Il Process Management nelle

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Process Management nelle"

Transcript

1 GOVERNARE L IMPRESA NELL ECONOMIA DELL INCERTEZZA Workshop virtuale Il Process Management nelle imprese 18 giugno 2003 Dr. Marco Elefanti Docente SDA Bocconi e Professore di economia delle Imprese Pubbliche Università Bocconi Granelli & Associati di Marco Granelli e C. s.a.s. Via San Giovanni, Piacenza - Tel. 0523/ Fax 0523/ Indirizzo Internet

2 Indice Indice...2 Estratto...3 Parole chiave Introduzione I Processi, il Total Quality Management e il Business Process Reengineering Una visione globale dell Organizzazione: Approccio metodologico al Process Management Gestire quali Processi? Gli strumenti del Process Management Dove conduce il Process Management? Conclusione Bibliografia...16 Il Process Management nelle imprese Pagina 2 di 16

3 Estratto L approccio alla Qualità Totale, introdotto a seguito di una nuova coscienza del cliente come arbitro del mercato e giudice assoluto nella selezione dei prodotti, ha avuto il merito di riscoprire l esistenza di processi aziendali. Il Business Process Re-engineering ha stimolato iniziative per la riprogettazione dei processi, e la ricerca di un salto qualitativo nelle performance aziendali, risultati drasticamente superiori. Il Process Management è un approccio congiunto che combina i benefici di diversi approcci e permette di considerare i processi nell insieme del contesto aziendale e gestirli, innovarli, farli evolvere come parti integranti di un sistema largamente più complesso. Da considerare, nell assetto globale dell azienda, vi sono: Management Processes: il modo di definire il contesto operativo dell organizzazione e lo stile operativo; Business Processes: assiemi organizzati di attività che conducono all ottenimento di valore per il cliente; Work Processes: procedure operative specifiche, il modo di fare le cose. Un Comitato Processi che si rapporti alla struttura organizzativa esistente, uno o più Gruppi di Lavoro strutturati che operano secondo metodologie collaudate e rigorose, una Strategia di coinvolgimento aziendale che includa formazione e strumenti di comunicazione, oltre che iniziative di coinvolgimento generale, costituiscono i principali strumenti per gestire i processi, curarne l evoluzione, valutarne le performance. Parte fondamentale dell approccio al Process Management è la considerazione dei processi in senso globale, estendendone i confini al di fuori dell azienda, e dimensionando opportunamente interventi e portata dei cambiamenti, per realizzare i risultati attesi. Parole chiave Business Process Management, Qualità Totale, Total Quality Management, Business Process Business Process Re-engineering, Business Process Redesign, Misurazioni. Il Process Management nelle imprese Pagina 3 di 16

4 1. Introduzione Gli ultimi anni hanno segnato diversi e importanti passi evolutivi nell approccio all Organizzazione delle Aziende ed, in particolare, al funzionamento interno delle strutture aziendali. Aziende di tutti i comparti produttivi, Organizzazioni di servizio, sia del settore privato sia parte di strutture pubbliche, non si sono sottratte all influenza dei nuovi stimoli per migliorare l organizzazione ed i suoi risultati. Anche le aziende del settore della Sanità, in molti paesi occidentali, hanno da tempo iniziato a porre attenzione alla struttura dell organizzazione, alla Qualità del servizio, al funzionamento dei processi aziendali. L approccio alla Qualità Totale, introdotto a seguito di una nuova coscienza del Cliente come arbitro del mercato e giudice assoluto nella selezione dei prodotti, ha avuto il merito di riscoprire l esistenza di processi aziendali (concetto non nuovo in assoluto) come flussi di attività che generano prodotti e servizi e che, pertanto, possono fortemente influenzare le caratteristiche funzionali e qualitative del risultato finale del lavoro. La scoperta, o riscoperta, dei processi ha stimolato la proposta di approcci alternativi al miglioramento continuo suggerito dalla Qualità Totale, come ad esempio il passaggio a interventi più radicali, come quelli suggeriti dal Business Process Re-engineering che propone la riprogettazione dei processi, promette un salto qualitativo nelle performance aziendali, risultati drasticamente migliori. Entrambi gli approcci, a volte erroneamente percepiti come panacea per tutti i mali aziendali, hanno portato a successi e fallimenti, hanno trovato fautori e detrattori, come ogni altro approccio che richiede cambiament dello status quo. Costruendo sugli errori e sui buoni risultati, tuttavia, il Process Management può essere considerato un successivo passaggio di razionalizzazione nell intervento organizzativo e l erede, il compendio di emtrambi gli approcci. In questa nota si cerca di delineare le caratteristiche del Process Management razionalizzando alcuni dei più recenti interventi. Non si intende ripercorrere compiutamente ed in modo esaustivo tutti i concetti del Total Quality Management e del Business Process Re-engineering, reperibili in bibliografia; da questi approcci verranno estratti ed analizzati alcuni aspetti fondamentali relativi ai Processi in modo da delineare quali possibili evoluzioni sono offerte in campo aziendale per l effettivo utilizzo di questi strumenti gestionali. Il Process Management nelle imprese Pagina 4 di 16

5 2. I Processi, il Total Quality Management e il Business Process Reengineering Il concetto di Processo, come sucessione strutturata di attività con lo scopo di produrre un risultato di valore per l azienda e per il fruitore finale del prodotto, non è una scoperta recente.si trovano, in letteratura, innumerevoli esempi di come tale concetto fosse già noto in tempi non recenti, ed utilizzato a fini organizzativi, per supportare progetti di automazione, per effettuare analisi e valutazioni aziendali. Anche il concetto di misurazione e di controllo qualitativo sono stati ripresi di recente, capitalizzando su strumenti metodologici e su esperienze datate. Molto spesso, però, al concetto di processo sono stati attribuiti connotati di attività a livello operativo, procedurale. In questa nota i processi sono trattati in una accezione più ampia. Un grosso merito riconosciuto al Total Quality Management, è quello di aver combinato due aspetti (processo e controllo qualitativo), insieme con la rinnovata coscienza del cliente per generare un approccio di successo per il miglioramento dei risultati aziendali. Uno dei pilastri della Qualità Totale è rappresentato dal miglioramento continuo come filosofia di base che consente di guadagnare costantemente il favore del Cliente che viene ascoltato, riceve prodotti e servizi sempre più in sintonia con le sue aspettativee, funzionali e qualitative. Per ottenere questi risultati i passi fondamentali sono costituiti dalla focalizzazione sul Prodotto, sulla relazione Prodotto/Cliente (con relative valutazioni sulla Soddisfazione), sull analisi del Processo di generazione del Prodotto, sull applicazione di metodi di misurazione e controllo, sull intervento costante e attento rispetto al modo di fare le cose alla ricerca di miglioramenti incrementali, sulla permeabilità delle strutture aziendali alla misurazione e alle aspettative del Cliente. In questo approccio, tuttavia, si tratta dei processi operativi esistenti nella struttura organizzativa aziendale, quelli che costituiscono la struttura attuale dell azienda. La modalità di ricerca del miglioramento è strettamente bottom-up. Si parte, cioè, dai miglioramenti ottenuti nel singolo reparto o nel singolo aspetto di un processo produttivo, per arrivare a consolidare i miglioramenti globali per sommatoria. Tali risultati, spesso non trascurabili, sono tuttavia ritenuti modesti, rispetto al costo globale affrontato per analisi e applicazione delle innovazioni. Molti processi, inoltre vengono esclusi per la difficoltà ad introdurvi misurazioni o razionalizzazioni (ad esempio, progettazione di prodotto, marketing). Il Business Process Re-engineering, favorito della presa di coscienza che esistono dei processi che premono traversalmente un organizzazione, introduce il concetto di miglioramento drastico, non più e non solo incrementale, a piccoli passi. Cambiamento radicale dei processi operativi esistenti che porta a sostanziali variazioni ai risultati aziendali, re-invenzione dei processi a partire dal foglio Il Process Management nelle imprese Pagina 5 di 16

6 bianco per eliminare la frammentazione dei compiti e delle responsabilità che spesso risale ai concetti tayloristici della divisione del lavoro. Contrariamente all approccio proposto dal Total Quality Managemennt, in questo caso ci si deve muovere in direzione top-down. Si affronta tutto il processo nella sua interezza; è un ipotesi di partenza che i risultati debbano essere straordinariamente superiori. I processi di cui si tratta, inoltre, sono più ampi, di portata aziendale. Diverse aziende che hanno intrapreso iniziative di questo tipo riportano risultati estremamente positivi, in molti settori diversi, ma altrettanto, si denunciano errori e fallimenti clamorosi. Per entrambi gli approcci si riconoscerà, però, che propongono una focalizzazione sui processi esistenti, sui processi operativi, sul come si fanno le cose, per poter eliminare lo spreco, evitare scarti, eliminare attività che non aggiungono valore al risultato finale, eliminare variazioni allo standard di processo. Il cambiamento proposto si riferisce fondamentalmente ai processi di business, e non a quelli solo operativi. Il successo si misura in una esecuzione più efficace, più veloce, con qualità più stabile e ripetibile dei processi esistenti. Le azioni di cambiamento riguardano il processo a cui si applicano; l analisi e l intervento si focalizzano sul singolo processo che rimane, in qualche modo, isolato dal resto del contesto aziendale. In particolare per il Business Process Reengineering interventi rilevanti e spesso significativi richiedono consistenti archi di tempo. La realizzazione di un singolo progetto di Business Re-engineering richiede tipicamente un anno. Le esperienze di avvio e consolidamento di progetti di miglioramento della Qualità sviluppati nel nostro Paese presentano tratti comuni ai due approcci. In particolare con riferimento ad una esperienza particolarmente significativa sviluppata nell ambito dell impresa Sandvik Coromant l intervento sull azienda è stata affrontato sia con iniziative top-down che hanno indirizzato i cambiamenti più significativi, sia con il coinvolgimento dei singoli dipendenti, in un approccio bottom-up principalmente mirato alla costituzione di una nuova cultura aziendale. Dopo aver effettuato una ricognizione dei maggiori processi aziendali e costruito un modello di interpretazione dell azienda come sistema di processi, infatti, si è proceduto alla caratterizzazione dei processi in termine di prestazioni ( costo di funzionamento e valore prodotto ai fini aziendali) per poter effettuare una valutazione delle priorità di intervento. Da questa analisi sono stati scelti, con approccio top-down, due processi, tra quelli ritenuti più problematici, per iniziare la progettazione, la ricerca del miglioramento. Contemporaneamente sono state avviate diverse iniziative di coinvolgimento (formazione del personale, sensibilizzazione ai concetti della Qualità, comunicazioni, coinvolgimento diretto in gruppi di lavoro in alcuni casi spontanei, in altri incentivati) con una maggiore caratterizzazione bottom-up nella ricerca di risultati utili ai fini aziendali. Il Process Management nelle imprese Pagina 6 di 16

7 3. Una visione globale dell Organizzazione: Approccio metodologico al Process Management. I Processi, per loro natura, costituiscono entità stabili delle unità organizzative, specialmente in ambienti che mutano rapidamente. Tuttavia, l allineamento dei processi, e sopratutto delle loro performance con l assetto strategico aziendale, costituisce un punto di notevole importanza per il successo di interventi a medio lungo termine come un programma di Total Quality Management o Business Process Re-engineering. Trasformazioni che richiedono mesi, anni per il loro completamento, possono approdare in un ambiente radicalmente cambiato rispetto a quello per il quale erano stati pensati. Le strategie aziendali cambiano rapidamente, così come cambiano velocemente le tecnologie disponibili a supporto dei nuovi processi. Ciò sicuramente non suggerisce l inattività o l attesa dell ennesimo nuovo assetto; al contrario, spinge ad assecondare la necessità di cambiamento anche radicali ma con una forte attenzione all insieme dell azienda, intesa come aggregato di processi tra loro integrati, che, reciprocamente, si influenzano. Quanto appena affermato costituisce il primo di una serie di importanti elementi del Process Management: i processi debbono essere considerati nell insieme del contesto aziendale e gestiti, innovati, fatti evolvere come parti integranti di un sistema largamente più complesso. E questo sistema comprende processi di natura diversa. Si riconoscono, infatti: Processi di Management: il modo di definire il contesto operativo dell 0rganizzazione e lo stile operativo; Processi di Business: assiemi organizzati di attività che conducono all ottenimento di risultati di valore per il cliente; Processi Operativi: procedure specifiche, il modo di fare le cose. Tradotto in termini operativi un tipico di Managemant Process è costituito dalla definizione delle strategie di allocazione delle risorse finanziarie (budgeting); un esempio di Business Process è rappresentato dalla gestione del processo produttivo; un esempio di Work Process è, invece, la procedura amministrativa di gestione del ciclo attivo. Total Quality Management e Business Process Re-engineeering generalmente si sono occupati principalmente della seconda e terza classe di processi, ma l approccio globale per processi alla gestione dell azienda richiede che anche le modalità di definizione del contesto organizzativo e dello stile operativo (tipici processi di management) vengono considerati nel Process Management e fatti parte integrante degli interventi di cambiamenti. Non è possibile pretendere un Il Process Management nelle imprese Pagina 7 di 16

8 cambiamento operativo radicale senza cambiare sistemi di misurazione aziendale o modificarne l atteggiamento rispetto ai risultati. Process Management in questo ambito significa osservare l assetto dei processi nel suo insieme e curare, anticipare l allineamento con l evoluzione strategica e tecnologica dell azienda. Ciò può comportare scelte radicali come l eliminazione totale di un processo o la strutturazione di un nuovo modo di operare, non soltanto interventi anche molto significativi su processi esistenti. Nell esperienza già citata un esempio di coinvolgimento dei processi manageriali nell approccio globale ha riguardato l attribuzione di priorità alle iniziative inserite nel piano di budget mediante una visione per processi, piuttosto che rispetto a logiche strettamente legate alla struttura dipartimentale. Un altro elemento fondamentale del Process Management è costituito dall attenzione alla natura degli interventi di cambiamento. Le leve fondamentali, gli atomi del processo sono costituiti dagli Individui che operano nel processo, dalle procedure operative in vigore (Metodi), dalla Tecnologia utilizzata a supporto delle attività. Un intervento specifico, che modifichi esplicitamente anche soltanto uno di questi elementi, sposta l equilibrio del processo in modo tale da richiedere interventi anche sulle altre due componenti.. L introduzione di un applicazione informatica a supporto di un processo operativo non è semplicemente una sostituzione di un mezzo operativo. Si tratta di un intervento che richiede preparazione, istruzione, addestramento operativo, accettazione da parte delle persone ( ed in questo settore l evoluzione tecnologica è particolarmente veloce e il tasso di innovazione è molto elevato). Anche la semplice sostituzione di un applicazione informatica, nella quasi totalità dei casi, richiede modifiche ai modi di operare delle persone, cambiamenti organizzativi, redistribuzione di responsabilità. Process Management significa ricercare e progettare accuratamente il nuovo assetto e predisporre i necessari passi organizzativi che consentano la transizione. Il Process Management nelle imprese Pagina 8 di 16

9 4. Gestire quali Processi? Si è accennato all esistenza di tre tipologie di processi: Management Processes; Business Processes; Work Processes. Queste classi devono essere articolate e opportunamente declinate per ciascuna azienda in modo da costruirne uno spaccato utile per il governo dell organizzazione. Non tutti i processi, infatti, hanno uguali necessità di trasformazione. Alcuni dimostrano impellente bisogno di cambiamento, altri potrebbero cambiare solo perché l assetto globale dell azienda risente di un intervento specifico. Tutti i processi aziendali, in ogni caso, necessitano di governo e attenzione. Rimediare ad un problema in un area dell organizzazione non significa aver eliminato il problema. Occorre assicurarsi di non averlo semplicemente spostato o, peggio, nascosto altrove. Un accurata gestione di tutti i processi si basa sul mantenimento del modello aziendale dei processi, una sorta di mappa che rappresenta le relazioni fondamentali tra queste strutture, le entità comuni, le rispettive influenze. Il modello rivela ai responsabili della gestione per processi i possibili punti critici e consente di stabilire le priorità di intervento, di costruire un piano evolutivo. Sotto la spinta del Total Quality Management il Cliente è diventato spesso la fonte di criteri di base per formulare i piani di intervento, stabilire priorità di applicazione delle metodiche di trasformazione. Una visione più centrata sull azienda nel suo complesso, non trascura la centralità del Cliente, ma consente di focalizzare l attenzione anche su altri aspetti fondamentali: la competitività, ad esempio, i costi operativi, i risultati finanziari, l utilizzo delle risorse, il posizionamento del prodotto sul mercato. Si tratta solo di alcuni, pochi esempi di elementi su cui si può basare la scelta dei processi su cui intervenire. La Metodologia di Semplificazione dei Processi Aziendali utilizzata da una società reggiana di progettazione e gestione di software gestionali, propone alcuni passi fondamentali ed alcuni criteri di base. In questo approccio, i costi legati al funzionamento dei processi, il valore aggiunto, creato per raggiungere gli obiettivi stabiliti dall azienda costituiscono le due leve basilari per stabilire le priorità di cambiamento dei processi. La rilevazione della soddisfazione dei clienti nei confronti dei servizi ottenuti rappresenta un ulteriore esempio di valutazione delle prestazioni di un processo, nell ottica del Total Quality Management. Una costante attenzione al processo per individuare le possibili fonti di errore e sprechi o di potenziale insoddisfazioni del cliente costituisce un elemento di Process Management. Il Process Management nelle imprese Pagina 9 di 16

10 5. Gli strumenti del Process Management. Come intervenire, una volta stabiliti i processi che richiedono cambiamento, dipende, molto spesso, dalla natura del singolo processo. Il tipo di intervento scelto può spaziare dalla riqualificazione delle persone, all automazione di porzioni di attività, alla revisione dei passi procedurali del processo. Come accennato in precedenza, altri interventi più radicali possono portare all eliminazione completa di un processo, non più ritenuto in sintonia con le strategie, o nella completa trasformazione da procedimento manuale ad automatismo. O anche potrebbe rendersi necessaria la progettazione di una nuova struttura, finora inesistente, o in una fase embrionale, instabile, non strutturata. Il primo strumento di Process Management da utilizzare in tutti questi casi, tuttavia, è rappresentato da un Comitato Manageriale, istituito ai più alti livelli istituzionali che garantisca legittimità ad ogni intervento. Il ruolo di questo Comitato è indispensabile e imprescindibile. Da questo punto dell'organizzazione devono scaturire le direttive, le decisioni significative. Tra i compiti di questo Comitato si riconosce la definizione di una strategia onnicomprensiva, coordinata, per il lancio di iniziative di trasformazione, la responsabilità di comunicare in vari modi, a tutta la struttura, che le iniziative sono parte di una precisa strategia, non frutto di moda passeggera, la costanza nel rilevare progressi e risultati e riconoscere il contributo operativo, la disponibilità a sostenere le nuove idee formulate, l ampiezza di vedute per incorporare nella visione per processi le iniziative aziendali. Il Process Management, nelle mani di questo Comitato, consente di controllare l azienda anche per mezzo di indicatori legati ai processi e non solo alle strutture organizzative. Il Comitato, inoltre ha il compito di analizzare, rivedere, correggere i risultati del lavoro di gruppi specifici che operano la riprogettazione dei processi. Questi gruppi di lavoro sono istituzionalmente riconosciuti, tecnicamente dotati di conoscenza ed esperienza dei processi, dotati di sensibilità per la cultura aziendale e capaci di far leva su questa per ottenere i risultati progettati. Sia che si tratti di un processo in fase di trasformazione, sia che si tratti di un area di attività al momento non interessata direttamente dagli interventi, occorre che si ponga la necessaria attenzione sugli aspetti tecnici e culturali per prevenire inaspettate influenze da parte di altri progetti. I gruppi di lavoro devono essere costituiti da persone che conoscono il processo, che abbiano una visione d insieme di tutti i processi, capaci di esprimere idee nuove, comunicare entusiasmo e ottimismo, in grado di mettere in atto opportune tattiche di introduzione del cambiamento lavorando con tenacia in gruppo, in grado anche di dissacrare regole di base dell organizzazione per individuare soluzioni nuove. Il Process Management nelle imprese Pagina 10 di 16

11 Un ulteriore, fondamentale strumento è costituito da un approccio metodologico che può venire da gruppi di supporto interni all azienda o da consulenti esterni che non si sostituiscano ai principali attori del cambiamento, ma che consentano di raggiungere la necessaria velocità di intervento e offrano strumenti rigorosi per agevolare il lavoro. La metodologia deve essere flessibile alle necessità specifiche dell azienda, ma anche semplice e soprattutto deve poter essere appresa dai gruppi di lavoro aziendali. Strumenti di mappatura e rappresentazione dei processi (flowcharting, data modeling, etc.), tecniche analisi strutturata, metodi di analisi di costi o definizione delle misurazioni. Metodiche di produzione di idee nuove e di conduzione dei progetti realizzativi. Un altro importantissimo strumento operativo del Process Management, mirato prevalentemente all ambiente organizzativo è la Comunicazione che riguarda le motivazioni, le scelte, il progresso nelle varie fasi, la localizzazione degli interventi, i risultati ottenuti. Sono tutti elementi da comunicare in modo pervasivo, continuo, insistente, preciso per poter raggiungere tutti i componenti dell organizzazione, per consentire a tutti di partecipare, per coinvolgere tutti. Le organizzazioni tendono, per loro natura, a cristallizare comportamenti, abitudini, atteggiamenti. Occorre intervenire in modo da rimuovere le resistenze e preparare l ambiente a ricevere le nuove modalità operative. La comunicazione costituisce il primo motore di coinvolgimento e di spinta al cambiamento. E non ci si riferisce in questo caso a comunicazioni ad una sola via. E necessario stimolare ritorni di informazione dalla periferia verso il centro dell istituzione, per misurare il livello di ricezione dei messaggi, la profondità di accettazione, la capacità di risposta. La letteratura propone diversi strumenti di intervento per la trasformazione dei processi. La metodologia usata dall azienda reggiana citata e impegnata nella progettazione, realizzazione e gestione di software gestionali si basa sull approccio noto come Diamante che considera la determinazione delle azioni di intervento basandosi sul: la realizzazione di un modello dei processi, mediante tecniche descrittive specifiche e rigorose; la ricognizione di clienti e prodotti; la misurazione della soddisfazione del cliente; l analisi della struttura del processo ( metodi usati, tecnologia di supporto, personale) condotta con idonei strumenti come l Analisi del Valore, Indicatori di Interfaccia; Il Process Management nelle imprese Pagina 11 di 16

12 l individuazione di parametri significativi e l istituzione di un sistema di misurazione del processo (costi, difettosità, produttività, tempi di ciclo) la costruzione di un modello quantitativo del processo che leghi in relazione causa-effetto i parametri di controllo individuati; la ricognizione di metodiche, tecnologie e competenze alternative (presenti internamente o esternamente all azienda). L ultimo elemento di questo approccio metodologico costituisce l attuazione del cambiamento. Tre ulteriori aspetti caratterizzano la metodologia a questo riguardo: la formazione delle persone che partecipano direttamente alla realizzazione cambiamento (Comitato Guida, Comitato Processi, Gruppo di Progetto, Specialisti di Processo) ma anche tutte le persone che sono in qualche misura coinvolte dalla trasformazione dei processi (gli operatori direttamente coinvolti nelle attività quotidiane) il projet management, tutto ciò che consente di controllare il piano di realizzazione (date, risorse, percorsi critici, la gestione delle riunioni), di bilanciare correttamente le fasi di analisi con quelle realizzative, di individuare correttamente tempi e metodi per provare in laboratorio le idee e le nuove procedure. l affermazione di una precisa cultura aziendale, costruita attraverso la definizione di principi e regole condivise da tutta l organizzazione, e per mezzo di opportuni strumenti di comunicazione aziendale. Queste trasformazioni si possono basare su una molteplicità di casi diversi: la ristrutturazione delle attività, eliminando la frammentazione e combinando diversi compiti in uno più complesso, interrompendo sequenze artificiose, inglobando nel processo anche eccezioni e casistiche speciali; la eliminazione di punti di controllo nel processo, consentendo agli individui di assumere maggiori responsabilità e quindi prendere decisioni; la concentrazione delle attività dove ha maggior senso che queste vengano svolte, eliminando il collo di bottiglia degli specialisti che, invece, debbono trattare le vere eccezioni e i veri casi speciali; la minimizzazione di duplice trattamento di informazioni, di riconciliazioni; la concentrazione in punti di contatto unici per il cliente del processo. Un ruolo fondamentale è rappresentato dalla tecnologia. In rapida e costante evoluzione, il cambiamento dei supporti tecnologici consente di eliminare attività, rendere più precisi e accurati i risultati. Il trattamento dell informazione, ad Il Process Management nelle imprese Pagina 12 di 16

13 esempio, consente lo scambio rapido di informazioni senza duplicazioni e ritardi. Trattamento dell immagine, identificazione automatica, telecomunicazioni sono solo alcuni esempi di tecnologie oggi disponibili in molteplici modalità per essere utilizzate nei processi aziendali. Il trattamento dell informazione è considerato uno dei mezzi più attesi per facilitare la soluzione dei casi di malattia, per effettuare ricerche, gestire i costi associati al singolo evento, effettuare analisi statistiche. L applicazione della tecnologia in molti campi è vista come un modo principe per realizzare la trasformazione ed il controllo dei processi, a volte è considerata come sinonimo di fatto del Business Process Re-engineering, Database centralizzati per procedure decentrate, Reti Informative di scambio dati, applicazione di tecnologie di trattamento dell immagine e della voce, automazione di procedure amministrative per semplificare le attività: sono solo alcuni degli esempi di applicazioni che rendono possibile la trasformazione dei processi con il supporto dell informatica. Molta attenzione, tuttavia, viene richiesta prima di effettuare scelte e prendere decisioni in questo campo per automatizzare il processo voluto, con la corretta tecnologia. Troppo spesso, nel passato e in diversi settori, l automazione non ha prodotto i risultati attesi per scelte errate sull estensione del processo o per un approccio all automazione troppo funzionale. Il Process Management nelle imprese Pagina 13 di 16

14 6. Dove conduce il Process Management? Quali risultati ci si deve aspettare, come coordinarli, come organizzarli in modo consono alla struttura organizzativa ed alle strategie aziendali? Process Management è tutto questo e anche la capacità di stimolare l apprendimento da parte dell organizzazione. La scelta del percorso da seguire per attuare il cambiamento costituisce una decisione fondamentele dell azienda. Esistono modalità diverse che permettono di ottenere risultati diversi a seconda della profondità, della radicalità dell azione. L approccio Total Quality Management fa leva sul miglioramento continuo, il Business Process Re-engineering spinge a favore di trasformazioni più decise, si è detto. E possibile ricercare un confronto tra i diversi approcci tra i più discussi e applicati nel corso degli ultimi decenni: il Business Process Re-engineering (BPR), la Qualità Totale (TQM), il Rightsizing (approccio alla struttura organizzativa che mira alla identificazione della corretta dimensione strutturale in relazione al volume di business, al posizionamento sul mercato, alle strategie), il Restructuring (che mira alla eliminazione di attività estranee al core busines e alla revisione delle responsabilità), l automazione (principalmente legata alla informatizzazione, un esempio in ambito industriale è costituito dal Computer Integrated Manufacturing). La varietà di scelte di approccio è molteplice e ciascuna comporta l adozione di tecniche attuative in qualche misura diverse o con una diversa enfasi (Analisi del valore, Analisi dei tempi di processo, Analisi dei costi, Misurazione di errori, Individuazione di relazioni Causa-Effetto, per citare alcune tra le tecniche più note). Si nota, in particolare, come solo un ridisegno totale del processo consente di ottenere risultati superiori di ordini di grandezza. Associato a questa scelta, va ulteriormente rilevato, vi è un maggiore livello di rischio. Ciascuno di questi approcci non nega necessariamente gli altri, anche se talvolta vengono presentati in contrapposizione. Attraverso il Process Management è possibile fare scelte di applicazione contemporanea di diversi approcci in modo da trarre da ciascuno i vantaggi offerti. Ad un ridisegno totale di un processo, condotto con tecniche di re-engineering, può seguire una fase di aggiustamento basata su strumenti del Total Quality Management, mentre l Automazione può essere usata proprio per attuare un preciso intervento a supporto di un processo riprogettato. O, anche, l applicazione di tecniche di miglioramento incrementale, può liberare risorse utili per affrontare la riprogettazione. Ciò che importa, ancora una volta, è una precisa strategia di intervento che impedisca lo spreco di risorse con erronei interventi svolti In successione sbagliata. Il Process Management nelle imprese Pagina 14 di 16

15 7. Conclusione. Process Management, dunque, significa fondamentalmente stabilire e attivare nell organizzazione modalità e metodi di gestione e controllo del cambiamento aziendale, per quanto concerne il funzionamento delle diverse strutture. Significa istituire modalità di decisione sul futuro dei processi e della velocità con cui si intende raggiungere obiettivi per i quali si è stabilito un potenziale contributo alle performance aziendali. Il Process Management richiede impegno da parte del management aziendale e condivisione di obiettivi con gruppi di lavoro preposti all analisi ed alla realizzazione dei progetti di trasformazione. Spesso la realizzazione di questi progetti consiste in un lungo viaggio per il quale occorre gestire e controllare accuratamente la rotta ma soprattutto la preparazione e la spinta propulsiva, per evitare il rischio di non arrivare alla meta. O, ancora, per scegliere a ragione i processi da migliorare o riprogettare, per evitare di spendere tempo e risorse su qualcosa di marginale o non significativo per l organizzazione. Le diverse tecniche accennate possono aiutare la realizzazione dei cambiamenti, ma basilare è il processo decisionale, l impegno e la dedizione manageriale alle scelte effettuate oltre alla convinzione che il viaggio va intrapreso con la partecipazione e l apporto delle persone appartenenti all organizzazione, con adeguato supporto ai diversi livelli di management e con opportune risorse finanziarie per realizzare il cambiamento. M.Hammer, nel libro The Reengineering Revolution, alla domanda che cosa si dovrà fare una vola terminato il Reengineering? risponde: Al Reengineering segue altro Reengineering. E per questo motivo che il Process Management costituisce il miglior modo per controllare ed intervenire con efficacia sull evoluzione dell organizzazione attraverso il controllo organico di tutti i processi che la costituiscono, da quelli manageriali a quelli più strettamente operativi, in un continuo di controllo di processo, analisi delle caratteristiche, progettazione di nuovi assetti, realizzazione dei cambiamenti, misurazioni di risultati di portata aziendale. Il Process Management nelle imprese Pagina 15 di 16

16 Bibliografia R. Berchi, M. Fontanazza: La semplificazione dei processi aziendali, ETAS Libri, Febbraio; M. Hammer, J.Champy, Reingineering the Corporation: A Manifesto for Business Revolution, Harper Business, 1995; M. Hammer, S.A. Stanton, The Reeingineering Revolution, Harper Business, 1995; R.L. Manganelli, M.M. Klein, The Reeingineering Revolution, Harper Business, 1995; Cheryl Currid & Company, Reengineering Toolkit, prima 1994; S.Somadossi, G.Oriani, Riprogettare l azienda, Economia & Management, n.5/1994. Il Process Management nelle imprese Pagina 16 di 16

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Università Tor Vergata di Roma Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Tivoli, 2011 Mario Gentili Università Tor Vergata di Roma Perché? Master Management Infermieristico per

Dettagli

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI I COSTI LOGISTICI COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI di Andrea Moneta Produzione e logistica >> Logistica DEFINIZIONE E AREE DI COMPETENZA Quando si parla di costi logistici generalmente si tende ad associare

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING)

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) L IMPATTO SULLA GESTIONE LA MISURAZIONE DELL IMPATTO IL SUPPORTO ALLA CREAZIONE DEL VALORE L INTEGRAZIONE ESIGENZE DEL BUSINESS

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

STRATEGIC Management Partners

STRATEGIC Management Partners STRATEGIC Management Partners Strategic Report Creare un vantaggio competitivo nella relazione IT e business Gianluca Quarto Sintesi 2 E un dato di fatto che i sistemi informatici rappresentano uno strumento

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013

FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013 CONFINDUSTRIA ALESSANDRIA Unione Industriale della provincia di Asti FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013 Corsi di alta formazione per dirigenti 1 LEAN MANUFACTURING L intervento formativo persegue l obiettivo

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale di Luisa Menabeni Pianificazione, programmazione aziendale e controllo di gestione; nuove formule strategiche, controllo strategico, calcolo dei

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ESTERNA

LA COMUNICAZIONE ESTERNA LEZIONE COMUNICAZIONE E MARKETING PROF.SSA CARMENCITA GUACCI Indice 1 LA COMUNICAZIONE ESTERNA --------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL MARKETING NELLA

Dettagli

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE Ioanis Tsiouras 1 (Rivista Gli speciali di Qualità - Qualità Informatica suppl. n.1 al n.3 di QUALITÀ, Maggio/Giugno 1998) 1. L organizzazione: dalle funzioni

Dettagli

Innovazione e cambiamento

Innovazione e cambiamento ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Innovazione e cambiamento 2 Contenuti del capitolo Innovare o perire: il ruolo strategico del cambiamento Cambiamento tecnologico Nuovi prodotti e servizi Cambiamenti strategici

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010

CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010 CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010 Corsi a Milano Contatto: Manuela Meletti Tel. 02-58370605 e-mail: formazione@assolombarda.it Percorso base in materia di sicurezza per dirigenti Fornire una panoramica

Dettagli

piattaforma comune miglioramento del processo adeguamento all anno 2000 sistemi legacy obsoleti visibilità dei dati standardizzazione di più sedi

piattaforma comune miglioramento del processo adeguamento all anno 2000 sistemi legacy obsoleti visibilità dei dati standardizzazione di più sedi AO automazioneoggi Facciamo un po d ordine L approccio ai progetti di implementazione di sistemi ERP è spesso poco strutturato e il processo di implementazione risulta essere frequentemente inefficiente

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Groupware e workflow

Groupware e workflow Groupware e workflow Cesare Iacobelli Introduzione Groupware e workflow sono due parole molto usate ultimamente, che, a torto o a ragione, vengono quasi sempre associate. Si moltiplicano i convegni e le

Dettagli

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Il marketing nella ristorazione

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

La reingegnerizzazione dei processi aziendali

La reingegnerizzazione dei processi aziendali La reingegnerizzazione dei processi aziendali Le componenti (I/V) L organizzazione per processi: 1. Perché 2. Definizioni 3. Caratteristiche La reingegnerizzazione: 1. Modelli e obiettivi aziendali 2.

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione del personale

Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione del personale Convegno Nazionale CERGAS «25 anni di ricerca e formazione al servizio della salute dei cittadini» Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

MBO - Management by objectives

MBO - Management by objectives DAL 1946, CONSULENTI DI DIREZIONE 10133 TORINO CORSO FIUME 2 - Tel.(011) 6604346 6603826 (fax) Email: consulenti@studiobarale.it MBO - Management by objectives Una breve guida all introduzione in azienda

Dettagli

I meccanismi di coordinamento

I meccanismi di coordinamento Scienze della comunicazione Le determinanti della complessità del problema di coordinamento Differenziazione Interdipendenza Corso di Organizzazione aziendale dott.ssa Francesca Chiara Esigenze di integrazione

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI ANALISI E GESTIONE DEI COSTI Dott.ssa Francesca Mandanici LIFE CYCLE COSTING: Target e kaizen Costing 4 e 5 DICEMBRE 2013 Gli scopi conoscitivi del Life Cycle Costing SCOPI TRADIZIONALI SCOPI EMERGENTI

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

DIVISIONE ORGANIZATIONAL NETWORK MANAGEMENT

DIVISIONE ORGANIZATIONAL NETWORK MANAGEMENT DIVISIONE ORGANIZATIONAL NETWORK MANAGEMENT COVECO SRL - R.I. di UD 02640890303 Cap. Soc. 15.000 i.v. - C.F. E P.I. 02640890303 LAVORARE SULL ORGANIZZAZIONE OGGI Quante volte ci siamo ritrovati a progettare

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

L impatto organizzativo delle scelte tecnologiche, ovvero l impatto organizzativo dei progetti informatici nelle Pubbliche Amministrazioni

L impatto organizzativo delle scelte tecnologiche, ovvero l impatto organizzativo dei progetti informatici nelle Pubbliche Amministrazioni L impatto organizzativo delle scelte tecnologiche, ovvero l impatto organizzativo dei progetti informatici nelle Pubbliche Amministrazioni 26 ottobre 2001 Prof. Luciano Hinna Università di Tor Vergata

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

Perché una nuova UNI EN ISO 9001?

Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Le regole della normazione tecnica prevedono che le norme vengano sottoposte a un processo di revisione periodica quinquennale per garantire

Dettagli

L evoluzione dei data center verso il cloud

L evoluzione dei data center verso il cloud DICEMBRE 2012 Nonostante la virtualizzazione abbia dato il via a una fase di investimenti nell ottica del consolidamento e della razionalizzazione dei data center, oggi molte imprese si trovano a metà

Dettagli

La Strategia Energetica Nazionale

La Strategia Energetica Nazionale La Strategia Energetica Nazionale La nuova Strategia Energetica Nazionale, diffusa a fini di consultazione pubblica, individua quattro obiettivi principali per il sistema energetico italiano: 1) Ridurre

Dettagli

2ELHWWLYR &RVWUXLUH UHWL GL FRPSHWHQ]H LQWHUQH DOOH $PPLQLVWUD]LRQL R

2ELHWWLYR &RVWUXLUH UHWL GL FRPSHWHQ]H LQWHUQH DOOH $PPLQLVWUD]LRQL R 3523267$',,17(51$/,==$=,21('(//(&203(7(1=( 5(*,21(38*/,$ ,QWURGX]LRQH Il presente documento costituisce una prima proposta di lavoro per attuare un processo di internalizzazione delle competenze. La Regione

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

Pratiche socialmente responsabili

Pratiche socialmente responsabili Pratiche socialmente responsabili I risultati di un indagine tra 28 multinazionali europee Milano, 3 dicembre 2003 EUROPEAN UNION European Social Fund Article 6 Innovative Measures Prime evidenze dalla

Dettagli

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS Fondo Interbancario di tutela dei depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS claudio patalano Milano, 27

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Role Playing Corso di Marketing Strategico

Role Playing Corso di Marketing Strategico Role Playing Corso di Marketing Strategico Centro Storico o Centri Commerciali? Comportamenti di consumo, stati emotivi e soddisfazione percepita dei consumatori Beneventani 1. La Situazione Attuale e

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

IL MANAGER DIDATTICO:

IL MANAGER DIDATTICO: IL MANAGER DIDATTICO: RUOLO, FUNZIONI, COMPETENZE DI ANNA COMACCHIO * * Professore associato in Organizzazione Aziendale Università Cà Foscari di Venezia Anna Comacchio 50 ,, F RR UU OO LL L II, I FF UU

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E di Francesco Verbaro 1 La

Dettagli

L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION

L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE. Strumento di marketing: conoscere il livello di soddisfazione del cliente e il modo in cui si forma il suo giudizio analisi

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

Esercizio 11.1 Budget flessibile e controllo del budget

Esercizio 11.1 Budget flessibile e controllo del budget Esercizio 11.1 Budget flessibile e controllo del budget 1. Il nuovo sistema di budget consente al manager di focalizzarsi sulle aeree che richiedono attenzione. La mensilizzazione del budget consente ai

Dettagli

La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione dell attività aziendale.

La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione dell attività aziendale. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione

Dettagli

Progettare un Sistema Qualità: la certificazione come leva competitiva nell offerta di servizi

Progettare un Sistema Qualità: la certificazione come leva competitiva nell offerta di servizi CAPITOLO 11 Salvatore Moretto Automobile Club d Italia Progettare un Sistema Qualità: la certificazione come leva competitiva nell offerta di servizi LA CERTIFICAZIONE COME LEVA COMPETITIVA NELL OFFERTA

Dettagli

Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie

Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie Master EMSS VIII edizione Lugo, 15 Aprile 2010 Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie Prof.ssa Monia Castellini Monia Castellini Università di Ferrara 1 Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2012-2013 1 IL CONCETTO DI QUALITA QUALITA OGGETTIVA è un concetto strettamente correlato al prodotto e si configura come l insieme di attributi fisici e tecnicofunzionali

Dettagli

Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda

Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda Roberto Candiotto Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma 2 ISIPM

Dettagli

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con Comune di Pontassieve Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato In collaborazione con 1 Indice Indice... 1 1. Il processo di sviluppo organizzativo in corso...

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa KNOWLEDGE MANAGEMENT Pasquale Lops Giovanni Semeraro Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa 1/23 Knowledge Management La complessità crescente della società, l esubero di informazioni

Dettagli

Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest

Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest La statistica si impone sempre più come una risorsa utile per decidere e valutare le politiche di intervento in campo economico e sociale. Esperienze dell

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DELLA DISTRIBUZIONE PRIMARIA SIMCO SRL Via Durando 38-20158 Milano tel. 02 39325605 -fax 02 39325600 E-mail: simco@simcoconsulting.

OTTIMIZZAZIONE DELLA DISTRIBUZIONE PRIMARIA SIMCO SRL Via Durando 38-20158 Milano tel. 02 39325605 -fax 02 39325600 E-mail: simco@simcoconsulting. IL CLIENTE CO.SI.FAR., Cooperativa Siciliana Farmacisti, è stata costituita nel 1990 da alcuni Farmacisti della Provincia di Agrigento e di Trapani con obiettivi di approvvigionamento e distribuzione nell'interesse

Dettagli

Innovazione dei processi (organizzativi) per il miglioramento della performance d'ateneo

Innovazione dei processi (organizzativi) per il miglioramento della performance d'ateneo Innovazione dei processi (organizzativi) per il miglioramento della performance d'ateneo Università Ca Foscari, 23 settembre 2009 1 Il significato di Un è un insieme organizzato di decisioni e azioni fra

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

La soluzione Oracle per il Piano Esecutivo di Gestione degli Enti locali. White Paper Oracle Gennaio 2004

La soluzione Oracle per il Piano Esecutivo di Gestione degli Enti locali. White Paper Oracle Gennaio 2004 La soluzione Oracle per il Piano Esecutivo di Gestione degli Enti locali White Paper Oracle Gennaio 2004 La soluzione Oracle per il Piano Esecutivo di Gestione degli Enti locali INTRODUZIONE Oracle Italia,

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA. Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi

TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA. Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi A CHE PUNTO SIAMO Cogliere opportunità le dell evoluzione normativa Dagli anni 90 l innovazione

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO LEZIONE: LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO PROF.SSA PAOLA ZOCCOLI Indice 1 LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO --------------------------------------------- 3 2 OBIETTIVI

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

INTRODUZIONE. n. 019 - MAGGIO 2013

INTRODUZIONE. n. 019 - MAGGIO 2013 IL DATORE DI LAVORO AFFIDA ALL ESTERNO LE COMPETENZE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) PER ESSERE SUPPORTATO NELL INDIVIDUAZIONE DELLE SOLUZIONI ADOTTABILI AL FINE DI EVITARE

Dettagli

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA La misurazione delle prestazioni (cd. performance) associate ad un qualsiasi processo o azione manageriale si può realizzare attraverso un sistema di indicatori predefiniti

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 4 1 Le esigenze di cambiamento LA TRADIZIONALE STRUMENTAZIONE E LE METODOLOGIE DEL CONTROLLO si contraddistinguono per: Focalizzazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Claudio Lattanzi. More Controllo Performance: i dati. unico progetto di modellazione

Claudio Lattanzi. More Controllo Performance: i dati. unico progetto di modellazione Claudio Lattanzi More Controllo Performance: i dati transazionali ed aggregati in un unico progetto di modellazione Le informazioni sono in continua crescita ma non sempre questo patrimonio aziendale viene

Dettagli

Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi

Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi Quaderno N. 25 Ercole Colonese ercole@colonese.it Roma, 17 dicembre 2007 Argomenti trattati Valutazione del rischio

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO. A cura di dottor Alessandro Tullio

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO. A cura di dottor Alessandro Tullio IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO A cura di dottor Alessandro Tullio Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Docente: dottor Alessandro Tullio Corso Canalgrande 90 41100 Modena Tel. 059.4279344

Dettagli