REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE"

Transcript

1 Cass.Pen., sez. III, ,n Pres. Papa Est. Teresi Ric. Rando Rifiuti Adempimenti - Rifiuti speciali assimilati agli urbani - Potere di assimilazione dei Comuni - Gestione dei rifiuti urbani non domestici - Violazione dell'autorizzazione - Responsabilità del gestore della discarica - D. L.vo n. 36/ Ignoranza dell'illiceità della condotta Esclusione. I rifiuti diversi da quelli urbani di cui all'art. 7 del D.Lgs. n 22/1977 si configurano automaticamente come speciali. E riconosciuta ai Comuni la facoltà di attivare il potere di assimilazione dei rifiuti speciali agli urbani, per le qualità e quantità previsti dai regolamenti comunali. Il Comune può, relativamente alla qualità, stabilire quali - tra i rifiuti inseriti nella delibera interministeriale del 27 luglio siano assimilabili e, quindi, escluderne altri, nonché individuare le quantità conferibili. Nella fattispecie è ravvisabile la responsabilità del gestore che, in violazione dell'autorizzazione, ha versato in discarica rifiuti non compresi tra quelli "assimilati" dal regolamento comunale, nonché rifiuti assimilati a quelli urbani in quantità superiore a quella giornaliera autorizzata. Il D.Lgs. n. 36/2003 consente l'ammissione nelle discariche dei "rifiuti urbani" e dei "rifiuti non pericolosi di qualsiasi altra origine che soddisfino i criteri di ammissione previsti dalla normativa vigente ". Nella fattispecie, i reati non possono essere esclusi sotto il profilo soggettivo per errore sull'ignoranza dell'illiceità della condotta, perché nemmeno in virtù del criterio dell'ignoranza inevitabile è possibile scusare il gestore di attività che gestisca rifiuti senza informarsi delle leggi penali che disciplinano la materia. Composta dagli III. mi Signori Omissis REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE ha pronunciato la seguente SENTENZA

2 sul ricorso proposto da Rando Francesco, nato a Genova il , avverso la sentenza pronunciata dal Tribunale di Roma in data con cui è stato condannato alla pena di d'ammenda per i reati di cui all'art. 51, comma 1 lettera a) e comma 4 D. Lgs. n. 22/1997; Visti gli atti, la sentenza denunciata, il ricorso e la memoria difensiva; Sentita in pubblica udienza la relazione del Consigliere dott. Alfredo Teresi; Sentito il PM nella persona del PG dott. Vittorio Meloni, il quale ha chiesto il rigetto del ricorso; Sentito il difensore del ricorrente, avv. Gian Michele Gentile, il quale ha chiesto l'accoglimento del ricorso; osserva Con sentenza in data il Tribunale di Roma condannava Rando Francesco alla pena di d'ammenda perché, quale legale responsabile della s. r. I. Giovi [gestore della discarica di Malagrotta] e della s. r. I. Secor [società d'intermediazione per rifiuti conferiti alla discarica da soggetti privati], non aveva osservato le prescrizioni dell'autorizzazione , con cui si consentiva lo smaltimento in discarica dei rifiuti provenienti dai Comuni di Roma, Ciampino, Fiumicino e dalla Città del Vaticano limitatamente a t/giorno di RSU; 150 t/giorno di rifiuti assimilati agli urbani secondo quanto stabilito dai regolamenti comunali emanati ai sensi dell'art. 21, comma 2 lettera g), d. lgs. n.22/1997; 400 t/giorno di fanghi da depurazione, accettando e smaltendo nella discarica anche rifiuti speciali non assimilati (per qualità i quantità) agli urbani con provvedimenti comunali, superando costantemente il limite giornaliero di 150 t/giorno ed inoltre perché aveva effettuato attività di smaltimento di rifiuti speciali [non assimilabili a quelli urbani] senza la prescritta autorizzazione. Rilevava il Tribunale che, a seguito dell'abrogazione di una norma comunitaria [art. 39 legge n. 146/1994] che disponeva l'assimilazione ope legis ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali propri delle attività economiche riconducibili alla delibera del Comitato interministeriale 27 luglio 1984, il Comune di Roma - con delibera n. 119 del 15 giugno aveva dichiarato assimilabili ai rifiuti urbani, per qualità e quantità, i rifiuti speciali non pericolosi provenienti da attività economiche; in particolare, quelli aventi una composizione merceologica analoga a quella dei rifiuti urbani d'origine domestica o, comunque, costituiti da manufatti e materiali simili a quelli compresi nell'elenco allegato (aspetto qualitativo), elenco riportante i rifiuti assimilabili alla Tabella della citata Delibera interministeriale, fatta eccezione per la voce "gomma e caucciù e manufatti composti prevalentemente da tali materiali, come camere d'aria e copertoni" e la voce "rifiuti ingombranti" sino ad un conferimento massimo espresso in kg. per mq. l'anno, individuato per ciascuna tipologia di rifiuto (aspetto quantitativo). La suddetta delibera stabiliva, quindi, la categoria dei rifiuti assimilati a quelli urbani ai soli fini dello smaltimento in discarica, sicché i rifiuti speciali, se non assimilati ai sensi del regolamento comunale [come previsto dall'art. 7 n. 2 lettera b) e 21, comma 2 lettera g) del d. lgs. n. 22/1997], restavano tali e sottoposti al relativo regime.

3 Pertanto, i rifiuti speciali assimilati agli urbani dovevano intendersi soltanto quelli compresi nella delibera del Comitato interministeriale ed espressamente richiamati nel Regolamento comunale nel rispetto delle quantità conferibili predeterminate. La categoria dei rifiuti assimilabili a quelli urbani non era sostanzialmente venuta meno, come sostenuto dalla difesa, con la Direttiva 1999/31/CE del 26 aprile 1999, relativa alle discariche di rifiuti, perché la stessa aveva incluso, tra i rifiuti destinati alle discariche per rifiuti non pericolosi i rifiuti urbani di natura domestica e quelli ad essi equiparabili, nonché i rifiuti non pericolosi di qualsiasi altra origine non contemplati dalla Direttiva 91/689/CE sui rifiuti pericolosi (art. 2 e 6), tra i quali rientrano anche quelli assimilabili (quelli speciali non pericolosi). Inoltre, il d. lgs n. 36, d'attuazione della suddetta Direttiva, e il successivo decreto ministeriale avevano incluso espressamente tra i rifiuti da smaltire in discariche per rifiuti non pericolosi anche i rifiuti urbani per la cui individuazione l'art. 2 lettera b) del decreto legislativo n. 36 rinvia all'art. 7, comma 2, del d. lgs. n. 22/1997 che comprende anche i rifiuti assimilati, come individuati dall'autorità comunale. Peraltro, le discariche già autorizzate alla data d'entrata in vigore del decreto n. 36, come quella de qua, potevano continuare a ricevere, fino al 16 luglio 2005, i rifiuti per cui erano state autorizzate (art. I7), sicché fino a tale data vigeva l'autorizzazione n. 115 del Ciò premesso, il Tribunale riteneva, alla stregua degli accertamenti eseguiti, che la società Secor avesse conferito in discarica rifiuti non rientranti tra quelli assimilati individuati nel Regolamento comunale n. 119/98 [pneumatici usati, parti d'autoveicoli, abbigliamenti, lenzuola, indumenti monouso provenienti da reparti ospedalieri di maternità o legati a diagnosi o al trattamento e prevenzione di malattie d'essere umani; rifiuti di filtrazione e vagli primari delle acque ad uso industriale] e neppure tra quelli assimilabili di cui al decreto interministeriale [il materiale inerte da demolizione e costruzione], nonché rifiuti assimilati in quantitativi giornalieri superiori a quelli consentiti dall'autorizzazione e fanghi diversi da quelli autorizzati. Proponeva ricorso per cassazione l'imputato eccependo la nullità del decreto di citazione e dell'intero dibattimento per "violazione o errata applicazione dell'art. 552 c.p.p. in riferimento alla chiarezza della contestazione, intesa come enunciazione del fatto in forma chiara e precisa; genericità del capo d'imputazione per impossibilità di ricostruzione del fatto. Nullità conseguenziale". Nel capo d'imputazione non era stato specificato quali fossero i rifiuti speciali non assimilati conferiti in discarica, né erano state indicate le date del superamento giornaliero di t. 150/giorno, stabilite solo presuntivamente. Inoltre, l'indeterminatezza e genericità del primo capo d'imputazione si rifletteva in quello successivo, laddove si fa riferimento, come descrizione della condotta illecita ad attività di smaltimento di rifiuti speciali in mancanza della prescritta autorizzazione. Denunciava, poi, violazione o errata applicazione dell'art. 21 d. lgs. n. 22/1997, della delibera del Comitato interministeriale , della direttiva rifiuti 1999/31/CE, del d. lgs. n. 36/1993 esponendo che erroneamente il Tribunale aveva ritenuto che i Comuni possano stabilire, discrezionalmente, quali rifiuti non pericolosi possano essere assimilati a quelli urbani e, quindi lecitamente essere

4 conferiti in discarica stante che "i rifiuti assimilati, ai fini del ricovero, sono quelli indicati nella delibera del Comitato interministeriale del 1984" Richiamate le norme succedutesi nel tempo in ordine all'assimilabilità dei rifiuti non pericolosi a quelli urbani, ai fini del conferimento in discarica, rilevava che, a seguito dell'abrogazione dell'art. 60 del d. lgs. n. 507/1993, l'art. 39 della legge n. 146 aveva disposto l'assimilazione ope legis ai rifiuti urbani di tutti i rifiuti speciali indicati al punto lettera a) della delibazione del 1984, citata, eliminando qualsiasi discrezionalità dei comuni al riguardo. Il d. lgs. n. 22/1997 aveva introdotto, all'art. 7, una nuova classificazione dei rifiuti e ripristinato, con l'art. 21 comma 2 lettera g), il potere dei Comuni di prevedere con propri regolamenti l'assimilazione per qualità e quantità dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani ai fini della raccolta e dello smaltimento sulla base dei criteri fissati ai sensi dell'art. 18, comma 2 lettera d). L'abrogazione con la legge n. 128/1998 dell'art. 39 della legge n. 146/1994, citata, i Comuni avevano riacquistato "la possibilità di individuare, nell'ambito delle tipologie di assimilabilità di cui alla delibera C.I. del 1984, quei rifiuti non urbani per i quali prevedere l'applicazione delle tasse di smaltimento al pari di quelli urbani". Invece, la direttiva 1999/31/CE, nel classificare, all'art. 2, i rifiuti, innovativa rispetto al d. lgs. n. 22/1997, aveva eliminato "la categoria dei rifiuti speciali di cui alla lettera b) art. 7 e quindi la categoria dei rifiuti assimilati agli urbani in virtù delle delibere comunali, ricomprendendo questi nella categoria dei rifiuti urbani; la stessa avrebbe dovuto essere messa in vigore da parte degli Stati membri, a norma dell'art. 18, entro due anni e quindi in vigore il 16 luglio 2001" La direttiva però, era stata recepita dal d. lgs. 13 gennaio 2003 n. 36, che aveva reintrodotto, in difformità della normativa comunitaria, la categoria dei rifiuti speciali assimilabili ad assimilati, sicché non operava per i fatti accertati fino al 23 settembre Peraltro, la decisione della Commissione della comunità europea del 16 gennaio 2001, modificativa dell'elenco dei rifiuti istituito dalla decisione 2000/532/CE, al capitolo 20 aveva classificato come rifiuti urbani i rifiuti domestici e assimilabili prodotti da attività commerciali e industriali nonché dalle istituzioni, inclusi i rifiuti della raccolta differenziata, così ricomprendendo tutti i rifiuti speciali indicati nella delibera del Comitato interministeriale 1984 che fornisce i criteri generali per l'assimilabilità dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani. Il decorso il biennio, decorrente dal 16 luglio 2001, aveva comportato l'automatico recepimento della direttiva 1999/31/CE nell'ordinamento giuridico italiano con "la scomparsa di rifiuti speciali, e quindi la scomparsa di rifiuti assimilabili, ricompresi tutti nel concetto di rifiuto urbano" Denunciava, altresì, l'imputato. mancanza e manifesta illogicità della motivazione in ordine alla configurabilità dei reati non essendo provato lo sforamento delle quantità consentita [150 tonnellate al giorno per i rifiuti assimilati agli urbani] perché rilevato con valutazione statistica media mai legata ai quantitativi della singola giornata, ma ricavata da un periodo d'osservazione ultramensile che non considerava che la discarica era aperta tutti i giorni. Inoltre, essendo venuta meno la categoria dei rifiuti speciali assimilabili, la ricezione giornaliera andava calcolata in ragione delle

5 4.500 tonnellate giornaliere di rifiuti urbani e non era rilevante che per tali rifiuti la società Secor pagasse la tariffa stabilita per i rifiuti speciali;. violazione di legge e della delibera 1984, citata, in ordine all'esclusione come rifiuti speciali assimilabili a quelli urbani dei pneumatici e dei materiali di costruzione e di demolizione, espressamente indicati nella delibera, nonché degli abbigliamenti, lenzuola monouso rientranti tra i rifiuti urbani ai sensi dei nuovi codici CER entrati in vigore il ;. violazione di legge e mancanza di motivazione in ordine ala ritenuta sussistenza dell'elemento psicologico del reato che andava, invece esclusa, per l'equivocità del quadro normativo, per la giurisprudenza oscillante e per il comportamento della PA tali da generare una presunzione di legittimità della condotta. Chiedeva l'annullamento della sentenza. In data il ricorrente depositava memoria difensiva. L'eccezione di rito, concernente la nullità del decreto di citazione per indeterminatezza del fatto, è infondata poiché non si ha insufficiente enunciazione qualora siano individuati e dotati di adeguata specificità i tratti essenziali del fatto di reato attribuito, sicché l'imputato possa apprestare la sua difesa. Infatti, in considerazione della centralità del dibattimento, dei poteri conferiti al giudice sia in materia d'integrazione del materiale probatorio insufficiente o mancante ex art. 507 c.p.p., che in tema di ammissione di prove, e della possibilità di procedere a contestazione suppletiva ed a modificazione dell'imputazione ex art. 516 c.p.p., non è necessaria una dettagliata imputazione. Ciò, aderendo alle novità del nuovo sistema processuale, disancorato da visioni formalistiche e da valori epistemologici delle radici letterali e teso a considerare l'imputazione nel suo complesso ed il fondamentale principio iura novit curia (Cassazione Sezione I, n. 382/1999, Piccioni, RV ). Nella specie, nella contestazione, considerata nella sua interezza, anche in riferimento alle disposizioni violate, sono contenuti tutti gli elementi del fatto costitutivo del reato ritenuto in sentenza che ha legittimamente utilizzato i dati, acquisiti in contraddittorio nel dibattimento, di specificazione del fatto stesso. Infatti, è stato contestato all'imputato, nella qualità, di non avere osservato le prescrizioni stabilite nell'autorizzazione comunale per la gestione della discarica di Malagrotta consentendo il versamento di rifiuti speciali che i regolamenti comunali non assimilavano a quelli urbani in quantità superiore al limite giornaliero imposto, nonché di avere, con tale condotta, effettuato attività di smaltimento di rifiuti speciali senza autorizzazione. Il fatto enunciato contiene, quindi, la specificazione della condotta, all'evidenza ritenuta non conforme al provvedimento autorizzativo, quanto al superamento del limite quantitativo e illegittima relativamente al conferimento di rifiuti non pericolosi non inseriti nell'autorizzazione tra quelli assimilabili agli urbani. Nel resto il ricorso non è puntuale perché censura con erronee argomentazioni giuridiche e in punto di fatto la decisione fondata, invece, su congrue argomentazioni esenti da vizi logico-giuridici, essendo stati esaminati gli elementi probatori emersi a carico dell'imputato e confutata ogni obiezione difensiva.

6 In materia di smaltimento di rifiuti urbani e assimilati va osservato che con l'art. 17, comma 3, della legge 24 aprile 1998 n. 128 sono stati abrogati i commi 1 e 2 dell'art. 39 della legge comunitaria 22 febbraio 1994 n. 146 che disponevano, ad ogni effetti, l'assimilazione legale ai rifiuti urbani dei rifiuti propri delle attività economiche compresi o suscettibili di essere compresi per similarità nell'elenco di cui al punto della delibera interministeriale del 27 luglio 1984 [GU n. 253/1884] con l'eliminazione del previgente potere discrezionale di assimilazione riconosciuto ai comuni dal d.p.r. 10 settembre 1982 n Tale regime, pienamente operante soltanto dall'8 gennaio 1996 per la mancata reiterazione e conversione della diversa disciplina adotta per gli anni 1994 e 1995 con decreti legge [i cui effetti sono stati confermati dalla legge 11 novembre 1996 n. 575], era rimasto in vigore per la mancata emanazione del regolamento di cui all'art. 56, comma 2, del d. lgs. n. 22/1997 che avrebbe dovuto dichiarare l'incompatibilità dell'art. 39 con la nuova classificazione dei rifiuti di cui all'art. 7 dello stesso decreto legislativo. Però, l'intervenuta abrogazione dell'art. 39 ha fatto venir meno la sopraindicata assimilazione legale, sicché i rifiuti delle attività economiche di cui all'art. 7, comma 3 del decreto n. 22/1997, in precedenza ritenuti urbani sono da qualificare speciali. E' stata così, riconosciuta ai Comuni la facoltà di attivare il potere di assimilazione, ripristinato con l'art. 21, comma 2 lettera g) del decreto legislativo n. 22/1997 ed esercitabile sulla base di norme regolamentari tecniche vigenti [la deliberazione interministeriale 1984] e delle nuove disposizioni di cui agli art. 18, comma 2 lettera d) e 57, comma 1, del d. lgs. n. 22, citato. Mentre la previgente normativa [art. 2 e 8 del d.p.r. n. 915/1982] nulla disponeva sulle modalità di assimilazione, la nuova disciplina di cui all'art. 21, comma 2, lettera g) del d. lgs. n. 22/1997, prescrive che appositi regolamenti stabiliscano espressamente l'assimilazione dei rifiuti non pericolosi delle varie attività economiche per i quali valgono i interi e i limiti di cui alle delibera interministeriale Pertanto, come correttamente ritenuto in sentenza, i rifiuti speciali assimilati agli urbani sono soltanto quelli che per qualità e quantità siano previsti dai regolamenti comunali, sicché il Comune, tenuto a rispettare, nella gestione dei rifiuti urbani, i principi "d'efficienza, efficacia ed economicità", nel concedere l'autorizzazione [che comporta necessariamente la tassabilità delle superficie in cui si producono i rifiuti], ha il potere, quanto alla qualità, di stabilire quali, tra i rifiuti inseriti nella delibera interministeriale 1984, siano assimilabili e, quindi, escluderne altri, nonché d'individuare le quantità conferibili. Ne consegue che, per versare rifiuti speciali in discarica, il richiedente o il gestore deve seguire la procedura d'ammissione stabilita dai regolamenti comunali ed osservate le prescrizioni imposte nell'autorizzazione. La direttiva comunitaria 1999/31/CE del 26 aprile 1999, nelle "definizioni" di cui all'art. 2, ha indicato,. alla lettera b) i rifiuti urbani;. alla lettera c) i rifiuti pericolosi,. alla lettera d) i "rifiuti non pericolosi: i rifiuti non contemplati dalla lettera c)" e nei "rifiuti ammissibili nelle varie categorie di discariche", di cui all'art. 6, ha specificato che le discariche per i rifiuti non pericolosi possono essere utilizzate

7 . i) "per i rifiuti urbani";. ii) "per i rifiuti non pericolosi di qualsiasi altra origine conformi ai criteri di ammissione dei rifiuti nelle discariche per rifiuti non pericolosi fissati a norma dell'allegato II", [con espresso divieto d'inserimento nell'elenco di quelli contemplati nella direttiva 91/689/CE], sicché è erroneo l'assunto difensivo secondo cui sarebbe stata eliminata la categoria dei rifiuti assimilati agli urbani di cui all'art. 7, comma 2 lettera b), del d. lgs. n. 22/1997, tuttora regolata dall'art. 21 dello stesso decreto, che stabilisce che i comuni disciplinano la gestione dei rifiuti urbani con appositi regolamenti che stabiliscono "l'assimilazione per qualità e quantità dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani ai fini della raccolta e dello smaltimento sulla base dei criteri fissati dall'art. 18 comma 2 lettera d) [determinazione dei criteri qualitativi e quantitativi per l'assimilazione... dei rifiuti speciali a quelli urbani]". Il criterio dell'assimilabilità è stato mantenuto anche nella Direttiva del Ministero dell'ambiente del 9 aprile 2002, in relazione alla spedizione dei rifiuti e al nuovo elenco dei rifiuti, che - al n. 20 dell'allegato A - riporta i "rifiuti urbani (rifiuti domestici e assimilabili prodotti da attività commerciali e industriali nonché dalla istituzioni) inclusi i rifiuti della raccolta differenziata", classificazione confermata dal Decreto Ministeriale 2 maggio 2006 sull'elenco dei rifiuti in conformità dell'art. 1, comma 1 lettera A della Direttiva 75/442/CE e dell'art. 1, paragrafo 4, della Direttiva 91/689/CE, di cui alla decisione della Commissione 2000/532/CE del 3 maggio Conforme alla direttiva n. 31 è il decreto legislativo d'attuazione 13 gennaio 2003 n. 36 [peraltro non operante nel caso in esame perché "le discariche già autorizzate alla data di entrata in vigore del presente decreto possono continuare a ricevere, fino al 16 luglio 2005, i rifiuti per cui sono state autorizzate" (art. 17 n. 1)] che consente l'ammissione nelle discariche dei "rifiuti urbani" e dei "rifiuti non pericolosi di qualsiasi altra origine che soddisfino i criteri di ammissione dei rifiuti previsti dalla normativa vigente ". Alla stregua del delineato quadro normativi è, quindi, corretta l'affermazione di responsabilità essendo stato accertato, con motivazione logica e aderente ai richiamati principi giuridici, che il gestore, in violazione dell'autorizzazione n. 119/1998, ha versato nella discarica rifiuti, come i pneumatici usati, non compresi tra quelli "assimilati" dal regolamento comunale ovvero neanche inseriti nella deliberazione interministeriale del 1984, come i materiali inerti da demolizione, nonché rifiuti assimilati a quelli urbani in quantità superiore a quella giornaliera autorizzata con la deliberazione n. 155/2001 e fanghi diversi da quelli autorizzati. Ne consegue che i rifiuti urbani non domestici e, comunque, diversi da quelli urbani previsti dall'art. 7 del decreto legislativo n 22/1977, si configurano automaticamente speciali indipendentemente da ogni deliberazione di conferma e che la loro gestione debba essere penalmente sancita. Inammissibile perché in fatto è la censura relativa al ritenuto superamento delle quantità autorizzata per i mesi marzo, aprile, maggio e giugno 2002 [150 tonnellate al giorno per i rifiuti assimilati agli urbani] perché il superamento del limite è stato rilevato attraverso l'analisi a campione dei registri di carico e scarico, la tipologia e la quantità dei rifiuti conferiti all'ente di gestione dalla

8 Secor (società d'intermediazione per i rifiuti conferiti alla discarica da soggetti privati, esclusi i rifiuti presi in carico dal gestore pubblico AMA e dagli altri gestori del servizio pubblico di raccolta), i formulari d'accettazione della società Giovi con i codici CER e con la descrizione sintetica dei rifiuti. Anche il quarto motivo non è puntuale perché la non assimilabilità ai rifiuti urbani dei pneumatici, dei materiali inerti e degli abbigliamenti monouso, anche se compresi nella delibera interministeriale del 1984, conseguiva dal mancato inserimento nel regolamento comunale e quindi nella concessa autorizzazione n. 119/1998. I reati non possono essere esclusi sotto il profilo soggettivo per errore sull'ignoranza dell'illiceità della condotta perché nemmeno in virtù del criterio dell'ignoranza inevitabile teorizzato nella sentenza Corte Cost. n. 364/1988 è possibile scusare il gestore di attività che comportino la gestione di rifiuti senza informarsi delle leggi penali che disciplinano la materia, incombendo all'interessato l'onere di approfondire la conoscenza della normativa di settore, complessa ma di chiara precettività, di cui è presunta la conoscenza ex art. 5 cod. pen.. Il rigetto del ricorso comporta condanna al pagamento delle spese del procedimento. P. Q. M. La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del procedimento. Così deciso in Roma, nella pubblica udienza del Il consigliere estensore Alfredo Teresi Il presidente Enrico Papa *****

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione 3 penale. Sentenza 22 maggio 2015, n. 21463. Data udienza 10 febbraio 2015 REPUBBLICA ITALIANA

Corte di Cassazione, Sezione 3 penale. Sentenza 22 maggio 2015, n. 21463. Data udienza 10 febbraio 2015 REPUBBLICA ITALIANA Corte di Cassazione, Sezione 3 penale Sentenza 22 maggio 2015, n. 21463 Data udienza 10 febbraio 2015 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico?

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? Accertamento sintetico Art. 38, dpr 29/9/73, n. 600; artt. 2727 e 2729 cc; artt. 4 e 5, D.Lgs. 10/3/00, n. 74 Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? di Alessandro Traversi* L'accertamento

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE. Presidente. Consigliere. Consigliere rel.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE. Presidente. Consigliere. Consigliere rel. P Nvbsbhlow4"1 0 30910 / 14 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE 7 A SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. FIALE Aldo Dott. FRANCO

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

IL CONTRADDITTORIO SULLA RIQUALIFICAZIONE GIURIDICA DEL FATTO (IN PARTICOLARE: LO STATO DELLA GIURISPRUDENZA) 1.

IL CONTRADDITTORIO SULLA RIQUALIFICAZIONE GIURIDICA DEL FATTO (IN PARTICOLARE: LO STATO DELLA GIURISPRUDENZA) 1. IL CONTRADDITTORIO SULLA RIQUALIFICAZIONE GIURIDICA DEL FATTO (IN PARTICOLARE: LO STATO DELLA GIURISPRUDENZA) 1. 1 La Corte Costituzionale, nella sentenza di cui si dirà infra (la n. 103 del 10-17/3/2010),

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 Integrale Sanzioni disciplinari - trasferimento del lavoratore per giustificato motivo tecnico,

Dettagli

Pagina 1 di 13 N. 01842/2015REG.PROV.COLL. N. 08855/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Dossier n 135 - Schede di lettura 12 gennaio 2015 Informazioni sugli

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO? Riccardo MAZZON FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON P&D.IT In relazione al compiuto significato della locuzione fondi finitimi, ci si è chiesti se quest

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE SULLE DISPOSIZIONI MODIFICATE DAL D.L. 21 FEBBRAIO 2005, N. 17, CONV. DALLA L. 22 APRILE 2005, N.

GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE SULLE DISPOSIZIONI MODIFICATE DAL D.L. 21 FEBBRAIO 2005, N. 17, CONV. DALLA L. 22 APRILE 2005, N. GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE SULLE DISPOSIZIONI MODIFICATE DAL D.L. 21 FEBBRAIO 2005, N. 17, CONV. DALLA L. 22 APRILE 2005, N. 60 Sez. 1, Sentenza n. 16717 del 13/3/2007 Ud. (dep. 2/5/2007),

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti Corte di Cassazione Sez. lavoro Sentenza 28 ottobre 2009 n. 22823 (Pres.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

ha pronunciato la presente Consiglio di Stato n. 4783 del 10.09.2012 in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)

ha pronunciato la presente Consiglio di Stato n. 4783 del 10.09.2012 in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) Il Consiglio di Stato, Sezione V, con la Sentenza del 10 Settembre 2012 n. 4783, ha accolto il ricorso presentato da una società in riforma alla Sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale della Basilicata,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Al riguardo, infatti, non si ravvisa alcun deficit motivazionale a carico della valutazione della Commissione di gara, che ha precisato l impossibilità di tenere conto delle indicazioni fornite

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Appunti Procedimento avanti il Giudice di Pace penale (definizioni alternative, impugnazioni, esecuzione)

Appunti Procedimento avanti il Giudice di Pace penale (definizioni alternative, impugnazioni, esecuzione) Appunti Procedimento avanti il Giudice di Pace penale (definizioni alternative, impugnazioni, esecuzione) Una celere lettura, inevitabilmente un po didattica, della seconda parte delle norme (decreto legislativo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

1. PREMESSA 12 LE IMPUGNAZIONI. di Giorgio Spangher SOMMARIO:

1. PREMESSA 12 LE IMPUGNAZIONI. di Giorgio Spangher SOMMARIO: 12 LE IMPUGNAZIONI di Giorgio Spangher SOMMARIO: 1. Premessa 2. Il sequestro preventivo 2.1. Il riesame 2.2. L appello 2.3. Il ricorso per cassazione 2.4. Revoca e perdita di efficacia del sequestro preventivo

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera: Problematiche relative alla nuova formulazione dell art. 2 Legge Guarentigie. Interpretazione del nuovo testo dell'art. 2 L.G., così come modificato dal D.L.vo n. 109/2006 (Risoluzione del 6 dicembre 2006)

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli