New Tablet & Business Application New Tablet & Apps: il nuovo paradigma del Mobile Business. Introduzione Executive Summary

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "New Tablet & Business Application New Tablet & Apps: il nuovo paradigma del Mobile Business. Introduzione Executive Summary"

Transcript

1 New Tablet & Business Application New Tablet & Apps: il nuovo paradigma del Mobile Business Introduzione Executive Summary Giugno 2012

2 Introduzione Non è certo nuovo il tema della Mobility in azienda, intesa come l impatto delle ICT a supporto delle attività lavorative svolte on the go. Grazie al trinomio costituito da «dispositivi New Tablet, Business Apps ed Enterprise Application Store», il tema è tornato prepotentemente in voga. È quanto emerge dall analisi sui 230 CIO che hanno partecipato alla Ricerca dell Osservatorio New Tablet & Business Application. Non è solo moda, ma un concreto fermento innovativo che impatta anche sulle priorità con cui sono definiti gli investimenti in ICT delle imprese italiane: per circa due CIO su tre le priorità di investimento nelle soluzioni di Mobile Business sono aumentate con l avvento dei New Tablet. Per 1 CIO su 3 la Mobility è una top priority già da quest anno mentre lo sarà addirittura per 1 CIO su 2 nel prossimo anno. E anche i budget ICT destinati alla Mobility ne risentono, e sembrano immuni dai tagli alla spesa assai diffusi in questo periodo: nel 50% dei casi rimarranno costanti mentre per l altro 50% aumenteranno addirittura. Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 7

3 Introduzione In questo scenario la seconda edizione dell Osservatorio New Tablet & Business Application, oltre a scattare una fotografia sullo stato di diffusione di queste nuove soluzioni di Mobility, ha approfondito diversi casi concreti di introduzione di New Tablet e Enterprise Application Store, con l obiettivo di comprenderne criticamente gli impatti sui processi di business, stimarne i benefici e calcolarne, di conseguenza, il ROI. Umberto Bertelè Andrea Rangone 8 Il Rapporto con i risultati completi della Ricerca è scaricabile da

4 In continuità con le attività di Ricerca iniziate lo scorso anno dall Osservatorio New Tablet & Business Application, abbiamo coinvolto più di 230 CIO delle principali aziende italiane 1 per comprendere come il trinomio costituito da «New Tablet 2, Business Apps 3 ed Enterprise Application Store 4» stia concretamente influenzando le loro strategie e, più in generale, i percorsi di adozione di soluzioni Mobile Business nelle imprese del nostro paese. L analisi sui CIO ha consentito di monitorare il fenomeno e comprendere quali trend si sono sviluppati con l adozione dei New Tablet in ambito Business. La diffusione dei New Tablet nelle imprese italiane L adozione dei New Tablet a supporto del business Oltre la metà dei CIO che hanno partecipato alla Ricerca 2012 ha già introdotto dispositivi New Tablet (56%). Tra questi CIO prevale una netta percezione di soddisfazione verso questi device: infatti, il 66% si dichiara pienamente soddisfatto dell adozione dei New Tablet e un altro nutrito gruppo (31%) abbastanza soddisfatto. Tra i CIO che non hanno ancora adottato i New Tablet (44%), la maggioranza si dimostra intenzionata a introdurli: alcuni hanno già deciso di farlo nel breve termine (12% sul totale), mentre altri stanno valutando di farlo nel medio/lungo periodo (25% sul totale). Infine, meno di 1 CIO su dieci (7%), a oggi, dichiara di non aver intenzione di adottare i New Tablet, prevalentemente per motivazioni oggettive : circa i 3/4 di questi CIO, infatti, non ha per- 1 Alla Ricerca 2012 hanno partecipato oltre 230 CIO delle principali organizzazioni italiane, sia pubbliche sia private. Per maggiori informazioni consultare la Nota metodologica. 2 I New Tablet sono dispositivi portatili, dotati di connettività always on (WiFi e/o rete cellulare), di piccole dimensioni (7, 8.9, 10, ecc.), caratterizzati da schermi multitouch e tipicamente dall assenza di una tastiera fisica. 3 Per Business App intendiamo un nuovo paradigma di applicazioni software che rispetto alle applicazioni classiche sono caratterizzate da alcune differenze sostanziali: sono facilmente installabili e disinstallabili, non interferiscono con il funzionamento di altre Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 9

5 Apps (o del sistema operativo); sono in grado di sfruttare le caratteristiche intrinseche del device mobile su cui vengono installate (geolocalizzazione, accelerometro, ecc.) e sono automaticamente integrate con le Apps native del dispositivo (la rubrica indirizzi, il calendario, ecc.); infine sono intuitive e facili da utilizzare, rispondendo a specifiche (e spesso limitate) esigenze. 4 Un Application Store (AS) è un luogo virtuale dal quale è possibile distribuire e gestire le applicazioni sviluppate per i dispositivi mobili, controllarne il licensing e l aggiornamento, l integrità e la sicurezza. sonale in mobilità da supportare o non trova il dispositivo adatto alle necessità del proprio business, mentre un altra piccola parte ha recentemente concluso un progetto in cui ha introdotto un altro device. È interessante confrontare questi valori con quelli analoghi emersi dalla Ricerca Il dato che colpisce di più non è tanto la crescita di chi ha adottato i New Tablet (che comunque passa dal 47% del 2011 al 56% del 2012), quanto piuttosto la dimensione di chi non ha intenzione di adottarli: nel 2011 un CIO su quattro (26%) si era dichiarato disinteressato all adozione, mentre, a poco più di sei mesi di distanza, i disinteressati sono scesi a meno di 1 su 10 (7%). Un analisi approfondita dei trend effettuata su un subset specifico di 112 CIO del panel dei rispondenti alla survey consente di identificare in modo ancora più evidente come, in quest ultimo anno, alcuni CIO hanno affrontato il tema New Tablet. Complessivamente si assiste a una forte accelerazione rispetto al 2011: più di metà di chi intendeva adottare a breve i New Tablet li ha già introdotti. Tra chi intendeva dotarsene nel medio periodo, più di metà li ha adottati. Infine, persino tra quanti non avevano intenzione di adottare i New Tablet, più di 1 CIO su 5 li ha già introdotti e quasi 1 su 2 lo farà in futuro. L adozione dei New Tablet nelle diverse famiglie professionali Relativamente alle figure professionali dotate di dispositivi New Tablet, la Ricerca 2012 conferma quanto già emerso lo scorso anno: gli Executive & C-Level nella maggioranza dei casi (65%) utilizzano già questi dispositivi (era il 55% nel 2011) oppure li riceveranno nel futuro (33%); 10 Il Rapporto con i risultati completi della Ricerca è scaricabile da

6 il personale di Vendita in parte già li utilizza (29%, era il 17% nel 2011), ma soprattutto è destinato a riceverli nel futuro (65%); tra i Manutentori poco più di 1 su 10 (13%) ha il New Tablet e più di 4 su 10 li avranno a disposizione nel breve-medio periodo resta invece quasi inalterato il numero di CIO che non ritengono i New Tablet adatti a queste figure professionali (45% nel 2011 e 42% nel 2012); i Trasportatori li utilizzano poco (solo nell 8% dei casi) e solo in pochi (19%) li riceveranno in futuro (5% a breve e 14% nel medio/lungo termine). Si conferma peraltro il numero di CIO non interessati a introdurre i New Tablet a supporto di questa figura professionale (73% sia nel 2011 sia nel 2012). Anche in questo caso, considerando il subset di CIO che ha partecipato sia alla Ricerca 2011 sia a quella 2012, è stato possibile analizzare con un maggior livello di dettaglio i trend specifici per ogni singola figura professionale. Con riferimento a Executive & C-Level e al Personale di Vendita, la gran parte dei CIO che nel 2011 avevano dichiarato la volontà di introdurre i New Tablet per queste figure professionali, lo ha effettivamente fatto nel 2012 nonostante la situazione macro-economica nazionale e internazionale. Ancora più significativo è il fatto che, tra i CIO non intenzionati a introdurre i New Tablet nel 2011, la quasi totalità ha cambiato opinione nel 2012 e alcuni li hanno addirittura già introdotti. Si può concludere che Executive & C-Level hanno già oppure avranno sicuramente un New Tablet nel proprio parco di device business, mentre il Personale di Vendita li avrà quasi sicuramente a propria disposizione, anche se in tempi un po più lunghi. Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 11

7 Per quanto riguarda Manutentori e Trasportatori, l accelerazione tra 2012 e 2011 risulta invece decisamente meno evidente. Questo andamento può dipendere, per esempio, dall attuale sostanziale immaturità del mercato nell offrire dispositivi che sappiano rispondere concretamente alle esigenze di robustezza e usabilità in condizioni di utilizzo estreme. Il ruolo dei New Tablet tra Smartphone e Notebook: cannibalizzazione? L ingresso dei New Tablet nel Business fa sorgere spontanea una domanda: le imprese sostituiranno (in toto o in parte) i dispositivi mobile oggi utilizzati dai dipendenti, oppure sarà necessario fare spazio nelle borse per introdurre anche questi nuovi device? Per rispondere a questa domanda è opportuno affrontare il tema sulla base di quanto si sta valutando di fare per ciascuna specifica famiglia professionale. Per quanto riguarda Executive & C-Level, i New Tablet si affiancheranno agli altri dispositivi che già compongono la loro dotazione mobile. Molto raramente i New Tablet andranno a sostituire gli Smartphone (6%) mentre quasi in un quarto dei casi sostituiranno i Notebook (23%). Con riferimento al Personale di Vendita, i New Tablet sostituiranno soprattutto Notebook/ Netbook (40%), e in qualche raro caso anche gli Smartphone (6%) o altri dispositivi mobili (5%) oggi in dotazione alla forza commerciale. Per la Workforce di Manutentori, 1 CIO su 4 pensa di sostituire i Notebook/Netbook con i New Tablet e un altro CIO su 4 li affiancherà ad altri strumenti oggi già in uso. Solo un 10% sta sostituendo gli Smartphone e un 3% altri terminali specifici oggi in dotazione (palmari, terminali industriali, ecc.). 12 Il Rapporto con i risultati completi della Ricerca è scaricabile da

8 Infine, per i Trasportatori ancorché la base empirica dei CIO che gestiscono questa figura professionale e che hanno risposto alla Survey 2012 risulti limitata si riduce l effetto sostituzione emerso dall analisi dello scorso anno, soprattutto verso Notebook/Netbook 5. La sfida della sicurezza Un tema fondamentale legato all introduzione dei dispositivi New Tablet (siano essi aziendali oppure personali) a supporto dei processi di business è quello della sicurezza dei dati eventualmente presenti all interno di questi device mobili. La presenza di nuovi e diversi Sistemi Operativi, l importanza di integrare le Business Apps tra loro e con i Sistemi Informativi aziendali, la possibile coesistenza sullo stesso device di Business Apps e Apps personali, l elevata portabilità dei New Tablet che li espone al rischio di furti e/o smarrimenti più frequenti (rispetto a quanto accade per i Notebook) rappresentano tutte aree di rischio potenziale non trascurabili per i CIO. 5 Nel Report completo, disponibile online su da Ottobre 2012, saranno presenti tutti i dati, per figura professionale, sia sull effetto sostituzione dei New Tablet su Notebook/ Netbook, Smartphone e Altri terminali sia sull introduzione ex-novo o in affiancamento ad altri device mobili. Per affrontare il tema sicurezza, la maggior parte dei CIO intende orientarsi verso architetture Web-based per le applicazioni mobili (42%), evitando di memorizzare in locale, sul dispositivo, dati aziendali sensibili, che restano così accessibili solo da remoto e tramite autenticazione, oppure ricorrere a funzionalità di Remote Wipe (41%), che consentono la cancellazione totale e da remoto di tutti i dati presenti sul dispositivo in caso di furto o smarrimento; da ultime, le logiche Sandbox, che racchiudono i dati aziendali in un blocco crittografato, sono scelte da un CIO su cinque. Rispetto alle opinioni raccolte nella Ricerca 2011 è in calo la propensione verso le architetture Web based e l interesse verso logiche Sandbox, mentre cresce l orientamento ad adottare soluzioni di Remote Wipe. Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 13

9 Per contro, la percentuale di CIO che non ha ancora considerato puntualmente le tematiche legate alla sicurezza dei dati (27%, in netta crescita rispetto al 12% del 2011), è spiegabile solo attraverso la considerazione che in ancora molti casi i device mobili non supportano applicazioni strategiche, necessariamente integrate con i Sistemi aziendali e che quindi richiedono di porre attenzione alla sicurezza. Non bisogna dimenticare, infine, che il tema della sicurezza può impattare anche sull usabilità delle soluzioni Mobile: un utilizzo spinto di strumenti a protezione dei dati (come, per esempio, la richiesta di password di criptazione particolarmente lunghe o l impossibilità di trasferire i dati da un ambiente personale a uno lavorativo) può rendere difficoltoso e quindi poco orientato all utente l utilizzo dei New Tablet e delle Business Apps. Per la Direzione IT diventa quindi fondamentale tenere in considerazione anche questi elementi nella scelta della soluzione migliore da adottare a supporto della sicurezza dei dati aziendali, aggiungendo un livello di complessità ulteriore. Continua la battaglia dei Sistemi Operativi Un altro elemento di attenzione che i CIO non possono sottovalutare nell adozione dei dispositivi mobili (New Tablet su tutti) è costituito dal Sistema Operativo che caratterizza i device stessi: sia per scegliere il dispositivo migliore per gli specifici utenti, sia per restare aperti al fenomeno del Bring Your Own Device, che potrebbe avere trend di crescita significativi nel prossimo futuro. La battaglia dei Sistemi Operativi presenti sui New Tablet (ios di Apple, Android di Google, QNX di RIM-BlackBerry, Windows di Microsoft) rimane estremamente attuale: 14 Il Rapporto con i risultati completi della Ricerca è scaricabile da

10 il 29% dei CIO rispondenti ha infatti individuato un solo Sistema Operativo di riferimento (contro il 23% del 2011), mentre il 45% ne ha individuati due (in crescita rispetto al 29% del 2011). ios continua a essere il sistema operativo più selezionato dai CIO (anche in considerazione del fatto che è stato il primo disponibile sul mercato), seguito da Android, QNX e da Windows 6. Queste evoluzioni rispecchiano un naturale andamento del mercato di questi nuovi dispositivi mobili, caratterizzato da un offerta sempre più ampia, capace di soddisfare le specifiche esigenze di processi di business molto diversi, che richiederà ai CIO di valutare con sempre maggiore attenzione quale dispositivo (e, con esso, quale Sistema Operativo) risulta più adatto a supportare in Mobilità ogni figura professionale. La diffusione degli Enterprise Application Store e il fenomeno delle Business Apps nelle imprese italiane 6 Nel Report completo, disponibile online su net da Ottobre 2012, verranno analizzate puntualmente le motivazioni alla base della scelta del Sistema Operativo di riferimento. L adozione degli Enterprise Application Store e le diverse tipologie Affrontare l innovazione introdotta dall avvento dei New Tablet in ambito Business necessita di considerare l intero trinomio dispositivo applicazione piattaforma di gestione, cioè «New Tablet Business Apps Enterprise Application Store». Questa terna mutua in ambito business la formula «New Tablet Apps Application Store» tipica dell esperienza consumer. In particolare, proprio il concetto di Application Store in ambito business risulta allo stesso tempo complesso e rilevante per i CIO, in quanto rappresenta lo strumento di governance indispensabile per affrontare questa nuova ondata innovativa nel Mobile Business. Riportiamo di seguito la classificazione delle diverse opportunità con cui i CIO possono implementare un Enterprise Application Store. Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 15

11 I Consumer Application Store sono i normali mega-store rivolti al consumatore finale, dedicati a un singolo sistema operativo nei quali è consentito l accesso pubblico anche ad applicazioni business standard (di produttività individuale o d i supporto a processi non personalizzabili) ma anche l accesso privato ad applicazioni sviluppate appositamente per i dipendenti (per numeri limitati di utenti o di dispositivi identificati univocamente). I Business Application Store dei Provider sono piattaforme gestite da singoli provider (System Integrator, Mobile Network Operator, Hardware Manufacturer, Software House, ecc.) in grado di raccogliere applicazioni business sia standard sia customizzate, supportando anche diversi sistemi operativi mobili e diverse tipologie di accesso, sia pubblico sia privato. I Private Enterprise Application Store rappresentano piattaforme completamente private, implementate da una singola organizzazione (in house o in outsourcing) e rivolte in modo selettivo a diverse famiglie di specifici utenti, spesso in grado di interfacciarsi con sistemi operativi diversi. Tutte le tre tipologie di Application Store sopra descritte sono caratterizzate da funzionalità standard di Application Management, come la pubblicazione di App, il download e il controllo degli accessi, la gestione del licensing e degli aggiornamenti (in modalità push, ovvero segnalando all utente la presenza di un aggiornamento disponibile per il download) e la verifica di integrità delle App. La maggior parte dei CIO che hanno introdotto un Enterprise Application Store (o lo faranno in futuro) è orientata a introdurre un proprio Private Enterprise Application Store (56%). Il 29% dei CIO, invece, sta adottando i Business Application Store dei Provider, mentre il restante 15% intende gestire le applicazioni di business attraverso i Consumer Application Store. 16 Il Rapporto con i risultati completi della Ricerca è scaricabile da

12 Per introdurre una governance e una gestione più efficace a livello aziendale dell ecosistema composto dai nuovi dispositivi (Smartphone e New Tablet), dalle Business Apps e da tutte le informazioni che le Apps utilizzano e generano, è spesso necessario arricchire gli Enterprise Application Store anche con le funzionalità tipiche delle soluzioni di Device Management. Grazie a queste ultime è infatti possibile garantire la sicurezza dei dati delle Apps presenti localmente sui device, effettuare il provisioning sui dispositivi, gestire la profilazione degli utenti e, in generale, garantire il rispetto delle policy aziendali (per esempio richiedendo la modifica periodica della password di accesso al dispositivo, ecc.), estendendo così anche ai dispositivi mobili le logiche del tradizionale Desktop Management. Analizzando in dettaglio i Private Enterprise Application Store, emerge come più di 1 CIO su 2 stia pensando a una piattaforma prevalentemente orientata all Apps Management; negli altri casi, si preferisce adottare una soluzione integrata di Apps e Device Management. Le Business Apps che popolano gli Enterprise Application Store Le Business Apps che possono essere introdotte all interno delle organizzazioni, tipicamente attraverso un Enterprise Application Store, sono raggruppabili in 2 macro-categorie: «sviluppate ad hoc» e «standard». Le Business Apps «sviluppate ad hoc» sono applicazioni mobile finalizzate a rispondere alle richieste di una specifica organizzazione per supportare un altrettanto specifico processo; solitamente queste soluzioni sono caratterizzate da un elevato livello di integrazione con i Sistemi Informativi aziendali e supportano i processi chiave nell azienda che le adotta. Queste Business Apps richiedono di porre particolare attenzione alla definizione di una Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 17

13 strategia mobile, in quanto è opportuno che vengano integrate sia con i Sistemi Informativi sia, a tendere, potenzialmente anche tra loro. Il rischio è quello di veder proliferare isole applicative orientate a supportare specifici processi di business con soluzioni e piattaforme tra loro diverse, non coerenti e poco integrate, che possono richiedere interventi di back office anche significativi. Occorre dunque un chiaro orientamento a soluzioni che supportino una gestione consapevole, tecnologicamente efficiente e governabile per garantire continuità ed efficacia ai progetti della Mobility. Le Business Apps «standard», invece, sono applicazioni che hanno un grado limitato o nullo di personalizzazione sugli specifici processi di business che supportano. Tra queste troviamo soluzioni sia verticali per processi (ad esempio Apps rivolte alla forza vendita o destinate alla gestione delle note spese), sia informative e/o di produttività personale (ad esempio Apps per l editing di documenti). Spesso queste Apps «standard» non hanno un elevato livello di integrazione con i Sistemi Informativi aziendali, ancorché, tipicamente, permettano lo scambio di informazioni con altre applicazioni generaliste (per esempio la mail, il calendario, la rubrica indirizzi, ecc.) o l accesso a servizi fruibili in cloud (per esempio servizi di storage online). La Ricerca 2012 ha analizzato anche quali e quante Business Apps sono presenti all interno degli Enterprise Application Store. Dall approfondimento condotto su 30 CIO che hanno già introdotto o introdurranno a breve un Enterprise Application Store emerge come più della metà di questi repository di Apps contenga meno di 10 Apps (il 43% addirittura meno di 5). Gli Store più popolosi, che contano più di 30 applicazioni, sono invece meno di 1 su 5. All aumentare del numero di Business Apps presenti nel Private Enterprise Application Store aumenta, come è ragionevole aspettarsi, il numero di quelle «standard». 18 Il Rapporto con i risultati completi della Ricerca è scaricabile da

14 Gli sviluppatori delle Business Apps Per lo sviluppo delle Business Apps a supporto dei processi aziendali i CIO si stanno rivolgendo a diversi attori, capaci di rispondere, volta per volta, alle specifiche richieste. In alcuni casi (meno del 30%) lo sviluppo è avvenuto internamente, facendo leva sulle risorse e competenze presenti nell organizzazione. Nella maggior parte dei casi la scelta è ricaduta su attori esterni: molto spesso piccole Software House esperte di applicazioni Mobile, evidentemente privilegiando l esigenza di supportare efficacemente il singolo processo portato in mobilità, mentre, meno frequentemente, i CIO si sono rivolti a System Integrator o grandi Software House, considerando critico l aspetto di integrazione tra le Apps e i sistemi informativi esistenti. Accanto a questi attori tradizionali, stanno facendo l ingresso sul mercato anche Web Agency e sviluppatori indipendenti, preferiti, rispettivamente, per la cura degli aspetti grafici delle loro soluzioni e per la flessibilità e prontezza di risposta. Nel futuro questo consentirà alle aziende di avere a disposizione un maggiore numero di possibilità per sviluppare le mobile App, rendendo ancora più critico il tema legato alla loro integrazione e coordinamento. Il paradigma del Bring Your Own Device e i CIO italiani Il grado di adozione del Bring Your Own Device Il paradigma Bring Your Own Device (BYOD), nella sua accezione più ampia, prevede la possibilità per l utente/dipendente di utilizzare, per le proprie attività lavorative, dispositivi mobili che lui stesso ha scelto (acquistandoli autonomamente oppure facendoli comprare all azienda). Dalla Ricerca 2012 emerge come solo il 20% dei CIO abbia già introdotto, con Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 19

15 7 Nel Report completo, disponibile online su da Ottobre 2012, saranno presenti le principali motivazioni relative alla scelta di non introdurre il paradigma BYOD in azienda. diverse accezioni, questo paradigma all interno della propria organizzazione, mentre oltre uno su tre ne stia valutando l introduzione (a breve o nel medio termine) 7. Le diverse accezioni concrete del paradigma Bring Your Own Device nelle imprese italiane Il paradigma BYOD può essere introdotto nelle organizzazioni secondo diverse accezioni, classificabili secondo due assi distinti: la modalità di scelta del dispositivo, che può essere selezionato dal dipendente (tra tutti i device presenti sul mercato o tra un panel pre-selezionato dall azienda) oppure dall azienda; la modalità di acquisto del dispositivo, che può essere effettuato dal dipendente (con o senza un contributo aziendale) oppure esclusivamente da parte dell azienda. Analizzando in modo congiunto questi due assi emergono quattro modelli di adozione tra loro molto diversi, non sempre coerenti con il concetto più puro di BYOD: Take Only My Device questo modello concede ben poca autonomia al dipendente, dal momento che la scelta e l acquisto del dispositivo vengono effettuati direttamente ed esclusivamente dall azienda; Bring Only the Device I Choose for You il dispositivo è scelto dall azienda ma è acquistato dal dipendente (con o senza contributo aziendale); Choose Your Own Device in questo caso il dispositivo è scelto dal dipendente (tra tutti quelli presenti sul mercato oppure tra un subset predefinito) ma è completamente acquistato dall azienda; Bring Your Own Device il dipendente può scegliere e acquistare in autonomia il dispositivo mobile. 20 Il Rapporto con i risultati completi della Ricerca è scaricabile da

16 Nella pratica, all interno della stessa organizzazione spesso si incontrano policy distinte per le diverse figure professionali, che portano all adozione in contemporanea di due (o più) modelli tra quelli descritti. È questo il caso più frequente anche tra i CIO che hanno partecipato alla Ricerca (64% dei casi). Per Executive & C-Level il modello più adottato è infatti quello del Choose Your Own Device, che lascia ai dipendenti la possibilità di scegliere il device che preferiscono, acquistato per loro dall azienda. Per le altre Figure Professionali, invece, nella maggioranza dei casi (80%) non è concessa libertà di scelta, dovendo utilizzare (a volte acquistandolo direttamente) il dispositivo mobile scelto per loro dall azienda (Bring Only the Device I Choose for You). Laddove si sceglie di adottare una policy uniforme per tutti i dipendenti, in più della metà dei casi si decide di seguire un approccio molto restrittivo, di fatto accentrando in capo all azienda la scelta del dispositivo, a volte richiedendo ai dipendenti di contribuire all acquisto del device. Oltre alla modalità di acquisto e di scelta del dispositivo, bisogna considerare anche il tema legato all integrazione dei dispositivi mobili con i Sistemi Informativi. Dalla Ricerca emerge come oggi il livello più elevato di integrazione sia raggiunto soprattutto in presenza di dispositivi completamente aziendali, ovvero scelti e acquistati direttamente dalle organizzazioni, a riprova dell ancora limitata maturità di questo paradigma nelle realtà italiane. In sintesi, dalla Ricerca emerge quindi un livello di adozione ancora ai primi stadi del BYOD come paradigma organizzativo per la gestione della Mobility. Eppure le opportunità concrete derivanti dall adozione consapevole del BYOD non mancano. Le esperienze più consapevoli e significative effettuate in prevalenza oltreoceano evidenziano la presenza di interessanti benefici tangibili : dalla riduzione di costi correnti e/o investimenti, legati alla locazione o all acquisto dei dispositivi mobili, fino alla diminuzione del numero di ri- Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 21

17 chieste di assistenza all help desk IT, nel caso in cui ci si affidi a community di utenti che si supportano reciprocamente sulle principali criticità informatiche. I benefici e il grado di maturità della Mobility nelle imprese italiane I benefici della Mobility e i ROI Case L avvento del trinomio «New Tablet Business Apps Enterprise Application Store» sta contribuendo a scardinare le storiche barriere all adozione di progetti di Mobility in ambito Business: barriere sia organizzative (scarso commitment a livello di Top Management, resistenze da parte degli utenti dovute a scarsa familiarità coi terminali, inerzie all adozione, timore di perdere autonomia a favore di un maggiore controllo, scarso coinvolgimento del Middle Management con conseguente comportamento inerziale ) sia tecnologiche (difficoltà di integrazione e sincronizzazione tra diversi sistemi, autonomia e resistenza dei terminali, usabilità dei dispositivi, sicurezza dei dati contenuti nel device e dell accesso al Sistema Informativo, limiti di banda, grado di copertura della rete). Ogni elemento di questo ecosistema ha infatti proprie caratteristiche peculiari che creano un punto di rottura con il passato, contribuendo a sviluppare concrete opportunità di innovazione e a introdurre benefici specifici nelle organizzazioni pubbliche e private del nostro paese. 22 Il Rapporto con i risultati completi della Ricerca è scaricabile da

18 I Benefici e la redditività delle soluzioni Mobile Business Le aree di impatto delle applicazioni Mobile a supporto del business sono molteplici: molte applicazioni diverse supportano processi diversi in ogni settore e i benefici (sia tangibili, sia intangibili) sono spesso particolarmente rilevanti 8. Con riferimento ai benefici tangibili, le soluzioni Mobile Business comportano un aumento della produttività delle risorse (umane in particolare) o della qualità dei processi (per esempio, legate a una riduzione di informazioni sbagliate o incomplete, e quindi all incremento di accuratezza con cui sono inserite le informazioni sui sistemi, ecc.). Entrambi questi benefici possono essere relativi sia ai processi di frontoffice, cioè quelli gestiti direttamente in presenza del cliente (raccolta di un ordine, registrazione di un intervento di manutenzione, ecc.), sia ai processi di back-office (per esempio, registrazione degli ordini di un commerciale, raccolta dei dati di intervento di una rete di manutentori, allestimento spedizioni, ecc.). 8 Per maggiori informazioni si veda il Rapporto 2009 Mobile & Wireless Business: casi reali, valore tangibile, dell Osservatorio Mobile & Wireless Business di Assinform e della School of Management del Politecnico di Milano. Tra i benefici tangibili si trovano anche quelli relativi all aumento dei ricavi, riconducibili a due tipologie principali: crescita dei ricavi a parità di risorse e aumento della soddisfazione dei clienti. Il primo si riferisce alla possibilità di gestire incrementi nei volumi di attività senza dover aumentare le risorse coinvolte. La maggiore soddisfazione dei clienti, può invece essere l effetto di due differenti driver: il miglioramento nella qualità esterna, cioè visibile al cliente (per esempio, meno errori nelle consegne, migliore capacità di suggerire prodotti alternativi a quelli desiderati ma rapidamente disponibili, ecc.) e/o la riduzione dei tempi visibili al cliente (tempo di risposta alle richieste del cliente, tempo di consegna, livello di servizio, ecc.). Per quanto riguarda i benefici intangibili, è possibile ricondurli a tre principali categorie: benefici legati all immagine (nei confronti in particolare dei clienti, ma più in generale di qualsiasi stakeholder); benefici ricollegabili a un aumento della quantità, qualità e tempestività dei dati disponibili per il Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 23

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano www.osservatori.net COMUNICATO STAMPA Osservatorio Mobile Enterprise Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Il mercato

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

La gestione avanzata della forza vendita: mobile e off-line, ma integrata nei processi aziendali.

La gestione avanzata della forza vendita: mobile e off-line, ma integrata nei processi aziendali. La gestione avanzata della forza vendita: mobile e off-line, ma integrata nei processi aziendali. Gabriele Ottaviani product manager - mobile solutions - Capgemini BS Spa premesse...dovute soluzione off-line...ma

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale Freight&Shipping www.sp1.it marittimo AEREO VIA TERRA dogana magazzino doganale business intelligence SP1, il Freight & Shipping entra spedito nel futuro SP1 è un nuovo applicativo web. Non si installa

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos

Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos L Autore Lino Fornaro, Security Consultant Amministratore

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 NetConsulting 2014 1 INDICE 1 Gli obiettivi della Survey...

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche della Mobilità e del Trasporto Pubblico Locale LAZIOSERVICE S.p.A. Progetto Trasporti Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di Obiettivi

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S.

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. All accensione del Tab e dopo l eventuale inserimento del codice PIN sarà visibile la schermata iniziale. Per configurare

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet OUCH! Ottobre 2012 IN QUESTO NUMERO Introduzione Le precauzioni da prendere Cosa fare in caso di smarrimento o furto Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet L AUTORE DI QUESTO NUMERO Heather

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli