AGENZIA PER LE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGENZIA PER LE IMPRESE"

Transcript

1 ASSISTENZA PER LA COSTITUZIONE DI UNA AGENZIA PER LE IMPRESE Proposta per servizi di assistenza, consulenza ed informatizzazione Proposta STANDARD Proposta valida fino al 30 agosto 2013 Riferimento: OV_FULL_05_AgenziaImprese_STANDARD_

2 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 2 di 24 CONTENUTI Salve, in queste pagine troverete una proposta relativa a servizi di assistenza e consulenza (e servizi complementari) per la costituzione, accreditamento e supporto all'attività di AGENZIA PER LE IMPRESE ai sensi del - DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 9 luglio 2010, n. 159 Regolamento recante i requisiti e le modalita' di accreditamento delle agenzie per le imprese, a norma dell'articolo 38, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n (10G0184) (GU n. 229 del Suppl. Ordinario n.227) - DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 settembre 2010, n. 160 Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attivita' produttive, ai sensi dell'articolo 38, comma 3, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 (GU n. 229 del Suppl. Ordinario n.227). Nel presente documento intendiamo sottoporre alla Vs. attenzione una analisi sintetica del ruolo e delle funzioni dell'agenzia PER LE IMPRESE nel contesto della riforma introdotta con le citate norme ed una descrizione dei servizi che la Omniavis srl può offrirvi in merito. Faremo riferimento a: 1) il contesto normativo 2) la disciplina delle agenzie per le imprese 3) procedure di accreditamento 4) servizi ai professionisti ed agli imprenditori 5) servizi telematici 6) assistenza e consulenza. Rimaniamo a disposizione per ogni chiarimento L Amministratore Unico della Omniavis srl unipersonale f.to Dott. Fabio Chiarelli

3 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 3 di 24 CONTESTO NORMATIVO Il contesto normativo Nel luglio 2010 vengono approvati due regolamenti governativi volti al rilancio dei servizi per le imprese in un ottica di semplificazione ed innovazione tecnologia: a) il DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 9 luglio 2010, n. 159 Regolamento recante i requisiti e le modalita' di accreditamento delle agenzie per le imprese, a norma dell'articolo 38, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 (10G0184) (GU n. 229 del Suppl. Ordinario n.227) b) il DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 settembre 2010, n. 160 Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attivita' produttive, ai sensi dell'articolo 38, comma 3, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n (10G0183) (GU n. 229 del Suppl. Ordinario n.227) Entrambi i regolamenti entrano in vigore il 15 ottobre I due decreti intendono rinnovare radicalmente il settore dei servizi alle imprese facilitando il progetto della cosiddetta impresa in ungiorno (progetto avviato nel 2008). Il primo (DPR 159, di seguito Decreto ) introducendo una nuova figura intermedia privata fra Amministrazione Pubblica ed impresa, l Agenzia per le imprese, con il compito di fornire servizi di assistenza, consulenza e supporto nella gestione delle pratiche (semplici e complesse). Il secondo (DPR 160) introducendo (o meglio riorganizzando, dopo la disciplina del DPR 447/1998) una nuova figura intermedia pubblica fra Amministrazione Pubblica ed impresa, lo Sportello Unico per le Attività Produttive, con il compito di fornire servizi telematici amministrativi nella gestione delle pratiche (semplici e complesse). Agenzia per le imprese DPR 159/2010 Requisiti DPR 160/2010 Procedure

4 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 4 di 24 AGENZIE PER LE IMPRESE La disciplina delle agenzie per le imprese Il Decreto definisce «agenzia per le imprese» il soggetto privato accreditato di cui all'articolo 38, commi 3, lettera c), e 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 che svolge funzioni di natura istruttoria e di asseverazione nei procedimenti amministrativi concernenti l'accertamento dei requisiti e dei presupposti di legge per la realizzazione, la trasformazione, il trasferimento e la cessazione delle attività di produzione di beni e servizi da esercitare in forma di impresa. Una agenzia per le imprese dunque: 1) è tale se è accreditata presso il competente Ministero (in assenza di accreditamento il soggetto privato potrà svolgere funzioni di assistenza e supporto alle imprese, ma non potrà definirsi agenzia per le imprese, nè potrà svolgere le funzioni amministrative riservate a tali agenzie dal decreto; 2) può svolgere funzioni di natura istruttoria, cioè di verifica della sussistenza dei requisiti per lo svolgimento delle attività o per la realizzazione degli interventi; 3) può svolgere funzioni di asseverazione, di accertamento e dichiarazione della sussistenza dei requisiti per lo svolgimento delle attività o per la realizzazione degli interventi. L art. 2 comma 3 del Decreto precisa Le Agenzie accertano e attestano la sussistenza dei requisiti e dei presupposti previsti dalla normativa per l'esercizio dell'attività di impresa e, fatti salvi i procedimenti che comportano attività discrezionale da parte dell'amministrazione, in caso di istruttoria con esito positivo, rilasciano dichiarazioni di conformità che costituiscono titolo autorizzatorio per l'esercizio dell'attività. In definitiva le agenzie svolgono funzioni di natura privatistica (assistenza e consulenza alle imprese) ma anche pubblicistica, giungendo a rilasciare le abilitazioni (sotto forma di dichiarazione di conformità ) all esercizio dell attività di impresa, sostituendo in tali aspetti le stesse Amministrazioni Pubbliche (cui residua un compito di controllo ex post). I servizi delle Agenzie per le Imprese sono proposti nel libero mercato e pertanto soggiacciono alle regole della libera concorrenza, anche per quanto attiene la determinazione di tariffe e corrispettivi.

5 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 5 di 24 REQUISITI In base al decreto possono costituirsi in Agenzia in forma singola o associata: a) organismi di valutazione della conformita' di opere o progetti accreditati; b) organismi tecnici gia' abilitati al rilascio di attestazioni di conformita' di opere secondo le vigenti disposizioni; c) associazioni di categoria professionali, sindacali ed imprenditoriali; d) centri di assistenza tecnica, centri autorizzati di assistenza agricola, ed altri centri di assistenza alle imprese costituiti sulla base delle leggi regionali di settore; e) studi associati o associazioni di professionisti iscritti ai rispettivi albi per le attestazioni di competenza. Quali sono i requisiti che deve avere una Agenzia per le imprese?. Il Decreto prevede: a) certificato di conformita' del proprio sistema di gestione per la qualita' alla norma UNI EN ISO 9001 vigente all'atto della presentazione dell'istanza b) certificato di conformita' della propria struttura alle norme UNI CEI EN in vigore all'atto della presentazione dell'istanza c) altri requisiti specificamente descritti nel DPR 159/2010. Le Agenzie che intendono accreditarsi dovranno presentare al apposita istanza contenente l'indicazione dettagliata della o delle specifiche attivita' economiche per le quali l'agenzia chiede l'accreditamento e l'ambito territoriale, almeno regionale, in cui l'agenzia intende operare; nonchè la documentazione comprovante il possesso di una struttura tecnico amministrativa rispondente a criteri di competenza, indipendenza e terzieta'.

6 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 6 di 24 ACCREDITAMENTO Accreditamento delle Agenzie Le Agenzie, ai fini dell'accreditamento, presentano istanza al Ministero dello sviluppo economico (in modalità telematica tramite il sito https://www.impresainungiorno.gov.it/). L'istanza contiene l'indicazione dettagliata della o delle specifiche attività economiche per le quali l'agenzia chiede l'accreditamento e l'ambito territoriale, almeno regionale, in cui l'agenzia intende operare; è corredata della documentazione comprovante il possesso di una struttura tecnico amministrativa rispondente a criteri di competenza, indipendenza e terzietà, secondo le indicazioni specificate nell'allegato al presente regolamento, nonché, di copia dell'atto di stipula di una polizza assicurativa di responsabilità civile professionale per i rischi derivanti dallo svolgimento delle attività per le quali viene richiesto l'accreditamento, valida per tutta la durata dell'accreditamento stesso. La garanzia è prestata per un massimale determinato in funzione delle attività che l'agenzia intende svolgere, non inferiore ai limiti specificati nell'allegato. Il Ministero ha recentemente pubblicato: a) fac-simile del modulo per l'istanza di accreditamento b) decreto del 31 Marzo 2011 "Determinazione delle tariffe a carico delle Agenzie per le imprese per la copertura integrale dei costi derivanti dalla procedura di accreditamento ai sensi dell'articolo 3, comma 5, del decreto del Presidente della Repubblica , n. 159"

7 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 7 di 24 RETE DEI PROFESSIONISTI L organizzazione a rete ed il sito internet L agenzia per le imprese costituisce dunque un soggetto intermediario fra l imprenditore (colui che intende avviare, modificare o cessare una attività o un intervento ai sensi del DPR 160/2010) e la Pubblica Amministrazione, rappresentata unitariamente dallo Sportello Unico per le Attività Produttive. Essa rappresenta dunque un soggetto di mediazione non esclusivo (in quanto non è previsto un obbligo di utilizzo dei servizi per le agenzie per le imprese, ben potendo l imprenditore operare direttamente o per il tramite di altri soggetti mediatori quali commercialisti, architetti, ingegneri ecc...) attraverso il quale è possibile avviare ogni procedimento rientrante nel campo di applicazione del SUAP (DPR 160/2010). Sportello SUAP Libero professionista Altri uffici e P.A. Agenzia per le imprese Imprenditore Imprenditore Imprenditore L agenzia per le imprese, secondo la logica e l impostazione dei decreti 159 e 160 può: 1) costituire intermediario diretto dell imprenditore nei confronti dello Sportello Unico 2) costituire intermediario indiretto dell imprenditore nei confronti dello Sportello Unico tramite l assistenza ed il supporto al libero professionista incaricato dall imprenditore.

8 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 8 di 24 SERVIZI TELEMATICI I servizi telematici alle imprese Il DPR 160/2010 disciplina in modo innovativo i servizi amministrativi per le imprese prevedendo, in estrema sintesi: 1) la realizzazione di un unico soggetto di riferimento istituzionale a livello locale, lo Sportello Unico per le Attività Produttive, organizzato a livello comunale o sovracomunale in forma associata 2) la gestione in modalità esclusivamente telematica delle pratiche La gestione telematica delle pratiche rende irricevibili le istanze presentate in modalità tradizionale (cartaceo, fax) obbligando alla trasmissione tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) o tramite il portale nazionale o i portali regionali. La documentazione è presentata dall intermediario (agenzia per le imprese o professionista incaricato) avvalendosi dell istituto della procura speciale. Sportello SUAP Portale Nazionale Impresainungiorno Portale del SUAP Servizi telematici della Agenzia per le imprese Agenzia per le imprese

9 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 9 di 24 ASSISTENZA Assistenza agli agenti di impresa Il quadro organizzativo e procedurale delineato rende indispensabile pensare alla costituzione di una agenzia per le imprese che operi in una duplice direzione: Imprenditore-Professionista-Agenzia PRIMO AMBITO (Imprenditore-Professionista-Agenzia) Il primo ambito di intervento sarò dunque nei confronti degli intermediari naturali delle imprese, i liberi professionisti incaricati di seguire specifici interventi (commercialista, architetto, ingegnere, consulente del lavoro, geometra ecc...). Essi potranno continuare a seguire l imprenditore nelle specifiche vicende amministrative ma la mancanza di multidisciplinarietà e la difficoltà di raccordare l intervento settoriale con il complessivo procedimento unico renderà opportuno se non praticamente indispensabile il ricordo ad un intermediario qualificato quale l agenzia per le imprese. Il valore aggiunto dell agenzia per le imprese è rappresentato in questo caso dunque: 1) dalla MULTIDISCIPLINARIETA, cioè dalla capacità di fornire servizi di assistenza e supporto che vadano oltre l ambito specifico di intervento del singolo professionista o del gruppo di professionisti. A tal proposito merita ricordare che i procedimenti attivabili presso il SUAP sono circa 800, riguardanti oltre 60 enti diversi (Comune, Provincia, Regione, Ministeri, enti sovracomunali, Aziende sanitarie, Consorzi, Aziende speciali ecc...). Si tratta di procedimenti di varia natura e tipo (da quelli semplici a carattere comunicativo a quelli complessi di variante allo strumento urbanistico o di valutazione ambientale). Inoltre si tratta di procedimenti nel corso di un anno, variano mediamente nel 20/30% dei casi a causa di modifiche normative nazionali, regionali locali o per differenti orientamenti giurisprudenziali; 2) dalla VISIBILITA o AUTOREVOLEZZA. Si tratta di una prerogativa che matureranno le agenzie per le imprese nel corso della loro attività. Lo stretto legame fra Agenzia e SUAP e la capacità di gestione di una pluralità di procedimenti renderà preferibile il contatto istituzionale tramite l agenzia rispetto a quello diretto del professionista;

10 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 10 di 24 ASSISTENZA SECONDO AMBITO (Imprenditore-Agenzia): Imprenditore-Agenzia In questo caso l imprenditore si rivolge direttamente all Agenzia per la richiesta di servizi amministrativi. Nell immediato riteniamo che ciò possa avvenire per procedure complesse (grandi insediamenti industriali e commerciali) laddove la visibilità dell Agenzia possa consentire di superare l intermediazione del libero professionista (comunque inadeguato alla gestione di tali procedure). A regime riteniamo che tale rapporto di verrà a creare anche per le procedure più semplici, laddove l intermediazione del libero professionista non fornisce un particolare valore aggiunto. Imprenditore-Agenzia Procedure semplici Procedure medie Procedure complesse Imprenditore-Professionista-Agenzia

11 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 11 di 24 ASSISTENZA In pratica il rapporto Imprenditore-Professionista-Agenzia manterrà una sua validità ed un suo peso nell ambito dei procedimenti intermedi (nè complessi nè semplici) che ad oggi stimiano comunque essere il 60/80% dei procedimenti complessivamente attivati presso il SUAP. In questa prospettiva appare fondamentale che una agenzia per le imprese costituisca una rete di relazione fra i vari professionisti coinvolti fra cui occorre distinguere: a) professionisti stabilmente e contrattualmente collegati con l Agenzia (Rete dei Professionisti) b) professionisti occasionalmente collegati con l Agenzia (Servizi ai Professionisti). Agenzia per le imprese RDP (Rete dei professionisti) SAP (Servizi ai professionisti) SAI (Servizi agli imprenditori)

12 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 12 di 24 R.D.P. RETE DEI PROFESSIONISTI Si ritiene indispensabile la costituzione di una rete di professionisti che copra tutte le professionalità richieste per lo svolgimento di adempimenti a favore di imprese e tutti gli ambiti territoriali nei quali interviene l agenzia (potenzialmente l intero territorio nazionale). A titolo esemplificativo: Architetti Avvocati Biologi Consulenti del lavoro Dott.Commercialisti ed Esp. Contabili Notai Ingegneri Geologi Geometri Consulenti agricoli e forestali Consulenti certificazione di qualità Consulenti di direzione Consulenti di sicurezza aziendale Consulenti informatici Consulenti di formazione Designer Interpreti e Traduttori Periti industriali Tali soggetti saranno legati alla Agenzia per le imprese da un rapporto contrattuale nell ambito del quale saranno definiti diritti ed obblighi (compresa l eventuale esclusività delle prestazioni) con particolare riferimento ai servizi svolti ai sensi del DPR 160/2010.

13 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 13 di 24 SAP E SAI SERVIZI AI PROFESSIONISTI (S.A.P.) L Agenzia per le imprese dovrà inoltre fornire ai professionisti che non fanno parte della RDP dei servizi occasionali di assistenza e supporto, con relativo tariffario. Si tratta di assistenza nella elaborazione della documentazione, nella ricerca di altre professionalità, nella presentazione delle istanze o nella logistica per attività di riunione, incontro, video-conferenza ecc... SERVIZI AGLI IMPRENDITORI (S.A.I.) L Agenzia per le imprese dovrà inoltre fornire assistenza diretta agli imprenditori che scelgano di non avvalersi direttamente di professionisti. Si tratta di assistenza nella elaborazione della documentazione, nella ricerca delle professionalità adeguate per la gestione della pratica, nella presentazione delle istanze o nella logistica per attività di riunione, incontro, videoconferenza ecc... Agenzia per le imprese Portale dell'agenzia RDP (Rete dei professionisti) SAI (Servizi agli imprenditori) SAP (Servizi ai professionisti) La rete dei professionisti (RDP), i servizi di assistenza occasionale ai professionisti (SAP) ed i servizi agli imprenditori (SAI) dovranno essere presidiati dal sito internet ufficiale della agenzia (PORTALE).

14 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 14 di 24 SERVIZI (START) I servizi Omniavis per l Agenzia Omniavis propone ai soggetti interessati una serie di servizi riguardanti le seguenti macroattività: 1) START 2) NETWORK 3) HELP 4) SPECIALS Descriviamo brevemente le varie tipologie di servizi: A) Start A.1) Assistenza alla costituzione della Agenzia Si tratta di servizi di assistenza volti alla definizione delle migliori soluzioni tecniche ed organizzative per la costituzione di una agenzia per le imprese. In questo ambito possiamo offrire servizi di carattere consulenziale per la migliore organizzazione della Agenzia e del sistema di relazione che ruota intorno alla stessa. A.2) Certificazione di qualità Il Decreto prevede che: a) Ai fini dell'accreditamento per esercitare attività di attestazione con valore di autorizzazione, l'agenzia deve essere in possesso di un certificato di conformità del proprio sistema di gestione per la qualità alla norma UNI EN ISO 9001 vigente all'atto della presentazione dell'istanza e relativo alla erogazione degli specifici servizi di attestazione da accreditare. b) Ai fini dell'accreditamento per esercitare attività istruttoria nei procedimenti che comportano attività discrezionale da parte dell'amministrazione, l'agenzia deve essere in possesso di un certificato di conformità della propria struttura alle norme UNI CEI EN in vigore all'atto della presentazione dell'istanza. Il certificato deve fare esplicito riferimento all'erogazione di servizi di verifica di conformità di progetti per la realizzazione, trasformazione, trasferimento e cessazione dell'esercizio di attività di impresa riconducibili alla classificazione dei settori di accreditamento adottata dall'organismo riconosciuto dalla Commissione europea ai sensi dell'articolo 14 del Regolamento (CE) n. 765/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9 luglio A.3) Procedure di accreditamento L accreditamento comporta l attivazione di un vero a proprio iter procedurale presso il Ministero (mediante compilazione telematica dell istanza). Omniavis si propone quale consulente per la redazione dell istanza e lo svolgimento di tutte le attività di assistenza ai fini della corretta istruttoria della procedura fino all ottenimento dell accreditamento istituzionale.

15 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 15 di 24 SERVIZI (NETWORK) B) Network B.1) Creazione, manutenzione ed implementazione del Portale dell Agenzia Il sistema dei servizi alle imprese (diretto o mediato tramite professionisti) necessita la costituzione di un luogo di condivisione delle conoscenze e di scambio delle informazioni, cioè di un portale unico con relativi servizi di front-end (informazioni, news, forum ecc...) e di back-end (gestione dei collaboratori, richieste di assistenza ecc...). Omniavis si propone di realizzare, manutenere ed implementare il portale dell agenzia. B.2) Creazione, gestione e manutenzione del sistema telematico della RDP (Rete dei professionisti) Una Agenzia che intenda porsi quale referente intermedio con professionisti abilitati (contrattualmente collegati) deve costituire e gestire un sistema di relazioni ed informazioni di carattere telematico. Tale sistema deve essere basato su: a) una rubrica delle professionalità che consenta il facile ed immediato reperimento dei contatti delle professionalità richieste per le singole pratiche b) una agenda delle disponibilità (che consenta la ricerca delle professionalità disponibili in un determinato contesto territoriale ed in un determinato momento) c) un help-desk telematico per l assistenza alla rete degli operatori. B.3) Creazione, gestione e manutenzione del sistema telematico dei SAP (Servizi ai professionisti) Una Agenzia che intenda porsi quale referente intermedio con professionisti abilitati (non collegati in modo stabile da rapporti contrattuali) deve costituire e gestire un sistema di servizi messi a disposizione dei professionisti interessati con relativo tariffario. Tale sistema deve essere basato su: a) un catalogo dei servizi disponibili (Shop online) che consenta il facile ed immediato reperimento delle informazioni relative ai servizi offerti e la possibilità di ordinare gli stessi direttamente online b) un help-desk telematico per l assistenza ai professionisti interessati. B.4) Creazione, gestione e manutenzione del sistema telematico e telefonico dei SAI (servizi agli imprenditori) Una Agenzia che intenda porsi quale referente diretto degli imprenditori deve costituire e gestire un sistema di servizi con relativo tariffario. Tale sistema deve essere basato su: a) un catalogo dei servizi disponibili (Shop online) che consenta il facile ed immediato reperimento delle informazioni relative ai servizi offerti e la possibilità di ordinare gli stessi direttamente online o telefonicamente b) un help-desk telematico e telefonico per l assistenza diretta di primo livello agli imprenditori.

16 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 16 di 24 SERVIZI (HELP) C) Help C.1) Assistenza giuridico-amministrativa per i procedimenti SUAP La gestione delle pratiche SUAP comporta la risoluzione di problematiche interpretative di natura giuridico-amministrativa. Omniavis. Vista la propria esperienza pluriennale nel settore, si propone di svolgere servizi di assistenza sotto forma di risposta a quesiti (da gestire telematicamente anche tramite implementazione di una specifica banca dati FORUM). La banca dati sarà consultabile dalla RDP (rete dei professionisti) e costituirà servizio da mettere a disposizione per i professionisti (SAP) e gli imprenditori (SAI) interessati. C.2) Formazione in materia di Sportello Unico per le Attività Produttive e procedimenti collegati L agenzia e la propria rete di professionisti che operano nel settore potranno aver necessità di aggiornamenti periodici sotto forma di interventi formativi generali o specifici. Omniavis si propone di svolgere le attività di formazione per i professionisti interessati (RDP e SAP) coordinando le attività didattiche e le varie tipologie di intervento formativo (in loco, online, via web, dvd ecc...) C.3) Supporto territoriale Omniavis ha la propria sede in Firenze, Lungarno Colombo 44 (e presso la sede dispone di sala riunione e sala formazione). Omniavis si propone di rappresentare il punto di riferimento territoriale per la Toscana dell Agenzia mediante servizi di: - Call Center ed Help-Desk informativo - Sede per la presentazione telematica delle pratiche - deposito della documentazione da parte degli imprenditori o dei professionisti - luogo di incontro per riunioni periodiche - consulenza in loco per imprese e professionisti - sede delle attività formative interne o per la RDP o SAI - promozione delle attività

17 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 17 di 24 SERVIZI (SPECIALS) D) Specials D.1) Consulenza ad-hoc Omniavis è società di formazione e consulenza in numerosi ambiti con particolare riferimento ai settori inerenti lo studio socio-economico, D.2) Assistenza informatica Omniavis si avvale di esperti informatici sia per le attività di assistenza hardware che per l assistenza software con una particolare specializzazione nella realizzazione di sistemi informatici per pubbliche amministrazioni, imprese e professionisti.

18 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 18 di 24 PROPOSTA ECONOMICA Omniavis srl si vi propone una assistenza e consulenza qualificata che viene quantificata, in relazione alle informazioni assunte durante i precedenti contatti e colloqui: A) Start A.1) Assistenza alla costituzione della Agenzia Prestazione: assistenza continuativa DESK per 2 anni dalla data di avvio della collaborazione ivi compresi max 2 sopralluoghi presso la sede Euro: 9.250,00/anno Costi esclusi: Trasferte, sopralluoghi ed ogni attività non prevista nella descrizione del servizio in base alla presente proposta A.2) Certificazione di qualità Prestazione: assistenza continuativa ai fini dell'ottenimento della certificazione ISO 9000 (tempo stimato 6 mesi dalla data di avvio della collaborazione) ivi compresi max 2 sopralluoghi presso la sede Euro: 9.750,00 Costi esclusi: Spese di certificazione (società di certificazione), bolli e diritti collegati. Trasferte, sopralluoghi ed ogni attività non prevista nella descrizione del servizio in base alla presente proposta A.3) Procedure di accreditamento Prestazione: assistenza continuativa ai fini dell'ottenimento dell'accreditamento presso il Ministero, ivi comprese le attività di compilazione ed inoltro della documentazione, assistenza istruttoria ecc... (tempo stimato 6 mesi dalla data di avvio della collaborazione) ivi compresi max 1 sopralluogo presso la sede e 1 trasferta a Roma per eventuali chiarimenti Euro: 7.500,00 Costi esclusi: Trasferte, sopralluoghi ed ogni attività non prevista nella descrizione del servizio in base alla presente proposta

19 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 19 di 24 PROPOSTA ECONOMICA B) Network B.1) Creazione, manutenzione ed implementazione del Portale dell Agenzia Prestazione continuativa per 2 anni dalla data di avvio della collaborazione (si prevede la realizzazione e messa in funzione del Portale entro 3 mesi dall'avvio della collaborazione). Si prevede l'utilizzo di software open-source. Euro: 7.500,00/anno Costi esclusi: Acquisto di licenze particolari, server o spazio server su server farm ed altre spese per acquisti tecnologici o di materiale informatico; trasferte, sopralluoghi ed ogni attività non prevista nella descrizione del servizio in base alla presente proposta B.2) Creazione, gestione e manutenzione del sistema telematico della RDP (Rete dei professionisti) Prestazione continuativa per 2 anni dalla data di avvio della collaborazione (si prevede la realizzazione e messa in funzione del sistema telematico entro 6 mesi dall'avvio della collaborazione). Si prevede l'utilizzo di software open-source. Euro: 6.500,00/anno Costi esclusi: Acquisto di licenze particolari, server o spazio server su server farm ed altre spese per acquisti tecnologici o di materiale informatico; trasferte, sopralluoghi ed ogni attività non prevista nella descrizione del servizio in base alla presente proposta B.3) Creazione, gestione e manutenzione del sistema telematico dei SAP (Servizi ai professionisti) Prestazione continuativa per 2 anni dalla data di avvio della collaborazione (si prevede la realizzazione e messa in funzione del sistema telematico entro 6 mesi dall'avvio della collaborazione). Si prevede l'utilizzo di software open-source. Euro: 4.500,00/anno Costi esclusi: Acquisto di licenze particolari, server o spazio server su server farm ed altre spese per acquisti tecnologici o di materiale informatico; trasferte, sopralluoghi ed ogni attività non prevista nella descrizione del servizio in base alla presente proposta B.4) Creazione, gestione e manutenzione del sistema telematico e telefonico dei SAI (servizi agli imprenditori) Prestazione continuativa per 2 anni dalla data di avvio della collaborazione (si prevede la realizzazione e messa in funzione del sistema telematico entro 6 mesi dall'avvio della collaborazione). Si prevede l'utilizzo di software open-source. Euro: 4.500,00/anno Costi esclusi: Acquisto di licenze particolari, server o spazio server su server farm ed altre spese per acquisti tecnologici o di materiale informatico; trasferte, sopralluoghi ed ogni attività non prevista nella descrizione del servizio in base alla presente proposta

20 MOD.INFO.02 Rev. 02 DEL Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 20 di 24 PROPOSTA ECONOMICA C) HELP C.1) Assistenza giuridico-amministrativa per i procedimenti SUAP Prestazione continuativa DESK per 3 anni dalla data di avvio della collaborazione consistente nella risoluzione di problematiche interpretative di carattere giuridico-amministrativo a supporto dell'agenzia, della rete dei professionisti e dei professionisti servizi dall'agenzia per un limite annuo di 1000 quesiti. Euro: 8.500,00/anno Costi esclusi: Consulenze legali, spese giudiziarie ed altre eventuali spese necessarie per consulenze tecniche specifiche. C.2) Formazione in materia di Sportello Unico per le Attività Produttive e procedimenti collegati Attività di formazione per il personale della Agenzia, professionisti, imprenditori ecc... sulle materie inerenti la corretta gestione delle procedure SUAP. Euro: 4.500,00 comprendenti 4 sessioni di formazione (5 ore) presso la sede Omniavis Sessioni aggiuntive: Euro: 1.500,00 per sessione di formazione (5 ore) presso la sede Omniavis Euro: 2.250,00 per sessione di formazione (5 ore) presso altra sede individuata dal Committente Costi esclusi: Spese di trasferta, vitto e alloggio per formazione svolta presso sede diversa dalla Omniavis. C.3) Supporto territoriale Prestazione continuativa DESK per 3 anni dalla data di avvio della collaborazione consistente nella messa a disposizione della sede Omniavis di Firenze (Lungarno Colombo 44, piano terra) per attività di segreteria e logisitica (riunioni, incontro con professionisti ecc...). Euro: 8.500,00/anno Costi esclusi: Acquisto di postazione informatica, licenze particolari, server o spazio server su server farm ed altre spese per acquisti tecnologici o di materiale informatico.

IL DPR 160/2010 (SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO SUAP) E IL DPR 159/2010 (AGENZIE PER LE IMPRESE) (Il procedimento automatizzato con SCIA)

IL DPR 160/2010 (SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO SUAP) E IL DPR 159/2010 (AGENZIE PER LE IMPRESE) (Il procedimento automatizzato con SCIA) IL DPR 160/2010 (SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO SUAP) E IL DPR 159/2010 (AGENZIE PER LE IMPRESE) (Il procedimento automatizzato con SCIA) AMBITO DI APPLICAZIONE DEL DPR 160/2010 Art. 1 Definizioni 1. Ai fini

Dettagli

MOD.FORM.16 Rev. 02 DEL 2011.02.07 Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 2 di 7

MOD.FORM.16 Rev. 02 DEL 2011.02.07 Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 2 di 7 MOD.FORM.16 Rev. 02 DEL 2011.02.07 Preparato:RD Approvato:DIR Pagina 2 di 7 CONTENUTI La Omniavis intende proporvi un percorso di formazione completo per gli operatori dei servizi SUAP e Commercio utile

Dettagli

L INVIO CONTESTUALE DELLE PRATICHE RI/SUAP

L INVIO CONTESTUALE DELLE PRATICHE RI/SUAP L INVIO CONTESTUALE DELLE PRATICHE RI/SUAP La Comunicazione Unica La Segnalazione Certificata di Inizio Attività Il Suap Il coordinamento degli adempimenti Le modalità di predisposizione SCIA Le modalità

Dettagli

REGOLAMENTO SPESE DI ISTRUTTORIA AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE (D.P.R. 59/2013) Art 1 Principi generali

REGOLAMENTO SPESE DI ISTRUTTORIA AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE (D.P.R. 59/2013) Art 1 Principi generali REGOLAMENTO SPESE DI ISTRUTTORIA AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE (D.P.R. 59/2013) Art 1 Principi generali In attuazione del disposto dell articolo 52 del D.Lgs. 446 del 15.12.1997 e successive modifiche

Dettagli

La Pubblica Amministrazione per l'impresa

La Pubblica Amministrazione per l'impresa reg. suap La Pubblica Amministrazione per l'impresa È disponibile la Circolare interministeriale che anticipa il contenuto di un decreto ministeriale che individua le misure indispensabili per attuare,

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 410 DEL 01/09/2015. SETTORE Innovazione

DETERMINAZIONE N. 410 DEL 01/09/2015. SETTORE Innovazione Comune di Campi Bisenzio Citta' Metropolitana di Firenze DETERMINAZIONE N. 410 DEL 01/09/2015 SETTORE Innovazione Oggetto: Affidamento dei servizi informatici di start-up, hosting e manutenzione annuale

Dettagli

Implementazione di strutture di servizio all impresa nei rapporti con i SUAP: Progetto Semplifica 2

Implementazione di strutture di servizio all impresa nei rapporti con i SUAP: Progetto Semplifica 2 Implementazione di strutture di servizio all impresa nei rapporti con i SUAP: Progetto Semplifica 2 1 Scenario di riferimento La riforma della disciplina degli Sportelli Unici per le attività produttive

Dettagli

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE Protocollo d intesa per l utilizzo della soluzione informatica realizzata dalle Camere di Commercio, Industria e Artigianato per l esercizio delle funzioni assegnate allo Sportello Unico per le Attività

Dettagli

MASTER. Il Governo del territorio in Toscana alla luce della L.R. 65/2014

MASTER. Il Governo del territorio in Toscana alla luce della L.R. 65/2014 MASTER 18 seminari di approfondimento Il Governo del territorio in Toscana alla luce della L.R. 65/2014 Dal 26 febbraio al 18 giugno 2015 Sede Omniavis Firenze Lungarno Colombo, 44 Brochure di presentazione

Dettagli

Indicazioni ed istruzioni per inserimento dati e autocertificazione MARCA DA BOLLO TELEMATICA e VERSAMENTI SU C/C POSTALE

Indicazioni ed istruzioni per inserimento dati e autocertificazione MARCA DA BOLLO TELEMATICA e VERSAMENTI SU C/C POSTALE Indicazioni ed istruzioni per inserimento dati e autocertificazione MARCA DA BOLLO TELEMATICA e VERSAMENTI SU C/C POSTALE - PREMESSA Possono presentare istanza allo SPORTELLO UNICO WEB, le seguenti figure

Dettagli

S P O R T E L L O U N I C O P E R L E A T T I V I T A P R O D U T T I V E C O M U N E D I V I C E N Z A

S P O R T E L L O U N I C O P E R L E A T T I V I T A P R O D U T T I V E C O M U N E D I V I C E N Z A S P O R T E L L O U N I C O P E R L E A T T I V I T A P R O D U T T I V E C O M U N E D I V I C E N Z A R E G O L A M E N T O D I O R G A N I Z Z A Z I O N E E F U N Z I O N A M E N T O D E L L O S P O

Dettagli

S.C.I.A. E COMUNICA CONTESTUALI (art. 25, comma 3, d.lgs. 59/2010 e art. 5, comma 2, d.p.r. 160/2010)

S.C.I.A. E COMUNICA CONTESTUALI (art. 25, comma 3, d.lgs. 59/2010 e art. 5, comma 2, d.p.r. 160/2010) 1 S.C.I.A. E COMUNICA CONTESTUALI (art. 25, comma 3, d.lgs. 59/2010 e art. 5, comma 2, d.p.r. 160/2010) P R E M E S S A Come è noto dal 30 settembre 2011 sono operative tutte le disposizioni contenute

Dettagli

PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE

PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE 1. Riferimenti normativi - Raccomandazione della Commissione del 6 maggio 2003, n. 2003/361/CE, relativa

Dettagli

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate.

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate. Cos'è lo Sportello Unico Attività Produttive Lo Sportello Unico per le Attività Produttive, già nella sua definizione data dal D.P.R. n. 447/1998, ha per oggetto la localizzazione degli impianti produttivi

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alle amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs.

Dettagli

Sportello unico attività produttive (SUAP)

Sportello unico attività produttive (SUAP) www.globogis.it Sportello unico attività produttive (SUAP) Modulo base Sessione1 Introduzione alla gestione telematica del SUAP Argomenti Logistica e contenuti del corso Normativa nazionale e regionale

Dettagli

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP)

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Provincia di Forlì-Cesena Comune di Forlì Comune di Cesena Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Normativa di riferimento D.P.R. 20 ottobre

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) Comune di Vigonovo Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 191 Seduta del 08/10/2012 All. 3 OGGETTO:

Dettagli

CAMPO DI APPLICAZIONE

CAMPO DI APPLICAZIONE Campo di applicazione - CAMPO DI APPLICAZIONE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Articoli da 1742 a 1752 del Codice civile; Legge 3 maggio 1985, n. 204 Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NU MERO 5 Le Circolari della Fondazione Studi n.5 del 06.03.2015 Microcredito: istruzioni per l uso Partito il bando del Mise, che mette a disposizione circa 40 milioni di euro per

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PRATICA. InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni. versione 02

MANUALE OPERATIVO PRATICA. InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni. versione 02 InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI PRATICA versione 02 ottobre 2011 COMPILAZIONE

Dettagli

Ordinanza n. 17 dell 8 Maggio 2015

Ordinanza n. 17 dell 8 Maggio 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL DL N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 17 dell 8 Maggio 2015 Convenzione con ANCI

Dettagli

cin>>c8 s.r.l. Offerta Pagina 1 di 6 Offerta

cin>>c8 s.r.l. Offerta Pagina 1 di 6 Offerta Offerta Pagina 1 di 6 Offerta Indice 1 - INTRODUZIONE... 3 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...3 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...3 1.3 - RIFERIMENTI...3 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...3 2 - PREMESSA... 4 3 -

Dettagli

COMUNE DI MOMPANTERO

COMUNE DI MOMPANTERO COMUNE DI MOMPANTERO C.A.P. 10059 - PROVINCIA DI TORINO P.zza Giulio Bolaffi n. 1 - Tel. 0122 622323 - Fax 0122 629427 P. IVA 01919130011 - C.F. 86501190010 PIANO INFORMATIZZAZIONE delle procedure per

Dettagli

Comunicazione unica al via: istruzioni per adempimenti Inail e Inps Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma

Comunicazione unica al via: istruzioni per adempimenti Inail e Inps Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma Comunicazione unica al via: istruzioni per adempimenti Inail e Inps Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma L Inail e l Inps forniscono chiarimenti relativi alla piena operatività, dal 1 ottobre

Dettagli

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE*

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* Luglio Agosto 2005 Comunicato n. 80/2005 Decreto-Legge 30 giugno 2005, n. 115 Disposizioni urgenti per assicurare la funzionalità di settori della

Dettagli

ISTRUZIONI. PER LA CORRETTA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE E PER L UTILIZZO DEGLI ALTRI STRUMENTI A DISPOSIZIONE NEL PORTALE www.calabriasuap.it.

ISTRUZIONI. PER LA CORRETTA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE E PER L UTILIZZO DEGLI ALTRI STRUMENTI A DISPOSIZIONE NEL PORTALE www.calabriasuap.it. Rev. 02 del 21/03/2014 ISTRUZIONI PER LA CORRETTA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE E PER L UTILIZZO DEGLI ALTRI STRUMENTI A DISPOSIZIONE NEL PORTALE www.calabriasuap.it. PREMESSA: Il Portale www.calabriasuap.it,

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

MARINA MILITARE Ufficio Generale del Centro di Responsabilità Amministrativa (MARIUGCRA 4 Ufficio Contratti)

MARINA MILITARE Ufficio Generale del Centro di Responsabilità Amministrativa (MARIUGCRA 4 Ufficio Contratti) MARINA MILITARE Ufficio Generale del Centro di Responsabilità Amministrativa (MARIUGCRA 4 Ufficio Contratti) AVVISO PUBBLICO DI INVITO A MANIFESTARE INTERESSE L Ufficio Generale del Centro di Responsabilità

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 15/2015 MODALITÀ DI PAGAMENTO DELL'IMPOSTA DI BOLLO SUGLI ATTI EDILIZI PRESENTATI TELEMATICAMENTE Disposizione tecnico

Dettagli

Roma, 27 marzo 2015. Legge 266 dell 11 agosto 1991 Legge-quadro sul volontariato (GU. 196 del 22 agosto 1991);

Roma, 27 marzo 2015. Legge 266 dell 11 agosto 1991 Legge-quadro sul volontariato (GU. 196 del 22 agosto 1991); Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche Circolare n. 45 Roma, 27 marzo 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e

Dettagli

Dott. Simone Chiarelli Dottorando di ricerca nell Università degli Studi di Bergamo, Responsabile Formazione e Consulenza della Omniavis srl

Dott. Simone Chiarelli Dottorando di ricerca nell Università degli Studi di Bergamo, Responsabile Formazione e Consulenza della Omniavis srl Seminario Le attività produttive in Lombardia fra autorizzazioni, dichiarazioni di inizio attività e liberalizzazioni Clusone (Bg), 26 settembre 2007 ore 9,30-13,30 Sala riunioni delle scuole elementari-medie

Dettagli

SERVIZIO TERRITORIO LL.PP.LGS

SERVIZIO TERRITORIO LL.PP.LGS Comune di Arquata Scrivia Provincia di Alessandria Piazza S. Bertelli, 21-15061 - Arquata Scrivia (Al) - ( tel. 0143.600411 - fax 0143.600417 - C.F. 00274600063 - PEC: comune.arquatascrivia.al@legalmail.it)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L ENERGIA DIREZIONE GENERALE PER LA SICUREZZA DELL'APPROVVIGIONAMENTO E LE INFRASTRUTTURE ENERGETICHE Divisione IV - Mercato e logistica dei prodotti

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni ai sensi dell articolo 24, comma 3 bis del D.L.

Dettagli

REGOLAMENTO. Premessa

REGOLAMENTO. Premessa REGOLAMENTO RECANTE LE MODALITÀ PER L ACCREDITAMENTO E LA VIGILANZA SUI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI CHE SVOLGONO ATTIVITÀ DI GESTIONE DEI SERVIZI DI REGISTRAZIONE E DI MESSA A DISPOSIZIONE DELLE CREDENZIALI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Procedimenti di prevenzione incendi più semplici e rapidi grazie allo Sportello Unico

Procedimenti di prevenzione incendi più semplici e rapidi grazie allo Sportello Unico SICUREZZA. Procedimenti di prevenzione incendi più semplici e rapidi grazie allo Sportello Unico GLI EFFETTI DELLA COLLABORAZIONE TRA REGIONE SARDEGNA E VIGILI DEL FUOCO Il regolamento per la semplificazione

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n.

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. 114 Rif. int. : Rev. : 0.0 Vers. Prec. : Sommario 1- Revisioni...

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI TELEMATICO DI APAM ESERCIZIO SPA (rev.0-01 Settembre 2014)

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI TELEMATICO DI APAM ESERCIZIO SPA (rev.0-01 Settembre 2014) REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI TELEMATICO DI APAM ESERCIZIO SPA (rev.0-01 Settembre 2014) 1 PREMESSE 1.1 La Società APAM ESERCIZIO SPA (di seguito APAM) con sede legale

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE TELEMATICA DELLE PRATICHE AL SUAP DELL UNIONE APPENNINO BOLOGNESE

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE TELEMATICA DELLE PRATICHE AL SUAP DELL UNIONE APPENNINO BOLOGNESE (Provincia di Bologna) CASTEL D AIANO CASTEL DI CASIO CASTIGLIONE DEI PEPOLI GAGGIO MONTANO GRIZZANA MORANDI MARZABOTTO MONZUNO SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO VERGATO LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE TELEMATICA

Dettagli

COMUNE DI VOGHIERA Provincia di Ferrara

COMUNE DI VOGHIERA Provincia di Ferrara COMUNE DI VOGHIERA Provincia di Ferrara PROCEDURA APERTA I STRALCIO FUNZIONALE DEI LAVORI DI REALIZZAZIONE DI PISTA CICLABILE LUNGO VIA PROVINCIALE A VOGHIERA (LOTTI 1 E 2) - CUP J41B13000250006 Voghiera

Dettagli

CIRCOLARE ESPLICATIVA SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO IN CAMPANIA

CIRCOLARE ESPLICATIVA SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO IN CAMPANIA CIRCOLARE ESPLICATIVA SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO IN CAMPANIA A seguito dell emanazione del D.Lgs. n. 59 del 26 marzo 2010, Attuazione della direttiva 2006/123/CE

Dettagli

In corso di pubblicazione le procedure per accedere agli interventi del Fondo di Garanzia in favore del microcredito

In corso di pubblicazione le procedure per accedere agli interventi del Fondo di Garanzia in favore del microcredito Fabio Mora Dottore Commercialista Revisore Contabile partita iva 01520610443 Cod. Fisc. MROFBA66B10G920A A mezzo fax / e.mail Circolare n. 6/2015 A tutti i signori clienti loro sedi Porto San Giorgio,

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Agenzia delle Entrate DIREZIONE CENTRALE NORMATIVA E CONTENZIOSO Risoluzione del 14/06/2007 n. 137 Oggetto: Istanza di interpello- imposta sostitutiva sui mutui- articolo 15 d.p.r. n. 601/73, art. 5, comma

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni Regione Veneto Provincia di Treviso Comune di Castelfranco Veneto Servizio Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Dettagli

Domanda di mediazione congiunta

Domanda di mediazione congiunta Sezione 1 parti della controversia Parte istante Alla segreteria del Servizio di Mediazione della Camera di Commercio di Latina Organismo iscritto al n. 302 del registro degli organismi deputati alla gestione

Dettagli

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini I risultati della misurazione nazionale nel settore edilizia L attività di misurazione degli oneri nel settore dell edilizia è stata realizzata nel 2012

Dettagli

RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE. Gennaio 2008

RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE. Gennaio 2008 RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE Gennaio 2008 Comunicato n. 1/2008 ERRATA-CORRIGE Comunicato relativo al decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248, recante: «Proroga di termini previsti da disposizioni

Dettagli

Linee guida per l adozione del protocollo informatico e per il trattamento informatico dei procedimenti amministrativi

Linee guida per l adozione del protocollo informatico e per il trattamento informatico dei procedimenti amministrativi D.M. 14 ottobre 2003 1 e 2 Linee guida per l adozione del protocollo informatico e per il trattamento informatico dei procedimenti amministrativi 1. Introduzione e normativa di riferimento Con la direttiva

Dettagli

Esiti consultazione telematica Commissione. Roma, 9 luglio 2014

Esiti consultazione telematica Commissione. Roma, 9 luglio 2014 Esiti consultazione telematica Commissione Roma, 9 luglio 2014 La Commissione Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio, a seguito di consultazione svolta per via telematica, si è pronunciata sul

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (D.L. 90/2014 convertito in legge 114/2014, art. 24 comma 3 bis) Indice 1. Finalità 2. Riferimenti

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.81 del 29 Giugno 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Operativo l accesso al fondo di garanzia sui finanziamenti per il microcredito Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali COMPETITIVITA La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali Dalla Dia alla Scia anche per le attività di vendita e somministrazione di alimenti e bevande Cosimo

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO C O P I A DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 576 del 25/09/2015 del registro generale OGGETTO: AFFIDAMENTO DEL

Dettagli

RISOLUZIONE 353/E QUESITO. Le questioni rappresentate dall interpellante sono così riassumibili:

RISOLUZIONE 353/E QUESITO. Le questioni rappresentate dall interpellante sono così riassumibili: RISOLUZIONE 353/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 dicembre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Imposta di bollo art. 1, comma 1-bis.1 della tariffa.

Dettagli

Gestione associata SUAP

Gestione associata SUAP Gestione associata SUAP Comuni aderenti CAPRALBA CREMOSANO DOVERA MONTE CREMASCO PANDINO SPINO D'ADDA VAIANO CREMASCO Manuale delle procedure Parte 1 SCIA telematica Versione da consegnare (gennaio 2012)

Dettagli

tra il «Codice dell'amministrazione digitale» (di seguito, il Codice ); recante il Codice in materia di protezione dei dati personali ;

tra il «Codice dell'amministrazione digitale» (di seguito, il Codice ); recante il Codice in materia di protezione dei dati personali ; PROTOCOLLO PER L ADESIONE AL SISTEMA DEI PAGAMENTI INFORMATICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI tra Agenzia per l Italia digitale, ente pubblico non economico - istituito ai sensi del decreto legge

Dettagli

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it La timeline del quadro normativo (1) 1998 2000 2004 2005 Protocollo informatico Regole tecniche per il protocollo informatico di cui al decreto del Presidente

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2014-201 6

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2014-201 6 PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2014-201 6 l. INTRODUZIONE Il presente documento illustra le attività relative al programma Triennale per la Trasparenza

Dettagli

SCIA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

SCIA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SCIA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI [ ] INSEGNE D'ESERCIZIO n. [ ] TARGHE PROFESSIONALI n. [ ] TENDE DA SOLE n. [ ] VETROFANIE n. [ ] n. [ ] NUOVA INSTALLAZIONE [ ] SOSTITUZIONE [ ] MANTENIMENTO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Regolamento (CE) N. 765/2008 del

Dettagli

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. COMUNE DI CARPEGNA Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 13 del 16/02/2015 Pag. 2 2.

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Maggio 2015 Fondazione AEQUITAS A.D.R. Organismo privato di mediazione riconosciuto dal Ministero di Grazia e Giustizia iscritto al n.5 del registro degli organismi abilitati

Dettagli

CIRCOLARE ESPLICATIVA SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO IN CAMPANIA

CIRCOLARE ESPLICATIVA SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO IN CAMPANIA CIRCOLARE ESPLICATIVA SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO IN CAMPANIA A seguito dell emanazione del D.Lgs. n. 59 del 26 marzo 2010, Attuazione della direttiva 2006/123/CE

Dettagli

Linee guida sulla Formazione Continua

Linee guida sulla Formazione Continua Linee guida sulla Formazione Continua In applicazione del Regolamento adottato dal Consiglio Nazionale dell Ordine dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati, pubblicato sul bollettino ufficiale

Dettagli

Decreto del Ministero dell economia e delle finanze 20 giugno 2012, n. 145.

Decreto del Ministero dell economia e delle finanze 20 giugno 2012, n. 145. Decreto del Ministero dell economia e delle finanze 20 giugno 2012, n. 145. Regolamento in applicazione degli articoli 2, commi 2, 3, 4 e 7 e 7, comma 7, del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39,

Dettagli

Circolare n. 34. Roma, 27 giugno 2013

Circolare n. 34. Roma, 27 giugno 2013 Direzione generale Direzione centrale prestazioni Direzione centrale rischi Direzione centrale servizi istituzionali - settore Navigazione Direzione centrale programmazione organizzazione e controllo Direzione

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso Piazza Caduti, 8 31021 Cod. Fiscale 00565860269 Partita IVA 00476370267 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 15 Adunanza 30 aprile 2013 OGGETTO: PROPOSTA DI ACCORDO PER L ATTUAZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE APPROVAZIONE. Protocollo:

Dettagli

DECRETO INTERMINISTERIALE DEL 30.10.2007 PER LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE ON LINE

DECRETO INTERMINISTERIALE DEL 30.10.2007 PER LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE ON LINE PROVINCIA DELLA SPEZIA Settore Politiche Economiche, Sociali e del Lavoro Provincia della Spezia Medaglia d oro al valor militare DECRETO INTERMINISTERIALE DEL 30.10.2007 PER LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE

Dettagli

Oggetto: adempimenti in materia di contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa e nuova modulistica.

Oggetto: adempimenti in materia di contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa e nuova modulistica. Ai Responsabili delle Strutture Universitarie e, p.c. Al Magnifico Rettore Al Pro Rettore Vicario Circolare Rep. 21/2014 Protocollo: n. 13466 VII/16 del 10.04.2014 Oggetto: adempimenti in materia di contratti

Dettagli

Emana il seguente decreto:

Emana il seguente decreto: D.P.R. 27 gennaio 2012, n. 43. Regolamento recante attuazione del regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra. (G.U. 20 aprile 2012, n. 93) IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto

Dettagli

Studio Canti srl Consulenza del Lavoro- Gestione del personale. Daniela Canti Ordine Consulenti del lavoro di Roma n. 1844

Studio Canti srl Consulenza del Lavoro- Gestione del personale. Daniela Canti Ordine Consulenti del lavoro di Roma n. 1844 Circolare Microcredito 2015 Siamo a fornire una serie di chiarimenti sul Bando Microcredito PMI, in attesa del click day di inizio aprile e del nuovo decreto attuativo,contenente una serie di novità, in

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone N. 185820 /2011 Modalità di applicazione del regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità - disposizioni di attuazione dell'articolo 27, commi 1 e 2, del D.L. 6 luglio

Dettagli

SPECIFICHE OPERATIVE PER L IDENTIFICAZIONE

SPECIFICHE OPERATIVE PER L IDENTIFICAZIONE SPECIFICHE OPERATIVE PER L IDENTIFICAZIONE UNIVOCA DEGLI UFFICI CENTRALI E PERIFERICI, DELLE AMMINISTRAZIONI, DESTINATARI DELLA FATTURAZIONE Indicazioni operative previste dall allegato D al decreto attuativo

Dettagli

Comune di Empoli. Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi

Comune di Empoli. Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi Comune di Empoli Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi Offerta /P/2014 Vers. 1.0 Data: 17 Luglio 2014 INTRODUZIONE... 4 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità di cui all articolo

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE C.I.S.A.P. CONSORZIO INTERCOMUNALE DEI SERVIZI ALLA PERSONA Comuni di Collegno e Grugliasco DETERMINAZIONE N 165/2014 DEL 30/12/2014 ORIGINALE Oggetto: affidamento servizio brokeraggio assicurativo alla

Dettagli

RISPOSTE ALLE RICHIESTE DI CHIARIMENTI - FAQ SECONDA PARTE -

RISPOSTE ALLE RICHIESTE DI CHIARIMENTI - FAQ SECONDA PARTE - UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUPBLICA ITALIANA PROCEDURA APERTA IN MODALITA TELEMATICA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI EVOLUZIONE, ASSISTENZA E MANUTENZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO UNITARIO REGIONALE

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività - s.c.i.a. Caratteristiche generali

Segnalazione certificata di inizio attività - s.c.i.a. Caratteristiche generali Segnalazione certificata di inizio attività - s.c.i.a. Caratteristiche generali 2 Segnalazione certificata di inizio attività s.c.i.a. Viene presentata solo per attività di impresa 3 Segnalazione certificata

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI SOSTENIBILITA DEGLI EDIFICI A DESTINAZIONE RESIDENZIALE:

CERTIFICAZIONE DI SOSTENIBILITA DEGLI EDIFICI A DESTINAZIONE RESIDENZIALE: CERTIFICAZIONE DI SOSTENIBILITA DEGLI EDIFICI A DESTINAZIONE RESIDENZIALE: Procedure, Sistema di Accreditamento dei soggetti abilitati al rilascio, Rapporto con la Certificazione Energetica e integrazione

Dettagli

Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro dell economia e delle finanze Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e successive modificazioni ed integrazioni recante la disciplina dell imposta di bollo;

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 06/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 36

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 06/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 36 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 23 aprile 2014, n. 213 Modifica dell'allegato A, sezione "Stato di disoccupazione" della DGR 31 Ottobre 2006, n. 778 "Indirizzi

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Ente (di seguito Soggetto fruitore) P. IVA nella persona di domiciliato per la carica in in qualità di VISTI

CONVENZIONE TRA. Ente (di seguito Soggetto fruitore) P. IVA nella persona di domiciliato per la carica in in qualità di VISTI SCHEMA DI CONVENZIONE APERTA PER L ACCESSO DA PARTE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI AI DATI DEGLI STUDENTI E DEI LAUREATI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO AI SENSI DELL ARTICOLO 58 DEL CODICE DELL

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Sistemi informativi, Statistica e Protezione Civile

COMUNE DI SASSARI Sistemi informativi, Statistica e Protezione Civile COMUNE DI SASSARI Sistemi informativi, Statistica e Protezione Civile A V V I S O P U B B L I C O Affidamento incarico di Responsabile esterno del Servizio di Prevenzione e Protezione di cui al D.Lgs.vo.

Dettagli

00185-ROMA. DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA concernente gli ulteriori requisiti previsti per la partecipazione alla presente procedura.

00185-ROMA. DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA concernente gli ulteriori requisiti previsti per la partecipazione alla presente procedura. Modello da seguire per la predisposizione delle dichiarazioni in ordine al possesso degli ulteriori requisiti per la partecipazione alla gara e per l assunzione degli impegni, circa le modalità di esecuzione

Dettagli

Visto l'articolo 117, secondo comma, lettere e), m), p) e r), della Costituzione;

Visto l'articolo 117, secondo comma, lettere e), m), p) e r), della Costituzione; D.P.R. 7 settembre 2010, n. 160 (1). Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attività produttive, ai sensi dell'articolo 38, comma 3, del decreto-legge

Dettagli

Tuttocamere.it - Newsletter n. 10 del 26 Giugno 2008. 1. Riconoscimento vocale e gestione dei sistemi informatici

Tuttocamere.it - Newsletter n. 10 del 26 Giugno 2008. 1. Riconoscimento vocale e gestione dei sistemi informatici Tuttocamere.it - Newsletter n. 10 del 26 Giugno 2008 1. Riconoscimento vocale e gestione dei sistemi informatici Il Garante per la protezione dei dati personali, con Provvedimento del 28 febbraio 2008,

Dettagli

Manuale Operativo Front Office e Back Office. Servizio OpenSUAP COD. PRODOTTO D.9.3

Manuale Operativo Front Office e Back Office. Servizio OpenSUAP COD. PRODOTTO D.9.3 Manuale Operativo Front Office e Back Office Servizio OpenSUAP COD. PRODOTTO D.9.3 Indice 1. Configurazione Software 1.1 Configurazione della PEC in OpenSUAP 2. Front Office OpenSUAP 2.1 Utilizzo Front

Dettagli

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 Sandra Migliaccio (Agenzia delle Entrate - DR Piemonte Ufficio Fiscalità Generale) Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del

Dettagli

Regolamento di mediazione

Regolamento di mediazione Regolamento di mediazione Gennaio 2015 www.adrcenter.com ADR Center è iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 1 del registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione. Regolamento

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LE MARCHE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LE MARCHE Del. n.141/2014/par CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LE MARCHE nell adunanza del 3 dicembre 2014 composta dai magistrati: Cons. Andrea LIBERATI Presidente f.f. Primo Ref. Valeria FRANCHI

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DPR 7 settembre 2010, n. 160 1 Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attività produttive, ai sensi dell'articolo 38, comma 3, del decretolegge

Dettagli