GESTIONE RIFIUTI LO SCENARIO NORMATIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE RIFIUTI LO SCENARIO NORMATIVO"

Transcript

1 GESTIONE RIFIUTI LO SCENARIO NORMATIVO PRINCIPALE NORMATIVA NAZIONALE La gestione dei rifiuti è principalmente regolata dal D.Lgs. n.152/06 (Testo Unico Ambientale) Parte quarta Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati, così come modificato dal D.Lgs. n. 205 del 2010 "Disposizioni di attuazione della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008 relativa ai rifiuti e che abroga alcune direttive". Di seguito esponiamo le indicazioni e le prescrizioni, tratte dal Testo Unico, che risultano di maggiore interesse per la stesura del Piano Urbanistico Provinciale. Art Criteri di priorità nella gestione dei rifiuti: 1. La gestione dei rifiuti avviene nel rispetto della seguente gerarchia: a) prevenzione; b) preparazione per il riutilizzo; c) riciclaggio; d) recupero di altro tipo, per esempio il recupero di energia; e) smaltimento. 5. Le pubbliche amministrazioni perseguono, nell'esercizio delle rispettive competenze, iniziative dirette a favorire il rispetto della gerarchia del trattamento dei rifiuti di cui al comma 1 6. Nel rispetto della gerarchia del trattamento dei rifiuti le misure dirette al recupero dei rifiuti mediante la preparazione per il riutilizzo, il riciclaggio o ogni altra operazione di recupero di materia sono adottate con priorità rispetto all'uso dei rifiuti come fonte di energia. Art.182 bis. Principi di autosufficienza e prossimità: 1. Lo smaltimento dei rifiuti ed il recupero dei rifiuti urbani non differenziati sono attuati con il ricorso ad una rete integrata ed adeguata di impianti, tenendo conto delle migliori tecniche disponibili e del rapporto tra i costi e i benefici complessivi, al fine di: a) realizzare l'autosufficienza nello smaltimento dei rifiuti urbani non pericolosi e dei rifiuti del loro trattamento in ambiti territoriali ottimali; Art.184. Classificazione: 1. Ai fini dell'attuazione della parte quarta del presente decreto i rifiuti sono classificati, secondo l'origine, in rifiuti urbani e rifiuti speciali e, secondo le caratteristiche di pericolosità, in rifiuti pericolosi e rifiuti non pericolosi. Art.197. Competenze delle province: Alle province competono in linea generale le funzioni amministrative concernenti la programmazione ed organizzazione del recupero e dello smaltimento dei rifiuti a livello provinciale, nonché, in particolare: d) l'individuazione, sulla base delle previsioni del piano territoriale di coordinamento di cui all'articolo 20, comma 2, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, ove già adottato, e delle previsioni di cui all'articolo 199, comma 3, lettere d) e h), nonché sentiti l'autorità d'ambito ed i comuni, delle zone idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento dei rifiuti, nonché delle zone non idonee alla localizzazione di impianti di recupero e di smaltimento dei rifiuti Art.205. Misure per incrementare la raccolta differenziata: 1. Fatto salvo quanto previsto al comma 1 bis, in ogni ambito territoriale ottimale deve essere assicurata una raccolta differenziata dei rifiuti urbani pari alle seguenti percentuali minime di rifiuti prodotti: a) almeno il trentacinque per cento entro il 31 dicembre 2006; b) almeno il quarantacinque per cento entro il 31 dicembre 2008; c) almeno il sessantacinque per cento entro il 31 dicembre 2012.

2 D.Lgs. n.36/03: è l Attuazione della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti; tra i principali contenuti merita sottolineare: la nuova classificazione delle discariche (art. 4) con relative nuove norme tecniche (all. 1); gli obiettivi di riduzione dello smaltimento in discarica per i rifiuti biodegradabili (art. 5); l elenco, parzialmente inedito, dei rifiuti comunque non ammissibili in discarica (art. 6); l individuazione delle condizioni e caratteristiche dei rifiuti smaltibili distinti per ciascuna categoria di discarica (art.7); una serie di disposizioni relative agli atti di autorizzazione alla realizzazione ed all esercizio delle discariche ed ai relativi procedimenti amministrativi vanno in particolare evidenziati i piani di gestione operativa, di gestione post operativa, di sorveglianza e controllo, di ripristino ambientale e finanziario che l interessato deve predisporre e presentare per l approvazione (artt.8 10); la "procedure di controllo" per il conferimento e l accettazione dei rifiuti in discarica (art.11); la definizione della "procedura di chiusura" delle discariche (art.12) e delle modalità della "gestione operativa e post operativa" (art.13); la previsione di un nuovo sistema di "garanzie finanziarie" (art.14). Decreto Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 8 Aprile 2008 e s.m.i.: definizione del regime autorizzativo e delle norme tecniche minime cui devono conformarsi i centri di raccolta rifiuti (i cosiddetti ecocentri) comunali o intercomunali. NORMATIVA E PIANIFICAZIONE LOCALI Le indicazioni e le prescrizioni formulate dalla normativa comunitaria e nazionale sono state declinate a livello regionale con una serie di atti (di direttiva, di indirizzo, di pianificazione); di seguito si ricordano per sommi capi i più importanti. D.G.R. n. 13/34 del : approvazione del Piano regionale di gestione rifiuti Sezione rifiuti speciali. Tra le conclusioni in merito alle esigenze di trattamento e di smaltimento delle principali tipologie di rifiuto esistenti in Sardegna si ritiene utile ricordare: smaltimento dei rifiuti inerti: la volumetria residua di discariche in esercizio riuscirebbe a soddisfare abbondantemente il fabbisogno regionale nel decennio; discariche per speciali non pericolosi: la volumetria residua in esercizio sarebbe riuscita al massimo a coprire i fabbisogni del 1 quinquennio (le esigenze di discarica per rifiuti speciali non pericolosi dell intero decennio sarebbero comunque state soddisfatte dalle discariche di Carbonia e di Bolotana,all epoca in fase di realizzazione); incenerimento di rifiuti sanitari: l offerta impiantistica viene giudicata largamente soddisfacente il fabbisogno della Sardegna; trattamento chimico fisico dei rifiuti ed inertizzazione per la detossificazione di alcune tipologie di rifiuti industriali di natura pericolosa: il fabbisogno impiantistico, per via di una riduzione dei flussi attualmente destinati a strutture extra regionale, risulterebbe interamente coperto dall attivazione della piattaforma del CASIC (Cagliari), cui viene attribuita una valenza regionale. A differenza di quanto avviene per i rifiuti urbani, la normativa e la pianificazione regionale non prescrivono alcuna autosufficienza per il trattamento, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti speciali, siano essi pericolosi o non pericolosi. Avendo un orizzonte di 10 anni, il Piano vigente è ormai prossimo alla sua naturale scadenza; la Regione Autonoma della Sardegna ha già iniziato da alcuni mesi l iter per il suo aggiornamento. D.G.R. n.29/13 del : approvazione del Piano regionale di gestione imballaggi e rifiuti di imballaggio. D.G.R. n.45/34 del : approvazione del Piano di bonifica dei siti inquinati, con l individuazione di n.404 discariche dismesse di rifiuti urbani bisognose di risanamento classificate secondo priorità di intervento valutate con un modello matematico basato sui seguenti parametri di rischio specifico: Fattore idrogeomorfologico ( Permeabilità del terreno piovosità Stabilità geomorfologia Livello di falda sottostante l area impegnata Potenzialità idraulica della falda)

3 Fattore estetico culturale (Valore paesaggistico del sito Visibilità dell impianto dall esterno Presenza di vincoli di particolare natura) Fattore socio economico (Destinazione d uso prevista dalla pianificazione locale Distanza dai centri abitati numero di abitanti residenti Risorse potenziali del sito presenza di pozzi e sorgenti) Fattore inquinamento (Emissioni gassose Percolato raccolto sul fondo della discarica Ventosità e polverosità Vettori di malattie infettive). D.G.R. n.24/11 del : atto di indirizzo per l adeguamento delle discariche esistenti o autorizzate alle indicazioni del D.Lgs n. 36/03 di recepimento della Direttiva 31/99/CE. In esso vengono definiti i criteri e le modalità di presentazione e di utilizzo delle garanzie finanziarie per l esercizio delle attività di smaltimento e recupero dei rifiuti previste dal D.Lgs. n. 22/97 nonchè dal D.Lgs n. 36/03. Dal 2003, con successivi aggiornamenti: accordi regionali con il CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi) e con il COREVE (Consorzio Recupero Vetro) per la gestione dei rifiuti di imballaggio; D.G.R. n.15/32 del e successivi aggiornamenti: istituzione e modifiche del meccanismo di penalità e premialità connesso al raggiungimento, da parte dei Comuni, degli obiettivi annuali di raccolta differenziata previsti dalla legge. D.G.R. n.22/50 del : definizione del Programma per la riduzione dei rifiuti biodegradabili da collocare in discarica, in ottemperanza agli obiettivi indicati dal D.Lgs. n.36/03; D.G.R. n.53/10 del , modificata con D.G.R. n.75/18 del , recanti gli atti di indirizzo per lo sviluppo delle raccolte differenziate dei rifiuti urbani nel territorio regionale per il 2009, con l approvazione degli obiettivi di raccolta differenziata fino al 2012 e la rimodulazione del meccanismo di penalità e premialità istituito con D.G.R. n.15/32 del ). D.G.R. n.73/7 del : Approvazione del Piano regionale di gestione dei rifiuti Sezione rifiuti urbani, all interno del quale si segnalano i seguenti punti qualificanti di particolare interesse per la pianificazione di livello provinciale: 8.1 Gli scenari di articolazione impiantistica Nella costruzione degli scenari evolutivi rappresenta un invariante il raggiungimento a livello regionale e provinciale dell obiettivo del 65% di raccolta differenziata al 2012 Alla luce delle considerazioni suesposte, tenuto conto del panorama impiantistico attuale o finanziato per il trattamento del secco residuo, gli scenari evolutivi di articolazione impiantistica possono essere così individuati: (segue illustrazione di n.5 scenari) La scelta dell ATO unico regionale con gestione per sub ambiti Tenuto conto dei diversi aspetti sia tecnologici che organizzativi emersi dall analisi di confronto degli scenari, la scelta più consona appare quella di prevedere un ambito territoriale unico regionale Le funzioni della Provincia e linee guida per la redazione dei Piani Provinciali Alle Province spetta il compito di redigere, nel rispetto delle linee guida del Piano regionale, il Piano provinciale di gestione della fase di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani nel proprio territorio I Piani provinciali, sulla base della ricognizione dello stato di fatto, : - fissano gli obiettivi di raccolta differenziata per il territorio di proprio riferimento in misura non inferiore a quanto indicato nel Piano regionale ; - prescrivono gli elementi inderogabili per i disciplinari tecnici e gli standard di qualità dei servizi di gestione della raccolta e trasporto dei rifiuti urbani in modo congruente al raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata I Piani Provinciali devono essere sottoposti a procedura di Valutazione Ambientale Strategica, nell ambito della quale si attuerà anche la verifica della coerenza con il Piano regionale L Organizzazione nel sub ambito provinciale di Olbia Tempio In base al confronto tra l impiantistica esistente o già finanziata e quella necessaria a regime, si può dedurre l organizzazione richiesta a regime:

4 10. avvio del secco residuo dalle aree di raggruppamento agli impianti di selezione e biostabilizzazione di Tempio e di Olbia che fungeranno comunque da polo di accentramento per l invio del secco residuo al termovalorizzatore del sassarese. D.G.R. n. 32/71 del : direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. D.G.R. n. 15/22 del : criteri e procedure per l ammissibilità di rifiuti nelle discariche per rifiuti non pericolosi. A sua volta la Provincia di Olbia Tempio, con D.G.P. n. 106 del , ha inteso dare inizio alla redazione del Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti Urbani (abbreviato in PPGRU) prevista dal Piano Regionale di settore indirizzandolo ai seguenti obiettivi: A. Obiettivi di carattere generale: tra quelli di maggiore interesse per la pianificazione urbanistica si sottolineano: Assicurare le massime garanzie di tutela dell'ambiente e della salute, nonché di salvaguardia dei valori naturali e paesaggistici e delle risorse presenti nel territorio provinciale, anche al fine di avere un impatto sistemico (risparmio di materia vergine, risparmio energetico, minori emissioni di gas serra) coerente con il Protocollo di Kyoto; Assicurare una gestione unitaria ed integrata dei rifiuti urbani adottando soluzioni innovative, efficaci e sostenibili per le fasi di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani, perseguendo il superamento della frammentazione istituzionale della gestione e favorendo processi di aggregazione e razionalizzazione della gestione tra i Comuni; B. Ordine di priorità della strategia di gestione dei rifiuti, uniformandosi alla gerarchia dei rifiuti definita dall Art. 179 del D.Lgs.152/06: a) prevenzione; b) preparazione per il riutilizzo; c) riciclaggio; d) recupero di altro tipo, per esempio il recupero di energia; e) smaltimento. Il PPGRU dovrà inoltre rispettare l ordine di priorità dettato dal Piano regionale di gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio. C. Orizzonte temporale di validità del Piano: viene fissato all anno D. Obiettivi quantitativi: di riduzione e prevenzione dei rifiuti: al 2012: 5% rispetto alla produzione registrata nel (Piano Regionale, cap.5.5); definizione di obiettivi per il contenimento della produzione di rifiuti urbani (per singolo Comune e/o bacino ottimale di raccolta) progressivi per il periodo transitorio ed a regime per l intero orizzonte temporale del PPGRU (2015); limiti massimi di Rifiuti Urbani Biodegradabili (RUB) ammessi nel rifiuto urbano da inviare in discarica (D.Lgs.36/03, art.5): o 173 kg/ab x anno entro il (termine prorogato al ); o 115 kg/ab x anno entro il ; o 81 kg/ab x anno entro il di raccolta differenziata: perseguimento degli obiettivi progressivamente crescenti già posti a livello nazionale e regionale, fino a giungere al 2012 il 65% (obiettivo imperativo di cui al D.Lgs. 152/06, art.205) ed il 70% (valore guida di cui alla D.G.R. n.75/18 del ) E. Obiettivi qualitativi: ottenimento di una frazione organica di qualità; minimizzazione della quota di impurezze presenti nelle singole frazioni di rifiuti da raccolta differenziata;

5 ottimizzazione ed incentivazione delle possibilità di sbocco sul mercato dei materiali valorizzati (compost, materiali riciclati). F. Obiettivo autosufficienza del sub ambito provinciale: integrazione tra la gestione dei rifiuti e la dotazione impiantistica prevista dal Piano Regionale finalizzata all obiettivo dell autosufficienza del sub ambito provinciale; messa in rete integrata e funzionale degli impianti previsti per la Provincia di Olbia Tempio dagli scenari del Piano Regionale di gestione dei rifiuti Sezione rifiuti urbani. G. Adeguamento alle peculiarità insediative ed economiche del territorio: tutti gli indirizzi, le azioni e gli strumenti del PPGRU dovranno essere programmati in modo specifico ed integrato per la gestione dei rifiuti urbani prodotti dalla popolazione residente (modulati a seconda che si tratti di centri urbani o di aree rurali) e, con particolare rilevanza, per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati originati su tutta la fascia costiera dalle presenze turistiche. I suddetti obiettivi provinciali sono stati recentemente modificati dalla D.G.P. n.4 del , con il fine di inserire la verifica della fattibilità tecnica, ambientale ed economica di un nuovo impianto di trattamento termico con recupero di energia da ubicarsi nell'ambito del territorio della provincia di Olbia Tempio ed al quale inviare la quota di rifiuti che residua dalla raccolta differenziata e dei rifiuti derivanti da impianti di trattamento dei rifiuti indifferenziati. RIFIUTI URBANI: QUADRO CONOSCITIVO LA PRODUZIONE DI RIFIUTI URBANI: SITUAZIONE ATTUALE Produzione totale di rifiuti solidi urbani nella Provincia di Olbia Tempio, anni (in tonnellate) Comune Aggius 780, , , , ,870 Aglientu 1.582, , , , ,761 Alà dei Sardi 900, , , , ,394 Arzachena , , , , ,692 Badesi 1.458, , , , ,450 Berchidda 1.165, , , , ,065 Bortigiadas 324, , , , ,194 Buddusò 1.736, , , , ,256 Budoni 5.315, , , , ,840 Calangianus 1.902, , , , ,043 Golfo Aranci 3.329, , , , ,165 La Maddalena 9.552, , , , ,969 Loiri Porto San Paolo 2.240, , , , ,410 Luogosanto 769, , , , ,051 Luras 1.023, , , , ,537 Monti 1.131, , , , ,328 Olbia , , , , ,206 Oschiri 1.457, , , , ,989 Padru 991, , , , ,020 Palau 6.063, , , , ,030 San Teodoro 6.940, , , , ,630 Santa Teresa Gallura 5.980, , , , ,935 Sant'Antonio di Gallura 808, , , , ,991 Telti 880, , , , ,750 Tempio Pausania 6.757, , , , ,381 Trinità d'agultu e Vignola 2.373, , , , ,232 Totale , , , , ,186 Variazione % 7,10% 4,10% 4,02% 4,78% (Fonte: Regione Autonoma della Sardegna ARPAS, 11 Rapporto sulla Gestione dei Rifiuti Urbani in Sardegna Anno 2009)

6 La produzione totale di rifiuti urbani della Provincia di Olbia Tempio è passata dalle tonnellate del 2005 alle tonnellate del 2009, con un incremento complessivo del periodo pari al 19% circa, ed un incremento medio annuo nel periodo pari al 4,8%. I dati della tabella evidenziano il trend di crescita della produzione totale di rifiuti per il periodo esaminato. L incremento maggiore nel periodo si è avuto nel Comune di Olbia, dove la produzione totale di rifiuti è aumentata complessivamente di t (+ 54,45%). Per quanto riguarda l andamento dell ultimo anno, va rilevato un dato particolarmente interessante: nel 2009 la metà dei Comuni della Provincia di Olbia Tempio (13 su 26) hanno fatto registrare una riduzione della produzione totale di rifiuti. In tale anno l aumento percentuale maggiore è stato registrato dal Comune di Budoni (+9%), mentre il Comune con la riduzione più sostenuta ( 11,7%) è stato Luogosanto. Passando alla frazione indifferenziata di rifiuti urbani inviati a smaltimento, essa ha subito una progressiva diminuzione nel periodo storico preso in considerazione, passando da tonnellate nel 2005 a tonnellate nel 2009, con una diminuzione complessiva pari al 12% ed un decremento medio annuo del 3% circa; la diminuzione annuale più consistente si era registrata nel 2007, con un decremento di quasi l 8% rispetto al valore del anno Produzione di rifiuti urbani in Provincia di Olbia Tempio Periodo RD RU indiff. RU tot. RD variazione annua RU indiff. variazione annua RU totale t t t % % % , , ,69 5,98% , , ,65 15,95% 4,25% 7,12% , , ,46 25,45% 7,67% 4,10% , , ,42 28,47% 0,19% 4,02% , , ,19 30,64% 0,38% 2,75% (Fonte: Regione Autonoma della Sardegna ARPAS, 11 Rapporto sulla Gestione dei Rifiuti Urbani in Sardegna Anno 2009) La tabella e la figura seguenti mostrano la ripartizione per Comune del dato relativo alla produzione di rifiuti indifferenziati inviati a smaltimento nel Produzione totale rifiuti a smaltimento (anno 2009) COMUNE Kg/anno COMUNE Kg/anno Aggius Luogosanto Aglientu Luras Alà dei Sardi Monti Arzachena Olbia Badesi Oschiri Berchidda Padru Bortigiadas Palau Buddusò San Teodoro Budoni Santa Teresa Gallura Calangianus Sant'Antonio di Gallura Golfo Aranci Telti La Maddalena Tempio Pausania Loiri Porto San Paolo Trinità d'agultu e Vignola TOTALE PROVINCIA OLBIA TEMPIO (Fonte: Regione Autonoma della Sardegna ARPAS, 11 Rapporto sulla Gestione dei Rifiuti Urbani in Sardegna Anno 2009)

7 Produzione totale rifiuti a smaltimento (anno 2009) (Elaborazione del Servizio Pianificazione Territoriale su dati della Regione Autonoma della Sardegna ARPAS, 11 Rapporto sulla Gestione dei Rifiuti Urbani in Sardegna Anno 2009) Evoluzione opposta hanno fatto registrare le raccolte differenziate, che per tutto il periodo hanno mostrato un trend positivo di crescita (ancorchè molto contenuto nell ultimo anno) partendo da una media provinciale di raccolta differenziata pari al 5,98% nel 2005 per attestarsi al 30,64% nel 2009, con t. raccolte. Il grafico ad istogrammi che segue mette in risalto la proporzione tra le quantità di rifiuti avviate a recupero e quelle avviate a smaltimento nel periodo in esame. Evoluzione dati di raccolta differenziata e RU indifferenziato, anni (Fonte: Elaborazione del Servizio Pianificazione Territoriale su dati della Regione Autonoma della Sardegna ARPAS, 11 Rapporto sulla Gestione dei Rifiuti Urbani in Sardegna Anno 2009) Il seguente grafico evidenzia invece il trend di crescita in valore assoluto della raccolta differenziata nel quinquennio considerato: all aumento costante delle raccolte differenziate registrato nel periodo (circa ton/anno) ha fatto seguito nel 2008 e nel 2009 un aumento più limitato ( t e t rispettivamente).

8 Andamento raccolta differenziata Provincia di Olbia Tempio, anni (Fonte: Elaborazione del Servizio Pianificazione Territoriale su dati della Regione Autonoma della Sardegna ARPAS, 11 Rapporto sulla Gestione dei Rifiuti Urbani in Sardegna Anno 2009) Gran parte dei Comuni attua la raccolta integrata secco umido; gli unici comuni che al 2009 non avevano attuato una raccolta del rifiuto organico, domiciliare o stradale sono i comuni di Alà dei Sardi e di Buddusò. Il modello di raccolta secco umido è di tipo porta a porta nella maggior parte dei comuni ma non è quello predominante in termini di abitanti: ciò in quanto il Comune di Olbia che effettua la raccolta stradale da solo rappresenta un terzo della popolazione complessiva della provincia. Raccolte differenziate nei Comuni della Provincia di Olbia Tempio (anno 2009) COMUNE Kg/anno %RD COMUNE Kg/anno %RD Aggius ,8% Luogosanto ,1% Aglientu ,4% Luras ,4% Alà dei Sardi ,0% Monti ,9% Arzachena ,6% Olbia ,3% Badesi ,7% Oschiri ,8% Berchidda ,2% Padru ,3% Bortigiadas ,1% Palau ,9% Buddusò ,4% San Teodoro ,7% Budoni ,9% Santa Teresa Gallura ,6% Calangianus ,3% Sant'Antonio di Gallura ,0% Golfo Aranci ,4% Telti ,3% La Maddalena ,4% Tempio Pausania ,0% Loiri Porto San Paolo ,3% Trinità d'agultu e Vignola ,6% TOTALE PROVINCIA OLBIA TEMPIO ,64% (Fonte: Regione Autonoma della Sardegna ARPAS, 11 Rapporto sulla Gestione dei Rifiuti Urbani in Sardegna Anno 2009) Nel 2009 sono diventati 10 i Comuni che hanno superato la soglia del 40% di raccolta differenziata: Aggius, Calangianus, Loiri Porto S. Paolo, Luras, Monti, Oschiri, Padru, Palau, Sant Antonio di Gallura, Tempio Pausania; Padru, con il 60,3% dei rifiuti urbani raccolti in modo differenziato, costituisce il Comune Riciclone a livello provinciale. Altre realtà della Provincia sono invece rimaste a livelli assai modesti: si vedano i casi di Buddusò (0,4%), Alà dei Sardi (6%) e Telti (7,3%); poco soddisfacenti sono anche i risultati di alcuni comuni ad alta densità turistica, quali San Teodoro (2,7%) e Budoni (6,9%).

9 GLI ECOCENTRI Gli ecocentri rappresentano una struttura essenziale nei moderni sistemi integrati di gestione dei rifiuti. Essi costituiscono un punto di raccolta polivalente a disposizione di tutte le utenze presenti nel territorio comunale che producono rifiuti urbani o ad essi assimilati. Nei casi più semplici, gli ecocentri sono rappresentati da un ampio piazzale con pavimentazione in asfalto, all interno del quale sono sistemati dei contenitori (cassonetti o bidoni carrellati), cassoni scarrabili o aree delimitate, per consentire il conferimento delle diverse tipologie di rifiuti. Le strutture più complesse consistono invece in una piattaforma rialzata accessibile mediante una rampa che, portando in quota i mezzi conferenti, consente lo scarico all interno di cassoni scarrabili. Durante gli orari di apertura al pubblico, l accesso agli utenti è consentito in presenza di operatori preposti all accettazione, al controllo della qualità dei rifiuti ed all agevolazione dell utente nella fruizione dell ecocentro. Dai questionari comunali compilati dai Comuni in occasione del monitoraggio annuale realizzato dal Catasto Rifiuti Regionale e relativo all anno 2009, i Comuni che in Provincia di Olbia Tempio risultano serviti da ecocentri sono 11: Elenco dei Comuni dotati di ecocentro ALA' DEI SARDI ARZACHENA BERCHIDDA LA MADDALENA MONTI OLBIA OSCHIRI PADRU TELTI TEMPIO PAUSANIA TRINITA' D'AGULTU IMPIANTI A SERVIZIO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI (Fonte: Catasto Rifiuti Regionale 2009) L impianto integrato di Olbia L impianto integrato di trattamento e smaltimento rifiuti del Consorzio CIPNES Gallura è sito in loc. Spiritu Santu (Olbia) ed è attualmente composto dalle Sezioni di selezione, biostabilizzazione e discarica, oltre ad una piattaforma di valorizzazione dei materiali riciclabili (in fase di adeguamento) e ad un impianto per il compostaggio di qualità (in fase di realizzazione) la seguente tabella mostra la potenzialità di ogni sezione autorizzata con Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata dalla Provincia di Olbia Tempio: Det. Dir. n.147 del Sezione Attività IPPC Operazioni svolte ed autorizzate Potenzialità mc (modulo I) mc (ampliamento, modulo II); t (innalzamento di cui alla Det. Prov. OT n.268/09). Potenzialità residua presente al : mc A Codice IPPC 5.4 Discariche, ad esclusione delle discariche per rifiuti inerti > 10 t/g o con capacità totale > t D1

10 Sezione Attività IPPC Operazioni svolte ed autorizzate Potenzialità Codice IPPC 5.3 Impianto per il trattamento di rifiuti non pericolosi con produzione di compost grigio, scarti e sovvalli: (sezione di selezione, triturazione e biostabilizzazione) B e C D8; D9 (solo per la sezione di selezione) Limite massimo annuale: t/a; limite massimo mensile: t/mese Situazione impiantistica attuale (intero processo in area dedicata del capannone di biostabilizzazione): 400 t/mese D1 D2 Compostaggio di qualità Compostaggio di qualità R3 R3 Situazione impiantistica futura (fase ACT in impianto con biocontainers, maturazione in area dedicata del capannone di biostabilizzazione): Periodo di avvio: t/a; 163 t/sett Periodo a regime: t/anno; 240 t/sett E1 Rifiuti di carta: t/a R13 ed R3; E2 Rifiuti di vetro: t/a R13; E3 Rifiuti di metallo: t/a R13; E4 Rifiuti di plastica: t/a R13; E5 Rifiuti di legno: t/a R13 E Piattaforma di valorizzazione delle frazioni differenziate R13, R3 F Impianto per il recupero energetico del biogas da discarica R1 Potenza termica immessa: 2,7MW G Stoccaggio dei rifiuti ingombranti R13, D15 Rifiuti ingombranti: t/a Nel 2009 la quantità di rifiuti conferita all impianto è stata complessivamente di tonnellate, con un aumento dei conferimenti rispetto al 2008 di 338 tonnellate (+0,4%). Nello stesso anno, con tonnellate smaltite in discarica (pari al 95% dei rifiuti totali pervenuti all impianto) l impianto di Olbia è risultato essere quello che a livello regionale ha smaltito in discarica il maggiore quantitativo di rifiuti costituiti dai sovvalli di selezione, dal biostabilizzato e da una parte di rifiuto indifferenziato smaltito direttamente senza passare per la fase di selezione. Essendosi esaurita la potenzialità autorizzata per la discarica, il Consorzio CIPNES Gallura ha presentato una nuova domanda di AIA richiedendo un incremento della volumetria della discarica di metri cubi (corrispondente ad una capacità di smaltimento di circa tonnellate); nel frattempo la sezione discarica è rimasta in attività grazie ad una serie di ordinanze contingibili e urgenti emanate del Presidente della Provincia di Olbia Tempio. Con Det. Dir. n.420 del la Provincia ha emesso la nuova AIA autorizzando l ampliamento sopra indicato.

11 I Comuni della provincia che conferiscono all impianto di Spiritu Santu sono 15: ALA' DEI SARDI OLBIA ARZACHENA PADRU BERCHIDDA PALAU BUDDUSO' SAN TEODORO BUDONI SANT'ANTONIO DI GALLURA GOLFO ARANCI TELTI LA MADDALENA LOIRI PORTO SAN PAOLO MONTI L impianto integrato di Tempio Pausania L impianto integrato di trattamento rifiuti dell Unione dei Comuni Alta Gallura è sito in loc. Parapinta (Zona Industriale di Tempio Pausania) ed è composto dalle sezioni di selezione, biostabilizzazione, compostaggio di qualità e piattaforma di valorizzazione delle frazioni recuperabili. Nel 2010 ha ottenuto dalla Provincia di Olbia Tempio l Autorizzazione Integrata Ambientale (Det. Dir. n.207 del ) che autorizza, oltre alle citate sezioni impiantistiche (apportando un aumento della potenzialità alla sezione compostaggio di qualità), anche il depuratore consortile e l ecocentro a servizio del Comune di Tempio Pausania la seguente tabella mostra la potenzialità di ogni sezione autorizzata: Sezion e A B Attività Trattamento rifiuti indifferenziati e frazione secca residua Selezione Trattamento rifiuti indifferenziati e frazione secca residua Biostabilizzazione Operazioni svolte ed autorizzate D9 D8 Potenzialità t/a; 630 t/sett t/a; 280 t/sett C Compostaggio di qualità R3, R t/a; 525 t/sett D E F G Piattaforma di trattamento frazioni secche valorizzabili: Rifiuti di carta:, cartone e prodotti di carta (Tipologia 1.1) Rifiuti di vetro (Tipologia 2.1) Rifiuti di plastiche (Tipologia 6.1) Rifiuti di legno e sughero (Tipologia 9.1) Rifiuti di metalli e loro leghe (Tipologia 3.2) Piattaforma di gestione ingombranti, RUP, RAEE Rifiuti ingombranti Apparecchiature contenenti CFC Farmaci scaduti non pericolosi Batterie esauste RAAE contenenti componenti pericolos Ecocentro Depurazione acque R3, R13 R13; R3, R13 R13 R13 R13, D15 R13 D15 R13 R13 Raggruppame nto rifiuti Depurazione e scarico t/a, di cui: t/a t/a t/a t/a t/a t/a, di cui: t/a 500 t/a 10 t/a 30 t/a 200 t/a ab/eq ( m 3 /a) H Discarica D1 0 t/a (Discarica chiusa)

12 I Comuni della provincia che conferiscono all impianto di Tempio Pausania sono 10: AGGIUS AGLIENTU BADESI BORTIGIADAS CALANGIANUS LUOGOSANTO LURAS SANTA TERESA GALLURA TEMPIO PAUSANIA TRINITA' D'AGULTU Impianti di compostaggio dei rifiuti verdi Impianto ditta Sarda Compost srl (Loc. Spiritu Santu, Olbia) L impianto di compostaggio del verde di Spiritu Santu è di proprietà della ditta Sarda Compost srl che lo ha realizzato e lo gestisce dal L autorizzazione è valida sino al 2018 per una potenzialità massima di t/a di rifiuti, di cui t/a di rifiuti verdi e t/a di scarti ligneocellulosici. La maturazione avviene su platee all aperto; con semplice rivoltamento meccanico dei cumuli mediante la pala gommata. Oltre a privati (in particolare ditte specializzate nella manutenzione del verde ornamentale), conferiscono all impianto i propri rifiuti verdi anche i Comuni di Olbia, Golfo Aranci, Arzachena e Palau. Impianto ditta Puliedil snc (San Teodoro) L impianto di compostaggio del verde di San Teodoro è di proprietà della ditta Puliedil snc che lo gestisce dal 2003; risulta iscritto in procedura semplificata (con scadenza nel 2012) per una potenzialità massima di t/a e tratta rifiuti verdi, scarti ligneo cellulosici e i fanghi dell impianto di depurazione che lo ospita. La maturazione avviene su platee all aperto; con semplice rivoltamento meccanico dei cumuli mediante la pala gommata. L impianto ha subìto danni sensibili a seguito delle alluvioni che nel 2008 e nel 2009 hanno colpito San Teodoro e la zona circostante; per tale motivo sarebbe consigliabile una verifica dell idoneità della sua localizzazione, in quanto attualmente risulta insediato in adiacenza al corso del fiume. RIFIUTI URBANI: LE CRITICITA PRODUZIONE DI RIFIUTI E SISTEMA DI RACCOLTA ADOTTATO L analisi dei dati disponibili rispetto al periodo ha messo in evidenza le seguenti tendenze: aumento sempre più contenuto della produzione complessiva dei rifiuti urbani; decremento, ancorchè sempre meno significativo, del rifiuto indifferenziato da destinare a smaltimento; aumento sempre più contenuto delle raccolte differenziate. Come si è visto, i dati mostrati nella tabella Produzione di rifiuti urbani in Provincia di Olbia Tempio Periodo evidenziano il trend di crescita della produzione totale di rifiuti per tutto il periodo esaminato. In particolare l incremento maggiore si è registrato nel 2006 (+7,10%), mentre nei due anni successivi l incremento si è attestato su un valore di circa il 4% e nell ultimo anno l aumento si è limitato ad un +2,75%.

13 Il trend risulta invece invertito per quanto concerne la produzione di rifiuto indifferenziato avviato a smaltimento; in questo caso per tutto il periodo si assiste ad una contrazione della produzione, con decrementi altalenanti di anno in anno: dopo un calo del 4,25% registrato nel 2006 rispetto al 2005, nel 2007 la diminuzione risulta ancor più marcata ( 7,67%), mentre è pressoché nulla nel 2008 e nel 2009 ( 0,19% e 0,38% rispettivamente). Parallelamente si è assistito all evoluzione della raccolta differenziata, col superamento della soglia del 30% valore che risulta però ancora lontano rispetto alla percentuale regionale, attestatasi nel 2009 al 42,50%; ciò è addebitabile a 2 fattori principali: in molti Comuni il cassonetto stradale costituisce ancora la modalità maggiormente utilizzata per la raccolta differenziata, nonostante risulti meno efficiente rispetto alla raccolta domiciliare sia in termini quantitativi che di qualità del rifiuto intercettato; il fatto che le produzioni di rifiuti da non residenti (flussi turistici) non sono ancora efficacemente intercettate da sistemi di raccolta differenziata adeguati all utenza e che risultino in grado di meglio rispondere alle fluttuazioni stagionali. Tecniche adottate per la raccolta del rifiuto indifferenziato Solo cassonetti stradali Mista Cassonetti stradali / Raccolta domiciliare integrale Raccolta domiciliare (Fonte: Regione Autonoma della Sardegna ARPAS, 11 Rapporto sulla Gestione dei Rifiuti Urbani in Sardegna Anno 2009) Appare chiaro che la presenza di sistemi misti determina generalmente una minor efficacia del modello per i seguenti elementi: l offerta all utenza per il conferimento di rifiuto indifferenziato (in termini di disponibilità e volume rispetto ai contenitori dedicati alla raccolta differenziata) è ancora molto sbilanciata in favore dell indifferenziato, la cui frequenza di raccolta bi o tri settimanale di fatto va a causare una maggior produzione pro capite, in quanto l utente è poco incentivato a diminuirne il conferimento; il mancato obbligo ad utilizzare sacchi marchiati e semi trasparenti per la raccolta del rifiuto indifferenziato determina una minor efficacia nell attenzione alla differenziazione; la forte incidenza dell abbandono di ingombranti e rifiuti in aree pubbliche che richiedono servizi di pulizia straordinaria. La situazione è altrettanto problematica nel settore delle raccolte differenziate, dove gli scarti verdi risultano essere la frazione di gran lunga più rilevante: nel 2009 sono state infatti raccolte tonnellate di tale flusso di rifiuti, che da solo ha costituito ben il 42,6% dei rifiuti raccolti in maniera selettiva con il caso particolarmente significativo del Comune di Olbia in cui i rifiuti verdi hanno rappresentato la categoria merceologica di gran lunga predominante, responsabile di ben il 72% del valore di raccolta differenziata registrato. Non considerando nel calcolo della percentuale di raccolta differenziata il contributo degli scarti verdi la percentuale provinciale di raccolta differenziata per il 2009 scenderebbe addirittura al 17,6%. Confronto tra il calcolo della % di raccolta differenziata effettuato considerando o meno gli scarti verdi Anno Scarto verde (ton) % RD con scarto verde % RD senza scarto verde ,95% 8,75% ,45% 14,49% ,47% 16,63% ,64% 17,59% (Elaborazione del Servizio Pianificazione Territoriale su dati Regione Autonoma della Sardegna ARPAS, 11 Rapporto sulla Gestione dei Rifiuti Urbani in Sardegna Anno 2009 ed Rti Oikos Progetti srl / Idecom srl, Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti Urbani della Provincia di Olbia Tempio Relazione fase conoscitiva Giugno 2010)

14 FLUTTUAZIONE DEI QUANTITATIVI DI RIFIUTI E POPOLAZIONE TURISTICA Per proseguire l analisi delle criticità nella gestione dei rifiuti della nostra Provincia risultano a questo punto essenziali due considerazioni: la Provincia di Olbia Tempio, con il 9,3% della popolazione della Sardegna, produce il 16,8% dei rifiuti complessivi regionali con un rapporto quasi di 1 a 2 tra peso demografico e produzione rifiuto; la Provincia di Olbia Tempio, con circa 900 kg/ab/anno, ha un valore procapite di gran lunga superiore al valore medio regionale ed ai valori registrati nelle altre province (vedi grafico seguente per la comparazione con le altre Province sarde). Produzione provinciale procapite e confronto (Fonte: Regione Autonoma della Sardegna ARPAS, 11 Rapporto sulla Gestione dei Rifiuti Urbani in Sardegna Anno 2009) Dallo studio conoscitivo realizzato nell ambito della redazione del Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti Urbani effettuato sui dati disponibili fino all anno 2008 appare evidente che il peso della componente turistica sui dati quantitativi e qualitativi del rifiuto nel contesto della Provincia di Olbia Tempio è assolutamente rilevante e la valutazione di tale fattore risulta di fondamentale importanza; si consideri infatti che, sia nel 2006 che nel 2007, la provincia di Olbia Tempio è risultata il territorio provinciale con la maggiore produzione pro capite in Italia (oltre 850 kg/ab x anno). Andamento temporale della produzione pro capite per le province con una produzione pro capite superiore ai 650 Kg/ab x anno (Fonte: Rti Oikos Progetti srl / Idecom srl, Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti Urbani della Provincia di Olbia Tempio Relazione fase conoscitiva Giugno 2010)

15 Tale valore medio è frutto di una produzione molto squilibrata all interno della provincia, in quanto la città di Olbia presenta una produzione pro capite di circa kg/ab x anno (capoluogo con la maggiore produzione pro capite di rifiuti in Italia) mentre, ad esempio, Tempio Pausania aveva una produzione pro capite di appena 450 kg/ab x anno (fonte: Sole24 ore: Indicatori sostenibilità urbana 2008). In Provincia di Olbia Tempio l incidenza del contributo dei rifiuti indifferenziati imputati agli abitanti fluttuanti nel 2008 avrebbe inciso per il 29,4% sul totale prodotto dato in calo rispetto al dato del 2005 (32,9%) e 2006 (31,7%), ma in leggero aumento rispetto al dato del 2007 (28,9%). Appare in modo evidente che tutti i comuni costieri, a vocazione turistica, sono caratterizzati da forti fluttuazioni stagionali. L incidenza degli abitanti fluttuanti è tanto maggiore quanto minore è il numero di residenti e va a decrescere in funzione della complessità del comune e del peso demografico; il rapporto è quindi più alto per i piccoli comuni della Costa Paradiso e la zona a sud di Olbia, decresce per i comuni della Costa Smeralda e della costa nord (Arzachena, Palau, ecc.) ed è compreso tra il 10 e il 20% per i comuni di Olbia e La Maddalena. Per il resto dei comuni dell alta Gallura attorno a Tempio Pausania il rapporto è al di sotto del 10% fino a scomparire del tutto per i comuni dell interno, molto simili tra loro per caratteristiche insediative ed economiche (Alà dei Sardi, Buddusò, Monti, Oschiri e Padru). L unico comune dell entroterra che nel 2008 faceva registrare un rapporto superiore al 10% tra abitanti fluttuanti e totale è risultato Bortigiadas con l 11,8% su tale dato è peraltro evidente l influsso delle limitate dimensioni della popolazione residente (solo 800 abitanti). Incidenza degli abitanti fluttuanti rispetto alla popolazione residente (Fonte: Rti Oikos Progetti srl / Idecom srl, Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti Urbani della Provincia di Olbia Tempio Relazione fase conoscitiva Giugno 2010) Una realtà turistica come la Provincia di Olbia Tempio risente notevolmente dell andamento stagionale della produzione dei rifiuti in funzione delle presenze turistiche che si concentrano soprattutto nel periodo

16 estivo; questa situazione è esplicitata dai quantitativi conferiti agli impianti dei rifiuti raccolti in ciascun mese dell anno. Le elaborazioni seguenti mostrano l andamento della produzione di rifiuti urbani indifferenziati e della raccolta differenziata della frazione umida (scarti da cucina, sfalci e potature) nel corso dell anno Per analizzare l andamento delle dinamiche di produzione dei rifiuti urbani indifferenziati sono stati valutati in particolare i dati dei conferimenti mensili del rifiuto indifferenziato da parte di ciascun Comune agli impianti di pretrattamento di Olbia e Tempio Pausania. Il seguente grafico rappresenta l andamento del dato di produzione media giornaliera (su base mensile) dei rifiuti urbani a livello provinciale per le aggregazioni dei Comuni costieri e dei Comuni dell entroterra. Risulta evidente l influenza del fenomeno del turismo sull andamento stagionale della produzione dei rifiuti; tale andamento si rileva marcatamente nei Comuni costieri; infatti mediamente per tali Comuni si passa da un dato di produzione pro capite dei rifiuti indifferenziati al di sotto di 1,5 kg/ab x giorno nei mesi invernali (da Novembre a Marzo) per arrivare ad un dato medio di ben 4 kg/ab x giorno nel mese di Agosto, dovuto appunto al picco delle presenze turistiche. 4,5 4,0 3,5 3,0 Andamento mensile della produzione pro-capite media giornaliera di rifiuto indifferenziato nella Provincia di Olbia Tempio, nei Comuni Costieri e Interni (2008) kg/abxgg 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0,0 gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic Comuni costieri Comuni interni Prov OT (Fonte: Rti Oikos Progetti srl / Idecom srl, Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti Urbani della Provincia di Olbia Tempio Relazione fase conoscitiva Giugno 2010) Poichè la Provincia di Olbia Tempio rappresenta una realtà che per vocazione socio economica ha ampie fluttuazioni di produzione dovute al turismo estivo su tutta la fascia costiera, sarebbe opportuno un approfondimento finalizzato a definire una stima dei quantitativi dei flussi di rifiuto generati da abitanti residenti e da abitanti fluttuanti per una migliore comprensione delle dinamiche di produzione, elemento conoscitivo necessario per giungere a pianificare efficaci ed adeguati sistemi di raccolta differenziata integrata dei rifiuti urbani. ECOCENTRI Per tali strutture di supporto al sistema integrato di raccolta differenziata le criticità sono costituite da: ritardi nella realizzazione ancora 15 Comuni non soddisfano la prescrizione del Piano Regionale (Punto 8.1: almeno un ecocentro in ogni Comune della Sardegna ); completo adeguamento delle strutture esistenti alle prescrizioni della normativa sia per quanto concerne le caratteristiche tecniche e strutturali, che per il regime autorizzativo; implementazione delle tipologie di rifiuti conferibili presso il singolo ecocentro (in particolare per quanto riguarda rifiuti verdi, oli vegetali, rifiuti pericolosi); aumento del periodo di apertura dell ecocentro.

17 CRITICITA IMPIANTISTICHE L art.182 bis del D.Lgs.152/06 prescrive di adottare i principi di autosufficienza e prossimità per il solo smaltimento di: rifiuti urbani non differenziati (solo non pericolosi) rifiuti derivanti dal trattamento di rifiuti urbani non differenziati da effettuarsi tenendo conto di ambiti territoriali ottimali. Il recupero dei rifiuti urbani, non essendo soggetto a tale limitazione, può invece avvenire sull intero territorio nazionale per gli imballaggi ciò avviene in coordinamento con il CONAI ed i singoli Consorzi di filiera. Come già indicato nel capitolo dedicato alla normativa, il Piano regionale di gestione dei rifiuti Sezione rifiuti urbani della Regione Autonoma della Sardegna: definisce l ambito territoriale unico regionale; richiama l esclusiva competenza regionale per quanto riguarda la pianificazione dell impiantistica, delegando alla Provincia la sola competenza di redigere, nel rispetto delle linee guida del Piano regionale, il Piano provinciale di gestione della fase di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani nel proprio territorio (punto del Piano regionale di gestione dei rifiuti Sezione rifiuti urbani); per quanto riguarda la Provincia di Olbia Tempio, prescrive l avvio del secco residuo dalle aree di raggruppamento agli impianti di selezione e biostabilizzazione di Tempio e di Olbia con funzione di polo di accentramento per l invio del secco residuo al termovalorizzatore del sassarese. Attualmente le criticità impiantistiche della nostra Provincia sono dovute alla mancata individuazione da parte della Regione del termovalorizzatore cui inviare il secco residuo. La situazione è particolarmente delicata se si considera che l unica discarica attiva nel territorio provinciale cui si ricorre per lo smaltimento del secco residuo è quella del CIPNES Gallura in loc. Spiritu Santu, Olbia, per la quale con Det. Dir. n.420 del la Provincia ha emesso la nuova AIA autorizzando l ampliamento di complessivi mc (peraltro in parte già utilizzati negli ultimi due anni e mezzo con il ricorso a varie ordinanze contingibili e urgenti emanate al fine di evitare la sospensione del servizio). RIFIUTI SPECIALI: QUADRO CONOSCITIVO LA PRODUZIONE E LO SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI Per quanto riguarda l analisi di dati più recente risalente all ultimo Rapporto disponibile sulla gestione dei rifiuti speciali in Sardegna, derivato dall analisi dei dati MUD del 2005 essa attribuiva alla Provincia di Olbia Tempio la produzione di t/a di rifiuti speciali totali (di cui t/a non pericolosi e t/a pericolosi) quinta tra le province sarde ed evidenziava dati particolarmente significativi in merito alle seguenti famiglie di codici CER: 03 Rifiuti della lavorazione del legno e della produzione di pannelli, mobili, polpa, carta e cartone: 1857 t/a, pari al 66% della produzione regionale (primo posto tra le province sarde, con 5 ditte tutte sugherifici tra le 10 maggiori produttrici di tale tipologia di rifiuti a livello regionale); 08 Rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di rivestimenti (pitture, vernici e smalti vetrati), adesivi, sigillanti e inchiostri per stampa: 445 t/a, quasi il 42% della produzione regionale (primo posto tra le province sarde e con una ditta risultata a livello regionale la seconda maggiore produttrice di tale tipologia di rifiuti); 13 Oli esauriti e residui di combustibili liquidi (tranne oli commestibili, 05 e 12): 582 t/a, pari al 12,5 % della produzione regionale (terzo posto tra le province sarde); 20 Rifiuti assimilabili agli urbani (prodotti da attività commerciali e industriali nonché dalle istituzioni) t/a, pari all 11,5% della produzione regionale (terzo posto tra le province sarde).

18 Produzione di rifiuti speciali totali in Sardegna dai dati MUD 2005 disaggregati per Provincia e codici CER (t/a) (Fonte: Piano regionale di gestione rifiuti Sezione rifiuti speciali, Regione Autonoma della Sardegna, 2002) La produzione di rifiuti speciali totali e dei soli speciali pericolosi, suddivisa per comparti di attività economica, è mostrata dalle seguenti tabelle in comparazione con quella delle altre province: Produzione di rifiuti speciali (t/a) in Sardegna per comparti di attività economica e per Provincia (Fonte: Piano regionale di gestione rifiuti Sezione rifiuti speciali, Regione Autonoma della Sardegna, 2002) Produzione di rifiuti pericolosi in Sardegna per comparti e per Provincia (Fonte: Piano regionale di gestione rifiuti Sezione rifiuti speciali, Regione Autonoma della Sardegna, 2002) Per quanto concerne lo smaltimento, la quantità di rifiuti speciali totali smaltiti nel 2005 all interno del territorio della Provincia di Olbia Tempio è risultata essere di t/a, attestando, con un saldo positivo di t/a (quasi il 44% in più rispetto ai rifiuti speciali totali prodotti nel territorio provinciale pari, come già detto, a t/a), la presenza di un attiva importazione di rifiuti da fuori provincia. Sempre nel 2005 l impianto CINES di Olbia (attualmente CIPNES Gallura) era risultato il principale impianto a livello regionale per quantità di rifiuti smaltiti, sia per la sezione di trattamento chimico fisico ( t/a, quasi la metà del totale regionale) che per lo smaltimento in discarica di Tipo 1 ( t/a, circa un quarto del totale regionale). La situazione attuale relativa alla disponibilità di impianti di recupero e di smaltimento presenti in Provincia di Olbia Tempio è riassunta dalle seguenti Tabelle:

19 Ditte autorizzate ai sensi del D.Lgs.152/06, art.208 DITTA/AZIENDA COMUNE INDIRIZZO ATTIVITA GISCA ECOLOGICA SNC Olbia Zona Industriale, Settore 7 STOCCAGGIO RIFIUTI ECO OLBIA SRL Olbia Zona Industriale, Settore 4 DEMOLIZIONE AUTOVEICOLI ECOLOGIC METAL SNC Tempio Pausania Zona Industriale Alta Gallura DEMOLIZIONE AUTOVEICOLI NORD TRANSPORT SRL Olbia Loc. Chidade DISCARICA RIFIUTI INERTI ECOFRANTUMAZIONI SNC Olbia Loc. Maltana RECUPERO RIFIUTI INERTI SARDA COMPOST SRL Olbia Loc. Spiritu Santu RECUPERO RIFIUTI VERDI ECOSERVICE SRL* Sant'Antonio di Gallura Zona Industriale, Loc. Cioncu RECUPERO RIFIUTI RIFIUTI MUNTONI* Olbia Zona Industriale, Settore 7 DEMOLIZIONE AUTOVEICOLI PORTO CERVO MARINA SRL* Arzachena Cantiere Nautico Porto Cervo (Legenda: *: autorizzazioni non ancora efficaci Fonte: Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Provincia di Olbia Tempio) STOCCAGGIO RIFIUTI PORTUALI Ditte con comunicazione in procedura semplificata ai sensi del D.Lgs.152/06, artt DITTA/AZIENDA COMUNE INDIRIZZO ATTIVITA PULIEDIL SAN TEODORO San Teodoro Localita' La Canna, Via Gramsci snc COMPOSTAGGIO RIFIUTI VERDI (R3) NORD LEGNO S.R.L. Calangianus Localita' Li Funtaneddi snc SUGHERIFICIO MARTINESE S.R.L. Tempio Pausania Zona Industriale Alta Gallura RECUPERO ENERGETICO (R1) RECUPERO ENERGETICO (R1) DAU CALCESTRUZZI 2001 S.R.L Arzachena Localita' Zona artigianale, Lottizz. Pinna snc PRODUZIONE DI CONGLOMERATI CEMENTIZI (R5) CALCESTRUZZI DAU S.R.L. Olbia Localita' Lattallai, s.p. Olbia Monti km. 3,900 PRODUZIONE DI CONGLOMERATI CEMENTIZI (R5) ECOSYSTEM S.R.L. La Maddalena Loc. Guardia Vecchia, Sasso Rosso MESSA IN RISERVA (R13) E ATTIVITA' RECUPERO (R5) G.M.C. SARDEGNA Luogosanto Loc. San Antonio UTILIZZO INERTI PER RECUPERO AMBIENTALE (R10) CAREDDU ANTONIO Olbia Zona Industriale Settore 5, snc MESSA IN RISERVA (R13) E ATTIVITA' RECUPERO (R5) UNICALCESTRUZZI S.P.A. Palau Loc. Ponte Liscia MESSA IN RISERVA (R13) E PRODUZIONE DI CONGLOMERATI CEMENTIZI (R5)

20 DITTA/AZIENDA COMUNE INDIRIZZO ATTIVITA UNICALCESTRUZZI S.P.A. Tempio Pausania Zona Industriale MESSA IN RISERVA (R13) E PRODUZIONE DI CONGLOMERATI CEMENTIZI (R5) F/LLI DI PELLEGRINI DI CLEMENTE S.R.L. Calangianus Zona Industriale, Loc. Ignazioni MESSA IN RISERVA (R13) E RECUPERO ENERGETICO (R1) UNICALCESTRUZZI S.P.A. Arzachena Loc. Pinna SUGHERIFICIO MARIO COLUMBANO S.A.S. DI ANTONIO E PAOLO COLUMBANO E C. MESSA IN RISERVA (R13) E PRODUZIONE DI CONGLOMERATI CEMENTIZI (R5) Calangianus Loc. Badumela MESSA IN RISERVA (R13) E RECUPERO ENERGETICO (R1) UNICALCESTRUZZI S.P.A. Olbia Loc. Loddone CALCESTRUZZI S.P.A. Olbia Zona Industriale Settore 7, Via Israele 3 MESSA IN RISERVA (R13) E PRODUZIONE DI CONGLOMERATI CEMENTIZI (R5) MESSA IN RISERVA (R13) E PRODUZIONE DI CONGLOMERATI CEMENTIZI (R5) OLBIASPURGO SAS DI MARINO COSIMO DAMIANO & C. Olbia Zona Industriale Settore 4, Via Marocco 7 MESSA IN RISERVA (R13) ECOLOGIC METAL S.N.C. Tempio Pausania Zona Industriale "Alta Gallura" MESSA IN RISERVA (R13) ECO OLBIA S.R.L. Olbia Zona Industriale Settore 4, Via Giappone 4 ATTIVITA' DI RECUPERO (R3, R4 ED R13) SIDERPIRINA DI SANNA PASQUALINA E C. S.A.S. Olbia Zona Industriale Settore 6, Via Corea snc ATTIVITA' DI RECUPERO (R13 E R4) P.P.T. srl Tempio Pausania Zona Artigianale Campo Maiori Fraz. Bassacutena, MESSA IN RISERVA (R13) CANU ROSSANA Berchidda Loc. Sa Pedra Ogada MESSA IN RISERVA (R13) E ATTIVITA' DI RECUPERO (R5) GASPARE BAZZU SRL San Teodoro Area PIP, lotti 25 e 26 MESSA IN RISERVA (R13) E ATTIVITA' DI RECUPERO (R5) G.P.D. EDILIZIA La Maddalena Loc. Vaticano, Reg. Punta Moneta MESSA IN RISERVA (R13) E ATTIVITA' DI RECUPERO (R5) DEIANA GRANITI S.R.L. Olbia Loc. La Silvaredda UTILIZZO INERTI PER RECUPERO AMBIENTALE (R10) FIORE SERVICE SRL Buddusò Loc. S'Istria Sos Arestes UTILIZZO INERTI PER RECUPERO AMBIENTALE (R10) UTILIZZO INERTI PER GRANITI SARDEGNA E MARMI REALIZZAZIONE DI RILEVATI E Olbia Zona Industriale Settore 6 S.R.L. SOTTOFONDI STRADALI (R5) E PER RECUPERO AMBIENTALE (R10)

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI LA RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLA PROVINCIA DI TORINO La Provincia di Torino impone il raggiungimento del 50% di

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio.

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. Un pò di dati sui rifiuti in Italia: Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. A cura di Giacomo Giargia (Ufficio Tecnico) TEMPI DI BIODEGRADAZIONE

Dettagli

SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE

SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE PERCORSO DEL PIANO FASI Elaborazione Schema di Piano e RP Scoping PROCEDURA PIANO Elaborazione Schema di Piano PROCEDURA VAS L Autorità

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti D.Lgs.151/05 RAEE Dott. Franco Gerardini Servizio Gestione Rifiuti La gestione integrata dei rifiuti Criticità del sistema regionale di gestione dei rifiuti la L.R.83/00 (contenente il PRGR) non recepisce

Dettagli

Inquadramento normativo

Inquadramento normativo Provincia di Vercelli Programma Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani Inquadramento normativo Con il recepimento della Direttiva 98/2008 sui rifiuti, è stata introdotta nell ordimento interno

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI DEL PRGR

RELAZIONE DI SINTESI DEL PRGR RELAZIONE DI SINTESI DEL PRGR INDICE 1. PREMESSA 4 2. IL QUADRO ATTUALE DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI 6 2.1. La produzione di rifiuti urbani e lo sviluppo dei servizi di raccolta 6 2.1.1. La frazione indifferenziata

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd. 20.05.2014 COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L.

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ARPAS

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ARPAS 14 Rapporto sulla gestione dei rifiuti urbani in Sardegna Anno 2012 14 Rapporto sulla gestione dei rifiuti urbani in Sardegna Anno 2012 Indice 1. PREMESSA METODOLOGICA. 1 2. LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti. Progetto a Tema 2011. Gli indicatori del recupero SINTESI

Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti. Progetto a Tema 2011. Gli indicatori del recupero SINTESI Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Progetto a Tema 2011 Gli indicatori del recupero SINTESI INDICE 1. PANORAMA NORMATIVO...3 1.1 Obiettivi per il recupero...3 1.2 Norme tecniche...4

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

15 Rapporto sulla gestione dei rifiuti urbani in Sardegna Anno 2013

15 Rapporto sulla gestione dei rifiuti urbani in Sardegna Anno 2013 REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AGENTZIA REGIONALE PRO S AMPARU DE S AMBIENTE DE SARDIGNA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS 15 Rapporto

Dettagli

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 100,0% Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei

Dettagli

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 10 Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni

Dettagli

La scelta delle migliori tecniche disponibili e l attività di ACSEL coordinamento ed armonizzazione delle scelte operative

La scelta delle migliori tecniche disponibili e l attività di ACSEL coordinamento ed armonizzazione delle scelte operative La scelta delle migliori tecniche disponibili e l attività di ACSEL coordinamento ed armonizzazione delle scelte operative Sandro Teruggi Università degli Studi di Parma - Facoltà di Ingegneria Dipartimento

Dettagli

SARDEGNA NUOVE IDEE TAVOLO 2 NUOVE IDEE PER I PAESAGGI. Cagliari 13 dicembre 2010 REPORT LABORATORIO 4

SARDEGNA NUOVE IDEE TAVOLO 2 NUOVE IDEE PER I PAESAGGI. Cagliari 13 dicembre 2010 REPORT LABORATORIO 4 SARDEGNA NUOVE IDEE TAVOLO 2 NUOVE IDEE PER I PAESAGGI Cagliari 13 dicembre 2010 REPORT LABORATORIO 4 AMBITO n. 23 GALLURA COSTIERA NORD - OCCIDENTALE Comuni di Aggius, Aglientu, Badesi, Luogosanto, Tempio

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO

Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO Direttore Generale Carlo Emanuele Pepe Roma, 24 luglio 2014 http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti Enti di gestione 33 AZIENDE di GESTIONE

Dettagli

CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA

CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA 4.1 IL PIANO DEGLI INTERVENTI PRIORITARI L Ordinanza n. 2983/99, all art. 1, nominava il Presidente della Regione siciliana commissario delegato per la predisposizione

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11 - art. 13, comma 2, lettera d) ALLEGATO P8 Idecom Srl Via Innsbruck, 33 39100 Bolzano OIKOS Progetti

Dettagli

World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1

World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1 World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1 La gerarchia dei rifiuti Il principale riferimento normativo in tema di rifiuti è la direttiva comunitaria 2008/98/CE, recentemente recepita nell ordinamento

Dettagli

GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente P.F. Ciclo dei rifiuti, bonifiche ambientali, AERCA e rischio industriale

GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente P.F. Ciclo dei rifiuti, bonifiche ambientali, AERCA e rischio industriale GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente P.F. Ciclo dei rifiuti, bonifiche ambientali, AERCA e rischio industriale PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI (art.199 D.Lgs.152/2006) SCENARIO EVOLUTIVO

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

UTS PROT Progetto LIFE02 ENV/IT/000111 New Tuscia. (Mario Montini - ENEA) I rifiuti urbani

UTS PROT Progetto LIFE02 ENV/IT/000111 New Tuscia. (Mario Montini - ENEA) I rifiuti urbani III.5 Rifiuti (Mario Montini - ENEA) I rifiuti urbani Le quantità dei rifiuti urbani prodotti nel comprensorio della Tuscia Romana sono state ricavate dai dati forniti dai Comuni, attraverso la compilazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA Edo Ronchi Presidente Fondazione per lo sviluppo sostenibile Obiettivi dello studio Individuare

Dettagli

QUADRO CONOSCITIVO 6. RIFIUTI SISTEMA NATURALE E AMBIENTALE. 6. Rifiuti

QUADRO CONOSCITIVO 6. RIFIUTI SISTEMA NATURALE E AMBIENTALE. 6. Rifiuti QUADRO CONOSCITIVO SISTEMA NATURALE E AMBIENTALE 6. RIFIUTI 6. Rifiuti 6 RIFIUTI... 2 6.1 PIANO PROVINCIALE GESTIONE RIFIUTI (PPGR)... 2 6.1.1 Obiettivi di recupero del PPGR della Provincia di Parma...

Dettagli

PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO PIANO DI DIMENSIONAMENTO DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO PIANO DI DIMENSIONAMENTO DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO PIANO DI DIMENSIONAMENTO DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 1 CICLO DI ISTRUZIONE AGGIUS Aggius 46 65 111 26 137 1 autonomia - I. C. Aglientu 2 pluriclassi 21 22 43 21 64 Bortigiadas

Dettagli

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale Città di Ariccia Tariffazione Puntuale Ariccia a Tariffa Puntuale Cos è la Tariffa Puntuale? Breve excursus storico 1997: d.lgs 22/1997 la TIA, Tariffa d Igiene Urbana, destinata a sostituire progressivamente

Dettagli

Piano d Ambito. Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia

Piano d Ambito. Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia Piano d Ambito nuove strategie per la riduzione ed il recupero dei rifiuti Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia Febbraio 2013 1 - Prevenire

Dettagli

Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE

Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE Provincia di Bergamo SERVIZIO AMBIENTE - OSSERVATORIO PROVINCIALE RIFIUTI Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE anno 2004 Produzione Rifiuti e

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI Premessa Allegato a) Come noto, in base alla disciplina di settore, i rifiuti vengono classificati urbani se prodotti dalle utenze domestiche

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA CONSORZIO INTERCOMUNALE AUTORITA DI BACINO TV 2 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Giugno 2008 Il Consorzio Intercomunale Priula nasce nel 1987 per volontà di 5 Comuni

Dettagli

Programma provinciale per la riduzione dei Rifiuti Urbani Biodegradabili (RUB) da conferire in discarica

Programma provinciale per la riduzione dei Rifiuti Urbani Biodegradabili (RUB) da conferire in discarica Programma provinciale per la riduzione dei Rifiuti Urbani Biodegradabili (RUB) da conferire in discarica Luglio 2008 L elaborato è stato predisposto dal gruppo di lavoro interno (team di progetto) costituito

Dettagli

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA REPORT STATISTICO I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA ANNI A 2007 2007-20122012 1 I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione

Dettagli

D.4 LA GESTIONE DEI RIFIUTI

D.4 LA GESTIONE DEI RIFIUTI D.4 LA GESTIONE DEI RIFIUTI Introduzione ed inquadramento generale E ancora faticosamente che sul piano nazionale, molto meno su quello regionale, si sta uscendo dalle diverse e molteplici emergenze rifiuti

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

VALUTAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI PARMA ATTRAVERSO IL METODO LCA

VALUTAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI PARMA ATTRAVERSO IL METODO LCA VALUTAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI PARMA ATTRAVERSO IL METODO LCA in collaborazione con: Provincia di Parma Relatore: Chiar.mo Prof. MARCO BERGONZONI Correlatore:

Dettagli

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012.

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. ALLEGATO 2 Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. Rinnovo convenzione con ATO 5 per la parte economica per l anno 2012 La assemblea di ATO5 del 22/12/2011

Dettagli

I dati di produzione e gestione dei Rifiuti urbani in Campania

I dati di produzione e gestione dei Rifiuti urbani in Campania I dati di produzione e gestione dei Rifiuti urbani in Campania ARPAC U.O. R.I.U.S. Dott. Claudio Marro a cura della Sezione Regionale del Catasto Rifiuti (Ing. Alberto Grosso, Ing. Giuseppe De Palma) La

Dettagli

1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) 2012 Importo IVA Totale Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL)

1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) 2012 Importo IVA Totale Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL) 1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL) 4.323.093,28 432.309,33 4.755.402,61 Costi Raccolta e Trasporto R.U. (CRT) 4.204.463,71 420.446,37

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

Carta dei Servizi di Igiene Urbana

Carta dei Servizi di Igiene Urbana Carta dei Servizi di Igiene Urbana LATINA AMBIENTE S.p.A. Carta dei Servizi di Igiene Urbana INDICE Premessa...2 Articolo 1 Riferimenti normativi...3 Articolo 2 Profilo Aziendale...4 Articolo 3 Principi

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015 RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Comune di PONTEBBA ANNO 2015 Redatto ai sensi dell art. 8 del DPR 27/04/99 n. 158 in applicazione dell art.

Dettagli

ALLEGATO A Norme generali

ALLEGATO A Norme generali ALLEGATO A Norme generali Rinnovo Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) - dell Impianto di trattamento rifiuti solidi urbani e valorizzazione della accolta differenziata a servizio dell Ambito Ottimale

Dettagli

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente In collaborazione con REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI 1 INDICE Premessa

Dettagli

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti.

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. 2 LA ECO. LAN. S. P.A. SI OCCUPA DI SMALTIMENTO, RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI (SERVIZI

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SEZIONE 4 Sistema di gestione dei rifiuti speciali inerti, di cui al capo VI della L.R. N 59/95 Luglio 1998 SOMMARIO 1. Premessa 2 2. Quadro conoscitivo 2

Dettagli

C O M U N E D I A B R I O L A

C O M U N E D I A B R I O L A C O M U N E D I A B R I O L A PROVINCIA DI POTENZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI SOLIDI URBANI IN MANIERA DIFFERENZIATA VISTA la Delibera di Giunta municipale n.41 del 12/04/2013 con la

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

COMUNE DI PERUGIA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI COMUNE DI PERUGIA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI 6 Aprile 2009 Progettazione G.S.A. Srl Stampato su carta riciclata 100% 1 1. CRITERI DI CALCOLO In Italia oggi non esiste una metodica unica per il

Dettagli

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Comunicazioni della Commissione Europea Comunicazione della Commissione al Consiglio

Dettagli

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI % RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI www.arpa.veneto.it Legambiente COMUNI RICICLONI INDICATORE MULTIPARAMETRICO Non solo %RD (rifiuti avviati a recupero, compresi inerti, ingombranti a spazzamento)

Dettagli

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO milioni di t 10.0 9.0 8.0 7.0 6.0 5.0 4.0 3.0 2.0 1.0 0.0 La produzione dei rifiuti in Toscana 1998-2011

Dettagli

www.studio-life.it Rimini 27 08 2012 Ciclo rifiuti urbani SIA Servizio Integrato Ambiente

www.studio-life.it Rimini 27 08 2012 Ciclo rifiuti urbani SIA Servizio Integrato Ambiente www.studio-life.it Rimini 27 08 2012 Ciclo rifiuti urbani SIA Servizio Integrato Ambiente Coinvolgimento utenza Coinvolgimento utenza Coinvolgimento utenza GESTIONE Prevenzione minimizzazione riutilizzo

Dettagli

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 2015)

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 2015) ton Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-381 LAVIS (TN) 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 % Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 21) 9% 88% 86% 84% 82% 8% 78% 76% 74% 72% %RD (con spazzamento)

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani

Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani Da rifiuti a risorse percorso impossibile? Dott.ssa Aurelia Fonda COMPOSIZIONE media DEL RIFIUTO URBANO non differenziato dati APAT: Frazione merceologica % in

Dettagli

Raccolta dei rifiuti solidi urbani

Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta differenziata aggiuntiva Si basa su una presenza abbastanza rarefatta di manufatti distribuiti sul territorio di competenza (di norma campane o cassonetti, in

Dettagli

I DETERMINANTI AMBIENTALI. capitolo RIFIUTI. dida dida dida dida dida dida dida dida dida CRM dida Meano dida dida Trento dida

I DETERMINANTI AMBIENTALI. capitolo RIFIUTI. dida dida dida dida dida dida dida dida dida CRM dida Meano dida dida Trento dida capitolo 3 I DETERMINANTI AMBIENTALI RIFIUTI dida dida dida dida dida dida dida dida dida CRM dida Meano dida dida Trento dida 3. rifiuti rifiuti 3 3.1 Produzione di rifiuti urbani e speciali...41 3.1.1

Dettagli

Regione Lazio. Assessorato Politiche per l Ambiente 27/07/2002 Piano di Gestione dei Rifiuti Rev. 2 piano di gestione dei ru.doc/fm c.a.: 87.A.

Regione Lazio. Assessorato Politiche per l Ambiente 27/07/2002 Piano di Gestione dei Rifiuti Rev. 2 piano di gestione dei ru.doc/fm c.a.: 87.A. n. pag. 101 Fabbisogni impiantistici Bacino Regionale a regime anno 2006 Produzione complessiva rifiuti 3 582 186 t/a Obiettivo di RD 1 254 481 t/a Flussi residui 2 327 704 t/a Ipotesi di RD al 2003 pari

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

COMUNE DI MIRANDOLA (Provincia di Modena)

COMUNE DI MIRANDOLA (Provincia di Modena) Prot. 19079 6.10 del 17/11/2010 n. 18 del 17 novembre 2010 Oggetto: Raccolta differenziata dei rifiuti urbani e assimilati con modalità domiciliare nel centro storico e nell area urbana di Mirandola. IL

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SPECIFICA TECNICA SERVIZIO S1: Raccolta domiciliare e trasporto

Dettagli

Gli imballaggi compostabili e il loro recupero nel ciclo della frazione organica L esperienza di HERAmbiente S.p.A.

Gli imballaggi compostabili e il loro recupero nel ciclo della frazione organica L esperienza di HERAmbiente S.p.A. Gli imballaggi compostabili e il loro recupero nel ciclo della frazione organica L esperienza di HERAmbiente S.p.A. 04 novembre 2010 Giuseppe Lazazzara Gestione frazione organica e potature da RD Produzione

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

Classificazione dei rifiuti solidi

Classificazione dei rifiuti solidi I RIFIUTI Rifiuto solido Qualsiasi sostanza od oggetto, allo stato solido, derivante dall attività umana o dai cicli naturali Potenziale rischio di malattia e/o danno alla salute umana, che può essere

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE BOZZA 2010 COMUNE DI.. PROVINCIA DI

SCHEMA DI CONVENZIONE BOZZA 2010 COMUNE DI.. PROVINCIA DI Esempio di convenzione per Ente Pubblico - 2010 - C.I.P.N.E.S. SCHEMA DI CONVENZIONE BOZZA 2010 COMUNE DI.. PROVINCIA DI Convenzione per il servizio di trattamento e smaltimento dei RR.SS.UU. e assimilabili

Dettagli

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici Scuola Agraria del Parco di Monza 1 Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici MASSIMO CENTEMERO, SANDRO DI SCERNI, MARCO RICCI, VALENTINA CAIMI

Dettagli

Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n.

Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 recante Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti,

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti, DGR del 7 agosto 2010, n. 375 OGGETTO: Revisione del Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, di cui alla D.G.R. 310/2009. LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Direttive regionali in materia di comunicazione dei dati riferiti al sistema impiantistico per la gestione dei rifiuti. Approvazione.

Direttive regionali in materia di comunicazione dei dati riferiti al sistema impiantistico per la gestione dei rifiuti. Approvazione. Direttive regionali in materia di comunicazione dei dati riferiti al sistema impiantistico per la gestione dei rifiuti. Approvazione. LA GIUNTA REGIONALE PREMESSO che la Regione Abruzzo intende affermare

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO ED ECOISTITUTO ABRUZZO Mondocompost Progetto sperimentale per la promozione del compostaggio domestico sul territorio regionale DIREZIONE PROTEZIONE

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI.

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. Alberto Casarotti Orari Martedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 Giovedì dalle ore 9,00 alle ore 16,00 Su appuntamento in orari diversi da quelli indicati sopra tel. 0532 299540 fax 0532 299525 rispondiamo

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

STATISTICHE SUI RIFIUTI

STATISTICHE SUI RIFIUTI STATISTICHE SUI RIFIUTI 1 Rifiuti: comportamento virtuoso dell Isola nella gestione dei rifiuti urbani. Le ultime statistiche mostrano come il comparto della gestione dei rifiuti urbani in Sardegna sia

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

Punto 5.c all ordine del giorno del V Comitato di Sorveglianza

Punto 5.c all ordine del giorno del V Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA INFORMATIVA SULLA PROPOSTA DI MODIFICA DEL PROGRAMMA OPERATIVO A SEGUITO DELLE MODIFICHE INTERNE ALL ASSE III E ALL ASSE V (obiettivo specifico V.3)

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MOLINARI DAVIDE Indirizzo VIA BENEDETTO DA ROVEZZANO N 9 Telefono 0789-565112 Fax 0789-1840501 E-mail davide.molinari@gmail.com

Dettagli

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 26.02.2015 1 Il piano finanziario

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA CITTA DI ARESE Provincia di Milano Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA INDICE

Dettagli

La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA

La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA Convegno «La raccolta differenziata della frazione organica dei rifiuti a Milano» Gruppo RICICLA Dip Scienze Agrarie e

Dettagli

205 Vista la L. 549/95 Misure di razionalizzazione della finanza pubblica ;

205 Vista la L. 549/95 Misure di razionalizzazione della finanza pubblica ; 17.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali Area di Coordinamento Prevenzione Integrata degli Inquinamenti e Programmazione Ambientale

Dettagli

COORDINAMENTO TRENTINO PULITO COORDINAMENTO TRENTINO PULITO

COORDINAMENTO TRENTINO PULITO COORDINAMENTO TRENTINO PULITO COORDINAMENTO TRENTINO PULITO L alternativa all inceneritore è possibile. Sistema di trattamento meccanico e riciclo, con incentivazione della raccolta differenziata (separazione umido secco / separazione

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE OGGETTO: DPR N. 59/2013 - AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE DELLA DITTA VALORI FRANCO &

Dettagli

BOZZA RAPPORTO D AREA

BOZZA RAPPORTO D AREA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro regionale di programmazione BOZZA RAPPORTO D AREA LABORATORIO TERRITORIALE PER LA PROGETTAZIONE

Dettagli

Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER.

Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER. Capitolo 9 - Rifiuti 201 Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER. Figura 5. Andamento della produzione di rifiuti speciali pericolosi per macro CER. Da un

Dettagli