VILLA SANT ANGELO PROVINCIA DI L AQUILA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VILLA SANT ANGELO PROVINCIA DI L AQUILA"

Transcript

1 VILLA SANT ANGELO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INDICE TITOLO I Istituzione ed elementi della tassa Art. 1 Oggetto e campo d applicazione della tassa Art. 2 Rinvio al regolamento per la disciplina del servizio di raccolta e spazzamento dei rifiuti solidi urbani Art. 3 Presupposti oggettivi e soggetti passivi della tassa Art. 4 Applicazione della tassa in funzione dello svolgimento del servizio Art. 5 Locali tassabili Art. 6 Aree non soggette a tassazione Art. 7 Locali ed aree non utilizzate Art. 8 Tassa di smaltimento giornaliera Art. 9 Determinazione superficie imponibile Art. 10 Costo copribile Art. 11 Deliberazioni Tariffarie Art. 12 Tariffe e Categorie Art. 13 Detassazione riservata ad alcune attività produttive Art. 14 Riduzione della tariffa a richiesta dall utente TITOLO II Tariffa TITOLO III Esenzioni e riduzioni TITOLO IV Denunce Accertamento Riscossione Art. 15 Funzionario responsabile Art. 16 Denunce di occupazione o di detenzione, di variazione e di cessazione Art. 17 Accertamento e controllo Art.17 bis Gestione e Riscossione Art. 18 Rimborsi Art. 19 Sanzioni e Interessi Art. 20 Disposizioni finali Art. 21 Entrata in vigore TITOLO V Gestione del servizio e disposizioni finali Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.5 del 17.b Integrato con delibera di Consiglio Comunale n.12 del Integrato con deliberazione n. del 1

2 TITOLO I ISTITUZINE ED ELEMENTI DELLA TASSA Art. 1 Oggetto e campo d applicazione del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina l applicazione nel Comune di Villa Sant Angelo della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni, svolto in regime di privativa nell ambito del territorio comunale sulla base delle disposizioni contenute nel Capo III del decreto legislativo 15 novembre 1993, n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni. Art. 2 Rinvio al Regolamento per la disciplina del servizio di raccolta e spazzamento dei rifiuti solidi urbani 1. Il servizio di nettezza urbana è disciplinato da apposito regolamento comunale per la disciplina del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. 2. Per quanto concerne gli aspetti riferiti all applicazione della tassa (zona servita, distanza e capacità dei cassonetti, frequenza della raccolta, ecc) si fa riferimento anche ai precedenti regolamenti per quelle fattispecie non regolate dal presente. Art. 3 Presupposti oggettivi e soggetti passivi della tassa 1. La tassa è dovuta da chiunque, a qualsiasi titolo, occupi, detenga o conduca locali ed aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, ad esclusione delle aree scoperte pertinenziali od accessorie di civili abitazioni diverse dalle aree a verde, esistenti nelle zone del territorio comunale in cui il servizio è istituito od attivato o comunque reso in via continuativa, salvo quanto previsto dai seguenti commi e dagli articoli successivi, riguardanti le limitazioni oggettive e soggettive all applicazioni dell imposta, del presente regolamento e dal decreto legislativo 507/1993; 2. Fermo restando che gli occupanti o i detentori degli insediamenti comunque situati fuori dell area di raccolta sono tenuti a conferire i rifiuti urbani interni ed assimilati nei contenitori vicini, in tale zona la tassa è dovuta, ma si applica nella misura del 40% della tariffa ordinaria; 3. Per l abitazione colonica e gli altri fabbricati sparsi con area scoperta, la quale non costituisca pertinenza od accessorio, la tassa è dovuta per intero anche quando nella zona in cui è attiva la raccolta dei rifiuti è situata soltanto la strada di accesso all abitazione o al fabbricato. 4. Nelle unità immobiliari adibite a civile abitazione, qualora una parte della superficie sia utilizzata per lo svolgimento di una attività economica o professionale, si applica per tale parte la tassa in base alla tariffa prevista per la specifica attività ed è commisurata alla superficie a tal fine utilizzata. 5. Il Comune, quale ente impositore, non è soggetto passivo del tributo per i locali e le aree adibiti ad uffici e servizi comunali, o per i quali il comune è tenuto a sostenere le relative spese di funzionamento. 6. Per i locali ad uso abitativo affittati con mobilio, la tassa è dovuta dal proprietario dei locali o dal gestore dell attività di affittacamere, quando trattasi di affitto saltuario od occasionale o comunque per un periodo inferiore ad in anno. Art. 4 Applicazione della tassa in funzione dello svolgimento del servizio 1. La tassa è dovuta per intero nelle zone in cui il servizio relativo allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni ed assimilati è svolto in termini di privativa. La tassa è comunque, applicata per intero ancorché si tratti di zona non rientrante in quella perimetrata quando, di fatto detto servizio è attuato in maniera continuativa. 2. Allorché il servizio di raccolta venga istituito ed attivato ma venga interrotto in maniera prolungata o venga effettuato con grave violazione delle regole di esercizio di cui al comma 4 dell art. 59 del decreto legislativo 507/93, l utente, previa contestazione scritta mediante diffida al settore tributi ed 2

3 allorché il comune non provveda, nel termine di 30 giorni lavorativi, a porre rimedio al disservizio, ha diritto di usufruire della riduzione della tariffa ordinaria, la quale sarà dovuta nella misura del 40% per tutto il periodo di irregolarità del servizio. 3. L interruzione temporanea per i motivi organizzativi di cui al comma 6 dell art. 59 del decreto legislativo 507/93 non comporta riduzioni di tariffa, fatto salvo quanto previsto dallo stesso comma per quanto concerne le situazioni di pericolo per la salute pubblica. Art. 5 Locali tassabili 1. Si considerano locali tassabili, fatte salve le esclusioni di cui all art. 6 del presente Regolamento, tutti i vani comunque denominati, esistenti in qualsiasi specie di costruzione stabilmente infissa o posata strutturalmente o funzionalmente sul suolo, chiusi o chiudibili da ogni lato verso l esterno, qualunque ne sia la destinazione o l uso, ad eccezione di quella parte ove si formano, di regola, i rifiuti speciali non assimilati, tossici o nocivi. 2. La superficie tassabile è misurata sul filo interno dei muri o sul perimetro interno delle scoperte. Le frazioni di superficie complessiva risultanti inferiori a mezzo metro quadrato si trascurano, quelli superiori si arrotondano ad un metro quadro. Sono da considerarsi in ogni caso tassabili le superfici utili di: a. Tutti i vani all interno delle abitazioni, sia principali (camere, sale, cucine, ecc.) che accessori (ingressi interni all abitazione, corridoi, anticamere, ripostigli, bagni, ecc.), come pure quelli delle dipendenze anche se separate od interrate rispetto al corpo principale del fabbricato (rimesse, autorimesse, cantine, scale, cortili, atri) escluse stalle e fienili. b. Tutti i vani principali ed accessori adibiti ad esercizio di alberghi, pensioni, ristoranti, trattorie, caserme, bar, pasticcerie, nonché i negozi ed i locali comunque a disposizione di aziende commerciali, comprese edicole e chioschi stabili. c. Tutti i vani principali e accessori adibiti a sale da gioco, da ballo e locali di divertimento e tutti gli altri esercizi pubblici sottoposti a vigilanza di pubblica sicurezza; d. Tutti i vani principali, accessori e pertinenze, destinati ad attività produttive industriali, agricole, artigianali, commerciali e di servizi, ivi compresi le sedi degli organi amministrativi, uffici, depositi, magazzini, ecc., tenendo conto della detassazione accordabile su istanza di parte disciplinata dall art. 13 del presente Regolamento; Art. 6 Aree non soggette a tassazione 1. Ai sensi del comma 2 dell art. 62 del decreto legislativo 507/93 non sono soggetti alla tassa i locali e le aree che non possono produrre rifiuti, o per la loro natura o per il particolare uso cui sono stabilmente destinati, o perché risultino in obiettive condizioni di non utilizzabilità, nel corso dell anno, qualora tali circostanze siano indicate nella denuncia originaria, o di variazione e debitamente riscontrate in base ad elementi obiettivi direttamente rilevabili o ad idonea documentazione. 2. Presentano tali caratteristiche: a) centrali termiche e locali riservati ad impianti tecnologici, quali cabine elettriche, vani ascensori, celle frigorifere, locali di essiccazione e stagionatura (senza lavorazione) silos e simili, sottotetti, ove non si abbia di regola presenza umana; b) soffitte, ripostigli, stenditoi, lavanderie e simili, limitatamente alla parte del totale del locale di altezza non superiore a m. 1.80; c) parti comuni del condominio di cui ai commi 1 e 3 dell art del codice civile; d) la parte degli impianti sportivi riservata, di norma, ai solo praticanti, sia che detti impianti siano ubicati in aree che in locali; e) le aree scoperte pertinenziali di civili abitazioni quali terrazze e simili; f) unità immobiliari prive di qualsiasi mobile e suppellettile, e prive di almeno due delle seguenti utenze: gas, acqua, luce; g) fabbricati inagibili o danneggiati, in ristrutturazione purché tale circostanza sia confermata da idonea documentazione; tali circostanza debbono essere indicate nella denuncia originaria 3

4 o di variazione e debbono essere direttamente rilevabili in base ad elementi obiettivi o ad idonea documentazione; h) edifici o loro parti adibiti al culto nonché i locali strettamente connessi all attività del culto stesso. 3. Sono altresì esclusi dalla tassa: a) i locali e le aree scoperte per i quali non sussiste l obbligo dell ordinario conferimento dei rifiuti solidi urbani interni in regime di privativa comunale per effetto di leggi, regolamenti,ordinanze, in materia sanitaria, ambientale o di protezione civile (art. 62 comma 5, del decreto legislativo 507/93); b) i locali e le aree per i quali l esclusione sia prevista a norma delle leggi vigenti. Art. 7 Locali ed aree non utilizzate 1. La tassa è dovuta anche se i locali e le aree soggette a tassa non vengono utilizzati purché risultino predisposti all uso. 2. I locali per abitazione si considerano predisposti all uso se dotati di arredamenti, e sono allacciati, ad almeno due delle seguenti utenze: acqua, luce, gas. 3. I locali diversi dalle abitazioni, e le aree si considerano predisposte all uso se dotati di arredamenti, di impianti, attrezzature e, comunque quando risulti rilasciata licenza o autorizzazione, per l esercizio di attività, nei locali ed aree medesime. 4. I locali, siano essi destinati ad abitazione o ad altro uso, non sono considerati predisposti all uso nel caso in cui intervenga un provvedimento che li dichiari rispettivamente inabitabili o non agibili. Art. 8 Tassa giornaliera di smaltimento 1. È istituita, ai sensi dell art. 77 del decreto legislativo 507/93, apposita tassa giornaliera per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni o assimilati, prodotti dagli utenti che occupino o detengano temporaneamente, anche senza autorizzazione, locali od aree pubbliche, di uso pubblico o aree gravate da servitù di pubblico passaggio. 2. È temporaneo, ai fini dell applicazione della presente disposizione, l uso inferiore a 183 giorni di un anno solare, anche se ricorrente. 3. La misura tariffaria è determinata in base alla tariffa, rapportata a giorno, della tassa comunale di smaltimento attribuita alla categoria contenente voci corrispondenti di uso maggiorata del 50%. 4. L obbligo della denuncia di uso temporaneo si intende assolto con il pagamento della tassa, da effettuare contestualmente alla tassa di occupazione temporanea di spazi ed aree pubbliche e con il modulo di versamento di cui all art. 50 del medesimo decreto legislativo. Per le occupazioni che richiedono autorizzazione e che comportano il versamento della TOSAP, tassa giornaliera di smaltimento può essere versata direttamente al competente ufficio comunale, senza compilazione del suddetto modulo. In casi di uso di fatto la tassa che non risulti versata all atto dell occupazione abusiva, è recuperata con sanzione interessi e accessori. 5. Per l accertamento ed il contenzioso si applicano le disposizioni previste per la tassa annuale, in quanto compatibili. 6. La tassa giornaliera di smaltimento non si applica nei casi di: a) occupazioni per soste effettuate da coloro che esercitano il commercio su aree pubbliche in forma itinerante quando la sosta stessa non si protrae per più di un ora; b) occupazioni di area pubblica per il solo carico e scarico merci o per traslochi, limitatamente al tempo strettamente necessario al compimento delle relative operazioni. 4

5 TITOLO II TARIFFA Art. 9 Determinazione superficie imponibile 1. La TARSU è commisurata alla superficie complessiva dei locali e delle aree serviti in base a tariffe differenziate per categorie di uso degli stessi, nonché al costo dello smaltimento. Art. 10 Costo copribile 1. Il costo copribile deve comprendere tutte le spese ed oneri inerenti al servizio, diretti o indiretti; nonché le quote di ammortamento per la costituzione di consorzi per lo smaltimento dei rifiuti, le quote relative agli oneri finanziari annuali (interessi) per mutui contratti a causa di spese di investimento inerenti il servizio. 2. Non vanno conteggiate le spese relative alla gestione del tributo e a titolo esemplificativo, sono escluse dal computo il compenso per il personale eventualmente incaricato di effettuare le rilevazioni delle superfici tassabili, gli emolumenti corrisposti al personale eventualmente incaricato di effettuare le rilevazioni delle superfici tassabili, gli emolumenti corrisposti al personale dell ufficio incaricato della gestione della tassa, i compensi per il concessionario della riscossione. 3. Il tasso di copertura minimo, ai sensi dell art. 61, comma 1, del decreto legislativo 507/93, viene di volta in volta fissato con la deliberazione di Giunta comunale che fissa le tariffe e tenendo conto che non si può scendere oltre il: a) 50% se l ente non ha problemi finanziari; b) 70% se l ente versa in una situazione strutturalmente deficitaria; c) 100% se l ente è stato dichiarato in dissesto. 4. Si deduce la percentuale del 10% a titolo di costo di spazzamento rifiuti esterno. 5. L amministrazione comunale s impegna ad attivare e realizzare ogni iniziativa utile al potenziamento della raccolta differenziata, al fine di raggiungere l obbiettivo della riduzione dei costi di smaltimento dei rifiuti. In particolare, a breve avvierà un progetto-pilota volto all implementazione della cultura e sensibilità della comunità locale in ordine alla raccolta differenziata. Art. 11 Deliberazioni tariffarie 1. Le deliberazioni tariffarie sono adottate con atto deliberativo della giunta comunale entro il termine, per l approvazione del bilancio di previsione in modo da tendere al pareggio tra il gettito complessivo della tassa ed il costo d esercizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni ed equiparati in base al deposito dell art. 61, comma 2, del decreto legislativo 507/93. Se non viene adottata nessuna deliberazione tariffaria si intende prorogata la precedente. 2. Fermo restante il rispetto del tasso di copertura minimo del servizio, l amministrazione s impegna ad operare una riduzione delle tariffe allorché le iniziative comunali di potenziamento della raccolta differenziata concretizzino una reale diminuzione dei costi di smaltimento. Art. 12 Tariffe-categorie 1. Agli effetti dell applicazione della tassa i locali e le aree sono classificati come segue: 1. Abitazioni; 1.a sottocategoria Cantine, garage, ripostigli e soffitte con abbattimento della tariffa del 75%; 1. Istituzioni culturali, partiti politici, associazioni sportive, e istituti religiosi; 5

6 2. Banche, servizi finanziari ed assimilabili; 3. Negozi in genere, farmacie ed edicole; 4. Alberghi, pensioni, residence ed ostelli; 5. Cinema, teatri, discoteche e simili; 6. Studi professionali, uffici pubblici e privati, laboratori di analisi e assicurazioni; 7. Negozi di alimentari,supermercati, spacci aziendali, macellerie e chioschi; 8. Laboratori artigianali di falegnameria, elettricisti, idraulici, meccanici, carrozzieri, gommisti, tipografie, materiali plastici e pellami, riparazioni radio e tv, lavanderie, caseifici, topografia; 9. Istituti di bellezza, parrucchieri e barbieri, tappezzerie, sartorie, calzolai; 10. Caserme, case di prevenzione e di cura, case di riposo, strutture sanitarie, cliniche e collegi; 11. Scuole di ogni ordine e grado; 12. Esercizi commerciali per la vendita di prodotti ortofrutticoli fiori, pescherie; 13. Esercizi commerciali con consumo sul posto (bar, trattorie, pizzerie, rosticcerie, osterie e ristoranti); 14. Banchi di vendita all aperto di ortofrutticoli e fiori; 15. Banchi di vendita all aperto di abbigliamento e prodotti dell artigianato, alimentari, utensileria; 16. Saloni esposizione e/o di vendita: autoveicoli, moto, mobili, magazzini, di deposito senza vendita; 17. Distributori di carburanti; 18. Autorimesse; 19. Camping; 20. Impianti sportivi privati; 21. Industrie; 22. Stazioni ferroviarie e simili (solo locali chiusi); 23. Musei Con il presente articolo è stata istituita con il numero 1.a la sottocategoria relativa a garage, soffitte, cantine, ripostigli, che sconta un abbattimento pari al 75% rispetto alla tariffa ordinaria stabilita per gli immobili destinati a civile abitazione. Tale sottocategoria viene istituita in relazione alla circolare ministeriale n. 111 del 21/05/99 che chiarisce e ribadisce che la minore potenzialità di rifiuti di una superficie quale garage o cantina in uso non dà luogo ad esonero per mancanza di presupposto (art. 62, comma 2 del decreto legislativo 507/93) ma è possibile individuare delle sottocategorie; d altra parte l esonero (illegittimo) di superfici (non accessorie o pertinenziali) a bassa produttività di rifiuti facenti parte di un complesso indurrebbe comunque ad apportare un aumento tariffario per le superfici tassate dell intera categoria, stante l invarianza dei rifiuti totali. L assegnazione di un utenza a una delle classi di attività previste sopra, viene effettuata con riferimento al codice ISTAT dell attività o a quanto risulti dall iscrizione della C.C.I.A.A evidenziata nell atto di autorizzazione all esercizio di attività del comune. In mancanza o in caso di divergenza si ha riferimento all attività effettivamente svolta. Nel caso di attività distintamente classificate svolte nell ambito degli stessi locali o aree scoperte e per le quali non sia possibile distinguere quale parte sia occupata dall una o dall altra, per l applicazione della tassa si fa riferimento all attività principale. La tariffa applicabile per ogni attività è unica anche se le superfici che servono per l esercizio dell attività stessa presentano diversa destinazione d uso (ad esempio superficie di vendita, deposito, esposizione) e sono ubicate in luoghi diversi. TITOLO III ESENZIONI E RIDUZIONI Art. 13 Detassazione riservata ad alcune attività produttive 6

7 1. Ai sensi dell art. 62, comma 3 del decreto legislativo 507/93, nella determinazione della superficie tassabile non si tiene conto di quella parte di essa ove, per specifiche caratteristiche strutturali e per destinazione, si formano di regola, rifiuti speciali, non assimilabili agli urbani, tossici o nocivi, allo smaltimento dei quali sono tenuti a provvedere a proprie spese i produttori stessi in base alle norme vigenti. 2. Ai fini della determinazione della predetta superficie non tassabile, per le attività produttive (esclusi i locali adibiti ad uffici, mense, spogliatoi e servizi) ove risulti difficile determinare la superficie in cui si producono rifiuti speciali, tossici o nocivi in quanto le operazioni relative non sono esattamente localizzate, si applica la detassazione nella misura del 40%, fermo restando che la detassazione viene accordata su istanza di parte. Art. 14 Riduzione della tassa a richiesta dell utente Ai sensi degli articoli 66 e 67 del decreto legislativo 507/93 si prevedono le seguenti tariffe ridotte o agevolate. 1. nucleo familiare a) abitazioni principale con unico occupante con redditi non superiori a 7.750,00: la tariffa è ridotta del 20% b) abitazioni principale con presenza nel nucleo familiare di disabile con grave e permanente difficoltà di deambulazione: la tariffa è ridotta di 1/3; c) abitazione principale con nucleo familiare con tre o più figli a carico con reddito complessivo non superiore a ,00: la tariffa è ridotta di 1/3; 2. fabbricati La tariffa è ridotta del 30% per: a) locali, diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente, risultante da licenza o autorizzazione rilasciata dai competenti organi per l esercizio di attività. 3. compostaggio domestico Allorché verrà avviata dall amministrazione comunale l attività di compostaggio domestico, per gli utenti che aderiscono alla predetta attività è prevista una riduzione percentuale dell ammontare della Tassa di Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani, che verrà applicata a partire dall anno successivo a quello di presentazione della domanda di adesione all attività di compostaggio (da effettuarsi con modulistica allegata al Regolamento comunale dell attività di compostaggio domestico), nella misura stabilita con delibera adottata dalla Giunta Municipale. A mente del comma 6 dell art. 66 del decreto, gli utenti che vorranno usufruire delle predette agevolazioni dovranno presentare istanza entro il 20 di gennaio di ogni anno su appositi moduli messi a disposizione dall ufficio tributi, che curerà l istruttoria della stessa, avvalendosi anche delle risultanze di specifico rapporto della polizia municipale. In generale, le agevolazioni devono essere disposte, di anno in anno, con deliberazione della giunta comunale, ed il loro ammontare è iscritto a bilancio come autorizzazione di spesa, assicurando la copertura relativa con risorse diverse, da specificare all atto della deliberazione medesima. TITOLO IV DENUNCE ACCERTAMENTO RISCOSSIONE Art. 15 Il funzionario responsabile 7

8 1. Al controllo dell esatta e puntuale applicazione del tributo secondo le disposizioni di legge e del presente regolamento è preposto un funzionario designato dal sindaco ed il nominativo dovrà essere comunicato al ministero delle finanze Direzione Centrale per la Fiscalità Locale, entro 60 giorni dalla nomina. 2. A tale funzionamento sono attribuiti i poteri per l esercizio di ogni attività organizzativa e gestionale della tassa previsti dall art. 74 del decreto legislativo 507/ Il funzionario responsabile, ferme restando le sue attribuzioni ai sensi del precedente comma, è tenuto ad istituire il registro in cui verranno annotati giornalmente tutti i pagamenti effettuati dai contribuenti per la tassa giornaliera di smaltimento di cui all art. 77 del decreto legislativo 507/93. Detto registro, deve essere numerato e vidimato in ogni pagina dal Segretario Comunale, prima di essere posto in uso. Art. 16 Denunce di occupazione o detenzione, di variazione e di cessazione 1. Per le denunce degli utenti si osservano le disposizioni di cui all art. 70 del decreto legislativo 507/ Tutti i coloro che, ai termini del presente regolamento, siano tenuti al pagamento della tassa, devono, entro il 20 gennaio successivo al giorno in cui occupano o detengono locali ed aree a qualsiasi uso adibiti, di farne denuncia all ufficio tributi. 3. La denuncia può essere spedita anche con raccomandata con ricevuta di ritorno. 4. L obbligo della denuncia sussiste anche nei confronti dei contribuenti per i quali possono trovare applicazione le norme di esenzione della tassa. I moduli della denuncia che sono messi a disposizione dall amministrazione devono contenere cognome, nome, codice fiscale, luogo e data di nascita dell utente e, comunque, gli elementi identificativi delle persone fisiche componenti il nucleo familiare o della convivenza che occupano l immobile di residenza; il preciso recapito, ubicazione dei locali, la loro destinazione, l esatta superficie la loro ripartizione interna, nonché la quota di superficie condominiale che possa aggiungersi all immobile principale ai fini della produzione dei rifiuti. 5. Il dichiarante dovrà inoltre specificare i seguenti elementi quando esistenti: a) i numeri dei contatori dell energia elettrica istallati nell immobile denunciato; b) i numeri dei contatori di consumo del gas metano; c) i numeri dei contatori di consumo dell acqua istallati nell immobile denunciato. 6. L obbligazione tributaria decorre dal primo giorno del bimestre solare successivo a quello in cui ha avuto inizio l utenza. 7. L utente è tenuto altresì a denunciare nelle medesime forme ed entro lo stesso termine ogni variazione relativa ai locali ed aree, alla loro superficie e destinazione che comporti un maggior ammontare della tassa o comunque influenzi l applicazione e riscossione del tributo in relazione ai dati da indicare nella denuncia. 8. In caso di cessazione dell occupazione o detenzione dei locali ed aree nel corso dell anno, va presentata apposita denuncia di cessazione che, debitamente accertata, dà diritto all abbuono del tributo a decorrere dal primo giorno del bimestre solare successivo a quello in cui la denuncia stessa è stata presentata. 9. Lo stesso effetto esplica la denuncia di variazione che comporti un minor ammontare della tassa: l abbuono della tassa decorre dal primo giorno del trimestre solare successivo a quello in cui la denuncia di variazione è stata presentata. Art. 17 Accertamento e controllo 1. L Amministrazione comunale, esercitando i poteri previsti dall art. 73 del decreto legislativo 507/93, ha facoltà di eseguire, in qualunque momento, accertamenti d ufficio, indipendentemente dell obbligo della denuncia, osservando le norme vigenti in materia. 2. A tale effetto il Comune ha diritto di: 8

9 a) esigere, dopo motivato invito, dai proprietari degli immobili le indicazioni che ritenga necessarie ai fini impositivi; b) invitare i contribuenti ed eventualmente i proprietari di stabili a comparire di persona per fornire prove e delucidazioni; c) accedere, in caso di mancato adempimento alle richieste di cui alle lettere a) e b), con agenti di polizia urbana o con dipendenti dell ufficio comunale o con altro personale incaricato all accertamento della materia imponibile, debitamente autorizzate e munite di autorizzazione del Sindaco e con avviso da comunicare almeno 5 giorni prima della verifica, nei locali, al solo fine di procedere alla loro misurazione ed alla rilevazione della destinazione; d) utilizzare atti legittimamente acquisiti ai fini di altri tributi; e) richiedere ad uffici pubblici o di enti pubblici anche economici, in esenzioni di spese e di diritti, dati e notizie rilevanti nei confronti dei singoli contribuenti. 3. Un impiegato appartenente ai ruoli organici comunali, di livello non inferiore a quello di concetto, nominato con provvedimento dell organo comunale competente, è responsabile dell esercizio di ogni attività organizzativa e gestionale relativa alla tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni. I provvedimenti del responsabile incaricato assumono la forma della determinazione. I provvedimenti che abbiano effetto esterno devono essere numerati e riportati cronologicamente, in apposito registro delle determinazioni che sarà vidimato trimestralmente dal responsabile dell ufficio ragioneria o dal segretario comunale. 4. Avverso l accertamento della tassa l interessato può ricorrere alla Commissione Tributaria Provinciale competente per territorio e contro la decisione di questa alla competente Commissione Tributaria Regionale di cui all art. 1 del D. L. 31 dicembre 1992, n. 546, entro 60 giorni dalla data di notifica della decisione sul ricorso, giusta disposizione sul processo tributario contenute nel decreto legge menzionato. 5. Avverso la sentenza di quest ultimo organo può essere proposto ricorso per cassazione (art. 62 del predetto ultimo decreto) e per revocazione (art. 64 cit. decr.). Art. 17 bis Gestione e riscossione Ai sensi dell articolo 52 comma 5, del D. Lgs. 446/97 e dell art.36 della L.388/2000, che hanno conferito ai comuni ampio potere di scelta delle proprie entrate tributarie, la gestione del servizio di riscossione TARSU può avvenire in maniera diretta. La predetta scelta di gestione diretta, da effettuarsi da parte della Giunta Comunale, comporta che, gli importi dovuti per il tributo e relativi addizionali, accessori e sanzioni, liquidati sulla base dei ruoli dell anno precedente, delle denunce presentate e degli accertamenti notificati nei termini di leggi, sono versati direttamente o all ufficio postale sul conto di tesoreria postale mediante c/c postale o alla tesoreria Comunale mediante c/c bancario intestati al comune. Inoltre, si provvederà al versamento dell addizionale provinciale in quattro rate con scadenza bimestrale mediante c/c postale intestato all Amministrazione Provinciale Servizio Tesoreria. Il responsabile del servizio finanziario, su indicazione del segretario comunale, procederà alla organizzazione dell ufficio tributi anche per quanto concerne tale nuova modalità gestionale Su istanza del contribuente iscritto nei ruoli principali o suppletivi il Funzionario responsabile può concedere, per gravi motivi, la ripartizione fino ad otto rate del carico tributario. In caso di omesso pagamento di due rate consecutive l intero ammontare iscritto a ruolo è riscuotibile in unica soluzione. Sulle somme il cui pagamento è differito rispetto all ultima rata di normale scadenza si applicano gli interessi in ragione del 7% per ogni semestre o frazione di semestre. Art. 18 Rimborsi 9

10 1. Nei casi di errori, di duplicazioni, di eccedenza del tributo iscritto a ruolo, o richiesto in pagamento, rispetto a quanto stabilito nella sentenza della commissione tributaria provinciale o dal provvedimento di annullamento o di riforma dell accertamento riconosciuto illegittimo adottato dal comune con l adesione del contribuente prima che intervenga la sentenza della commissione tributaria provinciale, il servizio tributi dispone lo sgravio o il rimborso entro 90 giorni. 2. L effetto della cessazione dell occupazione o conduzione dei locali o aree tassabili, è disposto dal servizio tributi entro 30 giorni dalla ricezione della denuncia di cessazione o della denuncia tardiva di cui all art. 64, comma 4 del decreto legislativo 507/93 da presentare, a pena di decadenza, entro sei mesi dalla notifica del ruolo in cui è iscritto il tributo. Art. 19 Sanzioni ed interessi 1. Per le sanzioni relative alle violazioni della normativa vigente in materia di tassa smaltimento rifiuti solidi urbani si fa riferimento l art. 76 del decreto legislativo 507/ Le sanzioni indicate per le predette violazioni sono ridotte ad un quarto se entro il termine previsto per ricorrere alla commissione tributaria interviene adesione da parte del contribuente con il pagamento della tassa e della sanzione stessa. 3. Ai sensi dell art. 17 della legge 146/98 la misura degli interessi dovuti per la TARSU si conforma a quella prevista per la riscossione ed il rimborso delle imposte erariali: sarà pertanto cura dell ufficio tributi aggiornarla di anno in anno, tenuto conto del criterio generale previsto dalla norma sopraindicata. TITOLO V DISPOSIZIONI FINALI Art. 20 Disposizioni finali 1. Con l entrata in vigore del presente regolamento sono abrogate tutte le norme regolamentari con esso contrastanti. Per quanto non espressamente previsto nel presente troveranno applicazione le leggi nazionali, regionali e vigenti. Art. 21 Entrata in vigore 1. Il presente regolamento, da inviarsi ai sensi dell art. 52 D. Lgs 446/97 al Ministero delle Finanze entro trenta giorni dalla data in cui è divenuto esecutivo e sia reso pubblico, avrà comunque effetto ai sensi dell art. 27 comma 8 della L. 448/2001, dal 1 gennaio dell anno di riferimento. 10

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Art.1 ISTITUZIONE DELLA TASSA 1. Per il servizio relativo allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI COMUNE DI VILLA COLLEMANDINA Provincia di LUCCA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI INDICE SISTEMATICO ART 1- Istituzione della tassa ART. 2-

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con delibera di c.c. n. 188 del 29/12/1995,

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con delibera di c.c. n. 188 del 29/12/1995, REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con delibera di c.c. n. 188 del 29/12/1995, modificato con deliberazioni di c.c. n. 6/2005, n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Comune di Cassano All Ionio Provincia di Cosenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Il presente Regolamento è stato recepito: dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 27

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI INDICE Art. 1 Istituzione della tassa Art. 2 Servizio di nettezza urbana Art. 3 Contenuto del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO IUC-TARI

REGOLAMENTO IUC-TARI REGOLAMENTO IUC-TARI Art.1 Disciplina del tributo e oggetto del regolamento Il presente Regolamento, adottato nell ambito della potestà prevista dall art. n.52 del D.Lgs. del 15 dicembre 1997, n.446, disciplina

Dettagli

COMUNE DI CORI REGOLAMENTO DELLA TASSA SUI RIFIUTI SOLIDI URBANI TA.R.S.U.

COMUNE DI CORI REGOLAMENTO DELLA TASSA SUI RIFIUTI SOLIDI URBANI TA.R.S.U. COMUNE DI CORI REGOLAMENTO DELLA TASSA SUI RIFIUTI SOLIDI URBANI TA.R.S.U. Approvato con deliberazione di C.C. 13/03/1995, n. 30 Modificato con deliberazione di C.C. 04/04/1997, n. 30 Modificato con deliberazione

Dettagli

Articolo 1 - Oggetto - Articolo 2 - Zone di applicazione -

Articolo 1 - Oggetto - Articolo 2 - Zone di applicazione - Articolo 1 - Oggetto - E istituita nel Comune di Cison di Valmarino la tassa per i servizi relativi allo smaltimento RSU interni di cui all articolo 2, terzo comma, del D.P.R. 10 settembre 1982, n. 915,

Dettagli

In vigore dal 1995 a seguito della applicazione del D.L. n 507/93

In vigore dal 1995 a seguito della applicazione del D.L. n 507/93 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI In vigore dal 1995 a seguito della applicazione del D.L. n 507/93 INDICE Art. 1 Istituzione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con delibera C.C. n. 158 del 22/12/1994 Modificato con atto: - C.C. n. 135 del 28/12/1995 - C.C. n. 15 del 16/2/1996

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con delibera di C.C. n. 188 del 29/12/1995, modificato con deliberazioni di C.C. n. 6/2005, n.

Dettagli

Regolamento per la disciplina della TASSA per lo smaltimento dei rifiuti solidi interni (T.A.R.S.U.)

Regolamento per la disciplina della TASSA per lo smaltimento dei rifiuti solidi interni (T.A.R.S.U.) Comune di ****************** Regolamento per la disciplina della TASSA per lo smaltimento dei rifiuti solidi interni (T.A.R.S.U.) Approvato con deliberazione di C.C. n.41 del 29.9.1995 CO.RE.CO. Prot.n.7292

Dettagli

COMUNE DI SAN GERMANO CHISONE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI SAN GERMANO CHISONE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI SAN GERMANO CHISONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SULLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI ( - D. Lgs 22/97 art. 49 e successive modifiche ed integrazioni e - DPR 158/99 e successive modifiche

Dettagli

COMUNE DI QUINTO VICENTINO PROVINCIA DI VICENZA. e modificato dalla deliberazione del Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2000.

COMUNE DI QUINTO VICENTINO PROVINCIA DI VICENZA. e modificato dalla deliberazione del Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2000. COMUNE DI QUINTO VICENTINO PROVINCIA DI VICENZA Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n.17 del 22.02.2000 e modificato dalla deliberazione del Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2000. REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI PORTO TORRES

COMUNE DI PORTO TORRES COMUNE DI PORTO TORRES PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvazione deliberazione Consiglio Comunale N. 64 del 30.06.1994,

Dettagli

COMUNE DI CORIGLIANO CALABRO

COMUNE DI CORIGLIANO CALABRO Capo I COMUNE DI CORIGLIANO CALABRO NORME GENERALI ART. 1 ISTITUZIONE DELLA TASSA ANNUALE Per il servizio relativo allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni e di quelli assimilati, ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI MORTARA Provincia di Pavia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI.

COMUNE DI MORTARA Provincia di Pavia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI. COMUNE DI MORTARA Provincia di Pavia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI. SOMMARIO CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Istituzione della tassa annuale. Art. 2

Dettagli

COMUNE DI SAN SPERATE (Provincia di CAGLIARI)

COMUNE DI SAN SPERATE (Provincia di CAGLIARI) COMUNE DI SAN SPERATE (Provincia di CAGLIARI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 22 del 09/06/2011 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

Dettagli

COMUNE DI LUSEVERA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI

COMUNE DI LUSEVERA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI LUSEVERA Associazione intercomunale servizi associati Comuni di Nimis Lusevera - Taipana Provincia di Udine Sede presso Comune di Nimis P.zza XXIX Settembre Tel. nr. 0432/790045 33045 Nimis (Ud)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI COMUNE DI MENFI Provincia di Agrigento REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 7 DEL 29/03/99 - MODIFICATO CON DELIBERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI COMUNE DI RIPOSTO PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con deliberazione C.C. n 256 del 14/12/1995, coordinato

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

REGOLAMENTO TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI

REGOLAMENTO TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI REGOLAMENTO TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI Approvato con Delibera di Consiglio n. 25/06 Art. 1 Istituzione della tassa rifiuti solidi urbani interni Art. 2 Ambiti dell applicazione della tassa Art. 3 Particolare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI ALBIATE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI (approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 25 del 13/3/1995) (modificato con delibera del Consiglio

Dettagli

C O M U N E D I R E G G I O L O (Provincia di Reggio Emilia)

C O M U N E D I R E G G I O L O (Provincia di Reggio Emilia) C O M U N E D I R E G G I O L O (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 02.03.1995 con la

Dettagli

I STEP: La superficie di riferimento

I STEP: La superficie di riferimento Tarsu/Tia Tia I STEP: La superficie di riferimento La bolletta La visura Bolletta e visura: quale superficie ai fini Tarsu? Spesso vi è coincidenza tra superficie catastale e superficie dichiarata ai fini

Dettagli

Regolamento per l applicazione del. tributo comunale sui rifiuti e servizi (TARES)

Regolamento per l applicazione del. tributo comunale sui rifiuti e servizi (TARES) COMUNE DI VERDELLO Regolamento per l applicazione del tributo comunale sui rifiuti e servizi (TARES) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del / / Indice Art. 1 Oggetto...3 Art. 2 Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE APPLICAZIONE TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI. Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 28.02.

REGOLAMENTO COMUNALE APPLICAZIONE TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI. Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 28.02. REGOLAMENTO COMUNALE APPLICAZIONE TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 28.02.1995 Modificato ed integrato con delibera di Consiglio Comunale: - n. 35 del

Dettagli

PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI R E G O L A M E N T O C O M U N A L E PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione consiliare n 47 del 27.09.1995 modificato con deliberazione

Dettagli

La tassa sui rifiuti (TARI)

La tassa sui rifiuti (TARI) COMUNE DI COMO La tassa sui rifiuti (TARI) Anno 2014 DISCIPLINA L articolo 1, comma 639, della legge n. 147/2013, ha istituito l imposta unica comunale (IUC) che, per la sua componente riferita ai servizi,

Dettagli

COMUNE DI NAGO-TORBOLE REGOLAMENTO TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE DI NAGO-TORBOLE REGOLAMENTO TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI NAGO-TORBOLE REGOLAMENTO TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione consiliare n. 39 dd. 28.09.1995 Modificato con deliberazione consiliare n. 61 dd. 28.11.1995 Modificato

Dettagli

Regolamento per l applicazione della Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni

Regolamento per l applicazione della Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO (Provincia di Pesaro e Urbino) Regolamento per l applicazione della Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni (testo vigente) 1 1 Adottato con deliberazione

Dettagli

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 16 DEL 18.05.2011

Dettagli

Regolamento per l applicazione della Tassa per lo Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani Interni

Regolamento per l applicazione della Tassa per lo Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani Interni COMUNE DI CARRARA Settore Entrate Ufficio TARSU Regolamento per l applicazione della Tassa per lo Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani Interni Approvato con deliberazione C.C. 27 del 30/03/200728/02/2002

Dettagli

SCHEMA REGOLAMENTO DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

SCHEMA REGOLAMENTO DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI COMUNE DI CAMMARATA Provincia di AGRIGENTO SCHEMA REGOLAMENTO DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI CON MODIFICHE APPORTATE AL D.LGS. 507/93 PER EFFETTO DELLE LEGGI N 549 DEL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Approvato con delibera del Commissario Prefettizio n. del INDICE ART. 1 - ISTITUZIONE

Dettagli

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la D.C.C. n. 43 in data 06/10/1995 avente per oggetto:

Dettagli

COMUNE DI PAGNACCO PROVINCIA DI UDINE. DICHIARAZIONE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SERVIZI - TARES (Art.14 del D.L. 6/12/2011, n.

COMUNE DI PAGNACCO PROVINCIA DI UDINE. DICHIARAZIONE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SERVIZI - TARES (Art.14 del D.L. 6/12/2011, n. COMUNE DI PAGNACCO PROVINCIA DI UDINE DICHIARAZIONE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SERVIZI - TARES (Art.14 del D.L. 6/12/2011, n. 201) UTENZA NON DOMESTICA (Da compilarsi in stampatello Vedere

Dettagli

GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014

GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014 GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014 L articolo 1 comma 640 e seguenti della legge n. 147/2013 - e successive modificazioni e integrazioni - ha istituito,

Dettagli

COMUNE di LUSCIANO CASERTA REGOLAMENTO TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE di LUSCIANO CASERTA REGOLAMENTO TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE di LUSCIANO CASERTA REGOLAMENTO TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI INDICE CAPO I: NORME GENERALI ART. 1: Istituzione della tassa ART. 2: Contenuto del Regolamento ART. 3: Servizio di nettezza

Dettagli

COMUNE DI VILLAR PEROSA

COMUNE DI VILLAR PEROSA COMUNE DI VILLAR PEROSA IMPOSTA COMUNALE UNICA (I.U.C.) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI (T.A.R.I.) Ai sensi della Legge n. 147 del 27/12/2013 e s.m.i. (art. 1 commi dal 639 al 704)

Dettagli

COMUNE DI ODALENGO PICCOLO ********************* TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI INDIVISIBILI

COMUNE DI ODALENGO PICCOLO ********************* TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI INDIVISIBILI COMUNE DI ODALENGO PICCOLO ********************* REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TARES) 1 Art. 1 Oggetto del regolamento... 3 Art. 2

Dettagli

Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi ANNO 2013

Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi ANNO 2013 Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi Art.14 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201 (convertito con Legge 22 dicembre 2011, n. 214) ANNO 2013 1 PREMESSA Dal 1 gennaio 2013 la normativa statale

Dettagli

COMUNE DI CARIMATE (Provincia di Como)

COMUNE DI CARIMATE (Provincia di Como) COMUNE DI CARIMATE (Provincia di Como) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 46 del 27.11.2009 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI (D.Lgs

Dettagli

Schema di regolamento comunale

Schema di regolamento comunale Schema di regolamento comunale Regolamento per l applicazione della maggiorazione tributaria a copertura dei costi relativi ai servizi indivisibili comunali (art. 14, comma 13, del D.L. 201/2011) SOMMARIO

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 12/03/2001,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE Allegato alla Deliberazione Consiliare.., n. TITOLO I Art. 1 Oggetto del Regolamento Finalità ed Ambito di applicazione Il presente regolamento, adottato

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. SI RITIENE OPPORTUNO aumentare per l anno 2009 le seguenti tariffe:

LA GIUNTA COMUNALE. SI RITIENE OPPORTUNO aumentare per l anno 2009 le seguenti tariffe: LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO: che la TRSU Tassa per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani Interni è stata istituita con il Capo III, del D.Lgvo 15 novembre 1992, n.507 e dallo stesso disciplinata, con

Dettagli

F. 82005350416 - P. IVA

F. 82005350416 - P. IVA COMUNE DI CARPEGNA Provincia di Pesaro e Urbino C. F. 82005350416 - P. IVA 00374390417 Piazza Conti, 18 - Tel. 0722/727065-727066 Fax 0722/727007 e-mail comune.carpegna@provincia.ps.it REGOLAMENTO PER

Dettagli

ART. 1 PRESUPPOSTO DELLA TASSA ART. 2 SOGGETTI PASSIVI

ART. 1 PRESUPPOSTO DELLA TASSA ART. 2 SOGGETTI PASSIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) ART. 1 PRESUPPOSTO DELLA TASSA 1. Presupposto della TARI è il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali o di aree scoperte

Dettagli

COMUNE DI LONATE CEPPINO

COMUNE DI LONATE CEPPINO COMUNE DI LONATE CEPPINO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 55 del 16/12/1996 Pag. 1 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE Provincia di Treviso Via Roma 2 31010 Cimadolmo c.f. 80012110260 p.iva 00874820269 Area finanziaria amministrativa SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI ACQUAPENDENTE (Provincia di VITERBO) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 18

Dettagli

PRESUPPOSTO DELL IMPOSTA

PRESUPPOSTO DELL IMPOSTA Comune di Sarteano Provincia di Siena Regolamento TASI (Tributo sui servizi indivisibili) Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 25 del 12.05.2014 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART.

Dettagli

COMUNE DI ALSENO (Provincia di Piacenza)

COMUNE DI ALSENO (Provincia di Piacenza) COMUNE DI ALSENO (Provincia di Piacenza) IMPOSTA UNICA COMUNALE COMPONENTE TASI REGOLAMENTO Approvato con atto del Consiglio Comunale n. in data Indice Articolo 1 Oggetto Articolo 2 Soggetto attivo Articolo

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI GROTTE DI CASTRO (Provincia di VITERBO) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.

Dettagli

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Soggetto attivo Art. 3. Indicazione analitica dei

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEI PEPOLI

COMUNE DI CASTIGLIONE DEI PEPOLI COMUNE DI CASTIGLIONE DEI PEPOLI DELIBERAZIONE N. 23 C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Tassa Raccolta Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani (TARSU): determinazione tariffe anno

Dettagli

C.O.S.A.P. TEMPORANEA C.O.S.A.P. PERMANENTE

C.O.S.A.P. TEMPORANEA C.O.S.A.P. PERMANENTE C.O.S.A.P. TEMPORANEA Definizione Sono temporanee le occupazioni di suolo pubblico, effettuate anche con manufatti, la cui durata, risultante dall atto di autorizzazione, è inferiore all anno. Istanza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI COMUNE DI MASSERANO (Provincia di Biella) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale, n. 20 del 05/07/2014 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE

Dettagli

PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE TITOLO I. Disposizioni generali TITOLO II. Presupposto e soggetti passivi

PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE TITOLO I. Disposizioni generali TITOLO II. Presupposto e soggetti passivi Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Soggetto attivo PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE Art. 3 Indicazione analitica dei servizi indivisibili TITOLO I Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI PESCANTINA

COMUNE DI PESCANTINA COMUNE DI PESCANTINA (Provincia di Verona) - Servizio Tributi - TARI: FAQ Domande frequenti D. Quali sono gli atti regolamentari della TARI? R. Il Comune con deliberazioni del Consiglio Comunale ha approvato:

Dettagli

Comune di Empoli Provincia di Firenze. Imposta Unica Comunale IUC Regolamento per la disciplina del tributo sui servizi indivisibili TASI

Comune di Empoli Provincia di Firenze. Imposta Unica Comunale IUC Regolamento per la disciplina del tributo sui servizi indivisibili TASI Comune di Empoli Provincia di Firenze Imposta Unica Comunale IUC Regolamento per la disciplina del tributo sui servizi indivisibili TASI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del..2014 Articolo

Dettagli

CITTÀ DI UGENTO PROVINCIA DI LECCE

CITTÀ DI UGENTO PROVINCIA DI LECCE CITTÀ DI UGENTO PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 28 DEL 10/09/2013 MODIFICATO CON DELIBERA

Dettagli

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: I.C.I.

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: I.C.I. COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: I.C.I. E TARSU Approvato con Del CC n. 5 del 29.4.2011 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio TITOLO II Gestione, costo, tariffe TITOLO II Gestione, costo, tariffe ART. 3 Gestione e costo del servizio 3. Il soggetto gestore è tenuto a comunicare alla Giunta Comunale, entro il mese di settembre

Dettagli

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) *************

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* COPIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio delle competenze e dei poteri del Consiglio comunale N. 4 del Reg.

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena)

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena) COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera di C.C. n. 17 del 20/03/2014 Modificato

Dettagli

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO COMUNE DI BAREGGIO Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO Con la legge di Stabilità 2014 (L. 147 del 27/12/2013) è stata istituita, con decorrenza 1 gennaio 2014, la I.U.C. (Imposta

Dettagli

Regolamento per il condono dei Tributi Locali

Regolamento per il condono dei Tributi Locali Regolamento per il condono dei Tributi Locali TARSU ICI TOSAP ( Approvato con delibera consiliare n. 57 del 21/11/2003) Sezione TARSU Articolo 1 Ambito di applicazione ed esclusioni Il presente regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) CITTÀ DI REGGIO CALABRIA IMPOSTA UNICA COMUNALE - IUC REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) (art. 1, comma 682, legge 27 dicembre 2013, n. 147) (approvato con deliberazione della

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMUNE DI DEIVA MARINA PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

REGOLAMENTO DEL COMUNE DI DEIVA MARINA PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) REGOLAMENTO DEL COMUNE DI DEIVA MARINA PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 27 del 28/03/2014 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Soggetto

Dettagli

COMUNE DI CAPRARICA DI LECCE (Provincia di Lecce)

COMUNE DI CAPRARICA DI LECCE (Provincia di Lecce) COMUNE DI CAPRARICA DI LECCE (Provincia di Lecce) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 10 del 20.04.2007 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

Dettagli

COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Componente: TASI - TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI Adottato con delibera del C.C.

Dettagli

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N 26 DELL 1/06/1995 REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI INTERNI TITOLO I ISTITUZIONE

Dettagli

Comune di Robecco sul Naviglio Provincia di Milano. Regolamento per la disciplina della Tassa sui Rifiuti (TARI)

Comune di Robecco sul Naviglio Provincia di Milano. Regolamento per la disciplina della Tassa sui Rifiuti (TARI) Comune di Robecco sul Naviglio Provincia di Milano Regolamento per la disciplina della Tassa sui Rifiuti (TARI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 19 del 30/07/2014 INDICE Art. 1 Art. 2 Art.

Dettagli

COMUNE DI ZEDDIANI PROVINCIA DI OR V E R B AL E D I D E L I B E R AZ I ONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17

COMUNE DI ZEDDIANI PROVINCIA DI OR V E R B AL E D I D E L I B E R AZ I ONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 C o p i a COMUNE DI ZEDDIANI PROVINCIA DI OR V E R B AL E D I D E L I B E R AZ I ONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 OGGETTO: CONFERMA T.A.R.S.U. ANNO 2009 L anno duemilanove addì dodici del mese di febbraio

Dettagli

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARES) (Deliberazione N.2013/C/00036 del 25/07/2013)

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARES) (Deliberazione N.2013/C/00036 del 25/07/2013) Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARES) (Deliberazione N.2013/C/00036 del 25/07/2013) INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Istituzione

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 51 del 29/07/2014, in vigore

Dettagli

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 L. 27 dicembre

Dettagli

INFORMATIVA TARES 2013 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROV. DI AREZZO

INFORMATIVA TARES 2013 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROV. DI AREZZO INFORMATIVA TARES 2013 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROV. DI AREZZO Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi (testo aggiornato al Decreto Legge n.35/2013) N.B. ESCLUSIVAMENTE PER L ANNO 2013 la TARES viene

Dettagli

CITTA DI MARIANO COMENSE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

CITTA DI MARIANO COMENSE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) CITTA DI MARIANO COMENSE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 del 05.09.2014) INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DI RIFIUTI URBANI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DI RIFIUTI URBANI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DI RIFIUTI URBANI Approvato dalla Commissione Regolamenti nella seduta del Allegato alla deliberazione

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) ALLEGATO B IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Indice Art. 1 - Oggetto e scopo del regolamento Art. 2 Decorrenza del tributo e soggetto

Dettagli

COMUNE DI TODI (Provincia di Perugia)

COMUNE DI TODI (Provincia di Perugia) COMUNE DI TODI (Provincia di Perugia) DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 92 DEL 25 MARZO 2010 Oggetto: Tassa smaltimento Rifiuti Solidi Urbani TARSU Determinazione tariffe anno 2010. L anno duemiladieci

Dettagli

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (T.A.R.E.S.)

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (T.A.R.E.S.) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI SETTORE FINANZIARIO SERVIZIO TRIBUTI Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (T.A.R.E.S.) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

ENTRATE DI BILANCIO DEL COMUNE DI GALEATA CONTO CONSUNTIVO ANNO 1999

ENTRATE DI BILANCIO DEL COMUNE DI GALEATA CONTO CONSUNTIVO ANNO 1999 ENTRATE DEL COMUNE DI GALEATA - CONTO CONSUNTIVO - ANNO 1999 Tipo di entrata Importo Imposte: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF 0,00 ICIAP 380,11 I.C.I. 351.460,00 ADDIZIONALE COMUNALE ENERGIA ELETTRICA 21.646,26

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008)

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Risposta a quesito 2 SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI COMUNE di: LAURIA Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Indirizzo Via Roma,104 C.A.P. / Provincia 85044 - PZ Tel: 0973 627111 Fax: 0973 823793 E

Dettagli

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi Comune di CARONNO PERTUSELLA Provincia di V A R E S E Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art.

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL'ARNO. REGOLAMENTO PER l'applicazione DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

COMUNE DI SANTA CROCE SULL'ARNO. REGOLAMENTO PER l'applicazione DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI COMUNE DI SANTA CROCE SULL'ARNO REGOLAMENTO PER l'applicazione DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con la deliberazione consiliare n. 92/94 e successivamente modificato

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI)

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) COMUNE di MARRADI CITTA METROPOLITANA DI FIRENZE Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 50 del 22.07.2015 INDICE ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI PINASCA PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento, adottato nell'ambito della potestà prevista dall articolo 52 del D.Lgs. del 15 dicembre

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DI LUCCA AREA ECONOMICA UFFICIO TRIBUTI

COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DI LUCCA AREA ECONOMICA UFFICIO TRIBUTI COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DI LUCCA AREA ECONOMICA UFFICIO TRIBUTI Regolamento per l applicazione della Tassa sui Rifiuti (TARI) Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO. Il presente regolamento ha registrato alcuni interventi modificativi nel corso del tempo e precisamente:

REGOLAMENTO. Il presente regolamento ha registrato alcuni interventi modificativi nel corso del tempo e precisamente: C I T TA D I B A C O L I P r o v i n c i a d i N a p o l i REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI IN OTTEMPERANZA AL CAPO III DEL DECRETO LEGISLATIVO 15

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO FINANZIARIO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO FINANZIARIO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO FINANZIARIO Il responsabile del Servizio è la D.ssa PARA Monica Segretario Comunale tel. 0171.925263 areacontabile@comune.limonepiemonte.it. Riceve: su appuntamento Il servizio

Dettagli

COMUNE DI GUASTALLA Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI GUASTALLA Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI GUASTALLA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI (T.A.R.S.U.) Approvato con Delibera C.C. n. 107 del 08.09.1995 Modificato con

Dettagli