Rapporto sulle Attività 2001

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto sulle Attività 2001"

Transcript

1

2 Rapporto sulle Attività 2001 PER LA RETE DELLA RICERCA E DELL INNOVAZIONE IN EMILIA ROMAGNA ASTER, il consorzio Scienza Tecnologia Impresa

3

4 I soci ASTER: Scienza, Tecnologia, Imprese Università ed Enti di ricerca 55% - CNR 20% - ENEA 10% - Università di Bologna 10% - Università di Ferrara 5% - Università di Modena e Reggio Emilia 5% - Università di Parma 5% Regione Emilia Romagna (Ervet) 37% Unioncamere Emilia Romagna e Associazioni imprenditoriali: 8% - CNA Emilia Romagna - Confartigianato Emilia Romagna - Confcooperative Emilia Romagna - Confindustria Emilia Romagna - Legacoop Emilia Romagna - Unionapi Emilia Romagna Capitale Sociale interamente sottoscritto e versato CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente GABRIELE FALCIASECCA PATRIZIO BIANCHI ALBERTO BOMBONATI GIUSEPPE CANTORE MARCO CAPPONI GIORGIO GARIMBERTI FRANCO GIULIANI WILLIAM IORI ROBERTO RIZZO CLAUDIO TOMASI MAFALDA VALENTINI COLLEGIO SINDACALE Presidente PAOLO OSTI FRANCESCO PICONE ILEANA TUMSCITZ COMITATO TECNICO SCIENTIFICO Presidente GIANGIUSEPPE BENTINI GIOVANNI SEBASTIANO BAROZZI PAOLO BARTOLOMEI ROBERTO FIESCHI ANTONIO NATALI PIERO OLIVO BRUNO RICCO MAURIZIO SEVERI ANDREA ZANONI PAOLO APPOGGETTI PAOLO BERTOLDI SERGIO CELOTTI ROBERTO CIATI ERMINIO MAZZONI GASPARE MULE MARCO PADOVANI Direttore PAOLO BONARETTI 3

5

6 INDICE LA RETE DELLA RICERCA E DEL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO IN EMILIA-ROMAGNA Un mondo della ricerca dinamico ed efficiente 7 La regione dell innovazione 8 Aster, il consorzio scienza tecnologia impresa 9 Protocollo d Intenti tra i soggetti della ricerca operanti in Emilia Romagna, la Regione Emilia-Romagna ed Ervet 10 RAPPORTO SULLE ATTIVITÀ ASTER Premessa 12 La rete per l innovazione, la ricerca applicata e il trasferimento delle tecnologie 14 Azioni per il trasferimento tecnologico alle PMI della regione 15 Il Comitato Tecnico Scientifico: oltre 80 ricercatori al servizio dell innovazione 16 Gruppi di Lavoro Tematici per l innovazione ed il trasferimento tecnologico Un percorso di lavoro congiunto tra università, enti di ricerca e imprese 17 Finanziamenti per Innovazione, Ricerca e Sviluppo Tecnologico - F1RST 18 Il punto d'incontro tra Ricerca e Impresa - LINK UP 19 Creazione di Imprese Innovative e Trasferimento Tecnologico - Azione Pilota 1 - SPINNER 20 Ricambio Generazionale - Azione Pilota 2 - SPINNER 21 Opportunità di trasferimento tecnologico per le imprese del Nord-Est - IRENE 22 Potenziamento dell infrastruttura telematica dell ente Regione e delle Pubbliche Amministrazioni 23 Studio del potenziamento della rete per le operazioni di emergenza e delle esigenze specifiche di Protezione Civile, sanità, sicurezza, etc. 24 Nuovi strumenti per l integrazione delle catene di subfornitura del settore - IPRODOC 25 Indagine sulle imprese virtuali nei settori meccanico ed elettromeccanico - UCANET 26 Strumenti innovativi per la promozione del Design Management nelle PMI - MADE IT 27 Supporto alla disseminazione e valorizzazione di tecnologie energetiche - OPET SEED 28 Open Source software in Aster - OSA 29 Benchmarking: uno strumento di confronto per misurarsi e migliorare la propria competitività 30 Il Benchmarking della competitività regionale Innovazione e trasferimento tecnologico nelle PMI del Bacino del Mediterraneo - MEDATECH 32 5

7 Trasferimento tecnologico tra PMI e Centri Tecnologici europei ed extra-europei - IDEA 33 Rete di scambio e collaborazione tecnologica tra Emilia-Romagna e della Lettonia - LATVIATRONICS 34 Supporto alla creazione ed allo sviluppo delle PMI in Bulgaria 35 Assistenza tecnica allo sviluppo di infrastrutture per le PMI della Federazione Russa 36 Supporto ai dottori di ricerca, per l interazione tra ricerca e impresa e la nascita di spin-off - ADI 37 Rete per la promozione della ricerca europea - APRE 38 RISORSE ORIENTAMENTO LAVORO (ROL): Centro risorse Europeo per l Orientamento 40 Progettare un servizio di informazione 41 Innovazione tecnologica e interculturalità nell educazione e nella formazione - RAINBOW 42 La multimedialità per promuovere la cittadinanza europea 43 Empowering the guidance officer - GO BETWEEN II 44 Innovazione dei servizi di orientamento professionale in Emilia-Romagna: Assistenza Tecnica alla Rete Territoriale 45 Costruzione di un sito web specialistico e sviluppo di servizi telematici per lavoratori e lavoratrici atipici in Emilia Romagna 46 Spazio consulenza orientativa donne: progettazione di una linea di servizi riservata alle donne all interno dei Centri per l Impiego della provincia di Forlì - Cesena 47 Spazio informazione donna: progettazione e creazione di uno spazio informativo Donne e Lavoro all interno dei Centri per l Impiego della provincia di Forlì - Cesena 48 Innovazione del sistema di orientamento professionale in Liguria: assistenza Tecnica alla Rete dei Servizi di Orientamento 49 Innovazione dei servizi di orientamento in Liguria: ricollocamento lavoratori 50 Innovazione dei servizi di orientamento in Friuli Venezia Giulia: SIStema Informativo per la Formazione e l Orientamento - SISIFO 51 INIZIATIVE PUBBLICHE 2001 Promozione della Rete della Ricerca e del Trasferimento Tecnologico in Emilia-Romagna 52 Iniziative Aita Emilia-Romagna 54 Interventi ad iniziative pubbliche organizzate da terzi 55 Accoglienza delegazioni internazionali e study tour 56 Iniziative della Divisione Autonoma Risorse Orientamento Lavoro (ROL) 57 Attività ASTER 2001/2002 Europee ed Internazionali per la Rete della Ricerca e dell Innovazione 59 Il nuovo sito Aster 62 6

8 La Rete della Ricerca e del Trasferimento Tecnologico in Emilia-Romagna UN MONDO DELLA RICERCA DINAMICO ED EFFICIENTE All avanguardia per la capacità d innovazione delle proprie imprese, l Emilia-Romagna è in prima fila anche per le potenzialità espresse dal sistema della ricerca. Tra Rimini e Piacenza si concentra, infatti, uno dei bacini universitari e d istituti di ricerca più ricchi del Paese, in grado di competere a livello europeo. Nei quattro atenei regionali di Bologna, Parma, Modena Reggio Emilia e Ferrara e presso la sede piacentina dell Università La Cattolica operano quotidianamente oltre docenti e ricercatori, il 67% dei quali in facoltà tecnico-scientifiche. I Dipartimenti scientifici nelle Università emiliano-romagnole Dipartimenti Di cui tecnico scientifici BO FE MO-RE PR Totale Fonte: elaborazione ASTER su dati MURST/Cineca Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) conta in Emilia-Romagna 13 istituti (10 a Bologna, 1 a Parma, Ferrara e Faenza) e 10 centri presso le Università, dove lavorano complessivamente 800 persone tra ricercatori, tecnici, borsisti e dottorandi. L ENEA ha in regione la maggior concentrazione di laboratori di ricerca dopo quelli della Casaccia, a Roma. Vi lavorano complessivamente 600 persone. A questi quasi ricercatori si aggiungono gli addetti di oltre 40 Centri di di innovazione per il trasferimento tecnologico pubblici, pubblico-privati e privati nati in Emilia-Romagna, dai centri ERVET ai consorzi tra imprese passando per i parchi scientifici e tecnologici. Un sistema forte e, soprattutto, efficiente. L Emilia-Romagna racconta l OCSE - con il 5,9% dell intero investimento in ricerca a livello nazionale realizza, infatti, il 15% dell intera produzione scientifica nazionale. L offerta: dove si producono Ricerca e Trasferimento Tecnologico Una Rete di quasi Ricercatori e Professori, una Regione che realizza il 15% della produzione scientifica nazionale Università di Ferrara Università La Cattolica Università di Parma PC 2 3 PR RE MO BO FE 3 2 RA Legenda 5 UNIVERSITA - Un universo di studenti, docenti ordinari, docenti associati e ricercatori. Su docenti e ricercatori, il 67% opera in facoltà tecnico-scientifiche. L Università di Bologna è la più antica d Europa e, secondo l indagine Censis 1999 e 2000, la migliore Università italiana. CNR - Il Consiglio Nazionale delle Ricerche totalizza 800 tra ricercatori, tecnici e dottorandi. In Emilia-Romagna conta 13 istituti. ENEA - L Ente Nazionale per l Energia, l Ambiente e l Innovazione conta 400 fra addetti e ricercatori: è la maggiore concentrazione di laboratori di ricerca dopo quelli della Casaccia, a Roma. CENTRI DI INNOVAZIONE - Oltre 40 centri pubblici e privati per il trasferimento tecnologico. Università di Modena e Reggio Emilia Faenza Università di Bologna 4 FC 2 RN 7

9 La Rete della Ricerca e del Trasferimento Tecnologico in Emilia-Romagna LA REGIONE DELL INNOVAZIONE Tra Rimini e Piacenza l innovazione è di casa. Se l Emilia-Romagna è stabilmente la 13a regione europea per PIL pro capite e, dal 1999, la 1a in Italia, il merito va soprattutto alla capacità di crescere ed innovare che da sempre contraddistingue le sue imprese. Non è un caso che l Emilia-Romagna registri oggi un numero di addetti alla ricerca e sviluppo doppio rispetto, ad esempio, a Veneto e Toscana, regioni caratterizzate da un tessuto produttivo analogo. R&S nelle imprese dell Emilia-Romagna Personale addetto Quota su Italia 7,8% 8,4% 9,5% Spesa (mln di euro) Quota su Italia 7,1% 7,6% 8,1% Fonte: ISTAT Durante gli anni 90, così, mentre il numero dei brevetti per invenzioni industriali in Italia diminuiva dello 0,5%, in Emilia-Romagna è cresciuto del 50%. Un nuovo balzo in avanti, grazie al quale ormai 1 invenzione su 6 realizzata in Italia è made in Emilia-Romagna. Un primato confermato dai dati relativi agli scambi con l estero. La bilancia tecnologica regionale continua a crescere anche nei momenti in cui arretra nel resto del Paese, mentre i prodotti che esportiamo hanno un contenuto di trasformazione industriale e di conoscenza quasi triplo rispetto a quelli che importiamo. La spinta ad investire ed intraprendere non si è limitata, comunque, ai comparti tradizionali, ma ha sostenuto la crescita del tessuto produttivo regionale anche in direzione delle nuove Bilancia tecnologica regionale Variazione 1998/1997 Variazione Variazione incassi pagamenti Emilia-Romagna + 23,2% + 10,2% Resto Nord Est - 15,1% + 28,0% Nord Ovest + 16,4% - 0,8% Italia - 9,2% + 1,4% Fonte: Ufficio Italiano Cambi tecnologie e dell innovazione. Oggi tra Rimini e Piacenza sono ormai le aziende attive in settori avanzati PIACENZA 243 REGGIO EMILIA PC PR 159 RE MO BO FE RA FERRARA RAVENNA PARMA Legenda Fabbricazione di macchine per impieghi speciali Elaborazione elettronica dei dati Attività in materia di architettura, di ingegneria ed altre attività tecniche Fornitura di software e consulenza in materia di informatica Fabbricazione di apparecchi medicali e chirurgici e di apparecchi ortopedici MODENA BOLOGNA Faenza FC FORLÍ-CESENA RN RIMINI Fabbricazione di altri articoli in materie plastiche Fabbricazione di macchine utensili Fabbricazione di macchine e apparecchi per la produzione e l utilizzazione dell energia Movimentazione merci e magazzinaggio Varie oltre 99 addetti 8

10 La Rete della Ricerca e del Trasferimento Tecnologico in Emilia-Romagna ASTER, il consorzio Scienza Tecnologia Impresa NASCE IN EMILIA-ROMAGNA UN PONTE TRA RICERCA E IMPRESE ASTER Scienza Tecnologia Impresa è il consorzio tra le Università dell Emilia-Romagna, gli Enti di ricerca, la Regione attraverso Ervet, l Unioncamere e le principali associazioni imprenditoriali. Obiettivo del consorzio, come delineato dal Protocollo d Intenti sottoscritto nel 2001 e dalla nuova legge regionale n. 7 del 2002 sull innovazione, è promuovere la ricerca industriale, il trasferimento tecnologico e l innovazione del tessuto produttivo dell Emilia-Romagna. Valorizzare cioè, anche a livello internazionale, i risultati raggiunti dal sistema della ricerca dell Emilia- Romagna e garantire il trasferimento di questi stessi risultati al sistema produttivo, favorendo innovazione e competitività. Risultati riconosciuti anche dalla Commissione Europea, che ha insignito la Regione Emilia-Romagna del Premio Regione di Eccellenza per la creazione e lo sviluppo di imprese innovative. Un compito importante e promettente, in una regione caratterizzata da un sistema della ricerca particolarmente sviluppato ed efficiente con oltre ricercatori, e da un tessuto produttivo che ha fatto dell innovazione uno dei propri punti di forza. IL 2001 IN CIFRE L analisi delle attività 2001 fornisce alcuni dati significativi sui risultati conseguiti da ASTER Scienza Tecnologia Impresa quale strumento di organizzazione e promozione della Rete regionale della Ricerca e del Trasferimento Tecnologico: 80 ricercatori del mondo della ricerca e delle imprese impegnati nei Gruppi di lavoro ASTER 7 Gruppi di lavoro su tematiche innovative costituiti dal Comitato Tecnico Scientifico Aster 16 idee progettuali elaborate dai Gruppi di lavoro abbonati a First, servizio personalizzato on line su finanziamenti regionali, nazionali e comunitari news First inviate via mail 52 uscite della newsletter First 70 schede di programmi di finanziamento rese disponibili sul sito First imprese utenti della Bacheca delle Tecnologie on line 75 domande e offerte di tecnologie pubblicate sul Sole 24 Ore Rubrica Borsino Tecnologico 338 beneficiari Spinner per idee progettuali di creazione d impresa e trasferimento tecnologico 9 sportelli Spinner Point aperti in Emilia-Romagna presso le Università, Enea e Cnr partecipanti ad eventi Aster 40 iniziative pubbliche organizzate da Aster con e per i soggetti della Rete 150 uscite sui media A questi risultati si affiancano le 18 iniziative pubbliche organizzate dalla Divisione Autonoma Risorse Orientamento Lavoro (ROL). 9

11 Protocollo d Intenti tra i soggetti della ricerca operanti in Emilia Romagna, la Regione Emilia-Romagna ed Ervet Febbraio 2001 PREMESSO CHE il Decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 concernente il conferimento di funzioni e compiti amministrativi dallo Stato alle regioni e agli enti locali in attuazione del capo I della legge n. 59 del 1997 delega alle Regioni le funzioni inerenti alla concessione di agevolazioni, contributi, sovvenzioni, incentivi e benefici di qualsiasi genere all industria ivi compresi quelli per programmi di innovazione e trasferimento tecnologico; la legge regionale 3/99 all art. 60 prevede che la Regione Emilia Romagna al fine di dare attuazione alle funzioni delegate di cui sopra predispone un provvedimento legislativo finalizzato a promuovere lo sviluppo di iniziative di ricerca e innovazione, di una rete per il trasferimento tecnologico, di iniziative comuni tra mondo della ricerca pubblico e imprese singole e associate, l impegno delle imprese nel campo della ricerca e dell innovazione, l impegno delle risorse umane presenti nelle Università e negli enti di ricerca; CONSIDERATO CHE la strategia globale riconosciuta a livello comunitario e nazionale mira a promuovere un economia regionale fondata sulla conoscenza e l innovazione tecnologica attivando iniziative di cooperazione tra le università, i centri di ricerca, le imprese, i mercati finanziari, i servizi di consulenza, i partner tecnologici, costituendo un ambiente e un quadro istituzionale regionale che promuova, mediante il rafforzamento delle risorse umane, la creazione, la divulgazione e l integrazione delle conoscenze nel tessuto produttivo, in quanto fonte principale di innovazione e di vantaggio competitivo; RILEVATE l'opportunità e la convenienza di porsi in reciproca sinergia per realizzare azioni coordinate ed integrate in materia di ricerca, dell innovazione e del trasferimento tecnologico, in modo da perseguire comuni obiettivi in termini di efficienza, efficacia e qualità; l Università degli Studi di Bologna, nella persona di Pier Ugo Calzolari l Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, nella persona di Giancarlo Pellacani l Università degli Studi di Ferrara, nella persona di Gian Guido Balandi l Università degli Studi di Parma, nella persona di Gian Luigi Berta il CNR, nella persona di Andrea Lapiccirella la Regione Emilia-Romagna, nella persona di Duccio Campagnoli ERVET SpA, nella persona di Claudio Pasini l ENEA, nella persona di Gaetano Tedeschi CONCORDANO di compartecipare alla società consortile ASTER per la promozione delle attività comuni definite in questo protocollo; RICONOSCONO, pur non intendendo prefigurare rapporti esclusivi, che ASTER, in funzione delle sue finalità statutarie, della sua compagine sociale e dell esperienza conseguita a livello regionale, nazionale e internazionale, possiede e può sviluppare le competenze e le esperienze necessarie per la promozione e il supporto delle suddette azioni comuni; RITENGONO opportuno che ASTER, attraverso le decisioni dei propri organi statutari, svolga i compiti di Agenzia per la ricerca industriale, l innovazione e il trasferimento di tecnologie in Emilia Romagna, secondo quanto previsto dalla legislazione regionale in materia, e funzioni di supporto, in via non esclusiva, alle attività dei soggetti partecipanti nell ambito della ricaduta produttiva delle loro attività di ricerca; CONVENGONO che le suddette azioni comuni a supporto delle attività delle Università e dei centri di ricerca e di collaborazione di questi con le imprese saranno finalizzate a: 1.1) creare e sostenere una rete per il Trasferimento Tecnologico regionale tramite: monitoraggio della domanda e dell offerta di ricerca e di innovazione in regione e monitoraggio dei progetti di ricerca sviluppati in regione, anche attraverso lo sviluppo e la gestione di banche dati della ricerca, in integrazione con banche dati esistenti a livello nazionale, comunitario e internazionale; supporto alle Università e ai centri di ricerca nelle attività di analisi, elaborazione di proposte e progettazione per l alta formazione in specifici ambiti scientifici, tecnologici e industriali e, in generale, per lo sviluppo e la promozione di una cultura dell innovazione; diffusione dell informazione scientifica e della produzione di ricerca e tecnologia e valorizzazione e organizzazione del rapporto tra il sistema della ricerca regionale e le imprese; offerta di servizi di informazione e assistenza tecnica per la valorizzazione della ricerca e la tutela della proprietà industriale; attività a supporto dell applicazione di nuove tecnologie, eventualmente con siti di validazione presso imprese, anche attraverso la costituzione di task forces e la realizzazione di progetti specifici; 10

12 promozione, informazione, servizi e supporto per la partecipazione a progetti, programmi e opportunità di finanziamento per la ricerca, il trasferimento tecnologico e l innovazione, promossi da autorità regionali, nazionali, comunitarie e internazionali; promozione, diffusione e assistenza tecnica sulle opportunità di accesso ai finanziamenti e ai capitali di rischio privati, in collaborazione con soggetti che operano nel campo; promozione di progetti di qualificazione del personale per il trasferimento tecnologico e supporto alla mobilità dei ricercatori anche verso le imprese; studio e sperimentazione di metodologie e sistemi di rating per le imprese che investono in innovazione. 1.2) Promuovere la realizzazione di progetti e contratti di ricerca e trasferimento tecnologico di interesse strategico per la Regione Emilia Romagna sviluppati in modo coordinato tra Università ed enti di ricerca firmatari del presente protocollo, anche in riferimento a programmi nazionali e comunitari, prestando anche collaborazione sia per le procedure gestionali, sia per la realizzazione di attività di trasferimento di tecnologia e diffusione, derivanti dalla partecipazione a progetti in collaborazione. 1.3) Sostenere le attività per la valorizzazione dei risultati della ricerca, anche attraverso la creazione di imprese e l avvio di attività autonome ad alto contenuto tecnologico, con particolare riferimento a iniziative di spinoff della ricerca e ad imprese Technology Based. CONVENGONO sulla necessità che, al fine di dare attuazione a quanto sopra esposto e concordato, il Comitato Tecnico Scientifico di ASTER sia anche rappresentativo di tutte le Università e i centri pubblici di ricerca operanti in Emilia Romagna; CONVENGONO in particolare, di affidare al Comitato Tecnico Scientifico di ASTER i seguenti compiti: attivare consultazioni periodiche sullo stato di avanzamento di programmi e progetti, sui risultati raggiunti, e sottoponendo gli stessi a monitoraggi e verifiche; promuovere e costituire specifici "Gruppi di lavoro", articolati secondo competenze funzionali ed obiettivi, con il compito di definire progetti operativi e modalità organizzative per svilupparli. SI IMPEGNANO, al fine di dare attuazione a quanto sopra esposto e concordato: ad attuare, per il conseguimento degli obiettivi e per la realizzazione delle azioni di cui sopra, nel rispetto delle specifiche autonomie, una piena e costante collaborazione con ASTER; a provvedere alla eventuale messa a disposizione di ASTER eventualmente anche a titolo oneroso e secondo modalità che saranno di volta in volta definite e concordate di strutture operative (locali, attrezzature, strumentazioni informatiche e telematiche, laboratori, banche dati, biblioteche, documentazione tecnica e scientifica) nonché di competenze scientifiche e tecnologiche; ad individuare di comune accordo e ad utilizzare nelle modalità da convenire personale qualificato per lo svolgimento delle attività in collaborazione con ASTER a garanzia della qualità e continuità delle stesse, anche ricorrendo a rapporti di consulenza o convenzioni in essere o da stipulare; a rimuovere ostacoli di ordine tecnico, amministrativo e procedurale onde assicurare alle azioni di cui sopra tempi rapidi di avvio, attuazione e funzionamento continuativo. Letto, confermato e sottoscritto l Università degli Studi di Bologna, nella persona di Pier Ugo Calzolari l Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, nella persona di Giancarlo Pellacani l Università degli Studi di Ferrara, nella persona di Gian Guido Balandi l Università degli Studi di Parma, nella persona di Gian Luigi Berta il CNR, nella persona di Andrea Lapiccirella l ENEA, nella persona di Gaetano Tedeschi la Regione Emilia-Romagna, nella persona di Duccio Campagnoli ERVET SpA, nella persona di Claudio Pasini Bologna, 19 Febbraio

13 Rapporto sulle attività Aster Premessa Come noto, l Italia è particolarmente sottodimensionata nell investimento in ricerca, anche in quei settori che sono vitali per il suo PIL e per la sua bilancia commerciale. Il numero dei ricercatori su lavoratori è pari al 72% del valore medio dell U.E., al 60% del valore medio OCSE, al 45% del valore USA, al 41% del Giappone. Il tasso di crescita annuo dei ricercatori, nel periodo , registra per l Italia il valore dello 0,2% in confronto all 1,9% della media europea, all 1,8% della media paesi OCSE e al 3% per il Giappone. Nel 1995 l incidenza della spesa in ricerca universitaria sul PIL risulta essere per l Italia pari allo 0,26% a confronto con la media U.E. dello 0,39%, con la media dei Paesi OCSE 0,38%, USA 0,39%, Giappone 0,62%. L incidenza dell export High-Tech sull export del manifatturiero si attesta per l Italia nel 1997, sul valore del 15% a confronto con il 31% della Francia, il 40% della Gran Bretagna, il 25% della Germania, il 62% dell Irlanda, il 44% dell USA, il 39% del Giappone. L Italia esporta appena il 3,5% dei depositi brevettuali europei contro il 19,6% della Germania, il 6,9% della Francia e il 4,8% della Gran Bretagna. La ripartizione dei brevetti per Paese di designazione colloca l Italia tra i primi posti con una percentuale superiore al 90%. Altri indicatori significativi riguardanti la valutazione delle Tecnologie dell informazione sulla produttività del lavoro, contribuiscono a caratterizzare l anomalia del Sistema-Italia. In Italia la spesa pro-capite risulta essere il 51% del valore della Francia, il 49% della Germania, il 47% dell Inghilterra, il 27% degli USA. Il numero dei PC su 100 lavoratori in Italia ha valore pari al 67% di quello della Francia, al 65% della Germania, al 58% della Gran Bretagna, al 37% degli USA. Il numero degli utenti Internet su 100 abitanti ha un valore pari al 34% della Germania, al 17% della Gran Bretagna, 8% del valore degli USA. Una forte anomalia dell Italia riguarda anche la specializzazione dell economia dei servizi. L incidenza dei segmenti dei servizi finanziari, assicurativi, immobiliari e dei servizi alle imprese sul valore aggiunto complessivo del terziario è diminuita in Italia nel decennio dal 10,3% al 9,7% mentre in Spagna si attesta nel 1995 sul valore del 35%, in Francia del 45,7%, nella Corea del Sud del 42,7%, in Germania del 28,3%. Una tendenza generale di lungo periodo è il graduale e crescente spostamento dei sistemi economici dei Paesi industrializzati verso economie di servizi e la graduale riduzione degli apporti del manifatturiero esplicito alla composizione del valore aggiunto totale. I settori con maggiore crescita, in termine di valore aggiunto e di occupazione, riguardano i servizi finanziari, le assicurazioni, i servizi alle imprese, alla collettività, alle persone fisiche. Il manifatturiero high-tech (aerospazio, computer, telecomunicazioni, elettronica, informatica) manifesta la tendenza a conservare la sua quota di apporto alla formazione del valore aggiunto totale, mentre il manifatturiero medium-tech (chimica) e low-tech (prodotti alimentari, tessili, carta e prodotti del legno) hanno già registrato negli ultimi anni un rapido declino nel loro apporto alla composizione delle produzioni nazionali. Anche nelle esportazioni si rivela una caduta di incidenza del manifatturiero low-tech ed una rapida crescita dei settori manifatturieri high-tech. Quattro mercati di beni e servizi manifestano tendenze di crescita progressiva, indipendentemente dai pattern di specializzazione e di vantaggi comparati dei singoli Paesi industrializzati: il mercato dei beni e servizi legati alla gestione dell informazione e della conoscenza; pertanto i settori delle tecnologie dell informazione e delle telecomunicazioni continueranno ad essere una componente attiva della crescita economica; il mercato dei beni e servizi legati all ambiente, ancora relativamente modesto, è proiettato a crescere rapidamente per effetto della crescente domanda di qualità della vita. La rilevanza di questo mercato è dovuta alle numerose interdipendenze dell industria dell ambiente con altri settori dell economia: agricoltura, trasporti, costruzioni, energia; una forte crescita della domanda di beni e servizi correlati al mercato della tutela della salute a causa del rapido invecchiamento delle popolazioni e la crescente consapevolezza del valore della salute fisica; il mercato dei servizi professionali e finanziari alle imprese continuerà a crescere rapidamente per effetto dell accresciuta competizione globale che investe il manifatturiero. La crescita di questo mercato ed il segmento di outsourcing dei servizi sono interpretati come il segno evidente dell interazione tra manifatturiero e servizi. Il successo commerciale dei prodotti manifatturieri dipende in misura crescente dai servizi associati e questi ultimi sono a loro volta i principali segmenti-utenti delle tecnologie avanzate. 12

14 Per affrontare l insieme di questi problemi si rende necessario lo sviluppo di una strategia orientata alla promozione coordinata di un "sistema regionale per la ricerca di interesse industriale, il trasferimento tecnologico e l'innovazione ; è necessario puntare sulla crescita, con il coinvolgimento diretto delle Università o dei centri di ricerca, di iniziative e forme organizzative specificatamente rivolte alla realizzazione di progetti di ricerca per l'innovazione o di trasferimento tecnologico con le imprese. Contemporaneamente pare evidente l'utilità di poter promuovere una crescita coordinata di queste esperienze guardando alla dimensione della crescita possibile di un vero e proprio sistema regionale per la ricerca di interesse industriale, il trasferimento tecnologico e l'innovazione, per affrontare in modo sinergico, quindi più efficace, azioni comuni per monitoraggio, sistema informativo per l'incontro domanda-offerta, collaborazione tra Università e centri di ricerca per il rapporto con programmi nazionali e comunitari, per progetti di rilievo regionale. Su questo piano viene considerata e collocata la funzione di ASTER che deve rappresentare il luogo e lo strumento di una collaborazione "forte" tra centri di ricerca e Università della Regione Emilia Romagna e il sistema produttivo per sviluppare le azioni che verrà considerato utile promuovere in comune. Contemporaneamente, e per queste caratteristiche, ASTER può collocarsi come strumento utile allo sviluppo delle politiche della Regione Emilia Romagna, per la promozione del sistema regionale della ricerca di interesse industriale, dell'innovazione e del trasferimento tecnologico. Tenendo presente questi obiettivi prioritari, il Consiglio di Amministrazione e il Comitato Tecnico Scientifico hanno ritenuto che l'attività di ASTER debba posizionarsi su due obiettivi strategici: lo sviluppo dell'innovazione, del Trasferimento Tecnologico e delle Strumentazioni di Sostegno alle imprese, come elemento di competitività dell'intero Sistema Regionale. lo sviluppo del Sistema delle Università e dei Centri di Ricerca, e del Sistema pubblico e privato di Trasferimento delle Conoscenze e delle Tecnologie, migliorandone il rapporto con le imprese, dando vita ad una rete per il Trasferimento Tecnologico in Emilia-Romagna. 13

15 La rete per l innovazione, la ricerca applicata e il trasferimento delle tecnologie I risultati operativi già conseguiti nel 2000 hanno permesso nel 2001 un ulteriore rafforzamento dell attività Aster quale interfaccia tecnologica/organizzativa per: Favorire il collegamento tra le imprese e le organizzazioni che con ruoli vari costituiscono il sistema regionale per l innovazione ed il trasferimento tecnologico; Trasformare le esigenze specifiche delle imprese in input da veicolare verso i centri di ricerca pubblici e privati, fornendo ad essi utili spunti per l identificazione di nuove e migliori aree di intervento; Collaborare con il sistema regionale per l innovazione ed il trasferimento tecnologico al fine di sostenere la valorizzazione economica delle attività da questi svolta, con particolare riferimento a quella orientata al miglioramento dei prodotti, dei processi e dei servizi. ASTER ha messo pertanto a disposizione la propria competenza tecnica e la propria rete di relazioni da una parte con il sistema della ricerca e dell innovazione, grazie ad una compagine sociale ampiamente rappresentativa di questo, e dall altra con il sistema produttivo regionale, al quale tradizionalmente offre opportunità di crescita competitiva, per la migliore focalizzazione delle politiche regionali rivolte al miglioramento tecnologico ed allo sviluppo sostenibile. La metodologia utilizzata si è basata sostanzialmente su: Organizzazione di occasioni di discussione e di confronto tra imprese e ricercatori, per favorire lo scambio di informazioni, e l avvio di programmi comuni con un approccio bottom-up; Messa a punto di servizi avanzati ed integrati per il supporto ai progetti innovativi aziendali, dall informazione tecnologica, a quella sulle opportunità di finanziamento, al supporto alla redazione di proposte, al sostegno alla redazione di contratti di collaborazione anche transnazionale, alla valorizzazione dei diritti di proprietà brevettuale, alla attivazione di benchmarking di competenze e di opportunità. I risultati conseguiti hanno permesso: Il consolidamento delle rete regionale per l innovazione ed il trasferimento di tecnologia, al fine di migliorare l efficacia complessiva del sistema e l utilizzo delle risorse; Il miglioramento delle relazioni tra la rete regionale per l innovazione ed il trasferimento di tecnologia ed il sistema produttivo del territorio di riferimento; Il monitoraggio focalizzato dei bisogni di innovazione del sistema produttivo territoriale, con particolare riferimento ad ambiti prioritari definiti dal Comitato Tecnico Scientifico Risultati che sono stati conseguiti attraverso le attività di seguito elencate, realizzate in collaborazione con, e per le Università, gli Enti di ricerca e i Centri per la innovazione tecnologica, la Regione Emilia-Romagna, le Associazioni imprenditoriali, le Camere di Commercio e le imprese dell Emilia-Romagna. Azioni per la rete regionale per l innovazione Attivazione di collaborazioni operative con i soggetti della rete, rendendo disponibili ad essi le competenze e le esperienze concrete realizzate dall Agenzia Organizzazione di eventi di confronto/discussione su ambiti di comune interesse, mettendo a disposizione i contatti di ASTER con soggetti nazionali ed internazionali Messa a punto e realizzazione di un sistema per la diffusione capillare e continua di informazioni relative all innovazione, al trasferimento tecnologico ed alla ricerca industriale, orientato specificamente ai soggetti della rete Azioni per la rete regionale per l innovazione in relazione al sistema produttivo territoriale Organizzazione e gestione di focus group con l obiettivo di attivare collaborazioni tecnologiche tra imprese e centri di ricerca, anche a livello transnazionale Messa a punto e realizzazione di un sistema per l informazione tempestiva e accurata sulle opportunità di attività collaborativa, e sulle possibilità di ottenere contributi finanziari ad essa, con l utilizzo di opportune tecniche dell informazione e della comunicazione Messa a punto e realizzazione di un servizio integrato per il sostegno contrattuale ad attività collaborative tra imprese e centri di ricerca. Tale servizio sarà composto di un modulo informativo, di un sistema di supporto alla realizzazione e alla redazione di contratti di collaborazione, e di un modulo per la ricerca di eventuali contributi finanziari per la realizzazione del progetto Organizzazione e progettazione di un sistema informativo sulle competenze attivabili per la realizzazione di progetti di innovazione tecnologica tra imprese e centri di ricerca Monitoraggio dei fabbisogni di innovazione Realizzazione di focus group orientati alla indagine dei fabbisogni di innovazione su aree tematiche e discipline prioritarie definite dal Comitato Tecnico Scientifico, allo scopo di identificare attività, servizi e progetti per cluster di imprese, basati su tecniche bottom-up; Organizzazione e gestione di incontri periodici allo scopo di trasmettere i risultati ottenuti in casi di successo e confrontarsi con i trend internazionali, trasferire le pratiche migliori per la gestione concreta dell innovazione in impresa e rilevare specifici fabbisogni tecnologici ed organizzativi. 14

16 Azioni per il trasferimento tecnologico alle PMI della regione Le attività 2001 sono nate dall esperienza acquisita nel corso degli ultimi anni in termini di reti di relazioni ed effettive collaborazioni con CNR, ENEA, Università, centri di ricerca e di servizi settoriali e si sono focalizzate sull innovazione tecnologica delle imprese della regione. Come sottolineato nel rapporto del Forum per la Società dell informazione, nel mondo è in corso una trasformazione che, anche in seguito alla diffusione delle nuove tecnologie dell informazione, sta modificando la natura dei rapporti tra paesi, mercati, genti e culture. La rivoluzione tecnologica ha favorito i processi di globalizzazione, mentre assumono sempre maggiore importanza gli scambi di beni immateriali, riducili in ultima analisi a blocchi di in formazioni. La facilità di scambio delle conoscenze, facilità intesa solo in termini di velocità e costi, ha determinato un incremento impressionante dei flussi informativi. Ciò se da un lato presenta opportunità inedite e interessanti per le imprese, dall altro pone non pochi problemi, soprattutto per le piccole imprese, dal punto di vista dell organizzazione del lavoro e della capacità di condivisione delle conoscenze. E sulla base di questi principi, e sulla consapevolezza che il ruolo ASTER è di facilitare e supportare le imprese in questo percorso di crescita, che si sono sviluppate attività per coinvolgerle attivamente nello sviluppo di progetti ed azioni per l uso e la sperimentazione di metodologie, tecnologie e modelli organizzativi negli ambiti dell Informazione, della comunicazione e della condivisione di conoscenze, a supporto delle diverse funzioni aziendali di progettazione, produzione, logistica e marketing e nell ambito dell efficienza energetica e del rispetto dell ambiente, altre importanti problematiche che le imprese si trovano a dover affrontare. La logica che sottende alle diverse azioni è come sempre quella di favorire i processi di sviluppo dell Innovazione - intesa come evoluzione della base di conoscenza posseduta dai soggetti coinvolti nel processo (imprese, Università, Centri di ricerca scientifica e tecnologica, ecc.) - dimostrando alle imprese la validità dell innovazione, accompagnandole nell efficace implementazione di strumenti e metodologie innovative, garantendo nel contempo un accelerazione del cammino lungo il percorso di introduzione di innovazioni tecnologiche e una integrazione tra PMI e risorse disponibili nel sistema della ricerca nel suo complesso. Tecnologie per una crescita competitiva e sostenibile Come affermato in più occasioni dalla Commissione Europea, l'industria per essere competitiva in futuro dovrà contribuire in misura determinante allo sviluppo sostenibile della società, attraverso azioni che verteranno sulla riduzione del contenuto materiale dei prodotti e sull'aumento al tempo stesso del valore d'uso, attraverso processi e prodotti-servizi innovativi, più sicuri, più puliti e a bassa intensità di risorse naturali. Saranno ricercati inoltre nuovi metodi di organizzazione della produzione, dei servizi e della logistica capaci di ridurre i costi, i tempi di introduzione sul mercato, i tempi di consegna e fare un uso migliore delle risorse umane In questo contesto e proseguendo il percorso avviato negli anni precedenti, le attività si sono sviluppate in collaborazione con le Università, gli Enti e i Centri di ricerca, e con la partecipazione di 70 imprese coinvolte nella fase di sperimentazione e 150 nelle fasi di analisi e di diffusione dei risultati, secondo le seguenti modalità: Trasferimento tecnologico verso le PMI e assistenza tecnica rispetto a tecnologie e tecniche di gestione della progettazione Trasferimento tecnologico verso le PMI e assistenza tecnica rispetto a tecnologie e tecniche per l efficienza energetica e l utilizzo di fonti rinnovabili Impostazione e costruzione di strumenti per la dimostrazione e sviluppo delle tecnologie per la crescita competitiva e sostenibile, adottabili dalle PMI Realizzazione di piani di pre-fattibilità all introduzione delle tecnologie, sviluppo e presentazione di casi di best practice, piani di dimostrazione di tecnologie ottimali, sviluppo di progetti di Ricerca sviluppo e dimostrazione tecnologica Sperimentazione di servizi on-line per il reperimento di informazioni ad alto contenuto tecnico, in particolare nel campo della saldatura e della giunzione di materie plastiche e nel campo della gestione della progettazione Disseminazione dei risultati acquisiti attraverso l organizzazione di seminari tematici 15

17 Il Comitato Tecnico Scientifico: oltre 80 ricercatori al servizio dell innovazione Il Comitato Tecnico Scientifico (CTS) di ASTER - composto da rappresentanti di Università, CNR ed ENEA e responsabili del settore ricerca e sviluppo di imprese dell Emilia-Romagna - ha costituito nel 2001 sette Gruppi di Lavoro tematici coordinati con il supporto di esperti ASTER, e a cui partecipano ricercatori provenienti dalle Università, dagli Enti di ricerca e dalle imprese. I sette Gruppi di lavoro del CTS Aster 1. Tecnologie dell Informazione, E-Business, Logistica e Automazione 2. Motoristica e Veicolistica 3. Biomedicale ed Elettromedicale 4. Alimentazione e Salute 5. Scienze della Vita 6. Ambiente 7. Nanotecnologie e microsistemi Alla fine del 2001 i Gruppi di Lavoro hanno elaborato le prime 16 idee di progetti strategici, d intesa con il tessuto produttivo dei diversi settori, per la valorizzazione ed il trasferimento della ricerca prodotta in Emilia-Romagna. Su queste idee progettuali, si é impostato nel 2002 il lavoro di progettazione e ricerca fondi. Prime schede progettuali elaborate dai Gruppi di Lavoro: 1. Le nuove tecnologie dell informazione nella filiera agro-alimentare: modelli, infrastrutture e strumenti per un integrazione in qualità 2. Le nuove tecnologie dell informazione nell automazione industriale: un approccio sistematico e sinergico alla reingegnerizzazione di prodotti, processi e servizi 3. Laboratorio Tematico per il Trasferimento Tecnologico sulle Tecnologie della Comunicazione e dell Informazione (T 3 Lab - ICT) 4. Creazione di un laboratorio di simulazioni avanzate per il veicolo Simulazioni avanzate di tipo termofluidodinamico e strutturale di componenti del sistema veicolo Studio Teorico-Sperimentale delle Tecniche di Contenimento degli Inquinanti Gassosi Prodotti dai Motori a Combustione Interna Rumore e Vibrazioni nell Automotive La Gestione ed il Controllo del Sistema Motore Trasmissione 5. Sistemi innovativi per Organi Artificiali e dispositivi di supporto funzionale 6. Sviluppo di nuovi materiali per applicazioni biomedicali attraverso la modifica di proprietà di superficie di materiali plastici tradizionali 7. Sviluppo di sistemi per la progettazione di protesi, la pianificazione pre-operatoria e la chirurgia assistita in ortopedia 8. Sviluppo di sensori biomedici per misurazioni all interno del corpo umano o su circuiti Extracorporei 9. Sviluppo di sensori, modulatori e farmaci biotecnologici 10.Nuove strategie riabilitative per il recupero dell arto superiore nel paziente con emiplegia 11.Interazioni ospite-parassita per la prevenzione di malattie trasmesse dall animale all uomo 12. Individuazione d indicatori di qualità e di contaminanti naturali e di processo 13. Strategie per la prevenzione dei rischi biotici ed abiotici e per la riduzione della perdita di qualità nella trasformazione e conservazione dei prodotti agro-alimentari 14. Sistemi per il monitoraggio ambientale 15. Sistemi per la gestione dei rifiuti 16. Per un laboratorio virtuale integrato di nanotecnologie e microsistemi. 16

18 Valorizzazione della Ricerca - Trasferimento Tecnologico Gruppi di Lavoro Tematici per l innovazione ed il trasferimento tecnologico Un percorso di lavoro congiunto tra università, enti di ricerca e imprese I Gruppi di Lavoro Tematici sono stati avviati a partire da luglio 2001 a seguito della firma del Protocollo d Intenti tra le Università e i Centri di Ricerca regionali e la Regione Emilia-Romagna. I Gruppi di Lavoro Tematici sono stati creati con l obiettivo di stimolare la collaborazione tra mondo della ricerca e imprese, al fine di identificare orientamenti strategici per la regione Emilia- Romagna nel campo della ricerca industriale, del trasferimento tecnologico e dell innovazione. Obiettivo Soluzione Sviluppare cluster di progetti di sviluppo precompetitivo, di ricerca industriale, di trasferimento tecnologico e di innovazione; Sviluppare e verificare la fattibilità di strutture d'interfaccia tematiche, focalizzate sulla ricerca industriale, il trasferimento e diffusione delle conoscenze tecnologiche e la formazione avanzata per il trasferimento tecnologico. Fornire alla Regione Emilia-Romagna un orientamento strategico rispetto ai fabbisogni evidenziati direttamente dagli attori presenti sul territorio con il fine di identificare gli strumenti più idonei atti ad affrontare tali fabbisogni. Creare una massa critica progettuale con lo scopo di mettere in grado università, centri di ricerca ed imprese di sviluppare progetti futuri facendo riferimento alle risorse finanziarie regionali, nazionali e comunitarie disponibili e, in particolare, ai programmi previsti dal 6 Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico della Commissione Europea ( ). Risultati Attivazione di 7 Gruppi di Lavoro Tematici, con il coinvolgimento di oltre 80 ricercatori delle principali entità scientifiche dei relativi settori operanti in regione ed una rappresentanza delle imprese. Identificazione, per ogni Gruppo, di ambiti strategici di interesse primario rispetto allo sviluppo di idee progettuali innovative o alla realizzazione di nuove strutture di interfaccia tra ricerca e imprese. Realizzazione di 3 workshop per presentare le idee emerse e allargare la discussione ad ulteriori imprese e ricercatori. I workshop hanno riguardato rispettivamente i seguenti temi: Le nuove tecnologie applicate ai settori biomedicale e elettromedicale, Sicurezza e qualità degli alimenti, Motori e veicoli. Elaborazione delle prime 16 schede progettuali. Il Comitato Tecnico Scientifico di Aster ha identificato 7 aree tematiche, tenendo conto sia delle specificità del tessuto industriale dell Emilia-Romagna sia delle indicazioni emergenti circa le linee strategiche del 6 Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico nella sua fase di definizione finale da parte della Commissione Europea. Per ognuna delle seguenti 7 aree tematiche è prevista l attivazione di uno specifico Gruppo di Lavoro: Ambiente Tecnologie dell informazione / e-commerce / Logistica / Automazione industriale Motoristica e veicolistica Biomedicale /Elettromedicale Scienze della vita Alimentazione e salute Microsistemi e Nanotecnologie Ogni Gruppo di Lavoro ha il compito di definire un insieme di idee e progetti di interesse strategico, da proporre sulle linee di finanziamento possibili, scegliendo di volta in volta quelle più consone e che meglio si adattano alla tipologia e al contenuto dei progetti medesimi. Il coordinamento dei gruppi di lavoro è affidato ai membri del CTS e alle organizzazioni da essi rappresentati, supportati da esperti ASTER. In collaborazione con Università di Bologna Università di Ferrara Università di Modena e Reggio Emilia Università di Parma CNR ENEA imprese Sito internet Maria Grazia Zucchini, Sara Monesi, Kussai Shahin, Verdiana Bandini, Debora Facchini 17

19 Valorizzazione della Ricerca - Trasferimento Tecnologico Finanziamenti per Innovazione, Ricerca e Sviluppo Tecnologico F1RST Il servizio F1RST è stato messo a punto per rispondere a due problemi che determinano lo scarso utilizzo delle opportunità di finanziamento esistenti, soprattutto da parte delle PMI: la mancanza di un informazione tempestiva ed efficace e la difficoltà nel "saper leggere" la documentazione, interpretando correttamente tutti gli elementi e le procedure. Inoltre, con il servizio si è voluto dare una risposta concreta all'esigenza delle imprese di trovare competenze tecniche che soddisfino i propri fabbisogni di ricerca e innovazione, ricercandole negli enti pubblici di ricerca e presso le università, ma anche alla mancanza di conoscenza dell'esistenza di finanziamenti a supporto dei rapporti di collaborazione di diverso tipo (contratti di ricerca, assunzione di personale, borse di dottorato di ricerca, ecc..) instaurabili con questi soggetti. Obiettivo Soluzione Offrire uno strumento di facile uso per orientarsi tra i finanziamenti regionali, nazionali e comunitari per le attività di ricerca, innovazione e trasferimento di tecnologia; fornire l'assistenza necessaria alla presentazione delle domande di finanziamento alle istituzioni pubbliche di riferimento (Commissione Europea, Ministeri, Regione Emilia-Romagna), traducendo i fabbisogni in progetti realizzabili e finanziabili; contribuire a migliorare il rapporto tra universo della ricerca ed imprese, offrendo un informazione dettagliata e completa sulle forme di collaborazione per attività di ricerca possibili tra imprese, Università e Centri Pubblici di Ricerca, sulla relativa contrattualistica e sui finanziamenti che supportano tale collaborazione. Risultati 975 utenti esterni 52 invii del bollettino via mail 1215 news inviate 23,4 n. medio di news per bollettino 70 schede inserite ed aggiornate su sito Sito internet F1RST si focalizza in modo particolare sui seguenti settori: ricerca e sviluppo innovazione e trasferimento di tecnologie e di conoscenze formazione e risorse umane cooperazione tecnologica internazionale attività produttive Il servizio è rivolto a: imprese università e centri di ricerca centri di servizio e trasferimento tecnologico associazioni imprenditoriali amministrazioni locali centri di formazione istituti di credito A tutti costoro F1RST offre un pacchetto di servizi che comprende: Sito internet con informazioni aggiornate e dettagliate sui programmi comunitari e sulle leggi nazionali e regionali, in particolare a favore della ricerca e dell'innovazione, accompagnate da normativa originale, bandi di gara, documenti di lavoro e formulari. Il 2001 ha visto una ristrutturazione del servizio, sia per rinnovare il layout grafico sia per consentire la gestione dei contenuti tramite database. Il nuovo servizio, oltre a presentare un significativo miglioramento in termini di efficienza nella gestione dei contenuti e delle informazioni sugli utenti, consente ora di effettuare ricerche molto puntuali sia sulle notizie, sia sulle schede relative ai finanziamenti. Bollettino personalizzato via su programmi e leggi di finanziamento, inviti a presentare proposte, eventi, progetti finanziati, pubblicazioni, allo scopo di consentire all utente, che non ha tempo da dedicare alla ricerca e all analisi delle fonti informative, di essere costantemente aggiornato. Attraverso questo sistema ogni utente riceve solo le informazioni di proprio interesse (selezionate attraverso la scelta di alcune parole chiave, preventivamente e personalmente individuate, che permettono di delineare uno specifico profilo) inviate via almeno una volta alla settimana e caratterizzate da una estrema sintesi: titolo, breve abstract, fonte e data. Il servizio così articolato garantisce tempestività, personalizzazione, approfondimento e chiarezza. Inoltre, può essere customizzato per organizzazioni che desiderino inserire nelle newsletters destinate ai propri utenti un proprio flusso di notizie, creando così una newsletter personalizzata. Il primo esempio di personalizzazione del servizio è quello fornito all Università di Bologna ufficio Relazioni Internazionali che è stato messo a punto e testato nel Assistenza tecnica in particolare attraverso la realizzazione di check up sui fabbisogni di finanziamento, l'individuazione dei programmi dei finanziamento più appropriati, la progettazione e la gestione di progetti finanziati, la ricerca partner. Nel corso del 2001 sono state effettuate attività di orientamento, prescreening di progetti e supporto alla progettazione per un consistente numero di interlocutori, tra cui soggetti pubblici, centri di servizio, imprese, associazioni e soggetti della ricerca. 18 Stefano Durì, Maria Gabriella Gualandi, Stefano Bettini, Antonio Renna, Alessandra Borgatti, Federica Roffi

20 Valorizzazione della Ricerca - Trasferimento Tecnologico Il punto d'incontro tra Ricerca e Impresa LINK UP Link up, un servizio per le imprese e per il mondo della ricerca pubblica, è stato pensato per agevolare l'accesso alle competenze e alle tecnologie già esistenti tramite la ricognizione di forme di collaborazione tra imprese ed i diversi soggetti della ricerca, l'individuazione delle competenze di ricerca presenti sul territorio regionale e l'illustrazione delle linee di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali a supporto delle diverse forme di collaborazione. Obiettivo Soluzione Valorizzare la ricerca Promuovere la collaborazione tra il mondo della ricerca pubblica e le imprese Supportare il trasferimento tecnologico dalle università ed enti pubblici di ricerca verso le imprese, in termini di competenze, know how e tecnologie Orientare le imprese verso l'utilizzo di competenze provenienti dal mondo della ricerca Risultati Monitoraggio delle diverse forme di collaborazione tra imprese ed Enti di Ricerca/Università a livello nazionale: illustrazione di contenuti, procedure, normativa nazionale di riferimento e referenti. Reperimento delle regolamentazioni di Ateneo riguardo le forme di collaborazione Università- Imprese esistenti. Elaborazione di un metodo di ricerca delle competenze scientifiche presenti sul territorio presso gli Enti Pubblici di Ricerca/Università. Mappatura degli incentivi comunitari, nazionali e regionali per ciascuna delle tipologie di collaborazione individuate. Realizzazione del sito Link Up Il servizio è rivolto a: Imprese Università Enti Pubblici di Ricerca Dottori di ricerca, dottorandi, laureati con capacità di ricerca A tutti i beneficiari del servizio, Link Up offre: Informazione Un sito web che funga da primo orientamento per gli utenti Supporto tramite helpdesk telefonico Apposito indirizzo Assistenza tecnica Incontri di approfondimento su specifiche esigenze delle singole aziende Supporto alla redazione di contratti di ricerca tra imprese ed esecutori di ricerca Individuazione delle competenze di ricerca Assistenza alla presentazione delle domande di finanziamento In collaborazione con Univeristà di Bologna Università di Modena e Reggio Emilia Univeristà di Ferrara Università di Parma CNR ENEA Sito internet Stefano Durì, Maria Gabriella Gualandi, Federica Roffi, Stefano Bettini, Antonio Renna, Alessandra Borgatti 19

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE 1. PREMESSA Spinner 2013 è il programma per la qualificazione delle risorse umane nel settore della ricerca e

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO Un partner per crescere API LECCO Dal 1949 l Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Lecco è stata voluta dagli imprenditori

Dettagli

CONSORZIO Spinner - Bologna. Selezione di esperti di Tutoraggio per lo sviluppo di progetti di imprenditorialità innovativa

CONSORZIO Spinner - Bologna. Selezione di esperti di Tutoraggio per lo sviluppo di progetti di imprenditorialità innovativa CONSORZIO Spinner - Bologna Selezione di esperti di Tutoraggio per lo sviluppo di progetti di imprenditorialità innovativa PREMESSA La Sovvenzione Globale Interventi per la qualificazione delle risorse

Dettagli

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DEI PERCORSI DI ACCOMPAGNAMENTO PER LA CRESCITA DELLE COMPETENZE - PAAC

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DEI PERCORSI DI ACCOMPAGNAMENTO PER LA CRESCITA DELLE COMPETENZE - PAAC GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DEI PERCORSI DI ACCOMPAGNAMENTO PER LA CRESCITA DELLE COMPETENZE - PAAC 1. PREMESSA Spinner 2013 è il programma per la qualificazione delle risorse umane nel settore

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

PER LA RICERCA INDUSTRIALE, LO SVILUPPO SPERIMENTALE, IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO E L INNOVAZIONE

PER LA RICERCA INDUSTRIALE, LO SVILUPPO SPERIMENTALE, IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO E L INNOVAZIONE con le IMPRESE è il programma della Regione Emilia-Romagna dedicato alla qualificazione delle risorse umane negli ambiti della ricerca e dell innovazione tecnologica per costruire una comunità capace di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER LA TOSCANA (d ora in avanti INAIL) con sede in Firenze, via Bufalini n. 7, rappresentato

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO del LINEA D AZIONE 6 SCHEDA PROGETTO n. 6.3 PROGRAMMA DI SVILUPPO del TITOLO DEL PROGETTO PROGRAMMA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO. Pagina 1 di 7 del

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Protocollo d 'Intesa

Protocollo d 'Intesa . l l ' P~. tjrtj. ~'f /.Ao RQ{>. e+j R.~\~ N..286~ ja,o Protocollo d 'Intesa Tra Regione Puglia e Consiglio nazionale delle Ricerche La Regione Puglia (C.F. 80017210727), di seguito Regione, nella persona

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Aprile 2013) 1/373 Sperimentale secondo le modalità previste dalla Comunicazione

Dettagli

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Newsletter n.74 Aprile 2010 Approfondimento_22 PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Assi Asse 1 - Asse 2 - Asse 3 - Asse 4 - Sostegno

Dettagli

I s er e vi v zi z a s up u p p o p rto d e d l e la p a p rtec e ipa p zi z one n e d e d l e le

I s er e vi v zi z a s up u p p o p rto d e d l e la p a p rtec e ipa p zi z one n e d e d l e le I servizi a supporto della partecipazione delle imprese in Emilia-Romagna 24 gennaio 2014 ASTER ASTER Scienza Tecnologia Impresa Consorzio tra la Regione Emilia-Romagna, le Università, gli Enti di ricerca

Dettagli

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Allegato 1 alla D.G.R. 14/11/2011, nr. 765 GIUNTA REGIONALE DELL'ABRUZZO PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Con il presente progetto si intende, attraverso una Sovvenzione Globale (artt.

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015 Start Up Innovative -Le imprese fanno sistema Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 START UP E INCUBATORI Il Decreto Sviluppo (179/2012), introducendo

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Pisa, 8 febbraio 08 Aula Magna Polo didattico Carmignani, Il nuovo sistema di sostegno alla ricerca industriale dal 2001 è operativo il Decreto Ministeriale

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

Coopstartup FarmAbility

Coopstartup FarmAbility Coopstartup FarmAbility Bando per la selezione di idee di impresa cooperativa innovativa nell agroalimentare Art. 1 Contesto e obiettivi Coopstartup FarmAbility è un progetto sperimentale per favorire

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA TRA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA S.p.A.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

INNOVAZIONE, RICERCA E SPIN OFF IMPRENDITORIALE LE NUOVE STRADE DEL LAVORO PASSANO DI QUI

INNOVAZIONE, RICERCA E SPIN OFF IMPRENDITORIALE LE NUOVE STRADE DEL LAVORO PASSANO DI QUI INNOVAZIONE, RICERCA E SPIN OFF IMPRENDITORIALE LE NUOVE STRADE DEL LAVORO PASSANO DI QUI IL PROGETTO Il progetto DONNE E SCIENZA: ricerca, innovazione e spin-off imprenditoriale è un percorso integrato

Dettagli

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione.

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. Treviso, 24 febbraio 2015 Smart Specialisation Strategy Rappresenta il rafforzamento delle specializzazioni del territorio e la promozione

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA Un partner per crescere API SONDRIO L Associazione Piccole e Medie Industrie di Valtellina e Valchiavenna è una realtà fortemente voluta dagli

Dettagli

Piano Regionale della Ricerca Biomedica e Sanitaria Ligure

Piano Regionale della Ricerca Biomedica e Sanitaria Ligure Piano Regionale della Ricerca Biomedica e Sanitaria Ligure Estensori: Paolo Bruzzi Giorgio Musso GianMario Sambuceti Del Dipartimento Salute: Cristina Grandi Simonetta Oliveri Laura Paleari Gabriella Paoli

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE Ce COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE 06 Ce commercio estero e internazionalizzazione 1 01 Commercio estero e internazionalizzazione L Ufficio commercio estero e internazionalizzazione svolge attività

Dettagli

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Ravenna, 26 Settembre 2012 Tiziano Terlizzese NIER Ingegneria S.p.A. IL RAGGRUPPAMENTO La rete di imprese è composta da 3 PMI con un alta propensione

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

SCHEDA PROGETTO BCNL - SCUOLA

SCHEDA PROGETTO BCNL - SCUOLA PROGETTO TRASFERIMENTO BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO SCHEDA PROGETTO BCNL - SCUOLA Piano di attività integrate fra i progetti: Ministero Pubblica Istruzione - Impresa Formativa Simulata e Ministero

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

Politecnico di Torino: Lavoro, Imprese e Poli di Innovazione

Politecnico di Torino: Lavoro, Imprese e Poli di Innovazione Politecnico di Torino: Lavoro, Imprese e Poli di Innovazione Guido Saracco Presidente del CESAL, Centro Servizi per la sede di Alessadnria Alessandria 11.07.2011 30 29 Marzo Giugno 2010 2011 Area Supporto

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

ReFIMED. Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo

ReFIMED. Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo ReFIMED Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo Finanza agevolata Finanza ordinaria e servizi finanziari alle PMI Comunicazione e Sviluppo Commerciale Formazione Sistemi per la Qualità ReFIMED è vicina

Dettagli

ROBOTICA A SCUOLA PROGETTI DI INNOVAZIONE DIDATTICA E DI ORIENTAMENTO IN ENTRATA E IN USCITA Edizione 2012-2013

ROBOTICA A SCUOLA PROGETTI DI INNOVAZIONE DIDATTICA E DI ORIENTAMENTO IN ENTRATA E IN USCITA Edizione 2012-2013 ROBOTICA A SCUOLA PROGETTI DI INNOVAZIONE DIDATTICA E DI ORIENTAMENTO IN ENTRATA E IN USCITA Edizione 2012-2013 Ente proponente: Provincia di Torino Assessorato Istruzione - Servizio Istruzione e Orientamento

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

Percorsi per l arricchimento e la qualificazione dei percorsi biennali delle Fondazioni ITS

Percorsi per l arricchimento e la qualificazione dei percorsi biennali delle Fondazioni ITS Percorsi per l arricchimento e la qualificazione dei percorsi biennali delle Fondazioni ITS CULTURA E SVILUPPO DELL INNOVAZIONE Le attività sono gratuite in quanto finanziate dalla Regione Emilia-Romagna

Dettagli

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto ForIndLog Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto Fondo Sociale Europeo Misura D.4 Miglioramento delle risorse umane nel settore

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

Collegare filiere formative e produttive. Verso i Cluster e i Poli Tecnico Professionali in Regione Lombardia. Valentina Aprea

Collegare filiere formative e produttive. Verso i Cluster e i Poli Tecnico Professionali in Regione Lombardia. Valentina Aprea Collegare filiere formative e produttive Verso i Cluster e i Poli Tecnico Professionali in Regione Lombardia Valentina Aprea Dal diritto allo studio al diritto all occupabilità il diritto all occupazione

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti di Ricerca e Imprese Bando di selezione imprese We Tech Off

Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti di Ricerca e Imprese Bando di selezione imprese We Tech Off Scadenza 31 dicembre 2011 Scadenza intermedia: 30.04.2010 per servizi pre-incubazione Scadenza intermedia: 16.07.2010 per servizi incubazione Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti

Dettagli

INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI A FAVORE DELLE IMPRESE DEL SETTORE AGROALIMENTARE

INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI A FAVORE DELLE IMPRESE DEL SETTORE AGROALIMENTARE A cura di: INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI A FAVORE DELLE IMPRESE DEL SETTORE AGROALIMENTARE PRESENTAZIONE DEI RISULTATI 1 - Criticità - Fabbisogni - Tendenze di sviluppo Il presente rapporto illustra

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

PARTNER DI PROGETTO. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Industriale

PARTNER DI PROGETTO. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Industriale PARTNER DI PROGETTO Il raggruppamento dei soggetti attuatori è altamente qualificato. Da una parte, la presenza di quattro aziende del settore ICT garantirà, ognuna per le proprie aree di competenza, un

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia Università degli Studi di Parma Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia La Sicurezza degli alimenti tema prioritario per l opinione pubblica e nell agenda dei governi mondiali

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

Il progetto europeo ACT CLEAN: Opportunità per le imprese del settore legno arredo

Il progetto europeo ACT CLEAN: Opportunità per le imprese del settore legno arredo Il progetto europeo ACT CLEAN: Opportunità per le imprese del settore legno arredo Pesaro, 27 maggio 2010 Caterina Rinaldi ENEA Bologna Laboratorio LCA & Ecodesign ENEA Caterina Rinaldi Il progetto EU

Dettagli

Innovazione di Prodotto e Processo. Progetto PROMETEO

Innovazione di Prodotto e Processo. Progetto PROMETEO Innovazione di Prodotto e Processo Contesto È sempre più condiviso il concetto che l innovazione è uno degli strumenti chiave per il mantenimento e la crescita della competitività delle imprese, ma poche

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Valentina Montesarchio Vice Segretario Generale Unioncamere del Veneto Unioncamere del Veneto e Regione del Veneto stanno definendo le attività per la prosecuzione

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

PROGETTO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE

PROGETTO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE PROGETTO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE 1. Descrizione e obiettivo Il Progetto CoopLiguria Startup è una iniziativa di Coop Liguria, svolta in collaborazione con Legacoop Liguria e Coopfond,

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Piano Nazionale di Prevenzione dello Spreco Alimentare (PINPAS) Contributo n 76

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Piano Nazionale di Prevenzione dello Spreco Alimentare (PINPAS) Contributo n 76 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Piano Nazionale di Prevenzione dello Spreco Alimentare (PINPAS) Contributo n 76 2014 PINPAS Piano Nazionale di Prevenzione degli Sprechi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale

Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale Perché la crisi non diventi declino Idee e proposte per Veneto 2015 Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale Vicenza, 6 luglio 2013 Giancarlo Corò Sommario 1. Tendenze di lungo periodo dell

Dettagli

Regolamento per gli Spin Off accademici dell Università degli Studi di Genova

Regolamento per gli Spin Off accademici dell Università degli Studi di Genova Regolamento per gli Spin Off accademici dell Università degli Studi di Genova Art.1 Spin off accademico 1. Il concetto di spin off è stato introdotto nella legislazione riguardante il mondo della ricerca,

Dettagli

Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management del rischio

Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management del rischio Tecnologie ICT per le Piccole e Medie Imprese Ciclo di Seminari sulle Tecnologie ICT per le Piccole e Medie Imprese Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management

Dettagli

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI MISSIONE IMPRESA capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI con le risorse del fondo per lo sviluppo dell imprenditoria giovanile in agricoltura

Dettagli

L Istituto Galileo GALILEI di Crema

L Istituto Galileo GALILEI di Crema L Istituto Galileo GALILEI di Crema in continuità con la sua proposta formativa propone, a partire dall a.s. 2010/11, corsi quinquennali di: - ISTITUTO TECNOLOGICO, diurni e serali (ex ITIS) - LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico CONTESTO L importanza crescente della programmazione comunitaria nelle politiche di sviluppo locale, sia in termini di

Dettagli

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica Comitato CODAU per il Coordinamento degli Uffici di Supporto alla Ricerca Scientifica Promosso da dieci università: Università di Torino, Pavia, Modena e Reggio Emilia, Bologna, Roma La Sapienza, Palermo,

Dettagli

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio Allegato A) Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio A.1 Settore economico A.2 Settore tecnologico Il presente allegato è stato redatto con riferimento alle

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

TIROCINI FORMATIVI DI GIOVANI LAUREATI

TIROCINI FORMATIVI DI GIOVANI LAUREATI Città di Vignola seconda edizione INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE PROGETTI AL COMUNE DI VIGNOLA PER OSPITARE TIROCINI FORMATIVI DI GIOVANI LAUREATI A SUPPORTO DI ATTIVITA DI RICERCA SCIENTIFICA, TECNOLOGICA,

Dettagli

Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento

Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento Camera di Commercio di Treviso Bando di concorso per la concessione di contributi alle PMI per favorire l'innovazione, la competitivitá, per l'applicazione di tecnologie avanzate e la salvaguardia dell'ambiente

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice Linee guida strategiche e policy operativa in tema di valorizzazione della ricerca e di diritti di proprietà intellettuale all Università degli Studi di Brescia dicembre 2014 - ver.1.0 Indice 1. Premessa

Dettagli

Filas vademecum. Filas. gli strumenti, le azioni, i progetti. della Finanziaria laziale di sviluppo. Finanziaria laziale di sviluppo

Filas vademecum. Filas. gli strumenti, le azioni, i progetti. della Finanziaria laziale di sviluppo. Finanziaria laziale di sviluppo Per maggiori informazioni e per la modulistica www.filas.it Filas vademecum gli strumenti, le azioni, i progetti della Finanziaria laziale di sviluppo Finanziaria laziale di sviluppo Filas Interventi nel

Dettagli

Consorzio Nazionale Serramentisti. Insieme per fare la differenza

Consorzio Nazionale Serramentisti. Insieme per fare la differenza Consorzio Nazionale Serramentisti Insieme per fare la differenza Insieme LegnoLegno è un Consorzio Nazionale di servizi per la valorizzazione delle attività imprenditoriali del settore serramento. Il marchio

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

da una parte dall altra

da una parte dall altra Area Generale di Coordinamento 17 - Istruzione, Educazione, Formazione Professionale, Osservatorio Regionale Settore 03 - Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù Agenzia Nazionale per

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Progetto Atipico. Partners

Progetto Atipico. Partners Progetto Atipico Partners Imprese Arancia-ICT Arancia-ICT è una giovane società che nasce nel 2007 grazie ad un gruppo di professionisti che ha voluto capitalizzare le competenze multidisciplinari acquisite

Dettagli