Introduzione La disciplina relativa alle spedizioni di rifiuti nell ambito della Comunità Europea e nei confronti dei Paesi terzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione La disciplina relativa alle spedizioni di rifiuti nell ambito della Comunità Europea e nei confronti dei Paesi terzi"

Transcript

1 Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 25/07/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario aprire il singolo allegato e stamparlo. File PDF creato in data 19/06/2008 Per maggiori informazioni rivolgersi: Servizio Ambiente e sicurezza Piazza Castello, Vicenza tel fax LA DISCIPLINA RELATIVA ALLE SPEDIZIONI DI RIFIUTI NELL AMBITO DELLA COMUNITÀ EUROPEA E NEI CONFRONTI DEI PAESI TERZI Introduzione Capitolo n. 1. Entrata in vigore e regime transitorio Capitolo n. 2. Campo di applicazione Sotto Capitolo n Spedizioni tra Stati membri dell UE Spedizioni intracomunitarie Sotto Capitolo n Esportazioni di rifiuti dall Unione europea Sotto Capitolo n Importazioni di rifiuti nell Unione europea Capitolo n. 3. Esclusioni Capitolo n. 4. Procedura di notifica e autorizzazione per le spedizioni intracomunitarie Sotto Capitolo n Notifica generale Sotto Capitolo n Procedura di notifica per le esportazioni verso i Paesi EFTA Sotto Capitolo n Procedura di notifica per le esportazioni verso i Paesi OCSE Sotto Capitolo n Procedura di notifica per le importazioni di rifiuti da Paesi aderenti alla Convenzione di Basilea Capitolo n. 5. Obblighi generali di informazione Capitolo n. 6. Miscele di rifiuti Capitolo n. 7. Operazioni intermedie di recupero e di smaltimento Capitolo n. 8. Soluzione dei disaccordi Capitolo n. 9. Contenuti degli allegati al regolamento Capitolo n. 10. Tavola comparata dei Paesi aderenti all Unione europea, all EFTA, alla Convenzione di Basilea ed all OCSE Introduzione La disciplina relativa alle spedizioni di rifiuti nell ambito della Comunità Europea e nei confronti dei Paesi terzi Premessa Struttura formale del regolamento Il regolamento (CE) n. 1013/2006 relativo alle spedizioni di rifiuti (GUCE 12/7/2006, n. L 190) è costituito da 64 articoli e 14 allegati. I 64 articoli sono così raggruppati: Titolo I: Ambito d applicazione e definizioni (artt. 1 e 2); Titolo II: Spedizioni all interno della Comunità europea (artt. 3-32); Titolo III: Spedizioni esclusivamente all interno degli Stati membri (art. 33; rinvio alle norme di diritto interno); Titolo IV: Esportazioni dalla Comunità verso paesi terzi (artt ); Titolo V: Importazioni nella Comunità da paesi terzi (art ); Titolo VI: Transito nel territorio della Comunità (artt. 47 e 48): Titolo VII: Altre disposizioni (artt ).

2

3 Capitolo n. 1 Entrata in vigore e regime transitorio Il regolamento n. 1013/2006 è entrato in vigore il 15 luglio 2006 (art. 64, paragrafo 1, primo comma), si applica dal 12 luglio 2007 (art. 64, paragrafo 1, secondo comma). A partire dalla stessa data del 12 luglio 2007 sono abrogati il regolamento (CEE) n. 259/1993 (relativo alla sorveglianza e al controllo delle spedizioni di rifiuti all interno della Comunità europea, nonché in entrata e in uscita dal suo territorio) e la decisione 94/774/CE (relativa al documento di accompagnamento standard previsto dal regolamento (CEE) n. 259/1993 del Consiglio relativo alla sorveglianza e al controllo delle spedizioni di rifiuti all interno della Comunità europea, nonché in entrata e in uscita dal suo territorio) (art. 61, paragrafo 1). Per la fase transitoria: le spedizioni che sono state notificate ed il cui ricevimento è stato confermato dall autorità competente di destinazione prima del 12 luglio 2007 continuano ad essere soggette al regolamento (CEE) n. 259/1993 (art. 62, paragrafo 1); le spedizioni autorizzate secondo il regolamento (CEE) n. 259/1993 devono essere portate a termine entro il 12 luglio 2008 (art. 62, paragrafo 2).

4 Capitolo n. 2 Campo di applicazione Il regolamento n. 1013/2006 disciplina le spedizioni transfrontaliere di rifiuti, ed in particolare quelle (art. 1, paragrafo 2): tra Stati membri della Unione europea (spedizioni intracomunitarie); in uscita dall Unione europea (esportazioni); in entrata nell Unione europea (importazioni). Non riguarda le spedizioni che si risolvono interamente ed esclusivamente all interno dei singoli Stati membri, spedizioni per le quali si limita a richiedere che siano disciplinate dalle norme di diritto interno in modo coerente con il sistema comunitario (art. 33).

5 Sotto Capitolo n. 2.1 Spedizioni tra Stati membri dell UE Spedizioni intracomunitarie Nell ambito dell UE è possibile spedire rifiuti di qualunque tipo, sia per sottoporli ad operazioni di smaltimento che di recupero. La spedizione è di norma sottoposta a procedura di notifica ed autorizzazione; la notifica e le autorizzazioni debbono essere preventive e scritte. Solo se destinati a recupero e solo i rifiuti dell elenco verde (allegato III al regolamento) possono essere spediti nel rispetto degli obblighi generali di informazione senza notifica ed autorizzazione (art. 3).

6 Sotto Capitolo n. 2.2 Esportazioni di rifiuti dall Unione europea Le esportazioni di rifiuti dall Unione europea sono consentite per tipologie diverse a seconda del paese di destinazione, distinguendosi: le esportazioni verso i Paesi aderenti all EFTA (esportazioni in area EFTA); le esportazioni verso i Paesi ai quali si applica la decisione OCSE sul controllo dei movimenti transfrontalieri di rifiuti destinati ad operazioni di recupero (esportazioni in area OCSE); le esportazioni verso gli altri Paesi (esportazioni extra OCSE) (artt ) Esportazioni in area EFTA (European Free Trade Organization) Verso i Paesi aderenti all EFTA è consentito esportare: rifiuti destinati allo smaltimento con la procedura di notifica ed autorizzazione opportunamente adattata; rifiuti destinati al recupero di norma con la procedura di notifica opportunamente adattata; rifiuti destinati al recupero ed inclusi nell elenco verde anche con la sola procedura di informazione (artt. 34 e 35; si tenga conto che ai Paesi aderenti all EFTA si applica anche la decisione OCSE, si veda quindi anche l art. 38) Esportazioni in area OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) Verso i Paesi ai quali si applica la decisione OCSE è consentito esportare: rifiuti destinati al recupero di norma con la procedura di notifica ed autorizzazione opportunamente adattata; rifiuti destinati al recupero ed inclusi nell elenco verde anche con la sola procedura di informazione (art. 38). E' comunque vietata l esportazione di rifiuti destinati allo smaltimento verso Paesi ai quali si applica la decisione OCSE, ma che non fanno parte dell EFTA (art. 34) Esportazioni verso gli altri Paesi Le esportazioni verso Paesi terzi (esportazioni extra EFTA ed extra OCSE) sono consentite solo ai fini del recupero e, di norma, con la procedura di notifica ed autorizzazione opportunamente adattata (art. 36). E' peraltro previsto che la Commissione interpelli tutti i Paesi ai quali non si applica la decisione OCSE e, sulla base delle indicazioni ricevute da ciascuno di essi, possa adottare un regolamento che stabilisca Paese per Paese diverse procedure di controllo (o nessun controllo) per l esportazione di rifiuti destinati al recupero inclusi nell elenco verde (art. 37). In attuazione di tale disposizione è stato adottato il regolamento CE n. 801/2007 del 6 luglio 2007 relativo all'esportazione di alcuni rifiuti destinati al recupero, elencati nell'allegato III o III A del regolamento (CE) n. 1013/2006, verso alcuni paesi ai quali non si applica la decisione dell'ocse sul controllo dei movimenti transfrontalieri di rifiuti (GUCE 7/7/2007, n. L 179) Sono comunque vietate le esportazioni extra OCSE, anche ai fini del recupero, dei rifiuti individuati in base ai criteri dell allegato V (art. 36); in base a tale allegato risultano in sintesi non esportabili extra OCSE: i rifiuti pericolosi (codici CER con asterisco), i rifiuti classificati come pericolosi dalla convenzione di Basilea (allegato VIII a detta convenzione); altri rifiuti espressamente elencati nella parte terza del medesimo allegato V. E', invece, espressamente consentita l esportazione (a fini di recupero) extra OCSE dei rifiuti elencati nell allegato IX della convenzione di Basilea, che essenzialmente esauriscono l elenco verde (art. 37). Pertanto, ricordato che sono sempre vietate le esportazioni di rifiuti destinati allo smaltimento (art. 34), di fatto esportabili extra OCSE (e solo ai fini di recupero) risultano solo i rifiuti dell elenco verde.

7 Sotto Capitolo n. 2.3 Importazioni di rifiuti nell Unione europea Le importazioni di rifiuti nell Unione europea sono consentite per tipologie e destinazioni diverse a seconda del Paese di provenienza, distinguendosi: le importazioni da Paesi o territori d oltremare; le importazioni da Paesi aderenti alla Convenzione di Basilea; le importazioni da Paesi ai quali si applica la decisione OCSE; le importazioni da altri Paesi Importazioni di rifiuti da Paesi o territori d oltremare Ai fini dell importazione di rifiuti, i Paesi ed i territori d oltremare (elencati nell allegato I A della decisione 2001/822/CE) costituiscono di fatto territorio dell Unione europea. Da tali Paesi e territori si possono importare tutti i rifiuti, sia per sottoporli ad operazioni di smaltimento che di recupero, con le stesse procedure previste per le spedizioni intracomunitarie (art. 46) Importazioni di rifiuti da Paesi aderenti alla Convenzione di Basilea Dai Paesi aderenti alla Convenzione di Basilea è consentito importare rifiuti, senza limitazioni di tipologie e di destinazione, ma sempre e solo con la procedura di notifica e di autorizzazione opportunamente adattata (artt. 42, 44, e 45) Non è infatti prevista l importazione di rifiuti destinati al recupero ed inclusi nell elenco verde dell allegato III con la procedura di informazione Importazioni di rifiuti da Paesi OCSE Con provenienza dai Paesi OCSE è espressamente prevista la possibilità di importare rifiuti destinati al recupero con la procedura di notifica ed autorizzazione opportunamente adattata (art. 43 e 44). Non è prevista l importazione di rifiuti destinati al recupero ed inclusi nell elenco verde dell allegato III con la sola procedura di informazione. Nulla si dice in ordine all importazione da tali Paesi di rifiuti destinati allo smaltimento. Di fatto, però, tutti i Paesi aderenti all OCSE hanno sottoscritto anche la convenzione di Basilea Importazioni di rifiuti da altri Paesi Le importazioni di rifiuti da altri Paesi sono vietate sia per operazioni di smaltimento che di recupero, salvo specifiche convenzioni (artt. 41 e 43).

8 Capitolo n. 3 Esclusioni Sono esclusi dal campo di applicazione del regolamento: a. lo scarico a terra di rifiuti prodotti dalla normale attività delle navi e delle piattaforme offshore, purché disciplinati dalla convenzione internazionale di Marpol 73/78 o da altri strumenti internazionali vincolanti; b. i rifiuti prodotti a bordo di veicoli, treni, aeromobili e navi, finché tali rifiuti non sono scaricati a terra per essere recuperati o smaltiti; c. le spedizioni di residui radioattivi (disciplinati dalla direttiva 92/3 Euratom del 3 febbraio 1992); d. le spedizioni di residui di origine animale rientranti nel campo di applicazione del regolamento CE n. 1774/2002; e. le spedizioni di rifiuti di cui all art. 2, punto 1), lettera b), punti ii), iv) e v) della direttiva 2006/12/CE, qualora sia già contemplata da altra normativa comunitaria contenente disposizioni simili; f. le spedizioni di rifiuti dall Antartico nella Comunità ai sensi delle disposizioni del protocollo sulla protezione ambientale del trattato antartico; g. le importazioni nella Comunità di rifiuti prodotti da forze armate o da organizzazioni umanitarie in situazioni di crisi (art. 1, paragrafo 3).

9 Capitolo n. 4 Procedura di notifica e autorizzazione per le spedizioni intracomunitarie La notifica può essere presentata dai seguenti soggetti ( ordine gerarchico ): produttore iniziale; nuovo produttore; raccoglitore abilitato; commerciante registrato (autorizzato per iscritto); intermediario registrato (autorizzato per iscritto); detentore (art. 2, paragrafo 1, punto 15). Ogni singola notifica può, di norma, riguardare un solo codice rifiuto (art. 4, punto 6, terzo capoverso) ed è costituita da (art. 4, punto 1): 1) un documento di notifica (rilasciato dall autorità competente di spedizione) che deve essere compilato a cura del produttore del rifiuto o del notificatore (se diverso dal produttore e che provvede comunque a farlo firmare al produttore). Il documento di notifica deve essere completato da tutti i dati elencati in allegato II, in particolare: il contratto tra il notificatore ed il destinatario (o certificazione della sua esistenza) contenente, tra le altre, le clausole relative: all obbligo del notificatore di riprendersi i rifiuti se la spedizione non sia risultata regolare, all obbligo per il destinatario di rilasciare un certificato di avvenuto smaltimento o recupero secondo quanto previsto dalla notifica; la garanzia finanziaria che copra le spese di trasporto, recupero o smaltimento, deposito per 90 giorni; 2) un documento di movimento rilasciato dall autorità competente di spedizione a seguito dell ottenimento dell autorizzazione alla spedizione stessa; questo documento sostituisce a tutti gli effetti il formulario di identificazione dei rifiuti di cui all art. 193 del d.lgs. 152/2006. Al ricevimento della notifica da parte del notificatore, l autorità competente la invia (trattenendone una copia) entro 3 giorni lavorativi alle autorità competenti di destinazione ed eventualmente alle autorità di transito e dà notizia dell invio al notificatore (art. 7). Le autorità competenti di transito e di destinazione possono sollevare obiezioni entro 30 giorni lavorativi dal ricevimento della notifica. Nel caso non vengano sollevate obiezioni, entro i detti 30 giorni rilasciano l autorizzazione che ha validità di 1 anno dalla data di rilascio e che: può essere tacita per l autorità competente di transito; deve necessariamente essere notificata per iscritto da parte dell autorità competente di destinazione (art. 9). Al ricevimento della notifica con l autorizzazione (timbro, firma e data sul documento di notifica), il notificatore predispone il documento di movimento con le date dell effettivo inizio della spedizione e lo trasmette al destinatario almeno tre giorni lavorativi prima che la spedizione abbia inizio (art. 16). Ogni trasporto deve essere accompagnato dal documento di movimento e da una copia del documento di notifica con le autorizzazioni scritte. L impianto di destinazione invia al notificatore entro tre giorni dal ricevimento dei rifiuti conferma scritta del loro conferimento. Il certificato di avvenuto smaltimento o recupero deve essere inviato quanto prima, non oltre trenta giorni dal completamento delle operazioni di recupero o di smaltimento (comunque non oltre un anno dalla spedizione), in allegato al documento di movimento, che peraltro contiene un apposito riquadro per apporre l attestazione di avvenuto smaltimento o recupero. Tale certificato, ovvero la copia del documento di movimento compilata nell apposito riquadro, deve essere inviato a: tutte le autorità competenti interessate al notificatore. Al ricevimento del certificato, l autorità competente di spedizione svincola la garanzia finanziaria.

10 Sotto Capitolo n. 4.1 Notifica generale Il notificatore può presentare una notifica generale relativa a più spedizioni se sono rispettate le seguenti condizioni: i rifiuti hanno caratteristiche chimico-fisiche simili; i rifiuti sono spediti verso uno stesso destinatario e uno stesso impianto; le spedizioni seguono lo stesso itinerario indicato nella notifica (art. 13).

11 Sotto Capitolo n. 4.2 Procedura di notifica per le esportazioni verso i Paesi EFTA La procedura di notifica per le esportazioni in area EFTA varia rispetto alla procedura di notifica per spedizioni intracomunitarie principalmente per: i tempi per sollevare obiezioni e per rilasciare l autorizzazione da parte delle autorità di transito e di destinazione: 60 giorni anziché 30; l obbligo, a carico delle autorità di spedizione (o di transito), di inviare una copia timbrata dell autorizzazione all ufficio doganale di esportazione ed all ufficio doganale di uscita dall UE; l obbligo, a carico del vettore, di consegnare una copia del documento di movimento all ufficio doganale di esportazione ed all ufficio doganale di uscita dall UE; l obbligo, a carico dell impianto di destinazione, di inviare all autorità di spedizione l avviso di ricevimento dei rifiuti entro quarantadue giorni, in caso contrario l autorità di spedizione dovrà informare l autorità di destinazione (art. 35).

12 Sotto Capitolo n. 4.3 Procedura di notifica per le esportazioni verso i Paesi OCSE La procedura di notifica per le esportazioni in area OCSE varia rispetto alla procedura di notifica per spedizioni intracomunitarie principalmente per: l obbligo, a carico delle autorità di spedizione (o di transito), di inviare una copia timbrata dell autorizzazione all ufficio doganale di esportazione ed all ufficio doganale di uscita dall UE; l obbligo, a carico del vettore, di consegnare una copia del documento di movimento all ufficio doganale di esportazione ed all ufficio doganale di uscita dall UE; l obbligo, a carico dell ufficio doganale, di inviare all autorità di spedizione una copia timbrata del documento di movimento attestante che i rifiuti hanno lasciato l UE; l obbligo, a carico dell impianto di destinazione, di inviare all autorità di spedizione l avviso di ricevimento dei rifiuti entro quarantadue giorni, in caso contrario l autorità di spedizione dovrà informare l autorità di destinazione (art. 38).

13 Sotto Capitolo n. 4.4 Procedura di notifica per le importazioni di rifiuti da Paesi aderenti alla Convenzione di Basilea La procedura di notifica ed autorizzazione per le importazioni di rifiuti provenienti da Paesi aderenti alla Convenzione di Basilea varia rispetto alla procedura di notifica per spedizioni intracomunitarie principalmente per: i tempi per richiedere informazioni aggiuntive e per rilasciare l autorizzazione da parte delle autorità di transito esterna all UE: 60 giorni anziché 30 (tempistica non prevista per le importazioni di rifiuti destinati a recupero da Paesi dell area OCSE); l obbligo, a carico delle autorità di destinazione (o di transito), di inviare una copia timbrata dell autorizzazione all ufficio doganale di importazione ed all ufficio doganale di entrata nell UE; l obbligo, a carico del vettore, di consegnare una copia del documento di movimento all ufficio doganale di entrata nell UE; l obbligo, a carico dell ufficio doganale di entrata nell UE, di inviare all autorità di destinazione una copia timbrata del documento di movimento attestante che i rifiuti sono entrati nell UE (artt. 42, 44 e 45).

14 Capitolo n. 5 Obblighi generali di informazione La procedura di informazione può essere applicata, in sostituzione della procedura di notifica ed autorizzazione, alle spedizioni intracomunitarie ed alle esportazione verso Paesi dell area EFTA e dell area OCSE di: rifiuti destinati a recupero (per quantità superiori a 20 Kg) inclusi nell elenco verde (allegato III al regolamento); miscele di rifiuti composte da due o più rifiuti elencati nell allegato III ed incluse dell elenco delle miscele di rifiuti di cui all allegato IIIA (al momento vuoto ) destinate a recupero; campioni di rifiuti destinati ad analisi di laboratorio per accertarne le caratteristiche chimico-fisiche, se la quantità non supera i 25 Kg (art. 3, paragrafi 2-4). Gli obblighi generali di informazioni essenzialmente consistono nell obbligo di accompagnare i rifiuti oggetto della spedizione con un apposito documento, di cui all allegato VII, firmato: dal soggetto che organizza la spedizione, prima dell inizio della spedizione stessa; dall impianto di recupero o dal laboratorio al ricevimento dei rifiuti. In tale documento di informazione deve essere tra l altro dichiarata l esistenza di un contratto stipulato tra il soggetto che organizza la spedizione ed il destinatario. Tale contratto deve essere fornito in copia su richiesta dell autorità competente interessata ed acquista efficacia all inizio della spedizione (art. 18). In base all art. 193, comma 7, del d.lgs. n. 152/2006, il formulario di identificazione per il trasporto previsto dalla norma nazionale è validamente sostituito, per i rifiuti oggetto di spedizioni transfrontaliere, dai documenti previsti dalla normativa comunitaria, che all epoca era costituita dal regolamento (CEE) n. 259/93 e dalla decisione 94/774/CE, disciplinante, per l appunto il documento di accompagnamento standard modello 54B. Ne consegue, come s è detto, che il formulario nazionale è per certo validamente sostituito dal documento di movimento che accompagna le spedizioni sottoposte alla procedura ordinaria di notifica ed autorizzazione (il nuovo documento di movimento sostituisce il 54B ed ha funzioni e caratteristiche del tutto corrispondenti). Non altrettanto può dirsi per l inedito documento di informazione, previsto per le spedizioni non soggette alla procedura di notifica ed autorizzazione, che sostituisce il documento informale previsto dal vecchio regolamento ed il cui utilizzo non esonerava dall obbligo del formulario nazionale: il nuovo documento di informazione, infatti, a differenza del documento di movimento, non possiede gran parte dei requisiti essenziali del formulario previsto dall art. 193 del d.lgs. n. 152/2006.

15 Capitolo n. 6 Miscele di rifiuti Fermo restando che i rifiuti non possono essere miscelati tra loro dal momento in cui inizia la spedizione e fino al loro ricevimento nell impianto di destinazione (art. 19), è possibile spedire nell ambito UE ed esportare extra UE miscele di rifiuti che possono essere composte da: due o più rifiuti elencati nell allegato III ed incluse nell elenco delle miscele di rifiuti di cui all allegato III A, il cui contenuto è peraltro rimesso ad emanande decisioni della Commissione; le miscele che verranno inserite in detto allegato III A, attualmente vuoto, se destinate al recupero, potranno essere soggette ai soli obblighi di informazione per le spedizioni intracomunitarie e le esportazioni verso i Paesi dell area EFTA e OCSE; qualunque altro rifiuto elencato negli allegati al regolamento; tali miscele sono soggette alla procedura di notifica ed autorizzazione e, in deroga al principio generale, in base al quale ciascuna notifica deve riguardare un solo codice di identificazione dei rifiuti, nei documenti di notifica e di movimento dovranno essere specificati, in ordine di importanza, i codici di ciascuno dei rifiuti che compone la miscela oggetto della spedizione (art. 4, punto 6, terzo capoverso).

16 Capitolo n. 7 Operazioni intermedie di recupero e di smaltimento Se un rifiuto viene spedito ad un impianto nel quale verrà sottoposto ad operazioni solo intermedie di recupero e di smaltimento (ivi compreso il solo stoccaggio), nel documento di notifica deve essere indicato, oltre all impianto di (prima) destinazione, anche il o i successivi impianti fino al recupero o smaltimento finale. La procedura ordinaria, inoltre, è integrata da alcune disposizioni aggiuntive finalizzate al controllo dell intero percorso che dovrà seguire il rifiuto. In particolare l impianto di (prima) destinazione intermedia dovrà: non solo certificare l avvenuto recupero o smaltimento intermedio da lui eseguito, entro l ordinario termine di trenta giorni dal completamento di tale operazione intermedia e comunque entro un anno dal ricevimento dei rifiuti, ma, nel caso in cui le operazioni successive vengano svolte nello stesso Paese di (prima) destinazione, richiedere agli impianti che hanno svolto dette operazioni successive la certificazione dell avvenuta esecuzione di dette operazioni e trasmettere tali certificati al notificatore ed alle autorità competenti interessate; qualora invece le successive operazioni di recupero o smaltimento debbano essere svolte in un altro Paese (diverso da quello di prima destinazione), dovrà procedere ad una nuova notifica (art. 15). Nei casi in cui le operazioni di recupero o smaltimento successivo vengano svolte nello stesso Paese di prima destinazione, la garanzia finanziaria prestata dal notificatore è svincolata quando l autorità competente interessata ha ricevuto i certificati attestanti l avvenuta esecuzione (anche) di dette operazioni successive (art. 6, paragrafo 5, secondo capoverso).

17 Capitolo n. 8 Soluzione dei disaccordi Con riferimento (anche) alle spedizioni intacomunitarie sono fissate specifiche regole per superare eventuali diverse interpretazioni tra le autorità interessate ad una stessa specifica spedizione. Classificazione del materiali come rifiuto o no Se le autorità competenti di spedizione e destinazione non si accordano in merito alla classificazione dei materiali come rifiuti o no, detti materiali sono trattati come rifiuti. Resta fatto salvo il diritto del Paese di destinazione di trattare i materiali spediti, dopo il loro arrivo, conformemente alla legislazione nazionale, allorché tale legislazione è conforme alla normativa comunitaria o al diritto internazionale (art. 28, paragrafo 1). Individuazione dell elenco cui appartiene il rifiuto Se le autorità competenti di spedizione e destinazione non si accordano in merito alla classificazione dei rifiuti notificati come rifiuti dell allegato III, III A, III B o IV, i rifiuti si considerano rifiuti dell allegato IV (art. 28, paragrafo 2). Classificazione dell operazione di recupero o smaltimento Se le autorità competenti di spedizione e destinazione non si accordano in merito alla classificazione dell operazione notificata di trattamento dei rifiuti come operazione di recupero o di smaltimento, si applicano le disposizioni in materia di smaltimento (art. 28, paragrafo 3).

18 Capitolo n. 9 Contenuti degli allegati al regolamento Il regolamento n. 1013/2006 si compone di 64 articoli e di 14 allegati. 1. Allegato I A Contenente il fac simile del documento di notifica. 2. Allegato I B Contenente il fac simile del documento di movimento. 3. Allegato I C Attualmente in bianco. Dovrà contenere le istruzioni per la compilazione del documento di notifica e del documento di movimento (elaborazione prevista entro il 12 luglio 2007). 4. Allegato II Si divide in: parte 1, contenente le informazioni da fornire sul documento di notifica o da allegare allo stesso; parte 2, contenete le informazioni da fornire sul documento di movimento o da allegare allo stesso; parte 3, contenente le informazioni ed i documenti aggiuntivi che possono essere richiesti dalle autorità competenti. 5. Allegato III Contiene il cosiddetto elenco verde. La sua titolazione Elenco dei rifiuti soggetti agli obblighi generali di informazione di cui all articolo 18 può risultare fuorviante. In realtà i rifiuti considerati possono essere spediti rispettando i soli obblighi generali di informazione solo se destinati a recupero intracomunitario o comunque in area OCSE, ovvero in altri paesi che avranno dichiarato di accettarli senza controlli. Si suddivide in: parte 1, che rinvia all allegato IX della Convenzione di Basilea; parte 2, contenente un elenco di ulteriori specifici rifiuti. 6. Allegato III A Attualmente in bianco, conterrà l elenco delle miscele di rifiuti elencati nell allegato III (parte 1 e 2) e non classificate sotto una voce specifica che, se destinate a recupero, potranno essere oggetto di spedizioni nel rispetto dei soli obblighi generali. 7. Allegato III B Attualmente in bianco, dovrà contenere l elenco dei rifiuti verdi addizionali in attesa di inclusione nei pertinenti allegati della Convenzione di Basile o della decisione OCSE. 8. Allegato IV Contiene il cosiddetto elenco ambra. La sua titolazione Elenco dei rifiuti soggetti alla procedura di notifica e autorizzazione preventive scritte può risultare fuorviante: in realtà tutte le spedizioni di tutti i rifiuti sono sottoposte alla procedura di notifica e autorizzazione, salvo i casi in cui per i soli rifiuti dell elenco verde destinati a recupero è sufficiente il rispetto degli obblighi generali di informazione. Si divide in: parte 1, che rinvia agli allegati II e VIII della Convenzione di Basilea; parte 2, contenente un elenco di ulteriori rifiuti. 9. Allegato IV A Attualmente in bianco, dovrà contenere l elenco dei rifiuti che, ancorché siano elencati in allegato III, saranno comunque (anche se destinati a recupero) soggetti all obbligo di notifica ed autorizzazione. 10. Allegato V Contiene i criteri per l individuazione dei Rifiuti soggetti al divieto di esportazione di cui all articolo 36, ossia dei rifiuti comunque non esportabili in paesi ai quali non si applica la decisione OCSE. Si divide in: parte 1, che riporta:

19 o l allegato VIII alla Convenzione di Basilea (elenco A), con la precisazione, nell introduzione, che si tratta dei rifiuti soggetti al divieto di esportazione; o l allegato IX alla Convenzione di Basilea (elenco B), con la precisazione, nell introduzione, che si tratta dei rifiuti non soggetti al divieto di esportazione; parte 2, che riproduce l intero elenco europeo dei rifiuti (codici CER), con la precisazione, nell introduzione, che il divieto di esportazione (almeno di norma) riguarda solo i rifiuti pericolosi (codici con asterisco). parte 3, che riporta l allegato II alla Convenzione di Basilea ed un breve elenco di ulteriori rifiuti soggetti al divieto di esportazione. 11. Allegato VI Contiene il modulo per gli impianti titolari di autorizzazione preventiva. 12. Allegato VII Contiene il fac simile del documento di accompagnamento dei rifiuti soggetti agli obblighi generali di informazione. 13. Allegato VIII Contiene le linee guida per una gestione ecologicamente corretta Allegato IX Contiene il questionario di informazione per gli Stati membri.

20 Capitolo n. 10 Tavola comparata dei Paesi aderenti all Unione europea, all EFTA, alla Convenzione di Basilea ed all OCSE Unione europea EFTA OCSE Conv. di Basilea Afghanistan Albania Algeria Andorra Antigua e Barbuda Arabia Saudita Argentina Armenia Australia (Australia) Austria (Austria) (Austria) (Austria) Azerbaigian Bahamas Bahrein Bangladesh Barbados Belarus Belgio (Belgio) (Belgio) Belize Benin Bhutan Bolivia Bosnia e Erzegovina Botswana Brasile Brunei Bulgaria (Bulgaria) Burkina Faso Burundi Cambogia Camerun Canada (Canada) Capo Verde Ceca, Repubblica (Ceca, Repubblica) Ciad Cile Cina Cina-Hong Kong Cina-Macao2 Cipro (Cipro) Colombia Comore Congo (Brazzaville) Congo (Kinshasa) Corea (Sud) (Corea (Sud)) Costa Rica Croazia Cuba Côte d Ivoire Danimarca (Danimarca) (Danimarca) (Danimarca) Domenica Dominicana, Repubblica Ecuador Egitto El Salvador Emirati Arabi Uniti Eritrea Estonia (Estonia) Etiopia Filippine Finlandia (Finlandia) (Finlandia) Francia (Francia) (Francia) Gambia Georgia Germania (Germania) Ghana Giamaica

Legenda dei Paesi. Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010

Legenda dei Paesi. Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010 Legenda dei Paesi Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010 Afghanistan 155 h 1 Albania 64 i 1 Algeria 84 h 1 Andorra 30 h 2 Angola 146 h 2 Argentina 46 h 4 Armenia 76 Australia 2 Austria 25 i 1

Dettagli

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota *

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota * Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina Paese /non richiesto Nota * 1. Austria Visto non richiesto per un soggiorno 2. Afghanistan DP titolari di passaporti diplomatici SP titolari di

Dettagli

infomarket l import-export italiano di tecnologia gennaio - dicembre e confronti con 2004 e 2003 IMPORT EXPORT 2003 2004 2005 2003 2004 2005

infomarket l import-export italiano di tecnologia gennaio - dicembre e confronti con 2004 e 2003 IMPORT EXPORT 2003 2004 2005 2003 2004 2005 l import-export italiano di tecnologia nelle pagine che seguono sono riportati i dati dell Istituto Italiano di Statistica (ISTAT) riguardanti le voci doganali che includono la tecnologia lapidea. Dati

Dettagli

Chiamate verso Italia e UE rete mobile. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad.

Chiamate verso Italia e UE rete mobile. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad. ALBANIA 0,35 0,99 /min. 1,39 /min. 1,39 /min. 1,69 /min. 0,00 /min. 0,19 /cad. ALGERIA* 0,35 0,99 /min. 1,39 /min. 1,39

Dettagli

Tariffe wambo telefono

Tariffe wambo telefono Tariffe wambo telefono Tariffe wambo telefono Rete fissa Rete mobile Clienti wambo telefono (rete interna) 0 centesimi / min Tariffe per la Svizzera Rete fissa Rete mobile Rete fissa - chiamate illimitate

Dettagli

0.10 1.99. Prezzo dell operatore di servizi 1.00 1.20. incl. IVA 8% Costi unici. chf

0.10 1.99. Prezzo dell operatore di servizi 1.00 1.20. incl. IVA 8% Costi unici. chf incl. IVA 8% Costi unici Costi per noleggio dell Internet-Box Costi per noleggio del TV-Box Spese di spedizione per ordinazione 49.- 29.- 9.- Tariffe Fix (al minuto) In Svizzera Internazionale Gruppo 1

Dettagli

Poste Italiane Tariffe del servizio fax per trasmissione in teleselezione diretta Ordine alfabetico

Poste Italiane Tariffe del servizio fax per trasmissione in teleselezione diretta Ordine alfabetico AFGHANISTAN 0093 10 8,91 8,59 ALASKA 001 6 2,82 2,50 ALBANIA 00355 4 b 2,82 2,50 ALGERIA 00213 5 3,61 3,29 ANDORRA PRINCIPATO 00376 4 b 2,82 2,50 ANGOLA 00244 10 8,91 8,59 ANGUILLA 001-264 10 8,91 8,59

Dettagli

infomarket TECNOLOGIA LAPIDEA Interscambio ITALIA-MONDO GENNAIO - DICEMBRE IMPORT EXPORT

infomarket TECNOLOGIA LAPIDEA Interscambio ITALIA-MONDO GENNAIO - DICEMBRE IMPORT EXPORT LETTURA DATI UNIONI COMMERCIALI UNIONE ECONOMICA MONETARIA (UEM12) comprende: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Spagna. A partire da gennaio

Dettagli

1 PUNTO = 1 EURO. RISERVATO ALLE AZIENDE ASSOCIATE A Ass. degli Ind.li della Provinvia di Trapani

1 PUNTO = 1 EURO. RISERVATO ALLE AZIENDE ASSOCIATE A Ass. degli Ind.li della Provinvia di Trapani 1 PUNTO = 1 EURO RISERVATO ALLE AZIENDE ASSOCIATE A Ass. degli Ind.li della Provinvia di Trapani Servizio PERSONAL N. Punti Costo al punto Sconto riservato ai Vs. associati Costo al punto 2500 1,00 15%

Dettagli

Da telefoni telefono pubblici NV 800 800

Da telefoni telefono pubblici NV 800 800 Prezzi per le telefonate nazionali: Minuti disponibili con una scheda da 5 Euro Da telefoni Da telefoni Da telefono fisso DESTINAZIONE pubblici NV mobili NV 800 NV 800 286682 800 262525 286682 ITALIA Fisso

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 il caffè Direzione Dipartimento Promozione NOTA INTRODUTTIVA Le elaborazioni statistiche si propongono di fornire al Lettore uno strumento per

Dettagli

Nuove tariffe FedEx In vigore dal 5 gennaio 2015

Nuove tariffe FedEx In vigore dal 5 gennaio 2015 Nuove tariffe FedEx In vigore dal gennaio 0 Spedizioni urgenti o meno urgenti, piccoli colli o pallet pesanti, FedEx ha la soluzione giusta per voi. FedEx vi offre tariffe competitive per un servizio altamente

Dettagli

Nazione Tariffa per ordini > 100 Tariffa per ordini < 100 Incremento tariffa ad articolo ** Giorni Lavorativi Spedizione ******

Nazione Tariffa per ordini > 100 Tariffa per ordini < 100 Incremento tariffa ad articolo ** Giorni Lavorativi Spedizione ****** Nazione Tariffa per ordini > 100 Tariffa per ordini < 100 Incremento tariffa ad articolo ** Giorni Lavorativi Spedizione Albania 75 105 ****** multipla * Algeria 75 105 multipla 3 Angola 105 135 multipla

Dettagli

Oggi, più di due terzi dei paesi al mondo ha abolito la pena di morte di diritto o de facto.

Oggi, più di due terzi dei paesi al mondo ha abolito la pena di morte di diritto o de facto. DOCUMENTO ESTERNO List of Abolitionist and Retentionist Countries Elenco paesi abolizionisti e mantenitori Oggi, più di due terzi dei paesi al mondo ha abolito la pena di morte di diritto o de facto. Di

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Condizioni riservate alle Aziende Associate a ASSOLOMBARDA

Condizioni riservate alle Aziende Associate a ASSOLOMBARDA Condizioni riservate alle Aziende Associate a ASSOLOMBARDA Servizio PERSONAL N. Punti da N. Punti a Omaggio riservato ai Vs. associati 0 2.699 13% 2.700 3.999 25% 4.000 5.499 28% 5.500 7.999 30% 8.000

Dettagli

MODELLO ISTAT P.2 + P.3 MOVIMENTO E CALCOLO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE TOTALE E STRANIERA BILANCIO DEMOGRAFICO Anno 2013

MODELLO ISTAT P.2 + P.3 MOVIMENTO E CALCOLO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE TOTALE E STRANIERA BILANCIO DEMOGRAFICO Anno 2013 MODELLO ISTAT P.2 + P.3 MOVIMENTO E CALCOLO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE TOTALE E STRANIERA BILANCIO DEMOGRAFICO Anno 2013 Nel modello devono essere conteggiati i MOVIMENTI ANAGRAFICI REGISTRATI in anagrafe

Dettagli

Convenzione Servizi di Telefonia Fissa e Trasmissione Dati. Listino prezzi

Convenzione Servizi di Telefonia Fissa e Trasmissione Dati. Listino prezzi Prezzi per servizi di telefonia tradizionale Listino prezzi Canoni (inclusi tutti i servizi di linea richiesti) per linee in ULL Tipologia linea Costo al mese IVA Linea RTG (singolo canale fonico bidirezionale

Dettagli

Combi 1 Combi 2 Combi 3 Internet. Alla stipulazione di un abbonamento di M-Budget mobile (eccetto One)

Combi 1 Combi 2 Combi 3 Internet. Alla stipulazione di un abbonamento di M-Budget mobile (eccetto One) Offerte combinate M-Budget Combi 1 Combi 2 Combi 3 Internet Velocità massima di download 2 Mbit/s 10 Mbit/s 20 Mbit/s Velocità massima di upload 0.2 Mbit/s 1 Mbit/s 2 Mbit/s TV Canali 120 120 120 Canali

Dettagli

Accordo concernente il transito dei servizi aerei internazionali

Accordo concernente il transito dei servizi aerei internazionali Traduzione 1 Accordo concernente il transito dei servizi aerei internazionali 0.748.111.2 Conchiuso a Chicago il 7 dicembre 1944 Firmato e accettato dalla Svizzera il 6 luglio 1945 Entrato in vigore per

Dettagli

Nuove tariffe FedEx In vigore dal 5 gennaio 2015

Nuove tariffe FedEx In vigore dal 5 gennaio 2015 Nuove tariffe FedEx In vigore dal gennaio 0 Spedizioni urgenti o meno urgenti, piccoli colli o pallet pesanti, FedEx ha la soluzione giusta per voi. FedEx vi offre tariffe competitive per un servizio altamente

Dettagli

Nuove tariffe FedEx In vigore dal 4 gennaio 2016

Nuove tariffe FedEx In vigore dal 4 gennaio 2016 Nuove tariffe FedEx In vigore dal gennaio 0 Spedizioni urgenti o meno urgenti, piccoli colli o pallet pesanti, FedEx ha la soluzione giusta per voi. FedEx vi offre tariffe competitive per un servizio altamente

Dettagli

Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo. Bari, 5 giugno 2012

Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo. Bari, 5 giugno 2012 Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo Bari, 5 giugno 2012 AZIONE 2 SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO Il Volontario/ I Volontari Età: tra i 18 e i 30 anni (da 16 anni se con minori opportunità)

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 il caffè marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare Tel.:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCHEDA RIMBORSI

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCHEDA RIMBORSI DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCHEDA RIMBORSI SPESE COMPLEMENTARI Sono rimborsabili come spese complementari: le spese per visti consolari; le tasse di soggiorno; le spese per vaccinazioni obbligatorie e

Dettagli

Servizio PERSONAL DATI UFFICIALI A VALORE AGGIUNTO

Servizio PERSONAL DATI UFFICIALI A VALORE AGGIUNTO Dati Ufficiali Italia Servizio PERSONAL DATI UFFICIALI A VALORE AGGIUNTO Tipologia servizio Tempi di Evasione N. Punti Ricerca Anagrafica on-line 1 DatImpresa ditte individuali e altre forme on-line 6

Dettagli

Dole Food Company Istruzioni per le chiamate internazionali al numero verde

Dole Food Company Istruzioni per le chiamate internazionali al numero verde Dole Food Company Istruzioni per le chiamate internazionali al numero verde Chiamate nazionali (Stati Uniti, Canada e Guam): 1. Comporre il numero 888-236-7527 Chiamate internazionali: 1. Per chiamare

Dettagli

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe Convenzione Telefonia Fissa e Connettività IP 4 Corrispettivi e Tariffe Acquisti in Rete della P.A. Corrispettivi e Tariffe Telefonia Fissa e Connettività IP 4 1 di 12 INDICE 1 TELECOM ITALIA S.P.A. 3

Dettagli

Condizioni riservate alle Aziede Associate a ASSOLOMBARDA

Condizioni riservate alle Aziede Associate a ASSOLOMBARDA Condizioni riservate alle Aziede Associate a ASSOLOMBARDA Servizio PERSONAL N. Punti da N. Punti a Omaggio riservato ai Vs. associati 0 2.699 13% 2.700 3.999 25% 4.000 5.499 28% 5.500 7.999 30% 8.000 12.999

Dettagli

Ripresa dell export della provincia di Lecce

Ripresa dell export della provincia di Lecce Ripresa dell export della provincia di Lecce Segnali positivi dall export salentino: nel secondo trimestre 2011 si è registrata una crescita congiunturale delle esportazioni del 37% che si aggiunge al

Dettagli

Azione 2 SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO. Barletta, 21 maggio 2013

Azione 2 SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO. Barletta, 21 maggio 2013 Azione 2 SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO Barletta, 21 maggio 2013 Di cosa parleremo Che cosa è il Servizio Volontario Europeo: contesto di riferimento Condizioni e aspetti specifici Come faccio a partire?

Dettagli

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe Convenzione Telefonia Fissa e Connettività IP 4 Corrispettivi e Tariffe Acquisti in Rete della P.A. Corrispettivi e Tariffe Telefonia Fissa e Connettività IP 4 1 di 14 INDICE 1 TELECOM ITALIA S.P.A. 3

Dettagli

Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo. Venezia, 22 marzo 2012

Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo. Venezia, 22 marzo 2012 Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo Venezia, 22 marzo 2012 DI COSA PARLEREMO OGGI Che cosa è il Servizio Volontario Europeo: contesto di riferimento Condizioni e aspetti specifici

Dettagli

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe Convenzione Telefonia Fissa e Connettività IP 4 Corrispettivi e Tariffe Acquisti in Rete della P.A. Corrispettivi e Tariffe Telefonia Fissa e Connettività IP 4 1 di 14 INDICE 1 FASTWEB S.P.A. 3 1.1 SERVIZI

Dettagli

DIRITTI DI PROPRIETA INTELLETTUALE

DIRITTI DI PROPRIETA INTELLETTUALE DIRITTI DI PROPRIETA INTELLETTUALE IL BREVETTO 1 TIPOLOGIE BREVETTO PER: Invenzione industriale Modello ornamentale Modello utilità 2 DURATA DEI BREVETTI PER: INVENZIONE INDUSTRIALE 20 ANNI MODELLO ORNAMENTALE

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 l olio di oliva marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare

Dettagli

Costo al minuto (Euro) a base d'asta, IVA esclusa 1.368.000 0,0066 595.000 0,0087 70.000 0,1053 625 0,0710 1.250 0,0911 1.250 0,2900 0 0,2000 0 0,4500

Costo al minuto (Euro) a base d'asta, IVA esclusa 1.368.000 0,0066 595.000 0,0087 70.000 0,1053 625 0,0710 1.250 0,0911 1.250 0,2900 0 0,2000 0 0,4500 Telefonia di base Direttrici di traffico Distrettuale, incluso urbane Interdistrettuale Verso rete mobile Internazionale - Area 1 Internazionale - Area 2 Internazionale - Area 3 Internazionale - Area 4

Dettagli

facile!casa facile!casa 7Mega Servizio fonia con accesso ADSL flat fino a 7Mbit/s facile!casa 7Mega + Voce illimitata SERVIZI IN RETE TERRECABLATE

facile!casa facile!casa 7Mega Servizio fonia con accesso ADSL flat fino a 7Mbit/s facile!casa 7Mega + Voce illimitata SERVIZI IN RETE TERRECABLATE facile!casa Contributo di attivazione Valido per ogni offerta terrecablate Una Tantum Attivazione 25,00 Solo per chi sceglie addebito diretto su conto corrente (RID) promozione gratuita 25,00 SERVIZI IN

Dettagli

Opzioni e costi 22 23

Opzioni e costi 22 23 23 Opzioni e costi Opzioni e Costi da rete fissa FASTWEB ricorda Offerta Parla FASTWEB invita i clienti a prendere visione delle Condizioni Generali di Contratto e della Carta dei Servizi sul sito www.fastweb.it

Dettagli

TIM TUTTO BUSINESS ABBONAMENTO

TIM TUTTO BUSINESS ABBONAMENTO TIM TUTTO BUSINESS ABBONAMENTO I piani Abbonamento Tim Tutto Business A partire da 1 sim. Opzione TRA NOI inclusa *Zona UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia (comprese

Dettagli

Tipologia servizio Tempi di evasione Euro + iva Ricerca Anagrafica on-line 1 VISURE REGISTRO IMPRESE. Albi ruoli e licenze on-line 2 Altri Titolari

Tipologia servizio Tempi di evasione Euro + iva Ricerca Anagrafica on-line 1 VISURE REGISTRO IMPRESE. Albi ruoli e licenze on-line 2 Altri Titolari LISTINO INFOCAMERE Tipologia servizio Tempi di evasione Euro + iva Ricerca Anagrafica on-line 1 VISURE REGISTRO IMPRESE Albi ruoli e licenze on-line 2 Altri Titolari on-line 2 i Pratiche Titolari in istruttoria

Dettagli

TIM TUTTO BUSINESS ABBONAMENTO

TIM TUTTO BUSINESS ABBONAMENTO TIM TUTTO BUSINESS ABBONAMENTO I piani Abbonamento Tim Tutto Business A partire da 1 sim. Opzione TRA NOI inclusa RIMBORSO PENALI *Zona UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia,

Dettagli

Allegato A alla Delibera 96/07/CONS - Telefonia mobile

Allegato A alla Delibera 96/07/CONS - Telefonia mobile Sezione 1 - Costo complessivo di una chiamata (Valori in, IVA inclusa) Verso clienti proprio operatore mobile 1 minuto 2 minuti 0,30 0,45 Verso clienti di altri operatori mobili 0,30 0,45 Verso rete fissa

Dettagli

Dopo i GB di traffico dati incluso continui a navigare alla velocità di massimo 32 Kbps senza costi aggiuntivi.

Dopo i GB di traffico dati incluso continui a navigare alla velocità di massimo 32 Kbps senza costi aggiuntivi. I piani Ricaricabili Tim Tutto Business A partire da 1 sim con scala sconti regressiva. Opzione TRA NOI inclusa RIMBORSO PENALI *Zona UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia,

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 27 Giugno 2009

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 27 Giugno 2009 NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 27 Giugno 29 Dagli ultimi Comunicati emessi dal Ministero del Lavoro delle Politiche Sociali dello Stato no e dall Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)

Dettagli

CHIAMATE INTERNAZIONALI

CHIAMATE INTERNAZIONALI Enterprise Sales Local Government Spett. le Università degli Studi di Cassino Via S. Angelo Località Folcara I 03043 Cassino Roma 4 Agosto 2011 CHIAMATE INTERNAZIONALI Per chiamate internazionali si intendono

Dettagli

Convenzione Servizi di telefonia fissa e trasmissione dati. - lotti A - Servizi di telefonia fissa e connettività IP

Convenzione Servizi di telefonia fissa e trasmissione dati. - lotti A - Servizi di telefonia fissa e connettività IP trasmissione dati - lotti A - Listino (aggiornamento tariffe dal 1 gennaio 2007) 1. Servizio di telefonia di base e aggiuntivo 1.1. Telefonia di base Traffico telefonico Tariffe telefoniche originate Costo

Dettagli

Listino prezzi FLEXmobil

Listino prezzi FLEXmobil Pagina 1 Abbonamento Canone mensile Company 1 Start Basic Swiss Europe 10. 29. 49. 69. 99. 199. Collegamenti dalla Svizzera (tasse di collegamento per chiamate, al minuto) Chiamate all interno di ZIRKUMFLEX

Dettagli

0.822.713.6. Convenzione n. 26 concernente l introduzione di metodi per la fissazione dei salari minimi. Traduzione 1. (Stato 14 marzo 2006)

0.822.713.6. Convenzione n. 26 concernente l introduzione di metodi per la fissazione dei salari minimi. Traduzione 1. (Stato 14 marzo 2006) Traduzione 1 Convenzione n. 26 concernente l introduzione di metodi per la fissazione dei salari minimi 0.822.713.6 Adottata a Ginevra il 16 giugno 1928 2 Approvata dall Assemblea federale il 27 marzo

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI OPEN 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5 Il

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5 Il servizio

Dettagli

Guida all utilizzo della convenzione per la fornitura dei servizi. di telefonia vocale fissa

Guida all utilizzo della convenzione per la fornitura dei servizi. di telefonia vocale fissa Guida all utilizzo della convenzione per la fornitura dei servizi di telefonia vocale fissa INDICE INDICE...1 1. PREMESSA...2 2. OGGETTO DELLA FORNITURA...2 2.1 Servizi di base...3 2.2 Servizi aggiuntivi...4

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA Settore Turismo Ufficio Statistica. Flussi Turistici Provinciali e per ambiti. Anno 2013

PROVINCIA DI PADOVA Settore Turismo Ufficio Statistica. Flussi Turistici Provinciali e per ambiti. Anno 2013 PROVINCIA DI PADOVA Settore Turismo Ufficio Statistica Flussi Turistici Provinciali e per ambiti Inserimento dati Elaborazione e redazione Anno 2013 2011 ARRIVI 2012 2013 PRESENZE Differenze Percentuali

Dettagli

Allegato A alla Delibera 96/07/CONS - Telefonia mobile

Allegato A alla Delibera 96/07/CONS - Telefonia mobile Sezione 1 - Costo complessivo di una chiamata (Valori in, IVA inclusa) Verso clienti proprio operatore mobile 1 minuto 2 minuti 0,30 0,45 Verso clienti di altri operatori mobili 0,30 0,45 Verso rete fissa

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI TRAFFIC 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5

Dettagli

Condizioni economiche di offerta a) Condizioni generali Denominazione offerta

Condizioni economiche di offerta a) Condizioni generali Denominazione offerta Sezione 1 - Costo complessivo di una chiamata (Valori in, IVA inclusa) Fonia vocale 1 minuto 3 minuti Locale 0,00 0,00 Nazionale 0,00 0,00 Verso mobile (5000 minuti verso numerazioni mobili Fastweb associate

Dettagli

L Impronta Ecologica delle nazioni Aggiornamento

L Impronta Ecologica delle nazioni Aggiornamento L Impronta Ecologica delle nazioni Aggiornamento E stato recentemente redatto un nuovo rapporto sulle impronte ecologiche delle nazioni, sempre a cura dei ricercatori dell associazione californiana Redefining

Dettagli

Allegato A alla Delibera 96/07/CONS - Telefonia mobile

Allegato A alla Delibera 96/07/CONS - Telefonia mobile Sezione 1 - Costo complessivo di una chiamata (Valori in, IVA inclusa) Verso clienti proprio operatore mobile 1 minuto 2 minuti 0,30 0,45 Verso clienti di altri operatori mobili 0,30 0,45 Verso rete fissa

Dettagli

Febbraio 2012 all estero. Tutte le offerte per comunicare nei tuoi viaggi di lavoro.

Febbraio 2012 all estero. Tutte le offerte per comunicare nei tuoi viaggi di lavoro. Febbraio 2012 all estero Tutte le offerte per comunicare nei tuoi viaggi di lavoro. indice INDICE Viaggiatori occasionali Per te che viaggi ALL ESTERO in modo saltuario, ecco le soluzioni per chiamare,

Dettagli

Scheda Prodotto Crono Internazionale

Scheda Prodotto Crono Internazionale Scheda Prodotto Crono Internazionale INDICE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO... 4 1.1. ZONE DI DELIVERY... 4 1.2. PICK UP... 4 1.3. TEMPI INDICATIVI DI CONSEGNA... 4 1.4. PESI, DIMENSIONI E MULTICOLLO...

Dettagli

Mobile. Nasce il quarto servizio: FASTWEB diventa anche Mobile

Mobile. Nasce il quarto servizio: FASTWEB diventa anche Mobile Nasce il quarto servizio: FASTWEB diventa anche Mobile Tutte le chiamate incluse, verso tutti i numeri telefonici. E la libertà di navigare ovunque sei. Mobile Introduzione Il mondo di FASTWEB è ancora

Dettagli

OSSERVATORIO INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015

OSSERVATORIO INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità OSSERVATORIO INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA PROVINCIA DI Anno 2015 a cura di Guido Caselli, Centro Studi Unioncamere Emilia-Romagna Provincia di Reggio

Dettagli

VANTAGGI IMPRESE ESTERE

VANTAGGI IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE è il servizio Cerved Group che consente di ottenere le più complete informazioni commerciali e finanziarie sulle imprese operanti in paesi europei ed extra-europei, ottimizzando

Dettagli

PARTITA IVA. http://www.vlwebsrl.com/site

PARTITA IVA. http://www.vlwebsrl.com/site PARTITA IVA I PIANI IN ABBONAMENTO OPEN Superato 1 Gb/mese di traffico dati nazionale per i piani Maxi, Relax Basic, 2 Gb/mese di traffico dati nazionale per Relax, 5 Gb/mese di traffico dati nazionale

Dettagli

M-Budget Internet / Telefonia di rete fissa (VoIP) / TV LISTINO PREZZI incl. IVA, versione 26.02.2015

M-Budget Internet / Telefonia di rete fissa (VoIP) / TV LISTINO PREZZI incl. IVA, versione 26.02.2015 Servizi M-Budget Tasse Accesso a Internet M-Budget 54.80 mensile Accesso a Internet M-Budget con telefonia fissa 59.80 mensile Accesso a Internet M-Budget con TV digitale 59.80 mensile Accesso a Internet

Dettagli

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI D.G.I.E.P.M. Uff. IV GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE Per eseguire correttamente dall Italia la notifica

Dettagli

300 (al giorno) Condizioni economiche di offerta a) Condizioni generali Denominazione offerta

300 (al giorno) Condizioni economiche di offerta a) Condizioni generali Denominazione offerta Sezione 1 - Costo complessivo di una chiamata (Valori in cent, IVA inclusa) Fonia vocale 1 minuto 3 minuti Locale 0,00 0,00 Nazionale 0,00 0,00 Verso mobile 39 77 Navigazione su Internet 30 minuti 60 minuti

Dettagli

Manuela Chiavarini, Liliana Minelli Dip.Specialità Medico-Chirurgiche e Sanità Pubblica Università degli Studi di Perugia

Manuela Chiavarini, Liliana Minelli Dip.Specialità Medico-Chirurgiche e Sanità Pubblica Università degli Studi di Perugia DISEGUAGLIANZE nell assistenza alla gravidanza e al parto in Umbria Manuela Chiavarini, Liliana Minelli Dip.Specialità Medico-Chirurgiche e Sanità Pubblica Università degli Studi di Perugia L accesso non

Dettagli

Corrispondenze elettriche nel mondo

Corrispondenze elettriche nel mondo Corrispondenze elettriche nel mondo INFO: In tutta la comunità Europea, dopo un periodo transitorio, il voltaggio è stato unificato a 230V monofase ( e 400V trifase ), quindi in Italia è da tempo stata

Dettagli

Condizioni economiche di offerta a) Condizioni generali Denominazione offerta

Condizioni economiche di offerta a) Condizioni generali Denominazione offerta Sezione 1 - Costo complessivo di una chiamata (Valori in cent, IVA inclusa) Fonia vocale 1 minuto 3 minuti Locale 0,00 0,00 Nazionale 0,00 0,00 Verso mobile ( 5000 minuti Fastweb e 60 minuti inclusi verso

Dettagli

Verso tutte le numerazioni nazionali. Scatto alla risposta. Verso tutti gli operatori mobili. Sessioni anticipate da 60 secondi.

Verso tutte le numerazioni nazionali. Scatto alla risposta. Verso tutti gli operatori mobili. Sessioni anticipate da 60 secondi. CARATTERISTICHE E VANTAGGI DELL OFFERTA Costo SIM (piano tariffario Tiscali 12) 10 Ricarica iniziale obbligatoria 10 Canone offerta Traffico VOCE incluso Traffico SMS incluso 9 / mese 500 Minuti / mese

Dettagli

Condizioni economiche di offerta a) Condizioni generali Denominazione offerta

Condizioni economiche di offerta a) Condizioni generali Denominazione offerta Sezione 1 - Costo complessivo di una chiamata (Valori in, IVA inclusa) Fonia vocale 1 minuto 3 minuti Locale 0,18 0,18 Nazionale 0,18 0,18 Verso mobile (5000 minuti verso numerazioni mobili Fastweb associate)

Dettagli

Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni

Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni Numero 29/2014 Pagina 1 di 8 Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni Numero : 29/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : DICHIARAZIONI

Dettagli

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a)

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a) Quote di mercato Nel corso degli ultimi anni si è assistito ad una graduale erosione delle quote di mercato sulle esportazioni mondiali dell Unione europea, principalmente a vantaggio dei paesi dell Asia

Dettagli

3. La salute INDICE 3. La salute

3. La salute INDICE 3. La salute 3. La salute INDICE 3. La salute pag. 1 3.1 I numeri della salute 2 3.2 I servizi sanitari 4 3.3 Che cosa vuol dire assistenza sanitaria di base 6 3.4 Nuovi casi di malattie a trasmissione sessuale non

Dettagli

Condizioni economiche di offerta. Unità di misura. Sezione 2 - Informazioni di dettaglio (valori economici IVA inclusa)

Condizioni economiche di offerta. Unità di misura. Sezione 2 - Informazioni di dettaglio (valori economici IVA inclusa) Sezione 1 - Costo complessivo di una chiamata (Valori in cent, IVA inclusa) Fonia vocale 1 minuto 3 minuti Locale 18,00 18,00 Nazionale 18,00 18,00 Verso mobile 39,00 77,00 Navigazione su Internet 30 minuti

Dettagli

In questa tabella gli ammontari unitari vanno immessi con due decimali

In questa tabella gli ammontari unitari vanno immessi con due decimali ALLEGATO 5: SCHEMA OFFERTA ECONOMICA CIG n. 1385933C14 CUP n. G29E11422 DICHIARAZIONE D OFFERTA PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI DI TELEFONIA FISSA, TRASMISSIONE DATI, SERVIZI E FORNITURE ACCESSORIE PER LE

Dettagli

30 /mese 24 /mese in promo. 10 GB in caso di extra soglia: 1 cent/mb 3. Verso tutte le numerazioni nazionali - Scatto alla risposta - Tariffazione -

30 /mese 24 /mese in promo. 10 GB in caso di extra soglia: 1 cent/mb 3. Verso tutte le numerazioni nazionali - Scatto alla risposta - Tariffazione - CARATTERISTICHE E VANTAGGI DELL OFFERTA Dettaglio Offerta Costo SIM 10 Ricarica iniziale minima 30 Attivazione offerta * Canone offerta 9 Gratis in promo 30 /mese 24 /mese in promo Traffico DATI incluso

Dettagli

N.B. : alcuni Stati dell elenco, grazie a successive convenzioni, potrebbero essere esentati dall obbligo di apostille

N.B. : alcuni Stati dell elenco, grazie a successive convenzioni, potrebbero essere esentati dall obbligo di apostille I documenti devono essere: 1) Legalizzati (o apostillati) 2) Scritti o tradotti in lingua italiana 3) Non contrari a norme imperative o di ordine pubblico I documenti e gli atti dello stato civile formati

Dettagli

I PIANI IN ABBONAMENTO OPEN

I PIANI IN ABBONAMENTO OPEN PARTITA IVA I PIANI IN ABBONAMENTO OPEN ONE DRIVE: L innovativo servizio Microsoft One Drive for Business include 1TB di spazio di archiviazione in Cloud per i tuoi documenti aziendali e il servizio di

Dettagli

Certificato di vaccinazione contro la febbre gialla

Certificato di vaccinazione contro la febbre gialla Certificato di vaccinazione contro la febbre gialla La febbre gialla urbana e della giungla si manifestano solo in parte dell'africa e del sud America (vedere cartina 1 e 2). La febbre gialla urbana è

Dettagli

Paesi che richiedono il certificato di vaccinazione internazionale contro la Febbre Gialla SOLO a viaggiatori provenienti da aree a rischio

Paesi che richiedono il certificato di vaccinazione internazionale contro la Febbre Gialla SOLO a viaggiatori provenienti da aree a rischio Afghanistan Albania Algeria Tabella Stati che richiedono vaccinazione contro la Febbre Gialla Paesi in cui la Febbre Gialla è endemica (alto rischio di contagio) Vaccinazione raccomandata dall'oms Paesi

Dettagli

abamobile Canone mensile 20.00 35.00 55.00 75.00 90.00 Chiamate in entrata ed in uscita in Europa (Zone A-B) da 0.40 da 0.40 da 0.40 da 0.

abamobile Canone mensile 20.00 35.00 55.00 75.00 90.00 Chiamate in entrata ed in uscita in Europa (Zone A-B) da 0.40 da 0.40 da 0.40 da 0. powered by Abbonamento Swiss Company Swiss Mini Swiss Flat International Flat Travel Flat Canone mensile 20.00 35.00 55.00 75.00 90.00 Chiamate dalla Svizzera (costi di connessione per chiamate al minuto)

Dettagli

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI D.G.I.E.P.M. Uff. IV GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE Gennaio 2005 L esigenza di realizzare una Guida

Dettagli

smartphone lumia 800 nokia Samsung Galaxy Note Nokia C2-01 Samsung Galaxy siii lg optimus 1 una tantum una tantum 1 LG optimus L3 1 una tantum 2,5 5

smartphone lumia 800 nokia Samsung Galaxy Note Nokia C2-01 Samsung Galaxy siii lg optimus 1 una tantum una tantum 1 LG optimus L3 1 una tantum 2,5 5 smartphone nokia c2-01 galaxy ch@t nokia lumia 800 lg optimus l3 galaxy mini 2 UNIT 100 UNIT 300 UNIT 1000 SUPERIOR Nokia C2-01 LG optimus L3 Samsung Galaxy Ch@t Samsung Galaxy Mini 2 80 100 150 200 una

Dettagli

ABBONAMENTI H3G MY BUSINESS

ABBONAMENTI H3G MY BUSINESS Business ABBONAMENTI H3G MY BUSINESS *Unlimited International permette di effettuare traffico illimitato per le chiamate dall Italia verso l Estero e per le chiamate effettuate e ricevute in Roaming nei

Dettagli

II Periodo Tariffario Luogotenenza Interno dal 01.10.1944 al 31.03.1945

II Periodo Tariffario Luogotenenza Interno dal 01.10.1944 al 31.03.1945 II Periodo Tariffario Luogotenenza Interno dal 01.10.1944 al 31.03.1945 Lettera 1 lire ogni gr 15 idem entro il distretto 0,50 lire ogni gr 15 idem dirette a militari 0,50 lire solo fino a gr 15 idem fra

Dettagli

Auditorium Comunale Albino Bg V.le Aldo Moro 2/4

Auditorium Comunale Albino Bg V.le Aldo Moro 2/4 Auditorium Comunale Albino Bg V.le Aldo Moro 2/4 La società multiculturale italiana: numeri e parole Mara Clementi - Fondazione ISMU 22 ottobre 2012 mara clementi ismu 1 due parole chiave abitano oggi

Dettagli

Convenzione Fonia Amavet (Gruppo Filo Diretto)

Convenzione Fonia Amavet (Gruppo Filo Diretto) Convenzione Fonia Amavet (Gruppo Filo Diretto) V 1.0 FASTWEB Business Unit Executive Strettamente confidenziale 1. Convenzione Fonia Amavet La presente offerta FONIA è valida per le sole Aziende Business

Dettagli

Decreto Ministero del Tesoro del 27 agosto 1998

Decreto Ministero del Tesoro del 27 agosto 1998 Decreto Ministero del Tesoro del 27 agosto 1998 Adeguamento delle diarie di missione all'estero del personale statale, civile e militare, delle Università e della scuola IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO

Dettagli

Estensione del servizio Export Manager a nuovi Paesi TABELLE PAESI/TIPI DI PAGAMENTO AMMESSI

Estensione del servizio Export Manager a nuovi Paesi TABELLE PAESI/TIPI DI PAGAMENTO AMMESSI Estensione del servizio Export Manager a nuovi Paesi TABELLE PAESI/TIPI DI PAGAMENTO AMMESSI Aggiornamento del 28/10/2014 AREA SEPA Paesi UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia,

Dettagli