Evoluzione dei sistemi incentivanti per le energie rinnovabili nell'unione Europea

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Evoluzione dei sistemi incentivanti per le energie rinnovabili nell'unione Europea"

Transcript

1 Lo sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia verso gli obiettivi 2020 Evoluzione dei sistemi incentivanti per le energie rinnovabili nell'unione Europea Antonello Di Pardo, Emanuele Bianco Unità Studi GSE - Roma - 26 giugno 2013

2 Indice 1. Monitoraggio delle politiche internazionali: riferimenti normativi 2. Gli obiettivi UE al 2020: analisi critica dei risultati intermedi 3. I principali sistemi di incentivazione per le FER nell UE28 4. I principali sistemi di incentivazione per le FER-E 5. Le tendenze degli schemi incentivanti 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28-2-

3 1. Riferimenti normativi La normativa (art. 24 DM 6 luglio 2012, art. 40 D.Lgs 28/2011, etc.) affida al GSE il compito di eseguire studi sulle politiche energetiche a livello internazionale. In particolare, ad esempio, è prevista l elaborazione e la pubblicazione di un rapporto annuale di analisi e confronto dei sistemi incentivanti delle FER a livello europeo. A livello extra-europeo, il monitoraggio viene svolto attraverso country report sintetici che: forniscono una breve sintesi del quadro macroeconomico e commerciale vigente; offrono una panoramica dettagliata sui sistemi di supporto esistenti per le FER el Efficienza Energetica e sui vari contesti energetici; possono costituire un primo approccio e fornire una prima analisi SWOT per potenziali investitori che vogliono «entrare» nel Paese. -3-

4 Indice 1. Monitoraggio delle politiche internazionali: riferimenti normativi 2. Gli obiettivi UE al 2020: analisi critica dei risultati intermedi 3. I principali sistemi di incentivazione per le FER nell UE28 4. I principali sistemi di incentivazione per le FER-E 5. Le tendenze degli schemi incentivanti 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28-4-

5 2. Gli obiettivi UE al 2020: stato dell arte Fase iniziale molto positiva ma necessari ulteriori sforzi Situazioni diverse. Es. nel 2011 Estonia aveva già raggiunto l obiettivo 2020, Svezia era molto vicina, Malta molto lontana. Svezia Lettonia Finlandia Austria Portogallo Danimarca Slovenia Estonia Romania Lituania Francia Spagna Croazia Grecia Germania Italia Irlanda Bulgaria Regno Unito Polonia Slovacchia Olanda Ungheria Repubblica Ceca Cipro Belgio Lussemburgo Malta UE 20% 20% 18% 18% 17% 16% 16% 15% 15% 14% 14% 13% 13% 13% 13% 11% 10% 8% 13% 20% 25% 25% 24% 23% 23% 31% 30% 34% 40% 38% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 49% TARGET Fonte: Elaborazione GSE su dati EUROSTAT e Direttiva 28

6 2. Gli obiettivi UE al % Confronto dati 2011 con gli obiettivi provvisori 2011/2012 stabiliti dalla DIR 28/2009* 45% 40% Quota 2011 Obiettivo ad interim 2011/12 35% < 30% 25% 20% 15% < 10% 5% < < < < 0% Quasi tutti i Paesi hanno superato gli obiettivi provvisori tranne Malta, Francia, Paesi Bassi, Belgio, Regno Unito e Lettonia * L obiettivo provvisorio («ad-interim») per il biennio 2011/12 è pari al 20% di quello finale al 2020: QUOTA ,2 (QUOTA QUOTA 2005 ) -6- Fonte: Elaborazione GSE su dati EUROSTAT e Direttiva 28

7 29% 27% 25% 22% 22% 2. Gli obiettivi UE al % 51% 50% Scostamento % dati a consuntivo 2011 rispetto agli obiettivi intermedi 2011/2012 definiti dalla Direttiva 28 40% 39% 35% 34% 20% 21% 18% 18% 18% 18% 13% 13% 10% 10% 6% 5% 0% 3% 0% 3% 5% 7% 9% 10% 80% 20% 40% 60% 80% Fonte: Elaborazione GSE su dati EUROSTAT e Dir. 28 L UE nel complesso ha superato del 21% l obiettivo provvisorio; L Italia ha mostrato la performance migliore, Malta la peggiore. -7-

8 2. Gli obiettivi UE al 2020 GWh Confronto dati EUROSTAT * con le previsioni dei PAN fino al Idroelettrico Eolico Biomasse Geotermico Solare PAN Idroelettrico PAN Eolico PAN Biomasse PAN Geotermico PAN Solare -8- Fonte: Elaborazione GSE su dati EUROSTAT e PAN Le previsioni dei PAN hanno sottostimato il contributo dei settori delle bioenergie e del solare che nel 2011 sono stati superiori a quanto previsto; la produzione idroelettrica non si prevede, secondo i PAN, che aumenterà ulteriormente; l eolico è la fonte che si prevede, secondo i PAN, avrà il maggior sviluppo. *I dati illustrati a consuntivo per eolico e idroelettrico non sono normalizzati, mentre nei PAN i dati previsionali si intendono normalizzati

9 Indice 1. Monitoraggio delle politiche internazionali: riferimenti normativi 2. Gli obiettivi UE al 2020 e i risultati intermedi osservati 3. I principali sistemi di incentivazione per le FER nell UE28 4. I principali sistemi di incentivazione per le FER-E 5. Le tendenze degli schemi incentivanti 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28-9-

10 3. I principali sistemi di incentivazione per le FER nell UE28 Settore FER RES - E RES - H Meccanismi di supporto Quota d obbligo (es. Certificati Verdi) Feed in tariff & Feed in premium Conto capitale Incentivi fiscali Prestiti a tassi agevolati Net metering Conto capitale Conto termico Quota d obbligo (es. Certificati Bianchi) Incentivi fiscali Prestiti agevolati RES T Blending obligation Incentivi fiscali L analisi dei sistemi incentivanti a livello internazionale viene svolta per tutti e tre i settori -10-

11 Indice 1. Monitoraggio delle politiche internazionali: riferimenti normativi 2. Gli obiettivi UE al 2020 e i risultati intermedi osservati 3. I principali sistemi di incentivazione per le FER nell UE28 4. I principali sistemi di incentivazione per le FER-E 5. Le tendenze degli schemi incentivanti 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28-11-

12 4. I principali sistemi di incentivazione per le FER-E Feed in Tariff (FiT) La Feed in Tariff è uno strumento attraverso il quale viene incentivata la produzione e/o l immissione in rete di energia elettrica da fonti rinnovabili: al produttore viene ritirata l energia elettrica prodotta e immessa in rete a una tariffa prestabilita, premiante rispetto al prezzo dell energia che si forma sul mercato. Principali vantaggi: - riduzione rischio di investimento (attendibile previsione dei flussi di cassa); - limitati oneri finanziari, alta bancabilità; - relativa semplicità di gestione (sia per il produttore che per il gestore del meccanismo); - differenziazione delle tariffe per tecnologia e taglia: possibilità di sviluppo di tutte le filiere; - misurabilità e trasparenza dell onere per la collettività. Punti di attenzione: - non particolarmente stimolata la concorrenza e l efficienza economica; - orientamento al mercato molto basso; - l energia da FER non è nella piena disponibilità di chi la produce /MWh Componente incentivante (implicita) Valore energia (implicito) Anni

13 4. I principali sistemi di incentivazione per le FER-E Feed in Premium (FiP) La Feed in Premium è un premio che viene corrisposto ai produttori di energia per ogni MWh generato che si somma al prezzo dell energia che si forma sul mercato. Il premio può essere fisso (fixed FIP) o variare in funzione del prezzo che si forma sul mercato in maniera tale da garantire un determinato premio totale (sliding FIP). Principali vantaggi: - riduzione rischio di investimento (attendibile previsione dei flussi di cassa prodotti); - limitati oneri finanziari, alta bancabilità; - relativa semplicità di gestione (sia per il produttore che per il gestore del meccanismo); - differenziazione delle tariffe per tecnologia e taglia: possibilità di sviluppo di tutte le filiere; - misurabilità e trasparenza dell onere per la collettività; - l energia elettrica da FER è nella piena disponibilità di chi la produce. Punti di attenzione: - necessità (per il produttore) di riuscire a vendere l energia elettrica prodotta in maniera «soddisfacente» (rischio di mercato). Anni Anni -13- /MWh FiP Sliding Incentivo Valore energia /MWh FiP Fixed Incentivo Valore energia

14 4. I principali sistemi di incentivazione per le FER-E Certificati Verdi (CV) I sistemi di quote d obbligo consistono nell obbligo a carico di determinati soggetti di impiegare FER per una percentuale stabilita dell energia elettrica prodotta o venduta. L obbligo può essere soddisfatto tramite autoproduzione o attraverso il mercato dei CV. Intalemercatoi prezzi dei certificati si formano in virtù dell incontro tra una domanda obbligata (le quantità che devono detenere i soggetti obbligati), e l offerta costituita dai CV rilasciati ai produttori di energia elettrica da FER. Possono essere previsti coefficienti moltiplicativi (banding) da cui dipendono il numero di CV maturati. Possono essere stabiliti valori minimi e massimi (cap e floor) per il prezzo dei CV. Principali vantaggi: - raggiungimento di obiettivi specifici di produzione o consumo da FER; - meccanismo di mercato volto all efficienza economica (prezzo CV si forma sul mercato; competizione tra tecnologie); eventuali banding, cap & floor e ritiro garantito dei CV minano però questo obiettivo. Punti di attenzione: - scarsa trasparenza (e programmabilità) dell onere; - meccanismo complesso, con livelli non trascurabili di rischiosità (conseguenze in termini di oneri finanziari e bancabilità) /MWh Prezzo CV Valore energia Anni

15 4. I principali sistemi di incentivazione per le FER-E nell UE28 Paesi FiT FiP Quota Obligation Conto Capitale Incentivi Uso della rete Prestiti Fiscali Net metering Priorità Austria X X X Belgio X X X X Bulgaria X X X Cipro X X X Croazia X X Danimarca X X X X (x*) X Estonia X X Finlandia X X Francia X X X Germania X X X X Grecia X X X Irlanda X X X Italia X X X X X Lettonia Lituania X X X X X Lussemburgo X X X Malta X X Paesi Bassi X X X X Polonia X X X Portogallo X Regno Unito X X X Rep. Ceca X X X X Romania X X Slovacchia X X X X X Slovenia X X X X Spagna X Svezia X X X Ungheria X X X X Totale Paesi Fonte: GSE risultati preliminari maggio *Debole, uno sconto sugli oneri di sistema

16 Indice 1. Monitoraggio delle politiche internazionali: riferimenti normativi 2. Gli obiettivi UE al 2020 e i risultati intermedi osservati 3. I principali sistemi di incentivazione per le FER nell UE28 4. I principali sistemi di incentivazione per le FER-E 5. Le tendenze degli schemi incentivanti 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28-16-

17 5. Le tendenze degli schemi incentivanti I sistemi prevalenti finora in Europa, in primis le FiT, sono stati molto «protettivi» nei confronti delle FER: rischio relativamente basso per gli investimenti (inteso come rischio implicito nel tipo di meccanismo, al netto del rischio regolatorio); buoni livelli di remunerazione (decrescenti nel tempo per i nuovi entranti); basso livello di responsabilizzazione nei confronti del sistema elettrico e basso livello di interazione con i segnali del mercato elettrico. Tali sistemi, in alcuni casi, hanno creato delle distorsioni e degli effetti speculativi, oltre che un basso orientamento al mercato ed un difficile raggiungimento dell efficienza economica La tendenza che si prevede prevarrà nei prossimi anni è un progressivo passaggio verso forme di supporto, come le FiP sliding, con livelli di remunerazione e nuovi oneri di incentivazione e di sistema decrescenti, con una maggiore responsabilizzazione dei produttori da FER. Il fine dovrebbe essere rendere le FER competitive con le altre tecnologie, far in modo che i produttori operino e siano trattati sul mercato come soggetti alla pari e, naturalmente, ridurre gli oneri. -17-

18 Indice 1. Monitoraggio delle politiche internazionali: riferimenti normativi 2. Gli obiettivi UE al 2020 e i risultati intermedi osservati 3. I principali sistemi di incentivazione per le FER nell UE28 4. I principali sistemi di incentivazione per le FER-E 5. Le tendenze degli schemi incentivanti 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28-18-

19 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28 Confronto fra gli incentivi diretti alle FER elettriche Feed in Tariff (FiT) Feed in Premium (FiP) Certificati Verdi (CV) Incentivi ( /MWh) in vigore a maggio 2013 Per alcuni Paesi, confronto fra l evoluzione storica degli incentivi, dal 2007 al 2013 Nelle slides che seguono viene esposta solo una selezione esemplificativa del tipo di analisi svolte Feed in tariff Feed in premium Quota d'obbligo Incentivi sospesi -19-

20 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28 Metodologia e rappresentazione del confronto Grafico sottostante a puro titolo esemplificativo Variabilità min-max degli incentivi (effetto sulla remunerazione totale) Remunerazione totale = Incentivo + Prezzo medio dell energia La remunerazione totale rappresentata è suddivisa in due componenti: prezzo medio dell energia (in arancione) e componente incentivante differenziata per tipologia di incentivo (FiT, FiP, CV). Nel caso delle FiT la remunerazione totale è definita per legge, ma si è comunque scelto di rappresentare le due componenti implicite nel valore delle FiT (prezzo medio energia e, per differenza, componente incentivante). N.B.: Confronto sulla remunerazione, non necessariamente anche sulla redditività che dipende anche da altri fattori, quali, ad esempio, la presenza di altre agevolazioni (fiscali, etc.) e soprattutto, in generale, dipende dai costi di produzione, che possono anch essi differire da Paese a Paese -20- Ovviamente, è la componente incentivante che determina l onere di incentivazione. I valori presentati sono normalizzati nel tempo (20 anni con un tasso del 6,5%) in maniera tale da rendere possibile il confronto (gli incentivi hanno durate diverse e in alcuni casi variano nel tempo)

21 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28 Remunerazioni totali in vigore a maggio 2013 Impianti idroelettrici kw 250 /MWh Tecnologia sviluppata Incentivi maggiori a impianti di piccole dimensioni ad acqua fluente 50 0 CV FiT FiP PUN media -21- Fonte: GSE dati preliminari

22 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28 Confronto della remunerazione nel tempo ( ) 250 Impianti idroelettrici 1 MW /MWh Pochi aggiustamenti normativi In Italia si è passati dai CV alla FiT e, successivamente, alla nuova FiT Italia Germania Francia Austria -22- Fonte: GSE dati preliminari

23 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28 Remunerazioni totali in vigore a maggio 2013 /MWh Impianti eolici on-shore - 10 MW Tecnologia in rapido sviluppo (come da PAN) Incentivi disegnati principalmente per impianti di grandi dimensioni CV FiT FiP PUN media -23- Fonte: GSE dati preliminari

24 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28 Confronto della remunerazione nel tempo ( ) 160 Impianti eolici on-shore 10 MW Pochi aggiustamenti normativi, incentivi per una tecnologia matura /MWh Italia Germania Francia Austria -24- Fonte: GSE dati preliminari

25 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28 Remunerazioni totali in vigore a maggio Impianti a biomassa solida kw /MWh Grande variabilità degli incentivi in funzione di numerosi parametri, quali: - combustibile; - taglia; - efficienza (CHP) CV FiT FiP PUN media -25- Fonte: GSE dati preliminari

26 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28 Remunerazioni totali in vigore a maggio Impianti a biomassa solida - 10 MW /MWh Alcuni paesi non incentivano impianti di grandi dimensioni Incentivi maggiori per impianti cogenerativi CV FiT FiP PUN media -26- Fonte: GSE dati preliminari

27 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28 Remunerazioni totali in vigore a maggio Impianti a biogas kw 300 /MWh Incentivi disegnati per impianti adeguati alle capacità produttive delle aziende agricole (prodotti e sottoprodotti agricoli) CV FiT FiP PUN media -27- Fonte: GSE dati preliminari

28 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28 Confronto della remunerazione nel tempo ( ) In alcuni paesi si è assistito ad un aumento dell'incentivazione di base agli impianti a biogas di piccole dimensioni Bonus sono presenti in quasi tutti i paesi -28- Fonte: GSE dati preliminari

29 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28 Remunerazioni totali in vigore a maggio Impianti geotermoelettrici - 10 MW /MWh Tecnologia di prima generazione, antica, storicamente sfruttata in Italia CV FiT FiP PUN media -29- Fonte: GSE dati preliminari

30 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28 Remunerazioni totali in vigore a maggio Impianti fotovoltaici su edifici - 3 kw /MWh Tecnologia in costante diffusione, specie nell'europa centromeridionale Costi in costante decrescita CV FiT FiP PUN media -30- Fonte: GSE dati preliminari

31 5. Il confronto tra i Paesi dell UE28 Remunerazioni totali maggio Valori pesati sulle ore di funzionamento 350 Impianti fotovoltaici su edifici - 3 kw /MWh In questo tipo di elaborazione le remunerazioni sono state normalizzate alle ore di producibilità medie italiane (dunque diminuiscono le remunerazioni associate a Paesi con ore di producibilità minori dell Italia e aumentano le remunerazioni associate a Paesi con ore di producibilità maggiori dell Italia) -31- Fonte: GSE dati preliminari

32 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28 Confronto della remunerazione nel tempo ( ) 700 Impianto FV su edificio 3 KW Gli incentivi sono calati negli ultimi anni, in particolare nel 2011/2012, seguendo (in parte anche stimolando) un abbassamento dei costi gen-07 lug-07 gen-08 lug-08 gen-09 lug-09 gen-10 lug-10 gen-11 lug-11 gen-12 lug-12 gen-13 lug-13 /MWh Italia Germania Francia Spagna -32- Fonte: GSE dati preliminari

33 6. Il confronto tra i Paesi dell UE28 La decrescita degli incentivi non comporta necessariamente un blocco delle installazioni (decrescita dei costi verso la grid parity, presenza di altre agevolazioni, etc ) 3 kw su edificio 200 kw su edificio 2000 kw su terreni /MWh /MWh ITALIA MW MW GERMANIA Installato annuale Installato "Salva Alcoa" -33- Fonte: GSE dati preliminari

34 Grazie per l attenzione -34-

LE FONTI RINNOVABILI PER L ENERGIA ELETTRICA IN EUROPA

LE FONTI RINNOVABILI PER L ENERGIA ELETTRICA IN EUROPA LE FONTI RINNOVABILI PER L ENERGIA ELETTRICA IN EUROPA Davide Tabarelli Gestore dei Servizi Elettrici Roma 5 aprile Davide Tabarelli davide.tabarelli@nomismaenergia.it 5 Aprile 2007 1 Agenda Il primato

Dettagli

La situazione e le prospettive dell economia e del mercato dell auto

La situazione e le prospettive dell economia e del mercato dell auto Conferenza stampa La situazione e le prospettive dell economia e del mercato dell auto Intervento di Gian Primo Quagliano Presidente Econometrica e Centro Studi Promotor Circolo della Stampa - Milano,

Dettagli

"Speciale Energia Rinnovabile" Principali indicatori relativi ai diversi meccanismi di incentivazione delle fonti rinnovabili

Speciale Energia Rinnovabile Principali indicatori relativi ai diversi meccanismi di incentivazione delle fonti rinnovabili "Speciale Energia Rinnovabile" Principali indicatori relativi ai diversi meccanismi di incentivazione delle fonti rinnovabili Roma, 20 gennaio Evoluzione Il contesto I meccanismi di incentivazione Il Gestore

Dettagli

Workshop Fonti Rinnovabili. Sostenibilità e competitività per le rinnovabili del futuro

Workshop Fonti Rinnovabili. Sostenibilità e competitività per le rinnovabili del futuro Workshop Fonti Rinnovabili Sostenibilità e competitività per le rinnovabili del futuro Auditorium GSE Roma, 10 giugno 2016 Agenda Le rinnovabili nel mondo: dati e previsioni Europa ed Italia: le rinnovabili

Dettagli

NUOVO CONTINENTE: UN SUPPORTO ALL ITALIA DIGITALE. La situazione attuale: infrastrutture, alfabetizzazione digitale, e-commerce

NUOVO CONTINENTE: UN SUPPORTO ALL ITALIA DIGITALE. La situazione attuale: infrastrutture, alfabetizzazione digitale, e-commerce NUOVO CONTINENTE: UN SUPPORTO ALL ITALIA DIGITALE La situazione attuale: infrastrutture, alfabetizzazione digitale, e-commerce LE INFRASTRUTTURE DIGITALI UNA DOTAZIONE DIFFUSA, MA CON ALCUNI LIMITI TERRITORIALI

Dettagli

Rinnovabili: tra ritardi, incertezze e speranze

Rinnovabili: tra ritardi, incertezze e speranze Master in Gestione delle Risorse Energetiche Workshop Safe Rinnovabili: tra ritardi, incertezze e speranze Raffaele Chiulli Presidente SAFE Venerdì 23 luglio 2010 GSE Roma Indice Il contributo delle energie

Dettagli

Il bilancio complessivo del primo conto energia

Il bilancio complessivo del primo conto energia Il bilancio complessivo del primo conto energia Gerardo Montanino Solarexpo Il fotovoltaico e il nuovo conto energia Verona, 19 aprile 2007 www.gsel.it 2 Indice II GSE Gestore dei Servizi Elettrici Le

Dettagli

L INCENTIVAZIONE DELLA GENERAZIONE DIFFUSA DA FONTI RINNOVABILI

L INCENTIVAZIONE DELLA GENERAZIONE DIFFUSA DA FONTI RINNOVABILI L INCENTIVAZIONE DELLA GENERAZIONE DIFFUSA DA FONTI RINNOVABILI Gerardo Montanino Direttore Operativo GSE Roma, 23 giugno 2008 www.gsel.it 2 Indice Il GSE Gestore dei Servizi Elettrici La generazione diffusa

Dettagli

Credito ai Consumatori in Europa a fine 2012

Credito ai Consumatori in Europa a fine 2012 Credito ai Consumatori in Europa a fine 2012 Introduzione Crédit Agricole Consumer Finance ha pubblicato, per il sesto anno consecutivo, la propria ricerca annuale sul mercato del credito ai consumatori

Dettagli

PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE

PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE QUADRO DI RIFERIMENTO E LINEE GUIDA DEL PROGETTO Settembre 2009 Service and Documentation

Dettagli

Il costo dei deficit logistici

Il costo dei deficit logistici 2 Forum Internazionale di Conftrasporto Il costo dei deficit logistici MARIANO BELLA DIRETTORE UFFICIO STUDI CONFCOMMERCIO Cernobbio, 24 ottobre 2016 traccia per una presentazione orale Congiuntura 2016:

Dettagli

Il monitoraggio statistico degli obiettivi di consumo delle fonti rinnovabili

Il monitoraggio statistico degli obiettivi di consumo delle fonti rinnovabili Lo sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia verso gli obiettivi 2020 Il monitoraggio statistico degli obiettivi di consumo delle fonti rinnovabili Sandro Renzi - Paolo Liberatore Unità Statistiche GSE

Dettagli

ANALISI DEI COSTI/BENEFICI DERIVANTI DALLA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO A BIOGAS

ANALISI DEI COSTI/BENEFICI DERIVANTI DALLA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO A BIOGAS Zeroemission 2012 Roma, 07 settembre 2012 ANALISI DEI COSTI/BENEFICI DERIVANTI DALLA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO A BIOGAS Raffaella Urania Settore Bioenergie L Associazione Aper nasce nel 1987 ed è la

Dettagli

Il mercato del lavoro in Europa

Il mercato del lavoro in Europa Il mercato del lavoro in Europa Il diritto di essere piccoli Milano, 6 maggio 2014 Silvia Spattini @SilviaSpattini silvia.spattini@adapt.it Tassi di occupazione 2013 Tasso occupazione totale Tasso occupazione

Dettagli

UNIONE EUROPEA* ALCUNI DATI SU GESTIONE RIFIUTI URBANI

UNIONE EUROPEA* ALCUNI DATI SU GESTIONE RIFIUTI URBANI UNIONE EUROPEA* ALCUNI DATI SU GESTIONE RIFIUTI URBANI Fonte: DB Eurostat al 1-1-8 Divisione Ambiente - Innovazione Servizi Ambientali * Oltre ai Paesi dell Unione Europea (attuali e candidati) sono indicati

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI. LUCOLENA, 13 Giugno Sergio Gatteschi Amministratore Unico Agenzia Fiorentina per l Energia

ENERGIE RINNOVABILI. LUCOLENA, 13 Giugno Sergio Gatteschi Amministratore Unico Agenzia Fiorentina per l Energia ENERGIE RINNOVABILI LUCOLENA, 13 Giugno 2010 Sergio Gatteschi Amministratore Unico Agenzia Fiorentina per l Energia presidente@firenzenergia.it CONSUMARE MENO RIDURRE DEL 20%, O ANCORA DI PIU, I NOSTRI

Dettagli

Prof. Carlo Andrea BOLLINO Presidente

Prof. Carlo Andrea BOLLINO Presidente Ambiente e Energia per lo sviluppo sostenibile Prof. Carlo Andrea BOLLINO Presidente Convegno QSN Roma, 11 novembre 2005 Il nuovo scenario post DPCM 11/05/04 Quale ruolo per il GRTN oggi rafforzamento

Dettagli

Luca d Agnese Amministratore Delegato. Convegno LEGAMBIENTE Roma, 5 luglio 2005

Luca d Agnese Amministratore Delegato. Convegno LEGAMBIENTE Roma, 5 luglio 2005 GLI IMPIANTI EOLICI IN ITALIA: Gli obiettivi di integrazione del paesaggio Il ruolo rispetto al Protocollo di Kyoto Gli interventi nella direzione di una generazione distribuita Luca d Agnese Amministratore

Dettagli

Lo sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia verso gli obiettivi 2020

Lo sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia verso gli obiettivi 2020 Lo sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia verso gli obiettivi 2020 Luca Benedetti Responsabile Unità Studi GSE - Roma - 26 giugno 2013 OBIETTIVI di consumo finale da FONTI RINNOVABILI 100% 90% RINNOVABILI

Dettagli

Determinazione del valore Vm riconosciuto per ogni certificato verde per l obbligo degli anni 2005, 2006 e 2007

Determinazione del valore Vm riconosciuto per ogni certificato verde per l obbligo degli anni 2005, 2006 e 2007 A LLEGATO A Determinazione del valore Vm riconosciuto per ogni certificato verde per l obbligo degli anni 2005, 2006 e 2007 1. Criteri per la determinazione del valore Vm riconosciuto, per ogni certificato

Dettagli

Informazioni Statistiche

Informazioni Statistiche Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Maggio 20 L'utilizzo del Cloud Computing nelle imprese con almeno 10 addetti L Istat realizza

Dettagli

Delta con la media U.E. /litro - BENZINA

Delta con la media U.E. /litro - BENZINA FIGISC ANISA NEWSLETTER PREZZI N.. 083/NP 3 GIUGNO 2016 STATISTICHE DEI PREZZI UNIONE EUROPEA ED ALTRI PAESI EXTRACOMUNITARI MEDIE MESE MAGGIO 2016 a cura delllla Segreteriia Naziionalle FIGISC/ANISA CONFCOMMERCIO

Dettagli

Il livello ottimale degli incentivi e i meccanismi di copertura finanziaria

Il livello ottimale degli incentivi e i meccanismi di copertura finanziaria Il livello ottimale degli incentivi e i meccanismi di copertura finanziaria Giovanna Landi, Norton Rose Studio Legale Carlo Scarpa, Università di Brescia 1 Programma dell intervento Analisi giuridico economica

Dettagli

In Italia la percentuale di persone con un lavoro regolare è in media del 60%, con un evidente gradiente nord-sud [figura 1].

In Italia la percentuale di persone con un lavoro regolare è in media del 60%, con un evidente gradiente nord-sud [figura 1]. Il lavoro Il lavoro e il tempo libero dovrebbero essere una fonte di salute per le persone. Il modo in cui la società organizza il lavoro dovrebbe contribuire a creare una società sana. La promozione della

Dettagli

Gli effetti dell aumento delle importazioni UE di riso

Gli effetti dell aumento delle importazioni UE di riso Gli effetti dell aumento delle importazioni UE di riso Milano, 10 marzo 2016 La produzione mondiale di riso Le importazioni di riso dai PMA Il trend dei prezzi mondiali Il trend dei prezzi internazionali

Dettagli

Struttura delle aziende agricole / Novembre 2015

Struttura delle aziende agricole / Novembre 2015 206/2015-26 Novembre 2015 Struttura delle aziende agricole 2013 Mentre la superficie agricola utilizzata è rimasta invariata, più di 1 azienda agricola su 4 è scomparsa tra il 2003 e il 2013 nell UE. Quasi

Dettagli

I flussi migratori in Europa

I flussi migratori in Europa I flussi migratori in Europa PROF. RICCARDO FIORENTINI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE UNIVERSITÀ DI VERONA Migrazioni: un fenomeno complesso Motivi alla base delle migrazioni: Motivi economici Ricongiungimenti

Dettagli

Laureati in agraria conduttori di aziende agricole

Laureati in agraria conduttori di aziende agricole Laureati in agraria conduttori di aziende agricole Negli ultimi cinque anni, è cresciuta da circa il 2% dei sei anni precedenti ad oltre il 3%, la quota di studenti immatricolati ai corsi di laurea nelle

Dettagli

Dal prezzo del petrolio al prezzo dei carburanti

Dal prezzo del petrolio al prezzo dei carburanti Dal prezzo del petrolio al prezzo dei carburanti Gabriele Masini Staffetta Quotidiana Oil&nonOil - 29 ottobre 2015 1 Staffetta Quotidiana Dal 1933 l informazione indipendente sull energia Oil&nonOil -

Dettagli

JANUARY 2017 LUNEDI' MARTEDI' MERCOLEDI' GIOVEDI' VENERDI' SABATO DOMENICA 1

JANUARY 2017 LUNEDI' MARTEDI' MERCOLEDI' GIOVEDI' VENERDI' SABATO DOMENICA 1 LUNEDI' MARTEDI' MERCOLEDI' GIOVEDI' VENERDI' SABATO DOMENICA 1 2 3 4 5 6 7 8 ALBANIA--AUSTRALIA- AUSTRIA-BELGIO-BIELORUSSIA- BULGARIA-BOSNIA ERZEGOVINA- BRASILE-CANADA--CIPRO-COREA DEL SUD-CROAZIA-DANIMARCA-

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 28 GENNAIO 2016 29/2016/R/EFR DETERMINAZIONE DEL VALORE MEDIO DEL PREZZO DI CESSIONE DELL ENERGIA ELETTRICA DELL ANNO 2015, AI FINI DELLA QUANTIFICAZIONE DEL PREZZO DI COLLOCAMENTO SUL MERCATO

Dettagli

Decreto Legislativo di incentivazione delle energie rinnovabili. Proposta correttiva delle Associazioni di Categoria

Decreto Legislativo di incentivazione delle energie rinnovabili. Proposta correttiva delle Associazioni di Categoria 9 - tre Decreto Legislativo di incentivazione delle energie rinnovabili Proposta correttiva delle Associazioni di Categoria circa 1.000 aziende rappresentate 1 Oneri in Bolletta 2010 in mln Gli incentivi

Dettagli

Risultati: scenario evolutivo base e costo indicativo medio. Sensitività dello scenario ai principali parametri di calcolo

Risultati: scenario evolutivo base e costo indicativo medio. Sensitività dello scenario ai principali parametri di calcolo Scenari di evoluzione del «contatore FER» definito dal DM 23/6/2016 Evoluzione del costo indicativo annuo e del costo indicativo annuo medio delle fonti rinnovabili non fotovoltaiche 30 Agosto 2016 Sommario

Dettagli

Il nuovo sistema di incentivazione del Fotovoltaico

Il nuovo sistema di incentivazione del Fotovoltaico Il nuovo sistema di incentivazione del Fotovoltaico Il 12 maggio è stato pubblicato in GU (n 109) il decreto (Ministro dello Sviluppo economico 5 maggio 2011 "Incentivazione della produzione di energia

Dettagli

Smart Grids e Rinnovabili

Smart Grids e Rinnovabili Smart Grids e Rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Operativo Trasmissione e Distribuzione: mercato elettrico e Smart Grids Fiera Milano Rho, 29 maggio 2009 www.gse.it 2 Indice Nuovi modelli di generazione,

Dettagli

La pratica sportiva in Italia

La pratica sportiva in Italia SALONE D ONORE DEL CONI, FORO ITALICO, ROMA ROMA 23 FEBBRAIO 2017 La pratica sportiva in Italia Giorgio Alleva Presidente Istituto nazionale di Statistica Outline 1 La pratica sportiva in Italia. Le tendenze

Dettagli

Unioncamere: un 2016 di crescita per un imprenditore su tre

Unioncamere: un 2016 di crescita per un imprenditore su tre Comunicato stampa Unioncamere: un 2016 di crescita per un imprenditore su tre Roma, 2 gennaio - Per una impresa su tre nel 2016 il giro d affari aumenterà. E questo soprattutto grazie allo sforzo di innovazione

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.9.2014 L 280/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 994/2014 DELLA COMMISSIONE del 13 maggio 2014 che modifica gli allegati VIII e VIII quater del regolamento (CE) n. 73/2009

Dettagli

I vantaggi del mercato libero

I vantaggi del mercato libero dell elettricità e del gas I vantaggi del mercato libero Davide Tabarelli Sala delle Conferenze, Piazza Monte Citorio, Roma Mercoledì 19 giugno 2013 Agenda Politiche europee e italiane Livelli di passaggio

Dettagli

Efficienza energetica, fonti rinnovabili e domanda di energia

Efficienza energetica, fonti rinnovabili e domanda di energia Efficienza energetica, fonti rinnovabili e domanda di energia Costantino Lato Direttore Efficienza e Energia Termica La domanda di energia continua a calare: dato congiunturale o strutturale? Roma 19 Marzo

Dettagli

La Puglia Pioniera delle Energie Rinnovabili

La Puglia Pioniera delle Energie Rinnovabili Bari, 10 Marzo 2011 La Puglia Pioniera delle Energie Rinnovabili Ing. Fabio Capezzuto Direttore Tecnico presentazione aziendale Geatecno nasce dalla pluriennale esperienza maturata da un gruppo di giovani

Dettagli

Il Benessere Equo Sostenibile nella provincia di Ravenna anno 2015

Il Benessere Equo Sostenibile nella provincia di Ravenna anno 2015 Il Benessere Equo Sostenibile nella provincia di Ravenna anno 2015 Servizio Statistica Roberta Cuffiani 3 dicembre 2015 Il Bes delle province Anno 2015 82 indicatori per 11 dimensioni per 25 province aderenti,

Dettagli

Il sistema di incentivazione del biometano Cenni sul nuovo decreto posto in consultazione

Il sistema di incentivazione del biometano Cenni sul nuovo decreto posto in consultazione Il sistema di incentivazione del Cenni sul nuovo decreto posto in consultazione CONFERENZA NAZIONALE «LA NUOVA FRONTIERA DEL BIOMETANO» Bologna, 6 febbraio 2017 Premessa L Italia, attraverso il Piano di

Dettagli

AIRU ed Ambiente Italia hanno dato il via al progetto SDH Take off

AIRU ed Ambiente Italia hanno dato il via al progetto SDH Take off L Irraggiamento Solare in Italia L Italia è uno tra i Paesi europei con il maggiore irraggiamento solare... convegno nazionale IL TTO CHE SCOTTA: INCENTIVI E SFIDE DEL SOLARE TERMICO AL 2020 I primi impianti

Dettagli

La Provincia di Ravenna e le energie rinnovabili

La Provincia di Ravenna e le energie rinnovabili La Provincia di Ravenna e le energie rinnovabili Dott. Marco Bacchini Responsabile del Servizio Politiche Energetiche e Sicurezza del Territorio Sala Consiglio della Provincia di Ravenna Giovedì 22 maggio

Dettagli

I FATTORI DELL EMPLOYABILITY DEI GIOVANI ITALIANI. Indagine fra gli associati Aidp RAPPORTO DI RICERCA. Settembre 2012

I FATTORI DELL EMPLOYABILITY DEI GIOVANI ITALIANI. Indagine fra gli associati Aidp RAPPORTO DI RICERCA. Settembre 2012 I FATTORI DELL EMPLOYABILITY DEI GIOVANI ITALIANI Indagine fra gli associati Aidp RAPPORTO DI RICERCA Settembre 2012 2 INDICE Il giudizio sulla situazione economica italiana 3 I giovani e il mercato del

Dettagli

Assinform. Anteprima del Rapporto 2008 Giancarlo Capitani. Amministratore Delegato NetConsulting. Milano, 17 marzo 2008

Assinform. Anteprima del Rapporto 2008 Giancarlo Capitani. Amministratore Delegato NetConsulting. Milano, 17 marzo 2008 Assinform Anteprima del Rapporto 2008 Giancarlo Capitani Amministratore Delegato NetConsulting Milano, 17 marzo 2008 17 marzo 2008 Slide 0 Mercato mondiale dell ICT (2004-2007) Valori in Mld $ e variazioni

Dettagli

CONFRONTI INTERNAZIONALI DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA

CONFRONTI INTERNAZIONALI DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA CONFRONTI INTERNAZIONALI DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA Cenni metodologici Tavole Utenze domestiche, 1 gennaio 2002 Utenze domestiche, 1 gennaio 2001 Utenze domestiche - Variazioni percentuali 1 gennaio

Dettagli

LookOut. Rinnovabili elettriche. Numero 4

LookOut. Rinnovabili elettriche. Numero 4 LookOut Rinnovabili elettriche Numero 4 Q3 2013 elemens Mercati SOMMARIO SOMMARIO... 2 ELENCO DI FIGURE, TABELLE E GRAFICI... 3 EXECUTIVE SUMMARY... 5 1. Panoramica sulle rinnovabili italiane... 9 Verso

Dettagli

Passi avanti nella lotta contro l'abbandono scolastico e nella diffusione dell'istruzione superiore, ma sempre più spesso i maschi restano indietro

Passi avanti nella lotta contro l'abbandono scolastico e nella diffusione dell'istruzione superiore, ma sempre più spesso i maschi restano indietro Passi avanti nella lotta contro l'abbandono scolastico e nella diffusione dell'istruzione superiore, ma sempre più spesso i maschi restano indietro (Sintesi da Orizzonte Scuola dell 11 aprile 2013) Eurostat

Dettagli

La PAC post 2013: aspetti finanziari e interessi dell Italia. Alberto Manelli istituto nazionale di economia agraria

La PAC post 2013: aspetti finanziari e interessi dell Italia. Alberto Manelli istituto nazionale di economia agraria La PAC post 2013: aspetti finanziari e interessi dell Italia Alberto Manelli istituto nazionale di economia agraria Le prospettive finanziarie dell UE e le implicazioni per l agricoltura italiana della

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea 7.7.2015 L 176/29 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/1089 DELLA COMMISSIONE del 6 luglio 2015 che istituisce massimali di bilancio per il 2015 applicabili ad alcuni regimi di sostegno diretto di cui al

Dettagli

Mario Russo. Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale

Mario Russo. Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Il fotovoltaico: stato attuale e prospettive future Mario Russo Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione A fine 2011 in Italia

Dettagli

CATALOGO DATABASE MIGRA-EUROMED MIGRAZIONI NEI PAESI EUROPEI

CATALOGO DATABASE MIGRA-EUROMED MIGRAZIONI NEI PAESI EUROPEI CATALOGO DATABASE MIGRA-EUROMED MIGRAZIONI NEI PAESI EUROPEI 1. POPOLAZIONE Fonte : WORLD BANK Banca World Development Indicators 1. Densità della popolazione 2. Tasso di crescita della popolazione (%)

Dettagli

Circolare N. 113 del 29 Luglio 2016

Circolare N. 113 del 29 Luglio 2016 Circolare N. 113 del 29 Luglio 2016 Energie rinnovabili: tornano gli incentivi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il DM 23.06.2016 è stato definito il nuovo quadro regolamentare

Dettagli

L Unione europea: 497 milioni di abitanti, 27 paesi

L Unione europea: 497 milioni di abitanti, 27 paesi L Unione europea: 497 milioni di abitanti, 27 paesi Stati membri dell Unione europea Paesi candidati I padri fondatori Idee nuove per un lungo periodo di pace e prosperità Konrad Adenauer Alcide De Gasperi

Dettagli

modulo due europa e italia confrontarsi per ragionare sulla professione

modulo due europa e italia confrontarsi per ragionare sulla professione modulo due europa e italia confrontarsi per ragionare sulla professione architetti in europa Architetti e studi di architettura nei paesi europei 2014 180000 160000 140000 120000 100000 80000 60000 40000

Dettagli

Le statistiche europee e il progetto Esaw

Le statistiche europee e il progetto Esaw ANDAMENTI E STATISTICHE Il quadro europeo 1. Gli infortuni sul lavoro nell Unione europea È noto che le statistiche in genere e in particolare quelle infortunistiche prodotte dai diversi Paesi sono tra

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI E CIRCOSCRIZIONALI DEL MAGGIO 2011 D A T I E L E T T O R A LI

ELEZIONI COMUNALI E CIRCOSCRIZIONALI DEL MAGGIO 2011 D A T I E L E T T O R A LI SETTORE SERVIZI AL CITTADINO UFFICIO ELETTORALE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- ELEZIONI COMUNALI E CIRCOSCRIZIONALI

Dettagli

Natalità e mortalità delle imprese italiane

Natalità e mortalità delle imprese italiane Natalità e mortalità delle imprese italiane Nel 2007 si sono iscritte al Registro delle Imprese gestito dalle Camere di Commercio 436.025 nuove imprese (record assoluto dal 1993) a fronte di 390.209 cancellazioni,

Dettagli

RICHIESTE DI COMPETENZA E TRASFERIMENTI DI RICHIEDENTI PROTEZIONE INTERNAZIONALE DA E PER L ITALIA

RICHIESTE DI COMPETENZA E TRASFERIMENTI DI RICHIEDENTI PROTEZIONE INTERNAZIONALE DA E PER L ITALIA Cod. ISTAT INT00058 Settore di interesse: Popolazione e famiglia; condizioni di vita e partecipazione sociale RICHIESTE DI COMPETENZA E TRASFERIMENTI DI RICHIEDENTI PROTEZIONE INTERNAZIONALE DA E PER L

Dettagli

Promuovere lo sviluppo dei pagamenti elettronici in un mondo che cambia

Promuovere lo sviluppo dei pagamenti elettronici in un mondo che cambia Promuovere lo sviluppo dei pagamenti elettronici in un mondo che cambia Massimo Doria Titolare della Divisione Strumenti e servizi di pagamento al dettaglio Banca d Italia SPINning Innovation in Payments

Dettagli

Disoccupati nelle regioni dell UE Il tasso di disoccupazione scende nella maggior parte delle regioni dell UE nel 2014

Disoccupati nelle regioni dell UE Il tasso di disoccupazione scende nella maggior parte delle regioni dell UE nel 2014 Disoccupati nelle regioni dell UE Il tasso di disoccupazione scende nella maggior parte delle regioni dell UE nel 2014 I tassi vanno da 2,5% a Praga a 34,8 in Andalusia. Poco più della metà delle regioni

Dettagli

Resta vivace il ciclo delle esportazioni modenesi nel 2 trimestre del 2006 I quantitativi esportati settore per settore ed i mercati di destinazione

Resta vivace il ciclo delle esportazioni modenesi nel 2 trimestre del 2006 I quantitativi esportati settore per settore ed i mercati di destinazione Modena, 26 settembre 2006 Prot. 20/06 Agli Organi di informazione COMUNICATO STAMPA Resta vivace il ciclo delle esportazioni modenesi nel 2 trimestre del 2006 I quantitativi esportati settore per settore

Dettagli

Il reddito reale di ogni italiano è tornato sui livelli del 1997: indietro di 20 anni

Il reddito reale di ogni italiano è tornato sui livelli del 1997: indietro di 20 anni Ufficio Studi Il Pil pro capite (1960=100) 1 400 350 300 250 350 331 312 311 311 285 294 200 150 100 1960 1990 1997 2007 2010 2015 Germania Italia Stati Uniti Il reddito reale di ogni italiano è tornato

Dettagli

Rapporto di analisi 2014

Rapporto di analisi 2014 Scenario europeo Alghero - Vigne del Lazzaretto Rapporto di analisi 2014 Agenzia Laore Sardegna Servizio Programmazione e controllo Area di supporto per l Osservatorio delle produzioni agricole Referente:

Dettagli

29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/39

29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/39 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/39 DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 27 marzo 2014 concernente un contributo finanziario dell Unione a favore di un piano coordinato di

Dettagli

NOVITA NELL INCENTIVAZIONE DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI

NOVITA NELL INCENTIVAZIONE DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Il futuro degli incentivi nel mercato delle energie rinnovabili KLIMAENERGY 2012 Bolzano, 20 settembre 2012 NOVITA NELL INCENTIVAZIONE DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Andrea

Dettagli

NOI E L UNIONE. 1. Parole per capire CPIA 1 FOGGIA. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno:

NOI E L UNIONE. 1. Parole per capire CPIA 1 FOGGIA. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: CPIA 1 FOGGIA NOI E L UNIONE EUROPEA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: paese....... stato................... governo......... Europa.......

Dettagli

Il pagamento del ticket in Europa

Il pagamento del ticket in Europa Il del ticket in Europa Paese Esiste il ticket? Se si, come é strutturato? Percentuale della spesa farmaceutica pubblica lorda rappresentata dal ticket Quota fissa? % del prezzo Altri dettagli % Si No

Dettagli

La mediazione delle liti negli Stati Membri: dove funziona, e perché

La mediazione delle liti negli Stati Membri: dove funziona, e perché MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Camera dei Deputati - Complesso di Vicolo Valdina - Sala del Cenacolo LA MEDIAZIONE IN EUROPA E IN ITALIA Esperienze a confronto in uno studio del Parlamento europeo La mediazione

Dettagli

PARAMETRI DI MAASTRICHT: MENO DI 1 PAESE SU 2 LI RISPETTA

PARAMETRI DI MAASTRICHT: MENO DI 1 PAESE SU 2 LI RISPETTA Ufficio Studi CGIa News del 25 febbraio 2017 PARAMETRI DI MAASTRICHT: MENO DI 1 PAESE SU 2 LI RISPETTA Secondo l elaborazione effettuata dall Ufficio studi della CGIA, tra i 28 Paesi che compongono l Unione

Dettagli

D. Lgs. 16 marzo 1999, n. 79 Decreto Bersani

D. Lgs. 16 marzo 1999, n. 79 Decreto Bersani D. Lgs. 16 marzo 1999, n. 79 Decreto Bersani ha posto attenzione agli obiettivi economici- ambientali posti dal protocollo di Kyoto adottato l 11 dicembre 1997 ha liberalizzato il mercato dell energia

Dettagli

BANCHE DEL NORD EUROPA PIENE DI DERIVATI

BANCHE DEL NORD EUROPA PIENE DI DERIVATI BANCHE DEL NORD EUROPA PIENE DI DERIVATI IN GERMANIA PESANO IL 20% DEL TOTALE ATTIVO (CIRCA 813 MILIARDI); IN ITALIA APPENA IL 5% (ATTORNO AI 123 MILIARDI). ================== Il sistema bancario europeo

Dettagli

Presentazione del docente. Presidente Unicredito SpA

Presentazione del docente. Presidente Unicredito SpA Presentazione del docente Programma del corso Presidente Unicredito SpA Università degli Studi di Parma Banca e Finanza Prof. Laurea in Economia e commercio Laurea in Scienze economiche e bancarie BNL

Dettagli

I bilanci dell'istruzione sotto pressione negli Stati membri

I bilanci dell'istruzione sotto pressione negli Stati membri COMMISSIONE EUROPEA COMUNICATO STAMPA Bruxelles, 21 marzo 2013 I bilanci dell'istruzione sotto pressione negli Stati membri L'investimento nell'istruzione si è ridotto in otto dei venticinque Stati membri

Dettagli

INTEGRAZIONE EUROPEA E POLITICHE. Le tappe principali

INTEGRAZIONE EUROPEA E POLITICHE. Le tappe principali INTEGRAZIONE EUROPEA E POLITICHE. Le tappe principali Laurea magistrale in Turismo, territorio e sviluppo locale Corso: Politiche per lo sviluppo rurale Lezione n. 1 del 2016 LE PRECONDIZIONI DELLA UE

Dettagli

Tipi di accordi commerciali. Area di libero scambio Unione doganale Mercato comune Unione economica e monetaria

Tipi di accordi commerciali. Area di libero scambio Unione doganale Mercato comune Unione economica e monetaria Tipi di accordi commerciali Area di libero scambio Unione doganale Mercato comune Unione economica e monetaria Area di libero scambio I paesi che vi aderiscono eliminano tutte le restrizioni al commercio

Dettagli

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto. Carrelli industriali

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto. Carrelli industriali FEM-IT-T/N855 FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto Carrelli industriali FEM Breve guida all identificazione dei carrelli industriali non conformi 05.2012 (I) - Emissioni da Gas di

Dettagli

Olio greggio di palma

Olio greggio di palma SCHEDA PREZZOMETRO ULISSE Commodity Famiglia: Olio di palma Codice Commodity: APA21R Olio greggio di palma Luglio 2015 PER CONOSCERE I MERCATI ESTERI DI VENDITA E DI APPROVVIGIONAMENTO Il Prezzometro Ulisse

Dettagli

REGIONI TOTALE ITALIANI TOTALE GENERALE

REGIONI TOTALE ITALIANI TOTALE GENERALE AZIENDA AUTONOMA U.O.B. -STATISTICA E GESTIONE DEL PORTALE GENNAIO 2005 GENNAIO 2006 DIFFERENZA FEBBRAIO 2005 FEBBRAIO 2006 DIFFERENZA MARZO 2005 MARZO 2006 DIFFERENZA Esercizi 16 Esercizi 19 Esercizi

Dettagli

7 Programma Quadro Progetti di ricerca finanziati dalla Commissione Europea Cooperazione: ICT. budget: 286.000.000 EUR

7 Programma Quadro Progetti di ricerca finanziati dalla Commissione Europea Cooperazione: ICT. budget: 286.000.000 EUR 7 Programma Quadro Progetti di ricerca finanziati dalla Commissione Europea Cooperazione: ICT Codice identificativo progetto: FP7-ICT-2009-6 budget: 286.000.000 EUR L obiettivo della Commissione Europea

Dettagli

Drink-driving in Europe

Drink-driving in Europe Drink-driving in Europe Dibattito Safe&Sober in Italia 14 dicembre 2009 Roma Antonio Avenoso, DirettoreEsecutivo - ETSC European Transport Safety Council Un approccio scientifico alla politica della sicurezza

Dettagli

L evoluzione dell affluenza alle elezioni europee dal 1979 al 2009

L evoluzione dell affluenza alle elezioni europee dal 1979 al 2009 L evoluzione dell affluenza alle elezioni europee dal 1979 al 2009 Nicola Maggini 7 aprile 2014 Le elezioni europee che si terranno tra il 22 e il 25 maggio 2014 (a seconda del paese) potrebbero acquisire,

Dettagli

2.1. Eco-performance del made in Italy Eco-efficienza ed eco-tendenza: lo spread green dell Italia

2.1. Eco-performance del made in Italy Eco-efficienza ed eco-tendenza: lo spread green dell Italia Eco-performance del made in Italy 2.1 2.1.1 Eco-efficienza ed eco-tendenza: lo spread green dell Il lungo periodo di crisi che ha interessato le economie occidentali ha favorito l emergere di un nuovo

Dettagli

PREZZI ALLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 30 dicembre 2015 Novembre 2015 PREZZI ALLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di novembre 2015 l indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali diminuisce dello 0,5% rispetto al mese

Dettagli

Animali. con il patrocinio di

Animali. con il patrocinio di Animali NUMERO CANI IN ANAGRAFE (dati inizio 05) Nazionale Friuli Venezia Giulia Calabria 7,8 4,,3 STERILIZZAZIONE CANI E GATTI NON PADRONALI CANI 4,8 entrati nei canili GATTI 8, presenti nelle colonie

Dettagli

VERONA NEL MONDO - Report 2010

VERONA NEL MONDO - Report 2010 VERONA NEL MONDO - Report 2010 L economia internazionale dagli anni zero agli anni dieci Riccardo Borghero Verona, Top 20 I Paesi àncora Verona Mondo. Primi 20 Paesi per differenza in valore assoluto di

Dettagli

ENERGIA ELETTRICA EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO RELATIVO AGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE <10MVA E >10MVA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

ENERGIA ELETTRICA EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO RELATIVO AGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE <10MVA E >10MVA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI ENERGIA ELETTRICA EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO RELATIVO AGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE 0MVA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Delibera n. 34-05 del 23-2-2005 Rumo, marzo 2005 POTENZA NOMINALE DEGLI

Dettagli

Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune

Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune Tipo record 6 - Capacità ricettiva - dal gennaio 2012 al dicembre 2012 - PROVINCIA DI VARESE (tutti i 141 Comuni) La consistenza è riferita al mese di dicembre

Dettagli

Impianti SDH in Italia: 4 casi studio

Impianti SDH in Italia: 4 casi studio Solare e teleriscaldamento Milano 09 09 2015 Impianti SDH in Italia: 4 casi studio AIRU Dip. Energia. Politecnico di Milano Introduzione 1 Il Teleriscaldamento solare è una soluzione possibile e sostenibile

Dettagli

TRIESTE TURISTICA I NUMERI DELLA CRESCITA

TRIESTE TURISTICA I NUMERI DELLA CRESCITA COMUNE DI TRIESTE AREA SVILUPPO ECONOMICO E TURISMO DIREZIONE ATTIVITA PROMOZIONE TURISTICA TRIESTE TURISTICA I NUMERI DELLA CRESCITA luglio 2009 Anno ARRIVI DI TURISTI variazione su anno precedente ARRIVI

Dettagli

Distretto 43 Casoria(NA) Direttore dr. Ferdinando Russo

Distretto 43 Casoria(NA) Direttore dr. Ferdinando Russo Distretto 43 Casoria(NA) Direttore dr. Ferdinando Russo Assistenza Sanitaria ad assistiti di uno Stato dell UE o Spazio Economico Europeo in temporaneo soggiorno in Italia I cittadini, assistiti da uno

Dettagli

Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune

Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune Tipo record 6 - Capacità ricettiva - dal gennaio 2012 al dicembre 2012 - LAGO MAGGIORE La consistenza è riferita al mese di dicembre 2012 Bed & Breakfast

Dettagli

MANUALE DEL CRUSCOTTO: QUOTA NAZIONALE SETTORE ELETTRICITA

MANUALE DEL CRUSCOTTO: QUOTA NAZIONALE SETTORE ELETTRICITA MANUALE DEL CRUSCOTTO: QUOTA NAZIONALE SETTORE ELETTRICITA Il cruscotto riporta l evoluzione temporale del Target Nazionale per il settore Elettricità, ovvero la Quota Nazionale % del Consumo Finale Lordo

Dettagli

I FLUSSI TURISTICI DELL' ALBERGHIERO NEL COMPRENSORIO TURISTICO DEL COMELICO SAPPADA: ANNI

I FLUSSI TURISTICI DELL' ALBERGHIERO NEL COMPRENSORIO TURISTICO DEL COMELICO SAPPADA: ANNI I FLUSSI TURISTICI DELL' ALBERGHIERO NEL COMPRENSORIO TURISTICO DEL COMELICO SAPPADA: ANNI 2005-2015 Premessa In queste pagine viene presentato l'approfondimento per comprensorio turistico della precedente

Dettagli

BREVE STORIA I PAESI FONDATORI

BREVE STORIA I PAESI FONDATORI BREVE STORIA Storicamente, le radici dell'unione Europea risalgono alla seconda guerra mondiale. L'idea dell'integrazione europea e' nata per far sì che non si verificassero mai più simili massacri e distruzioni.

Dettagli

Cifre della Catalogna

Cifre della Catalogna 22 22 2 2 1 1 2 2 2 2 1 1 6 2 2 1 1 1 1 1 1 22 22 2 2 2 2 1 1 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 22 22 2 2 2 2 1 1 2 2 2 2 Generalitat de Catalunya Governo della www.idescat.cat 22 22 2 2 2 2 1 1 2 2 2 2 2 2 2 2

Dettagli

Impianti a biomasse in Emilia-Romagna: aspetti autorizzativi e di controllo

Impianti a biomasse in Emilia-Romagna: aspetti autorizzativi e di controllo Impianti a biomasse in Emilia-Romagna: aspetti autorizzativi e di controllo Il Piano Energetico Regionale Regione Emilia-Romagna Servizio Energia ed Economia Verde Attilio Raimondi 1-2 ottobre 2013 Indice

Dettagli

Programma «Europa per i Cittadini »

Programma «Europa per i Cittadini » Programma «Europa per i Cittadini 2014-2020» Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point MIBACT Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Fermo 10 settembre 2014 Il Programma Europa per

Dettagli