Pavimenti e rivestimenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pavimenti e rivestimenti"

Transcript

1 R 9811 Pavimenti e rivestimenti Requisiti in materia di resistenza antisdrucciolo negli ambiti pubblici e privati con pavimenti scivolosi Martin Hugi Berna 2005 Lista dei requisti

2 Collophon Editore: Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni upi Laupenstrasse 11 CH-3008 Berna Tel Fax Internet Autore: Martin Hugi, ing. dipl. SUP, Capo del servizio Casa, tempo libero e prodotti, upi Redazione: Jörg Thoma, ing. dipl. TH, Capo del dipartimento Ricerca e Consulenza, upi Stampa: Bubenberg Druck- und Verlags-AG Monbjioustrasse Bern 1/2004/500 2/2005/500 bfu Tutti i diritti sono riservati; la riproduzione del testo, anche parziale, con procedimento fotomeccanico (fotocopiatura, microfilm) è consentita solo con espressa autorizzazione e indicazione dell'editore.

3 Sommario Sommario I. INTRODUZIONE 1 II. APPLICAZIONE 3 III. SPAZIO DI RACCOLTA V 3 IV. CLASSI DI VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA ALLO SCIVOLAMENTO DI PAVIMENTI 4 V. PARAGONE DI GRUPPI DI VALUTAZIONE 6 VI. REQUISITI PER I PAVIMENTI USATI NELL AMBITO NON PROFESSIONALE (INP) 8 VII. GRUPPO DI LAVORO 13

4

5 Introduzione 1 I. INTRODUZIONE Perché questa lista dei requisiti Per quasi tutti noi camminare è un movimento automatico che compiamo quotidianamente. Proprio per questo motivo tendiamo a sottovalutare i pericoli di caduta. Considerando soltanto l'ambito domestico, il giardinaggio e il tempo libero, in Svizzera, si registrano ogni anno circa 230'000 infortuni da caduta in piano o sulle scale. In 900 casi circa tali cadute hanno esiti fatali e di questi oltre il 90 % riguardano persone con età superiore a 65 anni. Nella classifica degli infortuni domestici più frequenti l'infortunio provocato da scivolamenti e incespicamenti occupa il primo posto, mentre è al secondo posto tra gli incidenti più frequenti nell'industria e nell'artigianato. Per questo motivo, ai fini della prevenzione degli infortuni riveste un'enorme importanza la produzione di pavimenti sicuri. Scelta della pavimentazione adeguata Al momento di progettare, ristrutturare o risanare un locale o un impianto ci si chiede quale sia la pavimentazione più adeguata. È quindi importante sapere quali requisiti deve soddisfare in futuro un determinato ambiente o rivestimento. Bisogna accertarsi se un determinato pavimento presenta proprietà antisdrucciolo adeguate in base alla sua destinazione d'uso e se non presenta pericoli di inciampare. Ma non bisogna neppure trascurare altri requisiti importanti, come la resistenza alle sollecitazioni meccaniche, fisiche o chimiche o l'aderenza al sottofondo. Per non parlare, infine, della sua pulibilità. Una pavimentazione sicura implica anche una manutenzione e una riparazione ottimale. Se un pavimento è danneggiato, aumentano di conseguenza i rischi di incespicamento, il trasporto viene ostacolato e ci sono svantaggi anche dal punto di vista igienico. Spesso, occorre trovare un compromesso tra questi diversi requisiti, senza però mai trascurare l'importanza del fattore "sicurezza". Destinatari Questo documento si rivolge a progettisti, architetti, delegati alla sicurezza upi nei comuni, esperti della sicurezza CFSL, amministrazioni immobiliari, committenti, amministratori edili, rappresentanti del settore pavimenti e rivestimenti, esperti nella costruzione di impianti sportivi e a tutti coloro che si interessano al problema della sicurezza. Lo scopo è evitare il più

6 2 Introduzione possibile gli infortuni da caduta e incespicamento a causa di una pavimentazione inadeguata. Generalità La presente documentazione non ha potuto tener conto di tutti i tipi di edifici, dei diversi usi dei locali o dell arredamento. L importante è che venga garantita la sicurezza. Pertanto vanno analizzati i pericoli per ogni oggetto e attuate le misure necessarie. 1 1 In materia di sicurezza dei pavimenti, l upi ha pubblicato l ampia documentazione "Pavimenti e rivestimenti; Progettazione, posa e manutenzione di pavimenti sicuri" ottenibile indicando il numero di ordinazione R 0210.

7 Applicazione / Spazio di raccolta V 3 II. APPLICAZIONE La presente lista dei requisiti è destinata soprattutto all ambito non professionale e offre consigli sulle misure minime da applicare per i locali privati e pubblici con pavimenti sdrucciolevoli. Si tratta di luoghi dove il pavimento può essere reso scivoloso da macchie di grasso, di olio, da acqua, da sapone, da sporco, da resti di cibo, ecc. La direttiva relativa all ordinanza 3 della legge sul lavoro art. 14 "Pavimenti" prevede che nei luoghi di lavoro (IP), i pavimenti devono essere antisdrucciolevoli e non porre problemi per la pulizia. L upi consiglia che questa misura venga applicata anche nell ambito non professionale (INP). I procedimenti descritti nella presente documentazione per testare la resistenza antisdrucciolo e per la classificazione dei pavimenti si basano sul procedimento DIN della superficie piana inclinata nonché sui metodi di collaudo dell EMPA di San Gallo. III. SPAZIO DI RACCOLTA V In presenza di sostanze che facilitano lo scivolamento, i pavimenti dotati semplicemente di una superficie antisdrucciolevole piana non bastano più. In tal caso occorre prevedere dei cosiddetti spazi di raccolta al di sotto della superficie di calpestio. Tali spazi, misurati in cm 3 /dm 2, vengono suddivisi nelle categorie V4 (4 cm 3 per dm 2 ) fino a V10 (10 cm 3 per dm 2 ). La Germania e la Svizzera effettuano le misurazioni in base allo stesso criterio di prova disciplinato nella norma DIN

8 4 Classi di valutazione della resistenza allo scivolamento di pavimenti IV. CLASSI DI VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA ALLO SCIVOLAMENTO DI PAVIMENTI Tabella 1: Paragone dei sistemi di collaudo Sistemi di prova Come si misura? Con quale apparecchio? Valutazione secondo upi*/suva/empa/uni Wuppertal Misurazione in laboratorio con macchina Apparecchio per test dei pavimenti e scarpe BST 2000 Valutazione secondo BIA*** e SFV** Test con persone che vi camminano sopra Rampa mobile Cosa si misura? Attrito radente Angolo di accettanza (inclinazione) Dove è valida la misurazione? Regolamenti di prova Dispositivo di regole scarpe Dispositivo di regole piedi nudi Norma misurazione scarpe Norma misurazione piedi nudi Verifica del volume della cavità di deflusso per pavimenti con rilievi Valore limite scarpe Valore limite piedi nudi Schema valutazione scarpe Schema valutazione piedi nudi Per tutti i campi d'applicazione Regolamento di prova upi/empa R 9729* Regolamento di prova* upi/empa R 9729 CEN-TC 134 (in elaborazione) R 9729 Uso commerciale, in prevalenza materiali ceramici Foglio informativo ZH 1/571 ** Foglio informativo GUV *** DIN pren in preparazione DIN secondo DIN secondo DIN in base a regolamento di prova in base a regolamento di prova GS1 GS4 GB1 GB3 finché la persona che esegue il test si sente "insicura" finché la persona che esegue il test si sente "insicura" R9 R13 A, B, C

9 Classi di valutazione della resistenza allo scivolamento di pavimenti 5 Valutazione secondo upi*/suva/empa/uni Wuppertal Valutazione secondo BIA*** e SFV** Requisiti di prova Agente esterno scarpe Agente esterno piedi nudi Lubrificante scarpe Lubrificante piedi nudi Vantaggi/svantaggi Vantaggi Svantaggi Laboratorio di prova Laboratorio di prova per scarpe Laboratorio di prova per piedi nudi Acqua, agente bagnante 0.5 %, glicerina Acqua, agente bagnante 0.5 % Scarpe da strada, scarpe da lavoro Sostitutivi dell'epidermide Misurazione riproducibile con una macchina; risultato affidabile; misurazione dell'attrito radente è rilevante per la dinamica infortunistica con caduta Relativamente complicato; strumenti di misurazione pesanti in sede stabile EMPA Lerchenfeldstr San Gallo EMPA Lerchenfeldstr San Gallo Olio per motori 10W30 Acqua, agente bagnante 0.1 % Scarpe di sicurezza / da lavoro Aree con calpestio a piedi nudi Si considera anche il comportamento umano Esiti differenti secondo la persona che si sottopone al test; giudizio rel. soggettivo; processo artificiale; BIA Lindenstr. 78 D St. Augustin SFV Im langen Felde 4 D Burgwedel * Disponibile presso Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni upi, Laupenstr. 11, Casella postale, 3001 Berna ** Disponibile presso Säurefliesner-Vereinigung e.v. Im Langen Felde 4, D Burgwedel *** Disponibile presso BIA, Lindenstr. 78, D St. Augustin

10 6 Paragone di gruppi di valutazione V. PARAGONE DI GRUPPI DI VALUTAZIONE In Svizzera i rivestimenti per pavimenti vengono suddivisi nelle classi GS1 GS4 (scarpe) e GB1 GB3 (piedi nudi). La resistenza allo scivolamento (attrito radente) viene identificata su un banco di misura in laboratorio. In Germania si suddividono i pavimenti, soprattutto per quanto riguarda l'ambito della sicurezza sul lavoro, nelle categorie R9 R13 (scarpe) e A, B, C (piedi nudi). La resistenza allo scivolamento (attrito statico) è misurata ricorrendo a persone che indossano scarpe di sicurezza con suola in gomma durante l'esecuzione dei test su una rampa mobile. Tabella 2: Raffronto misurazione con macchina e prove di calpestio Coefficiente di attrito radente µ Attrito radente upi / EMPA upi / EMPA settore scarpe settore piedi nudi Angolo inclinazione rampa α Angolo d inclinazione Settore scarpe Settore piedi (sporco di olio) nudi Angolo inclinazione rampa α > 0.6 GS 4 GB 3 > R13 R 12 C > GS 3 GB GS 2 GB R11 B > GS R10 A > 3 10 R 9 I risultati ottenuti dall'upi/empa e le misurazioni sul "piano inclinato" svolte con persone non possono essere raffrontati direttamente, poiché il metodo e le condizioni di misurazione si differenziano in modo sostanziale. Entrambi i metodi di misurazione sono diffusi e riconosciuti in Svizzera.

11 Paragone di gruppi di valutazione 7 Immagine 1: Apparecchio di prova per pavimenti e scarpe BST EMPA San Gallo (foto: upi) Immagine 2: Superficie inclinata (foto: BIA D- St.Augustin)

12 8 Requisiti per i pavimenti usati nell ambito non professionale (INP) VI. REQUISITI PER I PAVIMENTI USATI NELL AMBITO NON PROFESSIONALE (INP) Tabella 3: Luoghi e ambiti generali Impiego Gruppo valutazione upi/empa/ Uni Wuppertal DIN 51130/ Luoghi e ambiti generali: Scala esterna scoperta GS3 R 12 Scala esterna coperta GS2 R 11 Scala esterna chiusa GS1 R 10 Treppenhaus Mehrfamilienhaus GS1 R 10 Scala interna (siehe Tabelle 1) GS1 R 10 Negli atri si consiglia in generale l'uso di zerbini Sotto atri si intende gli ambiti collegati direttamente da entrate con l'esterno e in cui può arrivare rispettivamente essere portata umidità dall'esterno. Atri con zerbini GS1 R 10 Atri senza zerbini GS2 R 11 Scale su cui può arrivare rispettivamente essere portata umidità dall'esterno. Accesso scale con zerbini GS1 R 10 Accesso scale senza zerbini GS2 R 11 Terrazza coperta GS1 R 10 Terrazza scoperta GS2 R 11 Cantina, locale riscaldamenti, locale asciugatoio, lavanderia GS1 R 10 Rimesse per veicoli a due ruote GS1 R 10 Autorimesse rampe di accesso 2 GS3 R 12 Autorimesse, garage GS2 R 11 2 Norme VSS Indirizzo: Associazione svizzera dei professionisti della strada e dei trasporti VSS, Seefeldstrasse 9, 8008 Zurigo

13 Requisiti per i pavimenti usati nell ambito non professionale (INP) 9 Tabella 4: Alberghi, ristoranti Impiego Gruppo valutazione upi/empa/ Uni Wuppertal DIN 51130/ Alberghi, ristoranti: Ascensore, scale mobili GS1 R 10 Ristorante, sala da pranzo GS1 R 10 Ristorante, gabinetti GS1 R 10 Sauna e zone di riposo (prevalentemente asciutto) GB1 A Bagno GB1 A Doccia, vasca da bagno GB2 B Cucina GS2 R 11 Tabella 5: Servizi e uffici pubblici Servizi e uffici pubblici: Sportelli GS1 R 10 Gabinetti GS1 R 10 Mensa GS1 R 10 Tabella 6: Artigianato e commercio Artigianato e commercio: Punto vendita generi alimentari GS2 R 11 Punto vendita generi non alimentari GS1 R 10 Ascensore, scale mobili GS1 R 10 Ristorante, sala da pranzo GS1 R 10 Ristorante, gabinetti GS1 R 10 Gabinetti pubblici GS2 R 11 Mensa GS1 R 10 Tabella 7: Sanità pubblica, case anziani, ospedali Sanità pubblica, case per anziani, ospedali: Ascensore, scale mobili GS1 R 10 Corridoio GS1 R 10 Ristorante, sala da pranzo GS1 R 10 Veranda vetrata GS1 R 10 Gabinetti GS1 R 10 Camera dei pazienti GS1 R 10 Bagno, doccia pavimento GB1 A Doccia, vasca GB2 B Docce senza soglie, percorribile (locale intero) GB2 B Sauna e zone di riposo (prevalentemente asciutto) GB1 A Locale di terapia GS1 R 10 Cucina GS2 R 11

14 10 Requisiti per i pavimenti usati nell ambito non professionale (INP) Tabella 8: Abitazione, ambito privato Impiego Gruppo valutazione upi/empa/ Uni Wuppertal DIN 51130/ Abitazioni, ambito privato: Ascensore GS1 R 10 Cucina 3 GS1 R 10 Bagno GB1 A Doccia, vasca GB2 B Veranda vetrata GS1 R 10 Tabella 9: Varia Varia: Chiesa GS1 R 10 Sala riunioni GS1 R 10 Museo, sala cinematografica GS1 R 10 Tabella 10: Scuole, scuole dell infanzia, impianti sportivi Scuole, scuole dell infanzia/impianti sportivi 4 Ascensore GS1 R 10 Gabinetti GS1 R 10 Cucina GS2 R 11 Laboratorio GS1 R 10 Mensa GS1 R 10 Doccia, vasca GB2 B Spogliatoio GB1 A 3 Dove acqua o cibo può cadere per terra 4 Pavimenti per palestre vedi DIN 18032, parte 2 Indirizzo: Associazione svizzera di normalizzazione SNV, Mühlebachstrasse 54, 8008 Zurigo

15 Requisiti per i pavimenti usati nell ambito non professionale (INP) 11 Tabella 11: Piscine, saune Impiego Gruppo valutazione upi/empa/ Uni Wuppertal DIN 51130/ Settori agibili a piedi nudi: locali umidi, piscine, saune Corridoi agibili a piedi nudi (normalmente asciutti) GB1 A Corridoi agibili a piedi nudi che devono soddisfare maggiori esigenze GB2 Spogliatoi singoli o di gruppo GB1 A Docce GB2 B Aree di impianti di disinfezione GB2 B Vasche di passaggio GB3 C Corsie attorno alle vasche GB2 B Bordi di vasche inclinati GB3 C Scale e scalette situate fuori dall area delle vasche GB2 B Scalette di accesso all acqua GB2 B Scale di accesso all acqua larghe al massimo 1 m con corrimano su entrambi i lati Scale di accesso all acqua che devono soddisfare maggiori esigenze GB2 GB3 Rampe che conducono in acqua GB3 C Fondo delle vasche nell area riservata ai non nuotatori, se nell intera area la profondità dell acqua è superiore a 80 cm Fondo delle vasche nell area riservata ai non nuotatori, se in alcune parti la profondità dell acqua è inferiore a 80 cm Fondo di vasche a onde nell area riservata ai non nuotatori GB1 GB2 GB2 Pavimenti sollevabili GB2 B Vasche per bambini GB2 B Bagni terapeutici GB2 o GB3 B o C Sauna e zone di riposo (prevalentemente asciutto) GB1 A Saune e aree di riposo che devono soddisfare maggiori esigenze GB2 B B C A B B B

16 12 Requisiti per i pavimenti usati nell ambito non professionale (INP) Tabella 12: Imprese di trasporto Impiego Gruppo valutazione upi/empa/ Uni Wuppertal DIN / Imprese di trasporto: Ascensore, scale mobili coperti GS2 R 11 Ascensore, scale mobili all aperto GS3 R 12 Area di servizio GS1 R 10 Gabinetti GS1 R 10 Marciapiede, binario coperti o sotterranei GS3 R 12 Marciapiede, binario all aperto (esposti alle intemperie) GS4 R 13 Stazione ferroviaria di montagna GS4 / V4 R 13 / V 4 Autorimesse rampe di accesso GS3 R 12 Vagone ferroviario, area d entrata GS2 R 11 Vagone ferroviario, area posti a sedere GS2 R 11 Autobus, Tram GS3 R 12 Tabella 13: Ambienti esterni Ambienti esterni: Piazza mercato, Piazza GS3 R 12 Cortili Parcheggio all aperto Strade Magazzino all aperto Rampe per caricamento coperte GS1 oder GS1 V4 GS1 oder GS1 V4 GS1 oder GS1 V4 GS2 oder GS1 V4 GS2 oder GS1 V4 Rampe per caricamento non coperte GS3 R 12 Rampe inclinate (p. es. per sedie a rotelle, ponti per caricamento) GS3 R 12 Autolavaggio GS2 R 11 Distributore di carburante GS3 R 12 Distributore di carburante coperto GS2 R 11 Sottopassaggi/gallerie GS2 R 11 Atri e scale al coperto GS1 oder GS1 V4 R 11 o R 10 V4 R 11 o R 10 V4 R 11 o R 10 V4 R 11 o R 10 V4 R 11 o R 10 V4 R 11 o R 10 V4

17 Gruppo di lavoro 13 VII. GRUPPO DI LAVORO Il presente elenco è stato elaborato dall Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni upi in collaborazione con la Suva, gli ispettorati cantonali del lavoro, il LPMR e i fabbricanti di pavimenti. Membri del gruppo di lavoro: Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni upi (Presidenza) Forbo Giubiasco SA Interessengemeinschaft der Schweizer Parkett- Industrie ISP Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Suva Laboratorio federale di prova dei materiali e di ricerca LPMR Natursteinverband Schweiz NSV Schweizerischer Plattenverband SPV Ufficio cantonale dell industria, delle arti e mestieri e del lavoro di Soletta Verband Schwei. Fachgeschäfte für Linoleum, Spezialbodenbeläge, Teppiche und Parkett VSLT Verband Schweizerischer Hafner- und Plattengeschäfte VHP Walo Bertschinger AG Martin Hugi Simon Käppeli Bernhard Lysser Fritz Meyer Siegfried Derler Alex Mojon Toni Braun Hans Riechsteiner Max Werder Hanspeter Mannhart Andreas Zeller

18 14 Documentazione upi Circolazione stradale Sicurezza sul percorso casa-scuola (R 9511) Misure di moderazione del traffico (R 9513) Sport Palestre - Raccomandazioni per la pianificazione, la costruzione e l'esercizio (R 9208) Piscine coperte e scoperte Raccomandazioni per la pianificazione, la costruzione e l esercizio (R 9805) Sport per anziani: sicurezza e prevenzione degli infortuni (R 0113) Casa, giardino, tempo libero Pavimenti e rivestimenti Lista dei rquisti (R 9811) Oasi ricreative Consigli per la pianificazione e l'arredo di oasi ricreative sicure e invitanti (R 0101) Pavimenti e rivestimenti Progettazione, posa e manutenzione di pavimenti sicuri (R 0210) Acque artificiali e minori Consigli per la sicurezza (R 0402) Documentazioni di carattere generale La prevenzione degli infortuni che subiscono i bambini e i ragazzi fino a 16 anni (R 9508)

Lista dei requisiti: pavimenti e rivestimenti

Lista dei requisiti: pavimenti e rivestimenti Documentazione tecnica 2.032 dell upi Lista dei requisiti: pavimenti e rivestimenti Autore: Berna 2014 Markus Buchser upi Ufficio prevenzione infortuni Documentazione tecnica dell'upi 2.032 Lista dei

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che seguono

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

Contenuto e scopo. 1. Campo d applicazione. Aiuto all applicazione EN-12 Energia elettrica, SIA 380/4, Parte illuminazione Edizione giugno 2011

Contenuto e scopo. 1. Campo d applicazione. Aiuto all applicazione EN-12 Energia elettrica, SIA 380/4, Parte illuminazione Edizione giugno 2011 Aiuto all applicazione EN-12 Energia elettrica, SIA 380/4, Parte illuminazione Edizione giug 2011 Contenuto e scopo La presente scheda tratta le egenze energetiche degli edifici per la parte illuminazione.

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Istruzioni per organizzare una «caccia alle trappole»

Istruzioni per organizzare una «caccia alle trappole» Istruzioni per organizzare una «caccia alle trappole» Un infortunio su tre in Svizzera è dovuto a una caduta in piano. Inciampare e scivolare sono dunque le cause d infortunio più frequenti. Sul lavoro

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Piena visibilità, anche con il filtro antiparticolato. Soluzioni tecniche per prevenire gli infortuni con le macchine di cantiere

Piena visibilità, anche con il filtro antiparticolato. Soluzioni tecniche per prevenire gli infortuni con le macchine di cantiere Piena visibilità, anche con il filtro antiparticolato Soluzioni tecniche per prevenire gli infortuni con le macchine di cantiere Spesso succede che le macchine di cantiere debbano essere dotate a posteriori

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Nuova dimensione : pannello 600 x 600 mm Assorbimento Acustico Elevato Una scelta di 7 colori Resistenza al Ball Test www.eurocoustic.com Un offerta dedicata

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio

Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio Costruire, ristrutturare e risanare Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio GEV spiega gli aspetti da considerare

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Seminario 8 novembre 2012 Die Naturkraft aus Schweizer Stein Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Mirko Galli Arch. Dipl. ETH physarch sagl, Viaganello FLUMROC AG Postfach

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

La prevenzione delle cadute nell anziano

La prevenzione delle cadute nell anziano Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari La prevenzione delle cadute nell anziano Consigli utili Indice II problema delle

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

CONSORZIO REAL CLEAN GROUP

CONSORZIO REAL CLEAN GROUP (Pag. 1) CONSORZIO REAL CLEAN GROUP (Pag. 2) AGENDA Il Consorzio Le Aziende Consorziate I Servizi I Nostri Clienti Mission Dove Siamo Dove Operiamo (Pag. 3) IL CONSORZIO.: Il nasce da un team di imprese

Dettagli

INVITO A MANIFESTARE INTERESSE PER LA CONDUZIONE E LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI PULIZIA E SANIFICAZIONE E DI ASSISTENZA

INVITO A MANIFESTARE INTERESSE PER LA CONDUZIONE E LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI PULIZIA E SANIFICAZIONE E DI ASSISTENZA INVITO A MANIFESTARE INTERESSE PER LA CONDUZIONE E LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI PULIZIA E SANIFICAZIONE E DI ASSISTENZA BAGNANTI E PULIZIA VASCHE DEGLI EDIFICI E DELLE PISCINE, NONCHE DI ACCOGLIENZA

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana)

FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana) FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana) n.prog.: Iniz: Luogo di abitazione: Data di nascita: Dominio

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Appena sfornate! Calde... pizze dal Pizzaport Per un ottimo isolamento: struttura

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 D: Quale normativa occorre applicare nel caso di attività di somministrazione di alimenti e bevande all interno di una palestra

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli