Descrizione del progetto Software Aperto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Descrizione del progetto Software Aperto"

Transcript

1 Descrizione del progetto Software Aperto 1 Sommario 2 Giustificazione 2.1 Il ruolo di UNINFO 2.2 Stato dell arte - aspetto tecnico 2.3 Stato dell arte. Iniziative concorrenti o simili 3 Descrizione del progetto 3.1 Analisi 3.2 Paranormazione 3.3 Servizi 3.4 Gestione 4. Struttura del progetto 4.1 Marketing 4.2 Infrastruttura 4.3 Aree applicative aspetti comuni 4.4 Aree applicative aspetti specifici 4.5 Sommario 5 Costi Allegato 1 I partner Allegato 2 UNINFO Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

2 1 SOMMARIO Il progetto Software Aperto, sulla base delle competenze specifiche di UNINFO, dei suoi soci e dei partner nel progetto, intende contribuire alla formazione di un distretto tecnologico correlato con il software aperto, ed allo sviluppo delle risorse e dei collegamenti necessari per far diventare la nostra area geografica punto di eccellenza a livello europeo. L attività prevista si svolgerà a più livelli, tra loro collegati. Risulta prioritario: Identificare una serie di problemi applicativi che si prestino all uso del software aperto e gli utenti che ne trarrebbero il maggior beneficio. Censire e classificare le competenze disponibili, innanzitutto localmente, ma, ove opportuno, anche in ambito nazionale ed internazionale. Si tratta sostanzialmente di mettere in relazione tra loro le risorse esistenti, in funzione di quanto è proposto nei punti seguenti. Rendere disponibili servizi rivolti alla soluzione dei problemi degli utenti (la chiave di accesso è il problema applicativo, non la soluzione tecnologica). Si tratta principalmente di una attività di consulenza, formazione e dimostrazione. Aggiornare la base dati costituita dai due punti precedenti. Si tratta di applicare ad un nuovo campo le competenze che UNINFO ha sviluppato nel corso della sua normale attività quale ente di normazione nazionale, a beneficio della società torinese in generale. Garantire che le soluzioni proposte ricevano un adeguato riconoscimento internazionale, e soprattutto europeo. In caso contrario, si prospetta il rischio che iniziative simili a quella qui descritta vengano attuate altrove, vengano riconosciute come riferimento in ambito europeo e che le loro conclusioni non siano compatibili con quanto concordato localmente. UNINFO ha la possibilità di utilizzare le proprie competenze tradizionali per assumere un ruolo di primo piano nell ambito del software aperto; la differenza sostanziale con quanto è stato fatto nel passato è che ora non si tratta di agire come ente di riferimento nazionale per enti di normazione internazionali, ma di iniziare un attività ex novo in cui non esiste un quadro di riferimento consolidato. La mancanza di questo quadro di riferimento, se può costituire un problema per l utente non smaliziato, può offrire invece opportunità a coloro che riusciranno a dare risposte soddisfacenti ad una domanda non soddisfatta. I beneficiari dell iniziativa sono in ultima analisi raggruppabili in due gruppi: gli addetti ai lavori, che troveranno un punto di incontro neutrale ed istituzionalizzato, capace di garantire i collegamenti con gli ambienti della normazione formale e delle legislazioni europee ed internazionali; gli utenti, che troveranno un riferimento per servizi di formazione ed orientamento. In conclusione: esiste un opportunità molto attraente e vi sono le condizioni per poterla perseguire con successo a vantaggio della nostra comunità. Nel caso di inazione, per parlare in termini contabili, non solo vi è la certezza di un mancato guadagno, ma anche il rischio concreto di una perdita netta. Il presente documento è strutturato come segue: Capitolo 2 - Giustificazione dell'iniziativa in termini di business model dell attività di standardizzazione. Capitolo 3 - Descrizione del progetto Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

3 Capitolo 4 -Struttura dettagliata del progetto Capitolo 5 - Costi previsti Allegato 1 - Descrizione dei partner Allegato 2 - UNINFO. Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

4 2 GIUSTIFICAZIONE Il software aperto, chiamato anche open source è software di cui è consentito l accesso al codice sorgente; altre definizioni e, conseguentemente, classificazioni sono possibili, a seconda di altre condizioni quali i vincoli che regolano la possibilità del suo uso, la possibilità di modifiche e di ulteriori distribuzioni. La valutazione del significato economico del software aperto nel mercato generale del software e la sua evoluzione negli ultimi anni e nel prossimo futuro è fuori dallo scopo della descrizione del progetto proposto. Nel seguito considereremo queste informazioni conosciute dal lettore, pur rimanendo a disposizione per eventuali chiarimenti o precisazioni che si rendessero necessari. Segnaliamo comunque agli interessati il rapporto Il Software Open Source (OSS) - Scenario e prospettive firmato da Francesco Grasso e pubblicato nel 2002 dall Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. L attività attuale nel settore del software aperto è caratterizzata da due poli e da una certa difficoltà di comunicazione tra essi. Il primo dei poli è costituito dal gruppo delle persone attive in quest area. E fortemente caratterizzato da competenza tecnica, basata su un impegno personale diretto e da motivazioni anche ideali. Spesso però questi indubbi punti di forza non sono accompagnati da una sensibilità paragonabile per gli aspetti marketing. Infatti il convincimento che li sottende è che la buona ingegneria si impone da sola sul mercato (vorrei ricordare, per inciso, che questa era anche la filosofia di Digital Equipment Corporation, alcuni anni or sono la seconda azienda mondiale nell Information Technology, ed oggi sparita dal mercato). Il secondo polo è quello degli utenti, quelli che in ultima analisi dovrebbero trarre i maggiori benefici dal software aperto. La pubblica amministrazione sta dando crescenti segni di interesse ed impegno, favorita anche dalla disponibilità di notevoli competenze al suo interno e dall essere, almeno entro certi limiti, libera dalla schiavitù della redditività a breve termine che vincola in maniera decisiva le aziende commerciali ed industriali. Le piccole e medie imprese (SMEs) sono in una situazione ben peggiore: sono frenate non solo da problemi di redditività ma anche da quelli delle competenze necessarie. Non esiste una controparte certa, il grande fornitore che garantisce le soluzioni adottate e su cui ci si può rivalere, se è il caso; ognuno è in ultima analisi solo in un mondo che non conosce e dove gli errori si pagano a caro prezzo. Alcuni studi suggeriscono che il costo per dotarsi di competenze necessarie e per tenerle aggiornate è almeno pari ai risparmi che il software aperto permette di per sé. L avversione al rischio, la riluttanza ad impegnarsi in un mondo sconosciuto, ammantato di mistero e chiuso nel suo gergo, in molti casi sconsigliano quelle che sono considerate avventure, e fanno in modo che si ritenga preferibile legarsi alle soluzioni proprietarie di un fornitore. Il pericolo più evidente ed immediato è che l universo del software aperto rimanga diviso in due tronconi che non riescono a comunicare, quello dei tecnici e quello dei potenziali utenti. Ma vi è pure un altro fattore, più sottile ma non meno pericoloso: la legislazione nazionale, ma ancor di più quella europea, contribuisce in maniera decisiva a tutti gli aspetti della nostra vita quotidiana, ivi compreso l utilizzo del software ed in particolare quello applicativo. La legislazione per sua natura deve fare riferimento a basi tecniche stabili e ben definite, che rappresentino una posizione riconosciuta di consenso e compromesso tra le necessità di tutti gli interessati. Il mondo Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

5 proteiforme del software aperto, nonostante la sua freschezza e creatività, non si presta a rispondere a queste esigenze e perciò corre il rischio di essere un eterno outsider, un Peter Pan che non riesce a crescere. Occorre un ente il più possibile indipendente dagli interessi in gioco, con uno status riconosciuto, che garantisca procedure decisionali eque, che permetta a tutti gli interessati di aver voce in capitolo. Questo ente potrebbe fornire l ambiente necessario per l elaborazione di specifiche da utilizzare come base per la legislazione; in parallelo, utilizzando le stesse risorse, potrebbe essere un tramite tra il mondo degli esperti e quello dei possibili utenti. UNINFO intende svolgere questo ruolo, e lo scopo del progetto è rendere possibile che questi sviluppi avvengano nell area torinese. In conclusione, il progetto può essere caratterizzato in termini di cosa esso renderà disponibile e di come lo renderà disponibile. Una prima serie di risultati mira a fare chiarezza nel mercato, per quanto possibile nella fase attuale di rapido sviluppo. Si tratta di: 1. un insieme di definizioni precise per indicare e delimitare l oggetto dell attività;. 2. un catalogo guidato di condizioni contrattuali di licenza; 3. un censimento delle risorse disponibili e dell attività in corso, suddivise per aree applicative, e con l indicazione dei metodi di sviluppo adottati. Per l economia torinese si tratta di acquisire visibilità, autorevolezza ed autorità internazionali, soprattutto se collegate ad iniziative europee adeguate, in un ambiente non ancora strutturato ma in rapido sviluppo. Una seconda serie di risultati consiste in servizi, di cui l imprenditoria torinese sarà la prima a beneficiarne. 4. Best practice. Consolidare, rendere pubblicamente disponibile e garantire l aggiornamento di un corpus di soluzioni basate su software aperto collaudate e già utilizzate con successo; 5. Demo sites. Rendere possibile, in particolare alle SMEs, di valutare le soluzioni possibili mediante sperimentazione diretta; 6. Help desk. Fornire supporto su richiesta, rispondendo a quesiti e fornendo un servizio di consulenza via . Gli strumenti per ottenere questi risultati richiedono di: 1. adottare procedure decisionali trasparenti e collaudate che garantiscono la partecipazione di tutti gli interessati. Si tratta della trasposizione delle procedure già usate internazionalmente per la definizione delle norme: in ultima analisi quella che viene indicata con termine inglese come peer review ; 2. garantire il collegamento con iniziative europee sullo stesso argomento, e se possibile giocarvi un ruolo di guida, in maniera che quanto sarà deciso in Italia acquisti anche una valenza più ampia. La situazione odierna è favorevole per un iniziativa di questo genere. Ritardi significativi potrebbero precludere questa opportunità. Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

6 2.1 Il ruolo di UNINFO Fortunatamente, UNINFO è nella condizione di poter guidare una iniziativa di questo genere, per una serie di motivi. Infatti, la diffusione delle informazioni e la formazione del consenso in un ambiente aperto e neutrale sono gli obiettivi statutari della sua attività, ed il suo status di ente nazionale di normazione ne è la garanzia. Parimenti, le relazioni con le controparti europee sono fondate su basi istituzionali, e non su convenienze episodiche o relazioni di tipo personale. Inoltre, il modo di operare richiesto ha potuto nel corso degli anni affinarsi nei dettagli operativi per mezzo del normale corso dell attività di normazione, sino a diventare parte integrante della natura dell ente. Da un punto di vista più contingente, i legami oggettivi tra la presente proposta ed il progetto Torino capitale della normazione fanno in modo che sia disponibile un capitale di conoscenze e relazioni che può essere messo immediatamente a frutto nel nuovo contesto. 2.2 Stato dell arte aspetto tecnico La prima reazione di un utente non smaliziato di fronte alla proliferazione di iniziative rivolte al software aperto è quella di smarrimento. Il software aperto, come quello proprietario, ha l ambizione di essere modulare, ma, a differenza di questo, è sviluppato in maniera molto decentrata e non coordinata in maniera esplicita o vincolante. Vi sono molteplici attori nello sviluppo, nell'assistenza, nella vendita; ha del miracoloso come in ultima analisi sia garantito un livello accettabile di integrità, di congruenza e di funzionalità del sistema. Non sorprende come numerose iniziative abbiano proprio questo aspetto come loro scopo principale. Per quanto riguarda lo sviluppo, non esiste un coordinamento vero e proprio tra i vari progetti; le persone che partecipano ai lavori provengono dagli ambienti più disparati: università, liberi professionisti, enti militari. Solitamente chi inizia il progetto ne coordina lo sviluppo, ma la regola non è rigorosa. Alcuni progetti sono anche indipendenti dal sistema operativo; ad esempio lo stesso Linux viene montato in modo diverso a seconda del distributore: l'unico componente comune è il kernel, cioè il cuore del sistema operativo (dove c'è il supporto per le periferiche, i comandi di basso livello, ecc.). Le distribuzioni hanno il compito di assemblare i vari progetti esistenti (che sono in continuo sviluppo) e di fornire un sistema operativo assemblato funzionante. Solitamente le grandi distribuzioni collaborano e/o finanziano anche lo sviluppo dei progetti più importanti, in modo da disporre dell'ultima versione il più possibile integrata con il resto della distribuzione. Inoltre le distribuzioni aggiungono interfacce (script) per semplificare la configurazione del sistema, creano dei pacchetti con gli eseguibili dei programmi per il loro sistema. Le distribuzioni saranno un centinaio, ognuna con la sua peculiarità, ma le principali sono Debian e Redhat; da queste sono derivate molte altre distribuzioni, alcune molto simili al codicemadre, altre molto diverse. Mandrake è partita dal codice di Redhat, ma adesso segue uno sviluppo indipendente, ha la peculiarità di avere i pacchetti molto aggiornati ed un'installazione molto semplice. Esistono distribuzioni commerciali e non; le prime possono anche includere software non libero, hanno servizi aggiuntivi come assistenza tecnica, formazione ecc.; non è detto che la distribuzione sia possibile scaricarla da internet; le distribuzioni non commerciali solitamente sono più indicate Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

7 per gli sviluppatori in quanto è necessaria una conoscenza maggiore per configurarle, tuttavia sono controllate da più persone. La gran parte dei software che occorrono è già presente nei cd della distribuzione, se non fosse così, si possono scaricare liberamente il sorgente od i binari per la propria distribuzione da internet. I cd della distribuzione, a loro volta, possono essere scaricati dal sito ufficiale o da siti-copia su internet, acquistati su siti che copiano e vendono software aperto, comprare la confezione nel supermercato con i manuali inclusi (solo per distribuzioni commerciali). L'assistenza è presente solo nelle distribuzioni commerciali e molte volte ha molte attività correlate come: corsi di formazione, assistenza telefonica, certificazioni, ecc Per quanto riguarda le distribuzioni non commerciali, l'assistenza è gestita da forum e da siti divulgativi specializzati e da aziende commerciali indipendenti. 2.3 Stato dell arte - Iniziative concorrenti o simili Le indubbie difficoltà che i non esperti possono incontrare per orientarsi nel mondo del software aperto non hanno impedito una fioritura di iniziative negli ambienti più diversi. Ne indichiamo alcune nel seguito, con particolare riferimento all area di Torino, nell intento di dimostrare la vitalità dell argomento e l interesse che suscita, e per mostrare come manchi un punto di riferimento che sia al tempo stesso strutturato ed aperto a tutti gli interessati. Come si può leggere al sito il Consiglio Comunale di Torino ritiene che la Provincia di Torino sia un'area matura per cooperare in progetti di successo sul software aperto e mediante una delibera. Le prime presentazioni del progetto "Torino Wireless" avvenute all'unione Industriale hanno identificato il software aperto come chiave di sviluppo qualificante, e la caratterizzazione tecnologica del distretto torinese lo rende particolarmente adatto per investire in nuove aree produttive, ed in modo particolare nel software aperto. Perciò, in modo da contribuire alla formazione di un distretto tecnologico che possa accrescere la cultura, le competenze le risorse ed i collegamenti necessari per far diventare Torino punto d'eccellenza a livello europeo, ha impegnato il Sindaco e la Giunta Comunale a una serie di azioni che mirano a sostenere e a diffondere l uso del software aperto, soprattutto nell'amministrazione comunale. È nata una serie di iniziative di supporto, come si può rilevare ad esempio in La stessa Unioncamere piemontese ha ritenuto opportuno prendere posizione fattivamente sull argomento. Nelle parole del suo presidente La scelta di Unioncamere Piemonte di adottare per i siti internet della rete camerale piemontese una piattaforma tecnologica basata sull open source va nella direzione di diffondere la cultura del software aperto nelle imprese [ ] si tratta di una realtà in espansione che vede nel mondo accademico e scientifico piemontese un punto di riferimento importante. Inoltre, il Comitato Tecnico Scientifico del CSI-Piemonte organizza il prossimo novembre a Torino un convegno dal titolo " La conoscenza come bene pubblico comune: software, dati, sapere" Ma quella di Torino è solo una delle iniziative in corso nella pubblica amministrazione. Si veda ad esempio in la raccolta di delibere di comuni e province, di proposte di legge nazionali e regionali per sostenere e diffondere il software aperto, nonché altro materiale quali ordini del giorno e direttive amministrative. Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

8 A livello del governo nazionale, il supporto alla causa del software "free" sembra provenire tanto dalla maggioranza quanto dall'opposizione: la prima, nella figura del Ministro dell'innovazione e delle Tecnologie (MIT). Lucio Stanca, ha istituito il 31 ottobre 2002 una "Commissione per il software a codice sorgente aperto nella Pubblica Amministrazione" presieduta da Angelo Raffaele Meo del Politecnico di Torino; la seconda ha fatto seguito alla proposta di legge di Fiorello Cortiana al Senato (progetto di legge S118 Norme in materia di pluralismo informatico, sulla adozione e diffusione del software aperto e sulla portabilità dei documenti informatici nella pubblica amministrazione) con una serie di emendamenti alla Finanziaria proposti da Pietro Folena; e successivamente con il progetto di legge alla Camera firmato da Laura Cima. Insieme al software aperto, occorre citare anche la descrizione di dati che viene effettuata negli stessi modi. Ci riferiamo in particolare ai cosiddetti metadati, ed al linguaggio che li descrive, o XML. Anche in questo campo stiamo assistendo a una fioritura di iniziative che vanno dai repositories di specifiche XML per la pubblica amministrazione, a specifiche settoriali sviluppate per un settore industriale ben definito. Sono particolarmente significativi per una determinante presenza italiana i progetti, nell ambito dei workshop di CEN/ISSS, relativi alle industrie dell abbigliamento TEX-SPIN e calzaturiero FINEC Da segnalare infine l azione di coordinamento e sviluppo svolta da ebxml in Italia e internazionalmente Non è difficile trovare iniziative simili in altri paesi europei. Se da un lato ciò testimonia un interesse diffuso ed un esigenza sempre più pressante di riferimenti affidabili, dall altro consiglia di muoversi con tempestività, perché le nuove opportunità non siano colte da enti operanti in altri distretti geografici. Alcuni paesi tra cui la Francia (i Ministeri della Cultura, dell'educazione e del Tesoro), USA (compresi agenzie governative come CIA, FBI, NASA, NSA), Gran Bretagna, Argentina, Belgio, Danimarca, Brasile, Germania, Perù, Spagna, India, Corea, Messico e Cina sono stati spinti a dotare la propria amministrazione pubblica prevalentemente e preferibilmente di software aperto. Più specificamente, in Spagna ad esempio, il Ministero dell'istruzione insieme a quello dell'innovazione della regione autonoma di Extremadura sta finanziando la distribuzione di un sistema GNU/Linux personalizzata sulle loro esigenze (http://www.linex.org/linex2/linex/socioeconomiaplus.html ). In Germania il Ministero dell'economia e dell'innovazione sta finanziando un sistema di firma elettronica a chiave pubblico/privata rilasciato come software aperto (http://www.gnupg.de/presse.en.html). E da segnalare poi l annuncio recentissimo che la città di Monaco ha deciso di far migrare tutti i suoi computer da Windows a Linux (ad esempio Der Spiegel a ). Anche a livello della Commissione Europea la questione del software aperto sta ricevendo una attenzione crescente, come dimostrato da numerosi documenti quali oppure Una prima riunione preparatoria, con il coinvolgimento di UNINFO, si è tenuta il giorno 21 maggio 2003 presso il Centro Estero Camere Commercio Piemontesi con alcuni operatori del settore (documentazione disponibile alle pagine ha suscitato vivo interesse; lascia ben sperare per il coinvolgimento futuro anche da parte di enti non citati nella presente proposta. Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

9 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO L attività si articola in cinque piani diversi e paralleli; i risultati che si intendono ottenere nascono dalla loro interazione e integrazione. Tali piani di attività si applicano, con intensità differenti, ai diversi sottoprogetti descritti nella sezione che segue, e sono ad essi ortogonali. Raccolta e razionalizzazione delle informazioni. Occorre definire, popolare ed in seguito aggiornare con continuità un corpus di informazioni relative ai canali disponibili, alle attività in corso, alle persone ed enti di riferimento, ai metodi di sviluppo. In alcuni settori significativi l analisi sarà puntuale e dettagliata, arrivando alla raccolta ed all'analisi di soluzioni particolarmente significative, che possono servire da modello (best practice). Un altro risultato di questa attività sarà lo sviluppo e la pubblicazione di guide e di materiale divulgativo. Definizione e predisposizione di servizi. L attività del punto precedente, per essere efficace, deve essere corredata da una serie di servizi, in modo che gli utenti abbiano la percezione immediata che le loro esigenze trovino una diretta rispondenza nel prodotto. E poi necessario garantire che gli sviluppi che si propongono vengano accettati da una comunità più ampia di quella degli utenti diretti ed immediati, soprattutto in ambito europeo (validazione). Diffusione e visibilità. L attività di validazione del punto precedente ha per sua natura anche una valenza di marketing. Si tratta, in termini più generali, di fare in modo che, nella situazione ideale, tutti gli enti e le persone potenzialmente interessate vengano a conoscenza dell'iniziativa, e si servano dei suoi risultati. Occorre inoltre che l attività di normazione e di paranormazione europea giunga a conclusioni congruenti o almeno non in opposizione con quanto stabilito in Italia. Attività normativa. Al di là dei meriti tecnici, occorre il riconoscimento formale di quanto si è prodotto e della validità delle scelte fatte. Non è, per dirla con Ennio qui vicit non est victor nisi victus fatetur (chi vince non é vincitore finché non lo ammetta il vinto). La vera questione è un altra: il pericolo è che qualcuno, con malizia, ignori i risultati raggiunti per promuovere in enti aventi potere coercitivo qualcosa di diverso e incompatibile. E' una questione eminentemente difensiva, per evitare quanto purtroppo si è ripetuto in altri campi. Più volte un possibile vantaggio nazionale, dovuto a scelte iniziali coraggiose, si è tradotto a medio termine in un grave svantaggio, a causa di diverse scelte aventi potere legislativamente cogente che sono state fatte in ambienti che erano stati trascurati e non si era ritenuto opportuno presidiare. Infrastruttura. Si tratta di rendere disponibili le apparecchiature di elaborazione e comunicazione necessarie per svolgere le attività dei punti precedenti. Più in dettaglio, l attività dei diversi sottoprogetti si articolerà come segue. L indicazione dei prodotti è da intendere a titolo esemplificativo, in quanto l avanzamento dei lavori potrà suggerire variazioni rispetto a quanto qui specificato. 3.1 Analisi Lo scopo di questo sottoprogetto é quello di definire e mantenere aggiornato il quadro delle attività nelle aree di riferimento. La sua importanza è duplice: il disporre di uno stato dell arte aggiornato e facilmente disponibile è un prerequisito di tutte le altre attività descritte nei successivi paragrafi, ma è anche la base su cui definire e sviluppare eventuali sinergie tra gli attori presenti nella area torinese. Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

10 3.1.1 Raccolta dati e sorgenti su software aperto Saranno raccolte e classificate le attività in corso, in relazione alle aree di interesse definite più avanti. Si tratta soprattutto di liste di distribuzione, forum, associazioni, siti web, archivi di programmi e di dati (importanti i repositories XML), completati da un inventario delle conoscenze disponibili con particolare riferimento all area geografica torinese. Prodotti quaderno on line con puntatori ad informazioni quali pagine web, liste di distribuzione ecc.; base dati di riferimenti per svolgere l attività di help desk Best practice Verranno identificati alcuni problemi ed aree applicative particolarmente significativi, e per essi saranno identificate le soluzioni di software aperto comunemente adottate. Prodotto: quaderno on line, che identifica i problemi, delinea le soluzioni e rimanda via web alle sorgenti identificate in Sviluppo guide Saranno scritte e pubblicate (on line ma anche su supporto tradizionale) alcune monografie contenenti materiale divulgativo e di supporto. Paiono essere particolarmente utili documentazione, studi e guide sulla convenienza economica del software aperto e sui problemi legati alla migrazione al software aperto. Prodotto: pubblicazioni monografiche. 3.2 Paranormazione La chiarezza delle definizioni e dei termini, che sottintende la concordia sugli scopi e la possibilità di consenso, deve essere perseguita come uno scopo di per sé, una ovvia necessità in un progetto che vede la collaborazione di diverse parti.. Ma vi sono altre implicazioni. Occorre acquisire visibilità e statura internazionali, non per imporsi, ma per evitare di cadere preda di altri, più agguerriti nell ambiente legislativo ed in quello delle regulations europee. Non si tratta di un impresa da poco: il trucco, se così si può chiamare, è quello di entrare per primi nell area di interesse, prima che la concorrenza colga l importanza della mossa Definizioni Un prerequisito del progetto è una definizione rigorosa e generalmente accettata del suo oggetto. La questione di cosa si intende con termini quali software libero, software aperto, open source, free software non è un'oziosa esercitazione di bizantinismo, in quanto nasconde interessi economici e di mercato ben precisi. La primissima attività del progetto proposto sarà perciò indirizzata alla definizione attribuita al termine software aperto che in seguito si cercherà di far accettare in ambito più vasto, possibilmente europeo, ad esempio attraverso il workshop in Riteniamo che il successo in questo solo aspetto sarebbe sufficiente a giustificare l iniziativa proposta in termini di immagine per l area torinese. Prodotto: insieme congruente di definizioni specifiche per il software aperto disponibile on line. Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

11 3.2.2 Clausole contrattuali Esiste una grande varietà di clausole contrattuali di licenza, che riguardano gli aspetti più diversi ed in particolare i diritti d'uso, distribuzione, modifica del software aperto. Una guida alle opzioni disponibili sarebbe di grande aiuto al neofita. Non si tratta solo di una tassonomia, ma anche di una guida ragionata, in grado di mostrare le implicazioni delle scelte disponibili. Prodotto: insieme congruente di specifiche e clausole contrattuali per il software aperto, disponibile on line per accesso guidato CEN ISSS workshop o attività simile CEN, l ente di normazione europeo, ha recentemente intrapreso attività di paranormazione, che conducono allo sviluppo e approvazione dei cosiddetti CWA CEN Workshop Agreements I CWA hanno uno status intermedio tra le nome tradizionali e le specifiche disponibili al pubblico. La definizione di un CWA comporta un attività di validazione da parte di tutti gli interessati, e consente di acquisire una grande visibilità a livello europeo. L organizzazione che gestisce la produzione di CWA ha il nome (in realtà improprio) di Workshop, e la sua attività si articola in una serie di riunioni e di scambi e- mail. Si intende promuovere la formazione di un workshop che dia ai prodotti del progetto uno stato del tipo di CWA, assumendone la presidenza e la segreteria. I prodotti considerati sono quelli derivanti dall attività descritta in e 3.2.2, ma anche quelli applicativi trattati in 4.3. Il workshop potrà essere organizzato in ambito CEN od in un ambito equivalente. Verrà anche valutata l opportunità di procedere attraverso un attività formale di normazione in ambito puramente italiano, vista in chiave esclusivamente propedeutica all'attività internazionale, in quanto l esistenza di una norma nazionale può facilitare l approvazione europea. E probabile che l attività di normazione abbia una durata maggiore rispetto alla durata del progetto. Prodotto (in caso di successo di quest attività, che non dipende esclusivamente dai partecipanti al progetto): formazione di un Workshop pubblicazione di CWA. 3.3 Servizi Questa sezione raggruppa le attività per lo sviluppo e la fornitura di servizi agli utenti finali del progetto. L avere a disposizione una base dati contenente informazioni aggiornate può non esser sufficiente per aiutare chi si avvicina per la prima volta al software aperto. Le questioni che richiedono una risposta sono molte, e non prevedibili a priori; e il rapporto personale con un esperto può essere molto importante, anche dal punto di vista psicologico Help desk E un attività di consulenza, aperta a tutti gli interessati, sui problemi legati all uso del software aperto. L attività sarà condotta esclusivamente con l utilizzo della posta elettronica. Sarà reso disponibile e pubblicizzato un indirizzo cui sarà possibile rivolgere quesiti. In alcuni casi la risposta potrà essere diretta e immediata, in altri la domanda sarà inoltrata agli esperti opportuni, identificati in Prodotto: l help desk funzionante. Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

12 3.3.2 Dimostrazioni Per le tecnologie considerate, compatibilmente con la disponibilità di spazio e ove ciò sia possibile, saranno predisposte aree dimostrative, aperte al pubblico. Le dimostrazioni avranno lo scopo di mostrare le caratteristiche e le potenzialità del software installato, ma anche di verificare portabilità e interoperabilità. Il servizio è indirizzato soprattutto, ma non esclusivamente, alle piccole imprese (SME - Small and Medium Enterprises). Prodotto: demo area attrezzata. 3.4 Gestione Il progetto sarà gestito da un comitato scientifico, avente compiti esclusivamente tecnici, formato dai rappresentanti dei partner indicati nell allegato 1. UNINFO assume la completa responsabilità degli aspetti economici. Il comitato scientifico seguirà le regole normalmente adottate dalle commissioni UNINFO attive sui temi tradizionali, e, a chiusura del progetto, potrà trasformarsi in una di queste commissioni. Prodotto: lo sviluppo del progetto in maniera coerente, armonica e secondo le specifiche. Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

13 4 STRUTTURA DEL PROGETTO Il progetto si articola in una serie di sottoprogetti, soprattutto per fini amministrativi, di consuntivazione e di controllo avanzamento dei lavori. Ognuno dei sottoprogetti si svolge attraverso le attività del capitolo 3 precedente. I sottoprogetti sono elencati nel seguito. 4.1 Marketing I prodotti e i servizi che risulteranno dal progetto ed il progetto stesso dovranno essere adeguatamente pubblicizzati, soprattutto presso le SME, in maniera che i benefici attesi possano essere realizzati pienamente. L'attività è molteplice. Da un lato si tratta di attrarre persone fisiche, enti ed aziende già attive nel software aperto perché contribuiscano allo sviluppo dell attività del progetto, attraverso i canali istituzionali UNINFO (ricordiamo che sin dall inizio il gruppo prenderà la struttura di una commissione di normazione aperta al pubblico, pur non essendolo dal punto di vista giuridico e formale). Da un altro lato si tratta di fare in modo che il maggior numero di potenziali utenti possa trarre vantaggio da quanto sarà prodotto, non contribuendo direttamente allo sviluppo, ma adottando e diffondendo le conclusioni raggiunte. Infine, si tratta di rendere visibili ad altri enti istituzionali, quali enti di standardizzazione, enti legislativi e associazioni di categoria, nazionali ed europei, i metodi adottati ed i risultati raggiunti, con lo scopo di acquisire autorevolezza, e porre le basi per diventare un loro interlocutore privilegiato per gli argomenti di competenza. Per quanto riguarda il primo aspetto, si propongono due campagne distinte. La prima è verso gli associati UNINFO. Rispetto alle aziende essi hanno il vantaggio di poter accedere e partecipare all attività senza oneri, anche oltre la durata del progetto. Inoltre, l'esistenza di canali di comunicazione privilegiati e collaudati suggerisce nei loro confronti un approccio separato. La seconda sono le società start up che sono le più attive nell ambito del software aperto. Questi sono gli enti che hanno maggiormente da guadagnare dall iniziativa proposta; allo stesso tempo sono quelli che trovano oggettivamente le maggiori difficoltà di partecipazione. Ciò che si offre loro non è soltanto un apertura sul mercato in cui fisiologicamente si troveranno a competere, ma anche una visibilità internazionale che sarebbe difficile acquisire altrimenti. L attività sarà rivolta principalmente alle aziende torinesi, in quanto i benefici che si spera di ottenere dal progetto sono indirizzati in primo luogo all imprenditorialità residente ed operante in quest area. Le comunicazioni verso questi enti dovrebbero mettere in evidenza la possibilità di consultare e disporre senza costi la documentazione prodotta, di usufruire delle dimostrazioni e di avere a disposizione un ambiente attrezzato per la sperimentazione. La campagna di divulgazione dovrebbe evidenziare i vantaggi che il software aperto porta alle numerose piccole e microaziende, che possono permettersi solo interventi di basso costo, mettendole in grado di competere con aziende più grandi ed attrezzate. Si propone poi un concorso per premiare l' uso "migliore" che tra gli associati é stato fatto del software aperto, adottandolo con successo. L'azione proposta si svolge di necessità su un arco di tempo più lungo dell'anno considerato da questa proposta, in quanto si tratta di acquisire credibilità presso enti con cui UNINFO non ha Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

14 ancora avuto occasione di collaborare su questi temi, e di migliorarla presso gli altri. Tutto ciò richiede lo sviluppo di rapporti che non possono essere messi in opera in tempi brevi. Appare pertanto opportuno un approccio settoriale. Le aziende multinazionali e le loro organizzazioni di categoria (EICTA a Bruxelles, ASSINFORM e ANIE in Italia) sono nella posizione di subire l'azione degli enti di standardizzazione piuttosto che contribuire, in quanto tendono a considerare questi enti espressione degli enti governativi, tesi alla difesa del loro stesso interesse a scapito di quello degli associati. UNINFO è, tra gli enti di standardizzazione europei, in una posizione eccezionale, in quanto non è condizionata da finanziamenti pubblici, ma si basa esclusivamente sui contributi dei soci. Vi è perciò l opportunità di far valere questa particolarità per proporsi come interlocutore privilegiato e rispondere ad esigenze che sinora non hanno avuto l'opportunità di essere espresse. Inoltre occorre anche riferirsi agli altri enti di standardizzazione ed alla pubblica amministrazione, in considerazione soprattutto dell'uso che può essere fatto delle specifiche tecniche come base della legislazione. Tutte le iniziative di marketing sopra citate potrebbero trovare una conclusione unitaria in un seminario conclusivo, da tenere alla fine del primo anno di attività che raccolga e razionalizzi in un quadro unitario i seminari settoriali descritti nella sezione dedicata alle applicazioni. Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

15 4.1.1 Attività marketing 4.1.a - Definizione e implementazione piano marketing verso addetti ai lavori dell area torinese. 4.1.b - Definizione e implementazione piano marketing verso potenziali utenti italiani (SMEs e start ups italiane). 4.1.c - Definizione e implementazione piano marketing verso multinazionali europee. 4.1.d Definizione e implementazione piano marketing verso enti di normazione, legislatori, associazioni di categoria. 4.1.e - Seminario Costi marketing Attività Costo (migliaia di euro) 4.1.a Verso soci addetti ai lavori (Torino) b Verso utenti SMEs (Italia) c Verso multinazionali d Verso enti pubblici e Seminario finale 10 TOTALE 50 Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

16 4.1.3 Piano di lavoro marketing Genn Giugno 2004 Dic.2004 Giugno 2005 Attività 4.1.a Definizione e implem. Torino (imprenditori) 4.1.b Definizione e implem. Italia (utenti) 4.1.c Definizione e implem. piano multinazionali 4.1.d Definizione e implem. enti pubblici 4.1.e Organizzazione seminario finale Milestones Definizione piani settoriali Seminario finale Infrastruttura Questo sottoprogetto raggruppa per comodità di gestione una serie di attività che sono di supporto a tutti gli altri sottoprogetti. Le attività risultano perciò di necessità alquanto disomogenee tra di loro, pur essendo accomunate dalla loro caratteristica di trasversalità. Occorre migliorare le capacità operative di UNINFO. La dotazione esistente hardware e software appare in buona parte adeguata, anche in seguito ai contributi ricevuti nell ambito del progetto Torino Capitale della Normazione, per quanto potranno essere necessarie alcune migliorie, soprattutto per fare fronte ai volumi di traffico che si spera di suscitare per le esigenze delle dimostrazioni previste. Appare più impegnativa la messa in opera di un help desk, sia in termini della presenza necessaria per fornire risposte in tempo utile, sia per costituire e mantenere la rete di competenze richieste dai nuovi servizi. Inoltre si prevede di migrare dalla piattaforma attuale, di tipo tradizionale, ad una piattaforma a software aperto. Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

17 Occorre costituire l infrastruttura dell help desk, non solo per garantire una sufficiente continuità di presenza ed una tempestività delle risposte, ma anche in termini della costituzione della rete di esperti, non necessariamente italiani, e del suo mantenimento. Parimenti occorrerà provvedere alla logistica delle dimostrazioni: locali, dimostratori, attrezzature. Il fabbisogno è necessariamente difficile da definire in questa fase iniziale, in quanto presuppone un analisi dei programmi oggetto della dimostrazione, che verrà effettuata soltanto nel corso dell iniziativa. Da segnalare comunque la disponibilità di alcuni tra i partecipanti a sostenere con proprie risorse quest attività. Un prerequisito per l attività tecnica è la definizione chiara del campo di attività e dei termini usati. Nel caso presente ciò conduce immediatamente alla classificazione delle clausole contrattuali di licenza comunemente usate ed alla guida al loro uso. Si tratta di un attività di analisi e di diffusione non in chiave tecnica o applicativa, ma in chiave legale. I risultati, anche in considerazione di quella che si rivelerà a posteriori la loro natura, potranno essere trasformati in norme italiane od in proposte in un ambiente europeo (vedi paragrafo seguente) per essere trasformati in CEN Workshop Agreements CWA. E improbabile comunque che questi sviluppi possano verificarsi nell arco di vita del progetto, e sarà pertanto necessario rimandarli ad una fase successiva. Per promuovere i risultati di un progetto, che sono un accordo privato tra i partecipanti, in oggetti aventi una valenza più ampia e idealmente aventi pure una validità erga omnes, sono necessarie due condizioni: - la prima è quella di avere qualcosa da dire; questo è l oggetto dell'attività descritta nel paragrafo precedente, ed anche dell attività applicativa descritta in seguito; - la seconda è quella di disporre di un ambiente avente uno status adeguato dove poterli proporre per l approvazione; questo è l oggetto dell attività qui descritta. Il trasporre specifiche in norme italiane è relativamente semplice perché si gioca in casa e perché le eventuali opposizioni sono state già affrontate nella fase di definizione tecnica. L affrontare l ambiente europeo, nella fattispecie i workshop CEN/ISSS, è un impresa più rischiosa, soprattutto a causa della mancanza di informazioni sulle possibili opposizioni. In ogni caso occorre preparare un piano di lavoro dettagliato, farlo accettare, proporre e difendere le conclusioni che si ritengono opportune attraverso una serie di riunioni a Bruxelles. L argomento dovrà essere affrontato verso la fine del progetto, e non sono possibili piani dettagliati in questo stadio; rimane però da ribadire il fatto che la definizione rigorosa dei termini, oggetti e modi del software aperto nonché la sua accettazione internazionale siano essenziali alla riuscita del progetto, ed è il risultato che maggiormente lo qualifica.. Rimane da citare la gestione operativa del progetto. Il progetto è alquanto articolato, composto da diversi sottoprogetti che si completano e sostengono a vicenda. Occorre un coordinamento unitario per evitare questo pericolo, ma anche per garantire un inserimento non traumatico degli enti che vorranno aggiungersi e contribuire nel corso dell opera. Vi è poi la normale attività di segreteria richiesta da tutti i progetti collaborativi, che comporta la gestione di mailing list, di riunioni, di archivi ragionati di documenti, di forum. Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

18 4.2.1 Attività dell infrastruttura Il sottoprogetto si articola nelle fasi (attività) seguenti: 4.2.a - Potenziamento/conversione hardware e software 4.2.b - Infrastruttura help desk e demo 4.2.c - Attività paranormativa - tecnica. 4.2.d - Attività paranormativa - formale 4.2.e - Gestione del progetto Costi infrastruttura Attività Costo (migliaia di euro) 4.2.a Potenziamento/conversione hw e sw b Infrastruttura help desk e demo c Attività paranormativa - tecnica d Attività paranormativa - formale e Gestione 20 TOTALE Piano di lavoro infrastruttura Genn Giugno 2004 Dic.2004 Giugno 2005 Attività 4.2.a Hardware e software 4.2.b Help desk e demo 4.2.c Paranorm. - tecnica 4.2.d Paranorm. - formale 4.2.e Gestione Milestones Help desk operativo Demo center operativo Inizio attività internazionale.. Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

19 4.3 Aree applicative - aspetti comuni Se l attività paranormativa ha l obiettivo di creare un ambiente in cui sia possibile sviluppare l azione del progetto con successo e guadagnare autorevolezza in ambito internazionale, l attività applicativa si rivolge agli aspetti più squisitamente tecnici. Le aree applicative scelte per l attività del progetto devono possedere alcune caratteristiche. Innanzitutto il loro sviluppo sia dal punto di vista tecnologico sia di mercato deve essere rapido, e non devono ancora avere espresso tutte le loro potenzialità. In altre parole devono offrire buone opportunità a coloro che per primi si propongono attivamente. In secondo luogo, nella società torinese nel suo complesso devono essere preesistenti, già oggi e in qualsiasi forma, le condizioni necessarie agli sviluppi desiderati, soprattutto in termini di competenze e di nuclei di aggregazione per le attività proposte. Infine, devono avere un interesse particolare per le piccole e medie imprese, in quanto le grandi hanno le capacità di procedere indipendentemente, se così ritengono opportuno, indipendentemente dal supporto che il progetto potrebbe loro offrire. I temi sottoelencati hanno queste caratteristiche Inoltre collaborazioni ed iniziative di sviluppo sono già in atto, sia pure non in relazione al software aperto, tema dominante del progetto proposto. Tra le aree applicative è stata inclusa anche l'attività relativa al software di base, per le sue evidenti affinità nel contesto considerato, anche se il software applicativo a rigori non è un'attività applicativa. Si prevede di svolgere sostanzialmente le stesse attività nei diversi settori applicativi, mentre sono ovviamente diversi gli aspetti tecnici. Nei paragrafi seguenti sono brevemente descritti gli aspetti comuni, mentre gli aspetti specifici di ciascun settore sono trattati in seguito. La struttura gestionale desiderata per ogni settore é quella delle commissioni, già comunemente adottata nell'attività tradizionale UNINFO, che deve essere coordinata ed avviata. Si potrà tuttavia verificare il caso che nella fase iniziale la partecipazione all'attività sia poco stabile a causa dei nuovi esperti che si uniscono o lasciano il gruppo, o che inizialmente l'interesse si limiti a che UNINFO raccolga, filtri e strutturi informazioni producendo ad esempio guide e quaderni, senza arrivare ad un'attività propositiva. Nel seguito, per semplicità, faremo in tutti i casi unicamente riferimento a commissioni Scopo dell'attività applicativa Lo scopo dell'attività proposta è dare, nell'area in oggetto, agli attori già presenti ed in generale a tutti gli interessati visibilità e presenza (intendendo questi termini nel loro senso più generale), consentendo ad un maggior numero di utenti di trarre beneficio dalla disponibilità di software aperto e allargando la base di consenso. In particolare si intende fornire: un quadro di riferimento, un servizio di stimolo e informazione, rappresentazione e coordinamento nella partecipazione all'attività di enti terzi, un ambiente per la dimostrazione e la sperimentazione. Le attività proposte possono essere raggruppate in alcune categorie, e saranno condotte in parallelo: raccolta di informazioni, elaborazione: valutazione, classificazione, diffusione delle analisi prodotte, dimostrazione di quanto disponibile. Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

20 4.3.2 Prodotti dell'attività applicativa Partecipazione e rappresentanza Partecipazione e rappresentanza alle riunioni degli enti attivi nell area, secondo l'opportunità, e soprattutto all'inizio di nuove attività. Raccolta di informazioni dalle opportune organizzazioni di standardizzazione, normalmente attraverso la documentazione che a mano a mano viene resa disponibile ad esempio attraverso mailing list e forum, ma anche con partecipazione diretta, ove necessario. Raccolta di informazioni dagli organismi della comunità Europea, e da associazioni di categoria regionali (siti web, gazzetta ufficiale). Marketing Pubblicazione di un bollettino quadrimestrale, riportante gli sviluppi del periodo. Ricerca e coinvolgimento di potenziali partecipanti all'attività, sia tra i soci UNINFO e i corrispondenti dei partecipanti al progetto, sia tra terzi. La partecipazione potrà essere nelle forme e negli aspetti più diversi: dalla messa a disposizione di software aperto per le dimostrazioni, all'attività sperimentale per la verifica dell'interoperabilità tra diversi prodotti; dalla stesura di proposte per la normazione al supporto tecnico all' help desk. Elaborazione Valutazione della significatività della documentazione raccolta e sua classificazione secondo gli argomenti applicativi. Sviluppo e aggiornamento di pagine web. Organizzazione, se necessario, di riunioni ad-hoc su particolari argomenti, sia con taglio tecnico sia con taglio marketing. Gestione delle comunicazioni tra i partecipanti ai lavori (commenti, proposte..) attraverso liste di distribuzione ed archivi. Le pagine web conterranno: la raccolta dei documenti significativi, la loro analisi, puntatori ai siti degli altri enti interessati, le comunicazioni scambiate tra i partecipanti ai lavori. Dimostrazione Messa a disposizione di un ambiente aperto e neutrale per valutare prodotti disponibili e conosciuti all interno dei progetti esistenti. Messa a disposizione di un ambiente aperto e neutrale per valutare l interazione tra i prodotti già disponibili ed altri prodotti di interesse per il proponente. Progetto UNINFO OSS - 24 luglio

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

CONDIVISIONE DI SOFTWARE A CODICE SORGENTE APERTO

CONDIVISIONE DI SOFTWARE A CODICE SORGENTE APERTO CONDIVISIONE DI SOFTWARE A CODICE SORGENTE APERTO Studio di fattibilità IDA (Interchange of Data between Administrations - Scambio di dati fra amministrazioni) Commissione europea, DG Imprese Autori: Patrice-Emmanuel

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli