Illeciti ambientali. Case studies in materia di: - Acqua e scarichi - Rifiuti - Immissioni in atmosfera

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Illeciti ambientali. Case studies in materia di: - Acqua e scarichi - Rifiuti - Immissioni in atmosfera"

Transcript

1 Illeciti ambientali Case studies in materia di: - Acqua e scarichi - Rifiuti - Immissioni in atmosfera 1

2 Il Caso: scarichi e reflui provenienti da allevamento Art. 101 (7) lett b), assimilabilità delle acque reflue provenienti da imprese dedite all allevamento di bestiame alle acque domestiche distinzione fra ACQUE DI SCARICO e RIFIUTI LIQUIDI 2

3 Casistica Cassazione Penale, Sezione III, 31 maggio 2011, n : Allevamento bestiame, produzione reflui Stoccaggio in vasche dei reflui da allevamento. Utilizzazione parziale degli stessi ai fini di ferittigazione Sversamento dei reflui sul terreno, contaminazione, dilavamento SCARICO O RIFIUTO? corretta è la qualifica di rifiuto "integrano il reato di deposito di rifiuti allo stato liquido (articolo 51, comma 2, del Decreto Legislativo 5 febbraio 1997, n. 22) la raccolta in una vasca e il successivo spandimento incontrollato sul suolo degli effluenti derivanti da attività agricola o di allevamento del la assimilazione alle acque reflue domestiche dei reflui delle imprese agricole o da allevamento di bestiame è subordinata all'esistenza di uno scarico diretto tramite condotta, e non escludendo l'eventuale utilizzazione agronomica dei reflui l'autorizzazione per lo stoccaggio Scelta del produttore sulla disciplina da applicare in ragione della maggiore convenienza e deli requisiti tecnici dell allevamento 3 l'applicabilità del Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 101, comma 2 lettera c), : sono assimilate alle acque reflue domestiche le acque reflue provenienti da imprese dedite esclusivamente ad allevamento di bestiame che esercitano anche attività di trasformazione o di valorizzazione della produzione agricola, inserita con carattere di normalità e complementarietà funzionale nel ciclo produttivo aziendale e con materia prima lavorata proveniente in misura prevalente dall'attività di coltivazione dei terreni di cui si abbia a qualunque titolo la disponibilità. Il riutilizzo deve avere un rapporto di stretta connessione funzionale al riutilizzo dei reflui

4 Casistica Cassazione Penale sez. III, 10 luglio 2008, n Ignoranza della norma Nella fattispecie legittimamente è stata applicata la disciplina sui rifiuti l'immissione di rifiuti zootecnici in un torrente : il reato di cui agli articoli 14 e 51, il cui contenuto è stato sostanzialmente riprodotto nel Decreto Legislativo n. 152 del 2006 articoli 192 e 255. L'imputata, non potendo spandere al suolo quei rifiuti in quel periodo, avrebbe dovuto stoccarli nell'attesa dello spandimento al suolo o affidarli ad un'impresa autorizzata allo smaltimento. Ricorrono quindi gli elementi costitutivi del reato che le è stato attribuito. La dedotta buona fede si risolve in ignoranza della legge penale che nella fattispecie non scusa, per la qualità di imprenditrice nell'autorizzazione alla fertirrigazione dei campi si era comunque precisato che lo smaltimento sul suolo doveva essere fatto in modo da evitare l'inquinamento del reticolo idrico. 4

5 Scarichi ed acqua Riferimenti normativi Legge n. 139, 10 maggio 1976 (Legge Merli) Legge 36/1994 (Legge Galli) D.lg 125/1999 D.lgs 152/2006 D.lg 16 gennaio 2008 n. 4 Inquadramento attraverso la definizione di OBIETTIVI MINIMI DI QUALITÀ AMBIENTALE in generale e per ciascuna specifica destinazione delle acque (art. 76): 5 OBIETTIVO DI QUALITÀ AMBIENTALE È DEFINITO IN RELAZIONE ALLA CAPACITÀ DEI CORPI IDRICI DI MANTENERE I PROCESSI NATURALI DI AUTODEPURAZIONE E DI SUPPORTARE COMUNITà ANIMALI E VEGETALI AMPIE E DIVERSIFICATE (art. 76 (2)).

6 Acque-scarichi provenienti da allevamento Finalità: Riduce la possibilità di sottrarre al regime dei rifiuti le acque provenienti da allevamento di bestiame, per evitare che attraverso la fertirrigazione quantitativi eccessivi di effluenti finiscano sui suoli destinati alle colture agricole Previene il rischio che l utilizzo dei liquami zootecnici serva in realtà a nascondere lo sversamento di rifiuti liquidi pericolosi e la formazione di discariche abusive (Cons. di Stato, sez. consultiva per gli atti normativi, adunanza 5 novembre 2007, sez. 3829/2007) Garanzia sia dei corpi idrici potenzialmente interessati che per il raggiungimento od il mantenimento degli obiettivi di qualità (art. 112 (2)). 6

7 Sanzione penale: art. 137 (14) UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DI AFFLUENTI DI ALLEVAMENTO, DELLE ACQUE DI VEGETAZIONE E DEI FRANTOI OLEARI IN VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA VIGENTE Sanzione l utilizzazione agronomica di effluenti provenienti da -allevamenti -acque di vegetazione dei frantoi oleari -acque reflue provenienti da azienda agricole e piccole aziende agroalimentari (art. 112) fuori dei casi in cui ciò è permesso o l inottemperanza al divieto o all ordine si sospensione dell attività. 7 SANZIONE: -ammenda da 1.500,00 euro a ,00 euro -arresto fino a 1 anno SOSPENSIONE CONDIZIONALE DELLA PENA può essere concessa in subordine al risarcimento del danno, interventi di ripristino e messa in sicurezza. ATTENUANTE: per chi prima del giudizio penale-ordinanza ingiunzione, ripara interamente il danno (diminuzione dal ½ a 2/3 )

8 Sanzione penale: art. 137 (14) DISTINZIONE FRA: Scarico di effluenti da allevamento: lo scorrimento dei liquami sul terreno avviene in modo simile al deflusso di un ruscello (disciplina degli SCARICHI) Applicazione degli effluenti al terreno per concimazione: rientra nella fattispecie di utilizzazione agronomica ex art. 74 (1) lett. p), d.lg n. 152/2006 (specifico regime amministrativo): la gestione di effluenti di allevamento, acque di vegetazione residuate dalla lavorazione delle olive, acque reflue provenienti da aziende agricole e piccole aziende agro-alimentari, dalla loro produzione fino all'applicazione al terreno ovvero al loro utilizzo irriguo o fertirriguo, finalizzati all'utilizzo delle sostanze nutritive e ammendanti nei medesimi contenute; 8

9 RIFIUTI: Casistica Cassazione penale, sezione III, 26 marzo 2012, n Rifiuti non pericolosi Affidamento a terzo non iscritto all albo gestori ambientali Mancata richiesta di copia di formulario di trasporto Smaltimento non autorizzato Violazione degli oneri a carico del produttore Titolare di carrozzeria-gestione in concorso smaltimento e trasporto Art. 192, art. 188 (2) Sanzione pecuniaria 9

10 RIFIUTI: Casistica Cassazione penale, Sezione III, 21 aprile 2000, n Obbligo di smaltimento Rifiuti da demolizione Proprietario del terreno-appaltatore-direttore lavori Deposito temporaneo deposito temporaneo dei rifiuti non pericolosi art. 6, comma 1, lett. m), punto 3, del D.Lgs. 5/2/1997 n. 22 va intesa il deposito temporaneo potrà essere mantenuto fino al termine / peso massimo i vari conferimenti siano tutti inferiori al limite quantitativo siano avviati alle operazioni ri recupero prima del raggiungimento del limite quantitativo mentre in ogni caso, l'avviamento dev'essere effettuato quando il medesimo limite viene raggiunto. Per «produttore» di rifiuti, ai sensi dell'art. 6, comma 1, lett. b), del D.Lgs. 5/2/1997 n. 22 deve intendersi soggetto dalla cui attività materiale sia derivata la produzione dei rifiuti, soggetto al quale sia giuridicamente riferibile detta produzione ed a carico del quale sia configurabile, quale titolare di una posizione definibile come di garanzia, l'obbligo, sancito dall'art. 10, comma 1, del citato D.Lgs. n. 22 del 1997 di provvedere allo smaltimento dei detti rifiuti nei modi prescritti. la S.C. ha ritenuto che fosse da considerare «produttore» di rifiuti il titolare di una concessione edilizia la cui realizzazione aveva richiesto la demolizione di edifici preesistenti con conseguente accumulo di una cospicua quantità di materiali di risulta 10 Qualora più soggetti siano investiti di un'unitaria posizione di garanzia ( oneri relativi alle attività di smaltimento dei rifiuti previsti dall'art. 10 comma 1, del D.Lgs. 5/2/1997 n. 22) - non è giuridicamente possibile il trasferimento dall'uno all'altro di detti soggetti, mediante accordo interno fra di loro, della suindicata posizione e della connessa responsabilità. escluso che detto trasferimento potesse aver luogo fra il titolare di una concessione edilizia ed il titolare dell'impresa appaltatrice dei lavori, ad entrambi i quali era stato addebitato il reato di deposito incontrollato di rifiuti non pericolosi costituiti dai materiali di risulta della demolizione di fabbricati preesistenti

11 RIFIUTI: Casistica Cassazione Penale, sez. III, 10 gennaio 2001, n. 157 Rifiuto proprio dell imprenditore (autodemolitore pneumatici) Al fine di configurare i rifiuti come «propri» dell'imprenditore non è necessario che gli stessi siano materialmente prodotti quali elementi di scarto di lavorazione dell'impresa Non è necessario che derivino da una specifica attività di smaltimento Sufficiente che si tratti di cose di cui l'originario detentore si disfi e che siano stati trattenuti dall'imprenditore in connessione con l'esercizio dell'attività produttiva di beni o servizi, con la prospettiva di disfarsene 11

12 Il caso: omessa iscrizione al SISTRI impresa artigianale del legno con 12 dipendenti smaltimento rifiuti di lavorazione trasporto residui da lavorazione in appositi centri di raccolta è OBBLIGATA AD ISCRIVERSI AL SISTRI? Art. 188-ter Sistema di tracciabilità dei rifiuti Sono tenuti ad aredire al sistema di controllo e tracciabilità dei rifiuti ( ): c) Le imprese e gli enti produttori di rifiuti speciali non pericolosi di cui all art. 184 (3), lett. c) e d) (rifiuti da lavorazioni artigianali) con più di 10 dipendenti ( ) 12

13 Il caso: omessa iscrizione al SISTRI SANZIONE AMMINISTRATIVA: Art. 260-bis : Omessa iscrizione al SISTRI nei tempi previsti: SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA da euro 2.600,00 a euro ,00. (nel caso di rifiuti pericolosi da ,00 a ,00 euro) (2)Omissione del pagamento del contributo per l iscrizione al SISTRI SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA da 2.600,00 euro a ,00 euro (in caso di rifiuti pericolosi da ,00 a ,00 euro) SANZIONI ACCESSORIE: accertata l omissione del pagamento consegue obbligatoriamente la SOSPENSIONE IMMEDIATA DEL SERVIZIO SISTRI. ATTENUANTI: -Se il soggetto obbligato adempie spontaneamente entro 30 giorni dalla commissione del fatto / senza contestazione NON SI APPLICA LA SANZIONE 13 -se il soggetto adempie entro 60 giorni dalla CONTESTAZIONE IMMEDIATA-NOTIFICA della violazione, la sanziione è ridotta a 1/4

14 Il caso: abbandono di rifiuti D.lgs 125/2006 art. 192 L abbandono ed il deposito incontrollati di rifiuti sul suolo e nel suolo sono vietati. è altresì vietata l immissione di rifiuti di qualsiasi genere, allo stato solido o liquido, nelle acque superficiali e sotterranee. REAZIONI: a) OBBLIGO DI PROCEDERE ALLA RIMOZIONE, ALL AVVIO AL RECUPERO O ALLO SMALTIMENTO dei rifiuti ed al RIPRISTINO dello stato dei luoghi a carico di colui che ha violato il divieto, del proprietario e dei titolari di diritti di godimento sull area (se la violazione è ad essi imputabile per dolo o colpa). b) Adozione da parte del SINDACO di una ORDINANZA con cui dispone che i soggetti indicati effettuino le operazioni a tal fine necessarie, con indicazione del TERMINE entro il quale provvedere. 14 c) Sanzione ex artt. 255, (1) e (3), artt. 256, (2) e (3)

15 Il caso: abbandono di rifiuti: sanzioni amministrative Art. 255, (1) ( ) chiunque in violazione delle disposizioni di cui agli articoli 192 (1)(2), 226 (2), 231 (1) (2), abbandona o DEPOSITA rifiuti ovvero li IMMETTE in acque superficiali o sotterranee è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 105,00 euro a 620,00 euro. Se l abbandono sul suolo riguarda RIFIUTI NON PERICOLOSI e non ingombranti si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 25,00 euro a 150,00 euro. 15 Clausola di esclusione: art. 256, comma 2, consente di ESCLUDERE dall ambito soggettivo della fattispecie i TITOLARI DI IMPRESE E RESPONSABILI DI ENTI, in quanto il solo autore dell illecito in esame può essere una persona fisica Non è escluso invece il soggetto imprenditoriale che EFFETTUA L ABBANDONO o l immissione dell ambito di un attività di gestione rifiuti

16 Il caso: abbandono di rifiuti: sanzioni penali Art. 255 (3) Chiunque non ottempera all ordinanza del Sindaco, di cui all art. 192 (3) ( )è punito con pena dell arresto fino ad un anno. Nella sentenza di condanna o di patteggiamento il beneficio della SOSPENSIONE DELLA PENA può essere subordinato alla esecuzione di quanto disposto nella ordinanza di cui all art. 192 (3). 16

17 Il caso: abbandono di rifiuti: sanzioni penali Art. 256 Attività di gestione di rifiuti non autorizzata Chiunque effettua una attività di raccolta, trasporto, recupero, smaltimento, commercio ed intermediazione di rifiuti in mancanza della prescritta autorizzazione, iscrizione o comunicazione è punito: arresto da 3 mesi a 1 anno l'ammenda da 2.600,00 euro a ,00 euro se si tratta di rifiuti non pericolosi; arresto da 6 mesi a 2 anni e con l'ammenda da 2.600,00 euro a ,00 euro se si tratta di rifiuti pericolosi. Le medesime pene si applicano ai titolari di imprese ed ai responsabili di enti che abbandonano o depositano in modo incontrollato i rifiuti ovvero li immettono nelle acque superficiali o sotterranee in violazione del divieto di cui all'articolo 192, commi 1 e ATTENUANTE: inosservanza delle prescrizioni contenute o richiamate nelle autorizzazioni, carenza dei requisiti e delle condizioni richiesti per le iscrizioni o comunicazioni pene sono ridotte della metà

18 Il caso: abbandono di rifiuti: sanzioni penali DEPOSITO INCONTROLLATO: a) Tutte le condotte di deposito non autorizzato da parte del gestore o di deposito temporaneo da parte del produttore non conforme ai limiti ex art. 183; b) Solo casi di deposito da parte del produttore di rifiuti e quindi di deposito temporaneo fuori dei limiti previsti ma entro il termine di 1 anno. es. è sanzionato ex art. 256 (1) il deposito del gestore di rifiuti, sia quale deposito preliminare ( operazione di smaltimento) non autorizzato, sia quale messa in riserva (operazione di recupero) non autorizzata. 18 NATURA CONTRAVVENZIONALE: punibile sia per dolo che per colpa.

19 Rifiuti: sanzioni penali ed amministrative DISCIPLINA si incardina su 3 punti fondamentali: - divieto generale di abbandono dei rifiuti (art. 192) - disciplina dei titoli abilitativi (artt. 208 ss. E 241 e ss.) - disciplina degli adempimenti documentali (artt. 189, 190 e 193) 19

20 IMMISSIONI: Casistica Cassazione Penale, sezione III, 16 novembre 2010, n Emissioni in atmosfera Combustione di trucioli di legno Messa in funzione senza comunicazione reato ex art. 279 (3) d.lgs 152/2006, sanzione euro 500,00 (art. 269) effettuato senza autorizzazione il recupero di rifiuti speciali non pericolosi (trucioli di legno) termovalorizzazione degli stessi con finalità di riscaldamento dei locali dello stabilimento omessa comunicazione all ente provinciale della messa in esercizio immissioni in atmosfera 20

21 IMMISSIONI: Casistica Cassazione penale, Sezione III, 17 ottobre 2011, n Reati contro l incolumità pubblica-contravvenzioni- getto di cose pericolose Emissioni provenienti da attività autorizzate (incenerimento rifiuti urbaniospedalieri) Contenimento nei limiti della legge-autorizzazione Reato-esclusione no reato di getto di corse pericolose (art. 674 c.p) se immissioni avvengono da attività regolarmente autorizzata emissioni nei limiti previsti dalla legge di settore presunzione di legittimità del comportamento no molestia alle persone tale da configurare il reato ec art. 674 c.p. la circostanza di arrecare alle persone preoccupazione generalizzata ed allarme circa gli eventuali danni alla salute da esposizione a sostanza inquinanti. 21

22 IMMISSIONI: riferimenti normativi 22 Art. 269, principio generale Per tutti gli impianti che producono emissioni deve essere richiesta una autorizzazione senza alcuna distinzione. (14) ESONERO: -impianti di incenerimento di rifiuti -impianti sottoposti ad AIA -impianti di combustione a ridotta potenza termica -impianti di emergenza e di sicurezza, laboratori di analisi e di ricerca, impianti pilota per prove, ricerche e sperimentazioni (non però se emettono sostanza cancerogene, tossiche per la riproduzione o mutagene) -impianti di deposito di olii minerali, compresi gas liquefatti. Art. 272, IMPIANTI IN DEROGA

23 IMMISSIONI: sanzioni amministrative SANZIONI AMMINISTRATIVE in caso di violazione di delle prescrizioni contenute nell autorizzazione 1) Diffida, con fissazione di un termine entro in quale la violazione dev essere sanata 2) Diffida con provvedimento di sospensione dell attività, qualora dal suo esercizio possano derivare pericoli per la saluti o per l ambiente 3) Revoca dell autorizzazione con chiusura dell impianto o cessazione dell attività, nei più gravi casi di mancato ottemperamento ad una diffida già comminata o qualora la ripetuta inosservanza degli obblighi portati dall autorizzazione possa causare danniper la salute o per l ambiente 23

24 IMMISSIONI: sanzioni penali SANZIONI PENALI ex art ) Sanzione per esercizio o installazione di impianto senza autorizzazione o con autorizzazione non più valida per scadenza, decadenza, sospensione o revoca della stessa. ARRESTO da 2 mesi a 2 anni AMMENDA da euro 285,00 a 1032,00 2) Assenza dell autorizzazione per modifiche sostanziali all impianto ARRESTO fino a 6 mesi AMMENDA fino ad euro 1.032, ) Violazione dell obbligo di comunicazione: messa in esercizio di un impianto o inizio di attività senza previa comunicazione ex art. 269 (5)(15), ex art. 272 (ipotesi in cui gli impianti non necessitano di autorizzazione ma di mera comunicazione senza la quale però l impianto non può essere messo in esercizio) Violazione dell obbligo di comunicazione delle MODIFICHE SOSTANZIALI, senza l autorizzazione prevista ex art. 268 (8) o comunicazione. AMMENDA fino ad euro 1.000,00

25 IMMISSIONI: sanzioni penali 4) Violazione dei limiti di emissione o violazione delle prescrizioni dell autorizzazione, mancata comunicazione dell avvio dell attività, omissione della comunicazione relativa ai dati delle emissioni ARRESTO fino ad 1 anno AMMENDA fino a 1.032,00 euro. 5) Se il superamento dei limiti di emissione si traduce in una violazione degli standard di qualità dell aria ARRESTO fino a 1 anno 6) Mancata adozione delle cautele necessarie per evitare un aumento, seppur temporaneo, delle emissioni ARRESTO fino a 1 anno AMMENDA fino a euro 1.032, ) Per le violazioni delle disposizioni in materia di emissioni da COV, non rientranti nella precedente casistica, o in materia di recupero di emissioni da COV durante le operazioni di rifornimento presso impianti di distribuzione del carburante AMMENDA da euro ,00 a euro ,00 (sanzione irrogata dalla Regione o dall Ente cui tale potere è attribuito)

26 IMMISSIONI: sanzioni penali REATO FORMALE DI PERICOLO o di CONDOTTA, che tende a garantire una soglia di controllo preventivo della p.a. Le condotte immissive di assenza di autorizzazione dell impianto e mancata adozione di un sistema si abbattimento delle emissioni costituiscono PROVA IMPLICITA del danno alla salute ed all ambiente (Cass. Pen. Sez. III, 18 settembre 2002, n ); 26 Contravvenzione ex art. 279: reato permanente; sia perché l autore ha facoltà di far cessare in qualsiasi momento la condotta antigiuridica, sia perché essa si perpetua nel tempo. SOGGETTI DEL REATO: queste contravvenzioni non sono reati propri e possono essere addebitate a chiunque materialmente abbia la disponibilità dell impianto; la responsabilità non deve dunque necessariamente ricadere sul proprietario dello stesso. NO ricorso al criterio oggettivo della rappresentanza legale e della titolarità formale. Gli amministratori delle società che succedono a quelli originariamente inadempienti sono parimenti responsabili laddove abbiano proseguito l attività sapendo, o dovendo sapere dell assenza dell autorizzazione o dell irregolarità nella presentazione della domanda.

27 GRAZIE Dott.ssa Elisabeth Vittoria Zeni Studio Legale Zortea Sandri 27

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva di Avv. Rosa Bertuzzi Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva Il testo unico ambientale impone il divieto di abbandono di rifiuti, obbligando, in primis, il trasgressore alla rimozione.

Dettagli

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi SOGGETTI RICHIEDENTI Le imprese che intendono avviare l attività di recupero di rifiuti

Dettagli

D.Lgs. 152/2006 Sanzioni amministrative

D.Lgs. 152/2006 Sanzioni amministrative D.Lgs. 152/2006 Sanzioni amministrative Condotta sanzionata Art. 255, comma 1 Abbandono di rifiuti Riguarda l'abbandono, il deposito di rifiuti o l'immissione in acque superficiali e sotterranee in violazione

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO COMBUSTIONI ALL APERTO

COMUNE DI BUSSERO COMBUSTIONI ALL APERTO COMUNE DI BUSSERO COMBUSTIONI ALL APERTO La materia della combustione all aperto è disciplinata a livello nazionale da d.lgs. 152/06 (TU Ambientale), sotto il profilo della gestione rifiuti. Lo smaltimento,

Dettagli

Presentazione... PROFILI OGGETTIVI E SOGGETTIVI DELLA TUTELA PENALE DELL AMBIENTE

Presentazione... PROFILI OGGETTIVI E SOGGETTIVI DELLA TUTELA PENALE DELL AMBIENTE INDICE SOMMARIO Presentazione... VII CAPITOLO 1 PROFILI OGGETTIVI E SOGGETTIVI DELLA TUTELA PENALE DELL AMBIENTE 1 I reati ambientali: profili sistematici... 1 2 Reati ambientali e speciale tenuità del

Dettagli

Osservatorio regionale sui rapporti tra pubbliche amministrazioni e imprese

Osservatorio regionale sui rapporti tra pubbliche amministrazioni e imprese OSSERVATORIO REGIONALE SUI RAPPORTI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IMPRESE DELLA REGIONE SCHEDE TECNICHE 5.9 AUTORIZZAZIONE AGLI SCARICHI IDRICI 1 1. Ambito di applicazione Il D.Lgs. 152/99, modificato e integrato

Dettagli

Un quesito sulla bruciatura di imballaggi di polistirolo in campagna, autosmaltimento e reati connessi

Un quesito sulla bruciatura di imballaggi di polistirolo in campagna, autosmaltimento e reati connessi Un quesito sulla bruciatura di imballaggi di polistirolo in campagna, autosmaltimento e reati connessi Domanda: Sono un agente di polizia giudiziaria, ho un po di difficoltà nel capire l articolo concernente

Dettagli

INDAGINI E BONIFICHE AMBIENTALI dalla progettazione all esecuzione: VIOLAZIONI E SANZIONI

INDAGINI E BONIFICHE AMBIENTALI dalla progettazione all esecuzione: VIOLAZIONI E SANZIONI INDAGINI E BONIFICHE AMBIENTALI dalla progettazione all esecuzione: VIOLAZIONI E SANZIONI Dott. Alessandro Lucchesini, Responsabile Tecnico CECAM srl, Firenze Direttiva europea 2004/35/CE sulla responsabilità

Dettagli

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali 24 gennaio 2013 Definizioni Cosa sono gli scarti di produzione o residui industriali (NON acque reflue industriali o rifiuti)

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO N.152 DEL 3 aprile 2006 - SANZIONI. 189 c. 3 258 c. 1 Amministrativa da. 26 a. 160 (PMR 52)

DECRETO LEGISLATIVO N.152 DEL 3 aprile 2006 - SANZIONI. 189 c. 3 258 c. 1 Amministrativa da. 26 a. 160 (PMR 52) DECRETO LEGISLATIVO N.152 DEL 3 aprile 2006 - SANZIONI CONDOTTA Omessa, incompleta o inesatta comunicazione MUD 189 c. 3 258 c. 1 Amministrativa da. 2.600 a. 15.500 (PMR 5.166) ACCESSORIA Comunicazione

Dettagli

Norme in materia ambientale

Norme in materia ambientale Prontuario illeciti ambientali Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 G.U. n. 88 del 14.04.2006, Suppl. Ord. N. 96/L Norme in materia ambientale Confronti tra le vecchie e le nuove normative A cura

Dettagli

ACQUE, RIFIUTI E TUTELA PENALE

ACQUE, RIFIUTI E TUTELA PENALE TEORIA E PRATICA DEL DIRITTO SEZIONE III: DIRITTO E PROCEDURA PENALE 103 PASQUALE FIMIANI ACQUE, RIFIUTI E TUTELA PENALE GIUFFRE Ifami EDITORE MILANO 2000 INDICE SOMMARIO Presentazione. Parte prima: LE

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente Città di Benevento Ufficio Ambiente REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente INDICE ARTICOLO 1 Campo di applicazione ARTICOLO 2 Finalità ARTICOLO 3 informazioni e comunicazioni all utente ARTICOLO

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti A cure dal Dott. Bernardino Albertazzi Giurista Ambientale ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO A cura

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

20.03.2014. REV. 2014/00 Pag. 1 di 7

20.03.2014. REV. 2014/00 Pag. 1 di 7 REV. 2014/00 Pag. 1 di 7 PROCEDURA 11 GESTIONE DELLA TUTELA DELL AMBIENTE INDICE: 1. OBIETTIVI 2. DESTINATARI 3. PROCESSI AZIENDALI COINVOLTI 4. PROTOCOLLI DI PREVENZIONE 4.1. DOCUMENTAZIONE INTEGRATIVA

Dettagli

D.Lgs. 231/2001: aggiornamenti normativi intervenuti nel 2011

D.Lgs. 231/2001: aggiornamenti normativi intervenuti nel 2011 D.Lgs. 231/2001: aggiornamenti normativi intervenuti nel 2011 I nuovi reati presupposto introdotti nel 2011 Reati ambientali (art. 25-undecies, D.Lgs. n. 231/01) Reati previsti dal Codice penale Uccisione,

Dettagli

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali 51 1. Funzione della Parte Speciale - 3 - Per effetto del D.Lgs. n. 121/2011, dal 16 agosto 2011 è in vigore l'art.25 - undecies, D.Lgs. n. 231/2001, che prevede

Dettagli

- per la violazione dei commi 3, 5, primo periodo, e 13, la sanzione pecuniaria da centocinquanta (150) a duecentocinquanta (250) quote.

- per la violazione dei commi 3, 5, primo periodo, e 13, la sanzione pecuniaria da centocinquanta (150) a duecentocinquanta (250) quote. Sanzioni ex D. Lgs. 231/2001 e succ.modd. in relazione alla commissione di reati previsti dal Codice dell Ambiente (D. Lgs. 152/2006 e succ.modd.) (cfr. art. 2 co. 2,6,7,8 D. Lgs. 7 luglio 2011 n. 121)

Dettagli

Le problematiche ambientali nell attività agricola

Le problematiche ambientali nell attività agricola Le problematiche ambientali nell attività agricola controlli; verifiche ispettive; apparato sanzionatorio; appunti e riferimenti normativi a cura di: Ten. Alberto Casoni San Ginesio li 12/02/2005 1 RIFIUTI

Dettagli

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti FUNZIONI DEL SERVIZIO 1. Attività su bonifica dei siti contaminati Il Servizio ha il compito di emettere la certificazione di avvenuta bonifica dei siti contaminati.

Dettagli

L attività di polizia in materia di rifiuti

L attività di polizia in materia di rifiuti Seminario L attività di polizia in materia di rifiuti Relatore: dott. Fabio Napoleone Procuratore Capo Procura di Sondrio LA POLIZIA GIUDIZIARIA E ORGANO DI PRIMO INTERVENTO L ART. 55 DEL c.p.p. PRENDERE

Dettagli

RIFIUTI E TUTELA DELL'AMBIENTE

RIFIUTI E TUTELA DELL'AMBIENTE RIFIUTI E TUTELA DELL'AMBIENTE Titolo del reato Norma violata Sanzione Competenza Procedura N o t e RIFIUTI. ABBANDONO DI RIFIUTI. Abbandono o deposito incontrollato di rifiuti sul suolo o nel suolo. Art.

Dettagli

Le sanzioni in materia ambientale

Le sanzioni in materia ambientale Le sanzioni in materia ambientale Traccia dell intervento Inquadramento giuridico dell illecito ambientale Le principali fattispecie di illecito Il caso particolare delle terre e rocce da scavo I rifiuti

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Ordinanza n. 08 /2014

PROVINCIA DI LECCE. Ordinanza n. 08 /2014 C I T T A D I U G E N T O PROVINCIA DI LECCE Ordinanza n. 08 /2014 Oggetto. Ordinanza per la rimozione e lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi e rifiuti urbani in modo incontrollato-

Dettagli

L applicazione della responsabilità amministrativa degli Enti ai reati ambientali

L applicazione della responsabilità amministrativa degli Enti ai reati ambientali L applicazione della responsabilità amministrativa degli Enti ai reati ambientali Avv. Dario Soria Corte d appello penale di Roma Roma, 8 Giugno 2011 White collar crimes prevention and punishment Agenda

Dettagli

Le responsabiltà del produttore di rifiuto - corretta gestione del rifiuto nel deposito temporaneo Legge 15/2015

Le responsabiltà del produttore di rifiuto - corretta gestione del rifiuto nel deposito temporaneo Legge 15/2015 Le responsabiltà del produttore di rifiuto - corretta gestione del rifiuto nel deposito temporaneo Legge 15/2015 a cura di Rosa Bertuzzi Nella GU n. 188 del 14 agosto 2015 è stata pubblicata la legge 6

Dettagli

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE PROVINCIA DI VARESE POLIZIA LOCALE ORDINANZA N 103 Venegono Superiore, 20 novembre 2009 Oggetto: Disposizioni in materia di conferimento dei rifiuti. IL SINDACO Visto l art.

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Sessione autunno 2009 Corsi accreditati dall ordine degli Avvocati e dal Collegio dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati @@@@@@ A cura del Dott. Bernardino

Dettagli

LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

DLGS 81: TUTTE LE SANZIONI MODIFICATE DAL CORRETTIVO DLGS 106

DLGS 81: TUTTE LE SANZIONI MODIFICATE DAL CORRETTIVO DLGS 106 DLGS 81: TUTTE LE SANZIONI MODIFICATE DAL CORRETTIVO DLGS 106 L analisi delle modifiche apportate dal decreto legislativo 106/2009 al testo unico sicurezza lavoro (dlgs 81/2008) dimostra come i principali

Dettagli

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio.

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Vengono posti alcuni quesiti in relazione al servizio di trasporto dei rifiuti. Un Consorzio di Enti Locali, costituito

Dettagli

Aspetti legislativi relativi al Trattamento acque reflue in enologia 1

Aspetti legislativi relativi al Trattamento acque reflue in enologia 1 Aspetti legislativi relativi al Trattamento acque reflue in enologia 1 Franco Giampietro I. Premessa 1. Attività viticolo-enologica come attività industriale ovvero come impresa artigianale?... (700.000

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE Art. 1 Finalità Fatta salva la legislazione vigente in materia, il presente regolamento ha come scopo di disciplinare,

Dettagli

QUIZ DI AUTOVALUTAZIONE TEMI DI DIRITTO AMBIENTALE (RIFIUTI ACQUE)

QUIZ DI AUTOVALUTAZIONE TEMI DI DIRITTO AMBIENTALE (RIFIUTI ACQUE) QUIZ DI AUTOVALUTAZIONE TEMI DI DIRITTO AMBIENTALE (RIFIUTI ACQUE) Le risposte esatte sono riportate in file a parte pubblicato nella stessa pagina del nostro sito --------------------------------------------

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI LA NORMATIVA ATTUALE. REGGIO EMILIA Venerdì 4 aprile 2014

LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI LA NORMATIVA ATTUALE. REGGIO EMILIA Venerdì 4 aprile 2014 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI LA NORMATIVA ATTUALE REGGIO EMILIA Venerdì 4 aprile 2014 Il D.lgs 22/97 (c.d. Decreto Ronchi) introduce novità significative nella gestione dei rifiuti, rispetto a un passato

Dettagli

COMUNE DI RIVIGNANO TEOR

COMUNE DI RIVIGNANO TEOR COMUNE DI RIVIGNANO TEOR Provincia di Udine AREA TECNICA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONE PATRIMONIO ORDINANZA n. 04 Rivignano Teor li 16/03/2015 Prot. 2916 Oggetto: Ordinanza per la rimozione e

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 Agg. n 1/11 CHE art. 192 commi 1-2 art. 192 commi 1-2 art. 226 art. 231 commi 1-2 art. 231 art. 255 art. 255 art. 231 art. 255 Abbandono o deposito incontrollato

Dettagli

Rel. n. III/02/2014 Roma, 17.02.2014

Rel. n. III/02/2014 Roma, 17.02.2014 Rel. n. III/02/2014 Roma, 17.02.2014 Novità legislative: L. 6 febbraio 2014, n. 6 Conversione in legge del d.l. 10 dicembre 2013, n. 136, recanti disposizioni urgenti dirette a fronteggiare emergenze ambientali

Dettagli

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE www.sistri.it SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DI RIPARTENZA Quadro riferimento normativo Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 (Norme

Dettagli

FIGISC Sindacato Gestori carburanti

FIGISC Sindacato Gestori carburanti FIGISC Sindacato Gestori carburanti Sindacato Provinciale Gestori Impianti Stradali Carburanti FIGISC Corso Venezia 51 20121 Milano tel. 02/7750274 fax 02/7750697 e-mail: figisc.anisa@unione.milano.it

Dettagli

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato Paola Ficco Roma, 26 aprile 2010 Nulla cambia in ordine al riparto di responsabilità tra produttore e

Dettagli

qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi (Art. 183 D.lgs.

qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi (Art. 183 D.lgs. RIFIUTI: ASSEGNAZIONE DEI CODICI C.E.R. E CORRETTE MODALITA DI STOCCAGGIO D.Lgs. 152/2006 Montebelluna, 14.05.2011 ASOLOMONTEBELLUNA 1 DEFINIZIONE DI RIFIUTO qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore

Dettagli

ABBANDONO ILLECITO DI RIFIUTI

ABBANDONO ILLECITO DI RIFIUTI ABBANDONO ILLECITO DI RIFIUTI Inquadramento Le norme Fondamentali in materia di abbandono di rifiuti sono l'art. 192 che configura la fattispecie in esame (divieto di abbandono e deposito incontrollato

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante

Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante Lugano, 22 ottobre 2013 avv. Alessandro Pistochini 1 1) Scenario generale Summary 2) L impianto del diritto penale tributario ai sensi del d.lgs.

Dettagli

PRODUTTORE, DETENTORE, RESPONSABILITA ESTESA DEL PRODUTTORE

PRODUTTORE, DETENTORE, RESPONSABILITA ESTESA DEL PRODUTTORE PRODUTTORE, DETENTORE, RESPONSABILITA ESTESA DEL PRODUTTORE Roma, 23 marzo 2011 Hotel dei Congressi Sala dei Congressi Viale Shakespeare n. 29 DEFINIZIONI (Art. 183, lett. f) DLgs

Dettagli

Studio Legale Pellerino Penalista in Torino

Studio Legale Pellerino Penalista in Torino Penalista in Torino Avv. Mariagrazia Pellerino Patrocinante in Cassazione C.so Re Umberto n. 28 10128 Torino Tel. 011 561.29.57 Fax. 011 561.71.88 Mail: pellerino@hotmail.it Materie trattate: sicurezza

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 29 del 20 novembre 2008 Testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (DLgs. 9.4.2008 n. 81) - Valutazione dei rischi e redazione del relativo documento -

Dettagli

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE Comune di Nuoro SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI E DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PROVENIENTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ART.

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ORDINANZA N. ^% del 29 -U,iL Oggetto: Ordinanza per la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi depositati in modo incontrollato -

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE

PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE Art. 1 - Oggetto del Regolamento: 1. Il presente regolamento disciplina le procedure da seguire per

Dettagli

Rel. n. III/04/2013 Roma, 18 dicembre 2013

Rel. n. III/04/2013 Roma, 18 dicembre 2013 Rel. n. III/04/2013 Roma, 18 dicembre 2013 Novità legislative: D.L. 10 dicembre 2013, n. 136 Disposizioni urgenti dirette a fronteggiare emergenze ambientali e industriali ed a favorire lo sviluppo delle

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 settembre 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 settembre 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE I: REATI IN TEMA DI AMBIENTE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

La responsabilità penale dell amministratore e del legale rappresentante di una società

La responsabilità penale dell amministratore e del legale rappresentante di una società La responsabilità penale dell amministratore e del legale rappresentante di una società Se non vi è prova certa su queste condizioni, il proprietario di un azienda. risponde anche penalmente dell operato

Dettagli

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI PRODUTTORE DEL RIFIUTO E SUOI ONERI Articolo 183 del Dlgs 152/2006 Definizioni b) produttore: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioè

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 Pag. 1 a 8 CODICE SANZIONATORIO Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 In vigore dal: 30/04/2014 Precedenti versioni: PRIMA EMISSIONE

Dettagli

N.6575/05 Reg. Sent. N. 3463 Reg. Gen. N. 4608 Reg. Gen. ANNO 1995

N.6575/05 Reg. Sent. N. 3463 Reg. Gen. N. 4608 Reg. Gen. ANNO 1995 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia, Sede di Palermo, Sezione Seconda, ha pronunciato la seguente SENTENZA N.6575/05 Reg. Sent. N. 3463 Reg.

Dettagli

IL TRASPORTO DI RIFIUTI LIQUIDI: il controllo delle cisterne e degli autospurgo a cura del dott. Tiziano Granata*

IL TRASPORTO DI RIFIUTI LIQUIDI: il controllo delle cisterne e degli autospurgo a cura del dott. Tiziano Granata* IL TRASPORTO DI RIFIUTI LIQUIDI: il controllo delle cisterne e degli autospurgo a cura del dott. Tiziano Granata* INTRODUZIONE Basta collegare un tubo all autobotte e il contenuto viene scaricato e fatto

Dettagli

Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P.

Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P. Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P. 72 Rapagnanese; 2. Oggetto del presente regolamento è la gestione, l organizzazione

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale

Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale 21^ Giornata di Studio della Polizia Locale Veneto 55^ Edizione Nazionale Jesolo (VE) - 10, 11 aprile 2014 Pala Arrex - Sala Palladio

Dettagli

ALLEGATO A Norme generali

ALLEGATO A Norme generali ALLEGATO A Norme generali Rinnovo Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) - dell Impianto di trattamento rifiuti solidi urbani e valorizzazione della accolta differenziata a servizio dell Ambito Ottimale

Dettagli

SEZIONE E. Reati Ambientali. Art. 25 undecies D. Lgs. 231/2001

SEZIONE E. Reati Ambientali. Art. 25 undecies D. Lgs. 231/2001 SEZIONE E Reati Ambientali Art. 25 undecies D. Lgs. 231/2001 Approvazione Consiglio di Amministrazione del 10/12/2014 Revisioni.. 1 Art. 25-undecies Reati ambientali 1. In relazione alla commissione dei

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, n. 231

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, n. 231 Via Martiri della Libertà, 71 43052 Colorno Parma Italy Capitale Sociale I.V. Euro 2.500.000,00 - R.E.A. N 210634 PR Registro imprese n 12475620154 - P.I. 02104230343 C.F.12475620154 Tel. +39 0521 5208

Dettagli

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE NOTA DI COMMENTO Entrata in vigore Le modifiche apportate al

Dettagli

D.lgs. 152/06 art. 197

D.lgs. 152/06 art. 197 FUNZIONI DELLA PROVINCIA D.lgs. 152/06 art. 197 1. In attuazione dell'articolo 19 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, alle province competono: a) il controllo e la verifica degli interventi

Dettagli

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti LE NOVITA' DEL CODICE DELL'AMBIENTE Ecco articolo per articolo cosa cambia con il nuovo testo unico sull'ambiente che introduce una vasta serie di modifiche sia alle disposizioni che disciplinano la gestione

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Classificazione ambiente > rifiuti > rifiuti gestione > adempimenti connessi alla gestione dei rifiuti Sommario Campo di applicazione Definizioni Adesione

Dettagli

Rottami ferrosi: rifiuti o non rifiuti?

Rottami ferrosi: rifiuti o non rifiuti? Di Avv. Rosa Bertuzzi Rottami ferrosi: rifiuti o non rifiuti? di Avv. Rosa Bertuzzi Circa i rottami ferrosi, in questa rivista, si è già trattato l argomento in passato. L ultimo articolo, risalente al

Dettagli

COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE

COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE Approvato con atto C.C. n 127 del 18/12/1996 Modificato con successivo atto C.C. n 76 del 16/11 /2000 Modificato con successivo atto C.C. n.59

Dettagli

Master Gestione Rifiuti Modulo 12 Sistema sanzionatorio. A cura di ing. Francesco Sicilia

Master Gestione Rifiuti Modulo 12 Sistema sanzionatorio. A cura di ing. Francesco Sicilia Master Gestione Rifiuti Modulo 12 Sistema sanzionatorio A cura di ing. Francesco Sicilia Il sistema sanzionatorio- Riferimenti nel D.Lgs. 152/06 Il D.Lgs. 152/2006, disciplina il regime sanzionatorio nella

Dettagli

Art. 1 (Oggetto e ambito di applicazione)

Art. 1 (Oggetto e ambito di applicazione) REGOLAMENTO REGIONALE RECANTE: DISCIPLINA DELL UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DELLE ACQUE DI VEGETAZIONE E DELLE SANSE UMIDE DEI FRANTOI OLEARI (LEGGE REGIONALE 29 DICEMBRE 2000, N. 61) Art. 1 - Oggetto e ambito

Dettagli

NORMATIVE. Rifiuti. Tutti i rifiuti sono classificati secondo la loro destinazione finale: Rifiuti

NORMATIVE. Rifiuti. Tutti i rifiuti sono classificati secondo la loro destinazione finale: Rifiuti NORMATIVE La legge nr. 22 del 05/02/1997, nota come "Decreto Ronchi" è un decreto attuativo alle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/9262/CEE relativa agli imballaggi

Dettagli

08/05/2012. La sorveglianza sanitaria e il medico competente

08/05/2012. La sorveglianza sanitaria e il medico competente UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Diritto della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Anno Accademico 2011-20122012 Lezione 2 Dott.ssa Ferrua Sara La sorveglianza

Dettagli

PROVINCIA DI TERNI SETTORE AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO

PROVINCIA DI TERNI SETTORE AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO PROT. N. 23690 DEL 3 MAGGIO 2012 Oggetto: Art. 208 D.lgs. 152/2006 e s.m.i. GIONTELLA QUINTO EREDI S.A.S DI ANTONIO GIONTELLA & C. Autorizzazione unica per un nuovo impianto di recupero di rifiuti speciali

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

Milano, 14 settembre 2011

Milano, 14 settembre 2011 1 LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RIFIUTI ALLA LUCE DEL D. LGS. 3 DICEMBRE 2010, N. 205 Milano, 14 settembre 2011 2 1. I principi della gestione dei rifiuti Precauzione e quindi tutela dell ambiente

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

Acqua, Bonifiche e Fertirrigazioni. Autorizzazione Unica Ambientale. N. Reg. Decr. 353/2015 Data 8/10/2015 IL DIRIGENTE

Acqua, Bonifiche e Fertirrigazioni. Autorizzazione Unica Ambientale. N. Reg. Decr. 353/2015 Data 8/10/2015 IL DIRIGENTE Atto T0B08F Settore T Servizio AU Ecologia e Ambiente Ecologia e ambiente U.O. 0063 Acqua, Bonifiche e Fertirrigazioni Ufficio TH2O Acqua, Bonifiche e Fertirrigazioni C.d.R. 0023 Ecologia e Ambiente Autorizzazione

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI CORSO DI FORMAZIONE SU: LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI Firenze, 4-12-18-25 giugno 2013 (14,30-18,30) Auditorium C. Ridolfi c/o Banca CR Firenze Via Carlo Magno, 7 PRESENTAZIONE Il corso

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente e Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 30 ottobre 2015 Camera di Commercio di Milano

Dettagli

LE PROCEDURE AUTORIZZATIVE E DI CONTROLLO

LE PROCEDURE AUTORIZZATIVE E DI CONTROLLO LE PROCEDURE AUTORIZZATIVE E DI CONTROLLO Dott.ssa Marina Martin Dott. Sandro Bressan Funzionari del Servizio Tutela e Uso Risorse Idriche Integrate della Provincia di Pordenone Pordenone, 25.05.10 acqua@provincia.pordenone.it

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO SIAE. Società Italiana Autori ed Editori. (ex Decreto Legislativo n. 231/2001)

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO SIAE. Società Italiana Autori ed Editori. (ex Decreto Legislativo n. 231/2001) Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Parte Speciale F MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO di SIAE Società Italiana Autori ed Editori (ex Decreto Legislativo n. 231/2001) PARTE SPECIALE

Dettagli

COMUNE DI DECOLLATURA

COMUNE DI DECOLLATURA COMUNE DI DECOLLATURA ORDINANZA N.29 DELL 8.11.2010 ( PROVINCIA DI CATANZARO) Tel. 0968/61169 fax. 0968/61247 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO per le UTENZE DOMESTICHE RITENUTO necessario adottare apposito

Dettagli

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario.

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario. 1 Regolamento per la concessione delle aree disponibili per l installazione dei Circhi, delle Attività dello spettacolo viaggiante e dei Parchi di divertimento. ART. 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO 1- Il presente

Dettagli

L APPARATO SANZIONATORIO DEL D.LGS.81/08 DOPO LE MODIFICHE APPORTATE DAL D.LGS.106/09

L APPARATO SANZIONATORIO DEL D.LGS.81/08 DOPO LE MODIFICHE APPORTATE DAL D.LGS.106/09 L APPARATO SANZIONATORIO DEL D.LGS.81/08 DOPO LE MODIFICHE APPORTATE DAL D.LGS.106/09 0. PREMESSA A livello generale, il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

STUDIO TECNICO Dott. Arch. Solange SAURO

STUDIO TECNICO Dott. Arch. Solange SAURO STUDIO TECNICO Dott. Arch. Solange SAURO Via Toscanini 24, 50127 FIRENZE Tel/fax. 055-321277, 328-4317294 e-mail: solangesauro@libero.it COMUNE DI IMPRUNETA PIANO COMUNALE DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA REGOLAMENTO

Dettagli

ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE Servizio tutela delle acque dall inquinamento e gestione dei rifiuti MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI DALLE ATTIVITA AGRICOLE Marzo 2014 Il 29 aprile 2006

Dettagli

COMUNE di MALAGNINO PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE di MALAGNINO PROVINCIA DI CREMONA COMUNE di MALAGNINO PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIAZZOLA ECOLOGICA ATTREZZATA NORME DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli