DI GEOLOGIA APPLICATA BALDELLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DI GEOLOGIA APPLICATA BALDELLI"

Transcript

1 Committente: Comune di Castelplanio Località : Zona industriale Pozzetto Comune: CASTELPLANIO (AN) RELAZIONE PER LE OPERAZIONI DI SMALTIMENTO RIFIUTI PER LA MESSA IN SICUREZZA E RIPRISTINO AMBIENTALE DELL AREA PERTINENTE ALL IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI DELLA DITTA COMPAGNIA PER L AMBIENTE S.A.S. STABILIMENTO SITO NEL COMUNE DI CASTELPLANIO (AN) Via dell Industria, 11 ALLEGATO 7 PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AI SENSI DEL D.Lgs. 152/06 il Geologo 0 Lug Prog_smal.docx 47 Emissione Indice Data Nome file N. pagine Descrizione STUDIO DI GEOLOGIA APPLICATA BALDELLI Geol. PIERAMELIO via S. Angelo, 6C Serra de Conti (AN) Tel. / Fax Cell Cod. fisc.: BLD PML 59M29 I608L P. Iva:

2 Indice 1 PREMESSA Oggetto Normativa 3 2 SCOPO DEL LAVORO 4 3 RACCOLTA E SISTEMATIZZAZIONE DEI DATI ESISTENTI Documentazione raccolta 5 4 UBICAZIONE E DESCRIZIONE DELL AREA DI STUDIO Inquadramento del sito Breve cronistoria dell impianto Caratteristiche geologiche ed idrogeologiche Situazione litostratigrafica locale Caratteri geostrutturali generali Lineamenti morfologici Inquadramento idrogeologico Litostratigrafia locale 16 5 MODELLO CONCETTUALE 18 6 PIANO D INDAGINI Attività di campo Attività di laboratorio Elaborazione interpretazione dati 24 Allegati 1 PLANIMETRIA UBICAZIONE INDAGINI 2 CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI 3 QUADRO ECONOMICO 4 METODICHE DI ANALISI nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 2 di 47

3 1 PREMESSA 1.1 Oggetto A seguito del fallimento della Compagnia per l Ambiente s.a.s. lo stabilimento sito in via dell Industria, 11 del comune di Castelplanio (AN) risulta in abbandono, con notevoli cumuli di rifiuti presenti in modo incontrollato sul piazzale e all interno dello stabilimento stesso. I rifiuti sono costituti, oltre che dalle materie plastiche proveniente da raccolte differenziate e dalla selezione/lavorazione delle stesse, anche da fanghi di depurazione e da liquami presenti nelle vasche del depuratore stesso. Dai cumuli fuoriesce percolato legato alle piogge dilavanti che tendono ad infiltrarsi. Inoltre, nel passato, durante la fase operativa dello stabilimento, si sono verificati diversi malfunzionamenti dell impianto di depurazione con sversamenti di liquami non depurati in corrispondenza della rete idrografica superficiale. In accordo con il Committente, a completamento delle attività di messa in sicurezza e ripristino ambientale, si è redatto questo piano di caratterizzazione per predisporre uno strumento in grado di consentire di verificare se le matrici ambientali sono state in qualche modo interessate da processi di inquinamento legati alle attività che si sono svolte nell impianto e allo stato di abbandono e degrado dello stesso che ha seguito il fallimento della ditta. Il presente lavoro si inquadra dunque nell ambito delle attività di messa in sicurezza e ripristino ambientale degli impianti così come definiti dalla convenzione, stipulata in data 22 ottobre 2009, tra Provincia di Ancona e Comune di Castelplanio,. 1.2 Normativa Il presente Piano della Caratterizzazione fa riferimento alle seguenti normative ambientali: Legge n 426 del 09/12/98 Nuovi interventi in campo Ambientale ; D.Lgs. 152/06 "Norme in materia ambientale"; D.Lgs. n 4 del correttivo del D.Lgs. 1 52/06. nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 3 di 47

4 2 SCOPO DEL LAVORO Il presente documento si propone i seguenti obiettivi: descrivere, sulla base della documentazione disponibile, il sito e la sua evoluzione storica; ricostruire il modello concettuale dell area di studio,; progettare il piano delle indagini di campo e delle attività di laboratorio con l obiettivo finale di definire tipo, grado ed estensione dell inquinamento. nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 4 di 47

5 3 RACCOLTA E SISTEMATIZZAZIONE DEI DATI ESISTENTI Le informazioni sullo stabilimento utilizzate per la stesura del presente documento derivano da: Sopralluoghi tecnici presso le aree di cantiere; Dati e documenti forniti dal Committente. 3.1 Documentazione raccolta 1. Polizza Fidejussoria N Contraente Compagnia Per l Ambiente S.r.l. Beneficiario Provincia di Ancona. 25/05/ Provincia di Ancona IX Settore; Tutela dell Ambiente, Area rischio idraulico e Acque pubbliche: Determina Dirigenziale n. 28 del 16/01/ ASUR Marche 5: Verbale di accertamento N.02/08 del Comune di Castelplanio: Ordinanza n. 2 del Provincia di Ancona IX Settore; Tutela dell Ambiente, Area rischio idraulico e Acque pubbliche:autorizzazione allo scarico D.Lgs. 152/06 parte terza Determina Dirigenziale n.144 del 20/02/ Provincia di Ancona IX Settore; Tutela dell Ambiente, Area rischio idraulico e Acque pubbliche: D.Lgs. 152/06 parte terza e s.m.i. Provvedimento di diffida emesso con D.D. n. 28 del 16/01/2008. Richiesta informazioni. 7. Provincia di Ancona; Dipartimento III - Governo del Territorio; Settore I Tutela e valorizzazione dell Ambiente; Area Acque Pubbliche e Sistemazioni Idrauliche: D.Lgs. 152/06 parte terza e s.m.i. Provvedimento di Revoca Diffida emesso con D.D. N. 121 del 10/06/ Provincia di Ancona Dipartimento III - Governo del Territorio; Settore I Tutela e valorizzazione dell Ambiente: D.Lgs. 3/4/2006, n. 152, parte quarta: Revoca sospensione autorizzazione alla gestione di rifiuti non pericolosi Provincia di Ancona; Dipartimento III - Governo del Territorio; Settore I Tutela e valorizzazione dell Ambiente: D.Lgs. 3/4/2006 n Legge 7 agosto 1990 n. 241, art. 8. Diffida con contestuale sospensione e comunicazione di avvio procedimento amministrativo a carico della ditta Compagnia per l Ambiente SAS sede operativa di Castelplanio, via dell industria Provincia di Ancona; Dipartimento III - Governo del Territorio; Settore I Tutela e valorizzazione dell Ambiente; Area Ecologia U.O. nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 5 di 47

6 Controlli Ambientali: Verbale di ispezione in materia di gestione di rifiuti e scarichi idrici Provincia di Ancona; Dipartimento III - Governo del Territorio; Settore I Tutela e valorizzazione dell Ambiente; Area Ecologia: D.Lgs. 3/4/2006 n ART. 210 Compagnia per l Ambiente messa in riserva (R13) e recupero (R3) di rifiuti non pericolosi per l impianto di Castelplanio. Via dell Industria 11. D.D. 458 del : REVOCA Provincia di Ancona; Dipartimento III - Governo del Territorio; Settore I Tutela e valorizzazione dell Ambiente; Area Ecologia: D.Lgs 3/4/2006 n.152, parte quarta. Ditta Compagnia per l Ambiente Sas via dell Industria 11 Castelplanio: Gestione di rifiuti non pericolosi. Richietsta preventivo per smaltimento rifiuti Provincia di Ancona; Dipartimento III - Governo del Territorio; Settore I Tutela e valorizzazione dell Ambiente; Area Ecologia: D.Lgs 3/4/2006 n.152, parte quarta. Ditta Compagnia per l Ambiente Sas via dell Industria 11 Castelplanio. Gestione di rifiuti non pericolosi. Richiesta preventivo per smaltimento rifiuti SO.GE.NU.S. Spa: Preventivo di larga massima per lo smaltimento di tutti i rifiuti giacenti presso il piazzale della ditta Compagnia per l Ambiente con sede a Castelplanio Verbale redatto dai Sigg. Bordoni Danilo e Severino Savini Provincia di Ancona; Dipartimento III - Governo del Territorio; Settore I Tutela e valorizzazione dell Ambiente; Area Ecologia: D.Lgs 3/4/2006 n.152, parte quarta. Ditta Compagnia per l Ambiente Sas via dell Industria 11 Castelplanio. Gestione di rifiuti non pericolosi. Richiesta escussione garanzia finanziaria Tribunale di Perugia: Nomina curatore fallimentare Farneti Filippo Provincia di Ancona; Dipartimento III - Governo del Territorio; Settore I Tutela e valorizzazione dell Ambiente; Convenzione tra la Provinica di Ancona e il Comune di Castelplanio per le operazioni di smaltimento rifiuti e per la messa in sicurezza e ripristino ambientale dell area interessata dall impianto di recupero rifiuti della ditta Compagnia per l Ambiente di Rocchini C. & C. sas sito in via dell Industria 11, nel comune di Castelplanio. 27/10/2009. nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 6 di 47

7 4 UBICAZIONE E DESCRIZIONE DELL AREA DI STUDIO 4.1 Inquadramento del sito L area dello stabilimento di Castelplanio della Compagnia per l Ambiente sas è situato nell agglomerato industriale di Pozzetto, in via dell industria 11. Il capannone e l area attigua, contraddistinti con la particella 463 del foglio 9 del comune di Castelplanio, sono di proprietà della Società LOCAFIT Locazione Macchinari Industriali S.p.A. di Milano, che li ha dati in Leasing alla ditta Compagnia per l Ambiente per svolgere le attività imprenditoriali (data dell atto notarile 27/12/2005). Si tratta di un area ricadente al margine alluvionale del f. Esino, in sinistra idrografica caratterizzata dalla presenza di terreni permeabili di natura alluvionale (limi, sabbie e ghiaie) che ricoprono il substrato argilloso pliocenico. I depositi alluvionali (acquifero) sono sede di una falda di subalveo il cui livello piezometrico si attesta poco sopra il contatto con il sottostante acquiclude. La Compagnia per l Ambiente Srl è stata autorizzata dalla Provincia di Ancona, con autorizzazione n.58/2005 del 19/9/2005 e s.m.i., a svolgere in tale impianto le attività di messa in riserva (R13) e di recupero (R3) di rifiuti non pericolosi in materiale plastico di vario genere e tipologia. All atto del rilascio dell autorizzazione la Provincia di Ancona ha richiesto una polizza fidejussoria atta a coprire: - I costi per le verifiche di competenza della Provincia e delle eventuali operazioni di bonifica; - I costi di smaltimento/avvio al recupero dei rifiuti in deposito; - I costi necessari per la bonifica dell area e delle installazioni; - I risarcimenti dovuti per danni provocati all ambiente; - Dei costi sostenuti dalla Provincia o dal Comune su indicazione della Provincia in sostituzione del soggetto titolare dell autorizzazione che si mostra inadempiente all osservanza delle prescrizioni autorizzative. Attualmente lo stabilimento risulta chiuso ed abbondato. Il depuratore è pieno di liquami, così come i vari filtri a carboni attivi o a graniglia quarzosa presenti in loco. Ci sono inoltre fanghi accumulati in maniera incontrollata sul piazzale e nel deposito associato al depuratore stesso ci sono diverse contenitori di materie prime non utilizzati. nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 7 di 47

8 Nel piazzale sono presenti numerose balle di materiale plastico proveniente dalla raccolta differenziata. Altri cumuli polverulenti di materiale plastico sono presenti sul piazzale. Dagli uni e dagli altri escono rigagnoli che tendono a scorrere sul piazzale fino a raggiungere le aree esterne al piazzale stesso. Nelle aree circostanti il capannone sono inoltre presenti dei bancali di legno, dei materiali ferrosi accumulati in modo incontrollato, oltre a due mezzi (un camion e una spazzatrice) inutilizzabili. Almeno il camioncino andrebbe demolito. All interno del capannone sono presenti le apparecchiature utilizzate per l attività alcune di queste sono ingombre di materiale lasciato in loco dalla non ultimazione delle lavorazioni in atto per il fallimento della ditta. Ci sono inoltre due vasche metalliche piene di acqua utilizzate nelle fasi di processo. Il pavimento del capannone è ingombro di rifiuti. Il capannone non risulta più collegato alla rete elettrica. Nelle zone nei pressi del piazzale sono inoltre presenti n.14 scarrabili, che come comunicato dal liquidatore fallimentare non sono di proprietà della ditta, pieni parzialmente di rifiuti indifferenziati. nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 8 di 47

9 Zona depuratore Rifiuti plastici in balle Cumuli di rifiuti plastici Rifiuti prevalentemente ferrosi Limite dell impianto Capannone principale - Figura 1 Foto aerea dell impianto e del contesto nel quale è collocato. nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 9 di 47

10 4.2 Breve cronistoria dell impianto Dall analisi dei documenti messi a disposizione del Committente, risulta che la Ditta ottenne l autorizzazione n.58/2005 del 19/9/2005 e s.m.i., da parte della Provincia di Ancona. Con tale atto la Ditta fu autorizzata a svolgere nell impianto di Castelplanio le attività di messa in riserva (R13) e di recupero (R3) di rifiuti non pericolosi provenienti da raccolte differenziate dei rifiuti. Nel 2005 l impianto fu oggetto di un incendio che danneggiò parte del capannone. Durante l esercizio, la Provincia di Ancona e l ASUR5 contestarono alla Ditta, nel tempo, diverse irregolarità ambientali nella gestione delle attività previste in autorizzazione. In particolare in data 16 gennaio 2008 l ASUR5 rilevò, in corrispondenza dello scarico nel fosso attiguo all impianto, il superamento dei valori limite di emissione previsti in tab. 3 allegato 5 alla parte terza del D.Lgs. 152/06 per i parametri BOD5 e COD, oltre ad un elevato tenore del parametro Escherichia Coli. Questo comportò una serie di diffide alla Ditta al fine di collettare le acque reflue direttamente nella rete fognaria pubblica gestita da Multiservizi Spa. Anche il Comune di Castelplanio emise un ordinanza, datata 5 febbraio 2008, per il ripristino delle pareti coibentate del munufatto che ospita il mulino n.3 (danneggiate dall incendio) e per l insonorizzazione dello stesso perché gli abitanti della zona Piano Amato in località Pozzetto lamentavano la forte rumorosità dell impianto. Il 20 febbraio 2008 il Dirigente del IX Settore visto che: - Lo scarico delle acque reflue industriali in uscita dal depuratore aziendale ha originato una formazione abnorme di schiuma e fango all interno dell alveo del Fiume Esino, - Al momento del controllo l autorizzazione allo scarico di cui sopra risultava scaduta, diffidò la Ditta a rimuovere entro 15 gg tutte le situazioni di illegittimità riscontrate le tutte le situazioni oggettive che hanno creato i problemi di natura ambientale e igienico sanitaria. A seguito di tale diffida, la Ditta allacciò i propri scarichi alla pubblica fognatura gestita dalla Multiservizi, per questo la Provincia di Ancona revocò la diffida in data 10 giugno nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 10 di 47

11 Subito dopo, in data 12 giugno 2008, la Provincia revocò anche la sospensione dell autorizzazione alla gestione di rifiuti non pericolosi. Tale sospensione dell autorizzazione fu emessa perché constatarono che: - l impianto di depurazione era completamente in blocco con conseguente sversamento delle acque reflue sui piazzali aziendali fino a defluire nel torrente Fossato; - i rifiuti erano stoccati in aree non previste nel progetto autorizzato; - l impianto di aspirazione fumi di lavorazione del capannone B era fuori uso con relative emissioni in atmosfera. - La ditta non aveva comunicato la variazione societaria e del legale rappresentante. La diffida, con contestuale sospensione dell autorizzazione, la Provincia li riemise in data 19 agosto 2008 perché constatò nuovamente che: - La Ditta effettuava lo stoccaggio dei rifiuti in aree non previste nel progetto; - La Ditta aveva effettuato un deposito incontrollato di rifiuti costituiti da fanghi di depurazione. Successivamente, in data 24 ottobre 2008, la Provincia di Ancona tramite la U.O, Controlli Ambientali dell Area Ecologia, ha effettuato un ispezione presso lo stabilimento della Ditta. Da tale sopralluogo, come riportato nel verbale stilato dal funzionario incaricato, risultò che: La lavorazione era completamente ferma dal 6 agosto 2008 e che i dipendenti erano in attesa di ricevere le retribuzioni dei mesi di luglio, agosto e settembre; Permanevano i gravi problemi al depuratore della Ditta nei pressi del quale sono presenti fanghi depositati in maniera incontrollata sulla pavimentazione e sull asfalto; Le caditoie delle acque meteoriche limitrofe alla linea fanghi sono state rinvenute piene degli stessi; Nelle vasche dell impianto erano in atto processi fermentativi e/o putrefattivi; Da una rottura di una tubazione dell impianto di depurazione, l acqua delle vasche dello stesso si riversava sul pavimento e da questo defluiva lentamente nel terreno circostante. A seguito di questo verbale, con la determina dirigenziale n. 458 del 3 novembre 2008, la Provincia di Ancona revocò l Autorizzazione n.58/2005 del 19/9/2005. nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 11 di 47

12 Con tale atto si diede anche mandato all Area Ecologia di procedere all escussione della polizza fidejuossoria a garanzie delle attività in oggetto. Infine, in data 22/10/2009, la Provincia sottoscrisse una convenzione con il comune di Castelplanio nella quale il comune si impegna a da avvio alle attività di messa in sicurezza e di ripristino ambientale dell area interessata dall impianto di recupero rifiuti. Per questo il comune dovrà redigere ed inviare alla Provincia una relazione corredata dal relativo preventivo di spesa e dal cronoprogramma, in cui saranno indicate tutte le operazioni che verranno poste in essere, comprese le attività di recupero, indicando in particolare le qualità e quantità dei rifiuti da movimentare ed il relativo costo per il trasporto e lo smaltimento. 4.3 Caratteristiche geologiche ed idrogeologiche Situazione litostratigrafica locale La successione litostratigrafica dell'area di interesse è caratterizzata dalla presenza dei depositi continentali terrazzati del III ordine in sinistra idrografica del Fiume Esino, riferibili al Pleistocene Superiore e impostatisi sul substrato pelitico del Pliocene Inferiore. Le alluvioni terrazzate sono costituite da limi argillosi e sabbiosi, sabbia siltosa e ghiaia e ghiaie sabbiose in matrice limo-sabbiosa, con all interno frequenti intercalazioni di lenti limose-sabbiose o argillo-limose di spessore decimetrico. I depositi più spiccatamente ghiaiosi (dove presenti) sono ricoperti, in questa zona, da consistenti coltri di terreni a granulometria più fine detti "cappellaccio", di natura sempre alluvionale, prevalentemente limoso-argillosi e sabbiosi, che si presentano con una struttura anch'essa lentiforme e variamente interdigitata e con un certo grado di alterazione e di ossidazione. La potenza dei depositi superficiali del cappellaccio è dovuta, oltre che agli apporti del fiume, anche a sedimenti di origine secondaria accumulati dai torrenti e dai fossi secondari entro i terrazzi alluvionali (es. il piccolo fosso che lambisce il lotto), che, sfociando nella pianura principale, hanno depositato i sedimenti limo-argillosi trasportati dalle loro acque dopo aver eroso le rocce affioranti nelle aree collinari. Nella zona di interesse lo spessore dell intero materasso alluvionale, come risulta da dati di pozzi presenti nelle vicinanze e dai sondaggi eseguiti sia nel lotto in esame che in aree limitrofe, si aggira intorno ai m. nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 12 di 47

13 La formazione argillosa è rinvenibile a profondità crescenti sia in senso trasversale (verso il Fiume Esino) che longitudinale (in direzione della valle fluviale). I depositi marini del substrato sono costituiti da argille marnose e marnososiltose grigio-bluastre e verdastre, disposte in strati da pochi centimetri fino ad un massimo di 50 cm. circa di spessore, talvolta in pacchi fittamente laminati, con spalmature e intercalazioni millimetriche sabbioso-siltose grigiastre che ne evidenziano la stratificazione. I depositi alluvionali si trovano in discordanza angolare sul substrato pliocenico che affiora in corrispondenza dei rilievi collinari che bordano la piana a nordovest della Strada Provinciale Piano Amato Caratteri geostrutturali generali Datazioni radiometriche sui legni contenuti nelle sue alluvioni hanno permesso di attribuire la deposizione del terrazzo di III ordine ad un periodo connesso con l ultima fase fredda del Pleistocene Superiore (Nanni, 1987). I principali elementi geologico-strutturali che distinguono l intero bacino dell Esino, sono quelli caratteristici dell Appennino Umbro-Marchigiano, con uno stile tettonico conseguente ad un assetto strutturale dato da una serie di falde sovrascorse e con uno stile plicativo caratterizzato da pieghe e faglie L area in oggetto ricade proprio sul fianco occidentale di una piega anticlinalica (anticlinale di Pozzetto Montecarotto - Serra Dé Conti) a direzione assiale appenninica; le giaciture del substrato, nei primi affioramenti ben visibili in corrispondenza dei rilievi collinari in località Pozzetto Alto, a partire da quote comprese fra i m. s.l.m.m., presenta giaciture generalmente immergenti verso NE, a traverpoggio nel tratto in esame. La valle fluviale si è impostata su tale tipo di substrato, dapprima incidendolo ed erodendolo, poi ricolmando l'incisione con i depositi alluvionali che, dunque si trovano in discordanza angolare sul substrato pliocenico. La valle del Fiume Esino, come tutte le altre pianure alluvionali marchigiane, deve la sua origine ad una famiglia di faglie attivatesi nel Pleistocene Inferiore ed orientate NE-SW; quindi la Vallesina, a monte di Jesi può essere considerata come una "valle di linea di faglia" (Devis, 1913). nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 13 di 47

14 Con ogni probabilità l'attività di tali faglie continua (seppur in maniera molto blanda) anche oggigiorno, e ciò è testimoniato da vari fattori: la presenza della serie completa dei terrazzi alluvionali solo in sinistra idrografica e la migrazione dei fiume verso sud dovuta al minor sollevamento ed al basculamento del bordo meridionale del blocco strutturale nella vallata dell'esino (Nanni, 1987). A conferma dei dati bibliografici in materia sopra riportati, sul terreno è stata rilevata solamente la presenza di paleoalvei paralleli al corso attuale del Fiume Esino, responsabili del consistente spessore dei depositi alluvionali; non sono presenti morfologie particolari del territorio direttamente riferibili a faglie o altre lineazioni neotettoniche Lineamenti morfologici L area in esame ricade nella parte mediana della pianura alluvionale del F. Esino che taglia, da est verso ovest, i bassi rilievi collinari marchigiani che, senza soluzione di continuità, vanno dai rilievi appenninici al mare. In questa porzione di regione, i rilievi che bordano la piana sono relativamente bassi: le quote sono generalmente inferiori ai 300 m sul l.m.m. Le quote massime delle colline più prossime superano di poco i 250 m (Case Bravi q. 280), mentre il fondovalle, in questo tratto, ha quote medie di circa m.; tutto questo conferisce all area una bassa energia di rilievo. La quota attuale dell area di sedime (abbassata di circa 3.0 m in fase di lottizzazione per predisporre l area secondo le quote finali di progetto) è compresa fra 117 m e 118 m l.m.m., mentre le pendenze risultano pressoché nulle (Cfr : Foto n. 1 e 2). Lo stabilimento ricade, come detto in precedenza, in corrispondenza della parte mediana del terrazzo alluvionale del III ordine, in sinistra idrografica del F. Esino. In questo tratto, la valle risulta ampia ed abbastanza simmetrica rispetto al corso fluviale che corre al centro della stessa; solo che in sinistra idrografica il terrazzo più rappresentato è proprio quello di III ordine, mentre in destra questo non è presente e quello più esteso è quello di IV ordine. Il dislivello rispetto all attuale alveo del F. Esino è di oltre 10 metri, mentre più di 750 m sono frapposti tra l imposta ed il corso fluviale. Per le condizioni morfologiche (zona pianeggiante), l area risulta manifestamente stabile: non sono stati rilevati processi gravitativi o nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 14 di 47

15 morfogenetici in grado di interessare la struttura in progetto; inoltre, per i dislivelli e la distanza sensibili dal corso del f. Esino, sono da escludere interferenza tra la dinamica fluviale e la zona di interesse. Il piccolo fosso di primo ordine che attraversa diagonalmente tutta l area ha un bacino idrografico estremamente ridotto e un alveo ben incassato; a memoria dei residenti della zona non è mai stato soggetto a fenomeni di esondazione ed oltretutto, a garanzia dei manufatti, è stata lasciata una fascia di rispetto di 15 m. Anche dall analisi della cartografia tecnica ufficiale risulta che l area non è interessata da dissesti gravitativi. Tra la cartografia esaminata si ricorda: Carta Inventario Dei Movimenti Franosi Della Regione Marche Ed Aree Limitrofe - CNR- IRPI, 1993; Carta Geologica, Geomorfologica ed Idrogeologica - Ambiente fisico delle Marche - Giunta Regionale, 1991; Carta Geomorfologica a corredo del P.R.G. Geol. Rocchetti S, 1998 Carta del Rischio Idrogeologico PAI Regione Marche 2004 Tutta la parte occidentale dello stesso tratto di piana alluvionale (destinata sempre ad insediamenti artigianali e produttivi) è stata, per gran parte, già edificata a partire dal Inquadramento idrogeologico L idrografia superficiale è caratterizzata principalmente dal piccolo fosso tributario di destra del Torrente Fossato, verso quale defluiscono tutte le acque di precipitazione meteoriche del settore nord-orientale e orientale dell area di lottizzazione. L alveo del fosso è stato recentemente riprofilato e risagomato sulla base di uno studio idrologico ed idraulico puntuale per cui si possono escludere interferenze con i capannoni limitrofi. Il torrente Fossato, possiede un alveo ben incassato ad una quota più bassa di circa 6-8 m. dal limite nord-orientale dell area di lottizzazione; anche in questo caso è possibile escludere fenomeni di esondazione e allagamento anche in caso di piene eccezionali. Nella porzione d area vicina alla S.P. n. 39 Piano Amato, a causa della ridotta pendenza e di alcuni tratti addirittura in contro pendenza, si possono nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 15 di 47

16 manifestare temporanei fenomeni di ristagno di acque non regimate provenienti dalle pendici collinari a monte. I sondaggi e le altre indagini disponibili per l area, tutte spinte sino al substrato argillo-marnoso pliocenico, hanno evidenziato che dove è presente il banco ghiaioso (acquifero) esiste una circolazione idrica abbastanza importante a contatto diretto con il substrato marnoso pliocenico. Si tratta di una falda con superficie superiore libera, il cui livelli piezometrico si attesta intorno ai 6.5 m. dal p.c. E probabilmente continua sui terrazzi del III e del IV ordine, a contatto idraulico fra loro, e fa registrare escursioni massime nell arco dell anno di ± 1.0 m. La falda idrica viene principalmente alimentata dalle precipitazioni dirette e dall accumulo delle acque di dilavamento dei versanti collinari a monte, costituiti prevalentemente da sedimenti impermeabili. Sulla base delle analisi geotecniche di laboratorio eseguite su campioni di terreno simili e prelevati in aree limitrofe e dai dati bibliografici a disposizione ( Caratteristiche idrogeologiche delle Marche T. Nanni), la porosità media effettiva dei depositi alluvionali ghiaioso-sabbiosi risulta essere pari a circa il 10%, mentre la permeabilità varia da 1x10-5 a 1x10-6 m./sec. per i depositi fini e da 2x10-2 a 6x10-3 m./sec. per i depositi grossolani ghiaioso-sabbiosi. L'acquiclude è costituito dalle argille marnose plioceniche del substrato, praticamente impermeabili Litostratigrafia locale All interno del lotto di interesse, la successione litostratigrafica così come ricostruita dalle indagini disponibili, risulta uniforme in corrispondenza dei vari punti sondati, ma presenta alcune differenze sostanziali soprattutto per quanto riguarda la potenza della coltre alluvionale superficiale fra la parte orientale e quella occidentale. In prossimità del settore orientale dell ingombro del capannone, infatti, è presente una potente coltre di terreni limo-argillosi e sabbiosi plastici e mediamente addensati, la cui origine è probabilmente riferibile a meccanismi particolari di erosione e risedimentazione (quali turbolenze, mulinelli ecc..) legati alla dinamica fluviale della zona. Tale sacca raggiunge il massimo dell'approfondimento sul limite di NE dell area di ingombro del capannone, per poi degradare dolcemente su tutto il suo intorno nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 16 di 47

17 sino a raggiungere spessori uniforme e sostanzialmente normali rispetto alle altre parti delle piane alluvionali terrazzate della zona Dall'elaborazione dei dati di sondaggio e penetrometrici, la successione litostratigrafica in corrispondenza della zona dello stabilimento è la seguente: - Limi e limi sabbiosi: subordinatamente argillosi, di colore avana, leggermente consistenti e plastici con interclusi calcinelli e torba puntiforme. Fino alla profondità di m dal p.c; - argille limose e limi argillosi: di colore avana-bruno con venature grigiastre, mediamente consistenti e plastici, finemente detritici e privi di struttura, con intercluse concrezioni carbonatiche, patine di ossidazione color ruggine e macule di torba. Spessore variabile fra 2.8 m in e 4.5 m; - lenti di limi sabbiosi e sabbie sciolte: giallastre e beige, leggermente friabili al tatto, poco/niente coesive e scarsamente addensate. Per uno spessore di circa m.; - ghiaia e ghiaia sabbiosa: in matrice limosa, con clasti eterometrici ben arrotondati e mediamente appiattiti, ben addensata e praticamente incompressibile. Da circa 7.2 m; - argille marnose e siltose: grigio-azzurrastre, molto consistenti, a frattura concoide, praticamente incompressibili. Rappresentano la formazione in posto (Pliocene inf. med.). Da circa 9.0 m. dal p.c. La rappresentazione grafica schematica delle situazioni litostratigrafiche relative a due sondaggi reperiti S1 e S2 è riportata nella Figura Figura 2 - Schema dei rapporti stratigrafici fra S1 e S2 nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 17 di 47

18 5 MODELLO CONCETTUALE Il modello concettuale dell area è stato definito considerando: - I risultati delle indagini disponibli. - Lo schema geologico/litostratigrafico ed idrogeologico locale del sito. Detto modello concetttuale potrà essere eventualmente aggiornato tenendo conto dei risultati delle nuove indagini previste. Identificazione delle sorgenti primarie di contaminazione Le sorgenti primarie della contaminazione sono distinguibili in due fasi: - Fase di attività dello stabilimento. - Fase di abbandono a seguito del fallimento della Ditta. Durante l esercizio dello stabilimento, così come ricostruito dai verbali di sopralluogo dell ARPAM e della Provincia di Ancona, le sorgenti di contaminazione sono riferibili essenzialmente a: 1. Mal funzionamento dell impianto di depurazione con sversamento di liquami direttamente nella rete idrografica superficiale; 2. Deposito incontrollato dei rifiuti plastici fuori dalle aree autorizzate di stoccaggio con la percolazione di liquami provenienti dai cumuli lungo il piazzale fino alle aree non impermeabilizzate e conseguente infiltrazione; 3. Deposito incontrollato dei fanghi di depurazione con la percolazione del percolato al di fuori delle aree impermeabilizzate e successiva infiltrazione nel sottosuolo; 4. Incendio dello stabilimento e delle materie plastiche con inquinamento dell atmosfera e possibili ricadute di sostanze nelle aree attigue. Durante la fase di abbandono a seguito della chiusura dello stabilimento (fase che perdura tuttora): 1. Deposito incontrollato dei rifiuti plastici fuori dalle aree autorizzate di stoccaggio con la percolazione di liquami provenienti dai cumuli lungo il piazzale fino alle aree non impermeabilizzate e conseguente infiltrazione; 2. Deposito incontrollato dei fanghi di depurazione con la percolazione del percolato al di fuori delle aree impermeabilizzate e successiva infiltrazione nel sottosuolo. nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 18 di 47

19 Meccanismi di propagazione della contaminazione Sulla base delle caratteristiche sito-specifiche dell area in esame, delle potenziali sorgenti di contaminazione, del comportamento dei contaminanti nelle matrici ambientali e del modello stratigrafico ed idrogeologico il principale meccanismo di propagazione individuato è dovuto alla infiltrazione dei contaminanti nel sottosuolo con relativa dispersione degli stessi presenti in falda. Inoltre vi può essere stata contaminazione dei sedimenti del fosso a causa degli sversamenti e quindi le acque del fosso possono essere loro stesse un fattore di propagazione della presunta contaminazione. I suoli circostanti per gli incendi sono stati probabilmente oggetto di sedimentazione di sostanze inquinanti che potrebbero essere continuamente dilavate dalle acque di origine meteorica. Recettori e bersagli I principali recettori/bersagli sono: le acque sotterranee della falda superficiale; sedimenti del fosso; suoli circostanti. Nelle indagini di caratterizzazione del sito in oggetto, si prenderanno quindi questi come principali matrici ambientali da caratterizzare. nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 19 di 47

20 6 PIANO D INDAGINI In base a quanto sotto riportato e cioè: allo stato conoscitivo del sito; a quanto indicato nel precedente capitolo 5; al fatto che si ritiene utile integrare le informazioni già acquisite nell area al fine di aggiornare lo stato conoscitivo delle matrici ambientali; Si ritiene utile sviluppare un piano d indagine che preveda, almeno in questa prima fase, di realizzare n. 7 sondaggi di cui uno da utilizzare come bianco a monte idrogeologica del sito. In base ai risultati si valuterà se successivamente raffittire o meno la campagna di indagine Le attività quindi riguarderanno: attività di campo: a. ubicazione dei punti di perforazione e di campionamento del suolo; b. perforazione di 7 sondaggi a carotaggio continuo; c. prelievo di campioni di terreno per analisi di laboratorio chimico; d. prelievo di n. 3 di top-soil per il campionamento della qualità del suolo superficiale; e. prelievo di n. 3 campioni dei sedimento in corrispondenza del fosso perimetrale; f. completamento a piezometro di 4 sondaggi ubicati in punti tali da permettere un campionamento delle acque sotterranee uniformemente distribuito; g. prelievo di 4 campioni di acque per analisi di laboratorio chimico; attività di laboratorio: h. esecuzione di analisi di laboratorio chimico sui campioni di terreno; i. esecuzione di analisi di laboratorio chimico sui campioni di acque; attività di sede: j. elaborazione dati; k. redazione della relazione tecnica descrittiva. Le attività di studio saranno condotte da personale esperto nelle diverse problematiche ambientali da considerare (chimici e geologi). nome file: Pia_Cartt.docx data emissione: luglio 2010 pag. 20 di 47

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Introduzione. Le attività dell ARPACal

Introduzione. Le attività dell ARPACal Sommario Premessa... 3 Introduzione... 4 Le attività dell ARPACal... 4 L attività di bonifica in Calabria... 5 I siti ad alto in provincia di Cosenza... 7 Risultati dell attività... 19 Conclusioni... 20

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SIN LAGUNA DI MARANO E GRADO 175 SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO La presenza di sostanze potenzialmente pericolose

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 12 febbraio 2015, n. 31. Regolamento recante criteri sempli cati per la caratterizzazione, messa in

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Allegato 1 (1276) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Il presente allegato stabilisce i criteri per il monitoraggio e la classificazione dei corpi

Dettagli

Filtri a Quarzo e Carboni Attivi. per la Depurazione ed il Ricircolo dell'acqua di scarico degli autolavaggi,

Filtri a Quarzo e Carboni Attivi. per la Depurazione ed il Ricircolo dell'acqua di scarico degli autolavaggi, Filtri a Quarzo e Carboni Attivi per la Depurazione ed il Ricircolo dell'acqua di scarico degli autolavaggi, non richiedono l'aggiunta di sostanze chimiche. IL RICIRCOLO dell'acqua di scarico, permette

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

articolo 1. PREMESSA 2. OPERAZIONI DI TRATTAMENTO DEI LIMI DI LAVAGGIO

articolo 1. PREMESSA 2. OPERAZIONI DI TRATTAMENTO DEI LIMI DI LAVAGGIO Una particolare categoria di rifiuti provenienti da attività estrattiva: i limi di lavaggio inerti - Problematiche inerenti e quadro normativo Erika Montanari Geologo, libero professionista 1. PREMESSA

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

pagina 1 di 24 Premessa

pagina 1 di 24 Premessa DIRETTIVA B NORME TECNICHE IN MATERIA DI UTILIZZO IN AGRICOLTURA DI FANGHI DI DEPURAZIONE E DI ALTRI FANGHI E RESIDUI NON TOSSICO E NOCIVI DI CUI SIA COMPROVATA L UTILITÀ AI FINI AGRONOMICI NORME TECNICHE

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 36170 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 195 del 16-12-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 Disciplina degli scarichi di acque reflue domestiche o assimilate alle domestiche di

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini CAPITOLO 12 12.1 Programmazione delle indagini Ogni opera di ingegneria civile interagisce con una parte del sottosuolo, detta volume significativo. Il comportamento dell opera dipende, oltre che dai carichi

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER IL SUPERAMENTO EMERGENZA SITO "EX ECOLIBARNA"

COMMISSARIO DELEGATO PER IL SUPERAMENTO EMERGENZA SITO EX ECOLIBARNA Regione Piemonte Provincia di Alessandria Comune di Serravalle Scrivia COMMISSARIO DELEGATO PER IL SUPERAMENTO EMERGENZA SITO "E ECOLIBARNA" Progetto esecutivo di messa in sicurezza della falda sottostante

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

APPENDICE V. Applicazione dell Analisi di Rischio ai Punti Vendita Carburante APPLICAZIONE DELL ANALISI DI RISCHIO AI PUNTI VENDITA CARBURANTE

APPENDICE V. Applicazione dell Analisi di Rischio ai Punti Vendita Carburante APPLICAZIONE DELL ANALISI DI RISCHIO AI PUNTI VENDITA CARBURANTE APPENDICE V APPLICAZIONE DELL ANALISI DI RISCHIO AI PUNTI VENDITA CARBURANTE 1 Composizione del GdL ristretto per l elaborazione dell APPENDICE V: ISPRA: Laura D Aprile (coordinatore), Marco Falconi, Antonella

Dettagli

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti from Master Builders Solutions I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti Indice : schema generale Tipo e grado di aggressione

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO ATTIVO DEI GAS INTERSTIZIALI DEL TERRENO (SOIL GAS)

LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO ATTIVO DEI GAS INTERSTIZIALI DEL TERRENO (SOIL GAS) LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO ATTIVO DEI GAS INTERSTIZIALI DEL TERRENO (SOIL GAS) Dipartimento Provinciale di Venezia (*) Redazione Servizio Rischio industriale e Bonifiche dott. Federico Fuin (*), dott.

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli