ADEGUAMENTO TECNICO DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI PONTEY, LOCALITÀ VALLOILLE STUDIO D IMPATTO AMBIENTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ADEGUAMENTO TECNICO DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI PONTEY, LOCALITÀ VALLOILLE STUDIO D IMPATTO AMBIENTALE"

Transcript

1 ADEGUAMENTO TECNICO DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI PONTEY, LOCALITÀ VALLOILLE STUDIO D IMPATTO AMBIENTALE ZIMATEC STUDIO ASSOCIATO DI INGEGNERIA Sede legale: Via Bramafam AOSTA Sede operativa: Corso Ferrucci 77/ TORINO Tel. 011/ FAX 011/ RESPONSABILE PROGETTAZIONE Dott. Ing. Flavio RE SVILUPPO PROGETTUALE: Dott. Arch. Paolo MONTAGNINO Dott. Ing. Michele MONTRONE SETTEMBRE 2011 Dott. Ing. Andrè JOLY COD. REV. DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO II 447.VIA 0 09/2011 PM PM FR

2 COORDINAMENTO E SVILUPPO PROGETTUALE, INQUADRAMENTO TERRITORIALE E STUDIO D INSERIMENTO AMBIENTALE Dott. Ing. Flavio RE ASPETTI URBANISTICI ED ELABORAZIONE PROCEDIMENTO DI V.I.A. Dott. Arch. Paolo MONTAGNINO ASPETTI NATURALISTICI ED AGRONOMICI Dr. Roberto GAUDIO ASPETTI GEOLOGICI Dott. Geol. Roby VUILLERMOZ

3 1 INDICE 1. PREMESSA DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI PREVISTI INQUADRAMENTO TERRITORIALE RICHIAMI CRONOLOGICI DESCRIZIONE DELL INTERVENTO ALTERNATIVE DI LOCALIZZAZIONE VOLUMETRIE TEMPI DI ATTUAZIONE PREVISIONE DEI COSTI ILLUSTRAZIONE DELLA COERENZA DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI PROPOSTI CON LE NORME IN MATERIA AMBIENTALE E CON GLI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E URBANISTICA NORME E STRUMENTI RELATIVI ALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E URBANISTICA Piano Territoriale Paesistico (P.T.P.) PSFF PAI Studio di Fattibilità della sistemazione idraulica del Fiume Dora Baltea nel tratto da Aymavilles alla confluenza in Po Progetto di Variante del Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico P.R.G.C Ambiti inedificabili Vincoli territoriali Piano di zonizzazione acustica NORME IN MATERIA AMBIENTALE Norme relative alla salvaguardia del territorio Smaltimento rifiuti Norme sulla tutela delle acque dall'inquinamento Inquinamento atmosferico Inquinamento acustico Norme sulle barriere architettoniche Norme antinfortunistiche e di prevenzione NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO RICHIESTA DI PARERI E AUTORIZZAZIONI ANALISI DEI PARAMETRI AMBIENTALI CHE SUBIRANNO IMPATTO E DEI POSSIBILI IMPATTI ATMOSFERA... 59

4 Stato attuale della componente Analisi degli impatti Misure di mitigazione AMBIENTE IDRICO Stato attuale della componente Analisi degli impatti Misure di mitigazione SUOLO E SOTTOSUOLO Stato attuale della componente Analisi degli impatti Misure di mitigazione VEGETAZIONE FLORA E FAUNA Stato attuale della componente Analisi degli impatti Misure di mitigazione RUMORE Stato attuale della componente Analisi degli impatti SALUTE PUBBLICA Stato attuale della componente Analisi degli impatti PAESAGGIO Stato attuale della componente Analisi degli impatti Misure di mitigazione SOCIO-ECONOMIA Stato attuale della componente Analisi degli impatti OPERE DI MITIGAZIONE ESAME DEI RISCHI LEGATI AD EVENTI ACCIDENTALI PROCEDURE DI INTERVENTO IN CASO DI EMERGENZA DEFINIZIONE DEI LIVELLI D IMPATTO ANALISI COSTI - BENEFICI CONCLUSIONI

5 3 1. PREMESSA Il presente studio di impatto ambientale ha per oggetto l adeguamento tecnico della discarica per rifiuti non pericolosi sita in Località Valloille nel Comune di Pontey (AO), gestita dalla Società S.p.A. L intervento si rende necessario a seguito della modifica dei criteri di ammissibilità dei rifiuti introdotta con il DM Ambiente 27 settembre 2010 Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica, abrogazione del DM 3 agosto 2005, che determinano l obbligatorietà di interventi di adeguamento della discarica in oggetto. Detto adeguamento consiste nell incrementare il livello di sicurezza della discarica mediante il potenziamento del sistema di impermeabilizzazione, sia per il 1 lotto già autorizzato ed in esercizio, che per il 2 lotto, progettato ma ancora da approntare. Nell ambito dell adeguamento tecnico della discarica è prevista una riprofilatura della configurazione finale delle scarpate secondo le nuove verifiche di stabilità eseguite ai sensi del D.M. 14 /01/2008 ed un ampliamento planivolumetrico della discarica stessa nell ambito dell area già di proprietà della Regione Autonoma Valle d Aosta. Il progetto di adeguamento viene redatto in conformità, in termini di equivalenza di protezione delle matrici ambientali, ai criteri costruttivi inerenti impianti per rifiuti pericolosi di cui all allegato 1 del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36 (Attuazione della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti). La procedura di Valutazione d'impatto Ambientale (V.I.A.) ha lo scopo di individuare descrivere e giudicare gli effetti generati dalle opere in stretta relazione allo stato attuale dell'ambiente, che deve accogliere le opere in esame. Secondo l'art. 2 della Legge Regionale 12/2009, per impatto ambientale s'intende l'alterazione qualitativa o quantitativa, diretta e indiretta, a breve e a lungo termine, permanente e temporanea, singola e cumulativa, positiva e negativa dell'ambiente, inteso come sistema di relazioni fra i fattori antropici, naturalistici, chimico-fisici, climatici, paesaggistici, architettonici, culturali, agricoli, economici e sanitari, in conseguenza dell'attuazione sul territorio di progetti nelle diverse fasi della loro realizzazione, gestione e dismissione, nonché di eventuali malfunzionamenti Inoltre, la procedura individua e valuta le attività coinvolte nella realizzazione delle opere in oggetto e, conseguentemente, in sede di progettazione e/o in fase di una sua verifica, indica i criteri e i metodi per l'annullamento e/o la riduzione di eventuali impatti negativi. A livello europeo, vista la necessità che l'autorizzazione di progetti, che possono avere un forte impatto sull'ambiente, possa essere concessa solo dopo lo studio delle ripercussioni sull'ambiente stesso, il 27/06/1985 è stata approvata la Direttiva Comunitaria 85/337/CEE concernente la "Valutazione d'impatto ambientale (V.I.A.) di

6 4 determinati progetti pubblici e privati", poi aggiornata dalla Direttiva 97/11/CE. Successivamente sono state approvate la direttiva 2001/42/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 giugno 2001, concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull'ambiente e la direttiva 85/337/CEE del Consiglio, del 27 giugno 1985, concernente la valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati. A livello nazionale la Legge n. 349 dell'08/07/1986 stabilì che le categorie di opere alle quali si applicava la procedura di V.I.A. e le norme tecniche relative fossero determinate con decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri su proposta del Ministero dell'ambiente. Tali decreti sono stati emanati in data 10/08/1988 e 27/12/1988. L attuale testo vigente in materia è il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 "Norme in materia ambientale" aggiornato, da ultimo, al D.Lgs. n. 188/2008. Il processo di analisi dei potenziali impatti sulle componenti e sui fattori ambientali prevede: a) la descrizione dello stato attuale delle componenti ambientali; b) l'identificazione e la descrizione dei potenziali impatti; c) l'individuazione e la valutazione di eventuali effetti di interazione e cumulazione degli impatti tra le diverse componenti esaminate (catene di impatto); d) la descrizione dello stato previsto per le diverse componenti ambientali a seguito degli impatti; e) l'individuazione di opere e misure di mitigazione eventualmente necessarie, con valutazione degli effetti di assorbimento o attenuazione degli impatti che esse consentono di acquisire; f) l'elaborazione di un quadro riassuntivo degli impatti previsti; g) l'individuazione di forme di monitoraggio e controllo ambientale eventualmente necessarie; h) l'illustrazione dei sistemi di intervento nell'ipotesi che si manifestino emergenze particolari; i) l analisi costi-benefici. La Regione autonoma Valle d'aosta, ai sensi dell'articolo 2 della legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 4 (Statuto speciale per la Valle d'aosta) e in conformità alla direttiva 85/377/CEE del Consiglio del 27 giugno 1985, come modificata dalla direttiva 97/11/CE del Consiglio del 3 marzo 1997, ha emanato la legge regionale 4 marzo 1991 n. 6, disciplinante la procedura di VIA, che è entrata in vigore nel settembre dello stesso anno. Tale norma ha subito poi una serie di modifiche marginali che hanno portato alla stesura il 18 giugno 1999 della Legge Regionale n. 14 "Nuova disciplina della procedura di valutazione d'impatto ambientale". Essa è diventata operativa il giorno successivo alla sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della regione Autonoma Valle d'aosta n. 28 del 22/06/1999. Sul Bollettino Ufficiale della Regione autonoma Valle d'aosta, n. 26 del 30 giugno 2009 è stata pubblicata la Legge regionale 26 maggio 2009, n. 12. Disposizioni per l'adempimento degli obblighi della Regione autonoma Valle d'aosta derivanti

7 5 dall'appartenenza dell'italia alle Comunità europee. Attuazione delle direttive 2001/42/CE, concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull'ambiente, e 85/337/CEE, concernente la valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati. Disposizioni per l'attuazione della direttiva 2006/123/CE, relativa ai servizi nel mercato interno e modificazioni di leggi regionali in adeguamento ad altri obblighi comunitari. Legge comunitaria Con questa legge, la Regione ha adeguato alla disciplina europea e nazionale la propria normativa sulla valutazione ambientale introducendo la valutazione ambientale strategica (VAS) e modificando la procedura di valutazione di impatto ambientale, fino ad ora disciplinata dalla legge regionale n. 14 del 18 giugno Infatti la suddetta legge recepisce: la direttiva 2001/42/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 giugno 2001, concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull'ambiente, la direttiva 85/337/CEE del Consiglio, del 27 giugno 1985, concernente la valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati, il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale) e successive modificazioni (d.lgs 04/2008) Il presente studio è in linea con la suddetta normativa Europea, Nazionale e Regionale e il progetto viene assoggettato alla procedura di VIA, ai sensi dell' articolo 15 della Legge regionale 26 maggio 2009, n. 12, poiché il progetto trattato rientra nella categoria di opere comprese nell'allegato A, Progetti da assoggettare a procedura di VIA (articoli 6, 15 e 17), al punto 12 : Impianti di smaltimento e di recupero, questi ultimi per i procedimenti rientranti nelle procedure ordinarie di autorizzazione di cui all'articolo 208 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale), di rifiuti pericolosi mediante le operazioni di cui agli allegati B e C, della parte IV, del medesimo decreto; è fatta eccezione per le operazioni di smaltimento D13, D14 e D15, nonché per le operazioni di recupero R13, per le quali è necessaria una procedura di verifica di assoggettabilità ai sensi dell'articolo 17 Il presente studio si propone di fornire tutte le informazioni sulle interazioni del progetto con l'ambiente allo scopo di fornire gli elementi di valutazione utili al rilascio delle autorizzazioni necessarie alla realizzazione delle opere.

8 6 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI PREVISTI Il presente studio di impatto ambientale ha per oggetto l adeguamento tecnico della discarica per rifiuti non pericolosi di Pontey (Località Valloille) al fine di realizzare una discarica di sottocategoria intermedia tra discarica per rifiuti pericolosi e non, secondo la catalogazione della nuovo DM 27 settembre La Regione già in occasione della prima pianificazione del 1989 in materia di gestione dei rifiuti aveva individuato la necessità della realizzazione di una discarica per lo smaltimento dei rifiuti industriali prodotti nel proprio territorio. L'intervento oggetto del progetto rientra nell'ambito delle attività e degli obiettivi di gestione dei rifiuti urbani ed assimilati stabiliti dal Piano Regionale, approvato con delibera del Consiglio Regionale n. 3188/XI del 15 aprile 2003, in quanto a seguito dell entrata in vigore del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36, la Regione aveva fatto predisporre il Piano di adeguamento della discarica, ai sensi dell articolo 17 del decreto stesso. Nell'ambito dello studio di impatto ambientale vengono prese in esame le opere previste per la sistemazione finale ed il recupero ambientale del sito di intervento. Gli interventi di riassetto morfologico e ripristino vegetazionale proposti rappresentano elementi di rilievo nel quadro di sistemazione ambientale di un settore vallivo, caratterizzato contemporaneamente da valenza turistica e dalla presenza di elementi di forte antropizzazione. Il presente elaborato persegue il fine di fornire elementi di valutazione circa le potenziali conseguenze ambientali che derivano dalla realizzazione del progetto. In particolare lo studio considera sia aspetti afferenti le risorse naturali che l'ambiente antropico. Nell'ambito indagato, caratterizzato da elementi di forte antropizzazione quali la viabilità di grande scorrimento, fonte di rilevante livello di inquinamento da traffico e rumore, prolungate ed estese attività di cantiere, fonti di rilevante produzione di polvere e di degrado conseguente la movimentazione di materiali, le azioni di progetto rivolte al recupero ambientale, atto finale di un progetto globale di riqualificazione ambientale apportano modificazioni sostanziali e positive al quadro attuale.

9 7 2.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Il sito di discarica è ubicato nel Comune di Pontey, località Valloille. L area d intervento occupa una superficie totale (comprensiva dell ampliamento) compresa entro la recinzione di circa mq, in un settore marginale inserito nel fondovalle, in sponda idrografica destra rispetto al fiume Dora Baltea ed è ricompresa tra il versante, la Dora Baltea e l autostrada Torino Aosta (tavola 1). La zona, interessata da importanti attività estrattive fino alla metà degli anni 90, è ora occupata dal 1 lotto di discarica, in fase di coltivazione e dal 2 lotto, per il quale è stata eseguita solo la preparazione dell invaso, rimodellando il terreno naturale. Il sito è ubicato all interno di un ampia area pianeggiante con quota media dei piazzali di servizio pari a 462 m s.l.m. e quota variabile della zona golenale della Dora Baltea compresa tra 459,00 e 460,00 m. A sud è delimitato dal versante rimodellato dell invaso della discarica, il cui ciglio superiore recintato è attualmente alla quota media di m 496,00, con distanza variabile da m dal bordo del canale di derivazione della CVA, posto ad una quota media di circa 510,00 m s.l.m. Verso est l area di discarica è delimitata dal corso del torrente Prelaz. Con l ampliamento in progetto, previsto congiuntamente alle opere di adeguamento, l area di discarica si amplierà dal lato sud, verso monte, fino in prossimità del canale CVA, occupando una superficie di proprietà della Regione Autonoma Valle d Aosta pari a mq Le distanze chilometriche dal capoluogo regionale e da alcuni centri vicini sono le seguenti, come evidenziato nella Tavola 2: - 25 Km da Aosta - 3 Km da Chatillon - 14 Km da Verrei - 28 Km da Pont Saint Martin - 53 Km da Morgex Il nucleo residenziale più prossimo al sito è quello della frazione di Prelaz (Comune di Chambave), che dista in linea d aria circa 280 m in direzione Nord. Tra queste abitazioni e l area di discarica si collocano il fiume e l autostrada, impostata mediamente ad una quota di 6,00 m superiore rispetto all attuale piazzale. Le prime case del centro abitato di Pontey, in direzione sud-est, distano circa 650 m in linea d aria dall area di discarica. La distanza dalle prime abitazioni di Chambave è pari circa a 1 km. Il sito è agevolmente raggiungibile dalla SS 26 attraverso il ponte che, circa 500 m a valle della frazione Bedugaz, collega il territorio del Comune di Saint Denis con quello di Pontey (strada regionale dell Envers). Oltrepassata la Dora si abbandona la strada regionale per imboccare sulla destra la strada asfaltata della Pianeta, che, dopo essere

10 8 passata sotto la sede autostradale, la costeggia risalendo la valle e raggiungendo il sito ubicato a circa 400 m di distanza del sottopasso. La prossimità dell autostrada A5 Torino-Aosta (casello Nus casello Chatillon) consente di evitare attraversamenti di centri abitati in caso di provenienze da maggiore distanza (tavola 3). I mappali interessati all'intervento sono i seguenti (tavola 4): Comune di Pontey - Foglio 2 mappale 52 - Foglio 3 mappale 169 Entrambi i mappali risultano intestati alla Regione Autonoma Valle d Aosta.

11 9

12 10

13 11

14 12

15 RICHIAMI CRONOLOGICI Aspetti inerenti la costruzione della discarica La Regione già in occasione della prima pianificazione del 1989 in materia di gestione dei rifiuti aveva individuato la necessità della realizzazione di una discarica per lo smaltimento dei rifiuti industriali prodotti nel proprio territorio. L impianto inizialmente individuato nel Piano regionale di gestione dei rifiuti, approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 6911, del 21 luglio 1989, era rappresentato da una discarica classificata di 2 cat. Tipo B Super, dalle disposizioni tecniche allora vigenti (Deliberazione del Comitato Interministeriale del 27 luglio 1984). A seguito delle osservazioni formulate dal Ministero dell Ambiente su detto Piano regionale, riferite, in particolare, al fatto che in Valle d Aosta non vi era una produzione di rifiuti speciali tossico-nocivi, smaltibili in discarica, in quantità tali da giustificare la realizzazione di un impianto così complesso come proposto ed assoggettato alla V.I.A. nazionale, con una modificazione al Piano, approvata con deliberazione della Giunta regionale n. 9020, del 29 settembre 1989, la Regione individuò in via definitiva la realizzazione di una discarica 2B, prevedendo, comunque che dal punto di vista tecnicocostruttivo venissero adottate tutte le misure di tutela previste per una discarica di categoria superiore. Nell aprile del 1996 è stato redatto il progetto generale esecutivo per la realizzazione in Comune di Pontey, loc. Valloille, di una discarica regionale per rifiuti speciali assumendo a riferimento le prescrizioni tecniche previste per gli impianti di seconda categoria tipo B super, sulla base della vecchia classificazione, ex Delibera del Comitato Interministeriale del 27 luglio Il progetto generale, redatto dalla Società Zimatec s.r.l., di Aosta è stato approvato con Deliberazione della Giunta Regionale della Valle d Aosta n 3869 del 6 settembre 1996; con la medesima Deliberazione è stata espressa la valutazione positiva condizionata sulla compatibilità ambientale relativa al suddetto progetto (Studio di Impatto Ambientale redatto dalla Società Vallia S.r.l.). Nel settembre 1997 è stato redatto il progetto generale di tutte le infrastrutture di servizio e di approntamento di un primo lotto della discarica, comprendente la realizzazione delle opere di protezione idraulica (arginature spondali e golenali), delle opere di viabilità ed accesso (strada di accesso, piazzali di manovra e strade interne di servizio), delle opere complementari (impianto di pesatura, palazzina uffici, edificio ricovero mezzi, impianto lavaruote, rete di raccolta e stoccaggio temporaneo del percolato, pozzo di alimentazione impianto idrico e di irrigazione, rete fognaria e fossa Imhoff, cabina elettrica) e dell approntamento dell invaso relativo al primo lotto da destinare alla coltivazione, mediante l impermeabilizzazione del fondo (strato argilla e bentonite, doppio telo in HDPE spessore 2 mm) e delle tre berme inferiori costituenti le pareti dell invaso, rendendo disponibile un volume totale autorizzato di rifiuti abbancabili di mc.

16 14 Era altresì compresa anche la predisposizione di tutta l area del 2 lotto, ad eccezione della realizzazione dei sistemi di impermeabilizzazione e contenimento, nonché di controllo tecnico (sistemi di drenaggio e raccolta del percolato, sistema di controllo infratelo, ecc.), rinviati ad una seconda fase operativa. Il progetto è stato quindi approvato, ai sensi e per gli effetti di cui all art.27 del D.Lgs.vo n.22 e s.m.i., con deliberazione della G.R del 1 dicembre Gli interventi sono quindi stati appaltati e realizzati tra gli anni 1999 e 2002, e sono consistiti in tutte quelle opere necessarie alla predisposizione a discarica dell area interessata, quali opere di protezione idraulica (arginature spondali e golenali), opere di viabilità e accesso (strada di accesso, strade interne di servizio, piazzali di manovra), opere complementari alla corretta funzionalità della discarica (impianto di pesatura automatica, palazzina uffici, edificio ricovero mezzi e magazzini, impianto di lavaggio ruote automezzi, rete raccolta percolato e vasca di accumulo percolato, pozzo alimentazione acque di servizio con impianti idrico e di irrigazione e vasca di accumulo acque e di irrigazione, rete di raccolta acque nere e fossa Imhoff, impianto di riscaldamento edifici, cabina elettrica e impianto elettrico). Gli interventi progettuali previsti in detta progettazione erano costituiti sostanzialmente da: realizzazione di approntamento di un primo lotto attrezzato dell impianto di discarica; realizzazione di tutte le opere di protezione idraulica dell area di discarica; realizzazione di tutte le opere di viabilità e accesso alla discarica; realizzazione di tutte le opere complementari al corretto funzionamento della discarica. Nel corso degli anni sono stati inoltre eseguiti i collaudi tecnici ed il collaudo amministrativo finale. La presenza strategica di tale impianto nella politica della gestione dei rifiuti speciali prodotti in Valle d Aosta, è stata, altresì, ribadita nel Piano regionale di gestione dei rifiuti, approvato dal Consiglio regionale con deliberazione n. 3188/XII, del 15 aprile Aspetti inerenti l esercizio della discarica Nel 2005, l Amministrazione Regionale ha affidato, al raggruppamento di imprese S.p.A. ISECO S.p.A. un incarico, con termine alla fine del mese di marzo 2006, finalizzato esclusivamente ad assicurare la manutenzione ordinaria delle aree di discarica e delle infrastrutture annesse (fabbricati, strade, impianti tecnologici, ecc.), oltre che per l effettuazione di tutte le attività tecniche propedeutiche all avvio dell esercizio della discarica (prove di funzionamento delle reti e degli impianti tecnologici, verifica ed attivazione della strumentazione di laboratorio, ecc.).

17 15 A seguito dell entrata in vigore del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36, la Regione ha fatto predisporre il Piano di adeguamento della discarica, ai sensi dell articolo 17 del decreto stesso. Tale Piano, riferito al solo aspetto di adeguamento tecnico-costruttivo della discarica, non essendo l impianto ancora in esercizio, è stato approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 972 del 7 aprile 2006, rinviando la predisposizione e l approvazione degli altri Piani previsti dall allegato 2 al D. Lgs. n. 36/2003, alla fase successiva di affidamento dell esercizio. In considerazione delle difficoltà di disciplinare, in particolare, gli aspetti economicogestionali e tariffari legati all esercizio della discarica di cui trattasi, non essendo l Amministrazione regionale a conoscenza delle effettive necessità di smaltimento dei rifiuti speciali, ammissibili in tale impianto, prodotti in Regione, fatti salvi quelli prodotti dallo stabilimento siderurgico Cogne, di Aosta, l Amministrazione ha deciso, a decorrere dal 29 maggio 2006 e fino al 6 maggio 2008, di attivare le attività di coltivazione del 1 lotto per un periodo transitorio affidando le attività gestionali alla società s.p.a. (delibera dalla Giunta regionale n. 974 del ). Durante tale gestione transitoria sono state ammesse in discarica solo alcune tipologie di rifiuti provenienti dallo stabilimento siderurgico Cogne di Aosta, quali le sole scorie non trattate (CER ) e i fanghi (comprendenti CER e CER ). Si fa, inoltre, presente che nel corso dell istruttoria del progetto relativo alla bonifica e messa in sicurezza permanente delle ex miniere di amianto di Emarèse, su richiesta del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, è emersa la necessità di realizzare una cella specialmente allestita, destinata al ricevimento degli eventuali materiali da scavo contenenti amianto derivanti da tali operazioni. Le relative opere erano state inserite nel Piano di adeguamento tecnico approvato con la deliberazione della Giunta regionale n. 972/2006 sopra richiamata. Tale necessità è ora venuta meno, essendo stato individuato un sito da allestire all interno dell area da bonificare di Emarese, finalizzato al solo deposito dei materiali da scavo contenenti amianto derivanti dalle operazioni di bonifica effettuate all interno del sito stesso. Per tale motivo, nell ambito di tale progetto, la cella C predestinata all amianto si prevede di riaccorparla alla limitrofa cella B mediante la rimozione dell arginello di separazione. All interno del sito, nel 2007, è stato installato un impianto modulare di neutralizzazione del percolato di discarica con scarico autorizzato in acque superficiali. Con la deliberazione della Giunta regionale n. 1372, del 9 maggio 2008, la Regione ha affidato con procedura negoziata con una sola impresa la gestione della discarica di cui trattasi, oltreché il completamento delle opere di primo lotto e la realizzazione delle opere di approntamento del secondo lotto, alla soc. S.p.A., per 10 anni, fino alla scadenza della convenzione sottoscritta fra Regione e in esecuzione della deliberazione della Giunta regionale n. 5200, del 30 dicembre Tale affidamento

18 16 era, fra l altro, giustificato dal fatto che la soc. S.p.A. era la società concessionaria per lo smaltimento dei rifiuti urbani e speciali assimilabili e che una parte di tali rifiuti, non di origine organica, era previsto potessero essere avviati allo smaltimento proprio presso la discarica di Pontey. Tale discarica, pertanto, veniva dalla Regione individuata come impianto accessorio per determinate tipologie di rifiuti urbani e speciali assimilabili al Centro regionale di trattamento dei rifiuti di Brissogne. In esecuzione della deliberazione della Giunta regionale n. 1372/2008, la Regione, con deliberazione n. 1373, del 9 maggio 2008, ha nel contempo rilasciato alla società affidataria l autorizzazione all esercizio e gestione della discarica stessa, in via provvisoria fino alla data di ottenimento dell Autorizzazione integrata ambientale. Con tali deliberazioni la Giunta regionale ha attivato la fase di esercizio definitiva della discarica autorizzando l accettazione di tutte le tipologie di rifiuto, a base non organica, ammissibili in tale impianto ai sensi del DM 3 agosto 2005, espressamente indicati nella deliberazione n. 1373/2008. Con provvedimento dirigenziale n del è stata rilasciata alla soc. Valeco S.p.A. l Autorizzazione integrata ambientale (A.I.A.), ai sensi del D.Leg.vo n. 59. Nell ambito della gestione della discarica affidato alla Società Valeco S.p.A., il primo lotto di discarica è stato suddiviso in quattro celle, individuate con le lettere A, B, C e D. La separazione tra le celle è avvenuta mediante la costruzione di arginelli di altezza massima pari a 2 m in inerte naturale, realizzati direttamente sul fondo discarica già impermeabilizzato, a loro volta impermeabilizzati con telo in HDPE. Contemporaneamente sono state separate le reti raccolta del percolato, rendendole indipendenti per ogni singola cella. Tale suddivisione consente di poter disporre di celle segregate l una dall altra ed utilizzabili in modo separato senza che via interferenza fra le stesse. Aspetti inerenti la nuova evoluzione normativa e l iter amministrativo L A.I.A rilasciata con provvedimento dirigenziale n del fa riferimento alle attività di smaltimento finale di rifiuti speciali, non pericolosi e pericolosi, ammissibili ai sensi del DM 3 agosto 2005 in impianto classificato come discarica per rifiuti speciali non pericolosi ai sensi dell articolo 4, del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36 (Attuazione della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti), prodotti nel territorio della Valle d Aosta. Con l entrata in vigore del nuovo DM 27 settembre 2010, che abroga il DM 3 agosto 2005, sono stati modificati i criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica. I nuovi criteri prevedono modalità di caratterizzazione dei rifiuti da ammettere in discarica tali da non garantire più l ammissibilità diretta degli stessi se non attraverso un analisi puntuale di tutti i carichi di rifiuti conferiti all impianto, necessaria per intercettare tutte le partite non conformi secondo quanto previsto dalla tabella 5, dell articolo 6 del decreto stesso. Tale modalità di caratterizzazione comporta l individuazione puntuale di tutti i carichi non conformi e il conseguente respingimento degli stessi in quanto lo smaltimento non

19 17 risulta compatibile con la tipologia della discarica. Con particolare riferimento, infatti, alle scorie non trattate, rifiuti che rappresentato la quasi totalità della tipologia conferita nella discarica di Pontey, seppur tali rifiuti sono classificati dal punto di vista amministrativo come non pericolosi, la loro ammissione allo smaltimento presso tale discarica comporta la verifica puntuale della conformità dei limiti stabiliti dalla tabella sopra indicata per l eluato. Il superamento di tali limiti comporta, infatti, l obbligo di conferimento presso una discarica di categoria superiore o in una discarica individuata come sottocategoria di discarica per rifiuti non pericolosi. Considerato che l attività di conferimento dei rifiuti in discarica, configurandosi come attività di pubblico interesse, non può essere interrotta, la Società S.p.A., su richiesta dell Amministrazione Regionale, ha predisposto uno studio di fattibilità per la predisposizione dei possibili interventi tecnici di adeguamento finalizzati ad una riclassificazione della attuale discarica per rifiuti non pericolosi in sottocategoria intermedia tra discarica per rifiuti pericolosi e non, adottando, sotto il profilo dei presidi di protezione ambientale, le misure previste per la realizzazione di una discarica per rifiuti pericolosi, ma peraltro mantenendo invariata l attuale classificazione, in modo da rendere possibile il proseguimento delle attività di smaltimento delle tipologie di rifiuti fino ad oggi conferite nel rispetto dei limiti di accettazione previsti dalla tab.6 dell articolo 8 del DM 27 settembre Considerato che le tempistiche di autorizzazione ed attuazione degli interventi di riclassificazione tecnica della discarica non sono compatibili con le esigenze di conferimento dei rifiuti, valutabile, come di seguito precisato in circa mc/anno pari a circa ton/anno (riferimento conferimenti anno 2010), l Amministrazione regionale ha individuato un percorso che passa necessariamente attraverso una fase transitoria, nell ambito della quale, nelle more della predisposizione dell adeguamento di tutto il 1 lotto, sia adeguata e predisposta in tempi rapidi una delle celle attualmente presenti, non oggetto di conferimento, per il deposito in via definitiva dei rifiuti. L iter amministrativo individuato quindi prevede la predisposizione della progettazione di adeguamento del primo lotto, che segue l iter autorizzativo ordinario previsto dalla normativa e che comporta la redazione della progettazione completa, della V.I.A e della modifica sostanziale dell A.I.A. Contestualmente prevede la predisposizione della progettazione e della modifica non sostanziale dell A.I.A. dello stralcio relativo all allestimento, attraverso l adeguamento tecnico di una prima cella, individuata nella cella D, in cui venga autorizzato lo smaltimento finale dei rifiuti, limitatamente a quelli già attualmente indicati nell AIA, il cui eluato risulti conforme ai limiti stabiliti dalla tabella 6, dell articolo 8, del DM 27 settembre Aspetti operativi e tecnici

ADEGUAMENTO TECNICO DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI PONTEY, LOCALITÀ VALLOILLE STUDIO D IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI SINTESI

ADEGUAMENTO TECNICO DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI PONTEY, LOCALITÀ VALLOILLE STUDIO D IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI SINTESI ADEGUAMENTO TECNICO DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI PONTEY, LOCALITÀ VALLOILLE STUDIO D IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI SINTESI ZIMATEC STUDIO ASSOCIATO DI INGEGNERIA Sede legale: Via Bramafam

Dettagli

Io sottoscritto/a in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Ditta/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P.

Io sottoscritto/a in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Ditta/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P. APPROVAZIONE PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI SMALTIMENTO O RECUPERO RIFIUTI / VARIANTE SOSTANZIALE IN CORSO DI ESERCIZIO / EVENTUALE AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO D.Lgs 22/97 e ss. mm. e

Dettagli

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente LINEE-GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI/RIFIUTI INERTI DERIVANTI DALLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE, COSTRUZIONE E SCAVO, COMPRESE LE COSTRUZIONI

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D AOSTA COMUNE DI OYACE RELAZIONE BILANCIO INERTI

REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D AOSTA COMUNE DI OYACE RELAZIONE BILANCIO INERTI REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D AOSTA COMUNE DI OYACE PROGETTO: LAVORI DI REALIZZAZIONE NUOVA AUTORIMESSA INTERRATA VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI, AMPLIAMENTO CENTRALE TERMICA CON CISTERNA DEPOSITO PELLET

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE Fornitura ed installazione delle apparecchiature elettromeccaniche delle stazioni di trasferimento dei rifiuti urbani ubicate nei comuni di La Thuile e Villeneuve 1 FASE

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA. Regolamentazione ed omogeneizzazione dei costi per il conferimento dei rifiuti in discarica.

REGIONE LOMBARDIA. Regolamentazione ed omogeneizzazione dei costi per il conferimento dei rifiuti in discarica. REGIONE LOMBARDIA REGOLAMENTO REGIONALE 28 febbraio 2005, n.5 Regolamentazione ed omogeneizzazione dei costi per il conferimento dei rifiuti in discarica. (Pubblicato nel 1 suppl. ord. al Bollettino ufficiale

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

INTERVENTI EMERGENZIALI

INTERVENTI EMERGENZIALI COMUNE DI PESCANTINA PROVINCIA DI VERONA AMPLIAMENTO DISCARICA PER LA FRAZIONE SECCA DEGLI RSU SITUATA IN LOCALITÀ FILISSINE INTERVENTI EMERGENZIALI Realizzazione argini di contenimento, canaletta e vasca

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE DIPARTIMENTO TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO VALUTAZIONE AMBIENTALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO : DICHIARAZIONE DI NON ASSOGGETTABILITÀ A PROCEDURA DI VAS E A PROCEDURA

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree SCHEDA SINTETICA DESCRITTIVA RELATIVA ALL IMMOBILE SITO IN VIALE MONZA 148 Allegata all avviso per l attivazione

Dettagli

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale Integrazione PAC e VAS Punta Olmi Allegato 12 Sistema di Monitoraggio Ambientale Arch. G. Giovarruscio Ing. Maddalena Mestroni Dott. Paolo Parmegiani Dott. Geol. Gianpiero Pinzani Dott. Arch. Gianluca

Dettagli

C o m u n e d i C a r m i g n a n o

C o m u n e d i C a r m i g n a n o C o m u n e d i C a r m i g n a n o P.zza G. Matteotti, 1-59015 Carmignano (PO) Tel.055/875011 - Fax 055/8750301 Settore n. 4 Urbanistica Edilizia Pubblica e Privata Provvedimento di verifica Variante

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. - Richiamato l art. 24 della legge regionale 26 maggio 2009, n. 12;

LA GIUNTA REGIONALE. - Richiamato l art. 24 della legge regionale 26 maggio 2009, n. 12; LA GIUNTA REGIONALE - Richiamata la legge regionale 26 maggio 2009, n. 12 recante: Disposizioni per l adempimento degli obblighi della Regione autonoma Valle d Aosta derivanti dall appartenenza dell Italia

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/99 - D.Lgs. 258/00 - Delibera RER n.1053/03 - Regolamento Comunale per il Servizio di Fognatura) AL SINDACO

Dettagli

VARIANTE 85 AL VIGENTE PRGC

VARIANTE 85 AL VIGENTE PRGC Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia Provincia di Udine Comune di Cervignano del Friuli VARIANTE N. 85 AL VIGENTE PRGC VARIANTE 85 AL VIGENTE PRGC Oggetto : - Relazione Tecnica e Grafici Responsabile

Dettagli

Progetto relativo a Nuovo impianto di trattamento lampade fluorescenti provenienti dalla raccolta differenziata sito in Comune di Milano.

Progetto relativo a Nuovo impianto di trattamento lampade fluorescenti provenienti dalla raccolta differenziata sito in Comune di Milano. DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA Progetto relativo a Nuovo impianto di trattamento lampade fluorescenti provenienti dalla raccolta differenziata sito in Comune di Milano. Committente: AMSA S.p.A.

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Stoccaggio provvisorio ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE, ALLA DOMANDA DI

Dettagli

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE DISCARICHE Nuove definizioni: riflessi per le aziende Criteri di ammissione dei rifiuti, adeguamento delle discariche in esercizio, obblighi dei conferitori dei rifiuti Il Decreto Legislativo 13 gennaio

Dettagli

FIGISC Sindacato Gestori carburanti

FIGISC Sindacato Gestori carburanti FIGISC Sindacato Gestori carburanti Sindacato Provinciale Gestori Impianti Stradali Carburanti FIGISC Corso Venezia 51 20121 Milano tel. 02/7750274 fax 02/7750697 e-mail: figisc.anisa@unione.milano.it

Dettagli

Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE

Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE Il Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione (PGRE), che costituirà l All. n. 5 o successivi, al provvedimento

Dettagli

D.A. Territorio 12 novembre 1998

D.A. Territorio 12 novembre 1998 D.A. Territorio 12 novembre 1998 (G.U.R.S. del 12/12/98 Parte I, n 62) Prescrizioni tecniche minime necessarie per l attivazione, all interno di una discarica di tipo 2A, di una specifica sezione dedicata

Dettagli

DECRETO SEGRETARIALE N. 10 DEL 03.01.2012

DECRETO SEGRETARIALE N. 10 DEL 03.01.2012 DECRETO SEGRETARIALE N. 10 DEL 03.01.2012 OGGETTO: L. 365/00. Istanza di aggiornamento PAI Tagliamento, ai sensi dell art. 6 delle Norme di Attuazione, a seguito della progettazione di interventi urgenti

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 41/5 DEL 11.8.2015

DELIBERAZIONE N. 41/5 DEL 11.8.2015 Oggetto: Aumento del quantitativo di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi stoccati in deposito preliminare e messa in riserva e inserimento di impianto di trattamento di rifiuti, ubicato nel Comune

Dettagli

ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA

ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA 1. APPROVVIGIONAMENTO IDRICO Fonte: Acquedotto Pozzo privato Estremi dell autorizzazione o della denuncia Altro

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM

PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM SOCIETA CHIMICA LARDERELLO S.p.A. Socio Unico (POMARANCE) DISCARICA BULERA PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM RETE DI REGIMAZIONE

Dettagli

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE FAC SIMILE Marca da bollo (1). 14,62 Ill.mo Sig. SINDACO del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE Spett.le ARPAL Dipartimento provinciale di Savona Settore Qualità delle Acque superficiali

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

UNA DISCARICA DA SALVARE

UNA DISCARICA DA SALVARE UNA DISCARICA DA SALVARE Relatore : Dott.ssa Angela Bruna Cardile Vibo Valentia - 15 giugno 2011 Discarica c.da Petrosì di Casignana - Ubicata all inizio del bacino inbrifero del Vallone Rambotta - sviluppata

Dettagli

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Indice 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3 BILANCIO DEI MATERIALI IN PROGETTO... 6 4 CONFERIMENTO A IMPIANTI DI TRATTAMENTO... 7 5 CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE AI SENSI DELLA LEGGE 12 LUGLIO 2011 N. 106 ART. 5 COMMA 9 PER LA RIQUALIFICAZIONE DI EDIFICI NON RESIDENZIALI DISMESSI SITI IN ROVIGO VIA PORTA A MARE N. 10 PROPRIETÀ:

Dettagli

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 Paolo Casciano Direzione Generale Reti e servizi di pubblica utilità e sviluppo sostenibile Regione Lombardia Ordine Ingg BG 26/11/2007 - ing. Casciano

Dettagli

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000).

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000). Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Deposito Temporaneo di rifiuti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE, ALLA DOMANDA

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/2006 - Delibera della Giunta Regionale Emilia Romagna n. 1053/03 - Regolamento Comunale per gli scarichi in

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

Il/ La sottoscritto/a nato/a a. il, residente a. in Via/Piazza n. cap.

Il/ La sottoscritto/a nato/a a. il, residente a. in Via/Piazza n. cap. Comune di Novara RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 Legge 241/1990 come modificato e integrato dall art. 49 della Legge 122/2010)

Dettagli

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti Controllo dei cantieri in corso d opera Francesco Perotti Controllo Ambientale Cantieri Riferimenti progettuali ed obblighi contrattuali per la gestione ambientale dei cantieri Riferimenti per la gestione

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI A) IDENTIFICAZIONE DELLA DITTA SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI I Identificazione dell Azienda Denominazione Sede legale in via n CAP Comune Tel Fax Email Attività Codice ISTAT CF dell impresa Partita

Dettagli

Il sottoscritto in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Società/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P.

Il sottoscritto in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Società/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P. OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI SMALTIMENTO O DI RECUPERO RIFIUTI/VARIANTE SOSTANZIALE IN CORSO DI REALIZZAZIONE O DI GESTIONE In ossequio a quanto previsto

Dettagli

- Com'è fatta - Sicurezza e tutela - La trasformazione del biogas - Cronologia dell'impianto. Com è fatta

- Com'è fatta - Sicurezza e tutela - La trasformazione del biogas - Cronologia dell'impianto. Com è fatta - Com'è fatta - Sicurezza e tutela - La trasformazione del biogas - Cronologia dell'impianto Com è fatta Discarica controllata ed autorizzata, con cinque lotti e due valli esauriti e un lotto attualmente

Dettagli

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI Gestore: Fratelli Lupoli srl P.IVA e C.F.: 01231150598 Sede Legale

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree in Ingegneria Civile ed

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale OGGETTO: Progetto: Ampliamento dell attività di deposito preliminare Comune: Avigliana (TO) Proponente: Ecoidea Ambiente s.r.l.

Dettagli

BILANCIO DI PRODUZIONE DI MATERIALE DA SCAVO E/O DI RIFIUTI...

BILANCIO DI PRODUZIONE DI MATERIALE DA SCAVO E/O DI RIFIUTI... INDICE 1 PREMESSA... 2 2 BILANCIO DI PRODUZIONE DI MATERIALE DA SCAVO E/O DI RIFIUTI... 2 3 CRITERI PER LA LOCALIZZAZIONE E GESTIONE DELLE AREE DI CANTIERE DA ADIBIRE A DEPOSITO TEMPORANEO... 3 File: 13-033_gen01es_r0

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE DISCIPLINA DEI REQUISITI E DELLE PROCEDURE DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI E MODALITA DI RIMBORSO DELLE SOMME ANTICIPATE Fondo rotativo per la progettazione a favore degli Enti Pubblici della Regione Basilicata

Dettagli

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale IRIDE 1142964 Delib. n. OGGETTO: Adozione piano attuativo per la valorizzazione di due cave poste a sud-est del centro abitato di Brescia (Ateg 20 e Ateg 23) in variante al P.G.T. vigente aree site in

Dettagli

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00 AREA ASSOGGETTATA A PEC L area interessata dall intervento è posta nel Comune di Quattordio, in provincia di Alessandria, fuori dal centro storico principale. Attualmente la zona interessata dall intervento

Dettagli

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Discarica rifiuti inerti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE ALLA DOMANDA DI

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO OGGETTO: STRADA DI COLLEGAMENTO ALL ACCESSO EST DELLO STABILIMENTO

Dettagli

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone INDAGINI GEOLOGICHE INTEGRATIVE A cura di Diego TALOZZI Geologo e Ingegnere libero professionista. Gennaio 2009 1 INDAGINI

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

PREMESSA... 3 OBIETTIVI... 3 STATO ATTUALE... 3 STATO DI PROGETTO...

PREMESSA... 3 OBIETTIVI... 3 STATO ATTUALE... 3 STATO DI PROGETTO... INDICE 1 PREMESSA... 3 2 OBIETTIVI... 3 3 STATO ATTUALE... 3 4 STATO DI PROGETTO... 4 4.1 IL BACINO DI DISCARICA... 4 4.2 STRUTTURE DI SERVIZIO ED OPERE COMPLEMENTARI... 5 4.3 LA SISTEMAZIONE FINALE...

Dettagli

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15 Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque Bari 30.01.15 Le acque nel Testo Unico Ambientale. Le definizioni (art. 74). ff) scarico: qualsiasi immissione effettuata esclusivamente

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA Con le modifiche apportate dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 al

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori

Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori Viale della Repubblica, 4-47014 Meldola (FC) Tel-Fax. 0543/49 03 36 - C. F. MDR PLG 44L06 A 565 O - P. IVA 00627450406 PREMESSA La presente

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 ORDINANZA N. 3 DEL 22.01.08 Oggetto: O.P.C.M. n. 3621 del 18.10.2007. Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici che hanno

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

Regione Abruzzo. - Provincia di L Aquila -

Regione Abruzzo. - Provincia di L Aquila - Regione Abruzzo Comune di ROCCARASO - Provincia di L Aquila - OGGETTO: SISTEMAZIONE ED ADEGUAMENTO AREA DA ADIBIRE A CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI AI SENSI DEL D.M. 08-04-2008 E S.M.I. -

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Quadro di Riferimento Programmatico

Quadro di Riferimento Programmatico ALLEGATO II Indirizzi per l elaborazione dello Studio preliminare ambientale ai fini della procedura di verifica di assoggettabilità alla VIA di progetti inerenti le attività estrattive Finalità e requisiti

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

Servizio URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ELENCO RIFERIMENTI NORMATIVI

Servizio URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ELENCO RIFERIMENTI NORMATIVI Pag. 1 / 6 Origine Documento Ente o Servizio Emittente Tipo Esterna / L. Esterna / L. Descrizione Legge 17.08.1942, n. 1150 Legge Urbanistica Pubblicato G.U. 16.10.1942, n. 244 Legge 06.08.1967, n. 765

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Stato di attuazione interventi di riqualificazione

Stato di attuazione interventi di riqualificazione Impianto di Scarpino Stato di attuazione interventi di riqualificazione Genova, 28 aprile 2015 I punti fondamentali Stabilità della discarica Scarpino 1 e Scarpino 2 Bilancio idrico dell area di Scarpino

Dettagli

Il capping geosintetico di una discarica

Il capping geosintetico di una discarica TeMa srl Divisione Ambiente 1-5 Campo di applicazione : Il capping geosintetico di una discarica di RSU SEPARAZIONE FUNZIONE CAMPO DI APPLICAZIONE BACINI IDRICI FILTRAZIONE CANALI Titolo : Realizzazione

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

SETTORE ECOLOGIA N 330/04 PROGRESSIVO GENERALE DETERMINAZIONI DATA: 21/01/2004

SETTORE ECOLOGIA N 330/04 PROGRESSIVO GENERALE DETERMINAZIONI DATA: 21/01/2004 SETTORE ECOLOGIA OGGETTO: Servizio Gestione Rifiuti Approvazione dei primi indirizzi tecnici operativi provinciali per la corretta applicazione della nuova disciplina sulle discariche. (decreto legislativo

Dettagli

Parte B: anagrafica dell azienda

Parte B: anagrafica dell azienda DOMANDA DI NUOVA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE O AMPLIAMENTO/ADEGUAMENTO DELL'IMPIANTO AI SENSI DEL D.LGS 152/2006 Bollo 14,62 Spett.le Provincia del Medio Campidano Assessorato all Ambiente

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

Preg.mo Signore CRISTIANO DE ECCHER Consigliere provinciale Gruppo consigliare Alleanza nazionale SEDE

Preg.mo Signore CRISTIANO DE ECCHER Consigliere provinciale Gruppo consigliare Alleanza nazionale SEDE Assessore all Urbanistica e Ambiente Via Torre Verde, 27-38100 Trento Tel. 0461493202 - Fax 0461493203 e-mail: ass.urbambiente@provincia.tn.it Preg.mo Signore CRISTIANO DE ECCHER Consigliere provinciale

Dettagli

Rifiuti Contenenti Amianto: problematiche relative allo smaltimento

Rifiuti Contenenti Amianto: problematiche relative allo smaltimento Rifiuti Contenenti Amianto: problematiche relative allo smaltimento Dott.ssa Federica Paglietti Ing. Beatrice Conestabile della Staffa Tel. +39/06/97892667 Fax +39/06/97892590 E-mail: f.paglietti@inail.it

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Provincia di Udine. Comune di Pradamano. Domanda di autorizzazione integrata Ambientale ai sensi del D.Lgs. n.

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Provincia di Udine. Comune di Pradamano. Domanda di autorizzazione integrata Ambientale ai sensi del D.Lgs. n. ECO-ENERGY S.p.A. RIFIUTI INDUSTRIALI TRASPORTO, RECUPERO, SMALTIMENTO, BONIFICHE www.ecoenergy.it REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Provincia di Udine Sede legale: Via Pier Paolo Pasolini, 35 int. 11 33040

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A - Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22 (sostituito dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152); - Visto il decreto legislativo 13 gennaio 2003, n.36; - Visto il decreto ministeriale 5 febbraio

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE COMUNE DI TRIGGIANO COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE 1 - PREMESSA Il progetto proposto all Amministrazione Comunale di Triggiano prevede la

Dettagli

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 Comune di Rivanazzano Terme SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 DdP - Norme Tecniche di Attuazione: comparazione fra il testo adottato e quello definitivo conseguente

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE emana il seguente regolamento regionale:

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE emana il seguente regolamento regionale: Y 32 [BUR2006023] [5.1.3] Regolamento regionale 24 marzo 2006 - n. 4 Disciplina dello smaltimento delle acque di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne, in attuazione dell articolo 52, comma 1,

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli