Pavimenti e rivestimenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pavimenti e rivestimenti"

Transcript

1 R 9811 Pavimenti e rivestimenti Requisiti in materia di resistenza antisdrucciolo negli ambiti pubblici e privati con pavimenti scivolosi Martin Hugi Berna 2005 Lista dei requisti

2 Collophon Editore: Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni upi Laupenstrasse 11 CH-3008 Berna Tel Fax Internet Autore: Martin Hugi, ing. dipl. SUP, Capo del servizio Casa, tempo libero e prodotti, upi Redazione: Jörg Thoma, ing. dipl. TH, Capo del dipartimento Ricerca e Consulenza, upi Stampa: Bubenberg Druck- und Verlags-AG Monbjioustrasse Bern 1/2004/500 2/2005/500 bfu Tutti i diritti sono riservati; la riproduzione del testo, anche parziale, con procedimento fotomeccanico (fotocopiatura, microfilm) è consentita solo con espressa autorizzazione e indicazione dell'editore.

3 Sommario Sommario I. INTRODUZIONE 1 II. APPLICAZIONE 3 III. SPAZIO DI RACCOLTA V 3 IV. CLASSI DI VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA ALLO SCIVOLAMENTO DI PAVIMENTI 4 V. PARAGONE DI GRUPPI DI VALUTAZIONE 6 VI. REQUISITI PER I PAVIMENTI USATI NELL AMBITO NON PROFESSIONALE (INP) 8 VII. GRUPPO DI LAVORO 13

4

5 Introduzione 1 I. INTRODUZIONE Perché questa lista dei requisiti Per quasi tutti noi camminare è un movimento automatico che compiamo quotidianamente. Proprio per questo motivo tendiamo a sottovalutare i pericoli di caduta. Considerando soltanto l'ambito domestico, il giardinaggio e il tempo libero, in Svizzera, si registrano ogni anno circa 230'000 infortuni da caduta in piano o sulle scale. In 900 casi circa tali cadute hanno esiti fatali e di questi oltre il 90 % riguardano persone con età superiore a 65 anni. Nella classifica degli infortuni domestici più frequenti l'infortunio provocato da scivolamenti e incespicamenti occupa il primo posto, mentre è al secondo posto tra gli incidenti più frequenti nell'industria e nell'artigianato. Per questo motivo, ai fini della prevenzione degli infortuni riveste un'enorme importanza la produzione di pavimenti sicuri. Scelta della pavimentazione adeguata Al momento di progettare, ristrutturare o risanare un locale o un impianto ci si chiede quale sia la pavimentazione più adeguata. È quindi importante sapere quali requisiti deve soddisfare in futuro un determinato ambiente o rivestimento. Bisogna accertarsi se un determinato pavimento presenta proprietà antisdrucciolo adeguate in base alla sua destinazione d'uso e se non presenta pericoli di inciampare. Ma non bisogna neppure trascurare altri requisiti importanti, come la resistenza alle sollecitazioni meccaniche, fisiche o chimiche o l'aderenza al sottofondo. Per non parlare, infine, della sua pulibilità. Una pavimentazione sicura implica anche una manutenzione e una riparazione ottimale. Se un pavimento è danneggiato, aumentano di conseguenza i rischi di incespicamento, il trasporto viene ostacolato e ci sono svantaggi anche dal punto di vista igienico. Spesso, occorre trovare un compromesso tra questi diversi requisiti, senza però mai trascurare l'importanza del fattore "sicurezza". Destinatari Questo documento si rivolge a progettisti, architetti, delegati alla sicurezza upi nei comuni, esperti della sicurezza CFSL, amministrazioni immobiliari, committenti, amministratori edili, rappresentanti del settore pavimenti e rivestimenti, esperti nella costruzione di impianti sportivi e a tutti coloro che si interessano al problema della sicurezza. Lo scopo è evitare il più

6 2 Introduzione possibile gli infortuni da caduta e incespicamento a causa di una pavimentazione inadeguata. Generalità La presente documentazione non ha potuto tener conto di tutti i tipi di edifici, dei diversi usi dei locali o dell arredamento. L importante è che venga garantita la sicurezza. Pertanto vanno analizzati i pericoli per ogni oggetto e attuate le misure necessarie. 1 1 In materia di sicurezza dei pavimenti, l upi ha pubblicato l ampia documentazione "Pavimenti e rivestimenti; Progettazione, posa e manutenzione di pavimenti sicuri" ottenibile indicando il numero di ordinazione R 0210.

7 Applicazione / Spazio di raccolta V 3 II. APPLICAZIONE La presente lista dei requisiti è destinata soprattutto all ambito non professionale e offre consigli sulle misure minime da applicare per i locali privati e pubblici con pavimenti sdrucciolevoli. Si tratta di luoghi dove il pavimento può essere reso scivoloso da macchie di grasso, di olio, da acqua, da sapone, da sporco, da resti di cibo, ecc. La direttiva relativa all ordinanza 3 della legge sul lavoro art. 14 "Pavimenti" prevede che nei luoghi di lavoro (IP), i pavimenti devono essere antisdrucciolevoli e non porre problemi per la pulizia. L upi consiglia che questa misura venga applicata anche nell ambito non professionale (INP). I procedimenti descritti nella presente documentazione per testare la resistenza antisdrucciolo e per la classificazione dei pavimenti si basano sul procedimento DIN della superficie piana inclinata nonché sui metodi di collaudo dell EMPA di San Gallo. III. SPAZIO DI RACCOLTA V In presenza di sostanze che facilitano lo scivolamento, i pavimenti dotati semplicemente di una superficie antisdrucciolevole piana non bastano più. In tal caso occorre prevedere dei cosiddetti spazi di raccolta al di sotto della superficie di calpestio. Tali spazi, misurati in cm 3 /dm 2, vengono suddivisi nelle categorie V4 (4 cm 3 per dm 2 ) fino a V10 (10 cm 3 per dm 2 ). La Germania e la Svizzera effettuano le misurazioni in base allo stesso criterio di prova disciplinato nella norma DIN

8 4 Classi di valutazione della resistenza allo scivolamento di pavimenti IV. CLASSI DI VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA ALLO SCIVOLAMENTO DI PAVIMENTI Tabella 1: Paragone dei sistemi di collaudo Sistemi di prova Come si misura? Con quale apparecchio? Valutazione secondo upi*/suva/empa/uni Wuppertal Misurazione in laboratorio con macchina Apparecchio per test dei pavimenti e scarpe BST 2000 Valutazione secondo BIA*** e SFV** Test con persone che vi camminano sopra Rampa mobile Cosa si misura? Attrito radente Angolo di accettanza (inclinazione) Dove è valida la misurazione? Regolamenti di prova Dispositivo di regole scarpe Dispositivo di regole piedi nudi Norma misurazione scarpe Norma misurazione piedi nudi Verifica del volume della cavità di deflusso per pavimenti con rilievi Valore limite scarpe Valore limite piedi nudi Schema valutazione scarpe Schema valutazione piedi nudi Per tutti i campi d'applicazione Regolamento di prova upi/empa R 9729* Regolamento di prova* upi/empa R 9729 CEN-TC 134 (in elaborazione) R 9729 Uso commerciale, in prevalenza materiali ceramici Foglio informativo ZH 1/571 ** Foglio informativo GUV *** DIN pren in preparazione DIN secondo DIN secondo DIN in base a regolamento di prova in base a regolamento di prova GS1 GS4 GB1 GB3 finché la persona che esegue il test si sente "insicura" finché la persona che esegue il test si sente "insicura" R9 R13 A, B, C

9 Classi di valutazione della resistenza allo scivolamento di pavimenti 5 Valutazione secondo upi*/suva/empa/uni Wuppertal Valutazione secondo BIA*** e SFV** Requisiti di prova Agente esterno scarpe Agente esterno piedi nudi Lubrificante scarpe Lubrificante piedi nudi Vantaggi/svantaggi Vantaggi Svantaggi Laboratorio di prova Laboratorio di prova per scarpe Laboratorio di prova per piedi nudi Acqua, agente bagnante 0.5 %, glicerina Acqua, agente bagnante 0.5 % Scarpe da strada, scarpe da lavoro Sostitutivi dell'epidermide Misurazione riproducibile con una macchina; risultato affidabile; misurazione dell'attrito radente è rilevante per la dinamica infortunistica con caduta Relativamente complicato; strumenti di misurazione pesanti in sede stabile EMPA Lerchenfeldstr San Gallo EMPA Lerchenfeldstr San Gallo Olio per motori 10W30 Acqua, agente bagnante 0.1 % Scarpe di sicurezza / da lavoro Aree con calpestio a piedi nudi Si considera anche il comportamento umano Esiti differenti secondo la persona che si sottopone al test; giudizio rel. soggettivo; processo artificiale; BIA Lindenstr. 78 D St. Augustin SFV Im langen Felde 4 D Burgwedel * Disponibile presso Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni upi, Laupenstr. 11, Casella postale, 3001 Berna ** Disponibile presso Säurefliesner-Vereinigung e.v. Im Langen Felde 4, D Burgwedel *** Disponibile presso BIA, Lindenstr. 78, D St. Augustin

10 6 Paragone di gruppi di valutazione V. PARAGONE DI GRUPPI DI VALUTAZIONE In Svizzera i rivestimenti per pavimenti vengono suddivisi nelle classi GS1 GS4 (scarpe) e GB1 GB3 (piedi nudi). La resistenza allo scivolamento (attrito radente) viene identificata su un banco di misura in laboratorio. In Germania si suddividono i pavimenti, soprattutto per quanto riguarda l'ambito della sicurezza sul lavoro, nelle categorie R9 R13 (scarpe) e A, B, C (piedi nudi). La resistenza allo scivolamento (attrito statico) è misurata ricorrendo a persone che indossano scarpe di sicurezza con suola in gomma durante l'esecuzione dei test su una rampa mobile. Tabella 2: Raffronto misurazione con macchina e prove di calpestio Coefficiente di attrito radente µ Attrito radente upi / EMPA upi / EMPA settore scarpe settore piedi nudi Angolo inclinazione rampa α Angolo d inclinazione Settore scarpe Settore piedi (sporco di olio) nudi Angolo inclinazione rampa α > 0.6 GS 4 GB 3 > R13 R 12 C > GS 3 GB GS 2 GB R11 B > GS R10 A > 3 10 R 9 I risultati ottenuti dall'upi/empa e le misurazioni sul "piano inclinato" svolte con persone non possono essere raffrontati direttamente, poiché il metodo e le condizioni di misurazione si differenziano in modo sostanziale. Entrambi i metodi di misurazione sono diffusi e riconosciuti in Svizzera.

11 Paragone di gruppi di valutazione 7 Immagine 1: Apparecchio di prova per pavimenti e scarpe BST EMPA San Gallo (foto: upi) Immagine 2: Superficie inclinata (foto: BIA D- St.Augustin)

12 8 Requisiti per i pavimenti usati nell ambito non professionale (INP) VI. REQUISITI PER I PAVIMENTI USATI NELL AMBITO NON PROFESSIONALE (INP) Tabella 3: Luoghi e ambiti generali Impiego Gruppo valutazione upi/empa/ Uni Wuppertal DIN 51130/ Luoghi e ambiti generali: Scala esterna scoperta GS3 R 12 Scala esterna coperta GS2 R 11 Scala esterna chiusa GS1 R 10 Treppenhaus Mehrfamilienhaus GS1 R 10 Scala interna (siehe Tabelle 1) GS1 R 10 Negli atri si consiglia in generale l'uso di zerbini Sotto atri si intende gli ambiti collegati direttamente da entrate con l'esterno e in cui può arrivare rispettivamente essere portata umidità dall'esterno. Atri con zerbini GS1 R 10 Atri senza zerbini GS2 R 11 Scale su cui può arrivare rispettivamente essere portata umidità dall'esterno. Accesso scale con zerbini GS1 R 10 Accesso scale senza zerbini GS2 R 11 Terrazza coperta GS1 R 10 Terrazza scoperta GS2 R 11 Cantina, locale riscaldamenti, locale asciugatoio, lavanderia GS1 R 10 Rimesse per veicoli a due ruote GS1 R 10 Autorimesse rampe di accesso 2 GS3 R 12 Autorimesse, garage GS2 R 11 2 Norme VSS Indirizzo: Associazione svizzera dei professionisti della strada e dei trasporti VSS, Seefeldstrasse 9, 8008 Zurigo

13 Requisiti per i pavimenti usati nell ambito non professionale (INP) 9 Tabella 4: Alberghi, ristoranti Impiego Gruppo valutazione upi/empa/ Uni Wuppertal DIN 51130/ Alberghi, ristoranti: Ascensore, scale mobili GS1 R 10 Ristorante, sala da pranzo GS1 R 10 Ristorante, gabinetti GS1 R 10 Sauna e zone di riposo (prevalentemente asciutto) GB1 A Bagno GB1 A Doccia, vasca da bagno GB2 B Cucina GS2 R 11 Tabella 5: Servizi e uffici pubblici Servizi e uffici pubblici: Sportelli GS1 R 10 Gabinetti GS1 R 10 Mensa GS1 R 10 Tabella 6: Artigianato e commercio Artigianato e commercio: Punto vendita generi alimentari GS2 R 11 Punto vendita generi non alimentari GS1 R 10 Ascensore, scale mobili GS1 R 10 Ristorante, sala da pranzo GS1 R 10 Ristorante, gabinetti GS1 R 10 Gabinetti pubblici GS2 R 11 Mensa GS1 R 10 Tabella 7: Sanità pubblica, case anziani, ospedali Sanità pubblica, case per anziani, ospedali: Ascensore, scale mobili GS1 R 10 Corridoio GS1 R 10 Ristorante, sala da pranzo GS1 R 10 Veranda vetrata GS1 R 10 Gabinetti GS1 R 10 Camera dei pazienti GS1 R 10 Bagno, doccia pavimento GB1 A Doccia, vasca GB2 B Docce senza soglie, percorribile (locale intero) GB2 B Sauna e zone di riposo (prevalentemente asciutto) GB1 A Locale di terapia GS1 R 10 Cucina GS2 R 11

14 10 Requisiti per i pavimenti usati nell ambito non professionale (INP) Tabella 8: Abitazione, ambito privato Impiego Gruppo valutazione upi/empa/ Uni Wuppertal DIN 51130/ Abitazioni, ambito privato: Ascensore GS1 R 10 Cucina 3 GS1 R 10 Bagno GB1 A Doccia, vasca GB2 B Veranda vetrata GS1 R 10 Tabella 9: Varia Varia: Chiesa GS1 R 10 Sala riunioni GS1 R 10 Museo, sala cinematografica GS1 R 10 Tabella 10: Scuole, scuole dell infanzia, impianti sportivi Scuole, scuole dell infanzia/impianti sportivi 4 Ascensore GS1 R 10 Gabinetti GS1 R 10 Cucina GS2 R 11 Laboratorio GS1 R 10 Mensa GS1 R 10 Doccia, vasca GB2 B Spogliatoio GB1 A 3 Dove acqua o cibo può cadere per terra 4 Pavimenti per palestre vedi DIN 18032, parte 2 Indirizzo: Associazione svizzera di normalizzazione SNV, Mühlebachstrasse 54, 8008 Zurigo

15 Requisiti per i pavimenti usati nell ambito non professionale (INP) 11 Tabella 11: Piscine, saune Impiego Gruppo valutazione upi/empa/ Uni Wuppertal DIN 51130/ Settori agibili a piedi nudi: locali umidi, piscine, saune Corridoi agibili a piedi nudi (normalmente asciutti) GB1 A Corridoi agibili a piedi nudi che devono soddisfare maggiori esigenze GB2 Spogliatoi singoli o di gruppo GB1 A Docce GB2 B Aree di impianti di disinfezione GB2 B Vasche di passaggio GB3 C Corsie attorno alle vasche GB2 B Bordi di vasche inclinati GB3 C Scale e scalette situate fuori dall area delle vasche GB2 B Scalette di accesso all acqua GB2 B Scale di accesso all acqua larghe al massimo 1 m con corrimano su entrambi i lati Scale di accesso all acqua che devono soddisfare maggiori esigenze GB2 GB3 Rampe che conducono in acqua GB3 C Fondo delle vasche nell area riservata ai non nuotatori, se nell intera area la profondità dell acqua è superiore a 80 cm Fondo delle vasche nell area riservata ai non nuotatori, se in alcune parti la profondità dell acqua è inferiore a 80 cm Fondo di vasche a onde nell area riservata ai non nuotatori GB1 GB2 GB2 Pavimenti sollevabili GB2 B Vasche per bambini GB2 B Bagni terapeutici GB2 o GB3 B o C Sauna e zone di riposo (prevalentemente asciutto) GB1 A Saune e aree di riposo che devono soddisfare maggiori esigenze GB2 B B C A B B B

16 12 Requisiti per i pavimenti usati nell ambito non professionale (INP) Tabella 12: Imprese di trasporto Impiego Gruppo valutazione upi/empa/ Uni Wuppertal DIN / Imprese di trasporto: Ascensore, scale mobili coperti GS2 R 11 Ascensore, scale mobili all aperto GS3 R 12 Area di servizio GS1 R 10 Gabinetti GS1 R 10 Marciapiede, binario coperti o sotterranei GS3 R 12 Marciapiede, binario all aperto (esposti alle intemperie) GS4 R 13 Stazione ferroviaria di montagna GS4 / V4 R 13 / V 4 Autorimesse rampe di accesso GS3 R 12 Vagone ferroviario, area d entrata GS2 R 11 Vagone ferroviario, area posti a sedere GS2 R 11 Autobus, Tram GS3 R 12 Tabella 13: Ambienti esterni Ambienti esterni: Piazza mercato, Piazza GS3 R 12 Cortili Parcheggio all aperto Strade Magazzino all aperto Rampe per caricamento coperte GS1 oder GS1 V4 GS1 oder GS1 V4 GS1 oder GS1 V4 GS2 oder GS1 V4 GS2 oder GS1 V4 Rampe per caricamento non coperte GS3 R 12 Rampe inclinate (p. es. per sedie a rotelle, ponti per caricamento) GS3 R 12 Autolavaggio GS2 R 11 Distributore di carburante GS3 R 12 Distributore di carburante coperto GS2 R 11 Sottopassaggi/gallerie GS2 R 11 Atri e scale al coperto GS1 oder GS1 V4 R 11 o R 10 V4 R 11 o R 10 V4 R 11 o R 10 V4 R 11 o R 10 V4 R 11 o R 10 V4 R 11 o R 10 V4

17 Gruppo di lavoro 13 VII. GRUPPO DI LAVORO Il presente elenco è stato elaborato dall Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni upi in collaborazione con la Suva, gli ispettorati cantonali del lavoro, il LPMR e i fabbricanti di pavimenti. Membri del gruppo di lavoro: Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni upi (Presidenza) Forbo Giubiasco SA Interessengemeinschaft der Schweizer Parkett- Industrie ISP Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Suva Laboratorio federale di prova dei materiali e di ricerca LPMR Natursteinverband Schweiz NSV Schweizerischer Plattenverband SPV Ufficio cantonale dell industria, delle arti e mestieri e del lavoro di Soletta Verband Schwei. Fachgeschäfte für Linoleum, Spezialbodenbeläge, Teppiche und Parkett VSLT Verband Schweizerischer Hafner- und Plattengeschäfte VHP Walo Bertschinger AG Martin Hugi Simon Käppeli Bernhard Lysser Fritz Meyer Siegfried Derler Alex Mojon Toni Braun Hans Riechsteiner Max Werder Hanspeter Mannhart Andreas Zeller

18 14 Documentazione upi Circolazione stradale Sicurezza sul percorso casa-scuola (R 9511) Misure di moderazione del traffico (R 9513) Sport Palestre - Raccomandazioni per la pianificazione, la costruzione e l'esercizio (R 9208) Piscine coperte e scoperte Raccomandazioni per la pianificazione, la costruzione e l esercizio (R 9805) Sport per anziani: sicurezza e prevenzione degli infortuni (R 0113) Casa, giardino, tempo libero Pavimenti e rivestimenti Lista dei rquisti (R 9811) Oasi ricreative Consigli per la pianificazione e l'arredo di oasi ricreative sicure e invitanti (R 0101) Pavimenti e rivestimenti Progettazione, posa e manutenzione di pavimenti sicuri (R 0210) Acque artificiali e minori Consigli per la sicurezza (R 0402) Documentazioni di carattere generale La prevenzione degli infortuni che subiscono i bambini e i ragazzi fino a 16 anni (R 9508)

Lista dei requisiti: pavimenti e rivestimenti

Lista dei requisiti: pavimenti e rivestimenti Documentazione 2.032 dell upi Lista dei requisiti: pavimenti e rivestimenti Autore: Berna 2009 Markus Buchser upi Ufficio prevenzione infortuni Documentazione 2.032 dell' upi Pavimenti e rivestimenti

Dettagli

Lista dei requisiti: pavimenti e rivestimenti

Lista dei requisiti: pavimenti e rivestimenti Documentazione tecnica 2.032 dell upi Lista dei requisiti: pavimenti e rivestimenti Autore: Berna 2012 Markus Buchser upi Ufficio prevenzione infortuni Documentazione tecnica dell'upi 2.032 Lista dei requisiti

Dettagli

Lista dei requisiti: pavimenti e rivestimenti

Lista dei requisiti: pavimenti e rivestimenti Documentazione tecnica 2.032 dell upi Lista dei requisiti: pavimenti e rivestimenti Autore: Berna 2014 Markus Buchser upi Ufficio prevenzione infortuni Documentazione tecnica dell'upi 2.032 Lista dei

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private Lista di controllo Accertamento degli spazi abitativi Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private 1. Aspetti generali Gli aspetti generali vanno verificati in ogni locale utilizzato

Dettagli

Concezione di abitazioni destinate agli anziani Promemoria

Concezione di abitazioni destinate agli anziani Promemoria Luglio 2013 Promemoria L integrazione delle persone anziane e dei disabili è un compito importante della nostra società. Le persone anziane dovrebbero poter vivere il più a lungo possibile in modo autosufficiente

Dettagli

Ringhiere e parapetti

Ringhiere e parapetti Opuscolo tecnico Ringhiere e parapetti upi Ufficio prevenzione infortuni Evitare cadute nel vuoto nelle sovrastrutture Negli edifici, le ringhiere e i parapetti adempiono un importante funzione: proteggere

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

B C. della SICUREZZA negli ALBERGHI Manuale ad uso dei lavoratori Informazione ai sensi dell art. 36 e dei Titoli II e III del D.Lgs. 81/2008 e s.m.

B C. della SICUREZZA negli ALBERGHI Manuale ad uso dei lavoratori Informazione ai sensi dell art. 36 e dei Titoli II e III del D.Lgs. 81/2008 e s.m. ROCCO VITALE A B C della SICUREZZA negli ALBERGHI Manuale ad uso dei lavoratori Informazione ai sensi dell art. 36 e dei Titoli II e III del D.Lgs. 81/2008 e s.m. 1 A B C della SICUREZZA negli ALBERGHI

Dettagli

Linee Guida per la Progettazione e l Installazione della ceramica nell architettura Urbana

Linee Guida per la Progettazione e l Installazione della ceramica nell architettura Urbana Linee Guida per la Progettazione e l Installazione della ceramica nell architettura Urbana Dott. Andrea Gilioli Resp. Ricerca e Sviluppo Atlas Concorde L ARCHITETTURA URBANA ARCHITETTURA URBANA AMBIENTI

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Funivie e funicolari D-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nelle funicolari e nelle funivie: requisiti funzionali Funivie e funicolari:

Dettagli

Parchi da gioco per tutti Domanda

Parchi da gioco per tutti Domanda Ferie e tempo libero per disabili Parchi da gioco per tutti Domanda Il presente questionario contiene informazioni circa il parco da giochi in progetto e non sarà usato come griglia di valutazione. Le

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

suva Campo di attività: Principi generali S CE S SCES 008

suva Campo di attività: Principi generali S CE S SCES 008 S CE S SCHWEIZERISCHER ZERTIFIZIERUNGSDIENST SERVICE SUISSE DE CERTIFICATION SERVIZIO SVIZZERO DI CERTIFICAZIONE SWISS CERTIFICATION SERVICE suva SCES 008 Campo di attività: Principi generali Requisiti

Dettagli

DIACRETE. Sistema poliuretanico per pavimentazioni industriali in resina ad elevata resistenza chimica e meccanica

DIACRETE. Sistema poliuretanico per pavimentazioni industriali in resina ad elevata resistenza chimica e meccanica DIACRETE Sistema poliuretanico per pavimentazioni industriali in resina ad elevata resistenza chimica e meccanica Che cosa é? Diacrete rappresenta la soluzione ideale per il mondo delle pavimentazioni

Dettagli

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs)

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs) Mazzano (Bs) li, 27 febbraio 2012 Al Signor Sindaco del Comune di Mazzano (Bs) Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

Ci sono dei luoghi ai quali torniamo. Dopo una vacanza, dopo il lavoro o dopo tanto tempo, ci torniamo con piacere. Luoghi e dintorni nei quali, i

Ci sono dei luoghi ai quali torniamo. Dopo una vacanza, dopo il lavoro o dopo tanto tempo, ci torniamo con piacere. Luoghi e dintorni nei quali, i Ci sono dei luoghi ai quali torniamo. Dopo una vacanza, dopo il lavoro o dopo tanto tempo, ci torniamo con piacere. Luoghi e dintorni nei quali, i nostri sensi sono circondati da un affetto quotidiano.

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA. Servizio pulizie. UNITA OPERATIVA : turno 1 o A (1 piano) ORARIO 7.30-12.30 (per il turno 1) Orario 8.30 12.30 (per il turno A)

PIANO DELLE ATTIVITA. Servizio pulizie. UNITA OPERATIVA : turno 1 o A (1 piano) ORARIO 7.30-12.30 (per il turno 1) Orario 8.30 12.30 (per il turno A) PIANO DELLE ATTIVITA Servizio pulizie UNITA OPERATIVA : turno 1 o A (1 piano) ORARIO 7.30-12.30 (per il turno 1) Orario 8.30 12.30 (per il turno A) ore 8.30 alle ore 11.45 ore 11.45 alle ore 12.30 Pulizia

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALITA

RELAZIONE TECNICA GENERALITA RELAZIONE TECNICA GENERALITA L'Amministrazione del Comune di Gonnoscodina ha conferito all Ing. Elio Musa l'incarico della progettazione, direzione lavori, contabilità, per i lavori riguardanti MANUTENZIONE

Dettagli

Comune di Montopoli in Val D'Arno (Provincia di Pisa). Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno - ( 0571/44.98.

Comune di Montopoli in Val D'Arno (Provincia di Pisa). Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno - ( 0571/44.98. UFFICIO TRIBUTI OGGETTO: DENUNCIA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Locali ad uso diverso da abitazione (da restituire compilata all Ufficio Tributi) MOTIVO DELLA DENUNCIA (barrare l ipotesi che ricorre) INIZIO

Dettagli

Esercizio SN - Sicurezza sul lavoro

Esercizio SN - Sicurezza sul lavoro Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale delle strade USTRA Direttiva Edizione 2011 V2.91 Esercizio SN - Sicurezza sul lavoro Struttura

Dettagli

Lista di controllo Veicoli battipista

Lista di controllo Veicoli battipista Sicurezza realizzabile Lista di controllo Veicoli battipista Qual è il livello di sicurezza durante la guida e la manutenzione dei veicoli battipista nel servizio piste? L uso e la manutenzione dei veicoli

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

Guida al uso per il calcolo dell illuminazione naturale MINERGIE

Guida al uso per il calcolo dell illuminazione naturale MINERGIE Guida al uso per il calcolo dell illuminazione naturale MINERGIE ECO 1. Introduzione Questa guida si riferisce ai fogli di lavoro Excel del nuovo Strumento illuminazione naturale MINERGIE ECO. o strumento

Dettagli

Opuscolo tecnico. Scale. upi Ufficio prevenzione infortuni

Opuscolo tecnico. Scale. upi Ufficio prevenzione infortuni Opuscolo tecnico Scale upi Ufficio prevenzione infortuni Le scale permettono di superare un dislivello. Lo sviluppo e l uso di nuovi metodi di costruzione e materiali permettono realizzazioni variegate

Dettagli

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE I tecnici: Ing. Marco Galperti Geom. Fabio Drufovka PREMESSE Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni

Dettagli

- un deposito/cantina posto nell'interrato del corpo principale dell'ex Palazzo Muttoni, con soffitto a volta

- un deposito/cantina posto nell'interrato del corpo principale dell'ex Palazzo Muttoni, con soffitto a volta LOTTO 1 [Riferimento perizia: LOTTO 1] Nel Comune di Vicenza, Contrà Porta S. Lucia n. 64, appartamento all ultimo piano delle scuderie dell ex Palazzo Muttoni. La proprietà comprende: - un appartamento

Dettagli

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Dettagli

EINGETRAGENE NORM DER SCHWEIZERISCHEN NORMEN-VEREINIGUNG SNV NORME ENREGISTRÉE DE L ASSOCIATION SUISSE DE NORMALISATION

EINGETRAGENE NORM DER SCHWEIZERISCHEN NORMEN-VEREINIGUNG SNV NORME ENREGISTRÉE DE L ASSOCIATION SUISSE DE NORMALISATION sia Schweizer Norm Norme suisse Norma svizzera SIA 253:2002 Costruzione 567 253 EINGETRAGENE NORM DER SCHWEIZERISCHEN NORMEN-VEREINIGUNG SNV NORME ENREGISTRÉE DE L ASSOCIATION SUISSE DE NORMALISATION Sostituisce

Dettagli

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 Scuola di cittadinanza attiva SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 settembre 2002 1 PREMESSA Poiché il tema della sicurezza

Dettagli

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PULIZIE Pag. 1/7 Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado INDICE 1. SCOPO... 2 2.

Dettagli

RISCHI DA AGENTI FISICI NELLE PISCINE

RISCHI DA AGENTI FISICI NELLE PISCINE RISCHI DA AGENTI FISICI NELLE PISCINE MASSIMO COPPOLA TECNICO DELLA PREVENZIONE ASL AL PAGELLA EUROSAFE 2009 prestazioni per la sicurezza contemplate dalla legislazione nazionale Include specifiche aree

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per gli studenti Strumento d informazione ai sensi del D. Lgs. 81/2008. L utente è tenuto a conoscerne

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

APS Srl. 20 Anni di Rivestimenti e Pavimentazioni Resinose

APS Srl. 20 Anni di Rivestimenti e Pavimentazioni Resinose Srl 20 Anni di Rivestimenti e Pavimentazioni Resinose CHI E APS APS nasce nel 1991 con l'ambizione di sviluppare soluzioni alternative alle pavimentazioni tradizionali, in grado di interpretare la realtà

Dettagli

Fanno parte della presente famiglia, i seguenti requisiti: SICUREZZA CONTRO LE CADUTE E RESISTENZA AD URTI E SFONDAMENTO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

Fanno parte della presente famiglia, i seguenti requisiti: SICUREZZA CONTRO LE CADUTE E RESISTENZA AD URTI E SFONDAMENTO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ALLEGATO A 1 FAMIGLIA 4 SICUREZZA NELL IMPIEGO AGGIORNATO AL : 20121999 PAG.: 11 PROPOSIZIONE ESIGENZIALE (SECONDO LA DIRETTIVA 89106 CEE) L opera deve essere concepita e costruita in modo che la sua utilizzazione

Dettagli

RESIN FLOOR INDUSTRIE ALIMENTARI

RESIN FLOOR INDUSTRIE ALIMENTARI TM RESIN FLOOR INDUSTRIE ALIMENTARI RESINFLOOR: QUALITÀ E PROFESSIONALITÀ Dal 1980 in Italia ed Europa creiamo pavimenti e superfici di calpestio e finitura che hanno in comune l utilizzo della resina.

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE

BARRIERE ARCHITETTONICHE Comune di Castel San Pietro Terme Piazza XX Settembre, 3 40024 Castel San Pietro Terme (BO) rea Servizi al Territorio SPORTELLO UNICO PER L EDILIZI BRRIERE RCHITETTONICHE 1 DICHIRZIONE DI CONFORMIT I SENSI

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A.

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti in Applicazione a quanto previsto dall Art.28 del D.Lgs. 81/08 tra ATAF S.p.A e Azienda Affidataria per il servizio

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

4.1. Potenza elettrica specifica (esigenza puntuale), procedura semplificata 4.2. Calcolo del fabbisogno elettrico annuo E V (esigenza globale)

4.1. Potenza elettrica specifica (esigenza puntuale), procedura semplificata 4.2. Calcolo del fabbisogno elettrico annuo E V (esigenza globale) Aiuto all applicazione EN-13 Energia elettrica, SIA 380/4, Parte ventilazione/climatizzazione Contenuto e scopo La presente scheda tratta le esigenze energetiche degli edifici per la parte impianti di

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico Dipartimento di Altezza dei locali REQUISITI L altezza del locale,

Dettagli

Dott. Ing. Andrea Trabucchi tel: 339 8475543 e mail: andreatrabucchi@gmail.com andreatrabucchi@pec.it

Dott. Ing. Andrea Trabucchi tel: 339 8475543 e mail: andreatrabucchi@gmail.com andreatrabucchi@pec.it Perizia di stima Fallimento EdilSilva srl n. 31/2014 Tribunale di Piacenza Giudice: Dott. Maurizio Boselli Curatore: Avv. Renza Bravi *** n 1 Appartamento con Cantina - n 3 Autorimesse Via Guglielmo da

Dettagli

Pavimenti Tutti i pavimenti, in ciascun piano, sono piani e complanari e le pavimentazioni antisdrucciolevoli secondo le seguenti prescrizioni:

Pavimenti Tutti i pavimenti, in ciascun piano, sono piani e complanari e le pavimentazioni antisdrucciolevoli secondo le seguenti prescrizioni: 1. PREMESSA L edificio in esame è soggetto alle prescrizioni tecniche di cui alla Legge 9 gennaio 1989, n 13 e relativo regolamento d attuazione D.M. LL.PP., 14 giugno 1989, n 236. Nel caso specifico è

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002 Fonte: ARIOSTEA S.p.a. Titolo: LA SICUREZZA DEI PAVIMENTI Roberto Pederzoli Titolo: LA SICUREZZA DEI PAVIMENTI Roberto Pederzoli www.ariostea.it ARIOSTEA S.p.a. Via Cimabue, 20 42014 Castellarano (RE)

Dettagli

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BASILICATA POLO DI MATERA Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura (Classe 4/S) CORSO DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Scienze Mediche Chirurgiche e della Salute CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERATENEO Scienze delle Professsioni Sanitarie

Dettagli

H 10 PLAYA MELONERAS PALACE

H 10 PLAYA MELONERAS PALACE H 10 PLAYA MELONERAS PALACE Europa > Spagna > Gran Canaria TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Il sottoscritto.progettista delle opere suddette, nato

Dettagli

Criteri di valutazione completi utilizzati per la valutazione delle strutture presenti sul sito di "Alto Adige per tutti" - www.altoadigepertutti.

Criteri di valutazione completi utilizzati per la valutazione delle strutture presenti sul sito di Alto Adige per tutti - www.altoadigepertutti. Criteri di valutazione completi utilizzati per la valutazione delle strutture presenti sul sito di "Alto Adige per tutti" - www.altoadigepertutti.it eccellente asfalto, cemento distanza dall'ingresso

Dettagli

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Sicurezza realizzabile Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Imbracatura, stoccaggio e trasporto Nella vostra azienda si lavora in condizioni di sicurezza con gli elementi prefabbricati in

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1. PREMESSA L edificio in esame è soggetto alle prescrizioni tecniche di cui alla Legge 9 gennaio 1989, n 13 e relativo regolamento d attuazione D.M. LL.PP., 14 giugno 1989, n 236. Nel caso specifico è

Dettagli

RESIN FLOOR SANITARIO

RESIN FLOOR SANITARIO TM RESIN FLOOR SANITARIO RESINFLOOR: QUALITÀ E PROFESSIONALITÀ Dal 1980 in Italia ed Europa creiamo pavimenti e superfici di calpestio e finitura che hanno in comune l utilizzo della resina. Il nostro

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

MOBILITY - HOME - OUTDOOR

MOBILITY - HOME - OUTDOOR MOBILITY - HOME - OUTDOOR con NOI P.2 che operiamo in tutta Italia da oltre 10 anni con più di 5.000 impianti installati. puoi MUOVERTI P.4 CON NOI PUOI MUOVERTI A CASA E FUORI attraverso sistemi innovativi

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

ANTICO BORGO MEDIEVALE CON CENTRO IPPICO IN VENDITA UMBRIA

ANTICO BORGO MEDIEVALE CON CENTRO IPPICO IN VENDITA UMBRIA Rif 792 - EQUESTRIAN ESTATE Prezzo ridotto a EUR 2.950.000,00 ANTICO BORGO MEDIEVALE CON CENTRO IPPICO IN VENDITA UMBRIA Montone - Perugia - Umbria www.romolini.com/it/792 Superficie: 1376 mq Terreno:

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

Impianti aeraulici a fini di benessere Norma UNI 10339

Impianti aeraulici a fini di benessere Norma UNI 10339 Rev.062011 La normativa UNI 10339 fornisce indicazioni in merito alla classificazione e la definizione dei requisiti minimi degli impianti e dei valori delle grandezze di riferimento durante il funzionamento

Dettagli

PARTI COMUNI INTERNO UNITA IMMOBILIARE

PARTI COMUNI INTERNO UNITA IMMOBILIARE PARTI COMUNI INGRESSO VIA DONATELLO CORTE INTERNA INGRESSO /SCALA CONDOMINIALE SCALA CONDOMINIALE INTERNO UNITA IMMOBILIARE FOTO 1 -CORRIDOIO-INGRESSO FOTO 2 CUCINA FOTO 3 -BAGNO 1 FOTO 4 CAMERA 1 FOTO

Dettagli

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Sessione anno 1990 Prima prova scritto-grafica A confine con una strada di un centro

Dettagli

Simboli - Dettagli e norme

Simboli - Dettagli e norme Simboli - Edilizia, particolari Edilizia, particolari Edilizia, particolari - Pareti esterne Legno, isolante, cartongesso Massetto sottofondo C 1s muro, cappotto Mattoni, rivestimento ardesia Massetto

Dettagli

1934: Amerigo Belloni: La nuova sede del liceo ginnasio Giuseppe Parini da Milano - Rivista mensile del Comune, febbraio 1934, pagg.

1934: Amerigo Belloni: La nuova sede del liceo ginnasio Giuseppe Parini da Milano - Rivista mensile del Comune, febbraio 1934, pagg. http://emeroteca.braidense.it/ 1934: Amerigo Belloni: La nuova sede del liceo ginnasio Giuseppe Parini da Milano - Rivista mensile del Comune, febbraio 1934, pagg. 63-66 Elaborazione digitale e trascrizione

Dettagli

1.INDICE DI AFFOLLAMENTO:

1.INDICE DI AFFOLLAMENTO: TIPOLOGIA ABITATIVA L abitazione è uno spazio organizzato, diviso in stanze in cui vive una famiglia. Può essere un appartamento o una casa autonoma. 1. APPARTAMENTO abitazione indipendente all interno

Dettagli

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene ALBERGHI Tipologia di locali che devono essere presenti (condizione minima richiesta per alberghi ad una *): A Locale ricevimento portineria informazioni B camere C servizi igienici comuni/servizi igienici

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

Opuscolo tecnico. Porte e portoni. upi Ufficio prevenzione infortuni

Opuscolo tecnico. Porte e portoni. upi Ufficio prevenzione infortuni Opuscolo tecnico Porte e portoni upi Ufficio prevenzione infortuni Chiudi la porta ai rischi Porte e portoni sono regolarmente fonte d infortunio. Dalle dita schiacciate alle fratture, o peggio, quasi

Dettagli

Magnifica proprietà con una elegante villa, grande giardino (2 132 m2) e strepitosa vista panoramica sul Mendrisiotto

Magnifica proprietà con una elegante villa, grande giardino (2 132 m2) e strepitosa vista panoramica sul Mendrisiotto Magnifica proprietà con una elegante villa, grande giardino (2 132 m2) e strepitosa vista panoramica sul Mendrisiotto Vacallo è un comune a vocazione residenziale. Il valore primario di queste zone periferiche,

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: UTILIZZO TRANSPALLET ELETTRICI E MANUALI (CARRELLI ELEVATORI CON TIMONE)

GESTIONE IN SICUREZZA: UTILIZZO TRANSPALLET ELETTRICI E MANUALI (CARRELLI ELEVATORI CON TIMONE) Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

insieme e senza complicazioni Soluzione settoriale per la sicurezza sul lavoro e la protezione della salute Rispettare gli obblighi

insieme e senza complicazioni Soluzione settoriale per la sicurezza sul lavoro e la protezione della salute Rispettare gli obblighi Soluzione settoriale per la sicurezza sul lavoro e la protezione della salute nel settore delle automobili e dei veicoli a due ruote Amministrazione della Soluzione settoriale delle automobili e dei veicoli

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Sicurezza realizzabile Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Conoscete i pericoli collegati alle attività di carico e scarico di cassoni, container per rifiuti e press container? Questa

Dettagli

Parapetti. come protezione di accessi fissi ad impianti e macchinari

Parapetti. come protezione di accessi fissi ad impianti e macchinari Parapetti come protezione di accessi fissi ad impianti e macchinari Questo opuscolo descrive le regole tecniche da osservare nella costruzione di parapetti posti a protezione di macchinari e impianti.

Dettagli

RESIDENZA BELVEDERE. AFFITTASI da LUGLIO 2016 Appartamenti di 2 1/2 e 3 1/2 locali. Appartamenti di alto standing con vista lago. Tel.

RESIDENZA BELVEDERE. AFFITTASI da LUGLIO 2016 Appartamenti di 2 1/2 e 3 1/2 locali. Appartamenti di alto standing con vista lago. Tel. RESIDENZA BELVEDERE Appartamenti di alto standing con vista lago AFFITTASI da LUGLIO 2016 Appartamenti di 2 1/2 e 3 1/2 locali informazioni 6942 SAVOSA - LUGANO Tel. 091 961 64 64 - www.consulca.ch PROPOSTE

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 31:1978 01/06/1978 Lavabi. Quote di raccordo. UNI EN 31 FA 244-88:1988 01/09/1988 Foglio di aggiornamento n. 1 alla UNI EN 31 (giu. 1978). Lavabi. Quote di raccordo. UNI EN 32:1978 01/06/1978 Lavabi

Dettagli

CEI 64-8/7 Piscine e fontane. CEI 64-8/7 Piscine e fontane

CEI 64-8/7 Piscine e fontane. CEI 64-8/7 Piscine e fontane www.impiantitalia.it R-08 23 23 La Norma 64-8, sezione 7, trattando degli impianti elettrici particolari definisce anche i requisiti degli impianti elettrici delle piscine e delle fontane. Il campo di

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici Laboratorio di Fsica Ambientale per la Qualità Edilizia Università di Firenze Il quadro

Dettagli

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Impianto Riscaldamento a Pannelli

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Impianto Riscaldamento a Pannelli ZeroCento - Studio di Pianificazione Energetica Ing. Ing. Maria Cristina Sioli via Zezio 54 - Como via El Alamein 11/b - Como Progetto Edilizia Residenziale Pubblica da locare a Canone Sociale e Moderato

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

R E S I D E N Z A A L B A T R O S

R E S I D E N Z A A L B A T R O S R E S I D E N Z A A L B A T R O S mapp. 1100, Viganello-Lugano - proprietà Adelheid Ag Architetti SIA-OTIA Lombardini e Sanfilippo,Lugano/Bissone Per informazioni rivolgersi a : INDICE DEI CONTENUTI :

Dettagli

RISPETTARE GLI OBBLIGHI INSIEME ESENZA COMPLICAZIONI

RISPETTARE GLI OBBLIGHI INSIEME ESENZA COMPLICAZIONI RISPETTARE GLI OBBLIGHI INSIEME ESENZA COMPLICAZIONI Soluzione settoriale per la sicurezza sul lavoro e la protezione della salute nel settore delle automobili edei veicoli adue ruote (SAD) Note redazionali

Dettagli

STUDIO TECNICO PAGLIARONE ing. DARIO VERBALE DI ESODO

STUDIO TECNICO PAGLIARONE ing. DARIO VERBALE DI ESODO VERBALE DI ESODO In data il sottoscritto ing. Dario Pagliarone in qualità di R.S.P.P. dell Istituto Comprensivo Pablo Neruda a seguito delle prove di evacuazione svolte fino alla data odierna ha evidenziato

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ AREA DIDATTICA E PERCORSO PER DISABILI MOTORI DI RONSINAGGIO

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ AREA DIDATTICA E PERCORSO PER DISABILI MOTORI DI RONSINAGGIO Parco Rocchetta Tanaro INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ AREA DIDATTICA E PERCORSO PER DISABILI MOTORI DI RONSINAGGIO L area didattica, spesso utilizzata per l attività di educazione ambientale con le scuole,

Dettagli

Destinatari e ammissione

Destinatari e ammissione 28 1. CENTRO DIURNO 1 Destinatari e ammissione Scopo e destinatari Hanno diritto ad usufruire di tale servizio le persone adulte-anziane con limitata autonomia residenti nel Comune di Trento. Il Centro

Dettagli

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive PROVINCIA DI SAVONA Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive La scheda è realizzata e gentilmente concessa da: Cooperativa Jonathan Livingston c/o Unità Spinale Unipolare - Ospedale Santa Corona

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC)

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizi al cittadino e Pari Opportunità Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli