IL FILO ROSSO DELLE DIFFERENZE DI GENERE. 17 NOVEMBRE 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL FILO ROSSO DELLE DIFFERENZE DI GENERE. 17 NOVEMBRE 2014"

Transcript

1 IL FILO ROSSO DELLE DIFFERENZE DI GENERE. 17 NOVEMBRE 2014 Oggi tentiamo un percorso che attraversando più aspetti che riguardano la vita delle donne, ci faccia capire se queste differenze portano alla donna un vantaggio o solo svantaggi. Il mercato del lavoro, la tutela della maternità, la formazione degli stereotipi, le donne anziane accolte nelle case di riposo sono alcuni degli aspetti che toccheremo. Iniziamo dalla salute delle donne. Tutto quello che accade attorno a noi può avere delle ricadute sulla nostra salute fisica e psicologica. La crisi, la perdita di un lavoro, la necessità di rinunciarvi, l ansia dei figli piccoli e dei genitori anziani, tutti i problemi di conciliazione che tutte conosciamo e che sono conseguenza delle mutazioni socio-demografiche di cui siamo tutte testimoni, affaticano in particolare la vita delle donne con ricadute sulla loro salute.. Visto la campagna itinerante fra i vari territori italiani che la Cgil sta facendo, dal titolo SALVIAMO LA SALUTE, per tenere alta l attenzione sulle problematiche della sanità e della salute in generale, facciamo rientrare questa iniziativa all interno della campagna proprio iniziando a parlare di 1

2 medicina di genere. La salute delle donne merita un approccio diverso da quello che si ha per l uomo: non migliore, maggiore o altro, ma diverso perché siamo diverse. Assume quindi un valore peculiare il termine medicina di genere che non si limita a definire i diversi dosaggi di farmaci a seconda della corporatura, ma fa un passo avanti. L Organizzazione Mondiale della Sanità ha stabilito che, in medicina, il concetto di equità si associa alla capacità di curare l individuo, in quanto essere specifico e appartenente a un determinato genere. Ed è opinione acquisita che proprio la differenza di genere identifichi esigenze diverse sul fronte delle terapie, oltre a influenzare in modo sensibile l accesso, la qualità e l aderenza alle cure stesse. Nel riconoscere questa diversità di esigenze, la Medicina di Genere considera prioritario il diritto delle donne e degli uomini a un assistenza sanitaria e farmacologica specifica, che si basi su un diverso modo di interpretare e valutare la programmazione e la produzione normativa in ambito farmaceutico, sanitario e socio-assistenziale. Il corpo maschile ha sempre costituito, fin dall antichità, la norma, quindi tutto quello che è stato fatto era destinato all uomo; da ciò consegue che i dati ottenuti nell uomo, sono stati traslati immediatamente al femminile, senza tenere conto delle differenze. Solo nel 1991 si è cominciato a riconoscere questo tipo di diversità e su questa si deve continuare a lavorare sia con l inserimento della Medicina di Genere nei percorsi universitari, sia con la formazione degli operatori. In questo senso il tema che emerge si riconduce all appropriatezza delle cure: esso è elemento essenziale in senso generale, cioè rispetto alla riforma sanitaria che è stata approvata e che andremo a verificare, ma anche nell accezione di cura sempre più mirata e personalizzate. 2

3 Oggi non tratteremo della medicina di genere in senso ampio, ma sonderemo la differenza di genere in un ambito specifico che è quello della SSL, ambito particolare perché visto sempre in maniera neutra. Parlando di donne è doveroso parlare di maternità, quella capacità che possiamo considerare la più grande differenza che abbiamo rispetto all uomo. Ci sono donne che i figli li vorrebbero, ma non possono. Ci sono donne che potrebbero averli, ma non li vogliono. Non ci tengono alle nausee, al travaglio, alle notti insonni, alle corse fra casa-asilo-lavoro e ritorno. Poi ci sono le donne che devono rinunciare al lavoro per un figlio e ci sono donne che devono rinunciare a un figlio per il lavoro. È questo il tema più grande: dover decidere se escludere dalla propria vita una parte delle proprie potenzialità, sia quella genitrice oppure lavorativa, oppure vedersi schiacciata dalle mille incombenze che una società che non è costruita a misura di donna, propone. I cambiamenti e le evoluzioni socio demografiche avvenute, hanno avuto molte ricadute spesso negative sulle donne. Troviamo donne che sono già nonne, ma hanno davanti a loro ancora 15 anni di lavoro (questa è una nota autobiografica), anche in virtù l allungamento dell attività lavorativa imposto dalla legge Fornero. Parallelamente ci ritroviamo un sistema welfare che si sta via via restringendo e la funzione vicaria che qualche tempo fa era garantita dalle nonne pensionate, viene meno nelle nonne lavoratrici. Tutto ciò rientra in una sorta di circolo vizioso che favorisce la riduzione del tasso di natalità. È inoltre plausibile supporre che queste donne abbiano dei genitori anziani che, giorno dopo giorno, chiedono più attenzioni e dipendono sempre maggiormente da loro. È evidente la difficoltà a giostrarsi in una situazione che vede queste donne oberate da incombenze, doveri, relazioni. Inoltre, con l obbligo morale di non deludere nessuno, perché è questo che da una donna ci si aspetta. 3

4 Così nell ambito lavorativo: ci si aspetta sia brava, ed è giusto, ma della sua capacità si chiede conferma costantemente, a ogni occasione. Così che una donna si sente costantemente sotto esame. Ineludibile un altro grande tema che fin troppo spesso segna la vita di molte donne. Le donne sono spesso vittime di violenza maschile e lo sono in quanto donne. Una violenza che arriva fino alla sua manifestazione più estrema, una donna uccisa ogni tre giorni per mano, nel 70% dei casi da parte di un marito, un fidanzato o un ex. C è anche quella violenza che la donna non vuole far vedere e maschera denunciando un incidente domestico, una caduta accidentale. Poi c è tutta quella gamma di violenza che non si vede seppur fisica, come la violenze di tipo sessuale oppure quella psicologica, economica, di ricatto che utilizza anche i figli. Tutto ciò solo perché donna e in quanto tale deve soggiacere alla forza maschile che di base nasconde un enorme insicurezza, la cui natura si ricerca ancora nella donna, nel suo cambiamento di ruolo, nella sua emancipazione. Capro espiatorio comunque!!! Ma la violenza ha mille sfaccettature e definirei tale anche il limite alla autodeterminazione. Se si rimane incinta e si decide, la maggior parte delle volte con un enorme sofferenza, di mettere fine a quella gravidanza, si deve affrontare la difficoltà di trovare un equipe che non sia obiettrice di coscienza. Parlo di un equipe perché partiamo addirittura dal farmacista che non vorrebbe venderti neanche la pillola del giorno dopo che è classificata fra i contraccettivi, fino poi ai vari professionisti della sanità che, dopo essere stati assunti in un ospedale pubblico che deve garantire l accesso ai diritti a ogni persona, dichiarano la loro obiezione di coscienza. Sappiamo che in certe zone d Italia questo fenomeno arriva proprio a limitare completamente la libertà della donna, ma anche in FVG ci difendiamo bene, per così dire. A metà settembre un associazione di Padova ha chiesto conto alla Presidente Serracchiani su tre diversi casi avvenuti nell ultimo anno e mezzo, in cui non è 4

5 stata garantita la legge 194. Gli obiettori ginecologi superano abbondantemente il 50% dei ginecologi presenti in regione. Attorno al 30% gli anestesisti e il personale non medico. Questa è la punta di un iceberg che vede alla sua base una scarsissima attenzione ai problemi della donna in generale che negli ultimi anni anche nella nostra Regione si è evidenziata ad esempio con lo svuotamento reale e di significato, dei consultori che si sono visti ridurre il personale e la loro conseguente capacità di risposta ai problemi delle donne e della famiglia in generale. Ovviamente ci attendiamo un sostanziale cambio di verso con questa riforma sanitaria che punta in maniera preponderante sul territorio. Migliori le notizie che arrivano sul versante relativo alla legge 40sulla procreazione medicalmente assistita, approvata fra molte polemiche nel 2004, prevedeva una serie di «paletti» che, in 10 anni, sono stati modificati o eliminati a colpi di sentenze. Ad aprile di quest anno è stata la volta della bocciatura del divieto di fecondazione eterologa da parte della Consulta che ha sancito che quel divieto è incostituzionale. Voglio finire di parlare della violenza sulle donne ricordando che purtroppo è una costante che ritroviamo in tutto il mondo. Cito le schiave rumene violentate nei campi del ragusano: una realtà fatta di violenza, aborti e omertà; il Brasile dove ogni due giorni muore una donna per aborto clandestino perché l aborto non è un diritto, ma nemmeno una priorità della rieletta presidente Dilma Roussef, del partito del lavoro; alla iraniana Reyhaneh che è stata impiccata dopo cinque anni di detenzione nel braccio della morte, perché è riuscita a uccidere il proprio violentatore,come per indicare che la violenza sessuale è un reato dal quale non sia legittimo difendersi con ogni possibile mezzo; per finire con gli stupri di guerra utilizzati quasi fossero un dovere ineludibile. Anche quando le leggi di guerra hanno riconosciuto e proibito le aggressioni sessuali, sono stati eseguiti pochi 5

6 procedimenti giudiziari, considerando di fatto le aggressioni sessuali contro le donne come crimini meno significativi, non degni di accusa. Voglio terminare con un tema qualificante per un sindacato, il lavoro. Sappiamo che l Europa ha una propria strategia riguardo all occupazione femminile. Nel 2000 è stata definita quella di Lisbona che prevedeva fra i vari obiettivi quello di portare l occupazione femminile al 60%. I motivi di questo obiettivo erano molteplici: portare un innalzamento del pil, aumentare la natalità perché dove le donne lavorano e ci sono servizi adeguati si fanno più figli, favorire il circolo virtuoso che deriva dalle necessità delle donnemadri-lavoratrici e che favorisce lo sviluppo di altri posti di lavoro per lo più femminili. La lunghissima crisi economica, tuttora in atto, è stato l ostacolo più consistente perché l obiettivo non sia centrato compiutamente. O meglio, se la media europea si è comunque attestata al 59% nel 2009, il problema sono i dati dei vari Paesi, assolutamente diversi fra loro. Andiamo da un 73,1% della Danimarca (dove si fanno anche più figli) al 46,4% dell Italia.Ora l Europa ha elaborato un altra strategia, anche questa di durata decennale come la precedente, EUROPE 2020, che, per quanto riguarda l occupazione femminile, si è posta un obiettivo più sfuocato e cioè il generico aumento di partecipazione delle donne al mercato del lavoro. Il lavoro è un tema che ha molti aspetti. Cito solo un paio di dati. Nell indice sul gender gap 2014, cioè il divario di genere all interno di un Paese, calcolato dal World Economic Forum, l Italia si trova solo al 69simo posto su 142 Paesi, dietro il Bangladesh e ultima fra i Paesi industrializzati. Solo 129simo per l uguaglianza salariale per il medesimo lavoro. Questo ci fa capire quanta strada dobbiamo percorrere e quanto possiamo dire che ci sentiamo su un tapis roulant: camminiamo da anni, ma siamo sempre più o meno ferme lì!!! 6

7 Noi sappiamo che non è più rinviabile trovare una via d uscita a questa crisi e che questo lo si ottiene con l ascolto e l attiva partecipazione di chi rappresenta il mondo del lavoro. Un mondo che, come si è visto nella grande manifestazione del 25 ottobre, chiede con forza proprio lavoro perché nel lavoro risiede il nostro futuro. Non un lavoro purché sia, ma un lavoro buono e tutelato. Per ottenerlo ci vuole una strategia fatta da un serio piano industriale per il Paese, un vero e proprio Piano per il lavoro, una politica economica espansiva che non può ridursi al taglio delle tasse e della spesa o qualche bonus al posto dei servizi, che necessita di investimenti anche pubblici perché è questo il modo per creare uguaglianza e giustizia sociale. È opportuno uno sforzo da parte di tutti e non solo della parte più debole del mondo del lavoro, cioè i lavoratori e le lavoratrici che hanno già dato in termini di perdita di posti di lavoro e potere d acquisto. Le donne sono pronte a fare la loro parte e ancor di più le donne della Cgil che da sempre si battono per il lavoro e i diritti di tutti, ma anche per il giusto ruolo delle donne, la loro difesa, la loro salute, per la loro autodeterminazione, la libertà di scelta, la presenza attiva e fattiva nei livelli dirigenziali di questa organizzazione e di qualsiasi altra. Il filo rosso, quel file rouge che attraversa la nostra vita e la caratterizza proprio perché diversa e peculiare, non deve essere interpretato come una corda che ci lega e che ci blocca, ma come una sorta di filo d Arianna che ci permette di esplorare il mondo rimanendo sempre ancorate alla realtà. Quella realtà che fa di noi delle persone forti, capaci, indipendenti, libere, sensibili ed emotive, ma sempre disposte a lottare per i diritti di tutti. 7

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI TUTELA DELLA DONNA E DEL FANCIULLO: LEGGE 242/1902 CARCANO Riveste un importanza notevole per aver introdotto il congedo di maternità di un mese dopo il parto, riducibile

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

Eventi rilevanti ed episodi di discriminazione e violenza

Eventi rilevanti ed episodi di discriminazione e violenza Libertà femminile e autodeterminazione Eventi rilevanti ed episodi di discriminazione e violenza 28 agosto 2012 Strasburgo. Fecondazione assistita. La Corte europea dei diritti dell uomo, direttamente

Dettagli

Comitato nazionale delle donne

Comitato nazionale delle donne Comitato nazionale delle donne quando decidiamo noi Premessa - Questo Comitato si costituisce su iniziativa dell UDI - Unione Donne in Italia e ha come temi ed ambiti del proprio agire: le scelte di maternità,

Dettagli

DOCUMENTO. 25 Novembre 2014

DOCUMENTO. 25 Novembre 2014 DOCUMENTO Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: insieme contro la violenza sul lavoro Consigliere di parità dalla parte delle donne e del lavoro 25 Novembre 2014 Promuovere il lavoro

Dettagli

Comune di Rovigo Assessorato alle Pari opportunità

Comune di Rovigo Assessorato alle Pari opportunità Comune di Rovigo Assessorato alle Pari opportunità 8 marzo tutto l anno: bilancio di un anno di attività per le pari opportunità. Relazione dei progetti e delle attività svolte durante il 2008 dall amministrazione

Dettagli

La fragilità delle donne e i riflessi sui minori

La fragilità delle donne e i riflessi sui minori Corso di Formazione Dalla parte delle Donne: Tutela ed assistenza nei casi di violenza Aspetti clinici, psicologici e medico legali (Terza parte) La fragilità delle donne e i riflessi sui minori L Ospedale

Dettagli

La rete territoriale contro la violenza sulle donne di Varese: lavori in corso e priorità per il prossimo futuro

La rete territoriale contro la violenza sulle donne di Varese: lavori in corso e priorità per il prossimo futuro La rete territoriale contro la violenza sulle donne di Varese: lavori in corso e priorità per il prossimo futuro Intervista a Gabriella Sberviglieri, socia fondatrice di EOS onlus, Centro Ascolto e accompagnamento

Dettagli

DALLA TERAPIA ANTICONCEZIONALE ALLA TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA Monica Menichetti Medico Ginecologo ASL11 UOC ostetricia e ginecologia Empoli

DALLA TERAPIA ANTICONCEZIONALE ALLA TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA Monica Menichetti Medico Ginecologo ASL11 UOC ostetricia e ginecologia Empoli DALLA TERAPIA ANTICONCEZIONALE ALLA TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA Monica Menichetti Medico Ginecologo ASL11 UOC ostetricia e ginecologia Empoli il riconoscimento delle differenze biologiche tra uomo e donna

Dettagli

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE VIOLENZA Si intende un azione che reca un danno fisico o psicologico ad uno o più soggetti. Essa, quindi, non implica necessariamente ed esclusivamente un atto fisico (indurre un certo comportamento attraverso

Dettagli

LA SITUAZIONE DELLE DONNE IN ITALIA

LA SITUAZIONE DELLE DONNE IN ITALIA LA SITAZIONE ELLE ONNE IN ITALIA XVII Congresso della CGIL Congresso della FISAC/CGIL FRILI VENEZIA GILIA dine, 13 marzo2014 di Eliana Pellegrini La situazione delle donne in Italia non è assolutamente

Dettagli

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne 15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne (e quella degli uomini) Per un maggior sostegno alla maternità e alla paternità 1 UNA TUTELA PER TUTTE LE MAMME L Italia ha uno dei tassi di natalità

Dettagli

Valeria Maione per Ordine dei geologi Roma, gennaio 2015

Valeria Maione per Ordine dei geologi Roma, gennaio 2015 Valeria Maione per Ordine dei geologi Roma, gennaio 2015 Ambiguità: si trasforma nel tempo da affermazione di diritti che tende a espandere le libertà a limite e frontiera per l esclusione Nella migliore

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità?

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Antinomie degli effetti del movimentismo femminile sulla bioetica Liana M. Daher Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi di Catania daher@unict.it

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: VIOLENZA CONTRO LE DONNE Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE

UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE Attività del gruppo GUE/NGL nella commissione per i diritti delle donne e l uguaglianza di genere del Parlamento europeo Uguaglianza di genere, solidarietà, azione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Occupazione femminile

Occupazione femminile Occupazione femminile Le misure per l inserimento lavorativo delle donne Francesca Di Giovangiulio Struttura Lavoro e Professioni Roma, Corso D Italia, 33 Il lavoro della giornata Quali numeri per le donne

Dettagli

PARTECIPA ANCHE TU IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA

PARTECIPA ANCHE TU IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA PARTECIPA ANCHE TU IL CUG ISPRA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Interventi - Discussione - Confronto Lunedì 25 Novembre Sala Conferenze Brancati 48 Ore 10.00 Il CUG ISPRA ha

Dettagli

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

INVIOLABILITÀ DEL CORPO [lista permutata]

INVIOLABILITÀ DEL CORPO [lista permutata] INVIOLABILITÀ DEL CORPO [lista permutata] Abbandono degli studi Aborto Aborto bianco Aborto spontaneo Aborto terapeutico Aborto volontario Abuso di potere Abuso sessuale Abuso sessuale intrafamiliare Accessibilità

Dettagli

ROMPIAMO IL SILENZIO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Sono caduta dalle scale

ROMPIAMO IL SILENZIO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Sono caduta dalle scale 1 ROMPIAMO IL SILENZIO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Sono caduta dalle scale 2 Sono caduta dalle scale : dietro questa affermazione si nasconde spesso una realtà ben più tragica: una violenza subita da

Dettagli

INVIOLABILITÀ DEL CORPO [presentazione sistematica per aree]

INVIOLABILITÀ DEL CORPO [presentazione sistematica per aree] INVIOLABILITÀ DEL CORPO [presentazione sistematica per aree] 1. corpo-riproduzione 2. corpo-soggettività 3. corpo-soggetti 4. relazioni 5. qualità della vita 6. corpo violato 7. politica 8. strutture di

Dettagli

Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa)

Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa) Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa) 1. Introduzione Questa indagine nasce per fare luce su come il tema delle pari opportunità

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO DELL ON

DICHIARAZIONE DI VOTO DELL ON a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 148 DICHIARAZIONE DI VOTO DELL ON. CENTEMERO IN MERITO ALLA DISCUSSIONE DELLE MOZIONI CONCERNENTI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE

Dettagli

Questione maschile: per una legge di riequilibrio

Questione maschile: per una legge di riequilibrio Questione maschile: per una legge di riequilibrio L Italia soffre di una tenace questione maschile che produce iniquità e ingiustizie, rallenta lo sviluppo vero del Paese e ne dimezza le potenzialità,

Dettagli

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini PREMESSA Il presente Piano di Azione Positive per il triennio 2013/2015,

Dettagli

Statistiche rapide fascicolo 2/2006

Statistiche rapide fascicolo 2/2006 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica Statistiche rapide fascicolo 2/2006 I MOLTI SIGNIFICATI DEL VIVERE COME UNA FAMIGLIA LE UNIONI NON MATRIMONIALI A BRESCIA INTRODUZIONE

Dettagli

25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne

25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne 25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne In Italia una donna su tre, tra i 16 e i 70 anni, nella sua vita è stata vittima della violenza di un uomo. Secondo i dati dell'istat, sono

Dettagli

25 NOVEMBRE: GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. PARTECIPA ANCHE TU!

25 NOVEMBRE: GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. PARTECIPA ANCHE TU! 25 NOVEMBRE: GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. PARTECIPA ANCHE TU! Nonostante il passare degli anni e le varie iniziative legislative, ancora oggi milioni di donne nel Mondo subiscono

Dettagli

Presentazione Progetto

Presentazione Progetto Presentazione Progetto Coordinatore Scientifico: Massimo Annicchiarico Premessa La Violenza contro le Donne è qualunque atto di violenza in base al sesso, o la minaccia di tali atti, che produca o possa

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

La Città delle Donne

La Città delle Donne La Città delle Donne La qualità della vita delle Donne a Milano e una rappresentazione della città basata sulle statistiche di genere Eugenia Bernabei - MeglioMilano Alberto Colorni Politecnico di Milano

Dettagli

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro Proposta di Intesa 27 novembre 2012 LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CGIL, CISL, UIL PREMESSO - che l espressione violenza nei confronti delle donne designa ogni

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale nel contrasto e nello sforzo finalizzato all eliminazione della violenza domestica.

Dettagli

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Manuela Samek Lodovici IRS- Università Cattolica Milano 21 novembre 2013 Diverse forme e contesti di violenza contro le donne,

Dettagli

FERMIAMO LA VIOLENZA SULLE DONNE

FERMIAMO LA VIOLENZA SULLE DONNE FERMIAMO LA VIOLENZA SULLE DONNE Il 25 Novembre, un appuntamento che vorremmo cancellare o meglio vorremmo che si trasformasse in una giornata che segna la fine della violenza sulle donne e non quella

Dettagli

Interventi regionali a contrasto della violenza contro le donne e i minori

Interventi regionali a contrasto della violenza contro le donne e i minori Gruppo Consiliare Forza Italia Consiglio regionale della Toscana TESTO SOSTITUTIVO Proposta di Legge n. 121 Prot. n. 11279/2.6 del 15.09.2006 Testo sostitutivo PdL 121 Interventi regionali a contrasto

Dettagli

tuteliamo la societa femministe movimento gay La Manif Italia genere educ liber identità di genere stereotipo legge-bavaglio azione la famiglia e

tuteliamo la societa femministe movimento gay La Manif Italia genere educ liber identità di genere stereotipo legge-bavaglio azione la famiglia e LA MANIF ITALIA La Manif Italia è un associazione di comuni cittadini senza bandiere di partito, né simboli religiosi che opera per la promozione e la protezione della famiglia. Perché per la famiglia?

Dettagli

I Meeting nazionale. Aspetti socio-psicologici della violenza in famiglia. dott.ssa Sara Pezzuolo sarapezzuolo@libero.it 329.

I Meeting nazionale. Aspetti socio-psicologici della violenza in famiglia. dott.ssa Sara Pezzuolo sarapezzuolo@libero.it 329. I Meeting nazionale Aspetti socio-psicologici della violenza in famiglia. dott.ssa Sara Pezzuolo sarapezzuolo@libero.it 329.9191710 La Famiglia gruppo di persone affiliate da legami consanguinei o legali,

Dettagli

Cittadinanza di genere

Cittadinanza di genere Proposta di legge n. 290 Cittadinanza di genere SOMMARIO PREAMBOLO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO, PRINCIPI E OBBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obbiettivi TITOLO II AZIONI PER LA CONCILIAZIONE

Dettagli

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE VIOLENZA Si intende un azione che reca un danno fisico o psicologico ad uno o più soggetti. Essa, quindi, non implica necessariamente ed esclusivamente un atto fisico (indurre un certo comportamento attraverso

Dettagli

Dott.ssa Rossella Salvati Sostituto Procuratore presso il Tribunale per i minorenni Venezia

Dott.ssa Rossella Salvati Sostituto Procuratore presso il Tribunale per i minorenni Venezia Padova, 18 dicembre 2010 Il ruolo del pubblico ministero per i minorenni: le iniziative giuridiche a tutela dei minori abusati e la necessità di un efficace coordinamento tra istituzioni. Dott.ssa Rossella

Dettagli

2. IL CONSULTORIO FAMILIARE

2. IL CONSULTORIO FAMILIARE 2. IL CONSULTORIO FAMILIARE 2.1 Consultorio familiare a livello nazionale I Consultori Familiari sono stati istituiti con la legge n. 405 del 29 luglio 1975. La decisione politica di istituirli è maturata

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Per una crescita di tutti: formazione, lavoro, conciliazione Alessandra Casarico, Paola Profeta

Dettagli

Contraccezione: tre donne si raccontano. Dati qualitativi

Contraccezione: tre donne si raccontano. Dati qualitativi Contraccezione: tre donne si raccontano. Dati qualitativi A cura di Paola Parenti Psicologa, Direttore del Dipartimento delle Ricerche Motivazionali TNS HEALTHCARE UNO SGUARDO IN PROFONDITÀ SU DONNE E

Dettagli

Presentazione Mai Soli.

Presentazione Mai Soli. Presentazione Mai Soli. Libretto per genitori in Oncoematologia Pediatrica presso la Sede della Fondazione Cassa di Risparmio Di Ferrara Via Cairoli, 13 - Ferrara Rassegna Stampa Associazione di Volontariato

Dettagli

L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra

L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra Cara coppia L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra salute, ma possono anche nuocere alla salute del Vostro partner o del Vostro bambino. In occasione delle

Dettagli

COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile

COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile PROMOTORE, UNIVERSITA MEIER Medicina Integrata Europea e Ricerca E riconosciuta dal MIUR E iscritta

Dettagli

Marina Graziosi. Salute della donna e detenzione

Marina Graziosi. Salute della donna e detenzione 1 Marina Graziosi. Salute della donna e detenzione 1. Il dato di fatto più macroscopico da cui si parte in ogni discorso sulla criminalità femminile è il basso numero di reati commessi dalle donne e la

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE A distanza di ormai 5 anni, era infatti il mese di marzo 2009 quando ha iniziato i suoi lavori, è attiva sul territorio cittadino la

Dettagli

17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese

17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese 17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese ! Che cosa significa violenza di genere?! Quali sono le azioni che la qualificano come violenza di genere? La violenza di genere! La Conferenza

Dettagli

La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI

La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI Patrizia Romito Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA LA CONDIZIONE GIURIDICA DEL MINORE D ETÀ CAPITOLO I

INDICE PARTE PRIMA LA CONDIZIONE GIURIDICA DEL MINORE D ETÀ CAPITOLO I VII PARTE PRIMA LA CONDIZIONE GIURIDICA DEL MINORE D ETÀ LA CONDIZIONE GIURIDICA DEL MINORE D ETÀ 1. La tutela del minore d età fra esigenze di cura e istanze di autodeterminazione... Pag 3 2. Le esigenze

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere.

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere. LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA Cittadinanza di genere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 11 del 6 aprile 2009 Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia VIII LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 23 Presentata dai consiglieri Zorzini, Fontanelli, Petris

Dettagli

BREVE PRONTUARIO SUL MALTRATTAMENTO INTRAFAMILIARE PER I CENTRI DI ASCOLTO AREA MALTRATTAMENTO E GRAVE DISAGIO DELLA DONNA

BREVE PRONTUARIO SUL MALTRATTAMENTO INTRAFAMILIARE PER I CENTRI DI ASCOLTO AREA MALTRATTAMENTO E GRAVE DISAGIO DELLA DONNA BREVE PRONTUARIO SUL MALTRATTAMENTO INTRAFAMILIARE PER I CENTRI DI ASCOLTO AREA MALTRATTAMENTO E GRAVE DISAGIO DELLA DONNA Milano, ottobre 2012 INDICE Area Maltrattamento e grave disagio della donna pag.

Dettagli

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia Sommario XI Premessa alla nuova edizione Capitolo 1 Solidarietà familiare e sicurezza sociale nell assistenza alla famiglia 1 1. L assistenza (nella e) alla famiglia nel diritto delle persone fisiche 6

Dettagli

8 MARZO, GIORNATA DELLA DONNA: NON SOLO MIMOSE, MA DIRITTI E RISPETTO!!!

8 MARZO, GIORNATA DELLA DONNA: NON SOLO MIMOSE, MA DIRITTI E RISPETTO!!! 8 MARZO, GIORNATA DELLA DONNA: NON SOLO MIMOSE, MA DIRITTI E RISPETTO!!! Nell ambito delle iniziative per ricordare la Giornata della donna, gli alunni della 3^ I hanno realizzato un lavoro di ricerca

Dettagli

Il differenziale retributivo in Europa

Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo di genere gender pay gap, misura la differenza relativa alle retribuzioni delle donne e degli uomini, ovvero il risultato delle discriminazioni

Dettagli

Donna, una parola, mille ruoli Questionario

Donna, una parola, mille ruoli Questionario Donna, una parola, mille ruoli Questionario sul ruolo femminile a Cavour, nella società, nella famiglia, nel lavoro Gent.ma cittadina, Fino agli anni sessanta, la donna ha avuto un ruolo subalterno nella

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

La violenza nei confronti delle donne

La violenza nei confronti delle donne Palmanova, 07 aprile 2015 Le molteplici forme della violenza: disparità e discriminazioni in ambito lavorativo Intervento di Chiara Cristini Referente per la pari opportunità La violenza nei confronti

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Violenza contro le donne

Violenza contro le donne Violenza contro le donne La violenza contro le donne, in ogni sua forma, viola i diritti umani e rappresenta un ostacolo significante per l'eguaglianza fra donne e uomini, crea un problema di salute pubblica

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Programma: Promozione di interventi mirati ad incidere sui rischi infortunistici in ambito domestico tra gli anziani e bambini di 0-4 anni Identificativo della Linea

Dettagli

Lo stalking e la violenza nelle relazioni di intimità

Lo stalking e la violenza nelle relazioni di intimità Lo stalking e la violenza nelle relazioni di intimità Angela Romanin Bologna, Convegno AMI, 9 giugno 2011 L occultamento dei dati e della pericolosità della violenza di genere in Italia La prima e unica

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare.

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare. FONDAZIONE GEDAMA onlus organizzazione non lucrativa di utilità sociale - Iscritta nel Registro Prefettizio delle Persone Giuridiche della Prefettura di Bergamo al n. 17 della parte 1^ ( parte generale)

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

IV Congresso nazionale Pdac. Documento La condizione femminile e l'intervento del partito (approvato dal Consiglio nazionale)

IV Congresso nazionale Pdac. Documento La condizione femminile e l'intervento del partito (approvato dal Consiglio nazionale) IV Congresso nazionale Pdac Documento La condizione femminile e l'intervento del partito (approvato dal Consiglio nazionale) La condizione femminile e l'intervento del partito La condizione delle donne

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza

CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza Wilma Geromella Michela Ulcigrai Associazione GOAP Trieste Definizione di violenza domestica (Londra, Regno Unito, 2001) La violenza domestica consiste nell

Dettagli

Dal volontariato al progetto

Dal volontariato al progetto Dal volontariato al progetto 10 anni di storia dell Auser in sintesi 9 Dagli inizi al consolidamento dell organizzazione (1989/1995) 1.a Le motivazioni di una nuova organizzazione L Auser nasce nell 89,

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

VIOLENZA SULLE DONNE Strategia di marketing non convenzionale

VIOLENZA SULLE DONNE Strategia di marketing non convenzionale VIOLENZA SULLE DONNE Strategia di marketing non convenzionale Cristina Agù / Cristina Boscarino / Valentino Chiarla / Alessia Pascarella / Alessandra Russo ANALISI DEL FENOMENO Secondo i dati del Telefono

Dettagli

VIOLENZA DI GENERE. un esclusiva maschile? - Fabio Nestola

VIOLENZA DI GENERE. un esclusiva maschile? - Fabio Nestola VIOLENZA DI GENERE un esclusiva maschile? - Fabio Nestola MOGLI, MADRI, SORELLE, AMANTI Stereotipati e limitativi, sono i ruoli in cui la società rinchiude, storicamente, il destino sociale delle donne,

Dettagli

In questo numero: Diritti umani in primo luogo. www.al-maqdese.org. Introduzione. Risultati del progetto

In questo numero: Diritti umani in primo luogo. www.al-maqdese.org. Introduzione. Risultati del progetto 1 Newsletter mensile pubblicata da: Al-Maqdese per lo sviluppo della società in arabo, inglese, italiano Promozione delle opportunità di pace attraverso la fine dello sfruttamento contro i diritti delle

Dettagli

Area Politiche per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità. Servizi Sistema Integrato Servizi Sociali

Area Politiche per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità. Servizi Sistema Integrato Servizi Sociali R E G I O N E P U G L I A ALL. C Area Politiche per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità Servizi Sistema Integrato Servizi Sociali Via Caduti di Tutte le Guerre, 15-70123

Dettagli

L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat

L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat Maria Giuseppina Muratore Pisa, 26 novembre 2013 Gli omicidi di donne: un quadro costante nel tempo Gli omicidi risultano in forte

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE DEI C.A.V. E DEI M.P.V. UMBRI APPELLO A TUTTI I CANDIDATI ALLE ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE UMBRO

FEDERAZIONE REGIONALE DEI C.A.V. E DEI M.P.V. UMBRI APPELLO A TUTTI I CANDIDATI ALLE ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE UMBRO FEDERAZIONE REGIONALE DEI C.A.V. E DEI M.P.V. UMBRI APPELLO A TUTTI I CANDIDATI ALLE ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE UMBRO Chi ha a cuore il bene comune della Regione in cui vive quando

Dettagli

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009 5.14 IUS POENITENDI E TUTELA DELLA PRIVACY Con ius poenitendi si intende il diritto di cambiare confessione religiosa. Nel nostro ordinamento tale possibilità (implicitamente prevista dall art 19 Cost)

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE CALABRIA LA VIOLENZA SULLE DONNE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE CALABRIA LA VIOLENZA SULLE DONNE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

Curriculum Associazione Belluno-DONNA

Curriculum Associazione Belluno-DONNA Curriculum Associazione Belluno-DONNA 1. L Origine dell Associazione L Associazione Belluno-DONNA onlus è nata nel 2003 dal Gruppo di lavoro sulla violenza alle donne che nel 2001, insieme ai Medici di

Dettagli

8 marzo. Ue: poche donne manager e stipendi piu' bassi, circa il 15% in meno degli uomini.

8 marzo. Ue: poche donne manager e stipendi piu' bassi, circa il 15% in meno degli uomini. Fille@donna 8 marzo UE:poche donne manager e stipendi più bassi. Rapporto ILO :"Sempre più donne tra i lavoratori poveri". Cgil-Cisl-Uil nell'anno europeo delle pari opportunità e giornata internazionale,

Dettagli

Gentile Signora, Gentile Signore,

Gentile Signora, Gentile Signore, Biotech PMA Centro di Procreazione Medicalmente Assistita Numero 050040 del Reg. Naz. PMA presso l Istituto Superiore di Sanità Direttore Sanitario: Dott.ssa Giuliana Bruno Spec. in Ginecologia e ostetricia

Dettagli

Cosa chiede ActionAid al governo italiano?

Cosa chiede ActionAid al governo italiano? Afghanistan e diritti delle donne: domande e risposte Cosa chiede ActionAid al governo italiano? La fase di transizione che prevede il progressivo ritiro delle truppe internazionali è cominciata nel 2011

Dettagli

Cittadella di Assisi, via Ancajani 3 - Assisi (PG)

Cittadella di Assisi, via Ancajani 3 - Assisi (PG) sab. 29 giugno (ore 9,00-23,00) e dom. 30 giugno 2013 (ore 9,00-13,30) Cittadella di Assisi, via Ancajani 3 - Assisi (PG) Buongiorno a tutte e tutti e vorrei subito ringraziare la Pro Civitate Christiana

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 255-336 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La sanità nell anno della crisi Nell anno della crisi emerge una crescita

Dettagli