Dichiarazione Ambientale COSMARI (Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazione Ambientale COSMARI (Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti)"

Transcript

1 pag. 1 di 92 Redatta secondo i requisiti Reg. CE n. 1221/2009 (EMAS) Dichiarazione Ambientale COSMARI (Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti) Impianto: Località Piane di Chienti, Tolentino (MC) Discarica: Località Collina, Tolentino (MC) Triennio REG. N. IT Dati Aggiornati al 31/12/2013

2 pag. 2 di 92 SOMMARIO SOMMARIO... 2 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO... 6 IMPIANTO DI INCENERIMENTO E COMPOSTAGGIO... 7 Dati relativi all Impianto... 7 Scopo e Campo di Applicazione Descrizione Processo Produttivo... 8 Autorizzazioni l Impianto Descrizione Territorio La Politica Ambientale Gli Aspetti Ambientali Acque di Processo Impianto Biologico Impianto fisico - chimico Pozzi ed Acque di Falda Rischio Incendio Emissioni in Atmosfera Impianti di abbattimento dei fumi Impianto di abbattimento (punto E1) Abbattimento degli odori (punto E2, E4, E6, E7, E8 ed E9) Impianto di essiccazione CSS (ex CDR) (punto E3) Impianto di raffreddamento CSS (ex CDR) (punto di emissione E5) Emissioni all esterno l Inceneritore Il Rumore Contaminazione suolo PCB/PCT Sostanze lesive l ozono e gas serra Amianto Produzione di rifiuti Rifiuti in ingresso all impianto Raccolta dei Rifiuti Energia elettrica... 46

3 pag. 3 di 92 Consumi di Acqua Potabile Consumi di Carburanti Manutenzioni Prodotti Chimici Impianti ed attività di servizio Distributore e serbatoio gasolio Apparecchiature elettriche Impianti a Rischio di Incidente Rilevante Incidenti Biodiversità Emergenze Ambientali La Sicurezza GLI ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI DISCARICA Introduzione Inquadramento geografico Geologia e Geomorfologia Gestione Post Operativa Le Sorveglianze ed i monitoraggi ambientali la discarica Scarichi Idrici Rumore Emissioni in atmosfera Odori Inquinamento Suolo Acque Superficiali Rifiuti in ingresso alla discarica Rifiuti Prodotti dalla Discarica Monitoraggi topografici e geomorfologici Acqua Prodotti chimici Macchine ed Attrezzature impiegate Aspetti Ambientali Significativi... 74

4 pag. 4 di 92 LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA STRUTTURA DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PROGRAMMI AMBIENTALI COINVOLGIMENTO DEL PERSONALE E RECLAMI AMBIENTALI GLOSSARIO PRINCIPALI LEGGI AMBIENTALI APPLICABILI ALLA DATA DELLA CONVALIDA AGGIORNAMENTO DELLA DICHIARAZIONE AMBIENTALE... 92

5 Il COSMARI da sempre è attivo nei confronti la salvaguardia l ambiente e pertanto e la scelta di intraprendere il percorso la Registrazione EMAS non fa altro che coronare un atteggiamento che da sempre ha caratterizzato il modo di operare COSMARI. La presente Dichiarazione Ambientale è stata redatta in conformità al Regolamento CE 1221/2009 che mira a promuovere una corretta gestione ambientale e, nel contempo, a fornire informazioni sulle prestazioni ambientali le organizzazioni registrate. Tale documento descrive il sistema di gestione che il Cosmari utilizza per minimizzare e controllare gli impatti ambientali la propria attività sull ambiente e riassume l impegno consorzio al miglioramento continuo le proprie prestazioni ambientali. La presente Dichiarazione Ambientale è stata concepita con lo scopo di fornire al pubblico e a tutti gli altri soggetti interessati informazioni sugli impatti e sulle prestazioni ambientali Cosmari al fine di migliorare la trasparenza tra il consorzio ed i soggetti esterni. Per i termini tecnici o specifici Sistema di Gestione Ambientale è stato predisposto un apposito glossario per facilitarne la comprensione. Tolentino, lì 31/03/2010

6 Presentazione Consorzio Il COSMARI è il consorzio obbligatorio smaltimento rifiuti la Provincia di Macerata presso il quale i rifiuti vengono raccolti ed in parte inceneriti, ha sede legale ed operativa in località Piane di Chienti nel Comune di Tolentino. Il Consorzio è stato fondato con decreto prefettizio prot. n. 3752/1 20/10/1976 da alcuni Comuni maceratese con la finalità di organizzare "il servizio di trasporto e smaltimento dei rifiuti provenienti dai servizi la nettezza urbana dei Comuni aderenti" e dal 01/02/1995 ha attivato l impianto di selezione e trattamento dei rifiuti. L'impianto di incenerimento consorzio ha una potenzialità di 250 tonnellate/giorno, secondo progetto, ed una produttività effettiva di 220 tonnellate/giorno. Attualmente tutti i 57 Comuni la Provincia aderiscono al Consorzio ed il COSMARI dal 1997 gestisce direttamente gli impianti di selezione, trattamento e recupero dei rifiuti solidi urbani ed assimilati, con circa 90 propri dipendenti tra autisti, manutentori, gruisti, addetti ai controlli l'impianto, impiegati amministrativi e con circa 50 automezzi per la raccolta ed il trasporto degli RSU prodotti dai comuni aderenti al Consorzio. Il COSMARI assolve alle proprie finalità statutarie non soltanto tramite gli impianti, ma curando, organizzando e promovendo tutti gli altri servizi complementari allo smaltimento e non di secondaria importanza, quali: -il servizio di igiene urbana nei vari Comuni, -la raccolta differenziata. Il servizio di Igiene Urbana, consiste nella spazzatura le strade ed è affidato alla società controllata Cosmari: la Sintegra S.p.A. Nella tabella successiva si riportano i dati relativi ai quantitativi di rifiuto incenerito presso il COSMARI. Anno 2010 Anno 2011 Anno t t 2.795,5 t t Il basso quantitativo di rifiuto incenerito nell anno 2013 è dovuto al breve utilizzo l inceneritore nell anno 2013 che dopo la seconda metà 2013 è stato definitivamente chiuso.

7 Impianto di Incenerimento e Compostaggio Dati relativi all Impianto Sede Legale: Località Piane di Chienti, Tolentino (MC) Sede Operativa: Località Piane di Chienti, Tolentino (MC) Codice Nace (Ateco 2007): 38 (già 90) Volume d Affari: Anno 2010 Anno 2011 Anno I dati di cui sopra risultano dai bilanci consuntivi regolarmente approvati. Per l anno 2013 i dati saranno forniti al prossimo aggiornamento la Dichiarazione Ambientale in quanto il periodo di approvazione bilancio può variare da Giugno a Novembre Il volume d affari è stato suddiviso in maniera più dettagliata così come riportato all interno la tabella successiva: Ricavi Importo Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Smaltimento RSU presso impianto e discariche Raccolta differenziata raccolta frazione organica e verde Servizio Nettezza Urbana Servizio Raccolta RSU porta a porta Vendita materiali di recupero raccolta differenziata Vendita materiali recupero impianto Corrispettivo CONAI raccolta differenziata Corrispettivo CNA materiali di recupero / / Totale La lieve differenza di importi tra il volume d affari ed il totale dei ricavi è dovuta ad uno sbilanciamento a cavallo degli anni tra le fatture emesse ed i pagamenti ricevuti. Presidente: ing. Daniele Sparvoli (ad interim) Direttore Impianto: ing. Giuseppe Giampaoli Rappresentante la Direzione per l Ambiente: ing. Giuseppe Giampaoli Responsabile Sistema di Gestione Ambientale: Mauro Caporalini Tel: 0733/ Fax: 0733/ Sito internet:

8 Referente verso parti terze: ing. Giuseppe Giampaoli Indirizzo: Località Piane di Chienti Tolentino (MC). Scopo e Campo di Applicazione. Il Sistema di Gestione Ambientale implementato si applica all impianto di selezione, compostaggio, produzione di CDR e stoccaggio di multimateriale situato il Località Piane di Chienti, Tolentino (MC), alle attività di raccolta differenziata effettuata presso i Comuni Consorziati alla post gestione la discarica situata in località Collina a Tolentino (MC). Descrizione Processo Produttivo Le attività produttive effettuate dal COSMARI sono riassunte nei successivi grafici che riportano i macro processi consorzio.

9 Accettazione Rifiuto Rifiuti umidi o Rifiuti Verdi Stoccaggio dei Rifiuti Lavorazione Rifiuto Rifiuti Solidi Urbani Stoccaggio Rifiuto nella fossa Rifiuti Raccolta Differenziata* Compost Selezione Rifiuto Rifiuto Umido Rifiuto Secco Stabilizzazione l'umido Lavorazione Secco Trasporto in Discarica Incenerim ento** CDR Trasporto Discarica Produzione di Energia** Elettrica Schema processi impianto * I processi relativi alla raccolta differenziata continuano nel grafico 2 * L attività di incenerimento e produzione di energia elettrica non vengono più effettuate dalla seconda metà 2013 in seguito alla chiusura termovalorizzatore. a) Accettazione rifiuto: Il rifiuto raccolto viene accettato e successivamente pesato.

10 b) Rifiuti solidi urbani: Nel caso di rifiuti solidi urbani le operazioni che verranno compiute saranno le seguenti: Stoccaggio Rifiuto nella Fossa: Il Rifiuto Solido Urbano viene stoccato all interno di una fossa. Separazione: In questa fase il rifiuto viene separato: in rifiuto secco che verrà poi incenerito (dalla seconda metà 2013 il rifiuto non viene più incenerito in quanto il termovalorizzatore è stato definitivamente chiuso); rifiuto umido che verrà poi stabilizzato in apposite vasche di stabilizzazione, ferro che viene separato dal rifiuto secco e dal rifiuto umido mediante elettrocalamita e poi recuperato. c) Rifiuto secco: Il rifiuto secco così ottenuto è pronto ad essere avviato alle operazioni di incenerimento (dalla seconda metà 2013 il rifiuto non viene più incenerito in quanto il termovalorizzatore è stato definitivamente chiuso), produzione di CDR o trasportato in discarica. Incenerimento e Produzione di Energia Elettrica: Dalla seconda metà 2013 il termovalorizzatore è stato spento ed il rifiuto viene smaltito in discarica. Quando l inceneritore era attivo il rifiuto destinato all incenerimento veniva trasportato nella fossa in un area apposita e diversa da quella in cui avviene il primo scarico dei mezzi. Il calore prodotto nel processo di incenerimento veniva utilizzato per il riscaldamento l acqua la caldaia che generando vapore attivava la turbina per la produzione di energia elettrica. Il vapore acqueo utilizzato per l attivazione le turbine veniva successivamente condensato mediante condensatori e riutilizzato all interno di un circuito chiuso per il riscaldamento/raffrescamento degli uffici. Trasporto in discarica: Il rifiuto secco che l impianto non aveva la capacità di incenerire né di smaltire, viene inviato in discarica. d) Rifiuto Umido: Il rifiuto umido ottenuto dalle operazioni di separazione umido-secco, è pronto ad essere avviato alle seguenti operazioni: Stabilizzazione: Attraverso un processo chimico-biologico il rifiuto organico umido viene trasformato in un rifiuto inerte pronto per essere trasportato in discarica. Trasporto in discarica: Il rifiuto una volta stabilizzato viene trasportato in discarica. e) Rifiuti Umidi e Rifiuti Verdi: i rifiuti umidi ed i rifiuti verdi derivanti dalla raccolta differenziata, vengono sottoposti alle seguenti operazioni: Stabilizzazione l Umido: Il rifiuto verde viene triturato e rivoltato fino alla maturazione lo stesso.

11 Predisposizione Convenzione con il Comune Predisposizione dei cassonetti e le campane o progettazione servizio di ritiro porta a porta. Esecuzione l'attività di igiene urbana Esecuzione la raccolta differenziata. Manutenzione le campane e/o dei cassonetti o altri sistemi di raccolta Stoccaggio preliminare rifiuto presso il COSMARI Selezione e Compattazione rifiuto. Schema Processi Raccolta Rifiuti Consegna rifiuto al recuperatore finale. Predisposizione accordo con il Comune: Il Cosmari effettua il servizio di raccolta differenziata ed igiene urbana presso tutti i comuni che aderiscono al Cosmari attraverso al società controllata Sintegra S.p.A.. Il Cosmari inoltre provvede a predisporre le convenzioni specifiche con i singoli Comuni, in cui vengono riportate nel dettaglio le specifiche di erogazione servizio e le responsabilità le parti. Predisposizione dei cassonetti e le campane o progettazione servizio di ritiro porta a porta: Il Cosmari esegue il servizio di raccolta differenziata mediante:

12 1. Utilizzo di cassonetti: La raccolta differenziata viene effettuata esclusivamente mediante l utilizzo di campane dislocate sul territorio; 2. Utilizzo di cassonetti e raccolta porta a porta: La raccolta differenziata viene effettuata mediante l utilizzo di campane e mediante la raccolta porta a porta. La raccolta porta a porta viene effettuata per multimateriale (carta, lattine e plastica), RSU e umido. Esecuzione la Raccolta Differenziata: La raccolta differenziata viene effettuata direttamente dal COSMARI con i propri mezzi. Tutti i rifiuti vengono trasportati dal COSMARI direttamente presso il recuperatore finale, ad eccezione vetro ed in alcuni casi dei pneumatici che vengono messi in riserva. Messa in riserva rifiuto: Il vetro ed in alcuni casi i pneumatici, vengono stoccati preliminarmente presso l impianto COSMARI. Tal quale viene poi acquisito dal recuperatore finale. Selezione e Compattazione rifiuto: La plastica ed il multimateriale e la carta, vengono avviati all impianto di selezione dove avviene quanto segue: 1. Plastica e multimateriale: Viene effettuata l attività di selezione rifiuto e vengono in sequenza separati manualmente e meccanicamente (mediante elettrocalamite) i materiali alluminio e ferro. 2. Carta: Viene effettuato manualmente il controllo materiale e viene eliminato il materiale di scarto. Al termine le attività di selezione i rifiuti vengono compattati. Consegna rifiuto al recuperatore finale: Il rifiuto differenziato tal quale o compattato, viene consegnato al recuperatore finale.

13 Nella tabella seguente viene riportato l elenco dei rifiuti per i quali il COSMARI effettua attività di raccolta differenziata: Codice CER Materiale Note Batterie Si tratta le batterie auto Carta Tale raccolta viene fatta mediante: - Campane dislocate sulla strada; - Campane dislocate presso uffici pubblici e scuole; - Raccolta porta a porta Cartoni / Rifiuti cimiteriali Si tratta lo zinco raccolto presso i cimiteri Rifiuti Cimiteriali Si tratta dei rifiuti in legno provenienti dai cimiteri Ferro / Indumenti usati recuperati / Inerti / Ingombranti/RAEE Si tratta di frigoriferi, congelatori, hardware Legnosi / Olii vegetali / Rifiuti Organici Si tratta l organico derivante da grandi utenze (mense, alberghi, ristoranti) e dalla raccolta domiciliare Plastica / Pneumatici / Scarti Informatici Si tratta di toner e cartucce Residui di potatura Si tratta di residui di potatura ed in generale la manutenzione verde Vetro / Lattine / Medicine / Pile / Rifiuti Raccolti Autorizzazioni l Impianto. Il COSMARI è autorizzato alla gestione dei rifiuti ai sensi l Autorizzazione Ambientale Integrata n 76/VAR 08 02/07/2010 ed aggiornata con l Autorizzazione Ambientale Integrata n /05/2012 (ultimo aggiornamento).

14 Descrizione Territorio Nulla è cambiato rispetto alla precedente dichiarazione ambientale. Nord Scala 1:65.000

15 pag. 15 di 92 Planimetria generale l impianto Scala 1:1.000

16 pag. 16 di 92 La Politica Ambientale

17 pag. 17 di 92 Gli Aspetti Ambientali Acque di Processo Il Cosmari scarica direttamente le acque reflue derivanti dal trattamento degli inquinanti provenienti dal depuratore sul fiume Chienti. Tale scarico è autorizzato ai sensi l Autorizzazione Ambientale Integrata n 76/VAR 08 02/07/2010 ed aggiornata con l Autorizzazione Ambientale Integrata n /05/2012. La depurazione le acque avviene mediante l utilizzo di due impianti distinti: l impianto di tipo biologico; l impianto di tipo chimico-fisico. L'impianto di tipo biologico viene utilizzato per il trattamento le acque reflue dei servizi sanitari, le acque reflue compostaggio e dei piazzali scoperti. L'impianto di tipo chimico-fisico, invece, viene utilizzato per la depurazione le acque di lavaggio dei fumi e per la raccolta le acque di raffreddamento le ceneri. Al momento, in seguito alla chiusura definitiva forno avvenuta nella seconda metà 2013, non vengono effettuati scarichi idrici e tutte le acque vengono gestite come rifiuto. Impianto Biologico Il processo di depurazione le acque avviene attraverso le seguenti fasi: Filtrazione Omogeneizzazione Distillazione Denitrificazione Ossidazione Sedimentazione Disidratazione dei Fanghi Impianto fisico - chimico Il processo di depurazione le acque avviene attraverso le seguenti fasi: Omogeneizzazione e neutralizzazione: Chiariflucculazione Filtraggio:. Disidratazione dei Fanghi: Le acque di prima pioggia vengono raccolte mediante appositi tombini esterni presenti nei piazzali e inviate nella vasca di prima pioggia e trattate nell impianto di depurazione. Riempita la vasca di prima pioggia le acque piovane, mediante by-pass, vengono scaricate direttamente sul fiume Chienti.

18 pag. 18 di 92 Le acque derivanti dal lavaggio dei cassonetti vengono trattate presso l impianto di depurazione COSMARI è autorizzato ai sensi l Autorizzazione Ambientale Integrata n 76/VAR 08 02/07/2010 ed aggiornata con l Autorizzazione Ambientale Integrata n /05/2012. Al momento l impianto di depurazione è chiuso in quanto per il funzionamento lo stesso viene utilizzato il calore l impianto di incenerimento. Essendo al momento l inceneritore chiuso anche l impianto di depurazione è chiuso ed i liquami vengono smaltiti come rifiuto. Nella tabella seguente si riportano le analisi relative agli scarichi idrici effettuati dal COSMARI sul fiume Chienti nel periodo Le analisi sono state eseguite da Analisi Control S.r.l. e da Gruppo C.S.A. Istituto di Ricerca (dal 2008 al 2010), dal 2011 le analisi sono state effettuate dal laboratorio SEA S.r.l. di Tolentino. Nella tabella successiva si riportano i risultati le analisi: Parametri UM Valore Rilevato 18/11/10 25/07/11 17/01/2012 Limiti D. Lgs. 152/06 Azoto ammoniacale (come NH4) mg/l 5,87 1,6 < 0,4 15 Azoto nitrico (come N) mg/l 18,3 5,8 15,2 20 Azoto nitroso (come N) mg/l 0,43 0,4 < 0,1 0,6 BOD5 (come O2) mg/l 8,1 6 7,1 40 Cadmio mg/l Cd < 0,001 < 0,001 0,002 0,02 COD (come O2) mg/l Cromo totale mg/l Cr 0,11 < 0,01 0,01 2 Escherichia coli ufc/100 ml / Fosforo totale (come P) mg/l 0,7 0,2 < 0,2 10 Idrocarburi totali mg/l < 1 < 0,05 / 5 IPA totali µg/l < 0,01 / / -- Mercurio mg/l hg < 0,001 < 0,0005 < 0,0005 0,005 Nichel mg/l Ni < 0,001 < 0,001 < 0,01 2 PCB mg/l / < 0,01 / --- ph unità di ph 7,86 7,2 / 5,5-9,5 Piombo mg/l Pb < 0,01 < 0,002 < 0,002 0,2

19 pag. 19 di 92 Rame mg/l Cu < 0,01 < 0,01 < 0,01 0,1 Solidi sospesi totali (a 105 C) mg/l / / < Tallio µg/l < 0,001 / < 0, Parametri UM Valore Rilevato Limiti D. Lgs. 152/06 04/11/09 18/11/10 25/07/11 17/01/2012 Temperatura C ,2 4,9 10 Alluminio Arsenico Boro Ferro Manganese Selenio Stagno Zinco Cianuri Cloro Attivo libero Solfati Solfiti mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l / / < 0,1 / 1 / / 0,010 < 0,005 0,5 / / 0,24 / 2 / / 0,19 / 2 / / 0,03 0,03 2 / / 0,008 / 0,03 / / < 0,5 / 10 / / 0,04 0,07 0,5 / / < 0,01 / 0,5 / / 0,01 / 0,2 / / / / < 0,1 < 0,1 1 Solfuri mg/l / / < 0,1 < 0,1 1 Cloruri mg/l / / Fluoruri mg/l / / 3,29 / 6

20 pag. 20 di 92 Parametri UM Valore Rilevato 18/11/10 25/07/11 17/01/2012 Limiti D. Lgs. 152/06 Grassi e oli animali e vegetali mg/l / < 10 / 20 Fenoli mg/l / < 0,1 < 0,1 0,5 Aldeidi mg/l / < 0,1 / 1 Solventi Organici Aromatici mg/l / / / / Benzene mg/l / < 0,01 / / Etilbenzene mg/l / < 0,01 / / Stirene mg/l / < 0,01 / / Xilene mg/l / < 0,01 / / Iso-propilbenzene mg/l / < 0,01 / / n-propilbenzene mg/l / < 0,01 / / Sommatoria Solventi Organici Aromatici mg/l / < 0,01 / 0,2 Solventi Organici Azotati mg/l / < 0,01 / 0,1 Solventi Clorurati mg/l / < 0,01 / 1 Tensioattivi anionici mg/l / < 0,01 / 0,39 Tensioattivi Cationici mg/l / < 0,01 / 0,11 Tensioattivi Non Ionici mg/l / < 0,01 / 0,2 Tensioattivi totali mg/l / 0,73 / 2

21 pag. 21 di 92 Parametri UM Valore Rilevato 18/11/10 25/07/11 17/01/2012 Limiti D. Lgs. 152/06 Benzo(a)antracene µg/l / < 0,01 < 0,01 / Dibenzo(a,e)antracene µg/l / < 0,01 < 0,01 / Benzo(a)pirene µg/l / < 0,01 / / Dibenzo(a,e)pirene µg/l / < 0,01 < 0,01 / Dibenzo(a,h)pirene µg/l / < 0,01 < 0,01 / Dibenzo(a,i)pirene µg/l / < 0,01 < 0,01 / Dibenzo(a,l)pirene µg/l / < 0,01 < 0,01 / Indenopirene µg/l / < 0,01 < 0,01 / Sommatoria policiclici aromatici µg/l / < 0,01 < 0,01 / 2,3,7,8 - tetracdd ρg/l / < 1 < 2 / 1,2,3,7,8. pentacdd ρg/l / < 2 < 4 / 1,2,3,4,7,8 esacid ρg/l / < 3 < 6 / 1,2,3,6,7,8 esacid ρg/l / < 3 11,1 / 1,2,3,7,8,9 esacdd ρg/l / < 3 7 / 1,2,3,4,6,7,8 - eptacdd ρg/l / 26,7 97,9 / Octacdd ρg/l / / 2,3,7,8 tetracdf ρg/l / < 2 < 4 / 1,2,3,7,8 pentacdf ρg/l / < 2 < 4 / 2,3,4,7,8 pentacdf ρg/l / < 2 6,27 / 1,2,3,4,7,8 esacdf ρg/l / < 3 11,6 / 2,3,4,6,7,8 esacdf ρg/l / < 3 20,4 /

22 pag. 22 di 92 1,2,3,7,8,9 - esacdf ρg/l / < 3 13,2 / 1,2,3,4,6,7,8 - eptacdf ρg/l / 16 99,7 / 1,2,3,4,7,8,9 - eptacdf ρg/l / < 15 < 30 / Octacdf ρg/l / < 50 < 100 / Analisi le acque scaricate sul fiume Chienti. Le analisi non sono state effettuate nell anno 2013 in quanto l impianto di depurazione ha funzionato in modo intermittente e sporadico solamente nel periodo maggio luglio Da luglio l impianto di depurazione è stato bloccato in seguito all arresto l impianto di incenerimento. Le acque reflue prodotte sono state smaltite come rifiuto. Pozzi ed Acque di Falda All interno COSMARI sono presenti n 2 pozzi (cfr Planimetria Generale l Impianto) utilizzati per il rifornimento la vasca di accumulo l antincendio, per l irrorazione dei biofiltri e per il raffreddamento le ceneri nell impianto di abbattimento dei fumi. I pozzi sono stati realizzati: Uno dalla realizzato nel 1996 e denunciato al Comune di Tolentino ed alla Provincia di Macerata il 31/01/1997; L altro realizzato nel 2004 base la Determinazione n 35 20/01/2004 la Provincia di Macerata. Il Cosmari è autorizzato all emungimento le acque sulla base di autorizzazioni di valenza annuale rilasciate dalla Provincia di Macerata. Al momento l autorizzazione in vigore è quella 19/11/2012. I valori relativi all emungimento di acqua dal pozzo sono riportati nello schema seguente: Quantitativo Emunta (mc) Anno 2010 Anno 2011 Anno Mc Acqua Emunta/Ore 6,23 7,06 33,96 29,44 Lavorazione Forno Emungimento di acqua dal pozzo Al momento il Cosmari è in attesa la risposta la Provincia di Macerata ed è in regola con il pagamento dei canoni periodici.

23 pag. 23 di 92 Al fine di valutare la possibilità di eventuali inquinamenti la falda il Cosmari ha provveduto ad effettuare le apposite indagini su appositi pozzetti di prelievo che attingono acqua direttamente in falda. Le analisi le acque di falda sono state effettuate il 16/01/2013 ad opera la società Sea di Tolentino. Nella tabella successiva si riportano i risultati ottenuti: Determinazione U.M. Risultato S1 (flusso entrante) Risultato S4 (flusso uscente) Limiti di Legge D. Lgs 152/06 (Tab. 2 All. 5 Tit V Parte IV) Conducibilità Elettrica µg/l a 20 C / ph mg/l 7,2 7,6 / temperatura mg/l 16,2 14,2 / Ossidabilità Kubel mg/l 7,8 6,2 / BOD 5 mg/l 16,9 <1 / TOC mg/l 99,2 34,9 / Solfati mg/l Cloruri mg/l / Fluoruri mg/l 1,1 0, Azoto Nitrico mg/l 14,1 18,2 / Azoto Nitroso mg/l 0,1 < 0,1 0,5 Azoto Ammoniacale mg/l 0,2 < 0,1 / Calcio mg/l / Sodio mg/l 34,2 82,8 / Potassio mg/l 9 11 / Magnesio mg/l 12,7 20 / Ferro µg/l < 20 < Arsenico µg/l < 1 1,5 10 Manganese µg/l 10,9 < 5 50 Cadmio µg/l < 0,5 < 0,5 5 Rame µg/l 5,9 11, Cromo Totale µg/l 17,7 12,4 50 Cromo IV µg/l < 0,5 < 0,5 5 Merccurio µg/l < 0,1 < 0,1 1 Nichel µg/l 16,3 18,1 20 Piombo µg/l < 1,0 < 1,0 10 Zinco µg/l 3,8 < Cianuri µg/l < 5 < 5 50 Benzo(a)antracene µg/l < 0,01 < 0,01 0,1 Dibenzo(a,e)pirene µg/l < 0,01 < 0,01 0,1

24 pag. 24 di 92 Benzo(a)pirene µg/l < 0,005 < 0,005 0,01 Benzo(b)fluorantene µg/l < 0,01 < 0,01 0,1 Benzo(k)fluorantene µg/l <0,005 <0,005 0,05 Benzo(g,h,i)perilene µg/l < 0,005 < 0,005 0,01 Crisene µg/l < 0,01 < 0,01 5 Dibenzo(a,h)antracene µg/l < 0,01 < 0,01 0,01 indenopirene µg/l < 0,01 < 0,01 0,1 Pirene µg/l < 0,01 < 0,01 50 Sommatoria Policiclici aromatici µg/l < 0,03 < 0,03 0,1 Triclorometano (Cloroformio) µg/l < 0,001 < 0,001 0,15 Dibromoclorometano (Bromoformio) µg/l < 0,01 < 0,01 0,3 Dibromoclorometano µg/l < 0,01 < 0,01 0,13 Bromodiclorometano µg/l < 0,01 < 0,01 0,17 1,2 Dicloroetano µg/l < 0,01 < 0,01 3 1,1 - Dicloroetilene µg/l < 0,01 < 0,01 0,05 Tricloroetilene µg/l < 0,01 0,14 1,5 Tetracloroetilene µg/l < 0,01 <0,22 1,1 Cloruro di vinile µg/l < 0,005 < 0,005 0,5 Sommatoria organoalogenati µg/l < 0,01 0, ,1 Dicloroetano µg/l < 0,01 < 0, ,2 Dicloroetilene µg/l < 0,01 0, ,1,1 Tricloroetano µg/l < 0,01 < 0,01 / 1,2 Dicloropropano µg/l < 0,01 < 0,01 0,15 1,1,2 Tricloroetano µg/l < 0,01 < 0,01 0,2 1,2 Tricloropropano µg/l < 0,005 < 0,005 0,001 Benzene µg/l < 0,01 < 0,01 1 Etilbenzene µg/l < 0,01 < 0,01 50 Stirene µg/l < 0,01 < 0,01 25 Toluene µg/l < 0,01 < 0,01 15 Xilene µg/l < 0,01 < 0,01 10 Sommatoria Solventi Organici Aromatici µg/l < 0,01 < 0,01 / Solventi Organici Azotati µg/l < 0,01 < 0,01 / Fenoli µg/l <5 < 5 / Pesticidi Totali fosforati µg/l <0,01 <0,01 / Alaclor µg/l <0,01 <0,01 0,1 Aldrin µg/l < 0,003 < 0,003 0,003

25 pag. 25 di 92 Atrazina µg/l <0,01 <0,01 0,3 a-esacloroesano µg/l <0,01 <0,01 0,1 b-esacloroesano µg/l <0,01 <0,01 0,1 y-esacloroesano(lindano) µg/l <0,01 <0,01 0,1 Clordano µg/l <0,01 <0,01 0,1 Dieldrin µg/l < 0,003 <0,01 0,003 Endrin µg/l <0,01 <0,01 0,1 Sommatoria DDD, DDT, DDE. µg/l <0,01 <0,01 0,1 Analisi Acque di falda. Dalle indagini effettuate si ritiene che sia alquanto improbabile una contaminazione la falda, infatti i valori degli inquinanti prelevati nel punto S1 (in entrata all impianto) risultano pressoché similari a quelli relativi al punto S4 (in uscita dall impianto) e comunque sempre inferiori ai valori limite stabiliti dal D. Lgs. 152/06.

26 pag. 26 di 92 Rischio Incendio Il COSMARI ha individuato le attività a rischio incendio così come stabilite dal DPR 151/2011 per le seguenti attività: 48.2/C - Centrali termoelettriche, macchine elettriche fisse con presenza di liquidi isolanti combustibili in quantitativi superiori a 1mc 12.3/C - Depositi e/o rivendite di liquidi infiammabili e/o combustibili e/o oli lubrificanti, diatermici, di qualsiasi derivazione, di capacità geometrica complessiva superiore a 50 mc; 13.1/C - Impianti fissi di distribuzione carburanti per l autotrazione, la nautica e l aeronautica; contenitori distributori rimovibili di carburanti liquidi; 34.2/C - Depositi di carta, cartoni e prodotti cartotecnici, archivi di materiale cartaceo, biblioteche, depositi per la cernita la carta usata, di stracci di cascami e di fibre tessili per l'industria la carta, con quantitativi in massa superiori a kg.; 49.3/C - Gruppi per la produzione di energia elettrica sussidiaria con motori endotermici ed impianti di cogenerazione di potenza complessiva superiore a 700 kw; 74.3/C - Impianti per la produzione di calore alimentati a combustibile solido, liquido o gassoso con potenzialità superiore a 700 kw. Il COSMARI per la prevenzione degli incendi ha adottato un apposito piano di emergenza. L alimentazione l impianto antincendio è assicurata da una vasca di raccolta di circa 100 m 3 e dal relativo gruppo di pompaggio. L acqua immagazzinata nei serbatoi è derivata dal pozzo di emungimento. Il COSMARI è fornito di CPI rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili Fuoco di Macerata (Prot , 08/10/13) valido fino al 06/08/2018. Emissioni in Atmosfera I punti di emissione in atmosfera lo stabilimento COSMARI, possono essere riassunti come segue: Camino termovalorizzatore: è il punto di emissione forno di incenerimento dei rifiuti. Viene monitorato in continuo per quanto riguarda i valori di Polveri, NO x, O 2, CO, SO 2, HCl, H 2 O, COT, Pressione, Temperatura, Portata. Tali dati vengono registrati tramite software e sono disponibili a chi ne facesse richiesta. Tale punto di emissione al momento non risulta attivo in seguito alla chiusura definitiva termovalorizzatore avvenuta nella seconda metà Biofiltri: abbattono gli odori che si producono negli ambienti in cui avviene la maturazione primaria e secondaria, la fossa di stoccaggio dei rifiuti, la raffinazione, selezione; Essiccatore: aspira l aria calda prodotta dal bruciatore di gasolio utilizzata per essiccare il CSS (ex CDR) in lavorazione; Raffreddatore di CSS (ex CDR): aspira l aria inviata da una ventola per raffreddare il CSS (ex CDR).

27 pag. 27 di 92 Nella Tabella seguente si riporta un quadro riassuntivo dei punti di emissione COSMARI e le relative autorizzazioni: Punto di Emissione Autorizzazioni E1 Termovalorizzatore (al momento dismesso) E2 Biofiltro da Compostaggio E4 Biofiltro da Compostaggio E3 Essiccatore RDF (al momento dismesso) E5 Raffreddatore RDF (al momento dismesso) Autorizzazione Ambientale Integrata n E6 Biofiltro Zona Ricevimento Compost E7 Biofiltro Impianto a Biocelle E8 Biofiltro Fossa RSU E9 Bifiltro Capannone Maturazione Statica Compost Quadro riepilogativo le emissioni in atmosfera. Impianti di abbattimento dei fumi Impianto di abbattimento (punto E1) Attraverso un apposito impianto di abbattimento, vengono eliminati gli inquinanti derivanti dalla combustione rifiuto RSU. Tale abbattimento dei fumi avviene secondo le seguenti fasi: Elettrofiltrazione Raffreddamento Primo lavaggio Filtrazione Secondo Lavaggio Riscaldamento

28 pag. 28 di 92 Impianto di abbattimento dei fumi l inceneritore Le valutazioni le emissioni gassose in atmosfera sono state effettuate dalla Eco Chimica Romana (Accreditamento Accredia n 0286), al fine di accertare l entità e la natura le emissioni secondo quanto stabilito dal D. Lgs. 133/2005. I campionamenti sono stati effettuati mentre l impianto marciava in condizioni normali di esercizio. Il valore riportato nella tabella successiva è quello relativo al campionamento più negativo tra i tre effettuati per ogni tipologia di inquinante. Nelle tabelle seguenti, si riportano i risultati le analisi effettuate sul camino forno di incenerimento dei rifiuti dalla EcoChimica Romana (Accreditamento Accredia n 0286). Inquinanti Caratteristiche punto di emissione E1 (Camino forno) U.M. Settembre 2010 Dicembre 2011 Dicembre 2012 Giugno 2013 Limiti di Legge (Media Oraria) D. Lgs. 133/05 Polveri mg/nm 3 2,67 1,73 / 3,96 30 Monossido di Carbonio mg/nm 3 < 5,15 1,14 / < 2, Ossidi di Azoto mg/nm 3 165,49 215,41 / 183, Biossido di Zolfo mg/nm 3 6,19 6,52 / 2,5 200 Carbonio Organico Totale (come COT) mg/nm 3 2,09 0,52 / Acido cloridrico mg/nm 3 0,80 0,51 / 0,63 40 Acido fluoridrico mg/nm 3 0,06 0,04 / < 0,03 4 Mercurio µg /Nm 3 1,15 0,69 / 4, Cd + TI µg /Nm 3 < 1,73 1,52 / 2, Sb+As+Pb+Cr+Co+Cu+ Mn+Ni+V µg/nm 3 22,61 32,72 / Somma IPA ng/ Nm 3 195,38 224,78 / 136, Somma PCDD e PCDF pg/ Nm 3 58,00 85,78 / 55, ,77 29,

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06.

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06. Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06 Acque sotterranee D.M. 471/99 D.Lgs. 152/06 Sostanze Valori limite (μ/l) Sostanze

Dettagli

In particolare, sono stati sottoposti a misurazione e controllo i seguenti fattori:

In particolare, sono stati sottoposti a misurazione e controllo i seguenti fattori: \ La presente Relazione Tecnica, nel primo capitolo, descrive i risultati dei controlli e delle verifiche effettuate nel corso dell anno 2012 sui parametri e con le tempistiche previsti dal Piano di Monitoraggio

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 5 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque destinate al consumo umano, di piscina Conta di Legionella spp (compresa Legionella pneumophila) UNI EN ISO 11731-2: 2008 Acque destinate al

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA SINTESI DEI DATI RELATIVI ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA - ANNO 2012 1 ANALISI DELLA TIPOLOGIA, QUANTITÀ E PROVENIENZA GEOGRAFICA DEI RIFIUTI TRATTATI NELL IMPIANTO Analisi della

Dettagli

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Schema di riferimento generale Raccolta rifiuti Controllo radioattività / allarme Ricevimento / Fossa di stoccaggio Sistema

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 6 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acqua sotterranea, superficiale potabile, Acqua di scarico, percolato Idrocarburi totali come n-esano APAT CNR IRSA 5160B2 Man 29 2003 Acque di scarico

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO FOGNARIO DI DEPURAZIONE E DEGLI SCARICHI MAGGIO 2001. TITOLO I...4 FINALITA DEL REGOLAMENTO...4 ART.1 Oggetto del regolamento...4 ART. 2 Ambito

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI. AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008

IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI. AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008 IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008 I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti 1. Prevenzione nella formazione dei rifiuti 2. Riduzione della loro pericolosità 3. Riciclaggio

Dettagli

Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani

Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani Da rifiuti a risorse percorso impossibile? Dott.ssa Aurelia Fonda COMPOSIZIONE media DEL RIFIUTO URBANO non differenziato dati APAT: Frazione merceologica % in

Dettagli

Destinazione rifiuti Italia anno 2007

Destinazione rifiuti Italia anno 2007 compostaggio 6% Destinazione rifiuti Italia anno 2007 recupero 36% discarica 48% inceneritore 10% La DISCARICA CONTROLLATA è un sistema di smaltimento dei rifiuti (tipicamente Rifiuti Solidi Urbani) che

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE)

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) 1/6 CER AUTORIZZATI E RELATIVE OPERAZIONI ALLE QUALI POSSONO ESSERE SOTTOPOSTI CER RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A.

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. ALLEGATO E al capitolato d'oneri ELENCO PREZZI LOTTO 1 Matrice Parametro

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 dicembre 2003, n. 48-11386 Modifica della scheda di rilevamento dei dati di produzione dei rifiuti urbani di cui alla D.G.R. 17-2876 del 2 maggio 2001 (B.U. n. 5

Dettagli

Il termovalorizzatore di Torino

Il termovalorizzatore di Torino Il termovalorizzatore di Torino Funzionamento Andamento 2015 13 febbraio 2016 La Società TRM S.p.A - Trattamento Rifiuti Metropolitani èlasocietà che ha progettato, costruito e, attualmente, gestisce il

Dettagli

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1 CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012 Dichiarazione Ambientale 2012 1 INDICE Edison Spa Centrale di Torviscosa Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto CER DESCRIZIONE 01.04.07* rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi 02.01.03 scarti di tessuti

Dettagli

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ)

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ) Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 18-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\7 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura

CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura Regolamento del servizio di fognatura e depurazione TABELLE E SCHEMI TECNICI (Approvati con Delibera c.d.a. n. 30/7 del 14/01/2004) Aggiornamento

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005 AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005 SISTEMA INFORMATIVO AMBIENTALE ANNO 2014 1 Zincatura Nazionale srl Stabilimento di Vigonovo (VE) Via Toniolo 32 Febbraio 2015 1 Premessa La "Zincatura

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l.

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Comunicazione al pubblico ai sensi del PMA approvato con prescrizioni da ISPRA (Istituto

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005)

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) SINTESI NON TECNICA OSSIDAZIONE ANODICA S.N.C. Sede Legale e Stabilimento: via Pordenone, 31 S.QUIRINO (PN) 1. INQUADRAMENTO

Dettagli

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Indice 1. Introduzione... 2 2. L'impianto proposto... 3 3. Schema a blocchi dell'impianto... 4 4. Descrizione dell'impianto... 5 4.1 Trattamenti meccanici...

Dettagli

APPENDICE I. Elenco rifiuti pericolosi e relative operazioni autorizzate alla società G.S.A. s.r.l.:

APPENDICE I. Elenco rifiuti pericolosi e relative operazioni autorizzate alla società G.S.A. s.r.l.: APPENDICE I Elenco rifiuti pericolosi e relative operazioni autorizzate alla società G.S.A. s.r.l.: CER DESCRIZIONE 01 04 07* rifiuti prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi

Dettagli

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document Page : 1/8 12. GARANZIE Page : 2/8 SOMMARIO 12.1 Basi di definizione delle garanzie... 3 12.2 Garanzie di prestazioni... 3 12.2.1 Potenzialità di trattamento... 3 12.2.2 Caratteristiche e portate vapore

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SANITA'

DIREZIONE GENERALE SANITA' 2275 13/03/2013 Identificativo Atto n. 180 DIREZIONE GENERALE ANITA' AGGIORNAMENTO DEL REGITRO DELLA REGIONE LOMBARDIA DEI LABORATORI CHE EFFETTUANO ANALII NELL'AMBITO DELLE PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO

Dettagli

AUTORITA DI AMBITO N.2 BASSO VALDARNO. Allegato n. 4 TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORITA DI AMBITO N.2 BASSO VALDARNO. Allegato n. 4 TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI AUTRITA DI AMBIT N.2 BASS VALDARN Allegato n. 4 TARIFFA DI FGNATURA E DEPURAZINE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI TARIFFA DI FGNATURA E DEPURAZINE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI CALCL DELLA TARIFFA La

Dettagli

DESCRIZIONE IMPIANTO E ATTIVITA

DESCRIZIONE IMPIANTO E ATTIVITA DESCRIZIONE IMPIANTO E ATTIVITA La ditta Agrinord Srl gestisce un impianto di trattamento biologico di rifiuti urbani e speciali non pericolosi, mediante stabilizzazione aerobica (compostaggio) e digestione

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Acque minerali. Acque potabili

Acque minerali. Acque potabili Acque minerali La classe di appartenenza di un'acqua minerale, dipende dalla quantità residuale di sali in essa contenuti, definita residuo fisso, determinata facendo bollire a 180 un litro d'acqua sino

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 1/9 DEL 9.1.2009

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 1/9 DEL 9.1.2009 Oggetto: Procedura di Valutazione di Impatto Ambientale ai sensi dell art. 31 della L.R. n. 1 del 18.1.1999 e s.m.i. e della Delib. G.R. n. 5/ 11 del 15.2.2005 e s.m.i. relativa al progetto Ampliamento

Dettagli

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta RAPPORTO FINALE TASK 4.1 PIANO DI MONITORAGGIO Territorio e Area industriale della Provincia di Rovigo Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta Data emissione 20-10-2006 Il Piano di

Dettagli

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia.

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. Al fine di ridurre l'impatto ambientale,si occupa del riciclaggio dei materiali

Dettagli

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta)

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta) -pag.1/6- Oggetto: Relazione Tecnica sui sistemi naturali sostenibili per la riduzione dell inquinamento diffuso delle acque di dilavamento in aree urbanizzate e riutilizzo delle acque meteoriche, per

Dettagli

Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche. Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL

Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche. Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL L EVOLUZIONE IL PERCORSO 1976 - Si costituisce il ConSmaRi con Decreto Prefettizio 1981/1995 - Realizzazione

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti

I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti RIFIUTI E AMBIENTE: LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti 1. Prevenzione nella formazione dei rifiuti 2. Riduzione della loro pericolosità 3. Riciclaggio (di materia)

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITÀ Laboratorio Analisi

MANUALE GESTIONE QUALITÀ Laboratorio Analisi 1,1,1-Tricloroetano Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,1,2-Tricloroetano Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,1-Dicloroetilene Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,2,4-Triclorobenzene Acqua APHA

Dettagli

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Depurazione fumi Emissioni inquinanti Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Macroinquinanti (g m -3 o mg m -3 ) Microinquinanti (µg m -3 o ng m -3 ) rganici (es. PCDD/F) Inorganici Es.

Dettagli

TARIFFE ACQUEDOTTO POTABILE

TARIFFE ACQUEDOTTO POTABILE Acquedotto potabile uso domestico e assimilato Descrizioni aggiuntive netto di IVA U.M 1 Scaglione

Dettagli

TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI

TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI Convegno MatER 15-16 Maggio 2013 TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI Recupero di energia da fonti rinnovabili: la valorizzazione della frazione biodegradabile del rifiuto di matrice organica

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI.

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. PAGINA 1 di 6 1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. QUANTITA 1 Flacone acido solforico H 2 SO 4 (25%) (P.A.) 1 Flacone acido nitrico HNO 3 concentrato (65%) (SUPRAPUR x ANALISI

Dettagli

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG)

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 1-24020 Scanzorosciate (BG) Unità locali: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Via B. D Este 16-20017 Rho (MI) Fatturato medio annuo ultimi tre anni: Euro 5.500.000

Dettagli

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi?

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? Dr Chimico Giuseppe Postorino Provincia di Reggio Calabria Reggio Calabria 30 maggio 2014 100 volume d affari dei servizi su base nazionale

Dettagli

PROGETTO AMBIENTE BACINO LECCE DUE S.R.L.

PROGETTO AMBIENTE BACINO LECCE DUE S.R.L. PROGETTO AMBIENTE BACINO LECCE DUE S.R.L. PROGETTO COFINANZIATO DALLA COMUNITA EUROPEA POR PUGLIA 2000-2006 Misura 1.8 L opera: Progetto Ambiente Bacino Lecce Due Il Progetto Lecce 2 inteso come progettazione,

Dettagli

Il nostro impegno quotidiano è teso al miglioramento continuo per ridurre l impatto ambientale delle nostre attività produttive.

Il nostro impegno quotidiano è teso al miglioramento continuo per ridurre l impatto ambientale delle nostre attività produttive. Sostenibilità Lo stabilimento di Brindisi di Basell Poliolefine Italia S.r.l. opera in maniera sostenibile in linea con la politica aziendale che prevede l'uso responsabile ed etico delle risorse naturali

Dettagli

Comune di Torre del Greco (NA) % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile

Comune di Torre del Greco (NA) % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile Raccolta differenziata Comune di Torre del Greco (NA) Dati di produzione R.U. e percentuale di raccolta differenziata Anno 2015 % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile 50% 45% 40% 35% 30% 25%

Dettagli

SINTESI NON TECNICA COPIA PER IL PUBBLICO

SINTESI NON TECNICA COPIA PER IL PUBBLICO SINTESI NON TECNICA COPIA PER IL PUBBLICO AGGIORNAMENTO A GENNAIO 2006 NUOVA IN.F.A. S.p.A. Sede Legale Piazza della Repubblica, 11 - Milano Sede Ammin. e Stabilimento via De Zan, 54 - Aviano (PN) INTRODUZIONE

Dettagli

ALCUNI MODELLI SULLA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI A LIVELLO EUROPEO: CASE HISTORIES

ALCUNI MODELLI SULLA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI A LIVELLO EUROPEO: CASE HISTORIES ALCUNI MODELLI SULLA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI A LIVELLO EUROPEO: CASE HISTORIES Fausto Talenti Presidente AMSA SpA Milano dall emergenza all autosufficienza: autosufficienza: una sfida percorribile

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO.

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. Allegato 2b VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. In questa memoria si analizzano le risultanze dello Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

CHIEDE l'autorizzazione IN VIA GENERALE per:

CHIEDE l'autorizzazione IN VIA GENERALE per: ALLEGATO 1 Al COMUNE DI... Ufficio Ambiente Via...n.... Oggetto: Domanda di AUTORIZZAZIONE IN VIA GENERALE per le emissioni in atmosfera provenienti da operazioni di tempra di metalli con consumo di olio

Dettagli

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA RAPPORTO AMBIENTALE E DATI SULLA GESTIONE DELL IMPIANTO ANNO 2012 1 INTRODUZIONE La realizzazione del presente Rapporto Ambientale nasce come strumento aziendale per promuovere e diffondere all esterno

Dettagli

Relazione annuale per l anno 2013 ai sensi del D.Lgs. 133/05 art. 15 comma 3 e del Decreto n. 5149 del 17/05/2010.

Relazione annuale per l anno 2013 ai sensi del D.Lgs. 133/05 art. 15 comma 3 e del Decreto n. 5149 del 17/05/2010. ACCAM S.P.A. Strada Comunale di Arconate 21052 Busto Arsizio Tel 0331-351560 Fax 0331-351780 COD FISC PIVA 00234060127 Relazione annuale art. 15 D.Lgs. 133/05 Pagina 1 di 17 Data: 18.06.2014 Relazione

Dettagli

Allegato 2: PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO

Allegato 2: PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO Allegato 2: PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO PREMESSA Nell Allegato II al D.M.31.01.05 Linee-guida recanti i criteri per l'individuazione e l'utilizzazione delle Migliori tecniche disponibili (ex art.

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE . COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE Allegato Delibera di Giunta Comunale n. 54 del 15.02.2010-1 - INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi

Dettagli

SAFETY DAY LA SICUREZZA NELLE ATTIVITA DI FONDERIA

SAFETY DAY LA SICUREZZA NELLE ATTIVITA DI FONDERIA SAFETY DAY LA SICUREZZA NELLE ATTIVITA DI FONDERIA Residui di fonderia: una risorsa non un problema Gualtiero CORELLI - Assofond Alessandro GIAMBANCO Omnisyst S.p.A. Castenedolo (BS), Giovedì 13 Marzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco 9/a 20186 MOTTA VISCONTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI (PIATTAFORMA

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI)

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti di stabilimento Opuscolo informativo Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti stabilimento Introduzione F.I.S.

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

Regione autonoma Valle d Aosta

Regione autonoma Valle d Aosta Regione autonoma Valle d Aosta Assessorato Territorio e Ambiente Affidamento in concessione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani della Valle d Aosta ALLEGATO TECNICO A1 Analisi della situazione

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI LIQUIDI

GESTIONE RIFIUTI LIQUIDI Pg. 1 di 5 IDENTIFICAZIONE DEL PRODUTTORE DEL RIFIUTO Denominazione e Ragione sociale della ditta: I P.IVA.: CODICE FISCALE: CODICE ISTAT/ATECO: Ubicazione ed indirizzo dell insediamento produttivo: CARATTERISTICHE

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA DATI GENERALI RIGUARDANTI IL SITO PRODUTTIVO Nome Azienda Sito produttivo/sede Ragione Sociale azienda Codice ISTAT N.ro Telefonico

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005 AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005 SISTEMA INFORMATIVO AMBIENTALE ANNO 2012 1 Zincatura Nazionale srl Stabilimento di Vigonovo (VE) Via Toniolo 32 Aprile 2013 1 Premessa La "Zincatura

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Rimini, 7 Novembre 2006 Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Relatore: M. Gugliotta Autori: V. Gerardi - M. Gugliotta M. X Cabibbo - G. Spina - F.Vanni Chi è e di cosa

Dettagli

Operazioni di smaltimento

Operazioni di smaltimento D1 Deposito sul o nel suolo (a esempio discarica) Operazioni di smaltimento D2 Trattamento in ambiente terrestre (a esempio biodegradazione di rifiuti liquidi o fanghi nei suoli) D3 Iniezioni in profondità

Dettagli

I sistemi di trattamento e smaltimento

I sistemi di trattamento e smaltimento SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MATERIALE DI APPROFONDIMENTO I sistemi di trattamento e smaltimento Impianti di selezione 1/2 Gli impianti di selezione si dividono in due tipologie: gli impianti per la

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO

PROGETTO DI RIPRISTINO REGIONE TOSCANA PROVINCIA LIVORNO IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI POTENZA 7,17 MWp Strada Loc. Forni Comune di Suvereto VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A V.I.A. "PROGETTO DEFINITIVO" RETE RINNOVABILE S.R.L. Via

Dettagli

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI SOMMARIO ATTIVITÀ DI PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE

Dettagli

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT ESPERIENZE INNOVATIVE IN ITALIA SUGLI ASPETTI DEPURATIVI: UN FOCUS SUI FANGHI Bologna, 22 ottobre 2014 FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT Ing. Marco ACRI Direttore Generale SOCIETÀ METROPOLITANA

Dettagli

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506*

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506* Descrizione rifiuto Codice CER Rifiuti liquidi pericolosi soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri - Acque 070501* di lavaggio di laboratorio solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed 070703*

Dettagli

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO -

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - Workshop UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - 16 EDIZIONE - Roma, 29-30 novembre 2012 IL PROCESSO DEMON PER IL PRETRATTAMENTO DEI

Dettagli