A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it"

Transcript

1 A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione copie Dicembre Ulteriori informazioni in merito ai percorsi diagnostico-terapeutici e ai sistemi di musura della qualità, utilizzati nel nostro ospedale, sono disponibili sul sito all ufficio qualità e all ufficio relazioni con il pubblico.

2

3 Gentile signora, gentile signore, pensando di fare cosa gradita e di pratica utilità, l azienda ospedaliera, Policlinico di Modena, ha prodotto la carta dei Servizi. Con questa pubblicazione è nostra intenzione darle informazioni generali, ed in parte specifiche, circa la nostra struttura ospedaliera e l organizzazione dell azienda Policlinico. Lo stato di malattia che può colpire noi stessi e i nostri cari, in alcuni casi comporta non poche difficoltà: il nostro auspicio è quello di aiutarla, al meglio delle nostre possibilità, a superare questi momenti. In questo opuscolo lei troverà in sintesi come si articola il nostro ospedale, in sostanza ciò che offriamo ai nostri utenti. Per perseguire questo obiettivo abbiamo bisogno anche della sua collaborazione: le chiediamo di evidenziare gli aspetti positivi, ma anche, e soprattutto, le parti che non funzionano, secondo la sua percezione, segnalandole all ufficio relazioni con il pubblico. Le chiediamo, altresì, comprensione nel valutare i bisogni di coloro che si trovano a vivere all interno del nostro ospedale: i malati, il personale medico ed infermieristico e tutti coloro che prestano la propria opera. Rivolgiamo infine, un ringraziamento particolare a Conad che attraverso il suo contributo ha reso possibile la pubblicazione di questa guida. La Direzione come si raggiunge l ospedale l informazione divisioni e servizi sanitari servizi per l ospitalità visite specialistiche ed esami il ricovero in ospedale la degenza in ospedale la dimissione dall ospedale

4 La Missione L Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena è un ospedale di insegnamento sede della facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università di Modena e Reggio Emilia, con la finalità di: Produrre ed erogare in modo efficiente, prestazioni sanitarie ed assistenziali, da quelle di base a quelle di alta complessità, di efficacia scientificamente dimostrata ed appropriate, avendo attenzione ai bisogni psicologici e sociali delle persone assistite; Garantire adeguati supporti assistenziali e attiva partecipazione alle attività di formazione della Facoltà di Medicina e Chirurgia; Favorire l attività di ricerca, con particolare riferimento a quella con significative e positive ricadute sull attività assistenziale e di formazione. L integrazione delle finalità e delle attività di assistenza, formazione e ricerca rappresenta un vantaggio competitivo ed un valore per lo sviluppo dell azienda, l eccellenza dei servizi prestati, l aggiornamento e la crescita professionale di tutti gli operatori. In questo modo l attività ospedaliera concorre al mantenimento e al miglioramento dello stato di salute della popolazione e allo sviluppo della conoscenza nel campo della medicina. L Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena è un istituzione economica pubblica senza scopo di lucro, dotata di autonomia, che persegue obiettivi di efficacia e di qualità dei servizi erogati nelle tre aree di attività con l efficiente utilizzo delle risorse. L Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena favorisce il coinvolgimento e l apporto delle associazioni di volontariato e delle rappresentanze dei cittadini.

5 il Policlinico di Modena in cifre mq di superficie mq di area verde mq di superficie totale 980 posti letto 11 dipartimenti 489 medici 63 capo-sala infermieri 268 operatori tecnici sanitari 462 operatori tecnici e ausiliari 273 amministrativi ricoveri degenza ordinaria day hospital interventi chirurgici accessi al pronto soccorso generale e specialistico prestazioni ambulatoriali e di laboratorio posti-auto alberi i servizi alberghieri sono forniti da

6 come si raggiunge l ospedale AUTOSTRADA Uscita Casello Modena Sud: percorrere la via Vignolese in direzione Modena, oltrepassare le località S. Donnino e S. Damaso, all incrocio con la Tangenziale, procedere dritto verso il Centro, attraversare altre due segnalazioni semaforiche e seguire il percorso obbligato svoltando a destra c è il Policlinico. PARCHEGGI ESTERNI A destra di Via Del Pozzo esistono 2 parcheggi: uno custodito ACI uno libero PARCHEGGI INTERNI all interno dell area del Policlinico si può accedere solo se autorizzati. L autorizzazione viene rilasciata, solo in casi particolari, all ingresso principale. Con il permesso ben esposto, è consentito parcheggiare la propria auto solo negli spazi delimitati. LINEE DEGLI AUTOBUS 7 dalla stazione dei treni al Policlinico 9 dalla stazione dei treni a via del Pozzo 4 fermata Via Marzabotto 12 fermata Via del Pozzo 19 fermata di fronte all Hotel Real Fini Via Emilia ATTENZIONE è permesso parcheggiare nell area del Policlinico solo se si è provvisti del permesso. Le auto sprovviste verranno rimosse. 6

7 l informazione NUMERO VERDE REGIONALE UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CENTRALINO (24 ore su 24) COMITATO CONSULTIVO MISTO IL POLICLINICO DI MODENA HA DUE PUNTI INFORMATIVI: Portineria centrale Atrio 1 Tel Poliambulatorio 1 Piano Corridoio centrale Tel Segnalazioni Reclami Rapporti con il pubblico L Azienda Policlinico è molto interessata a conoscere l opinione di chi utilizza i servizi. Chi desidera presentare reclami, elogi o suggerimenti può rivolgersi a: UFFICIO PER LE RELAZIONI CON IL PUBBLICO (URP) piano terra, ingresso 1, è aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.30, il sabato dalle 8.30 alle 13. Tel TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO situato al piano terra, ingresso 1, è aperto il lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì dalle 9 alle 13, martedì dalle alle Tel Ulteriori informazioni in merito ai percorsi diagnostico-terapeutici e ai sistemi di misura della qualità, utilizzati nel nostro ospedale, sono disponibili sul sito all ufficio qualità e all ufficio relazioni con il pubblico. 7

8 unità operative e servizi sanitari Anatomia patologica / Anestesia e Rianimazione Anestesia e Rianimazione Cardiologia Centro cefalee day hospital Chirurgia ambulatori polispecialistici Chirurgia Chirurgia Chirurgia d accettazione ed urgenza Chirurgia della mano e microchirurgia Chirurgia plastica e ricostruttiva Chirurgia pediatrica Chirurgia toracica Chirurgia vascolare Degenza post acuzie Dermatologia e venerologia Ematologia Endocrinologia e malattie del metabolismo Endoscopia digestiva Fisica sanitaria Gastroenterologia Genetica medica Ginecologia Laboratorio analisi chimico-cliniche Laboratorio endocrinologia Malattie apparato respiratorio (pneumologia) Malattie infettive Medicina Medicina Medicina Medicina d accettazione ed urgenza Medicina fisica e riabilitazione / Medicina legale / Medicina nucleare Medicina trasfusionale / Microbiologia Nefrologia e dialisi Neonatologia Neurochirurgia Neurologia Neuroradiologia /

9 unità operative e servizi sanitari Nido Oculistica Odontoiatria e chirurgia maxillo facciale Centro odontoiatrico per disabili Oncologia - Centro oncologico modenese Ortopedia e traumatologia Ostetricia e fisiopatologia della riproduzione Otorinolaringoiatria Pediatria Psichiatria Radiologia Radiologia Radioterapia oncologica Reumatologia Unità di ricovero a pagamento Unità di trapianto multiviscerale-fegato Urologia Tossicologia e farmacologia clinica Virologia Pronto soccorso SERVIZI VARI Camere ardenti Cassa ticket Centro interno di prenotazione (CIP) Centro unico di prenotazione (CUP) Dichiarazione nascite Farmacia Prenotazioni visite a pagamento Portineria centrale Posto di polizia Ufficio ricoveri a pagamento Ufficio rilascio cartelle cliniche

10 servizi per l ospitalità SERVIZI ALL INTERNO DELL OSPEDALE BAR Il bar interno è situato nell atrio principale, è aperto tutti i giorni dalle ore 5.30 alle Si possono consumare anche piatti caldi DISTRIBUTORI in tutti i piani sono disponibili distributori automatici di bevande e pasticceria confezionata BANCA Lo sportello Unicredit Banca è situato nell atrio ingresso 1, è aperto dal lunedì al sabato ore e TICKET Cassa per il pagamento di ticket e delle visite a pagamento; da lunedì a venerdì ore ; sabato ore POLIZIA Posto di polizia: atrio 1, adiacente al pronto soccorso tel lunedì ore ; martedì, mercoledì, giovedì, venerdì ore ; sab ore Domenica esclusa. TELEFONI, FAX, E.MAIL, INTERNET, FOTOCOPIE, RICARICA SCHEDE TELEFONICHE Atrio 1- di fronte alla portineria interna TELEVISIONI Tutte le camere sono dotate di TV. L utilizzo è a carico dei degenti. Negli atri principali sono presenti i distributori degli appositi gettoni. Per l ascolto è necessario indossare cuffie audio che potranno essere personali o acquistate negli appositi distributori. 10

11 servizi per l ospitalità SERVIZI ALL ESTERNO DELL OSPEDALE Ingresso principale del Policlinico, via del Pozzo. EDICOLA è aperta tutti i giorni dalle ore 6.00 alle ore ; chiusa a domeniche alterne. Il servizio è presente anche all interno del Policlinico. Tel TABACCHERIA è aperta tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 7.00 alle ore 21.00; sabato chiuso; domenica dalle ore 8.00 alle ore e dalle ore alle ore Tel FIORAIO è aperto lunedì, martedì, venerdì, sabato dalle ore 8.30 alle ore 20.00; giovedì e domenica ore mercoledì chiuso. Tel MERCERIA E aperta tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 19.30; sabato dalle ore 8.30 alle ore BAR/PIZZERIA E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 6.00 alle ore 22.00; sabato e domenica ore 7.00 alle ore Per motivi igienico sanitari l accesso non è consentito alle persone ricoverate al Policlinico. SELF-SERVICE aperto tutti i giorni dal lunedì al sabato dalle ore alle ore e domenica dalle ore alle ore Per motivi igienico sanitari l accesso non è consentito alle persone ricoverate al Policlinico. Tel FARMACIA Farmacia Comunale Via Vignolese n. 537, Farmacia Comunale Del Pozzo Via Emilia Est n. 416 POSTE Ufficio Postale Succursale n. 5 - Via Vignolese n. 546/548 11

12 visite specialistiche ed esami COME ACCEDERE Facilitare l accesso al cittadino nelle strutture ambulatoriali rappresenta un impegno prioritario del Policlinico di Modena. Per questo sono state adottate delle procedure che servono ad evitare la frammentarietà della erogazione delle prestazioni ed a fornire un servizio unitario. L accesso alle strutture ambulatoriali può avvenire: direttamente, senza la richiesta del medico di medicina generale, per le prestazioni a libero accesso : odontoiatria, oculistica (misurazione del visus), ostetricia e ginecologia, pediatria e psichiatria; con la richiesta del medico di medicina generale con la richiesta dello specialista. Lo specialista che esegue la visita ha diverse possibilità: consegna al paziente il referto con la diagnosi consegna al paziente il referto e prescrive direttamente la prima visita di controllo sull impegnativa o su apposita scheda di prescrizione ambulatoriale che servono al cittadino per fissare l appuntamento. In questo caso non si deve tornare dal medico di famiglia per la prescrizione della visita di controllo. Se lo specialista, al termine della visita, ritiene necessari ulteriori accertamenti per completare l iter diagnostico, prescrive direttamente gli esami necessari utilizzando l impegnativa o l apposita scheda di prescrizione. Il cittadino potrà così prenotare gli esami senza tornare dal medico di famiglia per la trascrizione. DAY SERVICE Per alcune tipologie di pazienti con problemi clinici complessi, ma non tanto da richiedere ricovero, è stato attivato un percorso particolare chiamato Day Service. In questo caso lo specialista ed il personale dell ambulatorio prende in carico il paziente e prenota direttamente gli esami necessari, concentrando gli appuntamenti per ridurre il numero degli accessi. Lo specialista, visti tutti gli esami, stilerà una relazione clinica conclusiva con le eventuali indicazioni terapeutiche. SE C E BISOGNO DI UN RICOVERO Le prestazioni necessarie per il ricovero e le prestazioni specialistiche post-dimissione vengono prescritte e programmate dalla struttura di ricovero. Il paziente non deve pagare alcun ticket e non vi è necessità di trascrizione da parte del medico curante. 12

13 il ricovero in ospedale TIPI DI RICOVERO Ricovero urgente: è disposto dal medico di guardia al Pronto Soccorso. Ricovero ordinario programmato: è disposto dal medico del reparto su proposta del medico ospedaliero, del medico di medicina generale, del medico di guardia medica territoriale, del medico specialista. Day-hospital: ricovero programmato a ciclo diurno, disposto dal medico di reparto. Day surgery: ricovero programmato a ciclo diurno, per interventi chirurgici. MODALITÀ DI RICOVERO Documenti per il ricovero documento di riconoscimento o codice fiscale tessera sanitaria tessera delle vaccinazioni effettuate eventuale documentazione clinica di cui si è già in possesso (radiografie, analisi, tracciati ecc.) Il certificato di ricovero è rilasciato, a richiesta dell interessato o di un parente, dall ufficio accettazione amministrativa, situato al piano terra, aperto tutti i giorni dalle ore 7.30 alle ore Negli orari di chiusura ci si può rivolgere alla portineria interna ingresso1. GARANZIE PER IL PAZIENTE I ricoveri sono programmati secondo criteri definiti in apposite procedure. La priorità è data ai casi urgenti. Il paziente può chiedere alla Direzione Sanitaria la verifica del registro delle prenotazioni. Al momento della prenotazione del ricovero verranno fornite tutte le informazioni necessarie. Al momento del ricovero saranno consegnate la Guida al Policlinico e la Carta di accoglienza. Il paziente e un familiare da lui indicato devono poter avere almeno un colloquio con il medico di riferimento (segnalato sulla carta di accoglienza) all inizio del trattamento e uno prima della dimissione. Tali colloqui si svolgeranno rispettando il diritto alla privacy, possibilmente in locali riservati. Ogni paziente deve essere messo a conoscenza del suo piano di cura individuato dai sanitari, al fine di condividerne le indicazioni. 13

14 il ricovero in ospedale CONSENSO INFORMATO Il paziente, in attesa di intervento chirurgico, o altra procedura invasiva, dovrà essere adeguatamente informato per firmare con consapevolezza il consenso scritto. Le decisioni relative alla cura dei minori sono assunte con il consenso dei genitori, e, se possibile, con il coinvolgimento del paziente. DIRITTO AD UNA SECONDA OPINIONE L ospedale garantisce la consulenza reciproca fra i vari specialisti operanti al suo interno. Il paziente ha diritto ad una seconda opinione da parte di specialisti esterni. Tali consulti esterni, organizzati dal paziente e a suo carico, dovranno essere preventivamente comunicati al medico di reparto. L AUTOTRASFUSIONE Vi è la possibilità di prelevare il proprio sangue e di conservarlo nel centro trasfusionale dell ospedale da utilizzarsi, nel caso se ne ravvisasse la necessità, durante l intervento chirurgico. Questa procedura, chiamata autotrasfusione, può evitare e ridurre infezioni o reazioni immunologiche. Per saperne di più è opportuno parlarne con il medico da cui si è seguiti, medico chirurgo o anestesista. RICERCA SCIENTIFICA L attività di ricerca clinica in ospedale viene effettuata secondo quanto previsto dalle convenzioni internazionali in materia. Il paziente che seglie di sottoporsi a esami o cure inserite in un protocollo di ricerca medica verrà informato dettagliatamente e gli sarà lasciato il tempo necessario per decidere. Il paziente dovrà fornire un consenso scritto. Non vi è alcun obbligo di partecipare alla ricerca medica; è una scelta del tutto volontaria che può essere interrotta in qualsiasi momento. Non potrà essere proposta al paziente alcuna ricerca medica che non sia stata approvata dal Comitato etico provinciale. 14

15 il ricovero in ospedale STRANIERI CON PERMESSO DI SOGGIORNO Gli stranieri che hanno ottenuto il permesso di soggiorno o ne hanno richiesto il rinnovo per: lavoro subordinato, anche stagionale, lavoro autonomo, motivi familiari, asilo politico, asilo umanitario, richiesta d asilo, attesa di adozione o affidamento, acquisizione della cittadinanza, motivi di salute e gli stranieri iscritti nelle liste di collocamento devono iscriversi al Servizio Saniatario Nazionale, presso il CUP dell Ausl della zona di residenza o di domicilio. STRANIERI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO Agli stranieri non iscritti al SSN e non in regola con le norme relative all ingresso e al soggiorno in Italia l assistenza sanitaria viene assicurata mediante un tesserino con il codice STP rilasciato dall Azienda Policlinico, che ha una validità di 6 mesi. Tale tesserino assicura le seguenti prestazioni: cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti e essenziali, anche continuative, per malattia e infortunio, i programmi di medicina preventiva, la tutela della gravidanza e della maternità, la tutela della salute dei minori, vaccinazioni obbligatorie, interventi di profilassi internazionale, profilassi, diagnosi e cura delle malattie infettive, cura e riabilitazione degli stati di tossicodipendenza. Lo straniero non iscritto al SSN deve pagare le tariffe per intero previste per le prestazioni sopra elencate a meno che sia privo di risorse economiche sufficienti e rilasci dichiarazione scritta relativa alla sua condizione di indigente. Nel caso il cittadino straniero sia privo di risorse economiche sufficienti, rilasciando una dichiarazione scritta relativa alla sua condizione di indigente potrà pagare solo il ticket previsto per legge. PERMESSO DI SOGGIORNO PER TURISMO Il cittadino in possesso di permesso di soggiorno per turismo è tenuto a stipulare una polizza assicurativa a copertura anche delle spese derivanti da eventuali prestazioni/ricoveri. In assenza di polizza assicurativa provvederà al pagamento degli oneri economici derivanti da ricoveri o prestazioni ambulatoriali. 15

16 il ricovero in ospedale COSA PORTARE IN OSPEDALE? Per l igiene personale sapone, spazzolino, dentifricio, carta igienica, asciugamani, pettine, rasoio; eventuale contenitore per protesi dentale; assorbenti igienici. Per l abbigliamento pigiama o camicia, vestaglia, biancheria intima, pantofole. Per i neonati le future mamme troveranno la scheda dettagliata per il corredino del neonato, ( presso il Nido al 6 piano). Per il vitto l ospedale fornisce tutto quanto necessario per i pasti principali. SI CONSIGLIA Se il ricoverato è lavoratore dipendente ricordi di chiedere, al momento del ricovero, il certificato da inviare al datore di lavoro. SI CONSIGLIA 1. Per motivi di spazio nelle stanze di degenza possono essere tenuti soltanto gli oggetti strettamente necessari. 2. Non tenere in camera oggetti di valore o somme di denaro non strettamente necessarie. 16

17 la degenza in ospedale Al momento dell ingresso in reparto viene consegnata la carta di accoglienza, contenente le informazioni relative all unità operativa in cui si è ricoverati. Il personale del reparto Direttore: ha la responsabilità complessiva del fuzionamento del reparto Medici Capo Sala: ha la responsabilità del buon funzionamento dell assistenza Infermieri Personale addetto alle attività alberghiere (operatori tecnici addetti all assistenza, ausiliari) sono inoltre presenti Medici in formazione specialistica Allievi infermieri Volontari i reparti si avvalgono anche di Assistenti Sociali Dietisti Tecnici sanitari Fisioterapisti SI CONSIGLIA Quando parlate con il personale, osservate il cartellino di riconoscimento che porta sulla divisa: conoscerete il suo nome e la qualifica. Viene garantita una continuità dell assistenza nell intero arco della giornata. Il personale infermieristico effettua assistenza personalizzata nelle 24 ore e individua i bisogni di ogni ricoverato. La frequenza degli interventi assistenziali dipende dalla complessità dei singoli casi. Il personale si impegna a rispondere velocemente alla chiamata del ricoverato e cercherà di risolvere il problema nel più breve tempo possibile. QUANDO IL PAZIENTE NON È AUTOSUFFICIENTE La presenza continua di familiari o altri deve essere autorizzata dalla Capo sala o dall ufficio infermieristico. L autorizzazione va registrata all ufficio Infermieristico (I piano-atrio 1), che rilascia il permesso da esporre sul comodino. 17

18 la degenza in ospedale QUANDO IL RICOVERATO È UN BAMBINO, la struttura permette di portare giocattoli e mette a disposizione una Sala Giochi e un Laboratorio espressivo, al 5 piano presso la Divisione di Pediatria, per le attività ricreative. Si ricorda inoltre che durante la degenza il bambino può seguire le attività scolastiche. Al 7 piano si trovano i poliambulatori specialistici di pediatria. PULIZIE La pulizia degli ambienti è affidata a personale di una ditta esterna che opera secondo procedure definite dall Azienda Ospedaliera. I PASTI La produzione e distribuzione dei pasti è affidata ad una ditta esterna che opera secondo procedure definite dall Azienda Ospedaliera. E possibile scegliere nell ambito del menù presentato, qualora non siano previste diete particolari. Il personale della ditta si informerà sulle vostre preferenze. REGOLE PER IL DEGENTE Per migliorare la sua permanenza in ospedale, e quella degli altri degenti, la preghiamo di attenersi alle seguenti regole: Le luci notturne sono spente di norma alle 21,30; per ovvie ragioni è richiesto il massimo silenzio nelle ore notturne. L orario di sveglia mattutino è stabilito all interno di ogni reparto, in funzione delle esigenze sanitarie del singolo paziente rispetto all attività dell ospedale. È sconsigliato mantenere in camera piante in vaso. ATTENZIONE AI CELLULARI L uso dei telefoni cellulari in ospedale, in alcuni casi, può creare disturbi al funzionamento delle apparecchiature. Rispettare i luoghi di divieto. SI CONSIGLIA l ospedale è luogo di divieto assoluto al fumo; ma ricordi che non fumare in ospedale e un gesto di rispetto verso i malati e di salute per lei. 18

19 la degenza in ospedale SICUREZZA L azienda ha attivato un sistema per la prevenzione e protezione dei lavoratori e dei pazienti secondo quanto previsto dalla Legge 626/94. È garantita la messa in atto di procedure per la sorveglianza e la prevenzione dei rischi relativi alle principali infezioni ospedaliere. OSPEDALE SENZA DOLORE Anche il Policlinico, come tutti gli altri Ospedali della Regione Emilia-Romagna, ha messo in campo specifici programmi per il trattamento del dolore. Nel nostro ospedale è presente un comitato OSPEDALE SENZA DOLORE che si propone di applicare le linee guida elaborate dal Ministero della salute e dall Assessorato regionale in materia di prevenzione del dolore, di favorire azioni di miglioramento nella pratica clinica per individuare l intevento giusto per ogni specifico problema. ASSISTENZA RELIGIOSA Il Policlinico ha tre cappelle di culto cattolico: Chiesa Parrocchiale (si accede dall atrio 3); Cappella presso il padiglione Pier Camillo Beccarla (COM) Cappella per le esequie, presso le Camere Ardenti. Il Parroco, Don Ilario Cappi, ed i Padri Cappellani sono reperibili ai numeri di telefono: e La loro abitazione è presso la Chiesa Parrocchiale. Nei reparti, i religiosi sono presenti dalle ore 9.00 alle ore e dalle ore alle ore di tutti i giorni. Orari delle Sante Messe Chiesa Parrocchiale: giorni feriali alle ore 7.30 e alle ore 19.00; festivi alle ore 8.30, alle ore e alle ore Santo Rosario tutti i giorni alle ore Cappella del padiglione Beccaria: solo al sabato alle ore Altri culti Nell atrio 1 è presente una bacheca che informa della disponibilità di altre religioni. 19

20 la dimissione dall ospedale Al momento della dimissione viene consegnata una relazione clinica completa, indirizzata al medico di famiglia, il quale potrà contattare i medici di reparto per ulteriori informazioni. DIMISSIONI PROTETTE La caposala dell unità operativa è responsabile dell attivazione del collegamento fra il paziente e i suoi familiari con il personale del reparto che si farà carico del paziente stesso; inoltre verificherà che siano state attuate disposizioni appropriate per la dimissione protetta. SERVIZI DI TRASPORTO PAZIENTI I pazienti ricoverati bisognosi di trasporto verso altri ospedali della provincia di Modena, case di cura e case protette, saranno trasportati, in accordo con Modena Soccorso, nel rispetto degli orari stabiliti e senza alcun onere a carico del paziente. Se il paziente richiede il servizio di trasporto a domicilio, la capo sala provvederà ad organizzare il trasporto. In questo caso l onere è a carico del paziente. DISTRIBUZIONE FARMACI Al momento della dimissione potrete ritirare gratuitamente i farmaci (di fascia A) prescritti nella lettera di dimissione. L'ambulatorio "Distribuzione farmaci ai pazienti in dimissione" si trova al piano terra (vicino al bar) è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 10,30 alle ore 16,30 e il sabato dalle ore 9.00 alle ore SI CONSIGLIA Alla dimissione ritirare i referti di esami consegnati al reparto, eseguiti prima del ricovero in Policlinico. 20

21 la dimissione dall ospedale I CERTIFICATI Il certificato di dimissione si richiede all ufficio accettazione amministrativa - Atrio 1, dalle ore 7.30 alle ore tutti i giorni; in altri orari, rivolgersi alla portineria interna. La fotocopia della cartella clinica può essere prenotata il giorno stesso della dimissione rivolgendosi all ufficio copia cartelle cliniche - Atrio 1, aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13.00, e il sabato dalle ore 8.30 alle ore La cartella può essere successivamente richiesta tramite fax al numero La cartella può essere ritirata a mano dall interessato o da persona da lui delegata con un documento di riconoscimento del titolare, oppure può essere spedita per posta. Il costo è di euro da pagare al momento della richiesta. Se viene richiesta la spedizione postale oltre al costo della cartella bisogna aggiungere euro 3.10 per spese di spedizione, da pagare in contrassegno al momento del ricevimento. La fotocopia della cartella clinica dovrà essere consegnata in un tempo non superiore ai 20 giorni. IL COMITATO CONSULTIVO Il Comitato Consultivo Misto ( C.C.M.) ha competenze consultive e di proposta, per ogni aspetto che riguardi la qualità delle prestazioni che vengono fornite agli utenti. È composto da rappresentanti delle Associazioni di Tutela e di Volontariato maggiormente impegnate in campo socio-sanitario e da rappresentanti designati dall Azienda. Il CCM ha il compito di: a assicurare i controlli di qualità nell ottica del cittadino, con riferimento ai percorsi di accesso ai servizi; promuovere l utilizzo di indicatori di qualità dei servizi definiti dalla Regione Emilia-Romagna, nell ottica degli utenti; sperimentare nuovi indicatori di qualità aziendali; presidiare le modalità di raccolta di segnalazioni, reclami ed elogi. 21

22 L attività svolta dai professionisti dell azienda ospedaliera Policlinico di Modena si ispira ai seguenti valori. EFFICACIA DELLA PRESTAZIONE L efficacia della prestazione rappresenta un valore che informa tutta l attività dei professionisti medici e orienta l azione di tutti gli altri operatori sanitari, tecnici, amministrativi. COMPETENZA PROFESSIONALE Nell Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena si tende all eccellenza delle competenze professionali, al loro continuo aggiornamento, al confronto con i luoghi dove si produce e si sviluppa conoscenza ed esperienza. L integrazione tra assistenza, didattica e ricerca rappresenta uno strumento e una opportunità di sviluppo delle competenze professionali di tutti gli operatori. COMUNICAZIONE ED EMPATIA L Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena come struttura che eroga servizi di assistenza, pone al centro delle proprie attività e delle proprie attenzioni il malato, i suoi bisogni psicoemotivi e socioculturali, il sistema familiare del paziente. Un analoga centralità assumono gli utenti dei servizi didattico-formativi: studenti e specializzandi. EQUITÀ E TRASPARENZA Si tratta di un valore che si concretizza nella trasparenza dei processi organizzativi, gestionali, decisionali, fondati su regole chiare e condivise. Significa altresì che l organizzazione, i sistemi gestionali, i comportamenti organizzativi di tutti, sono improntati all imparzialità e al rispetto della pari dignità di tutti gli utenti e di tutti gli operatori dell Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena.

23 VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMAE Nell Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena le persone e le loro competenze sono la risorsa strategica su cui si fonda la capacità e la possibilità di produrre e offrire i servizi sanitari, assistenziali, formativi e di ricerca. Si tratta di una organizzazione ad alta intensità di competenza che considera le risorse umane come un valore da gestire e da sviluppare con sistemi e strumenti appropriati e con modalità rispettose dei bisogni delle persone. EFFICIENZA L Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena in quanto istituzione pubblica, ha il dovere di fare un uso attento ed appropriato delle risorse economiche che le sono affidate, mantenendo un costante orientamento all efficacia delle prestazioni e alla soddisfazione dei suoi utenti. Rientra all interno del valore dell efficienza anche l obiettivo di fornire prestazioni rapide e tempestive. FLESSIBILITÀ L Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena è un organizzazione complessa coordinata da strutture, procedure, regole organizzative, professionali e tecniche che ne sovraintendono il funzionamento. All interno di tali regole è necessario che si sviluppi una capacità e una disponibilità di adattamento continuo e di orientamento dei comportamenti in funzione della variabilità delle situazioni, delle esigenze a cui rispondere e della risoluzione dei problemi. INTEGRAZIONE L orientamento al lavoro per processi e all efficacia delle prestazioni, richiede che vengano superate le barriere che spesso separano le diverse strutture e i servizi interni, ricercando l integrazione delle funzioni e garantendo un comune indirizzo agli obiettivi dell Azienda.

24

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Sac. Prof. Don Luigi Maria Verzé

Sac. Prof. Don Luigi Maria Verzé "A prescindere dalla professionalità, che nel San Raffaele dev'essere ammessa come scontata, è certo che il corredo dei valori, la carica del loro possesso nei medici, negli infermieri e nel complesso

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione CARTA DEI SERVIZI azienda caserta azienda caserta ospedaliera Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione progetto e redazione:

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

-Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana

-Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana -Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana Direttore Amministrativo Paolo Gennaro Torrico 59507 direttore.amministrativo O.I.V. Organismo Indipendente di Valutazione Direttore Generale

Dettagli

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE)

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE) aggiornata ad Ottobre 2014 Indice pag. n. aggiornata ad Ottobre 2014 sanitarie che vengono offerte. Esiste un patto di solidarietà e fiducia che lega le strutture del Servizio Sanitario pubblico e il cittadino:

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

INTRODUZIONE 7 Per avere informazioni sulla gestione della mia patologia e sul programma di Trapianto Polmonare a chi mi devo rivolgere?

INTRODUZIONE 7 Per avere informazioni sulla gestione della mia patologia e sul programma di Trapianto Polmonare a chi mi devo rivolgere? Policlinico S.Orsola-Malpighi S.Orsola-Malpighi Policlinico Guida al Trapianto di Polmone Orientarsi Supplemento d informazione a Diario di Bordo - Reg. Tribunale di Bologna n. 6759 del 31/12/97 n. 70

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio

MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio Azienda Ospedaliera di Padova Medicina Generale AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio IL REPARTO Telefono: 049 8212675 CARTA DI ACCOGLIENZA PER IL PAZIENTE

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE Versione 2.0 Aprile 2002 INDICE I.1 PREMESSA...5 I.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...5 I.2 DEFINIZIONI PRELIMINARI...6 II. IL

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Come utilizzare le prestazioni della polizza UNISALUTE

Come utilizzare le prestazioni della polizza UNISALUTE Come utilizzare le prestazioni della polizza UNISALUTE 1 Richiesta informazioni Contattare la Centrale Operativa di Unisalute dalle ore 8,30 alle 19,30 dal lunedì al venerdì 800.822.472 051.63.89.046 dall

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI A cura di Rossella Segurini Azienda Usl di Ravenna - U.O. Direzione Amministrativa dell Assistenza Distrettuale Procedimenti

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli