sistemapiemonte Le ICT nella costruzione della Società dell'informazione Rapporto Imprese 2007 sistemapiemonte.it

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sistemapiemonte Le ICT nella costruzione della Società dell'informazione Rapporto Imprese 2007 sistemapiemonte.it"

Transcript

1 sistemapiemonte Le ICT nella costruzione della Società dell'informazione Rapporto Imprese 2007 sistemapiemonte.it

2 INDICE CAPITOLO 1. INTRODUZIONE 2 CAPITOLO 2. LE IMPRESE NELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE La Società dell informazione I programmi europei in merito alla Società dell Informazione Le imprese piemontesi Caratteristiche delle imprese piemontesi Le imprese e le ICT Ruolo delle ICT nell interazione dell azienda con soggetti esterni 21 CAPITOLO 3. L IMPRESA NELLA SUA GLOBALITÀ: UNO SGUARDO D INSIEME 27 CAPITOLO 4. CONCLUSIONI 33 1

3 Capitolo 1. Introduzione L Osservatorio Regionale sulle ICT ha tra i suoi compiti quello di monitorare la diffusione delle ICT presso gli attori che costituiscono la Società dell Informazione: cittadini, imprese e PA. Questo documento intende focalizzare l attenzione sul tessuto imprenditoriale piemontese per individuare in che modo le ICT stanno modificando le attività delle diverse aziende presenti sul territorio regionale. In particolare obiettivo del rapporto, oltre a presentare i risultati emersi dalle rilevazioni condotte nei mesi di novembre e dicembre 2006, è quello di analizzare le imprese piemontesi non solo al loro interno, ma anche nella relazione con altri soggetti che si interfacciano con loro per instaurare relazioni commerciali, per collaborazioni o semplicemente per offrire loro dei servizi in maniera più semplice ed immediata. Sebbene siano ancora presenti alcune barriere ad un uso più intensivo delle moderne tecnologie presso le imprese piemontesi è bene tenere presente il contesto in cui esse si trovano ad operare: in primis è da considerare la loro attività, successivamente si deve tenere presente il loro mercato d azione e gli scambi commerciali che esse hanno con altre realtà. Il documento si compone di un capitolo iniziale in cui si fornisce una fotografia che permette di avere una chiara immagine delle caratteristiche delle imprese piemontesi, seguito da un capitolo centrale nel quale in un primo momento si cerca di analizzare l uso delle ICT da parte dell impresa da un punto di vista interno, quindi si considerano le relazioni che essa intrattiene con altre imprese, con i cittadini e con la PA. 2

4 Capitolo 2. Le imprese nella Società dell Informazione 2.1. La Società dell informazione Società dell Informazione è un espressione impiegata per la definizione di un contesto in cui gli attori macroeconomici principali interagiscono grazie all utilizzo delle ICT. I conseguenti risultati sono riconducibili agli effetti pervasivi e abilitativi che le nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione esercitano nelle società odierne, a livello politico, sociale ed economico, considerando la molteplicità dei soggetti coinvolti e la complessità delle relative interazioni. Pubblica Amministrazione Domanda E - Gov Imprese Famiglie B2B B2C Figura I legami tra gli attori della Società dell Informazione I programmi europei in merito alla Società dell Informazione L impatto che le tecnologie della Società dell Informazione hanno avuto sui tessuti economico e sociale è stato, ed è tuttora, di notevole importanza ed è alimentato in buona misura dalle aspettative dei cittadini verso standard di vita sempre più elevati in seguito alla consapevolezza delle grandi opportunità offerte dai prodotti e dai servizi ICT. L importanza delle ICT è stata chiaramente espressa nel programma eeurope , basato sulle conclusioni dei Consigli europei di Lisbona (2000), Stoccolma (2001) e Siviglia (2002). Le quattro priorità espresse dal programma ( servizi pubblici moderni fruibili on-line, ambiente di e-business dinamico, disponibilità di connettività a banda larga a prezzi competitivi e una infrastruttura informatica sicura ) si basavano su una visione assai ampia delle ICT e del loro impatto sociale. Si trattava inoltre di priorità altamente complementari tra di loro, che venivano a toccare le diverse interazioni esistenti tra le principali categorie di attori presenti nella società (pubbliche amministrazioni, imprese e cittadini). 1 3

5 Attualmente l EU sta tentando di conseguire questo obiettivo sia mediante le attività promosse nel Piano d Azione di e-europe sia nei diversi Programmi Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico. Questi ultimi riguardano tematiche economiche e sociali quali: la risoluzione delle problematiche inerenti la fiducia nelle tecnologie ICT, così da incrementarne l affidabilità; il rafforzamento della coesione sociale tramite lo sviluppo di strumenti e sistemi di più facile utilizzo in quanti più ambiti possibili: sociale, politico, economico, industriale, dell apprendimento; il perseguimento della crescita sostenibile e dell aumento della competitività di piccole e grandi imprese e una maggiore efficienza della Pubblica Amministrazione (tramite e-government); la definizioni di migliori processi di e-commerce, e-business e e-work, al fine di aumentare, qualitativamente e quantitativamente, l offerta di posti di lavoro; favorire la cooperazione tra gruppi di ricercatori europei e di paesi extra-europei, al fine di migliorare la qualità dell informazione, minimizzando gli sforzi necessari al suo conseguimento. Affinché questa vision sia perseguita in modo efficace ed efficiente, sono necessarie ricerche integrate che affrontino le sfide socio-economico di cui sopra, garantendo uno sviluppo parallelo di progresso tecnologico e applicazioni da esso generate. La Commissione relativa alle politiche europee della Società dell Informazione e dei media si sta muovendo attualmente verso l approfondimento delle tematiche relative a questo contesto e alla migrazione verso la Società della Conoscenza mediante l iniziativa i2010 2, volta a garantire la coerenza delle politiche della Società dell'informazione e dei media attuate dalla Commissione e far sì che le tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni (TIC) contribuiscano sempre più significativamente all'economia dei paesi dell'europa e alla strategia di Lisbona rinnovata. L'iniziativa i2010 si muove in un ambiente in piena evoluzione ed occorre, pertanto, aggiornarla e perfezionarla periodicamente. La Commissione attua l'iniziativa i2010 in stretta collaborazione con gli Stati membri attraverso il gruppo di alto livello i2010. Nel 2006 la Commissione, nell'ambito della sua politica industriale, ha lanciato un gruppo di lavoro (Task Force) sulle TIC2 che rappresenta le imprese e la società civile, per verificare se le politiche attuali favoriscano la competitività del settore delle TIC o se siano necessari aggiustamenti. Tale lavoro, e la relazione della Task Force in particolare, hanno condotto la Commissione a concludere che l'attuale quadro politico è sostanzialmente appropriato. La Commissione proporrà azioni specifiche in base alle raccomandazioni della Task Force, ove suggeriscano modifiche alle politiche in vigore Le imprese piemontesi L analisi dell impresa piemontese che verrà condotta nel presente documento mira ad analizzare la stessa da un punto di vista interno (quali sono le sue caratteristiche ed in questo che ruolo hanno le ICT?) sia da un punto di vista esterno (come interagisce l impresa con gli altri soggetti?e che ruolo hanno le ICT in tale relazione?) La figura riportata di seguito mostra lo schema di analisi che si è scelto di adottare in questo documento. Dopo aver fornito alcune indicazioni generali sulle caratteristiche delle imprese oggetto del campione si 2 4

6 vuole focalizzare l attenzione sui livelli di dotazione ed utilizzo delle ICT sia da un punto di vista interno all azienda che da un punto di vista esterno ovvero che considera la relazione con gli altri soggetti che interagiscono con la stessa.. Figura 2.2 Schema di analisi Caratteristiche delle imprese piemontesi Prima di analizzare la diffusione delle ICT presso le imprese piemontesi è doveroso presentare le caratteristiche delle imprese oggetto del campione di indagine. Nell Appendice 1 di questo documento sono riportate alcune informazioni circa la metodologia di rilevazione e la composizione del campione e della popolazione delle imprese piemontesi in base alla dimensione dell azienda ed al settore merceologico: emerge nella nostra regione la grande numerosità delle imprese di piccole dimensioni e del settore manifatturiero. Dalle analisi condotte sul campione di imprese analizzato è possibile fare alcune osservazioni relativamente al numero di unità locali di cui sono composte le aziende piemontese, il fatturato ed il mercato d azione delle stesse. Il numero medio di unità locali (UL) di cui sono costituite le aziende piemontesi è 2,25 e quasi tutte sono localizzate entro il territorio regionale (in media il 91,5% delle UL di un azienda è localizzata in Piemonte). Stratificando questo dato in base alla dimensione aziendale, le maggiori differenze si osservano tra le imprese di medio - piccole dimensioni e quelle più grandi: in particolare emerge come per le imprese con più di 250 dipendenti la percentuale media di UL che si trovano entro il territorio regionale è di poco superiore al 5, il che dimostra come le imprese di dimensioni maggiori siano dislocate non solo in Piemonte, ma anche nel resto dell Italia o all estero. 5

7 % (media) di UL in Piemonte ,05% 95,04% 91,56% 59,66% PIEMONTE 10-49dip dip >=250dip Figura 2.3 Numero medio di UL delle imprese piemontesi e percentuale media di UL presenti in Piemonte Facendo riferimento alla localizzazione delle aziende sul territorio regionale è interessante notare come poco meno della metà di esse si trovi in provincia di Torino. Per questo motivo nel corso del documento, ove interessante, si effettuerà l analisi stratificando le imprese a seconda della loro presenza in provincia di Torino oppure nel resto del Piemonte. BASE: tutte le imprese piemontesi AL 1 NO 11% BI 5% AT 4% VC 3% VB 3% TO 46% CN 18% Figura 2.4 Distribuzione delle imprese piemontesi nelle varie province Il fatturato 3 medio delle imprese che hanno risposto all indagine si aggira attorno ai 16 milioni di euro, tuttavia differenze significative si notano sia considerando la dimensione dell azienda che la localizzazione geografica della stessa (Tabella 2.1). Inoltre quasi il 6 delle aziende ha dichiarato che rispetto all anno precedente il loro fatturato è aumentato. FATTURATO MEDIO 10-49dip DIMENSIONE dip >=250dip resto del Piemonte LOCALIZZAZIONE Provincia di Torino Tabella 2.1 Fatturato medio delle imprese piemontesi in base alla dimensione ed alla localizzazione geografica 3 Tale informazione deve, tuttavia, essere letta con le opportune cautele, considerando il fatto che spesso le aziende sono diffidenti nel fornire le informazioni relative al proprio fatturato (infatti solo 121 imprese hanno risposto a tale domanda) e che, in ogni caso, anche laddove l informazione venga fornita non sia veritiera al 10. 6

8 rimasto invariato 21% non so 3% aumentato 57% BASE: tutte le imprese piemontesi diminuito 19% Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Figura 2.5 Rispetto allo scorso anno il fatturato dell azienda è Osservando la distribuzione del fatturato di una generica impresa tra Piemonte, Italia, Europa e Resto del mondo, in media esso si distribuisce quasi per l 8 in maniera equa tra Piemonte e resto d Italia. Se si considerano invece le imprese con più di 250 dipendenti si nota come la percentuale media di fatturato entro i confini nazionali scenda a poco più del 5 a dimostrazione del fatto che tali aziende, oltre ad essere distribuite anche al di fuori della nostra regione spingono anche una grossa fetta del proprio mercato all estero. Figura 2.6 Distribuzione del fatturato tra Piemonte, Italia, Europa e Resto del mondo per dimensione e localizzazione geografica Relativamente al mercato d azione delle imprese piemontesi si può far riferimento alla presenza di fornitori / partner strategici entro o al di fuori dei confini della nostra regione. Si nota dal grafico successivo come quasi l 8 delle imprese piemontesi abbia più fornitori / partner strategici in Italia rispetto all estero, tuttavia essi risultano equamente distribuiti tra Piemonte e resto d Italia. Figura 2.7 Presenza di fornitori e partner strategici in Piemonte, Italia o all estero 7

9 2.3. Le imprese e le ICT L analisi dell adozione delle ICT da parte delle imprese piemontesi per lo svolgimento delle attività interne all azienda stessa viene presentata in questa sezione del documento seguendo i seguenti tre punti: 1) ADOZIONE DELLE TECNOLOGIE IN AZIENDA: in questo paragrafo si considera in che modo l impresa adotti le tecnologie per svolgere alcune attività internamente all azienda stessa (es. gestione del personale, gestione della produzione ). 2) ADOZIONE DELLE TECNOLOGIE IN AZIENDA PER MIGLIORARE LE RELAZIONI CON SOGGETTI ESTERNI: successivamente si vuole verificare l adozione di determinate tecnologie introdotte in azienda per migliorare la gestione del rapporto con soggetti esterni, ad esempio clienti, fornitori, partner. 3) PERCEZIONE DELLE POTENZIALITÀ DELLE ICT: infine si pone l attenzione sulla percezione dei benefici delle ICT da parte delle aziende in esame ADOZIONE DELLE ICT L analisi dell adozione interna delle ICT da parte delle imprese piemontesi può partire presentando un dato ormai stabile da anni: ad oggi praticamente tutte le imprese (il 98,2%) dispongono di una connessione ad Internet. Se si considera l utilizzo della rete da parte dei dipendenti, dai dati emerge come in media meno della metà dei dipendenti (il 42%) delle aziende piemontesi utilizzi Internet per lo svolgimento del proprio lavoro. In particolare le differenze più significative si notano considerando il settore merceologico. Non inaspettatamente sono le imprese del settore K (informatica e servizi alle imprese) quelle in cui i dipendenti utilizzano Internet in misura maggiore (la percentuale per queste aziende sale al 70,9%), mentre per le imprese del settore manifatturiero (D) tale percentuale scende al 33%. Passando ad analizzare le tipologie di connessione, la figura successiva mostra un confronto nel corso degli ultimi due anni tra le diverse forme di connessione ad Internet adottate in azienda: si nota come sia aumentata sensibilmente la quota di imprese con connessione a banda larga. BASE: tutte le imprese piemontesi 5 45% 4 35% 3 25% 2 15% 1 5% Narrow band Broad band Modem ISDN DSL<2Mbps DSL>2Mbps fibra ottica e altre connessioni > Mbps w ireless 256-2Mbps Figura 2.8 Tipologia di connessione adottata dalle imprese piemontesi,

10 In particolare sia osservando le aziende che usano una connessione almeno pari alla DSL (80,1%), che quelle che usano connessioni con velocità superiore ai 2Mbps (52,5%)(Figura 2.9 (a)), si nota come al crescere della dimensione aziendale aumenti anche il numero di imprese che usufruiscono della banda larga. Un altro particolare interessante, legato alla maggiore disponibilità di infrastruttura a banda larga nella provincia di Torino, è relativo al fatto che sono proprio le imprese localizzate nell hinterland torinese a utilizzare in maniera più intensa connessioni a banda larga (Figura 2.9 (a)). In aggiunta a queste informazioni, effettuando un confronto a livello nazionale ed internazionale, le imprese piemontesi risultano essere leggermente al di sopra della media per quanto riguarda l adozione di connessioni a banda larga (Figura 2.9 (b)). BASE: tutte le imprese piemontesi ,5% 80,1% GENERALE 10-49dip dip >=250dip resto del Piemonte prov TO Connessione superiore a DSL Piemonte % EU 25 Italia vel di connessione>2mbps connessione >=DSL Fonte: EUROSTAT e Osservatorio ICT del Piemonte, 2006 (a) (b) Figura 2.9 Imprese con connessione a banda larga (superiore a DSL e superiore ai 2Mbps), confronto a livello internazionale e in base a dimensione e localizzazione dell impresa L aumento delle imprese che adottano connessioni con elevata velocità di trasmissione e l incremento della copertura territoriale piemontese tramite infrastruttura a banda larga 4 nel corso dell ultimo anno aiutano a comprendere le cause che portano le imprese a non adottare una connessione con velocità superiore ai 2Mbps. La figura successiva mostra, infatti, che le imprese che non usufruiscono ancora di Internet a banda larga indicano, nella maggioranza dei casi, come causa del loro non utilizzo il fatto di essere localizzate in una zona non ancora coperta. Questo porta a pensare che una parte consistente di queste imprese sarebbe interessata ad utilizzare tale tecnologia qualora ne avesse la disponibilità. 4 Si fa riferimento all accordo stipulato tra Regione Piemonte e Telecom Italia a giugno 2006, attraverso il quale l operatore telefonico si è impegnato a coprire, entro la fine del 2008, il 96% dei comuni piemontesi, per cui si è passati dal 3 di comuni coperti ad aprile 2006 al 62% a maggio

11 non è disponibile nell'area in cui è localizzata l'azienda 35,26% non ne abbiamo bisogno 29,49% costo troppo elevato 11,08% 5% 1 15% 2 25% 3 35% 4 BASE: imprese che hanno Internet con velocità di connessione < 2Mbps Figura 2.10 Motivi per non avere una connessione con velocità superiore ai 2Mbps Dopo aver analizzato la presenza e l utilizzo di Internet da parte dei dipendenti e la tipologia di connessione adottata è bene focalizzare l attenzione sulle spese in ICT sostenute dalle imprese piemontesi. La percentuale media di spesa in ICT rispetto al fatturato sostenuta da una generica azienda è pari al 2,26%. È interessante notare come per le imprese del settore K (servizi e informatica) tale valore sia quasi il doppio (4,11%), coerentemente con l attività svolta da tali imprese. Per gli altri settori merceologici, invece il valore si assesta attorno al 2%. Se si vuole indagare più nel dettaglio, chiedendo alle aziende di specificare in che modo la spesa è distribuita tra una serie di voci: hardware, software, personale ICT, connessioni ad Internet, servizi esterni, esse hanno dichiarato di aver impiegato più del 6 delle loro spese in hardware (34%) e software (29%), il resto è ripartito tra le altre tre voci. BASE: tutte le imprese piemontesi personale ICT 13% servizi esterni 17% connessioni internet 6% altro 1% HW 34% SW 29% Figura 2.11 Distribuzione delle spese in ICT da parte delle imprese piemontesi Il ricorso all outsourcing può essere considerato come una modalità attraverso la quale l impresa acquista dei servizi ICT offerti da soggetti terzi. I grafici presentati in Figura 2.12 mostrano le aree di applicazione affidate in outsourcing: le principali aree che le imprese scelgono di affidare in outsourcing sono quelle relative alla manutenzione dell hardware e della rete o dello sviluppo del software. 10

12 Manutenzione di hardware e/o network Sviluppo di software Manutenzione di pagine web Servizi di web hosting o di archiviazione di dati Processi di business ad alto impiego di tecnologie informatiche Software application hosting ad ASP Fleet management Altri servizi ICT Help desk per gli utilizzatori di tecnologie informatiche Servizi di call centre BASE: tutte le imprese piemontesi Figura 2.12 Aree di applicazione affidate in outsourcing, per tutte le imprese del Piemonte Per quanto riguarda la dotazione tecnologia propria delle aziende piemontesi si possono prendere in esame, ora, gli elementi che permettono ai dipendenti di usufruire della rete aziendale. La LAN (Local Area Network) è una rete locale costituita da computer collegati tra loro all'interno di un ambito fisico delimitato (ad esempio la sede aziendale). Attualmente l 80,4% delle aziende con più di dieci dipendenti utilizza una LAN: al crescere della dimensione aziendale aumenta anche la porzione di imprese che utilizzano tale tecnologia, tanto che praticamente tutte le imprese con più di 250 dipendenti hanno dichiarato di possederla (il 96,4%), così come sono le imprese di maggiori dimensioni a possedere le LAN da più anni. Figura 2.13 Presenza di LAN nelle imprese piemontesi, per dimensione aziendale Si noti come la percentuale di imprese che adottano LAN è ormai costante da qualche anno, ad indicazione del fatto che probabilmente si è giunti al livello di saturazione (già nel 2003 la quota di imprese con LAN era pari all 80,3%). Sebbene non abbiano ancora raggiunto valori di penetrazione altrettanto elevati è bene ricordare come si stiano diffondendo anche le reti LAN wireless, presenti nel 24,7% delle aziende piemontesi. La loro ancora limitata diffusione è legata al fatto che questa tipologia di connessione è più recente (in media, infatti le 11

13 imprese adottano connessioni LAN wireless da poco più di tre anni) rispetto alla tradizionale LAN. Come nel caso precedente si notano differenze significative stratificando le imprese in base alla loro dimensione. Figura 2.14 Presenza di LAN wireless nelle imprese piemontesi, per dimensione aziendale Al 2005 il 41% delle imprese possedeva una Intranet 5 : considerando la dimensione aziendale si osservano differenze tra le imprese di piccole dimensioni e quelle più grandi. Da ciò emerge che per le imprese con più di 250 dipendenti la Intranet è uno strumento quasi indispensabile, invece le imprese di più ridotte dimensioni non percepiscono grossi benefici dal suo utilizzo. 10 BASE: tutte le imprese piemontesi Piemonte 10-49dip dip >=250dip Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, 2005 Figura 2.15 Presenza di Intranet in azienda, per dimensione aziendale Un ulteriore elemento che permette ai dipendenti di sfruttare la rete aziendale in un luogo diverso dalla propria postazione è la possibilità di usufruire dell accesso remoto alla rete aziendale. I dati raccolti mostrano come siano il 35,6% delle aziende a disporre di tale funzionalità, diffusa in quasi il 9 delle aziende di maggiori dimensioni. 5 Si tratta di una rete interna aziendale che utilizza i protocolli e gli standard Internet. può essere considerata come una rete privata che utilizza le pagine HTML per distribuire le informazioni agli utenti i quali utilizzano solo il browser per accedere alle informazioni aziendali. 12

14 BASE: tutte le imprese piemontesi PIEMONTE 10-49dip dip >=250dip Figura 2.16 Accesso remoto alla rete aziendale, per dimensione aziendale La presenza di una rete aziendale fornisce la possibilità alle aziende di migliorare la gestione di determinate attività interne all azienda, legate ad esempio alla produzione o al personale. I due grafici presenti in Figura 2.17 mostrano alcune modalità di comunicazione interna utilizzate in azienda. Emerge come più del 6 delle imprese permetta ai propri dipendenti di utilizzare la rete aziendale per condividere dei documenti. Inoltre spicca che poco più della metà delle imprese se ne serve per la gestione della capacità produttiva e tra il 4 ed il 5 delle imprese utilizzano le ICT per la gestione del personale e la rendicontazione dei tempi. È ovvio che al crescere della dimensione aziendale aumenti la porzione di imprese che adottano tali strumenti, dovendo coordinare un maggiore numero di persone e avendo a che fare con una maggiore mole di lavoro. Figura 2.17 Utilizzo di alcune applicazioni in azienda, per dimensione aziendale Il discorso si può concludere osservando l utilizzo di software open source e dei sistemi di sicurezza. Il 22,9% delle imprese piemontesi ha affermato di usufruire di software open source. Se si considera la dimensione aziendale la percentuale sale a poco meno della metà delle imprese con più di 250 dipendenti. 13

15 5 BASE: tutte le imprese piemontesi 45% 4 35% 3 25% 2 15% 1 5% PIEMONTE 10-49dip dip >=250dip Figura 2.18 Utilizzo di software open source, per dimensione aziendale In Figura 2.19 si vede come le imprese che usano software open source se ne servono soprattutto per la gestione del lato server della loro dotazione informatica. Figura 2.19 Scopo utilizzo software open source da parte delle imprese piemontesi Infine, per quanto riguarda l attenzione ai problemi di sicurezza, si è notata negli anni una maggiore attenzione verso ogni sistema di sicurezza informatica 6 (Figura 2.20). 6 Il grafico, volutamente, non considera la presenza di antivirus, ormai diffuso praticamente in tutte le realtà da diversi anni 14

16 BASE: tutte le imprese piemontesi firewall SSL Sw intrusion disaster recovery formazione in materia di sicurezza Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Figura 2.20 Utilizzo dei sistemi di sicurezza da parte delle imprese piemontesi, confronto Infine è bene aprire una parentesi riguardo il fenomeno del tele-lavoro, ovvero la possibilità offerta dalle aziende ai propri dipendenti di lavorare fuori dalla sede aziendale sfruttando le ICT. Il 17,1% delle imprese piemontesi ha dichiarato di permettere ai propri dipendenti di sfruttare tale modalità di lavoro a distanza ed in media nelle aziende che permettono di tele-lavorare, il 12,6% 7 dei dipendenti ricorre a tale metodo. La Figura 2.21 mostra che le imprese permettono di tele lavorare nella maggioranza dei casi laddove necessario, sia in termini di frequenza che in termini di luogo. BASE: imprese che permettono ai propri dipendenti di telelavorare gg alla settimana quando necessario con che frequenza in situazioni eccezionali solo da casa da qualsiasi sede da dove? altro Figura 2.21 modalità di tele-lavoro ADOZIONE DELLE TECNOLOGIE IN AZIENDA PER LA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON L ESTERNO 7 Questo dato è coerente con quanto rilevato tramite le indagini sui cittadini, dalle quali era stato possibile ricavare come la quota di utenti di Internet che tele lavora è pari all 8,5% 15

17 Come è stato detto LAN, wireless LAN, accesso remoto, Intranet sono tecnologie che garantiscono la connettività interna dell azienda. In aggiunta a queste è bene citare, ora, la presenza di alcune tecnologie che permettono all azienda stessa di gestire la relazione con soggetti esterni: extranet e Voice over IP. extranet Anni introduzione extranet VoIP Anni introduzione VoIP PIEMONTE 12,08% 4,97 15,68% 2, dip 10,73% 3,79 12,68% 2, dip 14,14% 5,90 17,17% 2,18 >=250dip 14,81% 7,64 33,33% 2,74 Tabella 2.2 Presenza di extranet e VoIP in azienda e numero anni Il 12% delle imprese piemontesi utilizza una extranet 8 ed il 15% di esse usa tecnologie di Voice over IP 9 per gestire le chiamate telefoniche. Dalla tabella presentata si nota, oltre al fatto che al crescere della dimensione aziendale aumenta anche la quota di aziende che usufruiscono delle due tecnologie, che il VoIP si sta diffondendo in misura maggiore rispetto all extranet (pur essendo presente in azienda da un numero inferire di anni ha già un tasso di adozione superiore rispetto alla extranet). Esistono inoltre alcuni moduli gestionali che permettono una migliore gestione del rapporto con clienti e fornitori, quali ERP (per la gestione della produzione), CRM (per la gestione dei rapporti con la clientela), SCM (per il controllo della gestione della catena della fornitura), SRM (per la gestione della relazione con i fornitori) 10. Quasi il 3 delle imprese ha un ERP, mentre per le altre tecnologie considerate il valore rimane inferiore al 1. In particolare si noti come il CRM, pur essendo l applicativo presente in azienda da un numero minore di anni, è quello che ha un maggiore tasso di adozione dopo l ERP, il che fa pensare ad una sua maggiore diffusione nei prossimi anni. Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Figura 2.22 Presenza e numero medio anni di ERP, CRM, SCM, SRM in azienda In aggiunta a queste indicazioni si può osservare come l impiego di alcuni strumenti volti a garantire l interazione con soggetti ubicati all esterno dell azienda è chiaramente in crescita rispetto all anno precedente. Tali dispositivi possono essere rivolti al dialogo con partner strategici e fornitori, alla 8 Rete privata che utilizza il protocollo TCP/IP e il sistema di telecomunicazioni pubblico per condividere, in sicurezza, informazioni con soci, acquirenti, fornitori o altri partner in generale 9 Sistemi di comunicazione telefonica che utilizzano il protocollo IP. 10 ERP= enteprise resource planning ; CRM= customer relationship management; SCM= Supply chain management; SRM= Supplier Relationship Management 16

18 comunicazione con i clienti finali, oppure al mantenimento di contatti con dipendenti o unità organizzative localizzati a distanza (Figura 2.23). Collaborazione con i business partner Conferenze telefoniche Video conferenze Forum di discussione/chat BASE: tutte le imprese piemontesi Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Figura 2.23 Modalità di comunicazione esterna impiegate Questo paragrafo si può concludere presentando alcune informazioni circa l utilizzo di siti web da parte delle aziende: il sito infatti può essere visto come uno strumento che permette all azienda di migliorare la propria interazione con soggetti esterni. Attualmente l 81,6% delle imprese ha un sito web e se si effettua un confronto nel tempo, si nota una crescita di circa 10 punti percentuali nel corso degli ultimi 4 anni. Facendo riferimento alla seguente scala di livelli di interattività del sito web: Legenda tipologia sito web aziendale a Vetrina commerciale sui prodotti e servizi dell'impresa b Sito con cui i clienti possono interagire c Sito in cui i clienti possono operare transazioni commerciali Sito in cui i clienti possono operare transazioni commerciali integrato con il software di gestione dei d materiali dell'azienda il grafico successivo mostra come ancora quasi l 8 delle imprese utilizzi il sito web come una semplice vetrina commerciale. BASE: tutte le imprese piemontesi N.D. BASE: imprese dotate di sito web 11,33% 3,26% 4,26% 1,78% 79,37% a b c d non sa/non risponde Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Figura 2.24 Presenza sito web e relativa tipologia 17

19 Confrontando i dati piemontesi con quelli raccolti su scala italiana ed europea, si nota come in Piemonte il tasso di diffusione dei siti web sia maggiore rispetto a quanto misurato a livello italiano ed europeo. Questo può essere interpretato come un dato positivo in quanto denota una certa propensione da parte delle imprese piemontesi ad essere presenti on line. Tuttavia, come si è potuto osservare, il limitato livello di transazione e interazione con l utente della stragrande maggioranza dei siti web delle imprese piemontesi dimostra un evidente difficoltà nell offerta di servizi on line da parte delle imprese piemontesi. 9 8 BASE: tutte le imprese Piemonte Italia EU 25 Fonte: EUROSTAT e Osservatorio ICT del Piemonte, 2006 Figura 2.25 Presenza sito web, confronto a livello nazionale e internazionale PERCEZIONE DELLE POTENZIALITÀ DELLE ICT E LIVELLI DI UTILIZZO Da quanto scritto finora è emerso come le imprese piemontesi abbiano una discreta dotazione informatica, ma da diversi elementi si evince che l utilizzo dovrebbe essere ancora migliorato. Un analisi della percezione da parte delle imprese piemontesi dei benefici indotti dalle ICT nel loro ambiente potrebbe aiutare il lettore a comprendere le motivazioni di tale situazione. Una misura dell interesse verso le nuove tecnologie da parte dell impresa può essere data dal ricorso alla formazione in ambito ICT da parte dei dipendenti delle aziende. Il numero di aziende che dichiarano di utilizzare documenti formali per la formazione del personale è pressoché lo stesso rispetto a quanto rilevato nel 2005 (60,7% nel 2005 contro il 64,2% nel 2006), il che dimostra un impegno costante del management verso la redazione di programmi rivolti alla formazione mirata e continuativa del personale. La penetrazione delle tecnologie informatiche nelle pratiche aziendali ha portato le imprese ad una crescente necessità di fornire opportunità di formazione ICT non occasionali e strutturate sulle esigenze degli addetti. Il numero delle aziende che forniscono regolarmente tali possibilità ai dipendenti è ancora piuttosto ridotto (il 32,8% delle imprese ha dichiarato di aver permesso ai propri dipendenti si seguire corsi di formazione ICT nel corso dell ultimo anno). Le aziende afferenti al settore merceologico K (servizi alle imprese ed informatica) risultano molto più propense all adozione di tali opportunità formative (48,9%), considerando la complessità tecnologica che caratterizza molti processi aziendali, mentre le imprese degli altri settori presentano valori allineati alla media regionale. Emerge chiaramente che il numero di imprese che trasferiscono regolarmente competenze IT ai dipendenti cresce all aumentare della dimensione aziendale, considerando la possibilità di investire in educazione sfruttando economie di scala. 18

20 BASE: tutte le imprese piemontesi ,96% 32,81% 34,69% 27,8 Piemonte dip dip >=250 dip Figura 2.26 Imprese che hanno permesso ai propri dipendenti di seguire corsi di formazione ICT negli ultimi 12 mesi, in base alla dimensione aziendale Dati positivi emergono se si considera, invece l e-learning: analizzando il trend relativo all adozione degli strumenti di e-learning negli ultimi due anni si denota una forte crescita, che, dal confronto con i dati raccolti nell ambito delle indagini Eurostat, porta la regione piemontese verso una posizione di assoluta eccellenza a livello italiano ed europeo. BASE: tutte le imprese piemontesi 5 45% 4 35% 3 25% 2 15% 1 5% BASE: tutte le imprese 5 45% 4 35% 3 25% 2 15% 1 5% Piemonte Italia EU 25 Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Fonte: EUROSTAT e Osservatorio ICT del Piemonte, 2006 Figura 2.27 Presenza strumenti di e-learning nel tempo e confronto a livello nazionale e internazionale Analizzando, infine, la percezione dei benefici che le imprese associano all utilizzo delle ICT in azienda è interessante notare come le aziende piemontesi vedano ancora le ICT soprattutto come uno strumento che semplifica lo svolgimento delle attività interne (riduzione costi amministrativi, di comunicazione interna). Esse, tuttavia non percepiscono ancora in maniera sufficientemente matura i benefici che si potrebbero trarre dall uso delle ICT per migliorare le caratteristiche e la vendita del loro prodotto / servizio finale 19

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 9 giugno 2005 L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Le imprese Web Active in Italia

Le imprese Web Active in Italia Le imprese Web Active in Italia per settore di attività Introduzione p. 2 Obiettivo e variabili utilizzate p. 2 La classifica p. 4 Analizziamo i dati p. 5 Metodologia p. 9 1 Le imprese Web Active in Italia

Dettagli

BANDA ULTRA LARGA BUL Progetto Sirmione

BANDA ULTRA LARGA BUL Progetto Sirmione BANDA ULTRA LARGA BUL Progetto Sirmione Questionario Manifestazione d Intresse APRILE 2015 Sommario SEZIONE I. Descrizione dell iniziativa... 3 SEZIONE II. Dati Anagrafici Azienda... Errore. Il segnalibro

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1 Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana Valeria Severini, Freedata S.r.l. Milano, 20 Marzo 2007 1 La Ricerca Obiettivo definire le caratteristiche del divario digitale in Italia nelle

Dettagli

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002 Azienda Speciale Camera di Commercio di Lecco LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 22 UNA SINTESI DEI RISULTATI In collaborazione con Versione st/15 aprile 25 Progetto Laboratorio

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

sistemapiemonte Le ICT nella costruzione della Società dell'informazione Rapporto Imprese 2008 sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Le ICT nella costruzione della Società dell'informazione Rapporto Imprese 2008 sistemapiemonte.it sistemapiemonte Le ICT nella costruzione della Società dell'informazione Rapporto Imprese 2008 sistemapiemonte.it INDICE Capitolo 1. Introduzione...3 Capitolo 2. Il ruolo delle imprese nella costruzione

Dettagli

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Torniamo dopo un anno a parlare del ruolo degli Internet Provider nella catena del valore delle piccole e medie imprese, per verificare se e quanto le aziende italiane

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE YG66U ATTIVITÀ 33.12.51 RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE ED ATTREZZATURE PER UFFICIO (ESCLUSI COMPUTER, PERIFERICHE, FAX) ATTIVITÀ 58.12.02 PUBBLICAZIONE DI MAILING LIST ATTIVITÀ

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Federcomin/MIT Osservatorio permanente della Società dell Informazione Sintesi a cura del Centro Studi Giugno 2005 Sommario 1. Il settore ICT in Italia...

Dettagli

Il Piemonte di fronte alle sfide dell'agenda Digitale

Il Piemonte di fronte alle sfide dell'agenda Digitale Il Piemonte di fronte alle sfide dell'agenda Digitale Diffusione e appropriazione delle ICT da parte degli attori del sistema regionale Linux Day 2012 Free Software, Free Business Torino, 26 ottobre 2012

Dettagli

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001 Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco 19 Novembre 2001 Valutare la trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto, misurando lo stato attuale di maturità

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG66U ATTIVITÀ 72.22.0 ATTIVITÀ 72.60.0 CONSULENZA PER INSTALLAZIONE DI SISTEMI HARDWARE EDIZIONE DI SOFTWARE

STUDIO DI SETTORE UG66U ATTIVITÀ 72.22.0 ATTIVITÀ 72.60.0 CONSULENZA PER INSTALLAZIONE DI SISTEMI HARDWARE EDIZIONE DI SOFTWARE STUDIO DI SETTORE UG66U ATTIVITÀ 72.10.0 CONSULENZA PER INSTALLAZIONE DI SISTEMI HARDWARE ATTIVITÀ 72.21.0 EDIZIONE DI SOFTWARE ATTIVITÀ 72.22.0 ALTRE REALIZZAZIONI DI SOFTWARE E CONSULENZA SOFTWARE ATTIVITÀ

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UK27U ATTIVITÀ 58.21.00 EDIZIONE DI GIOCHI PER COMPUTER ATTIVITÀ 58.29.00 EDIZIONE DI ALTRI SOFTWARE A

STUDIO DI SETTORE UK27U ATTIVITÀ 58.21.00 EDIZIONE DI GIOCHI PER COMPUTER ATTIVITÀ 58.29.00 EDIZIONE DI ALTRI SOFTWARE A STUDIO DI SETTORE UK27U ATTIVITÀ 58.21.00 EDIZIONE DI GIOCHI PER COMPUTER ATTIVITÀ 58.29.00 EDIZIONE DI ALTRI SOFTWARE A PACCHETTO (ESCLUSI I GIOCHI PER COMPUTER) ATTIVITÀ 62.01.00 PRODUZIONE DI SOFTWARE

Dettagli

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita 1 Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita L Osservatorio semestrale della Società dell Informazione, realizzato da Federcomin, analizza semestralmente lo stato e le dinamiche

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

Outsourcing: un nuovo servizio

Outsourcing: un nuovo servizio Outsourcing: un nuovo servizio Ottobre 2001 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

sistemapiemonte Le ICT nella costruzione della Società dell'informazione Rapporto Imprese 2009 sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Le ICT nella costruzione della Società dell'informazione Rapporto Imprese 2009 sistemapiemonte.it sistemapiemonte Le ICT nella costruzione della Società dell'informazione Rapporto Imprese 2009 sistemapiemonte.it EXECUTIVE SUMMARY...3 Capitolo 1. Introduzione...6 Capitolo 2. Le imprese piemontesi...9

Dettagli

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Open Data, opportunità per le imprese Ennio Lucarelli Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Prendo spunto da un paragrafo tratto dall Agenda nazionale per la Valorizzazione del Patrimonio

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG66U ATTIVITÀ 33.12.51 RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE ED ATTREZZATURE PER UFFICIO (ESCLUSI COMPUTER, PERIFERICHE, FAX) ATTIVITÀ 58.12.02 PUBBLICAZIONE DI MAILING LIST ATTIVITÀ

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE 118 GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE IL PROGETTO DIADI La diffusione dell innovazione presso le piccole e medie imprese è una costante delle politiche dei Fondi Strutturali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi Concetti generali sull informatica aziendale Copyright 2011 Pearson Italia Prime definizioni Informatica Scienza che studia i principi di rappresentazione

Dettagli

CBI 2003 - Roma 20 febbraio 2003

CBI 2003 - Roma 20 febbraio 2003 Tecnologie, Prodotti e Servizi per l Electronic Banking Dott.. Fausto Bolognini - Direttore Generale Punti chiave NECESSITÀ del mercato Cosa vogliono le aziende? Cosa offre il mondo web? Limiti dell attuale

Dettagli

Le ICT nella costruzione della Società dell'informazione Rapporto Cittadini 2010

Le ICT nella costruzione della Società dell'informazione Rapporto Cittadini 2010 sistema Osservatorio ICT - Piemonte Le ICT nella costruzione della Società dell'informazione Rapporto Cittadini 2010 sistema INDICE Capitolo 1. Introduzione... 2 Capitolo 2. La diffusione delle tecnologie

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956)

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) Allegato B BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) In risposta all obiettivo dell UE di garantire a tutti i cittadini

Dettagli

Lepida@Unife: Rete e Servizi

Lepida@Unife: Rete e Servizi Direzione Generale Centrale Organizzazione, Personale,Sistemi Informativi e Telematica Lepida@Unife: Rete e Servizi Polo Scientifico e Tecnologico, Università di Ferrara 22 gennaio 2007 Regione Emilia-Romagna/

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

EasyCloud400. Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna. Società del Gruppo Hera

EasyCloud400. Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna. Società del Gruppo Hera EasyCloud400 Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna Società del Gruppo Hera L opportunità Aumentare la flessibilità dell azienda in risposta ai cambiamenti dei mercati.

Dettagli

Banda larga. Asset strategico per la competitività del territorio

Banda larga. Asset strategico per la competitività del territorio Banda larga Asset strategico per la competitività del territorio La strategia digitale di Confindustria Verona Iniziative volte a promuovere la riduzione del digital divide culturale e infrastrutturale:

Dettagli

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Rimini - 23 giugno 2005 Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Esiste il digital divide nei territori periferici? La discriminazione nasce dalla carenza di infrastrutture o da

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO L articolo presenta i risultati di un indagine campionaria condotta, a luglio 22, sulla popolazione di coloro che hanno acquisito il diploma ECDL essendo già occupati

Dettagli

Omnicanalità e negozio del futuro: ecco cosa guiderà l innovazione digitale nel Retail

Omnicanalità e negozio del futuro: ecco cosa guiderà l innovazione digitale nel Retail Omnicanalità e negozio del futuro: ecco cosa guiderà l innovazione digitale nel Retail Le innovazioni di back-end sono le più diffuse e consolidate tra i top retailer; omnicanalità e customer experience

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI

La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI Settore Sistema Informativo di Supporto alle Decisioni. Ufficio Regionale di Statistica La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI La società dell informazione e della

Dettagli

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI 1 Lo scenario: i soggetti che operano su Internet All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI E-market player Digitalizzatori di processi

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

tel soft servizi Vi accompagniamo nell'evoluzione dei Vostri sistemi informativi, creando valore e competitività.

tel soft servizi Vi accompagniamo nell'evoluzione dei Vostri sistemi informativi, creando valore e competitività. tel soft servizi Vi accompagniamo nell'evoluzione dei Vostri sistemi informativi, creando valore e competitività. tel soft servizi Da oltre un decennio al Vostro fianco Chi siamo Mission Telinsoft Servizi

Dettagli

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop Marino Cavallo Provincia di Bologna PROGETTO LOGICAL Transnational LOGistics' Improvement

Dettagli

sistemapiemonte.it sistemapiemonte Piemonte in focus 2006:

sistemapiemonte.it sistemapiemonte Piemonte in focus 2006: sistemapiemonte Piemonte in focus 2006: accesso e utilizzo di Internet da parte delle famiglie, delle imprese e della Pubblica Amministrazione sistemapiemonte.it OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE Un focus

Dettagli

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT Dai il via al tuo futuro ACCENDI NUOVE OPPORTUNITÀ Il tuo futuro parte adesso. Perché il mondo delle telecomunicazioni è il futuro. E Telecom Italia

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

strategie d impresa e rapporto con il mercato L E-Business e il consumatore: il nuovo paradigma

strategie d impresa e rapporto con il mercato L E-Business e il consumatore: il nuovo paradigma Gli Strumenti del Commercio Internazionale: Internet, contratti, agevolazioni Struttura congressi Hotel Solara Conca Specchiulla (Otranto) 12-13 giugno 2003 D&L Studio Strategie di Internazionalizzazione

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

IL Mercato Elettronico della PA. Cagliari, 10 giugno 2010

IL Mercato Elettronico della PA. Cagliari, 10 giugno 2010 IL Mercato Elettronico della PA Cagliari, 10 giugno 2010 MEPA - Cos è Il Mercato Elettronico della P.A., gestito da Consip per conto del MEF, è un mercato digitale all interno del quale i fornitori abilitati

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WG66U ATTIVITÀ 33.12.51 RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE ED ATTREZZATURE PER UFFICIO (ESCLUSI COMPUTER, PERIFERICHE, FAX) ATTIVITÀ 58.12.02 PUBBLICAZIONE DI MAILING LIST ATTIVITÀ

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI.

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI. 29 marzo 2012 Anno 2011 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto nel 2011 un indagine sull utilizzo

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Agenda digitale europea

Agenda digitale europea Agenda digitale europea A cura di: Giancarlo Cervino Dottore Commercialista Politecnico di Torino - 25 novembre 2011 Comunicazione COM (2010) 245 definitivo/2 del 26 agosto 2010 Lo scopo generale dell

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

SOLUZIONE Web.Orders online

SOLUZIONE Web.Orders online SOLUZIONE Web.Orders online Gennaio 2005 1 INDICE SOLUZIONE Web.Orders online Introduzione Pag. 3 Obiettivi generali Pag. 4 Modulo di gestione sistema Pag. 5 Modulo di navigazione prodotti Pag. 7 Modulo

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo Quesito 1 In linea generale ritieni positiva la tendenza di molti paesi europei a cercare di proteggere alcuni settori ritenuti strategici per

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane

Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane - A cura di Massimo Carfagna - Finanziato nell ambito della convenzione siglata il 19 luglio 2007 tra il Dipartimento per l Innovazione

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI I COSTI LOGISTICI COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI di Andrea Moneta Produzione e logistica >> Logistica DEFINIZIONE E AREE DI COMPETENZA Quando si parla di costi logistici generalmente si tende ad associare

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

UNA SOLUZIONE COMPLETA

UNA SOLUZIONE COMPLETA P! investimento UNA SOLUZIONE COMPLETA La tua azienda spende soldi per l ICT o li investe sull ICT? Lo scopo dell informatica è farci lavorare meglio, in modo più produttivo e veloce, e questo è l obiettivo

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE

LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE 10 9 8 7 74% 10 88% 74% 91% 67% 74% 10 89% 82% 25% 6 57% 75% 5 4 44% SI NO Base: totale aziende Fonte: EY-TOW, 2015 Il livello di informatizzazione delle aziende Piemontesi

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE a cura di Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di Tecnoborsa

Dettagli

Azienda. Core business. Servizi

Azienda. Core business. Servizi Azienda Servizi Con attività dirette e attraverso una rete di partner, Aetherna si occupa di consulenza, progettazione, fornitura, installazione e manutenzione di soluzioni impiantistiche e servizi nelle

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

Il servizio di registrazione contabile. che consente di azzerare i tempi di registrazione delle fatture e dei relativi movimenti contabili

Il servizio di registrazione contabile. che consente di azzerare i tempi di registrazione delle fatture e dei relativi movimenti contabili Il servizio di registrazione contabile che consente di azzerare i tempi di registrazione delle fatture e dei relativi movimenti contabili Chi siamo Imprese giovani e dinamiche ITCluster nasce a Torino

Dettagli