VADEMECUM TRAFERIMENTO ALL ESTERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM TRAFERIMENTO ALL ESTERO"

Transcript

1 VADEMECUM TRAFERIMENTO ALL ESTERO Guida pratica al trasferimento (Cosa fare ed a quale Ufficio rivolgersi per il corretto e celere adempimento dell iter procedurale relativo al servizio all estero). Il dipendente destinato in servizio presso una Sede all estero, o richiamato al Ministero, deve ricevere dalla DGPE Ufficio II (Movimenti - 3 piano - lato stadio olimpico) la comunicazione ufficiale del trasferimento (nota di trasferimento). I movimenti sono disposti, con un preavviso di almeno 60 giorni, nei mesi da luglio a settembre, fatte salve specifiche esigenze di servizio che impongano tempi di trasferimento diversi. Ricevuta la nota di trasferimento, l interessato può attivare le procedure per la richiesta di: rilascio del passaporto di servizio o diplomatico; emissione del titolo di viaggio prepagato, nel caso di trasferimento dall Italia all estero; anticipo per il biglietto di viaggio, nel caso di trasferimento dall estero all Italia o da una ad altra Sede all estero; autorizzazione per eccedenza bagaglio aereo, in aggiunta a quella prevista dalle compagnie aeree; autorizzazione di spesa e richiesta di anticipo per il trasporto degli effetti personali, delle masserizie e l eventuale trasporto dell autovettura; varie. Passaporto di servizio e passaporto diplomatico Il passaporto di servizio, come anche il passaporto diplomatico, deve essere richiesto personalmente alla DGPE Ufficio II (Passaporti 1 piano - corridoio in mezzo ai quattro ascensori). Il coniuge a carico ha diritto allo stesso tipo di passaporto del dipendente, mentre i figli minori (fino ai 18 anni) hanno diritto salvo casi eccezionali (ad oggi Iran ed Iraq) al solo passaporto di servizio. Il rinnovo del passaporto viene effettuato a cura della Sede di servizio, presso la quale deve esserne presentata richiesta con congruo anticipo rispetto alla data di scadenza. Documenti da presentare all Ufficio II per il rilascio: copia della nota di trasferimento; dichiarazione sostitutiva di certificazione (modulo per richiesta rilascio passaporto); documento di riconoscimento; due fotografie; per il dipendente con figli minori: atto di assenso del coniuge (con fotocopia del documento di identità). Qualora sia necessario il visto d ingresso, l Ufficio II provvede al rilascio di un apposita nota verbale da presentare a cura dell interessato e unitamente a due fototessera all Ambasciata del Paese di destinazione.

2 Analoga nota verbale può essere rilasciata, a cura dell Ambasciata italiana nel Paese di servizio o dello stesso Ufficio II, al dipendente in trasferimento da una ad altra Sede all estero. I passaporti devono essere restituiti all Ufficio II, entro un mese dal rientro al MAE. Titolo di viaggio prepagato Il dipendente in trasferimento dall Italia alla Sede all estero può chiedere l emissione di biglietti aerei prepagati per sé, per i propri familiari a carico, per un eventuale accompagnatore di figlio minore fino ai 10 anni nonché, ove spettanti, per eventuali domestici. Occorre chiedere ad almeno due delle Agenzie consigliate (vedi elenco su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento) un preventivo in classe economy (L. 266/2005, art. 1, c. 216), indicando la data del viaggio, il proprio nominativo, quello dei familiari a carico e quello degli altri eventuali aventi diritto. La specifica dei costi deve essere presentata alla DGAABP Ufficio III (3 piano - lato stadio olimpico - corridoio interno) unitamente all apposito modulo compilato (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento). Sulla base della predetta documentazione, l Ufficio III dispone l autorizzazione per l emissione del biglietto che viene poi fatturato all Amministrazione. Per la consegna dei titoli di viaggio il dipendente deve accordarsi direttamente con l agenzia di viaggio. Presso le Agenzie Carlson Wagonlit Italia e Visetur S.r.l. è possibile, seguendo le procedure sopra indicate, chiedere un biglietto ferroviario prepagato. Anticipo per titolo di viaggio Qualora in rientro dall estero od in trasferimento da una ad altra Sede all estero, il dipendente deve effettuare localmente, alla tariffa economicamente più conveniente, la prenotazione del viaggio e chiedere alla DGAABP Ufficio III (3 piano - lato stadio olimpico - corridoio interno) l autorizzazione all acquisto del biglietto e la corresponsione del relativo ammontare (Circolare n. 6 del ) per sé e per i propri familiari a carico (nonché per eventuale accompagnatore di figlio minore fino ai 10 anni e, ove spettanti, per eventuali domestici) anche nel caso in cui questi ultimi dovessero partire in data successiva a quella del dipendente. Alla richiesta di autorizzazione all acquisto (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento) deve essere allegato il relativo preventivo di spesa. L Ufficio III approva la spesa (ove necessario, previa verifica dei costi) contestualmente a quella relativa al trasporto degli effetti personali e provvede alla corresponsione del relativo ammontare, unitamente a quello anticipato per il trasporto degli effetti personali. N.B. - Ai sensi dell art. 1, c. 216, della L. 266/2005, a tutto il personale in trasferimento da o per l estero spetta il biglietto aereo in classe economica.

3 Autorizzazione per eccedenza bagaglio aereo Previa autorizzazione della DGAABP Ufficio III (3 piano - lato stadio olimpico - corridoio interno), da chiedere con apposito modulo (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento), il dipendente può ottenere il rimborso dell eccedenza bagaglio aereo, oltre i limiti previsti dalle compagnie aeree e secondo i parametri di seguito indicati: per dipendente dell Area Funzionale fino a C2 e Segretario di Legazione Kg. 30 per ciascun familiare a carico Kg. 15 per dipendente dell Area Funzionale C3 e da Consigliere di Legazione Kg. 50 per ciascun familiare a carico Kg. 25 N.B. - L eccedenza bagaglio deve comunque rientrare nel massimale spettante complessivamente per il trasporto delle masserizie e degli effetti personali. La spesa, anticipata dal dipendente, viene rimborsata in fase di rendicontazione su esibizione del tagliando utilizzato e di regolare fattura. In mancanza della predetta autorizzazione viene meno il diritto al rimborso. N.B. - La normativa vigente non prevede il trasporto di animali domestici. Autorizzazione di spesa e richiesta di anticipo per trasporto masserizie ed autovettura Per acquisire l approvazione di spesa e l anticipo per il trasporto delle masserizie e dell autovettura, il dipendente deve chiedere a due società di trasporto un preventivo di spesa rientrante nelle spettanze di peso consentito (*) dalla normativa vigente. Per la scelta della società di trasporto, consultare l albo ministeriale (vedi elenco su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento) oppure rivolgersi ad altra ditta di fiducia, purché iscritta alla Camera di Commercio. Il dipendente deve presentare alla DGAABP Ufficio III (3 piano - lato stadio olimpico - corridoio interno), unitamente ai due preventivi di spesa: a) l apposito modulo (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento) da compilare in ogni sua parte, indicando i familiari a carico, l eventuale trasporto di autovettura ed il luogo di ritiro o consegna delle masserizie; b) la richiesta di anticipo (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento). L Ufficio III approva la spesa omnicomprensiva e provvede, successivamente, ad erogare l anticipo con accredito sul conto corrente bancario indicato dall interessato, dandone contestuale comunicazione sia al dipendente che alla società di trasporto. (*) Spettanza di peso in Kg. Lordi per dipendente dell Area Funzionale fino a B3 Kg per ogni familiare a carico Kg. 875 per dipendente dell Area Funzionale C2, C1 o equiparato e Segretario di Legazione Kg per ogni familiare a carico Kg. 875

4 per dipendente dell Area Funzionale C3 o equiparato e Consigliere d Ambasciata, Dirigente II fascia, Consigliere di Legazione Kg per ogni familiare a carico Kg. 875 per Ministro Plenipotenziario, Dirigente I fascia, Ministro e Ministro Consigliere di Rappresentanza diplomatica, Console Generale I cl. o equiparato Kg per ogni familiare a carico Kg. 875 per Capo di Rappresentanza diplomatica Kg per ogni familiare a carico Kg. 875 per domestico (spettante da I Segretario o equiparato) Kg. 437 Massimali assicurativi per il trasporto degli effetti personali Il dipendente ha diritto all assicurazione contro tutti i rischi per il trasporto degli effetti (bagaglio, mobili e masserizie). Con D.I , n. 825, i massimali sono stati fissati nelle seguenti misure: euro 2600,00 per ogni quantitativo di effetti di Kg. 100 netti e in misura proporzionale per quantitativi inferiori per il personale appartenente alla Carriera Diplomatica, alla Dirigenza ed all Area Funzionale C3 e C2; euro 1900,00 per ogni quantitativo di effetti di Kg. 100 netti e in misura proporzionale per quantitativi inferiori per il restante personale. Rendicontazione delle spese di trasferimento Il rendiconto delle spese di trasferimento deve essere presentato alla DGAABP Ufficio III (3 piano - lato stadio olimpico - corridoio interno), entro 4 mesi dalla data di assunzione all estero o di rientro in Italia (Circolare n. 9 del ). Alla tabella, da compilare e sottoscrivere in quattro esemplari (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento), deve essere allegata la seguente documentazione in originale più una copia: - biglietti di viaggio utilizzati e relativa fattura (*) - fattura della Società di trasporto debitamente quietanziata - lettera di vettura internazionale (per trasporti terrestri in ambito UE) - bolla doganale (per trasporti terrestri o marittimi al di fuori dell UE) - polizza marittima con fattura (per trasporti marittimi) - certificato d assicurazione - elenco delle masserizie sottoscritto dal dipendente - bolla di ritiro o consegna in altre località in Italia (*) se del caso: - dichiarazione di viaggio effettuato con mezzi propri (trovi il modello su Internet: percorso MAEnet sopra indicato) - dichiarazioni di costo via aerea e via ferroviaria, nella classe e per la tratta spettante, rilasciate da una agenzia alla data di effettuazione del viaggio In caso di smarrimento dei titoli di viaggio è necessario compilare ed allegare al rendiconto l apposito modulo (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento), unitamente all attestazione di utilizzo del biglietto con l indicazione del costo e, per i familiari a carico, la dichiarazione di arrivo

5 degli stessi presso la Sede all estero (formulario 3 allegato alla Circolare n. 8 del : trovi il modello su Internet: MAEnet / Dati > Norme MAE / Circolari). Cessazione da Sede all estero per ragioni diverse dal trasferimento Il dipendente che cessa dal servizio all estero per ragioni diverse dal richiamo al Ministero o dal trasferimento in altra Sede (ad esempio per collocamento a riposo) deve effettuare il trasporto delle masserizie e degli effetti personali entro un anno dalla data di cessazione dalla Sede (DPR 18/1967, art. 206). Esenzione IVA Il dipendente in trasferimento dall Italia può acquistare, in esenzione IVA, merce destinata all estero presentando copia della nota di trasferimento rilasciata dalla DGPE Ufficio II (3 piano - lato stadio olimpico), autenticata dal Capo dell Ufficio di appartenenza. Lo stesso Ufficio II può rilasciare, ove necessario, una specifica attestazione in tal senso. Esenzione doganale Il dipendente richiamato al Ministero può ottenere l esenzione doganale per l importazione delle masserizie e degli effetti personali. A tal fine, all atto della partenza, l interessato deve farsi rilasciare dalla Sede di servizio la dichiarazione di rientro definitivo delle masserizie e degli effetti personali, da presentare alle autorità doganali italiane. In caso di trasferimento da una ad altra Sede all estero, chiedere informazioni in loco presso la rappresentanza diplomatico-consolare del Paese di destinazione. Indennità di servizio all estero e Indennità personale Per conoscere l ammontare dell ISE (Indennità di Servizio all Estero di cui al DPR 18/1967, art. 171) il dipendente può contattare la DGPE Ufficio III (3 piano - lato stadio olimpico - corridoio interno). Per avere informazioni più dettagliate, con riferimento alla propria situazione personale e familiare, deve invece rivolgersi, dopo aver ricevuto la nota di trasferimento, alla DGAABP Ufficio IV (piano rialzato - lato stadio olimpico). I dipendenti fra loro coniugati, destinati a prestare servizio nello stesso ufficio all estero o nella stessa città, ma in uffici diversi, hanno una riduzione dell indennità di servizio nella misura del 14% ciascuno. Assegno per oneri di rappresentanza Unitamente all indennità di servizio, ad alcune categorie di personale (carriera diplomatica, dirigenza amministrativa, direttori degli istituti di cultura, personale AA.FF. inquadrato nelle posizioni economiche C3 e C2, esperti) spetta un assegno, quale contributo forfettario per lo svolgimento delle attività di rappresentanza (DPR 18/1967, art. 171/bis). L importo, da rendicontare annualmente, deve essere restituito qualora non utilizzato. Aumenti per situazioni di famiglia Al dipendente in servizio all estero, se coniugato, è attribuita una maggiorazione del 20% sulla sua indennità di servizio qualora il coniuge non

6 eserciti attività lavorativa retribuita, o non goda di redditi superiori a quello stabilito per essere considerato fiscalmente a carico. Qualora il coniuge fruisca di trattamento pensionistico a carico dell erario o di enti previdenziali, dall aumento per situazioni di famiglia viene detratto l importo della pensione. L aumento non compete nei casi di nullità, annullamento, separazione e divorzio, nonché nei casi di provvedimenti pronunciati da giudice straniero anche se non delibati. Al dipendente con figli a carico spetta per ogni figlio un aumento dell ISE pari al 5% di quella prevista, nello stesso Paese, per il posto di primo segretario o di console. Fatta eccezione per i casi espressamente previsti (gravi ragioni di salute, ragioni di studio, etc.) il diritto a tali aumenti viene meno qualora i familiari non risiedano stabilmente nella sede stessa del titolare. Tra le eccezioni rientra quella del coniuge non convivente per ragioni di studio o di salute dei figli minori, per il quale la maggiorazione viene limitata al 5%. Per residenza stabile si intende un periodo minimo di 9 mesi nel corso dell anno solare, ridotti ad 8 o 7, rispettivamente, in sede disagiata o particolarmente disagiata. L erogazione di tali maggiorazioni (DPR 18/1967, art. 173) deve essere richiesta utilizzando i moduli allegati alla Circolare n. 8 del (trovi il modello su Internet: MAEnet / Dati > Norme MAE / Circolari), da compilare e trasmettere (anticipandone possibilmente copia via fax) alla DGAABP Ufficio IV una volta assunto servizio nella Sede all estero. Indennità di sistemazione Al dipendente trasferito da Roma all estero, o da una ad altra Sede all estero, spetta un indennità di sistemazione calcolata in base all indennità personale spettante all atto dell assunzione (DPR 18/1967, art. 175). Nel caso di dipendenti fra loro coniugati e trasferiti, con un divario fra le date di assunzione inferiore a 360 giorni, allo stesso ufficio all estero o ad uffici ubicati nella stessa città, tale indennità spetta soltanto al dipendente che ne ha diritto nella misura più elevata. L erogazione di tale indennità deve essere richiesta utilizzando l apposito modulo allegato alla nota di trasferimento, da compilare e presentare alla DGAABP Ufficio IV (piano rialzato - lato stadio olimpico) prima della partenza per la Sede di destinazione. Indennità di richiamo dal servizio all estero Al dipendente in servizio all estero richiamato al Ministero viene accreditata, all atto del trasferimento dalla Sede all estero, un indennità (DPR 18/1967, art. 176) maggiorata degli eventuali aumenti spettanti per situazione di famiglia e corrispondente, circa, ad una mensilità percepita nella Sede all estero. Nel caso di dipendenti tra loro coniugati che rientrano dalla stessa Sede, l indennità di richiamo spetta soltanto al dipendente che ne ha diritto nella misura più elevata. L erogazione di tale indennità è subordinata ad una dichiarazione di stato civile, allegata alla nota di trasferimento, da sottoscrivere e trasmettere alla DGAABP Ufficio IV (piano rialzato - lato stadio olimpico).

7 Contributo spese per abitazione Al dipendente in servizio all estero spetta un contributo spese per abitazione (DPR 18/1967, art. 178) qualora il canone di locazione superi il 21% dell indennità personale (ISE + maggiorazioni familiari). Tra il 21 ed il 30% di tale differenza viene concesso un contributo dell 80%. Nei casi in cui il canone sia superiore al 30% dell indennità personale, e limitatamente alla parte compresa tra il 30 ed il 35%, il contributo può essere concesso sentito il parere del Consiglio di Amministrazione. Nel caso di dipendenti tra loro coniugati, il calcolo viene effettuato tenendo conto del cumulo delle due indennità. Il contributo deve essere richiesto, preferibilmente, entro 60 giorni dalla stipulazione del contratto di locazione. Occorre far pervenire, in duplice copia, alla DGAABP Ufficio IV (piano rialzato - lato stadio olimpico) i moduli allegati alla Circolare n. 3 del (trovi i modelli su Internet: MAEnet / Dati > Norme MAE / Circolari), unitamente alla copia conforme del contratto, con relativa traduzione in italiano, ed al parere di congruità rilasciato dal Capo dell Ufficio all estero. N.B. - Alla predetta Circolare n. 3/2003 sono anche allegate le tabelle concernenti gli oneri accessori ammessi e le spese non ammesse a rimborso. Alloggi in immobili demaniali Per informazioni circa le Sedi in cui trova applicazione l art. 84 (alloggi in immobili demaniali) del DPR 18/1967, il dipendente deve contattare la DGAABP Ufficio VII (3 piano, corridoio in mezzo ai quattro ascensori). La richiesta di assegnazione deve essere effettuata dalla Sede di servizio, previa valutazione del singolo caso. Per esigenze di servizio legate all espletamento di particolari mansioni (custodia, cifra) può essere concesso l uso gratuito dell alloggio in immobili adibiti ad uso degli uffici all estero (con una ritenuta del 40% sull indennità di sistemazione). Provvidenze scolastiche Il dipendente con figli a carico che frequentino nel Paese di servizio regolari corsi di istruzione scolastica primaria o secondaria, e che sostiene una spesa superiore all ammontare della maggiorazione dell indennità di servizio che gli compete per ciascun figlio, può chiedere il rimborso delle spese scolastiche relative all iscrizione ed alla frequenza, commisurato alla differenza fra le spese effettivamente sostenute e l ammontare della maggiorazione percepita (DPR 18/1967, art. 179). La domanda deve essere inoltrata alla DGAABP Ufficio IV (piano rialzato - lato stadio olimpico) utilizzando il formulario allegato al telespresso n del (chiedere all Ufficio IV o presso la Sede di servizio). N.B.- L esiguità dei fondi sul capitolo non permette, purtroppo, di soddisfare tutte le richieste.

8 Trattamento economico durante il congedo ordinario Il dipendente in servizio all estero conserva, durante il congedo ordinario ed in corrispondenza dei giorni maturati a tale titolo dopo l assunzione in servizio all estero, l indennità personale (DPR 18/1967, n. 180). L indennità personale compete inoltre per intero, per non più di una volta all anno, per il periodo di tempo corrispondente ai giorni di viaggio per andare e tornare dall Italia. Spese di viaggio per congedo o ferie Il dipendente in servizio all estero ha diritto ogni 18 mesi, e quello che si trova in Sedi particolarmente disagiate ogni 12 mesi, al parziale pagamento (90%) delle spese di viaggio per congedo in Italia, anche per i familiari a carico (DPR 18/1967, art. 181). Per l erogazione di tale rimborso è competente la DGAABP Ufficio III (3 piano, lato stadio olimpico, corridoio interno) alla quale deve essere presentata richiesta utilizzando l apposito modulo di rendiconto (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Rimborso del costo del viaggio di congedo in Italia). Al rendiconto vanno allegati, in fotocopia, i verbali di cessazione e di riassunzione di funzioni per congedo nonché, in caso di viaggio aereo: - biglietto di viaggio, carte d imbarco in originale e relativa ricevuta di pagamento in caso di viaggio per ferrovia o nave - biglietto di viaggio in originale in caso di viaggio con mezzi propri - dichiarazione redatta su apposito modulo (trovi modello su Internet: MAEnet /Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Rimborso del costo di viaggio del congedo in Italia) - dichiarazione di un agenzia di viaggi con indicazione del costo ferroviario o aereo per la classe spettante, debitamente tradotta - biglietto della nave traghetto per i tratti effettuati via mare Trattamento economico durante l assenza dal servizio Il dipendente in servizio all estero, con esclusione dei periodi di ferie o delle assenze connesse al servizio stesso, può assentarsi per un periodo massimo di 60 giorni nell arco dell anno solare (DPR 18/1967, art. 183) durante il quale spetta il seguente trattamento economico: - assenza per infermità > l indennità personale (ISE + maggiorazioni familiari) è corrisposta per intero per i primi 45 giorni ed è sospesa per il restante periodo; - assenze per motivi diversi da quelli di salute, anche se previste dalla normativa contrattuale di comparto (ad esempio i permessi retribuiti di cui all art. 18 del CCNL) > la corresponsione dell indennità personale è sospesa. Fatta eccezione per i casi di particolare infermità che non consentano il trasferimento senza danno del dipendente, il 61 giorno di assenza comporta la decadenza dall organico dell ufficio all estero. Alle lavoratrici madri in astensione dal lavoro ai sensi delle disposizioni vigenti, nonché ai lavoratori padri, spetta il seguente trattamento economico: - astensione obbligatoria per maternità > l indennità personale è corrisposta per intero;

9 - astensione facoltativa per maternità (congedo parentale, malattia figlio), comunque rientrante nel computo dei 60 giorni > l indennità personale è sospesa. N.B. - Per maggiori informazioni v. Internet: MAEnet / Area Istituzionale > Personale / Disposizioni in materia di assenze dal servizio / Malattia all estero. Assistenza sanitaria Il dipendente in trasferimento dall Italia deve recarsi alla Sezione distaccata del Ministero della Salute presso il MAE (piano rialzato, lato Ponte Milvio) munito di nota di trasferimento, di tessera di iscrizione ASL (propria e degli eventuali familiari a carico) e, possibilmente, di libretto sanitario cartaceo (contenente i dati relativi alla ASL di appartenenza). La Sezione provvede al rilascio del modello E106 per le Sedi in ambito UE, SEE e Svizzera, del modello previsto per le Sedi in Paesi con i quali vige una convenzione in materia, o di apposita attestazione per tutti i restanti Paesi. Per il periodo di servizio all estero, al dipendente viene sospeso il rapporto con il proprio medico di fiducia. In caso di temporaneo soggiorno in Italia, però, l interessato può ugualmente rivolgersi al predetto medico o ad altro convenzionato con il S.S.N. facendo ricorso al regime della visita occasionale, che prevede la corresponsione della relativa spesa. Può anche recarsi gratuitamente presso il Medico di medicina generale del Poliambulatorio ASL RM E operante al MAE. Nel corso di brevi spostamenti (missioni, studio, vacanza) in altri Paesi UE, SEE ed in Svizzera, per le prestazioni sanitarie necessarie può essere utilizzata la Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM). Le predette disposizioni si estendono agli eventuali familiari a carico. Controllo medico periodico Il dipendente in servizio all estero può chiedere ogni 18 mesi o, qualora presti servizio in Sedi particolarmente disagiate, ogni 12 mesi, ovvero entro 60 giorni dal rientro al Ministero, un esame medico generale di controllo per sé e per i propri familiari a carico (DPR 18/1967, art. 210). Il predetto esame viene di norma eseguito presso le strutture sanitarie del Poliambulatorio ASL RM E operante al MAE, dietro presentazione dell attestato di diritto da richiedere alla DGPE Ufficio VI (3 piano - lato stadio olimpico) con apposito formulario (trovi il modello su Internet: (MAEnet / Area Istituzionale > Affari Sociali / Servizi dell Ufficio / Controllo Medico Periodico del Personale in servizio all estero). Assicurazione sanitaria privata Il dipendente in servizio in Paesi ove non viene erogata l assistenza sanitaria in forma diretta può stipulare una polizza di assicurazione per prestazioni sanitarie in caso di malattia, infortunio e maternità sulla base della quale vengono rimborsate, nel limite dell 85%, le spese connesse al premio pagato (DPR 18/1967, art. 211).

10 Nel caso di copertura assicurativa dei familiari, questi devono risultare effettivamente a carico e conviventi nella sede di servizio (salvo i casi espressamente previsti dalla normativa vigente). Per informazioni rivolgersi alla DGPE Ufficio VI (3 piano) o consultare Internet (MAEnet / Area Istituzionale > Affari Sociali / Servizi dell Ufficio / Assicurazione Sanitaria Privata all estero). Assicurazione contro i rischi Il dipendente in servizio in Paesi caratterizzati da situazioni di pericolosità suscettibili di porre a serio rischio l incolumità fisica ha la possibilità di stipulare una polizza, a carico del MAE, per la copertura (DPR 18/1967, art. 211) di tali rischi. Oltre al dipendente, è ammesso al beneficio dell assicurazione anche il coniuge purché residente nella sede di servizio. Per informazioni rivolgersi alla DGPE Ufficio VI (3 piano) o consultare Internet (MAEnet / Area Istituzionale > Affari Sociali / Servizi dell Ufficio / Assicurazione Sanitaria Privata all estero). Sedi disagiate e particolarmente disagiate Considerata l evoluzione normativa in materia pensionistica, per le maggiorazioni derivanti dal servizio presso le Sedi disagiate e particolarmente disagiate il dipendente può chiedere informazioni aggiornate alla data del trasferimento, presso la DGAABP Ufficio V (3 piano - corridoio in mezzo ai quattro ascensori). Novembre 2006 UIL-PA/Esteri UIL - PA / Esteri guida pratica al trasferimento

Nota Bene: la presente circolare annulla e sostituisce la circolare n. 6 del 29 aprile 1999 (C/X/3) che va stralciata dal raccoglitore verde.

Nota Bene: la presente circolare annulla e sostituisce la circolare n. 6 del 29 aprile 1999 (C/X/3) che va stralciata dal raccoglitore verde. C/X/3 DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI AMMINISTRATIVI, DI BILANCIO E IL PATRIMONIO UFFICIO IV Circolare n. 3 OGGETTO Contributo alle spese di abitazione del personale di ruolo in servizio all estero Roma,

Dettagli

durata aventi diritto

durata aventi diritto IL TRATTAMENTO ECONOMICO DI TRASFERIMENTO SPETTANTE AL PERSONALE MILITARE E CIVILE DELLA DIFESA VINCOLATO DA RAPPORTO D IMPIEGO DIRITTO ALL INDENNITA Compete al personale trasferito d autorità da una ad

Dettagli

Adeguamento massimali per la concessione di sussidi, prestiti, spese di rimpatrio, ecc...

Adeguamento massimali per la concessione di sussidi, prestiti, spese di rimpatrio, ecc... Circolare n. 15 Roma, 24 novembre 1998 OGGETTO: Cap. 3532 Norme di Gestione Adeguamento massimali per la concessione di sussidi, prestiti, spese di rimpatrio, ecc... Come noto, a norma dell art. 80 del

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSO SPESE

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSO SPESE REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSO SPESE 1. Ambito di applicazione e norme generali 1. Il presente Regolamento disciplina, compatibilmente con la legislazione vigente, presupposti, modalità di conferimento

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo T : Richiesta nominativa di nulla osta ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. n.286/98 e art. 6 DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni per familiari al seguito per cittadini non presenti

Dettagli

Linee guida Regione Toscana assistenza sanitaria cittadini non italiani

Linee guida Regione Toscana assistenza sanitaria cittadini non italiani Linee guida Regione Toscana assistenza sanitaria cittadini non italiani 5 Parte quinta - Mobilità nei Paesi in cui vigono accordi bilaterali Argentina limitato all assistenza sanitaria per i pensionati

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo S : Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. n. 286 /98 e art. 6 DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni per congiunti non

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Incarico della missione) Articolo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Art. 1 - Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DI SERVIZIO 1. Per missione si intende la prestazione di una attività nell interesse istituzionale dell Ateneo, fuori dall abituale

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione di assegni per il nucleo familiare al personale dipendente

Dettagli

I permessi per i genitori

I permessi per i genitori I permessi per i genitori Questa materia in questione é regolata dalla legge e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria e dell'artigianato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente regolamento disciplina lo svolgimento delle missioni da parte del personale dipendente dell Università

Dettagli

ANTICIPAZIONE T.F.R. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO GIUGNO 2010 EASY BOOK INTESA SANPAOLO

ANTICIPAZIONE T.F.R. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO GIUGNO 2010 EASY BOOK INTESA SANPAOLO ANTICIPAZIONE T.F.R. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO GIUGNO 2010 EASY BOOK INTESA SANPAOLO 1 COS E IL T.F.R.? L art 2120 del Codice Civile regolamenta l istituto del Trattamento di Fine Rapporto che è la

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo S : Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. n. 286 /98 e art. 6 DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni per congiunti non

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 27 febbraio 1998, n.62, Disciplina del trattamento economico per i dipendenti delle pubbliche amministrazioni in servizio all'estero, a norma dell'articolo 1, commi da 138 a 142, della

Dettagli

ANTICIPAZIONE PRIMA CASA

ANTICIPAZIONE PRIMA CASA ANTICIPAZIONE PRIMA CASA NON PUO ESSERE INVIATO VIA FAX 1. DATI DELL ADERENTE Cognome: Nome: Codice Fiscale: Sesso: M F Data di nascita: / / Comune di nascita: Prov: ( ) Tel.: Indirizzo di residenza: CAP:

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del terziario

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del terziario Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del terziario GUIDA per la gestione dei Voucher formativi 2012 Sommario Premessa... 2 1. Soggetto Responsabile del Piano: obblighi

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina)

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO per il rimborso ai dipendenti delle spese sostenute in occasione di missioni fuori dal territorio comunale * * * * * (Approvato con deliberazione

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo GN : Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento del genitore naturale non presente sul territorio nazionale al figlio minore, gia' regolarmente soggiornante in Italia con l altro genitore,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DI SERVIZIO Emanato con D.R. n. 6080 del 16.1.2004 Ultime modifiche apportate con D.R. Rep. n.1354/2013 dell 11/11/2013 In vigore dal 26/11/2013 REGOLAMENTO

Dettagli

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE. Sommario

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE. Sommario BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE Sommario DICHIARAZIONI DELL AZIENDA 2 N. 1 - Comodo di cassa 2 N. 2 - Interesse sul c/c intestato ai familiari dei dipendenti 2 N. 3 - Prestiti

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELLE MISSIONI DELL UNIVERSITÀ DELLA VALLE D AOSTA UNIVERSITÉ DE LA VALLÉE D AOSTE

REGOLAMENTO INTERNO DELLE MISSIONI DELL UNIVERSITÀ DELLA VALLE D AOSTA UNIVERSITÉ DE LA VALLÉE D AOSTE Emanato con Decreto Rettorale n. 50, prot. n. 2129/A13 del 16 giugno 2003 e s.m. e i. (D.R. n. 8, prot. n. 465/A3 del 21 gennaio 2010 e D.R. n. 88, prot. n. 6626/I3, del 24 luglio 2015). REGOLAMENTO INTERNO

Dettagli

Regolamento C.A.L.E.C. C.A.L.E.C. CASSA ASSISTENZA LAVORATORI EDILI DELLE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

Regolamento C.A.L.E.C. C.A.L.E.C. CASSA ASSISTENZA LAVORATORI EDILI DELLE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA C.A.L.E.C. CASSA ASSISTENZA LAVORATORI EDILI DELLE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Via Michelino, 71 Tel.051.510699 Fax. 051.510774 e-mail: info@calecbologna.it Normativa contrattuale relativa il

Dettagli

Università Ca Foscari Venezia REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI

Università Ca Foscari Venezia REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI Consiglio di Amministrazione del 24 settembre 2001 ALLEGATO al punto V - REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI Università Ca Foscari Venezia REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI ART. 1 OBIETTIVI E SCOPI

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO Personale dipendente Personale comandato (incluso il personale ex IRRE) Collaboratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli

Codice Fiscale: Sesso: M F Data di nascita: / / Comune di residenza: Provincia: ( )

Codice Fiscale: Sesso: M F Data di nascita: / / Comune di residenza: Provincia: ( ) FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE N. 102 Albo Fondi Pensione Via C. B. Piazza 8 00161 ROMA 0644254842 FAX 0644118106 Mail previcooper@previcooper.it NON PUÒ ESSERE INVIATO VIA FAX 1. DATI DELL ISCRITTO Cognome:

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Università degli Studi di Torino Direttore Amministrativo Vicario DECRETO RETTORALE N. 57 DEL 30/1/2004 OGGETTO: MODIFICA ART. 5 DEL REGOLAMENTO MISSIONI IL RETTORE Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della Prevenzione e della Comunicazione Direzione Generale per i rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali - Ufficio II - Protocollo DG RUERI/II/

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI Approvato con delibera del Consiglio comunale n. 231 del 23.12.1991 Modificato con delibera del Consiglio comunale n. 10

Dettagli

Regolamento sul trattamento di missione del personale dipendente dell INFN sul territorio nazionale

Regolamento sul trattamento di missione del personale dipendente dell INFN sul territorio nazionale Regolamento sul trattamento di missione del personale dipendente dell INFN sul territorio nazionale Allegato alla delibera del Consiglio Direttivo n. 9941 del 20 dicembre 2006 Regolamento missioni sul

Dettagli

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi.

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi. Elenco dei tipi di assenza previsti dal contratto Enti Locali: Permesso per matrimonio Controlli prenatali. Congedo di maternità. Interdizione anticipata dal lavoro per maternità. Congedo di paternità.

Dettagli

Situazione assicurativa del Ministero degli Affari Esteri

Situazione assicurativa del Ministero degli Affari Esteri Situazione assicurativa del Ministero degli Affari Esteri Il Ministero degli Affari Esteri ha l obbligo di stipulare polizze assicurative per diverse tipologie di personale. Si precisano di seguito le

Dettagli

TESTO AGGIORNATO CON LE MODIFICHE APPROVATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO DELL'INPS CON DETERMINAZIONE N. 734 DEL 17 GIUGNO 2003 ART.

TESTO AGGIORNATO CON LE MODIFICHE APPROVATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO DELL'INPS CON DETERMINAZIONE N. 734 DEL 17 GIUGNO 2003 ART. REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE NELL AMBITO DEI FONDI DI PREVIDENZA ESATTORIALI E DAZIERI DELLA NORMATIVA SULLE ANTICIPAZIONI DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI CUI ALLA LEGGE 29 MAGGIO 1982,N.297 TESTO

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 giugno 2011, n. 631. b. dell art. 35 CCNL delle Regioni e delle Autonomie

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 giugno 2011, n. 631. b. dell art. 35 CCNL delle Regioni e delle Autonomie 17792 Atti di Organi monocratici regionali DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 giugno 2011, n. 631 Disciplina per il trattamento di trasferta co. 6, art. 11, della Legge regionale 4 gennaio

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali

Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali COMUNE DI OULX Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali approvato con deliberazione C.C. n. 15 del 11.05.2005 in vigore dal 12.06.2005

Dettagli

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI IN VIGORE DAL 01.06.2012 INDICE Premessa Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

CREDEMPREVIDENZA FONDO PENSIONE APERTO

CREDEMPREVIDENZA FONDO PENSIONE APERTO CREDEMPREVIDENZA FONDO PENSIONE APERTO Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita CREDEMPREVIDENZA. DOCUMENTO SULLE

Dettagli

ASPI assicurazione sociale per impiego

ASPI assicurazione sociale per impiego ASPI assicurazione sociale per impiego Riforma del mercato del lavoro Legge 92/2012 Enzo Mologni 01-10-2013 ASPI Assicurazione sociale per impiego dal 01-01-2013 In vigore dal 1/1/2013 è un indennità mensile

Dettagli

2. Maternità e Paternità nel

2. Maternità e Paternità nel 2. Maternità e Paternità nel LAVORO AUTONOMO, PROFESSIONALE, PARASUBORDINATO 2.1 Lavoro autonomo La normativa: La tutela della maternità nell ambito del lavoro autonomo ha trovato il primo riconoscimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO. a cura dell'ufficio Attività e Collaborazioni Esterne 1

INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO. a cura dell'ufficio Attività e Collaborazioni Esterne 1 INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO Collaborazioni Esterne 1 PROCEDURA DI ACCESSO L Università degli Studi di Milano- Bicocca, a seguito di procedura pubblica di selezione, può

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Bonus IRPEF: chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Indice 1. Premessa 2. Soggetti beneficiari 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati

Dettagli

Documento sulle anticipazioni

Documento sulle anticipazioni Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sulle anticipazioni (depositato presso la

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione Avviso pubblico per la concessione di prestiti a valere sul Fondo per il Microcredito ai sensi dell articolo 1,

Dettagli

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore)

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore) Criteri e modalità per l attivazione dei tirocini formativi e di orientamento ai sensi dell articolo 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19. Articolo 1 (Oggetto e ambito di applicazione) Nel

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN)

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) 1 Sanità 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) Il Servizio Sanitario Nazionale è l insieme di strutture e servizi che assicurano la tutela della salute e l assistenza sanitaria a tutti i

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

Allegato 4 Capitolato Tecnico

Allegato 4 Capitolato Tecnico Progetto SICS (Sistema di Informazione e Comunicazione in Sanità) Regione Puglia Gara a procedura aperta per l affidamento del Servizio di somministrazione di lavoro a tempo determinato per il Progetto

Dettagli

PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO E SUO RINNOVO

PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO E SUO RINNOVO PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO E SUO RINNOVO - artt. 5, 5 bis, 6 D.lvo 286/98 - art. 8 bis, 13, 14, 35, 36, 30 bis, 36 bis D.p.r. 394/99 Le norme del TU e del Reg. sopra indicate prevedono che entro

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

I Dipendenti dello Stato

I Dipendenti dello Stato I Dipendenti dello Stato In Servizio Presso le scuole Pescara 13-14 Marzo 2006 1 Lo Stato e i suoi dipendenti Fino al 31/12/1995 Con i propri dipendenti lo Stato non instaurava solo un rapporto di lavoro

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che Allegato n. 3 CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ai sensi dell art. 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 Premesso che - la Provincia autonoma di Trento, per favorire le

Dettagli

Il contratto di solidarietà è stato introdotto con la legge n. 863/84 (Vedasi anche D.M. n. 31445/2002).

Il contratto di solidarietà è stato introdotto con la legge n. 863/84 (Vedasi anche D.M. n. 31445/2002). GUIDA AL CONTRATTO DI SOLIDARIETA DIFENSIVO, che si applica alle imprese che hanno diritto alla CIGS (di seguito CDS.) a cura della FILCAMS-CGIL Nazionale aggiornata al 27 aprile 2009. Il contratto di

Dettagli

per cittadini stranieri

per cittadini stranieri IN ITALIA IN REGOLA Assistenza sanitaria P per cittadini stranieri er i cittadini stranieri, comunitari e non, l iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) garantisce tutta l assistenza sanitaria

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Testo in vigore dal 25.06.2012 1 REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Articolo 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 13 dello Statuto, le

Dettagli

RICHIESTA ANTICIPAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA DI ABITAZIONE NON PUÒ ESSERE INVIATO VIA FAX. Codice Fiscale: Sesso: M F Data di nascita: / /

RICHIESTA ANTICIPAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA DI ABITAZIONE NON PUÒ ESSERE INVIATO VIA FAX. Codice Fiscale: Sesso: M F Data di nascita: / / FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE N. 102 Albo Fondi Pensione Via C. B. Piazza 8 00161 ROMA Tel 0644254842 Fax 0644118106 Mail previcooper@previcooper.it 1. DATI DELL ISCRITTO RICHIESTA ANTICIPAZIONE ACQUISTO

Dettagli

Per ogni ulteriore informazione, approfondimento rivolgersi agli sportelli sopra indicati. FONDO SOSTEGNO AL REDDITO A FAVORE DEI DIPENDENTI (F.S.R.

Per ogni ulteriore informazione, approfondimento rivolgersi agli sportelli sopra indicati. FONDO SOSTEGNO AL REDDITO A FAVORE DEI DIPENDENTI (F.S.R. Ente di Gestione della bilateralità del TERZIARIO, DISTRIBUZIONE E SERVIZI e CENTRO SERVIZI TURISMO E PUBBLICI ESERCIZI per la Provincia di MODENA Ebim associazione senza fine di lucro Cod.Fisc/P.Iva 02452330364

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DI CANONI DI LOCAZIONE CON ALTA INCIDENZA SUL REDDITO - ANNI DI RIFERIMENTO 2011 e 2012.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DI CANONI DI LOCAZIONE CON ALTA INCIDENZA SUL REDDITO - ANNI DI RIFERIMENTO 2011 e 2012. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DI CANONI DI LOCAZIONE CON ALTA INCIDENZA SUL REDDITO - ANNI DI RIFERIMENTO 2011 e 2012. PREMESSA %%%%%% Il presente bando, pubblicato in esecuzione della

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

OGGETTO ASPETTATIVA PER UNA COLLABORAZIONE CON UNA ONG

OGGETTO ASPETTATIVA PER UNA COLLABORAZIONE CON UNA ONG 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER UNA COLLABORAZIONE CON UNA ONG QUESITO (posto in data 9 luglio 2013) Sono medico ospedaliero, assunta a tempo indeterminato dal 2004 presso una ASL toscana.. Sarei interessata

Dettagli

CAF Centro Assistenza Fiscale

CAF Centro Assistenza Fiscale CAF Centro Assistenza Fiscale Prestazioni CAF Elaborazione e trasmissione DICHIARAZIONI DEI REDDITI (730 e Modello UNICO) Elaborazione MODELLI ISEE /ISEU Trasmissione all INPS modelli RED ICRIC ICLAV -DETRAZIONI

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Documento sulle Anticipazioni Società di Gestione Collocatore Unico Retro di copertina 2/7 SEZIONE I: NORME GENERALI Art. 1. Oggetto Il presente documento

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo N: Richiesta nominativa di nulla osta al lavoro subordinato ovvero al lavoro "alla pari" ai sensi dell'art. 27 lett.r) del D.Lgs. 25.07.1998, n.286 e successive modifiche e integrazioni e art. 40

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCOROSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE

MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCOROSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCOROSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE Div.Pers.II Sez.II Roma, 20 dicembre 2002 Prot.n. 65719 Allegati : 1 Al Sig, Ispettore Generale Capo

Dettagli

Delibera 281 Consiglio Federale Milano 17 dicembre 2011 NORME GENERALI SUI RIMBORSI AUTORIZZAZIONI

Delibera 281 Consiglio Federale Milano 17 dicembre 2011 NORME GENERALI SUI RIMBORSI AUTORIZZAZIONI Delibera 281 Consiglio Federale Milano 17 dicembre 2011 NORME GENERALI SUI RIMBORSI AUTORIZZAZIONI Tutte le trasferte, di qualsiasi natura, svolte da un soggetto federale, devono essere precedentemente

Dettagli

Allegato C) DISCIPLINARI DI ACCESSO AI SERVIZI E AGLI INTERVENTI SOCIO - ASSITENZIALI AREA POVERTA INCLUSIONE SOCIALE E IMMIGRAZIONE

Allegato C) DISCIPLINARI DI ACCESSO AI SERVIZI E AGLI INTERVENTI SOCIO - ASSITENZIALI AREA POVERTA INCLUSIONE SOCIALE E IMMIGRAZIONE Approvato con Delibera Di Giunta Comunale n.133 del 25/06/2008 e modificato con Delibera di Giunta Comunale N.7 del 27/01/2009 Allegato C) DISCIPLINARI DI ACCESSO AI SERVIZI E AGLI INTERVENTI SOCIO - ASSITENZIALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 26 del 27.02.2008 N.B. Vedi anche : 1 - Deliberazione Giunta

Dettagli

ATTIVITA AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Aspetti del diritto del lavoro e contributi sociali

ATTIVITA AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Aspetti del diritto del lavoro e contributi sociali 17 novembre 2010 ATTIVITA AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Aspetti del diritto del lavoro e contributi sociali SOMMARIO A. Ruolo degli agenti e rappresentanti di commercio 1. Ruolo degli Agenti e Rappresentanti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Comune di Longare REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 09.02.2007 IL SEGRETARIO COMUNALE Sardone

Dettagli

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7 SOMMARIO Sommario Presentazione Congedo di maternità Congedo di paternità Congedi parentali Riposi giornalieri Congedi per malattia del bambino Tutela del lavoratore in caso di lavoro notturno 2 3 4 4

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Approvato con D.G.P. in data 10.03.2003 n. 72 reg. e modificato

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le

Dettagli

Elenco documenti isee inps e universita

Elenco documenti isee inps e universita M0303_05_01 Rev. 12 del 23/01/2015 Azienda con Sistema Qualità Certificato Iso 9001:2008 Pg. 1 di 8 Elenco documenti isee inps e universita Isee ordinario o standard È valevole per la generalità delle

Dettagli

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002.

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. 1 Ammissibilità delle spese: categorie e requisiti Le spese sostenute sono ammissibili

Dettagli

Circolare n. 5. a. Personale di ruolo. Ministero degli Affari Esteri. Roma, 20 aprile 1999 OGGETTO. Congedo ordinarie e ferie del personale

Circolare n. 5. a. Personale di ruolo. Ministero degli Affari Esteri. Roma, 20 aprile 1999 OGGETTO. Congedo ordinarie e ferie del personale Ministero degli Affari Esteri DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DELL AMMINISTRAZIONE Ufficio II Roma, 20 aprile 1999 Circolare n. 5 ====================================== OGGETTO Congedo ordinarie e ferie

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GESTIONE DEL PERSONALE Orario di lavoro Disciplina legale R.D.L. 15 marzo 1923, n. 692 L. 17 aprile 1925, n. 473 L. 30 ottobre 1955, n. 1079 L. 24 giugno 1992, n. 196 (art.13)

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I: DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le modalità

Dettagli

FAQ - Congedo maternità

FAQ - Congedo maternità FAQ - Congedo maternità 1 - Congedo di Maternità: Sono concessi permessi per visite mediche durante la gravidanza? Per gli accertamenti clinici, le visite mediche specialistiche o gli esami prenatali effettuati

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Testo in vigore dal 29.05.2014 1 REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Articolo 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 13 dello Statuto, le

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. del

Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. del REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO E DI SOGGIORNO DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI PAVIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale

Dettagli

L importo su cui calcolare la detrazione del 19% non potrà essere superiore a complessivi 1.291,14 euro anche nelle seguenti ipotesi:

L importo su cui calcolare la detrazione del 19% non potrà essere superiore a complessivi 1.291,14 euro anche nelle seguenti ipotesi: Premi di assicurazioni E12 In materia di contratti di assicurazione, per i quali spetta la detrazione Irpef del 19% del premio pagato fino ad un massimo di spesa di 1.291,14 euro, è necessario distinguere

Dettagli

Comune di Legnaro Provincia di Padova

Comune di Legnaro Provincia di Padova Comune di Legnaro Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento Uffici e Servizi)

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO. l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n.

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO. l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n. Marca da da bollo bollo 14,62 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n. CHIEDE l assegnazione di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica adeguato al proprio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE . COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE Allegato alla deliberazione di C.C. n.14 del 26/03/2002 INDICE Regolamento Art. 1

Dettagli

AGRIFONDO Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e per i quadri e gli impiegati agricoli

AGRIFONDO Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e per i quadri e gli impiegati agricoli Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e Regolamento recante la disciplina per l erogazione delle anticipazioni delle prestazioni SEZIONE I: NORME GENERALI

Dettagli

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi ASPI e MINI ASPI LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2 Cessazioni dal 1/1/2013 Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi sostituiscono disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali disoccupazione

Dettagli