FERTILITÀ. 1 Sulle cause delle infertilità, sterilità e non fecondabilità si v. G. Pescetto, L. De Cecco, D. Pecorari, Ragni N.,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FERTILITÀ. 1 Sulle cause delle infertilità, sterilità e non fecondabilità si v. G. Pescetto, L. De Cecco, D. Pecorari, Ragni N.,"

Transcript

1 FERTILITÀ 1. Premessa 2. Capacità coëundi e generandi: rilevanza giuridica indiretta nella disciplina della validità del matrimonio ed in quella delle azioni per l attribuzione dello status filiationis. 3. Tutela della salute umana quale criterio di liceità degli interventi sulla capacità sessuale. Rilevanza giuridica diretta: liceità e limiti degli atti di disposizione del corpo incidenti sulla capacità procreativa. 4. La situazione negli altri ordinamenti 1. La rilevanza giuridica della fertilità umana è testimoniata dalla pluralità di riscontri normativi che toccano molteplici istituti (famiglia, filiazione ecc.). Il fenomeno già ricco di implicazioni giuridiche, oggi è reso più complesso dal progredire della scienza e della tecnica che hanno reso possibili interventi sulla fertilità umana prima inimmaginabili. E utile osservare che il codice civile e la legislazione vigente in molte disposizioni danno rilievo alla capacità sessuale e procreativa assimilandone la disciplina e, non distinguendo nelle ipotesi di c.dd. difetti sessuali tra impotenza coëundi e generandi. Pertanto, si rende necessario trattare le fattispecie nelle quali ha rilievo la capacità o potenza sessuale. L esame del significato dei termini fertilità e potenza sessuale, nonché la dicotomia coëundi-generandi è preliminare alla individuazione del fenomeno ed alla sua rilevanza giuridica. In medicina si distingue il concetto di fertilità da quello di potenza sessuale e di fecondità 1. Fertile è il soggetto sessualmente maturo e con gameti, le cellule germinali (spermatozoi e ovociti) normali. Fecondo è il soggetto fertile capace di riprodursi. La fecondabilità è una condizione che può essere negata, anche naturalmente, ad un soggetto fertile 2. La persona incapace di compiere gli atti idonei alla procreazione o di giungere alla generazione presenta il problema fisiopatologico, che si definisce impotenza sessuale, distinta nelle due forme coëundi e generandi. La potenza sessuale riguarda, così, non solo la reciproca capacità unitiva (coitale) dell uomo e della donna, ma coinvolge la capacità generativa del singolo e/o della coppia dal punto di vista della fertilità e della fecondabilità. L impotenza di generare derivante dalla sterilità, dall infertilità e dalla non fecondabilità è una forma ben distinta e differenziabile dall impotenza coëundi intesa quest ultima come impossibilità o difficoltà estrema all atto sessuale. Nel diritto civile, le definizioni di fertilità sono desumibili a contrario dall allegato al decreto del Ministero della Salute del 21 luglio 2004 concernente le linee guida in materia di procreazione medicalmente assistita 3. L allegato individua i concetti di infertilità e di sterilità che, ai fini del ricorso alle tecniche di p.m.a., sono usati come sinonimi. Nell allegato è chiarita la distinzione, almeno nella donna, tra sterilità come incapacità di generare e infertilità, quale incapacità di condurre la gravidanza fino all epoca di vitalità fetale. Nell uomo i due termini sono utilizzati come sinonimi, essendo estraneo il concetto di aborto alla patologia della riproduzione maschile. Nell accezione relazionale, una coppia è considerata infertile quando non è in grado di concepire e di procreare un bambino dopo un anno o più di rapporti sessuali non protetti, mentre è sterile la coppia nella quale uno o entrambi i coniugi sono affetti da una condizione fisica permanente che non rende possibile la procreazione. Ai fini del ricorso alle 1 Sulle cause delle infertilità, sterilità e non fecondabilità si v. G. Pescetto, L. De Cecco, D. Pecorari, Ragni N., Ginecologia ed ostetricia, Roma, Società Editrice Universo, Dal punto di vista biologico e clinico si distingue l impotenza coëundi da quella generandi al fine di individuare una eventuale correzione terapeutica del singolo e/o della coppia. Le cause che determinano l impotenza generandi sono la sterilità, l infertilità e la fecondabilità che possono essere assolute o relative, di coppia o del singolo componente la coppia. Il limite fisiopatologico tra impotenza a generare per sterilità, per infertilità e per non fecondabilità, assolute o relative non è sempre chiaro, così come, non è sempre possibile accertare la causa dell impotenza generandi. 3 L art. 7 della legge 19 febbraio 2004, n. 40, Norme in materia di procreazione medicalmente assistita, prevede la definizione da parte del Ministro della Salute di linee guida contenenti l indicazione delle procedure e delle tecniche di procreazione medicalmente assistita. Il Decreto 21 luglio 2004 ed il relativo l Allegato sono stati emanati al fine di dare attuazione alla suddetta legge. Nelle dette linee guida vi è la indicazione delle cause di sterilità ed infertilità, cause che consentono il ricorso alle tecniche di p.m.a. (art 4. l. 40/2004).

2 tecniche di p.m.a. il fenomeno è valutato nella dimensione di coppia ed è definito quale capacità di concepimento, dopo 12/24 mesi di rapporti non protetti. Siffatta definizione permette di operare una distinzione tra capacità coëundi quale capacità di compiere la copula e fertilità, considerando quest ultima il presupposto fondamentale per la capacità generandi. 2. L attenzione del legislatore e stata rivolta, in un primo momento, all attitudine dell individuo a compiere l attività sessuale ed a procreare non tanto quale svolgimento della personalità umana, ma in funzione della salvaguardia di interessi ulteriori. La potenza sessuale rileva per la validità del matrimonio, per garantire la certezza della filiazione o come ratio di alcune disposizioni (v. art. 89 c.c.). Le disposizioni codicistiche mettono in luce la rilevanza giuridica indiretta della capacità sessuale. Così l art. 122, co. 2, c.c. sancisce l invalidità del matrimonio se il consenso del coniuge è viziato dall errore su di una qualità essenziale dell altro coniuge. La disciplina prevede delle situazioni definite psicosomatiche che inglobano l impotenza sia coëundi che generandi, il transessualismo e gli altri difetti del genere «tali da impedire lo svolgimento della vita coniugale» (art. 122, co.3, n. 1). L impotenza, anche solo generandi, se ignorata dal coniuge all epoca del matrimonio e determinante il consenso, è un ipotesi di errore sulla qualità della persona. Con la riforma del diritto di famiglia (l. 19 maggio 1975 n. 151), l impotenza, da ostacolo obiettivo alla valida celebrazione del matrimonio, è stata «declassata» a vizio del consenso nella misura nella quale si traduce in ignoranza su una qualità essenziale dell altro coniuge 4. Nel Codice di diritto canonico l ipotesi di impotentia coëundi costituisce impedimento dirimente e rende nullo il matrimonio (art c. can), là dove «la sterilità né proibisce né dirime il matrimonio» (art c.can.) 5. Il diverso regime dell impotenza pone questioni relative al coordinamento delle patologie del matrimonio concordatario sottoposte al vaglio della giurisdizione dei Tribunali ecclesiastici e della giurisdizione del giudice statale 6. L art. 89 c.c. fa espresso riferimento all impotenza per l esclusione del divieto temporaneo di nuove nozze imposto alla donna. La ratio del divieto consistente nell impedire la 4 L impotenza con particolari specificazioni (perpetua, assoluta o relativa, e anteriore al matrimonio) era considerata causa di nullità del matrimonio ex art. 123 c.c. ante riforma del diritto di famiglia. Il testo abrogato dell art. 123 c.c. alludeva all impotenza coëundi. L attuale art. 122 c.c. copre tutte le ipotesi morbose del rapporto sessuale alcune delle quali non erano considerate idonee ad invalidare il matrimonio. Sul punto, F. Finocchiaro, Matrimonio civile. Formazione, validità, divorzio, Milano, Giuffrè, 1997, p. 80 e ss. I limiti della previsione novellata sono stati rinvenuti nell esperibilità dell impugnativa nell anno di coabitazione dalla scoperta dell errore e nella mancata specificazione che il matrimonio contratto in presenza di impotenza coëundi perpetua, non produce lo status legitimitatis per i nati in costanza di matrimonio. Trascorso detto termine annuale, l impotenza può costituire il fondamento della domanda di divorzio per mancata consumazione del matrimonio (art. 3, n. 2 lett. f) l. 1 dicembre 1970 n. 898). Sul punto, F. Uccella, Matrimonio civile (voce), Enc. giur., XIX, Roma, 2003, 43 e ss. 5 Sul complesso tema dell impotenza umana dal punto di vista medico e della sua rilevanza nel Codex Iuris Canonici, R. Picardi, L impotenza generandi e coeundi nell uomo e nella donna: Humano modo e verum semen, in Medicina e morale, 2004, p A seguito dell accordo di modificazione dei rapporti tra lo Stato italiano e la Santa Sede recepito con la l. 25 marzo 1985 n. 121, si discute se sia venuta meno la riserva di giurisdizione ecclesiastica sulle controversie in materia di nullità del matrimonio concordatario. La Corte costituzionale si è espressa positivamente sulla competenza esclusiva dei tribunali ecclesiastici là dove il giudice dello Stato ha la giurisdizione in ordine al procedimento di delibazione. Diversamente, la Corte di cassazione ha sostenuto il venir meno di detta riserva, per tali controversie coesistono tanto la giurisdizione ecclesiastica tanto quello dello Stato, secondo il criterio della prevenzione. Pertanto, il giudice laico preventivamente adito accerterà la nullità del vincolo concordatario in base agli artt. 122 c.c.; là dove il giudice ecclesiastico farà applicazione degli artt e 1084 c. can. che sanciscono la nullità del matrimonio per incapacità di procreare. Tuttavia, in sede di delibazione della sentenza del tribunale ecclesiastico, il giudice laico ai sensi dell art. 8 della l. 121/1985 dovrà accertare la compatibilità con l ordine pubblico italiano della pronuncia ecclesiastica di nullità del matrimonio per la incapacità di procreare. L art.8 dell Accordo indica gli accertamenti che la Corte di Appello competente deve compiere per dare efficacia civile alle sentenze di nullità pronunciate dai tribunali ecclesiastici. Il terzo accertamento contemplato nella lett. c) dell art. 8 riguarda le «altre condizioni richieste dalla legislazione italiana per la dichiarazione di efficacia delle sentenze straniere». Per una sintesi dei problemi suindicati si v., P. Perlingieri, L. Rossi Carleo, Nozione di matrimonio e sistema matrimoniale italiano, in ID., Manuale di diritto civile, Napoli, ESI, 2005, p. 813 e ss.

3 commixtio sanguinis, non sussiste nella ipotesi di matrimonio invalidato per impotenza «anche soltanto a generale, di uno dei coniugi» ovvero, nei casi nei quali lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio sono stati pronunciati per non consumazione del matrimonio. La capacità coëundi ac generandi e l esercizio delle dette potenzialità biologiche dell uomo e della donna assumono rilevanza nelle azioni per l accertamento dello status filiationis. Il principio di responsabilità per il fatto della procreazione sancito nell art. 30 co.1 cost. pone l esigenza di creare una corrispondenza tra verità naturale e certezza legale dello status filiationis (c.d. favor veritatis). La fertilità e l atto procreativo sono criteri giustificativi per l identificazione dei genitori, là dove non è sancito il divieto di riconoscimento in contrasto con lo stato di figlio legittimo (art. 253 c.c.) ed il riconoscimento dei figli incestuosi. La riforma del diritto di famiglia ha valorizzato il criterio della derivazione biologica per l attribuzione dello status filiationis ampliando le ipotesi nelle quali è possibile accertare la verità biologica (artt. 235, 263, 269 c.c.). L art. 235, n. 2, c.c., prevede l esperibilità dell azione di disconoscimento della paternità, se nel periodo compreso tra il trecentesimo ed il centottantesimo giorno prima della nascita del figlio, il marito era affetto da impotenza coëundi o generandi. L art. 244 c.c. disponeva la decorrenza del termine (annuale per il marito e semestrale per la moglie) per la proposizione dell azione da parte dei coniugi dalla nascita del figlio. Detto articolo è stato più volte sottoposto a scrutinio di legittimità costituzionale 7. La Corte costituzionale, con la sentenza n. 170 del 14 maggio , ha dichiarato l illegittimità costituzionale dell art. 244 c.c. in violazione degli artt. 3 e 24 cost. operando una distinzione tra impotentia coëundi e generandi. In relazione all impotentia coëundi immediatamente conoscibile, la Corte ritiene «razionale la scelta del legislatore di imporre il termine di un anno dalla nascita del figlio per la proposizione dell azione». Diversamente, l impotenza di generare rappresenta uno stato fisico che può essere per lungo tempo ignoto, poiché «in una elevata percentuale di casi consiste in un affezione, che può essere priva di sintomatologia e di manifestazioni esteriori diagnosticabile solo attraverso esami clinici». La decorrenza del termine dall evento della nascita nell ipotesi di impotenza generandi può in concreto vanificare l azione nell ipotesi di incolpevole ignoranza del fatto costitutivo dell azione, contrastando, in tal modo, con l art. 24 cost. La decisione della Corte, sembra così operare una distinzione non soltanto tra impotenza coëundi e generandi, ma all interno di quest ultima forma di incapacità definita «affezione», tra quella immediatamente conoscibile e le altre ipotesi il cui accertamento richiede esami clinici specifici. La Corte ha dichiarato l illegittimità costituzionale dell art. 244, co.1 e 2, c.c., riconoscendo ad entrambi i coniugi la decorrenza del termine per l esercizio dell azione dal giorno della loro venuta a conoscenza della impotenza generandi del marito. Con la riforma del diritto di famiglia, la funzione procreativa acquista rilevanza anche al di fuori della famiglia legittima in ragione dell ampliamento delle ipotesi di accertamento della verità biologica 9 che presuppongono non soltanto l atto riproduttivo, ma la capacità generandi. Il fatto materiale della procreazione è, così, posto alla base delle azioni di stato di filiazione anche al di 7 Anteriormente alla riforma del diritto di famiglia (l. 19 maggio 1975 n. 151), la Corte Costituzionale dichiarò l infondatezza della questione di legittimità costituzionale dell art. 244 c.c. sollevata perché non consentiva di esercitare l azione, qualora il padre fosse venuto a conoscenza del proprio stato di impotenza di generare, in epoca successiva al decorso del termine, allora trimestrale, decorrente dalla nascita del figlio. La Corte affermò che il termine trimestrale e la decorrenza da un fatto certo ed obiettivo (la nascita), rispondeva all esigenza di certezza giuridica dei rapporti familiari nei quali assumeva rilevanza fondamentale il favor legitimitatis. 8 In Il dir. fam. e pers., 1999, p Si pensi al recente intervento della Corte Costituzionale (sentenza del 28 novembre 2002 n. 494, in Giur. legittimità, 2003, I, p. 879 e ss.) con il quale è stata dichiarata l incostituzionalità dell art. 278, co.1, c.c. nella parte nella quale esclude l esperibilità dell azione per la dichiarazione giudiziale di paternità e di maternità naturale per i figli incestuosi irriconoscibili ex art. 251 c.c. Pertanto, pur rimanendo il divieto di riconoscimento da parte dei genitori, anche i figli incestuosi ex art. 269 c.c., possono esperire l azione per l accertamento giudiziale della paternità o della maternità.

4 fuori del contesto familiare, in relazione alle azioni per l accertamento o il disconoscimento della paternità e della maternità naturale Le due forme di potenza sessuale assumono oggi una rilevanza diretta nel senso che costituiscono un «bene» della persona sottratto ad interventi autoritativi che ne impongono la destinazione funzionale per scopi estranei agli interessi dei titolari 11. Senza discutere sulla fondatezza dell automizzazione dei diritti della personalità e, quindi, sulla configurabilità della fertilità quale «bene» in senso giuridico, indici normativi consentono di poter sostenere che l intervento sulla persona che incide sulla capacità coëundi e generandi è legittimo se rispondente all interesse della persona, risultato della valutazione delle sue condizioni di salute anche psichica. La così delineata valenza «individuale» della funzione riproduttiva è la risultante di modifiche legislative di grande portata. L attenzione in positivo accordata alla fertilità quale prerogativa della persona è la conseguenza della crisi dei principi posti a base della istituzione familiare. L affermarsi di una pluralità di modelli familiari (legittima, monoparentale, convivenza etero ed omosessuale) ed il superamento della concezione di famiglia quale ente da tutelare in sé, anche al di sopra dei membri che la compongono, hanno inciso sul diritto delle persone. A partire dall introduzione della legge istitutiva dei consultori familiari (l. 29 luglio 1975, n. 405) e di quella contenente norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (l. 22 maggio 1978 n. 194) che si afferma l orientamento per il quale la libertà sessuale, ed in particolare la scelta di generare, costituisce una prerogativa della persona umana che il diritto non può né imporre, né vietare. E nell art. 1 di detta legge che è riconosciuto il diritto alla «procreazione cosciente e responsabile». L inquadramento della fertilità, e del fenomeno più ampio della capacità sessuale, nella tutela che attiene al pieno sviluppo della persona umana presenta, quindi, la sua stretta connessione con il diritto alla salute inteso quale benessere psico-fisico e socio relazionale dell uomo. L attuale legislazione ed i valori che la sottendono, permettono di individuare gli interventi ed i trattamenti medici sulla fertilità umana, e sulla capacità sessuale ritenuti leciti. La capacità sessuale rientra in un accezione ampia di salute della persona la cura della quale consente il ricorso ad interventi terapeutici per rimuovere le cause che incidono su di essa menomandola o eliminandola. In questo ambito si colloca la legislazione che consente l interruzione della gravidanza, la correzione del transessualismo, la contraccezione, la sterilizzazione ed il ricorso alle tecniche di p.m.a. ed agli altri metodi per la cura della sterilità ed infertilità con il divieto di trapianto di gonadi e quello della clonazione umana 12. La legge sulla interruzione della gravidanza vieta il c.d. aborto volontario 13 riconoscendo liceità a quello terapeutico finalizzato alla tutela della salute della gestante (art. 4 l. 194/78). La possibilità di interrompere il processo procreativo non è, quindi, espressione di un riconoscimento giuridico della volontà negativa di procreare. La libertà della donna sull uso della propria capacità generativa è negata dopo il concepimento dalla necessità di tutelare la vita nascente. Il riconoscimento di un «diritto alla procreazione cosciente e responsabile», sia pur in un contesto inteso a garantire l aborto, permette di riconoscere la libertà di procreare e di sottolinearne i limiti e le caratteristiche 14. Limiti al diritto 10 Sul punto si rinvia alla voce Origini (diritto a conoscere le). 11 E noto il dibattito sulla sterilizzazione volontaria e sulla disponibilità del «bene» fertilità. Sul punto si v., G. Gemma, Ancora su sterilizzazione e diritti costituzionali, in Diritto e società, 2002, pp. 313 e ss. L A. sostiene la tesi del fondamento costituzionale della c.d. sterilizzazione volontaria. Contra P. D Addino Serravalle, Atti di disposizione del corpo e tutela della persona umana, Napoli, ESI, 1983, p. 40 e ss. 12 Il divieto di clonazione ai fini procreativi è sancito dall art. 13 della legge n. 40 del 19 febbraio Sulla clonazione si v. S. STAMMATI, Costituzione, clonazione umana, identità genetica, in Giur. cost., 1999, pp e ss. 13 La Corte Costituzionale, dopo la storica sentenza del 18 febbraio 1975 n. 27, in Foro it., 1975, I, c. 515 e ss., è ritornata sulla questione, con la sentenza del 10 febbraio 1997, n. 35, in Giur. cost., 1997, I, p, 283 ss., dichiarando inammissibile il referendum abrogativo di alcuni articoli della l. 194 del 1978, abrogazione volta a consentire l aborto c.d. volontario. 14 F. Santosuosso, Fecondazione artificiale umana (voce), in Enc. Giur., XIV, Roma, 2003, par.1.4

5 di incidere sulla propria fertilità si rinvengono, altresì, nella l. 14 aprile 1982 n. 164 che disciplina le ipotesi nelle quali è consentito la rettificazione di attribuzione del sesso. Il mutamento del sesso non è espressione di una scelta libera ed arbitraria della persona interessata, ma è la conseguenza di terapie ed interventi chirurgici per garantire l esercizio del diritto all identità sessuale 15. Siffatto intervento, che incide tanto sulla capacità generandi tanto su quella coëundi, è lecito nella misura nella quale consente di tutelare la salute anche psichica del transessuale. Il fondamento del diritto all identità sessuale, e, quindi, la liceità degli interventi che incidono sulla integrità fisica e sulla fertilità, sono dettate a tutela della persona umana e della sua salute. L intervento, sebbene incide sulla integrità fisica (art. 5 c.c.) è legittimo perché rispondente all oggettivo interesse della persona. L art. 3 della legge assegna all atto chirurgico natura terapeutica e richiede il previo intervento autorizzativo dell autorità giurisdizionale. L autorizzazione è concessa «quando risulta necessario» e, quindi, costituisce il risultato delle valutazioni obiettive delle condizioni dell interessato. Anche in questa ipotesi, la liceità dell alterazione del proprio corpo lungi dall essere espressione di una libera scelta del richiedente, è lecito perché necessario per lo svolgimento della personalità dell individuo nella sfera sessuale. Maggiori problemi pone la qualificazione della sterilizzazione volontaria non terapeutica. In assenza di uno specifico intervento legislativo si discute della liceità degli interventi volti a privare di funzionalità generandi gli organi riproduttivi. L ipotesi contempla la sterilizzazione realizzata su richiesta dell interessato, non determinata dalla obiettiva necessità di cura di malattie. Detto atto chirurgico, in alcuni casi, può determinare una «diminuzione permanente dell integrità fisica» con la conseguente sottrazione dall ambito di disponibilità del soggetto (art. 5 c.c.). Modifiche normative hanno riaperto il dibattito sulla questione in una direzione diametralmente opposta a quella suindicata. Di qui i tentativi di delineare la liceità della sterilizzazione c.d. volontaria 16. L art. 22, co. 1, della legge sulla interruzione della gravidanza, ha abrogato espressamente l intero titolo X del libro II del codice penale e, quindi, anche l art. 552 che prevedeva il delitto «di procurata impotenza alla procreazione». Il delitto consisteva nel fatto di compiere «su persona dell uno o dell altro sesso, col consenso di questa, atti diretti a renderla impotente alla procreazione». La responsabilità penale si estendeva alla persona che aveva «consentito al compimento di tali atti sulla propria persona». La previsione del delitto a consumazione anticipata metteva in luce l importanza riconosciuta al bene della potenza coëundi ac generandi. La fertilità, pur essendo un bene della persona, assumeva una rilevanza pubblicistica insensibile alla volontà del titolare, risultando quest ultimo responsabile per aver consentito al compimento degli atti. La sterilizzazione c.d. volontaria era un illecito penale con la conseguenza che essa era sottratta all àmbito di disponibilità del soggetto titolare. L abrogazione dell art. 552 c.p. ha originato due opzioni ermeneutiche sulla sterilizzazione c.d. volontaria. La prima secondo la quale l abrogazione dell art. 552 c.p. ha determinato l applicazione dell art. 583, co. 2 n. 3, c.p. configurandosi la sterilizzazione un ipotesi di lesioni gravissime, con la esclusione della punibilità del consenziente. La seconda proposta interpretativa, accolta dalla giurisprudenza, ribalta la qualificazione giuridico-penale della condotta da procurata impotenza alla procreazione da illecita a lecita. L inquadramento della capacità di procreare nella tutela che attiene allo sviluppo della personalità umana fa si che il soggetto possa ricorrere ai mezzi di «cura» per l infertilità. Il trattamento medico-farmaceutico è un diritto lasciato alla sua libera scelta con il limite rappresentato dal divieto del prelievo e del trapianto delle gonadi 17 e dal ricorso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita vietate dalla legge 19 febbraio 2004 n. 40. La ratio del divieto del trapianto di ghiandole genitali è rinvenuta nel carattere personale ed inalienabile della riproduzione e del patrimonio genetico Sul diritto all identità sessuale, Cort. Cost., 6 maggio 1985, n. 161, in Giur. it., 1985, pp e ss. 16 Sulla classificazione delle ipotesi di sterilizzazione si rinvia alla voce fertilità. 17 Il divieto è contemplato dall art. 3, co. 3, l. 1 aprile 1999 n Per una sintesi dei criteri per la valutazione della legittimità dei rimedi per garantire un «diritto alla procreazione», F. Santosuosso, op. cit.

6 La p.m.a. di tipo omologo si giustifica quale rimedio eccezionale e residuale cui la coppia maggiorenne, eterossesuale, coniugata o convivente, in età potenzialmente fertile ed entrambi viventi può ricorrere in caso di impossibilità (infertilità o sterilità) di procreare naturalmente. Tale scopo limita il ricorso alle tecniche di riproduzione assistita ed attribuisce ad esse una finalità terapeutica come rimedio alla infertilità della coppia (intesa come malattia). In questa ipotesi l uso delle metodiche realizza il diritto alla salute e, quindi, rientra nell assistenza sanitaria nazionale. Il ricorso alle tecniche costituisce un eccezione, rispetto alla prevalenza dei processi naturali, e richiede di volta in volta una giustificazione (artt. 1, co.1 e 2; 4, co.1). La legge, vietando le tecniche eterologhe ed escludendo i singles, le coppie omosessuali o non conviventi dal diritto di accedere nell ambito della p.m.a. mira a riprodurre le modalità «naturali» di procreazione. L estensione dell area degli interessi suscettibili di tutela aquiliana ha investito anche le relazioni familiari. La lesione della fertilità, e più in generale l alterazione della vita sessuale della vittima di un illecito, è un danno ingiusto risarcibile quale danno alla salute. La questione ulteriore che si e posta in relazione alla lesione della capacità di generare o l alterazione della vita sessuale è quella della configurabilità di un danno ingiusto in capo al partner del soggetto leso. La rilevanza giuridica della dimensione anche relazionale della capacità sessuale è testimoniata dai riscontri normativi esaminati. Di qui la particolare rilevanza del danno da impossibilità di fecondi rapporti sessuali riconosciuto al coniuge della vittima del danno biologico 19. La vita sessuale ha una rilevanza giuridica nell ambito dei diritti della personalità degli individui ed ha un ulteriore rilevanza nel rapporto personale tra coniugi. Il comportamento doloso o colposo del terzo che cagiona ad una persona coniugata l impossibilità di rapporti sessuali configura un danno biologico del diritto per il danneggiato, ed un danno variamente qualificato per il coniuge del danneggiato 20. Gli indici normativi esaminati consentono di ritenere che la capacità di procreare non può considerarsi un diritto della persona del quale si può disporre liberamente anche mediante la scelta del quomodo per il suo esercizio. La capacità generativa si configura come diritto della persona che incontra nelle sue manifestazioni i limiti in altri diritti o valori costituzionalmente rilevanti. Analogamente il principio di indisponibilità dell integrità psico-fisica non consente di giustificare la sterilizzazione o il mutamento del sesso, e, quindi, la disponibilità della fertilità. 4. In altri sistemi giuridici la fertilità e, in un accezione più ampia, la potenza sessuale (sia essa coëundi o generandi) è intesa quale estrinsecazione della personalità umana nella piena disponibilità del titolare. La fertilità assurge a «bene» nella ipotesi nella quale il titolare dimostri verso di essa un «interesse». Di qui la liceità del ricorso alle tecniche di p.m.a. di tipo eterologo per le coppie omosessuali, i singles, la libera scelta sulla ipotesi di mutamento del sesso e sulla interruzione della gravidanza, la liceità del ricorso alla c.d. maternità surrogata. Molteplici sono le motivazioni addotte a sostegno della liceità sugli interventi sulla fertilità. Al fondo di tali concezioni sta l impostazione che vede nella procreazione un «bene individuale» a condizione che l interessato lo consideri tale. Ciò comporta la possibilità garantita, sebbene alle condizioni e secondo le modalità previste nelle normative, di scegliere l an, il quomodo ed il quando procreare. Giovanna Chiappetta Università degli Studi della Calabria, Rende 19 Sul punto si v. Trib. Genova 5 luglio 1993, in Nuova giur. civ. comm., 1995, I, p. 364 e ss., il quale ha qualificato come danno morale la lesione subita dal coniuge del danneggiato, vittima della lesione alla sfera sessuale. 20 Le soluzioni giurisprudenziali sulla qualificazioni del danno sono state ricondotte a tre modelli prevalenti. Il primo modello qualifica il danno come assimilato a quello biologico e risarcibile ex art c.c. il secondo modello è quello del danno al diritto alla serenità familiare. Il terzo è quello del danno morale. Per una sintesi degli orientamenti dottrinali e giurisprudenziali si v. E. Pellecchia, La lesione della sfera sessuale del coniuge, in AA.VV. IL danno esistenziale, P. Cendon, P. Ziviz (a cura di), Milano, 2000, p. 61 e ss.

7 BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE Sulla rilevanza della potenza sessuale a) per la validità del matrimonio M. STASSI, N. ALBANO, L'annullamento del matrimonio per impotenza secondo le disposizioni pregresse e quelle del nuovo C.J.C., in Rivista italiana di medicina legale, 1984, p. 20 A. FIGONE, Sulla nullità del matrimonio per impotenza a generare, nota a Corte d Appello Napoli, 13 aprile 1995, V, in Famiglia e diritto, 1996, I, p. 340 e ss. F. FINOCCHIARO, Matrimonio civile. Formazione, validità, divorzio. Terza edizione, Milano, Giuffrè, 1997, pp. 86 e ss. B. CRISTIANO, Analisi della giurisprudenza rotale in tema di impotenza sessuale: ruolo e limiti della perizia medico-legale, in Rivista italiana di medicina legale, 2000, pp. 955 e ss. Sulle regole di interpretazione per differenziare l'incapacità consensuale al diritto-dovere agli atti coniugali, rispetto ai casi dell'impedimento di impotenza e della non consumazione del matrimonio P.J. VILADRICH, Il consenso matrimoniale, Tecniche di qualificazione e di esegesi delle cause di nullità (cc CIC), Milano, Giuffrè, 2001, pp. 103 e ss. R. PICARDI, L impotenza generandi e coeundi nell uomo e nella donna: humano modo e verum semen, in Medicina e morale, 2004, pp F. H. FRANCESCHI, Riconoscimento e tutela dello «ius connubii» nel sistema matrimoniale canonico, Milano, Giuffrè, In particolare sull impotentia coëundi, si v., pp b) nelle azioni per l accertamento dello status filiationis G. FERRANDO, Il disconoscimento del figlio nato da fecondazione artificiale eterologa, in Il diritto di famiglia e delle persone, 1997, pp R. BARBANERA, Impotenza di procreare e azione di disconoscimento di paternità, in A. FIGONE, Raccolta di pareri forensi. In diritto di famiglia, Milano, Giuffrè, 2002, pp. 169 e ss. A. SCALISI, Lo statuto giuridico dell embrione umano alla luce della legge n. 40 del 2004, in tema di procreazione medicalmente assistita, in Famiglia e diritto, 2005, pp In giurisprudenza Cass. civ., sez. I, 18 febbraio 1986, n. 951, in DVD-Rom, Juris Data Maior, n. 3/2005, Giuffrè Editore Cass. civ., sez. I, 30 marzo 1994, n. 3163, in DVD-Rom, Juris Data Maior, n. 3/2005, Giuffrè Editore. Cass. civ., sez. I, 3 aprile 1995, n. 3898, in DVD-Rom, Juris Data Maior, n. 3/2005, Giuffrè Editore Corte Cost., 26 settembre 1998, n. 347, in Nuova giurisprudenza civile commentata, 1999, 1, pp. 51 e ss, con nota di E. PALMERINI, Il disconoscimento di paternità del minore nato da fecondazione eterologa, da p. 53 e ss. Cass. civ., sez. I, 17 agosto 1998, n. 8087, in DVD-Rom, Juris Data Maior, n. 3/2005, Giuffrè Editore Sui metodi contraccettivi, ed in particolare, sulla c.d. «pillola del giorno dopo» M.L. DI PIETRO, R. MINACORI, Sull abortività della pillola estroprogestinica e di altri contraccettivi, in Medicina e morale, 1996 fasc. 5, pp G. BONI, Il dibattito sull immissione in commercio della c.d. pillola del giorno dopo: annotazioni su alcuni profili giuridici della questione, in particolare sull obiezione di coscienza, in Il Diritto di famiglia e delle persone, 2001 fasc. 2, pp G. CASSANO, Concepimento versus pillola del giorno dopo (TAR-LA sez. II, 12 ottobre 2001, n. 8465), in La Nuova giurisprudenza civile commentata, 2002 fasc. 5, pt. 2, pp G. CASSANO, F. PATRUNO, Contraccezione d emergenza e pillola del giorno dopo. Sui dilemmi di una discutibile decisione, in Giustizia civile, 2002, pt. 1, pp P.,VENTURA-JUNCÀ, Dialogo tra scienza ed etica: superamento di un conflitto. La pillola del giorno dopo ed il dubbio, in Medicina e morale, 2005 fasc. 1, pp

8 Sulla liceità della sterilizzazione e sui problemi connessi T. PADOVANI, Sterilizzazione (voce), in Enciclopedia del diritto, Milano, 1990, pp M. PARADISO, La sterilizzazione umana tra problemi giuridici e presupposti antropologici, in Rivista di diritto civile, 1992, pp A. FIORI, La salute riproduttiva, in Medicina e morale, 1994, pp. 7-9 A. ROMANO, Sterilizzazione umana e diritti del cittadino, in Jus, 1998, pp G. CASSANO, La cicogna beffarda: brevi note in tema di responsabilità del medico per erroneo intervento di sterilizzazione, nota a Cass., 10 settembre 1999 n. 9617, in Il diritto di famiglia e delle persone, 2000, pp F. D AGOSTINO, Introduzione: la sterilizzazione come problema biogiuridico, in Archivio giuridico Filippo Serafini, 2000, pp. 3 e ss. G. CASSANO, Intervento di sterilizzazione, nascite indesiderate e danni incidenti nella sfera esistenziale, in Famiglia e diritto, 2001, pp R. ZEMA, Aspetti giuridici della sterilizzazione volontaria, in Foro ambrosiano, 2001, pp A. DEMORI, Fallimento di intervento di sterilizzazione maschile wrongful birth : profili di responsabilità medica e problemi di liquidazione del danno, commento a Trib. Busto Arsizio, 17 luglio 2001, in Responsabilità civile e previdenza, 2002, pp G. GEMMA, Ancora su sterilizzazione e diritti costituzionali, in Diritto e società, 2002, pp R. SIMONE, Procreazione e danno, in Il diritto di famiglia e delle persone, 2003, p. I, pp E. GIACOBBE, La filiazione da adempimento, nota a Trib. Venezia 10 settembre 2002, in Giustizia civile, 2003, p. I, pp S. CACACE, Ancora a proposito di nascite indesiderate, commento a Trib. Brescia se. I, 13 maggio 2003, in Danno e responsabilità, 2003, pp A. BITETTO, Bambino inatteso paga il medico consapevole della possibilità del suo arrivo!, nota a Trib. Venezia 10 settembre 2002, in Danno e responsabilità, 2003, pp S. BALDASSARI, Sterilità mancata. La nascita indesiderata e la responsabilità del medico, nota a Trib. Venezia 10 settembre 2002, in Giustizia civile, 2003, p. I, pp ; anche in Ragiusan, 2004, pp Sulle problematiche connesse al mutamento del sesso A. MEZZANOTTE, Profili comparatistici fra ordinamento italiano e tedesco sulla condizione giuridica dei transessuali dopo il mutamento di sesso, in Rassegna di diritto civile, 2000, pp L. FAVALI, Le mutilazioni del corpo: tra relativismo e universalismo. Oltre i diritti fondamentali?, in Rivista critica del diritto privato, 2002, pp C. COMINATO, Il diritto della persona di veder riconosciuto dall ordinamento il proprio mutamento di sesso, nota a CGCE 7 gennaio 2004 (causa C-117/01), in Rivista italiana di diritto del lavoro, 2004, II, pp Sulla procreazione medicalmente assistita, anche alla luce della legge 19 febbraio 2004, n. 40 A. GORASSINI, Procreazione (diritto civile) (voce), in Enciclopedia del diritto, XXXVI, Milano, 1987, pp M. CALOGERO, La procreazione artificiale. Una ricognizione dei problemi, Milano, Giuffrè, 1989 P. PERLINGIERI, L inseminazione artificiale tra principi costituzionali e riforme legislative, in G. FERRANDO (a cura di), La procreazione artificiale tra etica e diritto, Padova, Cedam, 1989, pp. 144 e ss. G. FERRANDO (a cura di), La procreazione artificiale tra etica e diritto, Padova, Cedam, 1989

9 G. BALDINI, Diritto di procreare e fecondazione artificiale tra libertà e limiti, in Il diritto di famiglia e delle persone, 1997, pp P. STANZIONE, Procreazione assistita e categorie civilistiche, in AA.VV. Studi in onore di P. Rescigno, Milano, Giuffrè, 1998, pp. 859 e ss. G. FERRANDO, Libertà, responsabilità e procreazione, Padova, Cedam, 1999 Sull impotenza, M. BARNI, Diritti-doveri. Responsabilità del medico. Dalla bioetica al diritto, Milano, Giuffrè, 1999, spec. pp Sulle problematiche legate alla sessualità ed alla riproduzione si v., spec. pp G. CASSANO, La procreazione artificiale: profili di diritto giurisprudenziale, Milano, Giuffrè, 2001 A. M. AZZARO ( a cura di), Procreazione assistita e diritti della persona: problemi attuali del diritto di famiglia, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 2001 L. BAL FILORAMO, La procreazione artificiale: prospettiva giuridica, psico-sociologica e medico-legale. Vissuti di sterilità nella coppia e procreazione assistita, in Il diritto di famiglia e delle persone, 2001, pp. 314 e ss. F. SANTOSUOSSO, Fecondazione artificiale umana (voce), in Enciclopedia giuridica, Treccani, XIV, Roma, 2003 F. CAGGIA, Procreazione assistita, realizzazione esistenziale dei soggetti e funzione del diritto (brevi riflessioni su alcuni problemi di costituzionalità della L. 19 febbraio 2004, n. 40), nota a Trib. Catania, sez. I, 3 maggio 2004 (ord.), in Giurisprudenza italiana, 2004, p E. GIACOBBE, Tre banalità e una verità: brevi osservazioni su una prima applicazione della legge sulla procreazione medicalmente assistita, nota a Trib. Catania, sez. I, 3 maggio 2004 (ord.), in Giustizia civile, 2004, pp M. DOGLIOTTI, Una prima pronuncia sulla procreazione assistita: tutte infondate le questioni di legittimità costituzionale?, nota a Trib. Catania, sez. I, 3 maggio 2004 (ord.), in Famiglia e diritto, 2004, pp G. FERRANDO, Procreazione medicalmente assistita e malattie genetiche: i coniugi possono rifiutare l impianto di embrioni ammalati?, nota a Trib. Catania, sez. I, 3 maggio 2004 (ord.), in Famiglia e diritto, 2004, pp M. MANETTI, Profili di illegittimità costituzionale delle legge sulla procreazione medicalmente assistita, in Politica del diritto, 2004, pp M. DOGLIOTTI, La legge sulla procreazione assistita: problemi vecchi e nuovi, in Famiglia e diritto, 2004, pp Per un'analisi dei principi di fondo della procreazione medicalmente assistita ed una panoramica sulle linee generali della nuova normativa, F. SANTOSUOSSO, La procreazione medicalmente assistita. Commento alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, Milano, Giuffrè, 2004 P. STANZIONE, G. SCIANCALEPORE (a cura di), Procreazione assistita: commento alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, Milano,Giuffrè, 2004 A. CELOTTO, N. ZANON (a cura di), La procreazione medicalmente assistita. Al margine di una legge controversa, Milano, Franco Angeli, 2004 F. D. BUSNELLI, Nascere per contratto?, in Rassegna di diritto civile, 2004, pp V. POCAR, Diritto alla salute, diritto a procreare ed accesso alle tecniche di PMA, in I diritti dell uomo: cronache e battaglie, 2004, pp G. FERRANDO, La nuova legge in materia di procreazione medicalmente assistita: perplessità e critiche, in Il Corriere Giuridico, 2004, pp C. CASINI, M. CASINI, M.L. DI PIETRO, La legge 19 febbraio 2004 n. 40 norme in materia di procreazione medicalmente assistita. Commentario, Torino, Giappichelli, 2004 C. CASINI, M. L. DI PIETRO, M. CASINI, La legge italiana sulla procreazione medicalmente assistita, in Il diritto di famiglia e delle persone, 2004, pp

10 AA. VV., Un'appropriazione indebita. L'uso del corpo della donna nella nuova legge sulla procreazione medicalmente assistita di C. Luppoli Dalai, Milano, Baldini Castoldi Dalai Editore, 2004 P. GIUSTINIANI, Sulla procreazione assistita, Collana Bioetica e valori, n. 23, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 2005 G. MICARI, La giurisprudenza, valorizzando l argomento storico, si pronuncia (benevolmente) per la prima volta sulla l. 40 del 2004: dura lex sed lex e le perdute occasioni di riaffermare i principi costituzionali (summum jus, summa iniuria), nota a Trib. Catania, sez. I, 3 maggio 2004 (ord.), in Giurisprudenza di merito, 2005, pp A. E. CAMASSA, C. CASONATO (a cura di), La procreazione medicalmente assistita: ombre e luci, Università degli Studi di Trento, Dipartimento di Scienze Giuridiche, Quaderno n. 47, 2005 M. R. MORELLI, Valori fondamentali della persona e tecniche di interpretazione costituzionalmente orientata della nuova disciplina in materia di procreazione medicalmente assistita, in Il diritto di famiglia e delle persone, 2005, pp B. FERRARO, Profili della disciplina sulla fecondazione medicalmente assistita, in Il diritto di famiglia e delle persone, 2005, pp A. M. AZZARO, La fecondazione artificiale tra atto e rapporto, in Il diritto di famiglia e delle persone, 2005, pp A. LOIODICE, Per la vita: le linee guida ministeriali sulla procreazione medicalmente assistita, in Il diritto di famiglia e delle persone, 2005, pp F. GAZZONI, Osservazioni non solo giuridiche sulla tutela del concepito e sulla fecondazione artificiale, in Il diritto di famiglia e delle persone, 2005, pp V. FRANCO, Bioetica e procreazione assistita, Roma, Donzelli Editore, 2005 Esperienze straniere e comparate G. FLAMIGNI, La procreazione assistita: modelli di disciplina a confronto, in L. FIORAVANTI, La tutela penale della persona. Nuove frontiere, difficili equilibri, Milano, Giuffrè, 2001, pp. 89 e ss. C. CAMPIGLIO, Procreazione assistita e famiglia nel diritto internazionale, Padova, Cedam, 2003 D. ATIGHETCHI, La procreazione assistita nelle società islamiche: bioetica, diritto, costume e religione, in Medicina e morale, 2004, pp L. BALESTRA, Parte I, Osservatorio sull Europa La legge sulla procreazione medicalmente assistita alla luce dell esperienza francese, in Familia, 2004, pp e ss. P. LIBERANOME, L azione di disconoscimento di paternità e la fecondazione artificiale eterologa nel modello inglese, in Rassegna di diritto civile, 2004, pp C. CAMPIGLIO, Procreazione assistita: regole italiane e internazionali a confronto, in Rivista di diritto internazionale privato e processuale, 2004, pp C. CASINI, M. L. DI PIETRO, M. CASINI, La normativa italiana sulla procreazione medicalmente assistita e il contesto europeo, in Medicina e morale, 2004, pp

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

DIRITTO A CONOSCERE LE ORIGINI

DIRITTO A CONOSCERE LE ORIGINI DIRITTO A CONOSCERE LE ORIGINI Sommario: 1. Premessa.- 2. Promozione dei diritti del minore: statuto costituzionale e legislazione ordinaria a confronto. Principio di responsabilità per il fatto della

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Maria Fausta Maternini (ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Trieste) Matrimonio civile e matrimonio religioso SOMMARIO: 1. Il matrimonio rapporto

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile Capitolo I nel diritto civile SOMMARIO: 1. Il recesso dal contratto: i termini della questione. 2. Il principio della temporaneità dei vincoli contrattuali e la questione del recesso dal contratto. 3.

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on LA CANCELLAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI DAL REGISTRO DELLE IMPRESE: EFFETTI E CONSEGUENZE Luglio 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO PRIMA SEZIONE CASO S. H. E ALTRI c. AUSTRIA (Ricorso n 57813/00) SENTENZA STRASBURGO 1 aprile 2010 Pendente alla Grande Camera domanda di deferimento

Dettagli

I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE. Francesco Viganò

I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE. Francesco Viganò I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE Francesco Viganò Il problema La drammatica vicenda di Eluana Englaro, così come in precedenza quella

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

La Corte dei Conti. Uno strumento di difesa insostituibile per i cittadini.

La Corte dei Conti. Uno strumento di difesa insostituibile per i cittadini. La Corte dei Conti. Uno strumento di difesa insostituibile per i cittadini. Corte dei conti Via Antonio Baiamonti, 25 00195 Roma Tel. +39 0638761 Fax +39 0638763477 www.corteconti.it C C Corte dei conti

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Frontiere della democrazia: bioetica,

Frontiere della democrazia: bioetica, Frontiere della democrazia: bioetica, diritti e decisione pubblica Giuditta Brunelli Università di Ferrara 1. Legge parlamentare e rappresentanza politica come concetti problematici 2. Una necessaria distinzione:

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli