riciclabolario il vocabolario dei rifiuti per orientarsi nel mondo della raccolta differenziata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "riciclabolario il vocabolario dei rifiuti per orientarsi nel mondo della raccolta differenziata"

Transcript

1 Città di PORCIA s.r.l. Servizio Nettezza Urbana ED Affini riciclabolario il vocabolario dei rifiuti per orientarsi nel mondo della raccolta differenziata PER LE UTENZE DOMESTICHE O ASSIMILATE

2 insieme per produrre meno rifiuti... Cari Concittadini, colgo l occasione di questa pubblicazione per ringraziarvi dell impegno che ogni giorno dedicate nella gestione dei rifiuti. Tuttavia possiamo e dobbiamo fare ancora meglio. Questo opuscolo dal nome un po complicato riciclabolario, è uno strumento utile per aiutare ciascuno a produrre meno rifiuti ed a differenziarli in modo corretto riconoscendo e separando, tra gli innumerevoli prodotti che acquistiamo e di cui ci serviamo, quelli che possono essere riciclati, trasformati e destinati ad un nuovo impiego. La raccolta differenziata è un impegno di civiltà: produrre meno rifiuti, separarli e conferirli correttamente è un ciclo che richiede attenzione e partecipazione continua; ciò che può sembrare un inutile complicazione delle nostre giornate, già così dense di impegni e attività, è in realtà un obiettivo a cui tutti dobbiamo contribuire e un valore di cui tutti possiamo beneficiare in termini di un ambiente più sano, di una migliore qualità della vita e di un contenimento dei costi di raccolta e smaltimento. Quanto più saremo consapevoli delle responsabilità assegnate a ciascuno di noi e del loro valore civico, tanto più potremo godere di tali benefici. Il Sindaco Stefano Turchet

3 come si raccolgono i rifiuti delle utenze domestiche Segui attentamente le istruzioni per la raccolta differenziata: solo così potremmo avviare al riciclo i rifiuti, preservando risorse e denaro. umido organico compostaggio domestico oppure in un sacco chiuso nel contenitore stradale sfalci e ramaglie secondo il calendario e le zone. Nel sacco nero o legate in fascine. Esporre il giorno precedente dopo le ore Per le strade chiuse conferire nella strada principale multimateriale (carta e cartone, lattine e barattoli, imballaggi in plastica) sfusi nel cassonetto stradale pile, batterie e farmaci negli appositi contenitori vetro sfuso nel bidone stradale rifiuti pericolosi al centro di raccolta rifiuti Vino secco non riciclabile giorno di raccolta mercoledì. In sacchetti trasparenti raccolti porta a porta. Esporre il giorno precedente dopo le ore Per le strade chiuse conferire nella strada principale ingombranti e RAEE al centro di raccolta rifiuti

4 centro di raccolta rifiuti cos è: il centro di raccolta rifiuti è un luogo custodito dove le sole utenze domestiche possono portare solo alcuni tipi di rifiuti. È controllato da apposito personale che verifica la conformità dei materiali ed il diritto a conferirli. È richiesto un documento di identità personale per verificare la residenza. dove si trova: in via del Platano. orari di apertura: Da aprile ad ottobre: mercoledì e venerdì dalle alle 18.00; sabato dalle 8.00 alle Da novembre a marzo: mercoledì e venerdì dalle alle 16.45; sabato dalle 8.00 alle cosa si può portare: ingombranti: materassi, arredi in genere, ferro e metalli: reti, attrezzi e oggetti in ferro, biciclette, latte e fusti in metallo, mobili vecchi e legname: cassette, tavoli, vecchie sedie, olii esausti alimentari (previo filtraggio) di frittura o conservazione dei cibi (ad esempio, per il tonno), prodotti pericolosi (etichettati T e/o F o con altre sigle, come riportato nell apposita pagina), rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE): apparecchi di refrigerazione e condizionamento, lavatrici, lavastoviglie, televisori e display, piccoli elettrodomestici, elettronici di consumo, apparecchiature per l informatica, sorgenti luminose, neon e lampade a basso consumo (escluse lampade ad incandescenza), rifiuti inerti provenienti da piccole attività domestiche. cosa non si può portare: eternit ed altri materiali contenenti amianto. attenzione: gli ingombranti sono anche ritirati a domicilio da SNUA pagando una piccola quota successivamente al Comune. Telefonare al numero 0434/ per prenotare il ritiro.

5 + = compostaggio domestico cos è: è un sistema naturale per produrre del fertile terriccio (compost) da quasi tutti gli scarti di cucina, dell orto e del giardino. perché fare il compostaggio domestico: perchè permette di: diminuire la quantità di rifiuti smaltiti, il cui costo (a carico di tutti i cittadini) è rilevante; risparmiare denaro in quanto, per coloro che intendono utilizzare questo sistema di auto smaltimento, è prevista la riduzione sulla tassa di smaltimento dei rifiuti; produrre fertilizzante naturale per le piante e il giardino. come fare il compostaggio domestico: ci sono sostanzialmente due modalità: chi ha spazio all esterno può realizzare un cumulo, ovvero una buca scavata nel terreno e opportunamente arginata ai lati con tavole di legno; chi non ha spazio sufficiente all esterno può utilizzare un composter, ovvero un contenitore appositamente creato per raccogliere l umido e il verde. + + = Per ulteriori informazioni, chiedete alla U.O.S. Igiene Tutela Ambientale del Comune i materiali informativi per il compostaggio domestico oppure scaricateli dalla pagina Ambiente del sito

6 how the rubbish is collected organic waste domestic compost or in a closed bag in the road skip organic waste can be wrapped in kitchen paper before throwing it away, this helps absorb the liquids and limits the smells. mixed materials (paper, cardboard, tins and cans, plastic packaging) loose in the road skip boxes: broken or folded to reduce their volume to a minimum. Attention: don t wrap paper with plastic items (bags, straps, etc.). containers: empty, rinsed, and, if possible flattened (remove the cap, flatten them and then replace the cap). glass loose in the road skip glass containers must be empty, rinsed and preferably not broken. Vino unrecyclable dry waste branches and cuttings Collection day: Wednesday. In transparent bags, door to door collection. Place the bag outside the previous evening after If you live in a dead-end street, take the bag to the main road. According to the calendar and zones. In the black bag or tied in bundles. Place outside the previous evening after If you live in a dead-end street, take it to the main road. never throw recyclable waste in with the dry waste. reduce the volume as far as possible (e.g. leave the grass to dry before putting it in the bag). batteries and drugs in the special containers this is very dangerous waste: never throw them on the ground or in with other types of waste. dangerous, bulky and electronic waste to the waste collection centre this is very dangerous waste: never leave these items lying around in the environment

7 conosci gli imballaggi? Differenziare correttamente i rifiuti non è sempre semplice, soprattutto per quelli di plastica si crea spesso confusione; per aiutarti in questo importante compito è giusto che tu sappia che: Imballaggio è ciò che serve a trasportare, proteggere, conservare un prodotto durante il trasporto dal luogo di produzione al luogo di vendita sino al luogo di consumo dove viene scartato. A lato riportiamo alcuni simboli che si trovano sulle confezioni: è utile comprenderne il significato per capire che tipo di rifiuto stiamo gettando via. Questo simbolo indica che il produttore aderisce ai consorzi, previsti dalla legge, per organizzare il recupero e il riciclaggio degli imballaggi. Questo simbolo può voler dire due cose: l imballaggio è riciclabile oppure parte del materiale utilizzato per costruirlo è riciclato. I numeri da 1 a 6 contenuti nel marchio indicano il tipo di plastica utilizzata: sono tutte plastiche riciclabili. Tutti gli altri numeri, invece, indicano plastiche non riciclabili. Questi simboli identificano il materiale utilizzato per la confezione. Ecco alcune sigle: ACC: il contenitore è in acciaio e va gettato con lattine e barattoli; AL: il contenitore è in alluminio e va gettato con lattine e barattoli; CA: questa sigla rappresenta tutti i contenitori a base carta (a partire dal 25%) che vanno nel cassonetto stradale dedicato a questo rifiuto. Attenzione: anche i contenitori in carta accoppiata (ad esempio, i contenitori di succhi, panna, ecc.) riportano questo simbolo e vanno gettati con la carta. PE: plastica composta da polietilene. Si getta fra gli imballaggi in plastica; PET: plastica composta da polietilene tereficato. Si getta fra gli imballaggi in plastica; PP: plastica composta da polipropilene. Si getta fra gli imballaggi in plastica; PS: contenitore di polistirolo. Si getta fra gli imballaggi in plastica; PVC: plastica composta da polivincloruro. Si getta fra gli imballaggi in plastica; VE: contenitore di vetro: deve essere conferito nel bidone del vetro.

8 ... e i pericolosi? Nelle categorie degli imballaggi esistono anche quelli destinati a contenere sostanze chimiche: questi prodotti, che trovano largo impiego nell ambiente domestico, sono pericolosi perché possono liberare sostanze dannose per la salute e inquinanti per l ambiente. I loro contenitori, invece, se accuratamente puliti, possono essere considerati un rifiuto normale. Una volta terminato completamente il prodotto, quindi, ricordati di: risciacquare bene o comunque svuotare completamente il contenitore; conferire la confezione nella tipologia adatta (ad esempio, le bombolette spray nelle lattine, i contenitori di plastica negli imballaggi in plastica, ecc.). SE INVECE DEVI GETTARE UN CONTENITORE ANCORA PIENO, PORTALO IN CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI PERCHÉ COSTI- TUISCE UN RIFIUTO PERICOLOSO! E Evitare calore, colpi, frizioni, urti, fuoco o scintille. T + T Evitare ogni contatto con il corpo, utilizzare protezioni e seguire attentamente le istruzioni. Xi Evitare il contatto con occhi e pelle, non inalare i vapori. Utilizzare protezioni adeguate. F + F Tenere lontano da fonti di calore, da scintille e fiamme libere. Xn Evitare il contatto e le inalazioni dei vapori. O Evitare il contatto con sostanze infiammabili. Grave pericolo di combustione, scoppi e incendi non estinguibili. C Evitare il contatto con la pelle, gli occhi e gli indumenti. Utilizzare protezioni adeguate. N Non disperdere assolutamente nell ambiente, raccogliere negli appositi contenitori. Smaltire come rifiuto tossico-nocivo.

9 regole e consigli Rifiuti puliti = riciclo garantito! Per poter riciclare i rifiuti ed evitare ulteriori e costose selezioni, il requisito indispensabile è che le singole tipologie di materiali siano di qualità ovvero pulite e senza altri tipi di rifiuti. Prendiamo un bidone per la raccolta del vetro, ad esempio: una sola tazzina da caffè in ceramica gettata per errore rovina il riciclo di tutto il vetro contenuto in questo contenitore. La ceramica, infatti, compromette la temperatura di fusione del vetro: questo comporta la perdita di tutto il materiale recuperato e non più riciclabile. Con un po di attenzione e di impegno, la nostra raccolta differenziata sarà davvero efficace. Vi indichiamo di seguito alcune semplici norme da seguire per la gestione quotidiana dei rifiuti. umido organico L umido può essere avvolto in fogli di carta da cucina prima di essere gettato: in questo modo si favorisce l assorbimento dei liquidi e si contengono gli odori. carta e cartone Le scatole vanno rotte e/o piegate per ridurne al massimo il volume. Ricordiamoci inoltre di non imballare la carta con oggetti di plastica (sacchetti, reggette, ecc.). lattine e barattoli I contenitori devono essere vuoti e sciacquati. imballaggi in plastica I contenitori devono essere vuoti, sciacquati e, se possibili, ridotti di volume (togliere il tappo, schiacciare e avvitare nuovamente il tappo). vetro I contenitori devono essere vuoti, sciacquati e possibilmente non rotti.

10 umido organico cosa si può Scarti di cucina Avanzi di cibo Pane vecchio Fondi di caffè e filtri di tè Alimenti avariati Gusci d uovo Salviette di carta umide attenzione Non conferire sfalci e ramaglie. Non depositare i sacchetti fuori dai contenitori stradali. Non introdurre altri tipi di rifiuto. cosa non si può Pannolini e assorbenti Stracci in stoffa anche se umidi Lettiere per animali domestici

11 sfalci e ramaglie per le utenze domestiche Gli sfalci e le ramaglie si raccolgono porta a porta secondo il seguente calendario da aprile ad ottobre: zona A: lunedì zona B: martedì zona C: mercoledì per gli altri mesi, consultare il calendario nelle bacheche comunali o sul sito C PIEVE B C SANT ANTONIO TALPONEDO CENTRO PALSE RORAI PICCOLO A cosa si può Sfalci d erba e ramaglie. Fiori recisi e piante da interno. Piccole potature di alberi e siepi. cosa non si può Sassi e terra, scarti edilizi e provenienti da florovivaismo professionale. Plastica, carta, vetro e rifiuti in genere. Vasi in plastica o terracotta per piante. attenzione Il quantitativo esposto non deve costituire presunto pericolo. Si invita a non conferire un quantitativo superiore alle 5 fascine o 3 sacchi settimanali. RONDOVER Preferiamo sempre il compostaggio domestico al conferimento di questa tipologia di rifiuti. Ricordiamoci di ridurre al massimo il volume di sfalci e ramaglie prima di conferirli: ad esempio, lasciamo essiccare l erba prima di metterla nel sacco. Conferire nel sacco nero o legate in fascine. Esporre fronte strada la sera precedente (dopo le ore 20) del giorno di raccolta.

12 multimateriale carta e cartone cosa si può Fogli e fotocopie. Quaderni e giornali. Riviste. Sacchetti di carta. Contenitori per bevande (succhi, latte, ecc.). Imballaggi e altre confezioni in cartone. cosa non si può Carta o copertine plastificate. Carta oleata, carta carbone. attenzione Conferire il rifiuto sfuso (non in sacchetti di plastica). Non depositare fuori dai cassonetti (se il cassonetto risulta già riempito portare nel prossimo punto di raccolta). Piegare le scatole grandi. Non introdurre altri tipi di rifiuti.

13 multimateriale lattine e barattoli cosa si può Lattine, scatolame per alimenti (tonno, pelati, ecc.). Carta stagnola e vaschette in alluminio pulite. cosa non si può Casta stagnola molto sporca. Vetro. Plastica. attenzione Conferire il rifiuto sfuso (non in sacchetti di plastica). Conferire esclusivamente contenitori vuoti. Non depositare fuori dalle campane sacchetti o imballaggi metallici voluminosi (vanno portati al centro di raccolta rifiuti). Non introdurre altri tipi di rifiuto.

14 multimateriale imballaggi in plastica cosa si può Bottiglie per bevande. Flaconi dei prodotti per l igiene personale e la pulizia della casa (shampoo, detersivi, ecc.). Confezioni per alimenti in plastica (yogurt, ecc.) e polistirolo (vassoi per formaggi, carne, ecc.). Borse in nylon e cellophane. cosa non si può Giocattoli. Piatti, bicchieri e posate in plastica. attenzione Per capire se un rifiuto va gettato nella plastica, bisogna pensare se al momento dell acquisto esso era un imballaggio, ovvero se era un oggetto che serve a trasportare, proteggere, conservare un prodotto durante il trasporto dal luogo di produzione al luogo di vendita sino al luogo di consumo dove viene scartato. Non depositare fuori dai cassonetti (se il cassonetto risulta già riempito portare nel prossimo punto di raccolta). Non conferire oggetti domestici o manufatti di plastica quali: giocattoli (vanno nel secco o se voluminosi al centro di raccolta rifiuti); piatti, posate e bicchieri usa e getta (vanno nel secco); teli di nylon da copertura (vanno al centro di raccolta rifiuti); elettrodomestici e altri RAEE (vanno al centro di raccolta rifiuti); tubi rigidi e gomme per irrigazione. Non introdurre altri tipi di rifiuto.

15 vetro cosa si può Vasi. Bicchieri. Fiale in vetro. cosa non si può Specchi e lastre di vetro. Oggetti in ceramica. Vino attenzione Conferire il rifiuto sfuso (non in sacchetti di plastica). Conferire esclusivamente contenitori vuoti. Non introdurre piatti e tazzine in ceramica e barattolame metallico. Non introdurre tubi al neon. Non depositare fuori dai cassonetti damigiane o lastre (vanno portate al centro di raccolta rifiuti).

16 secco non riciclabile cosa si può Piatti, bicchieri e posate in plastica (puliti). Lettiere per animali domestici. Piccole quantità di gomma e polistirolo. Stracci, sottovasi e bacinelle. Carta carbone, oleata, plastificata e di uso domestico. Piccoli oggetti in plastica. Pannolini ed assorbenti igienici. Sacchetti dell aspirapolvere. Cocci in ceramica, terracotta o porcellana in piccole quantità. Giocattoli, cosmetici e tubetti di dentrificio. Siringhe (con tappo protetto), cerotti e cotone idrofilo. Calze in nylon. Cassette audio e video, cd. Mozziconi di sigaretta (spenti) cosa non si può Tutti i materiali riciclabili. Tutti i rifiuti pericolosi contrassegnati dai simboli: attenzione Non abbandonare i sacchetti del secco vicino ai cassonetti stradali. Il servizio di asporto del secco è soltanto porta a porta all esterno del proprio insediamento. Non posizionare i sacchetti in giorni diversi da quelli previsti dal calendario di raccolta. Ritirare il sacchetto contrassegnato con l adesivo materiale non conforme e separare correttamente. Usare soltanto sacchetti trasparenti. Non conferire rifiuti riciclabili (umido, carta, plastica, alluminio, residui verdi, ecc.) nel sacchetto per il secco. Non posizionare i rifiuti al di fuori del sacchetto.

17 a abiti usati in buono stato possono essere recuperati dalle associazioni di volontariato che si occupano di aiutare le persone in difficoltà. Chiedi al Comune o alla parrocchia a chi rivolgerti. rifiuto dove va conferito ABITI USATI... appositi contenitori o secco ACCENDINO... secco ACCUMULATORI PER AUTO... rivenditore autorizzato ADDOBBO NATALIZIO IN CARTA... multimateriale ADDOBBO NATALIZIO SINTETICO... secco AGHO DELLA SIRINGA (CON CAPPUCCIO)... secco ALBERO DI NATALE SINTETICO... centro raccolta rifiuti ALBERO DI NATALE NATURALE... compostaggio o sfalci/ramaglie ALCOOL (CONTENITORE CON RESIDUO)... centro raccolta rifiuti ALCOOL (CONTENITORE VUOTO E RISCIACQUATO)... multimateriale ALIMENTI... compostaggio o umido ALLUMINIO... multimateriale AMMONIACA (CONTENITORE CON RESIDUO)... centro raccolta rifiuti AMMONIACA (CONTENITORE VUOTO E RISCIACQUATO)... multimateriale APPARECCHIATURA ELETTRICA ED ELETTRONICA... rivend. aut. o centro raccolta rifiuti ARMADIO... centro raccolta rifiuti ASCIUGACAPELLI... centro raccolta rifiuti ASPIRAPOLVERE... rivend. aut. o centro raccolta rifiuti ASSE DA STIRO... centro raccolta rifiuti ASSORBENTE... secco ATTACCAPANNI IN FERRO, LEGNO, PLASTICA... centro raccolta rifiuti ATTREZZI, UTENSILERIA DA LAVORO... centro raccolta rifiuti Aggiungi qui altri rifiuti:

18 b batterie esauste sono un pericolo per l ambiente! Le pile e gli accumulatori esausti sono inquinanti per i metalli pesanti che contengono: piombo, cromo, cadmio, rame, zinco ma soprattutto mercurio, il più pericoloso. Le quantità di mercurio contenute nelle pile sono minime, ma se vanno in discarica, o peggio, se sono gettate nell ambiente il rischio di inquinamento, in particolare delle acque è molto alto. Una pila contiene circa un grammo di mercurio, quantità più che sufficiente per inquinare litri di acqua. BACINELLA IN PLASTICA... centro raccolta rifiuti BIGODINI IN FERRO... secco BAMBÙ... compostaggio o sfalci/ramaglie BIGODINI IN PLASTICA... secco BANCALE/PALLET IN LEGNO... centro raccolta rifiuti BILANCIA... centro raccolta rifiuti BANDIERA... secco BISTECCHIERA... centro raccolta rifiuti BARATTOLO IN METALLO/LATTA... multimateriale BLISTER IN PLASTICA... multimateriale BARATTOLO IN PLASTICA... multimateriale BLISTER IN PLASTICA E ALLUMINIO BARATTOLO IN VETRO vetro ACCOPPIATI multimateriale BATTERIA A STILO O SIMILI ESAUSTA cont. per pile esauste rivenditore autorizzato... BOILER ELETTRICO O A GAS... BATTERIA DI AUTOMOBILI... riventidore autorizzato BOMBOLA DEL GAS... rivenditore autorizzato BATTERIA PER CELLULARE... rivend. aut. o centro raccolta rifiuti BOMBOLETTA SPRAY CON SIMBOLO centro raccolta rifiuti BATUFFOLO DI COTONE T E/O F PIENE, CON RESIDUO O VUOTE secco centro raccolta rifiuti BAULE BORSA DI CUOIO centro raccolta rifiuti BERRETTO BORSA DI MATER-BI... compostaggio o umido... secco multimateriale BIANCHERIA INTIMA BORSA PER LA SPESA IN PLASTICA secco multimateriale BIBERON BOTTIGLIA IN PLASTICA secco multimateriale BICCHIERE IN PLASTICA USA E GETTA BOTTIGLIE IN LATTA secco vetro BICCHIERE IN VETRO BOTTIGLIE IN VETRO vetro secco BICCHIERE DI LATTA BOTTONE multimateriale BICCHIERE IN VETRO BOX PER BAMBINI... centro raccolta rifiuti... vetro BICICLETTA BRONZO... centro raccolta rifiuti centro raccolta rifiuti... BIGIOTTERIA BUSTA IN MATERIALE ACCOPPIATO... secco... secco BIGLIA IN PLASTICA BUSTA IN PLASTICA PER ALIMENTI... secco (PER PASTA, RISO, SALATINI, PATATINE, ECC.)... multimateriale BIGLIE IN FERRO... secco BIGLIA IN VETRO... vetro

19 c batterie esauste sono un pericolo per l ambiente! Le pile e gli accumulatori esausti sono inquinanti per i metalli pesanti che contengono: piombo, cromo, cadmio, rame, zinco ma soprattutto mercurio, il più pericoloso. Le quantità di mercurio contenute nelle pile sono minime, ma se vanno in discarica, o peggio, se sono gettate nell ambiente il rischio di inquinamento, in particolare delle acque è molto alto. Una pila contiene circa un grammo di mercurio, quantità più che sufficiente per inquinare litri di acqua. CALAMITA... secco CARTA A CONTATTO CON BURRO E FORMAGGI FRESCHI... CALCOLATRICE (CON COMPONENTI ELETTRONICHE) secco... c. raccolta rifiuti CARTA PLASTIFICATA... CALZE E CALZINI secco (NYLON, LANA, COTONE)... secco CARTA STAGNOLA (IN ALLUMINIO, PULITA)... CANDEGGINA multimateriale (CONTENITORE CON RESIDUO)... centro raccolta rifiuti CARTA UNTA, SPORCA E CONTAMINATA... secco CANDEGGINA (CONTENITORE VUOTO E RISCIACQUATO)... multimateriale CARTA VETRATA... secco CANDELA... secco CARTONE... multimateriale CANNA DA PESCA... centro raccolta rifiuti CARTONE PER BEVANDE (LATTE, VINO, SUCCO DI FRUTTA, PANNA DA CUCINA)... multimateriale CAPELLI... umido CARTONE PER PIZZA (PRIVO DI RESIDUI)... multimateriale CAPPELLO... secco CARTUCCIA ESAUSTA PER STAMPANTI CARNE INK-JET... riv. autorizzato o centro raccolta rifiuti (AVANZI DA CUCINA IN PICCOLE QUANTITÀ)... compostaggio o umido CARTUCCIA ESAUSTA/TONER CARRIOLA... centro raccolta rifiuti (NELL IMBALLO ORIGINALE)... riv. autorizzato o centro raccolta rifiuti CARROZZINA... centro raccolta rifiuti CASCO PER MOTO E MOTORINO... centro raccolta rifiuti CARTA... multimateriale CASSETTA AUDIO E VIDEO... secco CARTA ASCIUGAMANI PULITA... multimateriale CD-ROM... secco CARTA ASSORBENTE DA CUCINA... compostaggio o umido CELLOPHANE... multimateriale CARTA CARBONE... secco CELLULARE... riv. autorizzato o centro raccolta rifiuti CARTA CERATA... secco CENERE DI LEGNA (PURCHÈ SPENTA)... compostaggio o umido CARTA CHIMICA (SCONTRINI, FAX, ECC.)... secco CERA... secco CARTA DELLE CARAMELLE... multimateriale CERAMICA (PICCOLI OGGETTI)... secco CARTA DELL UOVO DI PASQUA... multimateriale CERINO... secco CARTA OLEATA PER ALIMENTI... secco CEROTTO... secco CARTA ESTERNA PER AFFETTATI... secco CHIODO... secco

20 Aggiungi qui altri rifiuti: CIALDE IN FILTRI DI CARTA PER TÈ E CAFFÈ... umido CIALDE IN PLASTICA DI CARTA PER TÈ E CAFFÈ... secco CIBI COTTI E CRUDI... compostaggio o umido CINTURE IN PLASTICA, STOFFA O CUOIO (IN BUONO STATO)... appositi contenitori CINTURE IN PLASTICA, STOFFA O CUOIO (INUTILIZZABILI)... secco COLLE E COLLANTI... centro raccolta rifiuti COMPUTER... riv. autorizzato o centro raccolta rifiuti CONGELATORE... riv. autorizzato o centro raccolta rifiuti CONTENITORE IN PLASTICA (GRANDI DIMENSIONI)... centro raccolta rifiuti CONTENITORE IN PLASTICA (PICCOLE DIMENSIONI)... multimateriale CONTENITORI PER TONNO, SOTTACETI, ECC.... multimateriale COPERTONI PER AUTOMOBILI, BICICLETTE E MOTORINI... riv. autorizzato CORNICE IN PLASTICA, METALLO O LEGNO VERNICIATO (GRANDI DIMENSIONI)... centro raccolta rifiuti CORNICE IN METALLO (PICCOLE DIMENSIONI)... multimateriale CORNICE IN LEGNO VERNICIATO... centro raccolta rifiuti CORNICE IN PLASTICA (PICCOLE DIMENSIONI)... secco COSMETICI (CONTENITORE CON RESIDUO)... centro raccolta rifiuti COSMETICI (CONTENITORE VUOTO IN METALLO)... multimateriale COSMETICI (CONTENITORE VUTOE SCIACQUATO IN PLASTICA)... multimateriale COSMETICI IN VETRO (CONTENITORE VUOTO)... vetro COVER DI CELLULARI... secco CREMA PER VISO, CORPO O ABBRONZANTI (CONTENITORE IN PLASTICA)... multimateriale CREME PER VISO, CORPO O ABBRONZANTI (CONTENITORE IN VETRO)... vetro CRISTALLI DA AUTOVETTURE... riv. autorizzato CRISTALLI DA OGGETTI DOMESTICI... vetro CUFFIE AUDIO... centro raccolta rifiuti CUFFIE DA BAGNO, PISCINA IN PLASTICA... secco CUOIO (RITAGLI DI ORIGINE DOMESTICA)... secco CUSTODIA CD/MUSICASSETTE/VHS... secco

21 d deiezioni animali non vanno lasciate per terra: rimuoverli è un gesto di civiltà. I Comuni prevedono multe e sanzioni per chi non raccoglie gli escrementi del proprio animale domestico sul suolo pubblico. DAMIGIANA... centro raccolta rifiuti DENTIERA... secco DEODORANTI PER USO PERSONALE SPRAY (CONTENITORE VUOTO IN PLASTICA)... multimateriale DEODORANTI PER USO PERSONALE SPRAY (CONTENITORE VUOTO IN VETRO)... vetro DEODORANTI PER USO PERSONALE STICK (CONTENITORE VUOTO IN PLASTICA)... multimateriale DEPLIANTS PUBBLICITARI... multimateriale DETERSIVO (CONTENITORE VUOTO E SCIACQUATO)... multimateriale DETERSIVO (SACCHETTO IN PLASTICA)... multimateriale DETERSIVO (SCATOLA IN CARTONE)... multimateriale DIAPOSITIVA... secco DISCHETTO PER COMPUTER... secco DISCHI IN VINILE... secco DISERBANTE... centro raccolta rifiuti DISINFETTANTE SCADUTO... cont. per medicinali scaduti DIVANO... centro raccolta rifiuti DOLCI... compostaggio o umido DVD (APPARECCHIATURA)... riv. autorizzato o centro raccolta rifiuti DVD (DISCO)... secco e ELASTICO... secco ELETTRODOMESTICO... riv. autorizzato o centro raccolta rifiuti ESCREMENTI DI ANIMALI DOMESTICI... secco ETICHETTA ADESIVA... secco ETICHETTE DI INDUMENTI (SE COMPOSTE DA PIÙ DI UN MATERIALE ACCOPPIATO)... secco ETICHETTE DI INDUMENTI (SOLO DI CARTA)... multimateriale EVIDENZIATORE... secco

22 f rottami in ferro non vanno assolutamente abbandonati sul territorio: è un gesto di inciviltà che causa un costo di recupero aggiuntivo che dobbiamo pagare tutti nella bolletta. Contatta il tuo Comune per chiedere come smaltire questi materiali e per segnalare situazioni di degrado ambientale. FARINACEI IN GENERE... compostaggio o umido FIORE SECCO RESIDUO E/O RECISO FARMACI (DIPENDE DAL VOLUME)... compostaggio o sfalci/ramaglie... contenitore per medicinali scaduti FAZZOLETTO DI CARTA multimateriale compostaggio o umido FLACONE IN PLASTICA FEDERA secco secco FLOPPY DISK FELTRINO multimateriale secco FOGLIO DI CARTA O CARTONE FERRO compostaggio o umido (OGGETTI) centro raccolta rifiuti FONDO DI CAFFÈ FERRO DA STIRO multimateriale centro raccolta rifiuti FORBICE FIALA IN PLASTICA riv. autorizzato o centro raccolta rifiuti multimateriale FORNO A MICROONDE FIALA IN VETRO riv. autorizzato o centro raccolta rifiuti... vetro FORNO ELETTRICO... FIAMMIFERO riv. autorizzato o centro raccolta rifiuti... compostaggio o umido FOTOCOPIATRICE... FILM IN PLASTICA secco (CELLOPHANE)... multimateriale FOTOGRAFIA... FILO ELETTRICO riv. autorizzato o centro raccolta rifiuti... centro raccolta rifiuti FRIGGITRICE... FILO INTERDENTALE FRIGORIFERO... riv. autorizzato o centro raccolta rifiuti... secco FILTRO DA TÈ E CAFFÈ FRULLATORE... centro raccolta rifiuti... compostaggio o umido FIORE FINTO FRUTTA... compostaggio o umido... secco Aggiungi qui altri rifiuti:

23 g giocattoli sono spesso costruiti con materiali diversi: metallo, plastica, legno, ecc. Questo rende il loro riciclo difficoltoso, a volte impossibile, destinandoli al secco non riciclabile. Prima di buttare un vecchio gioco, informati da parenti, amici o in parrocchia: magari quel giocattolo può piacere molto a qualche altro bambino. GANCI PER CHIUDERE I SACCHETTI IN PLASTICA... secco GIOCATTOLI IN PLASTICA DI GRANDI DIMENSIONI O ELETTRONICI... centro raccolta rifiuti GIOCATTOLI IN PLASTICA (PICOOLE DIMENSIONI)... secco GIORNALI (PRIVO DEL CELLOPHANE PROTETTIVO)... multimateriale GIRELLO PER BAMBINI... centro raccolta rifiuti GOMMA PER CANCELLARE... secco GOMMA DA MASTICARE... secco GRATTUGIA... secco GUANTO IN GOMMA, PELLE O LANA... secco GUARNIZIONE IN AMIANTO... contattare ditta specializzata GUARNIZIONI IN GOMMA (PICCOLE)... secco GUSCIO DI FRUTTA SECCA E DI UOVA... compostaggio o umido GUSCI DI MOLLUSCHI (COZZE, VONGOLE, ECC.) E CROSTACEI... compostaggio o umido GUSCIO SALVATELECOMANDO... secco Aggiungi qui altri rifiuti: i IMBALLAGGI IN ALLUMINIO O METALLO... multimateriale IMBALLAGGI IN CARTONE (GRANDI DIMENSIONI)... centro raccolta rifiuti IMBALLAGGI IN CARTONE (PICCOLE DIMENSIONI)... multimateriale IMBALLAGGI IN PLASTICA... multimateriale IMBALLAGGI IN POLISTIROLO... multimateriale IMPREGNANTI PER LEGNO... centro raccolta rifiuti INCENSO... compostaggio o umido INSETTI... compostaggio o umido INSETTICIDI PER USO DOMESTICO (CONTENITORE PIENO)... centro raccolta rifiuti

24 l Lattine in alluminio: una risorsa preziosa. Il riciclo di questo materiale consente di risparmiare materie prime ed energia: con sole 37 lattine può essere prodotta una caffettiera nuova, con 150 lattine si può costruire il telaio di una city bike e con 640 lattine si realizza un cerchione per auto nuovo di zecca. LACCA (CONTENITORE PIENO O CON RESIDUO)... centro raccolta rifiuti LACCA (CONTENITORE VUOTO E NON PERICOLOSO)... multimateriale LACCIO PER SCARPE... secco LAMETTA USA E GETTA... secco LAMPADARIO... centro raccolta rifiuti LAMPADINA FLUORESCENZA A RISPARMIO ENERGETICO, TUBI NEON... centro raccolta rifiuti LAMPADINA INCANDESCENZA... centro raccolta rifiuti LASTRA DI VETRO... centro raccolta rifiuti LASTRA DI VETRO (PICCOLE DIMENSIONI)... vetro LATTA... multimateriale LATTINA IN ALLUMINIO... multimateriale LATTINA IN BANDA STAGNATA... multimateriale LAVASTOVIGLIE... riv. autorizzato o centro raccolta rifiuti LAVATRICE... riv. autorizzato o centro raccolta rifiuti LENTE DI INGRANDIMENTO... secco LENTE DI OCCHIALI... secco LENZUOLO... secco LIBRO... multimateriale LISCA DI PESCE... compostaggio o umido LUCIDASCARPE... secco LUMINI VOTIVI... secco Aggiungi qui altri rifiuti:

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie Dividere i rifiuti A TIPOLOGIA RIFIUTO abiti accendino accumulatori acidi alcool denaturato alcool etilico alluminio contenitori alluminio oggetti di grandi dimensioni amianto ampolle anticrittogamici

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como www.apricaspa.it www.comune.como.it COMUNE DI COMO 1 2 Indice Insieme verso il 6 5% di raccolta differenziata pag. 4 Perché fare la raccolta

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 OGGETTO Abbigliamento Abiti Accendini Accumulatori Acetone Acquaragia Adesivi chimici Agende di carta e/o cartoncino Albero di Natale vivo Alimentatori

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI ALLEGATO 10 ELENCO DELLE LAVORAZIONI O TRASFORMAZIONI ALLE QUALI DEVONO ESSERE SOTTO- POSTI I MATERIALI NON ORIGINARI AFFINCHÉ IL PRODOTTO FINITO POSSA AVERE IL CARATTERE DI PRODOTTO ORIGINARIO Materie

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Realizzato in PET riciclato La natura ci guida Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Insieme per l ambiente. La nuova vita della plastica Questo supporto è stato realizzato con materiale riciclato:

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

Esempio di posizione dell incisione

Esempio di posizione dell incisione Grazie per avere acquistato questo orologio Citizen. Prima di usarlo le raccomandiamo di leggere con attenzione questo manuale d uso in modo da procedere nel modo corretto. Dopo la lettura del manuale

Dettagli

People. Process. Product.

People. Process. Product. People. Process. Product. INTRODUZIONE Il programma StoreSafe è stato creato per identificare i prodotti Cambro che aiutano gli operatori nel settore della ristorazione collettiva a soddisfare i requisiti

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI

COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI 1. STORIA DELL ALLUMINIO 2. COME SI PRODUCE 3. CICLO DELL ALLUMINIO 4. ALLUMINIO INTORNO A NOI 5. LO SAPEVI CHE? UN PROGETTO DI STORIA DELL ALLUMINIO LE ORIGINI DELL ALLUMINIO

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente guida al compostaggio più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente Ho in testa una gran bella idea: Brescia più bella, più sana, più pulita. Un obiettivo possibile, adottando semplicemente

Dettagli

Un'analogia con il circuito idraulico

Un'analogia con il circuito idraulico Pompa Generatore di tensione (pila) Flusso d acqua PUNTI DI DOMANDA Differenza di potenziale Rubinetto Mulinello Lampadina Corrente elettrica 1. Che cos è l energia elettrica? E la corrente elettrica?

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News 1 di 9 1/30/2009 4:47 PM Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News ITALIA, DOVE MUOIONO I PC E I CELLULARI OBSOLETI Quando gli italiani

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Gli ausili per l'autonomia nella vita 1 AUTONOMIA 1,2 RECUPERO DI UN NUOVO EQUILIBRIO Relazione

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO [PIANO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI] SEZIONE 1 BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO SOMMARIO Dati aziendali...2 Manutenzione dei Locali e delle Attrezzature... 4 Procedure operative standard

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano ITALIANO ATTENZIONE Non utilizzare questo orologio per immersioni, se non dopo essere stati adeguatamente addestrati alle immersioni subacquee. Per ovvi motivi di sicurezza attenersi a tutte le regole

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli