AGENZIA PER LE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGENZIA PER LE IMPRESE"

Transcript

1 ASSISTENZA PER LA COSTITUZIONE DI UNA AGENZIA PER LE IMPRESE Proposta per servizi di assistenza, consulenza ed informatizzazione Proposta STANDARD Proposta valida fino al 30 agosto 2013 Riferimento: OV_FULL_05_AgenziaImprese_STANDARD_

2 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 2 di 24 CONTENUTI Salve, in queste pagine troverete una proposta relativa a servizi di assistenza e consulenza (e servizi complementari) per la costituzione, accreditamento e supporto all'attività di AGENZIA PER LE IMPRESE ai sensi del - DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 9 luglio 2010, n. 159 Regolamento recante i requisiti e le modalita' di accreditamento delle agenzie per le imprese, a norma dell'articolo 38, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n (10G0184) (GU n. 229 del Suppl. Ordinario n.227) - DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 settembre 2010, n. 160 Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attivita' produttive, ai sensi dell'articolo 38, comma 3, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 (GU n. 229 del Suppl. Ordinario n.227). Nel presente documento intendiamo sottoporre alla Vs. attenzione una analisi sintetica del ruolo e delle funzioni dell'agenzia PER LE IMPRESE nel contesto della riforma introdotta con le citate norme ed una descrizione dei servizi che la Omniavis srl può offrirvi in merito. Faremo riferimento a: 1) il contesto normativo 2) la disciplina delle agenzie per le imprese 3) procedure di accreditamento 4) servizi ai professionisti ed agli imprenditori 5) servizi telematici 6) assistenza e consulenza. Rimaniamo a disposizione per ogni chiarimento L Amministratore Unico della Omniavis srl unipersonale f.to Dott. Fabio Chiarelli

3 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 3 di 24 CONTESTO NORMATIVO Il contesto normativo Nel luglio 2010 vengono approvati due regolamenti governativi volti al rilancio dei servizi per le imprese in un ottica di semplificazione ed innovazione tecnologia: a) il DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 9 luglio 2010, n. 159 Regolamento recante i requisiti e le modalita' di accreditamento delle agenzie per le imprese, a norma dell'articolo 38, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 (10G0184) (GU n. 229 del Suppl. Ordinario n.227) b) il DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 settembre 2010, n. 160 Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attivita' produttive, ai sensi dell'articolo 38, comma 3, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n (10G0183) (GU n. 229 del Suppl. Ordinario n.227) Entrambi i regolamenti entrano in vigore il 15 ottobre I due decreti intendono rinnovare radicalmente il settore dei servizi alle imprese facilitando il progetto della cosiddetta impresa in ungiorno (progetto avviato nel 2008). Il primo (DPR 159, di seguito Decreto ) introducendo una nuova figura intermedia privata fra Amministrazione Pubblica ed impresa, l Agenzia per le imprese, con il compito di fornire servizi di assistenza, consulenza e supporto nella gestione delle pratiche (semplici e complesse). Il secondo (DPR 160) introducendo (o meglio riorganizzando, dopo la disciplina del DPR 447/1998) una nuova figura intermedia pubblica fra Amministrazione Pubblica ed impresa, lo Sportello Unico per le Attività Produttive, con il compito di fornire servizi telematici amministrativi nella gestione delle pratiche (semplici e complesse). Agenzia per le imprese DPR 159/2010 Requisiti DPR 160/2010 Procedure

4 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 4 di 24 AGENZIE PER LE IMPRESE La disciplina delle agenzie per le imprese Il Decreto definisce «agenzia per le imprese» il soggetto privato accreditato di cui all'articolo 38, commi 3, lettera c), e 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 che svolge funzioni di natura istruttoria e di asseverazione nei procedimenti amministrativi concernenti l'accertamento dei requisiti e dei presupposti di legge per la realizzazione, la trasformazione, il trasferimento e la cessazione delle attività di produzione di beni e servizi da esercitare in forma di impresa. Una agenzia per le imprese dunque: 1) è tale se è accreditata presso il competente Ministero (in assenza di accreditamento il soggetto privato potrà svolgere funzioni di assistenza e supporto alle imprese, ma non potrà definirsi agenzia per le imprese, nè potrà svolgere le funzioni amministrative riservate a tali agenzie dal decreto; 2) può svolgere funzioni di natura istruttoria, cioè di verifica della sussistenza dei requisiti per lo svolgimento delle attività o per la realizzazione degli interventi; 3) può svolgere funzioni di asseverazione, di accertamento e dichiarazione della sussistenza dei requisiti per lo svolgimento delle attività o per la realizzazione degli interventi. L art. 2 comma 3 del Decreto precisa Le Agenzie accertano e attestano la sussistenza dei requisiti e dei presupposti previsti dalla normativa per l'esercizio dell'attività di impresa e, fatti salvi i procedimenti che comportano attività discrezionale da parte dell'amministrazione, in caso di istruttoria con esito positivo, rilasciano dichiarazioni di conformità che costituiscono titolo autorizzatorio per l'esercizio dell'attività. In definitiva le agenzie svolgono funzioni di natura privatistica (assistenza e consulenza alle imprese) ma anche pubblicistica, giungendo a rilasciare le abilitazioni (sotto forma di dichiarazione di conformità ) all esercizio dell attività di impresa, sostituendo in tali aspetti le stesse Amministrazioni Pubbliche (cui residua un compito di controllo ex post). I servizi delle Agenzie per le Imprese sono proposti nel libero mercato e pertanto soggiacciono alle regole della libera concorrenza, anche per quanto attiene la determinazione di tariffe e corrispettivi.

5 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 5 di 24 REQUISITI In base al decreto possono costituirsi in Agenzia in forma singola o associata: a) organismi di valutazione della conformita' di opere o progetti accreditati; b) organismi tecnici gia' abilitati al rilascio di attestazioni di conformita' di opere secondo le vigenti disposizioni; c) associazioni di categoria professionali, sindacali ed imprenditoriali; d) centri di assistenza tecnica, centri autorizzati di assistenza agricola, ed altri centri di assistenza alle imprese costituiti sulla base delle leggi regionali di settore; e) studi associati o associazioni di professionisti iscritti ai rispettivi albi per le attestazioni di competenza. Quali sono i requisiti che deve avere una Agenzia per le imprese?. Il Decreto prevede: a) certificato di conformita' del proprio sistema di gestione per la qualita' alla norma UNI EN ISO 9001 vigente all'atto della presentazione dell'istanza b) certificato di conformita' della propria struttura alle norme UNI CEI EN in vigore all'atto della presentazione dell'istanza c) altri requisiti specificamente descritti nel DPR 159/2010. Le Agenzie che intendono accreditarsi dovranno presentare al apposita istanza contenente l'indicazione dettagliata della o delle specifiche attivita' economiche per le quali l'agenzia chiede l'accreditamento e l'ambito territoriale, almeno regionale, in cui l'agenzia intende operare; nonchè la documentazione comprovante il possesso di una struttura tecnico amministrativa rispondente a criteri di competenza, indipendenza e terzieta'.

6 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 6 di 24 ACCREDITAMENTO Accreditamento delle Agenzie Le Agenzie, ai fini dell'accreditamento, presentano istanza al Ministero dello sviluppo economico (in modalità telematica tramite il sito https://www.impresainungiorno.gov.it/). L'istanza contiene l'indicazione dettagliata della o delle specifiche attività economiche per le quali l'agenzia chiede l'accreditamento e l'ambito territoriale, almeno regionale, in cui l'agenzia intende operare; è corredata della documentazione comprovante il possesso di una struttura tecnico amministrativa rispondente a criteri di competenza, indipendenza e terzietà, secondo le indicazioni specificate nell'allegato al presente regolamento, nonché, di copia dell'atto di stipula di una polizza assicurativa di responsabilità civile professionale per i rischi derivanti dallo svolgimento delle attività per le quali viene richiesto l'accreditamento, valida per tutta la durata dell'accreditamento stesso. La garanzia è prestata per un massimale determinato in funzione delle attività che l'agenzia intende svolgere, non inferiore ai limiti specificati nell'allegato. Il Ministero ha recentemente pubblicato: a) fac-simile del modulo per l'istanza di accreditamento b) decreto del 31 Marzo 2011 "Determinazione delle tariffe a carico delle Agenzie per le imprese per la copertura integrale dei costi derivanti dalla procedura di accreditamento ai sensi dell'articolo 3, comma 5, del decreto del Presidente della Repubblica , n. 159"

7 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 7 di 24 RETE DEI PROFESSIONISTI L organizzazione a rete ed il sito internet L agenzia per le imprese costituisce dunque un soggetto intermediario fra l imprenditore (colui che intende avviare, modificare o cessare una attività o un intervento ai sensi del DPR 160/2010) e la Pubblica Amministrazione, rappresentata unitariamente dallo Sportello Unico per le Attività Produttive. Essa rappresenta dunque un soggetto di mediazione non esclusivo (in quanto non è previsto un obbligo di utilizzo dei servizi per le agenzie per le imprese, ben potendo l imprenditore operare direttamente o per il tramite di altri soggetti mediatori quali commercialisti, architetti, ingegneri ecc...) attraverso il quale è possibile avviare ogni procedimento rientrante nel campo di applicazione del SUAP (DPR 160/2010). Sportello SUAP Libero professionista Altri uffici e P.A. Agenzia per le imprese Imprenditore Imprenditore Imprenditore L agenzia per le imprese, secondo la logica e l impostazione dei decreti 159 e 160 può: 1) costituire intermediario diretto dell imprenditore nei confronti dello Sportello Unico 2) costituire intermediario indiretto dell imprenditore nei confronti dello Sportello Unico tramite l assistenza ed il supporto al libero professionista incaricato dall imprenditore.

8 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 8 di 24 SERVIZI TELEMATICI I servizi telematici alle imprese Il DPR 160/2010 disciplina in modo innovativo i servizi amministrativi per le imprese prevedendo, in estrema sintesi: 1) la realizzazione di un unico soggetto di riferimento istituzionale a livello locale, lo Sportello Unico per le Attività Produttive, organizzato a livello comunale o sovracomunale in forma associata 2) la gestione in modalità esclusivamente telematica delle pratiche La gestione telematica delle pratiche rende irricevibili le istanze presentate in modalità tradizionale (cartaceo, fax) obbligando alla trasmissione tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) o tramite il portale nazionale o i portali regionali. La documentazione è presentata dall intermediario (agenzia per le imprese o professionista incaricato) avvalendosi dell istituto della procura speciale. Sportello SUAP Portale Nazionale Impresainungiorno Portale del SUAP Servizi telematici della Agenzia per le imprese Agenzia per le imprese

9 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 9 di 24 ASSISTENZA Assistenza agli agenti di impresa Il quadro organizzativo e procedurale delineato rende indispensabile pensare alla costituzione di una agenzia per le imprese che operi in una duplice direzione: Imprenditore-Professionista-Agenzia PRIMO AMBITO (Imprenditore-Professionista-Agenzia) Il primo ambito di intervento sarò dunque nei confronti degli intermediari naturali delle imprese, i liberi professionisti incaricati di seguire specifici interventi (commercialista, architetto, ingegnere, consulente del lavoro, geometra ecc...). Essi potranno continuare a seguire l imprenditore nelle specifiche vicende amministrative ma la mancanza di multidisciplinarietà e la difficoltà di raccordare l intervento settoriale con il complessivo procedimento unico renderà opportuno se non praticamente indispensabile il ricordo ad un intermediario qualificato quale l agenzia per le imprese. Il valore aggiunto dell agenzia per le imprese è rappresentato in questo caso dunque: 1) dalla MULTIDISCIPLINARIETA, cioè dalla capacità di fornire servizi di assistenza e supporto che vadano oltre l ambito specifico di intervento del singolo professionista o del gruppo di professionisti. A tal proposito merita ricordare che i procedimenti attivabili presso il SUAP sono circa 800, riguardanti oltre 60 enti diversi (Comune, Provincia, Regione, Ministeri, enti sovracomunali, Aziende sanitarie, Consorzi, Aziende speciali ecc...). Si tratta di procedimenti di varia natura e tipo (da quelli semplici a carattere comunicativo a quelli complessi di variante allo strumento urbanistico o di valutazione ambientale). Inoltre si tratta di procedimenti nel corso di un anno, variano mediamente nel 20/30% dei casi a causa di modifiche normative nazionali, regionali locali o per differenti orientamenti giurisprudenziali; 2) dalla VISIBILITA o AUTOREVOLEZZA. Si tratta di una prerogativa che matureranno le agenzie per le imprese nel corso della loro attività. Lo stretto legame fra Agenzia e SUAP e la capacità di gestione di una pluralità di procedimenti renderà preferibile il contatto istituzionale tramite l agenzia rispetto a quello diretto del professionista;

10 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 10 di 24 ASSISTENZA SECONDO AMBITO (Imprenditore-Agenzia): Imprenditore-Agenzia In questo caso l imprenditore si rivolge direttamente all Agenzia per la richiesta di servizi amministrativi. Nell immediato riteniamo che ciò possa avvenire per procedure complesse (grandi insediamenti industriali e commerciali) laddove la visibilità dell Agenzia possa consentire di superare l intermediazione del libero professionista (comunque inadeguato alla gestione di tali procedure). A regime riteniamo che tale rapporto di verrà a creare anche per le procedure più semplici, laddove l intermediazione del libero professionista non fornisce un particolare valore aggiunto. Imprenditore-Agenzia Procedure semplici Procedure medie Procedure complesse Imprenditore-Professionista-Agenzia

11 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 11 di 24 ASSISTENZA In pratica il rapporto Imprenditore-Professionista-Agenzia manterrà una sua validità ed un suo peso nell ambito dei procedimenti intermedi (nè complessi nè semplici) che ad oggi stimiano comunque essere il 60/80% dei procedimenti complessivamente attivati presso il SUAP. In questa prospettiva appare fondamentale che una agenzia per le imprese costituisca una rete di relazione fra i vari professionisti coinvolti fra cui occorre distinguere: a) professionisti stabilmente e contrattualmente collegati con l Agenzia (Rete dei Professionisti) b) professionisti occasionalmente collegati con l Agenzia (Servizi ai Professionisti). Agenzia per le imprese RDP (Rete dei professionisti) SAP (Servizi ai professionisti) SAI (Servizi agli imprenditori)

12 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 12 di 24 R.D.P. RETE DEI PROFESSIONISTI Si ritiene indispensabile la costituzione di una rete di professionisti che copra tutte le professionalità richieste per lo svolgimento di adempimenti a favore di imprese e tutti gli ambiti territoriali nei quali interviene l agenzia (potenzialmente l intero territorio nazionale). A titolo esemplificativo: Architetti Avvocati Biologi Consulenti del lavoro Dott.Commercialisti ed Esp. Contabili Notai Ingegneri Geologi Geometri Consulenti agricoli e forestali Consulenti certificazione di qualità Consulenti di direzione Consulenti di sicurezza aziendale Consulenti informatici Consulenti di formazione Designer Interpreti e Traduttori Periti industriali Tali soggetti saranno legati alla Agenzia per le imprese da un rapporto contrattuale nell ambito del quale saranno definiti diritti ed obblighi (compresa l eventuale esclusività delle prestazioni) con particolare riferimento ai servizi svolti ai sensi del DPR 160/2010.

13 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 13 di 24 SAP E SAI SERVIZI AI PROFESSIONISTI (S.A.P.) L Agenzia per le imprese dovrà inoltre fornire ai professionisti che non fanno parte della RDP dei servizi occasionali di assistenza e supporto, con relativo tariffario. Si tratta di assistenza nella elaborazione della documentazione, nella ricerca di altre professionalità, nella presentazione delle istanze o nella logistica per attività di riunione, incontro, video-conferenza ecc... SERVIZI AGLI IMPRENDITORI (S.A.I.) L Agenzia per le imprese dovrà inoltre fornire assistenza diretta agli imprenditori che scelgano di non avvalersi direttamente di professionisti. Si tratta di assistenza nella elaborazione della documentazione, nella ricerca delle professionalità adeguate per la gestione della pratica, nella presentazione delle istanze o nella logistica per attività di riunione, incontro, videoconferenza ecc... Agenzia per le imprese Portale dell'agenzia RDP (Rete dei professionisti) SAI (Servizi agli imprenditori) SAP (Servizi ai professionisti) La rete dei professionisti (RDP), i servizi di assistenza occasionale ai professionisti (SAP) ed i servizi agli imprenditori (SAI) dovranno essere presidiati dal sito internet ufficiale della agenzia (PORTALE).

14 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 14 di 24 SERVIZI (START) I servizi Omniavis per l Agenzia Omniavis propone ai soggetti interessati una serie di servizi riguardanti le seguenti macroattività: 1) START 2) NETWORK 3) HELP 4) SPECIALS Descriviamo brevemente le varie tipologie di servizi: A) Start A.1) Assistenza alla costituzione della Agenzia Si tratta di servizi di assistenza volti alla definizione delle migliori soluzioni tecniche ed organizzative per la costituzione di una agenzia per le imprese. In questo ambito possiamo offrire servizi di carattere consulenziale per la migliore organizzazione della Agenzia e del sistema di relazione che ruota intorno alla stessa. A.2) Certificazione di qualità Il Decreto prevede che: a) Ai fini dell'accreditamento per esercitare attività di attestazione con valore di autorizzazione, l'agenzia deve essere in possesso di un certificato di conformità del proprio sistema di gestione per la qualità alla norma UNI EN ISO 9001 vigente all'atto della presentazione dell'istanza e relativo alla erogazione degli specifici servizi di attestazione da accreditare. b) Ai fini dell'accreditamento per esercitare attività istruttoria nei procedimenti che comportano attività discrezionale da parte dell'amministrazione, l'agenzia deve essere in possesso di un certificato di conformità della propria struttura alle norme UNI CEI EN in vigore all'atto della presentazione dell'istanza. Il certificato deve fare esplicito riferimento all'erogazione di servizi di verifica di conformità di progetti per la realizzazione, trasformazione, trasferimento e cessazione dell'esercizio di attività di impresa riconducibili alla classificazione dei settori di accreditamento adottata dall'organismo riconosciuto dalla Commissione europea ai sensi dell'articolo 14 del Regolamento (CE) n. 765/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9 luglio A.3) Procedure di accreditamento L accreditamento comporta l attivazione di un vero a proprio iter procedurale presso il Ministero (mediante compilazione telematica dell istanza). Omniavis si propone quale consulente per la redazione dell istanza e lo svolgimento di tutte le attività di assistenza ai fini della corretta istruttoria della procedura fino all ottenimento dell accreditamento istituzionale.

15 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 15 di 24 SERVIZI (NETWORK) B) Network B.1) Creazione, manutenzione ed implementazione del Portale dell Agenzia Il sistema dei servizi alle imprese (diretto o mediato tramite professionisti) necessita la costituzione di un luogo di condivisione delle conoscenze e di scambio delle informazioni, cioè di un portale unico con relativi servizi di front-end (informazioni, news, forum ecc...) e di back-end (gestione dei collaboratori, richieste di assistenza ecc...). Omniavis si propone di realizzare, manutenere ed implementare il portale dell agenzia. B.2) Creazione, gestione e manutenzione del sistema telematico della RDP (Rete dei professionisti) Una Agenzia che intenda porsi quale referente intermedio con professionisti abilitati (contrattualmente collegati) deve costituire e gestire un sistema di relazioni ed informazioni di carattere telematico. Tale sistema deve essere basato su: a) una rubrica delle professionalità che consenta il facile ed immediato reperimento dei contatti delle professionalità richieste per le singole pratiche b) una agenda delle disponibilità (che consenta la ricerca delle professionalità disponibili in un determinato contesto territoriale ed in un determinato momento) c) un help-desk telematico per l assistenza alla rete degli operatori. B.3) Creazione, gestione e manutenzione del sistema telematico dei SAP (Servizi ai professionisti) Una Agenzia che intenda porsi quale referente intermedio con professionisti abilitati (non collegati in modo stabile da rapporti contrattuali) deve costituire e gestire un sistema di servizi messi a disposizione dei professionisti interessati con relativo tariffario. Tale sistema deve essere basato su: a) un catalogo dei servizi disponibili (Shop online) che consenta il facile ed immediato reperimento delle informazioni relative ai servizi offerti e la possibilità di ordinare gli stessi direttamente online b) un help-desk telematico per l assistenza ai professionisti interessati. B.4) Creazione, gestione e manutenzione del sistema telematico e telefonico dei SAI (servizi agli imprenditori) Una Agenzia che intenda porsi quale referente diretto degli imprenditori deve costituire e gestire un sistema di servizi con relativo tariffario. Tale sistema deve essere basato su: a) un catalogo dei servizi disponibili (Shop online) che consenta il facile ed immediato reperimento delle informazioni relative ai servizi offerti e la possibilità di ordinare gli stessi direttamente online o telefonicamente b) un help-desk telematico e telefonico per l assistenza diretta di primo livello agli imprenditori.

16 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 16 di 24 SERVIZI (HELP) C) Help C.1) Assistenza giuridico-amministrativa per i procedimenti SUAP La gestione delle pratiche SUAP comporta la risoluzione di problematiche interpretative di natura giuridico-amministrativa. Omniavis. Vista la propria esperienza pluriennale nel settore, si propone di svolgere servizi di assistenza sotto forma di risposta a quesiti (da gestire telematicamente anche tramite implementazione di una specifica banca dati FORUM). La banca dati sarà consultabile dalla RDP (rete dei professionisti) e costituirà servizio da mettere a disposizione per i professionisti (SAP) e gli imprenditori (SAI) interessati. C.2) Formazione in materia di Sportello Unico per le Attività Produttive e procedimenti collegati L agenzia e la propria rete di professionisti che operano nel settore potranno aver necessità di aggiornamenti periodici sotto forma di interventi formativi generali o specifici. Omniavis si propone di svolgere le attività di formazione per i professionisti interessati (RDP e SAP) coordinando le attività didattiche e le varie tipologie di intervento formativo (in loco, online, via web, dvd ecc...) C.3) Supporto territoriale Omniavis ha la propria sede in Firenze, Lungarno Colombo 44 (e presso la sede dispone di sala riunione e sala formazione). Omniavis si propone di rappresentare il punto di riferimento territoriale per la Toscana dell Agenzia mediante servizi di: - Call Center ed Help-Desk informativo - Sede per la presentazione telematica delle pratiche - deposito della documentazione da parte degli imprenditori o dei professionisti - luogo di incontro per riunioni periodiche - consulenza in loco per imprese e professionisti - sede delle attività formative interne o per la RDP o SAI - promozione delle attività

17 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 17 di 24 SERVIZI (SPECIALS) D) Specials D.1) Consulenza ad-hoc Omniavis è società di formazione e consulenza in numerosi ambiti con particolare riferimento ai settori inerenti lo studio socio-economico, D.2) Assistenza informatica Omniavis si avvale di esperti informatici sia per le attività di assistenza hardware che per l assistenza software con una particolare specializzazione nella realizzazione di sistemi informatici per pubbliche amministrazioni, imprese e professionisti.

18 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 18 di 24 PROPOSTA ECONOMICA Omniavis srl si vi propone una assistenza e consulenza qualificata che viene quantificata, in relazione alle informazioni assunte durante i precedenti contatti e colloqui: A) Start A.1) Assistenza alla costituzione della Agenzia Prestazione: assistenza continuativa DESK per 2 anni dalla data di avvio della collaborazione ivi compresi max 2 sopralluoghi presso la sede Euro: 9.250,00/anno Costi esclusi: Trasferte, sopralluoghi ed ogni attività non prevista nella descrizione del servizio in base alla presente proposta A.2) Certificazione di qualità Prestazione: assistenza continuativa ai fini dell'ottenimento della certificazione ISO 9000 (tempo stimato 6 mesi dalla data di avvio della collaborazione) ivi compresi max 2 sopralluoghi presso la sede Euro: 9.750,00 Costi esclusi: Spese di certificazione (società di certificazione), bolli e diritti collegati. Trasferte, sopralluoghi ed ogni attività non prevista nella descrizione del servizio in base alla presente proposta A.3) Procedure di accreditamento Prestazione: assistenza continuativa ai fini dell'ottenimento dell'accreditamento presso il Ministero, ivi comprese le attività di compilazione ed inoltro della documentazione, assistenza istruttoria ecc... (tempo stimato 6 mesi dalla data di avvio della collaborazione) ivi compresi max 1 sopralluogo presso la sede e 1 trasferta a Roma per eventuali chiarimenti Euro: 7.500,00 Costi esclusi: Trasferte, sopralluoghi ed ogni attività non prevista nella descrizione del servizio in base alla presente proposta

19 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 19 di 24 PROPOSTA ECONOMICA B) Network B.1) Creazione, manutenzione ed implementazione del Portale dell Agenzia Prestazione continuativa per 2 anni dalla data di avvio della collaborazione (si prevede la realizzazione e messa in funzione del Portale entro 3 mesi dall'avvio della collaborazione). Si prevede l'utilizzo di software open-source. Euro: 7.500,00/anno Costi esclusi: Acquisto di licenze particolari, server o spazio server su server farm ed altre spese per acquisti tecnologici o di materiale informatico; trasferte, sopralluoghi ed ogni attività non prevista nella descrizione del servizio in base alla presente proposta B.2) Creazione, gestione e manutenzione del sistema telematico della RDP (Rete dei professionisti) Prestazione continuativa per 2 anni dalla data di avvio della collaborazione (si prevede la realizzazione e messa in funzione del sistema telematico entro 6 mesi dall'avvio della collaborazione). Si prevede l'utilizzo di software open-source. Euro: 6.500,00/anno Costi esclusi: Acquisto di licenze particolari, server o spazio server su server farm ed altre spese per acquisti tecnologici o di materiale informatico; trasferte, sopralluoghi ed ogni attività non prevista nella descrizione del servizio in base alla presente proposta B.3) Creazione, gestione e manutenzione del sistema telematico dei SAP (Servizi ai professionisti) Prestazione continuativa per 2 anni dalla data di avvio della collaborazione (si prevede la realizzazione e messa in funzione del sistema telematico entro 6 mesi dall'avvio della collaborazione). Si prevede l'utilizzo di software open-source. Euro: 4.500,00/anno Costi esclusi: Acquisto di licenze particolari, server o spazio server su server farm ed altre spese per acquisti tecnologici o di materiale informatico; trasferte, sopralluoghi ed ogni attività non prevista nella descrizione del servizio in base alla presente proposta B.4) Creazione, gestione e manutenzione del sistema telematico e telefonico dei SAI (servizi agli imprenditori) Prestazione continuativa per 2 anni dalla data di avvio della collaborazione (si prevede la realizzazione e messa in funzione del sistema telematico entro 6 mesi dall'avvio della collaborazione). Si prevede l'utilizzo di software open-source. Euro: 4.500,00/anno Costi esclusi: Acquisto di licenze particolari, server o spazio server su server farm ed altre spese per acquisti tecnologici o di materiale informatico; trasferte, sopralluoghi ed ogni attività non prevista nella descrizione del servizio in base alla presente proposta

20 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 20 di 24 PROPOSTA ECONOMICA C) HELP C.1) Assistenza giuridico-amministrativa per i procedimenti SUAP Prestazione continuativa DESK per 3 anni dalla data di avvio della collaborazione consistente nella risoluzione di problematiche interpretative di carattere giuridico-amministrativo a supporto dell'agenzia, della rete dei professionisti e dei professionisti servizi dall'agenzia per un limite annuo di 1000 quesiti. Euro: 8.500,00/anno Costi esclusi: Consulenze legali, spese giudiziarie ed altre eventuali spese necessarie per consulenze tecniche specifiche. C.2) Formazione in materia di Sportello Unico per le Attività Produttive e procedimenti collegati Attività di formazione per il personale della Agenzia, professionisti, imprenditori ecc... sulle materie inerenti la corretta gestione delle procedure SUAP. Euro: 4.500,00 comprendenti 4 sessioni di formazione (5 ore) presso la sede Omniavis Sessioni aggiuntive: Euro: 1.500,00 per sessione di formazione (5 ore) presso la sede Omniavis Euro: 2.250,00 per sessione di formazione (5 ore) presso altra sede individuata dal Committente Costi esclusi: Spese di trasferta, vitto e alloggio per formazione svolta presso sede diversa dalla Omniavis. C.3) Supporto territoriale Prestazione continuativa DESK per 3 anni dalla data di avvio della collaborazione consistente nella messa a disposizione della sede Omniavis di Firenze (Lungarno Colombo 44, piano terra) per attività di segreteria e logisitica (riunioni, incontro con professionisti ecc...). Euro: 8.500,00/anno Costi esclusi: Acquisto di postazione informatica, licenze particolari, server o spazio server su server farm ed altre spese per acquisti tecnologici o di materiale informatico.

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

ISTANZA DI MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE PARTE ISTANTE. Signor nato a il residente in Via n. CAP CF Partita Iva Tel Fax Cell.

ISTANZA DI MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE PARTE ISTANTE. Signor nato a il residente in Via n. CAP CF Partita Iva Tel Fax Cell. ISTANZA DI MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE SPETT/LE Organismo di Mediazione NE LITIS srl Via Vetice,41 SAN VALENTINO TORIO (SA) PARTE ISTANTE Il /I sottoscritti Signor nato a il residente in Via n. CAP

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001.

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. VISTA la legge 9 maggio 1989, n.168, con la quale è

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003 Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Vi informiamo che l art. 7 del d.lgs.196/03 conferisce agli interessati l esercizio

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Rev. 1.0 28/10/2014 Pagina 1 di 10 AMTPG17 REVISIONE 1.0 REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Norma UNI EN ISO 9001: 2008 DOCUMENTO REDATTO DA Azienda Mobilità e Trasporti SpA

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 Modalita' per la pubblicazione dello scadenzario contenente l'indicazione delle date di efficacia dei nuovi obblighi amministrativi introdotti,

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO -

AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO - AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO - (Art.5 c.1 e All.A del "Regolamento per l aggiornamento della competenza professionale"

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione.

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. La Procedura di Mediazione Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. A cura dell Avv. Vincenzo Ferrò e della

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli