Dichiarazione Ambientale COSMARI (Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazione Ambientale COSMARI (Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti)"

Transcript

1 pag. 1 di 92 Redatta secondo i requisiti Reg. CE n. 1221/2009 (EMAS) Dichiarazione Ambientale COSMARI (Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti) Impianto: Località Piane di Chienti, Tolentino (MC) Discarica: Località Collina, Tolentino (MC) Triennio REG. N. IT Dati Aggiornati al 31/12/2013

2 pag. 2 di 92 SOMMARIO SOMMARIO... 2 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO... 6 IMPIANTO DI INCENERIMENTO E COMPOSTAGGIO... 7 Dati relativi all Impianto... 7 Scopo e Campo di Applicazione Descrizione Processo Produttivo... 8 Autorizzazioni l Impianto Descrizione Territorio La Politica Ambientale Gli Aspetti Ambientali Acque di Processo Impianto Biologico Impianto fisico - chimico Pozzi ed Acque di Falda Rischio Incendio Emissioni in Atmosfera Impianti di abbattimento dei fumi Impianto di abbattimento (punto E1) Abbattimento degli odori (punto E2, E4, E6, E7, E8 ed E9) Impianto di essiccazione CSS (ex CDR) (punto E3) Impianto di raffreddamento CSS (ex CDR) (punto di emissione E5) Emissioni all esterno l Inceneritore Il Rumore Contaminazione suolo PCB/PCT Sostanze lesive l ozono e gas serra Amianto Produzione di rifiuti Rifiuti in ingresso all impianto Raccolta dei Rifiuti Energia elettrica... 46

3 pag. 3 di 92 Consumi di Acqua Potabile Consumi di Carburanti Manutenzioni Prodotti Chimici Impianti ed attività di servizio Distributore e serbatoio gasolio Apparecchiature elettriche Impianti a Rischio di Incidente Rilevante Incidenti Biodiversità Emergenze Ambientali La Sicurezza GLI ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI DISCARICA Introduzione Inquadramento geografico Geologia e Geomorfologia Gestione Post Operativa Le Sorveglianze ed i monitoraggi ambientali la discarica Scarichi Idrici Rumore Emissioni in atmosfera Odori Inquinamento Suolo Acque Superficiali Rifiuti in ingresso alla discarica Rifiuti Prodotti dalla Discarica Monitoraggi topografici e geomorfologici Acqua Prodotti chimici Macchine ed Attrezzature impiegate Aspetti Ambientali Significativi... 74

4 pag. 4 di 92 LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA STRUTTURA DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PROGRAMMI AMBIENTALI COINVOLGIMENTO DEL PERSONALE E RECLAMI AMBIENTALI GLOSSARIO PRINCIPALI LEGGI AMBIENTALI APPLICABILI ALLA DATA DELLA CONVALIDA AGGIORNAMENTO DELLA DICHIARAZIONE AMBIENTALE... 92

5 Il COSMARI da sempre è attivo nei confronti la salvaguardia l ambiente e pertanto e la scelta di intraprendere il percorso la Registrazione EMAS non fa altro che coronare un atteggiamento che da sempre ha caratterizzato il modo di operare COSMARI. La presente Dichiarazione Ambientale è stata redatta in conformità al Regolamento CE 1221/2009 che mira a promuovere una corretta gestione ambientale e, nel contempo, a fornire informazioni sulle prestazioni ambientali le organizzazioni registrate. Tale documento descrive il sistema di gestione che il Cosmari utilizza per minimizzare e controllare gli impatti ambientali la propria attività sull ambiente e riassume l impegno consorzio al miglioramento continuo le proprie prestazioni ambientali. La presente Dichiarazione Ambientale è stata concepita con lo scopo di fornire al pubblico e a tutti gli altri soggetti interessati informazioni sugli impatti e sulle prestazioni ambientali Cosmari al fine di migliorare la trasparenza tra il consorzio ed i soggetti esterni. Per i termini tecnici o specifici Sistema di Gestione Ambientale è stato predisposto un apposito glossario per facilitarne la comprensione. Tolentino, lì 31/03/2010

6 Presentazione Consorzio Il COSMARI è il consorzio obbligatorio smaltimento rifiuti la Provincia di Macerata presso il quale i rifiuti vengono raccolti ed in parte inceneriti, ha sede legale ed operativa in località Piane di Chienti nel Comune di Tolentino. Il Consorzio è stato fondato con decreto prefettizio prot. n. 3752/1 20/10/1976 da alcuni Comuni maceratese con la finalità di organizzare "il servizio di trasporto e smaltimento dei rifiuti provenienti dai servizi la nettezza urbana dei Comuni aderenti" e dal 01/02/1995 ha attivato l impianto di selezione e trattamento dei rifiuti. L'impianto di incenerimento consorzio ha una potenzialità di 250 tonnellate/giorno, secondo progetto, ed una produttività effettiva di 220 tonnellate/giorno. Attualmente tutti i 57 Comuni la Provincia aderiscono al Consorzio ed il COSMARI dal 1997 gestisce direttamente gli impianti di selezione, trattamento e recupero dei rifiuti solidi urbani ed assimilati, con circa 90 propri dipendenti tra autisti, manutentori, gruisti, addetti ai controlli l'impianto, impiegati amministrativi e con circa 50 automezzi per la raccolta ed il trasporto degli RSU prodotti dai comuni aderenti al Consorzio. Il COSMARI assolve alle proprie finalità statutarie non soltanto tramite gli impianti, ma curando, organizzando e promovendo tutti gli altri servizi complementari allo smaltimento e non di secondaria importanza, quali: -il servizio di igiene urbana nei vari Comuni, -la raccolta differenziata. Il servizio di Igiene Urbana, consiste nella spazzatura le strade ed è affidato alla società controllata Cosmari: la Sintegra S.p.A. Nella tabella successiva si riportano i dati relativi ai quantitativi di rifiuto incenerito presso il COSMARI. Anno 2010 Anno 2011 Anno t t 2.795,5 t t Il basso quantitativo di rifiuto incenerito nell anno 2013 è dovuto al breve utilizzo l inceneritore nell anno 2013 che dopo la seconda metà 2013 è stato definitivamente chiuso.

7 Impianto di Incenerimento e Compostaggio Dati relativi all Impianto Sede Legale: Località Piane di Chienti, Tolentino (MC) Sede Operativa: Località Piane di Chienti, Tolentino (MC) Codice Nace (Ateco 2007): 38 (già 90) Volume d Affari: Anno 2010 Anno 2011 Anno I dati di cui sopra risultano dai bilanci consuntivi regolarmente approvati. Per l anno 2013 i dati saranno forniti al prossimo aggiornamento la Dichiarazione Ambientale in quanto il periodo di approvazione bilancio può variare da Giugno a Novembre Il volume d affari è stato suddiviso in maniera più dettagliata così come riportato all interno la tabella successiva: Ricavi Importo Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Smaltimento RSU presso impianto e discariche Raccolta differenziata raccolta frazione organica e verde Servizio Nettezza Urbana Servizio Raccolta RSU porta a porta Vendita materiali di recupero raccolta differenziata Vendita materiali recupero impianto Corrispettivo CONAI raccolta differenziata Corrispettivo CNA materiali di recupero / / Totale La lieve differenza di importi tra il volume d affari ed il totale dei ricavi è dovuta ad uno sbilanciamento a cavallo degli anni tra le fatture emesse ed i pagamenti ricevuti. Presidente: ing. Daniele Sparvoli (ad interim) Direttore Impianto: ing. Giuseppe Giampaoli Rappresentante la Direzione per l Ambiente: ing. Giuseppe Giampaoli Responsabile Sistema di Gestione Ambientale: Mauro Caporalini Tel: 0733/ Fax: 0733/ Sito internet:

8 Referente verso parti terze: ing. Giuseppe Giampaoli Indirizzo: Località Piane di Chienti Tolentino (MC). Scopo e Campo di Applicazione. Il Sistema di Gestione Ambientale implementato si applica all impianto di selezione, compostaggio, produzione di CDR e stoccaggio di multimateriale situato il Località Piane di Chienti, Tolentino (MC), alle attività di raccolta differenziata effettuata presso i Comuni Consorziati alla post gestione la discarica situata in località Collina a Tolentino (MC). Descrizione Processo Produttivo Le attività produttive effettuate dal COSMARI sono riassunte nei successivi grafici che riportano i macro processi consorzio.

9 Accettazione Rifiuto Rifiuti umidi o Rifiuti Verdi Stoccaggio dei Rifiuti Lavorazione Rifiuto Rifiuti Solidi Urbani Stoccaggio Rifiuto nella fossa Rifiuti Raccolta Differenziata* Compost Selezione Rifiuto Rifiuto Umido Rifiuto Secco Stabilizzazione l'umido Lavorazione Secco Trasporto in Discarica Incenerim ento** CDR Trasporto Discarica Produzione di Energia** Elettrica Schema processi impianto * I processi relativi alla raccolta differenziata continuano nel grafico 2 * L attività di incenerimento e produzione di energia elettrica non vengono più effettuate dalla seconda metà 2013 in seguito alla chiusura termovalorizzatore. a) Accettazione rifiuto: Il rifiuto raccolto viene accettato e successivamente pesato.

10 b) Rifiuti solidi urbani: Nel caso di rifiuti solidi urbani le operazioni che verranno compiute saranno le seguenti: Stoccaggio Rifiuto nella Fossa: Il Rifiuto Solido Urbano viene stoccato all interno di una fossa. Separazione: In questa fase il rifiuto viene separato: in rifiuto secco che verrà poi incenerito (dalla seconda metà 2013 il rifiuto non viene più incenerito in quanto il termovalorizzatore è stato definitivamente chiuso); rifiuto umido che verrà poi stabilizzato in apposite vasche di stabilizzazione, ferro che viene separato dal rifiuto secco e dal rifiuto umido mediante elettrocalamita e poi recuperato. c) Rifiuto secco: Il rifiuto secco così ottenuto è pronto ad essere avviato alle operazioni di incenerimento (dalla seconda metà 2013 il rifiuto non viene più incenerito in quanto il termovalorizzatore è stato definitivamente chiuso), produzione di CDR o trasportato in discarica. Incenerimento e Produzione di Energia Elettrica: Dalla seconda metà 2013 il termovalorizzatore è stato spento ed il rifiuto viene smaltito in discarica. Quando l inceneritore era attivo il rifiuto destinato all incenerimento veniva trasportato nella fossa in un area apposita e diversa da quella in cui avviene il primo scarico dei mezzi. Il calore prodotto nel processo di incenerimento veniva utilizzato per il riscaldamento l acqua la caldaia che generando vapore attivava la turbina per la produzione di energia elettrica. Il vapore acqueo utilizzato per l attivazione le turbine veniva successivamente condensato mediante condensatori e riutilizzato all interno di un circuito chiuso per il riscaldamento/raffrescamento degli uffici. Trasporto in discarica: Il rifiuto secco che l impianto non aveva la capacità di incenerire né di smaltire, viene inviato in discarica. d) Rifiuto Umido: Il rifiuto umido ottenuto dalle operazioni di separazione umido-secco, è pronto ad essere avviato alle seguenti operazioni: Stabilizzazione: Attraverso un processo chimico-biologico il rifiuto organico umido viene trasformato in un rifiuto inerte pronto per essere trasportato in discarica. Trasporto in discarica: Il rifiuto una volta stabilizzato viene trasportato in discarica. e) Rifiuti Umidi e Rifiuti Verdi: i rifiuti umidi ed i rifiuti verdi derivanti dalla raccolta differenziata, vengono sottoposti alle seguenti operazioni: Stabilizzazione l Umido: Il rifiuto verde viene triturato e rivoltato fino alla maturazione lo stesso.

11 Predisposizione Convenzione con il Comune Predisposizione dei cassonetti e le campane o progettazione servizio di ritiro porta a porta. Esecuzione l'attività di igiene urbana Esecuzione la raccolta differenziata. Manutenzione le campane e/o dei cassonetti o altri sistemi di raccolta Stoccaggio preliminare rifiuto presso il COSMARI Selezione e Compattazione rifiuto. Schema Processi Raccolta Rifiuti Consegna rifiuto al recuperatore finale. Predisposizione accordo con il Comune: Il Cosmari effettua il servizio di raccolta differenziata ed igiene urbana presso tutti i comuni che aderiscono al Cosmari attraverso al società controllata Sintegra S.p.A.. Il Cosmari inoltre provvede a predisporre le convenzioni specifiche con i singoli Comuni, in cui vengono riportate nel dettaglio le specifiche di erogazione servizio e le responsabilità le parti. Predisposizione dei cassonetti e le campane o progettazione servizio di ritiro porta a porta: Il Cosmari esegue il servizio di raccolta differenziata mediante:

12 1. Utilizzo di cassonetti: La raccolta differenziata viene effettuata esclusivamente mediante l utilizzo di campane dislocate sul territorio; 2. Utilizzo di cassonetti e raccolta porta a porta: La raccolta differenziata viene effettuata mediante l utilizzo di campane e mediante la raccolta porta a porta. La raccolta porta a porta viene effettuata per multimateriale (carta, lattine e plastica), RSU e umido. Esecuzione la Raccolta Differenziata: La raccolta differenziata viene effettuata direttamente dal COSMARI con i propri mezzi. Tutti i rifiuti vengono trasportati dal COSMARI direttamente presso il recuperatore finale, ad eccezione vetro ed in alcuni casi dei pneumatici che vengono messi in riserva. Messa in riserva rifiuto: Il vetro ed in alcuni casi i pneumatici, vengono stoccati preliminarmente presso l impianto COSMARI. Tal quale viene poi acquisito dal recuperatore finale. Selezione e Compattazione rifiuto: La plastica ed il multimateriale e la carta, vengono avviati all impianto di selezione dove avviene quanto segue: 1. Plastica e multimateriale: Viene effettuata l attività di selezione rifiuto e vengono in sequenza separati manualmente e meccanicamente (mediante elettrocalamite) i materiali alluminio e ferro. 2. Carta: Viene effettuato manualmente il controllo materiale e viene eliminato il materiale di scarto. Al termine le attività di selezione i rifiuti vengono compattati. Consegna rifiuto al recuperatore finale: Il rifiuto differenziato tal quale o compattato, viene consegnato al recuperatore finale.

13 Nella tabella seguente viene riportato l elenco dei rifiuti per i quali il COSMARI effettua attività di raccolta differenziata: Codice CER Materiale Note Batterie Si tratta le batterie auto Carta Tale raccolta viene fatta mediante: - Campane dislocate sulla strada; - Campane dislocate presso uffici pubblici e scuole; - Raccolta porta a porta Cartoni / Rifiuti cimiteriali Si tratta lo zinco raccolto presso i cimiteri Rifiuti Cimiteriali Si tratta dei rifiuti in legno provenienti dai cimiteri Ferro / Indumenti usati recuperati / Inerti / Ingombranti/RAEE Si tratta di frigoriferi, congelatori, hardware Legnosi / Olii vegetali / Rifiuti Organici Si tratta l organico derivante da grandi utenze (mense, alberghi, ristoranti) e dalla raccolta domiciliare Plastica / Pneumatici / Scarti Informatici Si tratta di toner e cartucce Residui di potatura Si tratta di residui di potatura ed in generale la manutenzione verde Vetro / Lattine / Medicine / Pile / Rifiuti Raccolti Autorizzazioni l Impianto. Il COSMARI è autorizzato alla gestione dei rifiuti ai sensi l Autorizzazione Ambientale Integrata n 76/VAR 08 02/07/2010 ed aggiornata con l Autorizzazione Ambientale Integrata n /05/2012 (ultimo aggiornamento).

14 Descrizione Territorio Nulla è cambiato rispetto alla precedente dichiarazione ambientale. Nord Scala 1:65.000

15 pag. 15 di 92 Planimetria generale l impianto Scala 1:1.000

16 pag. 16 di 92 La Politica Ambientale

17 pag. 17 di 92 Gli Aspetti Ambientali Acque di Processo Il Cosmari scarica direttamente le acque reflue derivanti dal trattamento degli inquinanti provenienti dal depuratore sul fiume Chienti. Tale scarico è autorizzato ai sensi l Autorizzazione Ambientale Integrata n 76/VAR 08 02/07/2010 ed aggiornata con l Autorizzazione Ambientale Integrata n /05/2012. La depurazione le acque avviene mediante l utilizzo di due impianti distinti: l impianto di tipo biologico; l impianto di tipo chimico-fisico. L'impianto di tipo biologico viene utilizzato per il trattamento le acque reflue dei servizi sanitari, le acque reflue compostaggio e dei piazzali scoperti. L'impianto di tipo chimico-fisico, invece, viene utilizzato per la depurazione le acque di lavaggio dei fumi e per la raccolta le acque di raffreddamento le ceneri. Al momento, in seguito alla chiusura definitiva forno avvenuta nella seconda metà 2013, non vengono effettuati scarichi idrici e tutte le acque vengono gestite come rifiuto. Impianto Biologico Il processo di depurazione le acque avviene attraverso le seguenti fasi: Filtrazione Omogeneizzazione Distillazione Denitrificazione Ossidazione Sedimentazione Disidratazione dei Fanghi Impianto fisico - chimico Il processo di depurazione le acque avviene attraverso le seguenti fasi: Omogeneizzazione e neutralizzazione: Chiariflucculazione Filtraggio:. Disidratazione dei Fanghi: Le acque di prima pioggia vengono raccolte mediante appositi tombini esterni presenti nei piazzali e inviate nella vasca di prima pioggia e trattate nell impianto di depurazione. Riempita la vasca di prima pioggia le acque piovane, mediante by-pass, vengono scaricate direttamente sul fiume Chienti.

18 pag. 18 di 92 Le acque derivanti dal lavaggio dei cassonetti vengono trattate presso l impianto di depurazione COSMARI è autorizzato ai sensi l Autorizzazione Ambientale Integrata n 76/VAR 08 02/07/2010 ed aggiornata con l Autorizzazione Ambientale Integrata n /05/2012. Al momento l impianto di depurazione è chiuso in quanto per il funzionamento lo stesso viene utilizzato il calore l impianto di incenerimento. Essendo al momento l inceneritore chiuso anche l impianto di depurazione è chiuso ed i liquami vengono smaltiti come rifiuto. Nella tabella seguente si riportano le analisi relative agli scarichi idrici effettuati dal COSMARI sul fiume Chienti nel periodo Le analisi sono state eseguite da Analisi Control S.r.l. e da Gruppo C.S.A. Istituto di Ricerca (dal 2008 al 2010), dal 2011 le analisi sono state effettuate dal laboratorio SEA S.r.l. di Tolentino. Nella tabella successiva si riportano i risultati le analisi: Parametri UM Valore Rilevato 18/11/10 25/07/11 17/01/2012 Limiti D. Lgs. 152/06 Azoto ammoniacale (come NH4) mg/l 5,87 1,6 < 0,4 15 Azoto nitrico (come N) mg/l 18,3 5,8 15,2 20 Azoto nitroso (come N) mg/l 0,43 0,4 < 0,1 0,6 BOD5 (come O2) mg/l 8,1 6 7,1 40 Cadmio mg/l Cd < 0,001 < 0,001 0,002 0,02 COD (come O2) mg/l Cromo totale mg/l Cr 0,11 < 0,01 0,01 2 Escherichia coli ufc/100 ml / Fosforo totale (come P) mg/l 0,7 0,2 < 0,2 10 Idrocarburi totali mg/l < 1 < 0,05 / 5 IPA totali µg/l < 0,01 / / -- Mercurio mg/l hg < 0,001 < 0,0005 < 0,0005 0,005 Nichel mg/l Ni < 0,001 < 0,001 < 0,01 2 PCB mg/l / < 0,01 / --- ph unità di ph 7,86 7,2 / 5,5-9,5 Piombo mg/l Pb < 0,01 < 0,002 < 0,002 0,2

19 pag. 19 di 92 Rame mg/l Cu < 0,01 < 0,01 < 0,01 0,1 Solidi sospesi totali (a 105 C) mg/l / / < Tallio µg/l < 0,001 / < 0, Parametri UM Valore Rilevato Limiti D. Lgs. 152/06 04/11/09 18/11/10 25/07/11 17/01/2012 Temperatura C ,2 4,9 10 Alluminio Arsenico Boro Ferro Manganese Selenio Stagno Zinco Cianuri Cloro Attivo libero Solfati Solfiti mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l / / < 0,1 / 1 / / 0,010 < 0,005 0,5 / / 0,24 / 2 / / 0,19 / 2 / / 0,03 0,03 2 / / 0,008 / 0,03 / / < 0,5 / 10 / / 0,04 0,07 0,5 / / < 0,01 / 0,5 / / 0,01 / 0,2 / / / / < 0,1 < 0,1 1 Solfuri mg/l / / < 0,1 < 0,1 1 Cloruri mg/l / / Fluoruri mg/l / / 3,29 / 6

20 pag. 20 di 92 Parametri UM Valore Rilevato 18/11/10 25/07/11 17/01/2012 Limiti D. Lgs. 152/06 Grassi e oli animali e vegetali mg/l / < 10 / 20 Fenoli mg/l / < 0,1 < 0,1 0,5 Aldeidi mg/l / < 0,1 / 1 Solventi Organici Aromatici mg/l / / / / Benzene mg/l / < 0,01 / / Etilbenzene mg/l / < 0,01 / / Stirene mg/l / < 0,01 / / Xilene mg/l / < 0,01 / / Iso-propilbenzene mg/l / < 0,01 / / n-propilbenzene mg/l / < 0,01 / / Sommatoria Solventi Organici Aromatici mg/l / < 0,01 / 0,2 Solventi Organici Azotati mg/l / < 0,01 / 0,1 Solventi Clorurati mg/l / < 0,01 / 1 Tensioattivi anionici mg/l / < 0,01 / 0,39 Tensioattivi Cationici mg/l / < 0,01 / 0,11 Tensioattivi Non Ionici mg/l / < 0,01 / 0,2 Tensioattivi totali mg/l / 0,73 / 2

21 pag. 21 di 92 Parametri UM Valore Rilevato 18/11/10 25/07/11 17/01/2012 Limiti D. Lgs. 152/06 Benzo(a)antracene µg/l / < 0,01 < 0,01 / Dibenzo(a,e)antracene µg/l / < 0,01 < 0,01 / Benzo(a)pirene µg/l / < 0,01 / / Dibenzo(a,e)pirene µg/l / < 0,01 < 0,01 / Dibenzo(a,h)pirene µg/l / < 0,01 < 0,01 / Dibenzo(a,i)pirene µg/l / < 0,01 < 0,01 / Dibenzo(a,l)pirene µg/l / < 0,01 < 0,01 / Indenopirene µg/l / < 0,01 < 0,01 / Sommatoria policiclici aromatici µg/l / < 0,01 < 0,01 / 2,3,7,8 - tetracdd ρg/l / < 1 < 2 / 1,2,3,7,8. pentacdd ρg/l / < 2 < 4 / 1,2,3,4,7,8 esacid ρg/l / < 3 < 6 / 1,2,3,6,7,8 esacid ρg/l / < 3 11,1 / 1,2,3,7,8,9 esacdd ρg/l / < 3 7 / 1,2,3,4,6,7,8 - eptacdd ρg/l / 26,7 97,9 / Octacdd ρg/l / / 2,3,7,8 tetracdf ρg/l / < 2 < 4 / 1,2,3,7,8 pentacdf ρg/l / < 2 < 4 / 2,3,4,7,8 pentacdf ρg/l / < 2 6,27 / 1,2,3,4,7,8 esacdf ρg/l / < 3 11,6 / 2,3,4,6,7,8 esacdf ρg/l / < 3 20,4 /

22 pag. 22 di 92 1,2,3,7,8,9 - esacdf ρg/l / < 3 13,2 / 1,2,3,4,6,7,8 - eptacdf ρg/l / 16 99,7 / 1,2,3,4,7,8,9 - eptacdf ρg/l / < 15 < 30 / Octacdf ρg/l / < 50 < 100 / Analisi le acque scaricate sul fiume Chienti. Le analisi non sono state effettuate nell anno 2013 in quanto l impianto di depurazione ha funzionato in modo intermittente e sporadico solamente nel periodo maggio luglio Da luglio l impianto di depurazione è stato bloccato in seguito all arresto l impianto di incenerimento. Le acque reflue prodotte sono state smaltite come rifiuto. Pozzi ed Acque di Falda All interno COSMARI sono presenti n 2 pozzi (cfr Planimetria Generale l Impianto) utilizzati per il rifornimento la vasca di accumulo l antincendio, per l irrorazione dei biofiltri e per il raffreddamento le ceneri nell impianto di abbattimento dei fumi. I pozzi sono stati realizzati: Uno dalla realizzato nel 1996 e denunciato al Comune di Tolentino ed alla Provincia di Macerata il 31/01/1997; L altro realizzato nel 2004 base la Determinazione n 35 20/01/2004 la Provincia di Macerata. Il Cosmari è autorizzato all emungimento le acque sulla base di autorizzazioni di valenza annuale rilasciate dalla Provincia di Macerata. Al momento l autorizzazione in vigore è quella 19/11/2012. I valori relativi all emungimento di acqua dal pozzo sono riportati nello schema seguente: Quantitativo Emunta (mc) Anno 2010 Anno 2011 Anno Mc Acqua Emunta/Ore 6,23 7,06 33,96 29,44 Lavorazione Forno Emungimento di acqua dal pozzo Al momento il Cosmari è in attesa la risposta la Provincia di Macerata ed è in regola con il pagamento dei canoni periodici.

23 pag. 23 di 92 Al fine di valutare la possibilità di eventuali inquinamenti la falda il Cosmari ha provveduto ad effettuare le apposite indagini su appositi pozzetti di prelievo che attingono acqua direttamente in falda. Le analisi le acque di falda sono state effettuate il 16/01/2013 ad opera la società Sea di Tolentino. Nella tabella successiva si riportano i risultati ottenuti: Determinazione U.M. Risultato S1 (flusso entrante) Risultato S4 (flusso uscente) Limiti di Legge D. Lgs 152/06 (Tab. 2 All. 5 Tit V Parte IV) Conducibilità Elettrica µg/l a 20 C / ph mg/l 7,2 7,6 / temperatura mg/l 16,2 14,2 / Ossidabilità Kubel mg/l 7,8 6,2 / BOD 5 mg/l 16,9 <1 / TOC mg/l 99,2 34,9 / Solfati mg/l Cloruri mg/l / Fluoruri mg/l 1,1 0, Azoto Nitrico mg/l 14,1 18,2 / Azoto Nitroso mg/l 0,1 < 0,1 0,5 Azoto Ammoniacale mg/l 0,2 < 0,1 / Calcio mg/l / Sodio mg/l 34,2 82,8 / Potassio mg/l 9 11 / Magnesio mg/l 12,7 20 / Ferro µg/l < 20 < Arsenico µg/l < 1 1,5 10 Manganese µg/l 10,9 < 5 50 Cadmio µg/l < 0,5 < 0,5 5 Rame µg/l 5,9 11, Cromo Totale µg/l 17,7 12,4 50 Cromo IV µg/l < 0,5 < 0,5 5 Merccurio µg/l < 0,1 < 0,1 1 Nichel µg/l 16,3 18,1 20 Piombo µg/l < 1,0 < 1,0 10 Zinco µg/l 3,8 < Cianuri µg/l < 5 < 5 50 Benzo(a)antracene µg/l < 0,01 < 0,01 0,1 Dibenzo(a,e)pirene µg/l < 0,01 < 0,01 0,1

24 pag. 24 di 92 Benzo(a)pirene µg/l < 0,005 < 0,005 0,01 Benzo(b)fluorantene µg/l < 0,01 < 0,01 0,1 Benzo(k)fluorantene µg/l <0,005 <0,005 0,05 Benzo(g,h,i)perilene µg/l < 0,005 < 0,005 0,01 Crisene µg/l < 0,01 < 0,01 5 Dibenzo(a,h)antracene µg/l < 0,01 < 0,01 0,01 indenopirene µg/l < 0,01 < 0,01 0,1 Pirene µg/l < 0,01 < 0,01 50 Sommatoria Policiclici aromatici µg/l < 0,03 < 0,03 0,1 Triclorometano (Cloroformio) µg/l < 0,001 < 0,001 0,15 Dibromoclorometano (Bromoformio) µg/l < 0,01 < 0,01 0,3 Dibromoclorometano µg/l < 0,01 < 0,01 0,13 Bromodiclorometano µg/l < 0,01 < 0,01 0,17 1,2 Dicloroetano µg/l < 0,01 < 0,01 3 1,1 - Dicloroetilene µg/l < 0,01 < 0,01 0,05 Tricloroetilene µg/l < 0,01 0,14 1,5 Tetracloroetilene µg/l < 0,01 <0,22 1,1 Cloruro di vinile µg/l < 0,005 < 0,005 0,5 Sommatoria organoalogenati µg/l < 0,01 0, ,1 Dicloroetano µg/l < 0,01 < 0, ,2 Dicloroetilene µg/l < 0,01 0, ,1,1 Tricloroetano µg/l < 0,01 < 0,01 / 1,2 Dicloropropano µg/l < 0,01 < 0,01 0,15 1,1,2 Tricloroetano µg/l < 0,01 < 0,01 0,2 1,2 Tricloropropano µg/l < 0,005 < 0,005 0,001 Benzene µg/l < 0,01 < 0,01 1 Etilbenzene µg/l < 0,01 < 0,01 50 Stirene µg/l < 0,01 < 0,01 25 Toluene µg/l < 0,01 < 0,01 15 Xilene µg/l < 0,01 < 0,01 10 Sommatoria Solventi Organici Aromatici µg/l < 0,01 < 0,01 / Solventi Organici Azotati µg/l < 0,01 < 0,01 / Fenoli µg/l <5 < 5 / Pesticidi Totali fosforati µg/l <0,01 <0,01 / Alaclor µg/l <0,01 <0,01 0,1 Aldrin µg/l < 0,003 < 0,003 0,003

25 pag. 25 di 92 Atrazina µg/l <0,01 <0,01 0,3 a-esacloroesano µg/l <0,01 <0,01 0,1 b-esacloroesano µg/l <0,01 <0,01 0,1 y-esacloroesano(lindano) µg/l <0,01 <0,01 0,1 Clordano µg/l <0,01 <0,01 0,1 Dieldrin µg/l < 0,003 <0,01 0,003 Endrin µg/l <0,01 <0,01 0,1 Sommatoria DDD, DDT, DDE. µg/l <0,01 <0,01 0,1 Analisi Acque di falda. Dalle indagini effettuate si ritiene che sia alquanto improbabile una contaminazione la falda, infatti i valori degli inquinanti prelevati nel punto S1 (in entrata all impianto) risultano pressoché similari a quelli relativi al punto S4 (in uscita dall impianto) e comunque sempre inferiori ai valori limite stabiliti dal D. Lgs. 152/06.

26 pag. 26 di 92 Rischio Incendio Il COSMARI ha individuato le attività a rischio incendio così come stabilite dal DPR 151/2011 per le seguenti attività: 48.2/C - Centrali termoelettriche, macchine elettriche fisse con presenza di liquidi isolanti combustibili in quantitativi superiori a 1mc 12.3/C - Depositi e/o rivendite di liquidi infiammabili e/o combustibili e/o oli lubrificanti, diatermici, di qualsiasi derivazione, di capacità geometrica complessiva superiore a 50 mc; 13.1/C - Impianti fissi di distribuzione carburanti per l autotrazione, la nautica e l aeronautica; contenitori distributori rimovibili di carburanti liquidi; 34.2/C - Depositi di carta, cartoni e prodotti cartotecnici, archivi di materiale cartaceo, biblioteche, depositi per la cernita la carta usata, di stracci di cascami e di fibre tessili per l'industria la carta, con quantitativi in massa superiori a kg.; 49.3/C - Gruppi per la produzione di energia elettrica sussidiaria con motori endotermici ed impianti di cogenerazione di potenza complessiva superiore a 700 kw; 74.3/C - Impianti per la produzione di calore alimentati a combustibile solido, liquido o gassoso con potenzialità superiore a 700 kw. Il COSMARI per la prevenzione degli incendi ha adottato un apposito piano di emergenza. L alimentazione l impianto antincendio è assicurata da una vasca di raccolta di circa 100 m 3 e dal relativo gruppo di pompaggio. L acqua immagazzinata nei serbatoi è derivata dal pozzo di emungimento. Il COSMARI è fornito di CPI rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili Fuoco di Macerata (Prot , 08/10/13) valido fino al 06/08/2018. Emissioni in Atmosfera I punti di emissione in atmosfera lo stabilimento COSMARI, possono essere riassunti come segue: Camino termovalorizzatore: è il punto di emissione forno di incenerimento dei rifiuti. Viene monitorato in continuo per quanto riguarda i valori di Polveri, NO x, O 2, CO, SO 2, HCl, H 2 O, COT, Pressione, Temperatura, Portata. Tali dati vengono registrati tramite software e sono disponibili a chi ne facesse richiesta. Tale punto di emissione al momento non risulta attivo in seguito alla chiusura definitiva termovalorizzatore avvenuta nella seconda metà Biofiltri: abbattono gli odori che si producono negli ambienti in cui avviene la maturazione primaria e secondaria, la fossa di stoccaggio dei rifiuti, la raffinazione, selezione; Essiccatore: aspira l aria calda prodotta dal bruciatore di gasolio utilizzata per essiccare il CSS (ex CDR) in lavorazione; Raffreddatore di CSS (ex CDR): aspira l aria inviata da una ventola per raffreddare il CSS (ex CDR).

27 pag. 27 di 92 Nella Tabella seguente si riporta un quadro riassuntivo dei punti di emissione COSMARI e le relative autorizzazioni: Punto di Emissione Autorizzazioni E1 Termovalorizzatore (al momento dismesso) E2 Biofiltro da Compostaggio E4 Biofiltro da Compostaggio E3 Essiccatore RDF (al momento dismesso) E5 Raffreddatore RDF (al momento dismesso) Autorizzazione Ambientale Integrata n E6 Biofiltro Zona Ricevimento Compost E7 Biofiltro Impianto a Biocelle E8 Biofiltro Fossa RSU E9 Bifiltro Capannone Maturazione Statica Compost Quadro riepilogativo le emissioni in atmosfera. Impianti di abbattimento dei fumi Impianto di abbattimento (punto E1) Attraverso un apposito impianto di abbattimento, vengono eliminati gli inquinanti derivanti dalla combustione rifiuto RSU. Tale abbattimento dei fumi avviene secondo le seguenti fasi: Elettrofiltrazione Raffreddamento Primo lavaggio Filtrazione Secondo Lavaggio Riscaldamento

28 pag. 28 di 92 Impianto di abbattimento dei fumi l inceneritore Le valutazioni le emissioni gassose in atmosfera sono state effettuate dalla Eco Chimica Romana (Accreditamento Accredia n 0286), al fine di accertare l entità e la natura le emissioni secondo quanto stabilito dal D. Lgs. 133/2005. I campionamenti sono stati effettuati mentre l impianto marciava in condizioni normali di esercizio. Il valore riportato nella tabella successiva è quello relativo al campionamento più negativo tra i tre effettuati per ogni tipologia di inquinante. Nelle tabelle seguenti, si riportano i risultati le analisi effettuate sul camino forno di incenerimento dei rifiuti dalla EcoChimica Romana (Accreditamento Accredia n 0286). Inquinanti Caratteristiche punto di emissione E1 (Camino forno) U.M. Settembre 2010 Dicembre 2011 Dicembre 2012 Giugno 2013 Limiti di Legge (Media Oraria) D. Lgs. 133/05 Polveri mg/nm 3 2,67 1,73 / 3,96 30 Monossido di Carbonio mg/nm 3 < 5,15 1,14 / < 2, Ossidi di Azoto mg/nm 3 165,49 215,41 / 183, Biossido di Zolfo mg/nm 3 6,19 6,52 / 2,5 200 Carbonio Organico Totale (come COT) mg/nm 3 2,09 0,52 / Acido cloridrico mg/nm 3 0,80 0,51 / 0,63 40 Acido fluoridrico mg/nm 3 0,06 0,04 / < 0,03 4 Mercurio µg /Nm 3 1,15 0,69 / 4, Cd + TI µg /Nm 3 < 1,73 1,52 / 2, Sb+As+Pb+Cr+Co+Cu+ Mn+Ni+V µg/nm 3 22,61 32,72 / Somma IPA ng/ Nm 3 195,38 224,78 / 136, Somma PCDD e PCDF pg/ Nm 3 58,00 85,78 / 55, ,77 29,

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Introduzione. Le attività dell ARPACal

Introduzione. Le attività dell ARPACal Sommario Premessa... 3 Introduzione... 4 Le attività dell ARPACal... 4 L attività di bonifica in Calabria... 5 I siti ad alto in provincia di Cosenza... 7 Risultati dell attività... 19 Conclusioni... 20

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA ALIMENTATI A BIOMASSA SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO 1 PREMESSA Le iniziative

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SIN LAGUNA DI MARANO E GRADO 175 SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO La presenza di sostanze potenzialmente pericolose

Dettagli

GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia. Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera

GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia. Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera Ulteriora mirari, praesentia sequi. (Guardare al futuro, stare

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Linee guida per la sorveglianza degli inceneritori

Linee guida per la sorveglianza degli inceneritori 10>14 Linee guida per la sorveglianza degli inceneritori inceneritori monitoraggio moniter Quaderni di Moniter Collana di documentazione a cura di Regione Emilia-Romagna Servizio Comunicazione, Educazione

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011

IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011 IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011 Servizio Osservatorio Acque Interne agosto 2012 ARPAV Direttore Generale: Carlo Emanuele Pepe Direttore Area Tecnico-Scientifica:

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151. Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi,

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque.

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque. Settori di intervento ed esigenze La disponibilità e la qualità delle acque sono riconosciute strategicamente come fattori primari e fondamentali per una politica di sviluppo sostenibile per il progresso

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica OGGETTO: STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE DEL BIANCO AMBIENTALE CONNESSO ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli