Progetto Regionale Registro delle Diagnosi Anatomopatologiche e Citologiche. IST Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro - Genova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Regionale Registro delle Diagnosi Anatomopatologiche e Citologiche. IST Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro - Genova"

Transcript

1 Progetto Regionale Registro delle Diagnosi Anatomopatologiche e Citologiche IST Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro - Genova Genova, 15/12/

2 Obiettivi Regione Liguria Gli obiettivi principali della progettazione regionale di un offerta assistenziale oncologica in rete riguardano : la promozione della qualità dell assistenza preventiva, diagnostica, terapeutica e palliativa in campo oncologico rendendo fruibili ed omogenei per tutta la popolazione ligure i livelli qualitativi conseguiti e rilevati nei punti di eccellenza. 2

3 Obiettivo principale Attivazione di un Sistema informativo regionale che Raccolga tempestivamente dati provenienti dalle Anatomie Patologiche Liguri, relativamente alle malattie oncologiche Trasmetta i dati raccolti in un flusso Consenta il linkage con gli altri flussi informativi già attivati in Regione Liguria 3

4 Prov. Imperia 1) Ospedale Civile di Sanremo 2) Ospedale di Imperia } ASL 1 Imperiese Prov. Savona 3) Ospedale S. Corona di Pietra Ligure 4) Ospedale S. Paolo di Savona } ASL 2 Savonese Genova Savona La Spezia Imperia 1 2 Prov. Genova 5) Ospedale P.A. Micone, Sestri Ponente 6) Ospedale Villa Scassi, Sampierdarena 7) Ospedale Galliera 8) Ospedale S. Martino 9) Università di Genova 10) Istituto Scientifico dei Tumori 11) Ospedale Gaslini 12) Ospedale di Sestri Levante 13 } ASL 3 Genovese ASL 4 Chiavarese Prov. La Spezia 13) Ospedale S. Andrea di La Spezia ASL 5 Spezzina 4

5 Flusso informativo principale Registro Tumori della Regione Liguria (RTRL): fornisce i dati di incidenza ed elenchi dei nuovi casi di tumore con procedure che danno le massime garanzie di completezza e affidabilità, in accordo con gli standard internazionali che stabiliscono i requisiti di qualità per i registri tumori 5

6 Altri flussi attivi Sono rappresentati da: SDO (dimissioni Ospedaliere) Prestazioni ambulatoriali Prescrizioni farmaceutiche Base dati Assistibili Regionali Registro di Mortalità Regionale 6

7 Risultati Attesi Conoscenza degli spostamenti dei pazienti nella regione Dati numerici e indicatori relativi alla diagnosi di nuove neoplasie In particolare:cancro della mammella Cancro del colon retto Cancro del polmone 7

8 Il problema della codifica Il sistema di codifica più diffuso fra i Patologi è lo SNOMED, di cui, per il subset Microglossary for Pathology dello SNOMED International (seconda edizione), esiste una versione in lingua italiana. Sul nomenclatore SNOMED esiste copyright internazionale ed il marchio è registrato dal College of American Pathologists (CAP): per poterlo utilizzare in maniera corretta occorrerebbe pagare i relativi diritti. Le software house che commercializzano sistemi informativi per Anatomia Patologica hanno compreso nelle loro distribuzioni un codice SNOMED, rappresentato quasi sempre da un estratto non autorizzato della versione italiana del Microglossario per Patologia. La distribuzione autonoma senza adeguata manutenzione ed aggiornamento dei codici ha portato ad adattamenti locali con la nascita di tanti dialetti SNOMED fra loro incompatibili. 8

9 Il progetto NAP Dalle esigenze di interoperabilità semantica nasce la proposta di avviare un processo di allineamento dei numerosi dialetti SNOMED spontaneamente sviluppatisi nei vari sistemi di gestione delle Anatomie Patologiche e distribuiti in Italia, fino a costituire un nomenclatore-vocabolario unico e condiviso che la SIAPEC-IAP raccomanderà per l uso in tutte le Anatomie Patologiche Italiane. Tale nomenclatore-vocabolario viene denominato Nomenclatore sistematico per l Anatomia Patologica Italiana (NAP), termine che non interferisce col marchio registrato (SNOMED ). 9

10 Componenti Progetto NAP SIAPEC-IAP Dott. Bondi Osp. Maggiore Bologna Responsabile Progetto Dott.Giacomin (Registro Tumori di Biella) Dott. Ferretti (Registro Tumori Ferrara) Dott.Truini IST Genova 10

11 Progetto NAP Registro AP ligure SIAPEC-IAP Dott. Giacomin (Registro Tumori di Biella) Dott. Bondi Osp. Maggiore Bologna - Responsabile Progetto Dott. Ferretti (Registro Tumori Ferrara) Dott.Truini IST Genova Anatomia Patologica REGIONE LIGURIA IST Sistema Informativo Aziendale 11

12 Codifica NAP M-XXXXXX 8 caratteri (Snomed: 7) Digit: qualunque segno grafico differente dallo spazio vuoto Aggiunta di un digit ulteriore per indicazione termine principale (0) o sinonimo (lettera: minuscola e poi maiuscola) Codice: codifica del testo a 9 digit Descrizione: rappresenta il testo Termine: Codice + Descrizione 12

13 Attività di progetto IST Individuazione di un insieme di indicatori e relativi strumenti di analisi ed elaborazione che consentano di effettuare valutazioni di qualità delle prestazioni (a cura del Dipartimento di Epidemiologia, Prevenzione e Funzioni Speciali) Condivisione di codifiche e di un minimum data set di descrizione delle patologie (a cura della Anatomia Patologica) Realizzazione Sistema Informativo (a cura del Sistema Informativo Aziendale) 13

14 Campi di indagine Si è ritenuto opportuno iniziare l attività di raccolta ed elaborazione dati dai tumori della mammella colon-retto che registrano un'incidenza elevata ma che possono essere diagnosticati precocemente attraverso programmi di screening di popolazione con significativo miglioramento della sopravvivenza. 14

15 Minimum data set (Tumori della mammella) Dato Richiesto (RIEPILOGO INFORMAZIONI DA ESTRARRE DAGLI ARCHIVI) Campo/campi Data base Parte Anagrafica COGNOME E NOME PAZIENTE CODICE FISCALE PAZIENTE DATA NASCITA PAZIENTE ETA' IN ANNI DELLA PAZIENTE SESSO PAZIENTE Nell anagrafica: COGN 50 caratteri NOME 50 caratteri Nell anagrafica: CFIS 16 caratteri Nell anagrafica: DNAS date E possibile calcolarla dai dati di nascita e di esame Nell anagrafica: SESS 1 carattere (M/F) 15

16 Minimum data set (Tumori della mammella) Parte Clinica STRUTTURA RICHIEDENTE DATA BIOPSIA TIPO BIOPSIA (DIAGNOSTICA==AGOASPIRATO/ESCISSIONALE) DATA INTERVENTO CHIRURGICO DATA INVIO IN A.P. DATA REFERTO Presente reparto richiedente ( è stato fornito dizionario reparti) o solo nome Medico(perché?) riferimento a precedente biopsia che ha portato a questo esame (in tal caso vedi precedenti) O classificazione per questo referto se proveniente da biopsia o intervento (allora semplice data prelievo)????? Il tipo esame classifica l esame Citologico (tipo C) e l Istologico (tipo I) Di solito (verificare) è la data di registrazione che quindi può variare di un giorno con l effettiva data intervento. Si può incrociare con la data intervento registrata nella SDO, Di norma viene registrata la sola data di accettazione in reparto Sempre presente 16

17 Codifiche cosa è stato fatto Morfologia (Gruppo Bologna Dr.Bondi) Topografia (Gruppo Genova Dr.Truini) Tabelle di transcodifica per il recupero dell archivio storico 17

18 I numeri Circa 2700 termini topografici tradotti Oltre 3000 termini topografici sono stati analizzati, cancellati o modificati comprese le aggiunte di lateralità con creazione di nuovi codici Circa 1000 termini sono stati inseriti in una tabella di transcodifica per la parte relativa alla morfologia 18

19 Tabella di transcodifica NUOVO CODICE NAP CODICE SNOMED Codici cancellati nella nuova versione Codici cambiati (es: linfomi) in ICD-O 19

20 NUOVO CODICE Tabella di transcodifica CODICE SNOMED cod testo nota orig M M M M M M M M M a cod_snome d Papilloma verrucoso IO M Carcinoma verrucoso, NAS IO M Papilloma a cellule squamose, NAS IO M Carcinoma a cellule squamose, papillare, non invasivo IO M Carcinoma a cellule squamose, papillare IO M Papilloma invertito IO M Papillomatosi, NAS IO M Carcinoma in situ a cellule squamose - Nuovo record aggiunto BO M Carcinoma a cellule squamose, NAS IO M M Metastasi di carcinoma a cellule squamosose GE M

21 Il sistema informativo (prototipo) Il sistema informativo deve raccogliere periodicamente/in tempo reale gli esiti delle prestazioni diagnostiche effettuate nella Regione Liguria rendere disponibili funzionalità di navigazione, analisi e reportistica in una logica di datawarehouse regionale 21

22 Attività propedeutiche Analisi, messa a punto, test sul sistema Armonia di Metafora Analisi qualità del dato Stesura linee guida di Reparto Analisi tecnologie ICT 22

23 Sistema Armonia E stata avviata una collaborazione con Metafora per - la integrazione e standardizzazione anagrafica - la verifica e standardizzazione minimum data set clinico - l allineamento Nomenclatori Diagnosi - la definizione e implementazione di Export Dati per il Registro 23

24 Individuazione informazioni in Armonia TUMORE DELLA MAMMELLA Dato Tabella Cognome e Nome Paziente Patapazi Codice fiscale Patapazi Data nascita paziente Patapazi Età in anni paziente Palaesam (ESAM_PETA) Sesso Patapazi (PAZI_SESS) Struttura richiedente Palaesam (ESAM_PROV) Data prelievo (Biopsia) Palaesam (ESAM_DPRE) Tipo Biopsia Palaesam (ESAM_TIPO_CODI) Data Intervento Chirurgico Palaesam (ESAM_DACC) Data invio in A.P. -- Data Referto Palacodd (CODD_DINS) Vuoto Diametro massimo neoplasia -- Grading Palaptnm (PTNM_GRAD) pm Palaptnm (PTNM_META) pn Palaptnm (PTNM_NODO) pt Palaptnm (PTNM_TUMO) Snomed Palacodd (CODD_SNOM_CODI) Topografia Palacodd (CODM_TOPO_CODI) 24

25 Analisi qualità del dato in AP IST (luglio 2008) Oltre il 36% dei pazienti non presentavano matricola IST Il 40% non presentava alcun riferimento riguardante la provenienza Il 38% non presentava codice fiscale (il 2% lo presentava incompleto) Revisione procedure e integrazione anagrafica problema risolto 25

26 Linee Guida di compilazione del referto Le richieste di esame provenienti dai reparti devono essere accurate e complete per consentire l identificazione del paziente. L inserimento del dato anagrafico deve essere accurato e completo. (integrazione anagrafica). Riportare tutti i dati segnalati negli elenchi dei campi previsti nel minimum data set, utilizzando le codifiche e le specifiche definite. Seguire le checklist di refertazione come definite da programma. 26

27 Il prototipo Interoperabilità semantica Sistema integrato Standard (Progetto Mattoni SSN) sviluppo di un linguaggio comune (HL7, OID Italy tree, XML ) per consentire lo scambio di informazioni tra: sistemi aziendali (livello Regionale) sistemi regionali (livello Nazionale) 27

28 Aspetti tecnologici Web Browser Piattaforma hw/sw utilizzata Web Server Apache PHP PEAR DB Oracle XE Server Mirth tracciato tradizionale tracciato HL7 Web Browser XHTML JavaScript Flash Origine dei dati delle Anatomie Patologiche Apache Oracle XE Mirth Internet 28 Anatomie Patologiche

29 Scelte architetturali Due approcci View con tracciato tradizionale (approccio regionale) Architettura HL7 compliant HL7 gateway 29

30 Schema del sistema di integrazione Anatomia patologica 1 Anatomia patologica 2 Anatomia patologica n Mirth Registro regionale Altre sorgenti 30

31 Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro Dipartimento di Tecnologie Diagnostiche Avanzate Anatomia e Citoistologia Patologica Struttura Certificata a norma ISO certificato n Direttore: Dr. Mauro Truini Esame Istologico N 08-I Richiesto in data 05/06/08 Accettato in data 05/06/08 Richiedente: Dr. xxxxxxx Cognome xxxxxxxxxx Nome xxxxxxxxxxxx Data di nascita gg/mm/aa Età 67 Provenienza: IST - Diagnostica per Immagini Materiale inviato 1) 2) n) Notizie cliniche Descrizione Macroscopica 1) 2) n) Descrizione Microscopica 1) 2) n) DIAGNOSI 1) 2) n) Codifica 01,02) T-.. M Data 11/06/08 Dott Il Direttore

32 FLUSSO DATI ANATOMIA PATOLOGICA Struttura del Referto Intestazione Referto Identificazione Anagrafica Topografia (Descrizione pezzo) Morfologia (Diagnosi) Ptnm 32

33 Intestazione Referto Campo Lungh. Descrizione Note Armonia Registro N esame 10 AA-X-yyyyy (dove AA sono le ultime 2 cifre dell anno, X rappresenta il tipo di esame ( es. I: Istologico; D:Citoistologico) e yyyyy è il numero progressivo dell esame) Reparto 8 Codice del reparto di provenienza Provenienza 5 Ad esempio INT per provenienza interna;est:esterna;d H:day hospital. Data Biopsia 20 Data di prelievo o data biopsia Data intervento chirurgico 20 Data di accettazione o data di intervento chirurgico Data referto 20 Data emissione referto Obbligatorio Facoltativo Facoltativo Facoltativo Facoltativo, verificare che siano la stessa PALAESAM.ESAM_N UME PALAESAM.ESAM_R EPA_CODI PALAESAM.ESAM_P ROV PALAESAM.ESAM_D PRE PALAESAM.ESAM_D ACC REGIESAM.ESAM _NUME REGIESAM.ESAM _REPA_CODI REGIESAM.ESAM _PROV REGIESAM.ESAM _DPRE REGIESAM.ESAM _DACC Facoltativo? REGIREFE.REFE_ DREF 33

34 Campo Lungh. Descrizione Note Armonia Registro Identificati vo Paziente 6+20 Identificativo del paziente composto da Codice Azienda e da Codice Paziente interno all Azienda che lo ha in cura Obbligatorio, matricola IST PATAPAZI.PAZI_CODI da concatenare col Codice Azienda REGIPAZI.PAZI_C ODI da concatenare col Codice Azienda Cognome 50 Cognome paziente Obbligatorio PATAPAZI.PAZI_COGN REGIPAZI.PAZI_C OGN Nome 50 Nome Paziente Obbligatorio PATAPAZI.PAZI_NOME REGIPAZI.PAZI_N OME Sesso 1 M= Maschio F= Femmina Data di nascita Comune di nascita 10 In formato DATA. Obbligatorio, formato da verificare 6 Codice comune di nascita Obbligatorio PATAPAZ.PAZI_SESS REGIPAZI.PAZI_S ESS Obbligatorio PATAPAZI.PAZI_DNAS PATAPAZI.PAZI_COMU _CNAS REGIPAZI.PAZI_D NAS REGIPAZI.PAZI_C OMU_CNAS Età 3 Età del paziente Facoltativo PALAESAM.ESAM_PETA REGIESAM.? Codice Fiscale Comune di residenza Provincia di residenza 16 Codice fiscale paziente 6 Codice comune residenza 2 Sigla della provincia di residenza N esame 10 Codice esame del paziente Intestazione Anagrafica del Referto Obbligatorio PATAPAZI.PAZI_CFIS REGIPAZI.PAZI_C FIS Obbligatorio Facoltativo Obbligatorio PATAPAZI.PAZI_COMU _CRES probabile join con GETACOMU usando il codice del Comune PALAESAM.ESAM_NUM E REGIPAZI.PAZI_C OMU_CRES REGIPAZI.PAZI_P ROV_CODI REGIESAM.ESAM _NUME 34

35 Parte Materiale Campo Lungh. Descrizione Note Armonia Registro N esame 10 Chiave esterna per intestazione referto Paragrafo 8 Paragrafo che identifica il pezzo Topografia 10 Codice Snomed/NAP della topografia Procedura 10 Codice Snomed/NAP della procedura Obbligatorio PALACODM.CODM_ESAM _NUME REGICODM.CODM_ESAM _NUME Obbligatorio PALACODM.CODM_PARA REGICODM.CODM_PARA Facoltativo Facoltativo PALACODM.CODM_TOPO _CODI PALACODM.CODM_PROC _CODI REGICODM.CODM_TOPO _CODI REGICODM.CODM_PROC _CODI Parte Diagnosi Campo Lungh. N esame 10 Chiave esterna per intestazione referto Paragrafo 8 Paragrafo che identifica il pezzo Ordinamento 2 Ordinamento della codifica della diagnosi Diagnosi 10 Codice Snomed/NAP della diagnosi Descrizione Note Armonia Registro Obbligatorio Obbligatorio PALACODD.CODD_ESAM_N UME PALACODD.CODD_CODM _PARA REGICODD.CODD_ESAM _NUME REGICODD.CODD_CODM _PARA Obbligatorio PALACODD.CODD_ORDI REGICODD.CODD_ORDI Obbligatorio PALACODD.CODD_SNOM _CODI REGICODD.CODD_SNOM _CODI 35

36 Parte PTNM Campo Lungh. Descrizione Note Armonia Registro N esame 10 Chiave esterna per il modello referti Paragrafo 8 Chiave esterna per il modello referti Grading 10 Grado di differenziazione Alfanumerico Obbligatorio Dukes 2 Alfanumerico Facoltativo (Cancro del colon retto) PALAPTNM.PTNM_ESAM_NU ME REGIPTNM.PTNM_ESAM_ NUME Obbligatorio PALAPTNM.PTNM_PARA REGIPTNM.PTNM_PARA Facoltativo PALAPTNM.PTNM_GRAD REGIPTNM.PTNM_GRAD PALAPTNM.PTNM_DUKE REGIPTNM.? pt 10 Alfanumerico Facoltativo PALAPTNM.PTNM_TUMO REGIPTNM.PTNM_TUMO pn 10 Alfanumerico Facoltativo PALAPTNM.PTNM_NODO REGIPTNM.PTNM_NODO pm 10 Alfanumerico Facoltativo PALAPTNM.PTNM_META REGIPTNM.PTNM_META pr.t 10 Carattere Facoltativo PALAPTNM.PTNM_PRET REGIPTNM.? Pr.N 10 Carattere Facoltativo PALAPTNM.PTNM_PREN REGIPTNM.? Inv.Vasc 2 Invasione vasi linfatici Alfanumerico Note 40 Campo riservato a note aggiuntive Facoltativo (Tumore della mammella) PALAPTNM.PTNM_VASC (PTNM_LINF?) REGIPTNM.? Facoltativo PALAPTNM.PTNM_NOTE REGIPTNM.? 36

37 Struttura di un messaggio HL7 Messaggio Segmento 1 Campo 1 Campo 2 Campo... Segmento 2 Segmento 37

38 Struttura del messaggio ORU ORU Observational Report Unsolicited Cap. HL7 v 2.6 MSH Message Header Seg. 2 PID Patient Identification 3 Seg. [ORC] Common Order Seg. 4 OBR Observation Report ID 4 Seg. SPM Specimen Seg. 7 [ {OBX} ] Observations related to SPM Seg. 7 Un messaggio ORU corrisponde ad una singola diagnosi di tumore refertata e contiene nei suoi campi tutte le caratteristiche relative ad essa. I campi di ciascun segmento corrispondono, quindi, agli indicatori individuati nella prima parte del progetto. 38

39 Esempio di messaggio generato MSH ^~\& IST^ ^HL7 ANATOMIA PATOLOGICA IST^codice anapat^l ORU^R01 d19add b20-b771-37aa8c8721b1 P 2.5 PID ^^^IST& &HL7 COGNOME^N OME F ^^010017^GE CLCMDL40D44C823G^^^MEF& &HL ORC RE ^^^^^^^^^0903 ^INT OBR 1 08-I-03996^^L SPM 1 02^^L P3-Y5405^^L T-04000^^L OBX 1 CWE DIAGOSI NAP^^L 1 M OBX 2 NM GRADING 1 OBX 3 ST DUKES OBX 4 ST PT 1b OBX 5 ST PN 0 OBX 6 ST PM x OBX 7 ST PRT DX OBX 8 ST PRN OBX 9 ST INVVASC OBX 10 TX NOTE 39

40 Le elaborazioni il prototipo Registro Regionale delle diagnosi anatomopatologiche e citologiche di tumore Home page Anatomie patologiche liguri Statistiche generiche Statistiche specialistiche Informazioni generali Provenienza pazienti Ricoveri pazienti Informazioni generali Cancro del colon-retto Tumore della mammella 40

41 Le elaborazioni sito internet 41

42 Le elaborazioni sito internet 42

43 Le elaborazioni sito internet I dati sono stati ricavati da tutte le diagnosi con codice M-8 ed M-9 e codice topografico T (Retto, NAS) negli anni 2006, 2007,

44 Le elaborazioni sito internet Appendicectomia semplice Asportazione, NAS Scraping Polipectomia endoscopica Amputazione retto-sigma Resezione segm.colon Emicolectomia con linfoadenectomia Colectomia totale Cons.diagn. isto-cito pat. Biopsia endoscopica Ricerca HPV 44

45 Conclusioni Coinvolgimento altre aziende attraverso RL AO Galliera? Incontri tecnici (GDL3) Incontri con clinici e anatomopatologi Architettura futura Flussi da ASL/AO a RL Infrastruttura abilitante DW regionale? HL7 compliant? Ruolo IST? 45

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Rete anatomie patologiche

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Rete anatomie patologiche LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Rete anatomie patologiche Rete delle anatomie patologiche regionali: gestione dei referti e condivisione informatizzata delle informazioni Definizione della rete

Dettagli

Dott. Franco Bonanni Direttore dipartimento salute

Dott. Franco Bonanni Direttore dipartimento salute Dott. Franco Bonanni Direttore dipartimento salute Relazione sul cancro al seno nell Unione Europea 7 maggio 2003 gli Stati membri sono invitati a fare della lotta contro il cancro al seno una priorità

Dettagli

1.4 Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia

1.4 Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia 1.4 Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia Coordinatori: R. Capocaccia (ISS Roma) M. Vercelli (IST Genova) E. Paci (Registro Tumori Toscano) P. Picci (IOR Bologna)

Dettagli

I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale

I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale Convegno Carte in Tavola Due anni di CCM e di Sanità Pubblica I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale R. Pizzuti, O.E.R. Campania A. Donato, R.T. Provincia di

Dettagli

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di neoplasia i italia (asr-eu 366,6 escluso ca. cute)

Dettagli

ROER (Rete Oncologica Emiliano-Romagnola) Maurizio Leoni Oncologia Medica Ravenna Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale

ROER (Rete Oncologica Emiliano-Romagnola) Maurizio Leoni Oncologia Medica Ravenna Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale ROER (Rete Oncologica Emiliano-Romagnola) Maurizio Leoni Oncologia Medica Ravenna Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale Azienda USL di Bologna Azienda USL di Imola Azienda USL di Ferrara AOSPU di Bologna

Dettagli

I FLUSSI INFORMATIVI E LA REGISTRAZIONE DEI TUMORI. Ivan Rashid

I FLUSSI INFORMATIVI E LA REGISTRAZIONE DEI TUMORI. Ivan Rashid I FLUSSI INFORMATIVI E LA REGISTRAZIONE DEI TUMORI Ivan Rashid OBIETTIVI Come funzionano i registri tumori (RT)? Quali flussi informativi sono utilizzati dai RT? Quali flussi informativi non sono utilizzati

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Livelli di Assistenza

Dettagli

I TUMORI OGGETTO DI SCREENING: SPECIFICITA DELLA REGISTRAZIONE E VARIABILI AGGIUNTIVE

I TUMORI OGGETTO DI SCREENING: SPECIFICITA DELLA REGISTRAZIONE E VARIABILI AGGIUNTIVE I TUMORI OGGETTO DI SCREENING: SPECIFICITA DELLA REGISTRAZIONE E VARIABILI AGGIUNTIVE Orietta Giuliani Registro Tumori della Romagna IRCCS Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori

Dettagli

l Associazione Italiana Registri Tumori

l Associazione Italiana Registri Tumori Corso: Principi e metodi della raccolta, classificazione e codifica dei tumori Tarquinia, 25 novembre2010 l Associazione Italiana Registri Tumori Stefano Ferretti Associazione Italiana Registri Tumori

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO In tutto il mondo il carcinoma della mammella è il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. L Organizzazione Mondiale della

Dettagli

Normativa della regione Liguria e stato di avanzamento dello screening mammografico

Normativa della regione Liguria e stato di avanzamento dello screening mammografico È opportuno differenziare le procedure di screening per carcinoma della mammella sulla base di specifici fattori di rischio? 30 Maggio 2012 Teatro della Gioventù Aula Barabino Via Cesarea 16 - Genova Gabriella

Dettagli

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova 8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova I programmi di screening per la prevenzione dei tumori della mammella, del colon retto e della cervice uterina

Dettagli

POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO www.policlinicocampusbiomedico.it www.policlinicocampusbiomedico.it

POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO www.policlinicocampusbiomedico.it www.policlinicocampusbiomedico.it RISK MANAGEMENT IN ANATOMIA PATOLOGICA ANALISI DEI PROCESSI sec. FMEA E FMECA - ELABORAZIONE E SVILUPPO SOFTWARE TRACKING Roberto Virgili Collaboratore Sanitario Esperto U.O.C. di Anatomia Patologica Professioni

Dettagli

REGISTRI TUMORI. Cosa sono? La storia

REGISTRI TUMORI. Cosa sono? La storia REGISTRI TUMORI Cosa sono? I Registri tumori sono strutture impegnate nella raccolta di informazioni sui malati di cancro residenti in un determinato territorio. Sono necessari perché in nessuna struttura

Dettagli

Sistemi di codifica automatica o assistita

Sistemi di codifica automatica o assistita Nuove strategie per la standardizzazione delle informazioni per la clinica, l epidemiologia, la salute Bologna, 29 novembre 2008 Sistemi di codifica automatica o assistita Stefano Ferretti Associazione

Dettagli

Il cancro della vescica. Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010

Il cancro della vescica. Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010 Il cancro della vescica Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010 La vescica La vescica La vescica è un organo cavo situato

Dettagli

La stadiazione dei tumori

La stadiazione dei tumori La stadiazione dei tumori Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte Cosa è lo stadio di un tumore? E la rappresentazione sintetica dell estensione anatomica del tumore.

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC PIANO ANNUALE DI ATTIVITA approvato dal CC Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale 2009-

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Protocollo dello studio Prostate cancer survival patients in Italy

Protocollo dello studio Prostate cancer survival patients in Italy Protocollo dello studio Prostate cancer survival patients in Italy Il tumore della prostata è la neoplasia più frequente nella popolazione maschile dei paesi industrializzati, tra cui l Italia. E quindi

Dettagli

IL REGISTRO TUMORI DELL ASL DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

IL REGISTRO TUMORI DELL ASL DELLA PROVINCIA DI BRESCIA IL REGISTRO TUMORI DELL ASL DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Progetto curato dall Osservatorio Epidemiologico dell ASL della Provincia di Brescia Autori Magoni Michele, Becilli Marco Collaborazioni Il Registro

Dettagli

ECCO LE STRUTTURE SANITARIE, PUBBLICHE E PRIVATE, PIU VIRTUOSE DELLA LIGURIA

ECCO LE STRUTTURE SANITARIE, PUBBLICHE E PRIVATE, PIU VIRTUOSE DELLA LIGURIA ECCO LE STRUTTURE SANITARIE, PUBBLICHE E PRIVATE, PIU VIRTUOSE DELLA LIGURIA Prosegue con successo il lavoro della Guida Michelin della salute Dove e Come Mi Curo, il portale numero uno in Italia dove

Dettagli

Generalità sugli standard di registrazione

Generalità sugli standard di registrazione Corso intensivo di formazione sui controlli di qualità Generalità sugli standard di registrazione C. Buzzoni 1,2 1 ISPO, Firenze 2 Banca Dati AIRTUM Salerno, 10-12 Giugno 2015 Standard di registrazione:

Dettagli

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Complessità Sistema Sanitario e Sociosanitario Natura delle patologie stadio ed evoluzione necessità assistenziali Domanda popolazione che esprime

Dettagli

Il Pap test come test primario nello screening

Il Pap test come test primario nello screening Il Pap test come test primario nello screening Antonella Pellegrini UOC Anatomia Patologica Az. Osp. S.Giovanni-Addolorata Roma Lo screening non è fare un Test Cosa è lo screening? un esame sistematico,

Dettagli

Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012

Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012 Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012 Il Registro Tumori Piemonte (RTP) raccoglie i casi di neoplasia maligna insorti

Dettagli

STATO di FATTO AL 31/12/2014

STATO di FATTO AL 31/12/2014 STATO di FATTO AL 31/12/2014 Studio Epidemiologico Retrospettivo Permanente sulla Malattia Neoplastica ASL VCO GENNAIO 2015 (Registro Tumori) www.registrotumorivco.org Giulio Barigelletti 1/21 Premesse

Dettagli

Assistenza Sanitaria Collettiva

Assistenza Sanitaria Collettiva Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Assistenza Sanitaria Collettiva Contenuti informativi minimi per la rilevazione delle prestazioni di Screening oncologico Metadato per la rilevazione delle prestazioni

Dettagli

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag.

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag. Rif. P 01 Pag. 1 Sommario 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso REVISIONI N REV. DATA STESURA DESCRIZIONE Rif. PARAGR. Rif. PAGINA 00 20/10/2009 Prima emissione

Dettagli

BUDGET 2013 Approvato

BUDGET 2013 Approvato A-PDF PageMaster Demo. Purchase from www.a-pdf.com to remove the watermark BUDGET 2013 Approvato Dipartimento Oncologico Elenco strutture S.C. ANATOMIA ED ISTOLOGIA PATOLOGICA S.C. FISICA SANITARIA S.C.

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i o Titolo del programma: Innovazione tecnologica PS su mammella, cervice uterina e colon-retto Identificativo della Linea di intervento generale: 3.1 Prevenzione della popolazione

Dettagli

A.O. S. Martino e Cliniche Universitarie convenzionate di Genova Pelucco David Direttore SC Pneumologia AO San Martino - Genova Scordamaglia Antonio

A.O. S. Martino e Cliniche Universitarie convenzionate di Genova Pelucco David Direttore SC Pneumologia AO San Martino - Genova Scordamaglia Antonio FORMAT DOCUMENTI RETI Titolo: RETE PNEUMOLOGICA Partecipanti Coordinatori Cognome Nome ruolo azienda recapito Nosenzo Marco Direttore SC Pneumologia PO Imperia - ASL1 IMPERIESE 0183 537016; m.nosenzo@asl1.liguria.it

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

PIANO REGIONALE SCREENING ONCOLOGICI

PIANO REGIONALE SCREENING ONCOLOGICI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Livelli di Assistenza Sanitaria Contratti e Convenzioni PIANO REGIONALE SCREENING ONCOLOGICI Piano regionale screening del cancro della cervice

Dettagli

Introduzione a videodermosystem

Introduzione a videodermosystem videodermosystem Presentazione software Introduzione a videodermosystem Il Melanoma cutaneo è una neoplasia maligna prevenibile e curabile se diagnosticata precocemente. Studi epidemiologici rilevano che

Dettagli

Stime di incidenza e mortalità per cause tumorali nell area di Brindisi: risultati del Registro Tumori Jonico Salentino

Stime di incidenza e mortalità per cause tumorali nell area di Brindisi: risultati del Registro Tumori Jonico Salentino Osservatorio Epidemiologico Regionale Registro Tumori Jonico-Salentino RT J-S Stime di incidenza e mortalità per cause tumorali nell area di Brindisi: risultati del Registro Tumori Jonico Salentino Prof.

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Allegato A PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Background Epidemiologico Esclusi i carcinomi della cute, In Italia i cinque tumori più frequentemente diagnosticati

Dettagli

Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014

Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014 Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014 G. Paoli Settore counicazione, ricerca sistema informativo e progetti in sanità delibera 277 del 16 Marzo 07 l obiettivo

Dettagli

Precision Medicine e governance di sistema: Il contributo del Registro Tumori

Precision Medicine e governance di sistema: Il contributo del Registro Tumori PRECISION MEDICINE PER UNA ONCOLOGIA SOSTENIBILE: DALLA DIAGNOSTICA ALLA TERAPIA Precision Medicine e governance di sistema: Il contributo del Registro Tumori Dr. Mario Fusco Registro Tumori Regione Campania

Dettagli

E possibile applicare la metodologia dello Studio Impact al colon retto?

E possibile applicare la metodologia dello Studio Impact al colon retto? Gruppo Italiano Screening Colorettale E possibile applicare la metodologia dello Studio Impact al colon retto? Dott. Fabio Falcini Registro Tumori della Romagna Napoli - 11 dicembre 2006 1 Lo Studio Impact:

Dettagli

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne.

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne. TUMORE DEL POLMONE Nel periodo 27-211 sono stati registrati complessivamente in provincia di Latina 172 nuovi casi di tumore del polmone. E risultato al 1 posto in termini di frequenza fra le neoplasie

Dettagli

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Dati epidemiologici In Emilia-Romagna i tumori del colon-retto costituiscono la seconda causa

Dettagli

Progetto MATTONI SSN

Progetto MATTONI SSN f Nolan, Norton Italia Ministero della Salute Servizi di consulenza direzionale a supporto della Cabina di Regia per la realizzazione del NSIS Progetto MATTONI SSN Mese di Riferimento (Maggio 2004) Documento:

Dettagli

Principi di codifica delle neoplasie. Piera Vicari Registro Tumori Piemonte Corso per operatori dei Registri Reggio Emilia dicembre 2007

Principi di codifica delle neoplasie. Piera Vicari Registro Tumori Piemonte Corso per operatori dei Registri Reggio Emilia dicembre 2007 Principi di codifica delle neoplasie Piera Vicari Registro Tumori Piemonte Corso per operatori dei Registri Reggio Emilia dicembre 2007 Perché codificare Dare un nome girasole tulipano iris margherita

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA 1. Background Epidemiologico Il carcinoma della cervice uterina è per importanza, nel mondo, dopo il carcinoma della mammella,la

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. Presentazione del convegno Prevenzione Brescia. 10 anni di screening oncologico 19 gennaio 2015

CONFERENZA STAMPA. Presentazione del convegno Prevenzione Brescia. 10 anni di screening oncologico 19 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

Confronto di percorsi di diagnosi e trattamento tra Italia e USA

Confronto di percorsi di diagnosi e trattamento tra Italia e USA Confronto di percorsi di diagnosi e trattamento tra Italia e USA Anna Gigli Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali (IRPPS-CNR) Seminario L impatto dei tumori sui sistemi sanitari:

Dettagli

Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia regionale

Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia regionale La sorveglianza epidemiologica dello screening mammografico nella Regione Emilia-Romagna Seminario di studio Bologna, 1 marzo 2012 Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia

Dettagli

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011 SCREENING Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto 1 Diagnosi precoce

Dettagli

Il Sistema Informativo degli Screening in Veneto. Padova, 30 ottobre 2008

Il Sistema Informativo degli Screening in Veneto. Padova, 30 ottobre 2008 Il Sistema Informativo degli Screening in Veneto Padova, 30 ottobre 2008 Perché STANDARDIZZARE? Riferimenti espliciti per tutte le procedure (Linee Guida basate su evidenze scientifiche) Comparabilità

Dettagli

Risultati del programma di screening dei tumori del colon retto a Ferrara

Risultati del programma di screening dei tumori del colon retto a Ferrara Risultati del programma di screening dei tumori del colon retto a Ferrara Aldo De Togni direttore Unità Operativa Organizzazione Oncologica Dipartimento di Sanità Pubblica Il tumore del colon-retto è un

Dettagli

TRATTAMENTO DELL ADENOCARCINOMA T1 (ADENOMA CANCERIZZATO) Il parere del chirurgo: Vincenzo Trapani

TRATTAMENTO DELL ADENOCARCINOMA T1 (ADENOMA CANCERIZZATO) Il parere del chirurgo: Vincenzo Trapani TRATTAMENTO DELL ADENOCARCINOMA T1 (ADENOMA CANCERIZZATO) Il parere del chirurgo: Vincenzo Trapani Adenoma cancerizzato/carcinoma colorettale iniziale (pt1) DEFINIZIONE Lesione adenomatosa comprendente

Dettagli

HELPING PATHOLOGISTS NUOVI PROCESSI PER LA ANATOMIA PATOLOGICA MAGGIO 2011

HELPING PATHOLOGISTS NUOVI PROCESSI PER LA ANATOMIA PATOLOGICA MAGGIO 2011 HELPING PATHOLOGISTS NUOVI PROCESSI PER LA ANATOMIA PATOLOGICA MAGGIO 2011 Sintesi del processo attuale 2 Medico del territorio Reparto ospedaliero Ipotesi di malattia Aree di indagine diagnostica Acquisizione

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

Offerta sanitaria e sopravvivenza di pazienti con tumore del colon nella Provincia di Palermo

Offerta sanitaria e sopravvivenza di pazienti con tumore del colon nella Provincia di Palermo Dipartimento di Scienze per la Promozione della Salute Registro Tumori della Provincia di Palermo Università degli Studi di Palermo Direttore Prof. Nino Romano Regione Sicilia AUSL 6 Palermo Dipartimento

Dettagli

L esperienza della Rete Oncologica Lombarda (ROL) Antonella Fait antonella_fait@regione.lombardia.it

L esperienza della Rete Oncologica Lombarda (ROL) Antonella Fait antonella_fait@regione.lombardia.it L esperienza della Rete Oncologica Lombarda (ROL) Antonella Fait antonella_fait@regione.lombardia.it NETWORKS DI PATOLOGIA (1) P.S.S.R. 2007-2009 2009 Rete Oncologica Lombarda Rete Regionale per le Malattie

Dettagli

Regione Puglia PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO (CCR) IN PUGLIA

Regione Puglia PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO (CCR) IN PUGLIA Regione Puglia ALLEGATO E PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO (CCR) IN PUGLIA (ai sensi della Legge 138/2004 e dell Intesa Stato-Regioni e Province Autonome

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Livelli di Assistenza Sanitaria Contratti e Convenzioni

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Livelli di Assistenza Sanitaria Contratti e Convenzioni REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Livelli di Assistenza Sanitaria Contratti e Convenzioni PIANO REGIONALE SCREENING ONCOLOGICI Progetto regionale screening del cancro della

Dettagli

Screening del Carcinoma Colon Retto. nell ASL 4 Chiavarese

Screening del Carcinoma Colon Retto. nell ASL 4 Chiavarese Regione Liguria ASL 4 Chiavarese Screening del Carcinoma Colon Retto nell ASL 4 Chiavarese Maura Ferrari Bravo 10 gennaio 2009 Screening E un programma organizzato in cui viene sistematicamente invitata

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella SIAPEC PIEMONTE Concordanza e uniformità di refertazione diagnostica nelle anatomie patologiche della Regione Piemonte Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella Statement

Dettagli

L'EPR come componente. della piattaforma di integrazione all interno

L'EPR come componente. della piattaforma di integrazione all interno Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori L'EPR come componente Il ruolo paziente centrico della piattaforma di integrazione all interno dell Istituzione Sanitaria S.C. Sistemi Informativi e Telecomunicazioni

Dettagli

S.S. QUALITA ED ACCREDITAMENTO. S.S. Formazione ed Aggiornamento. Con il patrocinio di. Regione Liguria CONVEGNO REGIONALE

S.S. QUALITA ED ACCREDITAMENTO. S.S. Formazione ed Aggiornamento. Con il patrocinio di. Regione Liguria CONVEGNO REGIONALE S.S. QUALITA ED ACCREDITAMENTO S.S. Formazione ed Aggiornamento Con il patrocinio di Regione Liguria Università degli Studi di Genova SIQuAS Società Italiana per la Qualità dell'assistenza Sanitaria Sezione

Dettagli

Impatto dei programmi di screening del carcinoma colorettale

Impatto dei programmi di screening del carcinoma colorettale Padova, 3 novembre 2010 Impatto dei programmi di screening del carcinoma colorettale Manuel Zorzi Istituto Oncologico Veneto IRCCS Registro Tumori del Veneto Programmi di screening colorettale attivi in

Dettagli

il Controllo della Qualità dei dati

il Controllo della Qualità dei dati Corso di base sulla registrazione dei tumori: principi e metodi Reggio Emilia, 3-6 Dicembre 2007. il Controllo della Qualità dei dati DEPedits, CheckRT Ivan Rashid Registro Tumori di Modena 1 Premessa

Dettagli

X Convegno ONS Firenze15 Dicembre 2011 IL PROGETTO DATA WAREHOUSE NAZIONALE SCREENING ONCOLOGICI. Antonio Ponti CPO Piemonte

X Convegno ONS Firenze15 Dicembre 2011 IL PROGETTO DATA WAREHOUSE NAZIONALE SCREENING ONCOLOGICI. Antonio Ponti CPO Piemonte X Convegno ONS Firenze15 Dicembre 2011 IL PROGETTO DATA WAREHOUSE NAZIONALE SCREENING ONCOLOGICI Antonio Ponti CPO Piemonte Indice della presentazione Generalità sul background, gli obiettivi, i metodi

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 24 Gennaio 2007. Campagna di prevenzione a favore dello screening per la ricerca del tumore colon rettale

CONFERENZA STAMPA 24 Gennaio 2007. Campagna di prevenzione a favore dello screening per la ricerca del tumore colon rettale CONFERENZA STAMPA 24 Gennaio 2007 Campagna di prevenzione a favore dello screening per la ricerca del tumore colon rettale Conferenza stampa per la presentazione della Campagna di prevenzione a favore

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

L alimentazione del DWH della rete di epidemiologia: stato attuale e un caso d uso

L alimentazione del DWH della rete di epidemiologia: stato attuale e un caso d uso Nuove fonti informative e nuove modalità di accesso e trattamento delle informazioni del SISR - Sistema Informativo Sanitario Regionale L alimentazione del DWH della rete di epidemiologia: stato attuale

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012 PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE anno Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE FORNITURA SOFTWARE GESTIONALE E MANUTENZIONE PER IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO/SANITARIO DELLA ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE E RICOVERI OSPEDALIERI

Dettagli

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007)

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007) Allegato A In risposta alle osservazioni sul progetto di screening colorettale della Regione Emilia- Romagna: Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING DEL CARCINOMA COLON-RETTALE

PROGETTO DI SCREENING DEL CARCINOMA COLON-RETTALE PROGETTO DI SCREENING DEL CARCINOMA COLON-RETTALE 1. Background Epidemiologico Il cancro del colon retto colpisce ogni anno in Italia circa 33 mila persone ed è responsabile di 18 mila morti, rappresentando

Dettagli

Cancro del Colon-Retto

Cancro del Colon-Retto Cancro del Colon-Retto Prevenzione, Screening e Sorveglianza Dott. Marco La Torre Dipartimento di Chirurgia Generale Azienda Ospedaliera Sant Andrea Epidemiologia Il carcinoma colon- rettale (CCR) è al

Dettagli

XIII Meeting AIRTum, Siracusa 6-8 maggio 2009

XIII Meeting AIRTum, Siracusa 6-8 maggio 2009 CARATTERIZZAZIONE CLINICA, MORFOLOGICA E BIOLOGICA DI DUE GRUPPI ESTREMI DI PAZIENTI CON CARCINOMA COLORETTALE SELEZIONATI ATTRAVERSO UN REGISTRO TUMORI SPECIALIZZATO Annalisa Pezzi, Piero Benatti, Luca

Dettagli

Regione Liguria. Formazione Continua. I Congresso Nazionale di Triage ROMA 11 12 giugno2010

Regione Liguria. Formazione Continua. I Congresso Nazionale di Triage ROMA 11 12 giugno2010 Formazione Continua I Congresso Nazionale di Triage ROMA 11 12 giugno2010 La normativa Nazionale Linee guida sul Triage intraospedaliero GU 7/12/2001 DGR 1360 del 21/11/2001 Direttive in materia di Emergenza

Dettagli

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Paola Zambon Registro Tumori del Veneto (IOV IRCCS) Manola Lisiero, Mario Saugo (SER) Belluno, 20 Ottobre 2011 Casi annui in Veneto stimati nel 2011 a partire

Dettagli

Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna

Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna Il Progetto SOLE - Sanità On LinE e gli standard Stefano Micocci e Marco Devanna CUP 2000 15 settembre 2010 SOLE-100206 Di cosa parleremo

Dettagli

Criticità liguri. Gabriella Paoli

Criticità liguri. Gabriella Paoli Criticità liguri Gabriella Paoli Cosa serve per poter applicare in Liguria programmi di prevenzione secondaria per il tumore eredo familiare della mammella? Normativa a supporto Competenze Organizzazione

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DELLO SCREENIG DEL TUMORE DEL COLON-RETTO (RELAZIONE INFORMATICA)

VALUTAZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DELLO SCREENIG DEL TUMORE DEL COLON-RETTO (RELAZIONE INFORMATICA) VALUTAZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DELLO SCREENIG DEL TUMORE DEL COLON-RETTO (RELAZIONE ) (Allegato 2 al cronoprogramma dello screening del tumore del colon-retto) STATUS DEL DOCUMENTO Nome Progetto Documento

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN VENETO

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN VENETO EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN VENETO Registro Tumori del Veneto novembre 213 Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S, Zorzi

Dettagli

L IMPORTANZA DELLO SCREENING E L IMPATTO SULLE RISORSE

L IMPORTANZA DELLO SCREENING E L IMPATTO SULLE RISORSE L IMPORTANZA DELLO SCREENING E L IMPATTO SULLE RISORSE RENATO CANNIZZARO S.O.C. GASTROENTEROLOGIA ONCOLOGICA CRO-ISTITUTO NAZIONALE TUMORI IRCCS - AVIANO L IMPORTANZA DELLO SCREENING L IMPATTO SULLE RISORSE

Dettagli

PIANO REGIONALE INTRAMOENIA

PIANO REGIONALE INTRAMOENIA PIANO REGIONALE INTRAMOENIA Premesse Il presente Piano è volto a fornire alle Aziende sanitarie del sistema ligure gli indirizzi generali sulla base dei quali sviluppare specifici piani attuativi per far

Dettagli

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 POPOLAZIONE LIGURE Abitanti: Provincia Totale Maschi Femmine IM 221885 106286 115599 SV

Dettagli

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA.

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. Partecipanti al gruppo di redazione Serra Giovanni, direttore U.O. Patologia Neonatale-Centro Neonati a Rischio, Istituto G.Gaslini,

Dettagli

L articolo 2 della p.l. n. 108 è sostituito dal seguente: Art. 2 0Organizzazione e gestione del Registro tumori della Regione Lazio)

L articolo 2 della p.l. n. 108 è sostituito dal seguente: Art. 2 0Organizzazione e gestione del Registro tumori della Regione Lazio) Emendamento all articolo 2 della p.l. n. 108 L articolo 2 della p.l. n. 108 è sostituito dal seguente: Art. 2 0Organizzazione e gestione del Registro tumori della Regione Lazio) 1. Il Registro Tumori della

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Sistema informativo dei programmi con HPV, centralizzazione cambiamenti software. Luisa Paterlini AUSL Reggio Emilia

Sistema informativo dei programmi con HPV, centralizzazione cambiamenti software. Luisa Paterlini AUSL Reggio Emilia Sistema informativo dei programmi con HPV, centralizzazione cambiamenti software Luisa Paterlini AUSL Reggio Emilia PREMESSA 1/2 report HTA italiano Ricerca del DNA di papilloma virus umano (HPV) come

Dettagli

Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per patologie specifiche e fa parte del Servizio Sanitario Nazionale.

Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per patologie specifiche e fa parte del Servizio Sanitario Nazionale. Paolo Zilioli Sistemi Informativi Istituto Europeo di Oncologia Roma Fortum PA - 2011 Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per patologie specifiche e fa parte

Dettagli

L epidemiologia delle malattie oncologiche che meglio si possono giovare degli screening

L epidemiologia delle malattie oncologiche che meglio si possono giovare degli screening Appropriatezza ed efficacia degli screening Convegno medico UniSalute Bologna, 12 ottobre 2012 L epidemiologia delle malattie oncologiche che meglio si possono giovare degli screening Stefano Ferretti

Dettagli

L impatto dello screening nei tumori femminili in Emilia-Romagna

L impatto dello screening nei tumori femminili in Emilia-Romagna L impatto dello screening nei tumori femminili in Emilia-Romagna Dott. Fabio Falcini Responsabile U.O. Prevenzione Oncologica-AUSL Forlì- Ravenna Direttore U.O. Registro Tumori della Romagna-R.T.Ro-IRST

Dettagli

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO... Pagina 1 di 6 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 3.1 Definizioni...2 3.2 Abbreviazioni...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...2

Dettagli

sintesi dei risultati

sintesi dei risultati sintesi dei risultati In questo primo rapporto collaborativo tra i registri tumori delle province emiliane di Parma, Reggio Emilia e Modena vengono presentati i dati di incidenza, mortalità e sopravvivenza

Dettagli

MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE)

MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) L esercizio delle attività mediche, al pari di tutte le attività umane, è correlato alla possibilità di generare errori.

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

Epidemiologia dei TUNS in Italia Registro Nazionale Tumori Nasali e Sinusali (ReNaTuNS)

Epidemiologia dei TUNS in Italia Registro Nazionale Tumori Nasali e Sinusali (ReNaTuNS) Epidemiologia dei TUNS in Italia Registro Nazionale Tumori Nasali e Sinusali (ReNaTuNS) Luciano Riboldi Clinica del Lavoro L. Devoto Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico - Milano CONTESTO

Dettagli

CV Docenti Dott. ROBERTO BANDELLONI

CV Docenti Dott. ROBERTO BANDELLONI CV Docenti Dott. ROBERTO BANDELLONI nato a Santa Margherita Ligure il 5.11.1949. Maturità classica 1969. Laurea nel 1975 in Medicina e Chirurgia Università di Genova. Specializzato nel 1980 in Anatomia

Dettagli