Esame della Legge 40/ luglio 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esame della Legge 40/2004 9 luglio 2005"

Transcript

1 Esame della Legge 40/ luglio 2005 Carlo Casini Mi propongo di fare un esame giuridico della Legge 40, soprattutto soffermandomi sui punti più controversi, per farne un analisi sostanzialmente di tipo tecnico. Però credo doveroso dire due parole introduttive per ricordare ciò che del resto durante la campagna referendaria credo che più o meno tutti avrete sentito dire più volte, cioè che questa legge è il risultato di un lungo lavoro, non è una legge improvvisata. I lavori di dibattito a livello politico, governativo e parlamentare cominciarono già nel 1985, con la Commissione Santosuosso, 7 anni dopo la nascita di Louise Brown, la prima bambina concepita in provetta, a Londra e nata nel Il dibattito si è poi prolungato attraverso il lavoro di molte altre Commissioni (la Commissione Busnelli, la Commissione Guzzanti), alcune proposte di legge di iniziativa popolare e petizioni popolari. Infine, nella XII Legislatura, presero un avvio più consistente, attraverso la redazione di un testo dedicato al Senato, relatrice l Onorevole Casellati; ma i lavori non riuscirono ad arrivare all aula, sebbene conclusi in Commissione. Nella XIII Legislatura, quella finita nel 2001, le cose sono andate molto avanti, perché c è stata l approvazione di un testo alla Camera; però fu insabbiato al Senato e non riuscì andare oltre l articolo 9. Infine, in questa Legislatura, che è la XIV. Siamo arrivati alla conclusione il 10 febbraio dell anno scorso. Quindi un iter molto lungo. Ricordo questo per spiegare anche alcune imperfezioni della legge, che peraltro, dal mio punto di vista, sono imperfezioni che non toccano l ossatura fondamentale della legge stessa. L impianto fondamentale della legge non ha errori tecnici: ci sono delle imprecisioni, delle ambiguità nella formulazione, ma che riguardano aspetti secondari, la cui presenza nella legge è comprensibile, giustificabile, quando si riveda tutto l iter faticoso per arrivare alla conclusione e soprattutto si riveda l insabbiamento che ci fu nella tredicesima legislatura, quando si decise di fermare la legge per non peggiorarla. L idea di non fare una legge, ma di fare dei regolamenti o comunque di restare in una situazione in cui fosse rimessa soltanto agli operatori sanitari la scelta dei criteri, era molto diffusa e pericolosa. Sottolineerò alcuni aspetti di imperfezione, ma, come vedrete, sono aspetti che non toccano la sostanza della legge e che l interpretazione giurisprudenziale risolve. Qual è il principio fondamentale della legge? La legge fa una scelta, che è poi quella indicata all articolo 1. E che in questa materia, oltre agli interessi degli adulti, bisogna avere riguardo agli interessi dei concepiti. In questo la legge fa una scelta giuridicamente più che corretta, perché è una scelta addirittura imposta dall articolo 3 della Convenzione internazionale sui diritti del fanciullo, siglata nella sede dell ONU il 20 novembre 1989 e ratificata anche dall Italia. All articolo 3 di questa Convenzione si stabilisce che in ogni decisione, presa da enti pubblici o privati, che coinvolga adulti e minori si deve dare prevalente rilievo agli interessi dei minori. Nel caso della fecondazione artificiale, non c è dubbio che è in gioco l interesse degli adulti e anche quello dei minori. La scelta della legge è questa, cioè teniamo conto anche degli interessi dei minori. I principi che sono stabiliti dall articolo 1 rivelano proprio questo contenuto fondamentale. In questo articolo sono sostanzialmente riassunti i tre principi che ispirano la legge. Il primo è quello tanto discusso, cioè il riconoscimento del concepito come soggetto alla pari dei genitori. A questo riguardo, va detto che giuridicamente questa non è affatto una grandissima novità, come comunemente si dice. Il principio che il concepito è un soggetto con dei diritti era già presente nell ordinamento italiano, non tanto all articolo 1 del Codice Civile, articolo controverso. Come voi sapete, l articolo 1 dice che la capacità giuridica si acquista al momento della nascita e aggiunge che i diritti che la legge attribuisce al concepito sono subordinati all evento della nascita. E qui discussioni a non finire dei giuristi su che cosa voglia dire questo: la tesi della condizione sospensiva. Cioè, la personalità giuridica c è, ma è sospesa e si risolve al momento della nascita. Di fatto, le norme del Codice Civile che parlano di diritti del concepito si sviluppano tutte nell ambito patrimoniale, in particolare della proprietà ed ancora più in particolare dell eredità e della donazione. Il concepito può ricevere per testamento, come anche i 1

2 nascituri non concepiti, purché figli di una persona esistente al momento in cui viene decisa la successione, ma non sono eredi necessari. Invece, il concepito è erede necessario, cioè addirittura ha diritto all eredità, anche se non c è testamento e concorre con gli altri eredi. E un concorso obbligatorio, che non può essere escluso: al pari degli altri figli e al pari del coniuge. Questo è già un fatto abbastanza importante, che consente di aprire una serie di discussioni. I giuristi distinguono i diritti di carattere patrimoniale dai diritti di carattere personale. L articolo 1 del Codice Civile, con tutto il dibattito che comporta, riguarda i diritti privati, cioè, ad esempio, quelli di carattere patrimoniale; mentre i diritti personali (il diritto alla vita, il diritto alla salute, il diritto all identità) sono diritti di natura personale e sono semmai garantiti dalla Costituzione, non dal Codice Civile. Per cui, quando si parla di embrione soggetto, non ci interessa tanto dal punto di vista patrimoniale. Sono diritti personali, della persona, che sono costituzionalmente garantiti. Già nell ordinamento giuridico era presente il riconoscimento del carattere di soggetto del concepito. Non mi riferisco soltanto alla dottrina, ma mi riferisco in particolare all interpretazione giurisprudenziale. La stessa sentenza n. 27 del 18 febbraio 1975 (che ha fatto una breccia nel sistema penale e ha decretato penalmente l aborto, salvo il pericolo per la vita della madre), nella prima parte, afferma che la tutela del concepito ha fondamento costituzionale e precisamente nell articolo 2 della Costituzione, che riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell uomo, tra cui non può non ricomprendersi la situazione giuridica del concepito. Qui il riferimento è ai diritti dell uomo. Vero è che questa sentenza, come è a tutti noto, nella seconda parte afferma che ci sono anche altri diritti costituzionalmente garantiti, oltre a quelli del concepito, in particolare il diritto alla salute della donna, e che spesso i diritti della persona costituzionalmente garantiti possono venire in conflitto tra di loro ed in questo caso si affaccia lo stato di necessità. Cioè, può diventare non illegittimo violare alcuni diritti in ragione di altri diritti. Nel caso dell aborto, dice quella sentenza, questo principio deve essere applicato in qualche modo, considerando che la madre è già persona, mentre l embrione ancora persona deve diventare. Il riferimento è evidentemente all articolo 1 del Codice Civile, ma è un riferimento giuridicamente sbagliato. E una strumentalizzazione politica di un dato giuridico, perché il dato giuridico dell articolo 1 del Codice Civile si riferisce appunto non ai diritti della persona, ma ai diritti patrimoniali. Non era in questione il diritto patrimoniale, ma il diritto alla persona costituzionalmente difeso. Ecco forse perché quella sentenza del 1975 usa questa espressione un po equivoca. La ripeto: la tutela del concepito ha fondamento costituzionale e precisamente nell articolo 2 della Costituzione, che riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell uomo, tra cui non può non ricomprendersi la situazione giuridica del concepito. Non ripete il diritto alla vita del concepito, ma la situazione giuridica del concepito (è un espressione non reperibile in altri parti dell ordinamento). Che vuole dire la situazione giuridica? Questo ci riporta all ultima sentenza, della Corte Costituzionale. E la sentenza n. 35 del 10 febbraio E abbastanza importante che l estensore non sia stato un cattolico riconosciuto pubblicamente come tale, ma un socialista, già Ministro della Giustizia, Vassalli. In questa sentenza, per sei volte, si parla espressamente di diritto alla vita del concepito, con riferimento alla Legge 194, della quale si afferma che sarebbe inammissibile farla permanere nell ordine costituzionale, se non si accettasse l idea di un giudizio di bilanciamento fra il diritto alla vita del concepito ed il diritto della madre. Il diritto alla vita del concepito può essere protetto in modo diverso dalla minaccia penale, cioè dal divieto penale, e quindi attraverso un attuazione delle parti preventive della Legge 194, in particolare l articolo 1, che affida allo Stato e agli enti locali il dovere di evitare che l aborto, con la legge ora esaminata, sia usato come mezzo di controllo delle nascite, nonché gli articoli 2 e 3 ed un punto dell articolo 5, il quale dà ai consultori il compito di offrire alternative all aborto. E certo che nella giurisprudenza costituzionale, quasi come esito di una lunga ambiguità, nell ultima sentenza del 1997, è definito chiaramente il diritto alla vita del concepito. Quindi, nell articolo 1 della Legge 40, non c è una novità così straordinaria. E allora va affrontato anche l altro argomento, che viene continuamente ripetuto dai mezzi di comunicazione sociale, cioè come si possa mettere d accordo l articolo 1 della Legge 40 con il sistema giuridico italiano che consente l aborto nella Legge 194. Io ho sostenuto 2

3 durante tutta la campagna referendaria e continuo a sostenere ora che, se noi seguiamo nell interpretazione della Legge 194 non ciò che è stato imposto dai media e dalla cultura radicale, ma ciò che risulta dall interpretazione più autorevole, che è quella della Corte Costituzionale, non c è contrasto tra la Legge 194 e la Legge 40. A me non piace la Legge 194 e, da un punto di vista di morale cristiana, neppure la Legge 40. Anche se difendo a spada tratta la Legge 40 e non difendo affatto la Legge 194. Comunque, dal punto di vista tecnico-giuridico, è possibile sostenere (ed è possibile farlo sulla base della giurisprudenza costituzionale) che non vi è alcun contrasto fra la Legge 194 e la Legge 40. Perché? Perché il principio giuridico adottato dalla Corte Costituzionale, per dire che non è incostituzionale la Legge 194, è appunto quello dello stato di necessità. Lo stato di necessità è il principio giuridico conosciuto in tutti gli ordinamenti per cui, in presenza di un conflitto fra diritti che si trovano in contrasto fra di loro, il sacrificio di un diritto di un soggetto non implica una lesione del diritto penale, purché si tratti di diritti che abbiano un equivalenza fra di loro. Cioè, io non posso sparare al ragazzo che mi ruba le ciliegie per il fatto che le ciliegie sono mie. Ma se io, per salvarmi da un naufragio su un pezzo di legno dove mi trovo, impedisco ad un altro di aggrapparsi perché moriremmo tutti e due, non commetto omicidio. L ordinamento riconosce degli stati di necessità particolari. Per esempio, l obbligo di testimoniare è un obbligo che riguarda i cittadini come tali; ma è previsto che i coniugi (o anche i conviventi, nel nuovo Codice di Procedura Penale), i figli, i parenti stretti possano rifiutarsi di testimoniare, perché si tratta di un diritto di solidarietà verso il parente che potrebbe essere leso da chi testimonia contro di lui. La Corte Costituzionale ha riconosciuto che si può configurare nei confronti dell aborto una situazione di necessità. Il contrasto nasce nell applicazione pratica. Devo dire che questo è un problema vero e attuale. E inutile dire che nessuno vuole mettere in discussione la Legge 194: lo stato della cultura attuale e lo stato delle maggioranze parlamentari non ci consentono ragionevolmente, se vogliamo applicare un sano realismo, di attaccare la Legge 194 seppure io la attaccherei volentieri. Però questo non significa (e questo è un dato realistico) che sia tollerabile ulteriormente lo stato di applicazione attuale o meglio di disapplicazione attuale della Legge 194. La sentenza n. 35 del 10 febbraio 1997 della Corte Costituzionale dice che la Repubblica tutela la vita umana fin dal suo inizio. Non può essere presa come un inutile declamazione, ma deve essere colta dall amministrazione nel suo pieno significato normativo. Non c è bisogno di tornare a discutere, anche se speriamo che si verifichino le condizioni culturali e politiche per farlo. Ma certamente si pone in discussione una serie di fatti. Ad esempio, sentivo poco fa il Prof. Mello parlare dell articolo 7 della Legge 194, che prevede che l aborto, in virtù della presente legge, possa essere effettuato soltanto quando vi è possibilità di vita autonoma e quando vi è pericolo per la vita della madre. La legge non dice 6 mesi, ma parla di possibilità di vita autonoma. Quindi, se la gravidanza è valutabile in concreto come capace di avere uno sbocco di una vita autonoma Cosa vuol dire vita autonoma? Vuol dire che dura per 80 anni o che può svilupparsi ancora per qualche giorno, con grandissimi rischi, ma con qualche ulteriore possibilità di sopravvivenza? La legge dice possibilità, non probabilità e quindi, anche se c è una possibilità su mille, allora non si può fare l aborto se non vi è pericolo per la vita della madre. Se lo si fa, si commette un omicidio volontario. Recentemente un ostetrica mi ha raccontato di essere stata chiamata d urgenza in una sala parto. Essendoci sul tavolo due neonati con segni di vita, ne ha preso uno per portarlo immediatamente in rianimazione e le è stato detto: no, non è quello, è quest altro, quello è un aborto (sic!). Evidentemente uno doveva morire e l altro no. Comunque, queste sono questioni di fatto. Oggi c è in tutto il mondo uno sviluppo, anche in Italia, della giurisprudenza sulla vita prenatale, secondo la quale se chiedi un aborto e il medico fa l aborto, ma non riesce perché non gli è riuscito e nasce un bambino, anche se è sano (il caso non è nuovo, è già avvenuto in Italia), paghi. C è un contratto professionale che va rispettato: se sei incapace, paghi. Ma cos è questo silenzio sul fatto che, se un medico rilascia un certificato che dice che c è una malformazione o un anomalia nel nascituro (i genitori lo volevano questo bambino, non l hanno voluto perché era malato secondo quello che diceva il medico) e poi la malformazione non 3

4 c è, nessuno dice nulla. Non mi risulta che ci sia un solo processo contro chi ha fatto una diagnosi prenatale sbagliata ed un bambino sano è stato eliminato. Non esiste e questo è insolito. Al di là degli aspetti giudiziari, non c è l obbligo di verificare, nel caso di aborto tardivo, di aborto cosiddetto terapeutico, per previsione di malformazioni o anomalie, il riscontro diagnostico, cioè se c erano o se non c erano malformazioni, se era giusto o no ciò che era stato diagnosticato. Secondo voi, chi è che può rispondere, chi è che decide su questo? Non sarebbe giusto che il Ministro nella sua relazione annuale dicesse quali sono le anomalie che si riscontrano più frequentemente? Allora, non c è contrasto con la legge sull aborto, ma c è contrasto con l applicazione pratica. Ho portato solo degli esempi, ma potrei pensare a tutto il funzionamento (o non funzionamento!) dei consultori pubblici, al mancato coordinamento in questa materia, alla mancanza di una vera e propria educazione al rispetto della vita, che sarebbe doverosa in base a quanto nella stessa legge è possibile trovare. Il secondo principio, che si trova sempre nell articolo 1, è quello del limite di queste tecniche ai casi di sterilità o infertilità. Questo è un limite su cui c è ancora molta discussione. La ragione fondamentale di questo limite è che la diagnosi preimpianto comporta rischi molto gravi per il concepito. Non mi soffermo su questo, però voglio dire che non soltanto c è il problema della selezione del portatore di eventuali rischi ereditari rispetto al sano, ma c è anche il rischio di una perdita di numerosi embrioni sani. Mi riferisco a testi di Flamigni e quindi sono sicuro di quello che dico. Questo è un campo scientifico e quindi la ricerca sul modo di combattere le malattie ereditarie deve essere ripresa, ma deve essere ripresa in modo da evitare per quanto possibile l eliminazione dell embrione. Infine, il carattere sussidiario (il terzo principio stabilito dall articolo 1) delle terapie e delle tecniche di fecondazione artificiale rispetto ad altre possibilità. Anche su questo ci sono critiche, ma io penso che effettivamente nella medicina un po tutto sia così. Se io ho una malattia, prima di ricorrere ad un intervento chirurgico, cerco di ricorrere ad una cura farmacologia e solo in caso estremo ricorro all intervento chirurgico. L illustrazione dell articolo 1 mi ha consentito già di parlarvi di molte cose. Un accenno alla famosa questione dell ootide. Dal momento in cui la membrana dello spermatozoo tocca la membrana dell ovocita, immediatamente o quasi immediatamente (è questione di pochissimo tempo) si scatenano una serie di fenomeni, che sono: 1) la chiusura ad ogni altro spermatozoo, 2) l espulsione del secondo globulo polare, 3) la formazione del cosiddetto fuso meiotico, cioè una serie di canali che attirano fra di loro il DNA del padre e quello della madre. Ci sono anche altri fenomeni, ma che adesso è inutile stare a ricordare. Dopo un certo numero di ore (c è chi dice 15, chi dice 30 e chi dice 36), avviene l allineamento dei cromosomi maschili e femminili. Il problema è: dal punto di vista tecnico giuridico che cosa conta? Conta questa distanza maggiore o minore dei cromosomi maschili e femminili o conta il fatto che un processo è avviato in modo irreversibile (se nessuno lo ferma dall esterno), che dipende da un interrelazione dei gameti, anche se sono a distanza fra di loro? Mi fermo qui per dire come la questione si ponga oggi a livello di Comitato Nazionale per la Bioetica. Veniamo a qualche altra questione tra le più importanti che riguardano la Legge 40. Adesso parlo solo di questioni squisitamente giuridiche. L articolo 5, come voi sapete, consente l accesso alle tecniche di fecondazione artificiale soltanto alle coppie maggiorenni ed eterosessuali viventi. Allora, qui si apre una serie di questioni, che leggo sui giornali, ma che si risolvono in quattro balletti. La prima questione è questa. Articolo di "La Repubblica": io sono la mamma di un embrione, che è stato già formato diverso tempo fa e adesso mi tocca buttarlo via, perché l embrione è eterologo e non si può più fare la fecondazione eterologa. E sbagliato, perché la legge dice che la fecondazione eterologa non si può cominciare; non che non si può portare avanti la fecondazione eterologa che è già avvenuta: c è già un concepito e quindi, in questo caso, è nello spirito e nella logica della legge che si arrivi a conclusione. Lo stesso vale in molti altri casi in cui ci siano limiti di accesso, ma se l embrione già c è si può fare. La medesima cosa vale per la questione del post mortem. Se l embrione già c è, anche se muore il padre o la madre, si può fare ugualmente. Una questione più delicata è quella della convivenza la legge dice coppia convivente. Questo consentirebbe facilmente una frode perché una donna sola, che volesse avere un figlio con queste tecniche, 4

5 violando l articolo 5, potrebbe trovare qualcuno che le donasse il seme, dire che è il suo convivente e la cosa sarebbe fatta. La legge non dice stabilmente. Con l ultima legge sull adozione approvata nel 2001, voi sapete che, per adottare un bambino, di regola, bisogna essere coniugati stabilmente da più di 3 anni, non separati, né divorziati. Allora qualcuno diceva: perché non si stabilisce la stessa regola riguardo alla convivenza? La ragione per cui si è lasciata la formula che veniva dalla Camera (cioè, possono accedere coppie coniugate o conviventi), senza ulteriore aggiunta, è stata in parte dovuta al bisogno di non rinviare la legge di nuovo alla Camera su questioni sostanziali. Ma c è stata una questione sostanziale molto più importante, che è quella che oggi è in gioco in Parlamento, cioè il problema dei registri dello stato civile. Se voi dite conviventi da almeno 3 anni, voi dovete fare i registri, cioè dovete stabilire con certezza il momento in cui questa coppia comincia a convivere. Quindi c è una ragione di fondo, sostanzialmente di tipo etico, che ha suggerito di non mettere questo, valutando poi una serie di cose che la gente non sa e che vanno dette. Sul concetto di convivenza c è una giurisprudenza ormai ricca ed abbondante. Lasciamo stare la questione degli omosessuali, ma parlando della coppia convivente la giurisprudenza, sia ordinaria che costituzionale, intende la coppia convivente more uxorio, cioè stabilmente convivente, contrassegnata dalla coabitazione, da un assistenza reciproca e durevole e da un intenzione di durevolezza della convivenza stessa, non occasionale. Quando c è questa convivenza, l ordinamento, sia nelle sue leggi che nella giurisprudenza, già prevede una serie di rilevanze. Facciamo qualche esempio. Risarcimento del danno: se in un incidente stradale si ammazza il convivente, è un danno e si paga c è il dovere dell assistenza. Locazione: specialmente se ci sono figli: la Corte Costituzionale ha dichiarato incostituzionale la norma che non consente il trapasso del rapporto di locazione dall uno all altro. Affidamento dei figli: anche se non c è matrimonio, un convivente può, in quanto padre o madre dei figli, continuare ad abitare nell alloggio dell altro perché gli sono stati affidati i figli. Servizio militare: dispensa dal servizio militare, quando era obbligatorio, se c era convivenza. Una legge del Codice di Procedura Penale dispensa dal testimoniare non solo i coniugi, ma anche i conviventi. Cioè, voglio dire che ci sono già nel sistema una quantità di norme che suppongono la convivenza stabile di uomo e donna (per gli omosessuali è un altra questione) e non c è affatto bisogno quindi di ricorrere ad ulteriori specificazioni, creando rischi per l istituzione del matrimonio come tale. Questo è molto importante anche in ordine al prossimo dibattito. E l eredità? Chi proibisce di fare il testamento a favore del convivente? Quindi, questo esiste già nel sistema e si superano quelle difficoltà poste dall Art. 5. Vorrei dire qualcosa anche sull Art. 6 e la famosa questione dell obbligo di trasferimento. L Art. 6, come voi sapete, stabilisce le regole del consenso informato. La coppia deve essere informata su tutti i rischi e le conseguenze giuridiche, economiche, ecc. Alla fine la coppia, dopo questo colloquio, deve firmare una dichiarazione in cui chiede di procedere alla fecondazione assistita, che deve essere firmata congiuntamente da tutti e due. Deve firmare anche il medico. L Art. 6 dice che questa richiesta può essere fatta dopo che si è formato l embrione. Su questo punto si sono scatenate le critiche alla legge. Qual è la ragione? Evidentemente, c è un essere umano (il figlio), che è stato generato per concorde volontà lungamente meditata. Perché, a differenza della richiesta dell aborto, dove la richiesta è fatta dopo un colloquio ma è un colloquio qui si tratta di una decisione presa dopo una lunga meditazione, probabilmente di anni, certamente di mesi. Ciò significa che l autodeterminazione, cioè la decisione libera di volere un figlio, è stata lungamente meditata e pensata. C è un figlio e scatta l Art. 30 della Costituzione. Questa è la logica di fondo, che è una logica diversa da quella della legge 194, che suppone una gravidanza non desiderata. Qui c è una gravidanza lungamente desiderata, lungamente voluta. L autodeterminazione, secondo il modo di pensare abortista, non si è espressa in una gravidanza non desiderata (quindi: io non la volevo la gravidanza, ma ce l ho ). Si dice a torto che le linee guida avrebbero stabilito il principio della incoercibilità, cioè che questo non dovere di farsi costruire l embrione è stato stabilito dalle linee guida del Ministro del Non è vero. Il Ministro mai avrebbe potuto fare un decreto contro la legge. Il problema è che l applicazione di un trattamento sanitario obbligatorio sarebbe sempre possibile solo se la legge l avesse previsto. La stessa legge del 78 sull ordinamento sanitario 5

6 nazionale. Nessuno può essere sottoposto a trattamenti coercitivi, anche se di tipo sanitario, se non sono previsti dalla legge. Allora, quando si dice ma la norma dell Art. 6 è una norma ridicola perché una norma che stabilisce un dovere e poi non stabilisce una cosa da realizzare con la forza, che norma è? I giuristi conoscono quattro categorie di norme giuridiche, tra cui le norme precettive. Le leggi che dicono che potresti essere punito, ma non sono in condizione né di punirti, né di ricondurti alla situazione precedente. Ad esempio, l obbligo di rispettare i genitori: ma se non li rispetto i genitori, che mi fa lo Stato? Allora, questa norma ha un valore precettivo, indicativo della volontà, ma non è una norma che punisce. Certamente, la cosa ridicola che si è detta è: ma se una donna si rifiuta? Se una donna si rifiuta, fa un atto illecito, ma certamente non ne risponde il medico. Il medico dovrà, io credo, in base al principio dello stato di necessità, accertare la situazione, ma non è che commette un reato. Del resto, la stessa legge all Art. 14 consente il congelamento degli embrioni quando, per una causa sopravvenuta e imprevedibile prima dell inizio della tecnica e di carattere sanitario, sia impossibile effettuare il trasferimento del concepito. In realtà, un ordine del giorno approvato dopo la legge dice che si deve intendere che la norma è estesa a tutte le ipotesi di stato di necessità. 6

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Marcella Pirrone. Convivenza o Matrimonio? Una scelta consapevole

Marcella Pirrone. Convivenza o Matrimonio? Una scelta consapevole Marcella Pirrone Convivenza o Matrimonio? Una scelta consapevole Impressum: Novembre 2004 A cura di: Comune di Bolzano Assessorato alle Politiche Sociali e alle Pari Opportunità Progetto: Ufficio Famiglia,

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi.

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. 6 maggio 2013 Perché l embrione umano è già uno di noi Comitato italiano UNO DI NOI Lungotevere dei Vallati 10, 00186

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori Giovani e violenza Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e dei direttori

Dettagli

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 UN PO DI STORIA Nel corso degli ultimi anni, in un numero crescente di scuole medie superiori

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO PRIMA SEZIONE CASO S. H. E ALTRI c. AUSTRIA (Ricorso n 57813/00) SENTENZA STRASBURGO 1 aprile 2010 Pendente alla Grande Camera domanda di deferimento

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA?

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? Che cos'è il matrimonio? È quella speciale comunione di vita e d'amore tra un uomo e una donna, in cui si attuano particolari

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

DICHIARAZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO (D.A.T.) AFFERMO SOLENNEMENTE

DICHIARAZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO (D.A.T.) AFFERMO SOLENNEMENTE CITTA DI VITTORIA DICHIARAZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO (D.A.T.) Ai sensi dell articolo 32 della Costituzione Italiana, io sottoscritto/a......... nato/a a...... Prov...... il............... residente

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

Frontiere della democrazia: bioetica,

Frontiere della democrazia: bioetica, Frontiere della democrazia: bioetica, diritti e decisione pubblica Giuditta Brunelli Università di Ferrara 1. Legge parlamentare e rappresentanza politica come concetti problematici 2. Una necessaria distinzione:

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO)

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr.

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della giustizia, provvedimento in più punti discutibile ma adottato nella forma più opportuna

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli