WSN: Wireless Sensor Networking

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WSN: Wireless Sensor Networking"

Transcript

1 WSN: Wireless Sensor Networking Emiliano Sisinni Dipartimento di Elettronica per l Automazione, Università di Brescia Via Branze Brescia (Italy) Tel: Fax: Sito Web Gruppo Elettronica e Sensori: Sito Web WSN:

2 Overview Introduzione al WSN Problematiche: Consumi Implementazione Stack protocollare Soluzioni STANDARD IEEE / ZigBee Soluzioni PROPRIETARIE Wireless USB Cypress Semiconductor

3 La La Wireless Revolution Primo Transistor, 1947 TI REGENCY TR-1, 1954, $450 (oggi) Sony TR-610, 1958 Primo IC, ~1958 Uso ICs, 1963 Oggi, ~$5

4 Wireless Sensor Network WSN area B Altre reti (Internet, ) Stazione Base area A Utente finale Nodo Una rete costituita da un insieme di sensori distribuiti nell ambiente che cooperano tra di loro allo scopo di rilevare fenomeni fisici Una Wireless Sensor Network (WSN) consiste solitamente di una stazione base eventualmente connessa ad altre reti (gateway) e da un certo numero di sensori wireless (nodi).

5 WSNs vs vstelemetria SIMILITUDINI Entrambe soluzioni wireless Entrambe forniscono il risultato di misurazioni effettuate da sensori DIFFERENZE Presenza o meno di una rete Sensori intelligenti (smart) o elaborazione centralizzata Soluzione standard o proprietaria Costo

6 Applicazioni delle WSNs INDUSTRIALI DOMESTICHE PERSONAL HEALTH CARE WSNs MILITARI MONITORAGGIO AMBIENTALE

7 Progettare una WSN: metrica delle prestazioni Tolleranza ai guasti Consumi Mezzo Trasmissivo Sicurezza? Topologia di rete Scalabilità Limitazioni HW e SW Prestazioni Costo

8 Alcune considerazioni CONSUMI Nodi autonomi: alimentazione a batteria la durata è limitata nel tempo I nodi possono generare traffico o inoltrarlo (routing) il malfunzionamento di alcuni di essi è dispendioso energeticamente (re-instradamento dei pacchetti e cambi della topologia di rete) TOLLERANZA AI GUASTI Il mancato funzionamento di alcuni nodi non deve impedire l attuazione del task utente SCALABILITÀ La rete deve essere in grado di lavorare con un numero di nodi elevato e nuovi nodi devono poter essere aggiunti facilmente COSTO Più basso è meglio è!!!

9 Alcune considerazioni MEZZO TRASMISSIVO Ultrasuoni IR Radio attenuazione, riflessioni, cammini multipli PRESTAZIONI (Comunicazioni digitali ) B/PER (Bit/Packet Error Rate) Transfer rate Latenza TOPOLOGIA Stella Mesh Cluster LIMITAZIONI HW / SW Dimensioni fisiche Stack protocollare / Potenza computazionale

10 E la la normativa? BANDA ISM: standardizzata da ETSI EN (per la compatibilità elettromagnetica) e ETSI EN (per la sezione radio) in Europa FCC CFR 47 in America e Canada ARIB STD-T66 in Giappone In particolare la EN si applica a: Tecniche di modulazione a banda larga; Occupazione delle banda ISM nel range GHz; Potenza effettiva irradiate (EIRP) di -10 dbw (100 mw); Densità di potenza limitata a -10 dbw (100 mw) in una banda di 100 khz nel caso di modulazione FHSS; Densità di potenza limitata a -20 dbw (10 mw) in una banda di 1 MHz nel caso di altro tipo di modulazione a spettro espanso?? Compatibilità elettromagnetica??

11 Finalmente il il nodo sensore Localizzazione Movimentazione Power Generator Sensore Attuatore ADC DAC CPU Storage TX/RX Alimentazione (Batteria, DC/DC )

12 e lo lo stack protocollare! Upper Layers Transport Layer Network Layer Data Link Layer Power Moving Collaboration Sensor Network Management Layer Physical

13 Come limitare i i consumi? Tipicamente un nodo può trovarsi in uno dei seguenti stati: In trasmissione In ricezione In Idle Alcune funzionalità hw sono disattivate, ma si può comunque passare facilmente in modalità RX/TX In Sleep Il nodo è praticamente spento, non è perciò possibile passare immediatamente nello stato RX/TX Come si consuma? [J/bit] Durante la trasmissione 1 (Normalizzato) Durante la ricezione Ascoltando il canale Nell elaborazione dell informazione In Idle In Sleep

14 Modalità Power Safe Quando il nodo è inattivo deve passare nelle modalità a basso consumo: Funzionamento a basso duty-cycle E saved E overhead P active P sleep Viene introdotto un overhead dovuto al power down e al recovery time necessari a cambiare stato: occorre che E saved > E overhead t 1 τ down t event τ up time Quando commutare? Protocolli MAC Contention-based: il ricevitore è sempre on Protocolli TDMA: necessità di sincronizzazione Ricevitori Wake-Up Possono essere svegliati via radio quando sono in modalità sleep (una contraddizione!) Difficili da realizzare!

15 Clock più bassi consentono tensioni di alimentazione più basse: consumi minori: occorrono algoritmi in grado di stimare il carico computazionale richiesto La commutazione è veloce MA: il tempo di esecuzione è maggiore In fase di ricerca: controllo dinamico del trasmettitore Dynamic Modulation Scaling (DSM): si sceglie la modulazione in funzione delle condizioni del canale Dynamic Coding Scaling (DCS): si sceglie il coding rate in funzione delle condizioni del canale Combinazioni delle precedenti

16 Costo computazionale vs vstx/rx Tradeoff? Non è ovviamente possibile un confronto diretto tra il dispendio energetico dovuto al processing e alla gestione delle trasmissioni MA: in letteratura è riconosciuto che il rapporto tra l energia spesa per trasmettere un bit rispetto a quella necessaria ad eseguire un istruzione è un numero compreso tra 200 e 3000 In altre parole, spedire e/o ricevere 1KB=eseguire 3milioni di istruzioni! MORALE: eseguire invece di comunicare ogni volta che è possibile! Key technique in WSN in-network processing! Ciò permette di sfruttare schemi di compressione, schemi di codifica intelligenti,

17 Efficienza energetica: come misurarla La network lifetime è definita come l intervallo di tempo che intercorre tra la prima trasmissione avvenuta nella WSN e il raggiungimento di una soglia prefissata di nodi ancora funzionanti (può essere il 100% o meno).

18 Sorgenti di di energia Goal: fornire più energia possibile al minor costo/volume/peso/tempo di ricarica/invecchiamento Nelle WSN, i nodi nodi non sono necessariamente ricaricabili Opzioni percorribili: celle elettrochimiche Batterie primarie non ricaricabili Batterie secondarie ricaricabili, occorre una qualche forma di energy harvesting Opzioni futuribili: energy scavenging

19 OS nelle WSns I compiti tradizionali di un OS sono: Virtualizzazione dell HW Arbitraggio dell accesso alle risorse Tipicamente tali obiettivi sono raggiunti tramite: Uso di modalità protette della CPU l accesso diretto all HW è consentito solo in queste modalità Processi diversi hanno spazio di indirizzamento separati Supporto di una Memory Management Unit PROBLEMA: funzionalità non disposnibile nei µc Non ci sono modalità protette ne MMU: renderebbero il dispositivo più costoso e con consumi più elevati!??? Power Management Flash RAM I/O ALU

20 OS nelle WSns Possibili SOLUZIONI Provare ad implementare in ogni nodo qualcosa di simile ad un OS In altri termini, fornire delle API standard Sacrificare i meccanismi di protection di processi differenti? Problema: ciò si traduce in un alto overhead (costi ) Fare a meno di un OS Dopotutto, ogni nodo esegue solamente una singola applicazione! Un controllo diretto dell HW aumenta l efficienza Soluzione adottata in PRATICA: no OS, ma un semplice run-time environment, il cui scopo è mascherare i dettagli dell hw, così da rendere standard l imlementazione e la migrazione dei protocolli

21 Gestione del parallelismo Opzione più semplice: nessuna forma di parallelismo, elaborazione sequenziale dei task Rischio di perdita dati (e.g., dal transceiver) durante la fase di elaborazione, etc.! Occorre garantire comunque la gestione di Interrupts/eventi asincroni Poll sensor Process sensor data Poll transceiver Perché è necessario il parallelismo La CPU di ogni nodo deve gestire la sezione radio, il sensore, eseguire il task utente, eseguire i protocolli di comunicazione, etc. Approccio tradizionale: context switching, MA dispendioso in termini di memoria e peso computazionale Handle sensor process Process received packet Handle packet process

22 Soluzione Event based Alternativa: adottare il modello di programmazione event-based Esecuzione normale (macchina a stati) dei task non critici Reagire immediatamente agli eventi quando accadono Interrupt handler Problema: l esecuzione dell IRQ deve essere la più veloce possibile Possibilità di perdita di eventi Limitarsi al salvataggio dei dati e quindi ritornare! Pricipio del Run-to-completion (non interrompibili) Due soli contesti: uno per le IRQs, uno per l esecuzione normale Sensor event Sensor event handler Idle / Regular processing Radio event Radio event handler

23 Il Il livello fisico Si occupa di: selezione del canale, modulazione e Data Encryption. Requisito fondamentale: Bassi Consumi! Tendenza: modulazioni a spettro espanso burst di segnali ad elevato contenuto frequenziale

24 Quale strumentazione? STRUMENTAZIONE TRADIZIONALE: SA Short-Comings Acquisizione di tipo swept Analisi delle modulazioni digitali limitata No anali si segnali tempo varianti Impossibilità di frequency triggering Solitamente non digitali: no memoria SOLUZIONE: VSA Real Time SA Analisi delle modulazioni digitali Visualizzazione nei domini t, f e (t,f) Trigger evoluto...

25 SA vs vsvsa/rtsa SA tradizionale: VSA / RTSA:

26 Tecnica d analisi Trigger Su un segnale RF nel dominio del tempo o della frequenza Acquisizione del segnale in modo contino, nel dominio del tempo in memoria Analisi del segnale off-line in più domini Time Domain Frequency Domain Modulation Domain

27 Livello Data Link Si occupa di multiplexare i flussi dati, del Medium Access control (MAC) e del controllo degli errori I requisiti fondamentali che un buon MAC per WSNs, deve soddisfare sono: Effettiva collision avoidance Elevata efficienza energetica Elevata scalabilità Due possibilità: come scegliere? Protocolli collision less: (C/F/TDMA) richiedono overhead per allocare le trasmissioni, controllo centralizzato Protocolli collision prone, basati sull arbitraggio: (CSMA) richiedono strategie per la ritrasmissione con aumento della latenza Collisioni (devo ritrasmettere) Idle listening (PTX PRX) Overhearing (ascolto messaggi di un altro nodo) Control packet overhead (TX, RX, ascoltare: si consuma!) Adatti in ambienti statici Adatti in ambienti dinamici

28 Ambiente statico/dinamico: modelli per il il Data Delivery Continuo: I nodi comunicano in modo periodico i dati rilevati Ad eventi: I sensori comunicano l informazione solo in seguito ad un evento di interesse (e.g. superamento soglia ) Request - Reply: I sensori reagiscono ad una richiesta esplicita Ibrido: Tutti e tre gli approcci precedenti coesistono.

29 CSMA Carrier Sense Medium Access Idea: ascoltare (carrier sense) prima di trasmettere Varianti Non-persistent CSMA Se il mezzo è occupato, aspetto un tempo casuale e riprova 1-Persistent CSMA Se il mezzo è occupato, continua ad ascoltare e trasmetti quando libero p-persistent CSMA Se il mezzo è occupato, trasmetti con P=(1-p), se il mezzo è libero, P=p. Problema del nodo nascosto: a b c I nodi a, b,e c sentono solo i vicini Se a trasmette a b, c ne è inconsapevole (il mezzo è libero per c) Se anche c inizia a trasmettere, COLLISIONE!

30 CSMA/CA Carrier Sense Multiple Access with Collision Avoidance Prima di iniziare una transazione, sender e receiver scambiano pacchetti di handshake Il Sender invia un Request-to-Send (RTS) al destinatario Il destinatario replica con in Clear-to-Send (CTS) Solo a questo punto avviene la trasmissione dei dati a b c Ora il nodo c sente il CTS da b to a, e non trasmette Non elimina le collissioni,che però sono essenzialmente dovute a RTS (breve)

31 CSMA/CA (IEEE802.11) VARIANTI MACA I pacchetti RST e CTS danno un indicazione sulla lunghezza dei dati, così che I nodi hanno un idea della durata del back-off MACAW si aggiunge un pacchetto di Acknowledge ACK RTS-CTS-DATA-ACK IEEE : CSMA/CA + MACA + MACAW => Distributed coordination function (DCF)

32 Beacons (IEEE e ) Come aumentare l efficienza energetica? Idea: mettere la radio in sleep quando non è usata: Coordinate sleeping (frames) E necessario un pacchetto di sincronizzazione, detto BEACON, che viene mandato periodicamente da un particolare nodo. Dopo ogni beacon, si ha una fase di traffico ad hoc detta ATIM (ad es. per comunicazioni isocrone), mentre nel rimanente tempo tra beacon successivi si applica il CSMA IPOTESI: tutti i nodi si ascoltano non facile nelle reti multi-hop

33 Livello rete PROBLEMA FONDAMENTALE: limitato range di azione delle comunicazioni wireless Cause: limitata potenza di trasmissione, ostacoli, path loss Soluzione: reti multi-hop Si mandano i pacchetti a nodi intermedi (router) Questi nodi li inoltrano all effettiva destinazione Store-and-forward multi-hop network Sorgente Ostacolo Destinatario

34 Efficienza delle WSNs multi-hop Modello della potenza ricevuta: P P r t P = R = R dove α è nell intervallo 2-4 Quindi effettuare N trasmissioni su una distanza R è più efficiente che una sola trasmissione su una distanza NR di un fattore: t α α P r η = α ( NR) Pr α 1 = N α N(R P r ) ATTENZIONE: nella realtà non è così semplice!

35 STELLA Topologie di di rete MESH MISTA (cluster) Router Node Controller Router Node Node Controller Node Controller Repeater (optional) Semplice Economica Bassi consumi La rottura di un nodo non pregiudica il funzionamento Affidabile Copertura elevata Consumi elevati Complessità esponenziale col numero di nodi Flessibile Affidabilità/copertura della Mesh Consumi della stella Complessità intermedia

36 Protocolli di di rete DOMANDA: Quando e come deve operare il protocollo di rete? Opzione 1: si cera di mantenere sempre aggiornati I dati di routing Protocollo proactive, cioè attivo prima che le tabelle di routing siano richieste Conveniente se l ambiente è statico (ma aumenta l overhead) Opzione 2: il percorso è determinato solamente se necessario Protocollo reactive Conveniente se l ambiente è dinamico (ma aumenta la latenza) Opzione 3: ibrida, combinazione delle precedenti

37 Data Centric Networking Tradizionalmente, le transazioni di rete si riferiscono a specifici nodi Si parla in questo caso di paradigma node-centric or addresscentric networking Tuttavia, in una rete di sensori molto vasta, potrebbe non essere così importante specificare la sorgente di un evento, allarme ecc... Ridondanza: ad es., più nodi pssono osservare la stessa area MORALE: instradare le transazioni in funzione dei dati che contengono piuttosto che consinderare sorgente e destimazione! Paradigma del data-centric networking

38 TANTA TEORIA, MA IN PRATICA?

39 Soluzioni STANDARD Perché il WSN si affermi è necessario che si definiscano degli standard che i chip-manufacturer possano seguire, permettendone una diffusione di massa e un conseguente abbattimento dei costi Attualmente, soluzioni wireless commercialmente disponibili sono essenzialmente proprietarie e si limitano a sostituire le connessioni cablate quando queste sono disagevoli o inopportune (radiocomandi, ecc ) Le soluzioni più famose e diffuse sono essenzialmente due: IEEE (controparte commerciale WiFi) IEEE (controparte commerciale ZigBee) (Bluetooth ( ) si è dimostrato inadatto a questo tipo di applicazioni)

40 Cos è ZigBee? E un consorzio no-profit di aziende (Motorola, Phillips, Samsung, Cisco più di 100 compagnie!!) costituito da: Semiconductor manufacturers Technology providers OEMs Utenti finali Caratteristiche principali: Affidabile Supporta un elevato numero di nodi Assicura un elevata vita del sistema Sicuro Economico Utilizzabile ovunque

41 ZB: lo lo stack il software Livelli Network, Security & Application IEEE l hardware Livelli Fisico & Media Access Control

42 IEEE802

43 IEEE : caratteristiche principali Data rates: 20 kbps, 40 kpbs e 250 kbps 16 canali nella banda 2.4GHz ISM, 10 canali nella banda 915MHz ISM e un canale nella banda Europea a 868MHz Trasmissione affidabile: protocolli full handshake Topologie di rete supportate: Star o Peer-to-Peer (Mesh) Supporto per dispositivi a bassa latenza Accesso al canale: CSMA-CA Possibilità di comunicazioni isocrone (GTS) Bassissimi consumi DUE TIPOLOGIE DI DISPOSITIVO: Full Function Device (FFD) vs Reduced Function Device (RFD) Implementa ogni topologia Può fungere da coordinatore Può parlare con qualunque dispositivo Topologia a stella: parla solo col coordinatore Non può diventare coordinatore Molto semplice (ed economico!)

44 IEEE PHY Servizi offerti dal livello fisico: Accensione/Spegnimento della radio Scelta del canale di comunicazione Analisi Energetica canale (128 µs per CSMA/CA, Link Quality ) Trasmissione ricezione dati Modulazione: Direct Sequence Spread Spectrum 2.4 GHz Codice PN: 32-chip Modulazione: 2.0 Mchips/s 2.4 GHz CH /915 MHz Codice PN: 15-chip Modulazione: Mchips/s CH0 CH MHz MHz 902 MHz 928 MHz

45 IEEE PHY: Frame Campi del datagramma PHY Preambolo (32 bits) per la sincronizzazione Start of packet delimiter (8 bits) PHY header (8 bits) Lunghezza del payload (PSDU) PSDU (0 to 127 bytes) campo dati Sync Header PHY Header PHY Payload Preamble Start of Packet Delimiter Frame Length (7 bit) Reserve (1 bit) PHY Service Data Unit (PSDU) 4 Octets 1 Octets 1 Octets Bytes

46 IEEE PHY: Primitive PHY Data Service PD-DATA exchange data packets between MAC and PHY PHY Management Service PLME-CCA clear channel assessment PLME-ED - energy detection PLME-GET / -SET retrieve/set PHY PIB parameters PLME-TRX-ENABLE enable/disable transceiver

47 IEEE MAC Servizi offerti dal livello MAC: Creazione di una Personal Area Network (PAN) Associazione / Dis-associazione ad una rete Trasmissione dei beacons Arbitraggio dell accesso al canale tramite CSMA-CA mechanism Gestione dell handshake (Acknowledge e/o ritrasmissione dei dati) Calcolo e verifica del Frame Check Sequence (FCS) Supporto alla sicurezza (basato su algoritmo di criptatura AES-128)

48 IEEE MAC: Beacon e Superframe Struttura del SUPERFRAME (rete beacon enabled, gestisce il duty-cycle): Parte Inactive: tutti i nodi sono nella fase sleep Parte Attiva: viene suddivisa in 16 slot temporali, che comprendono: Contention access period (CAP). Diviso in contention slots, lunghi 20 simboli che costituiscono la base temporale per lo slotted CSMA/CA. Contention free period (CFP). Uno o più slot costituiscono un Guaranteed Time Slot (GTS) di RX o TX SO: determina lunghezza periodo attivo BO: determina durata inter beacon

49 IEEE MAC: trasferimento dati Trasferimento dati dal dispositivo al coordinatore Se la rete è beacon-enabled, il dispositivo aspetta il primo beacon utile e quindi usa lo slotted CSMA/CA. Nel caso di rete non beacon-enabled, il dispositivo ricorre all unslotted CSMA/CA Rete beacon-enabled Rete non beacon-enabled

50 IEEE MAC: trasferimento dati Trasferimento coordinatore - device In una rete beacon-enabled, il coordinatore comunica nel beacon la disponibilità di dati Il device periodicamente attende il beacon e manda una richiesta tramite CSMA/CA se necessario A questo punto il trasferimento ha luogo In una rete non beacon-enabled, il device comunica la richiesta dati usando l unslotted CSMA/CA Se il coordinatore dispone dei dati, li invia usando l unslotted CSMA/CA, altrimenti trasmette un data frame con lunghezza PSDU zero Rete beacon-enabled Rete non beacon-enabled

51 IEEE MAC: tipologia di di dati Dati periodici Il rate dipende dall applicazione (es. sensori) Wake-up si attende il beacon check/send data sleep Intermittent data Dati originati da eventi esterni (es. interruttore) Rete beaconless: uso dell unslotted CSMA-CA Connect exchange data disconnect sleep Dati ripetitivi a bassa latenza Es: periferiche PC Uso dei GTS

52 IEEE MAC: Frame La dimensione max di un MAC packet è 127 ottetti Ci sono quattro tipo di datagramma: Beacon Frame - usato dal coordinatore Data Frame - usato per il trasferimento dei dati Acknowledgment Frame - usato per confermare la corretta ricezione di un frame (non contiene il campo indirizzi ne dati) MAC Command Frame usato per controllare come I trasferimenti avvengono Payload MAC Layer MAC Header (MHR) MAC Service Data Unit (MSDU) MAC Footer (MFR) PHY Layer Synch. Header (SHR) PHY Header (PHR) MAC Protocol Data Unit (MPDU) PHY Service Data Unit (PSDU)

53 IEEE MAC: Data Frame Uno dei due MAC packet più importanti Fornisce fino a 104 byte di data payload Data sequence number garantisce un tracciamento dei pacchetti

54 IEEE MAC: Acknowledgement Frame L altro pacchetto fondamentale per lo scambio dati Fornisce un feedback attivo dal receiver al sender della corretta ricezione di un pacchetto E molto corto : si avvantaggia del quiet time successivo alla trasmissione di un data packet

55 IEEE MAC: MAC Command Frame Consente il controllo/configurazione da remoto dei nodi Permette al coordinatore della rete di configurare i singoli nodi a prescindere dalla dimensione della rete stessa

56 IEEE MAC: Beacon Frame

57 IEEE MAC: Primitive MAC Data Service MCPS-DATA exchange data packets between MAC and PHY MAC Management Service MLME-ASSOCIATE/DISASSOCIATE network association MLME-SYNC / SYNC-LOSS - device synchronization MLME-START / BEACON-NOTIFY beacon management MLME-GET / -SET retrieve/set MAC PIB parameters MLME-RX-ENABLE - enabling/disabling of radio system MLME-ORPHAN - orphan device management MLME-POLL - beaconless synchronization MLME-SCAN - scan radio channels MLME-GTS - GTS management

58 Indirizzamento Ogni dispositivo ha un indirizzo MAC IEEE di 64 univoco Una volta che la rete è formata,ogni dispositivo riceve un NWK- Address di16 bit All interno della rete è utilizzato solamente questo NWK Address (65k nodi) I dispositivi mantengono il loro NWK Address se si disconnettono dalla rete, ma se la ABBANDONANO esso viene riassegnato Un servizio broadcast è implementato sopra il MAC: NWK Address 0xFFFF è il broadcast address

59 Sistemi di di sviluppo MicroChip PICDEM Z Demonstration kit Caratteristiche: ZigBee software stack che implementa RFD (Reduced Function Device), FFD (Full Function Device) e Coordinator PIC18LF4620 MCU con tecnologia nanowatt, 64 KB Flash memory e periferiche integrate daughter card per il transceiver RF: dispositivo Chipcon CC2420 Integra un sensore di T (Microchip TC77), LEDs e switch per interfaccia utente Materiale fornito DuePICDEM Z Codice sorgente dello stack ZigBee su CD ROM

60 Motorola/FreeScale 13192DSK Sistemi di di sviluppo Nodi compatibili con IEEE Transceiver RFMC GHz Gestione banda base: MC9S08GT60 Sensori integrati: accelerometro MMA6261Q 1.5g X-Y-axis accelerometro MMA1260D 1.5g Z-axis Antenne (TX e RX) stampate su PCB Programmazione Flash e debug tramite BDM e/o RS-232 Motorola/FreeScale 13192EVB Caratteristiche simili alla precedente, ma include connessione USB (alim), stadio PA in uscita RF e antenna PIFA su stampato Per entrambi: ZSTACK

61 E SE VOLESSI QUALCOSA DI PIÙ SEMPLICE?

62 Soluzioni proprietarie: WUSB di di Cypress Cost / Complexity UWB WiFi BT ZigBee Proprietary WirelessUSB 27MHz/900MHz TM RFID Short-range, high-speed networking solution Long-range networking solution Short-range networking solution networking solution for home/industrial automation Simple Multipoint-to- Point-to-Point Point wireless solution solution Active/Passive Tags for inventory tracking Networking Wire Replacement

63 WUSB: caratteristiche Stack Function Device Base Band RF Transceiver USB WUSB

64 BT: sovrapposizio ne limitata nel tempo (625µs) WUSB WUSB: caratteristiche Resistenza alle interferenze (Banda ISM) Wi-Fi channel #1 BT channels Wi-Fi channel # Multiplazione mista FDMA/CDMA WiFi: sfrutto lo spazio tra un canale e l altro F [MHz] Singolo codice Singolo canale Codice multiplo Singolo canale Singolo codice Canale multiplo Codice multiplo Canale multiplo

65 Sistema di di sviluppo WirelessUSB LS DVK (CY3632) CYWUSB6934 development tool Caratteristiche: Protocollo propietario M2P Firmware, appnotes e codice sorgente WirelessUSB Listener Schematici, file gerber

66 FINE! References:

Cos è ZigBee. Specifica per un insieme di protocolli per la comunicazione wireless

Cos è ZigBee. Specifica per un insieme di protocolli per la comunicazione wireless Cos è ZigBee Specifica per un insieme di protocolli per la comunicazione wireless Basato sullo standard 802.15.4-2003 Wireless Personal Area Networks Settori d impiego: Automazione casalinga Domotica AMR

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Analisi qualitativa di reti wifi attraverso l individuazione di parametri significativi e la rilevazione dello spostamento degli utenti

Analisi qualitativa di reti wifi attraverso l individuazione di parametri significativi e la rilevazione dello spostamento degli utenti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Specialistica in Tecnologie Informatiche Analisi qualitativa di reti wifi attraverso l individuazione di

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete:

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete: Di Simone Zanardi Cablaggio di rete: offre la casa La tecnologia Powerline consente di sfruttare l impianto elettrico domestico per collegamenti Ethernet; un alternativa alla posa dei cavi Utp e alle soluzioni

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

LA RETE ETHERNET E LO STANDARD IEEE 802.3

LA RETE ETHERNET E LO STANDARD IEEE 802.3 150 RETI LOCALI: DAL CABLAGGIO ALL'INTERNETWORKING 6 LA RETE ETHERNET E LO STANDARD IEEE 802.3 6.1 INTRODUZIONE Nei primi anni '70 tre industrie di alta tecnologia formarono il consorzio DIX per lo sviluppo

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente www.ondacommunication.com CHIAVETTA INTERNET MT503HSA 7.2 MEGA UMTS/EDGE - HSDPA Manuale Utente Rev 1.0 33080, Roveredo in Piano (PN) Pagina 1 di 31 INDICE

Dettagli

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi Prof. S.Pizzutilo Elementi

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

A.P.R.S.* Automatic Position Reporting System

A.P.R.S.* Automatic Position Reporting System A.R.I. Sezione di Reggio Emilia presenta: Introduzione al sistema A.P.R.S.* Automatic Position Reporting System *APRS è un marchio depositato da Bob Bruninga, WB4APR Copyright 2002-03 Alessandro Bondavalli

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO GUIDA CFIGURAZIE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO Sommario: Download ed aggiornamento firmware GPS SAFE... 3 Track Manager, download ed installazione.... 4 Configurazione GPS SAFE ed utilizzo

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

ONDA H600 PC Card UMTS/GPRS - HSDPA. Manuale Utente

ONDA H600 PC Card UMTS/GPRS - HSDPA. Manuale Utente ONDA H600 PC Card UMTS/GPRS - HSDPA Manuale Utente 1 INDICE 1. Introduzione PC Card...3 1.1 Introduzione...3 1.2 Avvertenze e note...3 1.3 Utilizzo...4 1.4 Requisiti di sistema...4 1.5 Funzioni...4 1.6

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Considerazioni generali nella progettazione di una rete

Considerazioni generali nella progettazione di una rete Considerazioni generali nella progettazione di una rete La tecnologia che ormai costituisce lo standard per le reti LAN è l Ethernet per cui si sceglie di realizzare una LAN Ethernet 100BASE-TX (FastEhernet)

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli