Introduzione La disciplina relativa alle spedizioni di rifiuti nell ambito della Comunità Europea e nei confronti dei Paesi terzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione La disciplina relativa alle spedizioni di rifiuti nell ambito della Comunità Europea e nei confronti dei Paesi terzi"

Transcript

1 Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 25/07/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario aprire il singolo allegato e stamparlo. File PDF creato in data 19/06/2008 Per maggiori informazioni rivolgersi: Servizio Ambiente e sicurezza Piazza Castello, Vicenza tel fax LA DISCIPLINA RELATIVA ALLE SPEDIZIONI DI RIFIUTI NELL AMBITO DELLA COMUNITÀ EUROPEA E NEI CONFRONTI DEI PAESI TERZI Introduzione Capitolo n. 1. Entrata in vigore e regime transitorio Capitolo n. 2. Campo di applicazione Sotto Capitolo n Spedizioni tra Stati membri dell UE Spedizioni intracomunitarie Sotto Capitolo n Esportazioni di rifiuti dall Unione europea Sotto Capitolo n Importazioni di rifiuti nell Unione europea Capitolo n. 3. Esclusioni Capitolo n. 4. Procedura di notifica e autorizzazione per le spedizioni intracomunitarie Sotto Capitolo n Notifica generale Sotto Capitolo n Procedura di notifica per le esportazioni verso i Paesi EFTA Sotto Capitolo n Procedura di notifica per le esportazioni verso i Paesi OCSE Sotto Capitolo n Procedura di notifica per le importazioni di rifiuti da Paesi aderenti alla Convenzione di Basilea Capitolo n. 5. Obblighi generali di informazione Capitolo n. 6. Miscele di rifiuti Capitolo n. 7. Operazioni intermedie di recupero e di smaltimento Capitolo n. 8. Soluzione dei disaccordi Capitolo n. 9. Contenuti degli allegati al regolamento Capitolo n. 10. Tavola comparata dei Paesi aderenti all Unione europea, all EFTA, alla Convenzione di Basilea ed all OCSE Introduzione La disciplina relativa alle spedizioni di rifiuti nell ambito della Comunità Europea e nei confronti dei Paesi terzi Premessa Struttura formale del regolamento Il regolamento (CE) n. 1013/2006 relativo alle spedizioni di rifiuti (GUCE 12/7/2006, n. L 190) è costituito da 64 articoli e 14 allegati. I 64 articoli sono così raggruppati: Titolo I: Ambito d applicazione e definizioni (artt. 1 e 2); Titolo II: Spedizioni all interno della Comunità europea (artt. 3-32); Titolo III: Spedizioni esclusivamente all interno degli Stati membri (art. 33; rinvio alle norme di diritto interno); Titolo IV: Esportazioni dalla Comunità verso paesi terzi (artt ); Titolo V: Importazioni nella Comunità da paesi terzi (art ); Titolo VI: Transito nel territorio della Comunità (artt. 47 e 48): Titolo VII: Altre disposizioni (artt ).

2

3 Capitolo n. 1 Entrata in vigore e regime transitorio Il regolamento n. 1013/2006 è entrato in vigore il 15 luglio 2006 (art. 64, paragrafo 1, primo comma), si applica dal 12 luglio 2007 (art. 64, paragrafo 1, secondo comma). A partire dalla stessa data del 12 luglio 2007 sono abrogati il regolamento (CEE) n. 259/1993 (relativo alla sorveglianza e al controllo delle spedizioni di rifiuti all interno della Comunità europea, nonché in entrata e in uscita dal suo territorio) e la decisione 94/774/CE (relativa al documento di accompagnamento standard previsto dal regolamento (CEE) n. 259/1993 del Consiglio relativo alla sorveglianza e al controllo delle spedizioni di rifiuti all interno della Comunità europea, nonché in entrata e in uscita dal suo territorio) (art. 61, paragrafo 1). Per la fase transitoria: le spedizioni che sono state notificate ed il cui ricevimento è stato confermato dall autorità competente di destinazione prima del 12 luglio 2007 continuano ad essere soggette al regolamento (CEE) n. 259/1993 (art. 62, paragrafo 1); le spedizioni autorizzate secondo il regolamento (CEE) n. 259/1993 devono essere portate a termine entro il 12 luglio 2008 (art. 62, paragrafo 2).

4 Capitolo n. 2 Campo di applicazione Il regolamento n. 1013/2006 disciplina le spedizioni transfrontaliere di rifiuti, ed in particolare quelle (art. 1, paragrafo 2): tra Stati membri della Unione europea (spedizioni intracomunitarie); in uscita dall Unione europea (esportazioni); in entrata nell Unione europea (importazioni). Non riguarda le spedizioni che si risolvono interamente ed esclusivamente all interno dei singoli Stati membri, spedizioni per le quali si limita a richiedere che siano disciplinate dalle norme di diritto interno in modo coerente con il sistema comunitario (art. 33).

5 Sotto Capitolo n. 2.1 Spedizioni tra Stati membri dell UE Spedizioni intracomunitarie Nell ambito dell UE è possibile spedire rifiuti di qualunque tipo, sia per sottoporli ad operazioni di smaltimento che di recupero. La spedizione è di norma sottoposta a procedura di notifica ed autorizzazione; la notifica e le autorizzazioni debbono essere preventive e scritte. Solo se destinati a recupero e solo i rifiuti dell elenco verde (allegato III al regolamento) possono essere spediti nel rispetto degli obblighi generali di informazione senza notifica ed autorizzazione (art. 3).

6 Sotto Capitolo n. 2.2 Esportazioni di rifiuti dall Unione europea Le esportazioni di rifiuti dall Unione europea sono consentite per tipologie diverse a seconda del paese di destinazione, distinguendosi: le esportazioni verso i Paesi aderenti all EFTA (esportazioni in area EFTA); le esportazioni verso i Paesi ai quali si applica la decisione OCSE sul controllo dei movimenti transfrontalieri di rifiuti destinati ad operazioni di recupero (esportazioni in area OCSE); le esportazioni verso gli altri Paesi (esportazioni extra OCSE) (artt ) Esportazioni in area EFTA (European Free Trade Organization) Verso i Paesi aderenti all EFTA è consentito esportare: rifiuti destinati allo smaltimento con la procedura di notifica ed autorizzazione opportunamente adattata; rifiuti destinati al recupero di norma con la procedura di notifica opportunamente adattata; rifiuti destinati al recupero ed inclusi nell elenco verde anche con la sola procedura di informazione (artt. 34 e 35; si tenga conto che ai Paesi aderenti all EFTA si applica anche la decisione OCSE, si veda quindi anche l art. 38) Esportazioni in area OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) Verso i Paesi ai quali si applica la decisione OCSE è consentito esportare: rifiuti destinati al recupero di norma con la procedura di notifica ed autorizzazione opportunamente adattata; rifiuti destinati al recupero ed inclusi nell elenco verde anche con la sola procedura di informazione (art. 38). E' comunque vietata l esportazione di rifiuti destinati allo smaltimento verso Paesi ai quali si applica la decisione OCSE, ma che non fanno parte dell EFTA (art. 34) Esportazioni verso gli altri Paesi Le esportazioni verso Paesi terzi (esportazioni extra EFTA ed extra OCSE) sono consentite solo ai fini del recupero e, di norma, con la procedura di notifica ed autorizzazione opportunamente adattata (art. 36). E' peraltro previsto che la Commissione interpelli tutti i Paesi ai quali non si applica la decisione OCSE e, sulla base delle indicazioni ricevute da ciascuno di essi, possa adottare un regolamento che stabilisca Paese per Paese diverse procedure di controllo (o nessun controllo) per l esportazione di rifiuti destinati al recupero inclusi nell elenco verde (art. 37). In attuazione di tale disposizione è stato adottato il regolamento CE n. 801/2007 del 6 luglio 2007 relativo all'esportazione di alcuni rifiuti destinati al recupero, elencati nell'allegato III o III A del regolamento (CE) n. 1013/2006, verso alcuni paesi ai quali non si applica la decisione dell'ocse sul controllo dei movimenti transfrontalieri di rifiuti (GUCE 7/7/2007, n. L 179) Sono comunque vietate le esportazioni extra OCSE, anche ai fini del recupero, dei rifiuti individuati in base ai criteri dell allegato V (art. 36); in base a tale allegato risultano in sintesi non esportabili extra OCSE: i rifiuti pericolosi (codici CER con asterisco), i rifiuti classificati come pericolosi dalla convenzione di Basilea (allegato VIII a detta convenzione); altri rifiuti espressamente elencati nella parte terza del medesimo allegato V. E', invece, espressamente consentita l esportazione (a fini di recupero) extra OCSE dei rifiuti elencati nell allegato IX della convenzione di Basilea, che essenzialmente esauriscono l elenco verde (art. 37). Pertanto, ricordato che sono sempre vietate le esportazioni di rifiuti destinati allo smaltimento (art. 34), di fatto esportabili extra OCSE (e solo ai fini di recupero) risultano solo i rifiuti dell elenco verde.

7 Sotto Capitolo n. 2.3 Importazioni di rifiuti nell Unione europea Le importazioni di rifiuti nell Unione europea sono consentite per tipologie e destinazioni diverse a seconda del Paese di provenienza, distinguendosi: le importazioni da Paesi o territori d oltremare; le importazioni da Paesi aderenti alla Convenzione di Basilea; le importazioni da Paesi ai quali si applica la decisione OCSE; le importazioni da altri Paesi Importazioni di rifiuti da Paesi o territori d oltremare Ai fini dell importazione di rifiuti, i Paesi ed i territori d oltremare (elencati nell allegato I A della decisione 2001/822/CE) costituiscono di fatto territorio dell Unione europea. Da tali Paesi e territori si possono importare tutti i rifiuti, sia per sottoporli ad operazioni di smaltimento che di recupero, con le stesse procedure previste per le spedizioni intracomunitarie (art. 46) Importazioni di rifiuti da Paesi aderenti alla Convenzione di Basilea Dai Paesi aderenti alla Convenzione di Basilea è consentito importare rifiuti, senza limitazioni di tipologie e di destinazione, ma sempre e solo con la procedura di notifica e di autorizzazione opportunamente adattata (artt. 42, 44, e 45) Non è infatti prevista l importazione di rifiuti destinati al recupero ed inclusi nell elenco verde dell allegato III con la procedura di informazione Importazioni di rifiuti da Paesi OCSE Con provenienza dai Paesi OCSE è espressamente prevista la possibilità di importare rifiuti destinati al recupero con la procedura di notifica ed autorizzazione opportunamente adattata (art. 43 e 44). Non è prevista l importazione di rifiuti destinati al recupero ed inclusi nell elenco verde dell allegato III con la sola procedura di informazione. Nulla si dice in ordine all importazione da tali Paesi di rifiuti destinati allo smaltimento. Di fatto, però, tutti i Paesi aderenti all OCSE hanno sottoscritto anche la convenzione di Basilea Importazioni di rifiuti da altri Paesi Le importazioni di rifiuti da altri Paesi sono vietate sia per operazioni di smaltimento che di recupero, salvo specifiche convenzioni (artt. 41 e 43).

8 Capitolo n. 3 Esclusioni Sono esclusi dal campo di applicazione del regolamento: a. lo scarico a terra di rifiuti prodotti dalla normale attività delle navi e delle piattaforme offshore, purché disciplinati dalla convenzione internazionale di Marpol 73/78 o da altri strumenti internazionali vincolanti; b. i rifiuti prodotti a bordo di veicoli, treni, aeromobili e navi, finché tali rifiuti non sono scaricati a terra per essere recuperati o smaltiti; c. le spedizioni di residui radioattivi (disciplinati dalla direttiva 92/3 Euratom del 3 febbraio 1992); d. le spedizioni di residui di origine animale rientranti nel campo di applicazione del regolamento CE n. 1774/2002; e. le spedizioni di rifiuti di cui all art. 2, punto 1), lettera b), punti ii), iv) e v) della direttiva 2006/12/CE, qualora sia già contemplata da altra normativa comunitaria contenente disposizioni simili; f. le spedizioni di rifiuti dall Antartico nella Comunità ai sensi delle disposizioni del protocollo sulla protezione ambientale del trattato antartico; g. le importazioni nella Comunità di rifiuti prodotti da forze armate o da organizzazioni umanitarie in situazioni di crisi (art. 1, paragrafo 3).

9 Capitolo n. 4 Procedura di notifica e autorizzazione per le spedizioni intracomunitarie La notifica può essere presentata dai seguenti soggetti ( ordine gerarchico ): produttore iniziale; nuovo produttore; raccoglitore abilitato; commerciante registrato (autorizzato per iscritto); intermediario registrato (autorizzato per iscritto); detentore (art. 2, paragrafo 1, punto 15). Ogni singola notifica può, di norma, riguardare un solo codice rifiuto (art. 4, punto 6, terzo capoverso) ed è costituita da (art. 4, punto 1): 1) un documento di notifica (rilasciato dall autorità competente di spedizione) che deve essere compilato a cura del produttore del rifiuto o del notificatore (se diverso dal produttore e che provvede comunque a farlo firmare al produttore). Il documento di notifica deve essere completato da tutti i dati elencati in allegato II, in particolare: il contratto tra il notificatore ed il destinatario (o certificazione della sua esistenza) contenente, tra le altre, le clausole relative: all obbligo del notificatore di riprendersi i rifiuti se la spedizione non sia risultata regolare, all obbligo per il destinatario di rilasciare un certificato di avvenuto smaltimento o recupero secondo quanto previsto dalla notifica; la garanzia finanziaria che copra le spese di trasporto, recupero o smaltimento, deposito per 90 giorni; 2) un documento di movimento rilasciato dall autorità competente di spedizione a seguito dell ottenimento dell autorizzazione alla spedizione stessa; questo documento sostituisce a tutti gli effetti il formulario di identificazione dei rifiuti di cui all art. 193 del d.lgs. 152/2006. Al ricevimento della notifica da parte del notificatore, l autorità competente la invia (trattenendone una copia) entro 3 giorni lavorativi alle autorità competenti di destinazione ed eventualmente alle autorità di transito e dà notizia dell invio al notificatore (art. 7). Le autorità competenti di transito e di destinazione possono sollevare obiezioni entro 30 giorni lavorativi dal ricevimento della notifica. Nel caso non vengano sollevate obiezioni, entro i detti 30 giorni rilasciano l autorizzazione che ha validità di 1 anno dalla data di rilascio e che: può essere tacita per l autorità competente di transito; deve necessariamente essere notificata per iscritto da parte dell autorità competente di destinazione (art. 9). Al ricevimento della notifica con l autorizzazione (timbro, firma e data sul documento di notifica), il notificatore predispone il documento di movimento con le date dell effettivo inizio della spedizione e lo trasmette al destinatario almeno tre giorni lavorativi prima che la spedizione abbia inizio (art. 16). Ogni trasporto deve essere accompagnato dal documento di movimento e da una copia del documento di notifica con le autorizzazioni scritte. L impianto di destinazione invia al notificatore entro tre giorni dal ricevimento dei rifiuti conferma scritta del loro conferimento. Il certificato di avvenuto smaltimento o recupero deve essere inviato quanto prima, non oltre trenta giorni dal completamento delle operazioni di recupero o di smaltimento (comunque non oltre un anno dalla spedizione), in allegato al documento di movimento, che peraltro contiene un apposito riquadro per apporre l attestazione di avvenuto smaltimento o recupero. Tale certificato, ovvero la copia del documento di movimento compilata nell apposito riquadro, deve essere inviato a: tutte le autorità competenti interessate al notificatore. Al ricevimento del certificato, l autorità competente di spedizione svincola la garanzia finanziaria.

10 Sotto Capitolo n. 4.1 Notifica generale Il notificatore può presentare una notifica generale relativa a più spedizioni se sono rispettate le seguenti condizioni: i rifiuti hanno caratteristiche chimico-fisiche simili; i rifiuti sono spediti verso uno stesso destinatario e uno stesso impianto; le spedizioni seguono lo stesso itinerario indicato nella notifica (art. 13).

11 Sotto Capitolo n. 4.2 Procedura di notifica per le esportazioni verso i Paesi EFTA La procedura di notifica per le esportazioni in area EFTA varia rispetto alla procedura di notifica per spedizioni intracomunitarie principalmente per: i tempi per sollevare obiezioni e per rilasciare l autorizzazione da parte delle autorità di transito e di destinazione: 60 giorni anziché 30; l obbligo, a carico delle autorità di spedizione (o di transito), di inviare una copia timbrata dell autorizzazione all ufficio doganale di esportazione ed all ufficio doganale di uscita dall UE; l obbligo, a carico del vettore, di consegnare una copia del documento di movimento all ufficio doganale di esportazione ed all ufficio doganale di uscita dall UE; l obbligo, a carico dell impianto di destinazione, di inviare all autorità di spedizione l avviso di ricevimento dei rifiuti entro quarantadue giorni, in caso contrario l autorità di spedizione dovrà informare l autorità di destinazione (art. 35).

12 Sotto Capitolo n. 4.3 Procedura di notifica per le esportazioni verso i Paesi OCSE La procedura di notifica per le esportazioni in area OCSE varia rispetto alla procedura di notifica per spedizioni intracomunitarie principalmente per: l obbligo, a carico delle autorità di spedizione (o di transito), di inviare una copia timbrata dell autorizzazione all ufficio doganale di esportazione ed all ufficio doganale di uscita dall UE; l obbligo, a carico del vettore, di consegnare una copia del documento di movimento all ufficio doganale di esportazione ed all ufficio doganale di uscita dall UE; l obbligo, a carico dell ufficio doganale, di inviare all autorità di spedizione una copia timbrata del documento di movimento attestante che i rifiuti hanno lasciato l UE; l obbligo, a carico dell impianto di destinazione, di inviare all autorità di spedizione l avviso di ricevimento dei rifiuti entro quarantadue giorni, in caso contrario l autorità di spedizione dovrà informare l autorità di destinazione (art. 38).

13 Sotto Capitolo n. 4.4 Procedura di notifica per le importazioni di rifiuti da Paesi aderenti alla Convenzione di Basilea La procedura di notifica ed autorizzazione per le importazioni di rifiuti provenienti da Paesi aderenti alla Convenzione di Basilea varia rispetto alla procedura di notifica per spedizioni intracomunitarie principalmente per: i tempi per richiedere informazioni aggiuntive e per rilasciare l autorizzazione da parte delle autorità di transito esterna all UE: 60 giorni anziché 30 (tempistica non prevista per le importazioni di rifiuti destinati a recupero da Paesi dell area OCSE); l obbligo, a carico delle autorità di destinazione (o di transito), di inviare una copia timbrata dell autorizzazione all ufficio doganale di importazione ed all ufficio doganale di entrata nell UE; l obbligo, a carico del vettore, di consegnare una copia del documento di movimento all ufficio doganale di entrata nell UE; l obbligo, a carico dell ufficio doganale di entrata nell UE, di inviare all autorità di destinazione una copia timbrata del documento di movimento attestante che i rifiuti sono entrati nell UE (artt. 42, 44 e 45).

14 Capitolo n. 5 Obblighi generali di informazione La procedura di informazione può essere applicata, in sostituzione della procedura di notifica ed autorizzazione, alle spedizioni intracomunitarie ed alle esportazione verso Paesi dell area EFTA e dell area OCSE di: rifiuti destinati a recupero (per quantità superiori a 20 Kg) inclusi nell elenco verde (allegato III al regolamento); miscele di rifiuti composte da due o più rifiuti elencati nell allegato III ed incluse dell elenco delle miscele di rifiuti di cui all allegato IIIA (al momento vuoto ) destinate a recupero; campioni di rifiuti destinati ad analisi di laboratorio per accertarne le caratteristiche chimico-fisiche, se la quantità non supera i 25 Kg (art. 3, paragrafi 2-4). Gli obblighi generali di informazioni essenzialmente consistono nell obbligo di accompagnare i rifiuti oggetto della spedizione con un apposito documento, di cui all allegato VII, firmato: dal soggetto che organizza la spedizione, prima dell inizio della spedizione stessa; dall impianto di recupero o dal laboratorio al ricevimento dei rifiuti. In tale documento di informazione deve essere tra l altro dichiarata l esistenza di un contratto stipulato tra il soggetto che organizza la spedizione ed il destinatario. Tale contratto deve essere fornito in copia su richiesta dell autorità competente interessata ed acquista efficacia all inizio della spedizione (art. 18). In base all art. 193, comma 7, del d.lgs. n. 152/2006, il formulario di identificazione per il trasporto previsto dalla norma nazionale è validamente sostituito, per i rifiuti oggetto di spedizioni transfrontaliere, dai documenti previsti dalla normativa comunitaria, che all epoca era costituita dal regolamento (CEE) n. 259/93 e dalla decisione 94/774/CE, disciplinante, per l appunto il documento di accompagnamento standard modello 54B. Ne consegue, come s è detto, che il formulario nazionale è per certo validamente sostituito dal documento di movimento che accompagna le spedizioni sottoposte alla procedura ordinaria di notifica ed autorizzazione (il nuovo documento di movimento sostituisce il 54B ed ha funzioni e caratteristiche del tutto corrispondenti). Non altrettanto può dirsi per l inedito documento di informazione, previsto per le spedizioni non soggette alla procedura di notifica ed autorizzazione, che sostituisce il documento informale previsto dal vecchio regolamento ed il cui utilizzo non esonerava dall obbligo del formulario nazionale: il nuovo documento di informazione, infatti, a differenza del documento di movimento, non possiede gran parte dei requisiti essenziali del formulario previsto dall art. 193 del d.lgs. n. 152/2006.

15 Capitolo n. 6 Miscele di rifiuti Fermo restando che i rifiuti non possono essere miscelati tra loro dal momento in cui inizia la spedizione e fino al loro ricevimento nell impianto di destinazione (art. 19), è possibile spedire nell ambito UE ed esportare extra UE miscele di rifiuti che possono essere composte da: due o più rifiuti elencati nell allegato III ed incluse nell elenco delle miscele di rifiuti di cui all allegato III A, il cui contenuto è peraltro rimesso ad emanande decisioni della Commissione; le miscele che verranno inserite in detto allegato III A, attualmente vuoto, se destinate al recupero, potranno essere soggette ai soli obblighi di informazione per le spedizioni intracomunitarie e le esportazioni verso i Paesi dell area EFTA e OCSE; qualunque altro rifiuto elencato negli allegati al regolamento; tali miscele sono soggette alla procedura di notifica ed autorizzazione e, in deroga al principio generale, in base al quale ciascuna notifica deve riguardare un solo codice di identificazione dei rifiuti, nei documenti di notifica e di movimento dovranno essere specificati, in ordine di importanza, i codici di ciascuno dei rifiuti che compone la miscela oggetto della spedizione (art. 4, punto 6, terzo capoverso).

16 Capitolo n. 7 Operazioni intermedie di recupero e di smaltimento Se un rifiuto viene spedito ad un impianto nel quale verrà sottoposto ad operazioni solo intermedie di recupero e di smaltimento (ivi compreso il solo stoccaggio), nel documento di notifica deve essere indicato, oltre all impianto di (prima) destinazione, anche il o i successivi impianti fino al recupero o smaltimento finale. La procedura ordinaria, inoltre, è integrata da alcune disposizioni aggiuntive finalizzate al controllo dell intero percorso che dovrà seguire il rifiuto. In particolare l impianto di (prima) destinazione intermedia dovrà: non solo certificare l avvenuto recupero o smaltimento intermedio da lui eseguito, entro l ordinario termine di trenta giorni dal completamento di tale operazione intermedia e comunque entro un anno dal ricevimento dei rifiuti, ma, nel caso in cui le operazioni successive vengano svolte nello stesso Paese di (prima) destinazione, richiedere agli impianti che hanno svolto dette operazioni successive la certificazione dell avvenuta esecuzione di dette operazioni e trasmettere tali certificati al notificatore ed alle autorità competenti interessate; qualora invece le successive operazioni di recupero o smaltimento debbano essere svolte in un altro Paese (diverso da quello di prima destinazione), dovrà procedere ad una nuova notifica (art. 15). Nei casi in cui le operazioni di recupero o smaltimento successivo vengano svolte nello stesso Paese di prima destinazione, la garanzia finanziaria prestata dal notificatore è svincolata quando l autorità competente interessata ha ricevuto i certificati attestanti l avvenuta esecuzione (anche) di dette operazioni successive (art. 6, paragrafo 5, secondo capoverso).

17 Capitolo n. 8 Soluzione dei disaccordi Con riferimento (anche) alle spedizioni intacomunitarie sono fissate specifiche regole per superare eventuali diverse interpretazioni tra le autorità interessate ad una stessa specifica spedizione. Classificazione del materiali come rifiuto o no Se le autorità competenti di spedizione e destinazione non si accordano in merito alla classificazione dei materiali come rifiuti o no, detti materiali sono trattati come rifiuti. Resta fatto salvo il diritto del Paese di destinazione di trattare i materiali spediti, dopo il loro arrivo, conformemente alla legislazione nazionale, allorché tale legislazione è conforme alla normativa comunitaria o al diritto internazionale (art. 28, paragrafo 1). Individuazione dell elenco cui appartiene il rifiuto Se le autorità competenti di spedizione e destinazione non si accordano in merito alla classificazione dei rifiuti notificati come rifiuti dell allegato III, III A, III B o IV, i rifiuti si considerano rifiuti dell allegato IV (art. 28, paragrafo 2). Classificazione dell operazione di recupero o smaltimento Se le autorità competenti di spedizione e destinazione non si accordano in merito alla classificazione dell operazione notificata di trattamento dei rifiuti come operazione di recupero o di smaltimento, si applicano le disposizioni in materia di smaltimento (art. 28, paragrafo 3).

18 Capitolo n. 9 Contenuti degli allegati al regolamento Il regolamento n. 1013/2006 si compone di 64 articoli e di 14 allegati. 1. Allegato I A Contenente il fac simile del documento di notifica. 2. Allegato I B Contenente il fac simile del documento di movimento. 3. Allegato I C Attualmente in bianco. Dovrà contenere le istruzioni per la compilazione del documento di notifica e del documento di movimento (elaborazione prevista entro il 12 luglio 2007). 4. Allegato II Si divide in: parte 1, contenente le informazioni da fornire sul documento di notifica o da allegare allo stesso; parte 2, contenete le informazioni da fornire sul documento di movimento o da allegare allo stesso; parte 3, contenente le informazioni ed i documenti aggiuntivi che possono essere richiesti dalle autorità competenti. 5. Allegato III Contiene il cosiddetto elenco verde. La sua titolazione Elenco dei rifiuti soggetti agli obblighi generali di informazione di cui all articolo 18 può risultare fuorviante. In realtà i rifiuti considerati possono essere spediti rispettando i soli obblighi generali di informazione solo se destinati a recupero intracomunitario o comunque in area OCSE, ovvero in altri paesi che avranno dichiarato di accettarli senza controlli. Si suddivide in: parte 1, che rinvia all allegato IX della Convenzione di Basilea; parte 2, contenente un elenco di ulteriori specifici rifiuti. 6. Allegato III A Attualmente in bianco, conterrà l elenco delle miscele di rifiuti elencati nell allegato III (parte 1 e 2) e non classificate sotto una voce specifica che, se destinate a recupero, potranno essere oggetto di spedizioni nel rispetto dei soli obblighi generali. 7. Allegato III B Attualmente in bianco, dovrà contenere l elenco dei rifiuti verdi addizionali in attesa di inclusione nei pertinenti allegati della Convenzione di Basile o della decisione OCSE. 8. Allegato IV Contiene il cosiddetto elenco ambra. La sua titolazione Elenco dei rifiuti soggetti alla procedura di notifica e autorizzazione preventive scritte può risultare fuorviante: in realtà tutte le spedizioni di tutti i rifiuti sono sottoposte alla procedura di notifica e autorizzazione, salvo i casi in cui per i soli rifiuti dell elenco verde destinati a recupero è sufficiente il rispetto degli obblighi generali di informazione. Si divide in: parte 1, che rinvia agli allegati II e VIII della Convenzione di Basilea; parte 2, contenente un elenco di ulteriori rifiuti. 9. Allegato IV A Attualmente in bianco, dovrà contenere l elenco dei rifiuti che, ancorché siano elencati in allegato III, saranno comunque (anche se destinati a recupero) soggetti all obbligo di notifica ed autorizzazione. 10. Allegato V Contiene i criteri per l individuazione dei Rifiuti soggetti al divieto di esportazione di cui all articolo 36, ossia dei rifiuti comunque non esportabili in paesi ai quali non si applica la decisione OCSE. Si divide in: parte 1, che riporta:

19 o l allegato VIII alla Convenzione di Basilea (elenco A), con la precisazione, nell introduzione, che si tratta dei rifiuti soggetti al divieto di esportazione; o l allegato IX alla Convenzione di Basilea (elenco B), con la precisazione, nell introduzione, che si tratta dei rifiuti non soggetti al divieto di esportazione; parte 2, che riproduce l intero elenco europeo dei rifiuti (codici CER), con la precisazione, nell introduzione, che il divieto di esportazione (almeno di norma) riguarda solo i rifiuti pericolosi (codici con asterisco). parte 3, che riporta l allegato II alla Convenzione di Basilea ed un breve elenco di ulteriori rifiuti soggetti al divieto di esportazione. 11. Allegato VI Contiene il modulo per gli impianti titolari di autorizzazione preventiva. 12. Allegato VII Contiene il fac simile del documento di accompagnamento dei rifiuti soggetti agli obblighi generali di informazione. 13. Allegato VIII Contiene le linee guida per una gestione ecologicamente corretta Allegato IX Contiene il questionario di informazione per gli Stati membri.

20 Capitolo n. 10 Tavola comparata dei Paesi aderenti all Unione europea, all EFTA, alla Convenzione di Basilea ed all OCSE Unione europea EFTA OCSE Conv. di Basilea Afghanistan Albania Algeria Andorra Antigua e Barbuda Arabia Saudita Argentina Armenia Australia (Australia) Austria (Austria) (Austria) (Austria) Azerbaigian Bahamas Bahrein Bangladesh Barbados Belarus Belgio (Belgio) (Belgio) Belize Benin Bhutan Bolivia Bosnia e Erzegovina Botswana Brasile Brunei Bulgaria (Bulgaria) Burkina Faso Burundi Cambogia Camerun Canada (Canada) Capo Verde Ceca, Repubblica (Ceca, Repubblica) Ciad Cile Cina Cina-Hong Kong Cina-Macao2 Cipro (Cipro) Colombia Comore Congo (Brazzaville) Congo (Kinshasa) Corea (Sud) (Corea (Sud)) Costa Rica Croazia Cuba Côte d Ivoire Danimarca (Danimarca) (Danimarca) (Danimarca) Domenica Dominicana, Repubblica Ecuador Egitto El Salvador Emirati Arabi Uniti Eritrea Estonia (Estonia) Etiopia Filippine Finlandia (Finlandia) (Finlandia) Francia (Francia) (Francia) Gambia Georgia Germania (Germania) Ghana Giamaica

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE Il più grande evento del mondo. Un brand universale (4 expo ogni 10 anni in 5 Continenti). Un evento nazionale e non locale. Un organizzazione non-profit degli Stati Nazionali

Dettagli

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità Traduzione 1 Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità 0.810.1 Firmata a Nuova York il 22 luglio 1946 Approvata dall Assemblea federale il 19 dicembre 1946 2 Strumenti di ratificazione depositati

Dettagli

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE DIREZIONE GENERALE PER GLI ITALIANI ALL ESTERO E LE POLITICHE MIGRATORIE Ufficio IV GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE (Maggio 2014)

Dettagli

Convenzione internazionale sull eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale

Convenzione internazionale sull eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale Traduzione 1 Convenzione internazionale sull eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale 0.104 Conclusa a New York il 21 dicembre 1965 Approvata dall Assemblea federale il 9 marzo 1993 2 Istrumento

Dettagli

Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti

Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti Traduzione 1 Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti 0.105 Conclusa a Nuova York il 10 dicembre 1984 Approvata dall Assemblea federale il 6 ottobre 1986

Dettagli

Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna

Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna Traduzione 1 Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna 0.108 Conclusa il 18 dicembre 1979 Approvata dall Assemblea federale il 4 ottobre 1996 2 Ratificata

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi

Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi ) Tempi di recapito medi in giorni feriali (lunedi venerdi), giorno d impostazione escluso. I tempi di consegna pubblicati

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

0.191.01. Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche. Traduzione 1. (Stato 1 febbraio 2013)

0.191.01. Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche. Traduzione 1. (Stato 1 febbraio 2013) Traduzione 1 Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche 0.191.01 Conchiusa a Vienna il 18 aprile 1961 Approvata dall Assemblea federale il 21 giugno 1963 2 Istrumento di ratificazione depositato

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA La Nuova Frontiera Meetings & Events: un area di spesa che secondo le nostre indagini si attesta, a livello globale, intorno ai 300 miliardi di dollari.

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Termini e Condizioni

Termini e Condizioni Termini e Condizioni I presenti termini e condizioni si applicano a tutti gli ordini effettuati dal cliente (di seguito definito come Lei ) con COS attraverso H & M Hennes & Mauritz GBC AB ( COS o noi

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE

PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE Milano, 12 maggio 2009 Paolo Daperno Direttore Sistemi Informativi e Organizzazione Processi illycaffè illy nel mondo la nostra offerta la mission la

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DEI CERTIFICATI ESTERI E TABELLA DELLE PROCEDURE PER IL LORO RICONOSCIMENTO AI FINI DELLA RICHIESTA DI CITTADINANZA ITALIANA

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DEI CERTIFICATI ESTERI E TABELLA DELLE PROCEDURE PER IL LORO RICONOSCIMENTO AI FINI DELLA RICHIESTA DI CITTADINANZA ITALIANA GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DEI ESTERI E TABELLA DELLE PROCEDURE PER IL LORO RICONOSCIMENTO AI FINI DELLA RICHIESTA DI CITTADINANZA ITALIANA (rel. 26.03.2015) Tutti i certificati (a eccezione delle attestazioni

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Trattato di non proliferazione nucleare

Trattato di non proliferazione nucleare Traduzione Trattato di non proliferazione nucleare Conchiuso a Londra, Mosca e Washington il 1 luglio 1968 Gli Stati firmatari di questo Trattato, d ora in poi chiamati «Parti» del Trattato, considerando

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di:

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di: Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia in occasione di: 1 Agenda 1 PROGETTO EXPO IS NOW! 2 PROGETTO CIBUS E' ITALIA PADIGLIONE CORPORATE FEDERALIMENTARE/FIERE DI PARMA 3

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati.

Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati. I TRASPORTI INTERNAZIONALI Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati. Per effettuare trasporti internazionali di merci su strada

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA Adottata dalla Conferenza dei Capi di Stato e di Governo dell'oua riuniti

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

IL TUO PAESE CHIAMA E NAVIGA CON

IL TUO PAESE CHIAMA E NAVIGA CON CHIAMA E NAVIGA CON IL TUO PAESE Con la nuova TIM INTERNATIONAL FULL chiami il tuo Paese da 1cent/min, parli e navighi in Italia Internet da casa e fuori con le offerte per navigare da smartphone o ADSL

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI TUTTE LE INFORMAZIONI PER SPEDIRE CON DHL EXPRESS

GUIDA AI SERVIZI TUTTE LE INFORMAZIONI PER SPEDIRE CON DHL EXPRESS TUTTE LE INFORMAZIONI PER SPEDIRE CON DHL EXPRESS GUIDA AI SERVIZI DHL Express GLI SPECIALISTI INTERNAZIONALI DHL Express è leader mondiale del trasporto espresso aereo... p.2 L'OFFERTA DI DHL EXPRESS

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA LOTTERIA DIVERSITY VISA 2016 (DV-2016)

ISTRUZIONI PER LA LOTTERIA DIVERSITY VISA 2016 (DV-2016) ISTRUZIONI PER LA LOTTERIA DIVERSITY VISA 2016 (DV-2016) Il mandato congressuale della Lotteria Diversity Visa è gestito annualmente dal Dipartimento di Stato. La Sezione 203 (c) del Testo sull Immigrazione

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

CONDANNE A MORTE ED ESECUZIONI NEL 2013

CONDANNE A MORTE ED ESECUZIONI NEL 2013 CONDANNE A MORTE ED ESECUZIONI NEL 2013 Index: ACT 50/001/2014 Amnesty International - marzo 2014 INDICE INTRODUZIONE... 4 LA PENA DI MORTE NEL 2013... 6 DATI GLOBALI... 8 PANORAMICHE REGIONALI... 11 AMERICHE...

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

FedEx Ship Manager at fedex.com

FedEx Ship Manager at fedex.com FedEx Ship Manager at fedex.com Registrarsi Per spedire con FedEx Ship Manager occorrono: 1 il Codice Cliente FedEx di 9 cifre. 2 il Codice Identificazione Utente e la password. Per registrarvi, andate

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Presentazione candidature: 30 giugno-13 luglio 2015. Periodo di svolgimento del tirocinio: 1 ottobre-31 dicembre 2015

Presentazione candidature: 30 giugno-13 luglio 2015. Periodo di svolgimento del tirocinio: 1 ottobre-31 dicembre 2015 Bando di selezione per 82 tirocini curriculari presso le Rappresentanze diplomatiche del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Presentazione candidature: 30 giugno-13 luglio

Dettagli

IMPORTO DA INVIARE TARIFFE

IMPORTO DA INVIARE TARIFFE WESTERN UNION DOCUMENTO DI SINTESI 1 Servizio Money Transfer Western Union Payment Services Ireland Limited Unit 9, Richview Office Park, Clonskeagh, Dublino 14, Irlanda. 2 CONDIZIONI ECONOMICHE DEL SERVIZIO

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Bambini e adolescenti ai margini

Bambini e adolescenti ai margini UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 9 Bambini e adolescenti ai margini Un quadro comparativo sulla disuguaglianza nel benessere dei bambini nei paesi ricchi uniti per i bambini La Innocenti

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO

SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO RAGGIUNGERE IL FINE, CON OGNI MEZZO. PIÙ CHE UNA FILOSOFIA, UNA PROMESSA. INSPED ERA GLOBALE PRIMA ANCORA CHE SI PARLASSE DI GLOBALIZZAZIONE.

Dettagli

PROTEZIONE DEI RIFUGIATI: Guida al diritto internazionale del rifugiato

PROTEZIONE DEI RIFUGIATI: Guida al diritto internazionale del rifugiato PROTEZIONE DEI RIFUGIATI: Guida al diritto internazionale del rifugiato Ogni individuo ha il diritto di cercare e godere in altri paesi asilo dalle persecuzioni. Dichiarazione universale dei diritti dell

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Il Posto di Primo Soccorso in Piazza San Pietro

Il Posto di Primo Soccorso in Piazza San Pietro SOVRANO MILITARE ORDINE OSPEDALIERO DI SAN GIOVANNI DI GERUSALEMME DI RODI E DI MALTA Da 900 anni al servizio dei pellegrini Il Posto di Primo Soccorso in Piazza San Pietro Editorial Managers: Eugenio

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Il/la sottoscritto/a Cognome e Nome Codice Fiscale Partita IVA Data di nascita Comune di nascita

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non UE

La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non UE La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non UE Sintesi comparativa Rapporto 103 ETUI-REHS RESEARCH Department La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non

Dettagli

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea Aggiornamento 2010 Assumere in Europa una guida per i datori di lavoro eures.europa.eu Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

Figli della recessione

Figli della recessione UNICEF Innocenti Report Card 12 La condizione dell'infanzia nei paesi ricchi Figli della recessione L'impatto della crisi economica sul benessere dei bambini nei paesi ricchi La Innocenti Report Card 12

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3 Agosto 2013 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet

Dettagli

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1 TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU Pagina 1 ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI E DEGLI ACRONIMI UTILIZZATI NEGLI ORIENTAMENTI DAU ACP CDC CCIP NC DG TAXUD CE UE EUR.1 Gruppo di Stati dell Africa, dei Caraibi

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

Convenzione concernente il contratto di trasporto internazionale di merci su strada (CMR)

Convenzione concernente il contratto di trasporto internazionale di merci su strada (CMR) Traduzione 1 Convenzione concernente il contratto di trasporto internazionale di merci su strada (CMR) 0.741.611 Conchiusa a Ginevra il 19 maggio 1956 Firmata dalla Svizzera il 19 maggio 1956 Approvata

Dettagli

Package di Conto Corrente Conto Genius First Non Residenti

Package di Conto Corrente Conto Genius First Non Residenti LG00000NEW.bmp Foglio Informativo n. CC90 Aggiornamento n. 035 Data ultimo aggiornamento 01.10.2014 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini eurpei REQUISITI GENERALI Per pter sstenere un'iniziativa dei cittadini eurpei ccrre essere cittadini dell'ue (cittadini di un Stat membr) e aver raggiunt

Dettagli

Distribuzione digitale

Distribuzione digitale Distribuzione digitale Amazon Kindle Store La più grande libreria on line al mondo, con il Kindle ha fatto esplodere le vendite di ebook in America. Il Kinde Store è presente in Italia dal Novembre 2011.

Dettagli

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE 1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE Per secoli l Europa è stata teatro di conflitti, tensioni e divisioni, ma dopo gli orrori della seconda Guerra Mondiale il continente ha visto risorgere

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

21.6.2005 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 157/29 PROTOCOLLO

21.6.2005 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 157/29 PROTOCOLLO 21.6.2005 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 157/29 PROTOCOLLO Relativo alle condizioni e modalità d'ammissione della Repubblica di Bulgaria e della Romania all'unione europea LE ALTE PARTI CONTRAENTI,

Dettagli