REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE"

Transcript

1 Cass.Pen., sez. III, ,n Pres. Papa Est. Teresi Ric. Rando Rifiuti Adempimenti - Rifiuti speciali assimilati agli urbani - Potere di assimilazione dei Comuni - Gestione dei rifiuti urbani non domestici - Violazione dell'autorizzazione - Responsabilità del gestore della discarica - D. L.vo n. 36/ Ignoranza dell'illiceità della condotta Esclusione. I rifiuti diversi da quelli urbani di cui all'art. 7 del D.Lgs. n 22/1977 si configurano automaticamente come speciali. E riconosciuta ai Comuni la facoltà di attivare il potere di assimilazione dei rifiuti speciali agli urbani, per le qualità e quantità previsti dai regolamenti comunali. Il Comune può, relativamente alla qualità, stabilire quali - tra i rifiuti inseriti nella delibera interministeriale del 27 luglio siano assimilabili e, quindi, escluderne altri, nonché individuare le quantità conferibili. Nella fattispecie è ravvisabile la responsabilità del gestore che, in violazione dell'autorizzazione, ha versato in discarica rifiuti non compresi tra quelli "assimilati" dal regolamento comunale, nonché rifiuti assimilati a quelli urbani in quantità superiore a quella giornaliera autorizzata. Il D.Lgs. n. 36/2003 consente l'ammissione nelle discariche dei "rifiuti urbani" e dei "rifiuti non pericolosi di qualsiasi altra origine che soddisfino i criteri di ammissione previsti dalla normativa vigente ". Nella fattispecie, i reati non possono essere esclusi sotto il profilo soggettivo per errore sull'ignoranza dell'illiceità della condotta, perché nemmeno in virtù del criterio dell'ignoranza inevitabile è possibile scusare il gestore di attività che gestisca rifiuti senza informarsi delle leggi penali che disciplinano la materia. Composta dagli III. mi Signori Omissis REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE ha pronunciato la seguente SENTENZA

2 sul ricorso proposto da Rando Francesco, nato a Genova il , avverso la sentenza pronunciata dal Tribunale di Roma in data con cui è stato condannato alla pena di d'ammenda per i reati di cui all'art. 51, comma 1 lettera a) e comma 4 D. Lgs. n. 22/1997; Visti gli atti, la sentenza denunciata, il ricorso e la memoria difensiva; Sentita in pubblica udienza la relazione del Consigliere dott. Alfredo Teresi; Sentito il PM nella persona del PG dott. Vittorio Meloni, il quale ha chiesto il rigetto del ricorso; Sentito il difensore del ricorrente, avv. Gian Michele Gentile, il quale ha chiesto l'accoglimento del ricorso; osserva Con sentenza in data il Tribunale di Roma condannava Rando Francesco alla pena di d'ammenda perché, quale legale responsabile della s. r. I. Giovi [gestore della discarica di Malagrotta] e della s. r. I. Secor [società d'intermediazione per rifiuti conferiti alla discarica da soggetti privati], non aveva osservato le prescrizioni dell'autorizzazione , con cui si consentiva lo smaltimento in discarica dei rifiuti provenienti dai Comuni di Roma, Ciampino, Fiumicino e dalla Città del Vaticano limitatamente a t/giorno di RSU; 150 t/giorno di rifiuti assimilati agli urbani secondo quanto stabilito dai regolamenti comunali emanati ai sensi dell'art. 21, comma 2 lettera g), d. lgs. n.22/1997; 400 t/giorno di fanghi da depurazione, accettando e smaltendo nella discarica anche rifiuti speciali non assimilati (per qualità i quantità) agli urbani con provvedimenti comunali, superando costantemente il limite giornaliero di 150 t/giorno ed inoltre perché aveva effettuato attività di smaltimento di rifiuti speciali [non assimilabili a quelli urbani] senza la prescritta autorizzazione. Rilevava il Tribunale che, a seguito dell'abrogazione di una norma comunitaria [art. 39 legge n. 146/1994] che disponeva l'assimilazione ope legis ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali propri delle attività economiche riconducibili alla delibera del Comitato interministeriale 27 luglio 1984, il Comune di Roma - con delibera n. 119 del 15 giugno aveva dichiarato assimilabili ai rifiuti urbani, per qualità e quantità, i rifiuti speciali non pericolosi provenienti da attività economiche; in particolare, quelli aventi una composizione merceologica analoga a quella dei rifiuti urbani d'origine domestica o, comunque, costituiti da manufatti e materiali simili a quelli compresi nell'elenco allegato (aspetto qualitativo), elenco riportante i rifiuti assimilabili alla Tabella della citata Delibera interministeriale, fatta eccezione per la voce "gomma e caucciù e manufatti composti prevalentemente da tali materiali, come camere d'aria e copertoni" e la voce "rifiuti ingombranti" sino ad un conferimento massimo espresso in kg. per mq. l'anno, individuato per ciascuna tipologia di rifiuto (aspetto quantitativo). La suddetta delibera stabiliva, quindi, la categoria dei rifiuti assimilati a quelli urbani ai soli fini dello smaltimento in discarica, sicché i rifiuti speciali, se non assimilati ai sensi del regolamento comunale [come previsto dall'art. 7 n. 2 lettera b) e 21, comma 2 lettera g) del d. lgs. n. 22/1997], restavano tali e sottoposti al relativo regime.

3 Pertanto, i rifiuti speciali assimilati agli urbani dovevano intendersi soltanto quelli compresi nella delibera del Comitato interministeriale ed espressamente richiamati nel Regolamento comunale nel rispetto delle quantità conferibili predeterminate. La categoria dei rifiuti assimilabili a quelli urbani non era sostanzialmente venuta meno, come sostenuto dalla difesa, con la Direttiva 1999/31/CE del 26 aprile 1999, relativa alle discariche di rifiuti, perché la stessa aveva incluso, tra i rifiuti destinati alle discariche per rifiuti non pericolosi i rifiuti urbani di natura domestica e quelli ad essi equiparabili, nonché i rifiuti non pericolosi di qualsiasi altra origine non contemplati dalla Direttiva 91/689/CE sui rifiuti pericolosi (art. 2 e 6), tra i quali rientrano anche quelli assimilabili (quelli speciali non pericolosi). Inoltre, il d. lgs n. 36, d'attuazione della suddetta Direttiva, e il successivo decreto ministeriale avevano incluso espressamente tra i rifiuti da smaltire in discariche per rifiuti non pericolosi anche i rifiuti urbani per la cui individuazione l'art. 2 lettera b) del decreto legislativo n. 36 rinvia all'art. 7, comma 2, del d. lgs. n. 22/1997 che comprende anche i rifiuti assimilati, come individuati dall'autorità comunale. Peraltro, le discariche già autorizzate alla data d'entrata in vigore del decreto n. 36, come quella de qua, potevano continuare a ricevere, fino al 16 luglio 2005, i rifiuti per cui erano state autorizzate (art. I7), sicché fino a tale data vigeva l'autorizzazione n. 115 del Ciò premesso, il Tribunale riteneva, alla stregua degli accertamenti eseguiti, che la società Secor avesse conferito in discarica rifiuti non rientranti tra quelli assimilati individuati nel Regolamento comunale n. 119/98 [pneumatici usati, parti d'autoveicoli, abbigliamenti, lenzuola, indumenti monouso provenienti da reparti ospedalieri di maternità o legati a diagnosi o al trattamento e prevenzione di malattie d'essere umani; rifiuti di filtrazione e vagli primari delle acque ad uso industriale] e neppure tra quelli assimilabili di cui al decreto interministeriale [il materiale inerte da demolizione e costruzione], nonché rifiuti assimilati in quantitativi giornalieri superiori a quelli consentiti dall'autorizzazione e fanghi diversi da quelli autorizzati. Proponeva ricorso per cassazione l'imputato eccependo la nullità del decreto di citazione e dell'intero dibattimento per "violazione o errata applicazione dell'art. 552 c.p.p. in riferimento alla chiarezza della contestazione, intesa come enunciazione del fatto in forma chiara e precisa; genericità del capo d'imputazione per impossibilità di ricostruzione del fatto. Nullità conseguenziale". Nel capo d'imputazione non era stato specificato quali fossero i rifiuti speciali non assimilati conferiti in discarica, né erano state indicate le date del superamento giornaliero di t. 150/giorno, stabilite solo presuntivamente. Inoltre, l'indeterminatezza e genericità del primo capo d'imputazione si rifletteva in quello successivo, laddove si fa riferimento, come descrizione della condotta illecita ad attività di smaltimento di rifiuti speciali in mancanza della prescritta autorizzazione. Denunciava, poi, violazione o errata applicazione dell'art. 21 d. lgs. n. 22/1997, della delibera del Comitato interministeriale , della direttiva rifiuti 1999/31/CE, del d. lgs. n. 36/1993 esponendo che erroneamente il Tribunale aveva ritenuto che i Comuni possano stabilire, discrezionalmente, quali rifiuti non pericolosi possano essere assimilati a quelli urbani e, quindi lecitamente essere

4 conferiti in discarica stante che "i rifiuti assimilati, ai fini del ricovero, sono quelli indicati nella delibera del Comitato interministeriale del 1984" Richiamate le norme succedutesi nel tempo in ordine all'assimilabilità dei rifiuti non pericolosi a quelli urbani, ai fini del conferimento in discarica, rilevava che, a seguito dell'abrogazione dell'art. 60 del d. lgs. n. 507/1993, l'art. 39 della legge n. 146 aveva disposto l'assimilazione ope legis ai rifiuti urbani di tutti i rifiuti speciali indicati al punto lettera a) della delibazione del 1984, citata, eliminando qualsiasi discrezionalità dei comuni al riguardo. Il d. lgs. n. 22/1997 aveva introdotto, all'art. 7, una nuova classificazione dei rifiuti e ripristinato, con l'art. 21 comma 2 lettera g), il potere dei Comuni di prevedere con propri regolamenti l'assimilazione per qualità e quantità dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani ai fini della raccolta e dello smaltimento sulla base dei criteri fissati ai sensi dell'art. 18, comma 2 lettera d). L'abrogazione con la legge n. 128/1998 dell'art. 39 della legge n. 146/1994, citata, i Comuni avevano riacquistato "la possibilità di individuare, nell'ambito delle tipologie di assimilabilità di cui alla delibera C.I. del 1984, quei rifiuti non urbani per i quali prevedere l'applicazione delle tasse di smaltimento al pari di quelli urbani". Invece, la direttiva 1999/31/CE, nel classificare, all'art. 2, i rifiuti, innovativa rispetto al d. lgs. n. 22/1997, aveva eliminato "la categoria dei rifiuti speciali di cui alla lettera b) art. 7 e quindi la categoria dei rifiuti assimilati agli urbani in virtù delle delibere comunali, ricomprendendo questi nella categoria dei rifiuti urbani; la stessa avrebbe dovuto essere messa in vigore da parte degli Stati membri, a norma dell'art. 18, entro due anni e quindi in vigore il 16 luglio 2001" La direttiva però, era stata recepita dal d. lgs. 13 gennaio 2003 n. 36, che aveva reintrodotto, in difformità della normativa comunitaria, la categoria dei rifiuti speciali assimilabili ad assimilati, sicché non operava per i fatti accertati fino al 23 settembre Peraltro, la decisione della Commissione della comunità europea del 16 gennaio 2001, modificativa dell'elenco dei rifiuti istituito dalla decisione 2000/532/CE, al capitolo 20 aveva classificato come rifiuti urbani i rifiuti domestici e assimilabili prodotti da attività commerciali e industriali nonché dalle istituzioni, inclusi i rifiuti della raccolta differenziata, così ricomprendendo tutti i rifiuti speciali indicati nella delibera del Comitato interministeriale 1984 che fornisce i criteri generali per l'assimilabilità dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani. Il decorso il biennio, decorrente dal 16 luglio 2001, aveva comportato l'automatico recepimento della direttiva 1999/31/CE nell'ordinamento giuridico italiano con "la scomparsa di rifiuti speciali, e quindi la scomparsa di rifiuti assimilabili, ricompresi tutti nel concetto di rifiuto urbano" Denunciava, altresì, l'imputato. mancanza e manifesta illogicità della motivazione in ordine alla configurabilità dei reati non essendo provato lo sforamento delle quantità consentita [150 tonnellate al giorno per i rifiuti assimilati agli urbani] perché rilevato con valutazione statistica media mai legata ai quantitativi della singola giornata, ma ricavata da un periodo d'osservazione ultramensile che non considerava che la discarica era aperta tutti i giorni. Inoltre, essendo venuta meno la categoria dei rifiuti speciali assimilabili, la ricezione giornaliera andava calcolata in ragione delle

5 4.500 tonnellate giornaliere di rifiuti urbani e non era rilevante che per tali rifiuti la società Secor pagasse la tariffa stabilita per i rifiuti speciali;. violazione di legge e della delibera 1984, citata, in ordine all'esclusione come rifiuti speciali assimilabili a quelli urbani dei pneumatici e dei materiali di costruzione e di demolizione, espressamente indicati nella delibera, nonché degli abbigliamenti, lenzuola monouso rientranti tra i rifiuti urbani ai sensi dei nuovi codici CER entrati in vigore il ;. violazione di legge e mancanza di motivazione in ordine ala ritenuta sussistenza dell'elemento psicologico del reato che andava, invece esclusa, per l'equivocità del quadro normativo, per la giurisprudenza oscillante e per il comportamento della PA tali da generare una presunzione di legittimità della condotta. Chiedeva l'annullamento della sentenza. In data il ricorrente depositava memoria difensiva. L'eccezione di rito, concernente la nullità del decreto di citazione per indeterminatezza del fatto, è infondata poiché non si ha insufficiente enunciazione qualora siano individuati e dotati di adeguata specificità i tratti essenziali del fatto di reato attribuito, sicché l'imputato possa apprestare la sua difesa. Infatti, in considerazione della centralità del dibattimento, dei poteri conferiti al giudice sia in materia d'integrazione del materiale probatorio insufficiente o mancante ex art. 507 c.p.p., che in tema di ammissione di prove, e della possibilità di procedere a contestazione suppletiva ed a modificazione dell'imputazione ex art. 516 c.p.p., non è necessaria una dettagliata imputazione. Ciò, aderendo alle novità del nuovo sistema processuale, disancorato da visioni formalistiche e da valori epistemologici delle radici letterali e teso a considerare l'imputazione nel suo complesso ed il fondamentale principio iura novit curia (Cassazione Sezione I, n. 382/1999, Piccioni, RV ). Nella specie, nella contestazione, considerata nella sua interezza, anche in riferimento alle disposizioni violate, sono contenuti tutti gli elementi del fatto costitutivo del reato ritenuto in sentenza che ha legittimamente utilizzato i dati, acquisiti in contraddittorio nel dibattimento, di specificazione del fatto stesso. Infatti, è stato contestato all'imputato, nella qualità, di non avere osservato le prescrizioni stabilite nell'autorizzazione comunale per la gestione della discarica di Malagrotta consentendo il versamento di rifiuti speciali che i regolamenti comunali non assimilavano a quelli urbani in quantità superiore al limite giornaliero imposto, nonché di avere, con tale condotta, effettuato attività di smaltimento di rifiuti speciali senza autorizzazione. Il fatto enunciato contiene, quindi, la specificazione della condotta, all'evidenza ritenuta non conforme al provvedimento autorizzativo, quanto al superamento del limite quantitativo e illegittima relativamente al conferimento di rifiuti non pericolosi non inseriti nell'autorizzazione tra quelli assimilabili agli urbani. Nel resto il ricorso non è puntuale perché censura con erronee argomentazioni giuridiche e in punto di fatto la decisione fondata, invece, su congrue argomentazioni esenti da vizi logico-giuridici, essendo stati esaminati gli elementi probatori emersi a carico dell'imputato e confutata ogni obiezione difensiva.

6 In materia di smaltimento di rifiuti urbani e assimilati va osservato che con l'art. 17, comma 3, della legge 24 aprile 1998 n. 128 sono stati abrogati i commi 1 e 2 dell'art. 39 della legge comunitaria 22 febbraio 1994 n. 146 che disponevano, ad ogni effetti, l'assimilazione legale ai rifiuti urbani dei rifiuti propri delle attività economiche compresi o suscettibili di essere compresi per similarità nell'elenco di cui al punto della delibera interministeriale del 27 luglio 1984 [GU n. 253/1884] con l'eliminazione del previgente potere discrezionale di assimilazione riconosciuto ai comuni dal d.p.r. 10 settembre 1982 n Tale regime, pienamente operante soltanto dall'8 gennaio 1996 per la mancata reiterazione e conversione della diversa disciplina adotta per gli anni 1994 e 1995 con decreti legge [i cui effetti sono stati confermati dalla legge 11 novembre 1996 n. 575], era rimasto in vigore per la mancata emanazione del regolamento di cui all'art. 56, comma 2, del d. lgs. n. 22/1997 che avrebbe dovuto dichiarare l'incompatibilità dell'art. 39 con la nuova classificazione dei rifiuti di cui all'art. 7 dello stesso decreto legislativo. Però, l'intervenuta abrogazione dell'art. 39 ha fatto venir meno la sopraindicata assimilazione legale, sicché i rifiuti delle attività economiche di cui all'art. 7, comma 3 del decreto n. 22/1997, in precedenza ritenuti urbani sono da qualificare speciali. E' stata così, riconosciuta ai Comuni la facoltà di attivare il potere di assimilazione, ripristinato con l'art. 21, comma 2 lettera g) del decreto legislativo n. 22/1997 ed esercitabile sulla base di norme regolamentari tecniche vigenti [la deliberazione interministeriale 1984] e delle nuove disposizioni di cui agli art. 18, comma 2 lettera d) e 57, comma 1, del d. lgs. n. 22, citato. Mentre la previgente normativa [art. 2 e 8 del d.p.r. n. 915/1982] nulla disponeva sulle modalità di assimilazione, la nuova disciplina di cui all'art. 21, comma 2, lettera g) del d. lgs. n. 22/1997, prescrive che appositi regolamenti stabiliscano espressamente l'assimilazione dei rifiuti non pericolosi delle varie attività economiche per i quali valgono i interi e i limiti di cui alle delibera interministeriale Pertanto, come correttamente ritenuto in sentenza, i rifiuti speciali assimilati agli urbani sono soltanto quelli che per qualità e quantità siano previsti dai regolamenti comunali, sicché il Comune, tenuto a rispettare, nella gestione dei rifiuti urbani, i principi "d'efficienza, efficacia ed economicità", nel concedere l'autorizzazione [che comporta necessariamente la tassabilità delle superficie in cui si producono i rifiuti], ha il potere, quanto alla qualità, di stabilire quali, tra i rifiuti inseriti nella delibera interministeriale 1984, siano assimilabili e, quindi, escluderne altri, nonché d'individuare le quantità conferibili. Ne consegue che, per versare rifiuti speciali in discarica, il richiedente o il gestore deve seguire la procedura d'ammissione stabilita dai regolamenti comunali ed osservate le prescrizioni imposte nell'autorizzazione. La direttiva comunitaria 1999/31/CE del 26 aprile 1999, nelle "definizioni" di cui all'art. 2, ha indicato,. alla lettera b) i rifiuti urbani;. alla lettera c) i rifiuti pericolosi,. alla lettera d) i "rifiuti non pericolosi: i rifiuti non contemplati dalla lettera c)" e nei "rifiuti ammissibili nelle varie categorie di discariche", di cui all'art. 6, ha specificato che le discariche per i rifiuti non pericolosi possono essere utilizzate

7 . i) "per i rifiuti urbani";. ii) "per i rifiuti non pericolosi di qualsiasi altra origine conformi ai criteri di ammissione dei rifiuti nelle discariche per rifiuti non pericolosi fissati a norma dell'allegato II", [con espresso divieto d'inserimento nell'elenco di quelli contemplati nella direttiva 91/689/CE], sicché è erroneo l'assunto difensivo secondo cui sarebbe stata eliminata la categoria dei rifiuti assimilati agli urbani di cui all'art. 7, comma 2 lettera b), del d. lgs. n. 22/1997, tuttora regolata dall'art. 21 dello stesso decreto, che stabilisce che i comuni disciplinano la gestione dei rifiuti urbani con appositi regolamenti che stabiliscono "l'assimilazione per qualità e quantità dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani ai fini della raccolta e dello smaltimento sulla base dei criteri fissati dall'art. 18 comma 2 lettera d) [determinazione dei criteri qualitativi e quantitativi per l'assimilazione... dei rifiuti speciali a quelli urbani]". Il criterio dell'assimilabilità è stato mantenuto anche nella Direttiva del Ministero dell'ambiente del 9 aprile 2002, in relazione alla spedizione dei rifiuti e al nuovo elenco dei rifiuti, che - al n. 20 dell'allegato A - riporta i "rifiuti urbani (rifiuti domestici e assimilabili prodotti da attività commerciali e industriali nonché dalla istituzioni) inclusi i rifiuti della raccolta differenziata", classificazione confermata dal Decreto Ministeriale 2 maggio 2006 sull'elenco dei rifiuti in conformità dell'art. 1, comma 1 lettera A della Direttiva 75/442/CE e dell'art. 1, paragrafo 4, della Direttiva 91/689/CE, di cui alla decisione della Commissione 2000/532/CE del 3 maggio Conforme alla direttiva n. 31 è il decreto legislativo d'attuazione 13 gennaio 2003 n. 36 [peraltro non operante nel caso in esame perché "le discariche già autorizzate alla data di entrata in vigore del presente decreto possono continuare a ricevere, fino al 16 luglio 2005, i rifiuti per cui sono state autorizzate" (art. 17 n. 1)] che consente l'ammissione nelle discariche dei "rifiuti urbani" e dei "rifiuti non pericolosi di qualsiasi altra origine che soddisfino i criteri di ammissione dei rifiuti previsti dalla normativa vigente ". Alla stregua del delineato quadro normativi è, quindi, corretta l'affermazione di responsabilità essendo stato accertato, con motivazione logica e aderente ai richiamati principi giuridici, che il gestore, in violazione dell'autorizzazione n. 119/1998, ha versato nella discarica rifiuti, come i pneumatici usati, non compresi tra quelli "assimilati" dal regolamento comunale ovvero neanche inseriti nella deliberazione interministeriale del 1984, come i materiali inerti da demolizione, nonché rifiuti assimilati a quelli urbani in quantità superiore a quella giornaliera autorizzata con la deliberazione n. 155/2001 e fanghi diversi da quelli autorizzati. Ne consegue che i rifiuti urbani non domestici e, comunque, diversi da quelli urbani previsti dall'art. 7 del decreto legislativo n 22/1977, si configurano automaticamente speciali indipendentemente da ogni deliberazione di conferma e che la loro gestione debba essere penalmente sancita. Inammissibile perché in fatto è la censura relativa al ritenuto superamento delle quantità autorizzata per i mesi marzo, aprile, maggio e giugno 2002 [150 tonnellate al giorno per i rifiuti assimilati agli urbani] perché il superamento del limite è stato rilevato attraverso l'analisi a campione dei registri di carico e scarico, la tipologia e la quantità dei rifiuti conferiti all'ente di gestione dalla

8 Secor (società d'intermediazione per i rifiuti conferiti alla discarica da soggetti privati, esclusi i rifiuti presi in carico dal gestore pubblico AMA e dagli altri gestori del servizio pubblico di raccolta), i formulari d'accettazione della società Giovi con i codici CER e con la descrizione sintetica dei rifiuti. Anche il quarto motivo non è puntuale perché la non assimilabilità ai rifiuti urbani dei pneumatici, dei materiali inerti e degli abbigliamenti monouso, anche se compresi nella delibera interministeriale del 1984, conseguiva dal mancato inserimento nel regolamento comunale e quindi nella concessa autorizzazione n. 119/1998. I reati non possono essere esclusi sotto il profilo soggettivo per errore sull'ignoranza dell'illiceità della condotta perché nemmeno in virtù del criterio dell'ignoranza inevitabile teorizzato nella sentenza Corte Cost. n. 364/1988 è possibile scusare il gestore di attività che comportino la gestione di rifiuti senza informarsi delle leggi penali che disciplinano la materia, incombendo all'interessato l'onere di approfondire la conoscenza della normativa di settore, complessa ma di chiara precettività, di cui è presunta la conoscenza ex art. 5 cod. pen.. Il rigetto del ricorso comporta condanna al pagamento delle spese del procedimento. P. Q. M. La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del procedimento. Così deciso in Roma, nella pubblica udienza del Il consigliere estensore Alfredo Teresi Il presidente Enrico Papa *****

UDIENZA 29.01.2009 SENTENZA N. 233. REG. GENERALE n.26389/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 29.01.2009 SENTENZA N. 233. REG. GENERALE n.26389/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Integra il reato di abbandono o deposito incontrollato di rifiuti l'accumulo di "beni destinati alla rottamazione" elencati nel catalogo europeo dei rifiuti (CER) quali i veicoli e i pneumatici fuori uso,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE /h (I 373 96 /14 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VINCENZO ROMIS Dott. GIACOMO FOTI Dott.

Dettagli

Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva

Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva In tema di gestione dei rifiuti, quando il deposito di rifiuti non possiede i requisiti fissati

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 20 LUGLIO 2015, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 20 LUGLIO 2015, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 20 LUGLIO 2015, N. 31382: trasporto di rifiuti senza osservare le prescrizioni contenute nell autorizzazione ed individuazione del luogo di consumazione

Dettagli

Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale

Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale Non è più soggetta ad autorizzazione la installazione del singolo impianto che produce emissione in atmosfera,

Dettagli

numero 21.2011 25 maggio 2011 Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino

numero 21.2011 25 maggio 2011 Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino Page 1 of 5 numero 21.2011 25 maggio 2011 IL PUNTO Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino di Federica Caponi, SELF Servizi e Formazione

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438. pubblica udienza del 28.9.2006

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438. pubblica udienza del 28.9.2006 CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438 SENTENZA N. 1488 REG. GENERALE n. 43848/05 pubblica udienza del 28.9.2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO

Dettagli

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TRIOLA

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Carte credito, vaglia postale veloce,carta

Carte credito, vaglia postale veloce,carta Carte di credito, vaglia postale veloce,carta di Pagamento,penale,pagamenti,internet,legalgeek Cassazione Feriale Penale del 15 settembre 12 dicembre 2011, n. 45946 testo Civile.it " I reati sono stati

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Penale Sent. Sez. 3 Num. 23484 Anno 2014 Presidente: FIALE ALDO Relatore: DI NICOLA VITO Data Udienza: 07/03/2014 SENTENZA sul ricorso proposto da Petroni Domenico, nata a Canosa di Puglia il 09/09/1971

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Dipartimento Studi e Legislazione 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flp.it Email: flp@flp.it tel. 06/42000358 06/42010899 fax. 06/42010628

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DELL 8 APRILE 2013, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DELL 8 APRILE 2013, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DELL 8 APRILE 2013, N. 15988: autorizzazioni per la realizzazione di impianti fotovoltaici e loro ubicazione in zone classificate agricole. «ai sensi dell

Dettagli

No alla sanzione per trasporto illecito di rifiuti per gli ambulanti di robivecchi

No alla sanzione per trasporto illecito di rifiuti per gli ambulanti di robivecchi No alla sanzione per trasporto illecito di rifiuti per gli ambulanti di robivecchi SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE (Terza Sezione Penale) - n. 19111 del 9 aprile 2013 (dep. 3 maggio 2013) - Collegio

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 27 MARZO 2015, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 27 MARZO 2015, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 27 MARZO 2015, N. 13008: art. 659 c.p. (Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone) e responsabilità del gestore di un esercizio commerciale.

Dettagli

Le massime estrapolate

Le massime estrapolate Pagina 1 di 7 Condominio. Delibera assembleare che approva il rendiconto annuale dell amministratore, impugnazione ex art. 1137, comma III, solo per ragioni di mera legittimità. Le massime estrapolate

Dettagli

MOTIVI DELLA DECISIONE

MOTIVI DELLA DECISIONE Sentenza n. 16972 del 19 agosto 2015 (ud 8 luglio 2015) - della Cassazione Civile, Sez. V - Pres. MERONE Antonio - Est. CHINDEMI Domenico - Pm. ZENO Immacolata - - - REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO

Dettagli

visti gli atti, la sentenza e il ricorso udita in Pubblica udienza del 04/06/2013 la relazione fatta dal Consigliere Dott.

visti gli atti, la sentenza e il ricorso udita in Pubblica udienza del 04/06/2013 la relazione fatta dal Consigliere Dott. Corte di Cassazione Sentenza 11 luglio 2013, n. 29727 Repubblica italiana In nome del popolo italiano La Corte Suprema di Cassazione Terza Sezione penale Composta dagli IlI.mi Sigg.ri Magistrati: (omissis)

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 16972 Anno 2015 Presidente: MERONE ANTONIO Relatore: CHINDEMI DOMENICO Data pubblicazione: 19/08/2015 SENTENZA sul ricorso 1847-2012 proposto da: COMUNE DI POSITANO in persona

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI: I RIFIUTI PERICOLOSI NEL SISTEMA DEL T.U.AMBIENTE CODICI A SPECCHIO

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI: I RIFIUTI PERICOLOSI NEL SISTEMA DEL T.U.AMBIENTE CODICI A SPECCHIO Di Rosa Bertuzzi LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI: I RIFIUTI PERICOLOSI NEL SISTEMA DEL T.U.AMBIENTE CODICI A SPECCHIO di Avv. Rosa Bertuzzi Nell'ambito della disciplina di gestione dei rifiuti uno dei problemi

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA. domiciliato in ROMA, VIALE MAZZINI 11 PAL H-3, presso

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA. domiciliato in ROMA, VIALE MAZZINI 11 PAL H-3, presso -6901/2015 1 ORIGINALE i REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE Oggetto Danno anibientale - Prescrizione R.G.N. 18598/2011 Composta dagli Ill.mi

Dettagli

ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE.

ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE. ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE. CASS. CIV., SEZ. III, 6 DICEMBRE 2011, N. 26188. L'art. 2947 c.c. deve essere quindi interpretato nel senso che la prescrizione

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III PENALE Sentenza 29 gennaio - 1 aprile 2014, n. 14952. ha pronunciato la seguente: sentenza

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III PENALE Sentenza 29 gennaio - 1 aprile 2014, n. 14952. ha pronunciato la seguente: sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TERESI Alfredo - Presidente - Dott. SAVINO Mariapia -

Dettagli

N. 00047/2014 REG.PROV.COLL. N. 01496/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 00047/2014 REG.PROV.COLL. N. 01496/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 00047/2014 REG.PROV.COLL. N. 01496/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 01103/2013 REG.PROV.COLL. N. 00417/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania sezione staccata di Salerno (Sezione

Dettagli

Mercoledì 14 Settembre 2011 12:57 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 14 Settembre 2011 12:59

Mercoledì 14 Settembre 2011 12:57 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 14 Settembre 2011 12:59 Cassazione Penale, Sez. 4, 12 settembre 2011, n. 33734 - Costante esposizione ad amianto e mesotelioma maligno: posizioni di garanzia - Amianto Responsabilità dei direttori di uno stabilimento di una spa,

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE. sentenza

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE. sentenza Rifiuti Giurisprudenza Discariche esistenti Discariche nuove Piano di adeguamento Proroghe Applicabilità Esclusa se c è stata l approvazione del piano di adeguamento Sentenza della Corte di Cassazione

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

N.6575/05 Reg. Sent. N. 3463 Reg. Gen. N. 4608 Reg. Gen. ANNO 1995

N.6575/05 Reg. Sent. N. 3463 Reg. Gen. N. 4608 Reg. Gen. ANNO 1995 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia, Sede di Palermo, Sezione Seconda, ha pronunciato la seguente SENTENZA N.6575/05 Reg. Sent. N. 3463 Reg.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 16604/2007 proposto da: D.C. - ricorrente - BANCA -

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del Popolo italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE PENALE. - Presidente - - Consigliere -

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del Popolo italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE PENALE. - Presidente - - Consigliere - 19129/14 REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE PENALE Composta dai Sigg.ri Magistrati Dott. Alfredo Teresi Dott.ssa Chiara Graziosi Dott. Andrea Gentili

Dettagli

Svolgimento del processo e motivi della decisione

Svolgimento del processo e motivi della decisione Cassazione Sezione seconda penale sentenza 20 settembre 9 novembre 2007, n. 41499 Presidente Rizzo Relatore Tavassi Pm Passacantando c onforme Ricorrente Pubblico Ministero presso il Tribunale della Libertà

Dettagli

CASSAZIONE CIVILE SEZIONE V Sentenza 02 settembre 2004 n. 17703 Pres. Favara U Rel. Altieri E P.M. Fuzio R (Conf.) Com. Novara c.

CASSAZIONE CIVILE SEZIONE V Sentenza 02 settembre 2004 n. 17703 Pres. Favara U Rel. Altieri E P.M. Fuzio R (Conf.) Com. Novara c. CASSAZIONE CIVILE SEZIONE V Sentenza 02 settembre 2004 n. 17703 Pres. Favara U Rel. Altieri E P.M. Fuzio R (Conf.) Com. Novara c. Zanzola TRIBUTI LOCALI (COMUNALI, PROVINCIALI, REGIONALI) - TASSA RACCOLTA

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

«La presunzione di non colpevolezza ex art. 27 Cost. non si applica all ipotesi di. licenziamento per giusta causa»

«La presunzione di non colpevolezza ex art. 27 Cost. non si applica all ipotesi di. licenziamento per giusta causa» «La presunzione di non colpevolezza ex art. 27 Cost. non si applica all ipotesi di licenziamento per giusta causa» (Cassazione civile sez. lav., 30 settembre 2014, n. 20602) lavoro subordinato (rapporto

Dettagli

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato E inammissibile l'intervento del padre naturale nel giudizio di disconoscimento della paternità Cassazione civile sez. I 08 febbraio 2012 n. 1784 La Corte di Cassazione con questa recente sentenza (n.

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N. 28352: reati fiscali e tributari in relazione ad attività di trasporto rifiuti. «Questa Corte ha costantemente affermato, sulla scia

Dettagli

Svolgimento del processo

Svolgimento del processo Cass.Pen., sez.iii, 26.01.07, n. 2902 Rifiuti Sentenze - Materiali di risulta da lavori edili - Riutilizzo per pavimentazione - Verifica di pregiudizi per l'ambiente - Necessità di utilizzare il test di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sez. III Penale. Composta dagli Ill.mi Sigg.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sez. III Penale. Composta dagli Ill.mi Sigg. Bonifica dei siti contaminati Evento potenzialmente in grado di contaminare un sito Superamento delle CSR- Cassazione, sentenza n. 16702 del 29 aprile 2011 La disciplina relativa alla bonifica dei siti

Dettagli

Solo il superamento dei limiti CSR legittima il sequestro probatorio di area inquinata

Solo il superamento dei limiti CSR legittima il sequestro probatorio di area inquinata Solo il superamento dei limiti CSR legittima il sequestro probatorio di area inquinata SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE (Terza Sezione Penale) -n. 19962 del 22 gennaio 2013 (dep. 9 maggio 2013)- Collegio

Dettagli

Cassazione Civile - Sez. II, Sent. n. 11826 del 22/05/2007. omissis. Svolgimento del processo

Cassazione Civile - Sez. II, Sent. n. 11826 del 22/05/2007. omissis. Svolgimento del processo Pagina 1 di 5 18.06.2007 CORTE di CASSAZIONE ( annullata la sanzione di oltre 30.000,00 Euro irrogata al medico per violazione delle disposizioni sui dispositivi medici ) 1 - al medico odontoiatra veniva

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE PRIMA GIURISDIZIONALE CENTRALE D'APPELLO. dott. Piergiorgio Della Ventura

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE PRIMA GIURISDIZIONALE CENTRALE D'APPELLO. dott. Piergiorgio Della Ventura Sent. n. 446/2009/A REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE PRIMA GIURISDIZIONALE CENTRALE D'APPELLO composta dal Sigg.ri Magistrati dott. Giuseppe David dott.ssa Piera

Dettagli

Omesso versamento di ritenute: la prova dai modd. DM10 Renzo La Costa

Omesso versamento di ritenute: la prova dai modd. DM10 Renzo La Costa Omesso versamento di ritenute: la prova dai modd. DM10 Renzo La Costa Se è pacifico che non può configurarsi il reato di omissione di versamento delle ritenute se la retribuzione non è stata materialmente

Dettagli

Condannato in primo e secondo grado, ricorre in Cassazione - Rigetto.

Condannato in primo e secondo grado, ricorre in Cassazione - Rigetto. Cassazione Penale, Sez. 4, 22 dicembre 2011, n. 47798 - Caduta dall'alto per mancanza di cavi di sicurezza ai quali agganciarsi e responsabilità di un coordinatore per la sicurezza Fonte: Osservatorio

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 Ritenuto in fatto 1. Con decreto dì sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente del 26 ottobre 2012, il GIP presso il Tribunale

Dettagli

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese T R I B U N A L E D I V A R E S E Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese avverso il decreto di

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE - Sentenza 14 novembre 2005 n. 22913 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Dettagli

Cass. Civ., Sez. I, 02/07/2014, n. 15135 Rel. Cons. Dott. Antonio Didone

Cass. Civ., Sez. I, 02/07/2014, n. 15135 Rel. Cons. Dott. Antonio Didone Cass. Civ., Sez. I, 02/07/2014, n. 15135 Rel. Cons. Dott. Antonio Didone Le SSUU hanno ritenuto «assolutamente arbitrario» sostenere che, nel negare l'esistenza di usi normativi di capitalizzazione trimestrale

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Esame di Stato non ammissione mancata attivazione dei corsi di recupero da parte della scuola irrilevanza.

Esame di Stato non ammissione mancata attivazione dei corsi di recupero da parte della scuola irrilevanza. Esame di Stato non ammissione mancata attivazione dei corsi di recupero da parte della scuola irrilevanza. I giudizi di non ammissione degli alunni alla classe successiva espressi dal personale docente

Dettagli

ORDINANZA N. 62 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 62 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 62 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

Interpretazione del regolamento condominiale (in materia di Bed & Breakfast) Cass. Civ., sez. II, sentenza 20 novembre 2014 n. 24707.

Interpretazione del regolamento condominiale (in materia di Bed & Breakfast) Cass. Civ., sez. II, sentenza 20 novembre 2014 n. 24707. Interpretazione del regolamento condominiale (in materia di Bed & Breakfast) Cass. Civ., sez. II, sentenza 20 novembre 2014 n. 24707. REGOLAMENTO DI CONDOMINIO LIMITAZIONI - INTERPRETAZIONE Le norme contenute

Dettagli

Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro

Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro Nella persona del giudice dott. Vincenzo Nuvoli ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n. 2959 R.G.

Dettagli

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno,

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno, L'indebita utilizzazione a fini di profitto della carta di credito da parte di chi non ne sia titolare integra il reato di cui alla Legge n. 143 del 1991, articolo 12, indipendentemente dal conseguimento

Dettagli

INGIUNZIONE IN MATERIA CIVILE. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ. PROVA

INGIUNZIONE IN MATERIA CIVILE. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ. PROVA INGIUNZIONE IN MATERIA CIVILE. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ. PROVA SCRITTA. CASS. CIV., SEZ. I, 25 NOVEMBRE 2010, N. 23972. Il piano di ammortamento di un contratto di mutuo ha natura di clausola negoziale,

Dettagli

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense Egregio Collega, il tuo quesito, in buona sostanza, è il seguente: In base alla normativa vigente, sono ripetibili dal soccombente le spese generali e/o forfettarie non liquidate dal Giudice nella sentenza?

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 6 giugno - 8 settembre 2014, n. 18873 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 6 giugno - 8 settembre 2014, n. 18873 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 6 giugno - 8 settembre 2014, n. 18873 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta

Dettagli

L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN SEDE PENALE

L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN SEDE PENALE Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TERESI Alfredo - Presidente - Dott. GRILLO Renato - Consigliere - Dott. ORILIA Lorenzo - Consigliere - Dott. PEZZELLA Vincenzo - Consigliere - Dott. SCARCELLA

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

Responsabilità di datore di lavoro, dirigente, preposto e RSPP

Responsabilità di datore di lavoro, dirigente, preposto e RSPP Responsabilità di datore di lavoro, dirigente, preposto e RSPP Nel caso di infortuni sul lavoro, non basta la nomina di un soggetto addetto al servizio di prevenzione e protezione in uno specifico stabilimento,

Dettagli

Coordinamento Nazionale FLP Giustizia

Coordinamento Nazionale FLP Giustizia Coordinamento Nazionale FLP Giustizia Ministeri e Polizia Penitenziaria Reperibilità 3928836510-3206889937 Coordinamento Nazionale: c/o Ministero della Giustizia Via Arenula, 70 00186 ROMA tel. 06/64760274

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA Sezione Civile SENTENZA. promossa da

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA Sezione Civile SENTENZA. promossa da Fallimento Ammissione al passivo: opposizione Domanda riconvenzionale Azione revocatoria in sede di giudizio di opposizione allo stato passivo Medesimo titolo e rapporto giuridico dedotto in giudizio -

Dettagli

- che i contratti conclusi in violazione delle regole sulla competenza professionale sono nulli;

- che i contratti conclusi in violazione delle regole sulla competenza professionale sono nulli; CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 30 agosto 2013, n. 19989 Svolgimento del processo Con citazione del 6/6/1992 De L. D. proponeva opposizione al decreto ingiuntivo con il quale gli era stato ingiunto di pagare

Dettagli

Anche nel caso di ricorso al lavoro a termine è ammissibile lo scorrimento a catena di mansioni.

Anche nel caso di ricorso al lavoro a termine è ammissibile lo scorrimento a catena di mansioni. Lavoro a tempo determinato: ammissibile lo scorrimento a catena di mansioni Cassazione, sez. lavoro, sentenza 24.08.2004 n. 16661 Anche nel caso di ricorso al lavoro a termine è ammissibile lo scorrimento

Dettagli

La decisione risulta così motivata: a) la ratio dell'istituzione del Fondo speciale volo di cui alla L. 13/7/1965 n. 859, come modificata dalla L.

La decisione risulta così motivata: a) la ratio dell'istituzione del Fondo speciale volo di cui alla L. 13/7/1965 n. 859, come modificata dalla L. Contributi - Fondo volo - Carattere sostitutivo dell'assicurazione generale obbligatoria INPS - Diritto alla iscrizione per i piloti dipendenti di enti locali - Insussistenza. Corte di Appello di Trento

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA PENALE

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA PENALE CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA PENALE Sentenza 16 luglio 2014, n. 31263 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. GIORDANO Umberto - Presidente Dott. ZAMPETTI Umberto - Consigliere Dott.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Si deve, innanzitutto, ricordare che, per la partecipazione alle gare pubbliche, occorre presentare, ai sensi dell art. 38, lett. l, del d.lgs. n. 163 del 2006, anche la certificazione di cui

Dettagli

CONDOMINIO (OMISSIS), in persona dell'amministratore pro tempore; avverso la sentenza della Corte d'appello di Trieste, depositata in data (OMISSIS);

CONDOMINIO (OMISSIS), in persona dell'amministratore pro tempore; avverso la sentenza della Corte d'appello di Trieste, depositata in data (OMISSIS); REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 2 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. GOLDONI Umberto - Presidente Dott. PETITTI

Dettagli

TAR FRIULI VENEZIA GIULIA - TRIESTE, SEZ. I - sentenza 28 ottobre 2010 n. 716 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TAR FRIULI VENEZIA GIULIA - TRIESTE, SEZ. I - sentenza 28 ottobre 2010 n. 716 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TAR FRIULI VENEZIA GIULIA - TRIESTE, SEZ. I - sentenza 28 ottobre 2010 n. 716 N. 00716/2010 REG.SEN. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Friuli

Dettagli

Tale disposizione aveva natura interpretativa ed era applicabile anche ai giudizi pendenti; peraltro, 1

Tale disposizione aveva natura interpretativa ed era applicabile anche ai giudizi pendenti; peraltro, 1 Contributi - Facoltà per i comandanti e i direttori di macchina della navigazione marittima di optare per l'iscrizione all'inpdai - Esercizio - Condizioni - Preventivo conseguimento di una posizione assicurativa

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso 2366-2008 proposto da: M. F. elettivamente domiciliato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna T.A.R. Emilia Romagna, Parma, sez. I, 08.01.08, n. 1 Pres. Papiano, Est. Giovannini - Buscarini (Avv.ti Franchi, Manfredi e Monegatti Ziliotti) c. Comune di Gossolengo (Avv. Ferrari) Rifiuti Altre sentenze

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Penale Sent. Sez. 3 Num. 21619 Anno 2015 Presidente: FIALE ALDO Relatore: PEZZELLA VINCENZO Data Udienza: 14/04/2015 sul ricorso proposto da: SENTENZA MORO CECCHINO N. IL 10/04/1956 avverso la sentenza

Dettagli

Tirocinio forense: ampia discrezionalità del CdO nel valutare i contenuti del libretto di pratica T.R.G.A., Bolzano 16.03.2004 n.

Tirocinio forense: ampia discrezionalità del CdO nel valutare i contenuti del libretto di pratica T.R.G.A., Bolzano 16.03.2004 n. Tirocinio forense: ampia discrezionalità del CdO nel valutare i contenuti del libretto di pratica T.R.G.A., Bolzano 16.03.2004 n. 138 Il TAR Bolzano ha ritenuto legittimo il diniego di rilascio del certificato

Dettagli

Condominio degli edifici: il pagamento delle quote condominiali nei rapporti tra venditore ed acquirente di una unità immobiliare

Condominio degli edifici: il pagamento delle quote condominiali nei rapporti tra venditore ed acquirente di una unità immobiliare Condominio degli edifici: il pagamento delle quote condominiali nei rapporti tra venditore ed acquirente di una unità immobiliare La sentenza n. 23345 del 2008, resa dalla sezione II della Suprema Corte

Dettagli

La nuova classificazione dei rifiuti alla luce della Sentenza della Corte di Cassazione n. 5300/02 del 30.5.2002 Mauro Sanna

La nuova classificazione dei rifiuti alla luce della Sentenza della Corte di Cassazione n. 5300/02 del 30.5.2002 Mauro Sanna La nuova classificazione dei rifiuti alla luce della Sentenza della Corte di Cassazione n. 5300/02 del 30.5.2002 Mauro Sanna Ai fini dell applicazione della nuova classificazione dei rifiuti, introdotta

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA N. 09478/2013 REG.PROV.COLL. N. 01472/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Bis) ha pronunciato

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione 2 penale. Sentenza 15 novembre 2013, n. 45970 Integrale REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - CONCUSSIONE

Corte di Cassazione, Sezione 2 penale. Sentenza 15 novembre 2013, n. 45970 Integrale REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - CONCUSSIONE Corte di Cassazione, Sezione 2 penale Sentenza 15 novembre 2013, n. 45970 Integrale REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - CONCUSSIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLOITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLOITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO COMUNITA' EUROPEA - DANNI IN MATERIA CIVo E PEN. Casso civo Sez. lavoro, 03-06-2009, n. 12814 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLOITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE n. 168/2005 Vilipendio: illegittimità costituzionale dell articolo 403, primo e secondo comma, del codice penale, nella parte in cui prevede, per le offese alla religione

Dettagli

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VIVALDI Roberta Presidente Dott. ARMANO Uliana rel. Consigliere Dott. FRASCA Raffaele Consigliere Dott. SCARANO Luigi Alessandro Consigliere Dott. D'AMICO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA LOMBARDIA MILANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA LOMBARDIA MILANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA LOMBARDIA MILANO SEZIONE IV Registro Sentenze: Registro Generale: 2841/2006 ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

BERGAMO, 6 GIUGNO 2008

BERGAMO, 6 GIUGNO 2008 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Distretto di Brescia Ufficio dei referenti per la formazione decentrata BERGAMO, 6 GIUGNO 2008 dr. Paolo IELO Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di

Dettagli

CASSAZIONE CIVILE SEZIONE I

CASSAZIONE CIVILE SEZIONE I CASSAZIONE CIVILE SEZIONE I Sentenza 23 novembre 2004 n. 22116 Pres. Plenteda D Rel. Fioretti FM P.M. Ceniccola R (Conf.) Pizzighello c. Provincia Biella SANZIONI AMMINISTRATIVE - DEPENALIZZAZIONE DI DELITTI

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA N. 00730/2014 REG.PROV.COLL. N. 00071/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato

Dettagli

Esame forense: è illegittima la valutazione negativa attribuita agli elaborati redatti

Esame forense: è illegittima la valutazione negativa attribuita agli elaborati redatti Esame forense: è illegittima la valutazione negativa attribuita agli elaborati redatti dal candidato se questi risultano rispondenti ai criteri fissati dalla Commissione(TAR Sent.N.01915/2012) commento

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 6 Num. 9815 Anno 2015 Presidente: BIANCHINI BRUNO Relatore: MANNA FELICE Data pubblicazione: 13/05/2015 SENTENZA sul ricorso 8846-2012 proposto da: RAU MIRIA11,(RAUMRM52E55H5010) elettivamente

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 06 marzo 2014, n. 5275 Remunerazione specializzandi prescrizione

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 06 marzo 2014, n. 5275 Remunerazione specializzandi prescrizione Svolgimento del processo 1.1 medici (...) proposto ricorso per cassazione contro la Presidenza del Consiglio dei ministri, il Ministero dell Istruzione, il Ministero della Salute e l Università degli Studi

Dettagli

Infortuni sul lavoro e malattie professionali - Indennità e rendita - Contributi o premi - Aziende industriali - Determinazione del premio - Tasso

Infortuni sul lavoro e malattie professionali - Indennità e rendita - Contributi o premi - Aziende industriali - Determinazione del premio - Tasso Infortuni sul lavoro e malattie professionali - Indennità e rendita - Contributi o premi - Aziende industriali - Determinazione del premio - Tasso specifico aziendale - Criteri di calcolo - Fondamento

Dettagli

PROROGA DEI TERMINI D. L. 115/2005

PROROGA DEI TERMINI D. L. 115/2005 DECRETO LEGGE 30 GIUGNO 2005 n. 115 CONVERTITO IN LEGGE CON MODIFICAZIONI DALLA L. 17 AGOSTO 2005 n. 168 NOTE INTERPRETATIVE ALL ART. 11, COMMI 1 e 1-bis SMALTIMENTO DEI RIFIUTI CLASSIFICATI CON IL CODICE

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02106/2013 REG.PROV.COLL. N. 10570/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) ha pronunciato la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo regionale per il Lazio Sez.II Bis ha pronunciato la seguente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo regionale per il Lazio Sez.II Bis ha pronunciato la seguente SENTENZA T.A.R. LAZIO - ROMA - SEZIONE II BIS - Sentenza 24 marzo 2004 n. 2782 Pres. Giulia, est. De Michele Consiglio Nazionale dei Periti Industriali (Avv. Fauceglia) c. Ministero dell ambiente ; Ministero dell

Dettagli

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE a cura di Remo Danovi 1. Tenuta albi - Pena interdittiva accessoria sentenza penale di condanna La cancellazione dall Albo degli Avvocati, disposta come conseguenza

Dettagli