Piano Provinciale di Gestione dei rifiuti speciali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Provinciale di Gestione dei rifiuti speciali"

Transcript

1 ROVICIA DI COMO Settore Ecologia e Ambiente iano rovinciale di Gestione dei rifiuti speciali Direttiva 42//CE Direttiva Habitat (92/43/CEE) Direttiva Uccelli (79/409/CEE) D.lgs 22/1997 (ora Dlgs 152/06) L.r. 26/ Dgr n. 8/220/2005 *

2 ROGETTISTI: Dr. Geol. Franco Binaghi Dr. Arch. aolo egretti Dr. Arch. Marco Sampietro COLLABORATORI TECICI:.Ch. Stefano oseda COSULEZA VALUTAZIOE AMBIETALE STRATEGICA Dr.ssa, Arch. iera Belotti GIS MAAGER: Dr.ssa, Arch. iera Belotti COLLABORATORE AMMIISTRATIVO: Rag. Caterina edrazzani COORDIAMETO: Dr. Geol. Franco Binaghi 2

3 IDICE Introduzione Dati...5 1a) Bonifica dati...5 1b) Importazione ed elaborazione dati...7 1c) Campione di rappresentatività...8 1d) Analisi dei dati allegati Analisi di dettaglio e tabelle di sintesi a) Importazione ed esportazione dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi b) Analisi sulle potenzialità impiantistiche articolari categorie di rifiuti a) remessa b) Rifiuti da Apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) c) CB Costi Conclusioni ed Azioni...38 Allegato Compendio statistico

4 ITRODUZIOE In base a quanto stabilito dalla Dgr n. 220 del 27 giugno 2005, delibera di approvazione del iano Regionale per la Gestione dei Rifiuti, è necessario estendere la pianificazione anche ai Rifiuti Speciali e sottoporre il tutto a Valutazione Ambientale Strategica (Direttiva 42//CE). La definizione di rifiuti urbani o speciali è stabilita nell art. 7 del D.lgs. 22/97 (ora Dlgs 152/06), al quale si rimanda. er la ridefinizione del R (iano rovinciale dei Rifiuti), il gruppo di progettazione del Settore Ecologia e Ambiente della rovincia di Como ha elaborato i dati relativi alla produzione di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi totali e raggruppati per tipologia CER e/o attività economica. Allo stato di fatto sulla produzione di rifiuti speciali fanno seguito le analisi sulla mappatura dei flussi e dei trend di produzione e la definizione delle linee guida di piano. La definizione dei quantitativi prodotti di rifiuti speciali unitamente alle analisi strategiche è servita a definire il fabbisogno di gestione di rifiuti speciali sul territorio provinciale. In questa fase si è tenuto conto anche dell importazione/esportazione di rifiuti da/in altri ambiti territoriali. Con un analisi parallela, il gruppo di progettazione, ha elaborato i dati sugli impianti provinciali di gestione dei rifiuti con particolare riferimento alle rispettive potenzialità e ai rifiuti effettivamente trattati. Questa documento individua quindi la potenzialità provinciale di gestione. Si specifica che con il termine gestione ci si intende riferire a tutte le operazioni relative ai rifiuti (deposito, trattamento, smaltimento, recupero, così come previsto nella definizione di cui all art. 6 comma 1 lettera d ) del D.lgs. 22/97 (ora Dlgs 152/06). 4

5 1 DATI I dati sulla produzione di rifiuti speciali per la fase di analisi attualmente in corso sono stati recepiti dalla sede regionale del Catasto dei Rifiuti istituita presso l Agenzia Regionale per la rotezione dell Ambiente. Il Catasto Regionale istituito ai sensi del D.Lgs. 22/97 (ora Dlgs 152/06), e del D.M. 372 del 1998 fornisce annualmente alle rovince della Lombardia la banca dati bonificata delle dichiarazioni effettuate dalle imprese alle CCIAA ai sensi della L. 70/94 (MUD) e dei DCM attuativi. I dati sui rifiuti trattati e sulle potenzialità di gestione degli impianti sono stati estrapolati dalle fonti informative del Settore Ecologia e Ambiente della rovincia di Como ed in particolare dal: registro informatizzato delle comunicazioni effettuate dai recuperatori di rifiuti ai sensi degli art. 31 e 33 del D.Lgs. 22/97 (ora Dlgs 152/06), banca dati degli impianti autorizzati ai sensi degli art. 27 e 28 del D.lgs. 22/97 (ora Dlgs 152/06),. 1a) Bonifica dati I dati sulla produzione di rifiuti speciali acquisiti sono caratterizzati dalla presenza di un certo numero di errori di compilazione e/o trascrizione. E stata effettuata un opportuna analisi operando su una banca dati parallela a quella originaria, popolata con gli stessi dati trasformati da una o più procedure di bonifica. Obbiettivo del processo di bonifica è stato quello di ottenere una base corretta, da utilizzare a fini statistici. La bonifica dei dati del MUD è stata effettuata dagli uffici della Sezione Regionale del Catasto Rifiuti tramite un insieme di procedure standardizzate e finalizzate ognuna alla correzione di un certo tipo di errore. 5

6 In particolare la Sezione Regionale del Catasto dei Rifiuti ha operato utilizzando proprie procedure di bonifica e metodi messi a disposizione da AAT (Agenzia per la rotezione dell'ambiente e per i Servizi Tecnici). Le principali procedure adottate dal Catasto Regionale hanno riguardato i seguenti controlli: - verifica del codice fiscale del soggetto dichiarante; - eliminazione delle doppie dichiarazioni; - controlli e azioni correttive sulle unità di misura; - verifica dell esattezza dei codici Cer; - congruenza fra quantità prodotte un unità locale e ricevute da terzi; - verifica della fra numero di moduli rifiuto e moduli per dichiarazione; - verifica della esattezza dell indicazione di solo trasporto. I dati bonificati sono stati trasmessi annualmente dal Catasto Rifiuti alla rovincia di Como. L ultimo aggiornamento risale alla trasmissione avvenuta nel mese di novembre 2005 contenente i dati relativi a: - dichiarazioni Mud 2004 (dati ) relative a tutta la Lombardia, non bonificati forniti nel formato di interscambio utilizzato dal Catasto dei Rifiuti e codificato secondo specifiche SIAET; - dichiarazioni Mud 2004 (dati ) bonificati relativi a tutta la Lombardia, nel formato di interscambio utilizzato dal Catasto dei Rifiuti e codificato secondo specifiche SIAET e secondo le ulteriori procedure di bonifica messe a punto dalla Sezione Regionale del Catasto Rifiuti della Lombardia; I dati relativi alle annualità 2000,, erano già stati trasmessi negli anni precedenti. La bonifica dei dati MUD viene effettuata anche da altri soggetti, ma si ritiene a tutti gli effetti idoneo e con carattere di ufficialità il sistema di bonifica garantito dal Catasto Regionale istituito presso l ARA della Lombardia. 6

7 1b) Importazione ed elaborazione dati I dati bonificati acquisiti sono stati inseriti in un database relazionale (su piattaforma SQL server) tramite procedure di importazione dal formato di interscambio bonificato. Tali procedure hanno acquisito le informazioni secondo uno schema di tabelle appositamente elaborato con particolare riferimento al rispetto dell integrità dei vincoli. Lo schema di database così costituito presso la rovincia di Como rappresenta lo strumento base per l immagazzinamento, la consultazione e l analisi dei dati sui rifiuti speciali. In fase d importazione sono state effettuate ulteriori operazioni di bonifica atte ad eliminare palesi incongruenze come nel caso della dichiarazione da parte di Comuni di raccolte di rifiuti riferibili a frazioni relative alla raccolta differenziata e inserite invece nelle tabelle relative ai rifiuti di provenienza industriale. In fase di importazione sono stati isolati anche tutti i soggetti che hanno dichiarato di effettuare il solo trasporto dei rifiuti. In fase d importazione sono anche state equiparate tutte le unità di misura secondo la stessa grandezza di riferimento onde omogeneizzare le successive attività di analisi. E stata utilizzata una piattaforma di elevata potenza come SQL Server per garantire il massimo livello di integrità dei dati e per garantire le performance delle successive operazioni di elaborazione caratterizzate da elevati numeri di record (nell ordine di centinaia di migliaia per la banca dati di tutta la Lombardia) L elaborazione dei dati è stata fatta mediante l implementazione di apposite viste e mediante l utilizzo di apposite tabelle di decodifica come la tabella relativa alle attività economiche e la tabella relativa ai codici Cer dei rifiuti. L implementazione di queste due tabelle ha rappresentato una fase abbastanza delicata a causa di alcuni fattori. el caso dei codici dei rifiuti (CER) trattandosi di dati relativi al quadriennio si è dovuto procedere all inserimento sia dei codici relativi alla prima versione del Catalogo (allegati A e D al D.Lgs. 22/97 ora Dlgs 152/06), che dei codici successivamente transcodificati a seguito dell entrata in vigore della direttiva del 9 aprile che ha 7

8 introdotto il nuovo elenco dei rifiuti denominato allegato A ricomprendente sia rifiuti speciali non pericolosi che pericolosi. el caso dei codici relativi alle attività economiche, per lo stesso motivo, si è dovuto tener conto sia della codifica ATECO 1991 che della successiva e più recente transcodifica del (Codici Istat delle attività economiche e produttive) Inoltre per entrambe le tabelle è stata introdotta una tabella intermedia atta a valorizzare i molti casi in cui la transcodifica è presente e individuabile univocamente anche se espressa in forma inesatta. Le elaborazioni dei dati sono state riportate su reportistica informatizzata e sono allegate sotto forma di tabelle cartacee al presente documento. 1c) Campione di rappresentatività I dati sulla produzione di rifiuti speciali acquisiti sono caratterizzati da un proprio grado di rappresentatività della situazione reale. el caso del MUD (database sulle produzioni di rifiuti speciali) esistono alcune eccezioni sull obbligatorietà di compilazione e consegna dello stesso da parte dei soggetti produttori di rifiuti, il che apparentemente limita la copertura di rappresentatività del campione di dati. Le eccezioni sull obbligatorietà del MUD sono rintracciabili nell art. 11 del D.Lgs. 22/97 (ora Dlgs 152/06) e per effetto delle stesse il MUD non contiene le informazioni relative alla produzione di rifiuti speciali non pericolosi provenienti: - dalle ditte artigiane (art c.c.) con meno di 3 dipendenti; - dai piccoli imprenditori agricoli (art c.c.) con volume d affari annuo inferiore ai limiti previsti; - dalle ditte che conferiscono i rifiuti direttamente al servizio pubblico di raccolta; - da attività agro-industriali; - da attività di demolizione e costruzione; - da attività commerciali; - da attività di servizio; 8

9 - dalla dismissione di macchinari deteriorati o apparecchiature obsolete. I dati relativi alle ditte e agli impianti legittimati ad effettuare la gestione dei rifiuti e che quindi hanno effettuato comunicazione di inizio attività (artt. 31 e 33 D.Lgs. 22/97 ora Dlgs 152/06) oppure che sono in possesso di specifica autorizzazione (artt. 27 e 28 D.Lgs. 22/97 ora Dlgs 152/06), non presentano problemi di copertura del dato ad eccezione dell ipotesi di attività abusiva di gestione dei rifiuti. Quindi se da un lato i flussi relativi ai produttori esclusi dalla compilazione non vengono conteggiati dall altro lo sono comunque perché qualsiasi rifiuto viene dichiarato in fase di destinazione finale agli impianti di trattamento. Restano quindi effettivamente esclusi e saranno oggetto di apposita attenzione nella fase di monitoraggio solo quei flussi esclusi alla dichiarazione destinati ad ambiti extraprovinciali. 1d) Analisi dei dati allegati elle tabelle allegate 1/ABC si riportano i quantitativi di rifiuti speciali prodotti per singolo codice CER suddivisi per A) rifiuti prodotti nell unità locale, B) rifiuti prodotti in unità locali esterne; C) rifiuti prodotti totali (unità locali + unità esterne). ella tabella 2/ABC si riporta una selezione degli stessi dati, con l aggiunta del dato percentuale, nel caso in cui la produzione superi le 1000 tonnellate anno. Dalla tabella 2/A si nota come i rifiuti speciali maggiormente prodotti in unità locale siano: - imballaggi (150101, ); - rifiuti derivanti da impianti di trattamento dei rifiuti (190307) - ceneri pesanti e scorie (190112); - segatura e trucioli (030105); - fanghi di depurazione (190805). ella tabella 2/B (rifiuti prodotti fuori dall unità locale) si nota come l 80% circa del relativo totale riguardi: - rifiuti misti da attività di costruzione e demolizione (170904); - materiali da costruzione contenti amianto (170605); - terre e rocce (170504); E inoltre rilevante la produzione di fanghi delle fosse settiche (04). 9

10 Le tabelle 3/ABC si riferiscono alla produzione presso e fuori dall unità locale raggruppate per famiglia di rifiuto e sono tabelle quantitative. Le successive tabelle 4/ABC riportano gli stessi dati per famiglia di rifiuto espressi però in forma percentuale e suddivisi fra rifiuti non pericolosi, pericolosi ed entrambi. Spiccano tra i rifiuti non pericolosi prodotti presso l unità locale la famiglia CER 15 (imballaggi) = 17,6%, famiglia CER 19 (rifiuti prodotti dal trattamento dei rifiuti e delle acque) = 27,3%, famiglia CER 12 (rifiuti da trattamento di metalli e plastica) = 12,2%. Spiccano tra i rifiuti pericolosi prodotti presso l unità locale la famiglia CER 7 (rifiuti da processi organici) = 34,7%, famiglia CER 14 (solventi organici) = 15,9%, famiglia CER 16(rifiuti non specificati altrimenti) = 10% tra i quali a titolo esemplificativo sono ricompresi gli accumulatori al piombo i rifiuti pericolosi derivanti dalla demolizione dei veicoli edi prodotti fuori specifica. Le tabelle 5/ABC, 6/ABC consentono l effettuazione di analisi specifiche comparabili per attività produttiva e tipologia di rifiuto. La tabella 7/ABC riportano la produzione percentuale di raggruppate per attività economica, ciò ci consenti di individuare le attività economiche maggiormente responsabili nella produzione di rifiuti speciali,ù el caso di rifiuti prodotti presso l unità locale si è rilevato che la maggiore produzione di rifiuto sia riferibile alle seguenti attività economiche: - (90 smaltimento di rifiuti, delle acque di scarico e simili) = 27,5% - (28 fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo) = 9,8% - (37 recupero e preparazione per il riciclaggio) = 9,1% - (17 industrie tessili) = 6,9% - (26 fabbricazione di prodotti da lavorazione di minerali non metalliferi) = 5,8% el caso dei rifiuti prodotti al di fuori dell unità locale spiccano invece le seguenti attività: - (45 costruzioni) = 35,7% - (14 altre industri estrattive) = 32,8% - (90 smaltimento di rifiuti, delle acque di scarico e simili) = 12,3% 10

11 La tabella 8 riporta l analisi dei flussi (anno ) di rifiuti suddivisi per quantitativi destinati e ricevuti con riferimento agli ambiti territoriali di conferimento (export) dei rifiuti e agli ambiti territoriali da cui vengono ricevuti rifiuti (import). Gli ambiti territoriali di import/export utilizzati sono stati: - Como (rifiuti conferiti/ricevuti da unità ubicate in rovincia di Como) - Lombardia (rifiuti conferiti/ricevuti da unità ubicate in Lombardia ma non in rovincia di Como) - Italia (rifiuti conferiti/ricevuti da unità ubicate in Italia ma non in Lombardia) - Estero (rifiuti conferiti/ricevuti da unità ubicate all estero). La tabella 9 riporta un analisi dello stesso tipo per famiglia di rifiuto e la tabella 10 per attività economica. 11

12 2 AALISI DI DETTAGLIO E TABELLE DI SITESI roduzione totale di rifiuti speciali pericolosi: tonnellate. roduzione totale di rifiuti speciali non pericolosi: tonnellate. Dalle tabelle riportate di seguito si rileva l incidenza percentuale di ciascuna famiglia di rifiuti (CER) rispetto la produzione totale di rifiuti speciali (pericolosi e non) relativa al (ultima annualità disponibile). elle tabelle di riepilogo sono state evidenziate le famiglie di rifiuto caratterizzate dalle produzioni più alte, ovvero: Rifiuti non pericolosi rifiuti prodotti da impianti di trattamento dei rifiuti, impianti di trattamento delle acque reflue fuori sito, nonché dalla potabilizzazione dell'acqua rifiuti di imballaggio, assorbenti, stracci, materiali filtranti e indumenti protettivi (non specificati altrimenti) rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione (compreso il terreno proveniente da siti contaminati) rifiuti prodotti dalla lavorazione e dal trattamento fisico e meccanico superficiale di metalli e plastica rifiuti urbani (rifiuti domestici e assimilabili prodotti da attività commerciali e industriali nonché dalle istituzioni) inclusi i rifiuti della raccolta differenziata rifiuti della lavorazione del legno e della produzione di pannelli, mobili, polpa, carta e cartone Rifiuti pericolosi rifiuti dei processi chimici organici solventi organici, refrigeranti e propellenti di scarto (tranne 07 e 08) rifiuti non specificati altrimenti nell'elenco 12

13 RIFIUTI O ERICOLOSI TOTALI DIVISI ER FAMIGLIA TOELLATE ICIDEZA 01 - RIFIUTI DERIVATI DA ROSEZIOE, ESTRAZIOE DA MIIERA O CAVA, OCHE' DAL TRATTAMETO FISICO O CHIMICO DI MIERALI 02 - RIFIUTI RODOTTI DA AGRICOLTURA, ORTICOLTURA, ACQUACOLTURA, SELVICOLTURA, CACCIA E ESCA, TRATTAMETO E REARAZIOE DI ALIMETI 03 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DEL LEGO E DELLA RODUZIOE DI AELLI, MOBILI, OLA, CARTA E CARTOE ,0% ,3% ,9% 04 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DI ELLI E ELLICCE, OCHÉ DELL'IDUSTRIA TESSILE ,6% 05 - RIFIUTI DELLA RAFFIAZIOE DEL ETROLIO, URIFICAZIOE DEL GAS ATURALE E TRATTAMETO IROLITICO DEL CARBOE - 0,0% 06 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI IORGAICI ,9% 07 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI ORGAICI ,5% 08 - RIFIUTI DELLA RODUZIOE, FORMULAZIOE, FORITURA ED USO DI RIVESTIMETI (ITTURE, VERICI E SMALTI VETRATI), ADESIVI, SIGILLATI E ICHIOSTRI ER STAMA ,6% 09 - RIFIUTI DELL'IDUSTRIA FOTOGRAFICA 20 0,0% 10 - RIFIUTI RODOTTI DA ROCESSI TERMICI ,6% 11 - RIFIUTI RODOTTI DAL TRATTAMETO CHIMICO SUERFICIALE E DAL RIVESTIMETO DI METALLI ED ALTRI MATERIALI; IDROMETALLURGIA O FERROSA 12 - RIFIUTI RODOTTI DALLA LAVORAZIOE E DAL TRATTAMETO FISICO E MECCAICO SUERFICIALE DI METALLI E LASTICA ,4% ,7% 13 - OLI ESAURITI E RESIDUI DI COMBUSTIBILI LIQUIDI ,0% 15 - RIFIUTI DI IMBALLAGGIO, ASSORBETI, STRACCI, MATERIALI FILTRATI E IDUMETI ROTETTIVI (O SECIFICATI ALTRIMETI) ,3% 16 - RIFIUTI O SECIFICATI ALTRIMETI ELL'ELECO ,3% 17 - RIFIUTI DELLE OERAZIOI DI COSTRUZIOE E DEMOLIZIOE (COMRESO IL TERREO ROVEIETE DA SITI COTAMIATI) ,1% 18 - RIFIUTI RODOTTI DAL SETTORE SAITARIO E VETERIARIO O DA ATTIVITÀ DI RICERCA COLLEGATE RIFIUTI RODOTTI DA IMIATI DI TRATTAMETO DEI RIFIUTI, IMIATI DI TRATTAMETO DELLE ACQUE REFLUE FUORI SITO, OCHÉ DALLA OTABILIZZAZIOE DELL'ACQUA RIFIUTI URBAI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI RODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E IDUSTRIALI OCHÉ DALLE ISTITUZIOI) ICLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFEREZIATA 39 0,0% ,7% ,7% ,5% 13

14 RIFIUTI ERICOLOSI TOTALI DIVISI ER FAMIGLIA TOELLATE ICIDEZA 01 - RIFIUTI DERIVATI DA ROSEZIOE, ESTRAZIOE DA MIIERA O CAVA, OCHE' DAL TRATTAMETO FISICO O CHIMICO DI MIERALI 02 - RIFIUTI RODOTTI DA AGRICOLTURA, ORTICOLTURA, ACQUACOLTURA, SELVICOLTURA, CACCIA E ESCA, TRATTAMETO E REARAZIOE DI ALIMETI 03 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DEL LEGO E DELLA RODUZIOE DI AELLI, MOBILI, OLA, CARTA E CARTOE - 0,0% 3 0,0% 1 0,0% 04 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DI ELLI E ELLICCE, OCHÉ DELL'IDUSTRIA TESSILE 24 0,0% 05 - RIFIUTI DELLA RAFFIAZIOE DEL ETROLIO, URIFICAZIOE DEL GAS ATURALE E TRATTAMETO IROLITICO DEL CARBOE 1 0,0% 06 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI IORGAICI 973 0,2% 07 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI ORGAICI ,5% 08 - RIFIUTI DELLA RODUZIOE, FORMULAZIOE, FORITURA ED USO DI RIVESTIMETI (ITTURE, VERICI E SMALTI VETRATI), ADESIVI, SIGILLATI E ICHIOSTRI ER STAMA ,9% 09 - RIFIUTI DELL'IDUSTRIA FOTOGRAFICA ,3% 10 - RIFIUTI RODOTTI DA ROCESSI TERMICI 313 0,1% 11 - RIFIUTI RODOTTI DAL TRATTAMETO CHIMICO SUERFICIALE E DAL RIVESTIMETO DI METALLI ED ALTRI MATERIALI; IDROMETALLURGIA O FERROSA 12 - RIFIUTI RODOTTI DALLA LAVORAZIOE E DAL TRATTAMETO FISICO E MECCAICO SUERFICIALE DI METALLI E LASTICA ,9% ,5% 13 - OLI ESAURITI E RESIDUI DI COMBUSTIBILI LIQUIDI ,6% 14 - SOLVETI ORGAICI, REFRIGERATI E ROELLETI DI SCARTO (tranne 07 e 08) ,1% 15 - RIFIUTI DI IMBALLAGGIO, ASSORBETI, STRACCI, MATERIALI FILTRATI E IDUMETI ROTETTIVI (O SECIFICATI ALTRIMETI) ,4% 16 - RIFIUTI O SECIFICATI ALTRIMETI ELL'ELECO ,3% 17 - RIFIUTI DELLE OERAZIOI DI COSTRUZIOE E DEMOLIZIOE (COMRESO IL TERREO ROVEIETE DA SITI COTAMIATI) ,8% 18 - RIFIUTI RODOTTI DAL SETTORE SAITARIO E VETERIARIO O DA ATTIVITÀ DI RICERCA COLLEGATE RIFIUTI RODOTTI DA IMIATI DI TRATTAMETO DEI RIFIUTI, IMIATI DI TRATTAMETO DELLE ACQUE REFLUE FUORI SITO, OCHÉ DALLA OTABILIZZAZIOE DELL'ACQUA RIFIUTI URBAI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI RODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E IDUSTRIALI OCHÉ DALLE ISTITUZIOI) ICLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFEREZIATA ,2% ,9% 99 0,0% ,5% 14

15 roduzione pro-capite di rifiuti speciali pericolosi: 147 Kg/ab. anno roduzione pro-capite di rifiuti speciali non pericolosi: 940 Kg/ab. anno La produzione pro capite è stata calcolata in base al dato di popolazione residente fornito dall Osservatorio dei Rifiuti e relativo al 31/12/ equivalente ad una popolazione di abitanti. on si riportano le famiglie CER di maggiore incidenza perché sono le stesse relative alla produzione totale precedentemente evidenziate. Un importante approfondimento si ha incrociando i dati di produzione con i dati relativi alla gestione finale intesa come smaltimento o recupero presso gli impianti autorizzati in provincia di Como. Il dato risulta sempre da elaborazioni sulla banca dati bonificata del MUD con particolare riferimento alle schede MGD ed MGR e consultando gli archivi provinciali delle aziende autorizzate alla gestione dei rifiuti. RIFIUTI SECIALI ERCIOLOSI E O ERICOLOSI roduzione (t.) Smaltimento (t.) Recupero (t.) n.d Dalla tabella si evidenzia come il totale dei rifiuti gestiti (smaltiti o trattati) in rovincia di Como sia superiore ai rifiuti prodotti con un elevata quota soprattutto sotto il profilo del recupero. L incidenza di trattamento è quindi conseguenza oltre che della produzione interna anche della importazione di rifiuti da altre rovince. Successivamente si tratterà nello specifico l analisi sui flussi di importazione ed esportazione dei rifiuti. 15

16 Si nota una tendenziale crescita contenuta (mediamente l 8%) nella prod 16

17 RO CAITE RIFIUTI O ERICOLOSI DIVISI ER FAMIGLIA Kg/Ab.anno ICIDEZA 01 - RIFIUTI DERIVATI DA ROSEZIOE, ESTRAZIOE DA MIIERA O CAVA, OCHE' DAL TRATTAMETO FISICO O CHIMICO DI MIERALI 02 - RIFIUTI RODOTTI DA AGRICOLTURA, ORTICOLTURA, ACQUACOLTURA, SELVICOLTURA, CACCIA E ESCA, TRATTAMETO E REARAZIOE DI ALIMETI 03 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DEL LEGO E DELLA RODUZIOE DI AELLI, MOBILI, OLA, CARTA E CARTOE 32,56 3,0% 25,10 2,3% 64,57 5,9% 04 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DI ELLI E ELLICCE, OCHÉ DELL'IDUSTRIA TESSILE 17,48 1,6% 05 - RIFIUTI DELLA RAFFIAZIOE DEL ETROLIO, URIFICAZIOE DEL GAS ATURALE E TRATTAMETO IROLITICO DEL CARBOE - 0,0% 06 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI IORGAICI 20,36 1,9% 07 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI ORGAICI 15,78 1,5% 08 - RIFIUTI DELLA RODUZIOE, FORMULAZIOE, FORITURA ED USO DI RIVESTIMETI (ITTURE, VERICI E SMALTI VETRATI), ADESIVI, SIGILLATI E ICHIOSTRI ER STAMA 16,90 1,6% 09 - RIFIUTI DELL'IDUSTRIA FOTOGRAFICA 0,04 0,0% 10 - RIFIUTI RODOTTI DA ROCESSI TERMICI 38,58 3,6% 11 - RIFIUTI RODOTTI DAL TRATTAMETO CHIMICO SUERFICIALE E DAL RIVESTIMETO DI METALLI ED ALTRI MATERIALI; IDROMETALLURGIA O FERROSA 12 - RIFIUTI RODOTTI DALLA LAVORAZIOE E DAL TRATTAMETO FISICO E MECCAICO SUERFICIALE DI METALLI E LASTICA 3,87 0,4% 105,40 9,7% 13 - OLI ESAURITI E RESIDUI DI COMBUSTIBILI LIQUIDI... 0,00 0,0% 15 - RIFIUTI DI IMBALLAGGIO, ASSORBETI, STRACCI, MATERIALI FILTRATI E IDUMETI ROTETTIVI (O SECIFICATI ALTRIMETI) 155,74 14,3% 16 - RIFIUTI O SECIFICATI ALTRIMETI ELL'ELECO 24,45 2,3% 17 - RIFIUTI DELLE OERAZIOI DI COSTRUZIOE E DEMOLIZIOE (COMRESO IL TERREO ROVEIETE DA SITI COTAMIATI) 109,92 10,1% 18 - RIFIUTI RODOTTI DAL SETTORE SAITARIO E VETERIARIO O DA ATTIVITÀ DI RICERCA COLLEGATE RIFIUTI RODOTTI DA IMIATI DI TRATTAMETO DEI RIFIUTI, IMIATI DI TRATTAMETO DELLE ACQUE REFLUE FUORI SITO, OCHÉ DALLA OTABILIZZAZIOE DELL'ACQUA RIFIUTI URBAI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI RODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E IDUSTRIALI OCHÉ DALLE ISTITUZIOI) ICLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFEREZIATA 0,07 0,0% 235,94 21,7% 73,17 6,7% 939,91 86,5% 17

18 RO CAITE RIFIUTI ERICOLOSI DIVISI ER FAMIGLIA Kg/Ab.anno ICIDEZA 01 - RIFIUTI DERIVATI DA ROSEZIOE, ESTRAZIOE DA MIIERA O CAVA, OCHE' DAL TRATTAMETO FISICO O CHIMICO DI MIERALI 02 - RIFIUTI RODOTTI DA AGRICOLTURA, ORTICOLTURA, ACQUACOLTURA, SELVICOLTURA, CACCIA E ESCA, TRATTAMETO E REARAZIOE DI ALIMETI 03 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DEL LEGO E DELLA RODUZIOE DI AELLI, MOBILI, OLA, CARTA E CARTOE - 0,0% 0,00 0,0% 0,00 0,0% 04 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DI ELLI E ELLICCE, OCHÉ DELL'IDUSTRIA TESSILE 0,04 0,0% 05 - RIFIUTI DELLA RAFFIAZIOE DEL ETROLIO, URIFICAZIOE DEL GAS ATURALE E TRATTAMETO IROLITICO DEL CARBOE 0,00 0,0% 06 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI IORGAICI 1,76 0,2% 07 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI ORGAICI 48,86 4,5% 08 - RIFIUTI DELLA RODUZIOE, FORMULAZIOE, FORITURA ED USO DI RIVESTIMETI (ITTURE, VERICI E SMALTI VETRATI), ADESIVI, SIGILLATI E ICHIOSTRI ER STAMA 9,98 0,9% 09 - RIFIUTI DELL'IDUSTRIA FOTOGRAFICA 2,76 0,3% 10 - RIFIUTI RODOTTI DA ROCESSI TERMICI 0,57 0,1% 11 - RIFIUTI RODOTTI DAL TRATTAMETO CHIMICO SUERFICIALE E DAL RIVESTIMETO DI METALLI ED ALTRI MATERIALI; IDROMETALLURGIA O FERROSA 12 - RIFIUTI RODOTTI DALLA LAVORAZIOE E DAL TRATTAMETO FISICO E MECCAICO SUERFICIALE DI METALLI E LASTICA 9,52 0,9% 5,87 0,5% 13 - OLI ESAURITI E RESIDUI DI COMBUSTIBILI LIQUIDI... 6,21 0,6% 14 - SOLVETI ORGAICI, REFRIGERATI E ROELLETI DI SCARTO (tranne 07 e 08) 22,39 2,1% 15 - RIFIUTI DI IMBALLAGGIO, ASSORBETI, STRACCI, MATERIALI FILTRATI E IDUMETI ROTETTIVI (O SECIFICATI ALTRIMETI) 3,99 0,4% 16 - RIFIUTI O SECIFICATI ALTRIMETI ELL'ELECO 14,20 1,3% 17 - RIFIUTI DELLE OERAZIOI DI COSTRUZIOE E DEMOLIZIOE (COMRESO IL TERREO ROVEIETE DA SITI COTAMIATI) 8,58 0,8% 18 - RIFIUTI RODOTTI DAL SETTORE SAITARIO E VETERIARIO O DA ATTIVITÀ DI RICERCA COLLEGATE RIFIUTI RODOTTI DA IMIATI DI TRATTAMETO DEI RIFIUTI, IMIATI DI TRATTAMETO DELLE ACQUE REFLUE FUORI SITO, OCHÉ DALLA OTABILIZZAZIOE DELL'ACQUA RIFIUTI URBAI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI RODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E IDUSTRIALI OCHÉ DALLE ISTITUZIOI) ICLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFEREZIATA 2,33 0,2% 9,23 0,9% 0,18 0,0% 146,50 13,5% 18

19 2a) Importazione ed esportazione dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi In base alla tabella di sintesi riportata di seguito si rileva innanzitutto che la rovincia di Como registra un flusso totale di rifiuti in entrata o uscita dalla circoscrizione rovinciale nell ordine di tonnellate (dato ) di cui tonnellate in entrata e tonnellate in uscita. Risulta quindi un saldo sul totale dei rifiuti a vantaggio dell importazione nell ordine delle tonnellate; questo dato se viene però calcolato sulle singole famiglie di rifiuti fornisce analisi differenti mettendo in evidenza come su alcune di esse si confermi la tendenza all importazione mentre su altre risulti evidente la dipendenza della nostra provincia da impianti esterni. er la precisione le famiglie CER esportate che rispetto alla relativa produzione totale non trovano autosufficienza di destinazione nell ambito provinciale sono: rifiuti della lavorazione del legno e della produzione di pannelli, mobili, polpa, carta e cartone rifiuti non specificati altrimenti nell'elenco rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonche' dal trattamento fisico o chimico di minerali08 - rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di rivestimenti (pitture, vernici e smalti vetrati), adesivi, sigillanti e inchiostri per stampa rifiuti prodotti da agricoltura, orticoltura, acquacoltura, selvicoltura, caccia e pesca, trattamento e preparazione di alimenti solventi organici, refrigeranti e propellenti di scarto (tranne 07 e 08). Mentre la famiglia 19 (rifiuti prodotti da impianti di trattamento dei rifiuti, impianti di trattamento delle acque reflue fuori sito, nonché dalla potabilizzazione dell'acqua) trova autosufficienza impiantistica considerando il solo rifiuto prodotto in provincia Como. er le analisi sui singoli codici di rifiuti si rimanda alle tabelle allegate 8 e 9 che distinguono inoltre l esportazione e l importazione in base agli ambiti finali di destinazione o provenienza del rifiuto (Lombardia, Italia, Estero). 19

20 Si evidenzia dai dati di sintesi inoltre un altro fenomeno legato alla compresenza su livelli paragonabili di entrambi i flussi (import/export). Questo fatto anche se esprime un pareggio contabile denota un ingente movimentazione di rifiuti. 20

21 RIFIUTI SECIALI DIVISI ER FAMIGLIA IMORT (t.) EXORT (t.) FLUSSO REVALETE FLUSSO (t.) TRATTAMETO (SMALTIMETO 00 - FAMIGLIA O DEFIITA EXORT RIFIUTI DERIVATI DA ROSEZIOE, ESTRAZIOE DA MIIERA O CAVA, OCHE' DAL TRATTAMETO FISICO O CHIMICO DI MIERALI EXORT RIFIUTI RODOTTI DA AGRICOLTURA, ORTICOLTURA, ACQUACOLTURA, SELVICOLTURA, CACCIA E ESCA, TRATTAMETO E REARAZIOE DI ALIMETI EXORT RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DEL LEGO E DELLA RODUZIOE DI AELLI, MOBILI, OLA, CARTA E CARTOE EXORT RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DI ELLI E ELLICCE, OCHÉ DELL'IDUSTRIA TESSILE EXORT RIFIUTI DELLA RAFFIAZIOE DEL ETROLIO, URIFICAZIOE DEL GAS ATURALE E TRATTAMETO IROLITICO DEL CARBOE IMORT RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI IORGAICI EXORT RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI ORGAICI IMORT RIFIUTI DELLA RODUZIOE, FORMULAZIOE, FORITURA ED USO DI RIVESTIMETI (ITTURE, VERICI E SMALTI VETRATI), ADESIVI, SIGILLATI E ICHIOSTRI ER STAMA EXORT RIFIUTI DELL'IDUSTRIA FOTOGRAFICA IMORT RIFIUTI RODOTTI DA ROCESSI TERMICI IMORT RIFIUTI RODOTTI DAL TRATTAMETO CHIMICO SUERFICIALE E DAL RIVESTIMETO DI METALLI ED ALTRI MATERIALI; IDROMETALLURGIA O FERROSA EXORT RIFIUTI RODOTTI DALLA LAVORAZIOE E DAL TRATTAMETO FISICO E MECCAICO SUERFICIALE DI METALLI E LASTICA IMORT OLI ESAURITI E RESIDUI DI COMBUSTIBILI LIQUIDI IMORT SOLVETI ORGAICI, REFRIGERATI E ROELLETI DI SCARTO (tranne 07 e 08) EXORT RIFIUTI DI IMBALLAGGIO, ASSORBETI, STRACCI, MATERIALI FILTRATI E IDUMETI ROTETTIVI (O SECIFICATI ALTRIMETI) IMORT RIFIUTI O SECIFICATI ALTRIMETI ELL'ELECO EXORT RIFIUTI DELLE OERAZIOI DI COSTRUZIOE E DEMOLIZIOE (COMRESO IL TERREO ROVEIETE DA SITI COTAMIATI) IMORT RIFIUTI RODOTTI DAL SETTORE SAITARIO E VETERIARIO O DA ATTIVITÀ DI RICERCA COLLEGATE EXORT RIFIUTI RODOTTI DA IMIATI DI TRATTAMETO DEI RIFIUTI, IMIATI DI TRATTAMETO DELLE ACQUE REFLUE FUORI SITO, OCHÉ DALLA OTABILIZZAZIOE DELL'ACQUA EXORT RIFIUTI URBAI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI RODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E IDUSTRIALI OCHÉ DALLE ISTITUZIOI) ICLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFEREZIATA IMORT TOTALE RIFIUTI SECIALI () IMORT

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO + UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI

Dettagli

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI RIFIUTI CON IL RELATIVO CODICE CER CHE POTREBBERO ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ENERGETICA

Dettagli

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 133 Allegato parte integrante ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA LOCALI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

I rifiuti speciali 47

I rifiuti speciali 47 47 Il quadro conoscitivo relativo alla produzione e alle modalità di gestione dei rifiuti speciali nel 26, si basa sulle dichiarazioni MUD (Modello Unico di Dichiarazione ambientale), presentate nell anno

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI Premessa Allegato a) Come noto, in base alla disciplina di settore, i rifiuti vengono classificati urbani se prodotti dalle utenze domestiche

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA 18 ANNO XII N.48 NOVEMBRE 2006 Una sintetica guida alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale e alla determinazione dei codici europei dei

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11 - art. 13, comma 2, lettera d) ALLEGATO P8 Idecom Srl Via Innsbruck, 33 39100 Bolzano OIKOS Progetti

Dettagli

ALLEGATO 10 Codici Tabella A e Tabella B rev.01 Allegato all Elaborato Tecnico 1 Relazione Tecnica

ALLEGATO 10 Codici Tabella A e Tabella B rev.01 Allegato all Elaborato Tecnico 1 Relazione Tecnica IMPIANTO DI TERMOUTILIZZAZIONE Loc Pian dei Foci Comune di POGGIBONSI RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Integrazioni di cui alle note dell Amministrazione Provinciale di Siena Prot 100963 del

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

Piattaforma di Tortona

Piattaforma di Tortona Pagina 1 di 5 Piattaforma di Tortona Funzionamento della Piattaforma di Tortona Gestione dei rifiuti provenienti dai Comuni soci e/o dalle Utenze Private Autorizzate ACCETTAZIONE I mezzi in ingresso in

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti,

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti, DGR del 7 agosto 2010, n. 375 OGGETTO: Revisione del Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, di cui alla D.G.R. 310/2009. LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI INDICAZIONI PER I COORDINATORI DELLA SICUREZZA SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ALCUNE DEFINIZIONI TRATTE DAL D. LGS. 152/06

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA (Da inserire in BUSTA B -Offerta Economica- ) OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI Ne abbiamo le discariche piene! Il costo dei rifiuti. «Cittadino informato, cittadino salvato»

SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI Ne abbiamo le discariche piene! Il costo dei rifiuti. «Cittadino informato, cittadino salvato» SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI Ne abbiamo le discariche piene! Il costo dei rifiuti. «Cittadino informato, cittadino salvato» Cagliari (Lazzaretto di Sant Elia), 17 novembre 2012 Il costo

Dettagli

Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti

Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti N NUOVO Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti è in vigore dal 01.01.2002 e presenta sia caratteristiche comuni al Catalogo precedente sia tratti innovativi rispetto

Dettagli

I DETERMINANTI AMBIENTALI. capitolo RIFIUTI. dida dida dida dida dida dida dida dida dida CRM dida Meano dida dida Trento dida

I DETERMINANTI AMBIENTALI. capitolo RIFIUTI. dida dida dida dida dida dida dida dida dida CRM dida Meano dida dida Trento dida capitolo 3 I DETERMINANTI AMBIENTALI RIFIUTI dida dida dida dida dida dida dida dida dida CRM dida Meano dida dida Trento dida 3. rifiuti rifiuti 3 3.1 Produzione di rifiuti urbani e speciali...41 3.1.1

Dettagli

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 7 del 27/04/2012. INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi di applicazione

Dettagli

ORSO Osservatorio Rifiuti Sovraregionale SPECIFICHE PER LA COMPILAZIONE DELL APPLICATIVO SCHEDA IMPIANTI per la Regione Lombardia

ORSO Osservatorio Rifiuti Sovraregionale SPECIFICHE PER LA COMPILAZIONE DELL APPLICATIVO SCHEDA IMPIANTI per la Regione Lombardia ORSO Osservatorio Rifiuti Sovraregionale SPECIFICHE PER LA COMPILAZIONE DELL APPLICATIVO SCHEDA IMPIANTI per la Regione Lombardia Sul sito internet di ARPA Lombardia, alla pagina http://ita.arpalombardia.it/ita/servizi/rifiuti/orso.asp

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE

Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE Provincia di Bergamo SERVIZIO AMBIENTE - OSSERVATORIO PROVINCIALE RIFIUTI Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE anno 2004 Produzione Rifiuti e

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI Tipo di attività: SCAVO, COSTRUZIONE, DEMOLIZIONE (attività edile vera e propria) Codice CER Declaratoria Note 17.01.01 cemento 17.01.02 mattoni 17.01.03 mattonelle

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) Versione 1.0 18/10/2011 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) (DOCUMENTO IN VIA DI APPROVAZIONE) Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.lgs. 3 aprile

Dettagli

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012.

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. ALLEGATO 2 Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. Rinnovo convenzione con ATO 5 per la parte economica per l anno 2012 La assemblea di ATO5 del 22/12/2011

Dettagli

QUADRO CONOSCITIVO 6. RIFIUTI SISTEMA NATURALE E AMBIENTALE. 6. Rifiuti

QUADRO CONOSCITIVO 6. RIFIUTI SISTEMA NATURALE E AMBIENTALE. 6. Rifiuti QUADRO CONOSCITIVO SISTEMA NATURALE E AMBIENTALE 6. RIFIUTI 6. Rifiuti 6 RIFIUTI... 2 6.1 PIANO PROVINCIALE GESTIONE RIFIUTI (PPGR)... 2 6.1.1 Obiettivi di recupero del PPGR della Provincia di Parma...

Dettagli

COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE . COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE Allegato Delibera di Giunta Comunale n. 54 del 15.02.2010-1 - INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi

Dettagli

Inquadramento normativo

Inquadramento normativo Provincia di Vercelli Programma Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani Inquadramento normativo Con il recepimento della Direttiva 98/2008 sui rifiuti, è stata introdotta nell ordimento interno

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO

PROGETTO DI RIPRISTINO REGIONE TOSCANA PROVINCIA LIVORNO IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI POTENZA 7,17 MWp Strada Loc. Forni Comune di Suvereto VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A V.I.A. "PROGETTO DEFINITIVO" RETE RINNOVABILE S.R.L. Via

Dettagli

Sommario. Sistema Integrato di Trattamento e Smaltimento RSU di Torretta di Legnago (VR) Integrazione allo Studio di Impatto Ambientale

Sommario. Sistema Integrato di Trattamento e Smaltimento RSU di Torretta di Legnago (VR) Integrazione allo Studio di Impatto Ambientale Sommario 1. PREMESSE... 2 2. RIFIUTI ATTUALMENTE AMMESSI AL SISTEMA INTEGRATO... 4 3. CODICI OGGETTO DELL ISTANZA IN ESAME... 9 3.1 Rifiuti già ammessi al Sistema Integrato, ma con limitazioni nell A.I.A....

Dettagli

L ECOSOSTENIBILITA NASCE NELLA SCUOLA

L ECOSOSTENIBILITA NASCE NELLA SCUOLA I.T.I.S. A. PACINOTTI Taranto L ECOSOSTENIBILITA NASCE NELLA SCUOLA La Gestione dei Rifiuti Marzo 2012 Ing. Luca Mezzetti Il problema dei rifiuti Nell'ultimo secolo la crescita demografica e lo sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI (ex D.Lgs.152/06, art. 198 comma g) Art.

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI (ex D.Lgs.152/06, art. 198 comma g) Art. COMUNE DI MONTALTO DI CASTRO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI (ex D.Lgs.152/06, art. 198 comma g) Classificazione

Dettagli

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 100,0% Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei

Dettagli

a.a. 09-10 ing. F.Parotti Adempimenti normativi Ambientali nell attività di cantiere I RIFIUTI

a.a. 09-10 ing. F.Parotti Adempimenti normativi Ambientali nell attività di cantiere I RIFIUTI I RIFIUTI DEFINIZIONE DI RIFIUTO qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore: si disfi Voglia disfarsi Abbia l'obbligo di disfarsi (CEE 751442; termine per l'attuazione luglio1977), qualsiasi sostanza

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Oggetto: Richiesta di CONVENZIONE per il conferimento dei rifiuti assimilati agli urbani presso il Centro di Raccolta del Comune di Narni sito in Strada

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01 LINEE GUIDA GESTIONE DELLE CARTUCCE ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata alle cartucce

Dettagli

Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici

Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici -Esempio di classificazione delle apparecchiature da smaltire - Esempio di organizzazione del servizio di smaltimento - Costi del servizio

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche AREA SVILUPPO SOSTENIBILE E PIANIFICAZIONE AMBIENTALE Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche Torino, 18 OTT 2007 N. 233-1190524/2007 (numero - protocollo / anno) OGGETTO:

Dettagli

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 10 Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni

Dettagli

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti D.Lgs.151/05 RAEE Dott. Franco Gerardini Servizio Gestione Rifiuti La gestione integrata dei rifiuti Criticità del sistema regionale di gestione dei rifiuti la L.R.83/00 (contenente il PRGR) non recepisce

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2012. ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2012. ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Novembre 2014 ARPAV Direttore Generale Carlo Emanuele

Dettagli

Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER.

Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER. Capitolo 9 - Rifiuti 201 Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER. Figura 5. Andamento della produzione di rifiuti speciali pericolosi per macro CER. Da un

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

fll REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITA E QUALITA DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI

fll REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITA E QUALITA DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI fll REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITA E QUALITA DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI I rifiuti speciali non pericolosi per essere assimilati ai rifiuti urbani,

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI % RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI www.arpa.veneto.it Legambiente COMUNI RICICLONI INDICATORE MULTIPARAMETRICO Non solo %RD (rifiuti avviati a recupero, compresi inerti, ingombranti a spazzamento)

Dettagli

PROVINCIA DI FOGGIA. N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010

PROVINCIA DI FOGGIA. N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010 N 3 /Reg. Ambiente PROVINCIA DI FOGGIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMBIENTE N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010 OGGETTO: Integrazione e rinnovo autorizzazione alla soc. Nicola Veronico

Dettagli

RIFIUTI AGGIORNAMENTO 2013

RIFIUTI AGGIORNAMENTO 2013 RIFIUTI AGGIORNAMENTO 2013 Rifiuti La riduzione dei rifiuti, prima ancora della differenziazione, contribuisce a mitigare l impatto ambientale delle attività umane. 1 RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE

Dettagli

Lettera di presentazione

Lettera di presentazione NEW ENERGY POWER SRL Strada Vecchia per Chieri 100 14019 VILLANOVA D ASTI (AT) Italia Tel. +39 0141947622 Fax +39 0141947623 P.IVA e Cod.Fisc. 09652590010 Lettera di presentazione L azienda New Energy

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SEZIONE 3 Rifiuti speciali di origine sanitaria Luglio 1998 1 SOMMARIO 1. Quadro conoscitivo -------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons Pagina 1 di 10 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Cordenons Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma OHSAS

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Pagina 1 di 8 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

COMUNE DI PIEVE DI CENTO Provincia di Bologna

COMUNE DI PIEVE DI CENTO Provincia di Bologna COMUNE DI PIEVE DI CENTO Provincia di Bologna Regolamento comunale per la gestione del Centro di Raccolta dei Rifiuti urbani raccolti in modo differenziato (Stazione Ecologica Attrezzata) Norme di accesso

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali Oggetto: Rinnovo dell autorizzazione all esercizio dell impianto di recupero di proprietà della Ditta Benassuti Rottami S.a.s., sito in Località Pigno del Comune di Sommacampagna (Vr) e contestuale presa

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI L applicazione della Decisione 16 gennaio 2001(2001/118/CE) modificata ed integrata dalle Decisioni 2001/119/CE e 2001/573/CE e dalla Legge 21 dicembre 2001 n. 443 (art.

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

Come autorizzare un centro di preparazione al riutilizzo?

Come autorizzare un centro di preparazione al riutilizzo? Come autorizzare un centro di preparazione al riutilizzo? Una proposta della Provincia di Ferrara Rosalba Martino Silvia Malservisi 20 maggio 2015 Riuso/preparazione al riutilizzo Nozione CENTRO RIUSO

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

COMUNE DI MONTELIBRETTI Provincia di Roma

COMUNE DI MONTELIBRETTI Provincia di Roma COMUNE DI MONTELIBRETTI Provincia di Roma Regolamento per la gestione dei Rifiuti Urbani ALLEGATO A Assimilazione dei Rifiuti Speciali non pericolosi ai Rifiuti Urbani 1 Regolamento per la gestione integrata

Dettagli

Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti. Progetto a Tema 2011. Gli indicatori del recupero SINTESI

Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti. Progetto a Tema 2011. Gli indicatori del recupero SINTESI Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Progetto a Tema 2011 Gli indicatori del recupero SINTESI INDICE 1. PANORAMA NORMATIVO...3 1.1 Obiettivi per il recupero...3 1.2 Norme tecniche...4

Dettagli

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ALLEGATO B - SCHEMA - TIPO DI CONTRATTO DI SERVIZIO Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi Il produttore con sede in Via Comune di CAP Prov. Cod. Fisc P.IVA

Dettagli

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007 MUD 2015 RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MUD 2015 Normativa di riferimento Il D. Lgs. n.152/2006 all art. 189 dispone l obbligo di comunicare le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti per

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO

CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO Comune di Toscolano-Maderno CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO CHE COS È Il CENTRO DI RACCOLTA comunale o intercomunale (o isola ecologica ) è un area presidiata ed allestita ove si svolge

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA CITTA DI ARESE Provincia di Milano Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA INDICE

Dettagli

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente In collaborazione con REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI 1 INDICE Premessa

Dettagli

Chiarimenti e informazioni più frequentemente richiesti

Chiarimenti e informazioni più frequentemente richiesti PIATTAFORME PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA E CENTRI DI RACCOLTA Chiarimenti e informazioni più frequentemente richiesti Modalità di adozione dei codici del Catalogo Europeo dei Rifiuti (C.E.R.) Nella fase

Dettagli

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani CITTÀ DI BATTIPAGLIA Settore Tecnico e Politiche Comunitarie SERVIZIO AMBIENTE Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs.

Dettagli

I RAEE: RIFIUTI DA ELETTRICHE ED

I RAEE: RIFIUTI DA ELETTRICHE ED I RAEE: RIFIUTI DA ELETTRICHE ED 10 IDEE APPARECCHIATURE ELETTRONICHE di Gaia Gusso Intervista al dottor Paolo Pipere, Responsabile Servizio Territorio, Ambiente e Cultura della Camera di Commercio Industria

Dettagli

Guida all applicazione dei nuovi codici dei rifiuti

Guida all applicazione dei nuovi codici dei rifiuti Guida all applicazione dei nuovi codici dei rifiuti Volume I Giugno 2002 I n d i c e Premessa Pag. 2 Capitolo 1 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 1. La disciplina comunitaria: le Decisioni 2000/543/CE, 2002/118/CE,

Dettagli

Piano regionale di gestione dei rifiuti

Piano regionale di gestione dei rifiuti Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione centrale Ambiente e Lavori Pubblici Piano regionale di gestione dei rifiuti (art. 22, D.Lgs. 22/97) Sezione rifiuti speciali non pericolosi e rifiuti speciali

Dettagli

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio.

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. Un pò di dati sui rifiuti in Italia: Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. A cura di Giacomo Giargia (Ufficio Tecnico) TEMPI DI BIODEGRADAZIONE

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI E OPERATIVITÀ SISTRI

GESTIONE RIFIUTI E OPERATIVITÀ SISTRI CONFINDUSTRIA PADOVA, ROVIGO, TREVISO, VICENZA GESTIONE RIFIUTI E OPERATIVITÀ SISTRI FEBBRAIO 2014 Numero verde Le Associazioni di Padova, Rovigo, Treviso e Vicenza hanno sottoscritto un Accordo di collaborazione

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRESSO LA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNALE Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto utilizzo della piazzola ecologica

Dettagli

Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione

Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione Codice Fiscale 00350520177 Anno 2011 SEZIONE ANAGRAFICA Scheda SA - Anagrafica Nome o rag. sociale COMUNE DI Concesio SEDE a cui si riferisce

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

LE COMPETENZE DELLE PROVINCIE IN EMILIA-ROMAGNA

LE COMPETENZE DELLE PROVINCIE IN EMILIA-ROMAGNA LE COMPETENZE DELLE PROVINCIE IN EMILIA-ROMAGNA Competenze delegate dalla legge nazionale (art. 197 D.lgs 152/2006): a) controllo e verifica degli interventi di bonifica e loro monitoraggio; b) controllo

Dettagli