grandezze illuminotecniche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "grandezze illuminotecniche"

Transcript

1 Grandezze fotometriche Flusso luminoso caratteristica propria delle sorgenti luminose; Lezioni di illuminotecnica grandezze illuminotecniche ntensità luminosa lluminamento Luminanza caratteristica propria delle sorgenti luminose; effetto su una superficie; caratteristica sia delle sorgenti illuminanti sia degli oggetti illuminati, considerati sorgenti secondarie. 1 Radianza caratteristica sia delle sorgenti illuminanti sia degli oggetti illuminati, considerati sorgenti secondarie. Sensibilità dell occhio umano Con esperimenti effettuati su un gran numero di persone si è individuata la sensibilità spettrale relativa dell occhio umano. Si è definita una funzione che descrive la sensibilità media dell occhio umano a radiazioni con lunghezza d onda diversa, ma eguale energia. Tale funzione è detta fattore di visibilità V(λ) e rappresenta la quantificazione numerica della sensibilità visiva dell occhio umano medio. l fattore spettrale di visibilità V(λ) ha un valore che varia da 0 a 1 ed è: massimo al centro della banda visibile nullo agli estremi della banda visibile

2 l fattore spettrale di visibilità V(λ) ci fa comprendere chiaramente la differenza tra radiazione e luce al centro della banda visibile (λ0,555 mm) 1 W di radiazione produce 1 W di radiazione visibile cioè 1 W di luce l fattore spettrale di visibilità V(λ) ci fa comprendere chiaramente la differenza tra radiazione e luce n altra zona del visibile (per esempio λ0,60 mm) 1 watt di radiazione produce 0,60 W di radiazione visibile cioè 0,60 W di luce l fattore spettrale di visibilità V(λ) ci fa comprendere chiaramente la differenza tra radiazione e luce n altra zona ancora (per esempio λ0,65 mm) 1 watt di radiazione produce 0,0 W di radiazione visibile cioè 0,0 W di luce Flusso luminoso Viene denominato flusso luminoso Φ la quantità di energia emessa, nell unità di tempo entro un angolo solido ω, da una sorgente luminosa, percepita come luce dall occhio. l flusso è la traduzione in termini di emissione luminosa, di una potenza.

3 Luce 0 Fattore di visibilità e flusso luminoso Considerando una radiazione monocromatica per determinare l effetto luminoso bisogna pesare la sua potenza P(λ) con la sensibilità dell occhio umano ossia moltiplicarla per il corrispondente valore del fattore di visibilità K(λ). Si otterrà la luce corrispondente Φ(λ): Φ (λ) K(λ) P(λ) l fattore di visibilità risulta definito a meno di una costante. Convenzionalmente per il valore massimo di K(λ) a μm, per visione fotopica, si assume un valore di 683 lm/w. Oltre al fattore di visibilità è utile definire il coefficiente di visibilità definito come: Flusso luminoso 780nm 780nm Φvis P( λ) K( λ) dλ K( λ) max P( λ) V( λ) dλ 380nm 380nm dove: k max costante che converte i watt in lumen di potenza luminosa, il suo valore è di 683lm/W come stabilito dalle convenzioni internazionali. Pλ potenza della radiazione energetica emessa. V(λ) fattore di visibilità che assume valore massimo 1 per λ555 nm L unità di misura del flusso luminoso è il lumen (lm). l flusso luminoso emesso da un sorgente può essere misurato in laboratorio, mediante uno strumento detto fotometro integratore o sfera di Ulbricht. V (λ) K(λ)/ K max ntensità luminosa Si definisce intensità luminosa,, il rapporto tra il flusso luminoso infinitesimo emesso dalla sorgente in una data direzione e l angolo solido su cui si distribuisce. dφ dω L angolo solido si misura in steradianti (sr) ed è misurato dall area A (m ) intercettata sulla sfera di raggio 1 m con centro nel vertice dell angolo solido: si dice pertanto ω Asr. L unità di misura di questa grandezza è la candela (cd). La conoscenza dell intensità luminosa emessa da una sorgente nelle diverse direzioni consente di costruire il solido fotometrico. Solido fotometrico Un corpo luminoso emette luce in tutte le direzioni dello spazio. Se, per ogni direzione nello spazio, immaginiamo di rappresentare il vettore dell'intensità come un segmento uscente dalla sorgente, di lunghezza proporzionale al valore dell'intensità, otterremo tanti rette che, tutte insieme, rappresentano il solido fotometrico

4 Esempio lluminamento n alcuni casi le intensità ( c ) sono L illuminamento è il rapporto tra il flusso luminoso incidente su una superficie e l area della superficie stessa: indicate per un flusso convenzionale di 1000lm, allora l intensità effettiva sarà: 10 c * φ /1000 Ad esempio se l immagine a fianco rappresenta la curva fotometrica di E dφ da una lampada ad incandescenza da W che emette un flusso 30 luminoso di 1350 lm si avrà che vale: 70 cd *1350/ ,5 cd L unità di misura è il lux (lx). Esso corrisponde all illuminamento prodotto dal flusso di un lumen distribuito in modo uniforme su di una superficie di un metro quadrato. Per misurare il valore degli illuminamenti su di una determinata superficie sono disponibili apparecchi chiamati luxmetri. lluminamento lluminamento L illuminamento può essere espresso in lux (S) oppure in foot-candle (Sistema anglosassone). giornata estiva soleggiata all aperto lx giornata estiva con cielo coperto lx vetrina bene illuminata 3000 lx E dφ da buona illuminazione uffici buona illuminazione sale da pranzo 500 lx 00 lx buona illuminazione stradale 5 lx notte di luna piena 0,5 lx La corrispondenza tra lux (lx) e foot-candle fc è la seguente: 1 lux foot-candle 1 foot-candle lux notte senza luna, solo con luce stellare 0,01 lx

5 Luminanza Luminanza La luminanza, L, in un punto di una superficie, in una certa direzione, è il rapporto tra l intensità luminosa emessa in quella direzione e la superficie emittente proiettata su un piano perpendicolare alla direzione stessa. Una fonte di luce (sorgente luminosa primaria) od una superficie illuminata (sorgente secondaria di luce) che emettono una determinata intensità luminosa in una data direzione sono caratterizzate da una luminanza. L d dacosα L unità di misura è la candela per metro quadrato (cd/m ) che viene detto nit. Per misurare i valori della luminanza sono disponibili strumenti chiamati luminanzometri. l giusto equilibrio delle luminanze ha notevole importanza nella progettazione degli impianti di illuminazione interna e soprattutto esterna (piazze, strade, ecc.). Luminanza Radianza La radianza M di un punto di una superficie è il rapporto tra il flusso luminoso emesso da un elemento di superficie attorno a quel punto e l area dell elemento stesso. su p e rficie d e l so le cielo in direzione sud cd/m cd/m M dφ da cielo in direzione nord cd/m prato in giorno assolato.000 cd/m La radianza M è legata all illuminamento dal coefficiente di riflessione r della superficie considerata: foglio bianco ben ilum inato 100 cd/m M r E la v a g n a illu m in a ta stra d a b e n illu m in a ta 5 cd/m cd/m Se r1 ossia con superfici perfettamente riflettenti (bianche) si ha: M E. L unità di misura della radianza è il lux s.b. (lux su bianco).

6 Riassumendo Strumenti di misura Simbolo Nome Espressione Unità di misura colorimetro Φ Flusso luminoso K(λ) P(λ) lumen (lm) E lluminamento dφ/da lux (lm/m ) ntensità luminosa dφ/dω candela (lm/sr) L Luminanza d/(da cosα) nit (cd/ m ) Luminanzometro M Radianza dφ/da lux s.b. (lm/ m ) Luxmetro Strumenti di misura Strumenti di misura Sfera di Ulbricht goniofotometro

7 Strumenti di misura Grandezze fotometriche qualitative Oltrecheconlegrandezzevistelalucevienecaratterizzataancheconalcuni parametri di tipo qualitativo, utili a descrivere la sensazione visiva percepita dal nostro occhio. Tali grandezze generalmente vengono utilizzate per caratterizzare le sorgenti di illuminazione artificiale e sono principalmente: La temperatura di colore, che rappresenta la temperatura del corpo nero con l emissione più vicina a quella della sorgente considerata; di conseguenza descrive la sensazione di luce calda o fredda prodotta dalla tonalità della luce. goniofotometro La resa cromatica, che descrive quanto una luce artificiale alteri o meno il colore degli oggetti illuminati (indica cioé la fedeltà con cui la luce fornita da una sorgente artificiale riesce a riprodurre i colori reali, ossia la luce del sole). Temperatura di colore l colore associato ad una data radiazione può essere determinato confrontandolo con quello della radiazione emessa da un corpo nero. La temperatura in gradi Kelvin a cui occorre portare il corpo nero affinché emetta una radiazione di colore uguale a quella della radiazione emessa dalla sorgente in esame rappresenta la misura di tale colore, ed è detta temperatura di colore (CCT) della sorgente. Diagramma CE l concetto di corpo nero, che in natura non esiste, descrive un corpo che assorbe completamente tutte le lunghezze d onda della luce incidente ed irradia le stesse se adeguatamente riscaldato. Sul diagramma cromatico CE si può inserire la curva che rappresenta le coordinate tricromatiche della radiazione emessa da un corpo nero a diverse temperature.

8 la temperatura di colore è la grandezza che caratterizza il colore della luce corrisponde al colore dell emissione di un corpo nero portato a quella temperatura 000 K 700 K 4500 K 6500 K 1000 K lo stesso quadro illuminato con luce bianca (sopra) magenta (sopra a destra) gialla (in basso a destra)

9 Temperatura di colore correlata luce naturale 700 K Poiché lo spettro del corpo nero è uno spettro continuo cioè composto da un emissione ordinata di tutte le lunghezze d onda del visibile la definizione di temperatura di colore è rigorosa solo per le lampade a incandescenza per estendere il significato della grandezza anche a lampade con spettri non continui si parla allora di temperatura di colore correlata TCC 300 K 4500 K Temperatura di colore Temperatura di colore Vari esperimenti hanno dimostrato che l apparato visivo dell uomo percepisce come luce di tonalità bianca la luce che ha una temperatura di colore di circa K, corrispondente alla luce del sole in pieno giorno. Al di sopra e al di sotto di questo valore, la tonalità è giudicata rispettivamente fredda o calda K K La CE (Pubblication n 9. del 1986) classifica la tonalità della luce in tre gruppi: K.000 K Gruppo di tonalità Tonalità Temperatura di colore (K) 1 Calda (W) < nterm edia () Fredda ( C) > tonalità calda tonalità neutra tonalità fredda

10 Temperature di colore di diverse sorgenti Sorgente Temperatura di colore [K] Cielo sereno Cielo coperto Sole a mezzogiorno 550 Sole all'alba 1600 Lampade ad incandescenza Lampade fluorescenti Candele steariche l diagramma di Kruithof Determinati accoppiamenti tra temperatura di colore e livello di illuminamento raccolgono consensi e giudizi di soddisfazione dei fruitori. Esiste una correlazione proposta da Kruithof dopo accurate sperimentazioni che hanno evidenziato come: basse temperature di colore richiedono bassi livelli di illuminamento; alte temperature di colore richiedono elevati illuminamenti. La spiegazione del maggior gradimento è da ricercare nel fatto che la piena funzionalità del nostro apparato visivo si realizza in condizioni in qualche modo analoghe a quelle che si verificano con la luce del sole. Al crepuscolo l illuminamento può variare nell intervallo compreso tra 500 e 100 lux, mentre la temperatura di colore della luce è di circa.000 K. n pieno giorno, i livelli di illuminamento possono arrivare a lux e la temperature di colore a K. Con il diagramma conoscendo il livello di illuminamento richiesto si può determinare il tipo di sorgente illuminante più opportuna l diagramma di Kruithof ndice di resa cromatica resa dei colori innaturale La capacità di una luce di rendere il colore, si misura paragonando i colori degli oggetti illuminati dalla luce in esame con quelli che si ottengono con una lampada campione che riproduce l illuminazione naturale. Questo sistema di valutazione è definito ndice di Resa Cromatica CR (Color Rendering ndex). Esso stabilisce quanto una luce artificiale alteri o meno il colore degli oggetti illuminati. Buona resa dei colori l valore massimo, 100, fa riferimento ad una luce prodotta da una lampada ad incandescenza campione, valori più bassi mostrano rese cromatiche via via peggiori. Colori sfocati o freddi

11 ndice di resa cromatica ndice di resa cromatica La capacità di una luce di rendere il colore, si misura paragonando i colori degli oggetti illuminati dalla luce in esame con quelli che si ottengono con una lampada campione che riproduce l illuminazione naturale. Secondo la normativa CE, vengono illuminati 14 predefiniti campioni di colori con una sorgente di riferimento e con la sorgente che si vuole caratterizzare. Mediante uno spettrofotometro si determina oggettivamente il colore apparente dei 14 campioni e si calcola la media degli scostamenti cromatici che si verificano nelle due letture. La resa cromatica Ra di una lampada viene calcolata valutando con un colorimetro lo scostamento ΔE che si produce nel colore di un certo numero (8 oppure 14) di tinte campione prefissate dalla normativa CE. Δ E i [( ΔL) + ( Δx) + ( Δy ) ] 1/ R , 6 Δ Ra 4 i E i 1 R i ndice di resa cromatica ndice di resa cromatica La CE ha classificato le lampade in base alla resa cromatica definendo dei gruppi utilizzati dai costruttori nella descrizione dei prodotti in commercio. Lampada CCT (K) CR X Y Alogena , Fluorescente bianco freddo ,373 0,385 Fluorescente bianco caldo ,436 0,406 Fluorescente De Luxe bianco freddo Fluorescente De Luxe bianco caldo ,376 0, ,440 0,403 Fluorescente luce diurna ,316 0,345 Vapori di mercurio ,36 0,390 Vapori di mercurio corretti ,373 0,415 Vapori di mercurio con alogenuri ,396 0,390 Sodio alta pressione ,519 0,418 n ogni caso valori elevati ( %) significano che la sorgente permette una percezione dei colori corretta mentre valori di CR inferiori all 80 % significano che la sorgente fornisce una percezione dei colori distorta. Gruppo CE CR Tonalità Applicazioni consigliabili Applicazioni accettabili 1A CR > 90 tutte comparazione colori, esami clinici, pinacoteche 1B 80 < CR < 90 calda intermedia case, alberghi, ristoranti, uffici, ospedali, scuole e negozi intermedia fredda industrie tessili, grafiche, di meccanica fine 60 < CR < 80 tutte edifici industriali scuole, uffici 3 40 < CR < 60 industrie pesanti edifici industriali 4 0 < CR < 40 industrie pesanti

12 Gamma dell'indice di resa del colore normativa attuale per ambienti museali Altri indici cromatici Ra>90 80<Ra<90 Ra>80 Sorgenti luminose Lampade ad alogeni Lampade incandescenza Lampade fluorescenti a cinque bande Lampade fluorescenti a tre bande Lampade ad alogenuri Lampade al sodio del tipo a luce bianca Campi di applicazione Dipinti, arazzi, affreschi, tappeti Mosaici, intarsi lapidei e marmorei, vetri policromi. Oggetti monocromatici o a essi assimilabili, statue. Sarebbe opportuno, nel giudizio sulla qualità dell illuminazione, non basarsi solo sull ndice di resa cromatica, ma prendere in considerazione anche altri parametri quali ad esempio: ndice di discriminazione del colore (CD): misura la capacità di una luce di far distinguere dello stesso colore il maggior numero di sfumature diverse. ndice di preferenza del colore (CP): misura in modo statico la preferenza di gruppi campione nei riguardi della fedeltà di un colore riferito a determinati oggetti, ossia la risposta cromatica aderente ai colori preferiti dalla maggior parte delle persone: nel caso dei cibi si preferisce quel colore che è ritenuto espressione di freschezza. Caratteristiche delle sorgenti la costanza del colore

13 Di che colore è ora il cuscino? costanza del colore Questa zona appare rossa l occhio riconosce il colore del marmo come uguale e attribuisce le differenze alla luce Questa zona appare bianca inscurimento: cambiamento di colore dovuto alla luce qual è l effetto di tutto questo? con la luce possiamo trasformare, illudere, giocare... ma anche devastare

14 stesso oggetto diversa luce il colore della luce è descritto dallo spettro e dalla TCC nominalmente la TCC può essere uguale ma lo spettro diverso

15 Alcune applicazioni Alcune applicazioni Considerando una sorgente sospesa che emette il flusso luminoso φ uniforme distribuito su un angolo solido di 4 π, l intensità uniforme corrispondente risulta: dφ φ φ d ω 4π 1,56 Si può calcolare la luminanza corrispondente all intensità calcolata uniforme della sorgente sospesa. Si ammetta che la sorgente sia una sfera di raggio r perfettamente diffondente e area apparente πr. La luminanza risulta costante pari a: Se la sorgente viene posizionata su di una superficie riflettente si ottiene una intensità uniforme : dφ φ d ω π L d da πr φ 4π r Alcune applicazioni max L Una superficie con luminanza uniforme in tutte le direzioni si dice lambertiana. L intensità dell emissione nelle diverse direzioni deve compensare la variazione dell area vista che varia con il coseno dell angolo δ con la normale alla superficie: Alcune applicazioni γ r h P Considerando una sorgente puntiforme che emette con intensità nella direzione individuata dall angolo γ, l illuminamento sul punto P su di una superficie perpendicolare alla direzione della radiazione alla distanza r può essere valutato come segue: dφ d dω d da d E da da dar r δ A Lδ δ max cosδ Aapp max cosδ max Acosδ A Se la superficie non è perpendicolare alla direzione del fascio è necessario considerare la legge del coseno. Esprimendo r in funzione di h rh/cosγ si ottiene la relazione seguente: cos E r γ cos E r γ cos γ cos h γ 3 cos h γ

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3:

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3: CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA Lezione n 3: Elementi caratterizzanti il colore Grandezze fotometriche qualitative Le Sorgenti Luminose artificiali Ing. Oreste Boccia 1 Elementi caratterizzanti

Dettagli

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione Capitolo 1 Radiazione elettromagnetica e occhio In questo capitolo prendiamo in considerazione alcune grandezze fondamentali riguardanti l illuminazione e alcuni concetti legati alla visione umana che

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Corso di Elaborazione Elettronica di Immagini CENNI DI FOTOMETRIA E ILLUMINOTECNICA Fotometria Motivazione: Dare una misura dell intensità luminosa che rispecchi il funzionamento

Dettagli

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici prof. ing. Luigi Maffei Le grandezze fotometriche Sono definite per valutare in termini quantitativi le caratteristiche

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi 2 Principi Generali della Fotografia LE MISURAZIONI DELLA LUCE 3 LA LUCE QUALE ENERGIA MISURABILE Abbiamo visto che la luce è una forma

Dettagli

SORGENTI LUMINOSE. ALVISI ING. MATTEO www.acmproject.it

SORGENTI LUMINOSE. ALVISI ING. MATTEO www.acmproject.it SORGENTI LUMINOSE Lo sviluppo di nuove tecnologia ha consentito di realizzare una gamma notevole di lampade, destinate alle più differenti applicazioni: Irradiazione per effetto termico Lampade a Incandescenza

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo L ILLUMINAZIONE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo Dott. Ing. Gianni Drisaldi Le grandezze fotometriche Il Flusso Luminoso L Intensità luminosa L illuminamento

Dettagli

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI L uso di lampade ad avanzata tecnologia ed elevata efficienza luminosa costituisce un ulteriore criterio tecnico imposto dalla normativa regionale, affinchè

Dettagli

ASPETTI PRATICI E DEFINIZIONI RIGUARDANTI ALCUNE GRANDEZZE FISICHE IN USO IN FOTOMETRIA E RADIOMETRIA

ASPETTI PRATICI E DEFINIZIONI RIGUARDANTI ALCUNE GRANDEZZE FISICHE IN USO IN FOTOMETRIA E RADIOMETRIA ASPETTI PRATICI E DEFINIZIONI RIGUARDANTI ALCUNE GRANDEZZE FISICHE IN USO IN FOTOMETRIA E RADIOMETRIA di Vincenzo Iorio - Novembre 2010 - Una delle prime grandezze metrologiche che troviamo in fotometria

Dettagli

CORSO DI ILLUMINOTECNICA

CORSO DI ILLUMINOTECNICA COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI VARESE CORSO DI ILLUMINOTECNICA PARTE 1 Docente : dott.ing. Paolo Beghelli Bussero ( MI) 1 INDICE 1 INDICE 2 2 IL FENOMENO DELLA LUCE 3 3 DEFINIZIONI

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Illuminazione naturale (3)

Illuminazione naturale (3) PROGETTAZIONE ENERGETICA Illuminazione naturale (3) Luce dall alto (toplighting) Fig. 1 - Illuminazione attraverso una cupola Gli ambienti di elevata dimensione (capannoni, atri, ecc.) sono spesso illuminati

Dettagli

2ª lezione. Grandezze e unità di misura. Corso di illuminotecnica

2ª lezione. Grandezze e unità di misura. Corso di illuminotecnica Grandezze Corso di illuminotecnica In questa seconda lezione approfondiremo i seguenti argomenti: grandezze fotometriche e loro unità ; strumenti. Grandezze fotometriche e loro unità Premettiamo anzitutto

Dettagli

Elementi di illuminotecnica. Capitolo 2. La percezione della luce, le grandezze fotometriche e la prestazione visiva

Elementi di illuminotecnica. Capitolo 2. La percezione della luce, le grandezze fotometriche e la prestazione visiva Elementi di illuminotecnica Capitolo 2 La percezione della luce, le grandezze fotometriche e la prestazione visiva La luce La luce è l agente fisco che rende visibile gli oggetti ovvero è la sensazione

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

LG -Lampade compatte a led Nozioni generali e principali caratteristiche

LG -Lampade compatte a led Nozioni generali e principali caratteristiche LG -Lampade compatte a led Nozioni generali e principali caratteristiche STRUTTURA della LAMPADA LG Possiamo individuare 3 componenti principali che formano la lampada compatta a led (1) Led e diffusore

Dettagli

Capitolo 2 Impianto di illuminazione.

Capitolo 2 Impianto di illuminazione. Capitolo 2 Impianto di illuminazione. I principali documenti normativi a cui far riferimento per il progetto dell impianto di illuminazione sono le norme UNI 10380: Illuminazione d interni con luce artificiale

Dettagli

ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO

ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO TECNOLOGIA LED Il LED è un dispositivo elettronico che trasforma la corrente da cui è attraversato in luce e calore, non irradiato, da dissipare attraverso un apposita struttura

Dettagli

Valutazione dell illuminazione artificiale

Valutazione dell illuminazione artificiale Valutazione dell illuminazione artificiale Introduzione La progettazione del campo luminoso realizzato dalle sorgenti artificiali costituisce una parte importante dei compiti del progettista degli ambienti

Dettagli

Emidio Frattaroli Editore e Direttore Responsabile. AV Magazine www.avmagazine.it info@avmagazine.it

Emidio Frattaroli Editore e Direttore Responsabile. AV Magazine www.avmagazine.it info@avmagazine.it Emidio Frattaroli Editore e Direttore Responsabile AV Magazine www.avmagazine.it info@avmagazine.it AV Magazine - 500.000 IP unici al mese (fonte Google Analytics - nov 2012) - 30.000 IP unici al giorno

Dettagli

Il laboratorio di prova per le verifiche energetico-ambientali di sistemi di illuminazione "CORVO"

Il laboratorio di prova per le verifiche energetico-ambientali di sistemi di illuminazione CORVO Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA Di SISTEMA ELETTRICO Il laboratorio di prova per le verifiche energetico-ambientali di sistemi di illuminazione

Dettagli

2PI Sas di Maurizio Pitta & C.

2PI Sas di Maurizio Pitta & C. Nozioni di Illuminotecnica. L'illuminotecnica è una scienza che ha come oggetto la caratterizzazione delle sorgenti di luce artificiale e lo studio degli effetti che esse hanno su ambienti esterni, interni,

Dettagli

1 - Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale

1 - Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale Marraffa Orazio, matr. 263439 Mesto Emanuele, matr. 257491 Lezione dell 11/05/2016, ore 10:30 / 13:30 INDICE: 1. Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale 2. Apparecchi per la diffusione luminosa

Dettagli

Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico

Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico L impiego dei LED negli impianti di illuminazione permette oggi di contenere in misura significativa i consumi di energia elettrica, ma anche di ridurre

Dettagli

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Università del Salento Progetto Lauree Scientifiche Attività formativa Modulo 1 L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Vincenzo Orofino Gruppo di Astrofisica LA LUCE Natura della

Dettagli

L illuminazione del futuro: i LED e il loro controllo. 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1

L illuminazione del futuro: i LED e il loro controllo. 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1 L illuminazione del futuro: i e il loro controllo 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1 Classificazione delle sorgenti luminose 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi

Dettagli

LE CURVE FOTOMETRICHE

LE CURVE FOTOMETRICHE LE CURVE FOTOMETRICHE E' noto che l' intensità luminosa è una grandezza che deve essere associata ad una direzione. Non avrebbe molto significato parlare della intensità di un corpo illuminante in una

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO Scambio termico per irraggiamento L irraggiamento, dopo la conduzione e la convezione, è il terzo modo in cui i corpi possono scambiare calore. Tale fenomeno non

Dettagli

REQUISITI ILLUMINOTECNICI E APPARECCHI D ILLUMINAZIONE

REQUISITI ILLUMINOTECNICI E APPARECCHI D ILLUMINAZIONE REQUISITI ILLUMINOTECNICI E APPARECCHI D ILLUMINAZIONE Curve Fotometriche Imparare a leggerle e comprenderle La curva fotometria rappresenta graficamente come una sorgente luminosa emette luce nello spazio.

Dettagli

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce Il Sole è sicuramente la sorgente più comune e facilmente disponibile. In realtà però al giorno d oggi molte attività sono svolte sotto sorgenti artificiali di tipo

Dettagli

ILLUMINAZIONE EFFICIENTE IN UFFICIO

ILLUMINAZIONE EFFICIENTE IN UFFICIO CONSIGLI PER RISPAMIARE ENERGIA IN UFFICIO I SETTIMANA DELL ENERGIA ILLUMINAZIONE EFFICIENTE IN UFFICIO Buone Abitudini Ecco alcuni comportamenti che è bene adottare per risparmiare energia in ufficio

Dettagli

I - FOTOMETRIA E COLORIMETRIA

I - FOTOMETRIA E COLORIMETRIA - I.1 - I - FOTOMETRIA E COLORIMETRIA 1. L intensità della luce Nello studio dell ottica geometrica ci si interessa soltanto della direzione dei raggi luminosi. Nello studio della fotometria ci si occupa

Dettagli

Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti:

Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti: Illuminotecnica Sorgenti luminose artificiali Definizioni Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti: La lampada L apparecchio illuminante Le lampade, preposte alla conversione

Dettagli

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE 1 Illuminatore L illuminatore provvede a generare la luce e inviarla, minimizzando ogni dispersione con un sistema ottico opportuno, nel bundle cioè nel collettore

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 TIEL TIM a.s. 2011/2012 PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini ILUMINAZIONE

Dettagli

SCHEDA TECNICA APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE A LED Rev.1 - luglio 2014

SCHEDA TECNICA APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE A LED Rev.1 - luglio 2014 1) Dati tecnici essenziali Sicurezza (EN60598-1) 1.1 Marca 1.2 Modello 1.3 Tensione nominale (o range) di alimentazione 1.4 Temperatura ambiente (ta) 1.5 Classe di isolamento 1.6 Idoneità al montaggio

Dettagli

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA VANTAGGI E SVANTAGGI DELLE PRINCIPALI LAMPADE UTILIZZATE NELL ILLUMINAZIONE DI FABBRICATI NON RESIDENZIALI, FABBRICHE,

Dettagli

Lampade per strade parchi e parcheggi

Lampade per strade parchi e parcheggi Serie HELIOS-CLASSIC Lampade per strade parchi e parcheggi 2 Nozioni importanti riguardo SAP e LED Nelle lampade SAP (Sodio Alta Pressione) si può affermare che i lux dichiarati dalla casa produttrice

Dettagli

«Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.»

«Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.» «Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.» Volker Schultz, Prof. laureato in Architettura, Detmold 1-I-05/13 Sorgente

Dettagli

illuminazione artificiale

illuminazione artificiale illuminazione artificiale Illuminazione artificiale degli interni Il progetto di illuminazione degli interni deve essere studiato e calcolato in funzione della destinazione d uso e dei compiti visivi del

Dettagli

LED. technology 90% Amica dell ambiente CICLI LUCE ISTANTANEA NON RISPARMIO LOW. DURATA 25000h >10000 MERCURIO ECOLOGICHE REGOLABILE USO INTERNO

LED. technology 90% Amica dell ambiente CICLI LUCE ISTANTANEA NON RISPARMIO LOW. DURATA 25000h >10000 MERCURIO ECOLOGICHE REGOLABILE USO INTERNO LED technology 90% RISPARMIO CICLI >10000 USO INTERNO NON REGOLABILE LUCE ISTANTANEA Amica dell ambiente TEMPERATURA LOW DURATA 25000h ECOLOGICHE Co2 MERCURIO o% LED technology ESEMPIO dei COSTI ipotizzabili

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA TECNICHE DI RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO NEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE ESTERNA Relatori: Chiar.mo

Dettagli

Capitolo II. La Luce

Capitolo II. La Luce Capitolo II La Luce Che cos è la luce. Dato che la parole fotografia deriva dal greco photo grafia che significa disegnare con la luce, analizziamo innanzi tutto che cos è la luce. La luce è una forma

Dettagli

Teoria dell immagine

Teoria dell immagine Archivi fotografici: gestione e conservazione Teoria dell immagine Elementi di base: la luce, l interazione tra luce e materia, il colore Mauro Missori Cos è la fotografia? La fotografia classica è un

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Grandezze fotometriche 1

Grandezze fotometriche 1 Grandezze fotometriche 1 Le grandezze fotometriche sono definite partendo dalle grandezze radiometriche ma tenendo conto della curva di risposta dell occhio umano, che agisce come un fattore di peso. In

Dettagli

Guida CELMA Apples&Pears. L importanza della standardizzazione dei criteri prestazionali per apparecchi a LED

Guida CELMA Apples&Pears. L importanza della standardizzazione dei criteri prestazionali per apparecchi a LED Guida CELMA Apples&Pears L importanza della standardizzazione dei criteri prestazionali per apparecchi a LED Sommario 1. Introduzione 2 2. Criteri qualitativi 3 3. Codice Fotometrico 7 4. Criteri qualitativi

Dettagli

BENESSERE VISIVO ED ILLUMINOTECNICO. arch. Cristina Carletti Dip. TAeD Università di Firenze

BENESSERE VISIVO ED ILLUMINOTECNICO. arch. Cristina Carletti Dip. TAeD Università di Firenze BENESSERE VISIVO ED ILLUMINOTECNICO arch. Cristina Carletti Dip. TAeD Università di Firenze BENESSERE TERMOIGROMETRICO Stato di neutralità termica, in cui il soggetto non sente né caldo né freddo. Benessere

Dettagli

Rischio fotobiologico delle lampade Criteri di valutazione del rischio

Rischio fotobiologico delle lampade Criteri di valutazione del rischio Rischio fotobiologico delle lampade Criteri di valutazione del rischio Riferimenti legislativi: DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (testo unico) Capo V Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione

Dettagli

Esperienza 1: Luce e Colori della luce

Esperienza 1: Luce e Colori della luce 1 Introduzione 1 Esperienza 1: Luce e Colori della luce 1 Introduzione Il colore è la percezione visiva generata dai segnali nervosi che i fotorecettori della retina mandano al cervello quando assorbono

Dettagli

Valutazione mediante calcoli

Valutazione mediante calcoli Valutazione mediante calcoli Esposizione radiante: integrale nel tempo della Radianza, espressa in Joule per unità di area irradiata (J/m 2 ) Definizioni delle grandezze radiometriche Potenza radiante:

Dettagli

Interazione luce - materia

Interazione luce - materia Interazione luce - materia 1 Modelli di illuminazione Il modello di illuminazione descrive l interazione tra la luce e gli oggetti della scena Descrive i fattori che determinano il colore di un punto della

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Arcavacata Rende, 8 ottobre 2010 La luce come requisito di legge negli ambienti di lavoro Come riconoscere un apparecchio di illuminazione Direttiva ECOdesign e possibili

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Informatica Matematica Elettronica e Trasporti

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Informatica Matematica Elettronica e Trasporti UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Informatica Matematica Elettronica e Trasporti QD-SD 01/01 Elementi di illuminotecnica Antonino Nucara, Matilde

Dettagli

LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT

LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT A02 059 Laura Bellia Carla Di Martino Gennaro Spada LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT L ILLUMINAZIONE DI UNA CHIESA DI INTERESSE STORICO ARTISTICO Copyright MMX ARACNE editrice

Dettagli

LED E IMPIANTI TECNOLIGI: INTERVENTI E FINANZIAMENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LED E IMPIANTI TECNOLIGI: INTERVENTI E FINANZIAMENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LED E IMPIANTI TECNOLIGI: INTERVENTI E FINANZIAMENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO INDICE PREMESSA... 2 1. COSA SONO I LED... 2 2. TUTTI I VANTAGGI DEL LED... 2 3. DURATA... 3 4. ALTA EFFICIENZA LUMINOSA...

Dettagli

Rendering ed illuminazione

Rendering ed illuminazione Rendering ed illuminazione Dove si introduce un metodo per ottenere una immagine a partire da una descrizione degli oggetti tridimensionali e si presenta la legge fondamentale che governa l illuminazione.

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PER INTERNI

DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PER INTERNI DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PER INTERNI Dimensionamento di un impianto di illuminazione per interni Esempio n.1 Si vuole progettare l'impianto di illuminazione per un locale di fonderia

Dettagli

Per misurare l illuminamento si utilizza uno strumento chiamato luxmetro. Per la misura si impiega una tecnica fotoelettrica, ossia la luce incide su

Per misurare l illuminamento si utilizza uno strumento chiamato luxmetro. Per la misura si impiega una tecnica fotoelettrica, ossia la luce incide su Illuminotecnica ni Misura delle grandezze fotometriche La misura di illuminamento Per misurare l illuminamento si utilizza uno strumento chiamato luxmetro. Per la misura si impiega una tecnica fotoelettrica,

Dettagli

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Il colore viene utilizzato nelle immagini digitali per due motivi principali: è un descrittore che semplifica l identificazione di un oggetto e la sua estrazione

Dettagli

La percezione del colore

La percezione del colore 30 Gennaio 2007 Corso di Laurea in Informatica Multimediale Facoltà di Scienze MMFFNN Università di Verona La percezione del colore Chiara Della Libera DSNV Università di Verona Sezione di Fisiologia Umana

Dettagli

OFFERTA ABITAGIOVANI Speciale offerta per i partecipanti al progetto Abit@giovani

OFFERTA ABITAGIOVANI Speciale offerta per i partecipanti al progetto Abit@giovani OFFERTA ABITAGIOVANI Speciale offerta per i partecipanti al progetto Abit@giovani Sconto 10% su tutti gli acquisti on-line dei prodotti ILLUMINAZIONE A LED Basta registrarsi sul sito www.desioled.it e

Dettagli

Workshop Trasporti e Infrastrutture

Workshop Trasporti e Infrastrutture Workshop Trasporti e Infrastrutture Illuminazione efficiente nel terziario: illuminazione pubblica Fabio Pagano ANIE ASSIL Introduzione L'illuminazione è stato il primo servizio offerto dalle aziende elettriche

Dettagli

Inlon Engineering Srl Via Zara, 2 19123 La Spezia Italia Tel: +39 334 9104615 Fax: +39 0187 753322. Luci a led: per risparmiare e illuminare meglio

Inlon Engineering Srl Via Zara, 2 19123 La Spezia Italia Tel: +39 334 9104615 Fax: +39 0187 753322. Luci a led: per risparmiare e illuminare meglio Luci a led: per risparmiare e illuminare meglio La tecnologia LED La tecnologia LED può essere applicata ovunque o sostituita a qualsiasi altra sorgente luminosa: è il futuro dell illuminazione. Il loro

Dettagli

Sommario Introduzione... 2 Misurazione della luce... 2 Intensità luminosa (I)... 4 Flusso luminoso ( )... 6 Efficienza luminosa (

Sommario Introduzione... 2 Misurazione della luce... 2 Intensità luminosa (I)... 4 Flusso luminoso ( )... 6 Efficienza luminosa ( FOTOMETRIA Sommario Introduzione... 2 Misurazione della luce... 2 Intensità luminosa (I)... 4 Flusso luminoso ( )... 6 Efficienza luminosa ( )... 8 Illuminamento (J)... 10 Luminanza (L)... 12 Esposizione

Dettagli

IL COLORE NELLE IMMAGINI DIGITALI

IL COLORE NELLE IMMAGINI DIGITALI Università degli Studi di Trieste Corso di Elaborazione Elettronica di Immagini 1 IL COLORE NELLE IMMAGINI DIGITALI 31 Ottobre 2007 Sommario 1 Cenni sul funzionamento dell occhio 2 Proprietà delle sorgenti

Dettagli

Corso di Visione Artificiale. Percezione e Colore. Samuel Rota Bulò

Corso di Visione Artificiale. Percezione e Colore. Samuel Rota Bulò Corso di Visione Artificiale Percezione e Colore Samuel Rota Bulò Percezione del colore La percezione del colore è dovuta all'interazione tra la luce emessa da una sorgente, gli oggetti incontrati nel

Dettagli

NOZIONI DI ILLUMINOTECNICA

NOZIONI DI ILLUMINOTECNICA NOZIONI DI ILLUMINOTECNICA GLOSSARIO DEI TERMINI (Carlo Rossi CNIL - UAI) Radiazione visibile La radiazione visibile dall'uomo è compresa in media fra le lunghezze d'onda 400 e 760 nm (un nanometro è pari

Dettagli

Toshiba Lampade a LED. Gamma di prodotti 11/2014

Toshiba Lampade a LED. Gamma di prodotti 11/2014 Toshiba Lampade a LED Gamma di prodotti 11/2014 2 3 Chi altri se non Toshiba? Lampadine Perché tutti scelgono E-RE LED Lighting? Lo scorso anno, centinaia di migliaia di professionisti e clienti provenienti

Dettagli

INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO

INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO 1 INQUINAMENTO LUMINOSO: DEFINIZIONI E CAUSE PERCHÉ VEDIAMO QUANDO SI ILLUMINA? La luce per illuminare deve seguire un percorso analogo a quello indicato dalla

Dettagli

CHE COS È IL COLORE? Colore - X 10 Y 8 Z 35

CHE COS È IL COLORE? Colore - X 10 Y 8 Z 35 CHE COS È IL COLORE? Il colore nasce dalla luce. La luce che colpisce un oggetto viene parzialmente assorbita a seconda del colore. La parte non assorbita viene riflessa e trasmessa ai recettori cromatici

Dettagli

Sorgente di luce e illuminanti

Sorgente di luce e illuminanti C&A Application Note No.1 Sorgente di luce e illuminanti La differenza tra "sorgente di luce" e "illuminante" è fonte spesso di molta confusione. Anche se il termine è chiaro, c'è una profonda incertezza

Dettagli

La nuova frontiera del risparmio energetico

La nuova frontiera del risparmio energetico GE Lighting La nuova frontiera del risparmio energetico Soluzioni a LED di GE per il retrofit GE-02 Retrofit-Brochure-A4-IT-0211.indd 1 2011.02.11. 19:45 Lampade retrofit di GE GE Lighting offre un ampia

Dettagli

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate allegato 3 - protezione personale degli occhi Allegato 3 (*) Si riportano di seguito le appendici delle norme UNI EN 169 (1993), UNI EN 170 (1993) e UNI EN 171 (1993) Protezione personale degli occhi (*)

Dettagli

Fondamenti di Illuminotecnica

Fondamenti di Illuminotecnica Fondamenti di Illuminotecnica I II GLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE IN LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE 1. LA LUCE................................................................................. IV Pag.

Dettagli

Genova 15 01 14 TIPOLOGIE DI LAMPADE

Genova 15 01 14 TIPOLOGIE DI LAMPADE Genova 15 01 14 TIPOLOGIE DI LAMPADE Le lampade a vapori di mercurio sono sicuramente le sorgenti di radiazione UV più utilizzate nella disinfezione delle acque destinate al consumo umano in quanto offrono

Dettagli

Art. 7 (Progettazione, realizzazione e conduzione degli impianti di illuminazione)

Art. 7 (Progettazione, realizzazione e conduzione degli impianti di illuminazione) Regolamento regionale per la riduzione e prevenzione dell inquinamento luminoso Art. 1 (Oggetto ed ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento, in attuazione di quanto previsto dagli articoli 3

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli

Mattioli Susanna matr. 231923 Salati Roberto Nicolas matr. 231828 Lezione del 07/05/2014 ora 09:30-12:30 IL MOTO ESTERNO

Mattioli Susanna matr. 231923 Salati Roberto Nicolas matr. 231828 Lezione del 07/05/2014 ora 09:30-12:30 IL MOTO ESTERNO Mattioli Susanna matr. 3193 Salati Roberto Nicolas matr. 3188 Lezione del 07/05/014 ora 09:30-1:30 IL MOTO ESTERNO Per moto esterno si intende quella parte della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi

Dettagli

Progetto illuminotecnico

Progetto illuminotecnico Progetto illuminotecnico Il progetto dell impianto di illuminazione ha lo scopo di determinare: il numero, i tipi e le posizioni degli apparecchi da installare in un ambiente tenendo conto delle caratteristiche

Dettagli

LAMPADE LED PER L'ILLUMINAZIONE PUBBLICA

LAMPADE LED PER L'ILLUMINAZIONE PUBBLICA LAMPADE LED PER L'ILLUMINAZIONE PUBBLICA Ing. Vincenzo Gabriele Stea [In breve la tecnologia di illuminazione a LED sostituirà completamente l attuale tecnologia che utilizza lampade a scarica nei gas,

Dettagli

Tema: Albedo. Foglio delle informazioni di base

Tema: Albedo. Foglio delle informazioni di base Albedo Foglio delle informazioni di base Quando la radiazione solare raggiunge la Terra, parte dell energia è assorbita dalla sua superficie, mentre la restante parte è riflessa e ritorna indietro nell

Dettagli

RADIAZIONE SOLARE. Università di Bologna

RADIAZIONE SOLARE. Università di Bologna RADIAZIONE SOLARE DiSTA Università di Bologna IMPORTANZA DELLA RADIAZIONE E' fonte del 99.9% dell energia disponibile sulla terra Le principali fonti energetiche controllate dall'uomo sono state generate

Dettagli

Proposta di sequenza di test visivi per rilascio o rinnovo della Patente di Guida. Nicola Pescosolido Alessandro Farini Giuseppe Migliori

Proposta di sequenza di test visivi per rilascio o rinnovo della Patente di Guida. Nicola Pescosolido Alessandro Farini Giuseppe Migliori Proposta di sequenza di test visivi per rilascio o rinnovo della Patente di Guida Nicola Pescosolido Alessandro Farini Giuseppe Migliori Test proposti Acuità visiva monoculare (fotopica) Sensibilità al

Dettagli

ILLUMINAZIONE A LED green makes bright future

ILLUMINAZIONE A LED green makes bright future ILLUMINAZIONE A LED green makes bright future 1 L illuminazione a led sfrutta la capacità di alcuni diodi (i led) in grado di emettere luce al passaggio della corrente elettrica. I led si accendono immediatamente

Dettagli

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo - Pavia Principali applicazioni

Dettagli

1. Premessa Le caratteristiche di un impianto d'illuminazione dipendono dal tipo di attività che si svolge nell ambiente. Tenuto conto che l impianto

1. Premessa Le caratteristiche di un impianto d'illuminazione dipendono dal tipo di attività che si svolge nell ambiente. Tenuto conto che l impianto 1. Premessa Le caratteristiche di un impianto d'illuminazione dipendono dal tipo di attività che si svolge nell ambiente. Tenuto conto che l impianto esistente nei locali non è sufficiente, in numero e

Dettagli

IL MICROCLIMA DEL MUSEO E IL MONITORAGGIO DELL AMBIENTE

IL MICROCLIMA DEL MUSEO E IL MONITORAGGIO DELL AMBIENTE IL MICROCLIMA DEL MUSEO E IL MONITORAGGIO DELL AMBIENTE A cura di: Paolo Mandrioli Paola De Nuntiis Chiara Guaraldi ISAC, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Bologna La conservazione preventiva nei musei:

Dettagli

Strumentazione spettrometrica per la misura delle caratteristiche di assorbimento, riflessione e trasmissione di vari materiali

Strumentazione spettrometrica per la misura delle caratteristiche di assorbimento, riflessione e trasmissione di vari materiali Strumentazione spettrometrica per la misura delle caratteristiche di assorbimento, riflessione e trasmissione di vari materiali G. Chiani, L. Mercatelli, P. Sansoni, D. Fontani, D. Jafrancesco, M. De Lucia

Dettagli

Scegliere le lampadine

Scegliere le lampadine Scegliere le lampadine [http://www.premiumlight.eu/] Verificare l'utilizzo e il luogo di installazione della lampadina Passo I - Verifica il tipo di lampadina più adatto al locale e all'utilizzo: La figura

Dettagli

Mauro Boscarol. 2 : Colorimetria

Mauro Boscarol. 2 : Colorimetria Mauro Boscarol 2 : Colorimetria 18102007 Indice 2 Introduzione 3 Grandezze radiometriche 3 Flusso radiante 3 Intensità radiante 3 Emettenza radiante 3 Irradianza 4 Radianza 5 Grandezze fotometriche 5 Curva

Dettagli

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali DLgs 81/2008 titolo VIII, capo V Indicazioni operative ISPESL www.ispesl.it Michele Saba Dipartimento di Fisica Università di Cagliari

Dettagli

Cos è la Resa Cromatica?

Cos è la Resa Cromatica? Cos è la Resa Cromatica? I colori dipendono dall azione della Luce La proprietà di una sorgente di luce di influenzare l apparenza di un oggeto, in termini di colore è chiamata Resa Cromatica (CRI) Resa

Dettagli

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali. Rischio laser in ambito medicale

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali. Rischio laser in ambito medicale Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali Rischio laser in ambito medicale DLgs 81/2008 titolo VIII, capo V Indicazioni operative ISPESL www.ispesl.it Michele Saba Dipartimento

Dettagli

La diffrazione. Lezioni d'autore

La diffrazione. Lezioni d'autore La diffrazione Lezioni d'autore Figure di diffrazione VIDEO Il potere risolutivo di un sistema ottico (I) Un esperienza classica sulle capacità di una persona di distinguere due oggetti vicini si realizza

Dettagli

LIGHTING INNOVATION 2012

LIGHTING INNOVATION 2012 LIGHTING INNOVATION 2012 2 Luglio2012 Ing. Fulvio Musante Ing. Danilo Paleari Dott.sa Daria Casciani Prof. Maurizio Rossi Lighting Innovation 2012 1 La generazione di luce bianca Generazione di luce bianca

Dettagli

Elaborazione digitale delle immagini

Elaborazione digitale delle immagini Elaborazione digitale delle immagini Dal Dizionario: rappresentazione, imitazione di un oggetto o di una cosa; descrizione grafica o visiva di oggetti o cose; qualcosa introdotto o rappresentare qualcos

Dettagli