Il marito muore, sì alla procreazione «Tema delicato: bene la sentenza»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il marito muore, sì alla procreazione «Tema delicato: bene la sentenza»"

Transcript

1 11 febbraio Il Resto del Carlino Il marito muore, sì alla procreazione «Tema delicato: bene la sentenza» «QUANDO due anni fa la donna si presentò da me e chiese il trasferimento dell'embrione congelato da 19 anni nel suo utero io, prima di procedere, lo comunicai alla direzione sanitaria del Sant'Orsola. Siamo davanti a un tema controverso, delicato dal punto di vista giuridico, non semplice da dipanare. Sbagliare è facile». La professoressa Eleonora Porcu, responsabile del centro di infertilità e procreazione medicalmente assistita del Policlicnico, non ha dubbi. Nel negare l'impianto di un embrione congelato dal 1996 a una donna, vedova del marito, il Sant'Orsola ha avuto «una posizione prudenziale, legittima e giusta». Adesso, dopo che il Tribunale civile ha dato ragione alla cinquantenne dando il via libera all'impianto «abbiamo la tranquillità di poter procedere, aspettiamo che la donna si presenti da noi», aggiunge la Porcu. «LA PRATICA venne sospesa spiega e furono coinvolti l'ufficio legale e il Comitato Etico». Il secondo diede parere favorevole (ma non vincolante) all'impianto che però non avvenne. Il Policlinico fermò tutto in attesa del giudizio del Tribunale a cui la donna si rivolse. «Ora non lo vedo come un problema etico dice don Giovanni Nicolini che fa parte del Comitato, ma come un'interpretazione della vita che non corrisponde al corso normale delle cose. Non è importante dire se è permesso o proibito. Conta solo il bene della vita che inizia che ha diritti ed esigenze». DA QUANDO la coppia si rivolse la prima volta al Sant'Orsola per la fecondazione assistita, a quanto lei bussa di nuovo al policlinico sono passati quasi vent'anni. «Gli embrioni non furono impiantati subito ricostruisce la professoressa perché la coppia aveva dei problemi. Così anno dopo anno, abbiamo mandato la richiesta di conferma del mantenimento in stato di attesa degli embrioni o di quella in stato di abbandono». La coppia ha sempre dato l'assenso per tenerli in attesa. Fino a che la cinquantenne non si è presentata al Sant'Orsola. Nel frattempo il marito era deceduto «ma questo secondo la mia valutazione non dovrebbe essere motivo di esclusione perché l'embrione è stato generato prima». Ora sulle possibilità di successo, la Porcu è cauta. «Se un embrione viene conservato correttamente, alla giusta temperatura spiega e mantenendo costante il livello dell'azoto liquido, rimane integro indipendentemente dal numero di anni durante i quali è stato congelato. Può sopravvivere decine di anni». OGNI ANNO si rivolgono al Sant'Orsola per la fecondazione assistita circa duemila coppie. La metà viene messa in lista d'attesa. «L'età media di chi viene nel nostro centro è attorno ai 37 anni. Un terzo delle nostre pazienti è oltre 40 anni». «Nelle trentenni abbiamo il 70% di gravidanze dice, il 45% nelle donne di 35 e il 20% nelle 40enni». Sempre al Sant'Orsola a inizio dicembre è stata fatta la prima fecondazione eterologa «su una coppia da un donatore volontario», conclude Porcu. «Per ora ci sono 92 coppie in lista d'attesa speriamo di poter dare una risposta regolare anche se non possiamo eliminare il problema della scarsità di donatori e donatrici».potra' farsi impiantare gli embrioni congelati ben 19 anni fa. E' la singolare storia di una donna ferrarese di 50 anni, commerciante, rimasta vedova nel 2011, che ha combattuto in tribunale contro il Centro per la fecondazione assistita del Sant'Orsola, che dopo la morte del marito si era rifiutato di procedere,

2 facendosi scudo con la Legge 40. La donna, assistita dall'avvocato Boris Vitiello, non si è persa d'animo dopo la sconfitta in primo grado nel 2013 e, un anno dopo, ha fatto ricorso in via d'urgenza. E i giudici nei giorni scorsi le hanno dato ragione: «Gli embrioni non sono mai stati abbandonati scrive il collegio composto da tre donne, avendo la coppia sempre espresso la volontà di poterli utilizzare in futuro. Quindi la donna ha il pieno diritto di ottenere il loro impianto». Ora il Sant'Orsola dovrà procedere, immediatamente. «Cos'ho provato dopo la sentenza? Tanta gioia, una felicità indescrivibile commenta la donna. I giudici hanno riconosciuto la paternità di un figlio che avremmo tanto voluto quando mio marito era in vita. È stato come sentire che siamo ancora insieme». Gli embrioni erano stati prodotti con fecondazione assistita nel 1996, quindi prima della legge 40. E proprio alle linee guida della legge si richiamano i giudici. La legge, infatti, vieta la crioconservazione di embrioni in Italia se non nel caso in cui la donna, dopo la fecondazione, non possa procedere all'impianto per gravi motivi di salute ma regola anche le procedure di fecondazione intraprese prima della sua entrata in vigore, come nel caso della coppia. Per il tribunale, quindi, «in caso di embrioni crioconservati, ma non abbandonati, la donna ha sempre il diritto di ottenere il trasferimento». E gli embrioni in questione, otto, non sono mai stati abbandonati: la coppia dopo un impianto non riuscito nel 1996, anche per una malattia di lui, non ci riprovò, ma ogni anno, fino al 2010, ha confermato la volontà di mantenerli. Tommy, la famiglia:«non capiamo a quando risalga il decesso» «SIAMO sgomenti, esterrefatti, non riusciamo a capire quando è avvenuto il decesso. Siamo completamente al buio». L'avvocato Zobeide Luana Pastorelli, scandisce le parole al telefono. «Ciò che stiamo vivendo è una situazione paradossale, devastante». Lei è stata nominata dalla famiglia Franchella, per fare luce sulla prematura morte di Tommaso, il giovane avvocato di 34 anni, trovato deceduto nell'abitazione di un amico domenica alle 19 per cause ancora ignote. Ieri, dopo il triste rito del riconoscimento da parte del padre Andrea, notissimo medico e docente universitario, alle il consulente della procura, Lorenzo Marinelli, ha effettuato l'autopsia. «Non sappiamo ancora nulla confida l'avvocato Pastorelli, che ha nominato come consulente di parte Francesco Maria Avato, la speranza è che questa perizia possa illuminarci, darci finalmente risposte». LA RICOSTRUZIONE. Lo stesso avvocato, afferma anche di «non conoscere con sicurezza gli ultimi spostamenti di Tommaso» nella notte tra sabato e domenica. L'unica certezza è che polizia e procura lo trovano morto sul divano dell'amico, in via Colagrande, dove lo stesso avvocato aveva chiesto di rimanere a dormire. Sarà proprio il proprietario di casa, (M.C.) a dare l'allarme sotto choc una volta rientrato. Sentito a sommarie informazioni, il ragazzo avrebbe spiegato di avere sentito Tommaso russare verso le 9 di domenica. All'ora di pranzo, poi, «sono uscito, con Tommy che dormiva ancora», per rientrare alle 19 e trovarlo cadavere. Cosa è accaduto sabato notte? Perché e quando il decesso? Domande alle quali stanno cercando risposte gli inquirenti, i quali continuano a mantenere l'assoluto riserbo. Secondo indiscrezioni, sabato sera dopo una cena in città con la fidanzata, M.C. e un'altra ragazza, Franchella sarebbe andato a farsi un giro fuori Ferrara con un altro amico, il quale è già stato sentito a lungo dalla polizia. I due, poi, sarebbero andati in via Colagrande da M.C.; poco più tardi qui sarebbero rimasti il padrone di casa e Tommaso. Il primo sarebbe

3 andato in camera sua a dormire, il secondo addormentato sul divano. Il resto è un rebus tutto da ricostruire. «In lista da tre anni Ora sonofuori tempo» HA COMPIUTO 43 anni il 17 maggio scorso e per il sistema sanitario pubblico «non ho più diritto ad essere sottoposta all'inseminazione artificiale». Lei, una donna bolognese di cui manteniamo l'anonimato, si era iscritta tre anni fa (a 40 anni) alla lista per la Fivet, la tecnica di fertilizzazione in vitro con embryo transfer, del Sant'Orsola. «A settembre 2014, dopo due anni di attesa racconta, ho contattato il centro per sapere quando avrei potuto effettuare l'inseminazione, in quell'occasione mi dissero che erano ancora al numero 600 circa, io ho l'899, ma che si stavano velocizzando quindi di richiamare più avanti». Ieri mattina ha ripreso la cornetta per chiedere chiarimenti. «Ho contatto di nuovo il centro spiega e dopo aver detto alla dottoressa il mio numero mi è stato detto che era giunto il mio turno ma, con una ricerca della mia cartella specifica, mi è stato comunicato che non ho più diritto a effettuarla con il sistema sanitario locale per aver superato i limiti di età. Mi è scesa una lacrima». Poi la rabbia ha preso il sopravvento. «Trovo assurdo aggiunge che per colpa di tempi di attesa così elevati non mi venga più data questa possibilità, tra l'altro per colpa di una legge entrata in vigore lo scorso anno che introduce questo limite di età». L'alternativa è bussare ai privati. «Ma purtroppo i costi, in Italia, sono troppo elevati. Sono amareggiata e delusa. Viviamo in una Paese che dichiara di avere natalità pari a zero e poi non aiuta le coppie desiderose di avere un figlio». «Trasecolo: così la vita umana perde sacralità». «Trasecolo». Da persona comune, prima che da arcivescovo. Non riesco a pensare come il punto più sacro della vita umana possa essere ridotto ad aspetto meramente tecnico». Mons. Luigi Negri (nella foto) riflette a voce alta sulla vicenda della donna di Bondeno che ha ottenuto dal Tribunale di Bologna l'autorizzazione all'impianto degli embrioni del marito, congelati 19 anni fa, malgrado il consorte sia scomparso nel 2011: «Nel massimo rispetto di quelle persone, mi chiedo cosa significhi avere un figlio di una persona morta; mi sembra una cosa insostenibile, innanzitutto sotto il punto di vista psicologico. Ma ormai il degrado umano e morale sta diventando la norma». Mons. Negri s'interrompe, sembra sospendere il giudizio: «Mi sono ripromesso di essere prudente, e non solo perché ogni volta che parlo rischio di ritrovarmi in una gogna mediatica sorride. Ma non posso che ripetere quello che ho detto anche nella telefonata al Santo Padre, quando pensavo che fosse quello vero (nei giorni scorsi l'arcivescovo è stato vittima di uno scherzo con la finta telefonata di papa Francesco da parte della trasmissione radiofonica La Zanzara, ndr): il Magistero della Chiesa mi pare l'unica possibilità di recuperare l'equilibrio, psicologico e di umanità prima ancora che di fede». E' SULLA PAROLA umanità, in riferimento alla notizia che arriva da Bologna («l'ho appresa dalla tv», spiega Negri), che l'arcivescovo torna a soffermarsi: «In pratica si vuole affermare che l'uomo è padrone di sè e di un figlio, a prescindere dalla sacralità del concepimento e della creazione, del sacrificio della condivisione e della crescita. Come fa la gente s'interroga l'arcivescovo a non pensare che in una confusione così grande, non si smarrisce l'umanità?». La sentenza del Tribunale di Bologna, conclude mons. Negri, apre dunque «una prospettiva radicale: diventa prevalente il fatto che i figli si possono fare attraverso

4 procedimenti tecnici, meccanici e anche giuridici, rispetto al senso vero della nascita». Invalida per asfissia dopo la nascita: un'inchiesta È AL VAGLIO della Procura di Ferrara la vicenda di una bambina nata a febbraio 2014 e rimasta gravemente invalida dopo un parto cesareo urgente all'ospedale. La vicenda era stata denunciata dai genitori in una querela per lesioni gravi colpose presentata a maggio scorso e ora integrata dall'avvocato Chiara Rinaldi. Il pm Ciro Alberto Savino, che indaga contro ignoti, ha disposto una consulenza tecnica. LA BIMBA è rimasta affetta, stando alla denuncia, da «asfissia perinatale ed encefalopatia ipossico ischemica di grado severo», che interessa cioè il sistema nervoso. La famiglia ha chiesto alla Procura di valutare le condotte dei medici e della ginecologa che seguirono la gravidanza, gli accessi al pronto soccorso e il ricovero della donna, e di valutare inoltre chi si occupò della piccola. E approfondire, sin dal dicembre 2013, «l'omessa valutazione dell'elevato numero di globuli bianchi evidenziati dagli esami labirintici, anche dopo la somministrazione di antibiotici», in concomitanza di una presunta infezione oltre a ripetuti dolori al basso ventre della madre che hanno portato al ricovero il giorno prima del parto. Per il legale sono da valutare le condotte dei medici che seguirono il ricovero della donna. E da accertare perché in presenza di sintomi «non rassicuranti... i sanitari hanno atteso circa tre ore prima di effettuare il taglio cesareo». Infine va valutare la condotta dei dottori che si occuparono della bambina dopo la nascita. Istituti Polesani, indagato Mantovani «Abuso d'ufficio e danno erariale» ALLA fine anche Mauro Mantovani, ex amministratore unico degli Istituti Polesani, è finito nel registro degli indagati della procura di Rovigo. Il ferrarese, ex direttore della clinica di Ficarolo, ha ricevuto un avviso di garanzia per la chiusura delle indagini a suo carico portate avanti dalla Finanza rodigina con l'accusa di abuso d'ufficio e danno erariale. La struttura, infatti, avrebbe percepito contributi regionali per aver ospitato e curato disabili gravi senza averne pieno titolo, dato che in discussione è proprio il percorso di accreditamento della clinica di Ficarolo per quella determinata tipologia di pazienti. Un'accusa che non è rivolta solo a Mantovani, ma anche a cinque dipendenti dell'ulss 18 che hanno seguito il percorso accreditamenti fino all'aprile 2013, tra cui figurano anche l'ex direttore generale dell'azienda sanitaria, Adriano Marcolongo, il direttore del distretto sanitario Domenica Lucianò, l'ex direttore di distretto, Raffaele Geraci e il dirigente medico che seguiva le strutture protette del sociale, Giampaolo Pecere. Insieme ai cinque dipendenti dell'ulss 18, anche due funzionari regionali, dipendenti del settore sociosanitario, che provvedevano per l'appunto a liquidare i finanziamenti per le strutture accreditate. Se per la struttura e il suo rappresentante, infatti, il reato ipotizzato è quello di aver percepito delle somme non dovute in quanto non in possesso di tutte le credenziali per svolgere il servizio nei confronti dei pazienti disabili gravi, per i vertici dell'azienda sanitaria e della Regione l'accusa è comunque quella di non aver verificato e controllato realmente la situazione della clinica di Ficarolo. O aver chiuso un occhio. In questo senso infatti stanno lavorando guardia di finanza, nell'inchiesta coordinata dal sostituto procuratore Sabrina Duò, e la Corte dei Conti. Le somme percepite, secondo l'accusa indebitamente, dalla struttura fino ad aprile 2013 si aggirano attorno a un milione e 800

5 mila euro. Questa la cifra contestata dalla guardia di finanza. Una situazione che si è scoperta' e chiarita solo con l'arrivo della nuova dirigenza dell'ulss 18 e il direttore Arturo Orsini, che aveva infatti inviato una richiesta di regolarizzazione' della struttura di Ficarolo, pena il mancato riaccreditamento il Regione, sia in termini di numero di personale sia in termini di orario di lavoro. Al momento, comunque, si tratta solo di avvisi di conclusione indagini. Bisognerà vedere se tutti gli indagati saranno rinviati a giudizio. E se ce ne saranno altri. Nel frattempo, arriva solo la dichiarazione del legale di Mauro Mantovani: «Siamo sereni e chiariremo tutto con la magistratura - spiega l'avvocato Marco Linguerri -. Siamo certi dell'assoluta regolarità delle autorizzazioni con cui la struttura ha sempre operato». «L'amore mi aiuterà a farela scelta giusta» CINQUANT'ANNI, un lavoro da portare avanti e una casa da gestire. Insieme a tanti ricordi e a un vuoto incolmabile. Da sola. L'età biologica non l'aiuta. Il tempo è passato. Adesso si trova ad affrontare una scelta difficile. Delicatissima. Se impiantare o meno gli embrioni che rappresentano la continuità della vita del marito, che incarnano quel bambino che non erano mai riusciti ad avere. Una storia d'amore che custodiva un sogno. «Inizialmente spiega sebbene fossi molto più giovane di mio marito, mi ero ammalata di endometriosi e quel figlio tanto voluto non arrivava». Da qui insieme, i coniugi, hanno preso la decisione di congelare gli embrioni in attesa di essere nelle condizioni fisiche per affrontare la gravidanza. Un primo tentativo di fecondazione assistita non era andato a buon fine. Poi la malattia del marito, un uomo molto stimato e conosciuto. Purtroppo, tre anni fa, la sua scomparsa e a quel punto il desiderio di avere un figlio si è fatto ancora più forte. «Quando nel 2011 è morto racconta è stato come perdere tutto e ho pensato che l'unico modo per poter concretizzare di nuovo questo amore, era dargli continuità. L'amore per mio marito non è diminuito. È aumentato. Mi aiuterà a scegliere». LA DECISIONE del tribunale, ha cambiato improvvisamente i suoi giorni: «Ho portato avanti questa battaglia con convinzione negli ultimi tre anni racconta in nome di una storia d'amore autentica. Ci ho creduto, ma ormai non ci speravo più visto che in primo grado il ricorso era stato rigettato». «Credo che un Collegio di tutte donne abbia fatto la differenza sottolinea. Hanno aperto una strada. Hanno dato una speranza non solo a me ma a tutte le donne che in futuro potrebbero trovarsi nella mia situazione. Hanno inciso una pietra miliare nella storia della giurisprudenza italiana. Purtroppo però la legge è lenta, Sono passati tre anni. Preziosi. Ho 50 anni. Il tempo della legge è stato troppo lungo. Non so ancora quale sarà la mia scelta. Dopo un primo momento di grande gioia adesso devo decidere. Non è semplice». Intervista completa in cronaca nazionale Ambiente e Sanità,due commissioni per Alan Fabbri ALAN FABBRI, capogruppo delle Lega Nord in Regione, è stato nominato ieri in due commissioni, quella all'ambiente e al territorio (ed alla mobilità), e quella centrata sulle questioni della Salute e le politiche sociali: «Un modo per poter lavorare compiutamente, all'interno delle istituzioni, su temi sensibili, sui quali abbiamo preso l'impegno con i cittadini di lavorare al miglioramento delle politiche regionali», afferma l'esponente del Carroccio. «I temi sono di grande rilevanza aggiunge Fabbri e legati alle politiche che da sempre abbiamo cercato di portare avanti. Come la qualità dell'ambiente e la conservazione delle specificità del territorio, iniziando dalla questione della pesca di frodo)». Altrettanto cruciale la presenza nella Commissione Sanità «dove seguiremo attentamente gli sviluppi del progetto di ricostruzione e riqualificazione del Borselli di

6 Bondeno, la difesa dei servizi del San Camillo di Comacchio e le ricadute di Cona sul territorio». Il parcheggio dell'ospedale diventa a pagamento PARTE del parcheggio nella zona dell'ospedale Santissima Annunziata diventa a pagamento. Si è conclusa la stesura delle strisce blu per delimitare gli stalli e all'entrata in funzione del parchimetro si dovrà pagare la sosta. L'area, che si trova lungo via XX Settembre e viale della Libertà, è limitata a 72 posti auto. Nei restanti posti disponibili la sosta resta gratuita. La tariffa di pagamento sarà di 80 centesimi all'ora, con possibilità di frazione di ora, con la previsione di una tariffa minima di 15 centesimi per i primi venti minuti. Gli orari per la sosta a pagamento sono dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12,30 e dalle 14 alle 17,30. (sono esclusi sabato, domenica e festivi). L'utente è tenuto ad esporre la ricevuta di pagamento della tariffa rilasciata dal parcometro, in modo visibile sulla parte anteriore del veicolo. È consentita la sosta gratuita nei parcheggi a pagamento e per il tempo strettamente necessario all'espletamento del servizio istituzionale o di emergenza a veicoli appartenenti alle forze di Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo della Guardia Forestale, Polizia Provinciale, Polizia Locale, Vigili del Fuoco, Protezione Civile, USL, Croce Rossa, Vigilanza Privata, veicoli delle forze armate; ma anche a veicoli adibiti a servizi di pubblico interesse appartenenti alle diverse amministrazioni pubbliche e riconoscibili attraverso i relativi contrassegni, nonché veicoli delle aziende private che svolgono servizi di interesse pubblico, come Poste, Cmv, Telecom ecc..., purché identificabili. Infine, i veicoli utilizzati da medici, veterinari ed infermieri in visita domiciliare, purché muniti dell'apposito contrassegno, rilasciato dal comando Polizia Municipale. È anche consentita la sosta gratuita nei parcheggi a pagamento ai veicoli al servizio di persone con limitata capacità motoria in possesso di legittimo contrassegno. «SONO tanti gli obiettivi che ci si prefigge con questa modifica spiega il sindaco Piero Lodi : innanzi tutto favorire il turn over delle auto, rendendo più accessibile il parcheggio per quanti si recano ad una visita o al centro prelievi. Si chiede un piccolo sacrificio ai dipendenti dell'ospedale, che comunque potranno parcheggiare nelle tante zone bianche' lungo via Donati, Cremonino, e nelle vie adiacenti, per dare un servizio in più agli utenti dell'ospedale che potranno contare su una probabilità molto maggiore di un parcheggio vicino alla struttura sanitaria. La presenza degli ausiliari della sosta aiuterà, poi, nel presidio di un parcheggio, troppo frequentato da parcheggiatori abusivi'. Si stanno introducendo anche differenziazioni di tariffa, 80 centesimi all'ospedale contro 1 euro in centro storico, e si stanno prevedendo formule di abbonamento (1 euro al giorno, 360 euro l'anno o 50 euro al mese) per piazzale Bonzagni, per chi lavora o risiede in centro». Sanità, un confrontotra due modelli diversi SI È TENUTO al Teatro De Micheli un convegno organizzato da Azienda sanitaria di Ferrara, Università di Bologna e Unione Terre e Fiumi' per analizzare gli aspetti e le condizioni delle malattie croniche in relazione all'assistenza sanitaria: Emilia-Romagna e Brasile a confronto. Giornata conclusiva di una serie di seminari e workshop realizzati nei giorni scorsi, curati da Paola Castagnotto. PAOLO Saltari, direttore generale Ausl ha ribadito l'importanza delle esperienze e delle scelte di politica sanitaria «che ha detto rivolgendosi agli ospiti brasiliani potrà essere trasferita anche in altri Paesi». Nicola Rossi, presidente Unione Terre e Fiumi', ha ricordato come il tema della salute sia obbligatoriamente legato al lavoro con la comunità, e che debba integrarsi con il territorio. «Le persone dice Rossi prima di essere dei pazienti, sono cittadini». Ha poi concluso

7 parlando della necessità di favorire l'informazione puntuale sui servizi offerti dalla Casa della salute e di come anche incontri come quello di ieri siano fondamentali sia dal punto di vista della comunicazione sia per riflettere sui percorsi intrapresi e continuare a migliorarli. La Nuova Ferrara «La mia battaglia per avere un figlio» Ieri il Tribunale di Bologna ha accolto il suo reclamo. Dopo un primo rigetto in primo grado i giudici hanno sentenziato, ordinando al policlinico Sant'Orsola di provvedere immediatamente all'impianto degli embrioni prodotti con fecondazione assistita nel 1996, prima della legge 40, e da allora crioconservati. La donna ferrarese, si è avvalsa in questa battaglia legale dell avvocato Boris Vitiello, e quindi ora per la legge potrà disporre di tali embrioni. L abbiamo ascoltata, rispettando la sua volontà di mantenere l anonimato. Signora, ci racconti tutto dal principio. «Era il 1996 e non riuscivo a rimanere incinta. Non avendo una gravidanza normale a causa di problemi medici, mi sono rivolta per le indagini all ospedale Sant Anna e poi al Sant Orsola di Bologna, che è uno dei centri di eccellenza in Italia. All epoca avevo poco più di 30 anni e i medici mi hanno consigliato allora la procreazione medicalmente assistita. La fecondazione con l ausilio di mio marito è andata bene, siamo riusciti a creare gli embrioni che poi sono stati trasferiti e congelati. Non è però riuscito l impianto e non sono rimasta incinta». La pratica è stata ripetuta? «Siamo nuovamente andati al Sant Orsola nel 1998, ma dopo due trasferimenti nell utero non sono riuscita ancora a rimanere incinta». Nel frattempo continuavate ad avere consulenza dall ospedale? «Purtroppo mio marito ha cominciato ad avere poi problemi di salute. Sapevamo comunque che potevamo contare sui nostri embrioni e con cadenza biennale abbiamo dato il consenso a mantenerli». Poi lei è stata colpita da un gravissimo lutto? «Sì, nel 2011 purtroppo è morto mio marito ed è stato un colpo tremendo». È la vicenda giudiziaria quando è partita? «Nel febbraio del 2012, vedova da poco, ho tentato nuovamente di rimanere incinta con gli embrioni fecondati da mio marito. Era un modo per averlo ancora più vicino dopo la sua morte. Ma quando ho chiesto il trasferimento degli embrioni mi sono sentita negare il consenso». Come mai? «Per acconsentire al trasferimento degli embrioni - secondo la legge - bisognava avere il consenso di entrambi i coniugi. Cosa impossibile visto che purtroppo era già morto». Lei però non si è arresa. «Ho consultato alcune persone e alla fine mi hanno consigliato l avvocato Boris Vitiello. Il mio legale è stato molto abile nel far capire che in fondo, nonostante mio marito fosse morte, lui il consenso lo aveva dato in precedenza, nel lontano 1996, appunto diciannove anni fa, quando è iniziata tutta questa storia. E così siamo riusciti a convincere i giudici a darci ancora una possibilità». Signora, a questo punto lei pensa di riprovarci ancora? «Devo consultarmi ancora con la dottoressa che mi ha in cura per capire se ci sono le condizioni. È una decisione difficile da prendere in quanto sono trascorsi tre anni, ma visto che ora c è la legge che l acconsente partiamo da una buona base. Oggi sono cambiata dal punto di vista emotiva, ho 50 anni, ma vedremo. Per questo continuerò a pregare, per realizzare il mio sogno». Lei è credente? «Sì, ho molta fede e penso che sia giunto il momento di continuare a pregare. Devo dire che il comitato bioetico non ha mai posto problemi. Gli ostacoli sono arrivati dalla legge, ma ora per fortuna abbiamo risolto». Cosa ha pensato dopo la lettura della sentenza? «Il mio primo pensiero è andato lassù, a mio marito. Poi sono contenta perché questa scelta giuridica può favorire altre donne con gli stessi miei problemi. Spero che nessuna donna possa trovarsi in futuro nelle condizioni in cui mi sono trovata io».

8 Non si paga negli orari di visita» CENTO «Si chiede un piccolo sacrificio ai dipendenti dell ospedale, che comunque potranno parcheggiare nelle tante zone bianche di via Donati, Cremonino, e adiacenti, per dare un servizio in più agli utenti dell ospedale». Risponde così il sindaco Piero Lodi alle perplessità espresse dai dipendenti del Santissima Annunziata, attraverso il responsabile Fp Cgil per l'ospedale di Cento, Luca Minelli, sulla decisione del Comune di introdurre la sosta a pagamento nel parcheggio accanto alla struttura sanitaria. Completati lunedì i lavori di realizzazione della segnaletica orizzontale, non appena il parchimetro entrerà in funzione, saranno 72 i posti a pagamento, mentre una ventina rimarrà a sosta libera. «Tariffa oraria più bassa rispetto ad altre aree blu - tiene a precisare il sindaco - 80 centesimi l'ora, 15 centesimi per i primi 20 minuti, orari di pagamento ridotti, per lasciare gratuite le fasce orarie di ricevimento parenti all'ospedale. Nessuno quindi, pagherà per fare visita ai propri cari». Il sindaco poi tiene a spiegare gli obiettivi della modifica: «Favorire il turnover delle auto, rendendo più accessibile il parcheggio per quanti si recano ad una visita o al centro prelievi. Aumenterà quindi la probabilità di trovare parcheggio vicino all'ospedale. La presenza degli ausiliari della sosta aiuterà poi, nel presidio di un parcheggio troppo frequentato da parcheggiatori abusivi». Per Lodi poi «un altro passo in avanti su quanto promesso in campagna elettorale: la sosta a pagamento era stata prevista dall'amministrazione precedente, e nonostante un contratto già sottoscritto e piuttosto blindato, si sta lentamente rendendo il piano sosta più flessibile e più rispondente alle reali esigenze». E prosegue con alcuni esempi: «Si è proceduto a ridurre il numero degli stalli blu. Oggi gratuiti, corso Guercino (lato Rocca), via Baruffaldi, via Donati e via Cremonino. Aumentata la fruibilità di parcheggi storicamente ingessati dalla sosta lunghissima, come piazzale Bonzagni e ora ospedale. Inoltre, si stanno introducendo differenziazioni di tariffa (80 centesimi all'ospedale contro 1 euro in centro storico) e in vista formule di abbonamento (1 euro/giorno, 360euro/anno o 50euro/mese) per piazzale Bonzagni, per chi lavora o risiede in centro». E in vista l'introduzione dei parcheggi Rosa: «I primi all ospedale, poi nel resto della città, destinati alle signore in gravidanze e la gratuità di parcheggio per le auto elettriche». Donazione organi, arriva la carta d identità BONDENO La donazione degli organi, a Bondeno, si avvarrà presto di uno strumento nuovo, in grado di rispondere alle sollecitazioni dell'anci (l'associazione nazionale dei comuni italiani) arrivata prima di Natale. Il nuovo strumento, che conterrà informazioni sensibili degli utenti per le donazioni sarà una speciale carta d'identità-donazione degli organi. È stata difatti approvata con la delibera numero 10, votata dal consiglio comunale nei giorni scorsi: «Il trapianto degli organi - ricorda il sindaco facente funzioni Cristina Coletti - rappresenta un'efficace terapia contro alcune gravi malattie, nonché l'unica soluzione praticabile per alcune patologie altrimenti non curabili». Da qui la decisione della giunta comunale di aderire all'iniziativa dell'anci, del 23 dicembre scorso. Dando atto al dirigente del settore demografico di mettere in atto tutti gli strumenti adeguati, al fine di dare concreta attuazione al progetto. E poiché «in Italia si è raggiunto un ottimo livello di professionalità nell'ambito dei trapianti di organi - aggiunge la stessa Coletti - in termini di interventi realizzati, qualità dei risultati e sicurezza delle procedure, va anche detto che la criticità principale resta la disponibilità degli organi utilizzabili per il trapianto». Il personale dell'anagrafe sarà, proprio per una maggiore sensibilità del problema, formato dagli operatori del Centro Regionale Trapianti. Il Comune si adopererà per un piano d informazione, appena il progetto sarà pronto a partire, che dovrà tenere conto delle linee

9 di indirizzo nazionali. Sul piano prettamente operativo, invece, verranno effettuate le opportune modifiche informatiche al software di gestione dei dati. Il provvedimento non comporterà oneri di spesa per l'ente locale. Le malattie croniche e assistenza sanitaria COPPARO Si è tenuto al teatro comunale De Micheli un convegno organizzato da Azienda Sanitaria di Ferrara Università di Bologna e Unione Terre e Fiumi per analizzare gli aspetti e le condizioni delle malattie croniche in relazione all assistenza sanitaria: Emilia-Romagna e Brasile a confronto. Giornata conclusiva di una serie di seminari e workshop realizzati nei giorni 4 e 10 febbraio, curati da Paola Castagnotto. Paolo Saltari, direttore generale azienda Usl, nella sua introduzione ha ribadito l importanza delle esperienze e delle scelte di politica sanitaria che, rivolgendosi agli ospiti brasiliani, potrà essere trasferita anche in altri Paesi. Nicola Rossi, presidente Unione dei Comuni Terre e Fiumi e sindaco di Copparo, ha ricordato come il tema della salute sia obbligatoriamente legato al lavoro con la comunità, e come debba integrarsi con il territorio. «Il cittadino ha sottolineato Rossi prima di essere un paziente è un cittadino». Rossi ha concluso parlando della necessità di favorire l informazione puntuale sui servizi offerti dalla Casa della Salute e di come anche incontri come quello odierno risultino fondamentali sia dal punto di vista della comunicazione sia per riflettere sui percorsi intrapresi e continuare a migliorarli. In una battuta: Integrazione socio-sanitaria per la cura delle malattie croniche.

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA?

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? Oggi la scienza può interferire coi processi riproduttivi, e modificarli in vitro al di fuori delle loro modalità naturali. Preliminarmente dobbiamo allora

Dettagli

Medicina della Riproduzione

Medicina della Riproduzione Pagina 1 di 6 Dichiarazione di consenso informato per Procreazione Medicalmente Assistita ai sensi legge 19 febbraio 2004, n 40 ai sensi del Decreto Ministeriale n 336 16 dicembre 2004 Ministeri Salute

Dettagli

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute Questo opuscolo è il frutto del dialogo che il Centro Regionale Trapianti della Sicilia ha avuto negli anni con molti

Dettagli

NASCERE PRIMA DEL TEMPO: IL VISSUTO DELLE FAMIGLIE IN ITALIA

NASCERE PRIMA DEL TEMPO: IL VISSUTO DELLE FAMIGLIE IN ITALIA NASCERE PRIMA DEL TEMPO: IL VISSUTO DELLE FAMIGLIE IN ITALIA Le storie delle famiglie che vivono l esperienza della nascita pretermine di un figlio Ministero della Salute, Roma 16 settembre 2015 Con la

Dettagli

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: IL PUNTO DI VISTA DELLE COPPIE IN PMA Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia SINTESI DEI RISULTATI Roma, 18 maggio 2016 A otto anni di distanza dalla

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi Ringrazio per l invito a partecipare a questo convegno. Nel mio intervento, svilupperò la case-history di un progetto su cui stiamo

Dettagli

Legge 40, il no della Consulta al divieto di eterologa

Legge 40, il no della Consulta al divieto di eterologa Legge 40, il no della Consulta al divieto di eterologa aggiornamento di mercoledì 9 aprile Il divieto di fecondazione eterologa è incostituzionale. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale che ha dichiarato

Dettagli

relazione a quanto pubblicato a pg. 8 nell edizione odierna del Il Nuovo Molise (Malasanità al Cardarelli, un paziente) il dott.

relazione a quanto pubblicato a pg. 8 nell edizione odierna del Il Nuovo Molise (Malasanità al Cardarelli, un paziente) il dott. 10 Venerdì 2 settembre 2011 CAMPOBASSO LA REPLICA Malasanità, l Asrem si difende Lʼospedale Cardarelli di Campobasso CAMPOBASSO. In relazione a quanto pubblicato a pg. 8 nell edizione odierna del Il Nuovo

Dettagli

LE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA DONAZIONE

LE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA DONAZIONE LE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA DONAZIONE Si può decidere a chi donare i propri organi? No. Gli organi vengono assegnati ai pazienti in lista d attesa in base all urgenza e alla compatibilità clinica e

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Area Preconcezionale

Area Preconcezionale Pagina 1 di 6 Dichiarazione di consenso informato per Procreazione Medicalmente Assistita ai sensi della legge 19 febbraio 2004, n 40 ai sensi del Decreto Ministeriale n 336 16 dicembre 2004 Ministeri

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas Carolina Caspary è l assistente sociale argentina responsabile del Centro di accoglienza per

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 25 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Codogno Sant Angelo Lodigiano Casalpusterlengo

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 25 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Codogno Sant Angelo Lodigiano Casalpusterlengo Pagina 1 di 6 rassegna stampa 25 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Ecco la pagella dei nostri ospedali Codogno Sant Angelo Lodigiano Morta per l intervento estetico, il dramma in diretta dalla D Urso Casalpusterlengo

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Agenzia Regionale di Sanità della Toscana (ARS) Osservatorio Qualità PROGETTO SAPERE (Stroke Acuto PERcorsi ed Esperienze) L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Novembre 2006 2 L ASSISTENZA

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

E Monica Soldano, presidente di una delle associazioni promotrici del ricorso, Madre Provetta, a darne notizia.

E Monica Soldano, presidente di una delle associazioni promotrici del ricorso, Madre Provetta, a darne notizia. {mosimage}il TAR del Lazio ha giudicato illegittime le linee guida della Legge 40, la legge che regolamenta in Italia la fecondazione artificiale. La parte contestata sulla quale si è pronunciato il Tar

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE?

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? Quando si ha l inseminazione e la fecondazione artificiali omologhe? Quando lo spermatozoo e l ovulo provengono dalla stessa

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 08 ottobre 2013

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 08 ottobre 2013 Pagina 1 di 6 rassegna stampa Data 08 ottobre 2013 IL CITTADINO Lodi SANITÀ AVEVA UNA LACERAZIONE DELL AORTA, LA FAMIGLIA HA PRESENTATO UNA DENUNCIA -In ospedale con il mal di pancia, dopo l attesa muore

Dettagli

leccoonline.com http://www.leccoonline.com/articolo.php? idd=14063&origine=1&t=lecco%3a+dopo+15+anni+il+dr.+vaglio%2c+ex+segretario%2c+ha+giustizia+e+il+comune+deve+pagare.+''burocrati+non+cestinate+il+buon+senso''

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA SOSTA DEGLI AUTOVEICOLI NELL AREA DEL PRESIDIO OSPEDALIERO DI PIOVE DI SACCO

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA SOSTA DEGLI AUTOVEICOLI NELL AREA DEL PRESIDIO OSPEDALIERO DI PIOVE DI SACCO REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N.16 Dirigenza Medica Presidio Ospedaliero Piove di Sacco PT REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA SOSTA DEGLI AUTOVEICOLI NELL AREA DEL PRESIDIO OSPEDALIERO

Dettagli

Tecniche avanzate di PMA

Tecniche avanzate di PMA Procreazione medicalmente assistita e legge 40/04 Tecniche avanzate di PMA FIVET fecondazione in vitro ed embrio-transfer ICSI intra-citoplasmatic sperm injection GIFT gamete intra-fallopian transfer ZIFT

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2592 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARZANO, CAPUA, FASSINA, GALGANO, GRIBAUDO, GIUSEPPE GUERINI, LA MARCA, LAFORGIA, LAVAGNO,

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK

Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK a cura di Sara Ferrari volontaria del Servizio Civile Nazionale Garanzia Giovani progetto ed elaborazione grafica

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Laura Virgini IL VIAGGIO

Laura Virgini IL VIAGGIO Il Viaggio Laura Virgini IL VIAGGIO romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A mia madre, senza la quale non sarei qui, ora, e non sarei quella che sono.

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA INTERVENTO DEL DR ANDREA MAZZEO PRESENTAZIONE Il mio compito è quello di parlarvi

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Ai sensi della Legge 19 febbraio 2004 n.40 e successive modificazioni. il a ( ) residente a in via tel CF

CONSENSO INFORMATO. Ai sensi della Legge 19 febbraio 2004 n.40 e successive modificazioni. il a ( ) residente a in via tel CF Pag. 1/6 Noi sottoscritti: DICHIARAZIONE DI PER LA TECNICA FIVET-ICSI (FECONDAZIONE IN VITRO E TRASFERIMENTO DELL'EMBRIONE) TECNICA DI PROCREAZIONE ASSISTITA DI II LIVELLO Ai sensi della Legge 19 febbraio

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

ESTER DI RIENZO Psicoterapeuta

ESTER DI RIENZO Psicoterapeuta ESTER DI RIENZO Psicoterapeuta Ringrazio per l opportunità di inserirmi in un discorso così importante come quello dell incrocio dell aspetto giudiziario con gli aspetti affettivi nelle situazioni di affido

Dettagli

TRIBUNALE DI BOLOGNA SEZIONE I

TRIBUNALE DI BOLOGNA SEZIONE I TRIBUNALE DI BOLOGNA SEZIONE I Il Giudice, nel procedimento a seguito di ricorso ex art. 700 c.p.c. depositato l 1 luglio 2008 e di cui al n. 11489/2008, rileva: B.G. e B.B. hanno esposto: di essere coniugati

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE

CONSENSO INFORMATO. Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE Pag. 1/7 DICHIARAZIONE DI RELATIVO ALLA DONAZIONE VOLONTARIA DI SEME FINALIZZATO A TRATTAMENTO DI Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE Nel rispetto dei principi e delle

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Legge 19 Febbraio 2004 n 40

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Legge 19 Febbraio 2004 n 40 PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Legge 19 Febbraio 2004 n 40 Finalità Art. 1: Al fine di favorire la soluzione di problemi riproduttivi derivanti dalla sterilità o dalla fertilità umana è consentito

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

Dona gli organi, non fermare la vita

Dona gli organi, non fermare la vita 2009 Dona gli organi, non fermare la vita Marcello Guarrasi Guarrasi House 11/01/2009 1 L ACCERTAMENTO DELLA MORTE A VOLTE EMERGONO DELLE PERPLESSITÀ SUL DECESSO DEL DONATORE: SI HA PAURA, IN PARTICOLARE,

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

Tessera di donatore di organi

Tessera di donatore di organi Tessera di donatore di organi Dichiarazione di volontà a favore o contro il prelievo di organi, tessuti e cellule destinati al trapianto Tessera da compilare sul retro. La donazione di organi salva vite.

Dettagli

SERVIZIO DI ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA PEDIATRICA, OSPEDALE MONTEPRINCIPE MADRID

SERVIZIO DI ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA PEDIATRICA, OSPEDALE MONTEPRINCIPE MADRID Sessione Parallela LA CURA SI FA OPERA SERVIZIO DI ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA PEDIATRICA, OSPEDALE MONTEPRINCIPE MADRID Blanca Lopez-Ibor Dir. Unidad de Hematologia-Oncologia Pediatrica, Hosp. Monteprincipe

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

Indice delle pronunce sulla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 "Norme in materia di procreazione medicalmente assistita 1.

Indice delle pronunce sulla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 Norme in materia di procreazione medicalmente assistita 1. Indice delle pronunce sulla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 "Norme in materia di procreazione medicalmente assistita 1. 1. Ordinanza del Tribunale di Catania 3 maggio 2004 Negato il diritto ad eseguire la

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO ASPETTI BIOETICI, LIVELLI ASSISTENZIALI E RETE DEI SERVIZI Rovereto, 16 ottobre 2009 Auditorium Melotti MaRT L assistenza al morente Massimo Petrini Centro di

Dettagli

Procura della Repubblica di Bolzano DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE

Procura della Repubblica di Bolzano DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE PRINCIPIO DI CUI ALL ART. 32 COSTITUZIONE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BOCCIARDO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BOCCIARDO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4800 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BOCCIARDO Norme in materia di adozione degli embrioni crioconservati in stato di oggettivo

Dettagli

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile.

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile. I TRAPIANTI Diversamente dall eutanasia, il tema dei trapianti ha una storia più recente. Esso è anzi legato alle prospettive aperte dalla cultura medica nella nostra contemporaneità. Oggi è possibile

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE NOTIZIE PER LA STAMPA

PROVINCIA DI UDINE NOTIZIE PER LA STAMPA PROVINCIA DI UDINE 8 febbraio 2013 NOTIZIE PER LA STAMPA ASSOCIAZIONE OLTRE PER RIVIVERE PREMIATA CON LA MEDAGLIA DELLA PROVINCIA Fontanini: Voi siete i veri difensori della dignità della persona umana.

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

Info: Susanna Pietra-3406676706 susanna.pietra@gmail.com Ufficio stampa chiesa valdese di piazza Cavour

Info: Susanna Pietra-3406676706 susanna.pietra@gmail.com Ufficio stampa chiesa valdese di piazza Cavour APERTO AL PUBBLICO OGNI MERCOLEDÌ ORE 18 UNO SPORTELLO PER DEPOSITARE IL PROPRIO TESTAMENTO BIOLOGICO PRESSO LA CHIESA EVANGELICA VALDESE DI ROMA PIAZZA CAVOUR Il diritto alla vita comprende anche il diritto

Dettagli

Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State

Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State 1 Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State La New York Health Care Proxy Law vi permette di nominare una persona di fiducia, ad

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari Nono Seminario regionale della Rete europea dei difensori civici Cardiff 22 24 giugno Seconda sessione: Promuovere i diritti di una popolazione che invecchia Invecchiare con cura: tutelare la libertà di

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Quella baldanza tutt altro che ingenua

Quella baldanza tutt altro che ingenua Quella baldanza tutt altro che ingenua Quest anno, per cause di forza maggiore, ho dovuto lasciare la Lidl di Campi Bisenzio e mi sono ritrovato a fare il capo equipe, diciamo in compartecipazione, alla

Dettagli

Testimonianze dei Pazienti

Testimonianze dei Pazienti Testimonianze dei Pazienti Ho scritto una lettera Al mio donatore Per dire grazie a lui E a quanti nel mondo Si rendono disponibili A donare il midollo Per salvare la vita Di un fratello Che non conoscono

Dettagli

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO?

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? Convegno IRIS Non c è 2 senza 3 - Milano, 8 febbraio 2010 Alberto Pellai, Medico PhD, Psicoterapeuta dell Età Evolutiva Dipartimento di Sanità Pubblica Facoltà di Medicina

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Il caso Donna seguita dai servizi sociali trovata morta in via Santa Caterina

Il caso Donna seguita dai servizi sociali trovata morta in via Santa Caterina PAG. XI Il caso Donna seguita dai servizi sociali trovata morta in via Santa Caterina UNA donna di 56 anni è stata trovata morta ieri sera nella sua abitazione di via Santa Caterina 39. E.G. era afflitta

Dettagli

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne 15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne (e quella degli uomini) Per un maggior sostegno alla maternità e alla paternità 1 UNA TUTELA PER TUTTE LE MAMME L Italia ha uno dei tassi di natalità

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2344 Seduta del 12/09/2014

DELIBERAZIONE N X / 2344 Seduta del 12/09/2014 DELIBERAZIONE N X / 2344 Seduta del 12/09/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

Bessi, la mia vita in Italia chiedo giustizia, mio Signore

Bessi, la mia vita in Italia chiedo giustizia, mio Signore Bessi, la mia vita in Italia chiedo giustizia, mio Signore Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Bessi Soraya Gonzalez Garcia BESSI,

Dettagli

ITALIA NUOVE NORME SULLA PROCREAZIONE ASSISTITA: VIETATA LA FECONDAZIONE ETEROLOGA DI 2003

ITALIA NUOVE NORME SULLA PROCREAZIONE ASSISTITA: VIETATA LA FECONDAZIONE ETEROLOGA DI 2003 727 NUOVE NORME SULLA PROCREAZIONE ASSISTITA: VIETATA LA FECONDAZIONE ETEROLOGA DI 2003 (Progetto di legge, definitivamente approvato il 10.02.2004 num. 47). Nella seduta del 10 febbraio la Camera dei

Dettagli