LA GESTIONE DEI VEICOLI FUORI USO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE DEI VEICOLI FUORI USO"

Transcript

1 LA GESTIONE DEI VEICOLI FUORI USO Aspetti normativi : Il d.lgs. 209/2003 in relazione al Testo Unico Ambientale (d.lgs. 152/06) Commissario Michelangelo PECORELLA Nucleo Operativo Protezione Ambiente della Polizia Municipale di Palermo Loano 15 novembre 2010 Commissario Michelangelo Pecorella 1

2 D.Lgs. 209/2003 Il D.Lgs.209/2003 introduce, nel sistema di gestione dei veicoli fuori uso, significative modificazioni che porteranno, a regime, ad una modernizzazione della filiera di trattamento che dovrà adeguarsi a specifici requisiti tecnici ed assicurare un funzionamento efficiente, razionale ed economicamente sostenibile. Commissario Michelangelo Pecorella 2

3 Notevoli aspetti di criticità ambientale e di difficoltà nei controlli da parte degli organi di vigilanza, assume la gestione dei rifiuti provenienti dalla demolizione auto. Con l emanazione del d.lgs. 209/2003 viene recepita la direttiva 2000/53/CE AUTO FUORI USO = RIFIUTO SPECIALE PERICOLOSO L Italia è stato tra i primi paesi ad avere un sistema di registrazione e cancellazione Dei veicoli (P.R.A. Pubblico Registro Automobilistico) Commissario Michelangelo Pecorella 3

4 FINALITA Riduzione dell impatto generato sull ambiente dalla gestione dei veicoli fuori uso corretto funzionamento del mercato interno, evitando distorsioni della concorrenza, sviluppo delle attività legate al recupero e al riciclaggio dei materiali provenienti dai veicoli. Commissario Michelangelo Pecorella 4

5 DEFINIZIONI Detentore il proprietario del veicolo Trattamento: le attività di messa in sicurezza, demolizione, di pressatura, di tranciatura, di frantumazione, di recupero, nonché tutte le operazioni eseguite ai fini del recupero Centro di raccolta: Impianto di trattamento autorizzato ai sensi degli art d.lgs.152/06, che effettua almeno le operazioni di messa in sicurezza e demolizione dei veicoli fuori uso Reimpiego: le operazioni in virtù delle quali i componenti di un veicolo fuori uso sono utilizzati allo stesso scopo per cui erano stati originariamente concepiti Commissario Michelangelo Pecorella 5

6 Il trasporto del veicolo fuori uso avviene utilizzando i carri-attrezzi appositamente autorizzati (iscrizione all A.G.A.) per il trasporto dei rifiuti pericolosi Commissario Michelangelo Pecorella 6

7 Commissario Michelangelo Pecorella 7

8 Commissario Michelangelo Pecorella 8

9 L iscrizione all Albo costituisce requisito per lo svolgimento delle attività di : a) raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi prodotti da terzi ; b) raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi; c) di bonifica dei siti; d) di bonifica dei beni contenenti amianto; e) di commercio e intermediazione dei rifiuti senza detenzione dei rifiuti stessi; f) di gestione di impianti di smaltimento e di recupero di titolarità di terzi; g) di gestione di impianti mobili di smaltimento e di recupero. Chi è esonerato dall iscrizione all Albo? L iscrizione all Albo deve essere rinnovata ogni cinque anni. sono esonerate le organizzazioni di cui agli articoli 221, comma 3, lett. a) e c), 223, 224,228,233,235, e 236 a condizione che dispongano di evidenze documentali e contabili previste a carico dei predetti soggetti dalle vigenti normative. Michelangelo PECORELLA 9

10 Trasporto di rifiuti effettuato da un soggetto privo dell iscrizione all A.N.G.A. ( Art.212 ) Arresto da 3 mesi a 1 anno o ammenda da.2582,28 a.25822,85 se si tratta di rifiuti non pericolosi Arresto da 6 mesi a 2 anni e ammenda da. 2582,28 a ,85 se si tratta di rifiuti pericolosi Michelangelo PECORELLA 10

11 Formulario identificazione rifiuti Il formulario di identificazione costituisce uno dei documenti maggiormente rappresentativo del sistema di raccolta rifiuti. L art. 193 del D.lvo 152/06 prevede l obbligo che, durante il trasporto effettuato da enti ed imprese, i rifiuti siano accompagnati dal F.I.R. 11

12 In ordine alla omissione totale del prescritto formulario o per i dati non completi o inesatti è prevista: per i rifiuti non pericolosi una sanzione amministrativa (art. 257 T.U.A.) da 1.600,00 a euro per i rifiuti pericolosi é prevista una sanzione penale con rinvio alla pena di cui all art. 483 C.p. sempre sanzione penale é prevista per chi, nella predisposizione di un certificato di analisi di rifiuti, fornisce false indicazioni sulla natura, sulla composizione e sulle caratteristiche chimico- fisiche dei rifiuti ed a chi fa uso di un certificato falso durante il trasporto ; 12

13 Cosa si intende per trattamento del veicolo fuori uso?, E l insieme delle attività di messa in sicurezza, di demolizione, di pressatura, di tranciatura, di frantumazione, di recupero o di preparazione per lo smaltimento dei rifiuti frantumati, nonché tutte le altre operazioni eseguite ai fini del recupero o dello smaltimento del veicolo fuori uso e dei suoi componenti Commissario Michelangelo Pecorella 13

14 il centro di raccolta, rappresenta l impianto di trattamento, autorizzato ai sensi degli articoli 208 del D.Lgs. 152/06, che effettua almeno le operazioni relative alla messa in sicurezza ed alla demolizione del veicolo fuori uso. Commissario Michelangelo Pecorella 14

15 il veicolo fuori uso è classificato rifiuto con la consegna ad un centro di raccolta, effettuata dal detentore direttamente o tramite soggetto autorizzato al trasporto di veicoli fuori uso; con la consegna al concessionario o gestore dell automercato o della succursale della casa costruttrice che, accettando di ritirare un veicolo destinato alla demolizione, deve rilasciare il relativo certificato di rottamazione al detentore; nel caso di veicoli rinvenuti da organi pubblici e non reclamati, a seguito di specifico provvedimento dell autorità amministrativa o giudiziaria in tutti i casi in cui il veicolo giacente in area privata risulta in evidente stato di abbandono Commissario Michelangelo Pecorella 15

16 Commissario Michelangelo Pecorella 16

17 Commissario Michelangelo Pecorella 17

18 Commissario Michelangelo Pecorella 18

19 Commissario Michelangelo Pecorella 19

20 Commissario Michelangelo Pecorella 20

21 Commissario Michelangelo Pecorella 21

22 L articolo 5 del D.Lgs. 209/2003 disciplina la raccolta dei veicoli destinati alla demolizione Il veicolo a fine vita dovrà essere consegnato; direttamente dal detentore ad un centro di raccolta autorizzato potrà essere ceduto, nel caso di acquisto di un nuovo veicolo, rilasciare al detentore il certificato di rottamazione in nome e per conto del centro che riceve il veicolo In seguito alle modifiche apportate dal D.Lgs 149/2006 i concessionari o i gestori delle succursali non sono più obbligati a ritirare il veicolo in caso di acquisto di uno nuovo, ma possono scegliere di rifiutarlo, in tal caso il proprietario dovrà farsi carico della consegna al centro di raccolta Commissario Michelangelo Pecorella 22

23 Restano esclusi dalla disciplina dei rifiuti, i veicoli d epoca e i veicoli di interesse storico o collezionistico o destinati ai musei, conservati in modo adeguato, pronti all uso o in pezzi smontati. Commissario Michelangelo Pecorella 23

24 Il D.Lgs. 152/06 disciplina i veicoli a motore o loro parti non disciplinati dal D.Lgs. 209/03 prevedendo che il proprietario che intende demolire la propria auto la consegni ad un centro autorizzato ai sensi degli artt e 210 Commissario Michelangelo Pecorella 24

25 Le imprese che esercitano l attività di autoriparazione dovranno consegnare ad un operatore autorizzato alla raccolta, qualora sia tecnicamente fattibile, i pezzi usati allo stato di rifiuto derivanti dalla loro attività, ad eccezione di quelli che devono essere conferiti per legge ad un Consorzio obbligatorio (batterie, oli usati). Commissario Michelangelo Pecorella 25

26 Fatti salvi i costi documentati relativi alla cancellazione dal PRA e quelli per il trasporto del veicolo al centro di raccolta o alla concessionaria o succursale della casa costruttrice o all automercato, la consegna del veicolo dovrà avvenire senza costi aggiuntivi a carico dell ultimo proprietario Al momento della consegna del veicolo, il concessionario o il gestore della succursale della casa costruttrice o dell automercato rilascia al detentore apposita dichiarazione di presa in carico del veicolo, assumendosi ogni responsabilità civile, penale e amministrativa connessa alla corretta gestione del veicolo. La cancellazione dal PRA del veicolo fuori uso avviene a cura del titolare del centro di raccolta ovvero del concessionario Entro trenta giorni naturali e consecutivi dalla consegna del veicolo ed emissione del certificato di rottamazione, il concessionario o gestore o titolare restituisce il certificato di proprietà, la carta di circolazione e le targhe relativi al veicolo fuori uso, con le procedure stabilite dal DPR 19 settembre 2000, n.358. Commissario Michelangelo Pecorella 26

27 Il titolare del centro di raccolta procede al trattamento del veicolo fuori uso dopo la cancellazione dal PRA dello stesso veicolo Gli estremi della ricevuta dell'avvenuta denuncia e consegna delle targhe e dei documenti relativi al veicolo fuori uso sono annotati dal titolare del centro di raccolta, dal concessionario o dal gestore della casa costruttrice o dell'automercato sull'apposito registro di entrata e di uscita dei veicoli Agli stessi obblighi di cui ai commi 9 e 10 e' soggetto il titolare del centro di raccolta o di altro luogo di custodia dei veicoli rimossi ai sensi dell'articolo 159 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, nel caso di demolizione ai sensi dell'articolo 215, comma 4, del citato decreto legislativo n. 285 del La violazione comporta la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro. art. 13 comma 4 Commissario Michelangelo Pecorella 27

28 IL DEPOSITO TEMPORANEO DEI VEICOLI NEL LUOGO DI PRODUZIONE DEL RIFIUTO PRESSO IL CONCESSIONARIO, IL GESTORE DELLA SUCCURSALE DELLA CASA COSTRUTTRICE O L AUTOMERCATO DESTINATI ALL INVIO A IMPIANTI AUTORIZZATI PER IL TRATTAMENTO, È CONSENTITO FINO A UN MASSIMO DI 30 GIORNI. Commissario Michelangelo Pecorella 28

29 Il deposito temporaneo non può essere eseguito fuori dall area di produzione (concessionario) Avviene un trasporto di rifiuti e pertanto il nuovo deposito è un deposito preliminare (prima dello smaltimento) o una messa in riserva (prima del recupero) e pertanto necessita di formulario (per il trasporto) e di autorizzazione per il sito Commissario Michelangelo Pecorella 29

30 In caso di mancata consegna del certificato, DI CUI ALL ARTICOLO 5, COMMI 6 E 7 si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 300 euro a euro. Nel caso in cui i suddetti documenti risultino inesatti o non conformi a quanto stabilito nel presente decreto, si applicano le medesime sanzioni ridotte della metà. Chiunque viola le disposizioni dell'articolo 5, (mancata cancellazione comma 8), (trattamento del veicolo prima della cancellazione al PRA comma 9),(mancata annotazione degli estremi della cancellazione sul registro comma 10) e (mancata cancellazione titolare del centro di raccolta o di altro luogo di custodia dei veicoli rimossi ai sensi dell'articolo 159 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, nel caso di demolizione ai sensi dell'articolo 215, comma 4, del citato decreto legislativo n. 285 del 1992., comma 11) e' punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro.. Chiunque effettua attività di gestione dei veicoli fuori uso e dei rifiuti costituiti dei relativi componenti e materiali in violazione dell'articolo 6, comma 2, e' punito con l'arresto da sei mesi a due anni e con l'ammenda da euro a euro Art. 13 comma 3 - In caso di mancata consegna del certificato, DI CUI ALL ARTICOLO 5, COMMI 6 e 7 si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 300 euro a euro. Nel caso in cui i suddetti documenti risultino inesatti o non conformi a quanto stabilito nel presente decreto, si applicano le medesime sanzioni ridotte della metà. Commissario Michelangelo Pecorella 30

31 CASI DI TRUFFA E DANNO PER L ERARIO Costituisce reato ai sensi dell art. 640 cpv n. 1 c.p. il caso della mancata consegna dei documenti e delle targhe al P.R.A. ai fini della radiazione, non provvedendo ad istruire nei termini previsti dalla legge la pratica di rottamazione, procurandosi un ingiusto profitto, facendosi consegnare dai proprietari dei veicoli delle somme di denaro per la radiazione, senza versare le imposte e le tasse previste per tale procedimento amministrativo, con danno per l Erario Commissario Michelangelo Pecorella 31

32 La demolizione dei veicoli fuori uso da origine ad una considerevole varietà di rifiuti, anche pericolosi e, in particolare: rottami ferrosi: carcasse veicoli bonificati privi di plastiche e pneumatici; parti di veicoli privati di altre impurità rottami non ferrosi: alluminio, parti di veicoli (cerchi, scatole guida, cambi, ecc.); spezzoni di cavo in rame rottami metallici misti: radiatori raffreddamento misto rame; radiatori raffreddamento misto alluminio; motori misto ghisa/alluminio; motori e cambi misto acciaio/alluminio marmitte catalitiche vetri pneumatici plastiche: imbottiture sedili, paraurti, plance, serbatoi, vaschette parti di ricambio: componenti destinati all utilizzo per lo stesso scopo per cui erano stati concepiti batterie al piombo oli esausti carburante liquido freni liquido antigelo liquido lavavetri Commissario Michelangelo Pecorella 32

33 Volendo, pertanto ricostruire in maniera corretta il percorso dei veicoli in entrata ed in uscita dagli impianti di trattamento, si assisterà al seguente flusso: veicoli radiati in entrata agli impianti codice * carcassa del veicolo messa in sicurezza codice pneumatici filtri dell'olio * componenti contenenti mercurio * componenti contenenti PCB * componenti esplosivi (ad esempio air bag ) * pastiglie per freni * se contenenti amianto oppure se prive di amianto liquido per freni * liquido antigelo * se contenenti sostanze pericolose oppure serbatoi per gas liquido Commissario Michelangelo Pecorella 33

34 Tabella 10 - Composizione media di una autovettura Materiale % Massa (kg) Acciaio 59% Kg. 619,5 zinco, rame, magnesio, piombo 2% Kg. 21 gomma 5,6 % Kg.58,80 Ghisa 6,4 % Kg. 67,20 alluminio 8% Kg. 84 plastica 9,3 % Kg.97,65 adesivi e vernici 3% Kg. 31,5 Vetro 2,9 % Kg.30,45 tessili 0,9% Kg. 9,45 Fluidi 0,9% Kg. 9,45 miscellanea 2% Kg. 21 Totale autovettura 100 Kg Fonte : A.P.A.T. Commissario Michelangelo Pecorella 34

35 I pneumatici derivanti dalle operazioni di demolizione dei veicoli a fine vita, il cui peso medio si aggira intorno ai 40 kg (ruota di scorta inclusa), possono essere riutilizzati, riprocessati, riciclati o recuperati. Nel caso in cui il pneumatico non risulti idoneo al riutilizzo viene dichiarato fuori uso e avviato a recupero di materia e/o energia, oppure smaltito DIVIETO DI SMALTIMENTO IN DISCARICA DEI PNEUMATICI Commissario Michelangelo Pecorella 35

36 Il peso delle componenti in vetro, presenti sui veicoli a fine vita, è mediamente pari a kg. I rifiuti di vetro devono essere conferiti alle piattaforme autorizzate che provvedono ai trattamenti necessari (selezione ecc.), per la produzione di materiale riciclabile da avviare alle vetrerie. Commissario Michelangelo Pecorella 36

37 Per quanto riguarda i materiali metallici ferrosi e non ferrosi, valutati, dai produttori, in circa il 75% del peso del veicolo, l industria metallurgica assorbe l intero flusso derivante dalla demolizione dei veicoli i quali, previ eventuali ulteriori trattamenti (es.: frantumazione), vengono regolarmente avviati al riciclaggio, mentre, la restante parte leggera, denominata fluff, attualmente è avviata allo smaltimento in discarica Commissario Michelangelo Pecorella 37

38 componenti prodotte dalle operazioni di messa in sicurezza le parti metalliche CER per i metalli ferrosi CER per i metalli non ferrosi, per le plastiche il codice e il codice per le parti in vetro Commissario Michelangelo Pecorella 38

39 In molti casi le carcasse di autoveicoli messe in sicurezza, al fine di facilitarne il trasporto verso le destinazioni successive, tipicamente gli impianti di frantumazione, vengono sottoposte ad operazioni di riduzione volumetrica mediante pressatura. La riduzione volumetrica delle carcasse di veicoli già sottoposti ad operazioni di messa in sicurezza, non modifica la natura del rifiuto né le sue caratteristiche chimico fisiche il rifiuto stesso dovrà continuare ad essere identificato con il codice Commissario Michelangelo Pecorella 39

40 La messa in sicurezza del veicolo fuori uso consiste nella asportazione delle parti potenzialmente inquinanti, selezionandole per tipologia, pericolosi/non pericolosi). Tali operazioni devono avvenire in condizione di massima sicurezza, evitando ogni contaminazione ambientale con liquidi od altro e devono essere svolte esclusivamente su area impermeabilizzata al coperto. Commissario Michelangelo Pecorella 40

41 RIMOZIONE DI accumulatori al piombo: le batterie asportate stoccate in un apposito settore stoccaggio rifiuti pericolosi ; oli esausti: tutti gli oli contenuti nel cambio, nel motore, nel sistema di trasmissione, nel circuito freni e nei circuiti idraulici, sono raccolti separatamente per tipologie omogenee. liquidi refrigeranti: sono prelevati ed avviati a smaltimento salvo l opportunità di reimpiego tal quale; carburanti: tutti i serbatoi di carburanti sono svuotati; i liquidi estratti sono raccolti separatamente per tipologia ed avviati ad un immediato riutilizzo; contenitori combustibili gassosi: sono asportati a causa del pericolo di esplosioni generate dalla loro eventuale presenza durante la frantumazione della carcassa; CFC e HFC: i fluidi refrigeranti contenuti nei condizionatori vengono asportati a mezzo di dispositivi aspiranti a circuito chiuso per evitare qualsiasi dispersione in atmosfera; materiali esplosivi (es. airbag): sono rimossi e destinati al reimpiego o neutralizzati prima dell asportazione condensatori contenenti PCB: sono rimossi, stoccati separatamente, quindi conferiti ad impianti autorizzati componenti contenenti mercurio: le lampade, i sistemi di navigazione e i display sono rimossi, stoccati separatamente e, quindi, conferiti ad impianti autorizzati. Commissario Michelangelo Pecorella 41

42 DETENTORE CENTRO RACCOLTA CONCESSIONARIO CANCELLAZIONE P.R.A. CANCELLAZIONE P.R.A. MESSA IN SICUREZZA DEMOLIZIONE TRATTAMENTO PER LA PROMOZIONE DEL RICICLAGGIO ROTTAMAZIONE FRANTUMAZIONE SMALTIMENTO RECUPERO REIMPIEGO RICICLAGGIO ALTOFORNO ACCIAIERIA ROTTAMI FLUFF Commissario Michelangelo Pecorella DISCARICA 42

43 FASI DELLA DEMOLIZIONE a) smontaggio dei componenti del veicolo fuori uso od altre operazioni equivalenti, volte a ridurre gli eventuali effetti nocivi sull ambiente; b) rimozione, separazione e deposito dei materiali e dei componenti pericolosi in modo selettivo, così da non contaminare i successivi residui della frantumazione provenienti dal veicolo fuori uso; c) eventuale smontaggio e deposito dei pezzi di ricambio commercializzabili, nonché dei materiali e dei componenti recuperabili, in modo da non compromettere le successive possibilità di reimpiego, di riciclaggio e di recupero. Commissario Michelangelo Pecorella 43

44 Frantumazione: le operazioni per la riduzione in pezzi o in frammenti, tramite frantumatore, del veicolo già sottoposto alle operazioni di messa in sicurezza e di demolizione, allo scopo di ottenere residui di metallo riciclabili, separandoli dalle parti non metalliche destinate al recupero, anche energetico, o allo smaltimento. Art. 3 comma 1, lett. n - D.Lgs 209/2003 Commissario Michelangelo Pecorella 44

45 le elevate concentrazioni di PCB (derivanti principalmente da componenti elettriche ed elettroniche contenenti dielettrici a base di PCB) e degli oli minerali sono da attribuirsi alla non corretta bonifica del rifiuto in ingresso all impianto di demolizione Commissario Michelangelo Pecorella 45

46 Una corretta applicazione sia delle norme tecniche di messa in sicurezza dei veicoli fuori uso, secondo le prescrizioni stabilite dal D.Lgs 14 giugno 2003, n 209 che di messa in sicurezza delle apparecchiature elettriche ed elettroniche, secondo le prescrizioni del D.lgs 25 luglio 2005, n.151 garantirà, l asportazione di tutti i componenti ambientalmente critici, assicurando un flusso in uscita di carcasse bonificate che, avviate agli impianti di frantumazione, dovrebbe produrre un fluff non contaminato da sostanze pericolose. Commissario Michelangelo Pecorella 46

47 Fonti comunitarie, in particolare la valutazione di impatto [(SEC 2007)14], del 16 gennaio 2007) che accompagna la relazione della Commissione sugli obiettivi della direttiva ELV [(COM 2007)5], sottolineano l importanza delle fasi di messa in sicurezza, bonifica e demolizione dei veicoli a fine vita e valutano che la riduzione in peso dei veicoli soggetti a tali operazioni è compresa tra il 12,5 ed il 30%. Commissario Michelangelo Pecorella 47

48 In relazione al contenuto di sostanze pericolose, il fluff può essere classificato come rifiuto pericoloso o non pericoloso, richiedendo, conseguentemente, diverse tecnologie di trattamento per lo smaltimento Commissario Michelangelo Pecorella 48

49 Il fluff in uscita dagli attuali impianti di frantumazione è composto principalmente per più del 50% da una frazione ricca in plastiche, per circa il 23% da una frazione mista costituita da tessuti, gomma e carta, da metalli ferrosi e non per il 12%, da frammenti di conduttori elettrici per il 5% e da vetro per il 7% circa. Fonte: Rapporto APAT 2007 Commissario Michelangelo Pecorella 49

50 OBIETTIVI PERCENTUALI DI REIMPIEGO E RECUPERO DEL PESO MEDIO PER VEICOLO 95% ENTRO 2015 Adesso è 85% Commissario Michelangelo Pecorella 50

51 PRODUTTORI PROGETTARE VETTURE PRIVILEGIANDO MATERIALI RICICLATI E MINIMIZZANDO LA GENERAZIONE DEI RIFIUTI AUTODEMOLITORI SEPARARE TUTTO CIO CHE PUO ESSERE RECUPERATO FRANTUMATORI MASSIMIZZARE IL RECUPERO Commissario Michelangelo Pecorella 51

52 Gli impianti di demolizione sono autorizzati, in regime ordinario (art. 208 D.Lgs. 152/06) dalla Regione, mentre nel caso di impianti operanti in procedura semplificata, sono autorizzati dalla Provincia e si fa riferimento al D.M. 5/2/1998 Procedura semplificata MESSA IN RISERVA R13 TRATTAMENTO R4 Materia Prima Secondaria Commissario Michelangelo Pecorella TRASPORTO CON D.D.T. 52

53 Non esiste la possibilità che il commerciante ritiri una MPS dal produttore con un documento di trasporto (D.d.T) a lui intestato in qualità di destinatario e lo faccia proseguire per l acciaieria o la fonderia consumatrice come MPS, sostituendo il D.d.T. originario con un proprio D.d.T. Il commerciante dovrà ritirare il materiale in qualità di rifiuto, accompagnato dal formulario di identificazione, e solo dopo averlo fatto transitare presso il proprio cantiere autorizzato, assicuratosi che abbia effettivamente caratteristiche merceologiche stabilite dal D.M o avendo effettuato opportune operazioni di trattamento, potrà avviarlo all acciaieria, alla fonderia o anche ad un altro commerciante come MPS, accompagnato dal D.d.T.. Il produttore deve emettere sempre il formulario rifiuti Commissario Michelangelo Pecorella 53

54 COME AVVIENE IL TRASPORTO? Nel caso del trasporto dei pacchi di carrozzeria, non essendo MPS, questi devono essere accompagnati da formulario di identificazione rifiuto LA DITTA DI TRASPORTO DEVE ESSERE ISCRITTA ALL ALBO GESTORI AMBIENTALI Commissario Michelangelo Pecorella 54

55 I pacchi di carrozzeria privati delle sostanze pericolose e di tutte le componenti da avviare al riciclaggio rientrano nella categoria dei rifiuti speciali non pericolosi con CER Capita che nel processo di pressatura non siano stati asportati pneumatici, batterie e componenti con sostanze pericolose. In questo caso il rifiuto risulta essere pericoloso ed il codice è il * Commissario Michelangelo Pecorella 55

56 Procedure di p.g. da adottare in caso di trasporto di pacchi di carrozzeria non bonificati accompagnati da formulario riportante il CER Ispezione del carico Se l ispezione da esito positivo effettuare il sequestro del veicolo con tutto il carico di rifiuti, specificando le motivazioni (perdite di olio, presenza di componenti elettronici, plastica, pneumatici, batterie ecc..) Sequestro probatorio del Formulario di identificazione rifiuto Repertazione fotografica Comunicazione notizia di reato alla Procura della Repubblica Commissario Michelangelo Pecorella 56

57 Pertanto sia il produttore che il trasportatore hanno falsamente trascritto e sottoscritto sui FIR un rifiuto non pericoloso, che in realtà risulta rientrare nella categoria dei rifiuti pericolosi. Notizia di reato a carico di: produttore dei rifiuti (violazione art. 6 D.Lgs. 209/03 art art. 258 D.Lgs. 152/06 e art. 483 c.p.) trasportatore per la violazione all art.193 e 258 D.Lgs. 152/06 ed art. 483 c.p. Commissario Michelangelo Pecorella 57

58 Violazione Art. 258 D.Lgs. 152/06 a) effettuazione del trasporto di rifiuti pericolosi senza il prescritto formulario; b) indicazione nel formulario stesso dati incompleti o inesatti in relazione a rifiuti pericolosi, in caso di trasporto; c) predisposizione di un certificato di analisi di rifiuti, false indicazioni sulla natura, sulla composizione e sulle caratteristiche chimico-fisiche dei rifiuti; d) uso di un certificato falso durante il trasporto di rifiuti. Commissario Michelangelo Pecorella 58

59 Chiunque effettua il trasporto di rifiuti senza il formulario di cui all'articolo 193 ovvero indica nel formulario stesso dati incompleti o inesatti Rifiuti pericolosi - Si applica la pena di cui all'articolo 483 del codice penale. Segue la confisca del mezzo di trasporto art 259 comma 2 Chiunque, nella predisposizione di un certificato di analisi di rifiuti, fornisce false indicazioni sulla natura, sulla composizione e sulle caratteristiche chimico -fisiche dei rifiuti e a chi fa uso di un certificato falso durante il trasporto. Si applica la pena di cui all'articolo 483 del C.P. Commissario Michelangelo Pecorella 59

60 La responsabilità del detentore per il corretto recupero o smaltimento dei rifiuti è esclusa: a) in caso di conferimento dei rifiuti al servizio pubblico di raccolta; b) in caso di conferimento dei rifiuti a soggetti autorizzati alle attività di recupero o di smaltimento, a condizione che il detentore abbia ricevuto il formulario di cui all'articolo 193 controfirmato e datato in arrivo dal destinatario entro tre mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore, ovvero alla scadenza del predetto termine abbia provveduto a dare comunicazione alla provincia della mancata ricezione del formulario. Per le spedizioni transfrontaliere di rifiuti tale termine è elevato a sei mesi e la comunicazione è effettuata alla Regione. Commissario Michelangelo Pecorella 60

61 Con sentenza n del 2 luglio 2008, la III sezione Penale della Corte di Cassazione, rigettando il ricorso di un imprenditore avverso il provvedimento del Pubblico Ministero che si era opposto ad una richiesta di restituzione di carcasse di auto, in relazione al reato di cui all Art. 256 del D. Lgs. n.152/06, per rilevata violazione delle prescrizioni nell autorizzazione all esercizio delle attività di raccolta, messa in sicurezza, recupero e rottamazione di veicoli a motore, ha ribadito che le attività di demolizione e messa in sicurezza del veicolo fuori uso devono essere effettuate prima della pressatura. Commissario Michelangelo Pecorella 61

62 per operazioni di pressatura, che secondo le indagini di polizia giudiziaria risultavano essere state già effettuate, sì intendono le operazioni di adeguamento volumetrico del veicolo già sottoposto alle operazioni di messa in sicurezza e di demolizione le attività di demolizione e messa in sicurezza del veicolo fuori uso devono essere effettuate prima della pressatura. Commissario Michelangelo Pecorella 62

63 I pacchi di carrozzeria non rientrano tra le materie prime secondarie in quanto dovrebbero rispondere a specifici standard di qualità e sicurezza secondo quanto previsto dal D.M Infatti il rottame ferroso, rientrante tra le MPS ed utilizzate per le fonderie e le acciaierie, deve avere le pezzature e le caratteristiche tecniche prevista dalle norme CECA o UNI. Pertanto, nel caso di un trasporto di pacchi di carrozzerie, questi devono essere accompagnati dal formulario rifiuti e non soltanto da documento di trasporto. In caso contrario, procedere al sequestro del mezzo e dei rifiuti ed alla redazione degli atti di p.g. consequenziali Commissario Michelangelo Pecorella 63

64 Il proler generato dalle operazioni di frantumazione, al fine del successivo utilizzo come materia prima secondaria per impianti metallurgici, deve rispettare quanto prescritto al punto dell allegato 1, suballegato 1 al DM 5 Febbraio 1998 che disciplina il recupero dei rifiuti non pericolosi. al trattamento a secco o a umido per l'eliminazione di materiali e/o di sostanze estranee in conformità alle seguenti caratteristiche: - oli e grassi <0,1 % in peso; - PCB e PCT < 25 ppb; - inerti, metalli non ferrosi, plastiche, altri materiali indesiderati, max 1% in peso come somma totale; - solventi organici < 0,1% in peso; - polveri con granulometria < 10 μ non superiori al 10% in peso delle polveri totali; - non radioattivo ai sensi del decreto legislativo 17 marzo 1995, n Non devono essere presenti contenitori chiusi o non sufficientemente aperti, né materiali pericolosi infiammabili e/o esplosivi e/o armi da fuoco intere o in pezzi. Commissario Michelangelo Pecorella 64

65 Carcassa = Kg ESEMPIO Oli e grassi < 1 Kg. Inerti, metalli non ferrosi, plastica ed altro materiale < 10 Kg. Solventi organici < 1 Kg. RIFIUTO NON PERICOLOSO Rimangono oltre Kg. 988 di rottame metallico recuperabile Se sono superati questi parametri Il pacco di carrozzeria risulta essere rifiuto pericoloso Commissario Michelangelo Pecorella 65

66 I controlli su strada presentano notevoli difficoltà, anche perché l operatore deve prendere decisioni quasi immediate ed in un contesto ambientale difficile Si suggerisce sempre l eventuale intervento tecnico, con nomina di ausiliario di p.g. (tecnici ARPA USL, ecc..) Commissario Michelangelo Pecorella 66

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 Agg. n 1/11 CHE art. 192 commi 1-2 art. 192 commi 1-2 art. 226 art. 231 commi 1-2 art. 231 art. 255 art. 255 art. 231 art. 255 Abbandono o deposito incontrollato

Dettagli

LE DIRETTIVE R.A.E.E. E V.F.U. E LORO MODALITA DI ATTUAZIONE

LE DIRETTIVE R.A.E.E. E V.F.U. E LORO MODALITA DI ATTUAZIONE Tecnologie di Recupero e Riciclo dei Materiali Alberto Simboli - a.a. 2013/14 7. LE DIRETTIVE R.A.E.E. E V.F.U. E LORO MODALITA DI ATTUAZIONE I VEICOLI FUORI USO 2 LA DIRETTIVA E.O.L- VEHICLES E LA SUA

Dettagli

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 Rifiuti potenzialmente prodotti presso i cantieri i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione,

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

Consegne c/o Feralpi Siderurgica S.p.A DISPOSIZIONI GENERALI RITIRO ROTTAME FERROSO

Consegne c/o Feralpi Siderurgica S.p.A DISPOSIZIONI GENERALI RITIRO ROTTAME FERROSO Consegne c/o Feralpi Siderurgica S.p.A DISPOSIZIONI GENERALI RITIRO ROTTAME FERROSO Ragione Sociale FERALPI SIDERURGICA SPA Via Aurelio Saffi nr. 15 25122 BRESCIA (BS) Sede Amministrativa FERALPI SIDERURGICA

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali Oggetto: Rinnovo dell autorizzazione all esercizio dell impianto di recupero di proprietà della Ditta Benassuti Rottami S.a.s., sito in Località Pigno del Comune di Sommacampagna (Vr) e contestuale presa

Dettagli

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva di Avv. Rosa Bertuzzi Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva Il testo unico ambientale impone il divieto di abbandono di rifiuti, obbligando, in primis, il trasgressore alla rimozione.

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

OGGETTO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE DLGS 3 APRILE 2006, N. 152 - DLGS 29 GIUGNO 2010, N. 128 - DLGS 4 MARZO 2014, N.

OGGETTO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE DLGS 3 APRILE 2006, N. 152 - DLGS 29 GIUGNO 2010, N. 128 - DLGS 4 MARZO 2014, N. COMMITTENTE SEDE LEGALE: VIA CONFORTINO,31 40053 VALSAMOGGIA- LOC. CRESPELLANO (BO) SEDE OPERATIVA: VIA PIAN SAVELLI, 24-28 00134 ROMA (RM) IL RAPPRESENTANTE LEGALE (TIMBRO E FIRMA) OGGETTO DOMANDA DI

Dettagli

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI PRODUTTORE DEL RIFIUTO E SUOI ONERI Articolo 183 del Dlgs 152/2006 Definizioni b) produttore: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioè

Dettagli

Norme in materia ambientale

Norme in materia ambientale Prontuario illeciti ambientali Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 G.U. n. 88 del 14.04.2006, Suppl. Ord. N. 96/L Norme in materia ambientale Confronti tra le vecchie e le nuove normative A cura

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

Consegne c/o Acciaierie di Calvisano S.p.A DISPOSIZIONI GENERALI RITIRO ROTTAME FERROSO

Consegne c/o Acciaierie di Calvisano S.p.A DISPOSIZIONI GENERALI RITIRO ROTTAME FERROSO Consegne c/o Acciaierie di Calvisano S.p.A DISPOSIZIONI GENERALI RITIRO ROTTAME FERROSO Ragione Sociale e sede amministrativa ACCIAIERIE DI CALVISANO SPA Via Kennedy 101/a Loc. Viadana 25012 CALVISANO

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

Rottami ferrosi: rifiuti o non rifiuti?

Rottami ferrosi: rifiuti o non rifiuti? Di Avv. Rosa Bertuzzi Rottami ferrosi: rifiuti o non rifiuti? di Avv. Rosa Bertuzzi Circa i rottami ferrosi, in questa rivista, si è già trattato l argomento in passato. L ultimo articolo, risalente al

Dettagli

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007 MUD 2015 RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MUD 2015 Normativa di riferimento Il D. Lgs. n.152/2006 all art. 189 dispone l obbligo di comunicare le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti per

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SEZIONE 5 Sistema di gestione dei veicoli a motore e simili fuori uso e loro parti destinate alla demolizione ed alla rottamazione Luglio 1998 2 SOMMARIO 1.

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI Prof. Ing. Cesare Saccani DIEM - Università degli

Dettagli

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori Introduzione Dal 18 giugno gli acquirenti di elettrodomestici e materiale elettrico ed elettronico (dalla tv al phon, dal frigo al forno, dal telefonino al computer) potranno consegnare gratuitamente le

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

AUTOVEICOLI FUORI USO E PARTI DI RICAMBIO

AUTOVEICOLI FUORI USO E PARTI DI RICAMBIO AUTOVEICOLI FUORI USO E PARTI DI RICAMBIO di Avv. Rosa Bertuzzi Cassazione Penale, sez. III n. 194 del 07.01.2013 L art. 3 comma 3 del D.l.vo 209/2003 richiede che si sia in presenza di veicoli e parti

Dettagli

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE Comune di Nuoro SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI E DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PROVENIENTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ART.

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

17 VEICOLI FUORI USO. 17.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale

17 VEICOLI FUORI USO. 17.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale 17.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale L analisi delle quantità dei materiali ottenuti dalla bonifica e dalla demolizione dei veicoli giunti a fine vita (ton/anno) avviate a reimpiego,

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

VALORIZZIAMO IL RECUPERO DI MATERIALI DALLA FILIERA DEL FINE VITA AUTO. Ing. Franco Macor Gruppo Fiori

VALORIZZIAMO IL RECUPERO DI MATERIALI DALLA FILIERA DEL FINE VITA AUTO. Ing. Franco Macor Gruppo Fiori VALORIZZIAMO IL RECUPERO DI MATERIALI DALLA FILIERA DEL FINE VITA AUTO 2013 Ing. Franco Macor Gruppo Fiori Il Gruppo Fiori: impianti di recupero Italmetalli (Bologna) Italferro (Roma) INPUT >360.000 t

Dettagli

Manuale di compilazione del formulario di identificazione dei rifiuti

Manuale di compilazione del formulario di identificazione dei rifiuti Manuale di compilazione del formulario di identificazione dei rifiuti Manuale di compilazione del formulario di identificazione dei rifiuti Il formulario svolge la funzione di anello di congiunzione rispetto

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale COMUNE DI PIANO DI SORRENTO Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 152 del 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni, DM 08

Dettagli

IL TRASPORTO DEI RIFIUTI DA DEMOLIZIONE

IL TRASPORTO DEI RIFIUTI DA DEMOLIZIONE IL TRASPORTO DEI RIFIUTI DA DEMOLIZIONE Modalità di gestione, violazioni e sanzioni di Tiziano Granata, Chimico e Assistente della Polizia Stradale e-mail: tiziano.granata@gmail.com Testo aggiornato a

Dettagli

#7!B;=6>A97:C!:;! 5%+16'71&.8.1-'C!=:EA6<<;!Q9!07A;76<<;!%9;FF9!!

#7!B;=6>A97:C!:<!B67A>;! 5%+16'71&.8.1-'C!=:EA6<<;!Q9!07A;76<<;!%9;FF9!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! #$!%&'()&%*!&+&%,&-#'*!.&#!%&/#.(#!.0!0(-*.&1*$#2#*+&!!!"#$%"&'()'(*+',"-.#/(0.+1(2"31-./(0"&'4.1(0"&'-+(!! 34"" &+&0! 056789:!7:89;7:!

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali 51 1. Funzione della Parte Speciale - 3 - Per effetto del D.Lgs. n. 121/2011, dal 16 agosto 2011 è in vigore l'art.25 - undecies, D.Lgs. n. 231/2001, che prevede

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

FONDAZIONE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi Sala della Pace - Palazzo Valentini Provincia di Roma 26 aprile 2010 1 Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi

Dettagli

Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale

Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale 21^ Giornata di Studio della Polizia Locale Veneto 55^ Edizione Nazionale Jesolo (VE) - 10, 11 aprile 2014 Pala Arrex - Sala Palladio

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO I RIFIUTI Sommario: 1. Quadro normativo di riferimento. - 2. La definizione di rifiuto. - 3. Classificazione dei rifiuti. - 4. Limiti al campo di applicazione della disciplina del D.Lgs.

Dettagli

NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI. Milano 22/06/2015

NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI. Milano 22/06/2015 NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Milano 22/06/2015 1 Introduzione 2 Le Responsabilità nella classificazione del rifiuto 3 Classificazione: come deve operare il Produttore 4 Caratterizzazione:

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO

PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LIVORNO SEGNALAZIONE A SEGUITO DI CONTROLLO PRESSO UNA SOCIETA CHE EFFETTUAVA BONIFICA DI UN SITO INQUINATO OGGETTO DELLA VERIFICA CONTROLLO F.I.R. RELATIVI AL TRASPORTO DI EMULSIONI CONTENENTI

Dettagli

EFFEMETAL SRL Cod. Fisc. 05976120484

EFFEMETAL SRL Cod. Fisc. 05976120484 Cod. Fisc. 05976120484 ------------------------------------------------------------------------- IMPIANTO DI STOCCAGGIO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI Via G. Di Vittorio, 24

Dettagli

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F.

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F. 1/11 Spett.le R.A.P. S.p.A. Piazzetta Cairoli 90123 Palermo OGGETTO: RICHIESTA DI AMMISSIBILITÀ RIFIUTI PRESSO LA DISCARICA DI BELLOLAMPO. ISTANZA DEL PRODUTTORE Il legale rappresentante della ditta P.

Dettagli

Guida alle migliori pratiche e tecnologie disponibili nel settore dell autodemolizione

Guida alle migliori pratiche e tecnologie disponibili nel settore dell autodemolizione Guida alle migliori pratiche e tecnologie disponibili nel settore dell autodemolizione Autore: Gaspare Antonio Giglio, dottore in Scienze Ambientali Si ringraziano: - Ecoeuro Srl - Iris-mec Srl - Progetto

Dettagli

SERVIZI ALLA COMUNITA AUTORIPARAZIONE

SERVIZI ALLA COMUNITA AUTORIPARAZIONE SERVIZI ALLA COMUNITA AUTORIPARAZIONE (le successive novità normative saranno introdotte automaticamente ) Il seguente opuscolo è rivolto a tutti gli artigiani ed operatori che lavorano nei servizi di

Dettagli

Politiche Ambientali

Politiche Ambientali Politiche Ambientali Resp. Procemento: Sofia Memoli Tel. 041-2501203 Istruttore: Sara Bassa Tel. 041 2501284 Venezia, 27/06/2013 Prot. n 58805 Classificazione: XII-1 Oggetto: Dati iscrizione al Registro

Dettagli

LE COMPETENZE DELLE PROVINCIE IN EMILIA-ROMAGNA

LE COMPETENZE DELLE PROVINCIE IN EMILIA-ROMAGNA LE COMPETENZE DELLE PROVINCIE IN EMILIA-ROMAGNA Competenze delegate dalla legge nazionale (art. 197 D.lgs 152/2006): a) controllo e verifica degli interventi di bonifica e loro monitoraggio; b) controllo

Dettagli

Vendita. Assistenza. Carrozzeria. Ricambi. Piazzale. TMI-RETE-MGA-GAC Rev. 1 del 24/07/07

Vendita. Assistenza. Carrozzeria. Ricambi. Piazzale. TMI-RETE-MGA-GAC Rev. 1 del 24/07/07 Vendita Assistenza Carrozzeria Ricambi Piazzale TMI-RETE-MGA-GAC Rev. 1 del 24/07/07 Toyota Motor Italia S.p.A. (2007) Scarico di responsabilità Questa Guida è stata elaborata da Toyota Motor Italia S.p.A..

Dettagli

COMUNE DI PIEVE DI CENTO Provincia di Bologna

COMUNE DI PIEVE DI CENTO Provincia di Bologna COMUNE DI PIEVE DI CENTO Provincia di Bologna Regolamento comunale per la gestione del Centro di Raccolta dei Rifiuti urbani raccolti in modo differenziato (Stazione Ecologica Attrezzata) Norme di accesso

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI GENERATI NELLE ATTIVITÀ DI AUTORIPARAZIONE, AUTOLAVAGGIO ED EROGAZIONE CARBURANTE

GESTIONE DEI RIFIUTI GENERATI NELLE ATTIVITÀ DI AUTORIPARAZIONE, AUTOLAVAGGIO ED EROGAZIONE CARBURANTE GESTIONE DEI RIFIUTI GENERATI NELLE ATTIVITÀ DI AUTORIPARAZIONE, AUTOLAVAGGIO ED EROGAZIONE CARBURANTE (le successive novità normative saranno introdotte automaticamente) 1 A chi è rivolto l opuscolo:

Dettagli

Gestione dei Rifiuti Recupero di Tipologie Particolari

Gestione dei Rifiuti Recupero di Tipologie Particolari Gestione dei Rifiuti Recupero di Tipologie Particolari rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche pile ed accumulatori oli usati veicoli fuori uso fanghi di depurazione in agricoltura 9 e 10

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

_{s}^ PROVINCIA DI NUORO SETTORE AMBIENTE GOVERNO DELTERRITORIO PIAZZA ITALIA 22 08100 NUORO tel 0784238600. DELtl5rT,?ft0& DETERMINAZIONE N.

_{s}^ PROVINCIA DI NUORO SETTORE AMBIENTE GOVERNO DELTERRITORIO PIAZZA ITALIA 22 08100 NUORO tel 0784238600. DELtl5rT,?ft0& DETERMINAZIONE N. w,11à, w- d.@,. SETTORE AMBIENTE GOVERNO DELTERRITORIO PIAZZA ITALIA 22 08100 NUORO tel 0784238600 vincia.nuoro.rt DETERMINAZIONE N. 24 L,6 DELtl5rT,?ft0& OGGETTO. Rinnovo Autorizzazione alla gestione

Dettagli

Manuale B2B. Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA. Documento a cura di: Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia. www.raecycle.

Manuale B2B. Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA. Documento a cura di: Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia. www.raecycle. Manuale B2B Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA Documento a cura di: RAEcycle Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia www.raecycle.it Contatti servizio B2B: Mail: b2b@raecycle.it Tel:

Dettagli

Giornata di studio sui RIFIUTI PERICOLOSI RIFIUTI CONTAMINATI DA PCB. Dott. Chim. Massimo T. Petri. Firenze, 13 dicembre 2007 - Hotel Alexander

Giornata di studio sui RIFIUTI PERICOLOSI RIFIUTI CONTAMINATI DA PCB. Dott. Chim. Massimo T. Petri. Firenze, 13 dicembre 2007 - Hotel Alexander Giornata di studio sui RIFIUTI PERICOLOSI RIFIUTI CONTAMINATI DA PCB Dott. Chim. Massimo T. Petri Firenze, 13 dicembre 2007 - Hotel Alexander La normativa vigente individua come PCB i PoliCloroBifenili

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD30U ATTIVITÀ 38.31.10 DEMOLIZIONE DI CARCASSE ATTIVITÀ 38.32.10 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL

STUDIO DI SETTORE UD30U ATTIVITÀ 38.31.10 DEMOLIZIONE DI CARCASSE ATTIVITÀ 38.32.10 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL STUDIO DI SETTORE UD30U ATTIVITÀ 38.31.10 DEMOLIZIONE DI CARCASSE ATTIVITÀ 38.32.10 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI CASCAMI E ROTTAMI METALLICI ATTIVITÀ 38.32.20 RECUPERO E PREPARAZIONE PER

Dettagli

news letter Inerti Foro Legge numero 1 gennaio 2009 www.inertiforo.it

news letter Inerti Foro Legge numero 1 gennaio 2009 www.inertiforo.it news letter Inerti Foro numero 1 gennaio 2009 www.inertiforo.it ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRESSO LA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNALE Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto utilizzo della piazzola ecologica

Dettagli

Decreto Legislativo 22 maggio 1999, n. 209

Decreto Legislativo 22 maggio 1999, n. 209 Decreto Legislativo 22 maggio 1999, n. 209 "Attuazione della direttiva 96/59/CE relativa allo smaltimento dei policlorodifenili e dei policlorotrifenili" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 151 del

Dettagli

I rifiuti speciali 47

I rifiuti speciali 47 47 Il quadro conoscitivo relativo alla produzione e alle modalità di gestione dei rifiuti speciali nel 26, si basa sulle dichiarazioni MUD (Modello Unico di Dichiarazione ambientale), presentate nell anno

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

INDAGINI E BONIFICHE AMBIENTALI dalla progettazione all esecuzione: VIOLAZIONI E SANZIONI

INDAGINI E BONIFICHE AMBIENTALI dalla progettazione all esecuzione: VIOLAZIONI E SANZIONI INDAGINI E BONIFICHE AMBIENTALI dalla progettazione all esecuzione: VIOLAZIONI E SANZIONI Dott. Alessandro Lucchesini, Responsabile Tecnico CECAM srl, Firenze Direttiva europea 2004/35/CE sulla responsabilità

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

Rifiuti Aggiornamento Problematica Normativa

Rifiuti Aggiornamento Problematica Normativa Rifiuti Aggiornamento Problematica Normativa Campionamento ed analisi del Fluff Giorgio Croce Dip. ARPAT di Firenze tel. 0553206259 fax 0553206218 1 2 Rifiuti di Rottamazione in Italia 2.000.000 di automobili

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DEL CANTIERE EDILIZIO

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DEL CANTIERE EDILIZIO Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà LA GESTIONE DEI

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE

PROVINCIA DI CROTONE A. P. DAL 25-03-2009 AL 09-04-2009 COPIA REG. GEN. N. 395 Data 25-03-2009 PRATICA N. DBDIR - 468-2009 PROVINCIA DI CROTONE DIPARTIMENTO III SETTORE 1 AMBIENTE, DEMANIO IDRICO, ENERGIA, RISORSE IDRICHE

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 settembre 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 settembre 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE I: REATI IN TEMA DI AMBIENTE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F.

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F. MODULO 1/11 Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo Spett.le RAP S.p.A. Piazzetta Cairoli 90123 Palermo OGGETTO: RICHIESTA DI AMMISSIBILITÀ RIFIUTI PRESSO LA DISCARICA DI BELLOLAMPO.

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN LIGURIA MERCOLEDÌ 21 GENNAIO 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN LIGURIA MERCOLEDÌ 21 GENNAIO 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI 1/5 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA CITTA DI ARESE Provincia di Milano Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA INDICE

Dettagli

Il destino dei rifiuti da costruzione e demolizione Obblighi e realtà nella Provincia di Vercelli

Il destino dei rifiuti da costruzione e demolizione Obblighi e realtà nella Provincia di Vercelli LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 Il destino dei rifiuti da costruzione e demolizione Obblighi e realtà nella Provincia di Vercelli

Dettagli

D.Lgs. 231/2001: aggiornamenti normativi intervenuti nel 2011

D.Lgs. 231/2001: aggiornamenti normativi intervenuti nel 2011 D.Lgs. 231/2001: aggiornamenti normativi intervenuti nel 2011 I nuovi reati presupposto introdotti nel 2011 Reati ambientali (art. 25-undecies, D.Lgs. n. 231/01) Reati previsti dal Codice penale Uccisione,

Dettagli

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI»

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI Fare i Conti con l ambiente rifiuti-acqua-energia workshop H RAVENNA 27/09/2012 «LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» DOTT.

Dettagli

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani [Approvato con Delib. C.C. n. 37 del 27.3.2012 Testo coordinato approvato con Delib. C.C. n. _ del _] Art. 1 Finalità 1.

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO

PROGETTO DI RIPRISTINO REGIONE TOSCANA PROVINCIA LIVORNO IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI POTENZA 7,17 MWp Strada Loc. Forni Comune di Suvereto VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A V.I.A. "PROGETTO DEFINITIVO" RETE RINNOVABILE S.R.L. Via

Dettagli

UDIENZA 29.01.2009 SENTENZA N. 233. REG. GENERALE n.26389/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 29.01.2009 SENTENZA N. 233. REG. GENERALE n.26389/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Integra il reato di abbandono o deposito incontrollato di rifiuti l'accumulo di "beni destinati alla rottamazione" elencati nel catalogo europeo dei rifiuti (CER) quali i veicoli e i pneumatici fuori uso,

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

Circolare di informazione sui temi della salute e sicurezza del lavoro, dell ambiente e della qualità

Circolare di informazione sui temi della salute e sicurezza del lavoro, dell ambiente e della qualità Circolare di informazione sui temi della salute e sicurezza del lavoro, dell ambiente e della qualità N 34 Settembre 2009 In questo numero: RIFIUTI: la scheda di trasporto per le merci e la sua applicabilità

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

Consulenza per la gestione dei rifiuti

Consulenza per la gestione dei rifiuti Consulenza per la gestione dei rifiuti ECORADAR DI GRAMEGNA ALESSANDRO - VIA DELLA REPUBBLICA, 41/A 20011 CORBETTA TEL. 02.97272190 MOB. +393661585997 - e-mail: info@ecoradar.it P.IVA 08738030967 - C.F.

Dettagli

Gestione dei rifiuti

Gestione dei rifiuti SEMINARIO GRATUITO Gestione dei rifiuti ing. Marco Borile Pordenone 5 aprile 2011 Società di ingegneria ENERGIA SICUREZZA AMBIENTE PROGETTAZIONE CONSULENZA FORMAZIONE Veneto Trentino Alto Adige Lombardia

Dettagli

Area Comunicazione R.A.E.E. cosa SONO. come SI RAccOLgONO. cosa diventano

Area Comunicazione R.A.E.E. cosa SONO. come SI RAccOLgONO. cosa diventano Area Comunicazione R.A.E.E cosa SONO come SI RAccOLgONO cosa diventano I R.A.E.E. QUALI SONO? I R.A.E.E. sono apparecchiature non funzionanti o di cui ci si vuole disfare, alimentate elettricamente o con

Dettagli

Al servizio dell ambiente, al vostro servizio.

Al servizio dell ambiente, al vostro servizio. Al servizio dell ambiente, al vostro servizio. Tutte le risposte che cercate, in un unico Partner Da 50 anni operiamo al fianco di Aziende, Enti e Comuni, fornendo servizi di recupero e trattamento di

Dettagli

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai

Dettagli

CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA

CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA 4.1 IL PIANO DEGLI INTERVENTI PRIORITARI L Ordinanza n. 2983/99, all art. 1, nominava il Presidente della Regione siciliana commissario delegato per la predisposizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO INTERCOMUNALE DI RACCOLTA, SITO IN CASALE MONFERRATO, VIA GRANDI 45 A.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO INTERCOMUNALE DI RACCOLTA, SITO IN CASALE MONFERRATO, VIA GRANDI 45 A. CCR - CONSORZIO CASALESE RIFIUTI CONSORZIO DI BACINO Via Mameli, 10 15033 CASALE MONFERRATO (AL) Tel. 0142444209/229/216 FAX 0142444312 ccr@comune.casale-monferrato.al.it / consbacino@comune.casale-monferrato.al.it

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti A cure dal Dott. Bernardino Albertazzi Giurista Ambientale ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO A cura

Dettagli

a.a. 09-10 ing. F.Parotti Adempimenti normativi Ambientali nell attività di cantiere I RIFIUTI

a.a. 09-10 ing. F.Parotti Adempimenti normativi Ambientali nell attività di cantiere I RIFIUTI I RIFIUTI DEFINIZIONE DI RIFIUTO qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore: si disfi Voglia disfarsi Abbia l'obbligo di disfarsi (CEE 751442; termine per l'attuazione luglio1977), qualsiasi sostanza

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI Art. 1 Definizione, finalità e localizzazione Ai sensi del Piano di adeguamento di cui al D.Lgs. 13.01.2003 n. 36, registrato in atti Provinciali

Dettagli