VADEMECUM TRAFERIMENTO ALL ESTERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM TRAFERIMENTO ALL ESTERO"

Transcript

1 VADEMECUM TRAFERIMENTO ALL ESTERO Guida pratica al trasferimento (Cosa fare ed a quale Ufficio rivolgersi per il corretto e celere adempimento dell iter procedurale relativo al servizio all estero). Il dipendente destinato in servizio presso una Sede all estero, o richiamato al Ministero, deve ricevere dalla DGPE Ufficio II (Movimenti - 3 piano - lato stadio olimpico) la comunicazione ufficiale del trasferimento (nota di trasferimento). I movimenti sono disposti, con un preavviso di almeno 60 giorni, nei mesi da luglio a settembre, fatte salve specifiche esigenze di servizio che impongano tempi di trasferimento diversi. Ricevuta la nota di trasferimento, l interessato può attivare le procedure per la richiesta di: rilascio del passaporto di servizio o diplomatico; emissione del titolo di viaggio prepagato, nel caso di trasferimento dall Italia all estero; anticipo per il biglietto di viaggio, nel caso di trasferimento dall estero all Italia o da una ad altra Sede all estero; autorizzazione per eccedenza bagaglio aereo, in aggiunta a quella prevista dalle compagnie aeree; autorizzazione di spesa e richiesta di anticipo per il trasporto degli effetti personali, delle masserizie e l eventuale trasporto dell autovettura; varie. Passaporto di servizio e passaporto diplomatico Il passaporto di servizio, come anche il passaporto diplomatico, deve essere richiesto personalmente alla DGPE Ufficio II (Passaporti 1 piano - corridoio in mezzo ai quattro ascensori). Il coniuge a carico ha diritto allo stesso tipo di passaporto del dipendente, mentre i figli minori (fino ai 18 anni) hanno diritto salvo casi eccezionali (ad oggi Iran ed Iraq) al solo passaporto di servizio. Il rinnovo del passaporto viene effettuato a cura della Sede di servizio, presso la quale deve esserne presentata richiesta con congruo anticipo rispetto alla data di scadenza. Documenti da presentare all Ufficio II per il rilascio: copia della nota di trasferimento; dichiarazione sostitutiva di certificazione (modulo per richiesta rilascio passaporto); documento di riconoscimento; due fotografie; per il dipendente con figli minori: atto di assenso del coniuge (con fotocopia del documento di identità). Qualora sia necessario il visto d ingresso, l Ufficio II provvede al rilascio di un apposita nota verbale da presentare a cura dell interessato e unitamente a due fototessera all Ambasciata del Paese di destinazione.

2 Analoga nota verbale può essere rilasciata, a cura dell Ambasciata italiana nel Paese di servizio o dello stesso Ufficio II, al dipendente in trasferimento da una ad altra Sede all estero. I passaporti devono essere restituiti all Ufficio II, entro un mese dal rientro al MAE. Titolo di viaggio prepagato Il dipendente in trasferimento dall Italia alla Sede all estero può chiedere l emissione di biglietti aerei prepagati per sé, per i propri familiari a carico, per un eventuale accompagnatore di figlio minore fino ai 10 anni nonché, ove spettanti, per eventuali domestici. Occorre chiedere ad almeno due delle Agenzie consigliate (vedi elenco su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento) un preventivo in classe economy (L. 266/2005, art. 1, c. 216), indicando la data del viaggio, il proprio nominativo, quello dei familiari a carico e quello degli altri eventuali aventi diritto. La specifica dei costi deve essere presentata alla DGAABP Ufficio III (3 piano - lato stadio olimpico - corridoio interno) unitamente all apposito modulo compilato (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento). Sulla base della predetta documentazione, l Ufficio III dispone l autorizzazione per l emissione del biglietto che viene poi fatturato all Amministrazione. Per la consegna dei titoli di viaggio il dipendente deve accordarsi direttamente con l agenzia di viaggio. Presso le Agenzie Carlson Wagonlit Italia e Visetur S.r.l. è possibile, seguendo le procedure sopra indicate, chiedere un biglietto ferroviario prepagato. Anticipo per titolo di viaggio Qualora in rientro dall estero od in trasferimento da una ad altra Sede all estero, il dipendente deve effettuare localmente, alla tariffa economicamente più conveniente, la prenotazione del viaggio e chiedere alla DGAABP Ufficio III (3 piano - lato stadio olimpico - corridoio interno) l autorizzazione all acquisto del biglietto e la corresponsione del relativo ammontare (Circolare n. 6 del ) per sé e per i propri familiari a carico (nonché per eventuale accompagnatore di figlio minore fino ai 10 anni e, ove spettanti, per eventuali domestici) anche nel caso in cui questi ultimi dovessero partire in data successiva a quella del dipendente. Alla richiesta di autorizzazione all acquisto (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento) deve essere allegato il relativo preventivo di spesa. L Ufficio III approva la spesa (ove necessario, previa verifica dei costi) contestualmente a quella relativa al trasporto degli effetti personali e provvede alla corresponsione del relativo ammontare, unitamente a quello anticipato per il trasporto degli effetti personali. N.B. - Ai sensi dell art. 1, c. 216, della L. 266/2005, a tutto il personale in trasferimento da o per l estero spetta il biglietto aereo in classe economica.

3 Autorizzazione per eccedenza bagaglio aereo Previa autorizzazione della DGAABP Ufficio III (3 piano - lato stadio olimpico - corridoio interno), da chiedere con apposito modulo (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento), il dipendente può ottenere il rimborso dell eccedenza bagaglio aereo, oltre i limiti previsti dalle compagnie aeree e secondo i parametri di seguito indicati: per dipendente dell Area Funzionale fino a C2 e Segretario di Legazione Kg. 30 per ciascun familiare a carico Kg. 15 per dipendente dell Area Funzionale C3 e da Consigliere di Legazione Kg. 50 per ciascun familiare a carico Kg. 25 N.B. - L eccedenza bagaglio deve comunque rientrare nel massimale spettante complessivamente per il trasporto delle masserizie e degli effetti personali. La spesa, anticipata dal dipendente, viene rimborsata in fase di rendicontazione su esibizione del tagliando utilizzato e di regolare fattura. In mancanza della predetta autorizzazione viene meno il diritto al rimborso. N.B. - La normativa vigente non prevede il trasporto di animali domestici. Autorizzazione di spesa e richiesta di anticipo per trasporto masserizie ed autovettura Per acquisire l approvazione di spesa e l anticipo per il trasporto delle masserizie e dell autovettura, il dipendente deve chiedere a due società di trasporto un preventivo di spesa rientrante nelle spettanze di peso consentito (*) dalla normativa vigente. Per la scelta della società di trasporto, consultare l albo ministeriale (vedi elenco su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento) oppure rivolgersi ad altra ditta di fiducia, purché iscritta alla Camera di Commercio. Il dipendente deve presentare alla DGAABP Ufficio III (3 piano - lato stadio olimpico - corridoio interno), unitamente ai due preventivi di spesa: a) l apposito modulo (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento) da compilare in ogni sua parte, indicando i familiari a carico, l eventuale trasporto di autovettura ed il luogo di ritiro o consegna delle masserizie; b) la richiesta di anticipo (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento). L Ufficio III approva la spesa omnicomprensiva e provvede, successivamente, ad erogare l anticipo con accredito sul conto corrente bancario indicato dall interessato, dandone contestuale comunicazione sia al dipendente che alla società di trasporto. (*) Spettanza di peso in Kg. Lordi per dipendente dell Area Funzionale fino a B3 Kg per ogni familiare a carico Kg. 875 per dipendente dell Area Funzionale C2, C1 o equiparato e Segretario di Legazione Kg per ogni familiare a carico Kg. 875

4 per dipendente dell Area Funzionale C3 o equiparato e Consigliere d Ambasciata, Dirigente II fascia, Consigliere di Legazione Kg per ogni familiare a carico Kg. 875 per Ministro Plenipotenziario, Dirigente I fascia, Ministro e Ministro Consigliere di Rappresentanza diplomatica, Console Generale I cl. o equiparato Kg per ogni familiare a carico Kg. 875 per Capo di Rappresentanza diplomatica Kg per ogni familiare a carico Kg. 875 per domestico (spettante da I Segretario o equiparato) Kg. 437 Massimali assicurativi per il trasporto degli effetti personali Il dipendente ha diritto all assicurazione contro tutti i rischi per il trasporto degli effetti (bagaglio, mobili e masserizie). Con D.I , n. 825, i massimali sono stati fissati nelle seguenti misure: euro 2600,00 per ogni quantitativo di effetti di Kg. 100 netti e in misura proporzionale per quantitativi inferiori per il personale appartenente alla Carriera Diplomatica, alla Dirigenza ed all Area Funzionale C3 e C2; euro 1900,00 per ogni quantitativo di effetti di Kg. 100 netti e in misura proporzionale per quantitativi inferiori per il restante personale. Rendicontazione delle spese di trasferimento Il rendiconto delle spese di trasferimento deve essere presentato alla DGAABP Ufficio III (3 piano - lato stadio olimpico - corridoio interno), entro 4 mesi dalla data di assunzione all estero o di rientro in Italia (Circolare n. 9 del ). Alla tabella, da compilare e sottoscrivere in quattro esemplari (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento), deve essere allegata la seguente documentazione in originale più una copia: - biglietti di viaggio utilizzati e relativa fattura (*) - fattura della Società di trasporto debitamente quietanziata - lettera di vettura internazionale (per trasporti terrestri in ambito UE) - bolla doganale (per trasporti terrestri o marittimi al di fuori dell UE) - polizza marittima con fattura (per trasporti marittimi) - certificato d assicurazione - elenco delle masserizie sottoscritto dal dipendente - bolla di ritiro o consegna in altre località in Italia (*) se del caso: - dichiarazione di viaggio effettuato con mezzi propri (trovi il modello su Internet: percorso MAEnet sopra indicato) - dichiarazioni di costo via aerea e via ferroviaria, nella classe e per la tratta spettante, rilasciate da una agenzia alla data di effettuazione del viaggio In caso di smarrimento dei titoli di viaggio è necessario compilare ed allegare al rendiconto l apposito modulo (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Viaggi di trasferimento), unitamente all attestazione di utilizzo del biglietto con l indicazione del costo e, per i familiari a carico, la dichiarazione di arrivo

5 degli stessi presso la Sede all estero (formulario 3 allegato alla Circolare n. 8 del : trovi il modello su Internet: MAEnet / Dati > Norme MAE / Circolari). Cessazione da Sede all estero per ragioni diverse dal trasferimento Il dipendente che cessa dal servizio all estero per ragioni diverse dal richiamo al Ministero o dal trasferimento in altra Sede (ad esempio per collocamento a riposo) deve effettuare il trasporto delle masserizie e degli effetti personali entro un anno dalla data di cessazione dalla Sede (DPR 18/1967, art. 206). Esenzione IVA Il dipendente in trasferimento dall Italia può acquistare, in esenzione IVA, merce destinata all estero presentando copia della nota di trasferimento rilasciata dalla DGPE Ufficio II (3 piano - lato stadio olimpico), autenticata dal Capo dell Ufficio di appartenenza. Lo stesso Ufficio II può rilasciare, ove necessario, una specifica attestazione in tal senso. Esenzione doganale Il dipendente richiamato al Ministero può ottenere l esenzione doganale per l importazione delle masserizie e degli effetti personali. A tal fine, all atto della partenza, l interessato deve farsi rilasciare dalla Sede di servizio la dichiarazione di rientro definitivo delle masserizie e degli effetti personali, da presentare alle autorità doganali italiane. In caso di trasferimento da una ad altra Sede all estero, chiedere informazioni in loco presso la rappresentanza diplomatico-consolare del Paese di destinazione. Indennità di servizio all estero e Indennità personale Per conoscere l ammontare dell ISE (Indennità di Servizio all Estero di cui al DPR 18/1967, art. 171) il dipendente può contattare la DGPE Ufficio III (3 piano - lato stadio olimpico - corridoio interno). Per avere informazioni più dettagliate, con riferimento alla propria situazione personale e familiare, deve invece rivolgersi, dopo aver ricevuto la nota di trasferimento, alla DGAABP Ufficio IV (piano rialzato - lato stadio olimpico). I dipendenti fra loro coniugati, destinati a prestare servizio nello stesso ufficio all estero o nella stessa città, ma in uffici diversi, hanno una riduzione dell indennità di servizio nella misura del 14% ciascuno. Assegno per oneri di rappresentanza Unitamente all indennità di servizio, ad alcune categorie di personale (carriera diplomatica, dirigenza amministrativa, direttori degli istituti di cultura, personale AA.FF. inquadrato nelle posizioni economiche C3 e C2, esperti) spetta un assegno, quale contributo forfettario per lo svolgimento delle attività di rappresentanza (DPR 18/1967, art. 171/bis). L importo, da rendicontare annualmente, deve essere restituito qualora non utilizzato. Aumenti per situazioni di famiglia Al dipendente in servizio all estero, se coniugato, è attribuita una maggiorazione del 20% sulla sua indennità di servizio qualora il coniuge non

6 eserciti attività lavorativa retribuita, o non goda di redditi superiori a quello stabilito per essere considerato fiscalmente a carico. Qualora il coniuge fruisca di trattamento pensionistico a carico dell erario o di enti previdenziali, dall aumento per situazioni di famiglia viene detratto l importo della pensione. L aumento non compete nei casi di nullità, annullamento, separazione e divorzio, nonché nei casi di provvedimenti pronunciati da giudice straniero anche se non delibati. Al dipendente con figli a carico spetta per ogni figlio un aumento dell ISE pari al 5% di quella prevista, nello stesso Paese, per il posto di primo segretario o di console. Fatta eccezione per i casi espressamente previsti (gravi ragioni di salute, ragioni di studio, etc.) il diritto a tali aumenti viene meno qualora i familiari non risiedano stabilmente nella sede stessa del titolare. Tra le eccezioni rientra quella del coniuge non convivente per ragioni di studio o di salute dei figli minori, per il quale la maggiorazione viene limitata al 5%. Per residenza stabile si intende un periodo minimo di 9 mesi nel corso dell anno solare, ridotti ad 8 o 7, rispettivamente, in sede disagiata o particolarmente disagiata. L erogazione di tali maggiorazioni (DPR 18/1967, art. 173) deve essere richiesta utilizzando i moduli allegati alla Circolare n. 8 del (trovi il modello su Internet: MAEnet / Dati > Norme MAE / Circolari), da compilare e trasmettere (anticipandone possibilmente copia via fax) alla DGAABP Ufficio IV una volta assunto servizio nella Sede all estero. Indennità di sistemazione Al dipendente trasferito da Roma all estero, o da una ad altra Sede all estero, spetta un indennità di sistemazione calcolata in base all indennità personale spettante all atto dell assunzione (DPR 18/1967, art. 175). Nel caso di dipendenti fra loro coniugati e trasferiti, con un divario fra le date di assunzione inferiore a 360 giorni, allo stesso ufficio all estero o ad uffici ubicati nella stessa città, tale indennità spetta soltanto al dipendente che ne ha diritto nella misura più elevata. L erogazione di tale indennità deve essere richiesta utilizzando l apposito modulo allegato alla nota di trasferimento, da compilare e presentare alla DGAABP Ufficio IV (piano rialzato - lato stadio olimpico) prima della partenza per la Sede di destinazione. Indennità di richiamo dal servizio all estero Al dipendente in servizio all estero richiamato al Ministero viene accreditata, all atto del trasferimento dalla Sede all estero, un indennità (DPR 18/1967, art. 176) maggiorata degli eventuali aumenti spettanti per situazione di famiglia e corrispondente, circa, ad una mensilità percepita nella Sede all estero. Nel caso di dipendenti tra loro coniugati che rientrano dalla stessa Sede, l indennità di richiamo spetta soltanto al dipendente che ne ha diritto nella misura più elevata. L erogazione di tale indennità è subordinata ad una dichiarazione di stato civile, allegata alla nota di trasferimento, da sottoscrivere e trasmettere alla DGAABP Ufficio IV (piano rialzato - lato stadio olimpico).

7 Contributo spese per abitazione Al dipendente in servizio all estero spetta un contributo spese per abitazione (DPR 18/1967, art. 178) qualora il canone di locazione superi il 21% dell indennità personale (ISE + maggiorazioni familiari). Tra il 21 ed il 30% di tale differenza viene concesso un contributo dell 80%. Nei casi in cui il canone sia superiore al 30% dell indennità personale, e limitatamente alla parte compresa tra il 30 ed il 35%, il contributo può essere concesso sentito il parere del Consiglio di Amministrazione. Nel caso di dipendenti tra loro coniugati, il calcolo viene effettuato tenendo conto del cumulo delle due indennità. Il contributo deve essere richiesto, preferibilmente, entro 60 giorni dalla stipulazione del contratto di locazione. Occorre far pervenire, in duplice copia, alla DGAABP Ufficio IV (piano rialzato - lato stadio olimpico) i moduli allegati alla Circolare n. 3 del (trovi i modelli su Internet: MAEnet / Dati > Norme MAE / Circolari), unitamente alla copia conforme del contratto, con relativa traduzione in italiano, ed al parere di congruità rilasciato dal Capo dell Ufficio all estero. N.B. - Alla predetta Circolare n. 3/2003 sono anche allegate le tabelle concernenti gli oneri accessori ammessi e le spese non ammesse a rimborso. Alloggi in immobili demaniali Per informazioni circa le Sedi in cui trova applicazione l art. 84 (alloggi in immobili demaniali) del DPR 18/1967, il dipendente deve contattare la DGAABP Ufficio VII (3 piano, corridoio in mezzo ai quattro ascensori). La richiesta di assegnazione deve essere effettuata dalla Sede di servizio, previa valutazione del singolo caso. Per esigenze di servizio legate all espletamento di particolari mansioni (custodia, cifra) può essere concesso l uso gratuito dell alloggio in immobili adibiti ad uso degli uffici all estero (con una ritenuta del 40% sull indennità di sistemazione). Provvidenze scolastiche Il dipendente con figli a carico che frequentino nel Paese di servizio regolari corsi di istruzione scolastica primaria o secondaria, e che sostiene una spesa superiore all ammontare della maggiorazione dell indennità di servizio che gli compete per ciascun figlio, può chiedere il rimborso delle spese scolastiche relative all iscrizione ed alla frequenza, commisurato alla differenza fra le spese effettivamente sostenute e l ammontare della maggiorazione percepita (DPR 18/1967, art. 179). La domanda deve essere inoltrata alla DGAABP Ufficio IV (piano rialzato - lato stadio olimpico) utilizzando il formulario allegato al telespresso n del (chiedere all Ufficio IV o presso la Sede di servizio). N.B.- L esiguità dei fondi sul capitolo non permette, purtroppo, di soddisfare tutte le richieste.

8 Trattamento economico durante il congedo ordinario Il dipendente in servizio all estero conserva, durante il congedo ordinario ed in corrispondenza dei giorni maturati a tale titolo dopo l assunzione in servizio all estero, l indennità personale (DPR 18/1967, n. 180). L indennità personale compete inoltre per intero, per non più di una volta all anno, per il periodo di tempo corrispondente ai giorni di viaggio per andare e tornare dall Italia. Spese di viaggio per congedo o ferie Il dipendente in servizio all estero ha diritto ogni 18 mesi, e quello che si trova in Sedi particolarmente disagiate ogni 12 mesi, al parziale pagamento (90%) delle spese di viaggio per congedo in Italia, anche per i familiari a carico (DPR 18/1967, art. 181). Per l erogazione di tale rimborso è competente la DGAABP Ufficio III (3 piano, lato stadio olimpico, corridoio interno) alla quale deve essere presentata richiesta utilizzando l apposito modulo di rendiconto (trovi il modello su Internet: MAEnet / Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Rimborso del costo del viaggio di congedo in Italia). Al rendiconto vanno allegati, in fotocopia, i verbali di cessazione e di riassunzione di funzioni per congedo nonché, in caso di viaggio aereo: - biglietto di viaggio, carte d imbarco in originale e relativa ricevuta di pagamento in caso di viaggio per ferrovia o nave - biglietto di viaggio in originale in caso di viaggio con mezzi propri - dichiarazione redatta su apposito modulo (trovi modello su Internet: MAEnet /Strumenti di lavoro > Procedure / Procedure della DGAA / Rimborso del costo di viaggio del congedo in Italia) - dichiarazione di un agenzia di viaggi con indicazione del costo ferroviario o aereo per la classe spettante, debitamente tradotta - biglietto della nave traghetto per i tratti effettuati via mare Trattamento economico durante l assenza dal servizio Il dipendente in servizio all estero, con esclusione dei periodi di ferie o delle assenze connesse al servizio stesso, può assentarsi per un periodo massimo di 60 giorni nell arco dell anno solare (DPR 18/1967, art. 183) durante il quale spetta il seguente trattamento economico: - assenza per infermità > l indennità personale (ISE + maggiorazioni familiari) è corrisposta per intero per i primi 45 giorni ed è sospesa per il restante periodo; - assenze per motivi diversi da quelli di salute, anche se previste dalla normativa contrattuale di comparto (ad esempio i permessi retribuiti di cui all art. 18 del CCNL) > la corresponsione dell indennità personale è sospesa. Fatta eccezione per i casi di particolare infermità che non consentano il trasferimento senza danno del dipendente, il 61 giorno di assenza comporta la decadenza dall organico dell ufficio all estero. Alle lavoratrici madri in astensione dal lavoro ai sensi delle disposizioni vigenti, nonché ai lavoratori padri, spetta il seguente trattamento economico: - astensione obbligatoria per maternità > l indennità personale è corrisposta per intero;

9 - astensione facoltativa per maternità (congedo parentale, malattia figlio), comunque rientrante nel computo dei 60 giorni > l indennità personale è sospesa. N.B. - Per maggiori informazioni v. Internet: MAEnet / Area Istituzionale > Personale / Disposizioni in materia di assenze dal servizio / Malattia all estero. Assistenza sanitaria Il dipendente in trasferimento dall Italia deve recarsi alla Sezione distaccata del Ministero della Salute presso il MAE (piano rialzato, lato Ponte Milvio) munito di nota di trasferimento, di tessera di iscrizione ASL (propria e degli eventuali familiari a carico) e, possibilmente, di libretto sanitario cartaceo (contenente i dati relativi alla ASL di appartenenza). La Sezione provvede al rilascio del modello E106 per le Sedi in ambito UE, SEE e Svizzera, del modello previsto per le Sedi in Paesi con i quali vige una convenzione in materia, o di apposita attestazione per tutti i restanti Paesi. Per il periodo di servizio all estero, al dipendente viene sospeso il rapporto con il proprio medico di fiducia. In caso di temporaneo soggiorno in Italia, però, l interessato può ugualmente rivolgersi al predetto medico o ad altro convenzionato con il S.S.N. facendo ricorso al regime della visita occasionale, che prevede la corresponsione della relativa spesa. Può anche recarsi gratuitamente presso il Medico di medicina generale del Poliambulatorio ASL RM E operante al MAE. Nel corso di brevi spostamenti (missioni, studio, vacanza) in altri Paesi UE, SEE ed in Svizzera, per le prestazioni sanitarie necessarie può essere utilizzata la Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM). Le predette disposizioni si estendono agli eventuali familiari a carico. Controllo medico periodico Il dipendente in servizio all estero può chiedere ogni 18 mesi o, qualora presti servizio in Sedi particolarmente disagiate, ogni 12 mesi, ovvero entro 60 giorni dal rientro al Ministero, un esame medico generale di controllo per sé e per i propri familiari a carico (DPR 18/1967, art. 210). Il predetto esame viene di norma eseguito presso le strutture sanitarie del Poliambulatorio ASL RM E operante al MAE, dietro presentazione dell attestato di diritto da richiedere alla DGPE Ufficio VI (3 piano - lato stadio olimpico) con apposito formulario (trovi il modello su Internet: (MAEnet / Area Istituzionale > Affari Sociali / Servizi dell Ufficio / Controllo Medico Periodico del Personale in servizio all estero). Assicurazione sanitaria privata Il dipendente in servizio in Paesi ove non viene erogata l assistenza sanitaria in forma diretta può stipulare una polizza di assicurazione per prestazioni sanitarie in caso di malattia, infortunio e maternità sulla base della quale vengono rimborsate, nel limite dell 85%, le spese connesse al premio pagato (DPR 18/1967, art. 211).

10 Nel caso di copertura assicurativa dei familiari, questi devono risultare effettivamente a carico e conviventi nella sede di servizio (salvo i casi espressamente previsti dalla normativa vigente). Per informazioni rivolgersi alla DGPE Ufficio VI (3 piano) o consultare Internet (MAEnet / Area Istituzionale > Affari Sociali / Servizi dell Ufficio / Assicurazione Sanitaria Privata all estero). Assicurazione contro i rischi Il dipendente in servizio in Paesi caratterizzati da situazioni di pericolosità suscettibili di porre a serio rischio l incolumità fisica ha la possibilità di stipulare una polizza, a carico del MAE, per la copertura (DPR 18/1967, art. 211) di tali rischi. Oltre al dipendente, è ammesso al beneficio dell assicurazione anche il coniuge purché residente nella sede di servizio. Per informazioni rivolgersi alla DGPE Ufficio VI (3 piano) o consultare Internet (MAEnet / Area Istituzionale > Affari Sociali / Servizi dell Ufficio / Assicurazione Sanitaria Privata all estero). Sedi disagiate e particolarmente disagiate Considerata l evoluzione normativa in materia pensionistica, per le maggiorazioni derivanti dal servizio presso le Sedi disagiate e particolarmente disagiate il dipendente può chiedere informazioni aggiornate alla data del trasferimento, presso la DGAABP Ufficio V (3 piano - corridoio in mezzo ai quattro ascensori). Novembre 2006 UIL-PA/Esteri UIL - PA / Esteri guida pratica al trasferimento

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri Vista la legge 8 luglio 1998, n. 230, recante Nuove norme in materia di obiezione di coscienza, e successive modificazioni ed integrazioni; Vista la legge 6 marzo

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL 16.2.1999 A seguito del parere favorevole espresso in data

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse)

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse) ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI ART. 1 (Risorse) 1) Al finanziamento del Fondo costituito ai sensi dell'art. 14 del DPR 16

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli