da quelli di cui alla voce infiliti non specificati altrimenti, «fanahi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da quelli di cui alla voce rifiuti non specificatj.dujmenrì_ n n fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da quelli di cui alla voce jrifìuti non specificati altrimenti ' pitture_ejvernici di scarto, diverse da quelle di cui alla voce ".Fanghi prodotti da pitture e vernici, diversi da quelli di cui alla voce Q80116 ifanghi acquosi contenenti pitture e vernici, diversi da quelli di cui alla voce )801 ISTfanghi prodotti dalla rimozione di pitture e vernici, diversi da quelli di cui alla voce ; sospensioni acquose contenenti pitture _ejverni^diverse_da^^ voce _ jrifìuti non specificati altrimenti [polveri di scarto di rivestimenti _..

12 i i fanghi acquosi contenenti materiali ceramici sospensioni acquose contenenti materiali ceramici J rifiuti non specificati altrimenti fanghi acquosi contenenti inchiostro rifiuti liquidi acquosi contenenti inchiostro 'scarti di inchiostro, diversi da quelli dì cui alla voce jfanghì di inchiostro, diversi da quelli di cui alla voce : ,toner per stampa esauriti, diversi da quelli di cui alla voce jrifiuti non specificati altrimenti [adesivi e sigillanti di scarto, diversi da quelli di cui alla voce fanghi adesivi e sigillanti, diversi da quelli di cui alla voce fanghi acquosi contenenti adesivi e sigillanti, diversi da quelli di cui alla voce (\or\a i rifiuti liquidi acquosi contenenti adesivi e sigillanti, diversi da quelli di cui alla voce [rifiuti non specificati altrimenti jcartae pellicole per fotografìa, contenenti argento o composti dell'argento :carta e pellicole per fotografìa, non contenenti argento o composti dell'argento macchine fotografiche monouso senza batterie i macchine fotografiche monouso diverse da quelle di cui alla voce ! rifiuti non specificati altrimenti ceneri pesanti, scorie e polveri di caldaia (tranne le polveri di caldaia di cui alla voce ) ceneri leggere di carbone ' ceneri leggere di torba e di legno non trattato rifiuti solidi prodotti da reazioni a base di calcio nei processi di desolforazione dei fumi rifiuti fangosi prodotti da reazioni a base di calcio nei processi di desolforazione dei fumi, jceneri pesanti, scorie e polveri di caldaia prodotte dai coincenerimento, diverse da quelle di cui alla voce ceneri leggere prodotte dal coincenerimento, diverse da quelle dì cui alta voce Irifiuti prodotti dalla depurazione dei fumi, diversi da quelli di cui alle voci , le _.^.._. - fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da quelli di cui alla voce _^ j fanghi acquosi da operazioni di pulizia caldaie, diversi da quelli di cui alla voce infiliti non specificati altrimenti 'rifiuti del trattamento delle scorie ! scorie non trattate n^)0208 irifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi, diversi da quelli di cui alla voce J_0 ; scaglie di laminazione fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi, diversi da quelli di cui alla 1 \j\j2.14,,-. --,,. -, voce ! altri fanghi e residui di filtrazione irifiuti non specificati altrimenti 1Q0302 frammenti dì anodi rifiuti di allumina [polveri dei gas di combustione, diverse da quelle di cui alia voce _ ~T~.altre polveri e particolati (comprese quelle prodotte da mulini a palle), diverse da quelle di jcui alla voce _ KKJ324 'rifiuti solidi prodotti dal trattamento di fumi, diversi da quelli di cui alla voce Tanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento di fumi, diversi da quelli di cui alla voce _

13 rifiuti non specificati altrimenti rifiuti non specificati altrimenti altre polveri e particolato rifiuti non specificati altrimenti scorie della produzione primaria e secondaria impurità e schiumature della produzione primaria e secondaria jaltre polveri e partìcoiato rifiuti non specificati altrimenti scorie della produzione primaria e secondaria 'impurità e schiumature della produzione primaria e secondaria I rifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi altre polveri e particolato fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi ; rifiuti non specificati altrimenti jpolveri e particolato ialtre scorie impurità e schiumature diverse da quelle di cui alla voce olveri dei gas di combustione, diverse da quelle di cui alla voce fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi, diversi da quelli di cui alla voce ^_^ 'rifiuti non specificati altrimenti scorie di fusione : forme ed anime da fonderia non utilizzate, diverse da quelle di cui alla voce : forme ed anime da fonderia utilizzate, diverse da quelle di cui alla voce Ì polveri dei gas di combustione diverse da quelle di cui alla voce altri particolati diversi da quelli di cui alla voce ì [rifiuti non specificati altrimenti 'scorie di fusione Porrne ed anime da fonderìa non utilizzate, diverse da quelle di cui alla voce IQlÒ^Tforme ed anime da fonderia utilizzate, diverse da quelle di cui alla voce ipolveri'dei gas di combustione, diverse da quelle dì cui alla voce altri particolati diversi da quelli di cui_alla_voc_e_101_0j_l [rifiuti non specificati altrimenti IO Ì103 jscarti di materiali in fibra a base di vetro jpolveri e particolato \_2 IQÌ'fló scarti di mescole non sottoposte a trattamento termico, diverse da quelle di cui alla voce <m09._. rifiuti I rifiuti prodotti dal trattamento dei fumi, diversi da quelli di cui alta voce fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi, diversi da quelli di cui alla 'voce rifiuti solidi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da quelli di cui alla voce ^ irifiuti non specificati altrimenti jscarti di mescole non sottoposte a trattamento termico Io 1203 [polveri e particolato IO 1205.fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi i stampi di scarto rifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi, diversi da quelli di cui alla voce fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti rifiuti non specificati altrimenti

14 iscarti di mescole non sottoposte a trattamento termico rifiuti di calcinazione e di idratazione della calce, polveri e particolato (eccetto quelli delle voci e ) fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei rumi irifìuti della fabbricazione di amianto cemento, diversi da quelli di cui alla voce irifiuti della produzione di materiali compositi a base di cemento, diversi da quelli di cui alle voci e rifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi, diversi da quelli di cui alla voce _ rifiuti e fanghi di cemento jrifiuti non specificati altrimenti 10 jfanghi e residui di filtrazione, diversi da quelli dì cui alla voce U01_12 'soluzioni acquose di lavaggio, diverse da quelle di cui alla voce ì10114 rifiuti di sgrassaggio diversi da quelle di cui alla voce jrifiuti della produzione di anodi per processi elettrolitici acquosi Irifìuti della lavorazione idrometallurgica del rame, diversi da quelli di cui alla voce rifiuti non specificati altrimenti zinco solido ceneri di zinco rifiuti non specificati altrimenti Ì20101_ ilimatura e trucioli di materiali ferrosi jpolveri e particolato di materiali ferrosi limatura e trucioli di materiali non ferrosi polveri e particolato di materiali non ferrosi ;ì20105 [limatura e trucioli di materiali plastici T20113" Infiliti di saldatura J20U5_ Sfanghi di tavorazione, diversi da quelli di cui alla voce [materiale abrasivo di scarto, diverso da quello di cui alla voce icorpi d'utensile e materiali di rettifica esauriti, diversi da quelli di cui alla voce 'rifiuti non specificati altrimenti imballaggi in carta e cartone imballassi in plastica limballaggi in legno imballaggi metallici imballaggi in materiali compositi imballaggi in materiali misti ^^ Iimballaggi in vetro iimballaggi in materia tessile assorbenti, materiali filtranti, stracci e indumenti protettivi, diversi da quelli di cui alla voce pneumatici fuori uso J601 Ijipastiglie per freni, diverse da quelle di cui alla voce liquidi antigelo diversi da quelli di cui alla voce serbatoi per gas liquido metalli ferrosi metalli non ferrosi plastica vetro componenti non specificati altrimenti rìfiuti non specificati altrimenti japparecchiature fuori uso, diverse da quelle di cui alle voci da a jcomponenti rimossi da apparecchiature fuori uso, diversi da quelli di cui alla voce

15 ceneri pesanti e scorie, diverse da quelle di cui alla voce rifiuti della pirolisi, diversi da quelli di cui alla voce sabbie di reattori a letto fluidizzato infiliti non specificati aìtrimentì miscugli di rifiuti composti esclusivamente da rifiuti non pericolosi rifiuti stabilizzati diversi da quelli di cui alla voce rifiuti solidificati diversi da quelli di cui alla voce rifiuti vetrificati jrìfiuti liquidi acquosi dalla tempra di rifiuti vetrificati jparte di rifiuti urbani e simili non compostata parte di rifiuti animali e vegetali non compostata compost fuori specìfica rifiuti non specificati altrimenti iliquidi prodotti dal trattamento anaerobico di rifiuti urbani digestato prodotto dal trattamento anaerobico di rifiuti urbani liquidi prodotti dal trattamento anaerobico di rifiuti di origine animale o vegetale jdigestato prodotto dal trattamento anaerobico di rifiuti di orìgine animale o vegetale rifiuti non specificati altrimenti percolato di discarica, diverso da quello di cui alla voce vaglio irifiuti dell'eliminazione della sabbia i i i Q5 fanghi prodotti dal trattamento delle acque reflue urbane fanghi prodotti dal trattamento biologico delle acque reflue industriali, diversi da quelli di 'cui alla voce (fanghi prodotti da altri trattamenti delle acque reflue industriali, diversi da quelli di cui alla voce rifiuti non specificati altrimenti rifiuti solidi prodotti dai processi di filtrazione e vaglio primati ! fanghi prodotti dai processi di chiarificazione dell'acqua 'fanghi prodotti dai processi di decarbonatazione carbone attivo esaurito resine a scambio ionico saturate o esaurite [soluzioni e fanghi di rigenerazione delle resine a scambio ionico ;rìfiuti non specificati altrimenti _ rifiuti di ferro e acciaio rifiuti di metalli non ferrosi Ifluff - frazione leggera e polveri, diversi da quelli di cui alla voce [fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da quelli di cui alla voce rifiuti non specificati altrimenti T91201 carta e cartone metalli ferrosi 'metalli non ferrosi plastica e gomma Ivetro._.^ jlegnojiyersoja^^o_di_cuijlla voce T91208 jprodotti tessili _ minerali (ad esempio sabbia, rocce) rifiuti combustibili (CDR: combustibile derivato da rifiuti ) altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, diversi jda quelli di cui alla voce ,. -

16 ! 16035i P rifiuti inorganici, diversi da quelli di cui alla voce rifiuti organici, diversi da quelli di cui alla voce ;as in contenitori a pressione, diversi da quelli di cui alla voce sostanze chimiche di scarto diverse da quelle di cui alle voci , e batterie alcaline (tranne ) ! altre batterie ed accumulatori! i rifiuti non specificati altrimenti catalizzatori esauriti contenenti oro, argento, renio, palladio, iridio o platino (tranne ) catalizzatori esauriti contenenti metalli di transizione o composti di metalli di transizione, non specificati altrimenti catalizzatori esauriti da cracking catalitico fluido (tranne ) soluzioni acquose di scarto, diverse da quelle di cui alla voce investimenti e materiali refrattari a base di carbone provenienti dalle lavorazioni i metallurgiche, diversi da quelli di cui alla voce ialtri rivestimenti e materiali refrattari provenienti dalle lavorazioni metallurgiche, diversi Ida quelli dì cui alla voce rivestimenti e materiali refrattari provenienti da lavorazioni non metallurgiche, diversi da quelli di cui alla voce cemento mattoni mattonelle e ceramica Smiscugli o scorie di cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche, diverse da quelle di cui alla ivoce ;legno vetro [plastica imisceìe bituminose diverse da quelle di cui alla voce rame, bronzo, ottone alluminio i jpiombo zinco i ferro e acciaio stagno metalli misti :cavi, diversi da quelli di cui alla voce iterra e rocce, diverse da quelle di cui alla voce TTOSgóJfanghi di dragaggio, diversi da quelli di cui alla voce j/70802 altri materiali isolanti diversi da quelli di cui alle voci e materiali da costruzione a base di gesso diversi da quelli dì cui alla voce rifiuti misti dell'attività di costruzione e demolizione, diversi da quelli di cui alle voci , e , i oggetti da taglio (eccetto ) 'rifiuti che non devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni (es. bende, ingessature, lenzuola, indumenti monouso, assorbenti igienici) i sostanze chimiche diverse da quelle di cui alla voce T8Q109.medicinali diversi da quelli di cui alla voce oggetti da taglio (eccetto ) rifiuti che non devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni [materiali ferrosi estratti da ceneri pesanti

17 rifiuti liquidi acquosi e concentrati acquosi prodotti dalle operazioni di risanamento delle acque dì falda, diversi da quelli di cui alla voce ^^ scarta e cartone vetro irifiuti biodegradabili di cucine e mense 2QQTTQ labbigiiamento oli e grassi commestibili deterj?enti diversi da quelli di cui alla voce batterie e accumulatori diversi da quelli di cui alla voce [apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso, diverse da quelle di cui alle voci , e ;legno, diverso da quello di cui alla voce metallo ' rifiuti prodotti dalla pulizia di camini e ciminiere altre frazioni non specificate altrimenti " [rifiuti biodegradabili Iterra e roccia altri rifiuti non biodegradabili rifiuti urbani non differenziati Rifiuti Pericolosi rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali * :non metalliferi * rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose segatura, trucioli, residui di taglio, legno, pannelli di truciolare e piallacci contenenti * sostanze pericolose ^rt, * 'prodotti per i trattamenti conservativi del legno contenenti composti organici non * ;, f jalogenati * 'tinture e pigmenti, contenenti sostanze pericolose * fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, contenenti sostanze pericolose * fanghi da processi di dissalazione * ìmorchie depositate sul fondo dei serbatoi *lperditediolio * ifanghi oleosi prodotti dalla manutenzione di impianti e apparecchiature * iacidi contenenti oli * altri catrami * lacido solforico ed acido solforoso * jacido cloridrico * iacido fosforico e fosforoso * lacido nitrico e acido nitroso * altri acidi

18 060203= ' * ialtrebasi idrossido di ammonio idrossido di sodio e di potassio ; * sali e loro soluzioni, contenenti metalli pesanti * 'ossidi metallici contenenti metalli pesanti * rifiuti contenenti mercurio * rifiuti contenenti altri metalli pesanti * Ifanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, contenenti sostanze pericolose * i fanghi di solfato di bario, contenenti mercurio * rifiuti contenenti clorosilano pericoloso * jcarbone attivo esaurito (tranne ) * [rifiuti della lavorazione dell'amianto * i soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri * solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed acque madri * ìaltri solventi organici, soluzioni di lavaggio ed acque madri * Sfondi e residui di reazione, alogenati * ' altri fondi e residui di reazione * residui di filtrazione e assorbenti esauriti, alogenati * 'altri residui di filtrazione e assorbenti esauriti *.soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri * solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed acque madri * altri solventi organici, soluzioni di lavaggio ed acque madri * fondi e residui di reazione, alogenati * ;altri fondi e residui di reazione * 'residui di filtrazione e assorbenti esauriti, alogenati * Ìaltri residui di filtrazione e assorbenti esauriti * 'rifiuti contenenti silicone pericoloso * isolventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed acque madri * ìaltri solventi organici, soluzioni di lavaggio ed acque madri ^ * I fondi e residui di reazione alogenati * 'altri fondi e residui di reazione * 'residui di filtrazione e assorbenti esauriti alogenati *.altri residui di filtrazione e assorbenti esauriti - i ~~~- ~~ ~ ~ ~ ~ ~~~ ~ ~" * laltri residui di filtrazione e assorbenti esauriti * jsolventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed acque madri i * altri solventi organici, soluzioni di lavaggio ed acque madri * ìaltri fondi e residui di reazione

19 070601* soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri * isolventi organici aìogenati, soluzioni di lavaggio ed acque madri * altri solventi organici, soluzioni di lavaggio ed acque madri * fondi e residui di reazione, aìogenati, U/UÒUJT * * * * ; * : * i * * altri rondi e residui di reazione altri residui di filtrazione e assorbenti esauriti fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, contenenti sostanze pericolose. soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri solventi organici aìogenati, soluzioni di lavaggio ed acque madri altri solventi organici, soluzioni di lavaggio ed acque madri fondi e residui di reazione, aìogenati : altri fondi e residui di reazione pitture e vernici di scarto, contenenti solventi organici o altre sostanze pericolose fanehi prodotti da pitture e vernici contenenti solventi organici ed altre sostanze : * pericolose 'fanghi acquosi contenenti pitture e vernici, contenenti solventi organici o altre sostanze *.pericolose fanghi prodotti dalla rimozione di pitture e vernici, contenenti solventi organici o altre * sostanze pericolose. ^ * ìsospensioni acquose contenenti pitture e vernici, contenenti solventi organici o altre! sostanze pericolose * residui di vernici o di sverniciatori * scarti di inchiostro, contenenti sostanze pericolose * 'fanghi di inchiostro, contenenti sostanze pericolose * iresidui di soluzioni chimiche per incisione * : toner per stampa esauriti, contenenti sostanze pericolose ; * joli dispersi _ * 'adesivi e sigillanti di scarto, contenenti solventi organici o altre sostanze pericolose * Sfanghi di adesivi e sigillanti, contenenti solventi organici o altre sostanze pericolose * fanghi acquosi contenenti adesivi e sigillanti, contenenti solventi organici o altre sostanze pericolose jrifiuti liquidi acquosi contenenti adesivi e sigillanti, contenenti solventi organici o altre ; * (sostanze pericolose * :isocianati di scarto * (soluzioni di sviluppo e attivanti a base acquosa * soluzioni di sviluppo per lastre offset a base acquosa * i soluzioni di sviluppo a base di solventi * soluzioni fissative * i soluzioni di lavaggio e soluzioni di arresto-fissaggio '

20 AnAi 1 1 * 'macchine fotografiche monouso contenenti batterie incluse nelle voci , o (ivo i * uyuiu : OQ01 1 1* '"fiuti liquidi acquosi prodotti dal recupero in loco dell'argento, diversi da quelli di cui lalla voce * ceneri leggere prodotte dal coinceneri mento, contenenti sostanze pericolose * fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, contenenti sostanze pericolose * scarti di mescole non sottoposte a trattamento termico, contenenti sostanze pericolose i«i 111 * Irifiuti di vetro in forma di particolato e polveri di vetro contenenti metalli pesanti i (prò venienti ad es. da tubi a raggi catodici) i/»,,,^* rifiuti solidi prodotti dal trattamento m loco degli effluenti, contenenti sostanze *., K & [pericolose * irifiuti contenenti catrame della produzione degli anodi * a^re P 'veri e particolari (comprese quelle prodotte da mulini a palle), contenenti i sostanze pericolose * irifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi, contenenti sostanze pericolose * acidi di decappaggio * acidi non specificati altrimenti * ;basi di decappaggio *!fanghi e residui di filtrazione, contenenti sostanze pericolose * Isoluzioni acquose di lavaggio, contenenti sostanze pericolose * irifiuti di sgrassaggio contenenti sostanze pericolose 11 /M 1 e* eluati e fanghi di sistemi a membrana e sistemi a scambio ionico, contenenti sostanze , _. [.-._ (pericolose.., * resine a scambio ionico saturate o esaurite * altri rifiuti contenenti sostanze pericolose 10205* irifiuti della lavorazione idrometallurgica del rame, contenenti sostanze pericolose * rifiuti contenenti cianuro * joli minerali per macchinali, non contenenti alogeni (eccetto emulsioni e soluzioni) * ; emulsioni e soluzioni per macchinari, contenenti alogeni * emulsioni e soluzioni per macchinari, non contenenti alogeni 120 1_K)^ oli sintetici per macchinari * cere e grassi esauriti * fanghi di lavorazione, contenenti sostanze pericolose * [materiale abrasivo di scarto, contenente sostanze pericolose ^ * fanghi metallici (fanghi di rettifica, affilatura e tappatura) contenenti olio 1_201_19* 'oji^perjnacchinarjfacilmente biodegradabili * ;corpi d'utensile e materiali di rettifica esauriti, contenenti sostanze pericolose * soluzioni acquose di lavaggio * irifiuti prodotti da processi di sgrassatura a vapore_ J3j)H)l* ;oli per circuiti idraulici contenenti PCB * 'emulsioni clorurate * emulsioni non clorurate

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti 01 03 09 Fanghi rossi derivanti dalla produzione di allumina, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 10 Polveri e residui affini, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 14 Rifiuti

Dettagli

ELENCO CER 2002 accettati dal sistema CARIREAB ELENCO EUROPEO DEI CODICI RIFIUTI (CER 2002)

ELENCO CER 2002 accettati dal sistema CARIREAB ELENCO EUROPEO DEI CODICI RIFIUTI (CER 2002) ELENCO EUROPEO DEI CODICI RIFIUTI (CER 2002) Codice Classe Descrizione 010101 rifiuti da estrazione di minerali metalliferi 010102 rifiuti da estrazione di minerali non metalliferi 010304 P sterili che

Dettagli

AGGIORNAMENTO: AUTORIZZAZIONE TECNOAMBIENTE INTEGRAZIONE AIA N. 3066 DEL 02.09.2015 AUTORIZZAZIONE TYCHE AIA N. 5250 DEL 18.12.

AGGIORNAMENTO: AUTORIZZAZIONE TECNOAMBIENTE INTEGRAZIONE AIA N. 3066 DEL 02.09.2015 AUTORIZZAZIONE TYCHE AIA N. 5250 DEL 18.12. AGGIORNAMENTO: AUTORIZZAZIONE TECNOAMBIENTE INTEGRAZIONE AIA N. 3066 DEL 02.09.2015 190204* 191211* CER AUTORIZZAZIONE TYCHE AIA N. 5250 DEL 18.12.2014 Per discarica di rifiuti pericolosi no classi di

Dettagli

SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8

SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8 SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8 Integrazione all Allegato B - gruppo di miscelazione NPP8 GRUPPO NPP8 solidi di natura prevalentemente inorganica Tipologie da miscelare:

Dettagli

ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI

ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI NP P* ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI Riferimento ad autorizzazione rilasciata dalla Provincia di Torino 54-11340/2011 del 28/03/2011 e s.m.i. GENERAL FUSTI 010504 fanghi e rifiuti di perforazione

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGIONE EMILIA-ROMAGNA MAGGIO 2012. Committente: Oggetto: Società esecutrice.

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGIONE EMILIA-ROMAGNA MAGGIO 2012. Committente: Oggetto: Società esecutrice. REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI BRESCELLO COMUNICAZIONE DI MODIFICHE NON SOSTANZIALI AI SENSI DELL ART.29nonies del D.Lgs. 152/2006 Committente: Oggetto: Codici CER per D13

Dettagli

PROVINCIA DI FOGGIA. N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010

PROVINCIA DI FOGGIA. N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010 N 3 /Reg. Ambiente PROVINCIA DI FOGGIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMBIENTE N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010 OGGETTO: Integrazione e rinnovo autorizzazione alla soc. Nicola Veronico

Dettagli

ALLEGATO 1 CODICI CATALOGO EUROPEO RIFIUTI

ALLEGATO 1 CODICI CATALOGO EUROPEO RIFIUTI CODICE DESCRIZIONE RIFIUTO 010000 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 010100 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali

Dettagli

CODICI CATALOGO EUROPEO RIFIUTI

CODICI CATALOGO EUROPEO RIFIUTI ALLEGATO 1 CODICI CATALOGO EUROPEO RIFIUTI CODICE DESCRIZIONE RIFIUTO 010000 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 010100 rifiuti

Dettagli

Allegato D del D. Lgs. n. 152/2006 (C.E.R. Catologo Europeo dei Rifiuti)

Allegato D del D. Lgs. n. 152/2006 (C.E.R. Catologo Europeo dei Rifiuti) Allegato D del D. Lgs. n. 152/2006 (C.E.R. Catologo Europeo dei Rifiuti) Note ad Allegato D Allegato G Allegato H Allegato I 01 00 00 Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonché

Dettagli

Capitoli dell'elenco Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonché dal trattamento fisico o chimico di minerali

Capitoli dell'elenco Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonché dal trattamento fisico o chimico di minerali Capitoli dell'elenco 01 Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonché dal trattamento fisico o chimico di minerali 02 Rifiuti prodotti da agricoltura, orticoltura, acquacoltura,

Dettagli

Prontuario Rifiuti WEB

Prontuario Rifiuti WEB Servizi per l ambiente SERVIZI Una molteplicità di servizi riguardanti il settore dei rifiuti, tutti svolti nel rispetto assoluto della normativa ambientale e della sicurezza del lavoro, valendosi di una

Dettagli

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 133 Allegato parte integrante ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA LOCALI

Dettagli

CODICI CER PERICOLOSI

CODICI CER PERICOLOSI CODICI CER PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 03 rifiuti prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

P R O V I N C I A D I G E N O V A Direzione ambiente, ambiti naturali e trasporti UFFICIO SUOLO Settore rifiuti

P R O V I N C I A D I G E N O V A Direzione ambiente, ambiti naturali e trasporti UFFICIO SUOLO Settore rifiuti P R O V I N C I A D I G E N O V A Direzione ambiente, ambiti naturali e trasporti UFFICIO SUOLO Settore rifiuti OGGETTO : D. lgs. n. 152/2006, parte II P. D. n. 4278/2010 (A.I.A.) Società MANECO S.r.l.

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche AREA SVILUPPO SOSTENIBILE E PIANIFICAZIONE AMBIENTALE Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche Torino, 18 OTT 2007 N. 233-1190524/2007 (numero - protocollo / anno) OGGETTO:

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

!"## " $ %& ' # $ & ' ( & &,-""-./ * ) " )$$ 00, & )& & 415 & &# & # 7 %& & ' *4# $ & &$$ &&# 8669))! # 4 15 :

!##  $ %& ' # $ & ' ( & &,--./ * )  )$$ 00, & )& & 415 & &# & # 7 %& & ' *4# $ & &$$ &&# 8669))! # 4 15 : GAB/DEC/104/06 del 2/05/2006!"## " $ %& ' # $ & ' ( & & )&)##*##+,-""-./ * ) " 0-!0-./ &1.##--./ #.21/344 (./3 & )$$ 00, & )& & 415 1--./&# )6.21/344( $ # )6 ## &)##&( & &# & # 7 %& & ' *4# $ & &$$ &&#

Dettagli

Atto Dirigenziale N. 1835 del 17/05/2011

Atto Dirigenziale N. 1835 del 17/05/2011 Atto Dirigenziale N. 1835 del 17/05/2011 Classifica: 008.11.02 Anno 2011 (3813079) Oggetto Ufficio Redattore Riferimento PEG Centro di Costo Resp. del Proc. Dirigente/Titolare P.O. AUTORIZZAZIONE AI SENSI

Dettagli

1. E adottato l elenco contenuto nell allegato della presente decisione.

1. E adottato l elenco contenuto nell allegato della presente decisione. Decisione CE 3 maggio 2000, n. 532. Sostituzione della decisione 94/3/CE che istituisce un elenco di rifiuti conformemente all articolo 1, lettera a), della direttiva 75/442/CE del Consiglio relativa ai

Dettagli

ALLEGATO 3 LIMITI E PRESCRIZIONI RIFIUTI

ALLEGATO 3 LIMITI E PRESCRIZIONI RIFIUTI LIMITI E PRESCRIZIONI ALLEGATO 3 L autorizzazione integrata ambientale ai sensi del D.lgs 152/2006, è rilasciata alla Società ECO-WORKS S.r.l. per l esercizio dell impianto di raccolta, stoccaggio e trattamento

Dettagli

Allegato D Parte IV D.lgs 152/2006 Aggiornato al 01/06/2015 1

Allegato D Parte IV D.lgs 152/2006 Aggiornato al 01/06/2015 1 ALLEGATO D Elenco dei rifiuti istituito conformemente all articolo 1, lettera a), della direttiva 75/442/CEE relativa ai rifiuti e all articolo 1, paragrafo 4, della direttiva 91/689/CEE relativa ai rifiuti

Dettagli

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI Tipo di attività: SCAVO, COSTRUZIONE, DEMOLIZIONE (attività edile vera e propria) Codice CER Declaratoria Note 17.01.01 cemento 17.01.02 mattoni 17.01.03 mattonelle

Dettagli

ALLEGATO 10 Codici Tabella A e Tabella B rev.01 Allegato all Elaborato Tecnico 1 Relazione Tecnica

ALLEGATO 10 Codici Tabella A e Tabella B rev.01 Allegato all Elaborato Tecnico 1 Relazione Tecnica IMPIANTO DI TERMOUTILIZZAZIONE Loc Pian dei Foci Comune di POGGIBONSI RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Integrazioni di cui alle note dell Amministrazione Provinciale di Siena Prot 100963 del

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

Allegati alla Parte IV (All.ti A-L e 1-5) ALLEGATO A (1293)

Allegati alla Parte IV (All.ti A-L e 1-5) ALLEGATO A (1293) ALLEGATO A (1293) 1 - Categorie di rifiuti Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati; Q2 Prodotti fuori norma; Q3 Prodotti scaduti; Q4 Sostanze accidentalmente riversate, perdute

Dettagli

L{p* 0À. lffir. I *là* PROVINCIA DI PISA

L{p* 0À. lffir. I *là* PROVINCIA DI PISA @l \ à ' l L{p* 0À lffir I *là* PROVINCIA DI PISA i Area:Area Governo Territorio U.O:UOO Smaltimento Rifiuti 56125 Pisa PzzaV. Emanuele ll, 14 Tel. 05092911 Fax 050502328 Tipolosia Alto Pronosta nr. 881

Dettagli

Lettera di presentazione

Lettera di presentazione NEW ENERGY POWER SRL Strada Vecchia per Chieri 100 14019 VILLANOVA D ASTI (AT) Italia Tel. +39 0141947622 Fax +39 0141947623 P.IVA e Cod.Fisc. 09652590010 Lettera di presentazione L azienda New Energy

Dettagli

ALLEGATO. singolo rifiuto e i corrispondenti codici a quattro e a due cifre definizione di rifiuto.

ALLEGATO. singolo rifiuto e i corrispondenti codici a quattro e a due cifre definizione di rifiuto. ALLEGATO Elenco dei rifiuti istituito conformemente all articolo 1, lettera a), della direttiva 75/442/CEE relativa ai rifiuti e all articolo 1, paragrafo 4, della direttiva 91/689/CEE relativa ai rifiuti

Dettagli

Certe cose vanno. trattate con cu

Certe cose vanno. trattate con cu Certe cose vanno trattate con cu R a Eco Eridania SpA Eco Eridania Spa è oggi l azienda leader in Italia nei servizi di raccolta, trasporto, stoccaggio e smaltimento di rifiuti sanitari, industriali,

Dettagli

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA (Da inserire in BUSTA B -Offerta Economica- ) OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

LINEE GUIDA. per il conferimento dei rifiuti non pericolosi presso la discarica per inerti e. per la gestione delle terre e rocce da scavo

LINEE GUIDA. per il conferimento dei rifiuti non pericolosi presso la discarica per inerti e. per la gestione delle terre e rocce da scavo LINEE GUIDA per il corretto conferimento dei rifiuti non pericolosi presso l impianto di recupero di rifiuti da costruzione e demolizione Boccher per la successiva produzione di materiali riciclati da

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO + UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI

Dettagli

ALLEGATO B Operazioni di smaltimento

ALLEGATO B Operazioni di smaltimento A LLEGATI ALLEGATO B Operazioni di smaltimento D1 Deposito sul o nel suolo (ad esempio discarica). D2 Trattamento in ambiente terrestre (ad esempio biodegradazione di rifiuti liquidi o fanghi nei suoli).

Dettagli

3. Autorizzazioni di gestione dei rifiuti ex articoli 28 e 30 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22.

3. Autorizzazioni di gestione dei rifiuti ex articoli 28 e 30 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22. DIRETTIVA MINISTERIALE 9 aprile 2002 Indicazioni per la corretta e piena applicazione del regolamento comunitario n. 2557/2001 sulle spedizioni di rifiuti ed in relazione al nuovo elenco dei rifiuti. (Suppl.

Dettagli

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI RIFIUTI CON IL RELATIVO CODICE CER CHE POTREBBERO ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ENERGETICA

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI INDICAZIONI PER I COORDINATORI DELLA SICUREZZA SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ALCUNE DEFINIZIONI TRATTE DAL D. LGS. 152/06

Dettagli

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA 18 ANNO XII N.48 NOVEMBRE 2006 Una sintetica guida alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale e alla determinazione dei codici europei dei

Dettagli

Art. 1 È adottato l'elenco contenuto nell'allegato della presente decisione.

Art. 1 È adottato l'elenco contenuto nell'allegato della presente decisione. DECISIONE DELLA COMMISSIONE 3 maggio 2000, 2000/532/CE Decisione della Commissione che sostituisce la decisione 94/3/CE che istituisce un elenco di rifiuti conformemente all'articolo 1, lettera a), della

Dettagli

Decisione 2014/955/CE

Decisione 2014/955/CE Sede operativa: Via Don Bosco, 3 27014 Genzone (PV) Telefono 0382 96 96 96 - Fax 0382 97 25 40 e mail info@envirolabsrl.it www.envirolabsrl.it Decisione 2014/955/CE Modifica della decisione 2000/532/CE

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

DECISIONI. (Testo rilevante ai fini del SEE) (2014/955/UE)

DECISIONI. (Testo rilevante ai fini del SEE) (2014/955/UE) L 370/44 DECISIONI DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2014 che modifica la decisione 2000/532/CE relativa all'elenco dei rifiuti ai sensi della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali Oggetto: Rinnovo dell autorizzazione all esercizio dell impianto di recupero di proprietà della Ditta Benassuti Rottami S.a.s., sito in Località Pigno del Comune di Sommacampagna (Vr) e contestuale presa

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI Premessa Allegato a) Come noto, in base alla disciplina di settore, i rifiuti vengono classificati urbani se prodotti dalle utenze domestiche

Dettagli

Sommario. Sistema Integrato di Trattamento e Smaltimento RSU di Torretta di Legnago (VR) Integrazione allo Studio di Impatto Ambientale

Sommario. Sistema Integrato di Trattamento e Smaltimento RSU di Torretta di Legnago (VR) Integrazione allo Studio di Impatto Ambientale Sommario 1. PREMESSE... 2 2. RIFIUTI ATTUALMENTE AMMESSI AL SISTEMA INTEGRATO... 4 3. CODICI OGGETTO DELL ISTANZA IN ESAME... 9 3.1 Rifiuti già ammessi al Sistema Integrato, ma con limitazioni nell A.I.A....

Dettagli

NUOVO IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI PROCEDURA DI V.I.A. E RICHIESTA DI A.I.A.

NUOVO IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI PROCEDURA DI V.I.A. E RICHIESTA DI A.I.A. Comune di COLLESALVETTI Provincia di LIVOR NUOVO IMPIANTO DI DEPOTO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI PROCEDURA DI V.I.A. E RICHIESTA DI A.I.A. --->Elaborato di progetto P13: ELENCO CODICI CER DEI

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11 - art. 13, comma 2, lettera d) ALLEGATO P8 Idecom Srl Via Innsbruck, 33 39100 Bolzano OIKOS Progetti

Dettagli

Piattaforma di Tortona

Piattaforma di Tortona Pagina 1 di 5 Piattaforma di Tortona Funzionamento della Piattaforma di Tortona Gestione dei rifiuti provenienti dai Comuni soci e/o dalle Utenze Private Autorizzate ACCETTAZIONE I mezzi in ingresso in

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 193 del 11/08/2011

Decreto Dirigenziale n. 193 del 11/08/2011 Decreto Dirigenziale n. 193 del 11/08/2011 A.G.C.5 Ecologia, tutela dell'ambiente, disinquinamento, protezione civile Settore 6 Settore provinc.ecologia,tutela dell'amb.,disinquinam.,protez.civ. - CE -

Dettagli

Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2

Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 Provvedimento n. 2398 Proponente: Valutazioni e Autorizzazioni ambientali Classificazione: 09-12 2012/30 del 31/07/2015 Oggetto: D.LGS N. 152/2006

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL'AMBIENTE Direzione generale della difesa dell'ambiente Servizio atmosferico e del suolo, gestione rifiuti e bonifiche DETERMINAZIONE N. 4938/Det/104

Dettagli

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ALLEGATO B - SCHEMA - TIPO DI CONTRATTO DI SERVIZIO Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi Il produttore con sede in Via Comune di CAP Prov. Cod. Fisc P.IVA

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO

PROGETTO DI RIPRISTINO REGIONE TOSCANA PROVINCIA LIVORNO IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI POTENZA 7,17 MWp Strada Loc. Forni Comune di Suvereto VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A V.I.A. "PROGETTO DEFINITIVO" RETE RINNOVABILE S.R.L. Via

Dettagli

Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 145

Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 145 Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 145 SOMMARIO Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. Art. 5. ALLEGATI ALLEGATO A. ALLEGATO B. ALLEGATO C. ALLEGATO D. ALLEGATO E. IL MINISTRO DELL'AMBIENTE di concerto con

Dettagli

Impianti Stoccaggio Amianto

Impianti Stoccaggio Amianto Il trattamento e lo smaltimento dei Rifiuti Contenenti Amianto: situazione italiana. Roma 12 Dicembre 2013. Impianti Stoccaggio Amianto Ing. Beatrice Conestabile della Staffa Dott.ssa Federica Paglietti

Dettagli

Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modifiche, ed in particolare la parte quarta relativa alla gestione dei rifiuti;

Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modifiche, ed in particolare la parte quarta relativa alla gestione dei rifiuti; DM 08 Aprile 2008 modifiche: Dm 13 maggio 2009 (18-07-2009) Versione coordinata con modifiche. Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 8 aprile 2008 (Gazzetta ufficiale

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons Pagina 1 di 10 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Cordenons Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma OHSAS

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Pagina 1 di 8 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma

Dettagli

Sede Legale e Operativa: Via Umbria, 1 35043 Monselice (PD)

Sede Legale e Operativa: Via Umbria, 1 35043 Monselice (PD) Sede Legale e Operativa: Via Umbria, 1 35043 Monselice (PD) Tel. +39 049 0990055 - Fax +39 049 0993680 www.ecorex.it - info@ecorex.it INDICE I RIFIUTI DELL AUTOMOTIVE Istruzioni per una gestione corretta

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

Data Codice CER del rifiuto Produttore Destinatario Movimento /Detentore

Data Codice CER del rifiuto Produttore Destinatario Movimento /Detentore ALLEGATO A A-1 FRONTESPIZIO DEL REGISTRO DI CARICO E SCARICO 1. DITTA... Residenza o domicilio... comune via n. Codice fiscale... Ubicazione dell'esercizio... comune via n. 2.ATTIVITA' SVOLTA PRODUZIONE

Dettagli

Segatura, trucioli, residui di taglio, legno, pannelli di truciolare e piallacci diversi da quelli di cui alla voce 030104

Segatura, trucioli, residui di taglio, legno, pannelli di truciolare e piallacci diversi da quelli di cui alla voce 030104 030105 Segatura, trucioli, residui di taglio, legno, pannelli di truciolare e piallacci diversi da quelli di cui alla voce 030104 20 FITALS SRL - VIA TIBURTINA VALERIA KM 18,300 Z.I. VIA E. BERSANTI SNC

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

COMUNE DI MONTELIBRETTI Provincia di Roma

COMUNE DI MONTELIBRETTI Provincia di Roma COMUNE DI MONTELIBRETTI Provincia di Roma Regolamento per la gestione dei Rifiuti Urbani ALLEGATO A Assimilazione dei Rifiuti Speciali non pericolosi ai Rifiuti Urbani 1 Regolamento per la gestione integrata

Dettagli

consorzio ordinario di imprese costituito dalle seguenti società:

consorzio ordinario di imprese costituito dalle seguenti società: All Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna Via Duca degli Abruzzi n. 8 07100 Sassari Marca da bollo 16,00 Oggetto: gara a procedura aperta per l affidamento del servizio di raccolta, trasporto

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 8 aprile 2008 (testo coordinato con le modifiche introdotte dal DM 13 maggio 2009) Disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti

Dettagli

fll REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITA E QUALITA DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI

fll REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITA E QUALITA DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI fll REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITA E QUALITA DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI I rifiuti speciali non pericolosi per essere assimilati ai rifiuti urbani,

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

Uff. Controllo Suolo e Sottosuolo. N. Reg. Decr. 324/2015 Data 14/09/2015. Oggetto: Ditta Zanette Gianni & C. s.n.c. - Cordignano.

Uff. Controllo Suolo e Sottosuolo. N. Reg. Decr. 324/2015 Data 14/09/2015. Oggetto: Ditta Zanette Gianni & C. s.n.c. - Cordignano. Atto T0B0FH Settore T Servizio AU Ecologia e Ambiente Ecologia e ambiente U.O. 0030 Rifiuti e Cave Ufficio TSUS Uff. Controllo Suolo e Sottosuolo C.d.R. 0023 Ecologia e Ambiente Autorizzazione impianto

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti,

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti, DGR del 7 agosto 2010, n. 375 OGGETTO: Revisione del Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, di cui alla D.G.R. 310/2009. LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F.

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F. MODULO 1/11 Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo Spett.le RAP S.p.A. Piazzetta Cairoli 90123 Palermo OGGETTO: RICHIESTA DI AMMISSIBILITÀ RIFIUTI PRESSO LA DISCARICA DI BELLOLAMPO.

Dettagli

Decreto 11 marzo 1998, n. 141

Decreto 11 marzo 1998, n. 141 Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - Serie generale n. 108 del 12 maggio 1998 Decreto 11 marzo 1998, n. 141 Regolamento recante norme per lo smaltimento in discarica dei rifiuti

Dettagli

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani [Approvato con Delib. C.C. n. 37 del 27.3.2012 Testo coordinato approvato con Delib. C.C. n. _ del _] Art. 1 Finalità 1.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LAVORAZIONE RIFIUTI PRESSO LE PIATTAFORME DI VALORIZZAZIONE - ALLEGATO A.2 -

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LAVORAZIONE RIFIUTI PRESSO LE PIATTAFORME DI VALORIZZAZIONE - ALLEGATO A.2 - Strada Vecchia per Bosco Marengo 15067 NOVI LIGURE (Alessandria) Tel. 0143 744.516 - Fax 0143 321.556 - www.srtspa.it - e-mail: srtspa@srtspa.it Cod. Fisc./Part. IVA/R.I. AL n 02021740069 - R.E.A. n 219668

Dettagli

Decreto Ministeriale dell'11 marzo 1998, n 141

Decreto Ministeriale dell'11 marzo 1998, n 141 Decreto Ministeriale dell'11 marzo 1998, n 141 IL MINISTRO DELL'AMBIENTE di concerto con IL MINISTRO DELLA SANITÀ e IL MINISTRO DELL'INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO Visto il decreto legislativo

Dettagli

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE CONSORZIO INDUSTRIALE PROVINCIALE Sassari PROGETTO DEFINITIVO DI AMPLIAMENTO E SISTEMAZIONE DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI BARRABO, NELL AREA INDUSTRIALE DI PORTO TORRES STUDIO DI IMPATTO

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI)

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti di stabilimento Opuscolo informativo Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti stabilimento Introduzione F.I.S.

Dettagli

DECRETO 1 aprile 1998, n. 148

DECRETO 1 aprile 1998, n. 148 DECRETO 1 aprile 1998, n. 148 Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli articoli 12, 18, comma 2, lettera m), e 18, comma 4, del decreto legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI (ex D.Lgs.152/06, art. 198 comma g) Art.

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI (ex D.Lgs.152/06, art. 198 comma g) Art. COMUNE DI MONTALTO DI CASTRO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI (ex D.Lgs.152/06, art. 198 comma g) Classificazione

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROVINCIALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE Prot. n. 337/2010-U381 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE AMBIENTALE N. 337 DI DATA 2 Novembre 2010 O G G

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005)

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) SINTESI NON TECNICA OSSIDAZIONE ANODICA S.N.C. Sede Legale e Stabilimento: via Pordenone, 31 S.QUIRINO (PN) 1. INQUADRAMENTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

Determinazione n. 1717 del 10/07/2012

Determinazione n. 1717 del 10/07/2012 ORIGINALE Prot. N. 48218/ 2012 Determinazione n. 1717 del 10/07/2012 OGGETTO: DITTA SAMECO S.R.L. VIA PANTANELLI, MONTELABBATE (PU) - DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152 ARTICOLI 29-TER E 213 - AUTORIZZAZIONE

Dettagli

IL PRB,SIDENTE DELI-A SEZIONE REGIONALE LOMBARDIA DELL'ALBO NAZIONALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO I.A GESTIONE DEI RIFIUTI

IL PRB,SIDENTE DELI-A SEZIONE REGIONALE LOMBARDIA DELL'ALBO NAZIONALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO I.A GESTIONE DEI RIFIUTI -SEZIONE REGIONALE LOMBARDIA. istituita presso la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Milano Via Meravigli, 9/B trscrizione N: MI002474/O Prot. No MI0081221 2005 del23ltl.l2005 IL

Dettagli

PROVINCIA DI PISA. Serv Sviluppo Sostenibile ed Energia

PROVINCIA DI PISA. Serv Sviluppo Sostenibile ed Energia PROVINCIA DI PISA Serv Sviluppo Sostenibile ed Energia Proposta nr. 4831 Del 09/11/2009 Determinazione nr. 4774 Del 09/11/2009 Oggetto: Prescrizioni alla Societa' Belvedere Spa in merito alla conduzione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PERICOLOSI

PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PERICOLOSI PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PERICOLOSI INDICE 1. GENERALITÁ E OBIETIVI...3 1.1. Premessa e quadro normativo di riferimento... 3 1.2. CRITERI GENERALI... Fehler! Textmarke nicht definiert.

Dettagli

Allegato I - Requisiti tecnico gestionali relativi al centro di raccolta dei rifiuti urbani e assimilati

Allegato I - Requisiti tecnico gestionali relativi al centro di raccolta dei rifiuti urbani e assimilati D.M. 8-4-2008 Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti urbani raccolti in modo differenziato, come previsto dall'articolo 183, comma

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli