INDICATORI DI MONITORAGGIO DEL PROCESSO (PER CDA) ALLEGATI ALLA PROCEDURA MODALITA DI ARCHIVIAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICATORI DI MONITORAGGIO DEL PROCESSO (PER CDA) ALLEGATI ALLA PROCEDURA MODALITA DI ARCHIVIAZIONE"

Transcript

1

2 INDICE 1 SCOPO pag. 3 2 CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 3 3 TERMINOLOGIA E ACRONIMI pag. 3 4 DESTINATARI 5 MODALITA OPERATIVE 5.1 I RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA IDENTIFICAZIONE LOCALI DI DEPOSITO MOMENTANEO (SPORCO) E DI STOCCAGGIO TEMPORANEO 5.2 RIFIUTI PRODOTTI IN AMBITO SANITARIO 5.3 CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI IN AMBITO SANITARIO 5.4 LA RIPARTIZIONE DEI COMPITI LA GESTIONE DEL RIFIUTO PRODOTTO RIFIUTI SOLIDI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO CONTENENTI ESCRETI CONTAMINATI DA SOSTANZE RADIOATTIVE RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO TAGLIENTI E PUNGENTI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI DI ORIGINE CHIMICA O DI ALTRA NATURA RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AVVIATI AL RECUPERO pag. 4 pag. 4 pag. 6 pag. 8 pag. 9 pag. 9 pag. 10 pag. 13 pag. 14 pag. 15 pag. 19 pag. 22 pag RIFERIMENTI NORMATIVI pag STORIA DEL PROTOCOLLO pag INDICATORI DI MONITORAGGIO DEL PROCESSO (PER CDA) ALLEGATI ALLA PROCEDURA MODALITA DI ARCHIVIAZIONE pag. 27 pag. 27 pag. 28 Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 2 di 28

3 1. SCOPO Uniformare e razionalizzare la gestione dei rifiuti in ambito sanitario e assistenziale, sia nelle strutture ospedaliere che territoriali. 2. CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura indica e rende cogente il comportamento da adottare nei confronti della gestione rifiuti nelle strutture sanitarie e assistenziali di ASS4, alla luce delle normative vigenti. 3. TERMINOLOGIA E ACRONIMI ASS4 = AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO FRIULI SOA= STRUTTURA OPERATIVA AZIENDALE (OSPEDALI DISTRETTI DIPARTIMENTI SOC= STRUTTURA OPERATIVA COMPLESSA SOS= STRUTTURA OPERATIVA SEMPLICE SOC PPGAA= SOC PREVENZIONE PROTEZIONE E GESTIONE AMBIENTALE AZIENDALE HSD= OSPEDALE DI SAN DANIELE UO=UNITA OPERATIVA CER=CODICE EUROPEO DEL RIFIUTO DPR=DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DLGS=DECRETO LEGISLATIVO 4. DESTINATARI Destinatario della presente procedura: Tutto il personale sanitario e non che concorre alla produzione di rifiuti di qualunque tipo, nelle strutture afferenti all ASS n. 4 Medio Friuli. Il documento verrà distribuito, mediante pubblicazione sul sito internet aziendale a cura della SOC PPGAA, a : Direttori di CdA e di SOA Coordinatori infermieristici/tecnici di SOA e delle SOC/SOS. Agli stessi spetta l onere di richiedere l osservanza delle indicazioni da parte dei soggetti coinvolti nella produzione, conservazione, smaltimento o riciclo dei rifiuti prodotti in Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 3 di 28

4 ambito sanitario/assistenziale, e in particolare ai coordinatori, la vigilanza sulla appropriatezza del conferimento da parte dei vari operatori. 5. MODALITA OPERATIVE 5.1 I RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ - IDENTIFICAZIONE LOCALI DI DEPOSITO MOMENTANEO (SPORCO) E DI STOCCAGGIO TEMPORANEO Per quanto attiene ai rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo, la norma che stabilisce le modalità di deposito temporaneo di tali rifiuti è quella riportata all art. 8 del D.P.R. n. 254/03: per garantire la tutela della salute e dell'ambiente, il deposito temporaneo, la movimentazione interna alla struttura sanitaria, il deposito preliminare, la raccolta ed il trasporto dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo devono essere effettuati utilizzando apposito imballaggio a perdere, anche flessibile, recante la scritta «Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo» e il simbolo del rischio biologico o, se si tratta di rifiuti taglienti o pungenti, apposito imballaggio rigido a perdere, resistente alla puntura, recante la scritta «Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo taglienti e pungenti», contenuti entrambi nel secondo imballaggio rigido esterno, eventualmente riutilizzabile, previa idonea disinfezione ad ogni ciclo d'uso, recante la scritta «Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo; gli imballaggi esterni di cui sopra devono avere caratteristiche adeguate per resistere agli urti ed alle sollecitazioni provocate durante la loro movimentazione e trasporto, e devono essere realizzati in un colore idoneo a distinguerli dagli imballaggi utilizzati per il conferimento degli altri rifiuti; il deposito temporaneo di rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo deve essere effettuato in condizioni tali da non causare alterazioni che comportino rischi per la salute e può avere una durata massima di cinque giorni dal momento della chiusura del contenitore. Nel rispetto dei requisiti di igiene e sicurezza e sotto la responsabilità del produttore, tale termine è esteso a trenta giorni per quantitativi inferiori a 200 litri. La registrazione delle operazioni di carico e scarico dei rifiuti sull apposito registro, deve avvenire entro cinque giorni; le operazioni di deposito preliminare, raccolta e trasporto dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo restano sottoposte al regime generale dei rifiuti pericolosi. Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 4 di 28

5 Come si evince dalla lettura dell articolo sopra riportato, non esistono norme specifiche o indicazioni specifiche sui requisiti di un deposito temporaneo per rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo, ma solo riferimenti generici (art 8 del D.P.R. n. 254/03, punto 4 della delibera interministeriale del 27/07/1984 e art. 183 del D.Lgs. n. 152/06 e s.m.i.), perciò di seguito si elencano alcune indicazioni igienico/sanitarie per limitare il diffondersi di infezioni correlate a pratiche assistenziali, relative agli ambienti di deposito sporco (all interno dei reparti/sedi ambulatoriali), momentaneo (punto di raccolta ospedaliera/ distrettuale/dipartimentale) e rifiuti (area di conferimento dei rifiuti esterna o interna alla struttura sanitaria). E quindi importante che: 1. ogni locale adibito alla raccolta dei rifiuti all interno della Struttura Sanitaria sia individuato con un cartello indicante deposito sporco o deposito momentaneo. Nelle strutture territoriali, ove non vi è il passaggio intermedio tra confezionamento dell imballo e avvio al locale di deposito temporaneo dal quale i rifiuti verranno conferiti al trasportatore, questo locale non è di norma necessario. 2. le aree adibite a deposito sporco e/o momentaneo, siano rivestite e pavimentate in materiale facilmente sanificabile; 3. in tali nei locali sia garantito il ricambio d aria, naturale o forzato, e siano disponibili sistemi idonei per le operazioni antincendio, almeno con la presenza di un estintore a polvere da 6 Kg, all interno del locale nei pressi della porta di accesso; 4. l accesso al locale sia riservato agli addetti ai lavori, con la porta di accesso chiusa; 5. i rifiuti siano raccolti utilizzando solo gli appositi contenitori, che devono essere idoneamente etichettati; non ci sia dispersione per alcun motivo di sostanze nell ambiente; 6. la sanificazione degli ambienti di deposito sporco/momentaneo dei rifiuti all interno delle UU.OO. ospedaliere sia effettuata due/tre volte al giorno, e frequentemente nelle sedi territoriali, trattandosi di area ad alto rischio, con l utilizzo di prodotti detergentidisinfettanti a base di cloro, come per la decontaminazione da liquidi biologici delle superfici; 7. ogni volta che il locale viene svuotato sia effettuata la sanificazione dell area di momentaneo con l utilizzo di prodotti detergenti-disinfettanti a base di cloro, come per la decontaminazione da liquidi biologici delle superfici, come sopra; Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 5 di 28

6 8. I locali di deposito temporaneo, ovvero quei locali normalmente separati dalle aree sanitarie e/o assistenziali, ove vengono conservati i colli dei rifiuti sanitari a rischio infettivo confezionati (chiusi e datati) devono parimenti avere come caratteristiche: - Superfici sanificabili - Ricambi aria - Protezione antincendio (estintore) Anche in questi locali si dovrà provvedere alla sanificazione ad ogni svuotamento. 5.2 RIFIUTI PRODOTTI IN AMBITO SANITARIO 5.2.1COMPILAZIONE FORMULARI PER TRASPORTO E REGISTRAZIONI Le operazioni previste nel presente capitolo vengono effettuate dal personale delle direzioni sanitarie o amministrative delle strutture sanitarie. La sede di produzione rifiuti può essere determinata nei seguenti modi: edificio corrispondente ad una struttura sanitaria; più edifici o stabilimenti o siti infrastrutturali collegati fra loro all interno di un area delimitata dove si svolge la produzione dei rifiuti. Nel primo caso la sede locale di produzione rifiuti va identificata con la via e il numero civico dell edificio, nel secondo caso si deve assumere convenzionalmente una via e un numero civico che poi saranno riportati su tutti i formulari e sull intestazione del registro di carico e scarico rifiuti. Durante il trasporto tutti i rifiuti (esclusi quelli raccolti direttamente dal servizio pubblico) devono essere accompagnati dal FORMULARIO di IDENTIFICAZIONE del RIFIUTO, che deve contenere i seguenti dati: denominazione del produttore, codice fiscale, indirizzo della sede di produzione, trascrivibile anche mediante timbro apposto su tutte le copie del formulario; denominazione del trasportatore, codice fiscale, indirizzo della sede legale, estremi dell iscrizione all Albo dei Gestori Ambientali; denominazione del destinatario, codice fiscale, indirizzo della sede di destinazione del rifiuto, estremi dell autorizzazione allo smaltimento di rifiuti o alla messa in riserva; nelle annotazioni vanno riportati l eventuale l indicazione ADR e altre diciture, per esempio, correzioni, se sono state eseguite, o l indicazione, se esistente, di un intermediario; descrizione per esteso (come riportata nella Direttiva 9 aprile 2002) del rifiuto, codice CER, stato fisico e caratteristiche di pericolo (solo per i rifiuti pericolosi); descrizione e codice del destino del rifiuto; quantità del rifiuto in volume o in peso e numero dei colli; Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 6 di 28

7 indicazione sul trasporto in regime ADR (Accordo sul Trasporto di Merci Pericolose); dati sul trasporto e firma leggibile del produttore; dati sul conferimento (solo sulla quarta copia). Il formulario deve essere compilato in quattro copie, fornito dal trasportatore (obbligo contrattuale) e firmato dall addetto alla consegna dei rifiuti che ha l obbligo di verificare la correttezza dei dati trascritti. Le quattro copie hanno le seguenti destinazioni: 1 rimane al produttore della sede del rifiuto e deve essere a disposizione del referente dei rifiuti lo stesso giorno dello smaltimento le altre 3 copie sono consegnate al trasportatore, di queste: una rimane al destinatario una rimane al trasportatore una deve rientrare al produttore entro 90 giorni. In essa sarà riportato il peso riscontrato a destinazione. Tutti i rifiuti classificati come pericolosi devono essere registrati su un REGISTRO DI CARICO E SCARICO, con fogli numerati e vidimati dall Ufficio del Registro. Il rifiuto pericoloso è anche riconoscibile dal codice CER, perché lo stesso deve essere obbligatoriamente contrassegnato da un asterisco. I rifiuti non pericolosi non devono essere registrati (art. 190, comma 1 e art. 189, comma 3 del D.Lgs. n. 152/06). Si ricorda che i fanghi derivanti dagli impianti di trattamento delle acque reflue (codice CER ) anche se non pericolosi vanno registrati. Non vanno registrati i fanghi da fosse settiche (CER ). I rifiuti non pericolosi non devono essere registrati (art. 190 comma 1 e art. 189 comma 3 del D.Lgs. n. 152/06). In tabella la descrizione e il codice C.E.R. di alcuni tipologie di rifiuti prodotti nelle varie sedi dell A.S.S. n. 4. Medio Friuli : DESCRIZIONE RIFIUTO CODICE CER Rifiuti pericolosi sanitari a rischio infettivo derivanti dal trattamento e * prevenzione delle malattie negli esseri umani Rifiuti pericolosi sanitari a rischio infettivo derivanti dal trattamento e * prevenzione delle malattie negli animali Sostanze chimiche pericolose o contenenti sostanze pericolose * Medicinali citotossici o citostatici * Rifiuti di amalgama prodotti da interventi odontoiatrici * Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 7 di 28

8 Apparecchiature fuori uso contenenti clorfluorocarburi (frigoriferi) * Apparecchiature fuori uso contenenti componenti pericolosi (video) * I tempi per la registrazione sono i seguenti: a) operazioni di carico: entro 5 giorni dal momento della chiusura del contenitore per i rifiuti sanitari a rischio infettivo e 10 giorni per gli altri rifiuti pericolosi (art. 8 comma, 3 lettera a) del D.P.R. n. 254/03 e art. 190 comma 1, lettera a) del D.Lgs. n. 152/06); b) operazioni di scarico: entro 5 giorni dal conferimento alla ditta smaltatrice per i rifiuti sanitari a rischio infettivo e 10 giorni per gli altri rifiuti pericolosi (art. 8 comma, 3 lettera a) del D.P.R. n. 254/03 e art. 190 comma 1, lettera a) del D.Lgs. n. 152/06). I registri di carico e scarico (formulari compresi) devono essere conservati per 5 anni dalla data dell ultima registrazione. 5.3 CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI IN AMBITO SANITARIO La definizione delle tipologie dei rifiuti si trova già stabilita nel D.P.R. n. 915/82 ed è comunque riportata anche nel D.Lgs. n.152/2006, dove i rifiuti sono distinti, in linea di massima, secondo un doppio criterio, quello in base all origine: -urbani o speciali; e quello in base alla pericolosità: -pericoloso o non pericoloso. La classificazione dei rifiuti è invece quella eseguita secondo le indicazioni riportate nella Direttiva del 9 aprile del 2002, dove come risultato finale si ottiene un codice C.E.R., di sei cifre, accompagnato da un asterisco (*) se il rifiuto è pericoloso. La classificazione è eseguita dal produttore che si avvale, nel caso, di persona o laboratorio chimico qualificato. Tenendo conto del doppio criterio, provenienza e classificazione, si riportano di seguito le possibili attività di smaltimento per i rifiuti: Rifiuti solidi urbani: rifiuti conferiti dai cittadini o dalle imprese direttamente nel cassonetto del gestore pubblico locale della raccolta dei rifiuti; Rifiuti solidi urbani assimilati: rifiuti speciali che il cittadino e le imprese conferiscono comunque nel cassonetto del gestore pubblico locale della raccolta dei rifiuti; Rifiuti assimilabili agli urbani: rifiuti che per dimensioni ingombranti o per pericolosità non possono essere gettati nel cassonetto e che le aziende e i cittadini possono conferire nelle apposite aree di raccolta (piazzole ecologiche); Rifiuti speciali: rifiuti riportati nella direttiva 9 aprile 2002, ovvero quelli a cui si può attribuire o è stato attribuito un codice CER e conferiti a ditte autorizzate; Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 8 di 28

9 Rifiuti pericolosi: rifiuti riportati nella direttiva 9 aprile 2002 con l asterisco e conferiti a ditte autorizzate. 5.4 LA RIPARTIZIONE DI COMPITI LA GESTIONE DEL RIFIUTO PRODOTTO PARTE A: A CURA DELL UNITA OPERATIVA PARTE B: A CURA DELL OPERATORE ADDETTO ALLA RACCOLTA DEI RIFIUTI PERICOLOSI PARTE C: A CURA DELLE DIREZIONI SANITARIE/AMMINISTRATIVE DI STRUTTURA RIFIUTI SOLIDI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI tipologia del rifiuto modalità di raccolta e chiusura dei contenitori scarti relativi all attività di ufficio, (buste non cartacee, penne, involucri, imballaggi non soggetti a raccolta differenziata,...); rifiuti provenienti dalle cucine, mense, bar (bicchieri in plastica, tovaglioli, contenitori e involucri alimentari,...); scarti da produzione alimentare allo stato solido, provenienti da cucine (i liquidi alimentari vanno smaltiti attraverso la rete fognaria comune ad esclusione degli oli vegetali); residui dei pasti provenienti da reparti di degenza, ad esclusione di quelli provenienti da pazienti in isolamento per patologie a trasmissione oro/fecale; gessi ortopedici non contaminati da liquidi biologici; guanti monouso non contaminati (non sono venuti a contatto in nessun modo con liquidi biologici); Pannoloni con escreti, non provenienti da pazienti in isolamento infettivo; Sacche di urina svuotate; Alto materiale monouso, compresa la teleria in TNT, non venuto a contatto con liquidi biologici i rifiuti devono essere raccolti nei sacchi neri di plastica di varie dimensioni, chiusi ermeticamente con l apposito laccio; Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 9 di 28

10 questi sacchi possiedono la dicitura: ASS n.4 Medio Friuli rifiuti di origine sanitaria assimilabili agli urbani ; Per quanto attiene ai rifiuti di origine alimentare, in particolare quelli originanti da cucine-mense, questi vanno conferiti, indipendentemente dal sacco utilizzato nel contenitore dell umido a ciò predisposto. modalità di trasporto parte a Ospedali: il personale dell UO di appartenenza deposita i rifiuti nel locale dedicato a deposito sporco ; ad attività ultimate, vengono trasportati dal personale ausiliario nell area di deposito momentaneo per poi essere sistemati (o trasportati) negli/con appositi cassonetti, all esterno; Territorio: il personale ausiliario (o tecnico economale) o della ditta appaltatrice, ove presente, trasporta i rifiuti direttamente negli appositi cassonetti, all esterno; parte b - Ospedali l operatore tecnico addetto alla raccolta dei rifiuti, durante l arco della giornata, preleva il materiale dal locale di deposito momentaneo e con idonea attrezzatura, lo porta fino al luogo di provvisorio o direttamente nei cassonetti per il quotidiano smaltimento con la nettezza urbana RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO Sono considerati rifiuti sanitari pericolosi tutti quei rifiuti che possono essere potenziali veicoli nella trasmissione di malattie infettive e che, pertanto, richiedono particolari precauzioni finalizzate alla prevenzione di infezioni. tipologia del rifiuto residui di medicazioni materiale monouso venuto a contatto con materiali biologici Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 10 di 28

11 (cateteri venosi e vescicali, mascherine per ossigeno, filtri per dialisi, deflussori per flebo, set, sonde, ecc ); rifiuti di natura biologica e rispettivi contenitori (sangue, liquor, campioni di urine, feci,...); rifiuti derivanti da attività diagnostiche, terapeutiche e di ricerca; rifiuti provenienti da pazienti in isolamento infettivo; indumenti protettivi monouso contaminati, ovvero venuti in contatto con materiali/liquidi biologici, (guanti, mascherine, soprascarpe, camici, grembiuli, ecc ); parti anatomiche non riconoscibili (es. parti di organi interni, denti, ecc...); sacche di plasma/sangue vuote, scadute o da scartare; vetri interi di flebo contaminate da liquidi biologici (es. per reflusso) anche se utilizzati per le terapie con farmaci antiblastici, ecc ) modalità di raccolta e chiusura dei contenitori 1. sono raccolti negli appositi contenitori di cartone o cartonplast e sacco in polietilene impermeabile giallo, idoneo per il trasporto all incenerimento, con la dicitura: rifiuti sanitari pericolosi ; 2. solo nelle UUOO ove vi è la possibilità di importanti spandimenti di sangue e/o altri liquidi biologici (laboratorio analisi, settore funzionale trasfusionale, emodialisi, sala parto, sale operatorie, day hospital oncologico), è necessario utilizzare dei contenitori rigidi in polipropilene da 30 litri provvisti di tappo rigido per la chiusura definitiva ed ermetica; 3. sulla parte superiore del contenitore, una volta chiuso, devono essere apposte in modo chiaro ed indelebile la data di confezionamento e il nome dell UO di provenienza; 4. il contenuto dei recipienti non va per nessun motivo pressato, ne tantomeno travasato da un contenitore ad un altro, per evitare possibili infortuni o incidenti a rischio biologico (capacità max. dei contenitori di cartonplast 5/8 kg.); 5. i sacchi gialli contenuti all interno del contenitore rigido, non vanno mai utilizzati separatamente dallo stesso. precauzioni del personale per la Il rischio infortunistico legato alla manipolazione dei rifiuti è direttamente proporzionale alla scarsa attenzione degli operatori nelle Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 11 di 28

12 manipolazione manovre di confezionamento e trasporto, e/o all uso di contenitori inidonei. E importante quindi ricordare: modalità trasporto di parte a: Il contenitore deve essere sempre posizionato nelle immediate vicinanze dell area di lavoro; la manipolazione dei rifiuti richiede tassativamente l uso di guanti e di mascherina con visiera/occhiali, nel caso ci sia la probabilità di contaminazione con liquidi; vige il divieto di travasare i rifiuti da un contenitore a un altro. parte b: Ospedale: Nel rispetto di quanto disposto dal D.L. 81/2008, l addetto alla raccolta dei rifiuti dell ospedale, deve proteggersi individualmente con: tuta da lavoro guanti antitaglio scarpe antinfortunistiche Territorio: l addetto al trasferimento dei rifiuti presso il deposito temporaneo dovrà indossare: grembiule monouso scarpe antinfortunistiche parte a: Ospedale: Gli imballi, opportunamente chiusi, sono depositati temporaneamente dal personale preposto della U.O. nell area di deposito sporco momentaneo. Territorio: Gli imballi, opportunamente chiusi, sono depositati direttamente nel locale di deposito temporaneo. Per quanto attiene alle sedi periferiche distrettuali non permanentemente esercite, l operatore che ha effettuato la prestazione di assistenza sanitaria riporta il rifiuto confezionato presso la sede principale di produzione. Ciò anche in ambito di assistenza domiciliare. Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 12 di 28

13 parte b - Ospedali: L addetto alla raccolta dei rifiuti, esegue più giri di raccolta; preleva dal deposito momentaneo i contenitori, li conta per la successiva registrazione e li trasporta nell area dedicata allo temporaneo; periodo massimo di parte c: L art. 8 comma 3 lettera a) del D.P.R. n 254/06 riporta: il deposito temporaneo di rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo può avere una durata massima di cinque giorni, tale termine è esteso a trenta giorni per quantitativi inferiori a 200 litri. A tal proposito la ditta che provvede al ritiro e al trasporto presso il locale di temporaneo, prevede il ritiro in funzione della produzione. C è la possibilità di intensificare o limitare gli accessi della ditta addetta allo smaltimento, in funzione di un aumento o riduzione della produzione; registrazione e codici europei adottati parte c: Presso le direzioni amministrative o sanitarie delle sedi di produzione rifiuti, sono depositati i registri di carico e scarico dei rifiuti; quotidianamente l addetto alla raccolta dei rifiuti, comunica il quantitativo totale in n di cartoni/contenitori rigidi (tot. in litri) dei rifiuti sanitari a rischio infettivo dell intera giornata; La persona preposta provvede a caricare e scaricare il quantitativo di rifiuti prodotti e smaltiti sull apposito registro, secondo le modalità già descritte RIFIUTI SANITARI A RISCHIO INFETTIVO CONTENENTI ESCRETI CONTAMINATI DA SOSTANZE RADIOATTIVE. E possibile che in seguito ad indagini diagnostiche con liquidi di contrasto o terapie di medicina nucleare, eseguite presso Strutture esterne all ASS4, il paziente sia preso o ripreso in carico dalle Strutture aziendali, in condizioni di contaminazione da sostanze radioattive. In questi casi la Struttura di accoglienza del paziente deve necessariamente identificare, informandosi presso la Struttura Sanitaria ove è stata eseguita la procedura che ha prodotto la contaminazione, la tipologia dell isotopo radioattivo utilizzato e la Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 13 di 28

14 durata della possibile contaminazione. I rifiuti sanitari a rischio infettivo eventualmente prodotti attraverso la contaminazione con liquidi biologici o con gli escreti del paziente, dovranno essere identificati e tenuti separati dagli altri rifiuti a rischi infettivo, e, una volta raccolti, mantenuti possibilmente in locale diverso e separato, rispetto al deposito temporaneo. Il livello di radioattività residua viene misurato dal trasportatore su richiesta, in sede di consegna dei contenitori. L invio allo smaltitore finale di imballi contaminati da sorgenti radioattive da adito a procedure di messa in riserva con possibili costi e sanzioni a carico del produttore, pertanto è indispensabile seguire la procedura sopra indicata RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO TAGLIENTI E PUNGENTI tipologia del rifiuto aghi, mandrini metallici di cateteri venosi siringhe con ago incorporato bisturi monouso fialette usate di farmaci lamette e rasoi monouso lancette pungi dito altro materiale tagliente o pungente in plastica, vetro o metallo modalità di raccolta e chiusura dei contenitori Sono raccolti in contenitori rigidi di plastica della capacità di l, dotati sia di chiusura temporanea che definitiva ermetica, resistenti e difficilmente perforabili; una volta riempiti e chiusi, devono essere inseriti nei contenitori di cartonplast e sacco in polietilene impermeabile giallo da l. precauzioni del personale per la manipolazione, modalità di trasporto Parte a: I contenitori devono essere dislocati vicino al punto di lavoro, in modo da limitare possibili incidenti a rischio biologico da parte degli operatori. Sono disponibili supporti per l ancoraggio a carrelli o altre strutture tubolari fisse. Per il trasporto, vedi scheda precedente. Nel caso di assistenza domiciliare l operatore porta con se, nell apposita valigetta, il contenitore di norma da 05 0,6 litri. Al Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 14 di 28

15 periodo massimo di rientro in sede, se completamente riempito, lo conferisce all interno del contenitore in cartonplast dei rifiuti sanitari a rischio infettivo. Può essere quindi riutilizzato fino al limite di riempimento, se non vi sono problemi igienici (es. presenza di liquidi o cattivi odori). parte b: Valgono le stesse precauzioni di cui alla precedente scheda. parte c: Per il periodo massimo di valgono le stesse regole di rifiuti sanitari pericolosi sopra citati; si precisa che i rifiuti taglienti e pungenti anche se non infetti devono essere smaltiti con la stessa procedura di quelli infetti, per evitare che siano gettati in contenitori non idonei e quindi creare dei problemi infortunistici RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI DI ORIGINE CHIMICA O DI ALTRA NATURA tipologia del rifiuto modalità di raccolta e contenitori 1. disinfettanti esausti pericolosi (corrosivi, tossici, es.: aldeidi); 2. alcool e xilene (prodotti usati come fissanti per procedure di istologia); 3. mercurio, amalgama di mercurio; 4. rifiuti da preparazione di farmaci antiblastici; 5. liquidi di sviluppo e fissaggio 1. disinfettanti/decontaminanti esausti parte a: Le indicazioni sullo smaltimento come refluo o rifiuto sono riportate nella scheda di sicurezza che va sempre tenuta disponibile nel luogo di utilizzo. In genere se un prodotto all origine non contiene sostanze pericolose o contiene sostanze pericolose in modeste quantità, previa autorizzazione dell Ente gestore della rete fognaria, può essere considerato come refluo. Il rifiuto va raccolto in taniche di polietilene da lt.5/10, chiuse ermeticamente con doppio tappo. Ospedale: i contenitori riempiti verranno allontanati dal personale della UO o dal personale della ditta in appalto e depositati nell area di deposito Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 15 di 28

16 momentaneo ; Territorio: i contenitori riempiti verranno allontanati dal personale della sede di produzione e avviati direttamente al locale di temporaneo; in entrambi i casi i contenitori devono sempre riportare l etichetta con le indicazioni sul tipo di rifiuto e sull UO di provenienza. 2. alcool e xilene (prodotti usati come fissanti per procedure di istologia) parte a: Vanno raccolti in taniche di polietilene da lt.5/10, chiuse ermeticamente; Ospedale: i contenitori riempiti verranno allontanati dal personale dell UO e depositati nell area di deposito momentaneo ; Territorio: i contenitori riempiti verranno allontanati dal personale della sede di produzione e avviati direttamente allo temporaneo; i contenitori devono riportare l etichetta con le indicazioni sul tipo di rifiuto e sull UO di provenienza. 3. mercurio, amalgama di mercurio parte a: I residui o scarti di amalgama di mercurio provenienti dall attività odontostomatologica, o i pallini di mercurio provenienti rottura di vecchi termometri/sfigmomanometri, sono raccolti in contenitori rigidi di plastica da lt. in soluzione acquosa con chiusura ermetica; Ospedale: i contenitori riempiti verranno allontanati dal personale dell UO e depositati nell area di deposito momentaneo Territorio: i contenitori riempiti verranno allontanati dal personale della sede di produzione e avviati direttamente allo temporaneo; i contenitori devono riportare un etichetta con segnalato il tipo di rifiuto, la data e la SOC di provenienza. 4. rifiuti da preparazione di farmaci antiblastici Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 16 di 28

17 parte a: solo Ospedale di San Daniele Il materiale, proveniente dalla sala di preparazione, che ha contenuto sostanze citotossiche o citostatiche, eventuali indumenti e DPI che sono stati a contatto con tali sostanze, devono essere smaltiti in appositi contenitori di plastica rigida ROSSI, chiusi ermeticamente subito dopo l uso, per evitare dispersioni ambientali dei residui farmacologici tossici. I contenitori devono essere conferiti nell area di deposito momentaneo e riportare un etichetta con le indicazioni della data e dell UO di provenienza. Il materiale che ha contenuto sostanze citotossiche o citostatiche che viene poi utilizzato in qualsiasi sede assistenziale, anche extra ospedaliera, deve essere smaltito in contenitori per rifiuti sanitari a rischio infettivo. 5. liquidi di sviluppo e fissaggio parte a: solo Ospedale di San Daniele I liquidi di sviluppo e fissaggio sono utilizzati solo in un ambulatorio odontoiatrico dell Ospedale di San Daniele, in attesa di passare al sistema digitale. Vanno raccolti in taniche di polietilene da lt.5/10, chiuse ermeticamente con doppio tappo; quando la tanica è piena verrà allontanata dal personale dell UO e depositata nell area di deposito momentaneo ; i contenitori devono riportare l etichetta con le indicazioni sul tipo di rifiuto e sulla UO di provenienza. parte b: solo Ospedale di San Daniele L addetto al trasporto dei rifiuti provvederà al trasferimento dei contenitori sopra elencati per i punti 1, 2, 3, e 4 in tempi brevi nella zona di provvisorio, protetta da agenti atmosferici e accessibile solo agli addetti ai lavori; completerà l etichettatura dei contenitori, ove necessario, conformemente alla normativa ADR; periodo massimo di parte c: Per tutti questi tipi di rifiuti pericolosi, l art. 183 del D.Lgs. n. 152 riporta: i rifiuti raccolti devono essere avviati al recupero o allo smaltimento quando il quantitativo di rifiuti pericolosi in deposito raggiunga i 10 metri cubi. In ogni caso, allorché il quantitativo di rifiuti non superi 10 metri cubi l anno, il deposito temporaneo non può avere durata superiore ad un anno ; Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 17 di 28

18 precauzioni per il personale nella manipolazione precauzioni per il personale per la manipolazione 1. disinfettanti/decontaminanti esausti parte a: Al momento della sostituzione del disinfettante (aldeidi, acido peracetico, ecc ) nelle varie attrezzature, il quantitativo scaduto dovrà essere versato negli appositi contenitori con l uso di guanti, mascherine dotate di filtro al carbone attivo e visiera/occhiali, per prevenire contaminazioni o inalazioni accidentali; per quanto riguarda i l alcool e xilene e i decontaminanti è sufficiente l uso di guanti protettivi. I rifiuti antiblastici devono essere manipolati con i DPI dedicati presenti nel reparto, conferiti in appositi contenitori rigidi e sigillati. In caso di spandimenti o altro vanno seguite le stesse indicazioni impartite per la manipolazione delle sostanze citotossiche o citostatiche; parte b: 1. disinfettanti/decontaminanti esausti: gli addetti prelevano i contenitori chiusi con l usuale abbigliamento adottato per i rifiuti speciali ospedalieri (guanti antitaglio, tuta da lavoro, scarpe antinfortunistiche). 2. alcool e xilene: come sopra 3. amalgama di mercurio: come sopra 4. contenitori sigillati di rifiuti antiblastici.: come sopra. 5. liquidi di sviluppo e fissaggio: utilizzare guanti e occhiali registrazione e codici europei adottati parte c: appena i rifiuti sono depositati nell area predisposta per lo temporaneo, oppure in altra area dedicata, il referente per i rifiuti deve effettuare la registrazione di carico sul registro dei rifiuti, con le seguenti descrizioni e codici: aldeide glutarica farmaci antiblastici alcool e xilene liquidi di fissaggio/sviluppo radiologico / amalgama di mercurio disinfettanti esausti pericolosi Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 18 di 28

19 5.4.6 RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI tipologia del rifiuto 1. farmaci scaduti 2. farmaci stupefacenti scaduti 3. apparecchiature fuori uso non contenenti componenti pericolosi 4. lastre radiografiche 5. materiale sanitario ingombrante di uso alberghiero (materassi, lenzuola, arredamenti, ecc.) 6. reflui di laboratorio 7. camici piombati modalità di raccolta parte a : 1. farmaci scaduti: vengono conferiti integri (con la confezione originale) alla farmacia/magazzino ospedaliero (ospedale di San Daniele/IMFR Gervasutta), che diventano, limitatamente a ciò, deposito temporaneo ; questi li inseriranno in un contenitore utile, per esigenze di carico va bene uno dei RSO con le scritte coperte, per il successivo smaltimento tramite la ditta, quando necessario. Nelle sedi non ospedaliere sono raccolti in un contenitore come sopra indicato, stoccati nel deposito temporaneo (si può utilizzare anche quello in cui si depositano i RSO) e conferiti alla ditta, che è la stessa che smaltisce i rifiuti sanitari a rischio infettivo al bisogno. 2. armaci stupefacenti scaduti: vengono restituiti all UO di Farmacia, previa compilazione del bollettario per la restituzione di farmaci contenenti sostanze stupefacenti e psicotrope firmato dal Direttore Medico di Struttura; la Farmacia li conserverà sotto chiave fino al momento della loro distruzione, seguendo le indicazioni date dal DPR 09/10/1990 n.309 art. 45 comma 6 e successive modifiche; 3. apparecchiature fuori uso non contenenti componenti pericolosi: trattasi normalmente di materiale informatico in disuso o di apparecchiature medicali dimesse. Il personale dell UO trasporta o fa trasportare detto materiale, alla rifusa, in un locale dedicato, o in altro luogo su indicazione della SOC Prevenzione Protezione e Gestione Ambientale Aziendale. 4. lastre radiografiche: le lastre scartate in corso di accertamenti Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 19 di 28

20 diagnostici, sia quelle vecchio tipo che sia quelle ottenute con la stampante laser devono essere rese anonime, raccolte in un contenitore e mantenute nella SOC stessa, o in archivio che diventa deposito temporaneo, fino alla loro eliminazione. Nel caso di occasionale presenza in reparto di una o due lastre, le stesse dopo il trattamento per renderle anonime, possono essere gettate nei rifiuti urbani indifferenziati; 5. materiale di uso sanitario dimesso: il materiale è prelevato, su segnalazione della SOC di provenienza e depositato in un locale dedicato; se contaminato si provvede a trattamento delle zone contaminate da liquidi biologici, con ipoclorito. 6. reflui di laboratorio (solo HSD): sono raccolti in contenitori da lt. 3000, posizionati fuori terra nei pressi del Laboratorio. Nella sala di Ematologia del Laboratorio è predisposto un quadro elettrico dove sono collocati allarmi e altre spie luminose per segnalare il corretto funzionamento o disfunzioni dell impianto e il massimo livello di sicurezza del serbatoio. 7. camici piombati: sono prelevati, su segnalazione della SOC e depositati in un locale dedicato, fino alla loro eliminazione. parte b: 1. farmaci scaduti: se ne occupa la Farmacia o la Direzione Medica di Struttura; 2. farmaci stupefacenti scaduti: se ne occupa la Farmacia in collaborazione con la Direzione Medica Ospedaliera o di altra Struttura Aziendale; 3. apparecchiature fuori uso non contenenti componenti pericolosi: l addetto al fuori uso esegue le procedure burocratiche per l alienazione delle apparecchiature; supervisiona le modalità di deposito temporaneo e cura il conferimento dei materiali alla ditta smaltitrice, eseguito con l utilizzo di container o bancali. 4. lastre radiografiche: le lastre scartate in corso di accertamenti diagnostici e classificate come rifiuti, sono raccolte in apposite casse di cartone posizionate su bancali per essere consegnate alla ditta di smaltimento; 5. materiale di uso sanitario dimesso: l addetto alla raccolta dei rifiuti, od altro personale incaricato preleva il materiale dai reparti e lo colloca in un locale dedicato per il successivo conferimento alla ditta per lo smaltimento; 6. reflui di laboratorio: nel caso di segnalazioni (disfunzioni, alto Data 14/05/2013 Rev. 0 Pagina 20 di 28

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della L. 31-7-2002, n.179 L 11 settembre 2002 è stato pubblicato sulla

Dettagli

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione SOMMARIO La gestione dei rifiuti sanitari Dedica Ringraziamenti Prefazione Capitolo 1 - Inquadramento normativo 1.1 LA NORMATIVA SULL AMBIENTE E SUI RIFIUTI 1.2 LA NORMATIVA SPECIALE SUI RIFIUTI SANITARI

Dettagli

INDICE. Introduzione pag. 4. Oggetto pag. 4. Scopo pag. 4. Campo d applicazione pag. 5

INDICE. Introduzione pag. 4. Oggetto pag. 4. Scopo pag. 4. Campo d applicazione pag. 5 INDICE Introduzione pag. 4 Oggetto pag. 4 Scopo pag. 4 Campo d applicazione pag. 5 Tabella 1: matrice delle responsabilità nel processo di gestione dei rifiuti pag. 6 Definizioni pag. 8 Normative di riferimento

Dettagli

AUSL DI FERRARA LA GESTIONE DEI RIFIUTI

AUSL DI FERRARA LA GESTIONE DEI RIFIUTI AUSL DI FERRARA P.G. 04 LA GESTIONE DEI RIFIUTI Rev. 2 del 29/12/2005 Redazione Verifica Approvazione Funzione Cognome Nome Funzione Data Visto Funzione Data Visto PUO Dr. Di Giorgio A. PUO-Q Dr.ssa Baldi

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI I RIFIUTI SANITARI NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI Ottobre-Novembre 2014 Ronconi Paolo DMO 1 I RIFIUTI SANITARI-NORMATIVA NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA

Dettagli

La gestione dei rifiuti sanitari

La gestione dei rifiuti sanitari I RIFIUTI SANITARI (NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE) Legnago Ottobre-Novembre 2014 La gestione dei rifiuti sanitari Dott.ssa Giuliana Bonizzato Direzione Medica Ospedaliera il cambiamento

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SEZIONE 3 Rifiuti speciali di origine sanitaria Luglio 1998 1 SOMMARIO 1. Quadro conoscitivo -------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3.

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3. FASE 2. identificare il processo che ha prodotto il rifiuto. L identificazione della tipologia del rifiuto permette di identificare le successive due cifre del codice: 01 02 rifiuti legati alle attività

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Linee Guida per lo Smaltimento Rifiuti Sanitari

Linee Guida per lo Smaltimento Rifiuti Sanitari Linee Guida per lo Smaltimento Rifiuti Sanitari Premessa I rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità', da favorirne il reimpiego, il riciclaggio e il recupero e da ottimizzarne

Dettagli

La GESTIONE dei RIFIUTI delle AVIS ed il NUOVO SISTEMA di CONTROLLO della TRACCIABILITÀ dei RIFIUTI SISTRI.

La GESTIONE dei RIFIUTI delle AVIS ed il NUOVO SISTEMA di CONTROLLO della TRACCIABILITÀ dei RIFIUTI SISTRI. La GESTIONE dei RIFIUTI delle AVIS ed il NUOVO SISTEMA di CONTROLLO della TRACCIABILITÀ dei RIFIUTI SISTRI. Visto gli Statuti delle Avis, persone giuridicche di diritto privato. Vista la legge 23 dicembre

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI INFORMAZIONI E PROCEDURE PER LO STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI A seguito dell informatizzazione del

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI PROCEDURA N. REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 0 Prima emissione STATUS FUNZIONE NOME DATA FIRMA Elaborato RQ Servizio Prev. e Prot. 21/10/2009 Verificato DIR Dott.ssa A. Di Mella 26/10/2009 Approvato DG IN VIGORE

Dettagli

Regolamento per la gestione dei rifiuti

Regolamento per la gestione dei rifiuti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche Regolamento per la gestione dei rifiuti revisione maggio 2015 1 INDICE SCOPO DEL REGOLAMENTO NORMATIVA AMBITO D APPLICAZIONE

Dettagli

6. Gestione dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo

6. Gestione dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo Revisione 0 Pagina 1 di 8 6. Si definiscono rifiuti, o che comunque possono comportare rischio per la salute pubblica, tutti i rifiuti: provenienti da ambienti di isolamento infettivo; derivanti da ravvisata

Dettagli

Smaltimento Rifiuti Sanitari

Smaltimento Rifiuti Sanitari Smaltimento Rifiuti Sanitari I rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità, da favorirne il reimpiego, il riciclaggio e il recupero e da ottimizzarne la raccolta, il trasporto

Dettagli

Azienda Sanitaria Provinciale PA - Direzione Sanitaria Dipartimento Prevenzione U.O. HACCP -RSO. Rifiuti Sanitari e

Azienda Sanitaria Provinciale PA - Direzione Sanitaria Dipartimento Prevenzione U.O. HACCP -RSO. Rifiuti Sanitari e Azienda Sanitaria Provinciale PA - Direzione Sanitaria Dipartimento Prevenzione U.O. HACCP -RSO Rifiuti Sanitari e Rischio biologico Relatore: Dott.ssa Anna Pennino Dirigente Biologo 1 CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Università di Sassari

Università di Sassari Università di Sassari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI PRODOTTI NELL UNIVERSITÀ DI SASSARI Art. 1 - Campo di applicazione 1. Il presente Regolamento è emanato

Dettagli

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato.

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato. CAPITOLATO TECNICO PER L APPALTO DEL SERVIZIO QUADRIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI RIFIUTI e dei SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE (S.O.A.) DERIVANTI DA ATTIVITA

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA

CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI SANITARI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO (LOTTO 1) E PERICOLOSI E NON, NON A

Dettagli

PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI REGIONE LAZIO AZIENDA OSPEDALIERA COMPLESSO OSPEDALIERO SAN GIOVANNI ADDOLORATA PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI GRUPPO DI LAVORO MEDICO COMPETENTE Dr.ssa Cristina Durante CPSE Dr.ssa Luciana Di Tomassi

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO CAPITOLATO TECNICO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO, CONFERIMENTO A SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SANITARI E FORNITURA DI CONTENITORI PER L AZIENDA ULSS 19 ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO ART. 1 Destinatari 1. Il presente Regolamento si applica a tutte le strutture dell Università degli Studi di Milano, nonché alle seguenti categorie di personale: 1) personale docente, ricercatore, tecnico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 1 COMUNE D'EUROPA CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO SETTORE PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Ecologia e Ambiente REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO ALLEGATO 1 GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO RIFIUTI SANITARI: i rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità,

Dettagli

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRESSO LA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNALE Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto utilizzo della piazzola ecologica

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO

LA GESTIONE DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO AMIANTO : aggiornamenti normativi e gestione delle segnalazioni Seminario 22 maggio 2009 LA GESTIONE DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO Checchi Lella ARPA Sezione Provinciale di Modena Servizio Territoriale

Dettagli

ASL RMC LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Dott.ssa Daniela Ghirelli

ASL RMC LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Dott.ssa Daniela Ghirelli ASL RMC LA GESTIONE DEI RIFIUTI Regolamento Aziendale Red. n. 0 Data 31/07/2011 Rev. 01 Data 31/10/2011 Redazione Verifica Approvazione Distribuzione Responsabile IP Radiop.Fis. e Medica Dott.ssa Daniela

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

Servizio di raccolta, trasporto e conferimento ad impianti di smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non, derivanti da attività sanitarie

Servizio di raccolta, trasporto e conferimento ad impianti di smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non, derivanti da attività sanitarie Servizio di raccolta, trasporto e conferimento ad impianti di smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non, derivanti da ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA PER L ASSEGNAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LE RESPONSABILITA COLLEGATE. Dr. Gianluca Avanzi Direttore sanitario AO di Circolo e Fondazione Macchi-Varese

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LE RESPONSABILITA COLLEGATE. Dr. Gianluca Avanzi Direttore sanitario AO di Circolo e Fondazione Macchi-Varese LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LE RESPONSABILITA COLLEGATE Dr. Gianluca Avanzi Direttore sanitario AO di Circolo e Fondazione Macchi-Varese Brescia, 13 dicembre 2013 1 URBANI Domestici Da locali e luoghi adibiti

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI Servizio Provveditorato Macrostruttura Ospedaliera Dipartimento Territoriale LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI VERSIONE 2.0 DEL 15/12/2002 1 INDICE CRITERI GENERALI DI PERICOLOSITÀ INFETTIVA DEI RIFIUTI

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

Linea Guida REV.2 Pag. 1/7

Linea Guida REV.2 Pag. 1/7 Linea Guida REV.2 Pag. 1/7 Rev Data Causale Verifica Approvazione Destinatari 0 20/10/2007 Prima emissione Comitato Infezioni Ospedaliere 1 06/09/2010 Aggiornamento Comitato Infezioni Ospedaliere 2 20/09/2012

Dettagli

Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata

Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata Allegato A) Delibera Giunta Comunale n. 79 del 03.07.2009 Comune di Castelvetro Piacentino Provincia di Piacenza Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata Approvato

Dettagli

RIFIUTI RADIOATTIVI. Servizio di Fisica Sanitaria AOU di Parma. Comacchio, 23 ottobre 2009

RIFIUTI RADIOATTIVI. Servizio di Fisica Sanitaria AOU di Parma. Comacchio, 23 ottobre 2009 RIFIUTI RADIOATTIVI Servizio di Fisica Sanitaria AOU di Parma Comacchio, 23 ottobre 2009 Quadro conoscitivo Indagine sui rifiuti radioattivi prodotti nelle 17 Aziende sanitarie della Regione nel 2007,

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

DOCUMENTO DI SICUREZZA

DOCUMENTO DI SICUREZZA C.R. FRASCATI SERVIZIO SICUREZZA E SALVAGUARDIA DOCUMENTO DI SICUREZZA Sigla di Identificazione Distribuzione Tipologia Documento Pagina di: _RIF L Procedura Operativa di Sicurezza 1 24 TITOLO: PROCEDURA

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

PROTOCOLLO PER L USO IN SICUREZZA DEL LABORATORIO DI CHIMICA

PROTOCOLLO PER L USO IN SICUREZZA DEL LABORATORIO DI CHIMICA PROTOCOLLO PER L USO IN SICUREZZA DEL LABORATORIO DI CHIMICA A cura dei componenti il Dipartimento di Chimica dell a.s. 2010-2011: Distefano Antonino Miano Antonella Pasciuti Filomena Semperboni Dario

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI OSPEDALIERI

MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI OSPEDALIERI 1 di 42 AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA ManOp_AzOsp_05 MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI OSPEDALIERI STORIA DELLE MODIFICHE APPORTATE Data Rev. Motivo del cambiamento Febbraio 2012 Aggiornamento al D.Lgs.

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

LA GESIONE DEI RIFIUTI

LA GESIONE DEI RIFIUTI Pagina 1 di 1 REGIONE LAZIO LA GESIONE DEI RIFIUTI REV. DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 01 15.11. 2004 Nicoletta Ciccotosto - Dirig. Medico P. O. Giuseppe Cimarello - Dirig. Med. P. O. Roberta Giustini

Dettagli

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente In collaborazione con REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI 1 INDICE Premessa

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

Elenco delle merci pericolose per gli ospedali

Elenco delle merci pericolose per gli ospedali Rifiuti urbani Rifiuti sanitari non problematici cerotti, ingessature, pannolini per l'incontinenza, siringhe senza cannule, ecc., contenitori monouso contenuto massimo fino a 100 ml Per definizione non

Dettagli

Aggiornato al 19/02/2008

Aggiornato al 19/02/2008 Aggiornato al 19/02/2008 PROCEDURA PER IL CONFERIMENTO PRESSO LE STAZIONI ECOLOGICHE ATTREZZATE (SEA) DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE COMPATTA (CEMENTO-AMIANTO E VINIL-AMIANTO) DERIVANTI DA PICCOLE

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

MANUALE DI BUONA PRASSI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Normativa di Riferimento

MANUALE DI BUONA PRASSI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Normativa di Riferimento MANUALE DI BUONA PRASSI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI Normativa di Riferimento La normativa di riferimento in materia di gestione di rifiuti è il Codice dell ambiente, DLgs 152/2006 e successive

Dettagli

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i.

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Bicocca Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Procedura relativa alla richiesta di conferimento

Dettagli

Comune di Spilimbergo ANNO 2008

Comune di Spilimbergo ANNO 2008 Comune di Spilimbergo ANNO 2008 RICICLABILE 39,1% NON RICICLABILE 60,9% SITUAZIONE ATTUALE! "# INDUSTRIALI 13% CARTA 9% PLASTICA 6% VETRO 8% INGOMBRANTI 7% VERDE 11% UMIDO 9% INERTI 10% SECCO 26% OBIETTIVI

Dettagli

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie La Raccolta Differenziata a casa tua istruzioni per l uso guida per le famiglie Raccolta Differenziata Le novità Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n.254

Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n.254 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n.254 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l articolo 87 della Costituzione; Vista la legge 8 luglio 1986, n. 349, recante istituzione del Ministero

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Pagina 1 di 8 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons Pagina 1 di 10 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Cordenons Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma OHSAS

Dettagli

MARCHIO WASTE LESS Allegato tecnico per le modalità di esecuzione della raccolta differenziata

MARCHIO WASTE LESS Allegato tecnico per le modalità di esecuzione della raccolta differenziata MARCHIO WASTE LESS Allegato tecnico per le modalità di esecuzione della raccolta differenziata LIFE09 ENV/IT/000068 WASTELESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

Revisione Data ------14/07/2009--------

Revisione Data ------14/07/2009-------- CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D OPERA PRIMA INFORMAZIONE sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui l appaltatore è destinato a operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate,

Dettagli

Gestione dei rifiuti in laboratorio

Gestione dei rifiuti in laboratorio Gestione dei rifiuti in laboratorio RISCHIO BIOLOGICO RISCHIO CHIMICO Alessandra Pera ISPESL - DML procedure devono essere seguite scrupolosamente presuppongono: conoscenza dei rischi utilizzo di un manuale

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01 LINEE GUIDA GESTIONE DELLE CARTUCCE ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata alle cartucce

Dettagli

Pulizia dei locali, igiene ambientale e corretto confezionamento e smaltimento dei rifiuti speciali prodotti in occasione delle donazioni

Pulizia dei locali, igiene ambientale e corretto confezionamento e smaltimento dei rifiuti speciali prodotti in occasione delle donazioni Pulizia dei locali, igiene ambientale e corretto confezionamento e smaltimento dei rifiuti speciali prodotti in occasione delle donazioni Bologna 21 Marzo 2014 Dott.ssa Manuela Billi Referente Igiene Ospedaliera,

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI PROCEDURE

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI PROCEDURE SANITARI PROCEDURE a cura del dr. Carlo Di Terlizzi Direttore Medico di Presidio - Igienista dr. Andrea Sinigaglia Dirigente Medico Direzione Sanitaria Medico Legale dr. Giuseppe Natalino Emanuele Lovascio

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254 Gazzetta Ufficiale 11 settembre 2003, n. 211 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti

Dettagli

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA 18 ANNO XII N.48 NOVEMBRE 2006 Una sintetica guida alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale e alla determinazione dei codici europei dei

Dettagli

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Progetto Formativo Aziendale RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI LA DECONTAMINAZIONE DEGLI AMBIENTI CRITICI E LA GESTIONE DEI MATERIALI CONTAMINATI IN REPARTO: PROTOCOLLI

Dettagli

SERAM S.p.A. Gestione dei rifiuti PR SGSL 16

SERAM S.p.A. Gestione dei rifiuti PR SGSL 16 Pag. 2 di 14 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 3. RIFERIMENTI... 4 4. DEFINIZIONI... 6 5. RESPONSABILITA'... 7 6. GENERALITA... 8 6.1 Definizione di rifiuto... 8 7. PRODUZIONE

Dettagli

VADEMECUM PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE

VADEMECUM PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE VADEMECUM PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE Per fare in modo che le aziende che fanno attività di manutenzione, attuino in modo corretto la gestione dei rifiuti provenienti appunto dalla loro

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE ALL INTERNO DELLE SALE SETTORIE

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE ALL INTERNO DELLE SALE SETTORIE UFFICI AMMINISTRATIVI SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Lungarno Pacinotti, 44 56100 Pisa Tel. 050/2212140 Fax 050/2212663 E-mail spp@adm.unipi.it PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE ALL INTERNO DELLE SALE

Dettagli

SCHEDA DIDATTICA. Sulla base di ciò che hai osservato poco fa, rispondi a queste facili domande facendo una crocetta sulla risposta corretta:

SCHEDA DIDATTICA. Sulla base di ciò che hai osservato poco fa, rispondi a queste facili domande facendo una crocetta sulla risposta corretta: SCHEDA DIDATTICA NOME: COGNOME: CLASSE: Sulla base di ciò che hai osservato poco fa, rispondi a queste facili domande facendo una crocetta sulla risposta corretta: 1) Secondo te è più pesante una bottiglia

Dettagli

PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI RIFIUTI SPECIALI Pag. 1/12 PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI LISTA DELLE REVISIONI REV/ED DATA REDATTA VERIFICATA APPROVATA 0/0 16.02.04 File: PR 09_RIFIUTI_SPECIALI definitivo 1 RIFIUTI SPECIALI Pag. 2/12 Indice

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI PRELIEVO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SANITARI E SPECIALI IN UNIONE DI ACQUISTO CON IL C.R.O.B. DI RIONERO IN VULTURE (PZ) E CON LE AZIENDE SANITARIE NN. 1-2-3-4-5 DELLA REGIONE BASILICATA

Dettagli

Raccolta differenziata (RD) per materiale

Raccolta differenziata (RD) per materiale Raccolta differenziata (RD) per materiale I servizi di raccolta differenziata sono effettuati con il sistema porta a porta con: - frequenza di raccolta settimanale di carta, cartone; - frequenza di raccolta

Dettagli

PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE

PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE Il D.S.G.A. dovrà produrre l Elenco delle Sostanze Utilizzate (prodotti per la pulizia, l igiene, ecc.). L originale del

Dettagli

CECK-LIST VALUTAZIONE IDONEITA DEPOSITI DI MATERIALI/ATTREZZATURE PER LE PULIZIE

CECK-LIST VALUTAZIONE IDONEITA DEPOSITI DI MATERIALI/ATTREZZATURE PER LE PULIZIE TITOLO: CECK-LIST VALUTAZIONE IDONEITA DEPOSITI DI MATERIALI/ATTREZZATURE PER LE PULIZIE Indice dei contenuti 1. Verbale di verifica periodica/straordinaria con check list Documenti richiamati Identificazione

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 Area igienico sanitaria 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 SALUTE SICUREZZA 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 2 Cosa intendiamo per sicurezza. Sicurezza: situazione certa e costante

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81)

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81) Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81) Responsabile del Procedimento Il Referente DUVRI Potenza, lì / / PREMESSA Il

Dettagli

Precauzioni per l ambiente

Precauzioni per l ambiente Precauzioni per l amiente DOMANDE &RISPOSTE 86 L impiego dei prodotti fitosanitari può causare danni all amiente? a no, se il prodotto non è molto tossico sì, possono contaminare il s u o l o, l aria,

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA COMPLESSO INTEGRATO COLUMBUS SORVEGLIANZA SANITARIA CAPOSALA Liberata Del Proposto RISCHIO CHIMICO DEFINIZIONE Per Rischio Chimico si intende la probabilità che una sostanza o un preparato sia esso solido,

Dettagli

COMUNE DI PIEVE DI CENTO Provincia di Bologna

COMUNE DI PIEVE DI CENTO Provincia di Bologna COMUNE DI PIEVE DI CENTO Provincia di Bologna Regolamento comunale per la gestione del Centro di Raccolta dei Rifiuti urbani raccolti in modo differenziato (Stazione Ecologica Attrezzata) Norme di accesso

Dettagli

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE ALLEGATO B REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INDICE Requisiti organizzativi, strutturali e tecnologici

Dettagli

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale fare la raccolta differenziata non è solo un obbligo di legge è un segno di rispetto e di grande civiltà!

Dettagli

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Perché l esigenza delle linee guida: dati statistici In Italia su circa 9.500.000 pazienti ricoverati

Dettagli

Che cos e il porta a porta?

Che cos e il porta a porta? Che cos e il porta a porta? È un nuovo modo di realizzare la raccolta dei rifiuti urbani. Si eliminano quasi tutti i cassonetti su strada e vengono consegnate ad ogni utenza piccole pattumiere in cui depositare

Dettagli

COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD

COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL

Dettagli