Laboratorio di Analisi Cliniche, Istituti Clinici di Perfezionamento, Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio di Analisi Cliniche, Istituti Clinici di Perfezionamento, Milano"

Transcript

1 ilnn. 1x1. Super. Sanità Vol. 21, V. 1 (1985),pp, VALUTAZIONE DI METODI PER LA DETERMINAZIONE DEL PIOMBO E DEL CADMIO NEL SANGUE M. Buratti Laboratorio di Analisi Cliniche, Istituti Clinici di Perfezionamento, Milano Riassunto. - Vengono considerati i criteri di scelta dei metodi analitici per la determinazione del piombo e del cadmio nel sangue. Vengono analizzati in dettaglio le tecniche analitiche più idonee all'applicazione nel laboratorio di routine. Summary (Method evaluation for blood lead and cadmium determination). - The criteria for choosing methods for blood lead and cadmium analysis are consider- ed. Analytical procedures suitable for routine use are proposed. L'analisi del piombo e del cadmio alle basse concentrazioni attese nei liquidi biologici 6 effettuata di routine per il monitoraggio biologico dei lavoratori professionalmente esposti a questi metalli. honostante ciò, appare evidente dai dati discordanti riportati in lettera- tura e dai numerosi confronti interlaboratoriali effettuati, una notevole man- canza di accuratezza (1). La scelta di un metodo analitico dovrebbe essere fatta dopo una attenta analisi del rapporto costi/benefici per lo scopo che ci si propone, tenendo conto di alcuni criteri guida: - sensibilità - accuratezza - precisione - possibil ita di analisi multielementare - tempo di analisi - investimento e costi di mantenimento Tralasciando alcune tecniche analitiche molto accurate ma con costi stru- mentali estrmamente elevati come l'analisi per attivazione neutronica (NAA), la fluorimetria a raggi X (XRF), la spettometria di massa e diluizione isotopica

2 (IDMS) in tutto il mondo per l'analisi routinaria di Pb e Cd nei liquidi biologici un posto preminente è occupato dai metodi in assorbimento atomico. Anche i metodi elettroanalitici, in particolare lo strippaggio anodico, dotati di ottima sensibilità, accuratezza e precisione, hanno una discreta diffusione. Recenti progressi nelle tecniche di spettrometria a plasma (ICP) con notevoli miglioramenti nei limiti di rilevabilità e precisione per una quarantina di elementi, fanno ipotizzare che grazie alla potenzialità di analisi multielementare, questi metodi potranno affiancare e anche sostituire la spettrofotometria ad assorbimento atomico (AAS). Al momento pera i costi sono ancora elevati e la sensibilità 6 confrontabile con AAS a fiamma, in generale 2-3 ordini di grandezza inferiore a quella raggiungibile con AAS e atomizzazione elettrotermica (ETA/AAS). Va comunque precisato che quasi tutti i procedimenti analitici godono di buona precisione a patto che l'analista li conosca bene. Analizziamo ora più nel dettaglio le possibilità analitiche più facilmente applicabili nel laboratorio di routine. Piombo La determinazione del piombo nel tecniche analitiche elencate di seguit :o. sangue pub essere effettuata con diverse Assorbimento Atomico: atomizzazione elettrotermica - diluizione con acqua, Triton X-100, acido nitrico, ammonio fosfato - deproteinizzazione con acido nitrico 1N - modificazione di matrice con aggiunta in fornetto di HN03, H2OZ, amonio fosfato, ammonio molibdato - passivazione del tubo di grafite con molibdeno o zirconio - flusso di ossigeno durante 1-'incenerimento - predigestione acida a caldo - estrazione con ammoniopirrol idinditiocarbammato (APDC)/metil isobutilchetone (MIBK) dal sangue tal quale - precipitazione proteica ed estrazione - piattaforma di L'vov Assorbimento atomico: Delves cups - essicazione del campione in crogiolo di nickel con, o senza, ossidazione della matrice Assorbimento Atomico: atomizzazione a fiamma - estrazione con APDC/MIBK dal sangue intero

3 - estrazione dopo digestione acida a caldo o precipitazione proteica - precipitazione proteica ed analisi del surnatante Strippaggio Anodico - Meta1 Analyzer: analisi diretta dopo diluizione del campione con Metexchange Assorbimento Atomico: atomizzazione elettrotermica Piccoli volumi di campione sono trasferiti dopo diluizione o opportuno pretrattamento in un tubo di grafite riscaldato elettricamente. I1 solvente o la soluzione acquosa sono allontanati per riscaldamento a bassa temperatura, la matrice organica viene distrutta a temperatura opportuna mentre il materiale residuo, contenente l'analita di interesse, viene atomizzato ad alta temperatura. La determinazione del piombo nel sangue intero senza modificazione di matrice presenta serie difficolta, legate principalmente all'elevato assorbimento molecolare e scatter che spesso producono assorbimenti aspecifici superiori a 0,5A, compensabili solo con sistemi di correzione ad effetto Zeeman, e all'accumulo di residui carboniosi dopo pochi campionamenti. La semplice diluizione del sangue con Triton X-100 facilita di molto l'analisi: il tensioattivo produce completa lisi degli elementi cellulari e riduce la tensione di interfaccia tra campione e grafite facilitando le fasi di essicazione ed incenerimento (2). L'introduzione durante l'incenerimento di ossigeno (o aria) permette l 'al lontanamento quasi completo della matrice organica, evitando l'accumulo di residui carboniosi. E' possibile, inoltre, in queste condizioni, incenerire a temperature relativamente elevate il campione (fino a 950 C) senza perdere piombo; in altre condizioni gia a C il Pb volatilizza. I1 segnale di assorbimento non atomico diventa trascurabile, circa 0,05A, facilmente compensabile dal correttore di fondo (3). Anche la deproteinizzazione con acido nitrico (4) da buoni risultati ed ha il vantaggio di permettere l'uso di standard acquosi per la calibrazione; critica però in questo caso la pulizia del materiale in cui vengono preparati i campioni. La modificazione di matrice con ammonio fosfato $.di frequente utilizzata per la determinazione di Pb e Cd nel sangue: in presenza di fosfati si possono, infatti, usare temperature di incenerimento più elevate senza perdite di Pb (5). Si può anche estrarre Pb dal sangue con APDC/MIBK e iniettare poi direttamente nel tubo di grafite aliquote della fase organica (6). In questo caso la taratura si fa estraendo Pb da soluzione acquosa. Non 6 necessario usare il correttore di fondo e non occorre modificare il ph fisiologico.

4 Molta attenzione va posta quando si utilizzano procedimenti di modifica- zione della matrice, per la preparazione della curva di taratura. Molti Autori hanno, infatti, riportato difficolta nell'effettuare la calibrazione (instabilita della linea di base) quando si usino standard di piombo in soluzione acida o acquosa. Tali problemi sono stati attribuiti ai tubi di grafite, le cui caratte- ristiche superficiali differiscono da produttore a produttore, rendendo diffici- le la trasposizione immediata di un procedimento analitico su strumentazioni diverse. Ancora, di recente, l'applicazione del metodo di diluizione con Triton X-100 per l'analisi del Pb nel sangue, da molti anni utilizzato in moltissimi laboratori senza particolari difficolta, sul1'hga 500/mod AAS Perkin Elmer, si è dimostrato difficoltoso, spingendo alcuni Autori a usare curve di taratura in sangue (7). Esperimenti recenti hanno dimostrato che il profilo del picco di assorbanza del piombo in soluzione acquosa differisce sensibilmente da quello del Pb in sangue diluito; tale diversita diventa apparente quando si usano spettrometri a circuiti digitali rapidi come il mod La calibrazione con standard acquosi è adatta a strumenti analogici che, a causa del tempo di risposta più lento, non evidenziano la differenza di comparsa nel tempo del picco del piombo in sangue o in acido, non è invece applicabile con gli spettro- metri a microprocessore. Un notevole progresso è probabilmente rappresentato dall'introduzione delle piattaforme di L'vov: gli assorbimenti aspecifici sono minimizzati e la curva di taratura è indipendente dalla matrice. Anche con questo accessorio è comunque necessario diluire il campione con ammonio fosfato e Triton X-100 (8); inoltre le piattaforme sono utilizzabil i, a causa del le loro specifiche operative, solo con strumenti predisposti. I1 piombo è stato anche estratto dal sangue direttamente con APDC/MIBK e ali- quote della fase organica sono po.i iniettate direttamente nell'atomizzatore. Con questo sistema vengono coestratti parecchi altri meta1 li (zinco, cadmio, nickel, rame, manganese) che possono poi essere determinati indipendentemente. Assorbimento Atomico: Delves cups Il campione viene essicato (e ossidato) in microcrogiolo di nickel su piastra riscaldante e inserito poi nella fiamma aria/acetilene. I1 campione viene vaporizzato e concentrato nel tubo di assorbimento posto sul cammino ottico della lampada. Questo procedimento va bene per elementi relativamente volatili come Pb, Cd, As. Per la determinazione del piombo nel sangue, accanto alla semplice essicazione del campione, sono state proposte varie modificazioni della fase di pre-

5 trattamento qual i l 'ossidazione parziale del la matrice con acqua ossigenata o con acido nitrico. La matrice ematica aumenta il segnale di Pb rispetto alla soluzione acquosa, 6 quindi indispensabile effettuare la calibrazione mediante addizioni standard a sangue a basso contenuto di piombo (9). Assorbimento Atomico: atomizzazione a fiamma Il campione dopo opportuno trattamento viene aspirato in una fiamma arialacetilene dove ha luogo l 'atomizzazione del l 'anal ita. La determinazione del piombo ematico, data la bassa sensibilita della fiamna, richiede un trattamento di concentrazione del Pb prima del1 'analisi. In genere si ricorre all'estrazione con APDC/MIBK. I1 solvente organico viene poi aspirato nella fiamna. E' necessario un volume di campione relativamente grande (2 ml), data la sensibilita non elevata della fiamma e il volume aspirato dal nebulizzatore (6). Strippaggio Anodico In questa tecnica l'analita viene preconcentrato su elettrodo nella forma di un deposito solido o amalgama. Quando si è raggiunta una concentrazione sufficiente, la corrente viene invertita e la quantith delle specie depositate è determinata mediante tecniche voltametriche appropriate. I1 metodo ha sensibil ita elevata e buona precisione anche a concentrazioni molto basse. E' pera necessaria molta cura per mantenere condizioni riproducibili (agitazione, tempo di elettrolisi, posizione del l 'agitatore, volume del la soluzione costante) e il tempo richiesto per ogni analisi P lungo. Con il Trace Analyzer ESA è possibile l'analisi diretta del piombo nel sangue senza pretrattamento del campione; si usa un diluente che provoca una rapida decomplessazione del Pb (9). Cadmi o La determinazione del cadmio nel sangue pub essere effettuata con diverse tecniche analitiche di seguito elencate. Assorbimento Atomico: atomizzazione elettrotermica - diluizione con acqua, Triton X-100, acido nitrico - modificazione di matrice mediante diluizione con ammonio fosfato e Triton X deproteinizzazione con HN03 1N - estrazione con APDC/MIBK - decomposizione con ossigeno a bassa temperatura

6 - ossidazione con acidi a caldo - introduzione di ossigeno durante l'incenerimento con modificazione di matrice mediante diluizione con ammonio fosfato Assorbimento Atomico: Delves cups - ossidazione a 425'C su piastra riscaldante - ossidazione con CF4/ossigeno - modificazione di matrice con amnonio fosfato - pretrattamento in muffola a 420 C Assorbimento Atomico: atmizzazione a fiamna - estrazione con APDC e ditizone in MIBK da sangue calcinato Strippagqio Anodico - la sensibilita (2,5 pg/l) non rende tale metodo applicabile al monitoraogio di soggetti con sola esposizione ambientale a cadmio Assorbimento Atomico: atomizzazione elettrotermica I1 problema più grosso che influenza accuratezza e precisione nel la determinazione del cadmio ematico sono le interferenze da assorbimenti molecolari e l'accumulo di residui carboniosi duratite la serie analitica. L'eliminazione di queste interferenze di solito richiede pretrattamenti chimici e termici. La volatilizzazione di 1-2 p1 di sangue in atomizzatore di grafite produce segnali di assorbimento molecolare e scatter dell'ordine di 1,5A. La correzione di assorbimenti aspecifici così elevati è possibile solo con sistemi di correzione basati sull'effetto Zeeman. Con i sistemi convenzionali P necessario ricorrere a qualche tipo di modificazione di matrice per ridurre i segnali molecolari a 0,2-0,3A. Le condizioni di incenerimento devono essere accuratamente controllate per evitare perdite di Cd che possono avvenire gih a C (10). L'aggiunta di ammonio fosfato permette temperature di incenerimento di o1 tre 500 C e atomizzazione a 2200DC (5). Anche la deproteinizzazione con acido nitrico è un eccellente pretrattamento per ETA/AAS (4). Un altro semplice trattamento ossidativo consiste nell'introduzione di un piccolo flusso di ossigeno o aria nell'atomizzatore durante la fase di incenerimento. Questo trattamento combinato con la modificazione di matrice con ammonio fosfato consente di incenerire il campione a 600 C senza perdite di cadmio ed evita ogni accumulo di carbone durante il lavoro di routine. I1 cadmio è stato anche estratto direttamente dal sangue con APDC/MIBK e aliquote della fase organica erano poi iniettate direttamente nell'atomizzatore (11).

7 Asiorbimento Atomico: Delves cups Il problema principale con questa tecnica è la distruzione della matrice organi- cd, per minimizzare gli assorbimenti molecolari senza perdere cadmio. L'incene- riiiiento a 425OC in crogioli di Ni su piastra scaldante richiede un accurato controllo della temperatura e del tempo di incenerimento (12). La modificazione di matrice con aggiunta di ammonio fosfato permette l'analisi diretta con aliquote di ul di sangue. I1 segnale atomico del cadmio dal relativamente poco solubile fosfato è completamente risolto nel tempo rispetto agli assorbiiiienti molecolari e non necessita quindi di correttore di fondo. Tuttavia, il iricitodo non e applicabile di routine, perché il fosfato intacca i crogioli e limita il loro uso a 4-5 determinazioni (13). E' stato proposto anche l'incenerimento a bassa temperatura con CF4 e ossigeno, ma questa miscela corrode i componenti in vetro del digestore (14). Si può usare anche l'incenerimento in muffola a 420 C, ma i tempi di analisi diventano molto lunghi e il pericolo di inquinamento è grave (15). Assorbimento Atomico: atomizzazione a.fiamma ILa concentrazione "fisiologica" del cadmio nel sangue è confrontabile con i limiti di rilevabilita della spettroscopia ad assorbimento atomico a fiamma e quindi l'analisi diretta non è possibile. L'estrazione con ditizone o APDC/MIBK del cadmio da soluzioni di sangue calcinato ha un limite di rilevabilita di 0,6 l anche con 10 m1 di sangue. AAS a fiamma non è dunque applicabile al dosaggio di Cd nel sangue di soggetti con esposizione ambientale o professionale a basse concentrazioni di Cd (16). Strippaggio Anodico Prima dell'analisi è necessario procedere ad ossidazione del campione utilizzando acido nitrico e perclorico o solforico; la sensibilita del metodo e confrontabile con quella dell'aas a fiamma. Criteri di scelta della tecnica strumentale Da quanto fin qui discusso appare evidente che la determipazione di Cd e Pb nel sangue di soggetti con esposizione ambientale e/o professionale a questi metalli, è possibile anche nel laboratorio di routine e non necessita di una strumentazione particolarmente sofisticata. Tra i fattori da valutare nella scelta di un procedimento analitico, accan-

8 to ad accuratezza, precisione e sensibilita, hanno importanza preminente: - il costo e versati1 ità della strumentazione - la complessità della fase preparativa del campione - la possibilità di analisi multielementare - la qualità del l'assistenza tecnica Un breve elenco dei pregi e dei difetti delle tecniche strumentali in precedenza discusse è riportato di seguito. Assorbimento atomico: atomizzazione elettrotermica analisi diretta con modificazione di matrice pregi: volume di campione ridotto (50 ~ 1 ) nessuna difficoltà di preparazione del campione difetti : indispensabile il correttore del fondo si possono analizzare una quindicina di cainpioni/ora con un tubo di grafite si fanno circa 50 determinazioni accumulo di residui carboniosi se non si usa ossigeno durante l'incenerimento è necessario fare la curva di taratura in sangue analisi diretta con piattaforma di L'vov pregi: si pub effettuare la curva di taratura in soluzione acquosa una piattaforma serve per almeno 400 campionamenti difetti: tempo di analisi lungo (circa 3 minuti/campione) utilizzabile solo con strumenti predisposti estrazione con APDC/MIBK pregi: difetti: volume di campione ridotto possibilità di analizzare più elementi nel lo stesso estratto (Cd, Ni, Zn, Cu) tempo di analisi breve (50 campioni/ora) non è necessario che la curva di taratura sia fatta con sangue arric- chito la preparazione del campione richiede all'analista qualche attenzione Assorbimento atomico: Delves cup pregi: Piombo tempo di analisi relativamente breve (30 campioni/ora)

9 liretti: è possibile preparare conteinporanearnente i~iolti ca:npioni volume di cainpione ridotto (10-29 pl) nessun pretrattamento chimico basso costo dei crogioli di Ni ; ogni crogiolo serve per 70 campioni 5 indispensabile il correttore del fondo i! ri::iiii?s td luna cert* dbil i th.~l l 'anìl ista la ::al ibrazime deve cjser.! Fatta con sangue arricchito A,;orbinietit'o.ito:nico: Del ves-q -- Cadmi o pregi: volume di cainpiow ridotto i~oaa sensibilita (0,33 pg/1) i f :?!irsicsari:) ;~r?ossidare la natrice controllando accuratamente le condizioni tempo di preparazione del campione lungo i (crogioli di Ni si corrodono rapidamente issorbimito 3to:iiico: atoinizzazione a fiamma aria/ac.-tilene Piombo pregi: tempo di analisi ridotti, (100 cainpioni/ora) noil occorre il correttore del fondo costo del la ~;trmeritaziorii-e ridotto difetti: volume di sangue relativamente elevato (2 ml) la preparazione del cdiri>ione richiede 3ll 'a131 ista qualche attenzione Strippaggio anodico -- Piombo pregi: volume ridotto di campione estrema semplici th di 3n~l i si tenpo di alial i,ji bwd? completa autoinazione del cizh aoalitic~ difetti : e1 evato LOS to del la singola deteminazi one analitica manutenzione specializzata Sara compito del l'anal ista, valutati tutti fdttori che possono guidarlo nella ;nel ta di iiii wtodi~, decidei-$2 qiiale prucedi;nento sia pi:i adatto alla sua pratica di laboratorio.

10 BIBLIOGRAFIA BOONE, J., HEARN, T. & LEWIS, S Comparison of interlaboratory results for blood lead with results frorn a definitive methods. Clin. Chem. 25: FERNANDEZ, F.J Automated microdetermination of lead in blood. & Absorpt. Newsl. 17: BEATY, R.D. & COOKSEY, M.M The influence of furnace condition on matrix effects in graphite furnace atomic absorption. At. Absorpt. Newsl. 17: STOEPPLER, M., BRANDT, K. 8 RAINS, T.C Contributions of automated trace analyses. Part Il. Rapid method for the automated determination of lead in whole blood by electrothermal atomic absorption spectrophotometry. Analyst 103: SUBRAMANIAN, K.S. b MERANGER, J.C A rapid electrothermal atomic absorption spectrophotometric method for cadrnim and lead in human whole blood. Clin. Chem. 27: MITCHELL, D.G., RYAN, F.J. & ALDOUS, K.M The precise determination of lead in whole blood by solvent extration-atomic absorption spectrometry. At. Absorpt. Newsl. 11 : BAILY, P., NORVAL, E., KILRDE-SMITH, T.A., SKIKNE, M.I. & ROLLIN, H.B The application on metal-coated graphite tubes to the determination of trace metals in biologica1 materials. I. The determination of lead in blood using a tungsten-coated graphite tube. Microchem. J. 24: PRUSZKOWSKA, E., CARNRICK, G.R. & SLAVIN, W.S Blood lead determinat- ion with the plattoform furnace technique. At. Spectr. 4: LEYENDECKER, W Blood lead determination by AAS and anodic stripping v01 tammetry techniques. Comparati ve resul ts : AAS-DC, AAS-ETA, ASV. In: Analytical Techiques for Heavy Metals in Biologica1 Fluids. Facchetti, S. (Ed.), Elsevier Science Publ ishers, pp CRUZ, R.B. & VAN LOON, J.C A critica1 study of the appl ication of graphite-furnace non-flame atanic absorption spectrometry to the determi- nation of trace base, metals in complex heavy-metrix sample solution. Anal. Chim. Acta 72: ALLAIN, P. & MAUKAS, Y Micromethode de dosage du plomb et du cadmium dans le sang et l'urine par absorption atomique au four graphite. Clin. Chem. Acta 91: CERNIK, A.A A preliminary procedure for the detemination of cadmium

11 in blood. At. Absorpt. Newsl. 12: DELVES, H.T A simple matrix modification procedure to allow the direct determination of cadmium in blood by flame ni tro-sampl ing atomicabsorpti on spectrophotometry. Analyst 102 : CARTER, G.F. & YEAOMAN, W.B Detetmination of cadmium in blood after destruction of organic materia1 by low temperature ashing. Analyst 105: VESTERBERG, O. & BERGSTROM, T Determination of cadmium in blood by use of atomic absorption spectroscopy with crucibles and a rational procedure for drive-ashing. Clin. Chem. 23: THOMPSON, K.C. & GODDEN, R.G A simple method for monitoring excessive levels of lead in whole blood using atomic absorption spectrophotometry and a rapid direct nebulisation technique. Analyst 101:

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

ESPERIENZE DI LABORATORIO

ESPERIENZE DI LABORATORIO ESPERIENZE DI LABORATORIO Determinazione dello zinco nei capelli..1 Determinazione di anioni inorganici presenti in acque potabili 4 Determinazione degli acidi grassi in lipidi di origine naturale..6 Determinazione

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque.

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque. Settori di intervento ed esigenze La disponibilità e la qualità delle acque sono riconosciute strategicamente come fattori primari e fondamentali per una politica di sviluppo sostenibile per il progresso

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Tutto sulle sonde lambda

Tutto sulle sonde lambda www.beru.com Tutto sulle sonde lambda Informazione tecnica N 03 Pe r f e z i o n e i n t e g r a t a Indice Introduzione Il principio della misurazione d'ossigeno di confronto Struttura e funzionamento

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Formule di Struttura delle Molecole Organiche

Formule di Struttura delle Molecole Organiche Formule di Struttura delle Molecole Organiche Costituzione L ordine in cui gli atomi di una molecola sono connessi è chiamata costituzione o connettività. La costituzione di una molecola deve essere determinata

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

The Future Starts Now. Termometri portatili

The Future Starts Now. Termometri portatili Termometri portatili Temp 70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Temp 7 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD 0,1 C da -99,9 a +199,9 C 1 C da

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

Adolfo Esposito. Tecniche diagnostiche non distruttive applicate ai Beni Culturali

Adolfo Esposito. Tecniche diagnostiche non distruttive applicate ai Beni Culturali Adolfo Esposito Tecniche diagnostiche non distruttive applicate ai Beni Culturali Introduzione Ogni manufatto, segnatamente di interesse artistico ma non solo, contiene in se la storia del manufatto stesso,

Dettagli

INCERTEZZA DI MISURA

INCERTEZZA DI MISURA L ERRORE DI MISURA Errore di misura = risultato valore vero Definizione inesatta o incompleta Errori casuali Errori sistematici L ERRORE DI MISURA Errori casuali on ne si conosce l origine poiche, appunto,

Dettagli

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI:

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: - RETINOLO PURO - RETINOLO IN LIPOSOMI - RETINOLO IN LIPOSYSTEM COMPLEX - RETINOLO IN CYCLOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA

Dettagli

Spettrofotometro Agilent Cary 8454. Prestazioni, affidabilità e conformità eccezionali

Spettrofotometro Agilent Cary 8454. Prestazioni, affidabilità e conformità eccezionali Spettrofotometro Agilent Cary 8454 Prestazioni, affidabilità e conformità eccezionali UV-VIS AGILENT Cary 8454 TECNOLOGia DIODE ARRAY COLLAUdata Agilent Technologies è il tuo partner ideale per la spettroscopia

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Application Note 1. BGA Re-Balling on Expert 4.6 and 9.6. Technology and Application Engineering Martin GmbH

Application Note 1. BGA Re-Balling on Expert 4.6 and 9.6. Technology and Application Engineering Martin GmbH Application Note 1 BGA Re-Balling on Expert 4.6 and 9.6 Technology and Application Engineering Martin GmbH Intro Gli utilizzatori delle stazioni Martin Expert 04.6, 07.6 e 09.6 possono utilizzare le oro

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2%

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2% Cr > 10,5% C < 1,2% Cos è l acciaio inossidabile? Lega ferrosa con contenuti di cromo 10,5% e di carbonio 1,2% necessari per costituire, a contatto dell ossigeno dell aria o dell acqua, uno strato superficiale

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Un'analogia con il circuito idraulico

Un'analogia con il circuito idraulico Pompa Generatore di tensione (pila) Flusso d acqua PUNTI DI DOMANDA Differenza di potenziale Rubinetto Mulinello Lampadina Corrente elettrica 1. Che cos è l energia elettrica? E la corrente elettrica?

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

ADI Process Analyzers. Analisi chimiche polifunzionali

ADI Process Analyzers. Analisi chimiche polifunzionali ADI Process Analyzers Analisi chimiche polifunzionali Applicazioni Industria> Componente Chimica Industria Metalli Mineraria Metalli Superfici Semi Conduttori Alimenti Carta, Tessile Energia Acqua Alkalinity

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

r.berardi PRINCIPI DI ELETTROTECNICA ELEMENTARE

r.berardi PRINCIPI DI ELETTROTECNICA ELEMENTARE r.berardi PRINCIPI DI ELETTROTECNICA ELEMENTARE Principi elementari di elettrotecnica Teoria elettronica della materia Pag. 2 La dinamo Pag. 13 Schema teoria Pag.. 3 L alternatore Pag. 14 elettronica Elettricita

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli