Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 1 / 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 1 / 2014"

Transcript

1 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 1 / 2014 Mod. CUD 2014: dati rilevanti per la compilazione del mod. 730/2014 Dichiarazione congiunta: i contribuenti che presentano la dichiarazione congiunta devono compilare ciascuno nel proprio modello il rigo F1, indicando l importo degli acconti versati con riferimento alla propria Irpef e alla propria addizionale comunale all Irpef e alla propria cedolare secca. Se la precedente dichiarazione è stata presentata in forma congiunta è necessario ripartire tra il dichiarante e il coniuge, in relazione alla quota dovuta da ciascuno, gli acconti relativi all Irpef, all addizionale comunale all Irpef e alla cedolare secca certificati nei punti 21, 22, 24, 26 e 27 del CUD Gli importi degli acconti relativi al dichiarante e al coniuge sono indicati nelle annotazioni al CUDMC

2 LE ANNOTAZIONI DEL CUD La lettura attenta delle annotazioni è molto importante. Basti ricordare che qui si trovano evidenziati, fra l altro, le seguenti informazioni necessarie per la corretta compilazione del mod.730: AB: Somme corrisposte al percipiente in qualità di erede, di avente diritto ai sensi dell art del codice civile o ai sensi dell art. 12-bis della legge n. 898 del Dati del deceduto: CF ( ), dati anagrafici ( ). Le somme indicate nei punti 1 e/o 2 del CUD non devono essere riportate nella dichiarazione dei redditi; le somme indicate nel punto 401 costituiscono: ( ). NOTA Specificare se trattasi di eredità, di indennità ai sensi dell art del codice civile o di somme erogate ai sensi dell art. 12-bis della legge n. 898 del AE: Redditi prodotti in zona di frontiera: importo della quota esente ( ). AG: Compensi per lavori socialmente utili: il regime agevolato non ha trovato applicazione. AI: Informazioni relative al reddito/i certificato/i: tipologia ( ), rapporto a tempo determinato/indeterminato (...), data inizio e data fine per ciascun periodo di lavoro o pensione ( ), importo ( ). AK: Le operazioni di conguaglio sono state effettuate sulla base delle comunicazioni fornite dal Casellario delle pensioni. Se non si possiedono altri redditi e le operazioni di conguaglio sono state correttamente effettuate, si è esonerati dalla presentazione della dichiarazione. 2

3 AM: Rimborsi effettuati dal sostituto a seguito di assistenza fiscale: credito Irpef rimborsato ( ), credito addizionale regionale rimborsato ( ), credito addizionale comunale rimborsato ( ); credito cedolare secca rimborsato (...). AP: Importo della detrazione forfetaria relativa al mantenimento del cane guida ( ). AQ: Dati relativi al credito d imposta per i redditi prodotti all estero: Stato estero ( ), anno di imposta di percezione del reddito all estero ( ), importo del reddito estero ( ), imposta pagata all estero resasi definitiva ( ), reddito complessivo tassato in Italia ( ), imposta lorda italiana ( ), imposta netta italiana ( ). L imposta estera è stata ridotta proporzionalmente al rapporto tra il reddito estero, determinato in misura convenzionale, ed il reddito che risulterebbe tassabile, in via ordinaria, se la medesima attività lavorativa fosse prestata in Italia. AR: Dettaglio oneri deducibili: descrizione onere ( ), importo ( ). Tali importi non vanno riportati nella dichiarazione dei redditi. AS: Premi e contributi versati per familiari a carico: importo per il quale è stata richiesta la deduzione ( ), importo per il quale è stata riconosciuta la deduzione in quanto escluso dai redditi di lavoro dipendente già compreso nel punto 120 ( ), importo per il quale non è stata riconosciuta la deduzione in quanto non escluso dai redditi di lavoro dipendente già compreso nel punto 121 ( ). AT: Dettaglio degli oneri per i quali è prevista la detrazione del 19% al lordo delle franchigie applicate: codice onere ( ), descrizione desunta dalla tabella A allegata ( ), importo ( ). NOTA Per le spese sanitarie indicare l importo comprensivo della franchigia di euro 129,11. L importo delle spese inferiore alla franchigia va indicato con la seguente dicitura: importo delle spese mediche inferiore alla franchigia. AU: Contributi per assistenza sanitaria versati ad enti o casse aventi esclusivamente fini assistenziali. Se l ammontare di detti contributi non è superiore ad euro 3.615,20 l annotazione deve essere la seguente: Le spese sanitarie rimborsate per effetto di tali contributi non sono deducibili o detraibili in sede di dichiarazione dei redditi. Se l ammontare di detti contributi è superiore ad euro 3.615,20 l annotazione deve essere la seguente: Le spese sanitarie rimborsate per effetto di tali contributi sono deducibili o detraibili in sede di dichiarazione dei redditi in proporzione alla quota di contributi eccedente euro 3.615,20; tale quota è pari a euro. Se detti contributi hanno concorso a formare il reddito di lavoro dipendente, per qualsiasi importo, l annotazione deve essere la seguente: Le spese sanitarie rimborsate per effetto di tali contributi sono deducibili o detraibili in sede di dichiarazione dei redditi; l ammontare dei contributi non dedotti è pari a euro. AV: Spese sanitarie rimborsate per effetto di assicurazioni sanitarie: può essere presentata la dichiarazione dei redditi per far valere deduzioni o detrazioni d imposta relative alle spese rimborsate. AX: Compensi per lavori socialmente utili in regime agevolato: quota esente ( ), quota imponibile ( ), ritenute Irpef ( ), trattenute di addizionale regionale all Irpef ( ). Altre tipologie di compensi: tipologia ( ), importo ( ), ritenute ( ) periodo di partecipazione ( ); trattasi di anticipazione, assoggettata ad aliquota ( ). AZ: Dettaglio degli oneri per i quali è prevista la detrazione del 24%: codice onere ( ), descrizione desunta dalla tabella B allegata ( ), importo ( ). BA: Dati relativi agli acconti versati in sede di assistenza fiscale. Primo acconto IRPEF : sostituito, importo ( ); coniuge, importo ( ). Secondo o unico acconto IRPEF sostituito, importo ( ); coniuge, importo ( ). Acconto addizionale comunale all IRPEF: sostituito, importo ( ); coniuge, importo ( ). Prima rata acconto cedolare secca: sostituito, importo ( ); coniuge, importo ( ). Seconda o unica rata acconto cedolare secca: sostituito, importo ( ); coniuge, importo ( ). Secondo o unico acconto IRPEF rideterminato ai sensi del D.L. n. 76 del 2013, importo ( ). BB: Saldo 2013 dell addizionale comunale all IRPEF non operata in quanto in possesso dei requisiti reddituali per usufruire interamente della fascia di esenzione deliberata. BC: Somme percepite dai docenti e dai ricercatori che non hanno concorso a formare il reddito imponibile, importo ( ). Il 90% delle somme percepite dai docenti e dai ricercatori che non hanno fruito dell abbattimento della base imponibile importo ( ). Per usufruire dell agevolazione il contribuente è tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi. BD Presenza di più situazioni rilevanti ai fini della previdenza complementare: codice ( ), importo dei contributi e premi escluso dal reddito complessivo ( ); importo dei contributi e premi 3

4 non escluso dal reddito complessivo ( ). In caso di codice 4 indicare l importo di TFR destinato al fondo (...) BG Dati relativi alle detrazioni per canoni di locazione: codice canone di locazione (...), giorni (...), percentuale (...). BH In assenza di altri redditi oltre quelli certificati, il contribuente potrà chiedere il rimborso del credito non riconosciuto (punto 105) in sede di dichiarazione dei redditi. BI In assenza di altri redditi oltre quelli certificati, il contribuente potrà chiedere il rimborso del credito non riconosciuto (punto 111) in sede di dichiarazione dei redditi. BM Somme che non hanno concorso alla formazione del reddito imponibile, importo ( ). L 80 % o il 70% delle somme percepite rispettivamente dalle lavoratrici o dai lavoratori che non hanno fruito dell abbattimento della base imponibile importo ( ). Per usufruire dell agevolazione il contribuente è tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi. BN Acconto 2014 dell addizionale comunale all IRPEF non operata in quanto in possesso dei requisiti reddituali per usufruire interamente della fascia di esenzione deliberata. BO Informazioni relative ai familiari fiscalmente a carico del sostituito: grado di parentela (...), codice fiscale (...), numero mesi a carico (...), minore di tre anni (...), percentuale di detrazione spettante (...), percentuale di detrazione spettante per famiglie numerose (...), detrazione cento per cento per affidamento figli (...). BP Addizionale regionale all Irpef certificata nel CUD precedente e sospesa a causa di eventi eccezionali, importo ( ); saldo addizionale comunale all Irpef certificata nel CUD precedente e sospesa a causa di eventi eccezionali, importo ( ). BQ Redditi totalmente esentati da imposizione: importo del reddito percepito ( ). BR Dati relativi all assistenza fiscale: saldo Irpef sospeso, importo (...); addizionale regionale sospesa, importo (...); saldo addizionale comunale sospeso, importo (...); acconto tassazione separata sospeso, importo (...); imposta sostitutiva su premi di produttività sospesa, importo (...); cedolare secca su locazioni, sospesa, importo (...); contributo di solidarietà, sospeso, importo (...). BS Acconto addizionale comunale all Irpef certificata nel CUD precedente e sospesa a causa di eventi eccezionali, importo ( ). BW Redditi esentati da imposizione in Italia in quanto il percipiente risiede in uno Stato estero: importo del reddito esente percepito ( ) BX Somme erogate nel 2013 a titolo di incremento della produttività del lavoro. BY Cessazione del rapporto di lavoro: obbligo da parte del contribuente di presentare la dichiarazione dei redditi, al fine di autoliquidare il contributo di solidarietà. BZ Importo eccedente il milione di euro assoggettato a tassazione ordinaria, importo ( ); importo dell indennità principale corrisposto, importo (...); importo delle altre indennità corrisposto, importo ( ). CC In presenza di contributi per previdenza complementare certificati in più CUD non conguagliati, verificare che non siano superati i limiti di deducibilità previsti dalle norme. CD Ricorso al finanziamento come previsto dalla circolare 46/E del Ritenute operate, importo ( ); ritenute da operare secondo il piano di ammortamento del finanziamento, importo ( ); ritenute residue; importo (...). CE Assenza del ricorso al finanziamento previsto dalla circolare 46/E del Il dipendente è obbligato alla presentazione della dichiarazione dei redditi in quanto le operazioni di conguaglio non sono state correttamente effettuate. CG Il contribuente, per fruire della quota non dedotta, può presentare la dichiarazione dei redditi, riportare tale onere negli anni successivi ovvero chiedere il rimborso dell imposta corrispondente. ZZ Altre annotazioni obbligatorie. PUNTI 132 E 133, PERCHÉ SONO IMPORTANTI Le Istruzioni del mod. 730 precisano che non possono essere portate in detrazione o deduzione le spese sanitarie sostenute nel 2013 che nello stesso anno sono state rimborsate, come ad esempio: le spese risarcite dal danneggiante o da altri per suo conto, nel caso di danni alla persona arrecati da terzi; 4

5 le spese sanitarie rimborsate a fronte di contributi per assistenza sanitaria versati dal datore di lavoro o ente pensionistico o dal contribuente a enti o casse con fine esclusivamente assistenziale, sulla base di contratti, accordi o regolamenti aziendali, e che, fino all importo complessivo di 3.615,20 euro, non hanno contribuito a formare il reddito imponibile di lavoro dipendente. La presenza di questi contributi è segnalata al punto 132 del CUD 2014 (o al punto 131 del CUD 2013). Se nelle annotazioni del CUD viene indicata la quota di contributi sanitari che, essendo superiore al limite di 3.615,20 euro, ha concorso a formare il reddito, le spese sanitarie eventualmente rimborsate possono, invece, essere indicate proporzionalmente. Possono, invece, essere indicate le spese rimaste a carico del contribuente, come per esempio: le spese sanitarie rimborsate per effetto di premi di assicurazioni sanitarie da lui versati (per i quali non spetta la detrazione d imposta del 19 per cento); le spese sanitarie rimborsate sulla base di assicurazioni sanitarie stipulate dal datore di lavoro o ente pensionistico o pagate direttamente dallo stesso con o senza trattenuta a carico del dipendente. L esistenza di premi versati dal datore di lavoro o dal dipendente per queste assicurazioni è segnalata al punto 134 del CUD 2014 o al punto 133 del CUD Se i contributi in esame sono versati da un pensionato si devono fare alcune precisazioni. A tale proposito è importante richiamare la Risoluzione n. 293, con la quale è stata prevista la deducibilità dei contributi versati dai pensionati a Casse di assistenza sanitaria istituite da appositi accordi collettivi, che prevedono la possibilità per gli ex lavoratori, che a tali Casse hanno aderito durante il rapporto di lavoro, di rimanervi iscritti anche dopo la cessazione del rapporto di lavoro, continuando a corrispondere in proprio il contributo previsto senza alcun onere a carico del datore di lavoro. 5

6 Ai fini del riconoscimento della deducibilità dei contributi sono stati confermati i principi espressi nella Risoluzione n Conseguentemente, poiché i contributi versati risultano deducibili, il pensionato non può fruire della detrazione di cui all articolo 15, comma 1, lettera c), del TUIR, per la parte di spese che vengono rimborsate dal fondo di assistenza, fatto salvo quanto previsto nel caso in cui i contributi versati siano superiori ad euro 3.615, 20. In merito è opportuno riportare anche quanto precisato con la Circolare n. 54, risposta 7: Pertanto qualora i contributi e i premi di assicurazione versati dal contribuente risultino detraibili dall imposta o deducibili dal suo reddito complessivo, per le spese sanitarie sostenute e rimborsate per effetto di tali assicurazioni il contribuente non potrà beneficiare della detrazione stabilita dalla citata lettera c) dell art. 15. La disposizione in esame subordina la possibilità di detrarre le spese sanitarie rimborsate alla circostanza che per i contributi e premi di assicurazione versati dal contribuente competa o meno la detraibilità o la deducibilità. Non appare pertanto rilevante la circostanza che il contribuente si sia o meno effettivamente avvalso per i contributi in parola delle agevolazioni fiscali spettanti (pertanto, è esclusa la possibilità per il pensionato di portare in detrazione l intero ammontare della spesa sanitaria rimborsata, rinunciando alla deduzione del contributo). Poiché la deduzione complessiva (comprensiva dei contributi versati dall ex datore di lavoro) non può eccedere il limite di euro ,20, Il Fondo deve pertanto certificare, per ciascun periodo d imposta, l ammontare di contributi complessivamente percepiti per ciascun pensionato iscritto (e pertanto sia se versati dall ex datore di lavoro che dal pensionato stesso) al fine di consentire al contribuente di verificare, entro quale limite la quota di contributi da lui versati, possa essere dedotta, secondo il principio di cassa, in sede di dichiarazione dei redditi (Ris. 114/E cit.) 1. Sul sito del FISDE, ad esempio, in aderenza a quanto sopra, si trova la seguente indicazione agli iscritti. Esempio: 1 Per completezza si precisa che che nell ipotesi in cui l ex datore di lavoro versi per il dipendente in pensione alla Cassa di assistenza sanitaria un importo superiore al limite previsto dalla citata lettera a), tale maggiore importo versato dovrà essere comunicato all ente pensionistico al fine di consentirne l assoggettamento a tassazione in capo al pensionato unitamente al reddito derivante dal trattamento pensionistico. 6

7 Il Fisde rilascia un attestazione da cui risultano i seguenti contributi versati da o per l iscritto: contributo ex datore di lavoro: 1.000,00 contributo versato dall iscritto: 1.500,00 In tal caso il contributo deducibile nel mod. 730/2014 è di 1.500,00 (infatti 3.615, = 2.615,20 importo massimo deducibile nel mod. 730) Infine, si segnala che la richiamata risoluzione n.114/2003 ha individuato, come rigo destinato ad accogliere il contributo versato dal pensionato alla cassa, quello che accoglie gli altri oneri deducibili che, fra gli altri, includono anche le somme che non avrebbero dovuto concorrere a formare i redditi di lavoro dipendente e assimilati e che invece sono state assoggettate a tassazione (E26, cod. 6 ). La deduzione deve tenere conto degli importi indicati al medesimo Rigo E26 con il cod. 1 relativamente ai contributi versati ai fondi integrativi del Servizio sanitario nazionale per un importo complessivo non superiore a 3.615,20. Nella verifica di tale limite concorre anche l importo indicato nel punto 132 del CUD 2014 (o nel punto 131 del CUD 2013), che è già stato dedotto dal datore di lavoro e che non deve pertanto essere indicato. Si precisa che qualora non sia prevista alcuna contribuzione da parte dell ex datore di lavoro, il contributo versato dal pensionato alla Cassa deve ritenersi interamente deducibile, entro l anzidetto limite di 3.615,20 euro, nei termini sopra esposti. Resta, invece, confermata la indeducibilità della quota dei contributi versati da parte degli ex lavoratori qualora il meccanismo di funzionamento del fondo preveda, in favore del pensionato, un versamento contributivo anche da parte dell ex datore di lavoro e non sia possibile rinvenire un collegamento diretto tra il versamento stesso e la posizione di ogni singolo pensionato (ad esempio situazione del FASI - Risoluzione n. 78), con la conseguenza che le spese sanitarie sostenute, anche se rimborsate, in tutto o in parte, dal Fondo di appartenenza risultano detraibili/deducibili. In linea con tale orientamento è stato anche precisato che, qualora il FASI, per effetto dei contributi versati, rimborsi al dirigente in pensione anche le spese mediche sostenute dal familiare non a carico, dette spese sono detraibili/deducibili da parte dello stesso familiare che le ha sostenute (Circolare n. 21, risposta 4.8). Anche altri Fondi ritengono applicabile lo stesso meccanismo del FASI (ad esempio, FASDAC, ASSILT, ASSIDA, ecc.). A tal fine il contribuente dovrà esibire idonea documentazione proveniente dal Fondo, dalla quale risulti l ammontare ed il trattamento fiscale dei contributi versati dall iscritto in pensione e dall ex datore di lavoro, se presenti (tale documentazione dovrà essere indicata nel 730/2, acquisita e conservata in quanto rilevante ai fini del visto di conformità). Infine, si segnala che le spese rimborsate dal Fondo di Previdenza per il personale del Ministero delle Finanze non sono detraibili in quanto le entrate che alimentano tale fondo derivano da trattenute sulle vincite al gioco del lotto, da donazioni e liberalità, e quindi poiché tali entrate (che rappresentano i premi assicurativi) non concorrono alla formazione del reddito degli iscritti, la fattispecie in esame non corrisponde a nessuna delle due predette ipotesi (v. Risoluzione n. 35). PUNTI 251 E SEGG.: SOMME PERCEPITE PER INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITÀ Le componenti accessorie della retribuzione corrisposte per l incremento della produttività del lavoro possono fruire, a determinate condizioni, del regime agevolato introdotto dall articolo 2 del D.L. 27 maggio 2008 n. 93, convertito con modificazioni dalla L. 24 luglio 2008, n. 126, prorogato per il periodo d imposta 2013 dal DPCM 22 gennaio Per il 2013 il beneficio consiste nell applicazione alle suddette componenti, nel limite complessivo di euro lordi, di un imposta sostitutiva dell Irpef e delle addizionali regionali e comunali pari al 10 per cento, a condizione che tali componenti accessorie siano erogate in attuazione di quanto previsto da accordi o contratti collettivi territoriali o aziendali. 7

8 Si precisa che l agevolazione è riservata ai lavoratori dipendenti del settore privato, titolari di contratto di lavoro subordinato a tempo determinato o indeterminato, i quali abbiano percepito nel 2012 redditi di lavoro dipendente, di cui all art. 49 del TUIR, di ammontare non superiore al limite di euro. Tale limite va considerato al lordo delle somme assoggettate nel 2012 all imposta sostitutiva (massimo euro) prevista dall analogo regime agevolato applicabile in tale periodo di imposta, di cui all art. 2 del D.L. 27 maggio 2008, n. 93. Il rigo C4 del mod. 730 deve essere compilato solo in presenza di una delle specifiche ipotesi di seguito descritte. La compilazione può essere obbligatoria o facoltativa a seconda delle particolari situazioni in cui si trova il lavoratore dipendente. Per rendersi conto della necessità o meno di compilare la sezione in esame, in presenza di somme erogate per l incremento della produttività, occorre preliminarmente acquisire le seguenti informazioni (mediante l esame del CUD): Il datore di lavoro ha assoggettato questi compensi ad imposta sostitutiva (10 per cento), entro i limiti di euro, (in questo caso risultano compilati i punti 251 e 252 del CUD 2014 o del CUD 2013)? Oppure il datore di lavoro ha applicato la tassazione ordinaria (in tal caso risultano compilati i punti 251 e 254 del CUD 2014 o del CUD 2013)? La compilazione del presente rigo è obbligatoria se il dipendente si trova in una delle seguenti condizioni: 1) avere percepito i compensi da più datori di lavoro e, quindi, essere in possesso di più CUD 2014, per i quali non è stato chiesto il conguaglio, nei quali in tutti o in parte risulta compilato oltre al punto 251 dei CUD 2014 ( Totale redditi ) anche il punto 252 dei CUD 2014 ( Totale ritenute operate ) e la somma degli importi dei punti 251 e 255 dei diversi CUD 2014 (compensi assoggettati a imposta sostitutiva) risulta superiore a euro. In questo caso più datori di lavoro hanno assoggettato i compensi corrisposti per incrementi di produttività a imposta sostitutiva e il lavoratore ha fruito della tassazione agevolata su un ammontare di compensi complessivamente percepiti superiore a euro IN TAL CASO DEVE APPLICARE LA TASSAZIONE ORDINARIA DEI PREMI ECCEDENTI IL LIMITE; 2) avere percepito i compensi da un solo datore di lavoro e, quindi, essere in possesso di un solo CUD 2014 nel quale risulta compilato, oltre al punto 251 ( Totale redditi ) anche il punto 252 ( Totale ritenute operate ), e la somma degli importi indicati ai punti 251 e 255 del CUD 2014 risulta superiore a euro In questo caso il datore di lavoro ha applicato l imposta sostitutiva su un ammontare di compensi superiore al limite di euro IN TAL CASO DEVE APPLICARE LA TASSAZIONE ORDINARIA DEI PREMI ECCEDENTI IL LIMITE; 3) avere percepito i compensi da uno o più datori di lavoro e, quindi, essere in possesso di uno o più CUD 2014, nei quali in tutti o in parte risulta compilato oltre che il punto 251 anche il punto 252 ma il datore di lavoro ha assoggettato questi compensi a imposta sostitutiva in mancanza dei requisiti previsti. Ad esempio, il lavoratore nell anno 2012 aveva percepito un reddito di lavoro dipendente superiore a euro e, pertanto, non era nelle condizioni per fruire della tassazione agevolata. In tal caso il 8

9 lavoratore dovrà assoggettare a tassazione ordinaria dei compensi ricevuti. Si precisa che nel predetto limite di euro devono essere considerate anche le somme che sono state assoggettate a imposta sostitutiva IN TAL CASO DEVE APPLICARE LA TASSAZIONE ORDINARIA DEI PREMI In presenza di una delle situazioni sopra descritte, il rigo C4 va compilato nel modo seguente: colonna 2: indicare l importo risultante dal punto 251 del CUD 2014 oppure, in presenza di più CUD, la somma degli importi indicati nei punti 251 dei CUD 2014 nei quali risultano anche compilati i punti 252; colonna 3: indicare l importo risultante dal punto 252 del CUD 2014 oppure, in presenza di più CUD, la somma degli importi indicati nei punti 252 dei CUD 2014; colonna 5: indicare l importo risultante dal punto 255 del CUD 2014 oppure in presenza di più CUD la somma degli importi indicati nei punti 255 dei CUD 2014, nei quali risulta anche compilato il punto 252; colonna 6: barrare la casella Tassazione ordinaria, se il lavoratore si trova nel caso di cui al precedente punto 3 (contribuente che non ha le condizioni per fruire dell imposta sostitutiva e, pertanto, ha indebitamente goduto dell agevolazione); colonna 7: barrare la casella Tassazione sostitutiva, se il lavoratore si trova nei casi di cui ai precedenti punti 1 e 2 (contribuente che intende confermare la tassazione con imposta sostitutiva entro il limite di euro 2.500). La compilazione delle colonne 6 e 7 è alternativa e, pertanto, non è possibile barrare entrambe le caselle. La compilazione del presente rigo è facoltativa se il dipendente si trova in una delle una seguenti due condizioni: 1) avere interesse ad assoggettare a tassazione ordinaria i compensi percepiti per incrementi della produttività ai quali il datore di lavoro ha applicato l imposta sostitutiva (punti 251 e 252 del CUD 2014 compilati), ad esempio perché ha molte detrazioni o deduzioni che gli consentono di recuperare tutte le ritenute subite. In tal caso il soggetto che presta l assistenza fiscale farà concorrere alla formazione del reddito complessivo i suddetti compensi considerando le imposte sostitutive trattenute quali ritenute Irpef a titolo d acconto; 2) avere interesse ad assoggettare a tassazione sostitutiva i compensi percepiti per incrementi della produttività che il datore di lavoro ha assoggettato a tassazione ordinaria (punti 251 e 254 del CUD 2014 compilati). Condizione necessaria per esercitare tale opzione è quella di aver percepito nell anno 2012 un reddito di lavoro dipendente non superiore a euro, considerando anche le somme che sono state assoggettate a imposta sostitutiva. In tal caso il soggetto che presta l assistenza fiscale non comprenderà nel reddito complessivo i suddetti compensi (entro il limite massimo di euro lordi) e calcolerà sugli stessi l imposta sostitutiva del 10 per cento. In presenza di una delle situazioni sopra descritte, il rigo C4 va compilato nel modo seguente: colonna 1: indicare l importo risultante dal punto 251 del CUD 2014 nel quale risulta compilato anche il punto 254; oppure, in presenza di più CUD, la somma degli importi indicati nei punti 251 dei CUD 2014 nei quali risulta compilato anche il punto 254. colonna 2: indicare l importo risultante dal punto 251 del CUD 2014 nel quale risulta compilato anche il punto 252; oppure, in presenza di più CUD, la somma degli importi indicati nei punti 251 dei CUD 2014 nei quali risulta compilato anche il punto 252; colonna 3: indicare l importo risultante dal punto 252 del CUD 2014, oppure, in presenza di più CUD, la somma degli importi indicati nei punti 252 del CUD 2014; colonna 4: indicare l importo risultante dal punto 255 del CUD 2014 oppure in presenza di più CUD la somma degli importi indicati nei punti 255 dei CUD 2014, nei quali risulta anche compilato il punto 254; 9

10 colonna 5: indicare l importo risultante dal punto 255 del CUD 2014 oppure in presenza di più CUD la somma degli importi indicati nei punti 255 dei CUD 2014, nei quali risulta anche compilato il punto 252; colonna 6: barrare la casella Tassazione ordinaria se si intende optare per la tassazione ordinaria (condizione di cui al punto 1) oppure barrare la casella di colonna 7 Tassazione sostitutiva se si intende optare per la tassazione dei compensi ad imposta sostitutiva (condizione di cui al punto 2). PUNTO 301: COMPENSI PER LAVORI SOCIALMENTE UTILI I compensi per LSU percepiti dai soggetti che hanno raggiunto l'età prevista dalla vigente legislazione per la pensione di vecchiaia e che possiedono un reddito complessivo di importo non superiore a euro 9.296,22 al netto della deduzione per l'unità immobiliare adibita ad abitazione principale e per le relative pertinenze, costituiscono reddito per la parte che eccede complessivamente nel periodo d'imposta euro 3.098,74. Questi redditi sono indicati nel punto 301 per la parte che eccede complessivamente nel periodo d imposta euro 3.098,74; In presenza di compensi per lavori socialmente utili in regime agevolato, nelle annotazioni (cod. AX) del CUD è data distinta indicazione della parte dei compensi esclusi dalla tassazione (quota esente) e della parte soggetta a tassazione e compresa nel punto 301 (quota imponibile) nonché dell importo di ritenute e addizionale riferibili ai suddetti compensi. Compensi per lavori socialmente utili Nel caso di compensi percepiti per lavori socialmente utili da chi ha raggiunto l età prevista dalla vigente legislazione per la pensione di vecchiaia, si applica un regime fiscale agevolato in presenza delle condizioni previste dalla specifica normativa. Se i compensi hanno fruito del regime agevolato, nelle annotazioni del CUD 2014 sono riportati sia i compensi esclusi dalla tassazione (quota esente) sia quelli assoggettati a tassazione (quota imponibile) nonché le ritenute dell Irpef e dell addizionale regionale trattenute dal datore di lavoro. In questo caso indicare: nella colonna 3 dei righi da C1 a C3, la somma dei due importi (quota esente + quota imponibile); nella colonna 5 del rigo F2 del quadro F (e non nel rigo C9 del quadro C), l importo delle ritenute Irpef; nella colonna 6 del rigo F2 del quadro F (e non nel rigo C10 del quadro C) l importo delle ritenute addizionale regionale. Se i compensi non hanno fruito del regime agevolato, nelle annotazioni del CUD non sono riportati i dati relativi ai compensi erogati per lavori socialmente utili e pertanto sono stati assoggettati a regime ordinario. In questo caso i compensi percepiti per lavori socialmente utili sono stati indicati nel punto 1 del CUD 2014 e le ritenute Irpef e l addizionale regionale rispettivamente nei punti 5 e 6 dello stesso CUD In questo caso l importo dei compensi indicati nel punto 1 dovrà essere riportato nella colonna 3 di uno dei righi da C1 a C3, riportando nella relativa casella di colonna 1 il codice 2, mentre le ritenute Irpef e l addizionale regionale trattenuta dovranno essere riportate rispettivamente nei righi C9 e C10 del quadro C. Se il reddito complessivo del lavoratore, al netto della deduzione per l abitazione principale e le relative pertinenze, risulta superiore a 9.296,22 euro, i compensi erogati per lavori socialmente utili saranno assoggettati a Irpef e all addizionale regionale e comunale all Irpef anche se hanno fruito del regime agevolato risultante dal CUD (codice 3 indicato nella colonna 1). COD. BM E BC: RIENTRO IN ITALIA E ALTRI CASI PARTICOLARI 10

11 Per i redditi di lavoro dipendente delle categorie individuate con Decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze del 3 giugno 2011, la L. 30 dicembre 2010, n. 238, ha previsto un abbattimento della base imponibile ai fini dell imposta sul reddito delle persone fisiche pari all 80% per le lavoratrici e il 70% per i lavoratori. Nel punto 1 del CUD 2014 pertanto è indicato rispettivamente il 20% o il 30% dei redditi corrisposti ai lavoratori dipendenti, in possesso dei requisiti previsti, che hanno richiesto di fruire del beneficio fiscale previsto dall art. 3 della medesima legge in sede di applicazione delle ritenute. Nelle annotazioni (cod. BM) sarà indicato l ammontare complessivo delle somme che non hanno concorso a formare il reddito imponibile (80% o 70% dell ammontare erogato). Nella ipotesi in cui il sostituto non abbia previsto l abbattimento, rispettivamente dell 80% e del 70% dell imponibile, nelle annotazioni (cod. BM), è indicato l ammontare di tali somme per consentire al percipiente di fruire dell agevolazione in sede di dichiarazione dei redditi. Il D.L. 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 2 del 28 gennaio 2009 ha previsto una particolare agevolazione per i docenti e ricercatori, che in possesso di titolo di studio universitario o equiparato, siano non occasionalmente residenti all estero e abbiano svolto documentata attività di ricerca o docenza all estero presso centri di ricerca pubblici o privati o università per almeno due anni continuativi e che dalla data di entrata in vigore del suddetto D.L. o in uno dei cinque anni solari successivi vengano a svolgere la loro attività in Italia e che conseguentemente divengono fiscalmente residenti nel territorio dello Stato. In tal caso è imponibile solo il 10 per cento dei redditi corrisposti (detto importo, pertanto, sarà indicato punto 1 del CUD 2014). Nelle annotazioni (cod. BC) sarà indicato l ammontare delle somme che non hanno concorso a formare il reddito imponibile (90% dell ammontare erogato). Nella ipotesi in cui il sostituto non abbia previsto l abbattimento del 90 % dell imponibile nelle annotazioni (cod. BC), deve essere indicato l ammontare di tali somme per consentire al percipiente di fruire dell agevolazione in sede di dichiarazione dei redditi. E importante precisare che la presente casella va compilata esclusivamente nell ipotesi particolare in cui il datore di lavoro non abbia potuto riconoscere l agevolazione e il contribuente intenda fruirne, in presenza dei requisiti previsti dalla legge, direttamente nella presente dichiarazione dei redditi. Peraltro, in presenza dei requisiti, normalmente il sostituto d imposta riconosce l agevolazione, per cui se il sostituto, invece, non avesse riconosciuto l agevolazione in commento il caso andrà valutato con molta attenzione (consultare il Servizio Fiscale mediante ticket di assistenza). Nella presente casella va indicato uno dei seguenti codici: 11

12 1 se si fruisce in dichiarazione dell agevolazione prevista per i lavoratori dipendenti che rientrano in Italia dall estero. In presenza dei requisiti previsti dalla legge 30 dicembre 2010, n. 238, i redditi di lavoro dipendente concorrono alla formazione del reddito complessivo nella misura del 20 per cento per le lavoratrici e del 30 per cento per i lavoratori; 2 se si fruisce in dichiarazione dell agevolazione prevista per i docenti e ricercatori, che siano non occasionalmente residenti all estero e abbiano svolto documentata attività di ricerca o docenza all estero presso centri di ricerca pubblici o privati o università per almeno due anni continuativi e che dalla data di entrata in vigore del D.L. 29 novembre 2008, n. 185 o in uno dei cinque anni solari successivi vengano a svolgere la loro attività in Italia e che conseguentemente divengono fiscalmente residenti nel territorio dello Stato. I redditi di lavoro dipendente concorrono alla formazione del reddito complessivo nella misura del 10 per cento. Nei casi ordinari il beneficio è riconosciuto direttamente dal datore di lavoro. Pertanto, la presente casella va compilata esclusivamente nell ipotesi particolare in cui il datore di lavoro non abbia potuto riconoscere l agevolazione e il contribuente intenda fruirne, in presenza dei requisiti previsti dalla legge, direttamente nella presente dichiarazione dei redditi. In tale caso il reddito di lavoro dipendente va indicato nei righi da C1 a C3 già nella misura ridotta (al 10%, al 20% o al 30%). Nelle Annotazioni del CUD 2014, codice BM per lavoratori e lavoratrici e codice BC per docenti e ricercatori, è indicato l ammontare ridotto che ha concorso a formare il reddito, se l agevolazione è stata riconosciuta dal sostituto, oppure la quota non imponibile, se il sostituto non ha operato l abbattimento. 3 se sono stati superati i limiti di deducibilità dei contributi per previdenza complementare certificati in più CUD non conguagliati. In questo caso nei righi da C1 a C3 va riportato il reddito di lavoro dipendente aumentato della quota di contributi dedotta in misura eccedente rispetto ai limiti previsti (Istruzioni mod. 730 rettificate, pag. 23). COD. AE: REDDITI PRODOTTI IN ZONA DI FRONTIERA I compensi corrisposti derivanti da lavoro dipendente prestato, in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto, all estero in zone di frontiera ed in altri Paesi limitrofi da soggetti residenti nel territorio dello Stato, confluiscono anch essi al punto 1 del CUD, al netto della quota esente (euro 6.700,00) di cui invece dovrà essere data distinta indicazione nelle annotazioni (cod. AE). Pertanto, le Istruzioni precisano che se nella colonna 1 è stato indicato il codice 4 (redditi prodotti in zone di frontiera), alla colonna 3 (reddito) dei righi da c1 a c3 si dovrà riportare l intero ammontare dei redditi percepiti, comprensivo della quota esente. In presenza di un CUD 2014, all importo indicato nel punto 1 va sommata la quota esente riportata nelle Annotazioni. Chi presta l assistenza fiscale terrà conto, per l anno 2013, della sola parte di reddito eccedente euro, mentre per il calcolo dell acconto Irpef dovuto per il 2014 verrà considerato l intero ammontare del reddito percepito. [Fine] 12

Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014

Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014 n 07 del 14 febbraio 2014 circolare n 143 del 13 febbraio 2014 referente BERENZI/mr Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014 Con il Provvedimento

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

CUD 2013 ISTRUZIONI PER IL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D IMPOSTA. ntrate COMPILAZIONE DATI FISCALI. genzia.

CUD 2013 ISTRUZIONI PER IL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D IMPOSTA. ntrate COMPILAZIONE DATI FISCALI. genzia. genzia ntrate CUD 2013 ISTRUZIONI PER IL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D IMPOSTA ALLEGATO 2 COMPILAZIONE DATI FISCALI Generalità La certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Modello CUD 2012: la compilazione dei dati fiscali Michela Magnani Dottore Commercialista in Bologna

Modello CUD 2012: la compilazione dei dati fiscali Michela Magnani Dottore Commercialista in Bologna Modello CUD 2012: la compilazione dei dati fiscali Michela Magnani Dottore Commercialista in Bologna Con il decreto del direttore generale dell Agenzia delle Entrate 16 gennaio 2012, pubblicato sul sito

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C INDICAZIONI GENERALI I redditi di lavoro dipendente e assimilati Sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA 2015

CERTIFICAZIONE UNICA 2015 CERTIFICAZIONE UNICA 201 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART., COMMI -ter e -quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 199, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 201 DATI ANAGRAFICI AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

CAPITOLO PRIMO MODELLO CUD 2012

CAPITOLO PRIMO MODELLO CUD 2012 CAPITOLO PRIMO MODELLO CUD 2012 In questo capitolo si illustrano le modalità utilizzate dal sostituto d imposta per la compilazione del Modello CUD 2012. Riteniamo, infatti, che ciò possa aiutare a riportare

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C INDICAZIONI GENERALI I redditi di lavoro dipendente e assimilati Sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti

Dettagli

Il risultato della dichiarazione dei redditi

Il risultato della dichiarazione dei redditi Il risultato della dichiarazione dei redditi Capitolo 12 12.1 CONCETTI GENERALI 12.2 IRPEF : CALCOLO IMPOSTA LORDA 12.3 IRPEF : DALL IMPOSTA LORDA ALL IMPOSTA NETTA : LE DETRAZIONI 12.4 IRPEF : DALL IMPOSTA

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali (art. d.lgs. n. 9/00) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti riconosciuti

Dettagli

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Bonus IRPEF: chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Indice 1. Premessa 2. Soggetti beneficiari 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 14 MARZO 2008 Informativa n. 25 QUADRO C: MODALITÀ

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*)

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) 18 Luglio 2012 SCADE IL 31 LUGLIO 2012 IL

Dettagli

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le principali novità di quest anno Cedolare secca sulle locazioni Immobili di interesse storico-artistico

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

Paghe. Detrazioni Irpef e oneri deducibili Andrea Barone - Responsabile analisi normativa software lavoro WKI

Paghe. Detrazioni Irpef e oneri deducibili Andrea Barone - Responsabile analisi normativa software lavoro WKI Detrazioni Irpef e oneri deducibili Andrea Barone - Responsabile analisi normativa software lavoro WKI Voci della busta paga Finanziaria 2007 Limite di reddito Parametrazione a mese Misura Con il pagamento

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE Circolare n. 7 Del 21 maggio 2014 Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE 1 Premessa...3 2 Soggetti beneficiari...3 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati...3 2.1.1 Beneficiari

Dettagli

CIRCOLARE N. 9/E. Roma, 14 maggio 2014

CIRCOLARE N. 9/E. Roma, 14 maggio 2014 CIRCOLARE N. 9/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 14 maggio 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 20 27.05.2014 Oneri deducibili Focus sui contributi per forme pensionistiche complementari e individuali Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede un

Dettagli

Legale Regione Lombardia sui pubblici esercizi

Legale Regione Lombardia sui pubblici esercizi C M Y CM MY CY CMY K Commercio Turismo Servizi e Professioni Sindacale Straordinari: soppresso il contributo aggiuntivo Bandi e finanziamenti Comune di Milano Bando Imprendium Welfare Contratto a progetto:

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE

INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE genzia ntrate CUD 2006 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE ALLEGATO 1 La certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati deve essere consegnata, in duplice copia, al contribuente

Dettagli

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa Fiscal Flash La notizia in breve N. 41 20.02.2014 Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: CUD La certificazione unica dei redditi di lavoro

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 MEMORIE NUMERICHE 1 Redditi lavoro dipendente e assimilati (Cas. 1) 2 Assegni periodici corrisposti dal coniuge (Cas. 5) 3-18 Caselle da 11 a 26 19 Altri datori - Imponibile

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

La nuova Certificazione Unica Modello CU 2015. Paolo Meneguzzo, 17-18-19 febbraio 2015

La nuova Certificazione Unica Modello CU 2015. Paolo Meneguzzo, 17-18-19 febbraio 2015 La nuova Certificazione Unica Modello CU 2015 Paolo Meneguzzo, 17-18-19 febbraio 2015 Norma istitutiva Art.4, DPR n.322/1998 ( ) 6-quater. Le certificazioni di cui al comma 6-ter, sottoscritte anche mediante

Dettagli

CUD 2010 Novità in tema di reddito da lavoro dipendente e assimilati. Incontro di aggiornamento Ravenna, 22 febbraio 2010

CUD 2010 Novità in tema di reddito da lavoro dipendente e assimilati. Incontro di aggiornamento Ravenna, 22 febbraio 2010 CUD 2010 Novità in tema di reddito da lavoro dipendente e assimilati Incontro di aggiornamento Ravenna, 22 febbraio 2010 CUD 2010 - NOVITA Il CUD 2010 si presenta rinnovato in particolar modo nella parte

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA2015

CERTIFICAZIONE UNICA2015 CERTIICAZIONE UNICA0 CERTIICAZIONE DI CUI ALL ART., COMMI -ter e -quater, DEL D.P.R. LUGLIO 8, n., RELATIVA ALL ANNO 0 Istituto Nazionale della Previdenza Sociale - Copia conforme al Provvedimento Agenzia

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013

Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013 Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013 RAPPORTO TRA IMU E IRPEF EFFETTI SUI REDDITI DEI TERRENI E DEI FABBRICATI RAPPORTO IMU -IRPEF REDDITI FONDIARI

Dettagli

SIPAG SRL Via Lemignano 2, Lemignano di Collecchio 43044 (PR) Call Center: 0521 543838 - Fax 0521 543822 Piattaforma ASP

SIPAG SRL Via Lemignano 2, Lemignano di Collecchio 43044 (PR) Call Center: 0521 543838 - Fax 0521 543822 Piattaforma ASP Descrizione aggiornamento temporaneo del 11.02.2013 Sommario Esecuzione comando preliminare... 2 Modello CUD 2013... 2 Novità CUD 2013... 2 Sezioni previste sul modello CUD 2013 ed eventuali particolarità...

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Coniuge e familiari a carico FRONTESPIZIO

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Coniuge e familiari a carico FRONTESPIZIO ? INQUADRAMENTO NORMATIVO Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009 Dichiarazione 730, a cura di R. Artina. - V. Artina Coniuge e familiari a carico All'interno del frontespizio del Mod. 730/2009 è

Dettagli

31 Gennaio 2015. Indice. 1- La nuova CU 2015 1. Notiziario del Lavoro N.1 31 Gennaio 2015. Tutti i diritti sono riservati alla Zucchetti S.p.a.

31 Gennaio 2015. Indice. 1- La nuova CU 2015 1. Notiziario del Lavoro N.1 31 Gennaio 2015. Tutti i diritti sono riservati alla Zucchetti S.p.a. Tutti i diritti sono riservati alla Zucchetti S.p.a. Indice 1- La nuova CU 2015 1 Redazione: Pedrazzini Raffaella, Calzari Alessandra, Fedele Barbara, Balestrieri Gloria, Preda Elisa 1 La nuova CU 2015

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale SEEK & PARTNERS SpA - Via Jacopo Linussio, - PORDENONE - CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE DEL 0/0/0 FISCALE DEL CONTRIBUENTE (obbligatorio) DATI DEL CONTRIBUENTE STATO CIVILE RESIDENZA ANAGRAFICA

Dettagli

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore:

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore: GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015 Relatore: Alessandro Dott. TODESCHELLI Dott. Comm.sta materia «Lavoro» OPEN Dot Com Servizio: Nome servizio Pag. 1 Torino,

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 00 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale Conforme al provvedimento Agenzia Entrate del /0/0 e successive modificazioni Modello Grafico realizzato da Namirial S.p.a. Via Caduti sul lavoro, Senigallia (AN) *MSSMCRRF0E* Mod. N. MODELLO 0/0 redditi

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) SEMPLIFICATO 205 Anno 204 Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 3 d.lgs. n. 9/2003) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

Somme e valori. applica. Certifi ca i redditi nel Modello CUD LO SCHEMA DEL CUD 2012 - CERTIFICAZIONE UNICA DIPENDENTI

Somme e valori. applica. Certifi ca i redditi nel Modello CUD LO SCHEMA DEL CUD 2012 - CERTIFICAZIONE UNICA DIPENDENTI Sezione prima - Introduzione Introduzione INTRODUZIONE Il datore di lavoro, in qualità di sostituto di imposta, ai sensi dell art. 4, comma -ter del DPR n. 322/1998, è tenuto a rilasciare al contribuente

Dettagli

Gli oneri. Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ

Gli oneri. Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ Gli oneri Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ 10.5 LA RATEIZZAZIONE DELLE SPESE 10.6 LE DIVERSE TIPOLOGIE DI ONERI GLI ONERI

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti a DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Regime fiscale dei contributi (applicabile anche ai soggetti iscritti alla data del

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi

LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento n. 4791 del 15 gennaio 2015 ha approvato il modello

Dettagli

FISCALITA ASSICURATIVA GLI ASPETTI FISCALI DEI PRODOTTI ASSICURATIVI PARTE I: LE POLIZZE VITA ED INFORTUNI

FISCALITA ASSICURATIVA GLI ASPETTI FISCALI DEI PRODOTTI ASSICURATIVI PARTE I: LE POLIZZE VITA ED INFORTUNI FISCALITA ASSICURATIVA GLI ASPETTI FISCALI DEI PRODOTTI ASSICURATIVI PARTE I: LE POLIZZE VITA ED INFORTUNI PREMESSA: SUCCESSIONE DEI REGIMI 1. DISCIPLINA VIGENTE PER I CONTRATTI STIPULATI ENTRO IL 31/12/20000

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

In questo capitolo si analizzano e approfondiscono gli oneri e le spese per le quali il contribuente gode di particolari agevolazioni fiscali.

In questo capitolo si analizzano e approfondiscono gli oneri e le spese per le quali il contribuente gode di particolari agevolazioni fiscali. CAPITOLO SETTIMO INTRODUZIONE AGLI oneri e spese In questo capitolo si analizzano e approfondiscono gli oneri e le spese per le quali il contribuente gode di particolari agevolazioni fiscali. 1 premessa

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

MODELLO 730-3 redditi 2014

MODELLO 730-3 redditi 2014 07-07-0 MODELLO 70- redditi RE-00-00000077 prospetto di liquidazione relativo all'assistenza fiscale prestata DICHIARAZIONE Ufficio: UFFICIO VIA BISMANTOVA Pr. Archiv.: 77 PRECOMPILATA 70 rettificativo

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

Studio Tributario e Societario

Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Convegno Novità Tributarie 2011/2012 Genova, 19 Gennaio 2012 La tassazione delle persone fisiche come stumento di redistribuzione della ricchezza:

Dettagli

PRCMRA43R15B152M Mod. N. 1

PRCMRA43R15B152M Mod. N. 1 MODELLO 730/014 redditi dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. 1 Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013

La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013 La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013 Modello 730: provvedimento di approvazione del 15 gennaio 2014; provvedimento di modifica del 10 marzo 2014. Modello UNICO Persone

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale TKQ ORE SOFTWARE S.p.A. - Via Monte Rosa, Milano - COPIA CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE DEL // e successive modificazioni DATI DEL MARTINELLI FAUSTO M DI NASCITA (o Stato estero) DI NASCITA

Dettagli

MODELLO 730/2013 redditi 2012 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2013 redditi 2012 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale MODELLO GRATUITO LTRNNNEC0G CONTRIBUENTE BARRARE LA CASELLA C = Coniuge F = Primo figlio F = Figlio A = Altro D = Figlio disabile CX F X PRIMO FIGLIO D (Il codice del coniuge va indicato anche se non fiscalmente

Dettagli

2 CFU scienza delle Finanze anno 2013/14 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) di Michela Mantovani

2 CFU scienza delle Finanze anno 2013/14 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) di Michela Mantovani 2 CFU scienza delle Finanze anno 2013/14 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) di Michela Mantovani L imposta sul reddito delle persone fisiche è disciplinata dal titolo I del D.P.R. n.917/1986

Dettagli

IRPEF 2008 E 2009 Agevolazioni e opportunità di risparmio Guida alle novità fiscali

IRPEF 2008 E 2009 Agevolazioni e opportunità di risparmio Guida alle novità fiscali IRPEF 2008 E 2009 Agevolazioni e opportunità di risparmio Guida alle novità fiscali Capitolo 1 - Il calcolo dell Irpef... 2 Capitolo 2 - Le detrazioni per i lavoratori dipendenti e pensionati... 4 Capitolo

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

MODELLO 730/2015: PRECOMPILATO E ORDINARIO NOVITÀ

MODELLO 730/2015: PRECOMPILATO E ORDINARIO NOVITÀ MODELLO 730/2015: PRECOMPILATO E ORDINARIO NOVITÀ 1. Modello 730 precompilato 2. Modello 730 ordinario 3. Quadri del Modello 730/2015 4. Novità del Modello 730/2015 Il Provvedimento Agenzia Entrate 15.1.2015

Dettagli

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Misura Addebito della separazione Inadempimento dell obbligato e potere di assegnazione Soggetti

Dettagli

AGENZIA DELLE ENTRATE

AGENZIA DELLE ENTRATE L AGENZIA INFORMA no tax area aliquote deduzioni riforma IRPEF clausola di salvaguardia calcolo deduzioni scaglioni detrazioni reddito imponibile tassazione no tax gui area deduzioni aliquote deduzioni

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA CERTIFICAZIONE UNICA 2015: APPROVAZIONE DEL MODELLO DEFINITIVO PAG.

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA CERTIFICAZIONE UNICA 2015: APPROVAZIONE DEL MODELLO DEFINITIVO PAG. CIRCOLARE N. 06 DEL 27/01/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA CERTIFICAZIONE UNICA 2015: APPROVAZIONE DEL MODELLO DEFINITIVO PAG. 2 IN SINTESI: Con il Provvedimento

Dettagli

Sistema informativo per la Gestione del Personale News @-Xpers 4.5.5.0

Sistema informativo per la Gestione del Personale News @-Xpers 4.5.5.0 Sistema informativo per la Gestione del Personale News @-Xpers 4.5.5.0 Le informazioni contenute in questo documento sono soggette a modifiche senza preavviso e non rappresentano un impegno da parte di

Dettagli

redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Coniuge congiunta

redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Coniuge congiunta MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE DEL /0/0 E DEL 0/0/0 - ITWorking S.r.l.

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

Roma, 04 marzo 2010 CIRCOLARE N. 4 / 2010

Roma, 04 marzo 2010 CIRCOLARE N. 4 / 2010 Roma, 04 marzo 2010 CIRCOLARE N. 4 / 2010 e p.c. Agli Iscritti Alle Casse Rurali/Banche di Credito Cooperativo Alle Federazioni locali ed Enti Collegati Agli Enti Centrali Ai Membri del Comitato Amministratore

Dettagli

genzia ntrate CUD Certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, equiparati e assimilati Redditi 2013 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

genzia ntrate CUD Certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, equiparati e assimilati Redditi 2013 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE genzia ntrate CUD 2014 Certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, equiparati e assimilati Redditi 2013 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. Informazioni per il contribuente 1. Informativa sul

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE UNICA

LA CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CERTIFICAZIONE UNICA MAURIZIO AGATE 6 febbraio 2015 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Fonti normative art. 4, D.P.R. n. 322/1998 D.Lgs. n.

Dettagli

CUD 2003 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE AGENZIA DELLE ENTRATE. 1. Trattamento dei dati personali

CUD 2003 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE AGENZIA DELLE ENTRATE. 1. Trattamento dei dati personali CUD 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE ALLEGATO 1 La certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente e di quelli a questi assimilati deve essere consegnata al contribuente

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 1 30.03.2015 Le novità del Modello 730/2015 Precompilato, termini e quadri Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 Con il Provvedimento

Dettagli

ALLEGATO D CIRCOLARE PER LA LIQUIDAZIONE ED IL CONTROLLO DEL MOD. 730/2013

ALLEGATO D CIRCOLARE PER LA LIQUIDAZIONE ED IL CONTROLLO DEL MOD. 730/2013 ALLEGATO D CIRCOLARE PER LA LIQUIDAZIONE ED IL CONTROLLO DEL MOD. 730/2013 Istruzioni per lo svolgimento degli adempimenti previsti per l assistenza fiscale da parte dei sostituti d imposta, dei professionisti

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO

NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO Circolare informativa per la clientela n. 14/2010 del 10 giugno 2010 NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO In questa Circolare 1. Modelli 770/2010 Semplificato e Ordinario 2. Principali novità

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Aggiornato alla legge n. 190 del 23 dicembre 2014 ( legge di

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci CGIL PIEMONTE

Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci CGIL PIEMONTE DECRETO-LEGGE 24 aprile 2014, n. 66 Art. 1, Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati Chiarimenti sull applicazione del Bonus di 80 euro Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 2 febbraio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati a FONDENEL dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente

Dettagli

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro G Il contribuente, per la compilazione di questo

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 14 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti...

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale Unipol Previdenza Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA Documento sul regime fiscale Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa

Dettagli

IL MODELLO 730-2015: ANALISI DELLE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE

IL MODELLO 730-2015: ANALISI DELLE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE IL MODELLO 730-2015: ANALISI DELLE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE di Celeste Vivenzi Premessa generale L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento n. 4791 del 15 gennaio 2015 ha approvato il modello 730/2015

Dettagli

MODELLO 770/2012 SEMPLIFACATO

MODELLO 770/2012 SEMPLIFACATO 1 Cuneo Unione Industriali 4 giugno 2012 MODELLO 770/2012 SEMPLIFACATO Gabriele Bonati 2 Approvazione del modello 770/2012 L Agenzia delle entrate, con due provvedimenti del 16 gennaio 2012 (pubblicati,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in regime di contribuzione definita, sono

Dettagli

L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione Aperto DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione Aperto DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione Aperto DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa all offerta pubblica di adesione a L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

MOBILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE. Milano, 2 ottobre 2014

MOBILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE. Milano, 2 ottobre 2014 MOBILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE Milano, 2 ottobre 2014 Fiscalità internazionale e doppia imposizione L invio di un dipendente all estero comporta, in molti casi, la soggezione alla potestà impositiva

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa ed è aggiornato al

Dettagli

Tipologie di contribuenti

Tipologie di contribuenti DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI Tipologie di contribuenti Il mondo dei contribuenti Persone Fisiche viene analizzato sia nella sua completezza che considerando i soli titolari di partita iva. Tutti i contribuenti

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato. Prot.2015/4793 Approvazione del modello 770/2015 Semplificato, relativo all anno 2014, con le istruzioni per la compilazione, concernente le comunicazioni da parte dei sostituti d imposta dei dati delle

Dettagli