Piano Provinciale di Gestione dei rifiuti speciali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Provinciale di Gestione dei rifiuti speciali"

Transcript

1 ROVICIA DI COMO Settore Ecologia e Ambiente iano rovinciale di Gestione dei rifiuti speciali Direttiva 42//CE Direttiva Habitat (92/43/CEE) Direttiva Uccelli (79/409/CEE) D.lgs 22/1997 (ora Dlgs 152/06) L.r. 26/ Dgr n. 8/220/2005 *

2 ROGETTISTI: Dr. Geol. Franco Binaghi Dr. Arch. aolo egretti Dr. Arch. Marco Sampietro COLLABORATORI TECICI:.Ch. Stefano oseda COSULEZA VALUTAZIOE AMBIETALE STRATEGICA Dr.ssa, Arch. iera Belotti GIS MAAGER: Dr.ssa, Arch. iera Belotti COLLABORATORE AMMIISTRATIVO: Rag. Caterina edrazzani COORDIAMETO: Dr. Geol. Franco Binaghi 2

3 IDICE Introduzione Dati...5 1a) Bonifica dati...5 1b) Importazione ed elaborazione dati...7 1c) Campione di rappresentatività...8 1d) Analisi dei dati allegati Analisi di dettaglio e tabelle di sintesi a) Importazione ed esportazione dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi b) Analisi sulle potenzialità impiantistiche articolari categorie di rifiuti a) remessa b) Rifiuti da Apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) c) CB Costi Conclusioni ed Azioni...38 Allegato Compendio statistico

4 ITRODUZIOE In base a quanto stabilito dalla Dgr n. 220 del 27 giugno 2005, delibera di approvazione del iano Regionale per la Gestione dei Rifiuti, è necessario estendere la pianificazione anche ai Rifiuti Speciali e sottoporre il tutto a Valutazione Ambientale Strategica (Direttiva 42//CE). La definizione di rifiuti urbani o speciali è stabilita nell art. 7 del D.lgs. 22/97 (ora Dlgs 152/06), al quale si rimanda. er la ridefinizione del R (iano rovinciale dei Rifiuti), il gruppo di progettazione del Settore Ecologia e Ambiente della rovincia di Como ha elaborato i dati relativi alla produzione di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi totali e raggruppati per tipologia CER e/o attività economica. Allo stato di fatto sulla produzione di rifiuti speciali fanno seguito le analisi sulla mappatura dei flussi e dei trend di produzione e la definizione delle linee guida di piano. La definizione dei quantitativi prodotti di rifiuti speciali unitamente alle analisi strategiche è servita a definire il fabbisogno di gestione di rifiuti speciali sul territorio provinciale. In questa fase si è tenuto conto anche dell importazione/esportazione di rifiuti da/in altri ambiti territoriali. Con un analisi parallela, il gruppo di progettazione, ha elaborato i dati sugli impianti provinciali di gestione dei rifiuti con particolare riferimento alle rispettive potenzialità e ai rifiuti effettivamente trattati. Questa documento individua quindi la potenzialità provinciale di gestione. Si specifica che con il termine gestione ci si intende riferire a tutte le operazioni relative ai rifiuti (deposito, trattamento, smaltimento, recupero, così come previsto nella definizione di cui all art. 6 comma 1 lettera d ) del D.lgs. 22/97 (ora Dlgs 152/06). 4

5 1 DATI I dati sulla produzione di rifiuti speciali per la fase di analisi attualmente in corso sono stati recepiti dalla sede regionale del Catasto dei Rifiuti istituita presso l Agenzia Regionale per la rotezione dell Ambiente. Il Catasto Regionale istituito ai sensi del D.Lgs. 22/97 (ora Dlgs 152/06), e del D.M. 372 del 1998 fornisce annualmente alle rovince della Lombardia la banca dati bonificata delle dichiarazioni effettuate dalle imprese alle CCIAA ai sensi della L. 70/94 (MUD) e dei DCM attuativi. I dati sui rifiuti trattati e sulle potenzialità di gestione degli impianti sono stati estrapolati dalle fonti informative del Settore Ecologia e Ambiente della rovincia di Como ed in particolare dal: registro informatizzato delle comunicazioni effettuate dai recuperatori di rifiuti ai sensi degli art. 31 e 33 del D.Lgs. 22/97 (ora Dlgs 152/06), banca dati degli impianti autorizzati ai sensi degli art. 27 e 28 del D.lgs. 22/97 (ora Dlgs 152/06),. 1a) Bonifica dati I dati sulla produzione di rifiuti speciali acquisiti sono caratterizzati dalla presenza di un certo numero di errori di compilazione e/o trascrizione. E stata effettuata un opportuna analisi operando su una banca dati parallela a quella originaria, popolata con gli stessi dati trasformati da una o più procedure di bonifica. Obbiettivo del processo di bonifica è stato quello di ottenere una base corretta, da utilizzare a fini statistici. La bonifica dei dati del MUD è stata effettuata dagli uffici della Sezione Regionale del Catasto Rifiuti tramite un insieme di procedure standardizzate e finalizzate ognuna alla correzione di un certo tipo di errore. 5

6 In particolare la Sezione Regionale del Catasto dei Rifiuti ha operato utilizzando proprie procedure di bonifica e metodi messi a disposizione da AAT (Agenzia per la rotezione dell'ambiente e per i Servizi Tecnici). Le principali procedure adottate dal Catasto Regionale hanno riguardato i seguenti controlli: - verifica del codice fiscale del soggetto dichiarante; - eliminazione delle doppie dichiarazioni; - controlli e azioni correttive sulle unità di misura; - verifica dell esattezza dei codici Cer; - congruenza fra quantità prodotte un unità locale e ricevute da terzi; - verifica della fra numero di moduli rifiuto e moduli per dichiarazione; - verifica della esattezza dell indicazione di solo trasporto. I dati bonificati sono stati trasmessi annualmente dal Catasto Rifiuti alla rovincia di Como. L ultimo aggiornamento risale alla trasmissione avvenuta nel mese di novembre 2005 contenente i dati relativi a: - dichiarazioni Mud 2004 (dati ) relative a tutta la Lombardia, non bonificati forniti nel formato di interscambio utilizzato dal Catasto dei Rifiuti e codificato secondo specifiche SIAET; - dichiarazioni Mud 2004 (dati ) bonificati relativi a tutta la Lombardia, nel formato di interscambio utilizzato dal Catasto dei Rifiuti e codificato secondo specifiche SIAET e secondo le ulteriori procedure di bonifica messe a punto dalla Sezione Regionale del Catasto Rifiuti della Lombardia; I dati relativi alle annualità 2000,, erano già stati trasmessi negli anni precedenti. La bonifica dei dati MUD viene effettuata anche da altri soggetti, ma si ritiene a tutti gli effetti idoneo e con carattere di ufficialità il sistema di bonifica garantito dal Catasto Regionale istituito presso l ARA della Lombardia. 6

7 1b) Importazione ed elaborazione dati I dati bonificati acquisiti sono stati inseriti in un database relazionale (su piattaforma SQL server) tramite procedure di importazione dal formato di interscambio bonificato. Tali procedure hanno acquisito le informazioni secondo uno schema di tabelle appositamente elaborato con particolare riferimento al rispetto dell integrità dei vincoli. Lo schema di database così costituito presso la rovincia di Como rappresenta lo strumento base per l immagazzinamento, la consultazione e l analisi dei dati sui rifiuti speciali. In fase d importazione sono state effettuate ulteriori operazioni di bonifica atte ad eliminare palesi incongruenze come nel caso della dichiarazione da parte di Comuni di raccolte di rifiuti riferibili a frazioni relative alla raccolta differenziata e inserite invece nelle tabelle relative ai rifiuti di provenienza industriale. In fase di importazione sono stati isolati anche tutti i soggetti che hanno dichiarato di effettuare il solo trasporto dei rifiuti. In fase d importazione sono anche state equiparate tutte le unità di misura secondo la stessa grandezza di riferimento onde omogeneizzare le successive attività di analisi. E stata utilizzata una piattaforma di elevata potenza come SQL Server per garantire il massimo livello di integrità dei dati e per garantire le performance delle successive operazioni di elaborazione caratterizzate da elevati numeri di record (nell ordine di centinaia di migliaia per la banca dati di tutta la Lombardia) L elaborazione dei dati è stata fatta mediante l implementazione di apposite viste e mediante l utilizzo di apposite tabelle di decodifica come la tabella relativa alle attività economiche e la tabella relativa ai codici Cer dei rifiuti. L implementazione di queste due tabelle ha rappresentato una fase abbastanza delicata a causa di alcuni fattori. el caso dei codici dei rifiuti (CER) trattandosi di dati relativi al quadriennio si è dovuto procedere all inserimento sia dei codici relativi alla prima versione del Catalogo (allegati A e D al D.Lgs. 22/97 ora Dlgs 152/06), che dei codici successivamente transcodificati a seguito dell entrata in vigore della direttiva del 9 aprile che ha 7

8 introdotto il nuovo elenco dei rifiuti denominato allegato A ricomprendente sia rifiuti speciali non pericolosi che pericolosi. el caso dei codici relativi alle attività economiche, per lo stesso motivo, si è dovuto tener conto sia della codifica ATECO 1991 che della successiva e più recente transcodifica del (Codici Istat delle attività economiche e produttive) Inoltre per entrambe le tabelle è stata introdotta una tabella intermedia atta a valorizzare i molti casi in cui la transcodifica è presente e individuabile univocamente anche se espressa in forma inesatta. Le elaborazioni dei dati sono state riportate su reportistica informatizzata e sono allegate sotto forma di tabelle cartacee al presente documento. 1c) Campione di rappresentatività I dati sulla produzione di rifiuti speciali acquisiti sono caratterizzati da un proprio grado di rappresentatività della situazione reale. el caso del MUD (database sulle produzioni di rifiuti speciali) esistono alcune eccezioni sull obbligatorietà di compilazione e consegna dello stesso da parte dei soggetti produttori di rifiuti, il che apparentemente limita la copertura di rappresentatività del campione di dati. Le eccezioni sull obbligatorietà del MUD sono rintracciabili nell art. 11 del D.Lgs. 22/97 (ora Dlgs 152/06) e per effetto delle stesse il MUD non contiene le informazioni relative alla produzione di rifiuti speciali non pericolosi provenienti: - dalle ditte artigiane (art c.c.) con meno di 3 dipendenti; - dai piccoli imprenditori agricoli (art c.c.) con volume d affari annuo inferiore ai limiti previsti; - dalle ditte che conferiscono i rifiuti direttamente al servizio pubblico di raccolta; - da attività agro-industriali; - da attività di demolizione e costruzione; - da attività commerciali; - da attività di servizio; 8

9 - dalla dismissione di macchinari deteriorati o apparecchiature obsolete. I dati relativi alle ditte e agli impianti legittimati ad effettuare la gestione dei rifiuti e che quindi hanno effettuato comunicazione di inizio attività (artt. 31 e 33 D.Lgs. 22/97 ora Dlgs 152/06) oppure che sono in possesso di specifica autorizzazione (artt. 27 e 28 D.Lgs. 22/97 ora Dlgs 152/06), non presentano problemi di copertura del dato ad eccezione dell ipotesi di attività abusiva di gestione dei rifiuti. Quindi se da un lato i flussi relativi ai produttori esclusi dalla compilazione non vengono conteggiati dall altro lo sono comunque perché qualsiasi rifiuto viene dichiarato in fase di destinazione finale agli impianti di trattamento. Restano quindi effettivamente esclusi e saranno oggetto di apposita attenzione nella fase di monitoraggio solo quei flussi esclusi alla dichiarazione destinati ad ambiti extraprovinciali. 1d) Analisi dei dati allegati elle tabelle allegate 1/ABC si riportano i quantitativi di rifiuti speciali prodotti per singolo codice CER suddivisi per A) rifiuti prodotti nell unità locale, B) rifiuti prodotti in unità locali esterne; C) rifiuti prodotti totali (unità locali + unità esterne). ella tabella 2/ABC si riporta una selezione degli stessi dati, con l aggiunta del dato percentuale, nel caso in cui la produzione superi le 1000 tonnellate anno. Dalla tabella 2/A si nota come i rifiuti speciali maggiormente prodotti in unità locale siano: - imballaggi (150101, ); - rifiuti derivanti da impianti di trattamento dei rifiuti (190307) - ceneri pesanti e scorie (190112); - segatura e trucioli (030105); - fanghi di depurazione (190805). ella tabella 2/B (rifiuti prodotti fuori dall unità locale) si nota come l 80% circa del relativo totale riguardi: - rifiuti misti da attività di costruzione e demolizione (170904); - materiali da costruzione contenti amianto (170605); - terre e rocce (170504); E inoltre rilevante la produzione di fanghi delle fosse settiche (04). 9

10 Le tabelle 3/ABC si riferiscono alla produzione presso e fuori dall unità locale raggruppate per famiglia di rifiuto e sono tabelle quantitative. Le successive tabelle 4/ABC riportano gli stessi dati per famiglia di rifiuto espressi però in forma percentuale e suddivisi fra rifiuti non pericolosi, pericolosi ed entrambi. Spiccano tra i rifiuti non pericolosi prodotti presso l unità locale la famiglia CER 15 (imballaggi) = 17,6%, famiglia CER 19 (rifiuti prodotti dal trattamento dei rifiuti e delle acque) = 27,3%, famiglia CER 12 (rifiuti da trattamento di metalli e plastica) = 12,2%. Spiccano tra i rifiuti pericolosi prodotti presso l unità locale la famiglia CER 7 (rifiuti da processi organici) = 34,7%, famiglia CER 14 (solventi organici) = 15,9%, famiglia CER 16(rifiuti non specificati altrimenti) = 10% tra i quali a titolo esemplificativo sono ricompresi gli accumulatori al piombo i rifiuti pericolosi derivanti dalla demolizione dei veicoli edi prodotti fuori specifica. Le tabelle 5/ABC, 6/ABC consentono l effettuazione di analisi specifiche comparabili per attività produttiva e tipologia di rifiuto. La tabella 7/ABC riportano la produzione percentuale di raggruppate per attività economica, ciò ci consenti di individuare le attività economiche maggiormente responsabili nella produzione di rifiuti speciali,ù el caso di rifiuti prodotti presso l unità locale si è rilevato che la maggiore produzione di rifiuto sia riferibile alle seguenti attività economiche: - (90 smaltimento di rifiuti, delle acque di scarico e simili) = 27,5% - (28 fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo) = 9,8% - (37 recupero e preparazione per il riciclaggio) = 9,1% - (17 industrie tessili) = 6,9% - (26 fabbricazione di prodotti da lavorazione di minerali non metalliferi) = 5,8% el caso dei rifiuti prodotti al di fuori dell unità locale spiccano invece le seguenti attività: - (45 costruzioni) = 35,7% - (14 altre industri estrattive) = 32,8% - (90 smaltimento di rifiuti, delle acque di scarico e simili) = 12,3% 10

11 La tabella 8 riporta l analisi dei flussi (anno ) di rifiuti suddivisi per quantitativi destinati e ricevuti con riferimento agli ambiti territoriali di conferimento (export) dei rifiuti e agli ambiti territoriali da cui vengono ricevuti rifiuti (import). Gli ambiti territoriali di import/export utilizzati sono stati: - Como (rifiuti conferiti/ricevuti da unità ubicate in rovincia di Como) - Lombardia (rifiuti conferiti/ricevuti da unità ubicate in Lombardia ma non in rovincia di Como) - Italia (rifiuti conferiti/ricevuti da unità ubicate in Italia ma non in Lombardia) - Estero (rifiuti conferiti/ricevuti da unità ubicate all estero). La tabella 9 riporta un analisi dello stesso tipo per famiglia di rifiuto e la tabella 10 per attività economica. 11

12 2 AALISI DI DETTAGLIO E TABELLE DI SITESI roduzione totale di rifiuti speciali pericolosi: tonnellate. roduzione totale di rifiuti speciali non pericolosi: tonnellate. Dalle tabelle riportate di seguito si rileva l incidenza percentuale di ciascuna famiglia di rifiuti (CER) rispetto la produzione totale di rifiuti speciali (pericolosi e non) relativa al (ultima annualità disponibile). elle tabelle di riepilogo sono state evidenziate le famiglie di rifiuto caratterizzate dalle produzioni più alte, ovvero: Rifiuti non pericolosi rifiuti prodotti da impianti di trattamento dei rifiuti, impianti di trattamento delle acque reflue fuori sito, nonché dalla potabilizzazione dell'acqua rifiuti di imballaggio, assorbenti, stracci, materiali filtranti e indumenti protettivi (non specificati altrimenti) rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione (compreso il terreno proveniente da siti contaminati) rifiuti prodotti dalla lavorazione e dal trattamento fisico e meccanico superficiale di metalli e plastica rifiuti urbani (rifiuti domestici e assimilabili prodotti da attività commerciali e industriali nonché dalle istituzioni) inclusi i rifiuti della raccolta differenziata rifiuti della lavorazione del legno e della produzione di pannelli, mobili, polpa, carta e cartone Rifiuti pericolosi rifiuti dei processi chimici organici solventi organici, refrigeranti e propellenti di scarto (tranne 07 e 08) rifiuti non specificati altrimenti nell'elenco 12

13 RIFIUTI O ERICOLOSI TOTALI DIVISI ER FAMIGLIA TOELLATE ICIDEZA 01 - RIFIUTI DERIVATI DA ROSEZIOE, ESTRAZIOE DA MIIERA O CAVA, OCHE' DAL TRATTAMETO FISICO O CHIMICO DI MIERALI 02 - RIFIUTI RODOTTI DA AGRICOLTURA, ORTICOLTURA, ACQUACOLTURA, SELVICOLTURA, CACCIA E ESCA, TRATTAMETO E REARAZIOE DI ALIMETI 03 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DEL LEGO E DELLA RODUZIOE DI AELLI, MOBILI, OLA, CARTA E CARTOE ,0% ,3% ,9% 04 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DI ELLI E ELLICCE, OCHÉ DELL'IDUSTRIA TESSILE ,6% 05 - RIFIUTI DELLA RAFFIAZIOE DEL ETROLIO, URIFICAZIOE DEL GAS ATURALE E TRATTAMETO IROLITICO DEL CARBOE - 0,0% 06 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI IORGAICI ,9% 07 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI ORGAICI ,5% 08 - RIFIUTI DELLA RODUZIOE, FORMULAZIOE, FORITURA ED USO DI RIVESTIMETI (ITTURE, VERICI E SMALTI VETRATI), ADESIVI, SIGILLATI E ICHIOSTRI ER STAMA ,6% 09 - RIFIUTI DELL'IDUSTRIA FOTOGRAFICA 20 0,0% 10 - RIFIUTI RODOTTI DA ROCESSI TERMICI ,6% 11 - RIFIUTI RODOTTI DAL TRATTAMETO CHIMICO SUERFICIALE E DAL RIVESTIMETO DI METALLI ED ALTRI MATERIALI; IDROMETALLURGIA O FERROSA 12 - RIFIUTI RODOTTI DALLA LAVORAZIOE E DAL TRATTAMETO FISICO E MECCAICO SUERFICIALE DI METALLI E LASTICA ,4% ,7% 13 - OLI ESAURITI E RESIDUI DI COMBUSTIBILI LIQUIDI ,0% 15 - RIFIUTI DI IMBALLAGGIO, ASSORBETI, STRACCI, MATERIALI FILTRATI E IDUMETI ROTETTIVI (O SECIFICATI ALTRIMETI) ,3% 16 - RIFIUTI O SECIFICATI ALTRIMETI ELL'ELECO ,3% 17 - RIFIUTI DELLE OERAZIOI DI COSTRUZIOE E DEMOLIZIOE (COMRESO IL TERREO ROVEIETE DA SITI COTAMIATI) ,1% 18 - RIFIUTI RODOTTI DAL SETTORE SAITARIO E VETERIARIO O DA ATTIVITÀ DI RICERCA COLLEGATE RIFIUTI RODOTTI DA IMIATI DI TRATTAMETO DEI RIFIUTI, IMIATI DI TRATTAMETO DELLE ACQUE REFLUE FUORI SITO, OCHÉ DALLA OTABILIZZAZIOE DELL'ACQUA RIFIUTI URBAI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI RODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E IDUSTRIALI OCHÉ DALLE ISTITUZIOI) ICLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFEREZIATA 39 0,0% ,7% ,7% ,5% 13

14 RIFIUTI ERICOLOSI TOTALI DIVISI ER FAMIGLIA TOELLATE ICIDEZA 01 - RIFIUTI DERIVATI DA ROSEZIOE, ESTRAZIOE DA MIIERA O CAVA, OCHE' DAL TRATTAMETO FISICO O CHIMICO DI MIERALI 02 - RIFIUTI RODOTTI DA AGRICOLTURA, ORTICOLTURA, ACQUACOLTURA, SELVICOLTURA, CACCIA E ESCA, TRATTAMETO E REARAZIOE DI ALIMETI 03 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DEL LEGO E DELLA RODUZIOE DI AELLI, MOBILI, OLA, CARTA E CARTOE - 0,0% 3 0,0% 1 0,0% 04 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DI ELLI E ELLICCE, OCHÉ DELL'IDUSTRIA TESSILE 24 0,0% 05 - RIFIUTI DELLA RAFFIAZIOE DEL ETROLIO, URIFICAZIOE DEL GAS ATURALE E TRATTAMETO IROLITICO DEL CARBOE 1 0,0% 06 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI IORGAICI 973 0,2% 07 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI ORGAICI ,5% 08 - RIFIUTI DELLA RODUZIOE, FORMULAZIOE, FORITURA ED USO DI RIVESTIMETI (ITTURE, VERICI E SMALTI VETRATI), ADESIVI, SIGILLATI E ICHIOSTRI ER STAMA ,9% 09 - RIFIUTI DELL'IDUSTRIA FOTOGRAFICA ,3% 10 - RIFIUTI RODOTTI DA ROCESSI TERMICI 313 0,1% 11 - RIFIUTI RODOTTI DAL TRATTAMETO CHIMICO SUERFICIALE E DAL RIVESTIMETO DI METALLI ED ALTRI MATERIALI; IDROMETALLURGIA O FERROSA 12 - RIFIUTI RODOTTI DALLA LAVORAZIOE E DAL TRATTAMETO FISICO E MECCAICO SUERFICIALE DI METALLI E LASTICA ,9% ,5% 13 - OLI ESAURITI E RESIDUI DI COMBUSTIBILI LIQUIDI ,6% 14 - SOLVETI ORGAICI, REFRIGERATI E ROELLETI DI SCARTO (tranne 07 e 08) ,1% 15 - RIFIUTI DI IMBALLAGGIO, ASSORBETI, STRACCI, MATERIALI FILTRATI E IDUMETI ROTETTIVI (O SECIFICATI ALTRIMETI) ,4% 16 - RIFIUTI O SECIFICATI ALTRIMETI ELL'ELECO ,3% 17 - RIFIUTI DELLE OERAZIOI DI COSTRUZIOE E DEMOLIZIOE (COMRESO IL TERREO ROVEIETE DA SITI COTAMIATI) ,8% 18 - RIFIUTI RODOTTI DAL SETTORE SAITARIO E VETERIARIO O DA ATTIVITÀ DI RICERCA COLLEGATE RIFIUTI RODOTTI DA IMIATI DI TRATTAMETO DEI RIFIUTI, IMIATI DI TRATTAMETO DELLE ACQUE REFLUE FUORI SITO, OCHÉ DALLA OTABILIZZAZIOE DELL'ACQUA RIFIUTI URBAI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI RODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E IDUSTRIALI OCHÉ DALLE ISTITUZIOI) ICLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFEREZIATA ,2% ,9% 99 0,0% ,5% 14

15 roduzione pro-capite di rifiuti speciali pericolosi: 147 Kg/ab. anno roduzione pro-capite di rifiuti speciali non pericolosi: 940 Kg/ab. anno La produzione pro capite è stata calcolata in base al dato di popolazione residente fornito dall Osservatorio dei Rifiuti e relativo al 31/12/ equivalente ad una popolazione di abitanti. on si riportano le famiglie CER di maggiore incidenza perché sono le stesse relative alla produzione totale precedentemente evidenziate. Un importante approfondimento si ha incrociando i dati di produzione con i dati relativi alla gestione finale intesa come smaltimento o recupero presso gli impianti autorizzati in provincia di Como. Il dato risulta sempre da elaborazioni sulla banca dati bonificata del MUD con particolare riferimento alle schede MGD ed MGR e consultando gli archivi provinciali delle aziende autorizzate alla gestione dei rifiuti. RIFIUTI SECIALI ERCIOLOSI E O ERICOLOSI roduzione (t.) Smaltimento (t.) Recupero (t.) n.d Dalla tabella si evidenzia come il totale dei rifiuti gestiti (smaltiti o trattati) in rovincia di Como sia superiore ai rifiuti prodotti con un elevata quota soprattutto sotto il profilo del recupero. L incidenza di trattamento è quindi conseguenza oltre che della produzione interna anche della importazione di rifiuti da altre rovince. Successivamente si tratterà nello specifico l analisi sui flussi di importazione ed esportazione dei rifiuti. 15

16 Si nota una tendenziale crescita contenuta (mediamente l 8%) nella prod 16

17 RO CAITE RIFIUTI O ERICOLOSI DIVISI ER FAMIGLIA Kg/Ab.anno ICIDEZA 01 - RIFIUTI DERIVATI DA ROSEZIOE, ESTRAZIOE DA MIIERA O CAVA, OCHE' DAL TRATTAMETO FISICO O CHIMICO DI MIERALI 02 - RIFIUTI RODOTTI DA AGRICOLTURA, ORTICOLTURA, ACQUACOLTURA, SELVICOLTURA, CACCIA E ESCA, TRATTAMETO E REARAZIOE DI ALIMETI 03 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DEL LEGO E DELLA RODUZIOE DI AELLI, MOBILI, OLA, CARTA E CARTOE 32,56 3,0% 25,10 2,3% 64,57 5,9% 04 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DI ELLI E ELLICCE, OCHÉ DELL'IDUSTRIA TESSILE 17,48 1,6% 05 - RIFIUTI DELLA RAFFIAZIOE DEL ETROLIO, URIFICAZIOE DEL GAS ATURALE E TRATTAMETO IROLITICO DEL CARBOE - 0,0% 06 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI IORGAICI 20,36 1,9% 07 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI ORGAICI 15,78 1,5% 08 - RIFIUTI DELLA RODUZIOE, FORMULAZIOE, FORITURA ED USO DI RIVESTIMETI (ITTURE, VERICI E SMALTI VETRATI), ADESIVI, SIGILLATI E ICHIOSTRI ER STAMA 16,90 1,6% 09 - RIFIUTI DELL'IDUSTRIA FOTOGRAFICA 0,04 0,0% 10 - RIFIUTI RODOTTI DA ROCESSI TERMICI 38,58 3,6% 11 - RIFIUTI RODOTTI DAL TRATTAMETO CHIMICO SUERFICIALE E DAL RIVESTIMETO DI METALLI ED ALTRI MATERIALI; IDROMETALLURGIA O FERROSA 12 - RIFIUTI RODOTTI DALLA LAVORAZIOE E DAL TRATTAMETO FISICO E MECCAICO SUERFICIALE DI METALLI E LASTICA 3,87 0,4% 105,40 9,7% 13 - OLI ESAURITI E RESIDUI DI COMBUSTIBILI LIQUIDI... 0,00 0,0% 15 - RIFIUTI DI IMBALLAGGIO, ASSORBETI, STRACCI, MATERIALI FILTRATI E IDUMETI ROTETTIVI (O SECIFICATI ALTRIMETI) 155,74 14,3% 16 - RIFIUTI O SECIFICATI ALTRIMETI ELL'ELECO 24,45 2,3% 17 - RIFIUTI DELLE OERAZIOI DI COSTRUZIOE E DEMOLIZIOE (COMRESO IL TERREO ROVEIETE DA SITI COTAMIATI) 109,92 10,1% 18 - RIFIUTI RODOTTI DAL SETTORE SAITARIO E VETERIARIO O DA ATTIVITÀ DI RICERCA COLLEGATE RIFIUTI RODOTTI DA IMIATI DI TRATTAMETO DEI RIFIUTI, IMIATI DI TRATTAMETO DELLE ACQUE REFLUE FUORI SITO, OCHÉ DALLA OTABILIZZAZIOE DELL'ACQUA RIFIUTI URBAI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI RODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E IDUSTRIALI OCHÉ DALLE ISTITUZIOI) ICLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFEREZIATA 0,07 0,0% 235,94 21,7% 73,17 6,7% 939,91 86,5% 17

18 RO CAITE RIFIUTI ERICOLOSI DIVISI ER FAMIGLIA Kg/Ab.anno ICIDEZA 01 - RIFIUTI DERIVATI DA ROSEZIOE, ESTRAZIOE DA MIIERA O CAVA, OCHE' DAL TRATTAMETO FISICO O CHIMICO DI MIERALI 02 - RIFIUTI RODOTTI DA AGRICOLTURA, ORTICOLTURA, ACQUACOLTURA, SELVICOLTURA, CACCIA E ESCA, TRATTAMETO E REARAZIOE DI ALIMETI 03 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DEL LEGO E DELLA RODUZIOE DI AELLI, MOBILI, OLA, CARTA E CARTOE - 0,0% 0,00 0,0% 0,00 0,0% 04 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DI ELLI E ELLICCE, OCHÉ DELL'IDUSTRIA TESSILE 0,04 0,0% 05 - RIFIUTI DELLA RAFFIAZIOE DEL ETROLIO, URIFICAZIOE DEL GAS ATURALE E TRATTAMETO IROLITICO DEL CARBOE 0,00 0,0% 06 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI IORGAICI 1,76 0,2% 07 - RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI ORGAICI 48,86 4,5% 08 - RIFIUTI DELLA RODUZIOE, FORMULAZIOE, FORITURA ED USO DI RIVESTIMETI (ITTURE, VERICI E SMALTI VETRATI), ADESIVI, SIGILLATI E ICHIOSTRI ER STAMA 9,98 0,9% 09 - RIFIUTI DELL'IDUSTRIA FOTOGRAFICA 2,76 0,3% 10 - RIFIUTI RODOTTI DA ROCESSI TERMICI 0,57 0,1% 11 - RIFIUTI RODOTTI DAL TRATTAMETO CHIMICO SUERFICIALE E DAL RIVESTIMETO DI METALLI ED ALTRI MATERIALI; IDROMETALLURGIA O FERROSA 12 - RIFIUTI RODOTTI DALLA LAVORAZIOE E DAL TRATTAMETO FISICO E MECCAICO SUERFICIALE DI METALLI E LASTICA 9,52 0,9% 5,87 0,5% 13 - OLI ESAURITI E RESIDUI DI COMBUSTIBILI LIQUIDI... 6,21 0,6% 14 - SOLVETI ORGAICI, REFRIGERATI E ROELLETI DI SCARTO (tranne 07 e 08) 22,39 2,1% 15 - RIFIUTI DI IMBALLAGGIO, ASSORBETI, STRACCI, MATERIALI FILTRATI E IDUMETI ROTETTIVI (O SECIFICATI ALTRIMETI) 3,99 0,4% 16 - RIFIUTI O SECIFICATI ALTRIMETI ELL'ELECO 14,20 1,3% 17 - RIFIUTI DELLE OERAZIOI DI COSTRUZIOE E DEMOLIZIOE (COMRESO IL TERREO ROVEIETE DA SITI COTAMIATI) 8,58 0,8% 18 - RIFIUTI RODOTTI DAL SETTORE SAITARIO E VETERIARIO O DA ATTIVITÀ DI RICERCA COLLEGATE RIFIUTI RODOTTI DA IMIATI DI TRATTAMETO DEI RIFIUTI, IMIATI DI TRATTAMETO DELLE ACQUE REFLUE FUORI SITO, OCHÉ DALLA OTABILIZZAZIOE DELL'ACQUA RIFIUTI URBAI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI RODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E IDUSTRIALI OCHÉ DALLE ISTITUZIOI) ICLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFEREZIATA 2,33 0,2% 9,23 0,9% 0,18 0,0% 146,50 13,5% 18

19 2a) Importazione ed esportazione dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi In base alla tabella di sintesi riportata di seguito si rileva innanzitutto che la rovincia di Como registra un flusso totale di rifiuti in entrata o uscita dalla circoscrizione rovinciale nell ordine di tonnellate (dato ) di cui tonnellate in entrata e tonnellate in uscita. Risulta quindi un saldo sul totale dei rifiuti a vantaggio dell importazione nell ordine delle tonnellate; questo dato se viene però calcolato sulle singole famiglie di rifiuti fornisce analisi differenti mettendo in evidenza come su alcune di esse si confermi la tendenza all importazione mentre su altre risulti evidente la dipendenza della nostra provincia da impianti esterni. er la precisione le famiglie CER esportate che rispetto alla relativa produzione totale non trovano autosufficienza di destinazione nell ambito provinciale sono: rifiuti della lavorazione del legno e della produzione di pannelli, mobili, polpa, carta e cartone rifiuti non specificati altrimenti nell'elenco rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonche' dal trattamento fisico o chimico di minerali08 - rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di rivestimenti (pitture, vernici e smalti vetrati), adesivi, sigillanti e inchiostri per stampa rifiuti prodotti da agricoltura, orticoltura, acquacoltura, selvicoltura, caccia e pesca, trattamento e preparazione di alimenti solventi organici, refrigeranti e propellenti di scarto (tranne 07 e 08). Mentre la famiglia 19 (rifiuti prodotti da impianti di trattamento dei rifiuti, impianti di trattamento delle acque reflue fuori sito, nonché dalla potabilizzazione dell'acqua) trova autosufficienza impiantistica considerando il solo rifiuto prodotto in provincia Como. er le analisi sui singoli codici di rifiuti si rimanda alle tabelle allegate 8 e 9 che distinguono inoltre l esportazione e l importazione in base agli ambiti finali di destinazione o provenienza del rifiuto (Lombardia, Italia, Estero). 19

20 Si evidenzia dai dati di sintesi inoltre un altro fenomeno legato alla compresenza su livelli paragonabili di entrambi i flussi (import/export). Questo fatto anche se esprime un pareggio contabile denota un ingente movimentazione di rifiuti. 20

21 RIFIUTI SECIALI DIVISI ER FAMIGLIA IMORT (t.) EXORT (t.) FLUSSO REVALETE FLUSSO (t.) TRATTAMETO (SMALTIMETO 00 - FAMIGLIA O DEFIITA EXORT RIFIUTI DERIVATI DA ROSEZIOE, ESTRAZIOE DA MIIERA O CAVA, OCHE' DAL TRATTAMETO FISICO O CHIMICO DI MIERALI EXORT RIFIUTI RODOTTI DA AGRICOLTURA, ORTICOLTURA, ACQUACOLTURA, SELVICOLTURA, CACCIA E ESCA, TRATTAMETO E REARAZIOE DI ALIMETI EXORT RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DEL LEGO E DELLA RODUZIOE DI AELLI, MOBILI, OLA, CARTA E CARTOE EXORT RIFIUTI DELLA LAVORAZIOE DI ELLI E ELLICCE, OCHÉ DELL'IDUSTRIA TESSILE EXORT RIFIUTI DELLA RAFFIAZIOE DEL ETROLIO, URIFICAZIOE DEL GAS ATURALE E TRATTAMETO IROLITICO DEL CARBOE IMORT RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI IORGAICI EXORT RIFIUTI DEI ROCESSI CHIMICI ORGAICI IMORT RIFIUTI DELLA RODUZIOE, FORMULAZIOE, FORITURA ED USO DI RIVESTIMETI (ITTURE, VERICI E SMALTI VETRATI), ADESIVI, SIGILLATI E ICHIOSTRI ER STAMA EXORT RIFIUTI DELL'IDUSTRIA FOTOGRAFICA IMORT RIFIUTI RODOTTI DA ROCESSI TERMICI IMORT RIFIUTI RODOTTI DAL TRATTAMETO CHIMICO SUERFICIALE E DAL RIVESTIMETO DI METALLI ED ALTRI MATERIALI; IDROMETALLURGIA O FERROSA EXORT RIFIUTI RODOTTI DALLA LAVORAZIOE E DAL TRATTAMETO FISICO E MECCAICO SUERFICIALE DI METALLI E LASTICA IMORT OLI ESAURITI E RESIDUI DI COMBUSTIBILI LIQUIDI IMORT SOLVETI ORGAICI, REFRIGERATI E ROELLETI DI SCARTO (tranne 07 e 08) EXORT RIFIUTI DI IMBALLAGGIO, ASSORBETI, STRACCI, MATERIALI FILTRATI E IDUMETI ROTETTIVI (O SECIFICATI ALTRIMETI) IMORT RIFIUTI O SECIFICATI ALTRIMETI ELL'ELECO EXORT RIFIUTI DELLE OERAZIOI DI COSTRUZIOE E DEMOLIZIOE (COMRESO IL TERREO ROVEIETE DA SITI COTAMIATI) IMORT RIFIUTI RODOTTI DAL SETTORE SAITARIO E VETERIARIO O DA ATTIVITÀ DI RICERCA COLLEGATE EXORT RIFIUTI RODOTTI DA IMIATI DI TRATTAMETO DEI RIFIUTI, IMIATI DI TRATTAMETO DELLE ACQUE REFLUE FUORI SITO, OCHÉ DALLA OTABILIZZAZIOE DELL'ACQUA EXORT RIFIUTI URBAI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI RODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E IDUSTRIALI OCHÉ DALLE ISTITUZIOI) ICLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFEREZIATA IMORT TOTALE RIFIUTI SECIALI () IMORT

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia. Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera

GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia. Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera Ulteriora mirari, praesentia sequi. (Guardare al futuro, stare

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie Il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani: sfide locali e globali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - La Regione Piemonte e la politica europea:

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA 10. RIFIUTI CAPITOLO 10 RIFIUTI Autori: Letteria ADELLA 1, Gabriella ARAGONA 1, Patrizia D ALESSANDRO 1, Valeria FRITTELLONI 1, Cristina FRIZZA 1, Andrea Massimiliano LANZ 1, Rosanna LARAIA 1, Irma LUPICA

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News 1 di 9 1/30/2009 4:47 PM Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News ITALIA, DOVE MUOIONO I PC E I CELLULARI OBSOLETI Quando gli italiani

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI ANCHE PERICOLOSI

PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI ANCHE PERICOLOSI Piano di Gestione dei rifiuti speciali anche pericolosi della Provincia di LIVORNO Provincia di Livorno Settore 7- Tutela ambiente U.O. Rifiuti e bonifiche siti inquinati Con la collaborazione di Agenzia

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

15 Rapporto sulla gestione dei rifiuti urbani in Sardegna Anno 2013

15 Rapporto sulla gestione dei rifiuti urbani in Sardegna Anno 2013 REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AGENTZIA REGIONALE PRO S AMPARU DE S AMBIENTE DE SARDIGNA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS 15 Rapporto

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli