V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i."

Transcript

1 Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è stata definitivamente approvata con D.C.C. n. 77 del dopo aver espletato le procedure necessarie (adozione del progetto preliminare con D.C.C. n. 60 del , pubblicazione con ordinanza Dirigenziale n. 419 del n e raccolte n. 19 osservazioni pervenute entro il , parere favorevole della Provincia di Torino con D.G.P. n /2008 del ). Con la suddetta delibera di approvazione sono state altresì controdedotte le osservazioni pervenute al progetto preliminare, secondo i contenuti dello specifico documento di controdeduzione, essendo inoltre stati introdotti emendamenti in sede di Consiglio. La Variante Strutturale Qualità che, al momento dell approvazione della variante specifica, era in fase di elaborazione e controdeduzione delle osservazioni, è stata oggetto di delibera n. 91 del , in cui sono state appunto controdedotte le osservazioni presentate sulla base di specifico documento, oltre all introduzione di specifici emendamenti in sede di Consiglio. La Variante Strutturale Qualità, così come modificata e adeguata a seguito dell accoglimento di osservazioni ed emendamenti, è stata rinviata ad una successiva adozione definitiva degli elaborati, finalizzata al successivo invio alla Regione per l iter di approvazione. La Variante Strutturale di adeguamento al P.A.I, che ha avuto un suo specifico iter (sostanzialmente parallelo alla Variante Strutturale Qualità ), è stata adottata con D.C.C. n. 90 del , sulla base delle controdeduzioni alle osservazioni specifiche presentate. Tale Variante è stata inviata agli Uffici competenti per il parere preliminare. Dagli uffici dell A.R.P.A. sono pervenute richieste di integrazione che hanno reso necessario l affidamento di ulteriore incarico tecnico-specialistico per la parte geologica. Per le motivazioni suddette, il Comune non ha ancora potuto provvedere all adozione definitiva della Variante Strutturale Qualità, evidenziandosi quindi la decadenza della salvaguardia dei vincoli ai sensi della L.R. 56/77 e s.m. e. i. Essendo le previsioni e gli obiettivi della Variante specifica art. 17 comma 7, strettamente connessi con la Variante Strutturale Qualità, si è resa necessaria una verifica comparata per rendere più chiaramente applicabili i contenuti della Variante specifica art. 17 comma 7, anche in conseguenza della decadenza formale delle previsioni della Variante Strutturale Qualità. Tale verifica viene formalmente ricondotta ai contenuti procedurali di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m. e i., in quanto si tratta in sintesi della risoluzione di contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento urbanistico e della correzione di errori materiali. Le parti già inserite nella Variante art. 17 comma 7 che non risultano applicabili e presentano elementi di contrasto dovuti alla decadenza delle previsioni della Variante Qualità vengono stralciate, mentre in altri casi vengono apportate correzioni formali specifiche che risolvono i dubbi interpretativi e applicativi sia per quanto riguarda la cartografia che per le norme di attuazione e le tabelle di zona. Nel seguito vengono riportate per estratto le correzioni effettuate con un confronto tra PRG vigente e la Variante art. 17 comma 7 approvata, di cui la presente Variante art. 17 comma 8 costituisce specificazione.

2 Relativamente alle esigenze manifestate e ai contenuti specifici delle modifiche, (così come vengono comunque nel seguito descritte in modo puntuale e dettagliato), esse sono così suddivisibili: Modifiche riconducibili in sintesi alle esigenze interpretative e applicative della variante anticipatoria: Correzione in zona D1.2 per aggiornamento servizio tecnologico h1.1 Abbadia Alpina Correzione in zona B4.5 per aggiornamento servizio tecnologico h4.3 Correzione cartografica Introduzione sub-area a in zona F5 Correzione cartografica Introduzione sub-area b in zona F5 e subaree in zona B4.2 Correzione cartografica Introduzione sub-area a in zona CP1 Correzione cartografica di edificio mancante in zona E Correzione cartografica confini di zona C7.8 e NF7.3 Correzione cartografica confini di zona SP7.6 posizione aggiornata del canale Correzione cartografica inserito confini di zona X9 mancante inserito edificio mancante Correzione cartografica inserito verde pubblico di lotto correzione edificio esistente Correzione cartografica confine di zona RU4.2 Correzione cartografica viabilità zona CE4.2 Correzione cartografica viabilità zona CE4.2 e inserimento subaree f1 e f2 Correzione cartografica confine d area SP5.1 Correzione cartografica confine d area VP6.8 Correzione cartografica confine d area CE6.2 CP9 Modifiche riconducibili in sintesi a altre esigenze manifestate di correzione, interpretazione e specificazione: Aggiornamento cartografico per estensione vincolo fabbricato P.P centro storico P.R.G.C. 1:2000 Correzione di confine di zona mancante tra zona CE7.1 e CE7.2 Aggiornamento inerente la zona RU 5.1 con inserimento della modifica n. 9 al P.R.G.C. apportate ai sensi dell Art. 17 comma 8 nel Correzione cartografica di edificio mancante in zona C3.4 Correzione cartografica confine comunale

3 Aggiornamento cartografico per estensione vincolo fabbricato P.P centro storico P.R.G.C. 1:2000 La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Il caso non è compreso negli elaborati di cui alla Variante Qualità e neanche in quelli della Variante art. 17 comma 7 Anticipatoria Si tratta di una semplice correzione cartografica, segnalata dall Ufficio Tecnico che adegua la cartografia del PRG a quella del P.P. del centro storico. In tal senso la correzione non comporta alcuna modifica delle previsioni di vincolo vigenti. Estratto variante anticipatoria su PRG vigente (tavola I.J. scala 1:2000)

4 Estratto della presente variante comma 8 con modifica del vincolo (tavola I.J. scala 1:2000)

5 Correzione in zona D1.2 per aggiornamento servizio tecnologico h1.1 Abbadia Alpina La correzione rientra tra le possibilità dell art. 17 comma 8 in riferimento ai punti a e b Correzioni che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio e Adeguamenti ad attrezzature di interesse generale, in quanto non comporta modificazioni dello standard di servizi (l area è definita come di interesse tecnologico h1.1) e in quanto riconosce una situazione di fatto già consolidata a seguito dell avvenuta dismissione della destinazione SIP ormai non più attiva, che obbliga a ricomprendere l edificio nell area per insediamenti produttivi (D1.2) a cui appartiene. La correzione, in questo caso, riprende i contenuti già previsti nella Variante Qualità (anche in riferimento alla delibera di Consiglio sulle controdeduzioni alle osservazioni al progetto preliminare) che aveva già previsto l eliminazione della definizione h1.1 e costituisce adeguamento confronto alla Variante art.17 comma 7 Anticipatoria, eliminando una contraddizione applicativa. Estratto Variante anticipatoria su PRG vigente (tavole di PRG I.H e I.I scala 1:2000)

6 Estratto della presente Variante comma 8 con rimozione del servizio tecnologico (tavole di PRG I.H e I.I scala 1:2000)

7 Correzione in zona B4.5 per aggiornamento servizio tecnologico h4.3 La correzione rientra tra le possibilità dell art. 17 comma 8 in riferimento ai punti a e b Correzioni che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio e Adeguamenti ad attrezzature di interesse generale. La correzione, infatti, non comporta modificazioni dello standard di servizi (l area è definita come di interesse tecnologico h4.3) e riconosce una situazione di fatto già consolidata a seguito dell avvenuta dismissione della destinazione ENEL ormai non più attiva, che obbliga a ricomprendere l edificio nell area residenziale (B4.5) a cui appartiene. La correzione, in questo caso, riprende i contenuti già previsti nella Variante Qualità (anche in riferimento alla delibera di Consiglio sulle controdeduzioni alle osservazioni al progetto preliminare che aveva già previsto l eliminazione della definizione h 4.3 in conseguenza dell accoglimento delle osservazioni e segnalazioni fuori termine ) e costituisce adeguamento confronto alla Variante art.17 comma 7 Anticipatoria, eliminando una contraddizione applicativa. La Variante Specifica ai sensi dell art. 17 comma 7 (ottobre 2008) approvata e definita anticipatoria della Variante Qualità, conteneva ancora le previsioni a servizio, in quanto non era ancora stata considerata la segnalazione che ne richiedeva la rimozione. Estratto della Variante anticipatoria su PRG vigente (tavole di PRG I.F. scala 1:2000)

8 Estratto della presente Variante comma 8 modificata con rimozione del servizio tecnologico (tavole di PRG I.F. scala 1:2000)

9 Correzione di confine di zona mancante tra zona CE7.1 e CE7.2 La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Si tratta di una semplice correzione cartografica, segnalata dall Ufficio Tecnico che corregge un errore materiale della cartografia del PRG. Estratto della presente variante comma 8 (tavola di PRG I.D. scala 1:2000)

10 Specifiche per area RU5.1 Le specifiche rientrano nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Il caso è compreso negli elaborati di cui alla Variante Qualità e in quelli della Variante art. 17 comma 7 Anticipatoria, evidenziando appunto elementi che necessitano interpretazione per evitare contrasto tra enunciazioni della scheda normativa d area e la cartografia. Per quanto riguarda la zona RU 5.1, in particolare per la suddivisione in sub- aree di intervento, gli uffici hanno ritenuto come prevalente la modifica n 9 apportata ai sensi dell Art. 17 comma 8 nel Pertanto viene corretta in tal senso la cartografia e la scheda di zona.

11 Correzione cartografica di edificio mancante in zona C3.4 La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Si tratta di una semplice correzione cartografica, segnalata dall Ufficio Tecnico che adegua la cartografia del PRG. Estratto su variante anticipatoria (tavola di PRG I.A scala 1:2.000) Estratto della presente variante comma 8 su PRG vigente (tavola di PRG I.A scala 1:2.000)

12 Correzione cartografica Introduzione sub-area a in zona F5 La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Il caso è compreso negli elaborati di cui alla Variante art. 17 comma 7 Anticipatoria e tratta della introduzione in cartografia del confine della subarea a in zona F5. Estratto variante anticipatoria su PRG vigente (tavola di PRG I.J scala 1:2.000)

13 Estratto della presente variante comma 8 su PRG vigente (tavola di PRG I.J scala 1:2.000)

14 Correzione cartografica Introduzione sub-area a in zona CP1 La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Il caso è compreso negli elaborati di cui alla Variante art. 17 comma 7 Anticipatoria e tratta dell introduzione in cartografia della subarea a in zona CP1. Estratto variante anticipatoria su PRG vigente (tavola di PRG I.J scala 1:2.000)

15 Estratto della presente variante comma 8 su PRG vigente (tavola di PRG I.A scala 1:2.000)

16 Correzione cartografica di edificio mancante in zona E La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Il caso è compreso negli elaborati di cui alla Variante art. 17 comma 7 Anticipatoria e tratta dell inserimento di un fabbricato mancante in cartografia di PRG. Estratto variante anticipatoria su PRG vigente (tavola di PRG I.H scala 1:2.000)

17 Estratto della presente variante comma 8 su PRG vigente (tavola di PRG I.H scala 1:2.000)

18 Correzione cartografica confini di zona C7.8 e NF7.3 La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Il caso è compreso negli elaborati di cui alla Variante art. 17 comma 7 Anticipatoria e tratta della correzione di confine delle zona C7.8 e NF7.3. Estratto variante anticipatoria su PRG vigente (tavola di PRG I.D scala 1:2.000)

19 Estratto della presente variante comma 8 su PRG vigente (tavola di PRG I.D scala 1:2.000)

20 Correzione cartografica confini di zona SP7.6 posizione aggiornata del canale La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Il caso è compreso negli elaborati di cui alla Variante art. 17 comma 7 Anticipatoria e tratta della modifica cartografica del canale adiacente alla zona SP7.6 Estratto variante anticipatoria su PRG vigente (tavola di PRG I.D scala 1:2.000)

21 Estratto della presente variante comma 8 su PRG vigente (tavola di PRG I.D scala 1:2.000)

22 Correzione cartografica inserito confini di zona X9 mancante inserito edificio mancante La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Il caso è compreso negli elaborati di cui alla Variante art. 17 comma 7 Anticipatoria e tratta dell inserimento in cartografia del confine dell area X9 mancante e un ulteriore correzione cartografica relativa all edificio lungo via Palladio. Estratto variante anticipatoria su PRG vigente (tavola di PRG I.A scala 1:2.000)

23 Estratto della presente variante comma 8 su PRG vigente (tavola di PRG I.A scala 1:2.000)

24 Correzione cartografica inserito verde pubblico di lotto correzione edificio esistente La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Il caso è compreso negli elaborati di cui alla Variante art. 17 comma 7 Anticipatoria e tratta dell inserimento del verde privato di lotto in zona B5.3 e correzione cartografica dell edificio in zona B5.1. IDEM Estratto variante anticipatoria su PRG vigente (tavola di PRG I.F scala 1:2.000)

25 Estratto della presente variante comma 8 su PRG vigente (tavola di PRG I.F scala 1:2.000)

26 Correzione cartografica confine di zona RU4.2 La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Il caso è compreso negli elaborati di cui alla Variante art. 17 comma 7 Anticipatoria e tratta la correzione cartografica del confine dell area RU4.2. Estratto variante anticipatoria su PRG vigente (tavola di PRG I.P scala 1:2.000)

27 Estratto della presente variante comma 8 su PRG vigente (tavola di PRG I.P scala 1:2.000)

28 Correzione cartografica viabilità zona CE4.2 La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Il caso è compreso negli elaborati di cui alla Variante art. 17 comma 7 Anticipatoria e tratta l adeguamento cartografico della viabilità in progetto lungo la zona CE4.2 Estratto variante anticipatoria su PRG vigente (tavola di PRG I.I scala 1:2.000)

29 Estratto della presente variante comma 8 su PRG vigente (tavola di PRG I.I scala 1:2.000)

30 Correzione cartografica viabilità zona CE4.2 e inserimento subaree f1 e f2 La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Il caso è compreso negli elaborati di cui alla Variante art. 17 comma 7 Anticipatoria e tratta l adeguamento della viabilità nella zona Ce4.2 e l inserimento delle due subaree f1 e f2. Estratto variante anticipatoria su PRG vigente (tavola di PRG I.J scala 1:2.000)

31 Estratto della presente variante comma 8 su PRG vigente (tavola di PRG I.J scala 1:2.000)

32 Correzione cartografica confine d area SP5.1 La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Il caso è compreso negli elaborati di cui alla Variante art. 17 comma 7 Anticipatoria e tratta dell adeguamento del confine di zona SP5.1. Estratto variante anticipatoria su PRG vigente (tavola di PRG l.k scala 1:2.000)

33 Estratto della presente variante comma 8 su PRG vigente (tavola di PRG l.k scala 1:2.000)

34 Correzione cartografica confine d area VP6.8 La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Il caso è compreso negli elaborati di cui alla Variante art. 17 comma 7 Anticipatoria. Estratto variante anticipatoria su PRG vigente (tavola di PRG e.1 scala 1:5.000)

35 Estratto della presente variante comma 8 su PRG vigente (tavola di PRG e.1 scala 1:5.000)

36 Correzione cartografica confine d area CE6.2 CP9 La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio. Il caso è compreso negli elaborati di cui alla Variante art. 17 comma 7 Anticipatoria e tratta della modifica cartografica del confine di area della zona CE6.2 Estratto variante anticipatoria su PRG vigente (tavola di PRG I.F scala 1:2.000)

37 Estratto della presente variante comma 8 su PRG vigente (tavola di PRG I.F scala 1:2.000)

38 Correzione cartografica confine comunale La correzione rientra nella casistica di cui all art. 17 comma 8 della L.R. 56/77 e s.m.i. in riferimento al punto a Correzioni di errori materiali nonché atti che eliminano contrasti tra enunciazioni dello stesso strumento e per i quali sia evidente ed univoco il rimedio e tratta la risoluzione dell errore cartografico della posizione del confine comunale in cartografia di PRG. Estratto variante anticipatoria su PRG vigente (tavola di PRG g scala 1:5.000)

39 Estratto della presente variante comma 8 su PRG vigente (tavola di PRG g scala 1:5.000)

P.G.T. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

P.G.T. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) P.G.T. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ISTRUTTORIA TECNICA D UFFICIO Proposta Rettifica e Correzioni errori materiali L applicazione delle previsioni degli atti

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO. Piano di Classificazione Acustica. adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 30.04.

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO. Piano di Classificazione Acustica. adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 30.04. Allegato A COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE E AGGIORNAMENTO 2013 Piano di Classificazione Acustica adottato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 57 del 28/02/2013. Proposta n. 57

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 57 del 28/02/2013. Proposta n. 57 DETERMINAZIONE N. 57 del 28/02/2013 Proposta n. 57 Oggetto: AFFIDAMENTO INCARICO PER LE CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE STRUTTURALE AL P.R.G.C. VIGENTE, RELATIVA ALLA BORGATE, AGLI ARCHITETTI

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE. Con voti favorevoli 5 e contrari 13 resi dai 18 Consiglieri presenti e votanti, DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE. Con voti favorevoli 5 e contrari 13 resi dai 18 Consiglieri presenti e votanti, DELIBERA Dopo che il Presidente ha dato lettura dell oggetto della proposta di deliberazione, da porsi in trattazione, il Consigliere M. Parola (Gruppo Pedona Libera) pone, sulla proposta, la questione sospensiva

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE 2 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE N.3 AI SENSI ART.17 COMMA 8 LETTERA C L.R. N.56/77 e s.m.i. RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO CAPO SEZIONE TECNICO ING.

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013

COMUNE DI BIBBIENA RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013 COMUNE DI BIBBIENA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO E AL PIANO STRUTTURALE RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013 Relazione ai sensi della Legge 1/2005, art.53 comma 3, lett c) bis e c) ter e art. 55

Dettagli

COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia

COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia COPIA COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO ( ASSUNTA CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE) N. 1 17/01/2013 OGGETTO: APPROVAZIONE DEFINITIVA PIANO DEL

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

Politiche del Territorio DIREZIONE: Pianificazione Urbanistica Alla Giunta Comunale Sede

Politiche del Territorio DIREZIONE: Pianificazione Urbanistica Alla Giunta Comunale Sede Bergamo, AREA: Politiche del Territorio DIREZIONE: Pianificazione Urbanistica Alla Giunta Comunale Sede per l inoltro al Consiglio Comunale N Prop. Del. N Prop. Dir. OGGETTO: Controdeduzioni alle osservazioni

Dettagli

C O M U N E D I S E R A V E Z Z A. Provincia di Lucca

C O M U N E D I S E R A V E Z Z A. Provincia di Lucca C O M U N E D I S E R A V E Z Z A Provincia di Lucca OGGETTO: PIANO DI RECUPERO PER L'AREA RR14 POSTA IN POZZI, VIA MARTIRI DI SANT'ANNA ADOTTATO IN DATA 30 SETTEMBRE 2011 - PRONUNCIAMENTO SULLE OSSERVAZIONI

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 105522 del 16/04/2009

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 105522 del 16/04/2009 Regione Autonoma Valle d Aosta Région Autonome Vallée d Aoste AREA-07 Servizio: URBANISTICA Ufficio: URBANISTICA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 105522 del 16/04/2009 OGGETTO: AREA N.

Dettagli

All. 2: Osservazioni pervenute a seguito dell Adozione della Variante Urbanistica

All. 2: Osservazioni pervenute a seguito dell Adozione della Variante Urbanistica COMUNE DI SCANSANO Prov. di Grosseto IL SINDACO Avv. Sabrina Cavezzini IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 4 SERVIZI PER IL TERRITORIO Arch. Daniela Giura Comune di Scansano Variante

Dettagli

Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015

Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015 Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015 Premesso che il Comune di Radda in Chianti : è dotato di Piano Strutturale adottato con D.C.C. n. 2 del

Dettagli

I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE

I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE INU Lazio Gruppo di Lavoro Programmi integrati Paola Carobbi Daniel Modigliani Irene Poli Chiara Ravagnan I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE I Programmi integrati: principi e

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI GIAVENO Provincia di Torino -------------------------------------------- AREA URBANISTICA

COMUNE DI GIAVENO Provincia di Torino -------------------------------------------- AREA URBANISTICA Oggetto: Cronistoria iter P.R.G.C. e altri strumenti urbanistici Aggiornamento al 02.01.13. OGGETTO ATTO DELIBERATIVO Deliberazione programmatica al P.R.G.C. deliberazione di Consiglio Comunale n 36 del

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni di PRG : Contenuti specifici degli strumenti urbanistici Il Piano di Lottizzazione

Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni di PRG : Contenuti specifici degli strumenti urbanistici Il Piano di Lottizzazione Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2015/2016 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 12 DEL 25/03/10

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 12 DEL 25/03/10 1 REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 12 DEL 25/03/10 Deliberazione della Giunta Regionale 16 marzo 2010, n. 50-13546 L.R. 5.12.1977 n. 56 e successive modificazioni. Comune di CARIGNANO (TO). Variante

Dettagli

A seguito di illustrazione del Piano dal punto di vista tecnico da parte dei progettisti presenti in aula; IL CONSIGLIO COMUNALE

A seguito di illustrazione del Piano dal punto di vista tecnico da parte dei progettisti presenti in aula; IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO - Progetto Piano Urbanistico Comunale (P.U.C.) adozione ai sensi dell'art. 38, comma 2, della legge regionale n. 36 del 4/9/1997 come modificata dalla legge regionale n. 11 del 2 aprile 2015. A

Dettagli

COMUNE DI CASTELLETTO STURA Provincia di Cuneo

COMUNE DI CASTELLETTO STURA Provincia di Cuneo COMUNE DI CASTELLETTO STURA Provincia di Cuneo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 2 del 14/03/2014 Oggetto : Variante parziale n. 14 al P.R.G.C. vigente. - Approvazione definitiva. ORIGINALE

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO VARIANTE 2015. NORME ALLEGATO 3a (ex Allegato 2.2) (testo comparato)

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO VARIANTE 2015. NORME ALLEGATO 3a (ex Allegato 2.2) (testo comparato) COMUNE di SARSINA PROVINCIA di FORLI' - CESENA ADOTTATA con Del. C. C. n. APPROVATA con Del. C. C. n. del del SCHEDE LOTTI INEDIFICATI E SCHEDE RELATIVE ALLE PREVISIONI CONFERMATE DAL PSC (testo comparato)

Dettagli

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 6 Comparti sottoposti a ristrutturazione edilizia

Dettagli

Comune di Parella PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE. VARIANTE COMUNALE n.6/2013 al P.R.G.I. VIGENTE

Comune di Parella PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE. VARIANTE COMUNALE n.6/2013 al P.R.G.I. VIGENTE Regione Piemonte Provincia di Torino Comune di Parella PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE COMUNALE n.6/2013 al P.R.G.I. VIGENTE Allegato: allegato alla D.C.C. n. del IL PROGETTISTA IL RUP

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Provincia di Torino PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE

REGIONE PIEMONTE Provincia di Torino PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE REGIONE PIEMONTE Provincia di Torino COMUNE DI RUEGLIO PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE Approvato con D.G.R. 19.05.1997 n 34-19209 (pubblicato sul B.U. Regione Piemonte n 23 dell 11.06.1997 a pag.

Dettagli

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport...

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport... SOMMARIO: 1. PREMESSA... 1 2. CONTENUTI DELLA VARIANTE... 2 2.1. Soppressione di un'area classificata come aree turistiche di nuovo impianto dal P.R.G. Vigente e inserimento di previsione di area per impianti

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PROGETTO PRELIMINARE PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E CONSEGUENTE ADOZIONE DELLA VARIANTE N. 86 AL P.R.G.C. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: -

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE CITTA DI SETTIMO TORINESE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE N 30 STRUTTURALE (L.R. 56/77 E S.M.I. COME MODIFICATA ED INTEGRATA DALLA L.R. N. 1 DEL 26.01.2007) Progetto

Dettagli

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE:

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: scheda N 1 loc. PIEDIMONTE / COMPARTO 46 R CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: Realizzazione di manufatti con destinazione artigianale/industriale/direzionale per una S.U.L. complessiva di mq 4.000 e una volumetria

Dettagli

C o m u n e d i V i n c i P r o v i n c i a d i F i r e n z e V a r i a n t e a l P i a n o S t r u t t u r a l e Relazione ALLEGATO A

C o m u n e d i V i n c i P r o v i n c i a d i F i r e n z e V a r i a n t e a l P i a n o S t r u t t u r a l e Relazione ALLEGATO A Comune di Vinci Variante al Piano Strutturale Relazione ALLEGATO A OGGETTO: Variante al Piano Strutturale, ai sensi dell art. 17 della L.R. 1/2005, per l aggiornamento delle carte di pericolosità idraulica

Dettagli

COMUNE DI LAMPORECCHIO PROVINCIA DI PISTOIA 1 VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE. Adozione

COMUNE DI LAMPORECCHIO PROVINCIA DI PISTOIA 1 VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE. Adozione ALLEGATO A4 ALLA DELIBERAZIONE COMUNE DI LAMPORECCHIO PROVINCIA DI PISTOIA N. DEL 1 VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE Adozione Relazione e Certificazione del Responsabile del Procedimento Agosto 2015 1 VARIANTE

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale IRIDE 1142964 Delib. n. OGGETTO: Adozione piano attuativo per la valorizzazione di due cave poste a sud-est del centro abitato di Brescia (Ateg 20 e Ateg 23) in variante al P.G.T. vigente aree site in

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

COMUNE DI CALAVINO PIANO REGOLATORE GENERALE

COMUNE DI CALAVINO PIANO REGOLATORE GENERALE PIANO REGOLATORE GENERALE Variante 2012 1 a ADOZIONE Relazione illustrativa redatto da: beltrami + dellanna architetti associati Trento, ottobre 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA VARIANTE 1 a ADOZIONE 1. NATURA

Dettagli

SAN PIETRO AL NATISONE

SAN PIETRO AL NATISONE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 1 Data:10.09.2015 COMUNE DI SAN PIETRO AL NATISONE PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 15 art.63, 5 comma della L.R.5/2007

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DELLA PROPOSTA DI VARIANTE AL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

RELAZIONE DESCRITTIVA DELLA PROPOSTA DI VARIANTE AL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Comune di Borgo San Dalmazzo Provincia di Cuneo RELAZIONE DESCRITTIVA DELLA PROPOSTA DI VARIANTE AL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE M1.10.REL.01.rev.00/24382 Torino, 24 maggio

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO Variante di manutenzione con procedura semplificata ai sensi art. 30 L.R. 65/14 Responsabile del procedimento: Arch. Paola Pollina Responsabile Area Tecnica

Dettagli

COMUNE DI PIOVA' MASSAIA

COMUNE DI PIOVA' MASSAIA C o p i a COMUNE DI PIOVA' MASSAIA PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 9 01/08/2014 OGGETTO: ADOZIONE PRELIMINARE DELLA RIELABORAZIONE PARZIALE DELLA VARIANTE STRUTTURALE

Dettagli

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod:

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod: L'Assessore regionale al territorio, ambiente e opere pubbliche, Alberto Cerise, sottopone all'esame della Giunta la trasposizione delle cartografie degli ambiti inedificabili, relative alla delimitazione

Dettagli

OGGETTO: Adozione della variante n.2 al Piano attuativo comunale di iniziativa pubblica della zona O comparto A. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Adozione della variante n.2 al Piano attuativo comunale di iniziativa pubblica della zona O comparto A. IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Adozione della variante n.2 al Piano attuativo comunale di iniziativa pubblica della zona O comparto A. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la proposta di deliberazione in oggetto, munita dei prescritti

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca Oggetto: Piano Attuativo denominato SALOV e Centro Leasing - Adozione- Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale Premesso che: con deliberazione del Consiglio Comunale del 27.4.2004 n. 51 è stato

Dettagli

3. PROBLEMATICHE AMBIENTALI

3. PROBLEMATICHE AMBIENTALI 3. PROBLEMATICHE AMBIENTALI La tavola riassume le criticità più significative che interessano l intero territorio comunale di Valeggio sul Mincio alla luce dell analisi operata dal Documento Preliminare

Dettagli

COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4

COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4 COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4 VERIFICA DI COMPATIBILITA CON LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA ALLEGATO D. 1 ING. GIUSEPPE VILLERO

Dettagli

Progetto Preliminare Adottato con delibera del Consiglio Comunale n.. del.

Progetto Preliminare Adottato con delibera del Consiglio Comunale n.. del. REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI PECETTO DI VALENZA Legge Regionale 5 dicembre 1977 n. 56 e successive modifiche ed integrazioni PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Approvato con D.G.R.

Dettagli

SCHEMA DELIBERA DI C.C.

SCHEMA DELIBERA DI C.C. SCHEMA DELIBERA DI C.C. OGGETTO: PRIMA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE. ADOZIONE AI SENSI DELL ART. 19 DELLA L.R.T. 65/2014. PREMESSO: - che il Comune di Lamporecchio è dotato di Piano Strutturale approvato

Dettagli

Adeguamento del contributo di costruzione

Adeguamento del contributo di costruzione Adeguamento del contributo di costruzione previsto dall art.43 della LR 12/05 e s.m.i. 8 Gennaio 2016 PRINCIPI DELLA VARIANTE AL PGT riduzione del consumo di suolo e delle potenzialità edificatorie creazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.5

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.5 C o p i a A l b o SOGGETTA a comunicazione prefettura. NON SOGGETTA a comunicazione prefettura. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.5 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO N.

Dettagli

ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER IL TERRITORIO E LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER IL TERRITORIO E LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE Provincia di Cagliari ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER IL TERRITORIO E LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE REPORT 06-13: PIANO URBANISTICO COMUNALE (P.U.C.) PARTE 1a: DOSSIER ITER PROCEDURALE PUC (dal 2007 al 16.05.2013)

Dettagli

la ditta ITALFERR, subentrata a IRICAV DUE per la progettazione degli interventi e in data 06.07.2001 chiedeva al comune d individuare il punto d

la ditta ITALFERR, subentrata a IRICAV DUE per la progettazione degli interventi e in data 06.07.2001 chiedeva al comune d individuare il punto d Adozione variante al vigente Piano Regolatore Generale Territorio Esterno ai sensi della L.R. 61/85 art. 50 comma 4 lett. g) per la previsione di un percorso ciclopedonale fino al nuovo parcheggio a servizio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione Proposta nr. 91 del 19/08/2014 - Determinazione nr. 2223 del 19/08/2014 OGGETTO: Lavori di realizzazione della Circonvallazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 OGGETTO: Comune di Torino. Intervento di ristrutturazione del Palazzo del Lavoro Italia 61. Indirizzi dell Ente di gestione L anno duemilanove

Dettagli

UNIONE MONTANA COMUNI OLIMPICI VIA LATTEA. Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale n. 21 in data 30.09.2014

UNIONE MONTANA COMUNI OLIMPICI VIA LATTEA. Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale n. 21 in data 30.09.2014 COPIA Comune di Pragelato UNIONE MONTANA COMUNI OLIMPICI VIA LATTEA Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale n. 21 in data 30.09.2014 OGGETTO: Adozione proposta tecnica di progetto preliminare della

Dettagli

OGGETTO: Adozione POC Tematico Darsena di città.

OGGETTO: Adozione POC Tematico Darsena di città. OGGETTO: Adozione POC Tematico Darsena di città. Relatore l'assessore all'urbanistica Libero Asioli - La Giunta Comunale sottopone all esame del Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione:

Dettagli

20. DEFINIZIONE DELLE ESIGENZE DI SVILUPPO Il PS individua alcune azioni di particolare rilevanza per le principali SEL e più precisamente: - La riqualificazione dell offerta turistica con particolare

Dettagli

TERRENO IN ORBASSANO Svincolo della Bronzina LOTTO 3 ..1.. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE

TERRENO IN ORBASSANO Svincolo della Bronzina LOTTO 3 ..1.. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE LOTTO 3 TERRENO IN ORBASSANO Svincolo della Bronzina DESCRIZIONE DELL IMMOBILE Terreno sito nel Comune di Orbassano facente parte dello svincolo della Bronzina e individuato al Catasto Terreni al foglio

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Urbanistica

Determinazione del Dirigente del Servizio Urbanistica Determinazione del Dirigente del Servizio Urbanistica Prot. n.9/4879/2013 OGGETTO: COMUNE DI CERCENASCO ADOZIONE PROGETTO PRELIMINARE DI VARIANTE GENERALE AL PIANO REGOLATORE COMUNALE (D.C.C. N. 16 DEL

Dettagli

2 EDIFICIO in VALPERGA

2 EDIFICIO in VALPERGA 2 EDIFICIO in VALPERGA Per ulteriori approfondimenti e programmazione sopralluoghi (Tel. 011.861.2447-2494-2402-2620) UBICAZIONE Il complesso immobiliare dista 50 km da Torino ed è ubicato nel comparto

Dettagli

COMUNE DI SALUGGIA ******************************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 51 ************************************

COMUNE DI SALUGGIA ******************************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 51 ************************************ COMUNE DI SALUGGIA ******************************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 51 ************************************ OGGETTO: Approvazione progetto preliminare relativo a Nuova

Dettagli

-_- IL CONSIGLIO COMUNALE

-_- IL CONSIGLIO COMUNALE N. 2 - Seduta del 24/01/2011 OGGETTO: Regolamento Urbanistico del Comune di Siena. Approvazione ai sensi degli artt. 17 e 18 della Legge Regione Toscana n.1 del 03.01.2005. -_- IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso:

Dettagli

COMUNE PROV. INDIRIZZO DESCRIZIONE

COMUNE PROV. INDIRIZZO DESCRIZIONE REGIONE PIEMONTE BU33 20/08/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 13 luglio 2015, n. 13-1729 Piano regionale delle alienazioni e valorizzazioni del patrimonio immobiliare - Proposta di nuove destinazioni

Dettagli

PRIMA VARIANTE AL PGT

PRIMA VARIANTE AL PGT COMUNE DI CORTE DE FRATI PRIMA VARIANTE AL PGT RELAZIONE PRELIMINARE C o m u n e d i C o r t e d e F r a t i P i a z z a R o m a, 1 2 6 0 1 0 C o r t e d e F r a t i ( C R ) T e l. 0 3 7 2 9 3 1 2 1 F

Dettagli

DCC n. del 16.07.2014. Oggetto: Piano Regolatore Comunale Adozione Variante parziale n. 19..

DCC n. del 16.07.2014. Oggetto: Piano Regolatore Comunale Adozione Variante parziale n. 19.. DCC n. del 16.07.2014. Oggetto: Piano Regolatore Comunale Adozione Variante parziale n. 19.. Il Sindaco, prima di iniziare la discussione relativa alla Variante Parziale n.19 dà lettura del comma 2 dell'art.

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del IL SINDACO Proposta N. 10 del 31/01/2014 SERVIZIO --Pianificazione Urbanistica Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE.

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE. PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE Parte 0 ALLEGATO D Consulente per la procedura di V.A.S.: Studio Program s.r.l. Progettazione e gestione delle risorse ambientali Energia e Fonti Rinnovabili ITER

Dettagli

COMUNE DI UDINE. OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI UDINE. OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI UDINE C.C. 28/09/2015 2 OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE Visto il vigente Piano Regolatore Generale Comunale approvato

Dettagli

COMUNE DI SOLFERINO Provincia di Mantova

COMUNE DI SOLFERINO Provincia di Mantova COMUNE DI SOLFERINO Provincia di Mantova N. 11 R.D. N. 1196 P.G. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE, AI SENSI DELL ART.13 DELLA L.R. 11.03.2005 N.12 E S.M.I., DELLA VARIANTE

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione I L D I R I G E N T E

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione I L D I R I G E N T E REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione Proposta nr. 25 del 25/02/2014 - Determinazione nr. 501 del 26/02/2014 OGGETTO: Riqualificazione ed allargamento della

Dettagli

OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO

Dettagli

Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG

Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG Oggetto: URBANISTICA - PRESA D'ATTO DI UN PROGETTO PER OPERE DI RISTRUTTURAZIONE E AMPLIAMENTO IN EDIFICIO

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO

IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO In prosieguo di seduta il Presidente passa alla trattazione del punto 1 dell ordine del giorno aggiuntivo, avente ad oggetto: Approvazione definitiva regolamento urbanistico ai sensi dell art. 36 della

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

Classi di I.C.S. (% di A.U. rispetto S.T.) Ambito territoriale

Classi di I.C.S. (% di A.U. rispetto S.T.) Ambito territoriale 1. I limiti di consumo di suolo I Piani di governo del territorio (Pgt) sono sottoposti alla verifica di compatibilità rispetto al Piano territoriale di coordinamento provinciale (Ptcp), in attuazione

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Repubblica Italiana Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Disponibile in formato elettronico sul sito: www.regione.lazio.it Legge Regionale n.12 del 13 agosto 2011 Data 20/12/2012 Numero 74 Supplemento

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS 65 REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS. 163/06 PER LE OPERE, I LAVORI E GLI ATTI DI PIANIFICAZIONE DI COMPETENZA

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 409 del 11/11/2013. Proposta n. 409

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 409 del 11/11/2013. Proposta n. 409 DETERMINAZIONE N. 409 del 11/11/2013 Proposta n. 409 Oggetto: VARIANTE N. 47 AL P.R.G.C. VIGENTE. AFFIDAMENTO INCARICO PER RILIEVI TOPOGRAFICI. C.I.G.: Z020C4AC97 Area Urbanistica ed Edilizia Privata Proposta

Dettagli

COMUNE DI TAURIANOVA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI TAURIANOVA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA COMUNE DI TAURIANOVA PROVINCIA DI RC Codice Fiscale 82000670800 Piazza Libertà Deliberazione n 63 in data 09/04/2010 Pubblicata il Immediatamente eseguibile SI [ X ] NO [ ] VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE

Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 29/07/2013 Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la proposta di deliberazione

Dettagli

La Giunta Comunale sottopone all esame del Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione:

La Giunta Comunale sottopone all esame del Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE di adeguamento del RUE alle definizioni tecniche uniformi per l'urbanistica e l'edilizia della RER secondo quanto indicato dalla DAL RER n. 279 del 4/02/2010 CONTRODEDUZIONE E APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SAN BONIFACIO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN BONIFACIO Provincia di Verona DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 21 DEL 10/07/2008 OGGETTO: Esame ed approvazione della Variante Parziale n. 52 alla Seconda Variante Generale al P.R.G. relativa alla modifica del Regolamento Edilizio

Dettagli

CONTRODEDUZIONE AL PARERE DELLA MUNICIPALITA DI MESTRE CARPENEDO

CONTRODEDUZIONE AL PARERE DELLA MUNICIPALITA DI MESTRE CARPENEDO Recepimento dell Accordo Pubblico Privato ai sensi dell art. 6 della L.R. 11/2004 Quinto Addendum modificativo all Accordo Procedimentale relativo all ambito dell ex Mercato Ortofrutticolo in Via Torino

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

BOZZA DEL 13 SETTEMBRE 2006

BOZZA DEL 13 SETTEMBRE 2006 PROVINCIA DI BOLOGNA Settore Pianificazione Territoriale http://cst.provincia.bologna.it/ptcp/psc.htm BOZZA DEL 13 SETTEMBRE 2006 APPROFONDIMENTI TECNICI MODI E TEMPI DI SVOLGIMENTO DELLA CONFERENZA DI

Dettagli

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 24 in data

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE SVILUPPO COMPATIBILE DEL TERRITORIO - URBANISTICA UFFICIO DEL DIRIGENTE URBANISTICA Numero del registro generale: 1994 Numero particolare per settore: 120 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Oggetto: PROCEDIMENTO

Dettagli

Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO

Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO Comune di Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO Ufficio: URBANISTICA Settore: Servizi Urbanistica PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.36 DEL 04-06-2015 Oggetto: Piano di Miglioramento Aziendale ai

Dettagli

PROGETTISTA INCARICATO

PROGETTISTA INCARICATO 06032013 TIMBRO PROTOCOLLO C I T T A D I S A C I L E N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda

Dettagli

ALLEGATO 4 ALLA D.C.C. n. del ADOZIONE VARIANTE 4 AL R.U. ADEGUAMENTI DEL MINITORAGGIO DEPOSITO INDAGINI GEOLOGICHE

ALLEGATO 4 ALLA D.C.C. n. del ADOZIONE VARIANTE 4 AL R.U. ADEGUAMENTI DEL MINITORAGGIO DEPOSITO INDAGINI GEOLOGICHE ALLEGATO 4 ALLA D.C.C. n. del ADOZIONE VARIANTE 4 AL R.U. ADEGUAMENTI DEL MINITORAGGIO DEPOSITO INDAGINI GEOLOGICHE CITTA` DI FOLLONICA SETTORE 3 USO E ASSETTO DEL TERRITORIO S.I.T. U.O.C. N. 8 PIANIFICAZIONE

Dettagli

risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza di servizi del 22/04/2015

risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza di servizi del 22/04/2015 1 Proponente: Centro Culturale Islamico Via Tasso 37 Sesto San Giovanni Realizzazione del nuovo Centro Culturale Islamico di Sesto San Giovanni risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza

Dettagli

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n.

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n. COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE L anno in Modena il giorno del mese di ( ) alle ore regolarmente convocato, si è riunito il Consiglio Comunale in seduta pubblica per la trattazione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU51 19/12/2013

REGIONE PIEMONTE BU51 19/12/2013 REGIONE PIEMONTE BU51 19/12/2013 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 16 dicembre 2013, n. 74 Approvazione ai sensi dell'art. 34 del D.Lgs. n. 267/ 2000 e dell'art. 17 bis della L.R. 56/77 e s.m.i.

Dettagli

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE OGGETTO: Piano urbanistico attuattivo ambito territoriale denominato Altanea Brian. Ditte AGRICOLA ED IMMOBILIARE STRETTI s.s., SOCIETA AGRICOLA NOGARA s.s., SOCIETA AGRICOLA LAGUNA VERDE s.a.s. ADOZIONE.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: Il Comune di San Gimignano è dotato di Piano Strutturale approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.78 del 30 novembre 2007. Con Deliberazione n.101 del 22

Dettagli