LINEE GUIDA SUI RIFIUTI SPECIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEE GUIDA SUI RIFIUTI SPECIALI"

Transcript

1 GUIDELINES ON IND. C&D Waste 5 PHARE TWINNING PROJECT RO2004/IB/EN-07 Implementation and enforcement of the environmental Acquis focussed on industrial waste management 5 LINEE GUIDA SUI RIFIUTI SPECIALI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Construction and demolition waste 2007

2 GUIDELINES ON IND. C&D Waste 5 A cura di: Anna Di Lauro, Sabrina Sicher Short Term Experts e Donatella Grimaldi Key Expert sui rifiuti: ARPA Liguria Giovanni Albezzano: stagista dell Università di Genova (Dip.Te.Ris) presso ARPAL Maurizio Varaglioti, Amedeo Fabbri, Carlo Sacco, Paolo Cinquetti: AMIU Genova S.p.A. Alla stesura di questa linea guida, hanno collaborato: Fica Boldea e Mirela Ghimpau: REPA della Regione Sud Est Aurelio Coppola: Resident Twinning Adviser Clara Oprea e Irinel Oprea: Twinning Office

3 INDICE 1. SCOPO E OBIETTIVI GLOSSARIO INQUADRAMENTO NORMATIVO Inquadramento normativo europeo Inquadramento normativo romeno LA PROBLEMATICA DI SETTORE IL CICLO PRODUTTIVO LE TIPOLOGIE DI RIFIUTI Rifiuti derivanti dalle attività di costruzione e demolizione di edifici e infrastrutture INQUADRAMENTO AMBIENTALE Rifiuti pericolosi da C&D Amianto Piombo Impatti diretti e indiretti GESTIONE DEI RIFIUTI Gestione rifiuti da costruzione e demolizione edifici Gestione rifiuti da attività di demolizione e costruzione strade SOLUZIONI TECNICHE E TECNOLOGIE INDIVIDUATE PER LA RIDUZIONE ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DI EDIFICI La demolizione selettiva Demolizione controllata Impianti di riciclaggio dei rifiuti inerti SOLUZIONI TECNICHE E TECNOLOGIE INDIVIDUATE PER LA RIDUZIONE ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DI STRADE Recupero a freddo Impianto fisso Impianto mobile (in situ) Recupero a caldo COSTI E RISPARMI Parametri determinanti per l'investimento La localizzazione dell impianto Analisi della concorrenza Analisi delle condizioni di mercato Stima dei costi dei macchinari per il trattamento di rifiuti inerti Stima dei costi di smaltimento dei rifiuti C&D BIBLIOGRAFIA ALLEGATI CASO STUDIO 1: INERTECO SRL Santo Stefano Magra (SP) Liguria Italy CASO STUDIO 2: VAL VARENNA AMIU (Ge) Liguria Italy

4 1. SCOPO E OBIETTIVI La linea guida si propone di fornire una descrizione il più esaustiva possibile della problematica connessa con la produzione e la gestione di rifiuti nel settore delle costruzioni e demolizioni. Partendo dalla conoscenza del settore e delle problematiche ambientali ad esso connesse (con particolare riferimento ai rifiuti) ed in linea con le strategie ed i principi della normativa comunitaria e rumena, l obiettivo principale della linea guida è quindi rappresentato dall individuazione degli elementi informativi necessari per completare, insieme alle altre linee guida settoriali, l implementazione di un corretto sistema di gestione dei rifiuti industriali in Romania. La problematica è stata quindi analizzata in tutti gli aspetti, normativi e tecnologici, per arrivare a fornire una serie di soluzioni tecniche e gestionali specifiche. 2. GLOSSARIO C&D: Rifiuti da costruzione e demolizione (C&DW) ANPAR: Associazione Nazionale Produttori Aggregati Riciclati AGGREGATI RICICLATI: materiali risultanti dal trattamento degli inerti CONGLOMERATO BITUMINOSO: materiale derivante dalla scarifica del manto stradale BITUMI (per uso stradale): miscele di idrocarburi ad alto peso molecolare (viscosi) derivanti dalla lavorazione del petrolio. (Bitumen) FRESATURA: operazione che consiste nell asportazione di materiale (sotto forma di truciolo) attraverso un movimento rotatorio della fresa associata ad un movimento di avanzamento affidato al pezzo in lavoro o all utensile stesso. FRESA: utensile di rotazione dotato di un numero definito di taglienti, i quali entrano in contatto in maniera sequenziale con il pezzo in lavorazione. FRESATO: materiale derivante dalle operazioni di fresature. LEGANTE: Sostanza usata per fissare tra di loro i maniera definitiva corpi diversi. (Binder) DEFERRIZZATORE: macchinario la cui funzione è quella di separare i materiali metallici, in particolare ferrosi, da una massa eterogenea. VAGLIO: macchinario che permette di separare materiale di granulometria differente. 2

5 3. INQUADRAMENTO NORMATIVO 3.1 Inquadramento normativo europeo Nel seguito verrà riportato sinteticamente l'elenco dei principali riferimenti normativi in ambito europeo relativi alla problematica dei rifiuti. Direttiva 99/31/CE Direttiva del Consiglio del 26 aprile 1999 relativa alle discariche dei rifiuti. Decisione 2000/532/CE (nuovo Catalogo Europeo dei Rifiuti) e ss.mm.ii. Decisione della Commissione del 3 maggio 2000 che sostituisce la Decisione 94/3/CE che istituisce un elenco di rifiuti conformemente all'articolo 1, lettera a), della Direttiva 75/442/CEE del Consiglio relativa ai rifiuti e la Decisione 94/904/CE del Consiglio che istituisce un elenco di rifiuti pericolosi ai sensi dell'articolo 1, paragrafo 4, della Direttiva 91/689/CEE del Consiglio relativa ai rifiuti pericolosi. Decisione 2003/33/CE Decisione del Consiglio del 19 dicembre 2002 che stabilisce criteri e procedure per l'ammissione dei rifiuti nelle discariche ai sensi dell'art. 16 dell'allegato II della Direttiva 1999/31/CE. Direttiva 2006/12/CE Direttiva del Consiglio e del Parlamento Europeo del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti. 3.2 Inquadramento normativo romeno Legge 27/2007 che modifica e approva l ordinanza di urgenza n. 61/2006 riguardante il regime dei rifiuti. Ordinanza 2/211/118/2004 riguardante la regolamentazione e il trasporto de rifiuti. Attualmente (giugno 2007) un gruppo di lavoro rumeno, guidato dal ministero dell ambiente, sta elaborando un ordinanza specifica sulla gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione. 3

6 4. LA PROBLEMATICA DI SETTORE La quantità di rifiuti C&D prodotti in Romania nell anno 2005 è di tonnellate; la quantità per abitante anno è di circa 25 kg/abitante anno, contro una media europea di 480 kg/abitante anno. L elevata differenza di quantità può essere dovuta in parte ad una scarsa attività di costruzione e ristrutturazione negli anni passati ed in parte ad una sotto stima, non essendo ancora regolamentata in Romania la gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione; comunque tale quantità è destinata ad aumentare nei prossimi anni a causa di un aumento dell attività di costruzione, ristrutturazione e demolizione. La legislazione rumena prevede, (legge 27/07, art comma 1 e 2) che siano i produttori di rifiuti a trasportare i rifiuti C&D in un sito indicato dal comune territorialmente competente. Gli agenti economici che prevedono di demolire e/o costruire un edificio presentano una richiesta al Comune. Per ottenere l autorizzazione devono preventivamente ottenere dei pareri da parte di tutti i soggetti coinvolti (gestore del gas, gestore della rete elettrica, LEPA,.). La LEPA per ogni domanda effettua un sopralluogo nel sito e analizza la documentazione presentata. Se l attività non presenta impatti ambientali la LEPA rilascia una scheda tecnica che viene valutata all interno della commissione per l accordo unico, cui partecipano tutti i soggetti interessati, insieme a tutti gli altri pareri pervenuti. Sulla base dell accordo unico il Comune rilascia l autorizzazione. Nel caso in cui l attività presenta impatti ambientali, la LEPA redige un accordo ambientale funzionale al rilascio dell autorizzazione da parte del comune. Il Comune, nell autorizzazione, individua i siti di stoccaggio e ne indica anche la capienza massima. In Romania non esistono né impianti dedicati al recupero e/o smaltimento dei rifiuti da costruzione e demolizione né discariche ad hoc. 5. IL CICLO PRODUTTIVO L analisi dei flussi dei rifiuti da costruzione e demolizione è molto complessa perché, come schematizzato nella figura seguente, questo tipo di rifiuto viene prodotto da settori diversi, e segue destini a loro volta difficilmente quantificabili, in quanto non tutti monitorati a livello nazionale e spesso contabilizzati in maniera scorretta. 4

7 Figura 5.1: flussi dei rifiuti da C&D In particolare la produzione dei rifiuti da C&D può derivare da almeno quattro settori: 1. Attività di costruzione e demolizione 2. Attività di costruzione e demolizione abusiva 3. Attività di microristrutturazioni domestiche svolte in conto proprio 4. Atre attività (es: scarifica stradale, ) Per quanto riguarda le attività di demolizione di edifici o parti di essi contenenti amianto, e le relative operazioni di trattamento e smaltimento di rifiuti derivati, si rimanda alla linea guida sui Rifiuti contenenti Asbesto. 6. LE TIPOLOGIE DI RIFIUTI 6.1 Rifiuti derivanti dalle attività di costruzione e demolizione di edifici e infrastrutture L elenco, riportato in tabella 6.1, comprende: i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione, aventi codici CER 17, escluso il terreno proveniente da siti contaminati in quanto regolato dalla specifica norma sulle bonifiche; i rifiuti, aventi codici CER diversi dai 17, che possono essere prodotti nelle normali attività di costruzione e demolizioni (esempio, i rifiuti da imballaggi); i rifiuti speciali pericolosi derivanti da attività di costruzione e demolizione, singolarmente individuati e regolamentati, come ad esempio l'amianto in matrice cementizia o polimerica; i rifiuti da attività di scarifica stradale. 5

8 CODICE CER DESCRIZIONE 17 RIFIUTI DELLE OPERAZIONI DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE (COMPRESO IL TERRENO PROVENIENTE DA SITI CONTAMINATI) 1701 CEMENTO, MATTONI, MATTONELLE E CERAMICHE Cemento Mattoni Mattonelle e ceramica * Miscugli o scorie di cemento, mattoni, mattonelle o ceramiche, contenenti sostanze pericolose Miscugli o scorie di cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche, diverse da quelle di cui alla voce LEGNO, VETRO E PLASTICA Legno Vetro Plastica * Vetro, plastica e legno contenenti sostanze pericolose o da esse contaminati 1703 MISCELE BITUMINOSE, CATRAME DI CARBONE E PRODOTTI CONTENENTI CATRAME * Miscele bituminose contenenti catrame di carbone Miscele bituminose diverse da quelle di cui alla voce * Catrame di carbone e prodotti contenenti catrame 1704 METALLI (INCLUSE LE LORO LEGHE) Rame, bronzo, ottone Alluminio Piombo Zinco Ferro e acciaio Stagno Metalli misti * Rifiuti metallici contaminati da sostanze pericolose * Cavi impregnati di olio, di catrame, di carbone o di altre sostanze pericolose 6

9 CODICE CER DESCRIZIONE Cavi, diversi da quelli di cui alla voce TERRA (COMPRESO IL TERRENO PROVENIENTE DA SITI CONTAMINATI), ROCCE E FANGHI DI DRAGAGGIO * Terra e rocce contenenti sostanze pericolose Terra e rocce diverse da quelle di cui alla voce * Fanghi di dragaggio contenenti sostanze pericolose Fanghi di dragaggio diversi da quelli di cui alla voce * Pietrisco per massicciate ferroviarie contenente sostanze pericolose Pietrisco per massicciate ferroviarie diverso da quello di cui alla voce MATERIALE ISOLANTE * Materiali isolanti contenenti amianto * Altri materiali isolanti contenenti o costituiti da sostanze pericolose Materiali isolanti diversi da quelli di cui alle voci e * Materiali da costruzione contenenti amianto 1708 MATERIALI DA COSTRUZIONE A BASE DI GESSO * Materiali da costruzione a base di gesso contaminati da sostanze pericolose Materiali da costruzione a base di gesso diversi da quelli di cui alla voce ALTRI RIFIUTI DELL'ATTIVITÀ DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE * Rifiuti dell'attività di costruzione e demolizione contenenti mercurio * Rifiuti dell'attività di costruzione e demolizione contenenti PCB (ad es. sigillanti contenenti PCB, pavimentazioni a base di resina contenenti PCB, elementi stagni in vetro contenenti PCB) * Altri rifiuti dell'attività di costruzione e demolizione (compresi rifiuti misti) contenenti sostanze pericolose Rifiuti dell'attività di costruzione e demolizione diversi da quelli di cui alle voci , e IMBALLAGGI (COMPRESI I RIFIUTI URBANI DI IMBALLAGGIO OGGETTO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA) Imballaggi di carta e cartone Imballaggi in plastica Imballaggi in legno 7

10 CODICE CER DESCRIZIONE Imballaggi metallici Imballaggi in materiali compositi Imballaggi in materiali misti Imballaggi in vetro Imballaggi in materia tessile * Imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose o contaminati da tali sostanze * Imballaggi metallici contenenti matrici solide porose pericolose (ad esempio amianto), compresi i contenitori a pressione vuoti 2003 ALTRI RIFIUTI URBANI Rifiuti urbani indifferenziati (inerti domestici) Tabella 6.1: rifiuti derivanti dalle attività di costruzione e demolizione di edifici e infrastrutture catalogati secondo il proprio codice CER 7. INQUADRAMENTO AMBIENTALE La composizione dei rifiuti da C&D risulta molto variabile [Jakobsen, 1992; Bressi, 1992; Rigamonti, 1995], sia per la diversa origine dei rifiuti, sia per molteplici fattori quali le tipologie e le tecniche costruttive locali, il clima, l attività economica e lo sviluppo tecnologico della zona, nonché le materie prime e i materiali da costruzione localmente disponibili. A livello semplicemente esplicativo, si riporta in tabella 7.1 le composizioni percentuali medie del rifiuto di demolizione in Italia. Categoria di rifiuto % in peso sul totale Calcestruzzo 30.0 Calcestruzzo non armato 10.0 Calcestruzzo armato 20.0 Laterizio (tegole, mattoni, forati) 50.0 Asfalti 5.0 Scavi Carta e cartone Metallo 3.0 Varie Tabella 7.1: composizione percentuale media in peso del rifiuto da demolizione in Italia. 8

11 7.1 Rifiuti pericolosi da C&D L esatta composizione merceologica dei rifiuti di demolizione è un dato fondamentale per la corretta progettazione delle diverse fasi di trattamento. E importante sottolineare che la presenza di impurezze nel materiale in ingresso agli impianti di recupero (gesso, asfalto, legno, gomma, plastica, etc.) ne limita le possibilità d impiego dopo il trattamento e/o condiziona la scelta della tecnologia di riciclaggio da adottare. Possono inoltre essere presenti anche alcune sostanze pericolose, quali asbesto, cromo, cadmio, zinco, piombo, mercurio e PCB, contenute in alcuni materiali da costruzione o derivanti da demolizioni di siti contaminati, ma tali materiali si trovano in percentuali abbastanza ridotte. In Gran Bretagna si è stimato, per esempio, che solo l 1% circa dei rifiuti da C&D è pericoloso [Symonds Travers Morgan/ARGUS, 1995]. La rimozione dei materiali pericolosi è di fondamentale importanza per poter ottenere, dal processo di demolizione, materiali non contaminati che possano essere facilmente avviati al riciclo. Alcune sostanze rilasciate durante la demolizione possono infatti contaminare non solo gli altri rifiuti da C&D, ma anche penetrare nell atmosfera o nel terreno, oltre ad esporre a rischi gli operatori che eseguono la demolizione. In un processo di demolizione corretto, quindi, i materiali potenzialmente pericolosi devono essere rimossi per primi, per due motivi fondamentali: 1. fin tanto che i materiali sono riconoscibili e possono essere rimossi manualmente, i rischi per gli addetti ai lavori saranno minori; 2. la rimozione dei materiali contenenti sostanze pericolose permette di avere rifiuti C&D non contaminati da sostanze nocive, quindi riciclabili con maggiore facilità e riconducibili alla tipologia dei rifiuti non pericolosi, con i vantaggi normativi che ciò comporta. I materiali ed i prodotti utilizzati in edilizia possono emettere composti altamente tossici (cancerogeni o allergenici), composti irritanti e composti con sconosciute proprietà tossiche. In generale i materiali ed i prodotti edilizi possono rilasciare i seguenti inquinanti: inquinanti di natura fisica: radon e prodotti di decadimento; composti organici volatili e semivolatili, in particolare formaldeide, solventi organici aromatici e antiparassitari; inquinanti biologici: funghi, muffe, batteri; fibre minerali naturali e artificiali: amianto, lana di vetro, lana di roccia. 9

12 I tipi di pericolosità che si possono avere nei rifiuti da C&D sono riassunti in Tabella 7.2. Rifiuti 1 Alcuni rifiuti da costruzione e demolizione sono pericolosi perché i materiali usati contengono un alta proporzione di materiali considerati pericolosi. 2 Alcuni materiali diventano pericolosi come risultato della lunga permanenza nell ambiente in cui si trovano. 3 Alcuni rifiuti da costruzione e demolizione diventano pericolosi sotto particolari condizioni. 4 Alcuni rifiuti da costruzione e demolizione diventano pericolosi se contaminati con materiali pericolosi sono lasciati e/o mescolati in essi. Tabella 7.2: tipi di pericolosità nei rifiuti da C&D Esempi Amianto, piombo, catrame, vernice e residui conservativi, adesivi, agenti leganti e certi tipi di plastica Reazione superficiale tra i materiali da costruzione in origine non pericolosi e gli agenti chimici trasportati dall inquinamento Travi di legno trattate (con resine e/o con antiparassitari) se bruciate emettono gas tossici Lattine di vernice a base di piombo rovesciate su una pila di macerie che rendono queste ultime un rifiuto pericoloso In Tabella 7.3 sono riassunti i materiali pericolosi o potenzialmente pericolosi che si possono incontrare comunemente sui luoghi di demolizione o di costruzione. Di seguito viene proposta un analisi dei principali componenti pericolosi che si possono trovare nei rifiuti da C&D. Prodotto/materiale Componenti potenzialmente Proprietà potenzialmente Trattamenti e/o opzioni di smaltimento pericolosi pericolose Amianto Fibre Tossico, cancerogeno Rimuovere sotto condizioni controllate per smaltimento speciale Tubazioni Piombo Tossico Riciclo, rimozione per smaltimento speciale Vernici Piombo, cromo, vanadio, solventi Infiammabile, tossico Se legati al substrato possibile basso impatto; in forma di prodotto alto impatto. Fumi tossici se bruciati Additivi del cemento Soventi idrocarburi Infiammabile Ritorno al fornitore, riciclo, rimozione per smaltimento speciale Impermeabilizzanti, Solventi, bitumi Infiammabile, tossico Ritorno al fornitore, incatramenti riciclo, rimozione per smaltimento speciale; Trattare prima di smaltire 10

13 Prodotto/materiale Componenti potenzialmente Proprietà potenzialmente Trattamenti e/o opzioni di smaltimento pericolosi pericolose Adesivi Solventi, bitumi Infiammabile, tossico, Ritorno al fornitore, irritante riciclo, rimozione per smaltimento speciale; Trattare prima di smaltire; Cercare prodotti alternativi meno pericolosi Mastici/sigillanti Soventi, isocianati Infiammabile, tossico Ritorno al fornitore, riciclo, rimozione per smaltimento speciale; Trattare prima di smaltire; Cercare prodotti alternativi meno pericolosi; Usare acqua Legno trattato Fibre respirabili Tossico, ecotossico, Riciclo; Basso impatto infiammabile per componenti pericolosi legati al legno; Produzione fumi tossici e residui per incenerimento Fibre minerali Fibre respirabili Irritante pelle e polmoni Rimuovere per smaltimento speciale Resine/riempitivi Isocianati, anidridi Tossico, irritante Ritorno al fornitore, riciclo, rimozione per smaltimento speciale Pavimentazioni in Catrame, asfalto, Infiammabile, tossico Riciclare se trattati e conglomerati bituminosi solventi bassa pericolosità. Se presenti solventi e se è alta la pericolosità separare per lo smaltimento Lastre in cartongesso Possibile fonte di Infiammabile, tossico Ritorno al fornitore, idrogeno sulfureo riciclo, rimozione per smaltimento speciale Tabella 7.3: elementi potenzialmente pericolosi nei rifiuti da costruzione e demolizione 11

14 Tra i componenti pericolosi sopra elencati, quelli che sono caratterizzati da un impatto ambientale e sanitario elevato e sono presenti in quantità più rilevanti negli edifici da demolire, sono l amianto e il piombo, di cui viene riportato nel seguito una breve valutazione Amianto Esistono pochi materiali diffusi come l amianto ed altrettanto pericolosi per la salute dell uomo. La conferma della sua cancerogenicità risale agli anni 50 e 60, mentre il divieto totale di produzione in Italia è intervenuto solo nel Le caratteristiche dell amianto hanno fatto sì che nel passato sia stato largamente utilizzato in edilizia. L utilizzazione più diffusa è stata certamente quella dell impasto con cemento e/o con bitume (fibrocemento, nome commerciale Eternit), con il quale era possibile realizzare numerosi manufatti quali: lastre piane o ondulate; tubi; tegole; canne fumarie; serbatoi; intonaci; impermeabilizzazioni. La pericolosità dei materiali di amianto dipende dall eventualità che siano rilasciate nell ambiente fibre aerodisperse che possono venire inalate. Il criterio più importante da valutare in tal senso è rappresentato dalla friabilità dei materiali. I materiali friabili infatti possono liberare spontaneamente fibre per la scarsa coesione interna (soprattutto se sottoposti a fattori di deterioramento quali vibrazioni, correnti d aria, infiltrazioni di acqua) e possono essere facilmente danneggiati nel corso di interventi di manutenzione. In base alla friabilità i materiali contenenti amianto possono quindi essere classificati come: friabili: i materiali che possono essere sbriciolati o ridotti in polvere mediante la semplice pressione delle dita compatti: materiali duri che possono essere ridotti in polvere solo con l impiego di attrezzi meccanici ( dischi abrasivi, frese, trapani ). 12

15 Nella Tabella 7.4 vengono schematicamente indicati i principali materiali che possono essere presenti negli edifici, con le loro caratteristiche di contenuto di amianto e friabilità. Tipo di materiale Note Friabilità Ricoprimenti a spruzzo e Fino all 85% circa di amianto. Elevata rivestimenti isolanti Spesso Anfiboli (amosite, crocidolite), prevalentemente amosite spruzzata su strutture portanti di acciaio o su altre superfici come isolante termo acustico. Rivestimenti isolanti di tubazioni o caldaie Per rivestimenti di tubazioni tutti i tipi di amianto, talvolta in miscela Elevato potenziale di rilascio di fibre se i rivestimenti non sono al 6-10% con silicati di calcio. In ricoperti con strato sigillante tele, feltri, imbottiture in genere uniforme e intatto. al 100%. Funi, corde e tessuti In passato sono stati usati tutti i tipi di amianto. In seguito solo crisotilo al 100%. Possibilità di rilascio di fibre quando grandi quantità di materiali vengono immagazzinati. Cartoni, carte e prodotti affini Generalmente solo crisotilo al 100% Sciolti e maneggiati, carte e cartoni, non avendo una struttura molto compatta, sono soggetti a facili abrasioni ed a usure Prodotti in cemento-amianto Attualmente il 10 15% di Possono rilasciare fibre se abrasi, amianto in genere crisotilo. segati, perforati o spazzolati, Crocidolite e amosite si ritrovano oppure se deteriorati in alcuni tipi di tubi e di lastre Prodotti bituminosi, mattonelle di vinile con intercapedini di carta di amianto, mattonelle e pavimenti Dallo 0.5 al 2% per mastici, sigillanti, adesivi, al 10-25& per pavimenti e mattonelle vinilici Improbabile rilascio di fibre durante l uso normale. Possibilità di rilascio di fibre se tagliati, abrasi o perforati vinilici, PVC e plastiche rinforzate ricoprenti e vernici, mastici, sigillanti, stucchi adesivi contenenti amianto Tabella 7.4: principali materiali presenti negli edifici, relativo contenuto in amianto e tipo di friabilità L'amianto rappresenta un pericolo per la salute a causa delle fibre di cui è costituito e che possono essere inalate. L'esposizione a fibre di amianto è associata a malattie dell'apparato respiratorio (asbestosi, carcinoma polmonare) e delle membrane sierose, principalmente la pleura (mesoteliomi). Esse insorgono dopo molti anni dall'esposizione: da per l'asbestosi ad 13

16 anche per il carcinoma polmonare ed il mesotelioma. I rifiuti contenenti amianto devono essere trattati separatamente e smaltiti in discariche controllate. Per le specifiche gestionali si rimanda alla Linea Guida sulle discariche Piombo Come tutti i metalli anche il Piombo è caratterizzato da conducibilità termica ed elettrica, durezza e resistenza meccanica. Presenta inoltre un alto grado di lavorabilità; è infatti malleabile e duttile, per cui risulta indicato per rivestimenti e per la realizzazione di elementi di forma complessa. Il Piombo colpisce tutti i sistemi all interno del corpo. Ad alte concentrazioni può causare convulsioni, coma ed anche la morte. A bassi livelli può invece avere effetti deleteri sul cervello, il sistema nervoso centrale, le cellule sanguigne ed i reni. I tessuti giovani, sempre molto vulnerabili, risultano particolarmente sensibili all esposizione del Piombo. Per questo motivo i feti ed i bambini piccoli esposti a questa sostanza sviluppano effetti dannosi che si manifestano con ritardi nello sviluppo fisico e mentale e con problemi comportamentali durante la crescita. Nel settore delle costruzioni l impiego del Piombo è andato diminuendo nel tempo e, dopo l emanazione della direttiva 605/82/CEE, il suo utilizzo è ancora più limitato. Dal momento però che è stato utilizzato per secoli è opportuno citare gli impieghi più usuali nelle costruzioni, visto e considerato che si possono incontrare in fase di demolizione: lastre, fogli, bandelle impiegate come elementi di copertura; tubazioni e scarichi di apparecchi igienico sanitari; elementi di completamento di abbaini, lucernari, camini; isolante acustico nei muri e nei solai. 7.2 Impatti diretti e indiretti Gli impatti ambientali diretti sia dell attività di costruzione e demolizione che di quella di trattamento di rifiuti derivanti da tale attività sono rappresentati dal: Rumore, mitigabile tramite barriere fonoassorbenti; Produzione di polveri, mitigabile attraverso la bagnatura del materiale detritico. Inoltre tali attività causano l aumento del traffico indotto nell area limitrofa all impianto. Per tutti questi motivi, l impianto di trattamento dei rifiuti C&D dovrebbe essere situato in una zona sufficientemente lontana dal centro abitato e servita da una rete stradale efficiente ed agevole per i mezzi che trasportano questi materiali (in genere autocarri di modeste dimensioni). 14

17 8. GESTIONE DEI RIFIUTI In questi ultimi anni la crescente attenzione alle problematiche ambientali ha reso sempre più difficoltoso il prelievo da cave naturali degli inerti e, nel contempo, sempre più restrittiva la regolamentazione per la gestione delle discariche di rifiuti. Per tale motivo gli aggregati riciclati da attività di costruzione e demolizione stanno rapidamente diventando un materiale di grande interesse per le costruzioni civili. Questo è essenzialmente dovuto al fatto che in generale negli anni trascorsi si è sempre più incentivato l utilizzo delle risorse naturali, pensando di poter disporre di una riserva illimitata di materie prime, senza considerare invece che i rifiuti derivanti dalle attività di costruzione e demolizione potessero rappresentare un effettivo problema di smaltimento. E chiaro come questo comportamento oggi non sia più sostenibile, in quanto: La domanda di aggregati ha generato forti impatti sul territorio a causa di una attività estrattiva che con molta difficoltà riesce ad essere pianificata e regolamentata; Il notevole quantitativo di rifiuti proveniente dal settore edile ha generato una domanda di impianti di smaltimento difficile da soddisfare e ha comportato inoltre il frequente abbandono in discariche abusive; L utilizzo della discarica deve essere considerato come ultima soluzione, privilegiando tutte le azioni possibili per recuperare risorse disponibili dalla gestione dei rifiuti stessi. Si è quindi giunti alla consapevolezza che lo smaltimento in discarica ai livelli attuali è un opzione difficilmente sostenibile per il futuro, e per tale motivo si cerca di limitarlo attraverso l adozione di opportuni strumenti politici ed economici. Sviluppare e approfondire la strada del riciclo dei rifiuti da costruzione e demolizione risulta quindi essere una questione estremamente importante. Dal punto di vista ambientale infatti il riutilizzo degli scarti edilizi e stradali oltre che a ridurre gli spazi da destinare alle discariche autorizzate permette anche un notevole risparmio dei materiali tradizionali di cava, mentre dal punto di vista economico l impiego dei materiali riciclati al posto dei materiali vergini, i quali stanno raggiungendo costi estremamente elevati, risulta essere anno dopo anno una soluzione estremamente vantaggiosa. Al fine di incentivare lo sviluppo della cultura del riciclaggio dei rifiuti da costruzione e demolizione in alcuni Paesi sono state attuate opportune scelte di carattere politico-economico (piani di gestione dei rifiuti, fissazioni di obiettivi di riciclaggio, sostegno dei nuovi mercati, etc.), che come risulta dalla Tabella 8.1 hanno generato una percentuale media di recupero estremamente più elevata rispetto a quella relativa ai Paesi in cui mancano interventi specifici di questo tipo. 15

18 Stato membro Produzione di rifiuti da % materiale conferito C&D (in migliaia di % materiale riciclato in discarica tonnellate) Germania Gran Bretagna Francia Italia Spagna 13 <5 >95 Olanda Belgio Austria Portogallo 3 <5 >95 Danimarca Grecia 2 <5 >95 Svezia Finlandia Irlanda 1 <5 >95 Lussemburgo Tabella 8.1: produzione di rifiuti da costruzione e demolizione nei Paesi Membri e relative percentuali di riciclaggio e conferimento in discarica 16

19 8.1 Gestione rifiuti da costruzione e demolizione edifici Figura 8.1: gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione. Fonte: ANPAR (Associazione Nazionale Produttori Aggregati Riciclati) - Italia 17

20 Come si evidenzia dalla figura soprastante i rifiuti da costruzione e demolizioni di edifici hanno due possibili destinazioni: smaltimento in discariche per rifiuti inerti (vedasi le indicazioni riportate nella linea guida sulle discariche); recupero di materiale per la produzione di materiali utilizzabili per sottofondi stradali, riempimenti, ripristini ambientali (cfr. capitolo 9). 8.2 Gestione rifiuti da attività di demolizione e costruzione strade Negli ultimi anni, una sempre più elevata sensibilità nei confronti delle tematiche ambientali ha portato anche in campo stradale verso un riutilizzo o riuso dei materiali bituminosi, un tempo semplicemente scartati. Le pavimentazioni stradali flessibili nel corso della loro vita utile si deteriorano a causa delle azioni del traffico, dei fattori climatici (umidità, ripetute variazioni di temperatura, radiazioni ultraviolette) e di difetti di progettazione delle miscele e di errori di stesa. Per ripristinare l integrità di queste strutture, al fine di garantire un adeguato livello di resistenza strutturale, comfort e sicurezza, occorre mettere in atto interventi di manutenzione che, tra le varie possibilità, possono comprendere la rimozione degli strati degradati mediante fresatura, con il conseguente accumulo di materiale bituminoso di risulta. La successiva destinazione d uso del fresato, costituito da materiali pregiati (aggregati lapidei e legante bituminoso), è alla base di una scelta di riciclaggio (vedi capitolo 10). L opzione di messa in discarica, caratterizzata da elevati costi economici nonché ambientali, viene oggi spesso scartata a vantaggio di tecniche che riutilizzino tale materiale nella nuova pavimentazione. 18

REGIONE ABRUZZO DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 514 DEL 28 GIUGNO 2010

REGIONE ABRUZZO DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 514 DEL 28 GIUGNO 2010 REGIONE ABRUZZO ALLEGATO DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 514 DEL 28 GIUGNO 2010 Direttive regionali per l applicazione da parte dei Comuni delle disposizioni di cui all art. 39, comma 2 della L.R. 19.12.2007,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corso di formazione per i Rappresentanti del Lavoratori per la sicurezza eireferentiperlaprevenzione e sicurezza dei dipartimenti SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

L AMIANTO : COSA È DOVE SI TROVA. a cura del Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro ASL 17

L AMIANTO : COSA È DOVE SI TROVA. a cura del Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro ASL 17 L AMIANTO : COSA È DOVE SI TROVA a cura del Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro ASL 17 CHE COSA E L AMIANTO La parola amianto non è un termine scientifico ma commerciale amianto (incorruttibile)

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A - Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22 (sostituito dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152); - Visto il decreto legislativo 13 gennaio 2003, n.36; - Visto il decreto ministeriale 5 febbraio

Dettagli

LE MATERIE PRIME SECONDARIE: UN NUOVO MATERIALE PER LA COSTRUZIONE STRADALE

LE MATERIE PRIME SECONDARIE: UN NUOVO MATERIALE PER LA COSTRUZIONE STRADALE LE MATERIE PRIME SECONDARIE: UN NUOVO MATERIALE PER LA COSTRUZIONE STRADALE PERCHÉ UTILIZZARE IL MATERIALE DI RICICLO? Perché è buono : ha caratteristiche prestazionali paragonabili a quelle degli agli

Dettagli

BILANCIO DI PRODUZIONE DEI MATERIALI INERTI DA SCAVO E DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE E COSTRUZIONE

BILANCIO DI PRODUZIONE DEI MATERIALI INERTI DA SCAVO E DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE E COSTRUZIONE BILANCIO DI PRODUZIONE DEI MATERIALI INERTI DA SCAVO E DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE E COSTRUZIONE l.r. 3 dicembre 2007 n. 31 (NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI) Allegato obbligatorio

Dettagli

2. VALUTAZIONE DELLA CONSISTENZA E DELLE TIPOLOGIE DELLE MACERIE 2.1 Analisi dello stato attuale

2. VALUTAZIONE DELLA CONSISTENZA E DELLE TIPOLOGIE DELLE MACERIE 2.1 Analisi dello stato attuale 1. PREMESSA Nel seguito, in riferimento alla vigente normativa di settore, vengono illustrati gli interventi che saranno adottati al fine di una corretta gestione del materiale di risulta dei cantieri

Dettagli

ESPOSIZIONE AD AMIANTO. Antonella Campopiano Dipartimento Igiene del Lavoro Laboratorio Polveri e Fibre

ESPOSIZIONE AD AMIANTO. Antonella Campopiano Dipartimento Igiene del Lavoro Laboratorio Polveri e Fibre ESPOSIZIONE AD AMIANTO Antonella Campopiano Dipartimento Igiene del Lavoro Laboratorio Polveri e Fibre Corriere della Sera 14/3/2008 Corriere della Sera 13/3/2008 Corriere della Sera 26/5/2008 La Stampa

Dettagli

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto CER DESCRIZIONE 01.04.07* rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi 02.01.03 scarti di tessuti

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI Tipo di attività: SCAVO, COSTRUZIONE, DEMOLIZIONE (attività edile vera e propria) Codice CER Declaratoria Note 17.01.01 cemento 17.01.02 mattoni 17.01.03 mattonelle

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio CORSO DI VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE PRIMARIE E SECONDARIE LS LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE:

Dettagli

LAVORI DI BONIFICA DA AMIANTO: REQUISITI DEL COORDINATORE 494

LAVORI DI BONIFICA DA AMIANTO: REQUISITI DEL COORDINATORE 494 Associazione Italiana fra Addetti alla Sicurezza DOCUMENTO D INDIRIZZO CONGIUNTO N. 1 LAVORI DI BONIFICA DA AMIANTO: REQUISITI DEL COORDINATORE 494 Emissione 15 ottobre 2003 SOMMARIO 1. Premessa 2. Gli

Dettagli

COMUNE di ROCCAVIONE

COMUNE di ROCCAVIONE REGIONE PIEMONTE COMUNE di ROCCAVIONE PROVINCIA di CUNEO AUA Autorizzazione Unica Ambientale ai sensi e per gli effetti del D.P.R. 13 marzo 2013 n.59 TITOLO: Procedimento di Verifica Impatto Ambientale

Dettagli

Stima delle emissioni e del risparmio di CO2 derivanti dall adozione di tecniche di riciclaggio in sito della pavimentazione stradale

Stima delle emissioni e del risparmio di CO2 derivanti dall adozione di tecniche di riciclaggio in sito della pavimentazione stradale Stima delle emissioni e del risparmio di CO2 derivanti dall adozione di tecniche di riciclaggio in sito della pavimentazione stradale Premessa Obiettivo: stimare le emissioni di CO2 prodotte dall attività

Dettagli

BILANCIO DI PRODUZIONE DEI MATERIALI INERTI DA SCAVO E DEI MATERIALI INERTI DA DEMOLIZIONE E COSTRUZIONE

BILANCIO DI PRODUZIONE DEI MATERIALI INERTI DA SCAVO E DEI MATERIALI INERTI DA DEMOLIZIONE E COSTRUZIONE BILANCIO DI PRODUZIONE DEI MATERIALI INERTI DA SCAVO E DEI MATERIALI INERTI DA DEMOLIZIONE E COSTRUZIONE L.R. 3 DICEMBRE 2007 N. 31 (NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI) Comune Foglio

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA AMIANTO

GUIDA INFORMATIVA AMIANTO GUIDA INFORMATIVA AMIANTO CHE COS E L AMIANTO L amianto o asbesto è un minerale presente in natura costituito da silicati a struttura cristallina e fibrosa; di esso esistono giacimenti e miniere in numerosi

Dettagli

Studio di Architettura Design e Ambiente Tommaso De Nicola Architetto. Viale Libia 189 Roma Tel.340/4076775 archdenicola@libero.

Studio di Architettura Design e Ambiente Tommaso De Nicola Architetto. Viale Libia 189 Roma Tel.340/4076775 archdenicola@libero. AMIANTO Il Killer silenzioso 1. Amianto: l invenzione più tragica dell era industriale Con il termine amianto o asbesto s intende una varietà fibrose di minerali silicati che si trovano in alcune tipologie

Dettagli

STRUMENTI OPERATIVI PER L IMPIEGO DEGLI AGGREGATI RICICLATI NELLE COSTRUZIONI

STRUMENTI OPERATIVI PER L IMPIEGO DEGLI AGGREGATI RICICLATI NELLE COSTRUZIONI TERRE, ROCCE DA SCAVO E MATERIALI RICICLATI QUANDO END OF WASTE? 14 giugno 2012 Sala Congressi della Provincia di Milano STRUMENTI OPERATIVI PER L IMPIEGO DEGLI AGGREGATI RICICLATI NELLE COSTRUZIONI dott.

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

AMIANTO: aggiornamenti normativi. AMIANTO: Documentazione, procedure e metodologie operative

AMIANTO: aggiornamenti normativi. AMIANTO: Documentazione, procedure e metodologie operative AMIANTO: aggiornamenti normativi AMIANTO: Documentazione, procedure e metodologie operative COS E L AMIANTO? L amianto è un minerale che si trova in natura, in diverse parti del globo terrestre, e si ottiene

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile Alessandra Bonoli DICAM, Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e Materiali, Università degli Studi di Bologna Per contrastare il

Dettagli

Asbesto. Principali materiali contenenti amianto e loro rilascio di fibre di amianto. Elevato

Asbesto. Principali materiali contenenti amianto e loro rilascio di fibre di amianto. Elevato Asbesto Note in materia di valutazione del rischio ed obblighi di legge 1 Definizione... 1 2 Utilizzo... 1 3 Tossicità... 2 4 Valori limite... 2 5 Obblighi... 2 6 Intervento di bonifica... 3 6.1 Valutazione

Dettagli

Comune di S. Paolo d Argon (BG)

Comune di S. Paolo d Argon (BG) Comune di S. Paolo d Argon (BG) Censimento della presenza di manufatti contenenti amianto negli immobili comunali ai sensi Legge Regionale n.17 del 29 sett. 2003 REDATTA DA P.Ch. Giorgio Ghezzi VERIFICATA

Dettagli

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti 01 03 09 Fanghi rossi derivanti dalla produzione di allumina, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 10 Polveri e residui affini, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 14 Rifiuti

Dettagli

LA GESTIONE OTTIMALE DI UN IMPIANTO DI RICICLAGGIO DI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

LA GESTIONE OTTIMALE DI UN IMPIANTO DI RICICLAGGIO DI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LA GESTIONE OTTIMALE DI UN IMPIANTO DI RICICLAGGIO DI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Il trattamento dei rifiuti inerti finalizzato alla produzione di aggregati riciclati e le nuove opportunità di

Dettagli

IL RISCHIO AD ESPOSIZIONI AMBIENTALI AD AMIANTO

IL RISCHIO AD ESPOSIZIONI AMBIENTALI AD AMIANTO IL RISCHIO AD ESPOSIZIONI AMBIENTALI AD AMIANTO Dr. Stefano Galavotti Servizio Igiene Pubblica Medolla, 28 febbraio 2015 1 Amianto nelle Scuole 2 Amianto sui giornali 3 EPIDEMIOLOGIA in Italia nei Siti

Dettagli

Il manuale SARMa La produzione di aggregati riciclati da rifiuti inerti

Il manuale SARMa La produzione di aggregati riciclati da rifiuti inerti G. Bressi E. Pavesi G. Volpe Workshop nazionale Parma 27 maggio 2011 Palazzo Soragna Strada al Ponte Caprazucca, 6/a Parma sede dell Unione Parmense degli Industriali Attività estrattive, sostenibilità

Dettagli

L Italia del Riciclo 2011

L Italia del Riciclo 2011 253 Og na di esse, in base alle proprie particolari caratteristiche, produce impatti Nell Unione europea sono stati generati, nel 2008 (ultimo dato aggregato te dal settore dell attività mineraria ed estrattiva

Dettagli

AMIANTO. L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati

AMIANTO. L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati AMIANTO L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati L'amianto resiste al fuoco e al calore, all'azione di agenti biologici, agenti chimici, all abrasione e usura fonoassorbente

Dettagli

BERNARDI IMPIANTI INTERNATIONAL S.p.A.

BERNARDI IMPIANTI INTERNATIONAL S.p.A. BERNARDI IMPIANTI INTERNATIONAL S.p.A. RELAZIONE TECNICA DELLA MACCHINA TIPO MCCF 200 TRASPORTABILE Firmato LA DIREZIONE TECNICA Zibido S. Giacomo, 09 set 09 Pagina 1 di 7 RELAZIONE DESCRITTIVA D UN IMPIANTO

Dettagli

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Sicurezza sul lavoro Cos è l amianto? Il termine «amianto» indica un gruppo di minerali a struttura fibrosa presenti in natura. L amianto è presente

Dettagli

STABILIZZAZIONE TERRENI e RICICLAGGIO A FREDDO CONGLOMERATI BITUMINOSI

STABILIZZAZIONE TERRENI e RICICLAGGIO A FREDDO CONGLOMERATI BITUMINOSI Pag 1 www.pavi-italia.it - info@pavi-italia.it Loc. Moano - 06037 Sant Eraclio di Foligno (PG) - Tel +39 0742 391025 Fax +39 0742 67183 STABILIZZAZIONE TERRENI e RICICLAGGIO A FREDDO CONGLOMERATI BITUMINOSI

Dettagli

facoltà di architettura di genova_docente_andrea giachetta corso di progettazione bioclimatica - modulo: tecnologie bioclimatiche

facoltà di architettura di genova_docente_andrea giachetta corso di progettazione bioclimatica - modulo: tecnologie bioclimatiche materiali riciclati 1 affinché un architettura possa considerarsi sostenibile a tutti gli effetti è necessaria una progettazione responsabile dell intero ciclo di vita dell edificio...... che consideri

Dettagli

"GESTIONE RISCHIO AMIANTO: procedure e adempimenti nazionali e regionali

GESTIONE RISCHIO AMIANTO: procedure e adempimenti nazionali e regionali Convegno sul tema: "GESTIONE RISCHIO AMIANTO: procedure e adempimenti nazionali e regionali CASI APPLICATIVI DI BONIFICA DA AMIANTO GEOM. ROBERTO RAFFAELE - Operations Manager Bonifiche Amianto, Teseco

Dettagli

7.1.4 Caratteristiche delle materie prime e/o

7.1.4 Caratteristiche delle materie prime e/o Tabella codici CR gestibili CODIC CR DSCRIZION RIFIUTO S.I.M. DSCRIZION TIPOLOGIA Sigla R/N TST CSON PROVNINZA R5 R10 RICL CARATTRISTICH DL RIFIUTO ATTIVITA DI RCUPRO CARATTRISTICH DLL MATR PRIM /O PRODOTTI

Dettagli

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 133 Allegato parte integrante ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA LOCALI

Dettagli

ALLEGATO 3 LIMITI E PRESCRIZIONI RIFIUTI

ALLEGATO 3 LIMITI E PRESCRIZIONI RIFIUTI LIMITI E PRESCRIZIONI ALLEGATO 3 L autorizzazione integrata ambientale ai sensi del D.lgs 152/2006, è rilasciata alla Società ECO-WORKS S.r.l. per l esercizio dell impianto di raccolta, stoccaggio e trattamento

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D AOSTA COMUNE DI OYACE RELAZIONE BILANCIO INERTI

REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D AOSTA COMUNE DI OYACE RELAZIONE BILANCIO INERTI REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D AOSTA COMUNE DI OYACE PROGETTO: LAVORI DI REALIZZAZIONE NUOVA AUTORIMESSA INTERRATA VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI, AMPLIAMENTO CENTRALE TERMICA CON CISTERNA DEPOSITO PELLET

Dettagli

27/08/2009. In particolare vanno segnalati, come punti di riferimento significativi, del medesimo Quadro Normativo : L Aquila, 28 giugno 2007

27/08/2009. In particolare vanno segnalati, come punti di riferimento significativi, del medesimo Quadro Normativo : L Aquila, 28 giugno 2007 INTERNATIONAL WORKSHOP Asphalt Recycling and Materials Re-use in Asphalt Pavements Identification of open questions and research needs CONSIDERAZIONI SULL IMPIEGO DI MATERIE PRIME SECONDARIE NELLA COSTRUZIONE

Dettagli

INTERNATIONAL WORKSHOP Asphalt Recycling and Materials Re-use in Asphalt Pavements Identification of open questions and research needs

INTERNATIONAL WORKSHOP Asphalt Recycling and Materials Re-use in Asphalt Pavements Identification of open questions and research needs INTERNATIONAL WORKSHOP Asphalt Recycling and Materials Re-use in Asphalt Pavements Identification of open questions and research needs CONSIDERAZIONI SULL IMPIEGO DI MATERIE PRIME SECONDARIE NELLA COSTRUZIONE

Dettagli

CIRCOLARE n.1/2011. b) l autocertificazione attestante la presenza o meno di sostanze contenenti amianto nell unità catastale oggetto dell intervento;

CIRCOLARE n.1/2011. b) l autocertificazione attestante la presenza o meno di sostanze contenenti amianto nell unità catastale oggetto dell intervento; SETTORE AMBIENTE ENERGIA Servizio Pianificazione e Presidenza Gestione dei Rifiuti Osservatorio Provinciale Rifiuti CIRCOLARE n.1/2011 Linee di indirizzo provinciali per la compilazione della modulistica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ANCONA POSSIBILITÀ E MODALITÀ DI UTILIZZO DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE NELLE COSTRUZIONI STRADALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ANCONA POSSIBILITÀ E MODALITÀ DI UTILIZZO DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE NELLE COSTRUZIONI STRADALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ANCONA POSSIBILITÀ E MODALITÀ DI UTILIZZO DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE NELLE COSTRUZIONI STRADALI CORPO STRADALE E PAVIMENTAZIONE Tappeto di usura Binder Conglomerato bituminoso

Dettagli

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Impieghi principali dell amianto Panoramica senza lavorazione, pulizia, con lavorazione, pulizia, rimozione rimozione Pagina Amianto fortemente agglomerato

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI INDICAZIONI PER I COORDINATORI DELLA SICUREZZA SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ALCUNE DEFINIZIONI TRATTE DAL D. LGS. 152/06

Dettagli

COMUNE DI ANGOLO TERME AREA A2 DESTINAZIONE URBANISTICA N.T.A.

COMUNE DI ANGOLO TERME AREA A2 DESTINAZIONE URBANISTICA N.T.A. COMUNE DI ANGOLO TERME AREA A2 DESTINAZIONE URBANISTICA N.T.A. 1 INTRODUZIONE Il sito localizzato nel comune di Angolo Terme (BS), in Viale Terme ed adibito a imbottigliamento si estende per una superficie

Dettagli

IL RIUTILIZZO DEI MATERIALI

IL RIUTILIZZO DEI MATERIALI IL RIUTILIZZO DEI MATERIALI DI RISULTA CORSO DI COSTRUZIONI EDILI LA CULTURA DEL RIUTILIZZO I rifiuti sono il prodotto di una economia di consumo, di un processo di modernizzazione che si definisce in

Dettagli

LA GESTIONE DELLE MACERIE POST- SISMA E IL LORO RICICLAGGIO

LA GESTIONE DELLE MACERIE POST- SISMA E IL LORO RICICLAGGIO DICAM DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, CHIMICA, AMBIENTALE E DEI MATERIALI Scuola di Ingegneria e Architettura Alma Mater Studiorum Università degli Studi di Bologna Convenzione di ricerca REGIONE EMILIA

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO

PROGETTO DI RIPRISTINO REGIONE TOSCANA PROVINCIA LIVORNO IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI POTENZA 7,17 MWp Strada Loc. Forni Comune di Suvereto VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A V.I.A. "PROGETTO DEFINITIVO" RETE RINNOVABILE S.R.L. Via

Dettagli

L esperienza di rilevamento dell amianto in edifici pubblici

L esperienza di rilevamento dell amianto in edifici pubblici L esperienza di rilevamento dell amianto in edifici pubblici Antonella Campopiano Laboratorio Polveri e Fibre, Dipartimento Igiene del Lavoro, ISPESL, Monte Porzio Catone, Roma CLASSIFICAZIONE DEI MINERALI

Dettagli

Il riciclo dei Rifiuti Inerti da Costruzione e Demolizione

Il riciclo dei Rifiuti Inerti da Costruzione e Demolizione Il riciclo dei Rifiuti Inerti da Costruzione e Demolizione Prof. Alessandra Bonoli nuova economia circolare fondata sul recupero e il riciclo delle risorse e dei prodotti «insieme di sistemi produttivi

Dettagli

Il presente documento è finalizzato a soddisfare le integrazioni alle prescrizioni

Il presente documento è finalizzato a soddisfare le integrazioni alle prescrizioni 1 Premessa Il presente documento è finalizzato a soddisfare le integrazioni alle prescrizioni richieste in Fase di Valutazione della procedura di VIA relativa al progetto definitivo del Nuovo argine in

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

AMIANTO : che fare. Sezione provinciale di Reggio Emilia Specializzazione Amianto e Fibre

AMIANTO : che fare. Sezione provinciale di Reggio Emilia Specializzazione Amianto e Fibre AMIANTO : che fare Sezione provinciale di Reggio Emilia Specializzazione Amianto e Fibre AMIANTO : che fare gli impieghi la pericolosità dei materiali gli interventi possibili DOVE E STATO IMPIEGATO L

Dettagli

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506*

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506* Descrizione rifiuto Codice CER Rifiuti liquidi pericolosi soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri - Acque 070501* di lavaggio di laboratorio solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed 070703*

Dettagli

DOVE SI TROVA E COME BONIFICARLO

DOVE SI TROVA E COME BONIFICARLO DOVE SI TROVA E COME BONIFICARLO L'amianto o asbesto, è un minerale con struttura microcristallina dall'aspetto fibroso; appartiene alla classe dei silicati, serie mineralogiche del serpentino e anfibolo

Dettagli

Classificazione dei rifiuti solidi

Classificazione dei rifiuti solidi I RIFIUTI Rifiuto solido Qualsiasi sostanza od oggetto, allo stato solido, derivante dall attività umana o dai cicli naturali Potenziale rischio di malattia e/o danno alla salute umana, che può essere

Dettagli

«Il riutilizzo dei rifiuti da C&D, una risorsa a rischio zero? Analisi delle problematiche e degli aspetti operativi della loro gestione»

«Il riutilizzo dei rifiuti da C&D, una risorsa a rischio zero? Analisi delle problematiche e degli aspetti operativi della loro gestione» Convegno Materiali da Costruzione di genesi geologica e da operazioni di recupero e riciclaggio rifiuti: stato dell'arte sulla certificazione di qualità ambientale e sanitaria dell'intera filiera di produzione

Dettagli

Doc. No. 03-558-H7 Rev. 0 Febbraio 2005 APPENDICE B RELAZIONE EDIPOWER SULLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE

Doc. No. 03-558-H7 Rev. 0 Febbraio 2005 APPENDICE B RELAZIONE EDIPOWER SULLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE Doc. No. 03-558-H7 Rev. 0 Febbraio 2005 APPENDICE B RELAZIONE EDIPOWER SULLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE Pag. 2 di 17 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...3 2 DEMOLIZIONE TUBAZIONI E CONDOTTI FUMI...5 3 DEMOLIZIONE

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

siti web : www.caspi.it www.ecocentro.it e-mail : info@caspi.it ecocentro@portofluvialegroup.it mobile : 329/6717875 336/775136

siti web : www.caspi.it www.ecocentro.it e-mail : info@caspi.it ecocentro@portofluvialegroup.it mobile : 329/6717875 336/775136 ETERNIT : COSA FARE? I manufatti in cemento-amianto, tubazioni o lastre comunemente chiamati con il nome dell azienda di Casale Monferrato che li produceva, non solo non si sono rivelati di vita eterna

Dettagli

quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore a 60.000 tonnellate.

quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore a 60.000 tonnellate. CATEGORIA 2 RACCOLTA E TRASPORTO DO RIFIUTI NON PERICOLOSI INDIVIDUATI AI SENSI DELL ARTICOLO 33 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 FEBBRAIO 1997, N. 22, AVVIATI AL RECUPERO IN MODO EFFETTIVO ED OGGETTIVO. IMPRESA:

Dettagli

CAPITOLO 16 - L AMIANTO

CAPITOLO 16 - L AMIANTO CAPITOLO 16 - L AMIANTO 16.1 IL PROBLEMA AMIANTO Il termine amianto (dal greco amiantos: incorruttibile) viene usato per indicare la forma fibrosa di alcuni minerali che in passato sono stati sfruttati

Dettagli

PIANO REGIONALE ATTIVITA ESTRATTIVE (P.R.A.E.)

PIANO REGIONALE ATTIVITA ESTRATTIVE (P.R.A.E.) REGIONE MARCHE Giunta Regionale PIANO REGIONALE ATTIVITA ESTRATTIVE (P.R.A.E.) DIRETTIVA PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI RIUTILIZZO DEGLI INERTI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A QUELLI DERIVANTI DALL

Dettagli

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Lezione di Enzo Lo Cascio Amianto: quando è pericoloso? Se l amianto è COMPATTO non esistono particolari rischi per la salute. Se l amianto è

Dettagli

Il circuito del recupero e del riciclo del PVC. - Lo stato dell'arte in Italia e in Europa -

Il circuito del recupero e del riciclo del PVC. - Lo stato dell'arte in Italia e in Europa - Il circuito del recupero e del riciclo del PVC. - Lo stato dell'arte in Italia e in Europa - Ing. Marco Piana Ing Eliana Perucca PVC Forum Italia- Centro di informazione sul PVC 1 Il PVC Forum Italia:

Dettagli

Contenuto di umidita. Calore specifico. c [kj/kgk] [%]

Contenuto di umidita. Calore specifico. c [kj/kgk] [%] Allegato A Proprietà termofisiche dei materiali da costruzione Materiale Massa Volumica ρ [kg/m 3 ] Calore specifico c [kj/kgk] Contenuto di umidita [%] Conduttività termica utile di calcolo λ [W/mK] Permeabilità

Dettagli

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI LINEA TRATTAMENTO BIOLOGICO (CAPACITÀ TECNICA DI TRATTAMENTO 20 mc/h) CER Descrizione Operazioni 02 01 01 fanghi da operazioni di lavaggio

Dettagli

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE)

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) 1/6 CER AUTORIZZATI E RELATIVE OPERAZIONI ALLE QUALI POSSONO ESSERE SOTTOPOSTI CER RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

La pericolosità dell amianto e quadro normativo

La pericolosità dell amianto e quadro normativo Dipartimento di Prevenzione S.P.I.S.A.L La pericolosità dell amianto e quadro normativo Dott. Gianfranco Albertin - Medico del Lavoro Terrassa 10 Aprile 2015 Cos è l amianto Materiale di origine minerale,

Dettagli

Stima del danno ambientale connesso allo smaltimento abusivo di rifiuti da costruzione e demolizione nel Comune di Roma Sommario 1.

Stima del danno ambientale connesso allo smaltimento abusivo di rifiuti da costruzione e demolizione nel Comune di Roma Sommario 1. Stima del danno ambientale connesso allo smaltimento abusivo di rifiuti da costruzione e demolizione nel Comune di Roma Stefano Cicerani CO.RI.S.E. (Consorzio Riciclaggio Scarti Edili), Roma Paola Di Toppa

Dettagli

Categoria dell intervento. Definizione e caratteristiche. Riferimenti normativi. Organizzazione del cantiere pag. 3

Categoria dell intervento. Definizione e caratteristiche. Riferimenti normativi. Organizzazione del cantiere pag. 3 -1- Indice Categoria dell intervento Definizione e caratteristiche Riferimenti normativi pag.2 pag.2 pag.2 Organizzazione del cantiere pag. 3 Deposito temporaneo in cantiere dei materiali selezionati pag.

Dettagli

Ciclo tecnologico delle opere di asfaltatura

Ciclo tecnologico delle opere di asfaltatura 1 Ciclo tecnologico delle opere di asfaltatura 1. Le opere di asfaltatura 2. Asfaltatura di strade esistenti 3. Asfaltatura di nuove strade e marciapiedi 2 unità 27 Cantieri stradali 1 Le opere di asfaltatura

Dettagli

L ESPERIENZA DI RILEVAMENTO DELL AMIANTO IN EDIFICI PUBBLICI. Dr.ssa Antonella Campopiano

L ESPERIENZA DI RILEVAMENTO DELL AMIANTO IN EDIFICI PUBBLICI. Dr.ssa Antonella Campopiano L ESPERIENZA DI RILEVAMENTO DELL AMIANTO IN EDIFICI PUBBLICI Dr.ssa Antonella Campopiano Laboratorio Polveri e Fibre Dipartimento Igiene del Lavoro- ISPESL INTRODUZIONE Le straordinarie qualità tecniche

Dettagli

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Divisione Sicurezza sul lavoro Lucerna Casella postale, 6002 Lucerna Fax 041

Dettagli

Amianto: come riconoscerlo e intervenire. correttamente

Amianto: come riconoscerlo e intervenire. correttamente Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Divisione Sicurezza sul lavoro Lucerna Casella postale, 6002 Lucerna Fax 041 419 59 17 (per ordinazioni) www.suva.ch Amianto: come

Dettagli

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti SCUOLA PRIMARIA PERCORSI PER LE CLASSI I E II MATERIALE DI APPROFONDIMENTO Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti I rifiuti vengono classificati secondo la loro origine e pericolosità. La loro

Dettagli

dove si trova Usi dell amianto nei mezzi di trasporto Usi dell amianto nell industria

dove si trova Usi dell amianto nei mezzi di trasporto Usi dell amianto nell industria amianto L amianto rappresenta un pericolo per la salute umana. Nel corso degli scorsi decenni se ne è fatto un abbondante uso per via dei suoi bassi costi. Proprio per questo occorre conoscere bene le

Dettagli

Che cos è l amianto? Vantaggi Materiale con proprietà ideali Ampio campo d applicazione

Che cos è l amianto? Vantaggi Materiale con proprietà ideali Ampio campo d applicazione Che cos è l amianto? Vantaggi Materiale con proprietà ideali Ampio campo d applicazione Che cos è l amianto? Proprietà dell amianto È ininfiammabile È refrattario sino a 400 0 C, per brevi esposizioni

Dettagli

AMIANTO. il SERPENTINO (silicati di magnesio), il quale comprende: il Crisotilo (amianto bianco).

AMIANTO. il SERPENTINO (silicati di magnesio), il quale comprende: il Crisotilo (amianto bianco). AMIANTO In greco la parola Amianto significa immacolato e incorruttibile e Asbesto, che di fatto è equiparato ad amianto, significa perpetuo e inestinguibile. L'amianto, chiamato perciò anche indifferentemente

Dettagli

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia 1. Premessa Al fine di consentire una contabilizzazione uniforme della

Dettagli

Trasformazione Amianto. Milano, 30 maggio 2011 Convegno Amianto: un problema, diverse soluzioni

Trasformazione Amianto. Milano, 30 maggio 2011 Convegno Amianto: un problema, diverse soluzioni Trasformazione Amianto Milano, 30 maggio 2011 Convegno Amianto: un problema, diverse soluzioni 1 1 Aspireco Amianto Indice: Aspireco e l amianto La base del processo Materiali trattati dall impianto Schema

Dettagli

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO :

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO : Workshop TERRE, ROCCE DA SCAVO E MATERIALI RICICLATI. QUANDO END OF WASTE? 14 GIUGNO 2012 SALA CONGRESSI DELLA PROVINCIA DI MILANO VIA CORRIDONI, 16 MILANO PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI)

Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI) PIANO DI GESTIONE OPERATIVA (PGO) n. 13010308 PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI SANDRIGO Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI) Partnership Ambientale PIANO

Dettagli

Il destino dei rifiuti da costruzione e demolizione Obblighi e realtà nella Provincia di Vercelli

Il destino dei rifiuti da costruzione e demolizione Obblighi e realtà nella Provincia di Vercelli LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 Il destino dei rifiuti da costruzione e demolizione Obblighi e realtà nella Provincia di Vercelli

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI Prot. Generale N. 0064577 / 2013 Atto N. 2675 OGGETTO: AUTORIZZAZIONE ALLA GESTIONE

Dettagli

Iscrizione all Albo Nazionale delle imprese esercenti servizi di smaltimento dei rifiuti

Iscrizione all Albo Nazionale delle imprese esercenti servizi di smaltimento dei rifiuti Iscrizione all Albo Nazionale delle imprese esercenti servizi di smaltimento dei rifiuti Categoria 10: Bonifica dei beni contenenti AMIANTO Dott.ssa Anna Bosi Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL di Piacenza

Dettagli

AMIANTI silicati idrati di magnesio, ferro e altri elementi

AMIANTI silicati idrati di magnesio, ferro e altri elementi Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RISCHIO AMIANTO 5.23 CORSO DI FORMAZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA EX D.Lgs. 81/08 AMIANTI silicati idrati di magnesio,

Dettagli

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle.

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle. MARITRANS MD Data: 01.06.2011 Versione 10 MARITRANS MD è una membrana trasparente in poliuretano monocomponente, alifatica, estremamente elastica e con un alto contenuto di materiali solidi, utilizzata

Dettagli

Parliamo di.. Componenti in cemento e amianto impiegati negli immobili edificati prima del 1992

Parliamo di.. Componenti in cemento e amianto impiegati negli immobili edificati prima del 1992 CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Parliamo di.. Componenti in cemento e amianto impiegati negli immobili edificati prima del 1992 Gli autori di detto crimine e i proprietari degli immobili,

Dettagli

Raccolta dei rifiuti solidi urbani

Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta differenziata aggiuntiva Si basa su una presenza abbastanza rarefatta di manufatti distribuiti sul territorio di competenza (di norma campane o cassonetti, in

Dettagli

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Se l amianto è COMPATTO non esistono particolari rischi per la salute. Se l amianto è FRIABILE c è il pericolo di inalarne fibre. COMPATTO, materiale

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SEZIONE 4 Sistema di gestione dei rifiuti speciali inerti, di cui al capo VI della L.R. N 59/95 Luglio 1998 SOMMARIO 1. Premessa 2 2. Quadro conoscitivo 2

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli