Raccolta di esercizi di esame di fisica per Farmacia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raccolta di esercizi di esame di fisica per Farmacia"

Transcript

1 Anno Accademico Prof. Paolo Bagnaia Prof. Claudio Luci Raccolta di esercizi di esame di fisica per Farmacia 1

2 4

3 Formulario di MECCANICA e FLUIDODINAMICA x t x f i f i Velocità media v = f t accelerazione media a = i t f ti Equazioni cinematiche moto rettilineo accelerazione costante : v x = v 0x + a x t ; ; x x0 = v 0x t + 2 axt ; x x0 = 2 (v x + v 0x ) t 2 2 v x = v0 x + 2a x ( x x0) ; v = (viniz + vfin ) / 2 g 2 Traiettoria proiettile : y = tanθ x ( ) x ; v 2 v0 cos θ 0x = v0 cosθ0 ; v0x = v0 sinθ v0 v0 2 gittata = sin( 2θ 0 ) Y max = sin θ 0 g 2g π Moto circolare uniforme : v = ω r ; ω = 2 ; a r T = v 2 2 r = ω r r Legge del moto : F = ma Forza peso: r r r r Fp = mg; (g=9.8 m/ s 2 ); Forza elastica: F e = k( x x ) 0 i r GMm Forza gravitazionale: Fg = 2 r ; Forza attrito: F N r a = µ Piano inclinato: F // = mg sinα ; F = mg cosα f r 2 r F = cos t Energia cinetica : K = m ; Lavoro di una forza: L = F ds F s 1 2 v Teorema dell energia cinetica : L = K f K i ; r L Potenza media: P = Potenza istantanea : v r P = F t Energia potenziale : U f U i = x x f i F dx x Energia potenziale molla elastica: U f U i = 2 k( x f xi ) ( per x 0 = 0) Energia potenziale gravitazionale: U f Ui = mg( hf hi); Conservazione energia meccanica : K i + Ui = K f + U f Quantità di moto: p r = m v r r r r r ; Conservazione quantità di moto: p1 i + p2i = p1 f + p2 f Impulso della forza: I = F t (valido per F costante) ; I = p fin p iniz 2 d x k 2 m Oscillazioni: 2 = m x ; x ( t) = Acos( ω t + ϕ ) ; T π 1 = π dt ω = 2 k ; f = T Fluidi: A 1 v1 = A2 v 2 ; p = p 1 + ρhg p1 + 2 ρ v1 + ρgh1 = p2 + 2 ρ v 2 + ρgh 5 ( 1atm = Pa = 760 mm Hg ) r r Vettori : prodotto scalare : a b = ab cosθ = axbx + a yby + azbz r r r r prodotto vettoriale a b; a b = ab sinθ v 2 ; 2 2 b ± b 2 4ac equazione quadratica: ax + bx + c = 0 x = 2a Trigonometria sin θ = (cateto opposto a θ)/ipotenusa cos θ = (cateto adiacente a θ)/ipotenusa 2 2 sin cos θ + sin θ = 1 ; tan θ = θ θ v cos i

4 Formulario di TERMODINAMICA e ELETTROMAGNETISMO TERMODINAMICA 1 Q Calore specifico c =, quindi: Q mc(tf Ti ) m T = ; equivalente meccanico della caloria = J = 1cal ; cambiamento di fase Q = mλ. Primo principio della Termodinamica U = Q L ; se il sistema riceve calore: Q > 0 ; se cede calore Q < 0, V L p V ; a pressione costante: L = p V = p( V f Vi ) ; = f V i Energia interna di un gas perfetto U = ncv T, relazione di Mayer cp cv = R; J atm l cal R = = = K mole K mole K mole = 3 / 2 R (gas monoatomico) = 5 / 2 R (gas biatomico) c v c p = 5 / 2 R (gas monoatomico) = 7 / 2 R (gas biatomico) Equazione di stato dei gas perfetti: PV = nrt ; c v c p Trasformazioni termodinamiche di un gas perfetto: isocore V = 0, isobare P = 0, γ Isoterme : PV = cost, adiabatiche reversibili: PV = cos t ; TV γ 1 = cost,con γ = c / c. Lavoro in una trasformazione isoterma L = nrtln V ; lavoro di un ciclo L = QC QF ; V rendimento di un ciclo η = L Q Q = 1 Q F C C B f i ; ciclo di Carnot Q F = QC dq Entropia S = S( B) S( A) = calcolata lungo trasformazioni reversibili; T A R Numero di Avogadro N Av = molecole / mole, k = = J / K. N ELETTROSTATICA e MAGNETISMO q1q Legge di Coulomb F = k rˆ, k = = Nm / C, ε /( ) 2 0 = C Nm ; r 4πε 0 19 carica elettrone C ; massa elettrone Kg ; massa protone Kg. 1 q campo elettrico generato da una carica puntiforme E = rˆ ; 2 4πε 0 r Forza elettrostatica subita da una carica q immersa in un campo elettrico E: F = qe. Qint Flusso elettrico Φ( E ) = E nˆds; Teorema di Gauss Φ(E) = E nˆds =. ε S Differenza di Energia Potenziale (U(finale) U(iniziale)) : Differenza di Potenziale B U V ( B) V ( A) = V = = E ds q ; 0 A Av S T T F C chiusa ; B U( B) U( A) = q0 E ds ; A 0 p v

5 se il campo elettrico è uniforme V = V ( B ) V ( A ) = E s ; Se la differenza di potenziale è definita al contrario : V = V(iniz.) V(fin.) = E s ; 1 q Differenza di potenziale di una carica puntiforme rispetto all infinito: V ( B) V ( ) = ; 4πε0 r 1 q1q2 Energia potenziale di una coppia di cariche puntiformi U = ; 4πε0 r12 Q S S Capacità C = ; Capacità di un condensatore piano: C = ε 0 ; C = ε rε 0 ; V d d Condensatori in parallelo C = eq C + C ; Condensatori in serie = ; C C C eq Q 1 2 Energia immagazzinata in un condensatore U = = C V ; 2 C 2 dq Corrente elettrica i =, i = nqv d A, densità di corrente J = nqv d ; dt V Legge di Ohm: R = l, seconda legge di Ohm: R = ρ ; i A Resistenze in serie R eq = R1 + R ; Resistenze in parallelo = ; R R R eq V Potenza dissipata da una resistenza (effetto Joule): P = I V = i R = ; R 7 Forza di Lorentz: F = qv B, F = il B, µ 0 = 4π 10 Tm / A ; Forza di Lorentz tra due fili percorsi da corrente: F 1 0ii 1 2 = µ 7 ; µ 0 = 4π 10 Tm / A ; l 2πd i filo rettilineo indefinito: B = µ 0 N µ 0Ni 2 πr ; Solenoide: B = µ 0 ni = µ 0 i ; Toroide: B = ; L 2πr mv traiettoria in campo magnetico uniforme: R = ; Teorema di Ampere: B ds i qb = µ 0 ; d B Legge di Faraday-Neumann: f = Φ ; dove Φ(B) = dt B nˆds. OTTICA GEOMETRICA Indice di rifrazione n = c v, v = λ = v λ Legge di Snell : n1 senθ i = n2senθ r ; T equazione dello specchio R + = ; f = p=posizione oggetto, q= posizione immagine; p q f equazione lenti sottili + = = ( n 1)( ) ; p q f R 1 R 2 VETTORI prodotto scalare a b = abcosθ = a xbx + a yby + azbz ; prodotto vettoriale a b = a b sinθ S 2 equazione quadratica ax + bx + c = 0 b ± x = b 2 4ac 2a

6 4

7 2

8 Esempio 1 di prova d esonero Esercizio 1. Forze (7 punti) a) Si determini la forza necessaria per tirare a velocità costante le due masse indicate nella figura, se m 1 =2.00 kg, m 2 =5.00 kg, µ d1 =0.300 e µ d2 = b) Quanto vale la tensione T 1 nel filo di collegamento? (Risultato: a) 15.7 N ; b) 5.88 N) m 1 m 2 µ d1 T 1 µ d2 F Esercizio 2. Lavoro ed Energia (7 punti) Uno sciatore, inizialmente in quiete, scende strisciando lungo la pista percorrendo 60.0 m. La pista forma un angolo di 35 con l orizzontale. a) Se il coefficiente di attrito tra gli sci e la pista è 0.100, si trovi la velocità dello sciatore al fondo della pista. b) Giunto al fondo della pista, lo sciatore continua a muoversi su una distesa di neve orizzontale. Si trovi quanto spazio percorre ancora prima di arrestarsi. (Risultato: a) 24.1 m/s; b) 296 m) Esercizio 3. Oscillazioni. (7 punti) Una massa di 500 g viene sospesa ad una molla verticale e l allunga di 10 cm rispetto alla sua posizione di riposo. La massa viene in seguito spostata di altri 15 cm e lasciata libera. Si trovino: a) la frequenza di oscillazione; b) il periodo; c) la velocità e l accelerazione in corrispondenza di uno spostamento di 10.0 cm. (Risultato: a) 1.58 Hz; b) s; c) m/s; m/s 2 )

9 Esercizio 4. Quantità dimotoeurti(5 punti) Un automobile del peso di 9000 N, che viaggia alla velocità di 100 km/h, urta frontalmente contro un autocarro del peso di 90.0 kn che viaggia verso l automobile alla velocità di 50.0 km/h. L automobile e l autocarro rimangono uniti dopo l urto. Quanto vale la velocità finale dell automobile e dell autocarro uniti? (Risultato: m/s) Esercizio 5. Statica dei fluidi (5 punti) Un barometro indica 76.0 cmhg alla base di un edificio molto alto. Il barometro viene poi portato sul tetto dell edificio e ora indica 75.6 cmhg. Se la massa volumica media dell aria è1.28kg/m 3, quanto vale l altezza dell edificio? (Si ricorda che la densità delmercurioèdi kg/m 3.) (Risultato: 42.5 m) Esercizio 6. Dinamica dei fluidi (6 punti) a) Se l aria scorre sulla superficie superiore dell ala di un aereoplano alla velocità di 150 m/s e sulla superficie inferiore alla velocità di 120 m/s, si trovi la differenza di pressione tra la superficie superiore e la superficie inferiore dell ala. b) Se l area dell ala è 15.0 m 2, si trovi la forza agente verso l alto dell ala. (Si usi come densità dell aria 1.28 kg/m 3.) (Risultato: a) 5180 N/m 2 ;b) N)

10 ÑÔ Ó ÔÖÓÚ ³ ÓÒ ÖÓ Ö Þ Ó ½ ÔÙÒØ µ ÍÒ ÐÓÓ ¾¾ Æ Ú Ö ØØÓ ÑÙÓÚ Ö Ù ÙÒ Ô Ú Ñ ÒØÓ ÖÓ Ú ÐÓ Ø Ó Ø ÒØ º ÁÐ Ó Æ ÒØ ØØÖ ØÓ Ò Ñ Ó ¼º ¼º Î Ò ÔÔÐ Ø ÙÒ ÓÖÞ ÐÙÒ Ó ÙÒ Ö Þ ÓÒ ÓÖÑ ÙÒ Ò ÓÐÓ Æ ÓÒ Ð³ÓÖ ÞÞÓÒØ Ð º µ ÉÙ ÒØÓ Ú Ð Ð ÓÖÞ Ô Ò Ú Ö Ó Ð ÐÓÓ ÙÖ µ µ ÉÙ ÒØÓ Ú Ð ÒÚ Ø Ö Ú Ö Ó Ð³ ÐØÓ ÙÖ µ Ê ÙÐØ ØÓ µ ½¼ º Æ µ º½ Ƶ F F α= 35 α=35 A B Ö Þ Ó ¾ ÑÔ Ó ÙÒ ÕÙ Þµ ÔÙÒØ µ µ ÉÙ ÒØÓ Ú Ð Ð Ú ÐÓ Ø Ò ÓÐ Ö Ù Ð Ì ÖÖ ÓÚÖ ÖÙÓØ Ö ÆÒ Ð ÓÖÞ ÒØÖ Ô Ø Ðг ÕÙ ØÓÖ Ù Ù Ð Ð Ô Ó ÙÒ ÓÖÔÓ Ú ØÙ ØÓ µ Ë Ð Ø ÖÖ ÖÙÓØ ÕÙ Ø Ú ÐÓ Ø ÕÙ ÒØÓ Ú ÖÖ Ð ÙÖ Ø ÙÒ ÓÖÒÓ µ Ë ÙÒ ÙÓÑÓ Ô ÓÖ Ò Ö Ñ ÒØ ¼¼ Æ Ø Ò Ô Ù ÙÒ Ð Ò Ô Ô Ö ÓÒ ØÙ Ø ÙÐг ÕÙ ØÓÖ ÕÙ Ð Ö Ð³ Ò Þ ÓÒ ÐÐ Ð Ò Å Ì ½¼ ¾ Ã Ê Ì ½¼ Ñ ½¼ ½½ Ñ ¾ à ½ µ Å ØØ Ö ÙÒ ÖÓ ÙÐÐ Ö ÔÓ Ø ØØ µ ½ Ô Ê Ì Å Ì Õ Õ Ê Ì ¾ Ñ Å Ì Ê Ì ¼ Ö»Ñ Òº ÐØÖÓ Ö ÙÐØ ØÓ µ Ì ÓÖ Ì ½ Ñ Òº Ì º½ ½¼ Ì ÓÖÒ ÐØÖÓ Ö ÙÐØ ØÓ µ È ¼¼ Æ È ¼ È ¾¼ Æ È ½¼ Æ ÐØÖÓ Ö ÙÐØ ØÓ

11 Ö Þ Ó ÔÙÒØ µ ÍÒ ÐÓÓ ½º ¼ à ÑÙÓÚ ÐÙÒ Ó ÙÒ ÙÔ Ö ÓÖ ÞÞÓÒØ Ð Ð ÐÐ Ú ÐÓ Ø ¾º¼ Ñ» º ÈÓ ÒÓÒØÖ ÙÒ Ô ÒÓ ÒÐ Ò ØÓ Ð Ó ÓÖÑ ÙÒ Ò ÓÐÓ Æ ÓÒ Ð³ÓÖ ÞÞÓÒØ Ð º µ ÉÙ ÒØÓ Ú Ð ÐÓ Ô Þ Ó Ð ÐÓÓ Ô ÖÓÖÖ Ðг Ò Ù ÐÙÒ Ó Ð Ô ÒÓ ÒÐ Ò ØÓ ÔÖ Ñ ÖÖ Ø Ö µ ÁÑÑ Ò Ò Ó Ð Ô ÒÓ ÒÐ Ò ØÓ ÖÓ Ð Ó Æ ÒØ ØØÖ ØÓ Ò Ñ Ó ¼º ¼ ØÖÓÚ Ö ÒÙÓÚÓ ÐÓ Ô Þ Ó Ô ÖÓÖ Ó ÐÙÒ Ó Ð Ô ÒÓ ÒÐ Ò ØÓº Ê ÙÐØ ØÓ µ ¾ º Ñ µ ½ º ѵ Ö Þ Ó ÔÙÒØ µ ÍÒ Ô ÐÐ ÐÐ Ú ÐÐ Ú ÐÓ Ø ½ ¼ Ñ» Ú Ò ÓÐÔ Ø ÙÒ Ñ ÞÞ ØÓÖÒ Ò ØÖÓ Ð Ð Ò ØÓÖ Ò ÐÐ Ö Þ ÓÒ Ò Þ Ð ÓÒ Ð Ø Ú ÐÓ Ø º Ë Ð Ñ ÐÐ Ô ÐÐ ¾¼¼ ØÖÓÚ ÒÓ µ Ð Ú Ö Þ ÓÒ ÕÙ ÒØ Ø ÑÓØÓ ÐÐ Ô ÐÐ µ г ÑÔÙÐ Ó ÑÔ ÖØ ØÓ ÐÐ Ô ÐÐ µ Ð ÓÖÞ Ñ ÒØ Ð Ñ ÞÞ Ö Ñ Ø Ò ÓÒØ ØØÓ ÓÒ Ð Ô ÐÐ Ô Ö ¼º½¼¼ º Ê ÙÐØ ØÓ µ ½ Ƶ Ö Þ Ó ÔÙÒØ µ ÍÒ ÓÖÓÒ ÙÔÔÓÒ ØØ ³ÓÖÓ Ð Ñ º¼¼ à º ÉÙ Ò Ó Ú Ò ÔÓ Ø Ò ÙÒ Ö Ô ÒØ Ô ÒÓ ³ ÕÙ ØÖ Ó ÒÓ ½ Ñ ³ ÕÙ º µ Ä ÓÖÓÒ ØØ ÓÖÓ ÔÙÖÓ ÓÔÔÙÖ ÙÒ Ð ÓÒ ÕÙ Ð ÐØÖÓ Ñ Ø ÐÐÓ µ Ë Ð ÓÖÓÒ Ú Ò ÔÔ ÙÒ Ò ÑÓÑ ØÖÓ ÑÑ Ö ÓÑÔÐ Ø Ñ ÒØ Ò ÕÙ ÕÙ Ð Ö Ð Ú ÐÓÖ Ñ Ñ ÙÖ ØÓ ÐÐ Ð Ò Ò Ø ÐгÓÖÓ ½ ½¼ Ñ µ Ê ÙÐØ ØÓ µ Ñ º à µ Ö Þ Ó ÔÙÒØ µ ÍÒ Ö Ô ÒØ ³ ÕÙ ÐØÓ ¼º¼ Ñ ÔÔÓ ØÓ Ù ÙÒ Ø ÚÓÐÓ ÐØÓ ¼º¼ Ѻ Ë Ò Ð Ö Ô ÒØ ÓÖÑ ÙÒ ÓÖÓ ÐÐ Ø ÒÞ º¼ Ñ Ð ÓÒ Ó ÕÙ ÒØÓ Ú Ð Ð Ø ÒÞ Ð Ø ÚÓÐÓ Ð ÔÙÒØÓ Ò Ù Ð³ ÕÙ ÓÐÔ Ð Ô Ú Ñ ÒØÓ ÁÐ ÓÖÓ ÐÐ Ò ØÓ ÓÒ Ð ÓÖ Ó Ð Ø ÚÓÐÓµº Ê ÙÐØ ØÓ Ü Ü ¼ ¾ ѵ

12 I ESONERO DI FISICA PER STUDENTI DEL CORSO DI LAUREA IN FARMACIA E CTF - 22/02/2000 A COGNOME NOME MATRICOLA CORSO di LAUREA 1) Due blocchi uguali di massa M sono connessi da una corda di massa trascurabile. Uno di essi è posto su di un piano inclinato e l altro sospeso verticalmente tramite una carrucola (vedi figura). a) Se il piano inclinato è liscio, il blocco A sale o scende? giustificare la risposta. b) Se l angolo di inclinazione del piano è θ = 30 gradi e il piano è scabro, quale deve essere il valore del coefficiente di attrito dinamico affinché i blocchi si muovano con velocità costante? (7 punti) 1A B A θ 2) Una macchina si trova a percorrere una curva di raggio R=300 m, inclinata rispetto all orizzontale di un angolo φ= 5 gradi. Si assuma che non sia presente nessuna forza di attrito. Quale è la velocità con cui la macchina deve entrare in curva affinché non scivoli lungo il piano inclinato, rimanendo sempre alla stessa distanza dal centro della curva? (N.B. si tenga presente che, nella figura, la velocità della macchina è ortogonale al foglio) (6 punti) 2A O R φ 3) Dopo quale distanza si ferma un proiettile di massa m=3 g, che colpisce un muro di legno posto su piano orizzontale (vedi figura) se la forza frenante è costante di valore 10 N e la velocità iniziale del proiettile rispetto al piano è v= 30 m/s? Si trascurino scambi di energia termica e si assuma il muro immobile. (6 punti) 3A v 1

13 4) Un recipiente cilindrico di altezza h= 2 m, sezione S=50 cm 2, è riempito di acqua fino al bordo e bloccato su di un piano. Se si fora a 20 cm dal piano, si rileva che dopo un secondo il livello dell acqua è calato di 1.2 mm. a) si scriva l espressione della velocità di uscita dell acqua dal foro e se ne determini il valore (si assuma costante la velocità di abbassamento del livello dell acqua nel cilindro). b) qual è la sezione del foro? Si consideri l acqua un fluido ideale. (8 punti) 4A h h 5) In un tubo ad U di sezione S=1 cm 2 contenente del mercurio (densità 13.6 gm/cm 3 ) vengono aggiunti 5 cm 3 di olio (densità 1.8 gm/cm 3 ), in modo che i due liquidi non si mescolino. Quale sarà il dislivello h tra la superficie del mercurio e quella dell olio? (6 punti) 5A h h 6) Un cubetto di ghiaccio privo di attrito oscilla nel minimo di una conca sferica di raggio R. Nell approssimazione di piccole oscillazioni, si determini : a) il periodo di oscillazione, T T = R ; T = Rg ; T m = 2π ; T k R = 2π ; T g g = 2π. R 6A b) se si raddoppia la massa del cubetto, il periodo T dimezza; aumenta; non varia; raddoppia. c) se si quadruplica il raggio della conca, il periodo T non varia; dimezza; raddoppia; quadruplica. (7 punti) a) Lo studente per sostenere la prova deve essere in possesso di un documento Universitario e di Identità. b) Lo studente puo scegliere a piacere gli esercizi da risolvere ricordando che il punteggio minimo per superare il 1 esonero è 15 punti. c) Si ricorda di compilare l foglio con Nome,Cognome, numero di Matricola e Corso di Laurea. d) Non si devono usare libri di testo e di esercizi di Fisica. La prova ha la durata di 2. ore 2

14 Fac-simile di esonero 1. Forze. Una bilancia a molla, con una massa m = 2 Kg, si trova su un ascensore. L'ascensore compie un viaggio dal piano terra al terzo piano. Quanto segna il quadrante della bilancia quando : a) l'ascensore è fermo a terra; b) l'ascensore accelera verso l'alto da fermo, con a 1 = 1.5 m/ s 2 ; c) l'ascensore viaggia verso l'alto con v costante, pari a v 0 = 1.5 m/s; d) l'ascensore rallenta, avendo quasi raggiunto il terzo piano, con a 2 = -1.5 m/ s 2 ; e) l'ascensore è fermo al terzo piano. 2. Lavoro, energia. Supponiamo che la forza di attrito esercitata dall'acqua su una nave sia proporzionale alla velocità relativa della nave rispetto all'acqua. Quando un rimorchiatore tira la nave con una potenza di W = KW, questa si muove con una velocità v 1 = 0.25 m/s. a) quale è la potenza richiesta per far muovere la nave ad una velocità v 2 =0.75 m/s? b) quanto vale la forza esercitata dal rimorchiatore sulla barca nel primo caso? c) e nel secondo? 3. Quantità di moto, urti. Un bambino lancia una palla di massa m=3.3 Kg ad una ragazza di massa M=48 Kg che calza dei pattini e si trova inizialmente a riposo. Afferrata a volo la palla, la ragazza comincia a muoversi con una velocità v = 0.32 m/s. Trovare il modulo della velocità della palla prima dell'impatto con la ragazza. 4. Oscillazioni. Un orologio a pendolo è installato su una astronave che va sulla luna, la cui accelerazione di gravità è circa 1/6 di quella terrestre. Una volta arrivato sulla luna, quanto tempo impiegano le sfere dell'orologio a compiere un tempo apparente di 12 ore? 5. Statica dei Fluidi. Quale è il carico massimo che può portare una zattera, larga 2m, lunga 6m, con un bordo di 40 cm di altezza sull'acqua, la cui massa (senza carico) è di 250 Kg?

15 6. Dinamica dei fluidi. L'acqua sale alle quote h 1 = 35.0 cm e h 2 = 10.0 cm nei tubi verticali del condotto indicato in figura. Il diametro del condotto all altezza del primo tubo è 4.0 cm, e all altezza del secondo tubo è 2.0 cm. a) quanto vale la velocità dell'acqua all altezza del primo e del secondo tubo? b) quanto valgono la portata in massa e la portata in volume? h 1 h 2

16 Soluzioni 1. La massa letta sul quadrante è proporzionale all elongazione ( ) della molla. mg a) 0 = mg + k = ; la lettura è ovviamente m = 2 Kg. k mg + ma1 a b) = + = = + 1 ma1 mg k ; k g a1 la lettura è m1 = m 1 + = Kg ; g c) m = 2 Kg ; a2 d) m2 = m 1 + = Kg ; g e) m = 2 Kg F = cv W = Fv = cv c = W / v = W ; W2 = Fv = cv2 = W ; F1 = cv1 = N; F2 = cv 2 = N. 1 1 ( m + M ) 3. m v = ( m + M ) w w = v = 4.98 m / s. m l l T ' g T ' 2 4. T = 2 Œ ; T ' = 2Œ ; = = 6; = ; g g' T g' T 12h 2 = 12h 6 = 29.39h = 29h 23min 38s ; 5. ( m + m' ) g = V! ag = abc! ag m' = abc! a m = 4550 Kg p1 =! gh1 + patm ; p2 =! gh2 + patm;!y1 + p1 =!Y 2 + p2; v1d1 = v 2d 2 2 2g( h1 h2 ) v1 = = m / s; v 2 = 2.29 m / s; 4 d1 1 d2 2 d1 4 3 QV = v1 S1 = v1œ = m / s; QM =! QV = Kg / s ;

17 Compito di esonero del 1 Febbraio 2001 $ Cognome : Nome : CL : Aula :. Firma :. 1. Forze. Un blocco di massa m = 6.4 Kg è appoggiato ad una parete verticale (v. figura). Il coefficiente di attrito statico tra blocco e parete è µ s = Sul blocco agisce una forza orizzontale F, orientata come mostrato nella figura. Si calcoli il valore minimo di F, in modo che il blocco non scivoli. Nel caso invece che la forza F sia di 50 N e il coefficiente di attrito dinamico sia µ d = 0.6, si calcoli l accelerazione (in modulo, direzione e verso) cui è soggetto il blocco. F 2. Urti ed energia meccanica. Un protone, di massa m = g e velocità v= m/s, collide con un neutrone, di massa identica a quella del protone. Supponiamo che nell urto anelastico si formi un deutone, particella composta da un protone ed un neutrone. Si calcoli la velocità finale del deutone e la frazione dell energia meccanica totale andata persa nell urto. 3. Oscillazioni. Un piccolo blocchetto, di massa m = 0.49 Kg, è attaccato ad un piano verticale tramite una molla, ed è quindi libero di oscillare in direzione orizzontale. Il periodo delle oscillazioni è T = 0.91 s e la distanza tra i due punti di oscillazione massima è d = 124 mm. Si calcoli l energia meccanica totale dell oscillatore e la velocità massima del blocchetto durante le oscillazioni.

18 4. Gravitazione. Un pianeta di recente scoperta ha un accelerazione di gravità sulla sua superficie pari a quella terrestre, ma una densità media doppia di quella della terra. Approssimando il pianeta e la Terra a delle sfere omogenee, si calcoli il rapporto tra il raggio del pianeta e quello della Terra e tra la massa del pianeta e quella terrestre. 5. Statica dei Fluidi. Un cubo di ferro (densità ρ Fe = 7.86 g/cm 3 ) di lato 0.5 m, viene collocato in una grande vasca di mercurio (densità ρ Hg = g/cm 3 ). Il cubetto affonda o galleggia (si giustifichi la risposta)? Se galleggiasse, mantenendosi parallelo al piano orizzontale, quale sarebbe la distanza tra la superficie del mercurio e la faccia inferiore del cubo? 6. Dinamica dei fluidi. Supponiamo che la rete idrica di Roma si approvvigioni dalla superficie di un piccolo lago di acqua ferma a h 1 = 100 m di altezza sul livello del mare. Se l acqua fosse un fluido ideale, che pressione si avrebbe nel tratto dell acquedotto sito a Piazza Navona (h 2 = 20 m sul livello del mare), in cui l acqua scorre alla velocità di v = 10 m/s?

19 Soluzioni 1. La forza d attrito (statico o dinamico) è proporzionale alla forza F : a) La forza di attrito deve essere maggiore o uguale a quella di gravità : mg F µ s mg F = 82.5 N. µ s b) Si applica il secondo principio della dinamica (l asse è rivolto verso il µ df' 2 basso) : ma = mg µ d F' a = g = 5.11m / s ; a verso il basso. m 2. La quantità di moto si conserva nell urto anelastico : 6 mv = ( m + m) w w = v / 2 = 2 10 m/s; finale 2 2 E 1 2( m + m) w mv / 4 f = = = = 0.5. iniziale 2 2 E 1 2mv mv / 2 3. Esprimiamo la costante elastica della molla per mezzo del periodo, poi l energia totale nel punto di elongazione massima della molla, poi la velocità 2 m 4Œ m nel punto di equilibrio della molla : T = 2Œ k = = N / m ; 2 k T E E = 1/ 2kxmax = J ; E = 1/ 2mvmax vmax = = 0.43 m/s. m 4. Esprimiamo l accelerazione di gravità per mezzo della legge di gravitazione e la densità con le masse dei pianeti, poi facciamo semplificazioni algebriche : GmT GmP mt mp m T mp 2m = ; 2 = ; = 2 ; T m 3 = P 3 ; RT RP 4 / 3ŒRT 4 / 3ŒRP RT RP RT RP RP 1 mp 1 = ; =. RT 2 mt 4 5. a) il cubo galleggia poiché la densità del ferro è minore di quella del mercurio, e pertanto la spinta di Archimede su tutto il cubo è maggiore della forza peso; b) la parte immersa del cubo è tale che la forza di Archimede è uguale alla forza peso; chiamiamo s la distanza tra superficie del mercurio e superficie 3 2! Fe inferiore del cubo :! Fed g =! Hgd sg s = d = 28.8 cm.! 6. Applichiamo la legge di Bernoulli tra i punti : superficie del lago e interno 1 2 dell acquedotto:! 1 + p atm =! +! gh 2 + p p =! g( h1 h2 )! + patm = Pa = 8.27 atm. 2 Hg

20 Facoltà di Farmacia - Anno Accademico Aprile 2002 Primo esonero di Fisica Corso di Laurea: Laurea Specialistica in FARMACIA o Lauree Triennali Nome: Cognome: Matricola Aula: Esercizio 1. Forze (6 punti) Un vagone-merci di massa m = kg percorre un binario orizzontale con la velocità v 0 di 0.30 m/s trascinandosi dietro una fune. a) Una stima ragionevole della forza massima che si potrebbe applicare per arrestare il vagone tirando la fune indica un valore di 250 N. Quanto tempo occorrerebbe per arrestare il vagone? b) A dieci metri dal punto in cui si comincia a tirare la fune, èfermounaltro vagone. Vi sarà un urto? Giustificare la risposta. Esercizio 2. Lavoro ed Energia (7 punti) Un corpo di massa m=2 kg, che si muove su un piano orizzontale liscio con velocità v=3 m/s, urta una molla di costante elastica k=450 N/m vincolata ad un estremo ad un piano verticale. a) trovare la massima compressione della molla. b) Supponendo che il piano orizzontale sia scabro e che il corpo urti la molla sempre con velocità di 3 m/s, e che in queste condizioni esso provochi una compressione massima della molla x max di 18 cm, si determini il coefficiente di attrito dinamico tra il corpo ed il piano. Esercizio 3. Oscillazioni e gravitazione. (6 punti) Un gruppo di astronauti partiti dalla Terra arriva su un pianeta sconosciuto. Da rilevamenti astronomici essi sanno che il raggio medio di questo pianeta è esattamente uguale a quello della Terra. Gli astronauti hanno portato con loro dalla Terra un orologio a pendolo e notano che il periodo di oscillazione del pendolo su questo pianeta è uguale alla metà di quello che si aveva sulla Terra. Si trovi: a) l accelerazione di gravità di questo pianeta sconosciuto. b) il rapporto tra la massa di questo pianeta e la massa della Terra (si trascuri l effetto della rotazione dei due pianeti).

21 Esercizio 4. Quantità di moto e urti(7 punti) Due dischi inizialmente uniti ed in quiete su un piano orizzontale privo d attrito, sono stati allontanati da un esplosione interna, e si muovono l uno con una velocità v 1 di 50 cm/s e l altro con una velocità v 2 di -20 cm/s. Si determinino: a) la velocità del centro di massa b) il rapporto tra le loro masse c) Sapendo che il disco più grande ha una massa m di 100 g, trovare l energia cinetica totale dei due dischi. Esercizio 5. Statica dei fluidi (6 punti) Una boa da segnalazione (che affiora quindi sulla superficie del mare) ha un volume V b di 100 litri ed una massa trascurabile. Essa è ancorata al fondo del mare mediante una catena di ferro di spessore trascurabile e che ha una massa di 4 kg per ogni metro di lunghezza (λ = dm =4kg/m). Si trovi la massima profondità acui dx la boa può essere ancorata senza essere trascinata sott acqua dalla catena (vale a dire la massima lunghezza della catena). Esercizio 6. Dinamica dei fluidi (7 punti) La pressione sul fondo di un serbatoio contentente acqua èdi Pa superiore a quella atmosferica. a) Determinare la profondità dell acqua nel serbatoio. b) Se dell acqua viene immessa poi nel serbatoio al ritmo di 750 litri/minuto, e si vuole mantenere costante il livello dell acqua, quale dovrà essere la superficie di un foro praticato sul fondo del serbatoio? c) Quale sarà la velocità di uscita dell acqua in queste condizioni? (si assuma che la sezione del serbatorio sia molto più grande della sezione del foro).

22 Soluzioni dell esonero di Fisica per Farmacia del 5 Aprile 2002 Soluzione esercizio 1 a=f/m = 250/( )= m/s 2 a) v(t) =v 0 at t = v 0 /a =0.30/( ) = 600 s b) Dopo il tempo t il vagone percorrerebbe lo spazio: x = v 0 t 1 2 at 2= =90m vi sarà l urto. Soluzione esercizio 2 a) Conservazione dell energia: 1 2 mv2 = 1kx 2 max x max = mv 2 /k = 2 9/450 = 20 cm b) Il lavoro della forza d attrito è uguale all energia dissipata: F a x max = E = E fin E iniz = 1 2 kx2 max 1 2 mv2 F a =( 1 2 mv2 1 2 kx2 max )/x max = / = 9.5 N F a = µ d mg µ d = F a /mg =9.5/(2 9.8) = 0.48 Soluzione esercizio 3 a) Il periodo di oscillazione del pendolo sulla Terra vale: T =2π l/g, mentre sul pianeta abbiamo: T =2π l/g. (T/T ) 2 = g /g g = g (T/T ) 2 = g 4 b) Trascurando la rotazione della Terra, si ha: g = G M T /RT 2, quindi se g =4 g M P =4 M T Soluzione esercizio 4 a) Per la conservazione di P tot la velocità del centro di massa è nulla. b) Sempre per P tot =0si ha: m 1 v 1 = m 2 v 2 m 1 /m 2 = v 2 /v 1 =20/50 = 0.4 c) Il disco più grande ha la velocità più piccola, quindi m 2 = 100 g e m 1 =0.4 m 2 =40g. K tot = 1m 2 1 v m 2 2 v2 2 = =7mJ Soluzione esercizio 5 La massima spinta di Archimede si ha quando la boa è completamente immersa: F A = ρ a V B g. Da qui si ricava il valore massimo della massa della catena che può essere appesa alla boa, sapendo che m c = λ l λ l g = ρ a V B g l = ρ a V B /λ = /4 =25m Soluzione esercizio 6 a) La profondità si ricava dalla legge di Stevino: P = ρ g h h = P/(ρ g) = /( ) = 20.4 m c) Ricaviamo la velocità di uscita tramite l equazione di Bernoulli: P 0 + ρ g h = P ρv2 v = 2 g h = 2 P/ρ = /10 3 =20m/s b) Dalla conservazione della portata ricaviamo la sezione del foro praticato: R = 750 l/minuto = /60 = m 3 /s R = A v A = R/v = /20 = m 2 Immaginando che il foro sia circolare si ha: A = π r 2 r = A/π = /π =1.41 cm

23 ÓÐØ ÖÑ ¹ ÒÒÓ Ñ Ó ¾¼¼½¹¾¼¼¾ ÔÖ Ð ¾¼¼¾ ß ÈÖ ÑÓ ÓÒ ÖÓ ÓÖ Ó Ä ÙÖ Ä ÙÖ ËÔ Ð Ø Ò Ì ÆÓÑ Å ØÖ ÓÐ Ó ÒÓÑ ÙÐ Ö Þ Ó ½º ÓÖÞ ÔÙÒØ µ ÍÒ Ò ÓÖ Ñ ½ ¼ Ã Ø Ö ØÓ Ú Ö Ó Ð³ ÐØÓ ÙÒ ÙÒ ÔÙ Ó ÓÔÔÓÖØ Ö ÙÒ Ø Ò ÓÒ Ñ Ñ ¾¼¼¼ ƺ ÉÙ Ð Ð Ø ÑÔÓ Ñ Ò ÑÓ Ò Ö Ó Ô Ö ÔÓÖØ Ö Ò ØÓØ Ð ÒÞ ØØÖ Ø Ð³ Ò ÓÖ Ð ÔÖ ÑÓ Ð ÕÙ ÒØÓ Ô ÒÓ ØÖ Ù ³ ÙÒ Ð Ú ÐÐÓ ½¾ Ñ ÉÙ Ð ÒÚ Ð Ø ÑÔÓ ÙÒ ÙÒ ØØÖ ØÓ Ò Ñ Ó ¼¼ Æ Ò ÒØÖ Ñ ØÖ ÙÖ Ö Ð Ø ÑÔÓ Ð Ö Þ ÓÒ Ðг Ò ÓÖ µ Ö Þ Ó ¾º Ä ÚÓÖÓ ÔÙÒØ µ Ù Ù ØØ Ñ ½¼¼ ÑÙÓÚÓÒÓ Ù ÙÒ Ô ÒÓ ÒÐ Ò ØÓ Ò ÓÐÓ ½ Ó Ð ÔÖ ÑÓ ÒÓÒ Ù ØØÖ ØÓ Ñ ÒØÖ Ð ÓÒ Ó Ó ØØÓ ØØÖ ØÓ Ò Ñ Ó Ó Æ ÒØ ¼ ½º ÉÙ ÒØÓ ÐÙÒ Ó Ð ØÖ ØØÓ ÆÒ Ù Ù ØØ Ô ÖØ Ò Ó ÓÒØ ÑÔÓÖ Ò ¹ Ñ ÒØ ÖÑÓ ÐÐÓ Ø Ó ÔÙÒØÓ ÖÖ Ú ÒÓ ÓÒ ÙÒ «Ö ÒÞ Ø ÑÔÓÖ Ð ÕÙ Ð Ò Ø Ð Ó Ð Ð ÚÓÖÓ ÐÐ ÓÖÞ ØØÖ ØÓ Ö Þ Ó º Ç ÐÐ Þ ÓÒ ÔÙÒØ µ ÍÒ Ñ ¾ à ÔÔ ÙÒ ÐÓ Ò Ø Ò Ð ÐÙÒ Ó ½º Ѻ Ó ÐÐ Ö ÙÒ Ò Ó Ò Ð ÔÙÒØÓ Ô Ù ÐØÓ ÙÒ Ò ÓÐÓ ½¼ Ó ÓÒ Ð Ú ÖØ Ð º ÉÙ Ð Ð Ú ÐÓ Ø Ñ Ñ Ð ÓÖÔÓ ÕÙ Ð Ð Ø Ò ÓÒ Ñ Ñ ÓÔÔÓÖØ Ø Ð ÐÓ ÕÙ ÒØ Ó ÐÐ Þ ÓÒ ÓÑÔ ÓÒÓ Ò ÙÒ Ñ ÒÙØÓ Ö Þ Ó º ÍÖØ ÔÙÒØ µ Ù ÓÖÔ Ð ÓÒ Ó ÕÙ Ð Ñ Ñ Ø Ð ÔÖ ÑÓ ÙÖØ ÒÓ Ò ÑÓ Ó ÓÑÔÐ Ø ¹ Ñ ÒØ Ò Ð Ø Ó Ö Ñ Ò Ò Ó ÖÑ ÓÔÓ Ð³ÙÖØÓº Ë Ô Ò Ó Ð Ú ÐÓ Ø Ò Þ Ð Ð ÔÖ ÑÓ ÓÖÔÓ Ñ» ÐÓÐ Ð Ú ÐÓ Ø Ò Þ Ð Ð ÓÒ Ó ÓÖÔÓ Ð³ Ò Ö Ò Ø Ò Ð º Ö Þ Ó º ËØ Ø Ù ÔÙÒØ µ ÙÒ Ó ÚÓÐÙÑ ¾¼¼ Ð ØÖ Ñ ¾¼ à ÔÔ ÙÒ Ø Ò ÚÓÐÙÑ ØÖ Ù¹ Ö Ð Ñ ½¼¼ à º ÐÐ Ø Ò ØØ ØÓ ÙÒ ÓÖÔÓ ÚÓÐÙÑ ØÖ ÙÖ Ð º ÉÙ Ð Ð Ñ Ñ Ñ Ø Ð ÓÖÔÓ Ò ÑÓ Ó ÒÓÒ «ÓÒ Ë ÒÚ ÔÔ Ò ÙÒ Ñ Ô Ö ÐÐ Ñ Ø ÕÙ ÐÐ Ñ Ñ Ö Þ ÓÒ Ò ÚÓÐÙÑ ÐÐ Ó ÆÓÖ Ðг ÕÙ Ö Þ Ó º Ò Ñ Ù ÔÙÒØ µ ÍÒ ÓØØ ÐØ ÞÞ ¾ Ñ ÓÑÔÐ Ø Ñ ÒØ Ô Ò ÓÐ Ó Ñ ÚÓÐÙÑ ¼º»Ñ µº ÍÒ ÓÖ ÐÐ ÒÓ ÔÖ Ø ØÓ ¼ Ñ Ö Ô ØØÓ Ð ÙÓÐÓº ÐÓÐ Ö Ð Ú ÐÓ Ø ÙÓÖ Ù Ø ÐгÓÐ Ó Ð Ø ÒÞ ÐÐ ÓØØ Ù Ð ØØÓ ³ÓÐ Ó ØÓ Ð Ô Ú Ñ ÒØÓº

24 ÓÒ ÖÓ Ô Ö Ì Ð ÔÖ Ð Ö Þ Ó ½º µ Ð Ö Þ ÓÒ Ñ Ñ Ø Ñ Ì Ñ Ì Ñ Ñ ¾ Õ ÅÓØÓ ÙÒ ÓÖÑ Ñ ÒØ Ð Ö ØÓ ½ ¾ Ø ¾ Ø ¾ ¾ µ Ò ÐÓ Ñ ÒØ Ñ ¼ Ì Ñ ¼ Ì Ñ Ñ ¼ Ñ ¾ Õ Ø ¾ ¼ ¾ º Ö Þ Ó ¾º µ ½ Ò ¾ Ñ ¾ ¾ Ò Ó ½ Ñ ¾ Ø ½ Õ ¾ ½ Ø ¾ Ø Ø ¾ Ø ½ Õ Õ Õ ¾ ¾ ¾ ¾ Õ ¾ ½ Õ Ø ¾ ¾ ¾ ¾ ½ µ ¾ Ѻ µ Ä Ñ Ó Âº Ö Þ Ó º µ ½ ¾ÑÚÑ Ü ¾ Ñ Ê ½ Ó µ Ú Ñ Ü µ Ì Ñ Õ ÑÚÑ Ü ¾ Ê ¾¼ ¾ ƺ µ Ì ¾ Ä Ò ¼ Ì ¾ º Õ ¾ Ê ½ Ó µ ¼ Ñ» Ö Þ Ó º µ Ñ ½ Ú ½ Ñ ¾ Ú ¾ ¼ Ú ¾ Ú ½ Ñ ½ Ñ ¾ ¾Ú ½ ½¼ Ñ» µ Ã Ò ½ ¾ Ñ ½ Ñ ¾ µû Ò ¾ ¼º Ö Þ Ó º µ Ñ Ó Ñ Ø Ò Ñ Ü Î Ó ÕÙ ¼ Ñ Ü Î Ó ÕÙ Ñ Ó Ñ Ø Ò ¼Ã µ Ñ Ó Ñ Ø Ò Ñ Ü ¾ ½ µî Ó ÕÙ ¼ ½ Õ Ñ Ó Ñ Ø Ò Ñ Ü ¾ Î Ó ÕÙ ¾¼±º Ö Þ Ó º µ Ú ¾ Ð µ Ñ» Æ ÒÓÒ ÓÒØ ÓÐ Óµ µ Ü ÚØ Ý ½ ¾ Ø ¾ ½ ¾ Ü Úµ ¾ Ý ¼Ô Ö Ü Ú Õ ¾ ½ Ñ Æ ÒÓÒ ÓÒØ ÓÐ Óµº

25 ½ ÔÖ Ð ¾¼¼ ß ÈÖ ÑÓ ÓÒ ÖÓ ¹ ÓÖ Ó Ä ÙÖ Ä ÙÖ ËÔ Ð Ø Ò Ì ÆÓÑ Ó ÒÓÑ Å ØÖ ÓÐ ÙÐ Ê ÔÓÖØ Ö Ò ÙÐ ÔÖ ÒØ Ó Ð Ó Ö ÙÐØ Ø ÒÙÑ Ö ÙÒ Ö Þ Óº Ö Þ Ó ½º Ò Ñ Ø ÔÙÒØ µ ÍÒ ØÖ ÒÓ Ô ÖØ ÖÑÓ ÓÒ Ú ÐÓ Ø Ó Ø ÒØ ¼ ÃÑ» º ÓÔÓ ÕÙ ÒØÓ Ø ÑÔÓ ÓÔÓ ÕÙ ÒØ ØÖ Ö ÙÒ Ð ØÖ ÒÓ ÔÖ ÒØ Ô ÖØ ØÓ ÓÒ ½¼ Ñ ÒÙØ ÒØ ÔÓ ÔÖÓ ÐÐ Ú ÐÓ Ø Ó Ø ÒØ ¼ ÃÑ» Ø ººº ººº Ö Þ Ó ¾º Ò Ñ Ø ÔÙÒØ µ ÍÒ³ ÙØÓÑÓ Ð ÔÖÓ ÐÐ Ú ÐÓ Ø ½ Ñ» Ù Ñ Ø ÒÞ ÙÒ ÓÒ ÙØÓ Ú ½¼ Ñ» º Ë Ð ÓÒ ÙØÓ ÒÓÒ Ð Ö Ð ÔÖ Ñ Ö Ò ÓÒ Ð Ö Þ ÓÒ ½ Ñ» ¾ ÓÔÓ ÕÙ ÒØÓ Ø ÑÔÓ ÚÚ Ò Ð Ø ÑÔÓÒ Ñ ÒØÓ ÓÔÓ ÕÙ ÒØ ØÖ Ø ººº ººº Ö Þ Ó º ÓÖÞ Ð ÚÓÖÓ ÔÙÒØ µ ÍÒ ÑÓØÓÖ ÔÓØ ÒÞ ÃÏ ÓÐÐ Ú ÒÚ ÖØ Ð ÙÒ ÓÖÔÓ ¼¼ Ã Ú ÐÓ Ø Ó Ø ÒØ º ÓÔÓ ¾¼ ÕÙ ÒØÓ Ð ÓÖÔÓ ÐÞ ØÓ ÉÙ Ð Ð Ú ÐÓ Ø Ð ÓÖÔÓ ÓÖÞ ÔÔÐ Ð ÑÓØÓÖ ººº Ú ººº ººº Ö Þ Ó º ÓÖÞ Ð ÚÓÖÓ ÔÙÒØ µ ÍÒ ÖÙ ÙÒ ÒØ Ö Ð Ð Ò Ö ÒÓ Ø ÖÖ ÙÒ ÖÖ ¼¼ à ÙÒ³ ÐØ ÞÞ Ñ Ú ÐÓ Ø Ó Ø ÒØ º ÉÙ Ð ÓÖÞ ÔÔÐ ÐÐ ÖÖ ÉÙ ÒØÓ Ð ÚÓÖÓ ÓÑÔ ººº Ä ººº

26 Ö Þ Ó º ØØÖ ØÓ ÔÙÒØ µ ÍÒ³ ÙØÓÑÓ Ð Ñ ¼¼ à ÙÒ ÑÓØÓÖ Ð ÑÔÖ Ñ ÙÒ ÓÖÞ Ó Ø ÒØ ¾¼¼¼ ƺ Ë Ô Ò Ó Ð Ó Æ ÒØ ØØÖ ØÓ Ò Ñ Ó ÓÒ Ð ØÖ ¼º½¼ ÐÓÐ Ö Ò ÕÙ ÒØÓ Ø ÑÔÓ Ô ÖØ Ò Ó ÖÑ Ð³ ÙØÓ Ö ÙÒ Ù ØÖ Ô Ò Ð Ú ÐÓ Ø ½¼¼ ÃÑ» ÕÙ ÒØ ØÖ ÓÑÔ Ò ÕÙ ØÓ Ø ÑÔÓº Ø ººº ººº Ö Þ Ó º ØØÖ ØÓ ÔÙÒØ µ ÍÒ Ñ ÓÒ Ñ ¼¼ à РÙÒ ØÖ Ò ÓÐÓ Ô Ò ÒÞ ½¼ Ó ÐÐ Ú ÐÓ Ø Ó Ø ÒØ ¼ ÃÑ» º ÁÐ Ó Æ ÒØ ØØÖ ØÓ Ò Ñ Ó ÓÒ Ð ØÖ ¼º½¼º ÓÖÞ ÑÔÖ Ñ Ð ÑÓØÓÖ Ð Ñ ÓÒ ÉÙ Ð ÔÓØ ÒÞ ººº Ï ººº Ö Þ Ó º ÅÓØÓ ÖÓÐ Ö ÔÙÒØ µ ÍÒ³ ÙØÓÑÓ Ð Ñ ¼¼ Ã Ô ÖÓÖÖ ÙÒ ÙÖÚ Ô Ò Ö Ó ¾¼¼ Ñ ÐÐ Ú ÐÓ Ø Ó Ø ÒØ ¼ ÃÑ» º ÐÓÐ Ö Ð Ó Æ ÒØ ØØÖ ØÓ Ñ Ò ÑÓ ÆÒ Ð³ ÙØÓ ÒÓÒ Ú ÙÓÖ ØÖ Ð Ú ÐÓÖ ÐÐ ÓÖÞ ÒØÖ Ô Ø Ò Ø Ð Óº ººº ººº Ö Þ Ó º ÅÓØÓ ÖÓÐ Ö ÔÙÒØ µ ÍÒ Ð Ø Ô ÖÓÖÖ ÙÒ ÙÖÚ ÖÓÐ Ö ÐÐ Ú ÐÓ Ø Ó Ø ÒØ ÃÑ» º Ë Ô Ò Ó Ð Ó Æ ÒØ ØØÖ ØÓ ØÖ Ð ØØ ØÖ ¼º¾ ÐÓÐ Ö Ð Ö Ó Ñ Ò ÑÓ ÐÐ ÙÖÚ º Ö ººº Ö Þ Ó º ÍÖØ ÔÙÒØ µ ÍÒ Ô ÐÐ Ø ÒÒ Ñ ¼ Ú ÐÐ Ú ÐÓ Ø ¾¼ Ñ» Ú Ò ÓÐÔ Ø ÐÐ Ö ØØ ÙÒ Ó ØÓÖ º ÓÔÓ Ð³ÙÖØÓ ÙÖ ÔÔÖÓ Ñ Ø Ú Ñ ÒØ ¼º½ Ð Ô ÐÐ Ô ÖØ Ò Ö Þ ÓÒ ÓÔÔÓ Ø ÐÐ Ú ÐÓ Ø ¼ Ñ» º ÐÓÐ Ö Ð ÓÖÞ Ñ ÙÖ ÒØ Ð³ÙÖØÓ Ð Ú Ö Þ ÓÒ Ò Ö Ò Ø ÐÐ Ô ÐÐ º ººº à ººº Ö Þ Ó ½¼º ÍÖØ ÔÙÒØ µ ÍÒ Ô ÐÐ Ò Þ ÐÑ ÒØ ÖÑ Ú Ò Ð Ø Ö Ðг ÐØ ÞÞ ¾ Ѻ Ë Ô Ò Ó Ò ÐгÙÖØÓ ÓÒ Ð Ø ÖÖ ÒÓ Ô Ö Ñ Ø ÐÐ Ù Ò Ö Ò Ø ÕÙ Ð ÐØ ÞÞ ÙÒ ÓÔÓ Ð Ö Ñ ÐÞÓ Ë Ð³ Ô Ö Ñ ÒØÓ Ú Ò Ö Ô ØÙØÓ ÙÐÐ ÐÙÒ ÐÙÒ Ø ÖÖ µ ÕÙ Ð Ö Ð³ ÐØ ÞÞ ÓÔÓ Ð Ö Ñ ÐÞÓ Ø ÖÖ ººº ÐÙÒ ººº

27 Ö Þ Ó ½½º ÅÓØ Ô Ö Ó ÔÙÒØ µ Ë Ú Ó ØÖÙ Ö ÙÒ Ô Ò ÓÐÓ ÓÑÔ ÙÒ³Ó ÐÐ Þ ÓÒ ÓÑÔÐ Ø Ò ¾ ºË Ô Ò Ó Ð ÔÖ ÑÓ ÔÖÓØÓØ ÔÓ Ó ØÖÙ ØÓ ÓÑÔ ÙÒ³Ó ÐÐ Þ ÓÒ Ò ½º ÕÙ ÒØÓ Ó Ò ÑÓ Ö Ð ÐÙÒ ÞÞ Ð Ô Ò ÓÐÓ Ô Ö Ú ÐÐÙÒ ØÓ Ó ÓÖ ØÓµ Ð ººº ÐÐÙÒ Ö»ÒÓµ ººº Ö Þ Ó ½¾º ÅÓØ Ô Ö Ó ÔÙÒØ µ ÍÒ³ ÐØ Ð Ò ÓÑÔ ½¾ Ó ÐÐ Þ ÓÒ ÓÑÔÐ Ø Ð Ñ ÒÙØÓº Ë Ô Ò Ó Ò Ð ÔÙÒØÓ Ô Ù ÐØÓ ÐÐ Ó¹ ÐÐ Þ ÓÒ Ð ÓÖ ÙÒ Ò ÓÐÓ Ó ÓÒ Ð Ú ÖØ Ð ÕÙ Ð Ð Ú ÐÓ Ø Ñ Ñ Ðг ÐØ Ð Ò Ú ººº Ö Þ Ó ½ º ËØ Ø Ù ÔÙÒØ µ ÍÒ Ô ÞÞÓ Ú ØÖÓ ÙÒ Ô Ó ÔÔ Ö ÒØ º Æ Ò Ö Ó Ò Ð ÚÙÓØÓµ ¾º½ Æ Ò ÕÙ Ø ÐÐ Ø ½ Æ Ò Ó ÓÐ ÓÖ Óº ÌÖÓÚ Ö Ð Ñ ÚÓÐÙÑ Ðг Ó ÓÐ ÓÖ Óº ººº Ö Þ Ó ½ º ËØ Ø Ù ÔÙÒØ µ ÍÒ Ô ÓÐÓ Ö ØÓ Ó Ô ÒÓ ÕÙ Ð ÓÖÑ ÙÒ Ô Ö ÐÐ Ð Ô Ô Ó ÕÙ Ö Ø Ð ØÓ Ñº Î ØØ ÙÒ Ô ÞÞÓ Ó Ñ ÚÓÐÙÑ ¼º ¾»Ñ µ ÚÓÐÙÑ Ñ º ÕÙ ÒØÓ ÙÑ ÒØ Ð Ð Ú ÐÐÓ Ðг ÕÙ Ò Ð Ö ØÓ Ó É٠РгÙÐØ Ö ÓÖ ÙÑ ÒØÓ ÓÔÓ Ð Ó ÓÑÔÐ Ø Ñ ÒØ ÓÐØÓ ½ ººº ¾ ººº Ö Þ Ó ½ º ÅÓØÓ Ù ÔÙÒØ µ ÁÒ ÙÒ ÔÙÒØÓ ÙÒ ÓÒ ÓØØÓ Þ ÓÒ Ú Ö Ð Ð ÔÖ ÓÒ ½¼ È Ð Ú ÐÓ Ø Ðг ÕÙ Ñ» º ÁÒ ÙÒ ÐØÖÓ ÔÙÒØÓ Ô Ù Ò ÐØÓ Ñ Þ ÓÒ Ñ ¾ Ð ÔÖ ÓÒ ¾ ½¼ È º ÉÙ Ð Ð ÔÓÖØ Ø Ð ÓÒ ÓØØÓ É ººº Ö Þ Ó ½ º ÅÓØÓ Ù ÔÙÒØ µ ÁÒ ÙÒ ÓÒØ Ò Ð ØØÓ ³ ÕÙ ÔÖÓ ÓØØÓ ÙÒ ØÙ Ó ÓÖ ÞÞÓÒØ Ð ÓÒ ÙÒ ÓÑ ØÓ ÓÖ ÒØ ØÓ Ú Ö Ó Ð³ ÐØÓº Ë Ô Ò Ó Ð³ ÕÙ ÒØÖ Ò Ð ØÙ Ó ÐÐ ÔÖ ÓÒ ½º ØÑÓ Ö ÐÐ Ú ÐÓ Ø Ñ» Ð ÓÑ ØÓ Þ ÓÒ Ô Ö ÕÙ ÐÐ Ð ØÙ Ó ÐØ ÞÞ ØÖ ÙÖ Ð ÐÓРг ÐØ ÞÞ Ñ Ñ Ù ÖÖ Ú Ð³ ÕÙ º ººº

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

ÔÔÙÒØ Ð ÓÖ Ó ÈÖÓÐØ ÒÒÞ ºº ¾¼¼»¾¼¼ ÔØÓÐÓ ½ ÁÒØÖÓÙÞÓÒ ÐÐ ÒÒÞ ÈÓÐÓ Ð ÄÙ ÖÑÐÐÒÓ ØØÔ»»ÛÛÛºÑغÙÒÖÓѾºØ»ÖÑÐÐ ÁÒ ½ ÁÒØÖÓÙÞÓÒ ÐÐ ÒÒÞ ½ ½º½ Ì ³ÒØÖ º º º º º º º º º º º º º º º º º º º º º º º º º º ½ ½º¾ ÔØØ ÑÖØ

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Precorsi 2014. Fisica. parte 1

Precorsi 2014. Fisica. parte 1 Precorsi 2014 Fisica parte 1 Programma ministeriale per il test Grandezze fisiche Una grandezza fisica è una caratteristica misurabile di un entità fisica. Sono grandezze fisiche: velocità, energia di

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica ESERCIZIO N 1 La temperatura in una palestra è di 18 C mentre all esterno il termometro segna la temperatura di 5 C. Quanto vale la differenza

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

b) quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi

b) quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi B C:\Didattica\SBAC_Fisica\Esercizi esame\sbac - problemi risolti-18jan2008.doc problema 1 Una biglia di massa m = 2 kg viene lasciata cadere (da ferma) da un'altezza h = 40 cm su di una molla avente una

Dettagli

Indice 1 Introduzione Parametri caratteristici di un motore elettrico 3 Tipo di Azionamento 4 Controllo di azionamento

Indice 1 Introduzione Parametri caratteristici di un motore elettrico 3 Tipo di Azionamento 4 Controllo di azionamento ÞÓÒÑÒØ ÐØØÖ ÁËÈÆË ÔÖØÑÒØÓ ÁÒÒÖ ÍÒÚÖ Ø ÖÖÖ ÎÖ ÓÒ ½º¾ ÒÒÓ ¾¼¼ Indice Indice 1 Introduzione 4 1.1 Tendenze tecnologiche ed applicative 4 1.2 Struttura e caratteristiche 6 1.3 Azionamenti ad elevate prestazioni

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Appunti di fisica generale a cura di Claudio Cereda test Olimpiadi della Fisica divisi per argomento

Appunti di fisica generale a cura di Claudio Cereda test Olimpiadi della Fisica divisi per argomento Grandezze fisiche 1. Un amperometro può essere usato con diverse portate. In una misura con la portata di 0.5 A l'indice risulta deviato di 15 divisioni. Quale delle seguenti portate ci darà la misura

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

Energia potenziale elettrica

Energia potenziale elettrica Energia potenziale elettrica La dipendenza dalle coordinate spaziali della forza elettrica è analoga a quella gravitazionale Il lavoro per andare da un punto all'altro è indipendente dal percorso fatto

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

(c) dipende linearmente dalla distanza dal centro della sfera. Domanda n5: Il campo elettrico all'interno di un conduttore sferico di raggio R e'

(c) dipende linearmente dalla distanza dal centro della sfera. Domanda n5: Il campo elettrico all'interno di un conduttore sferico di raggio R e' FISICA per BIOLOGIA Esercizi: Elettricita' e Magnetismo Indicare la lettera corrispondente alla risposta corretta. Domanda n1: La carica elettrica e' quantizzata, cioe' la carica piu' piccola misurata

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte 9ik8ujm Quesito 1 Risposta B Associazione per l Insegnamento della Fisica La formazione di una stella è dovuta alla contrazione gravitazionale di una nube di gas e polveri Da una stessa nube generalmente

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Quantità di moto. Per un corpo puntiforme possiamo definire la grandezza vettoriale quantità di moto come il prodotto m v.

Quantità di moto. Per un corpo puntiforme possiamo definire la grandezza vettoriale quantità di moto come il prodotto m v. Quantità di moto Per un corpo puntiforme possiamo definire la grandezza vettoriale quantità di moto come il prodotto m v. La seconda legge di Newton può essere scritta con la quantità di moto: d Q F =

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

APPUNTI DI FISICA 3. Pietro Donatis

APPUNTI DI FISICA 3. Pietro Donatis APPUNTI DI FISICA 3 Pietro Donatis Versione 2 7 luglio 2009 i Questi Appunti di fisica sono rivolti agli studenti del quinto anno di un liceo scientifico e seguono gli analoghi appunti scritti per il

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli