Trasmittanza termica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trasmittanza termica"

Transcript

1 Trasmittanza termica Che cosa è la trasmittanza termica Trasmissione del calore e trasmittanza termica La trasmittanza termica secondo la norma UNI EN ISO 6946/2008 Il calcolo della trasmittanza secondo l attuale norma UNI EN ISO 6946/2008 Le resistenze termiche superficiali Conduttività termica dei materiali Resistenza termica delle intercapedini d'aria Trasmittanza e isolamento termico Le formule precedenti alla norma UNI EN ISO 6946/2008 Le adduttanze La conduttanza Influenza del materiale isolante sul valore della trasmittanza Tecniche di isolamento di una parete perimetrale Trasmittanza di alcuni tipi di parete perimetrale Esempi di calcolo per una parete a cassavuota Esempi di calcolo per una parete con interposto isolante termico

2 Che cosa è la trasmittanza termica La trasmittanza termica è una prestazione degli elementi edilizi che permette di valutare il livello di isolamento termico che essi sono in grado di offrire. Visualizzazione delle dispersioni termiche mediante indagine termografica. Il prospetto dell edificio denuncia la presenza di ponti termici tra i pannelli e la vistosa fuoriuscita di calore da una finestra lasciata aperta. Le macchie di colore che appaiono sulle pareti viste di scorcio dipendono da effetti fotografici e non sono significative ai fini dell indagine termografica.

3 Trasmissione del calore e trasmittanza termica Ogni corpo tende a essere attraversato dal calore, dando vita a scambi termici con l ambiente circostante. Nel caso di un elemento divisorio di un edificio (per esempio una parete che divida un ambiente interno dall esterno), gli scambi termici tendono a livellare la temperatura esterna t e con quella interna t i. Calore trasmesso attraverso una parete che separa due ambienti a temperatura diversa.

4 Trasmissione del calore e trasmittanza termica Lo scambio termico può avvenire per: conduzione è la trasmissione di calore attraverso un materiale o più materiali a contatto. In edilizia si valuta mediante la conduttività termica dei materiali. Il riscaldamento di un estremità di una sbarra metallica provoca un flusso di calore dal margine più caldo a quello più freddo, fino al raggiungimento dell equilibrio termico.

5 Trasmissione del calore e trasmittanza termica Lo scambio termico può avvenire per: convezione è la propagazione del calore attraverso liquidi o gas. In edilizia interessa soprattutto le intercapedini dei muri a cassavuota o dei serramenti a vetrocamera. Moti convettivi all interno di una massa di acqua riscaldata inferiormente.

6 Trasmissione del calore e trasmittanza termica Lo scambio termico può avvenire per: irraggiamento è l effetto della porzione di energia radiante che colpisce una superficie riscaldandola. In edilizia interessa in particolar modo il riscaldamento delle superfici esposte al Sole. La radiazione solare fornisce un apporto di calore, attraverso il fenomeno dell irraggiamento e della convezione.

7 La trasmittanza termica secondo la norma UNI EN ISO 6946/2008 La norma UNI EN ISO 6946/2008 prescrive di semplificare il complesso stu- dio delle modalità di scambio termico mediante una grandezza fisica chiamata trasmittanza termica (U ). Viene definita come flusso di calore che attraversa una superficie uni- taria sottoposta a differenza di temperatura pari a 1 K. L unità di misura della trasmittanza termica è: W/(m 2 K) ovvero watt per ogni metro quadro di area dell elemento edilizio in esame e per ogni grado di differenza di temperatura tra la sua faccia interna (in genere più calda) e la sua faccia esterna (in genere più fredda).

8 La trasmittanza termica secondo la norma UNI EN ISO 6946/2008 La trasmittanza termica è legata alle proprietà caratteristiche dei materiali che costituiscono l elemento costruttivo e alle condizioni di scambio termico di tale elemento edilizio rispetto all aria interna e a quella esterna (le resistenze termiche superficiali che definiscono lo scambio termico liminare). La trasmittanza termica viene indicata con: U o U m quando riguarda una parete U w quando riguarda una finestra U g quando riguarda una lastra di vetro U f quando riguarda un telaio di serramento

9 La trasmittanza termica secondo la norma UNI EN ISO 6946/2008 Nel calcolo del fabbisogno energetico degli edifici compare la lettera H che rappresenta il coefficiente di dispersione per trasmissione attraverso un elemento di separazione tra la zona termica interna e l esterno e che si misura in W/K. Vale dunque la relazione: H = S U dove S è la superficie dell elemento di separazione.

10 Il calcolo della trasmittanza secondo l attuale norma UNI EN ISO 6946/2008 La norma UNI EN ISO 6946/2008 ha introdotto nuove formule per il calcolo della trasmittanza delle pareti che differiscono dalle formule previste nelle precedenti modalità di calcolo (ma tuttora in uso) per la simbologia adottata e per i valori delle grandezze da usare per il calcolo.

11 Il calcolo della trasmittanza secondo l attuale norma UNI EN ISO 6946/2008 PARETE MONOSTRATO SENZA INTERCAPEDINE D ARIA PARETE A PIÙ STRATI SENZA INTERCAPEDINE D ARIA PARETE A PIÙ STRATI CON INTERCAPEDINE D ARIA

12 Il calcolo della trasmittanza secondo l attuale norma UNI EN ISO 6946/2008 SIGNIFICATO DELLE VARIABILI R si R se λ 1, λ 2... λ n R a S 1, S 2... S n Resistenza termica superficiale interna Resistenza termica superficiale esterna Conduttività termica di ciascuno strato costituente la parete Resistenza termica delle intercapedini d aria Spessore di ciascuno strato

13 Il calcolo della trasmittanza secondo l attuale norma UNI EN ISO 6946/2008 TIPO DI PARETE NELLA FORMULA COMPARE... monostrato λ 1 n strati λ 1, λ 2... λ n a cassavuota λ 1, λ 2... λ n e R a

14 Il calcolo della trasmittanza secondo l attuale norma UNI EN ISO 6946/2008 Il rapporto S/λ esprime la resistenza termica di ogni singolo strato che costituisce la parete, cioè la sua capacità di opporsi al passaggio del calore. In termini matematici la trasmittanza può dunque essere definita come l inverso della somma delle resistenze termiche dei vari strati che compongono l elemento edilizio e delle resistenze superficiali interna ed esterna.

15 Le resistenze termiche superficiali Le resistenze termiche superficiali R si e R se rappresentano la resistenza al passaggio del calore causata dal contatto del mezzo gassoso (aria) su 1 m 2 di superficie della parete quando la differenza di temperatura tra il mezzo gassoso e la parete è di 1 K. L unità di misura è: m 2 K/W

16 Le resistenze termiche superficiali La resistenza termica superficiale interna R si è lo scambio termico superficiale dovuto ai moti convettivi dell aria dell ambiente interno che viene a contatto con la faccia interna della parete. La norma UNI EN ISO 6946/2008 assegna alla resistenza termica superficiale interna il seguente valore convenzionale: R si = 0,10 m 2 K/W

17 Le resistenze termiche superficiali La resistenza termica superficiale esterna R se è lo scambio termico superficiale dovuto all azione degli agenti atmosferici (vento) che vengono a contatto con la faccia esterna della parete. La norma UNI EN ISO 6946/2008 assegna alla resistenza termica superficiale esterna il seguente valore convenzionale: R se = 0,4 m 2 K/W

18 Conduttività termica dei materiali La conduttività termica λ, chiamata anche conducibilità, è una proprietà dei materiali che esprime la loro attitudine a trasmettere il calore. Essa è data dal rapporto tra il flusso di calore che attraversa il materiale e la differenza di temperatura che ne è la causa: λ = Φ/At L unità di misura è: W/(m K)

19 Conduttività termica dei materiali La conduttività di un materiale si misura calcolando la quantità di calore che attraversa perpendicolarmente 1 m 2 di superficie di un materiale spesso 1 m quando la differenza di temperatura tra le due facce è 1 K.

20 Conduttività termica dei materiali CONDUTTIVITÁ TERMICA DI ALCUNI MATERIALI Materiale Massa volumica λ (W/m K) (kg/m 3 ) Rame Alluminio Vetro Metacrilato ,19 Legno di conifera 500 0,13 Calcestruzzo ,6 Cls alleggerito con argilla espansa ,45 Polistirolo espanso 10 0,044 Poliuretano espanso 30 0,03 Vetro cellulare 130 0,055 Lana di roccia 30 0,04

21 Conduttività termica dei materiali I materiali che hanno la proprietà di avere valori di conduttività molto bassi si chiamano isolanti termici. Campioni di poliuretano espanso in lastre. Il poliuretano è un ottimo isolante termico. Feltri, pannelli e fibre sfuse di lana di roccia. Gli isolanti di fibre minerali danno luogo a diverse categorie di prodotti con caratteristiche termoisolanti e fonoassorbenti.

22 Resistenza termica delle intercapedini d aria La resistenza termica delle intercapedini d aria R a esprime l attitudine a opporsi al passaggio del calore dello strato gassoso contenuto all interno delle intercapedini verticali dei muri a cassavuota. È data dal rapporto tra lo spessore S e la conduttività termica h e rappresenta la quantità di calore che attraversa 1 m 2 di un materiale spesso S e avente λ = 1, quando At = 1.

23 Resistenza termica delle intercapedini d aria VALORI CONVENZIONALI DI R a SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 6946/2008 Spessore dello strato verticale Valore di R a (m 2 K/W) di aria che forma l intercapedine (m) 0,05 0,11 0,010 0,15 0,015 0,16 0,025 0,16 0,050 0,16 0,100 0,16 0,300 0,16

24 Trasmittanza e isolamento termico Quanto minore è la trasmittanza, tanto maggiore è l isolamento termico dell elemento divisorio. Quanto maggiore è lo spessore dell elemento divisorio, tanto minore è la trasmittanza. Quanto minore è la conduttività dei materiali che compongono l elemento divisorio, tanto minore è la trasmittanza.

25 Le formule precedenti alla norma UNI EN ISO 6946/2008 La norma UNI EN ISO 6946/2008 ha introdotto nuove formule per il calcolo della trasmittanza delle pareti che differiscono dalle formule previste nelle precedenti modalità di calcolo (ma tuttora in uso) per la simbologia adottata e per i valori delle grandezze da usare per il calcolo. Le formule per il calcolo della trasmittanza di una parete usate prima dell entrata in vigore dell attuale UNI EN ISO 6946/2008 sono riportate qui di seguito.

26 Le formule precedenti alla norma UNI EN ISO 6946/2008 PARETE MONOSTRATO SENZA INTERCAPEDINE D ARIA PARETE A PIÙ STRATI SENZA INTERCAPEDINE D ARIA PARETE A PIÙ STRATI CON INTERCAPEDINE D ARIA

27 Le formule precedenti alla norma UNI EN ISO 6946/2008 SIGNIFICATO DELLE VARIABILI α 1 α 2 λ 1, λ 2... λ n C S 1, S 2... S n Adduttanza interna (o scambio termico superficiale o liminare) Adduttanza esterna (o scambio termico superficiale o liminare) Conduttività termica di ciascuno strato costituente la parete Conduttanza termica dell intercapedine d aria Spessore di ciascuno strato

28 Le formule precedenti alla norma UNI EN ISO 6946/2008 TIPO DI PARETE NELLA FORMULA COMPARE... monostrato λ 1 n strati λ 1, λ 2... λ n a cassavuota λ 1, λ 2... λ n e C

29 Le adduttanze Le adduttanze (o scambi termici superficiali o liminari o coefficienti di ad- duzione) α 1 e α e sono i reciproci delle resistenze termiche superficiali R si e R se che compaiono nelle formule introdotte dall attuale norma UNI EN ISO 6946/2008. Le adduttanze rappresentano la quantità di calore che viene ceduta dal mezzo gassoso (aria) a 1 m 2 di superficie della parete quando la differenza di tempe- ratura tra il mezzo gassoso e la parete è di 1 K. L unità di misura è: W/(m 2 K) Secondo le precedenti modalità di calcolo, alle adduttanze venivano in genere assegnati i valori di: α = 1 7,7 W/(m 2 K) α = e 25 W/(m 2 K)

30 La conduttanza Il coefficiente C chiamato conduttanza è il reciproco della resistenza termica delle intercapedini d aria R a che compare nelle formule dell attuale norma UNI EN ISO 6946/2008. La conduttanza rappresenta la quantità di calore che attraversa uno strato gassoso contenuto all interno delle intercapedini verticali dei muri a cassavuota avente un area di 1 m 2 quando la differenza di temperatura tra le superfici è di 1 K. L unità di misura è: W/(m 2 K) Secondo le precedenti modalità di calcolo, alla conduttanza veniva in genere assegnato il valore di: C = 6,4 W/(m 2 K)

31 Influenza del materiale isolante sul valore della trasmittanza La soluzione più comune per incrementare l isolamento termico delle pareti perimetrali è quella di aggiungere all involucro esterno dei materiali isolanti termici che, in quanto tali, sono dotati di bassi valori di conduttività. Copertura isolata termicamente e impermeabilizzata, mediante spruzzatura di poliuretano espanso.

32 Influenza del materiale isolante sul valore della trasmittanza Intercapedine di muratura a cassavuota sottoposta a iniezione di resina ureica espansa in sito. Posa di pannelli isolanti rigidi a base di perlite espansa.

33 Influenza del materiale isolante sul valore della trasmittanza Spessori S di materiali termoisolanti necessari per ottenere una riduzione della trasmittanza di circa 0,4 W/(m 2 K) Materiali termoisolanti λ(w/m K) S(m) Lana di roccia 0,04 0,10 Legno 0,13 0,33 Cls di argilla espansa 0,45 1,13 Mattoni 0,8 2,00 Calcestruzzo 1,6 4,00 Granito 3,5 8,75 Per esempio, un rivestimento di lana minerale dello spessore di 10 cm consente di abbassare la trasmittanza termica di circa 0,4 W/(m 2 K).

34 Tecniche di isolamento di una parete perimetrale PARETE A CASSAVUOTA CON INTERCAPEDINE INTERAMENTE RIEMPITA DI MATERIALE ISOLANTE

35 Tecniche di isolamento di una parete perimetrale PARETE A CASSAVUOTA CON INTERCAPEDINE SOLO PARZIALMENTE RIEMPITA DA UN PANNELLO DI MATERIALE ISOLANTE

36 Tecniche di isolamento di una parete perimetrale ISOLAMENTO ESTERNO A CAPPOTTO

37 Tecniche di isolamento di una parete perimetrale PARETE VENTILATA (COMPORTAMENTO ESTIVO) PARETE VENTILATA (COMPORTAMENTO INVERNALE)

38 Trasmittanza termica di alcuni tipi di parete perimetrale Trasmittanza termica di alcuni tipi di murature.

39 Esempi di calcolo per una parete a cassavuota CALCOLO DELLA TRASMITTANZA TERMICA DI UNA PARETE A CASSAVUOTA MEDIANTE LE FORMULE INTRODOTTE DALLA NORMA UNI EN ISO 6946/2008 Consideriamo il caso di una parete costituita da più strati con intercapedine d aria.

40 Esempi di calcolo per una parete a cassavuota FORMULA PER IL CALCOLO DELLA TRASMITTANZA SIGNIFICATO E VALORE DELLE VARIABILI R si Resistenza termica superficiale interna 0,10 m 2 K/W R se Resistenza termica superficiale esterna 0,04 m 2 K/W λ 1 Conduttività termica dell intonaco interno 0,7 W/(m K) λ 4 Conduttività termica dell intonaco esterno 1,16 W/(m K) λ 2 e λ 3 Conduttività termica del mattone forato dello strato interno e di quello esterno 0,4 W/(m K) R a Resistenza termica dell intercapedine d aria (in questo caso strato d aria verticale) 0,15 m 2 K/W

41 Esempi di calcolo per una parete a cassavuota CALCOLO

42 Esempi di calcolo per una parete a cassavuota CALCOLO DELLA TRASMITTANZA TERMICA DI UNA PARETE A CASSAVUOTA MEDIANTE LE FORMULE PRECEDENTI ALLA NORMA UNI EN ISO 6946/2008 Consideriamo il caso di una parete costituita da più strati con intercapedine d aria.

43 Esempi di calcolo per una parete a cassavuota FORMULA PER IL CALCOLO DELLA TRASMITTANZA SIGNIFICATO E VALORE DELLE VARIABILI α 1 Adduttanza interna 7,7 W/(m 2 K) α e Adduttanza esterna 25 W/(m 2 K) λ 1 Conduttività termica dell intonaco interno 0,7 W/(m K) λ 4 Conduttività termica dell intonaco esterno 1,16 W/(m K) λ 2 e λ 3 Conduttività termica del mattone forato dello strato interno e di quello esterno 0,4 W/(m K) C Conduttanza termica dell intercapedine d aria (in questo caso strato d aria verticale) 6,4 W/(m 2 K)

44 Esempi di calcolo per una parete a cassavuota CALCOLO

45 Esempi di calcolo per una parete a cassavuota CONFRONTO Parete a cassavuota costituita da più strati con intercapedine d aria Calcolo con norma UNI EN ISO 6946/2008 Calcolo con norma precedente 1,081 W/(m 2 K) 1,041 W/(m 2 K) I risultati ottenuti differiscono leggermente a causa dei diversi valori che i due metodi attribuiscono alla resistenza termica superficiale esterna R se e a quella dell intercapedine d aria R a.

46 Esempi di calcolo per una parete con interposto isolante termico CALCOLO DELLA TRASMITTANZA TERMICA DI UNA PARETE CON INTERPOSTO ISOLANTE TERMICO MEDIANTE LE FORMULE INTRODOTTE DALLA NORMA UNI EN ISO 6946/2008 La sezione rappresenta una parete a cassavuota nella cui intercapedine è stato interposto un pannello semirigido di fibra di roccia dello spessore di 5 cm.

47 Esempi di calcolo per una parete con interposto isolante termico FORMULA PER IL CALCOLO DELLA TRASMITTANZA SIGNIFICATO E VALORE DELLE VARIABILI R si Resistenza termica superficiale interna 0,10 m 2 K/W R se Resistenza termica superficiale esterna 0,04 m 2 K/W λ 1 Conduttività termica dell intonaco interno 0,7 W/(m K) λ 5 Conduttività termica dell intonaco esterno 1,16 W/(m K) λ 2 e λ 4 λ 3 R a Conduttività termica del mattone forato dello strato interno e di quello esterno Conduttività termica dello strato di materiale isolante Resistenza termica dell intercapedine d aria (in questo caso strato d aria verticale) 0,4 W/(m K) 0,4 W/(m K) 0,15 m 2 K/W

48 Esempi di calcolo per una parete con interposto isolante termico CALCOLO

49 Esempi di calcolo per una parete con interposto isolante termico CALCOLO DELLA TRASMITTANZA TERMICA DI UNA PARETE CON INTERPOSTO ISOLANTE TERMICO MEDIANTE LE FORMULE PRECEDENTI ALLA NORMA UNI EN ISO 6946/2008 La sezione rappresenta una parete a cassavuota nella cui intercapedine è stato interposto un pannello semirigido di fibra di roccia dello spessore di 5 cm.

50 Esempi di calcolo per una parete con interposto isolante termico FORMULA PER IL CALCOLO DELLA TRASMITTANZA SIGNIFICATO E VALORE DELLE VARIABILI α 1 Adduttanza interna 7,7 W/(m 2 K) α e Adduttanza esterna 25 W/(m 2 K) λ 1 Conduttività termica dell intonaco interno 0,7 W/(m K) λ 5 Conduttività termica dell intonaco esterno 1,16 W/(m K) λ 2 e λ 4 Conduttività termica del mattone forato dello strato interno e di quello esterno 0,4 W/(m K) λ 3 C Conduttività termica dello strato di materiale isolante Conduttanza termica dell intercapedine d aria (in questo caso strato d aria verticale) 0,04 W/(m K) 6,4 W/(m 2 K)

51 Esempi di calcolo per una parete con interposto isolante termico CALCOLO

52 Esempi di calcolo per una parete con interposto isolante termico Dunque la presenza del materiale termocoibente ha sostanzialmente dimezzato il valore della trasmittanza. Ovviamente, se lo spessore del pannello fosse ancora maggiore, o se il pannello fosse costituito da materiale dotato di una conduttività termica ancora minore, come, per esempio, il poliuretano espanso (λ = 0,028 W/(m 2 K)), il valore della trasmittanza si ridurrebbe ulteriormente, a tutto vantaggio del risparmio energetico.

53 Esempi di calcolo per una parete con interposto isolante termico CONFRONTO Parete a cassavuota costituita da più strati con intercapedine d aria con interposizione di uno strato termoisolante Calcolo con norma UNI EN ISO 6946/2008 Calcolo con norma precedente 0,459 W/(m 2 K) 0,452 W/(m 2 K) I risultati ottenuti differiscono leggermente a causa dei diversi valori che i due metodi attribuiscono alla resistenza termica superficiale esterna R se e a quella dell intercapedine d aria R a.

LE SUPERFICI OPACHE ED I MATERIALI

LE SUPERFICI OPACHE ED I MATERIALI LE SUPERFICI OPACHE ED I MATERIALI LA TRASMISSIONE DEL CALORE NELLE SUPERFICI OPACHE Abbiamo visto come nello studio delle dispersioni termiche dell'edificio una delle componenti essenziali da analizzare

Dettagli

vetrate isolanti vetri uniti al perimetro vetrocamera

vetrate isolanti vetri uniti al perimetro vetrocamera Le vetrate isolanti I tipi di vetro più adatti per ridurre le dispersioni termiche dei serramenti sono quelli chiamati vetrate isolanti o vetri uniti al perimetro (o più comunemente vetrocamera). Sono

Dettagli

I materiali per l isolamento termico

I materiali per l isolamento termico I materiali per l isolamento termico Per isolante si intende un materiale caratterizzato da una ridotta capacità di conduzione del calore, convenzionalmente con coefficiente di conducibilità termica, l,

Dettagli

solid Isolanti termoacustici in lana di roccia Catalogo edilizia 2009

solid Isolanti termoacustici in lana di roccia Catalogo edilizia 2009 solid Isolanti termoacustici in lana di roccia Catalogo edilizia 2009 1.1 Pareti perimetrali Isolamento a Cappotto Solai su locali non riscaldati (Piano piloti) Il cappotto, ovvero l isolamento termico

Dettagli

Trasmissione del calore attraverso le pareti perimetrali di un edificio ad uso civile

Trasmissione del calore attraverso le pareti perimetrali di un edificio ad uso civile Trasmissione del calore attraverso le pareti perimetrali di un edificio ad uso civile Si consideri una parete piana perimetrale di un edificio costituita, come scematizzato in figura, dai seguenti strati,

Dettagli

CALCOLO DELLA TRASMITTANZA DELLE STRUTTURE EDILIZIE (UNI EN ISO 6946:2008) VERIFICA DEL LORO COMPORTAMENTO TERMOIGROMETRICO (UNI EN ISO 13788:2003)

CALCOLO DELLA TRASMITTANZA DELLE STRUTTURE EDILIZIE (UNI EN ISO 6946:2008) VERIFICA DEL LORO COMPORTAMENTO TERMOIGROMETRICO (UNI EN ISO 13788:2003) CALCOLO DELLA TRASMITTANZA DELLE STRUTTURE EDILIZIE (UNI EN ISO 6946:28) VERIFICA DEL LORO COMPORTAMENTO TERMOIGROMETRICO (UNI EN ISO 3788:23) GRANDEZZE, SIMBOLI ED UNITÀ DI MISURA ADOTTATI DEFINIZIONE

Dettagli

R I E P I L O G O S T R U T T U R E U T I L I Z Z A T E

R I E P I L O G O S T R U T T U R E U T I L I Z Z A T E R I E P I L O G O S T R U T T U R E U T I L I Z Z A T E nr CODICE TRASMITTANZA RESISTENZA RES.VAPORE S PERMEANZA MASSA CAPACITA' TTCI TTCE W/m²K m²k/w sm²pa/kg m kg/sm²pa kg/m² kj/m²k ore ore 001 144 P.E

Dettagli

SOLUZIONI TECNICHE E LIVELLI PRESTAZIONALI

SOLUZIONI TECNICHE E LIVELLI PRESTAZIONALI SOLUZIONI TECNICHE E LIVELLI PRESTAZIONALI LIVELLI PRESTAZIONALI I livelli prestazionali dichiarati nelle schede sono stati attribuiti a ciascuna soluzione sulla base delle ricerche effettuate per i diversi

Dettagli

, somma delle resistenze termiche parziali relative ai diversi strati di cui questa è composta:

, somma delle resistenze termiche parziali relative ai diversi strati di cui questa è composta: Caratteristiche termiche delle strutture edilizie Simone Secchi Calcolo della trasmittanza termica Metodo di calcolo riportato nella norma UNI EN ISO 6946. La trasmittanza termica di una partizione è data

Dettagli

Soluzioni e aspetti prestazionali per l isolamenti di pareti perimetrali. ANPE - 2a Conferenza Nazionale. Arch. Maurizio Brenna

Soluzioni e aspetti prestazionali per l isolamenti di pareti perimetrali. ANPE - 2a Conferenza Nazionale. Arch. Maurizio Brenna 2 a Conferenza Nazionale Poliuretano Espanso Rigido Soluzioni e aspetti prestazionali per l isolamenti di pareti perimetrali Arch. Maurizio Brenna Isolamento termico per le pareti perimetrali Le pareti

Dettagli

Analisi del progetto

Analisi del progetto Analisi del progetto Analisi del progetto Verificare la coerenza tra Relazione tecnica ed elaborati grafici (pareti esterne e verso vano scala, solari, coperture) Spessori dei materiali isolanti utilizzati

Dettagli

Esercizi di Fisica Tecnica Scambio termico

Esercizi di Fisica Tecnica Scambio termico Esercizi di Fisica Tecnica 013-014 Scambio termico ST1 Un serbatoio contenente azoto liquido saturo a pressione ambiente (temperatura di saturazione -196 C) ha forma sferica ed è realizzato con due gusci

Dettagli

FISICA TECNICA AMBIENTALE

FISICA TECNICA AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHIEURA FISICA ECNICA AMBIENALE rasmissione del calore: La conduzione II parte Prof. Gianfranco Caruso A.A. 03/04 Esercizio Una parete di 5 m è costituita da mattoni forati

Dettagli

I.T.I.S. A. PACINOTTI

I.T.I.S. A. PACINOTTI I.T.I.S. A. PACINOTTI PROJECT WORK L ECOSOSTENIBILITA NASCE NELLA SCUOLA Taranto 17/05/2012 Ranieri Francesco Litta Gianluigi Rondinone Francesco Attestato di Certificazione Energetica GRUPPO 1 Il presente

Dettagli

I ponti termici possono rappresentare fino al 20% del calore totale disperso da un ambiente.

I ponti termici possono rappresentare fino al 20% del calore totale disperso da un ambiente. Isolamento termico dei componenti L isolamento termico di un componente di tamponamento esterno è individuato dalla resistenza termica complessiva: trasmittanza (U espressa in W/m 2 K) L isolamento termico

Dettagli

Chiusure Verticali opache

Chiusure Verticali opache D.A.D.I. L. Vanvitelli Corso di Laurea Magistrale in Architettura Laboratorio di Costruzione dell Architettura I A a.a. 2015/16 Prof. Sergio Rinaldi sergio.rinaldi@unina2.it 15_04_2016 5 Chiusure Verticali

Dettagli

CHIUSURE VERTICALI PORTATE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

CHIUSURE VERTICALI PORTATE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO CHIUSURE VERTICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE Hanno funzione portante secondaria cioè non garantiscono la sicurezza statica complessiva dell edificio ma devono assicurare la protezione e l incolumità

Dettagli

Laterizi Impredil s.r.l.

Laterizi Impredil s.r.l. Laterizi Impredil s.r.l. Catalogo SOLUZIONI COSTRUTTIVE Soluzioni su misura per qualsiasi intervento edilizio La progettazione dell involucro edilizio riveste importanza fondamentale nella determinazione

Dettagli

RELAZIONE TERMOGRAFICA

RELAZIONE TERMOGRAFICA RELAZIONE TERMOGRAFICA 1 Descrizione della guarnizione e dei cassonetti Le guarnizioni oggetto del calcolo sono in EPDM e presentano la geometria riportata nei disegni seguenti. Per la valutazione termica

Dettagli

CALCOLO DELLA TEMPERATURA SUPERFICIALE E DELLA CONDENSA INTERSTIZIALE DI STRUTTURE EDILIZIE (UNI EN ISO 13788:2003)

CALCOLO DELLA TEMPERATURA SUPERFICIALE E DELLA CONDENSA INTERSTIZIALE DI STRUTTURE EDILIZIE (UNI EN ISO 13788:2003) CALCOLO DELLA TEMPERATURA SUPERFICIALE E DELLA CONDENSA INTERSTIZIALE DI STRUTTURE EDILIZIE (UNI EN ISO 13788:2003) GRANDEZZE, SIMBOLI ED UNITÀ DI MISURA ADOTTATI SIMBOLO DEFINIZIONE UNITÀ DI MISURA Ma

Dettagli

ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE

ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE IVAN MELIS SIRAP INSULATION Srl DA OGGI AL FUTURO: GLI SCENARI VIRTUOSO E DELL INDIFFERENZA IVAN MELIS Earth Overshoot Day del Global Footprint Network (GFN) DIRETTIVA

Dettagli

ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE

ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE L EDILIZIA VERSO IL 2020 Nuove prestazioni, adempimenti burocratici e soluzioni tecniche ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE IVAN MELIS SIRAP INSULATION Srl Diritti d autore: la presente presentazione

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO: TECNICHE DI CORREZIONE DEI PONTI TERMICI

RISPARMIO ENERGETICO: TECNICHE DI CORREZIONE DEI PONTI TERMICI RISPARMIO ENERGETICO: TECNICHE DI CORREZIONE DEI PONTI TERMICI RISPARMIO ENERGETICO PONTI TERMICI PERDITE DI CALORE: FINO AL 20% DELLE TOTALI CORREZIONE DEI PONTI TERMICI PREVISTA DALLA NORMATIVA (LEGGE

Dettagli

EDIFICI A BASSO CONSUMO

EDIFICI A BASSO CONSUMO EDIFICI A BASSO CONSUMO LE 6 REGOLE DEL BUON COSTRUIRE 1) EDIFICIO COMPATTO LA FORMA DELL EDIFICIO INFLUISCE IN MODO SIGNIFICATIVO SULLE PERDITE DI CALORE DI UN EDIFICIO. LO SCAMBIO TERMICO TRA ESTERNO

Dettagli

LE CHIUSURE VERTICALI OPACHE

LE CHIUSURE VERTICALI OPACHE Istituto Luigi Einaudi Magenta Classe IV Anno scolastico 2015-2016 LE CHIUSURE VERTICALI OPACHE Murature perimetrali per ambienti riscaldati Tecnologia 1 Chiusure verticali opache CHIUSURE E PARTIZIONI

Dettagli

La casa è la terza pelle dell uomo

La casa è la terza pelle dell uomo L interazione tra l ambiente interno, l involucro e l ambiente avviene attraverso le superfici esterne di un edificio. La definizione della loro composizione è di fondamentale importanza per la progettazione

Dettagli

LANA di VETRO: presenta proprietà termoisolanti molto buone (λ=0,035-0,04 W/mK), una buona resistenza all invecchiamento e una stabilità di forma esauriente se il materiale isolante è protetto contro l

Dettagli

L innovazione tecnologica nell isolamento termo-acustico di facciata

L innovazione tecnologica nell isolamento termo-acustico di facciata Nuoro, 25/09/14 L innovazione tecnologica nell isolamento termo-acustico di facciata Claudia Setti Responsabile Formazione Tecnica Weber Saint-Gobain L ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI LA CONDUTTIVITÀ

Dettagli

13/05/2013 UNI ritirate [1 / 5]

13/05/2013 UNI ritirate [1 / 5] 13/05/2013 UNI ritirate [1 / 5] zzz 001 UNI 8199:1981 UNI 8199:1998 Misura in opera e valutazione del rumore prodotto negli ambienti dagli impianti di riscaldamento, condizionamento e ventilazione. Acustica

Dettagli

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE. Modulo N. 1 _ MATERIALI DA COSTRUZIONE

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE. Modulo N. 1 _ MATERIALI DA COSTRUZIONE I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE Classe 2^ C.A.T. Modulo N. 1 _ MATERIALI DA COSTRUZIONE Questionario N. 2d - Materiali Plastici, Legno, Vetro, Isolanti e relative

Dettagli

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI CARATTERISTICHE TERMICHE DEI COMPONENTI TRASPARENTI

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI CARATTERISTICHE TERMICHE DEI COMPONENTI TRASPARENTI Nelle pagine successive sono riportate le tabelle relative alle: CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI CARATTERISTICHE TERMICHE DEI COMPONENTI TRASPARENTI LEGENDA s [m] Spessore

Dettagli

Associazione Termoblocco

Associazione Termoblocco Richiedente: EDILBLOCK s.r.l. Zona Industriale Sett.5 07026 Olbia (OT) 1 dicembre 2009 OGGETTO: CALCOLO TRASMITTANZA TERMICA U DI PARETI REALIZZATE CON IL TERMOBLOCCO T30X20X50 A 4 PARETI (densità dell

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 801 Analisi E.10.10.10.a Isolamento termico in estradosso di coperture piane a terrazzo, eseguito mediante pannelli rigidi di materiale isolante su piano di posa già preparato, compreso materiale di incollaggio

Dettagli

Generalità. contenimento del fabbisogno energetico; - riduzione delle emissioni di CO 2 per tutta la durata di vita dell edificio.

Generalità. contenimento del fabbisogno energetico; - riduzione delle emissioni di CO 2 per tutta la durata di vita dell edificio. Sede e Amm.ne: Generalità. La direttiva 2002/91/CE, adottata dalla Comunità Europea sul rendimento energetico nell edilizia, è stata recepita in Italia con il Decreto Legislativo n. 192 del 19 Agosto 2005

Dettagli

borghi ed edifici rurali

borghi ed edifici rurali borghi ed edifici rurali un patrimonio da salvare mercoledì 18 maggio 2011 Pianoro Conservazione della tradizione, antisismica ed efficienza energetica: un connubio possibile i n g. M i r k o C i o n i

Dettagli

Descrizione di materiali ed elementi costruttivi

Descrizione di materiali ed elementi costruttivi Descrizione di materiali ed elementi costruttivi ISO 6946 ISO 10077 ISO 13370 ISO 10456 INDICE 1.- SISTEMA INVOLUCRO 4 1.1.- Solai a contatto con il terreno 4 1.1.1.- Chiusura orizzontale controterra 4

Dettagli

METODI DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI TERMICHE DELL INVOLUCRO EDILIZIO

METODI DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI TERMICHE DELL INVOLUCRO EDILIZIO METODI DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI TERMICHE DELL INVOLUCRO EDILIZIO Lastra in fibrocemento Intercapedine d aria Spessore complessivo 22.5 cm Strato di lana di roccia Trasmittanza 0,29 W/(m 2 K) Massa

Dettagli

CHIUSURE VERTICALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

CHIUSURE VERTICALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO CHIUSURE VERTICALI In generale si definisce CHIUSURA l insieme delle unità tecnologiche e degli elementi del sistema edilizio aventi funzione di separare e di conformare gli spazi interni del sistema edilizio

Dettagli

Prestazione Energetica attraverso la progettazione accurata e cura dei dettagli in opera. Arch. Alessandro SIBILLE

Prestazione Energetica attraverso la progettazione accurata e cura dei dettagli in opera. Arch. Alessandro SIBILLE Prestazione Energetica attraverso la progettazione accurata e cura dei dettagli in opera Arch. Alessandro SIBILLE Torino, 27 novembre 2016 Come abbiamo costruito fino a ieri/oggi? COME SI COMPORTANO GLI

Dettagli

FACOLTÀ DI ARCHITETTURA A.A APPUNTI DALLE LEZIONI

FACOLTÀ DI ARCHITETTURA A.A APPUNTI DALLE LEZIONI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NPOLI FEDERICO II POLO DELLE SCIENZE E DELLE TECNOLOGIE FCOLTÀ DI RCHITETTUR..2004-2005 CORSO DI LURE SPECILISTIC IN RCHITETTUR INSEGNMENTO DI FISIC TECNIC PROF.SS L. BELLI CORSO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Documento di valutazione delle prestazioni acustiche dell'edificio (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

RELAZIONE TECNICA Documento di valutazione delle prestazioni acustiche dell'edificio (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) STUDIO TECNICO QUALITY LIFE Via Andrea Doria n. 3 LERICI (SP) 187622198-187627172 RELAZIONE TECNICA Documento di valutazione delle prestazioni acustiche dell'edificio (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) COMUNE:

Dettagli

CALCOLO TRASMITTANZA TERMICA U E DEL POTERE FONOISOLANTE R W DI PARETI REALIZZATE CON IL BLOCCO B20X20X50 A 4 PARETI

CALCOLO TRASMITTANZA TERMICA U E DEL POTERE FONOISOLANTE R W DI PARETI REALIZZATE CON IL BLOCCO B20X20X50 A 4 PARETI Richiedente: EDILBLOCK s.r.l. Zona Industriale Sett.5 07026 Olbia (SS) 6 aprile 2009 OGGETTO: CALCOLO TRASMITTANZA TERMICA U E DEL POTERE FONOISOLANTE R W DI PARETI REALIZZATE CON IL BLOCCO B20X20X50 A

Dettagli

Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Facoltà di Ingegneria. Esempio di calcolo sulle trasmittanze termiche

Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Facoltà di Ingegneria. Esempio di calcolo sulle trasmittanze termiche Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Facoltà di Ingegneria Esempio di calcolo sulle trasmittanze termiche } Trasmittanza termica di un componente opaco; } Trasmittanza termica di un

Dettagli

CasaClima classe A oro a Milano: il Type-A

CasaClima classe A oro a Milano: il Type-A Un edificio residenziale CasaClima classe A oro a Milano: il Type-A Type-A è l edificio residenziale progettato dallo Studio associato d architettura i3d di Milano con la collaborazione dello studio AB

Dettagli

Comune di Narzole RELAZIONE TECNICA. Provincia di Cuneo. Calcolo del flusso e della trasmittanza lineica di ponti termici

Comune di Narzole RELAZIONE TECNICA. Provincia di Cuneo. Calcolo del flusso e della trasmittanza lineica di ponti termici Comune di Narzole Provincia di Cuneo RELAZIONE TECNICA Calcolo del flusso e della trasmittanza lineica di ponti termici OGGETTO: PROGETTISTA: COMMITTENTE: Analisi parete tipo Case Prefabbricate Sarotto

Dettagli

Generalità. contenimento del fabbisogno energetico; - riduzione delle emissioni di CO 2 per tutta la durata di vita dell edificio.

Generalità. contenimento del fabbisogno energetico; - riduzione delle emissioni di CO 2 per tutta la durata di vita dell edificio. Sede e Amm.ne: Generalità. La direttiva 2002/91/CE, adottata dalla Comunità Europea sul rendimento energetico nell edilizia, è stata recepita in Italia con il Decreto Legislativo n. 192 del 19 Agosto 2005

Dettagli

Progettare il comfort: IL COMFORT TERMICO

Progettare il comfort: IL COMFORT TERMICO Convegno SICUREZZA E COMFORT NELLE ABITAZIONI CON STRUTTURE DI LEGNO Verona, 16 Giugno 2001 Progettare il comfort: IL COMFORT TERMICO Immagine: www.sips.org Dr. Paolo LAVISCI LegnoDOC srl Sommario Il comfort

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA T

RAPPORTO DI PROVA T RAPPORTO DI PROVA T02-008-2014 Incarico: Elemento sottoposto a prova: Determinazione del coefficiente di trasmittanza termica U RoverBlok Energy Classic mazzetta - Cassonetto prefabbricato per avvolgibili

Dettagli

NORME PER IL CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO PER USI TERMICI NEGLI EDIFICI

NORME PER IL CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO PER USI TERMICI NEGLI EDIFICI Egregio Signor SINDACO del comune di Aosta, (AO) e p.c. all'ufficio tecnico del comune di Aosta, (AO) NORME PER IL CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO PER USI TERMICI NEGLI EDIFICI Legge 9 gennaio 1991,

Dettagli

S/V. Superficie esterna tot. m 2. m 3. 8 unità separate ,2

S/V. Superficie esterna tot. m 2. m 3. 8 unità separate ,2 Requisiti progettuali ed operativi per la sostenibilità degli edifici Prof.Luigi Bruzzi Requisiti progettuali (Progetto) Fattore di forma Esposizione (punti cardinali) Isolamento termico (pareti opache

Dettagli

3 INCONTRO FORMATIVO. Soluzione progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica dell involucro opaco.

3 INCONTRO FORMATIVO. Soluzione progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica dell involucro opaco. 3 INCONTRO FORMATIVO Soluzione progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica dell involucro opaco 09 dicembre 2010 Relatore arch. Giorgio Gallo IMPORTANZA DELLA COIBENTAZIONE

Dettagli

Note di Sintesii: L involucro edilizio come sistema di controllo dei flussi e produzione energetica

Note di Sintesii: L involucro edilizio come sistema di controllo dei flussi e produzione energetica Corso di Energia e Sostenibilità del Progetto Martino Milardi Note di Sintesii: L involucro edilizio come sistema di controllo dei flussi e produzione energetica Un codice genetico diventato luogo comune:

Dettagli

superficiale interna 7,692 superficiale interna 0,130

superficiale interna 7,692 superficiale interna 0,130 Tipo di struttura: muro pietra da 45 Codice struttura M1 N. DESCRIZIONE STRATO s C a x 10-12 u x 10-12 R 1 Intonaco di calce e sabbia 25 0,800 32,000 1600 20,000 33,333 0,031 2 Muratura in pietra naturale

Dettagli

LA TRASMISSIONE DEL CALORE. Conduzione, convezione e irraggiamento dal punto di vista della termotecnica. Lezioni d'autore

LA TRASMISSIONE DEL CALORE. Conduzione, convezione e irraggiamento dal punto di vista della termotecnica. Lezioni d'autore LA TRASMISSIONE DEL CALORE Conduzione, convezione e irraggiamento dal punto di vista della termotecnica Lezioni d'autore Un video: Clic La conduzione e la resistenza termica (I) Se si prende in considerazione

Dettagli

IL COMFORT ABITATIVO

IL COMFORT ABITATIVO IL COMFORT ABITATIVO ( sui concetti e sulle definizioni di base ) I RIFERIMENTI NORMATIVI legge 373 del 30/04/76 legge 10 del 09/01/91 direttiva 93/76 CEE del 13/09/93 direttiva 2002/91/CE D.L. 19/08/2005

Dettagli

Polimuro Alu e Polimuro Reflex

Polimuro Alu e Polimuro Reflex , Novita Polimuro Alu e Polimuro Reflex L innovazione unita alla solidità della tradizione! Nuovi sistemi termoriflettenti a guadagno di calore radiante per l isolamento termico e acustico in intercapedini

Dettagli

Temperatura. Temperatura

Temperatura. Temperatura TERMOMETRIA E CALORE Che cos è la? Grandezza che misura l energia accumulata da un corpo come energia 2 La regola molti processi chimico fisici, quali ad esempio la formazione delle calotte polari, le

Dettagli

Fabbisogno di energia termica in regime invernale

Fabbisogno di energia termica in regime invernale Corso di IMPIANTI TECNICI Fabbisogno di energia termica in regime invernale Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Il DPR 412/93 suddivide il territorio

Dettagli

Esercizi svolti. 1 quesito Calcolo del flusso termico q in condizioni stazionarie Il flusso termico è q = T/R (1)

Esercizi svolti. 1 quesito Calcolo del flusso termico q in condizioni stazionarie Il flusso termico è q = T/R (1) Esercizi svolti Esercizio n.1 Una parete piana è costituita da tre strati omogenei disposti in serie e separa due ambienti a temperatura rispettivamente di 20 C e di 3 C. Gli strati hanno le seguenti caratteristiche:

Dettagli

Per ciascuna soluzione tecnica è stata creata la seguente articolazione:

Per ciascuna soluzione tecnica è stata creata la seguente articolazione: PILASTRO IN SEZIONE CORRENTE (E D ANGOLO) L analisi comporta: - la scelta tecnologica delle pareti perimetrali portate e la valutazione delle possibili varianti degli strati funzionali; - la scelta delle

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE PRIMA

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE PRIMA IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE PRIMA 1 Un nuovo modo di progettare La legge 10/91 all art.28, prescrive che per la Progettazione e messa in opera ed in esercizio di edifici e di impianti, (nuovi o ristrutturati),

Dettagli

I SISTEMI DI COPERTURA

I SISTEMI DI COPERTURA Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Architettura Laurea Specialistica in Ingegneria Edile-Architettura Tecnologia dell Architettura I prof. arch. Sergio Russo Ermolli a.a. 2009-2010 I SISTEMI

Dettagli

Ing. Antonio Torno Via Macallè, 11 Castano Primo (MI) Ing. Antonio Torno

Ing. Antonio Torno Via Macallè, 11 Castano Primo (MI) Ing. Antonio Torno Che Futuro ci attende? 2 3 Il futuro del nostro pianeta è legato al risparmio energetico per 3 ragioni 1. Le riserve fossili si stanno esaurendo 2. Per produrre energia si inquina l ambiente 3. L energia

Dettagli

Chiusure verticali I parte

Chiusure verticali I parte Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale Università della Campania Luigi Vanvitelli Corso di Laurea Magistrale in Architettura Laboratorio di Costruzione dell Architettura I A a.a. 2016/17 Prof.

Dettagli

DIVISORI ORIZZONTALI INTERPIANO

DIVISORI ORIZZONTALI INTERPIANO DIVISORI ORIZZONTALI INTERPIANO Le novità contenute nel Decreto Requisiti Minimi prevedono: isolamento termico U 0,8 W/m 2 K obbligatorio nelle ristrutturazioni importanti di 1 livello, oltre che nei nuovi

Dettagli

Cultura del cambiamento nelle tecnologie edili e ambientali. CASO STUDIO RELATIVO ALLA SOSTITUZIONE DI SERRAMENTI

Cultura del cambiamento nelle tecnologie edili e ambientali. CASO STUDIO RELATIVO ALLA SOSTITUZIONE DI SERRAMENTI Cultura del cambiamento nelle tecnologie edili e ambientali. CASO STUDIO RELATIVO ALLA SOSTITUZIONE DI SERRAMENTI 24-25 maggio 2007 LA TRASMISSIONE DEL CALORE ATTRAVERSO L INVOLUCRO EDILIZIO Perché intervenire

Dettagli

Presentazione di casi studio in applicazione delle novità normative sui requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici

Presentazione di casi studio in applicazione delle novità normative sui requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici Presentazione di casi studio in applicazione delle novità normative sui requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici Arch. Erika Favre - COA energia Finaosta S.p.A. L edificio oggetto di intervento

Dettagli

ESEMPIO DI CALCOLO DELLA TRASMITTANZA

ESEMPIO DI CALCOLO DELLA TRASMITTANZA ESEMPIO DI CALCOLO DELLA TRASMITTANZA ESEMPIO DI CALCOLO DELLA TRASMITTANZA ESEMPIO DI CALCOLO DELLA TRASMITTANZA ESEMPIO DI CALCOLO DELLA TRASMITTANZA NUOVI VALORI DI U Valore U muro in poroton 30 cm:

Dettagli

Il ruolo dell isolamento nel comportamento termico dell edificio

Il ruolo dell isolamento nel comportamento termico dell edificio KLIMAHOUSE 2007 CONVEGNO FAST Prestazioni estive dell involucro edilizio: soluzioni innovative per la progettazione Il ruolo dell isolamento nel comportamento termico dell edificio edificio durante la

Dettagli

INDICE 2 1. PREMESSA 3 2. INTRODUZIONE LA MISURA DELLA TRASMITTANZA TERMICA IN LABORATORIO 3 4. DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA 5 5.

INDICE 2 1. PREMESSA 3 2. INTRODUZIONE LA MISURA DELLA TRASMITTANZA TERMICA IN LABORATORIO 3 4. DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA 5 5. Campione di muratura con intercapedine Misurazione della trasmittanza termica in laboratorio prima e dopo insufflaggio fibra di cellulosa Greenfiber Data: 28/06/13 Committente: BONDED di Marchesini Enrico

Dettagli

TAMPONAMENTO U=0,18 SISTEMI PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO

TAMPONAMENTO U=0,18 SISTEMI PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO U=0,18 SISTEMI PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO LECABLOCCO BIOCLIMA ZERO PER EDIFICI INTELAIATI Gli elementi della famiglia da tamponamento Bioclima Zero19T Spessore 36 cm. Bioclima Zero27T Spessore

Dettagli

Modi di Trasmissione del Calore

Modi di Trasmissione del Calore Modi di Trasmissione del Calore Trasmissione del Calore - 1 La Trasmissione del calore, fra corpi diversi, o all interno di uno stesso corpo, può avvenire secondo 3 diverse modalità: - Conduzione - Convezione

Dettagli

Risultati delle prove di laboratorio e prodotti URSA proposti

Risultati delle prove di laboratorio e prodotti URSA proposti 22 Risultati delle prove di laboratorio e prodotti URSA proposti URSA Italia ha effettuato numerose prove di laboratorio allo scopo di fornire agli operatori del settore indicazioni utili per la progettazione

Dettagli

LE TECNOLOGIE PER L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI

LE TECNOLOGIE PER L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI Budrio, 28 Maggio 2014 LE TECNOLOGIE PER L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI Riqualificare la propria abitazione LA DIAGNOSI ENERGETICA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Qual è l intervento

Dettagli

Proprietà e prestazioni

Proprietà e prestazioni Proprietà e prestazioni Qualità dell edificio Enti di normazione e controllo in edilizia Utente di un edificio Esigenze dell utente Requisiti di un edificio Materiale Elemento costruttivo Proprietà di

Dettagli

Pannelli Accoppiati. PregyStyrene - PregyFoam PregyVer - PregyRoche

Pannelli Accoppiati. PregyStyrene - PregyFoam PregyVer - PregyRoche Pannelli Accoppiati PregyStyrene - PregyFoam PregyVer - PregyRoche GAMMA ACCOPPIATI LADURA Gamma accoppiati LaDura, il meglio per l isolamento termico ed acustico LADURAFOAM per l isolamento termico LaDura

Dettagli

CHIUSURE VERTICALI UNI 8290 CHIUSURA SICUREZZA VERTICALE ORIZZONTALE ASPETTO FRUIBILITÀ PARETI PERIMENTRALI VERTICALI BENESSERE

CHIUSURE VERTICALI UNI 8290 CHIUSURA SICUREZZA VERTICALE ORIZZONTALE ASPETTO FRUIBILITÀ PARETI PERIMENTRALI VERTICALI BENESSERE UNI 8290 CHIUSURE VERTICALI CHIUSURA VERTICALE ORIZZONTALE ESIGENZE SICUREZZA ASPETTO REQUISITI Resistenza al fuoco Resistenza meccanica Resistenza agli urti Resistenza al vento Limitazione delle temperature

Dettagli

VESPAI ISOLATI CONTRO TERRA

VESPAI ISOLATI CONTRO TERRA VESPAI ISOLATI CONTRO TERRA Le novità contenute nel Decreto Requisiti Minimi prevedono: sottofondi contro terra ancora più isolanti, per contenere la dispersione di calore e assicurare un elevato risparmio

Dettagli

Le soluzioni tecnologiche per l efficienza energetica dell involucro

Le soluzioni tecnologiche per l efficienza energetica dell involucro Le soluzioni tecnologiche per l efficienza energetica dell involucro RISPARMIO ENERGETICO - COPERTURE DISPOSIZIONI DLGS 311/06 PER COPERTURE IN ZONA E REQUISITO SUL COMPORTAMENTO STAZIONARIO (TRASMITTANZE)

Dettagli

Caso di studio: Edificio residenziale a schiera

Caso di studio: Edificio residenziale a schiera Caso di studio: Edificio residenziale a schiera Modifiche in unità abitativa esistente, comprendenti le seguenti opere rilevanti ai fini del contenimento energetico: - parziale realizzazione di isolamento

Dettagli

Valutazioni sulla Prestazione Energetica

Valutazioni sulla Prestazione Energetica Valutazioni sulla Prestazione Energetica Efficienza energetica nelle costruzioni in laterizio Il Centro Servizi Comunali di Sulmona ENEA UTEE-ERT Gaetano Fasano Carlo Romeo Workshop ENEA Costruire in laterizio

Dettagli

Topografia dell area dell intervento Foto satellitari estratte da :

Topografia dell area dell intervento Foto satellitari estratte da : Topografia dell area dell intervento Foto satellitari estratte da : http://maps.google.it/maps?q=via+ridolfi+n%c2%b0+17+s.+mauro+torinese&um=1&ie=utf-8&sa=n&hl=it&tab=wl 12 5 Malta di calce o di calce

Dettagli

CONDUZIONE CONVEZIONE IRRAGGIAMENTO. La trasmissione del calore avviene senza trasporto di massa.

CONDUZIONE CONVEZIONE IRRAGGIAMENTO. La trasmissione del calore avviene senza trasporto di massa. Il calore si propaga, fra corpi diversi o nello spazio, dalle zone a temperatura maggiore alle zone a temperatura minore, mediante i seguenti fenomeni: CONDUZIONE La trasmissione del calore avviene senza

Dettagli

NUOVI CRITERI PROGETTUALI DELL INVOLUCRO EDILIZIO

NUOVI CRITERI PROGETTUALI DELL INVOLUCRO EDILIZIO D.LGS 192/05 e D.LGS 311/06 Novità legislative e certificazione energetica: implicazioni sulla progettazione e sui costi di costruzione NUOVI CRITERI PROGETTUALI DELL INVOLUCRO EDILIZIO 1 ARGOMENTI Sistema

Dettagli

PROGETTARE LA RIQUALIFICAZIONE DELL INVOLUCRO

PROGETTARE LA RIQUALIFICAZIONE DELL INVOLUCRO PROGETTARE LA RIQUALIFICAZIONE DELL INVOLUCRO NZEB e Riqualificazioni energetiche con sistemi in calcestruzzo cellulare, soluzioni innovative per l isolamento Domenico Chiacchio Responsabile tecnico centro

Dettagli

Riferimenti normativi. Descrizione del prodotto

Riferimenti normativi. Descrizione del prodotto Riferimenti normativi UNI EN ISO 8990:1999 Isolamento termico Determinazione delle proprietà di trasmissione termica in regime stazionario Metodo della doppia camera calibrata e della doppia camera con

Dettagli

Flusso di calore in regime stazionario e monodimensionale (condizioni invernali)

Flusso di calore in regime stazionario e monodimensionale (condizioni invernali) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI ARCHITETTURA Lezioni del Laboratorio di progettazione tecnica e strutturale 2014-15 LE PRESTAZIONI TERMICHE E I DETTAGLI COSTRUTTIVI DELL INVOLUCRO OPACO Docente:

Dettagli

ANALISI TERMICHE. Normative di riferimento

ANALISI TERMICHE. Normative di riferimento ANALISI TERMICHE Per lo studio del comportamento termico del sistema di fissaggio per edifici in legno Alufoot sono state eseguite sinora diverse analisi, tra cui: Test di conducibilità termica in laboratorio

Dettagli

ISOLAMENTO TERMICO DI EDIFICI NUOVI ED ADEGUAMENTO ENERGETICO DELL ESISTENTE:

ISOLAMENTO TERMICO DI EDIFICI NUOVI ED ADEGUAMENTO ENERGETICO DELL ESISTENTE: 1/60 ISOLAMENTO TERMICO DI EDIFICI NUOVI ED ADEGUAMENTO ENERGETICO DELL ESISTENTE: 2/60 COLLANA ANIT: L ISOLAMENTO TERMICO E ACUSTICO VOL.1: I MATERIALI ISOLANTI Meccanismi di trasmissione del calore Schede

Dettagli

Prestazioni energetiche di un edificio

Prestazioni energetiche di un edificio Prestazioni energetiche di un edificio Fabbisogni energetici Determinazione delle prestazioni energetiche Sistema edificio-impianto termico Flussi termici Zona termica e temperatura di progetto I fabbisogni

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015

LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015 Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015 ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE IVAN MELIS SIRAP INSULATION SRL Diritti d autore: la presente presentazione è proprietà intellettuale dell autore

Dettagli

Le Pareti FBM. www.fbm.it

Le Pareti FBM. www.fbm.it Le Pareti FBM www.fbm.it LEGISLAZIONE ITALIANA PER IL RISPARMIO ENERGETICO La direttiva 2002/91/CE, adottata dalla Comunità Europea sul rendimento energetico nell edilizia, è stato recepito in Italia con

Dettagli

CALCOLO PREVENTIVO DEL POTERE FONOISOLANTE E DEL LIVELLO DI CALPESTIO DI ELEMENTI DI EDIFICI

CALCOLO PREVENTIVO DEL POTERE FONOISOLANTE E DEL LIVELLO DI CALPESTIO DI ELEMENTI DI EDIFICI CALCOLO PREVENTIVO DEL POTERE FONOISOLANTE E DEL LIVELLO DI CALPESTIO DI ELEMENTI DI EDIFICI GRANDEZZE, SIMBOLI ED UNITÀ DI MISURA ADOTTATI Simbolo Unità di Descrizione misura C [db] Fattore di adattamento

Dettagli

EDIFICI ENERGETICAMENTE EFFICIENTI: UN OPPORTUNITÀ Isolamento della copertura

EDIFICI ENERGETICAMENTE EFFICIENTI: UN OPPORTUNITÀ Isolamento della copertura EDIFICI ENERGETICAMENTE EFFICIENTI: UN OPPORTUNITÀ Isolamento della copertura - CELENIT SPA 2 CELENIT da oltre 50 anni, nello stabilimento sito ad Onara di Tombolo (PD), produce pannelli in lana di legno

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015

LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015 Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015 EVOLUZIONE TECNOLOGICA DEI MATERIALI ISOLANTI: MAGGIOR BENESSERE ABITATIVO E MIGLIOR UTILIZZO DELLE RISORSE ENERGETICHE LUIGI ROVACCHI Diritti d autore:

Dettagli

POSSIBILI SOLUZIONI TECNOLOGICHE

POSSIBILI SOLUZIONI TECNOLOGICHE POSSIBILI SOLUZIONI TECNOLOGICHE Il nodo copertura a falda con gronda interna parete può avere diverse soluzioni tecnologiche possibili, in base alle caratteristiche costruttive dei tre elementi principali

Dettagli

Realizzazione polo dell infanzia nella frazione di Barco di Bibbiano

Realizzazione polo dell infanzia nella frazione di Barco di Bibbiano Davide Geom. Tassoni Comune di Bibbiano Federico Ing. Mattioli Studio MBI Energie s.r.l. Realizzazione polo dell infanzia nella frazione di Barco di Bibbiano PLANIMETRIA GENERALE Sup. intervento 8215.4

Dettagli

APPROFONDIMENTI SULLA LEGGE Capitolo 7

APPROFONDIMENTI SULLA LEGGE Capitolo 7 CALCOLO MANUALE E il sistema che permette il massimo controllo di ogni fattore e grande flessibilità ma che per grossi edifici, per i quali non si può utlizzare il metodo semplificato (metodo C) può risultare

Dettagli

arch. Vincenzo Mainardi ing. Francesco Marinelli INGEGNERI ARCHITETTI PARMA Montechiarugolo, 20 ottobre 2017

arch. Vincenzo Mainardi ing. Francesco Marinelli INGEGNERI ARCHITETTI PARMA  Montechiarugolo, 20 ottobre 2017 arch. Vincenzo Mainardi ing. Francesco Marinelli INGEGNERI ARCHITETTI PARMA www.ingegneriarchitettiparma.it Montechiarugolo, 20 ottobre 2017 Maria Luigia è un ospedale privato dedicato alla salute mentale

Dettagli

IL CALORE LA TEMPERATURA E I PASSAGGI DI STATO

IL CALORE LA TEMPERATURA E I PASSAGGI DI STATO IL CALORE LA TEMPERATURA E I PASSAGGI DI STATO IL CALORE Se metti a contatto un oggetto meno caldo (acqua) con uno più caldo (chiodo), dopo un po di tempo quello meno caldo tende a scaldarsi e quello più

Dettagli