Esame della Legge 40/ luglio 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esame della Legge 40/2004 9 luglio 2005"

Transcript

1 Esame della Legge 40/ luglio 2005 Carlo Casini Mi propongo di fare un esame giuridico della Legge 40, soprattutto soffermandomi sui punti più controversi, per farne un analisi sostanzialmente di tipo tecnico. Però credo doveroso dire due parole introduttive per ricordare ciò che del resto durante la campagna referendaria credo che più o meno tutti avrete sentito dire più volte, cioè che questa legge è il risultato di un lungo lavoro, non è una legge improvvisata. I lavori di dibattito a livello politico, governativo e parlamentare cominciarono già nel 1985, con la Commissione Santosuosso, 7 anni dopo la nascita di Louise Brown, la prima bambina concepita in provetta, a Londra e nata nel Il dibattito si è poi prolungato attraverso il lavoro di molte altre Commissioni (la Commissione Busnelli, la Commissione Guzzanti), alcune proposte di legge di iniziativa popolare e petizioni popolari. Infine, nella XII Legislatura, presero un avvio più consistente, attraverso la redazione di un testo dedicato al Senato, relatrice l Onorevole Casellati; ma i lavori non riuscirono ad arrivare all aula, sebbene conclusi in Commissione. Nella XIII Legislatura, quella finita nel 2001, le cose sono andate molto avanti, perché c è stata l approvazione di un testo alla Camera; però fu insabbiato al Senato e non riuscì andare oltre l articolo 9. Infine, in questa Legislatura, che è la XIV. Siamo arrivati alla conclusione il 10 febbraio dell anno scorso. Quindi un iter molto lungo. Ricordo questo per spiegare anche alcune imperfezioni della legge, che peraltro, dal mio punto di vista, sono imperfezioni che non toccano l ossatura fondamentale della legge stessa. L impianto fondamentale della legge non ha errori tecnici: ci sono delle imprecisioni, delle ambiguità nella formulazione, ma che riguardano aspetti secondari, la cui presenza nella legge è comprensibile, giustificabile, quando si riveda tutto l iter faticoso per arrivare alla conclusione e soprattutto si riveda l insabbiamento che ci fu nella tredicesima legislatura, quando si decise di fermare la legge per non peggiorarla. L idea di non fare una legge, ma di fare dei regolamenti o comunque di restare in una situazione in cui fosse rimessa soltanto agli operatori sanitari la scelta dei criteri, era molto diffusa e pericolosa. Sottolineerò alcuni aspetti di imperfezione, ma, come vedrete, sono aspetti che non toccano la sostanza della legge e che l interpretazione giurisprudenziale risolve. Qual è il principio fondamentale della legge? La legge fa una scelta, che è poi quella indicata all articolo 1. E che in questa materia, oltre agli interessi degli adulti, bisogna avere riguardo agli interessi dei concepiti. In questo la legge fa una scelta giuridicamente più che corretta, perché è una scelta addirittura imposta dall articolo 3 della Convenzione internazionale sui diritti del fanciullo, siglata nella sede dell ONU il 20 novembre 1989 e ratificata anche dall Italia. All articolo 3 di questa Convenzione si stabilisce che in ogni decisione, presa da enti pubblici o privati, che coinvolga adulti e minori si deve dare prevalente rilievo agli interessi dei minori. Nel caso della fecondazione artificiale, non c è dubbio che è in gioco l interesse degli adulti e anche quello dei minori. La scelta della legge è questa, cioè teniamo conto anche degli interessi dei minori. I principi che sono stabiliti dall articolo 1 rivelano proprio questo contenuto fondamentale. In questo articolo sono sostanzialmente riassunti i tre principi che ispirano la legge. Il primo è quello tanto discusso, cioè il riconoscimento del concepito come soggetto alla pari dei genitori. A questo riguardo, va detto che giuridicamente questa non è affatto una grandissima novità, come comunemente si dice. Il principio che il concepito è un soggetto con dei diritti era già presente nell ordinamento italiano, non tanto all articolo 1 del Codice Civile, articolo controverso. Come voi sapete, l articolo 1 dice che la capacità giuridica si acquista al momento della nascita e aggiunge che i diritti che la legge attribuisce al concepito sono subordinati all evento della nascita. E qui discussioni a non finire dei giuristi su che cosa voglia dire questo: la tesi della condizione sospensiva. Cioè, la personalità giuridica c è, ma è sospesa e si risolve al momento della nascita. Di fatto, le norme del Codice Civile che parlano di diritti del concepito si sviluppano tutte nell ambito patrimoniale, in particolare della proprietà ed ancora più in particolare dell eredità e della donazione. Il concepito può ricevere per testamento, come anche i 1

2 nascituri non concepiti, purché figli di una persona esistente al momento in cui viene decisa la successione, ma non sono eredi necessari. Invece, il concepito è erede necessario, cioè addirittura ha diritto all eredità, anche se non c è testamento e concorre con gli altri eredi. E un concorso obbligatorio, che non può essere escluso: al pari degli altri figli e al pari del coniuge. Questo è già un fatto abbastanza importante, che consente di aprire una serie di discussioni. I giuristi distinguono i diritti di carattere patrimoniale dai diritti di carattere personale. L articolo 1 del Codice Civile, con tutto il dibattito che comporta, riguarda i diritti privati, cioè, ad esempio, quelli di carattere patrimoniale; mentre i diritti personali (il diritto alla vita, il diritto alla salute, il diritto all identità) sono diritti di natura personale e sono semmai garantiti dalla Costituzione, non dal Codice Civile. Per cui, quando si parla di embrione soggetto, non ci interessa tanto dal punto di vista patrimoniale. Sono diritti personali, della persona, che sono costituzionalmente garantiti. Già nell ordinamento giuridico era presente il riconoscimento del carattere di soggetto del concepito. Non mi riferisco soltanto alla dottrina, ma mi riferisco in particolare all interpretazione giurisprudenziale. La stessa sentenza n. 27 del 18 febbraio 1975 (che ha fatto una breccia nel sistema penale e ha decretato penalmente l aborto, salvo il pericolo per la vita della madre), nella prima parte, afferma che la tutela del concepito ha fondamento costituzionale e precisamente nell articolo 2 della Costituzione, che riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell uomo, tra cui non può non ricomprendersi la situazione giuridica del concepito. Qui il riferimento è ai diritti dell uomo. Vero è che questa sentenza, come è a tutti noto, nella seconda parte afferma che ci sono anche altri diritti costituzionalmente garantiti, oltre a quelli del concepito, in particolare il diritto alla salute della donna, e che spesso i diritti della persona costituzionalmente garantiti possono venire in conflitto tra di loro ed in questo caso si affaccia lo stato di necessità. Cioè, può diventare non illegittimo violare alcuni diritti in ragione di altri diritti. Nel caso dell aborto, dice quella sentenza, questo principio deve essere applicato in qualche modo, considerando che la madre è già persona, mentre l embrione ancora persona deve diventare. Il riferimento è evidentemente all articolo 1 del Codice Civile, ma è un riferimento giuridicamente sbagliato. E una strumentalizzazione politica di un dato giuridico, perché il dato giuridico dell articolo 1 del Codice Civile si riferisce appunto non ai diritti della persona, ma ai diritti patrimoniali. Non era in questione il diritto patrimoniale, ma il diritto alla persona costituzionalmente difeso. Ecco forse perché quella sentenza del 1975 usa questa espressione un po equivoca. La ripeto: la tutela del concepito ha fondamento costituzionale e precisamente nell articolo 2 della Costituzione, che riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell uomo, tra cui non può non ricomprendersi la situazione giuridica del concepito. Non ripete il diritto alla vita del concepito, ma la situazione giuridica del concepito (è un espressione non reperibile in altri parti dell ordinamento). Che vuole dire la situazione giuridica? Questo ci riporta all ultima sentenza, della Corte Costituzionale. E la sentenza n. 35 del 10 febbraio E abbastanza importante che l estensore non sia stato un cattolico riconosciuto pubblicamente come tale, ma un socialista, già Ministro della Giustizia, Vassalli. In questa sentenza, per sei volte, si parla espressamente di diritto alla vita del concepito, con riferimento alla Legge 194, della quale si afferma che sarebbe inammissibile farla permanere nell ordine costituzionale, se non si accettasse l idea di un giudizio di bilanciamento fra il diritto alla vita del concepito ed il diritto della madre. Il diritto alla vita del concepito può essere protetto in modo diverso dalla minaccia penale, cioè dal divieto penale, e quindi attraverso un attuazione delle parti preventive della Legge 194, in particolare l articolo 1, che affida allo Stato e agli enti locali il dovere di evitare che l aborto, con la legge ora esaminata, sia usato come mezzo di controllo delle nascite, nonché gli articoli 2 e 3 ed un punto dell articolo 5, il quale dà ai consultori il compito di offrire alternative all aborto. E certo che nella giurisprudenza costituzionale, quasi come esito di una lunga ambiguità, nell ultima sentenza del 1997, è definito chiaramente il diritto alla vita del concepito. Quindi, nell articolo 1 della Legge 40, non c è una novità così straordinaria. E allora va affrontato anche l altro argomento, che viene continuamente ripetuto dai mezzi di comunicazione sociale, cioè come si possa mettere d accordo l articolo 1 della Legge 40 con il sistema giuridico italiano che consente l aborto nella Legge 194. Io ho sostenuto 2

3 durante tutta la campagna referendaria e continuo a sostenere ora che, se noi seguiamo nell interpretazione della Legge 194 non ciò che è stato imposto dai media e dalla cultura radicale, ma ciò che risulta dall interpretazione più autorevole, che è quella della Corte Costituzionale, non c è contrasto tra la Legge 194 e la Legge 40. A me non piace la Legge 194 e, da un punto di vista di morale cristiana, neppure la Legge 40. Anche se difendo a spada tratta la Legge 40 e non difendo affatto la Legge 194. Comunque, dal punto di vista tecnico-giuridico, è possibile sostenere (ed è possibile farlo sulla base della giurisprudenza costituzionale) che non vi è alcun contrasto fra la Legge 194 e la Legge 40. Perché? Perché il principio giuridico adottato dalla Corte Costituzionale, per dire che non è incostituzionale la Legge 194, è appunto quello dello stato di necessità. Lo stato di necessità è il principio giuridico conosciuto in tutti gli ordinamenti per cui, in presenza di un conflitto fra diritti che si trovano in contrasto fra di loro, il sacrificio di un diritto di un soggetto non implica una lesione del diritto penale, purché si tratti di diritti che abbiano un equivalenza fra di loro. Cioè, io non posso sparare al ragazzo che mi ruba le ciliegie per il fatto che le ciliegie sono mie. Ma se io, per salvarmi da un naufragio su un pezzo di legno dove mi trovo, impedisco ad un altro di aggrapparsi perché moriremmo tutti e due, non commetto omicidio. L ordinamento riconosce degli stati di necessità particolari. Per esempio, l obbligo di testimoniare è un obbligo che riguarda i cittadini come tali; ma è previsto che i coniugi (o anche i conviventi, nel nuovo Codice di Procedura Penale), i figli, i parenti stretti possano rifiutarsi di testimoniare, perché si tratta di un diritto di solidarietà verso il parente che potrebbe essere leso da chi testimonia contro di lui. La Corte Costituzionale ha riconosciuto che si può configurare nei confronti dell aborto una situazione di necessità. Il contrasto nasce nell applicazione pratica. Devo dire che questo è un problema vero e attuale. E inutile dire che nessuno vuole mettere in discussione la Legge 194: lo stato della cultura attuale e lo stato delle maggioranze parlamentari non ci consentono ragionevolmente, se vogliamo applicare un sano realismo, di attaccare la Legge 194 seppure io la attaccherei volentieri. Però questo non significa (e questo è un dato realistico) che sia tollerabile ulteriormente lo stato di applicazione attuale o meglio di disapplicazione attuale della Legge 194. La sentenza n. 35 del 10 febbraio 1997 della Corte Costituzionale dice che la Repubblica tutela la vita umana fin dal suo inizio. Non può essere presa come un inutile declamazione, ma deve essere colta dall amministrazione nel suo pieno significato normativo. Non c è bisogno di tornare a discutere, anche se speriamo che si verifichino le condizioni culturali e politiche per farlo. Ma certamente si pone in discussione una serie di fatti. Ad esempio, sentivo poco fa il Prof. Mello parlare dell articolo 7 della Legge 194, che prevede che l aborto, in virtù della presente legge, possa essere effettuato soltanto quando vi è possibilità di vita autonoma e quando vi è pericolo per la vita della madre. La legge non dice 6 mesi, ma parla di possibilità di vita autonoma. Quindi, se la gravidanza è valutabile in concreto come capace di avere uno sbocco di una vita autonoma Cosa vuol dire vita autonoma? Vuol dire che dura per 80 anni o che può svilupparsi ancora per qualche giorno, con grandissimi rischi, ma con qualche ulteriore possibilità di sopravvivenza? La legge dice possibilità, non probabilità e quindi, anche se c è una possibilità su mille, allora non si può fare l aborto se non vi è pericolo per la vita della madre. Se lo si fa, si commette un omicidio volontario. Recentemente un ostetrica mi ha raccontato di essere stata chiamata d urgenza in una sala parto. Essendoci sul tavolo due neonati con segni di vita, ne ha preso uno per portarlo immediatamente in rianimazione e le è stato detto: no, non è quello, è quest altro, quello è un aborto (sic!). Evidentemente uno doveva morire e l altro no. Comunque, queste sono questioni di fatto. Oggi c è in tutto il mondo uno sviluppo, anche in Italia, della giurisprudenza sulla vita prenatale, secondo la quale se chiedi un aborto e il medico fa l aborto, ma non riesce perché non gli è riuscito e nasce un bambino, anche se è sano (il caso non è nuovo, è già avvenuto in Italia), paghi. C è un contratto professionale che va rispettato: se sei incapace, paghi. Ma cos è questo silenzio sul fatto che, se un medico rilascia un certificato che dice che c è una malformazione o un anomalia nel nascituro (i genitori lo volevano questo bambino, non l hanno voluto perché era malato secondo quello che diceva il medico) e poi la malformazione non 3

4 c è, nessuno dice nulla. Non mi risulta che ci sia un solo processo contro chi ha fatto una diagnosi prenatale sbagliata ed un bambino sano è stato eliminato. Non esiste e questo è insolito. Al di là degli aspetti giudiziari, non c è l obbligo di verificare, nel caso di aborto tardivo, di aborto cosiddetto terapeutico, per previsione di malformazioni o anomalie, il riscontro diagnostico, cioè se c erano o se non c erano malformazioni, se era giusto o no ciò che era stato diagnosticato. Secondo voi, chi è che può rispondere, chi è che decide su questo? Non sarebbe giusto che il Ministro nella sua relazione annuale dicesse quali sono le anomalie che si riscontrano più frequentemente? Allora, non c è contrasto con la legge sull aborto, ma c è contrasto con l applicazione pratica. Ho portato solo degli esempi, ma potrei pensare a tutto il funzionamento (o non funzionamento!) dei consultori pubblici, al mancato coordinamento in questa materia, alla mancanza di una vera e propria educazione al rispetto della vita, che sarebbe doverosa in base a quanto nella stessa legge è possibile trovare. Il secondo principio, che si trova sempre nell articolo 1, è quello del limite di queste tecniche ai casi di sterilità o infertilità. Questo è un limite su cui c è ancora molta discussione. La ragione fondamentale di questo limite è che la diagnosi preimpianto comporta rischi molto gravi per il concepito. Non mi soffermo su questo, però voglio dire che non soltanto c è il problema della selezione del portatore di eventuali rischi ereditari rispetto al sano, ma c è anche il rischio di una perdita di numerosi embrioni sani. Mi riferisco a testi di Flamigni e quindi sono sicuro di quello che dico. Questo è un campo scientifico e quindi la ricerca sul modo di combattere le malattie ereditarie deve essere ripresa, ma deve essere ripresa in modo da evitare per quanto possibile l eliminazione dell embrione. Infine, il carattere sussidiario (il terzo principio stabilito dall articolo 1) delle terapie e delle tecniche di fecondazione artificiale rispetto ad altre possibilità. Anche su questo ci sono critiche, ma io penso che effettivamente nella medicina un po tutto sia così. Se io ho una malattia, prima di ricorrere ad un intervento chirurgico, cerco di ricorrere ad una cura farmacologia e solo in caso estremo ricorro all intervento chirurgico. L illustrazione dell articolo 1 mi ha consentito già di parlarvi di molte cose. Un accenno alla famosa questione dell ootide. Dal momento in cui la membrana dello spermatozoo tocca la membrana dell ovocita, immediatamente o quasi immediatamente (è questione di pochissimo tempo) si scatenano una serie di fenomeni, che sono: 1) la chiusura ad ogni altro spermatozoo, 2) l espulsione del secondo globulo polare, 3) la formazione del cosiddetto fuso meiotico, cioè una serie di canali che attirano fra di loro il DNA del padre e quello della madre. Ci sono anche altri fenomeni, ma che adesso è inutile stare a ricordare. Dopo un certo numero di ore (c è chi dice 15, chi dice 30 e chi dice 36), avviene l allineamento dei cromosomi maschili e femminili. Il problema è: dal punto di vista tecnico giuridico che cosa conta? Conta questa distanza maggiore o minore dei cromosomi maschili e femminili o conta il fatto che un processo è avviato in modo irreversibile (se nessuno lo ferma dall esterno), che dipende da un interrelazione dei gameti, anche se sono a distanza fra di loro? Mi fermo qui per dire come la questione si ponga oggi a livello di Comitato Nazionale per la Bioetica. Veniamo a qualche altra questione tra le più importanti che riguardano la Legge 40. Adesso parlo solo di questioni squisitamente giuridiche. L articolo 5, come voi sapete, consente l accesso alle tecniche di fecondazione artificiale soltanto alle coppie maggiorenni ed eterosessuali viventi. Allora, qui si apre una serie di questioni, che leggo sui giornali, ma che si risolvono in quattro balletti. La prima questione è questa. Articolo di "La Repubblica": io sono la mamma di un embrione, che è stato già formato diverso tempo fa e adesso mi tocca buttarlo via, perché l embrione è eterologo e non si può più fare la fecondazione eterologa. E sbagliato, perché la legge dice che la fecondazione eterologa non si può cominciare; non che non si può portare avanti la fecondazione eterologa che è già avvenuta: c è già un concepito e quindi, in questo caso, è nello spirito e nella logica della legge che si arrivi a conclusione. Lo stesso vale in molti altri casi in cui ci siano limiti di accesso, ma se l embrione già c è si può fare. La medesima cosa vale per la questione del post mortem. Se l embrione già c è, anche se muore il padre o la madre, si può fare ugualmente. Una questione più delicata è quella della convivenza la legge dice coppia convivente. Questo consentirebbe facilmente una frode perché una donna sola, che volesse avere un figlio con queste tecniche, 4

5 violando l articolo 5, potrebbe trovare qualcuno che le donasse il seme, dire che è il suo convivente e la cosa sarebbe fatta. La legge non dice stabilmente. Con l ultima legge sull adozione approvata nel 2001, voi sapete che, per adottare un bambino, di regola, bisogna essere coniugati stabilmente da più di 3 anni, non separati, né divorziati. Allora qualcuno diceva: perché non si stabilisce la stessa regola riguardo alla convivenza? La ragione per cui si è lasciata la formula che veniva dalla Camera (cioè, possono accedere coppie coniugate o conviventi), senza ulteriore aggiunta, è stata in parte dovuta al bisogno di non rinviare la legge di nuovo alla Camera su questioni sostanziali. Ma c è stata una questione sostanziale molto più importante, che è quella che oggi è in gioco in Parlamento, cioè il problema dei registri dello stato civile. Se voi dite conviventi da almeno 3 anni, voi dovete fare i registri, cioè dovete stabilire con certezza il momento in cui questa coppia comincia a convivere. Quindi c è una ragione di fondo, sostanzialmente di tipo etico, che ha suggerito di non mettere questo, valutando poi una serie di cose che la gente non sa e che vanno dette. Sul concetto di convivenza c è una giurisprudenza ormai ricca ed abbondante. Lasciamo stare la questione degli omosessuali, ma parlando della coppia convivente la giurisprudenza, sia ordinaria che costituzionale, intende la coppia convivente more uxorio, cioè stabilmente convivente, contrassegnata dalla coabitazione, da un assistenza reciproca e durevole e da un intenzione di durevolezza della convivenza stessa, non occasionale. Quando c è questa convivenza, l ordinamento, sia nelle sue leggi che nella giurisprudenza, già prevede una serie di rilevanze. Facciamo qualche esempio. Risarcimento del danno: se in un incidente stradale si ammazza il convivente, è un danno e si paga c è il dovere dell assistenza. Locazione: specialmente se ci sono figli: la Corte Costituzionale ha dichiarato incostituzionale la norma che non consente il trapasso del rapporto di locazione dall uno all altro. Affidamento dei figli: anche se non c è matrimonio, un convivente può, in quanto padre o madre dei figli, continuare ad abitare nell alloggio dell altro perché gli sono stati affidati i figli. Servizio militare: dispensa dal servizio militare, quando era obbligatorio, se c era convivenza. Una legge del Codice di Procedura Penale dispensa dal testimoniare non solo i coniugi, ma anche i conviventi. Cioè, voglio dire che ci sono già nel sistema una quantità di norme che suppongono la convivenza stabile di uomo e donna (per gli omosessuali è un altra questione) e non c è affatto bisogno quindi di ricorrere ad ulteriori specificazioni, creando rischi per l istituzione del matrimonio come tale. Questo è molto importante anche in ordine al prossimo dibattito. E l eredità? Chi proibisce di fare il testamento a favore del convivente? Quindi, questo esiste già nel sistema e si superano quelle difficoltà poste dall Art. 5. Vorrei dire qualcosa anche sull Art. 6 e la famosa questione dell obbligo di trasferimento. L Art. 6, come voi sapete, stabilisce le regole del consenso informato. La coppia deve essere informata su tutti i rischi e le conseguenze giuridiche, economiche, ecc. Alla fine la coppia, dopo questo colloquio, deve firmare una dichiarazione in cui chiede di procedere alla fecondazione assistita, che deve essere firmata congiuntamente da tutti e due. Deve firmare anche il medico. L Art. 6 dice che questa richiesta può essere fatta dopo che si è formato l embrione. Su questo punto si sono scatenate le critiche alla legge. Qual è la ragione? Evidentemente, c è un essere umano (il figlio), che è stato generato per concorde volontà lungamente meditata. Perché, a differenza della richiesta dell aborto, dove la richiesta è fatta dopo un colloquio ma è un colloquio qui si tratta di una decisione presa dopo una lunga meditazione, probabilmente di anni, certamente di mesi. Ciò significa che l autodeterminazione, cioè la decisione libera di volere un figlio, è stata lungamente meditata e pensata. C è un figlio e scatta l Art. 30 della Costituzione. Questa è la logica di fondo, che è una logica diversa da quella della legge 194, che suppone una gravidanza non desiderata. Qui c è una gravidanza lungamente desiderata, lungamente voluta. L autodeterminazione, secondo il modo di pensare abortista, non si è espressa in una gravidanza non desiderata (quindi: io non la volevo la gravidanza, ma ce l ho ). Si dice a torto che le linee guida avrebbero stabilito il principio della incoercibilità, cioè che questo non dovere di farsi costruire l embrione è stato stabilito dalle linee guida del Ministro del Non è vero. Il Ministro mai avrebbe potuto fare un decreto contro la legge. Il problema è che l applicazione di un trattamento sanitario obbligatorio sarebbe sempre possibile solo se la legge l avesse previsto. La stessa legge del 78 sull ordinamento sanitario 5

6 nazionale. Nessuno può essere sottoposto a trattamenti coercitivi, anche se di tipo sanitario, se non sono previsti dalla legge. Allora, quando si dice ma la norma dell Art. 6 è una norma ridicola perché una norma che stabilisce un dovere e poi non stabilisce una cosa da realizzare con la forza, che norma è? I giuristi conoscono quattro categorie di norme giuridiche, tra cui le norme precettive. Le leggi che dicono che potresti essere punito, ma non sono in condizione né di punirti, né di ricondurti alla situazione precedente. Ad esempio, l obbligo di rispettare i genitori: ma se non li rispetto i genitori, che mi fa lo Stato? Allora, questa norma ha un valore precettivo, indicativo della volontà, ma non è una norma che punisce. Certamente, la cosa ridicola che si è detta è: ma se una donna si rifiuta? Se una donna si rifiuta, fa un atto illecito, ma certamente non ne risponde il medico. Il medico dovrà, io credo, in base al principio dello stato di necessità, accertare la situazione, ma non è che commette un reato. Del resto, la stessa legge all Art. 14 consente il congelamento degli embrioni quando, per una causa sopravvenuta e imprevedibile prima dell inizio della tecnica e di carattere sanitario, sia impossibile effettuare il trasferimento del concepito. In realtà, un ordine del giorno approvato dopo la legge dice che si deve intendere che la norma è estesa a tutte le ipotesi di stato di necessità. 6

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE?

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? Quando si ha l inseminazione e la fecondazione artificiali omologhe? Quando lo spermatozoo e l ovulo provengono dalla stessa

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 725 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori RIPAMONTI, PALERMI, SILVESTRI e TIBALDI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GIUGNO 2006 Modifiche alla legge 19 febbraio

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3022 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori TOMASSINI e BIANCONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 6 LUGLIO 2004 Integrazioni alla legge 19 febbraio 2004, n.

Dettagli

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA Martedì 7 giugno 2005, dalle ore 15 alle ore 20, si è svolto il 3 convegno alla Camera dei Deputati dell Associazione Nazionale ConVoglio Valori (per il 1

Dettagli

ITALIA NUOVE NORME SULLA PROCREAZIONE ASSISTITA: VIETATA LA FECONDAZIONE ETEROLOGA DI 2003

ITALIA NUOVE NORME SULLA PROCREAZIONE ASSISTITA: VIETATA LA FECONDAZIONE ETEROLOGA DI 2003 727 NUOVE NORME SULLA PROCREAZIONE ASSISTITA: VIETATA LA FECONDAZIONE ETEROLOGA DI 2003 (Progetto di legge, definitivamente approvato il 10.02.2004 num. 47). Nella seduta del 10 febbraio la Camera dei

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 684 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI Riconoscimento giuridico di diritti, responsabilità e facoltà

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore DE LILLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 FEBBRAIO 2009 Disposizioni in materia di regolamentazione del diritto

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1888

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1888 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 1888 Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, in materia di procreazione medicalmente assistita 13/10/2015-08:13 Indice 1. DDL S. 1888 - XVII Leg. 1 1.1.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE. d iniziativa dei senatori GASPARRI, QUAGLIARIELLO e BIANCONI

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE. d iniziativa dei senatori GASPARRI, QUAGLIARIELLO e BIANCONI SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA N. DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GASPARRI, QUAGLIARIELLO e BIANCONI Modifica all'articolo 1 del Codice Civile, in materia di riconoscimento della soggettività

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN. Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN. Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2337 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme in materia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2592 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARZANO, CAPUA, FASSINA, GALGANO, GRIBAUDO, GIUSEPPE GUERINI, LA MARCA, LAFORGIA, LAVAGNO,

Dettagli

Consenso Informato alla Fecondazione in Vitro con Ovociti Scongelati Id /

Consenso Informato alla Fecondazione in Vitro con Ovociti Scongelati Id / Ai sensi della legge del 19 febbraio 2004, n. 40 e della sentenza 151/2009 della Corte Costituzionale del 31/03/2009 Noi sottoscritti: (Donna) nata a il (Uomo) nato a il Dichiariamo di essere coniugati

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAMBALE, NOVELLI, DIVELLA, GIACCO, LUMIA, MANGIACAVALLO, SAONARA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAMBALE, NOVELLI, DIVELLA, GIACCO, LUMIA, MANGIACAVALLO, SAONARA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati N. 1365 CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GAMBALE, NOVELLI, DIVELLA, GIACCO, LUMIA, MANGIACAVALLO, SAONARA Norme in materia di tutela

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Legge 19 Febbraio 2004 n 40

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Legge 19 Febbraio 2004 n 40 PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Legge 19 Febbraio 2004 n 40 Finalità Art. 1: Al fine di favorire la soluzione di problemi riproduttivi derivanti dalla sterilità o dalla fertilità umana è consentito

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XVII CAPITOLO PRIMO PROFILI GENERALI Guida bibliografica... 3 1. Premessa... 7 2. La famiglia come formazione sociale... 9 2.1. Il precedente sistema giusfamiliare...

Dettagli

Medicina della Riproduzione

Medicina della Riproduzione Pagina 1 di 6 Dichiarazione di consenso informato per Procreazione Medicalmente Assistita ai sensi legge 19 febbraio 2004, n 40 ai sensi del Decreto Ministeriale n 336 16 dicembre 2004 Ministeri Salute

Dettagli

Città nuova n 3/2005. Antonio Maria Baggio

Città nuova n 3/2005. Antonio Maria Baggio Città nuova n 3/2005 Antonio Maria Baggio Per la democrazia e la vita I referendum che vogliono modificare la legge sulla procreazione medicalmente assistita attaccano fondamentali diritti della persona

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRIGNONE, CIVATI, ANDREA MAESTRI, PASTORINO, MATARRELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRIGNONE, CIVATI, ANDREA MAESTRI, PASTORINO, MATARRELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3599 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRIGNONE, CIVATI, ANDREA MAESTRI,

Dettagli

dichiarazione anticipata di trattamento Testamento biologico Contesto giuridico in Italia

dichiarazione anticipata di trattamento Testamento biologico Contesto giuridico in Italia La dichiarazione anticipata di trattamento (alias Testamento biologico, o più variamente testamento di vita, direttive anticipate, volontà previe di trattamento) è l espressione della volontà da parte

Dettagli

3. Tribunale Cagliari 16 luglio 2005. Viene sollevata la questione di

3. Tribunale Cagliari 16 luglio 2005. Viene sollevata la questione di Indice delle pronunce sulla legge 40 del 2004 (aggiornato al 15 febbraio 2013 a cura dell Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica) 1. Ordinanza del Tribunale di Catania 3 maggio

Dettagli

E Monica Soldano, presidente di una delle associazioni promotrici del ricorso, Madre Provetta, a darne notizia.

E Monica Soldano, presidente di una delle associazioni promotrici del ricorso, Madre Provetta, a darne notizia. {mosimage}il TAR del Lazio ha giudicato illegittime le linee guida della Legge 40, la legge che regolamenta in Italia la fecondazione artificiale. La parte contestata sulla quale si è pronunciato il Tar

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BOCCIARDO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BOCCIARDO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4800 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BOCCIARDO Norme in materia di adozione degli embrioni crioconservati in stato di oggettivo

Dettagli

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012 La nascita indesiderata Reggio Calabria 2012 La giurisprudenza sulla nascita indesiderata Cass. 12195 /1998 Principi generali Il danno va considerato causato dall illecito (art. 1223 c.c.) quando pur non

Dettagli

Tecniche avanzate di PMA

Tecniche avanzate di PMA Procreazione medicalmente assistita e legge 40/04 Tecniche avanzate di PMA FIVET fecondazione in vitro ed embrio-transfer ICSI intra-citoplasmatic sperm injection GIFT gamete intra-fallopian transfer ZIFT

Dettagli

Area Preconcezionale

Area Preconcezionale Pagina 1 di 6 Dichiarazione di consenso informato per Procreazione Medicalmente Assistita ai sensi della legge 19 febbraio 2004, n 40 ai sensi del Decreto Ministeriale n 336 16 dicembre 2004 Ministeri

Dettagli

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp 393 8992913

Dettagli

INDICE - SOMMARIO ANDREA BARENGHI CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE

INDICE - SOMMARIO ANDREA BARENGHI CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE Prefazione di GUIDO ALPA... pag. XI ANDREA BARENGHI CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE 1. Premessa... pag. 1 2. Compiti e obiettivi del legislatore del 2004...» 2 3. Su alcune caratteristiche dell impianto legislativo...»

Dettagli

Procreazione medicalmente assistita, tra polemiche e dibattiti. Analisi della legge 40.

Procreazione medicalmente assistita, tra polemiche e dibattiti. Analisi della legge 40. a cura dell avv. p. Serena Minervini con breve introduzione dell avv. p. Mario Tocci Procreazione medicalmente assistita, tra polemiche e dibattiti. a cura dell avv. p. Serena Minervini con breve introduzione

Dettagli

Legge 40, il no della Consulta al divieto di eterologa

Legge 40, il no della Consulta al divieto di eterologa Legge 40, il no della Consulta al divieto di eterologa aggiornamento di mercoledì 9 aprile Il divieto di fecondazione eterologa è incostituzionale. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale che ha dichiarato

Dettagli

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità?

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Antinomie degli effetti del movimentismo femminile sulla bioetica Liana M. Daher Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi di Catania daher@unict.it

Dettagli

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: normativa nazionale, compiti delle Regioni ed esperienze legislative straniere A cura di: Luigia Alessandrelli e Sabrina

Dettagli

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE Prefazione...................................... v Introduzione..................................... 1 Parte prima BIOETICA GENERALE Capitolo I CHE COSA È LA BIOETICA 1. Definizione di bioetica e suo statuto

Dettagli

Normativa Progetto di legge Gran Bretagna Sì Sì Danimarca Sì sì Norvegia Sì Sì Svezia Sì sì Italia Sì sì Spagna Sì Sì Portogallo Sì sì Francia Sì Sì

Normativa Progetto di legge Gran Bretagna Sì Sì Danimarca Sì sì Norvegia Sì Sì Svezia Sì sì Italia Sì sì Spagna Sì Sì Portogallo Sì sì Francia Sì Sì Parte specifica Parere del Comitato etico provinciale sull uso di cellule staminali embrionali con particolare riferimento alla diagnosi genetica preimpianto (ingl. preimplantation genetic diagnosis =

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

Procreazione umana Aiuto all infertilità Fecondazione assistita. Ramón Lucas Lucas, L.C. lucas@unigre.it www.ramonlucas.org

Procreazione umana Aiuto all infertilità Fecondazione assistita. Ramón Lucas Lucas, L.C. lucas@unigre.it www.ramonlucas.org Procreazione umana Aiuto all infertilità Fecondazione assistita Ramón Lucas Lucas, L.C. lucas@unigre.it www.ramonlucas.org 1 La procreazione umana P Ovogenesi e spermatogenesi P Fecondazione: fusione dei

Dettagli

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile.

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile. I TRAPIANTI Diversamente dall eutanasia, il tema dei trapianti ha una storia più recente. Esso è anzi legato alle prospettive aperte dalla cultura medica nella nostra contemporaneità. Oggi è possibile

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA?

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? Oggi la scienza può interferire coi processi riproduttivi, e modificarli in vitro al di fuori delle loro modalità naturali. Preliminarmente dobbiamo allora

Dettagli

Corso di sterilità: approccio aggiornato alla gestione della. Gli aspetti legislativi

Corso di sterilità: approccio aggiornato alla gestione della. Gli aspetti legislativi Corso di sterilità: approccio aggiornato alla gestione della diagnosi e terapia dell infertilità. Gli aspetti legislativi E. Feliciani; A.P. Ferraretti; L. Gianaroli S.I.S.Me.R. Bologna Modena, 25 Marzo

Dettagli

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA Cendon / Book Collana diretta da Bruno de Filippis I DIRITTI DEL PRIMO LIBRO DEL CODICE CIVILE 02 2014 I DIRITTI DELLA PERSONA LEGISLAZIONE E PROSPETTIVE Bruno de Filippis Edizione NOVEMBRE 2014 Copyright

Dettagli

Il bilanciamento tra interessi in alcune sentenze in materia di procreazione medicalmente assistita

Il bilanciamento tra interessi in alcune sentenze in materia di procreazione medicalmente assistita Il bilanciamento tra interessi in alcune sentenze in materia di procreazione medicalmente assistita R. Abicca Questo intervento si propone di presentare alcuni esempi di analisi interpretativa e di bilanciamento

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE

CONSENSO INFORMATO. Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE Pag. 1/7 DICHIARAZIONE DI RELATIVO ALLA DONAZIONE VOLONTARIA DI SEME FINALIZZATO A TRATTAMENTO DI Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE Nel rispetto dei principi e delle

Dettagli

Come e perché compilare la Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT) a cura della Provincia di Pisa

Come e perché compilare la Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT) a cura della Provincia di Pisa Come e perché compilare la Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT) a cura della Provincia di Pisa Perché la Provincia istituisce il Registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento? La Provincia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DEIANA, VALPIANA, TITTI DE SIMONE, MASCIA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DEIANA, VALPIANA, TITTI DE SIMONE, MASCIA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2162 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DEIANA, VALPIANA, TITTI DE SIMONE, MASCIA Istituzione presso il Ministero della salute di

Dettagli

Introduzione. I due scopi della legge 40 e la prevalenza dei diritti del figlio

Introduzione. I due scopi della legge 40 e la prevalenza dei diritti del figlio testo a cura di Carlo Casini 1 1. Introduzione. I due scopi della legge 40 e la prevalenza dei diritti del figlio C ome negli anni precedenti la relazione presentata al Parlamento ai sensi dell art. 15

Dettagli

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI P&D.IT La terza sezione della Corte di Cassazione interviene sulla vexata questio

Dettagli

CONVEGNO ASEAP Facsimile del Depliant originale (in questa pagina la 4^ e 1^ facciata; nella pagina seguente la 2^ e 3^ facciata)

CONVEGNO ASEAP Facsimile del Depliant originale (in questa pagina la 4^ e 1^ facciata; nella pagina seguente la 2^ e 3^ facciata) CONVEGNO ASEAP Facsimile del Depliant originale (in questa pagina la 4^ e 1^ facciata; nella pagina seguente la 2^ e 3^ facciata) più giù.: quattro pagine di relazione sul Convegno con foto L embrione

Dettagli

I figli sono tutti uguali. Un disegno di legge del Governo e un provvedimento del Senato avviano la riforma della filiazione Gianfranco Dosi

I figli sono tutti uguali. Un disegno di legge del Governo e un provvedimento del Senato avviano la riforma della filiazione Gianfranco Dosi I figli sono tutti uguali. Un disegno di legge del Governo e un provvedimento del Senato avviano la riforma della filiazione Gianfranco Dosi I figli sono tutti uguali. E questo il senso della riforma che

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Città di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Città di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Città di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ COPIA CONFORME Codice n. 10965 Data: 31/05/2005 CC N. 35 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO

Dettagli

Dossier informativo a cura della sezione pisana della Consulta di Bioetica Onlus

Dossier informativo a cura della sezione pisana della Consulta di Bioetica Onlus Dossier informativo a cura della sezione pisana della Consulta di Bioetica Onlus Autodeterminazione alla fine della vita: che ne è del testamento biologico? Pisa, 1 febbraio 2012 1 Nota introduttiva La

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MUSSOLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MUSSOLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4405 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MUSSOLINI Disciplina della convivenza familiare e norme in materia di filiazione e di successione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAPEZZONE, BELTRANDI, D ELIA, MELLANO, PORETTI, TURCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAPEZZONE, BELTRANDI, D ELIA, MELLANO, PORETTI, TURCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1246 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CAPEZZONE, BELTRANDI, D ELIA, MELLANO, PORETTI, TURCO Modifiche al codice civile e altre

Dettagli

Grillini Titti De Simone 1 Rivolta Titti De Simone 2. Patto Civile di Solidarietà e Unione di Fatto. Patto civile di solidarietà

Grillini Titti De Simone 1 Rivolta Titti De Simone 2. Patto Civile di Solidarietà e Unione di Fatto. Patto civile di solidarietà Grillini Titti De Simone 1 Rivolta Titti De Simone 2 3296 Ottobre 2002 3308 Ottobre 2002 4334 Ottobre 2003 5321 Ottobre 2004 Titolo proposta Ispirazione Obiettivi Patto Civile di Solidarietà e Unione di

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5122 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disciplina della

Dettagli

La bioetica tra fede e ragione

La bioetica tra fede e ragione La bioetica tra fede e ragione PROF. ANDREA PORCARELLI D o c e n t e d i P e d a g o g i a g e n e r a l e e s o c i a l e a l l U n i v e r s i t à d i P a d o v a D o c e n t e d i E t i c a g e n e

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE nistrazione della pubblica sicurezza, compresa l Arma dei carabinieri e le altre forze messe a disposizione dalle autorita' provinciali di pubblica sicurezza, e per il Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

Dettagli

INDICE-SOMMARIO PARTE I LA PROCREAZIONE CAPITOLO I LA TUTELA DELLE ORIGINI DELLA VITA

INDICE-SOMMARIO PARTE I LA PROCREAZIONE CAPITOLO I LA TUTELA DELLE ORIGINI DELLA VITA Premessa alla seconda edizione............................. IX PARTE I LA PROCREAZIONE CAPITOLO I LA TUTELA DELLE ORIGINI DELLA VITA I temi del dibattito contemporaneo 1. Il dibattito contemporaneo sull

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

LA FECONDAZIONE ARTIFICIALE

LA FECONDAZIONE ARTIFICIALE LA FECONDAZIONE ARTIFICIALE Bioeticista, Presidente Movimento PER Politica Etica Responsabilità, Vice Presidente della Commissione Cultura della Regione Lazio, Presidente WWALF World Women s Alliance for

Dettagli

INDICE GENERALE CAPITOLO PRIMO

INDICE GENERALE CAPITOLO PRIMO XI Prefazione... V CAPITOLO PRIMO Continua l evoluzione della medicina con i suoi benefici, i suoi rischi ed i danni ed aumenta il contenzioso giudiziario nell incertezza del diritto 1. Introduzione...

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Sabato, 06 giugno 2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante

RASSEGNA STAMPA. Sabato, 06 giugno 2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante RASSEGNA STAMPA Sabato, 06 giugno 2015 Il Sole 24 Ore 1 Procreazione assistita: generare figli sani è un diritto inviolabile 2 Niente doppia sanzione sugli incarichi Il Secolo XIX - Ed. Levante 1 La Cassazione:

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 2084. Disciplina delle unioni civili. d iniziativa dei senatori CALIENDO, CARDIELLO e ZIZZA

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 2084. Disciplina delle unioni civili. d iniziativa dei senatori CALIENDO, CARDIELLO e ZIZZA Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2084 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori CALIENDO, CARDIELLO e ZIZZA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 OTTOBRE 2015 Disciplina delle unioni civili TIPOGRAFIA

Dettagli

CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI

CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI INDICE - SOMMARIO Presentazione di PIETRO PERLINGIERI 3 CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI Gli status personae e familiae nella giurisprudenza delle

Dettagli

Il Cammino. È fondamentale per noi riuscire a seguire al meglio in tutto il suo cammino ogni coppia desiderosa di concepire un bambino.

Il Cammino. È fondamentale per noi riuscire a seguire al meglio in tutto il suo cammino ogni coppia desiderosa di concepire un bambino. Il Cammino Per noi esseri umani i figli sono sinonimo di felicità e amore. Per molte coppie sono l'espressione vivente del loro rapporto e il suo completamento. Accade però sempre più spesso che il desiderio

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE CONSENSO INFORMATO Partecipazione attiva del soggetto malato Rapporto Medico Paziente a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE Conoscenza del proprio stato di salute Conoscenza delle

Dettagli

Lezione 20 marzo 2013

Lezione 20 marzo 2013 Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Giurisprudenza Anno Accademico 2012-13 Corso Diritto, scienza, nuove tecnologie Lezione 20 marzo 2013 NTR (a) La stampa e l'utilizzo di lucidi e di materiali

Dettagli

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI Il Parlamento ha approvato la legge che istituisce l unione civile tra persone dello stesso sesso e disciplina le convivenze di fatto. Per quanto

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 61 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori EUFEMI, CUTRUFO, CICCANTI, MELELEO, RONCONI, GABURRO e ZANOLETTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1º GIUGNO 2001 (*)

Dettagli

Indice delle pronunce sulla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 "Norme in materia di procreazione medicalmente assistita 1.

Indice delle pronunce sulla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 Norme in materia di procreazione medicalmente assistita 1. Indice delle pronunce sulla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 "Norme in materia di procreazione medicalmente assistita 1. 1. Ordinanza del Tribunale di Catania 3 maggio 2004 Negato il diritto ad eseguire la

Dettagli

Giorgio Aldo Maccaroni. Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza

Giorgio Aldo Maccaroni. Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza Giorgio Aldo Maccaroni Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza Alcune riflessioni alla luce della nuova normativa AIDIF Copyright edizione e-book 2015 di Pro Aidif s.a.s. Via Salaria,

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Ragionevolezza del divieto di procreazione assistita eterologa, fra ordinamento italiano e CEDU

Ragionevolezza del divieto di procreazione assistita eterologa, fra ordinamento italiano e CEDU Ragionevolezza del divieto di procreazione assistita eterologa, fra ordinamento italiano e CEDU di Stefano Catalano, ricercatore di Diritto costituzionale nell Università degli Studi di Milano Sommario:

Dettagli

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE IV LA COMPETENZA CIVILE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI IN MATERIA DI ADOZIONI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA BOZZA N. 112 DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa del senatore TOMASSINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 6 GIUGNO 2001 Norme in materia di procreazione assistita TIPOGRAFIA

Dettagli

LA PERSONA E LA FAMIGLIA: RIASSUNTO DELLE PROBLEMATICHE TRATTATE A LEZIONE.

LA PERSONA E LA FAMIGLIA: RIASSUNTO DELLE PROBLEMATICHE TRATTATE A LEZIONE. LA PERSONA E LA FAMIGLIA: RIASSUNTO DELLE PROBLEMATICHE TRATTATE A LEZIONE. 1 LA PERSONA. I DIRITTI DELLA PERSONALITA. La categoria dei diritti della personalità. Nozione. Fonti: La Cedu, la Costituzione,

Dettagli

Caro candidato noi ti chiediamo...

Caro candidato noi ti chiediamo... Caro candidato noi ti chiediamo... A fianco del Manifesto politico proposto dal Forum (e pubblicato nelle pagine precedenti) come Movimento per la vita proponiamo ai candidati quattro impegni che approfondiscono

Dettagli

Consenso Informato alla Fecondazione in Vitro Id /

Consenso Informato alla Fecondazione in Vitro Id / Ai sensi di: Legge del 19 febbraio 2004 n. 40/2004 (G.U. n. 45 del 24/02/2004) Decreto 16 dicembre 2004 n.336 (G.U. n. 42 del 21/02/2005) Sentenza della Corte Costituzionale del 31 marzo 2009 n.151/2009

Dettagli

CONSIDERAZIONI TECNICHE DI SINTESI SULLA SENTENZA 162/14

CONSIDERAZIONI TECNICHE DI SINTESI SULLA SENTENZA 162/14 CONSIDERAZIONI TECNICHE DI SINTESI SULLA SENTENZA 162/14 A cura degli avvocati Gianni Baldini e Filomena Gallo entrambi difensori incidente di costituzionalità Tribunale di Firenze e rispettivamente Segretario

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 12

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 12 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 12 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche alla legge 20 maggio 1985, n. 222, in

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO INDICE XV Aggiornamento. Disegno di legge delega sullo status giuridico dei figli INTRODUZIONE Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE di GILDA FERRANDO 3 1. Le linee evolutive 7 2. I diritti del bambino

Dettagli

Indice delle pronunce sulla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 "Norme in materia di procreazione medicalmente assistita 1.

Indice delle pronunce sulla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 Norme in materia di procreazione medicalmente assistita 1. Indice delle pronunce sulla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 "Norme in materia di procreazione medicalmente assistita 1. 1. Ordinanza del Tribunale di Catania 3 maggio 2004 Negato il diritto ad eseguire la

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LOCATELLI, DI LELLO, DI GIOIA, PASTORELLI, MARZANO, BRANDOLIN. Disciplina delle unioni civili

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LOCATELLI, DI LELLO, DI GIOIA, PASTORELLI, MARZANO, BRANDOLIN. Disciplina delle unioni civili Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2342 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LOCATELLI, DI LELLO, DI GIOIA, PASTORELLI, MARZANO, BRANDOLIN Disciplina delle unioni civili

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1819

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1819 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 1819 Modifica all'articolo 1 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di reintegrazione della cittadinanza in favore delle donne che l'hanno perduta

Dettagli

Adriano Pessina. Aborto dopo la nascita? Confutazione di una tesi filosofica che equipara aborto a infanticidio.

Adriano Pessina. Aborto dopo la nascita? Confutazione di una tesi filosofica che equipara aborto a infanticidio. Adriano Pessina Aborto dopo la nascita? Confutazione di una tesi filosofica che equipara aborto a infanticidio. Premessa: questo testo intende analizzare e confutare alcune tesi proposte nell articolo

Dettagli

Ministero della salute

Ministero della salute Ministero della salute Ufficio Legislativo Audizione del Sig. Ministro della salute CAMERA DEPUTATI COMMISSIONE XII ( Sala del Mappamondo) 29 luglio 2014, ore 14.30 Iniziative del Governo conseguenti alla

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "ilquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Matilde Soana Supervisione di Sofia Macchiavelli

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5579 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BONGIORNO, CARFAGNA Modifiche agli articoli 576 e 577 del codice penale, in materia di circostanze

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 2161. Disposizioni in materia di procreazione medicalmente assistita

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 2161. Disposizioni in materia di procreazione medicalmente assistita Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2161 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SCAVONE e COMPAGNONE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 9 DICEMBRE 2015 Disposizioni in materia di procreazione medicalmente

Dettagli

Vita e Diritto: questioni di principio

Vita e Diritto: questioni di principio LA NUOVA REGALDI, MOVIMENTO PER LA VITA, CENTRO DI AIUTO ALLA VITA DI NOVARA, CONSULTORIO COMOLI Procreazione assistita: quattro referendum che impegnano la coscienza Vita e Diritto: questioni di principio

Dettagli

INDICE. Prefazione...p. La filiazione: profili generali... 1

INDICE. Prefazione...p. La filiazione: profili generali... 1 INDICE Prefazione...p. XV La filiazione: profili generali... 1 I AZIONE DI DISCONOSCIMENTO DELLA PATERNITÀ Introduzione... 9 1 Disconoscimento della paternità in caso di mancata prova dell adulterio della

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della Senatrice Emilia Grazia De Biasi Pina Maturani, Giorgio Tonini, Nerina Dirindin Norme in materia di procreazione medicalmente

Dettagli

Procura della Repubblica di Bolzano DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE

Procura della Repubblica di Bolzano DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE PRINCIPIO DI CUI ALL ART. 32 COSTITUZIONE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività

Dettagli