CASA ANZIANI MALCANTONESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CASA ANZIANI MALCANTONESE"

Transcript

1 CH 6980 Castelrotto Tel.: +41(0) Fax: +41(0) E mail: Internet: CASA ANZIANI MALCANTONESE Fondazione Giovanni e Giuseppina Rossi DOMANDE DI CHIARIMENTO Committente: Fondazione Giovanni e Giuseppina Rossi Oggetto: Concorso di architettura a due fasi per la progettazione della nuova Casa anziani di Caslano concorso LCPubb Risposte alle domande pervenute entro il termine stabilito. No. 01D Nel bando di concorso al punto 10.4 del paragrafo Scale, viene richiesto: È preferibile che tutte le scale siano separate dalla circolazione principale e che non siano accessibili ai residenti. Con circolazione principale si intendono sia corridoi che ascensori? Le scale devono essere separate fisicamente, per esempio da una porta, da corridoi e ascensori o devono essere posizionati lontani dalla circolazione principale? 01R I residenti adoperano preferibilmente gli ascensori. Le scale svolgono la funzione di sicurezza antincendio, quindi le scale devono essere separate fisicamente, tramite porte antincendio dai corridoi di distribuzione. Non è necessario il posizionamento lontano dalle circolazioni principali. 02D 02R La nuova casa anziani di Caslano andrà a situarsi sul mappale n 664, che fa parte delle Costruzioni di interesse pubblico CP. Per le distanze dalla strada si fa riferimento al piano del traffico, si potrebbe mettere a disposizione questo documento e il piano delle zone? Non sono inoltre indicati gli indici di occupazione e la superficie verde minima, ci sono indicazioni in merito a questi parametri? Vengono messi a disposizione nel sito sotto le sezioni CAM, progetto Caslano, Atti di concorso, i seguenti documenti: - 1 Piano del paesaggio scala 1:2'500 in pdf - 2 Piano delle zone scala 1:2'500 in pdf - 3 Piano del traffico scala 1:2'500 in pdf - 4 Piano delle attrezzature e costruzioni di interesse pubblico scala 1:2'500 in pdf - Rapporto della pianificazione programma di realizzazione (art. 27 e art. 30 LALPT) Il mappale RFD 664 di Caslano non è soggetto a parametri quali Indice di Occupazione Area Verde minima che sono a libera scelta del concorrente. Pagina 1 di 12

2 03D Esistono progetti futuri inerenti il traffico nelle zone attigue al mappale n 664? 03R Non esistono progetti oltre a quelli raffigurati nel piano del traffico in scala 1:2'500 messo a disposizione nel sito sotto le sezioni CAM, progetto Caslano, Atti di concorso. 04D 04R 05D 05R 06D 06R 07D 07R 08D 08R 09D 09R 10D 10R 11D 11R Gli edifici e le costruzioni esistenti sul mappale n 664, possono essere demolite? Tutti gli edifici e costruzioni sul mappale RFD 664 di Caslano possono essere demoliti. Gli alberi esistenti sul mappale n 664 possono essere abbattuti o devono essere mantenuti? Tutti gli alberi esistenti sul mappale RFD 664 di Caslano possono essere abbattuti. Punto 4.2: è richiesto 1 tavola A1 per la relazione tecnica. È corretto? Si è corretto. Punto 10.2: l indicazione delle altezze minime in luce è corretta Si è corretta. Punto 10.10: (secondo paragrafo) È richiesto uno spazio coperto di carico e scarico? SI, è corretto, si deve prevedere lo spazio di carico e scarico (non per tutto il veicolo) coperto. Punto 4.1: si chiede di precisare i documenti da inserire nella busta autore, in particolare: il formulario per l autore e il formulario di autocertificazione sono gli stessi inoltrati con l iscrizione? Documenti da inserire nella busta autore: - Formulario per l autore (lo stesso di quello utilizzato per l iscrizione) - Formulario di autocertificazione (lo stesso di quello utilizzato per l iscrizione) - Atto di consorzio o comunità di lavoro (lo stesso di quello utilizzato per l iscrizione) - Formulario o formulari compatibilità del partecipante - No. conto bancario o postale Sulla busta si deve indicare il motto scelto e la dicitura Casa Anziani Caslano 1 fase. Punto 6.6: è possibile riposizionare il centro raccolta rifiuti all interno del sedime Il centro raccolta rifiuti esistente è regolato dal documento 4 Piano delle attrezzature e costruzioni di interesse pubblico scala 1:2'500 citato alla 02R. Non può essere spostato dalla sua attuale collocazione. Punto 9 criteri di giudizio : si specifica che nella prima fase i costi saranno valutati in base ai dati forniti dai progettisti: in particolare al VE e alla Superficie utile di piano SP. Al punto 4.1 Elaborati richiesti per la PRIMA FASE NON viene richiesto alcun calcolo o schema rispetto alla Superficie di piano. Il calcolo è richiesto per la seconda fase. Come procedere? Negli elaborati per la prima fase, nella relazione tecnica è richiesto di inserire: - Spiegazione del concetto in forma di testi, schizzi e schemini indicanti le scelte progettuali - Calcolo della cubatura VE secondo norma SIA 416: Calcolo della superficie di piano SP secondo norma SIA 416: Calcolo della superficie dello sviluppo delle facciate - Calcolo dell area verde I calcoli per la Seconda Fase sono indicati al pto del capitolato. Pagina 2 di 12

3 12D 12R 5.1 Si può essere più precisi sul grado di libertà ai concorrenti per una libera progettazione nell ambito delle norme (NAPR, zona CP6)? Si potrebbe quindi anche superare l altezza massima consentita di 13.5 ml, le distanze dai confini e dalla strada meno di 5 ml o la pendenza delle falde oltre i 35%? Tutte le normative edificatorie, in particolare quelle pubblicate sul sito a seguito della 02R sono vincolanti. I progetti che non rispettano le norme pianificatorie non possono essere ammessi alla seconda fase. La libertà del progettista è vincolata unicamente dalle norme pianificatorie a da tutto quanto è parte integrante del capitolato. 13D 6.5 Visto il gran numero di posteggi richiesto è possibile ubicarli in un autorimessa, p. es al piano interrato? 13R È possibile integrare i posteggi in un autorimessa interrata. Rendiamo attenti però sul pto. 8 obiettivi d investimento che l importo a disposizione è di CHF 21'600' D 14R 15D 15R 16D 16R 17D 17R 6.6 È possibile aggiungere a lato del centro comunale per la raccolta dei rifiuti anche quelli richiesti per la Casa Anziani? È possibile a patto che ci sia una netta distinzione in modo da consentire alla Casa Anziani di provvedere autonomamente allo smaltimento dei rifiuti. 7. Non è molto chiaro cosa si intende per assicurando un utilizzo razionale dell energia nella costruzione. È possibile avere una precisazione? L utilizzo razionale dell energia è dato dalla qualità dell involucro. Gli elementi costruttivi devono rispettare la norma SIA 380/ Per la zona soggiorno, pranzo, loc. attivazione, è auspicabile l accesso diretto al giardino, è necessaria pure una zona coperta? Non è indispensabile anche se auspicabile. Nel qual caso sarebbe opportuna una zona di sosta coperta Le cantine e i depositi, così come per l officina, considerato il loro utilizzo, possono anche solo in parte trovarsi al piano terra? Non ci sono controindicazioni in merito 18D Visto che oggi giorno le apparecchiature e tecniche per edifici di queste dimensioni, vengono sempre più spesso dislocati sia in più zone, o come spesso accade p. es. sui tetti, è vincolante che vengono raggruppate tutte nei 300 mq richiesti al piano interrato 18R Le indicazioni delle superfici al pto. 11 programma indicativo dei contenuti / superfici richieste è puramente indicativo. Anche la collocazione è puramente indicativa. 19D 19R La richiesta che i 40 posteggi, di cui almeno 1 per invalidi, meglio se alberati, debbano avere l accesso controllato sembra essere una pretesa eccessiva in quanto quest ultima esigenza comporterebbe delle circolazioni all interno della proprietà, oltre allo spazio richiesto per la piazza per la raccolta rifiuti esistente, che pregiudicherebbero delle proposte progettuali positive. Oltre al fatto di un grande spreco di giardino/parco della casa. È possibile pensare soluzioni diverse, quindi? Il controllo dei posteggi ha quale scopo: quello di agevolare le visite dei parenti ai residenti della Casa per Anziani come pure saranno utilizzati dal personale in servizio. E richiesto l uso di apposite barriere per la delimitazione dell area di posteggio. Pagina 3 di 12

4 20D 20R 21D 21R 22D 22R 23D 23R 24D 24R 25D 25R 26D 26R 27D 27R 28D 28R 29D 29R Per accedere all unità abitativa protetta è possibile utilizzare la scala principale della casa? L accesso deve essere garantito nel contesto di una situazione priva di barriere architettoniche. La scala può essere utilizzata per il raggiungimento dell unità da parte del personale e/o dei visitatori. L unità abitativa protetta deve per forza trovarsi al PT? Non necessariamente, l importante è che possa disporre dell accesso al giardino protetto. Il giardino potrebbe essere risolto anche come un giardino pensile o terrazza scoperta? Si, è possibile. Si segnala che qualora il giardino pensile si trova sul tetto della struttura deve essere munito di un parapetto alto 1.10 ml (norma SIA 358), fa stato ai fini della misurazione dell'altezza dell'edificio anche nel caso in cui venisse eretto in posizione arretrata rispetto al filo delle facciate. In assenza di una norma specifica che lo prevede, il fatto che risulti eventualmente incluso nell'ingombro determinato da un tetto a falde non lo escluderebbe dal computo nell'altezza dell'edificio. Dal profilo del diritto cantonale, va tenuto presente che la sistemazione a verde del tetto (cd. quinta facciata) deve inserirsi in modo ordinato ed armonioso nel paesaggio; esigenza, questa, che può essere facilmente soddisfatta è possibile accedere al centro diurno, ammettendo che non si trovi al PT, dalla scala principale della casa? Vedi 20R Esiste un minimo di superficie di giardino richiesto per l unità abitativa protetta e centro diurno? E per il giardino dei residenti con visitatori Non esistono normative in materia, il dimensionamento è a libera scelta dei concorrenti. Richiediamo un piano con alberature ed altezze Sia gli edifici che l alberatura esistente possono essere demoliti e rimossi per far posto all ampio programma della casa per anziani, non esiste quindi un rilievo delle alberature e edifici esistenti. I 40 posteggi sono da prevedere all aperto o possono essere interrati? Vedi 13R È possibile posteggiare perpendicolarmente lungo via Mera e via Campagna facendo manovra sul campo stradale? Non è possibile uscire da un posteggio in retromarcia manovrando sul campo stradale ma bisogna prevedere un area di manovra all interno del sedime tramite piazzali, strade interne od altro. Definire in modo chiaro larghezza delle strade ed eventuali marciapiedi previsti Non sono previsti dei marciapiedi e fa stato il piano del traffico di cui alla 02R Richiediamo piano del traffico con indicazione dei sensi di marcia Per la messa a disposizione del piano del traffico vedere la 02R, sia via Mera che via Campagna sono strade a doppio senso di marcia. Pagina 4 di 12

5 30D L unità abitativa protetta con giardino può essere posizionata nell attico con giardino pensile? 30R SI, è possibile, vedere anche osservazioni nella 22R. 31D 31R 32D 32R 33D 33R 34D 34R 35D 35R 36D 36R 37D 37R 38D 38R A che quota è la falda? È possibile prevedere un piano interrato? Non si dispone di un dato preciso relativo alla quota di falda ma è sicuramente possibile prevedere un piano interrato senza problemi, secondo esperienza di fabbricati realizzati nella zona limitrofa. È possibile, alla consegna degli elaborati, citare unitamente al nome dello studio quello dei collaboratori pur se non precisati nella domanda di iscrizione? Si, è possibile. Come ci si deve comportare rispetto agli edifici esistenti? Vedi 04R Nel piano regolatore non abbiamo trovato nessun indice di occupazione in riferimento al mappale RFD 664. Esiste? Vedi 02R Ci sono ulteriori norme che vanno considerate e che non sono indicate nel bando? Le normative specifiche di base sono state citate nel capitolato e sono consultabili sul sito devono però essere rispettate anche tutte le normative di base per l edilizia, come norme SIA, VSS, ecc. Tra il materiale di concorso non è stato consegnato alcun estratto di PR o Piano del Traffico. Non sono ritenuti necessari? Vedi 02R La strada lungo il confine Nord-Est dell area, che ora serve il complesso residenziale limitrofo, può essere utilizzata dalla futura casa anziani? La strada la mappale RFD 1370 è una strada privata e non può essere utilizzata. Potete definire in modo chiaro quali sono gli spazi che devono essere posizionati di preferenza al piano terra e/o avere accesso diretto al giardino? Non esistono riferimenti dettagliati in materia, la scelta di questi spazi è di pertinenza del progettista fatto salvo le indicazioni già specificate nel bando. 39D Che caratteristiche devono avere i giardini in merito a: - Dimensioni minime; - Accessibilità a persone esterne alla struttura; - Presenza o meno di recinzione in modo da poter consentire una fruibilità diffusa o accessi ben individuati. 39R Per le dimensioni minime non esistono normative in materia, il dimensionamento è a libera scelta dei concorrenti. Il giardino Alzheimer deve avere l accesso controllato. All interno del giardino protetto deve essere previsto un percorso senza fine per permettere ai residenti di deambulare liberamente in modo ininterrotto. Lungo il percorso possono essere previste delle panchine e delle attrazioni come una piccola fontana, o una voliera per uccelli. Inoltre il percorso senza fine deve essere dotato di un corrimano. Il giardino deve essere necessariamente delimitato (presenza di recinzione e di un accesso esterno chiuso). Il giardino della casa può essere strutturato a libera scelta dei concorrenti. Pagina 5 di 12

6 40D 40R 41D 41R 42D 42R 43D 43R 44D 44R Cosa si intende con il termine al piano? (Es. locali comunitari al piano, locali servizi al piano, ecc.). Devono essere posizionati sullo stesso piano delle camere? Il termine al piano indica che il servizio citato deve trovarsi sullo stesso livello delle camere di reparto. Potete spiegare meglio il funzionamento dell unità abitativa protetta e del centro diurno e notturno? Come funzionano gli accessi? Quali spazi vengono utilizzati in comune? Quali di questi devono essere posizionati al piano terra e/o avere accesso diretto al giardino? L Unità abitativa protetta accoglie in maniera permanente utenti che presentano problematiche cognitive e/o comportamentali. Questi spazi sono da intendersi chiusi, nel senso che i residenti non hanno la possibilità di muoversi liberamente al di fuori di quest ultimi. Il Centro diurno e notturno accoglie una popolazione con le medesime caratteristiche ma che vive ancora al domicilio e necessita, nell arco della giornata, di una presa a carico specialistica. In questo caso il paziente va inteso in termini ambulatoriali. Il Centro diurno deve avere un ingresso indipendente rispetto alla casa per anziani ma con collegamento interno all unità abitativa protetta. In comune tra il centro diurno e l Unità abitativa protetta vi è solamente il giardino e due posti letti, che però devono essere incorporati nell Unità protetta. È possibile inserire le rampe di accesso ai locali seminterrati entro la fascia di arretramento dalle strade e dai confini, larga 5 m? Non è possibile prevedere le rampe entro le linee di arretramento dalle strade, ma entro gli arretramenti dai confini privati si. In ogni caso è possibile realizzare manufatti che non superano i 50 cm concessi dalle NAPR. Quanti concorrenti si sono iscritti al concorso? Nel sito sotto le sezioni CAM, progetto Caslano, Iscrizione, è pubblicata la lista delle candidature ammesse al concorso. Per verificare immediatamente, dopo i necessari controlli, si è deciso di pubblicare sul foglio ufficiale del (35/2014) sotto il punto 6 Atti diversi una comunicazione relativa all ammissione al concorso. Parimenti, per ottemperare a quanto indicato nel Bando di Concorso in calce alla pagina 17, si allega in forma cartacea con la risposta alle domande la lista delle candidature ammesse. Di conseguenza quanto indicato nel bando risulta ottemperato. 2.3 consegna degli elaborati per la 1 fase e del modello, pag. 17 Si accetta la consegna a mano garantendo l anonimato si intende che è comunque possibile consegnare gli elaborati a mano da una persona estranea agli autori del progetto? L incarto di progetto non può essere consegnato a mano ma deve essere fatto mediante posta o servizi corrispondenti. Il modello può essere consegnato a mano da una persona estranea allo studio, consorzio o comunità di lavoro che ha eseguito il progetto. 45D 10.4 Circolazioni orizzontali e verticali, scale. Cosa vuol dire esattamente: è preferibile che tutte le scale siano separate dalla circolazione e che non siano accessibili ai residenti? 45R Vedi 01R Pagina 6 di 12

7 46D 46R 47D 47R 48D 48R 49D 49R 50D 50R 51D 51R 52D 52R 53D 53R 54D 54R Centro Diurno e notturno. Cos è esattamente la sala modulabile? Si tratta di un locale nel quale si può differenziare la presa a carico del paziente. Ad esempio può servire per calmare una persona particolarmente agitata, oppure per far riposare un utente, ecc. La modulazione può avvenire mediante l uso di mobilio che permette di dividere gli spazi in modo che le varie attività non si disturbano fra loro o mediante pareti scorrevoli. È necessario però anche di poter disporre di tutto lo spazio disponibile per una sola attività. A che altezza si trova la falda freatica? Vedi 31R Esiste un piano dell alberatura? Vedi 25R Ci sono alberi che vanno mantenuti? Vedi 25R Non ritenete possibile permettere la consegna a mano anche dei piani? Sempre garantendo l anonimato, ovviamente. Si consideri che: è ormai prassi consolidata, la consegna del modello brevi manu è permessa garantendo l anonimato, avete pubblicato la lista dei partecipanti, i partecipanti si accollano comunque ingenti spese. No non è permessa la consegna a mano dei piani. Fanno stato i disposti dell articolo 2.6 Consegna degli elaborati per la 1 fase e del modello alla pagina 17 che recita quanto segue: NB. Per entrambe le date non fa stato il timbro postale. I progetti dovranno pervenire (non piegati) in forma anonima- alla Casa anziani Malcantonese, 6980 Castelrotto entro le ore 14:00 del 29 luglio 2014 Al fine di garantire l anonimato non si accetta la consegna a mano Alla presenza unicamente del notaio e dei funzionari dell ULSA sarà redatto il verbale con indicato l elenco dei motti di progetto pervenuti entro il tempo utile. Il modello può essere inviato alle medesime condizioni di cui sopra oppure consegnato a mano garantendo l anonimato entro le ore del 26 agosto Planimetria indicato: con il nord in alto (a sinistra). È inteso in alternativa nell uno o nell altro modo a scelta? Oppure ruotato parallelamente al lotto finché il nord è in alto a sinistra? Tutte le piante devono essere eseguite con il Nord in alto, il simbolo con la direzione Nord viene posto in alto a sinistra. Sul lotto sono indicate delle quote ma mancano delle curve di livello, non si potrebbe provvedere? Il terreno è quasi pianeggiante, per l allestimento del progetto in scala 1:500 sono sufficienti le sezioni e quote fornite. Planimetria 1:2000. Sarebbe possibile ottenere un area più grande in formato dwg, oltre al 1:5000 in formato pdf ricevuto? No. Gli edifici e i fabbricati presenti sul lotto cosa contengono? Si possono demolire? Vedi 04R Pagina 7 di 12

8 55D 55R 56D 56R 57D 57R 58D 58R 59D 59R 60D 60R 61D 61R 62D 62R 63D 63R 64D 64R Contenuti sotterranei. Vi sono problemi di falda? Vedi 31R Standard energetico? Non è chiaro se vi sono esigenze articolari, Minergie? Ecc. L edificio deve rispettare i disposti della RuEn ma non ha esigenze particolari. Nei criteri di giudizio si cita la SP sup. di piano mentre nelle richieste non vi fa cenno. Va calcolata separatamente? Elencata nel calcolo del volume sia 416? Vedi 11R Locali comunitari al piano. (pag.30) da situare in posizione di testata centrale e privilegiata nell ambito non è chiaro cosa si intenda, potete spiegare meglio, p.f.? Cosa sarebbe una testata centrale? Si intende che questi spazi occupino una posizione la più centrale possibile per rapporto all unità di cura (intesa come camere e locali infermieri) per consentire la miglior fruibilità dei servizi indirizzati ai residenti e per facilitare a quest ultimi di raggiungere agevolmente i locali comunitari. Locali comunitari al piano. Soggiorno con balcone esterno protetto ( ) grande a sufficienza ( ). Con protetto si intende coperto? Grande quanto? O per fare che tipo di attività? Con protetto si intende coperto ma non necessariamente chiuso. Si è optato per questa scelta evitando di costruire balconi per le singole camere. L idea è quella di disporre di uno spazio esterno per ogni reparto, da sfruttare durante la bella stagione per pranzi terapeutici o attività di svago, oppure per consentire ai residenti di fumare. Cosa si intende con circolazione a circuito chiuso? L uso di questo termine fa riferimento in particolar modo alla circolazione all interno dell Unità protetta e del Centro diurno e notturno, che devono consentire una libera circolazione delle persone, nel contesto però di strutture chiuse dove i residenti non possono autonomamente uscire dalle medesime. Le circolazioni verticali sia interne (residenti, personale) sia esterne (visitatori) devono essere separate dalle circolazioni orizzontali? In che modo? Mediante porte antincendio. Centro diurno/notturno. Per quante persone? Sala da pranzo, per quante persone? Il centro diurno/notturno dovrebbe rivolgersi per accogliere indicativamente una diecina di persone. La sala da pranzo deve pertanto essere dimensionata in funzione a questa esigenza, calcolando però che possano partecipare al pasto anche 2/3 operatori e qualche volontario/parente. Unità abitativa protetta. L accesso a giardino può avvenire direttamente dalle camere? In linea di principio si privilegia un accesso controllato al giardino. Spogliatoi per il personale. (100 unità) incluso personale di cucina? Dato che va separato fisicamente, quanti di questi sono personale di cucina? Ripartiti sempre 70%/30%? La ripartizione degli spogliatoi del personale è così suddivisa: - Spogliatoio personale di cura e alberghiero femminile unità ca Spogliatoio personale di cura e alberghiero maschile unità ca Spogliatoio personale cucina femminile unità ca Spogliatoio personale cucina maschile unità ca. 5 Pagina 8 di 12

9 65D 65R 66D 66R 67D 67R 68D 68R Sul sedime vi sono alberi protetti o comunque da mantenere? Vedi 05R L'ammissione o la mancata ammissione al concorso è stata comunicata ai singoli concorrenti tramite lettera raccomandata come previsto al cap. 2.3? Vedi 43R In quali orari e giorni l'eventuale corriere o mezzo di spedizione avrà la certezza della consegna? Gli elaborati potranno essere consegnati con ricevuta di ritorno in segreteria ai seguenti orari: da lunedì a venerdì dalle 09:00 alle 18:00. cit."...piano generale di situazione scale 1:500, con le seguenti indicazioni Nel cap. 4.2 il piano di situazione generale sulla prima tavola e, invece, indicato in scale 1:2000. Qual è la scala di rappresentazione richiesta? Il piano generale di situazione deve essere rappresentato in scala 1:2'000, tutte le piante, sezioni e facciate in scala 1: D Se si crea un ribassamento del terreno sotto la quota della strada, come è calcolata l'altezza massima dell'edificio prevista dal Piano Regolatore? 69R Il PR di Caslano non stabilisce modalità particolari per l altezza della costruzione ; per cui è applicabile l art. 13 delle NaPR che cita : L altezza di un edificio è misurata dal terreno sistemato al punto più alto del filo superiore del cornicione di gronda o del parapetto, richiamata l applicazione dell art 7 cpv.2 che cita : 2. La sistemazione del terreno può essere ottenuta con la formazione di muri di sostegno o di terrapieni di un altezza non superiore a 0,50 m. In casi eccezionali, per necessità tecniche o costruttive può coincidere una deroga all altezza soprammenzionata fino a una altezza massima di metri 1,50. In tal caso, la misura eccedente 0,50 metri è conteggiata nell altezza del fabbricato 70D 70R 71D 71R 72D 72R Il collegamento interno tra centro diurno e notturno e l'unita abitativa protetta dev'essere ad uso esclusivo o può essere integrato nella circolazione dell'edificio? Le due funzioni possono essere su due livelli differenti ed essere collegate tra di loro verticalmente? II giardino protetto usufruibile dal centro diurno pub essere a una quota differente rispetto a quest'ultimo? Dipende dalla soluzione architettonica scelta anche se prevale l ipotesi di un collegamento ad uso esclusivo. II giardino della casa dev'essere separato e non accessibile dall'esterno? No, deve essere inteso sia come luogo di distensione per i residenti che come luogo di valenza sociale per il quartiere. Nella consegna degli elaborati per la prima fase va già incluso il disegno del percorso ininterrotto per il giardino protetto? E' possibile avere maggiori informazioni sulle caratteristiche di un giardino protetto? Vedi 39R Pagina 9 di 12

10 73D 73R 74D 74R 75D 75R 76D 76R Il centro diurno è da considerarsi uno spazio a uso prevalente della struttura o dotato di un carattere più pubblico (accessibilità, permeabilità, etc.)? Il Centro diurno raccoglie i bisogni del territorio, in termini di soddisfazione del bisogno di presa a carico (diurna e/o notturna) per pazienti che presentano disturbi di tipo cognitivo e/o comportamentale. Pertanto il centro non soddisfa i bisogni dei residenti della Casa per anziani ma quelli delle persone che vivono nel contesto territoriale malcantonese. Bisogna prevedere un collegamento diretto (scale, lift) tra centro diurno e unità abitative? Si, purché interno alla struttura. Il centro diurno funziona come unità autonoma o deve essere connesso alle unità abitative di cura? Da un punto di vista dell organizzazione interna, è da intendere quale struttura con un buon grado di autonomia. è possibile avere le dimensioni dei singoli locali che compongono il centro diurno? Non esistono delle chiare direttive in materia ma ci si può affidare sull esperienza di realizzazioni recenti. In ogni caso le indicazioni di massima possono essere così riassunte: - Atrio / guardaroba ca. mq 15 - Locale infermieri / ufficio colloqui ca. mq 20 - Sala modulabile ca. mq 60 - Cucina ergoterapica ca. mq 30 - Sala da pranzo ca. mq 60 - Servizi per il personale (uomini / donne) ca. mq servizio per gli utenti dimensionato per disabili ca. mq Locale WC doccia medicalizzata ca. mq 9 - Locale deposito ca. mq 10 - Locale di riposo ca. mq 20 Totale Centro diurno e notturno ca. mq D 77R 78D 78R 79D 79R 80D 80R I 60 posti letto complessivi possono essere ripartiti in più di 3 unità abitative di cura, ferma restando un'adeguata divisione dei servizi ad esse collegati? No. I 2 posti auto in autorimessa sono da considerarsi inclusi nei 40 posti auto complessivi per la casa di cura? Si. Poiché per il dimensionamento degli spazi si chiede di far riferimento a due fonti diverse (superfici nette indicate nel bando e Criteri costruttivi minimi per una casa anziani medicalizzata ), nel caso di discordanza sulle indicazioni, qual è la fonte da seguire? La base legale da seguire sono i criteri costruttivi per una casa anziani medicalizzata. Tutti i dati contenuti nel cap. 11 del capitolato sono puramente indicativi. A chi è destinato principalmente l'utilizzo del 40 posteggi per auto esterni? I posteggi sono destinati principalmente ai visitatori della struttura e al personale. Pagina 10 di 12

11 81D Nel bando viene richiesto di prevedere 2 posti macchina in autorimessa (11.8): - L'autorimessa è da intendere come posteggio al piano interrato? - Dovendo già prevedere un autorimessa per soli 2 posteggi, è concesso combinarli nel piano interrato con una parte dei 40 posteggi esterni? 81R L autorimessa è da intendere come posteggio coperto con serranda chiudibile a chiave. Non deve essere necessariamente al piano interrato. È libera scelta dei concorrenti di poter combinare i posteggi richiesti con un autorimessa. 82D II bando richiede 40 "posteggi esterni preferibilmente alberati (pag35). E' possibile disporre i 40 posteggi nella fascia di arretramento da confine (fascia di 5m) lungo Via Mera e Via Campagna, quindi direttamente sulla strada? 82R È possibile a patto di evitare di eseguire le manovre sul campo stradale come indicato nella 27R 83D 83R 84D 84R 85D 85R 86D 86R 87D 87R 88D 88R Gli anziani ospiti del Centro diurno e notturno(11.1)" e gli anziani ospiti dell' Unità abitativa protetta(11.9)" dove mangiano? Trattasi di due strutture distinte per le quali nel bando di concorso è previsto soggiorno e sala da pranzo (pto ), rispettivamente sala da pranzo (pto ). Gli anziani ospiti e il personale di servizio del "Centro diurno e notturno(11.1)" e dell'unità abitativa protetta(11.9)" utilizzano anche i Vani comunitari principali e relativi servizi(11.3)' e i Servizi generali della casa(11.6)? In linea di principio il personale e i residenti del Centro diurno e notturno come pure dell Unità abitativa protetta, devono poter accedere per vie interne ai Vani comunitari (11.3), mentre che l accesso ai servizi generali della casa (11.6) è riservato al personali ma non ai residenti di questi due servizi. Il Centro diurno a notturno(11.11)", l Unità abitativa protetta(11.9) e i "Locali di servizio per unite abitativa protetta(11.10), devono essere internamente collegati al resto del complesso della Casa per Anziani? Pur dovendo mantenere una loro autonomia gestionale, i due servizi devono essere internamente collegati al resto della Casa anziani. Il Centro diurno e notturno(11.11)', I' Unità abitativa protetta(11.9)" e "Locali di servizio per unite abitativa protetta(11.10)', devono essere direttamente accessibili anche della zona di entrata(11.3.1)? Si È possibile interrare i seguenti locali: - locali di servizio annessi ai vani comunitari (11.3.6)? - locale farmacia (11.5.2)? - locali abbinati alla cucina (11.6.2)? - lavanderia/stireria (11.6.3)? Tutti i locali indicati possono essere interrati, ma come per la cucina, nei luoghi dove è prevista un attività lavorativa di persone si deve prevedere delle finestre da cui è possibile vedere all esterno e far entrare i raggi di luce del sole Per illustrare le scelte urbanistiche e architettoniche sono accettati i rendering? Si Pagina 11 di 12

12

278.40 mslm 0.3. 289.24 mslm 0.10 VIA CAMPAGNE. 278.00 mslm

278.40 mslm 0.3. 289.24 mslm 0.10 VIA CAMPAGNE. 278.00 mslm 1 1: 1 m VIA MERA 279.9 mslm 278.7 mslm..7.3 279.49 mslm.4 289.24 mslm.9.3 292.49 mslm.6 279. mslm.1 289.24 mslm.3.8 279.49 mslm.1 279. mslm VIA CAMPAGNE.2 278. mslm 278.49 mslm.1 Giardino della casa principale.2

Dettagli

Concorso d architettura In due fasi per la progettazione della Nuova casa anziani di Caslano (concorso LCPubb)

Concorso d architettura In due fasi per la progettazione della Nuova casa anziani di Caslano (concorso LCPubb) CH-6980 Castelrotto Tel.: +41(0)91 611 37 00 Fax: +41(0)91 611 37 01 E-mail: info@oscam.ch Internet: www.oscam.ch CASA ANZIANI MALCANTONESE Raiffeisen COOP Posta Centro diurno Concorso d architettura In

Dettagli

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO RCHIDUE Associati x l'architettura Arch. Stefano NANNINI arch. Debora INNOCENTI via Castel de Toni, 1/A Casalguidi 51034 (PT) Tel./Fax. 0573.526389; e-mail: archidueassociati@tiscali.it Al Sig. Sindaco

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

Concorso d'architettura

Concorso d'architettura Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento delle finanze e dell'economia Divisione delle risorse Sezione della logistica Concorso d'architettura a una fase per la progettazione della ristrutturazione dello

Dettagli

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s)

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Tema N.1 Il candidato imposti il progetto di un complesso

Dettagli

COMUNE DI MEDOLLA (Provincia di Modena) UFFICIO TECNICO

COMUNE DI MEDOLLA (Provincia di Modena) UFFICIO TECNICO ALIENAZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA CONVENZIONATA DI UN TERRENO EDIFICABILE DI PROPRIETÀ COMUNALE INDIVIDUATO URBANISTICAMENTE IN ZONA RESIDENZIALE B3 CON ACCESSO DA VIA PERUGIA INDIVIDUATO AL NCT

Dettagli

Ó» ¹¹ ± 6921 18 marzo 2014 SANITÀ E SOCIALITÀ

Ó» ¹¹ ± 6921 18 marzo 2014 SANITÀ E SOCIALITÀ Ó» ¹¹ ± ²«³» ± ¼ Ü ³»² ± 6921 18 marzo 2014 SANITÀ E SOCIALITÀ ݱ²½» ²» Concessione alla Fondazione Bianca Maria, Cadro, di un contributo unico a fondo perso di Fr. 4'250 000.-- per le opere di ristrutturazione

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI. D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici. Codice civile + R.E. Distacchi dai confini

RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI. D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici. Codice civile + R.E. Distacchi dai confini RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici Distacchi stradali a) Per l < 7,00 m d = 5,00 m b) Per 7,00 m = l = 15,00 m d = 7,50 m c) Per l > 15,00 m d = 10,00

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

CITTA' DI LOCARNO PIANO REGOLATORE PARTICOLAREGGIATO DEL QUARTIERE MORETTINA

CITTA' DI LOCARNO PIANO REGOLATORE PARTICOLAREGGIATO DEL QUARTIERE MORETTINA CITTA' DI LOCARNO PIANO REGOLATORE PARTICOLAREGGIATO DEL QUARTIERE MORETTINA NORME DI ATTUAZIONE Il Consiglio Comunale, vista la Legge d'applicazione della legge federale sulla pianificazione del territorio

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Comune di Rivalta di Torino (Torino) Deliberazione di C.C. n. 4 del 28/01/2015: Regolamento Edilizio Comunale. Modifica e sostituzione articolo 18 e inserimento nuovi articoli

Dettagli

Studio Tecnico Barbero Associati

Studio Tecnico Barbero Associati Dott. Arch. Luigi Barbero Dott. Ing. Arch. Giuseppe Barbero Spett.le Comune di Valenza OGGETTO: Relazione tecnico-illustrativa dell area a Valenza, SUE C25 del PRGC. L area SUE C25, oggetto del presente

Dettagli

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE SENIGALLIA LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE RINASCE UN AREA DI SENIGALLIA Si chiama RESIDENZE SAN SEBASTIANO. Un nome che già appartiene all identità cittadina: San Sebastiano è il nome dell antistante

Dettagli

Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento delle finanze e dell economia Divisione dell economia. Ufficio stima. Esempi di stima

Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento delle finanze e dell economia Divisione dell economia. Ufficio stima. Esempi di stima Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento delle finanze e dell economia Divisione dell economia Ufficio stima Esempi di stima 2012 Indice 1. Casa monofamiliare 3 2. Stabile con negozio e appartamenti 11

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Tabelle millesimali di condominio Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/0 Prof. Romano Oss Condominio: quando nello stesso fabbricato vi sono delle parti di proprietà individuale

Dettagli

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE ALLEGATO TECNICO INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE Livello urbanistico per il futuro deposito e approvazione del Piano di Lottizzazione

Dettagli

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO AUTONOME PROVINZ BOZEN GEMEINDE BOZEN SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Bolzano - 25.07.2005 - Bozen COMMITTENTE:

Dettagli

COMUNE DI CARTIGLIANO

COMUNE DI CARTIGLIANO ALLEGATO B ALLA DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE/D.I.A./S.C.I.A. n COMUNE DI CARTIGLIANO ALLO SPORTELLO UNICO ELENCO DOCUMENTI ALLEGATI Sempre obbligatoria Dettagliata relazione tecnica-descrittiva, a

Dettagli

P.R. LOCARNO PIANO PARTICOLAREGGIATO ZCP

P.R. LOCARNO PIANO PARTICOLAREGGIATO ZCP P.R. LOCARNO PIANO PARTICOLAREGGIATO ZCP PRIMA FASE: COMPRENSORIO LUNGOLAGO - VIA DELLA POSTA VECCHIA VIA TREVANI NORME DI ATTUAZIONE NORME DI ATTUAZIONE TITOLO PRIMO NORME INTRODUTTIVE Art. 1 Base legale

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1 REGOLAMENTO EDILIZIO Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986 Regolamento Edilizio pag. 1 I N D I C E Art. 1 Generalità Art. 2 Domande di costruzione Art. 3 Locali Art. 3 bis

Dettagli

RESIDENZA ADORNA 21 (mappale 3395 RFD Mendrisio)

RESIDENZA ADORNA 21 (mappale 3395 RFD Mendrisio) RESIDENZA ADORNA 21 (mappale 3395 RFD Mendrisio) Contatto vendite: IMPREGEST SA Via Michele Roggia 2 - CH-6853 Ligornetto T +41 91 994 77 44 M info@impregest.ch www.impregest.ch Progettista: Studio d architettura

Dettagli

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore)

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Novembre 2009 Laurea Specialistica Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Tema N.1. Complesso residenziale

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Prova pratico-grafica (6 ore) Tema n.1 Consideriamo un edificio

Dettagli

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA COMUNE DI OLBIA Provin cia di Olbia - Te m pio OGGETTO: PROGETTO DI VARIANTE NON S OS TANZIALE AL COMPARTO DI ZONA AH OS PEDALIERA S ITA IN COMUNE DI OLBIA, LOCALITA' TANNAULE. ELABORATO: Norm e di Attu

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

Definizione degli indici e parametri.

Definizione degli indici e parametri. Estratto dal Regolamento Edilizio Tipo - articolo 13 - Regolamento Edilizio Tipo: Reg. 14 settembre 1989, n. 23 (1). Pubblicato nel B.U. Marche 14 settembre 1989, n. 100-bis. Regolamento Edilizio Tipo

Dettagli

Esami di Stato Prima Sessione Giugno 2010 PROVA PRATICA SCRITTA (Caratterizzante la classe) 16 Settembre 2010 Sez. A - Ingegneria CIVILE e AMBIENTALE

Esami di Stato Prima Sessione Giugno 2010 PROVA PRATICA SCRITTA (Caratterizzante la classe) 16 Settembre 2010 Sez. A - Ingegneria CIVILE e AMBIENTALE Esami di Stato Prima Sessione Giugno 2010 PROVA PRATICA SCRITTA (Caratterizzante la classe) 16 Settembre 2010 Sez. A - Ingegneria CIVILE e AMBIENTALE CLASSE 28/S Ing. CIVILE Tema n. 1 Redigere il progetto

Dettagli

1 Localizzazione ed accessibilità

1 Localizzazione ed accessibilità 1 Localizzazione ed accessibilità L'area interessata dal Piano Urbanistico Attuativo per la realizzazione della nuova Residenza per persone anziane non autosufficienti si colloca all interno del Comune

Dettagli

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA Proprietà : COOP. S. GONDA. Progetto : Arch. Alessio Cantini Arch. Marco Benassai Ing. Sirio Chilleri RELAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 5/2/2010

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica Cosio Valtellino, 05.06.2008 REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE ALLEGATO 1 Relazione tecnica COMMITTENTI: Sigg DEL NERO DAVIDE DEL NERO LAURA PROGETTO: geom. RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA *************

Dettagli

Piano Regolatore Generale 2003

Piano Regolatore Generale 2003 Piano Regolatore Generale 2003 Regolamento Urbanistico COMUNEDI AREZZO Assessorato Urbanistica, Edilizia, CentroStorico Direzione Servizi per il Territorio Ufficio Pianificazione Urbanistica Illustrazionedel

Dettagli

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE VARIANTE DI PIANO REGOLATORE COMPARTO VALERA NORME DI ATTUAZIONE DEL PR (Estratto) Versione per la prima consultazione Studi Associati sa via Zurigo 19 CP 4046 CH-6904 Lugano tel. +41 091 910 17 30 fax

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

in due fasi per la progettazione della nuova scuola dell infanzia 1 a FASE

in due fasi per la progettazione della nuova scuola dell infanzia 1 a FASE COMUNE DI COMANO Concorso d architettura in due fasi per la progettazione della nuova scuola dell infanzia 1 a FASE Bando di concorso Comano, 24 novembre 2009 Committente: Tel: +41(0)91/941-84-86 Comune

Dettagli

Comune di Giornico. Concorso d architettura per la progettazione della nuova Casa Anziani dei Comuni di Leventina. Bando concorso di progetto

Comune di Giornico. Concorso d architettura per la progettazione della nuova Casa Anziani dei Comuni di Leventina. Bando concorso di progetto Comune di Giornico Concorso d architettura per la progettazione della nuova Casa Anziani dei Comuni di Leventina Bando concorso di progetto 20 agosto 2009 2 INDICE 1 DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Ente banditore

Dettagli

6 APPARTAMENTI VISTA LAGO

6 APPARTAMENTI VISTA LAGO 6 APPARTAMENTI VISTA LAGO w w w. v i l l a m e t a. c h il concetto EDIFICAZIONE DI 6 APPARTAMENTI SU 5 LIVELLI. La Residenza è ubicata in zona collinare, nel comune di Orselina, con una generosa apertura

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BASILICATA POLO DI MATERA Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura (Classe 4/S) CORSO DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Tullio, 24 - UDINE (UD) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503

Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503 Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503 Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici TITOLO I - Scopi e campo

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Sessione anno 1990 Prima prova scritto-grafica A confine con una strada di un centro

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno. COSTRUZIONI ACCESSORIE: tipologie e normativa

COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno. COSTRUZIONI ACCESSORIE: tipologie e normativa COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno versione gennaio 2006 1 VOLUMI ACCESSORI Sono considerati volumi accessori le strutture di modeste dimensioni, a carattere precario, non adibite a residenza,

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Prova pratico-grafica (6 ore) 1 Tema Progetto di Villa Urbana

Dettagli

CALCOLO SUPERFICIE CATASTALE AI FINI TARSU e TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

CALCOLO SUPERFICIE CATASTALE AI FINI TARSU e TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI CALCOLO SUPERFICIE CATASTALE AI FINI TARSU e TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI La superficie catastale ai fini tarsu non è altro che una superficie fittizia, determinata secondo precisi parametri

Dettagli

Magnifico appartamento di 4 ½ locali alla Residenza Parco Carona inserito in un parco di 13'000 m2 a Ciona-Carona

Magnifico appartamento di 4 ½ locali alla Residenza Parco Carona inserito in un parco di 13'000 m2 a Ciona-Carona Magnifico appartamento di 4 ½ locali alla Residenza Parco Carona inserito in un parco di 13'000 m2 a Ciona-Carona Nel 2013 il comune di Carona si è aggregato alla Nuova Lugano. Carona è situata tra i monti

Dettagli

PARERE IGIENICO SANITARIO

PARERE IGIENICO SANITARIO (C.E. per frazionamento) Istanza in bollo Al Responsabile di P.O. N. 4 Settore Urbanistica Del Comune di Casteltermini Oggetto: Richiesta di Concessione Edilizia per frazionamento. Il sottoscritto.., nato

Dettagli

MENDRISIO VILLA FORESTA VENDESI CASA BIFAMILIARE

MENDRISIO VILLA FORESTA VENDESI CASA BIFAMILIARE MENDRISIO VILLA FORESTA Via Agostino Nizzola no. 12 VENDESI CASA BIFAMILIARE SERI INTERESSATI CONTATTARE FABRIZIO BORDOLI Via Filanda 1 6500 Bellinzona Tel. 079 670 08 24 o 091 825 13 77 Posizione: Villa

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti :

22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti : 22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti : - le tavole della proposta progettuale dovranno essere possibilmente su supporto cartaceo normale; - la relazione di fattibilità economica ed il preventivo

Dettagli

L'indice di sfruttamento massimo nei comparti A e B è lo 0.7 per tutti i lotti edificabili. Non è prescritto un indice di occupazione.

L'indice di sfruttamento massimo nei comparti A e B è lo 0.7 per tutti i lotti edificabili. Non è prescritto un indice di occupazione. INDICE ART. 1 OBIETTIVI...1 ART. 2 PERIMETRO...1 ART. 3 COMPARTI DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO...1 ART. 3 BIS LOTTI E TIPI EDILIZI...1 ART. 4 INDICI...1 ART. 4 BIS NORME PARTICOLARI PER LA ZONA R2PS...1

Dettagli

Il testo riportato è aggiornato con l emanazione del D.M. 16 febbraio 1982 che ha sostituito il D.M. 27 settembre 1965

Il testo riportato è aggiornato con l emanazione del D.M. 16 febbraio 1982 che ha sostituito il D.M. 27 settembre 1965 Circolare n 75 del 03/07/1967 Criteri di prevenzione incendi per grandi magazzini, empori, ecc. TESTO COORDINATO E' noto che al n. 87 del Decreto Interministeriale del 16 febbraio 1982, emanato ai sensi

Dettagli

San Martino Buon Albergo 5HJRODPHQWR(GLOL]LR

San Martino Buon Albergo 5HJRODPHQWR(GLOL]LR 7,72/2,,,ƒ '(),1,=,21, $UW±'HILQL]LRQHGLHOHPHQWLXUEDQLVWLFRHGLOL]L 1. 6XSHUILFLH7HUULWRULDOH: è la superficie di territorio comprendente la superficie fondiaria e le aree per l'urbanizzazione primaria

Dettagli

Ci sono dei luoghi ai quali torniamo. Dopo una vacanza, dopo il lavoro o dopo tanto tempo, ci torniamo con piacere. Luoghi e dintorni nei quali, i

Ci sono dei luoghi ai quali torniamo. Dopo una vacanza, dopo il lavoro o dopo tanto tempo, ci torniamo con piacere. Luoghi e dintorni nei quali, i Ci sono dei luoghi ai quali torniamo. Dopo una vacanza, dopo il lavoro o dopo tanto tempo, ci torniamo con piacere. Luoghi e dintorni nei quali, i nostri sensi sono circondati da un affetto quotidiano.

Dettagli

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità SERVIZIO DECENTRAMENTO U.O. Circoscrizione Est Centro Civico: via Alcide de Gasperi, 67 59100 Prato Tel 0574.52701 Fax 0574.183.7305 circoscrizione.est@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it

Dettagli

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere 3.2.8 Parapetti Le finestre, i balconi e le terrazze devono avere parapetti di altezza non inferiore a cm. 100. In ogni caso i parapetti, fermo restando che devono garantire sufficiente resistenza agli

Dettagli

2. VINCOLI L area oggetto di intervento è sottoposta ai seguenti vincoli:

2. VINCOLI L area oggetto di intervento è sottoposta ai seguenti vincoli: 1. PREMESSA Il presente progetto preliminare prevede la risoluzione sia delle problematiche evidenziate a seguito del verbale di sopralluogo effettuato dalla ASL 10 Firenze - Commissione di vigilanza sulle

Dettagli

COSTRUZIONE DI UNA VILLA A CUGNASCO DESCRITTIVO DELL INTERVENTO CON ELABAORATI GRAFICI

COSTRUZIONE DI UNA VILLA A CUGNASCO DESCRITTIVO DELL INTERVENTO CON ELABAORATI GRAFICI COSTRUZIONE DI UNA VILLA A CUGNASCO DESCRITTIVO DELL INTERVENTO CON ELABAORATI GRAFICI COSTRUZIONE DI UNA VILLA A CUGNASCO DESCRITTIVO DELLA PROPRIETÀ Il terreno sul quale verrà realizzata la villa è in

Dettagli

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Generalità Il presente intervento ha interessato un lotto localizzato nel territorio del Comune di Calestano,

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

Nuovo Regolamento Edilizio

Nuovo Regolamento Edilizio CITTA DI CESANO MADERNO PROVINCIA DI MILANO Nuovo Regolamento Edilizio Allegato tecnico LINEE GUIDA PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE modificato a seguito delle controdeduzioni alle osservazioni

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n. 64 del 29.05.2015 AVVISO PUBBLICO RICERCA DI MERCATO LOCAZIONE IMMOBILE RENDE NOTO

Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n. 64 del 29.05.2015 AVVISO PUBBLICO RICERCA DI MERCATO LOCAZIONE IMMOBILE RENDE NOTO Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n. 64 del 29.05.2015 AVVISO PUBBLICO RICERCA DI MERCATO LOCAZIONE IMMOBILE L - Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna - RENDE

Dettagli

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE STANDARD UNICO PROVINCIALE PER LA MISURAZIONE DEL METRO QUADRO COMMERCIALE 1 Nel novembre 2008 viene costituita la "Consulta Interassociativa dei Professionisti dell'immobiliare" inizialmente per rispondere

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via D Aronco, 9 - UDINE (UD) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 1 CRITERI GENERALI... 4 2 UNITA

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt. 26 47 62 63 Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Oggetto: PIANO ATTUATIVO DI RISTRUTTURAZIONE URBANISTICA E RICONVERSIONE FUNZIONALE DI EDIFICIO ARTIGIANALE DISMESSO A RESIDENZIALE; SUBORDINATO ALLA REALIZZAZIONE E CESSIONE DEL PARCHEGGIO PREVISTO NELLA

Dettagli

Allegato A) MAGGIORAZIONE DEL COSTO MASSIMO AMMISSIBILE A CONTRIBUTO PER GLI INTERVENTI DI NUOVA COSTRUZIONE, RECUPERO E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Allegato A) MAGGIORAZIONE DEL COSTO MASSIMO AMMISSIBILE A CONTRIBUTO PER GLI INTERVENTI DI NUOVA COSTRUZIONE, RECUPERO E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Allegato A) MAGGIORAZIONE DEL COSTO MASSIMO AMMISSIBILE A CONTRIBUTO PER GLI INTERVENTI DI NUOVA COSTRUZIONE, RECUPERO E MANUTENZIONE STRAORDINARIA 1) NUOVA COSTRUZIONE Di seguito sono indicate le opere,

Dettagli

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase 1 Il DI 1444/68 stabilisce che la quantità minima inderogabile di spazi da destinare a parcheggio è pari a 2.50 mq/ab (in

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

A 16/06/03 Prima emissione URT DRT PRS SSA Cod. Id. I/SIC046C/REL/B003

A 16/06/03 Prima emissione URT DRT PRS SSA Cod. Id. I/SIC046C/REL/B003 A 16/06/03 Prima emissione URT DRT PRS SSA Cod. Id. I/SIC046C/REL/B003 Sostituisce il: Sostituito da: SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 3 SPAZI APERTI ESTERNI... 4 3.1 SPAZI APERTI

Dettagli

UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI

UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI D.G.R. n. 20763 del 16 febbraio 2005 Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi per l autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per le

Dettagli

Romantica casa antica (con posteggi) nel nucleo di Gentilino in Collina d Oro

Romantica casa antica (con posteggi) nel nucleo di Gentilino in Collina d Oro Romantica casa antica (con posteggi) nel nucleo di Gentilino in Collina d Oro Gentilino fa parte del comune della Collina d'oro, che è nato nel 2004 dalla fusione di Agra, Gentilino e Montagnola. Il comune

Dettagli

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Obiettivi : Semplificazione (100 pag. invece di 400) Adeguamento alle nuove Leggi Superamento difficoltà d interpretazione

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono:

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono: (C.E. per ristrutturazione) Istanza in bollo Al Responsabile di P.O. N. 4 Settore Urbanistica Del Comune di Casteltermini Oggetto: Richiesta di Concessione Edilizia per ristrutturazione. Il sottoscritto..,

Dettagli

Poliedro Design PRIMA SOLUZIONE DI PROGETTO. Appartamento quadrilocale. Committente: Sig.XXXXX. Comune: YYYYYYYYYY

Poliedro Design PRIMA SOLUZIONE DI PROGETTO. Appartamento quadrilocale. Committente: Sig.XXXXX. Comune: YYYYYYYYYY Poliedro Design Di dott. ing. Massimo Manni partita IVA: 07011870966 Via Europa 7 20097 San Donato Milanese (MI) Tel. 02 527 81 57 Cell: 393 60 90 923 Fax: 02 87 15 13 03 E-mail: info@poliedro.eu Poliedro

Dettagli

COMUNE DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA

COMUNE DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA COMUNE DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA ARTICOLO 1 Oggetto delle norme e campo d applicazione. Le norme riguardano

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

MESSAGGIO MUNICIPALE N. 09/2015

MESSAGGIO MUNICIPALE N. 09/2015 Casella postale e-mail 1066 municipio@giubiasco.ch Telefono web 091 850 99 11 www.giubiasco.ch Fax 091 857 38 00 CCP 65-630-1 Nostro rif.: Numero: Vostro rif.: Comune Municipio Piazza 6512 sgb/as 572 di

Dettagli

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA -

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ai sensi del comma 4 dell art. 77 del D.P.R. 380/01 come modificato dal D.lgs 301/02, L. 13/1989 e D.M.

Dettagli