Progetto Regionale Registro delle Diagnosi Anatomopatologiche e Citologiche. IST Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro - Genova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Regionale Registro delle Diagnosi Anatomopatologiche e Citologiche. IST Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro - Genova"

Transcript

1 Progetto Regionale Registro delle Diagnosi Anatomopatologiche e Citologiche IST Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro - Genova Genova, 15/12/

2 Obiettivi Regione Liguria Gli obiettivi principali della progettazione regionale di un offerta assistenziale oncologica in rete riguardano : la promozione della qualità dell assistenza preventiva, diagnostica, terapeutica e palliativa in campo oncologico rendendo fruibili ed omogenei per tutta la popolazione ligure i livelli qualitativi conseguiti e rilevati nei punti di eccellenza. 2

3 Obiettivo principale Attivazione di un Sistema informativo regionale che Raccolga tempestivamente dati provenienti dalle Anatomie Patologiche Liguri, relativamente alle malattie oncologiche Trasmetta i dati raccolti in un flusso Consenta il linkage con gli altri flussi informativi già attivati in Regione Liguria 3

4 Prov. Imperia 1) Ospedale Civile di Sanremo 2) Ospedale di Imperia } ASL 1 Imperiese Prov. Savona 3) Ospedale S. Corona di Pietra Ligure 4) Ospedale S. Paolo di Savona } ASL 2 Savonese Genova Savona La Spezia Imperia 1 2 Prov. Genova 5) Ospedale P.A. Micone, Sestri Ponente 6) Ospedale Villa Scassi, Sampierdarena 7) Ospedale Galliera 8) Ospedale S. Martino 9) Università di Genova 10) Istituto Scientifico dei Tumori 11) Ospedale Gaslini 12) Ospedale di Sestri Levante 13 } ASL 3 Genovese ASL 4 Chiavarese Prov. La Spezia 13) Ospedale S. Andrea di La Spezia ASL 5 Spezzina 4

5 Flusso informativo principale Registro Tumori della Regione Liguria (RTRL): fornisce i dati di incidenza ed elenchi dei nuovi casi di tumore con procedure che danno le massime garanzie di completezza e affidabilità, in accordo con gli standard internazionali che stabiliscono i requisiti di qualità per i registri tumori 5

6 Altri flussi attivi Sono rappresentati da: SDO (dimissioni Ospedaliere) Prestazioni ambulatoriali Prescrizioni farmaceutiche Base dati Assistibili Regionali Registro di Mortalità Regionale 6

7 Risultati Attesi Conoscenza degli spostamenti dei pazienti nella regione Dati numerici e indicatori relativi alla diagnosi di nuove neoplasie In particolare:cancro della mammella Cancro del colon retto Cancro del polmone 7

8 Il problema della codifica Il sistema di codifica più diffuso fra i Patologi è lo SNOMED, di cui, per il subset Microglossary for Pathology dello SNOMED International (seconda edizione), esiste una versione in lingua italiana. Sul nomenclatore SNOMED esiste copyright internazionale ed il marchio è registrato dal College of American Pathologists (CAP): per poterlo utilizzare in maniera corretta occorrerebbe pagare i relativi diritti. Le software house che commercializzano sistemi informativi per Anatomia Patologica hanno compreso nelle loro distribuzioni un codice SNOMED, rappresentato quasi sempre da un estratto non autorizzato della versione italiana del Microglossario per Patologia. La distribuzione autonoma senza adeguata manutenzione ed aggiornamento dei codici ha portato ad adattamenti locali con la nascita di tanti dialetti SNOMED fra loro incompatibili. 8

9 Il progetto NAP Dalle esigenze di interoperabilità semantica nasce la proposta di avviare un processo di allineamento dei numerosi dialetti SNOMED spontaneamente sviluppatisi nei vari sistemi di gestione delle Anatomie Patologiche e distribuiti in Italia, fino a costituire un nomenclatore-vocabolario unico e condiviso che la SIAPEC-IAP raccomanderà per l uso in tutte le Anatomie Patologiche Italiane. Tale nomenclatore-vocabolario viene denominato Nomenclatore sistematico per l Anatomia Patologica Italiana (NAP), termine che non interferisce col marchio registrato (SNOMED ). 9

10 Componenti Progetto NAP SIAPEC-IAP Dott. Bondi Osp. Maggiore Bologna Responsabile Progetto Dott.Giacomin (Registro Tumori di Biella) Dott. Ferretti (Registro Tumori Ferrara) Dott.Truini IST Genova 10

11 Progetto NAP Registro AP ligure SIAPEC-IAP Dott. Giacomin (Registro Tumori di Biella) Dott. Bondi Osp. Maggiore Bologna - Responsabile Progetto Dott. Ferretti (Registro Tumori Ferrara) Dott.Truini IST Genova Anatomia Patologica REGIONE LIGURIA IST Sistema Informativo Aziendale 11

12 Codifica NAP M-XXXXXX 8 caratteri (Snomed: 7) Digit: qualunque segno grafico differente dallo spazio vuoto Aggiunta di un digit ulteriore per indicazione termine principale (0) o sinonimo (lettera: minuscola e poi maiuscola) Codice: codifica del testo a 9 digit Descrizione: rappresenta il testo Termine: Codice + Descrizione 12

13 Attività di progetto IST Individuazione di un insieme di indicatori e relativi strumenti di analisi ed elaborazione che consentano di effettuare valutazioni di qualità delle prestazioni (a cura del Dipartimento di Epidemiologia, Prevenzione e Funzioni Speciali) Condivisione di codifiche e di un minimum data set di descrizione delle patologie (a cura della Anatomia Patologica) Realizzazione Sistema Informativo (a cura del Sistema Informativo Aziendale) 13

14 Campi di indagine Si è ritenuto opportuno iniziare l attività di raccolta ed elaborazione dati dai tumori della mammella colon-retto che registrano un'incidenza elevata ma che possono essere diagnosticati precocemente attraverso programmi di screening di popolazione con significativo miglioramento della sopravvivenza. 14

15 Minimum data set (Tumori della mammella) Dato Richiesto (RIEPILOGO INFORMAZIONI DA ESTRARRE DAGLI ARCHIVI) Campo/campi Data base Parte Anagrafica COGNOME E NOME PAZIENTE CODICE FISCALE PAZIENTE DATA NASCITA PAZIENTE ETA' IN ANNI DELLA PAZIENTE SESSO PAZIENTE Nell anagrafica: COGN 50 caratteri NOME 50 caratteri Nell anagrafica: CFIS 16 caratteri Nell anagrafica: DNAS date E possibile calcolarla dai dati di nascita e di esame Nell anagrafica: SESS 1 carattere (M/F) 15

16 Minimum data set (Tumori della mammella) Parte Clinica STRUTTURA RICHIEDENTE DATA BIOPSIA TIPO BIOPSIA (DIAGNOSTICA==AGOASPIRATO/ESCISSIONALE) DATA INTERVENTO CHIRURGICO DATA INVIO IN A.P. DATA REFERTO Presente reparto richiedente ( è stato fornito dizionario reparti) o solo nome Medico(perché?) riferimento a precedente biopsia che ha portato a questo esame (in tal caso vedi precedenti) O classificazione per questo referto se proveniente da biopsia o intervento (allora semplice data prelievo)????? Il tipo esame classifica l esame Citologico (tipo C) e l Istologico (tipo I) Di solito (verificare) è la data di registrazione che quindi può variare di un giorno con l effettiva data intervento. Si può incrociare con la data intervento registrata nella SDO, Di norma viene registrata la sola data di accettazione in reparto Sempre presente 16

17 Codifiche cosa è stato fatto Morfologia (Gruppo Bologna Dr.Bondi) Topografia (Gruppo Genova Dr.Truini) Tabelle di transcodifica per il recupero dell archivio storico 17

18 I numeri Circa 2700 termini topografici tradotti Oltre 3000 termini topografici sono stati analizzati, cancellati o modificati comprese le aggiunte di lateralità con creazione di nuovi codici Circa 1000 termini sono stati inseriti in una tabella di transcodifica per la parte relativa alla morfologia 18

19 Tabella di transcodifica NUOVO CODICE NAP CODICE SNOMED Codici cancellati nella nuova versione Codici cambiati (es: linfomi) in ICD-O 19

20 NUOVO CODICE Tabella di transcodifica CODICE SNOMED cod testo nota orig M M M M M M M M M a cod_snome d Papilloma verrucoso IO M Carcinoma verrucoso, NAS IO M Papilloma a cellule squamose, NAS IO M Carcinoma a cellule squamose, papillare, non invasivo IO M Carcinoma a cellule squamose, papillare IO M Papilloma invertito IO M Papillomatosi, NAS IO M Carcinoma in situ a cellule squamose - Nuovo record aggiunto BO M Carcinoma a cellule squamose, NAS IO M M Metastasi di carcinoma a cellule squamosose GE M

21 Il sistema informativo (prototipo) Il sistema informativo deve raccogliere periodicamente/in tempo reale gli esiti delle prestazioni diagnostiche effettuate nella Regione Liguria rendere disponibili funzionalità di navigazione, analisi e reportistica in una logica di datawarehouse regionale 21

22 Attività propedeutiche Analisi, messa a punto, test sul sistema Armonia di Metafora Analisi qualità del dato Stesura linee guida di Reparto Analisi tecnologie ICT 22

23 Sistema Armonia E stata avviata una collaborazione con Metafora per - la integrazione e standardizzazione anagrafica - la verifica e standardizzazione minimum data set clinico - l allineamento Nomenclatori Diagnosi - la definizione e implementazione di Export Dati per il Registro 23

24 Individuazione informazioni in Armonia TUMORE DELLA MAMMELLA Dato Tabella Cognome e Nome Paziente Patapazi Codice fiscale Patapazi Data nascita paziente Patapazi Età in anni paziente Palaesam (ESAM_PETA) Sesso Patapazi (PAZI_SESS) Struttura richiedente Palaesam (ESAM_PROV) Data prelievo (Biopsia) Palaesam (ESAM_DPRE) Tipo Biopsia Palaesam (ESAM_TIPO_CODI) Data Intervento Chirurgico Palaesam (ESAM_DACC) Data invio in A.P. -- Data Referto Palacodd (CODD_DINS) Vuoto Diametro massimo neoplasia -- Grading Palaptnm (PTNM_GRAD) pm Palaptnm (PTNM_META) pn Palaptnm (PTNM_NODO) pt Palaptnm (PTNM_TUMO) Snomed Palacodd (CODD_SNOM_CODI) Topografia Palacodd (CODM_TOPO_CODI) 24

25 Analisi qualità del dato in AP IST (luglio 2008) Oltre il 36% dei pazienti non presentavano matricola IST Il 40% non presentava alcun riferimento riguardante la provenienza Il 38% non presentava codice fiscale (il 2% lo presentava incompleto) Revisione procedure e integrazione anagrafica problema risolto 25

26 Linee Guida di compilazione del referto Le richieste di esame provenienti dai reparti devono essere accurate e complete per consentire l identificazione del paziente. L inserimento del dato anagrafico deve essere accurato e completo. (integrazione anagrafica). Riportare tutti i dati segnalati negli elenchi dei campi previsti nel minimum data set, utilizzando le codifiche e le specifiche definite. Seguire le checklist di refertazione come definite da programma. 26

27 Il prototipo Interoperabilità semantica Sistema integrato Standard (Progetto Mattoni SSN) sviluppo di un linguaggio comune (HL7, OID Italy tree, XML ) per consentire lo scambio di informazioni tra: sistemi aziendali (livello Regionale) sistemi regionali (livello Nazionale) 27

28 Aspetti tecnologici Web Browser Piattaforma hw/sw utilizzata Web Server Apache PHP PEAR DB Oracle XE Server Mirth tracciato tradizionale tracciato HL7 Web Browser XHTML JavaScript Flash Origine dei dati delle Anatomie Patologiche Apache Oracle XE Mirth Internet 28 Anatomie Patologiche

29 Scelte architetturali Due approcci View con tracciato tradizionale (approccio regionale) Architettura HL7 compliant HL7 gateway 29

30 Schema del sistema di integrazione Anatomia patologica 1 Anatomia patologica 2 Anatomia patologica n Mirth Registro regionale Altre sorgenti 30

31 Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro Dipartimento di Tecnologie Diagnostiche Avanzate Anatomia e Citoistologia Patologica Struttura Certificata a norma ISO certificato n Direttore: Dr. Mauro Truini Esame Istologico N 08-I Richiesto in data 05/06/08 Accettato in data 05/06/08 Richiedente: Dr. xxxxxxx Cognome xxxxxxxxxx Nome xxxxxxxxxxxx Data di nascita gg/mm/aa Età 67 Provenienza: IST - Diagnostica per Immagini Materiale inviato 1) 2) n) Notizie cliniche Descrizione Macroscopica 1) 2) n) Descrizione Microscopica 1) 2) n) DIAGNOSI 1) 2) n) Codifica 01,02) T-.. M Data 11/06/08 Dott Il Direttore

32 FLUSSO DATI ANATOMIA PATOLOGICA Struttura del Referto Intestazione Referto Identificazione Anagrafica Topografia (Descrizione pezzo) Morfologia (Diagnosi) Ptnm 32

33 Intestazione Referto Campo Lungh. Descrizione Note Armonia Registro N esame 10 AA-X-yyyyy (dove AA sono le ultime 2 cifre dell anno, X rappresenta il tipo di esame ( es. I: Istologico; D:Citoistologico) e yyyyy è il numero progressivo dell esame) Reparto 8 Codice del reparto di provenienza Provenienza 5 Ad esempio INT per provenienza interna;est:esterna;d H:day hospital. Data Biopsia 20 Data di prelievo o data biopsia Data intervento chirurgico 20 Data di accettazione o data di intervento chirurgico Data referto 20 Data emissione referto Obbligatorio Facoltativo Facoltativo Facoltativo Facoltativo, verificare che siano la stessa PALAESAM.ESAM_N UME PALAESAM.ESAM_R EPA_CODI PALAESAM.ESAM_P ROV PALAESAM.ESAM_D PRE PALAESAM.ESAM_D ACC REGIESAM.ESAM _NUME REGIESAM.ESAM _REPA_CODI REGIESAM.ESAM _PROV REGIESAM.ESAM _DPRE REGIESAM.ESAM _DACC Facoltativo? REGIREFE.REFE_ DREF 33

34 Campo Lungh. Descrizione Note Armonia Registro Identificati vo Paziente 6+20 Identificativo del paziente composto da Codice Azienda e da Codice Paziente interno all Azienda che lo ha in cura Obbligatorio, matricola IST PATAPAZI.PAZI_CODI da concatenare col Codice Azienda REGIPAZI.PAZI_C ODI da concatenare col Codice Azienda Cognome 50 Cognome paziente Obbligatorio PATAPAZI.PAZI_COGN REGIPAZI.PAZI_C OGN Nome 50 Nome Paziente Obbligatorio PATAPAZI.PAZI_NOME REGIPAZI.PAZI_N OME Sesso 1 M= Maschio F= Femmina Data di nascita Comune di nascita 10 In formato DATA. Obbligatorio, formato da verificare 6 Codice comune di nascita Obbligatorio PATAPAZ.PAZI_SESS REGIPAZI.PAZI_S ESS Obbligatorio PATAPAZI.PAZI_DNAS PATAPAZI.PAZI_COMU _CNAS REGIPAZI.PAZI_D NAS REGIPAZI.PAZI_C OMU_CNAS Età 3 Età del paziente Facoltativo PALAESAM.ESAM_PETA REGIESAM.? Codice Fiscale Comune di residenza Provincia di residenza 16 Codice fiscale paziente 6 Codice comune residenza 2 Sigla della provincia di residenza N esame 10 Codice esame del paziente Intestazione Anagrafica del Referto Obbligatorio PATAPAZI.PAZI_CFIS REGIPAZI.PAZI_C FIS Obbligatorio Facoltativo Obbligatorio PATAPAZI.PAZI_COMU _CRES probabile join con GETACOMU usando il codice del Comune PALAESAM.ESAM_NUM E REGIPAZI.PAZI_C OMU_CRES REGIPAZI.PAZI_P ROV_CODI REGIESAM.ESAM _NUME 34

35 Parte Materiale Campo Lungh. Descrizione Note Armonia Registro N esame 10 Chiave esterna per intestazione referto Paragrafo 8 Paragrafo che identifica il pezzo Topografia 10 Codice Snomed/NAP della topografia Procedura 10 Codice Snomed/NAP della procedura Obbligatorio PALACODM.CODM_ESAM _NUME REGICODM.CODM_ESAM _NUME Obbligatorio PALACODM.CODM_PARA REGICODM.CODM_PARA Facoltativo Facoltativo PALACODM.CODM_TOPO _CODI PALACODM.CODM_PROC _CODI REGICODM.CODM_TOPO _CODI REGICODM.CODM_PROC _CODI Parte Diagnosi Campo Lungh. N esame 10 Chiave esterna per intestazione referto Paragrafo 8 Paragrafo che identifica il pezzo Ordinamento 2 Ordinamento della codifica della diagnosi Diagnosi 10 Codice Snomed/NAP della diagnosi Descrizione Note Armonia Registro Obbligatorio Obbligatorio PALACODD.CODD_ESAM_N UME PALACODD.CODD_CODM _PARA REGICODD.CODD_ESAM _NUME REGICODD.CODD_CODM _PARA Obbligatorio PALACODD.CODD_ORDI REGICODD.CODD_ORDI Obbligatorio PALACODD.CODD_SNOM _CODI REGICODD.CODD_SNOM _CODI 35

36 Parte PTNM Campo Lungh. Descrizione Note Armonia Registro N esame 10 Chiave esterna per il modello referti Paragrafo 8 Chiave esterna per il modello referti Grading 10 Grado di differenziazione Alfanumerico Obbligatorio Dukes 2 Alfanumerico Facoltativo (Cancro del colon retto) PALAPTNM.PTNM_ESAM_NU ME REGIPTNM.PTNM_ESAM_ NUME Obbligatorio PALAPTNM.PTNM_PARA REGIPTNM.PTNM_PARA Facoltativo PALAPTNM.PTNM_GRAD REGIPTNM.PTNM_GRAD PALAPTNM.PTNM_DUKE REGIPTNM.? pt 10 Alfanumerico Facoltativo PALAPTNM.PTNM_TUMO REGIPTNM.PTNM_TUMO pn 10 Alfanumerico Facoltativo PALAPTNM.PTNM_NODO REGIPTNM.PTNM_NODO pm 10 Alfanumerico Facoltativo PALAPTNM.PTNM_META REGIPTNM.PTNM_META pr.t 10 Carattere Facoltativo PALAPTNM.PTNM_PRET REGIPTNM.? Pr.N 10 Carattere Facoltativo PALAPTNM.PTNM_PREN REGIPTNM.? Inv.Vasc 2 Invasione vasi linfatici Alfanumerico Note 40 Campo riservato a note aggiuntive Facoltativo (Tumore della mammella) PALAPTNM.PTNM_VASC (PTNM_LINF?) REGIPTNM.? Facoltativo PALAPTNM.PTNM_NOTE REGIPTNM.? 36

37 Struttura di un messaggio HL7 Messaggio Segmento 1 Campo 1 Campo 2 Campo... Segmento 2 Segmento 37

38 Struttura del messaggio ORU ORU Observational Report Unsolicited Cap. HL7 v 2.6 MSH Message Header Seg. 2 PID Patient Identification 3 Seg. [ORC] Common Order Seg. 4 OBR Observation Report ID 4 Seg. SPM Specimen Seg. 7 [ {OBX} ] Observations related to SPM Seg. 7 Un messaggio ORU corrisponde ad una singola diagnosi di tumore refertata e contiene nei suoi campi tutte le caratteristiche relative ad essa. I campi di ciascun segmento corrispondono, quindi, agli indicatori individuati nella prima parte del progetto. 38

39 Esempio di messaggio generato MSH ^~\& IST^ ^HL7 ANATOMIA PATOLOGICA IST^codice anapat^l ORU^R01 d19add b20-b771-37aa8c8721b1 P 2.5 PID ^^^IST& &HL7 COGNOME^N OME F ^^010017^GE CLCMDL40D44C823G^^^MEF& &HL ORC RE ^^^^^^^^^0903 ^INT OBR 1 08-I-03996^^L SPM 1 02^^L P3-Y5405^^L T-04000^^L OBX 1 CWE DIAGOSI NAP^^L 1 M OBX 2 NM GRADING 1 OBX 3 ST DUKES OBX 4 ST PT 1b OBX 5 ST PN 0 OBX 6 ST PM x OBX 7 ST PRT DX OBX 8 ST PRN OBX 9 ST INVVASC OBX 10 TX NOTE 39

40 Le elaborazioni il prototipo Registro Regionale delle diagnosi anatomopatologiche e citologiche di tumore Home page Anatomie patologiche liguri Statistiche generiche Statistiche specialistiche Informazioni generali Provenienza pazienti Ricoveri pazienti Informazioni generali Cancro del colon-retto Tumore della mammella 40

41 Le elaborazioni sito internet 41

42 Le elaborazioni sito internet 42

43 Le elaborazioni sito internet I dati sono stati ricavati da tutte le diagnosi con codice M-8 ed M-9 e codice topografico T (Retto, NAS) negli anni 2006, 2007,

44 Le elaborazioni sito internet Appendicectomia semplice Asportazione, NAS Scraping Polipectomia endoscopica Amputazione retto-sigma Resezione segm.colon Emicolectomia con linfoadenectomia Colectomia totale Cons.diagn. isto-cito pat. Biopsia endoscopica Ricerca HPV 44

45 Conclusioni Coinvolgimento altre aziende attraverso RL AO Galliera? Incontri tecnici (GDL3) Incontri con clinici e anatomopatologi Architettura futura Flussi da ASL/AO a RL Infrastruttura abilitante DW regionale? HL7 compliant? Ruolo IST? 45

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Data: 15/12/2010. CARTA DEI SERVIZI Rev: 00

Data: 15/12/2010. CARTA DEI SERVIZI Rev: 00 Unità Operativa di Anatomia Patologica Presidio Ospedaliero S.S. Trinità via Is Mirrionis N 92-09121 Cagliari IN VIGORE DAL INDICE Pag. 1. ABBREVIAZIONI 1 2. OGGETTO 1 3. SCOPO 1 4. PRESENTAZIONE DELL'UNITÀ

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. Natura giuridica. Contatti Via Piero Maroncelli, 40 47014 Meldola, Forlì Cesena. Terapie avanzate nell ambito dell oncologia medica

EMILIA ROMAGNA. Natura giuridica. Contatti Via Piero Maroncelli, 40 47014 Meldola, Forlì Cesena. Terapie avanzate nell ambito dell oncologia medica Altri Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico IRCCS (area di ricerca oncologica) presenti sul territorio nazionale, suddivisi per area geografica Gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 OGGETTO: Fornitura in noleggio con somministrazione (durata: cinque anni) di n. 1 sistema per l analisi del linfonodo sentinella modello OSNA integrato

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Un po di terminologia

Un po di terminologia La classificazione dei pazienti: non solo DRGs Un po di terminologia Dati: simboli con cui si rappresenta la realtà (numeri, date, caratteri, intere parole). Codifica: è la rappresentazione sintetica del

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria MANUALE D USO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2.... 4 3. INVIO CERTIFICATO DI MALATTIA... 4 3.1 SELEZIONE...

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere. La Rete Oncologica

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere. La Rete Oncologica LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere La Rete Oncologica Piano di Riorganizzazione della Rete - La rete Oncologica della Regione Lazio Piano di riorganizzazione

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria ISTRUZIONI E NOTE PERMESSO DI COSTRUIRE, CERTIFICATO DI AGIBILITA' O ALTRO ATTO DI ASSENSO DENCIA DI INIZIO ATTIVITA' (DIA) La comunicazione relativa alle DIA ed ai Permessi di costruire rilasciati dai

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL PRESTITO LOCALE 1. Dove posso trovare informazioni dettagliate sul prestito locale e sulla gestione dei lettori? 2. Come

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO VI Adempimento mantenimento dell erogazione dei LEA attraverso gli indicatori della Griglia Lea Metodologia e Risultati

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni Dipartimento per i censimenti e gli archivi amministrativi e statistici Dipartimento per le statistiche sociali ed ambientali Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali Circolare

Dettagli

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema I CAS DELLE AZIENDE OSPEDALIERE DOTT. A. CAPALDI I.R.C.C.s Candiolo Regione

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali.

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. ALLEGATO D Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. Alle persone che entrano in contatto con medici e strutture sanitarie per cure, prestazioni mediche, acquisto di medicine,

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER (Ultimo aggiornamento 14/05/2014) 2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. INDICE INTRODUZIONE... 1 1.1. Cos è un SMS?... 1 1.2. Qual è la lunghezza di un SMS?... 1 1.3.

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2012 Dicembre 2013 Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli