INDICE. Introduzione...4. Capitolo 1. Effetti dell invecchiamento Capitolo 2. Cadute e fratture...19

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Introduzione...4. Capitolo 1. Effetti dell invecchiamento... 9. Capitolo 2. Cadute e fratture...19"

Transcript

1 INDICE Introduzione Capitolo 1. Effetti dell invecchiamento L instabilità posturale e l invecchiamento Modificazioni degli organi di senso nell invecchiamento Modificazione delle vie nervose e dei centri nervosi di controllo Il sistema motorio e la stabilità posturale La stabilità posturale nella performance fisica.16 Capitolo 2. Cadute e fratture Epidemiologia delle cadute Fattori di rischio di caduta Raccomandazioni e linee guida...27 Capitolo 3. Medicine Complementari e Riabilitazione: Medicina Tradizionale Cinese (MTC) e Tai Chi Chuan (Tai Chi) MTC e storia del Tai Chi Principi del Tai Chi Prospettive terapeutiche Studio osservazionale multicentrico: La pratica del Tai Chi nella prevenzione delle cadute in età geriatrica Valutazione e risultati dello studio Prospettive future: valutazione di uno studio preliminare e progettazione di un trial clinico randomizzato...53 Capitolo 4. Letteratura scientifica...58 Conclusioni Bibliografia...86

2 INTRODUZIONE L invecchiamento coinvolge in modo globale il corpo umano, creando cambiamenti negli organi e apparati che si riflettono sulle loro funzioni. Questi fenomeni legati all invecchiamento possono modificare gli equilibri dei vari sistemi così come possono condizionare la postura, sia quella statica che quella dinamica. Da qualche anno quella che si tende a definire una vera e propria sindrome di instabilità posturale è diventato un argomento di particolare importanza visti i suoi rapporti con conseguenze tali come cadute, fratture, disabilità, istituzionalizzazione e un considerevole aumento della spesa sanitaria. (1) Le cadute sono la causa principale di infortuni tra gli anziani (più di 65 anni) seguite da incidenti stradali, ustioni ed incendi, affogamento ed avvelenamento. (2) Dai dati epidemiologici dell European Network For Savety Among Elderly si rilevano circa casi di infortuni mortali per anno tra i cittadini anziani in Europa. Ogni giorno anziani vanno incontro ad incidenti abbastanza severi da richiedere l assistenza medica. Di questi necessitano di ricovero ospedaliero e 275 decedono dopo poco tempo. Diverse centinaia non fanno ritorno nelle proprie abitazioni per istituzionalizzazione in case di cura. La proporzione tra i soggetti anziani in Europa e in costante crescita. Si registrano circa morti in seguito a cadute tra gli anziani nelle regioni europee. Ogni anno circa un terzo degli ultra sessantacinquenni e vittima di una caduta e fra gli anziani istituzionalizzati la percentuale aumenta del 50%. (2) Le cadute possono causare disabilità, riduzione della funzionalità e una riduzione della qualità di vita. Altrettanto importante e la paura di cadere e la perdita di sicurezza con un declino della funzionalità, depressione e isolamento sociale. (1) Il Ministero della Salute definisce le cadute come evento sentinella che si è manifestato con un danno grave o che aveva la potenzialità di determinarla e che quindi 4

3 rende obbligatoria un analisi conoscitiva per accertare se vi abbiano contribuito fattori eliminabili o riducibili. (1) Da questo nasce la necessità di interventi di prevenzione. Dalle linee guida internazionali ruolo decisivo hanno: le valutazioni multidisciplinari (da parte di medici, infermieri, fisioterapisti, terapisti occupazionali, farmacisti, assistenti sociali ecc.) le valutazioni multifattoriali come: identificazione e storia di precedenti cadute, revisione del trattamento farmacologico e assunzione di farmaci psicotropi, valutazione della deambulazione, dell equilibrio e dell eventuale debolezza muscolare, valutazione del rischio osteoporotico, valutazione dell abilità funzionale soggettivamente percepita dall anziano e della paura correlata al cadere, valutazione delle alterazioni della vista, valutazione del deterioramento cognitivo ed esame neurologico, valutazioni dei rischi domestici e dell ambiente di vita, disordini del sistema vestibolare. (1) Attualmente sono disponibili tante metodiche e strategie per promuovere la stabilità, l equilibrio e la prevenzione delle cadute nei soggetti anziani con programmi che includono esercizi per aumentare la forza e la resistenza muscolare, esercizi per migliorare l equilibrio e il biofeedback training. Lo loro efficacia è stata provata solo in aree specifiche del mantenimento dell equilibrio (es. il programma di esercizi di forza e di resistenza migliorano la forza e la resistenza muscolare) tralasciando altri fattori che influenzano le cadute. (3) Diversi studi hanno valutato l efficacia degli esercizi di gruppo non solo come una strategia per la prevenzione delle cadute ma anche come un modo di socializzazione e di acquisizione e scambio di consigli utili per prevenire le cadute in ambito domiciliare. Tra le varie attività di gruppo una grande attenzione nella ricerca scientifica medica e riabilitativa sta avendo anche la pratica del Tai Chi Chuan (Tai Chi) per la promozione della salute e nella prevenzione dello stato di disagio e malattia. Recentemente la pratica del Tai Chi ha avuto una grande attenzione nella comunità riabilitativa geriatrica. (3) Il Tai Chi è un antica arte marziale di origine cinese che fa 5

4 parte della Medicina Tradizionale Cinese (MTC) e che consiste in una serie di movimenti lenti e continui ben tollerati dalle persone anziane. Inoltre, in diversi studi si è valutato come la pratica del Tai Chi può aiutare a prevenire le cadute negli anziani grazie al suo movimento che comprende elementi di forza, di equilibrio, aggiustamento posturale, e propriocezione. (3) Il crescente ricorso alla Medicina Complementare (MC) combinato ad una mancanza di regolamento in materia ha reso le autorità sanitarie consapevoli del fatto che è necessario attivare un percorso di valutazione che fa uso dello studio osservazionale per approfondire le conoscenze relative alla medicina complementare. Per queste ragioni la Regione Lombardia dal 2000 ad oggi ha richiesto la presentazione di studi osservazionali e clinici sperimentali sulla MC. (4) Il proposito di questa tesi è di individuare, attraverso gli studi più recenti e le linee guida internazionali (1), gli interventi di prevenzione delle cadute negli anziani, (1) in particolare su come momenti educativi e di esercizio fisico come la pratica del Tai Chi possono aiutare a prevenire le cadute negli anziani e migliorarene la stabilità e l equilibrio. (5) L Unità Operativa di Riabilitazione Specialistica dell Azienda Ospedaliera Luigi Sacco in collaborazione con altre strutture sanitarie ha svolto lo studio clinico osservazionale La pratica del Tai Chi nella prevenzione delle cadute in età geriatrica (5) nell ambito della sperimentazione sulle medicine complementari promossa dalla Direzione Sanità della Regione Lombardia (4). Questo studio si propone come obiettivo di effettuare su un campione minimo di 100 soggetti, di età superiore a 70 anni, non affette da patologie che non consentano di mantenere la stazione eretta o che ne condizionino la stabilità, afferenti per la prima volta all attività di Tai Chi, una valutazione di tipo multidimensionale e longitudinale, ponendo particolare attenzione all equilibrio e alla paura di cadere. Scopo di tali valutazioni è di rilevare le modificazioni statisticamente significative nel controllo dell equilibrio e nella prevenzione delle cadute in età geriatrica. Ogni paziente reclutato nello studio ha partecipato ad un ciclo di Tai Chi che si è svolto con sessioni della durata di un ora con cadenza bisettimanale. L attività di gruppo si è 6

5 svolta in tre mesi con un totale di sedute di Tai Chi. È stato consigliato a tutti i soggetti partecipanti il proseguimento della pratica del Tai Chi a casa per un anno. Ogni paziente è stato sottoposto ad una valutazione iniziale, una valutazione alla fine delle lezioni e follow-up di 6 e 12 mesi dopo le lezioni con delle scale di valutazione per l equilibrio (Scala di Tinetti per l equilibrio e l andatura ). Operatori sanitari non partecipanti all attività di insegnamento hanno valutato con scheda Tinetti 77 soggetti in ingresso e 56 alla fine di 3 mesi di pratica. I soggetti valutati a sei mesi sono stati 35, a un anno sono stati 27. I risultati riferiti alla valutazione Tinetti indicano un miglioramento dell equilibrio e dell andatura a fine trattamento ed un mantenimento dei risultati ai follow-up a sei mesi e ad un anno. I risultati sono congruenti con studi riportati in letteratura. (22),(23),(24),(36) Molte sono le ricerche che dimostrano o interrogano sui benefici effetti di questa pratica, dal miglioramento dell attività cardiocircolatoria e respiratoria (33),(34),(42),(52), all aumento della forza muscolare e all aumento della stabilità della marcia e dell equilibrio (22-28), sulla diminuzione del dolore nell artrite reumatoide (37),(38),(41) in cervicalgia e lombalgia (38),(39). Rimane, comunque, la difficoltà di capire in che cosa consistano le azioni positive che il Tai Chi ha sul sistema dell equilibrio e sulla prevenzione delle cadute in età geriatrica e sopratutto servono più studi clinici randomizzati con gruppi di controllo omogenei (38). In vista di nuovi progetti si è svolto uno studio preliminare all Ospedale Luigi Sacco (6) con la durata di tre mesi (da aprile a giugno 2009) con l obiettivo di osservare e valutare come la pratica del Tai Chi non solo migliora l equilibrio ma anche aiuta a diminuire o contenere il dolore cronico da cervicalgia e lombalgia. Nello studio sono stati valutati 2 gruppi: un gruppo equilibrio e stabilità e un gruppo postura e dolore. L età media dei soggetti partecipanti è tra i anni. I partecipanti sono stati selezionati in base a dei criteri clinici di inclusione ed esclusione standardizzati in letteratura (22),(23). Tutti i pazienti partecipanti sono stati sottoposti ad una valutazione fisiatrica e sono stati valutati con delle scale di valutazione da fisioterapisti che non 7

6 tengono lezioni di Tai Chi. Sono previsti dei follow-up di valutazione tra sei e dodici mesi. I risultati post-trattamento dimostrano un miglioramento della stabilità e dell equilibrio (Berg Balance Scale) (6,1) e una diminuzione del dolore soggettivo (V.A.S, Oswestry low back pain, Neck Index Disability). Interessante sarà vedere nei follow-up se questi risultati rimangono invariati. Quello che rimane come obiettivo futuro è di progettare nuovi studi clinici randomizzati che prevedano gruppi di controllo con una più approfondita raccolta anamnestica e con una valutazione strumentale dell equilibrio (Pedana Stabilometrica). Rispetto alla raccolta anamnestica sarebbe auspicabile ricercare da parte dei professionisti sanitari una maggiore collaborazione ed omogeneità nella valutazione dei fattori di rischio di caduta sia intrinseci che estrinseci. Per quanto riguarda l efficacia della pratica di esercizi per migliorare l equilibrio (Tai Chi e altro) è necessario affinare la valutazione dei risultati sul contenimento del rischio di cadute e di perdita di funzionalità psico-fisica delle persone anziane. 8

7 Capitolo 1. Le teorie dell invecchiamento Dal punto di vista biomedico l invecchiamento è un processo che induce a molteplici modificazioni morfo-funzionali a carico dei diversi organi, sistemi ed apparati, in conseguenza l individuo perde sempre di più la capacità di adattarsi all ambiente e conseguentemente acquisisce una crescente probabilità di ammalarsi e morire. L invecchiamento è quindi causa di una progressiva perdita delle riserve funzionali e dei meccanismi che l organismo utilizza per mantenere stabile il proprio equilibrio interno (7). Ma cosa ci fa invecchiare? L invecchiamento un processo complesso, risultante dall interazione di due grandi fattori: genetici (caratteri o/e fattori eredo-costituzionali) e l ambiente. Ma come invecchiamo? Numerose sono le teorie, le ipotesi principali secondo i ricercatori sarebbero due: 1. L invecchiamento come evento programmato (Teoria neuroendocrina, Teoria immunitaria) 2. L invecchiamento come evento stocastico (Teoria della Glicazione, Teoria del declino della stabilità genomica, Teoria dello stress ossidativo). Risulta evidente che è necessario distinguere i fenomeni legati a un invecchiamento fisiologico, da quelli riconducibili a patologie dell età senile, il cui limite è spesso sottile e non ben definito. Secondo le teorie sull invecchiamento la principale conseguenza dell invecchiamento è la riduzione della capacità di omeostasi dei vari sistemi ed apparati dell organismo, rendendo l anziano particolarmente vulnerabile a sviluppare patologie. Oltre ai cambiamenti legati al normale invecchiamento molte condizioni cliniche o malattie croniche alterano ancora di più la possibilità di tenere l omeostasi del funzionamento dei vari sistemi (7). 9

8 1.1 L instabilità posturale e l invecchiamento L instabilità posturale è una condizione oggettivamente osservabile, caratterizzata dalla precarietà di mantenimento dell equilibrio durante la stazione eretta e/o la marcia (7). Con l avanzare dell età si assiste ad una marcata modificazione delle capacità motorie, che si manifestano con una maggiore difficoltà al mantenimento dell equilibrio e con un rallentamento della fluidità dei movimenti. Tali difficoltà non sono comunque esclusivamente frutto del danno dei sistemi neuronali motori e sensitivi del sistema nervoso centrale. La realizzazione di qualunque schema motorio richiede infatti la perfetta integrazione funzionale tra sistema nervoso centrale, sistema nervoso periferico, strutture tendinee, muscolo scheletriche e articolari. Il contemporaneo deterioramento di questi diversi sistemi anatomici rende difficile, se non impossibile, attribuire esclusivamente all uno o all altro le modificazioni di postura e di andatura nel soggetto anziano. Dal punto di vista biomeccanico l equilibrio viene mantenuto grazie al riposizionamento istante per istante del centro di massa corporeo che tende continuamente a spostarsi dalla propria base di supporto. Durante la stazione eretta il centro di massa corporeo, localizzato anteriormente alla seconda vertebra sacrale, si proietta direttamente sulla base di supporto, producendo una condizione di equilibrio statico. Durante la marcia, venendo il centro di massa corporeo continuamente spostato al di fuori della base di supporto, esso deve essere ogni volta ricollocato al suo interno (7). Il mantenimento dell equilibrio statico e dinamico richiede l integrità delle afferenze sensoriali, delle capacità di esecuzione degli atti motori e di integrazione centrale di questi componenti (3). 10

9 1.2 Modificazioni degli organi di senso nell invecchiamento L invecchiamento comporta, in condizioni sia statiche che dinamiche, un incremento delle oscillazioni posturali prevalentemente in senso antero-posteriore, da ricondurre alle modificazioni involutive degli organi di senso, dei centri nervosi di integrazione e del sistema effettore muscolo scheletrico (7). Organi di senso 1. La sensibilità propriocettiva I propriocettori sono recettori capaci di trasdurre la situazione posturale corporea, e in condizioni dinamiche il movimento dei segmenti corporei. Sono divisibili in quattro classi: i fusi neuromuscolari, organi muscolo-tendinei del Golgi, recettori articolari, recettori cutanei periarticolari (8) Con l aumento dell età si assiste ad un declino strutturale e funzionale del sistema somatosensoriale, e questi cambiamenti sono associati con l instabilità posturale. Le informazioni sensoriali provenienti dai recettori muscolari, tendinei e dalle articolazioni prevedono al feedback riguardando il senso di posizione delle articolazioni, il loro movimento e alla sensibilità tattile (3). Questo è tra i meccanismi più importanti nel mantenimento dell equilibrio. Durante la deambulazione per il mantenimento dell equilibrio, le informazioni provenienti dai meccanocettori muscolari e articolari aiutano a coordinare ogni passo, e ad effettuare l approccio del piede al suolo nel modo più stabile posturalmente (3). La perdita della sensibilità periferica può avere tante cause come: diabete mellito, abuso cronico di alcool, 11

10 deficienza di vit B12, chemioterapia, sovradosaggio di piridossina o ossido nitrico, la degenerazione della colonna cervicale da osteoartrosi creando disturbi propriocettivi delle articolazioni apofisarie, portando dei disturbi del controllo posturale con predisposizione delle persone anziane al cadere (3). La ricerca ha suggerito che l invecchiamento crea dei cambiamenti morfologici nei muscoli con una diminuzione in numero delle fibre muscolari intrafusali comportando una compromissione statica e dinamica della sensibilità propriocettiva (3). Un declino subiscono anche i recettori di Pacini e Meisser portando ad una diminuzione della sensibilità tattile e vibratoria. Nelle attività quotidiane le informazioni tattili e propriocettive provvedono a dare informazioni sulla distribuzione del peso corporeo nella base d appoggio responsabile del mantenimento dell equilibrio. Vari studi clinici hanno trovato una relazione tra declino del senso di posizione dell articolazione del ginocchio età correlata (42). Esiste una forte correlazione tra cadute da neuropatie degli arti inferiori, da disturbi della sensibilità tattile, propriocettiva e vibratoria negli arti inferiori (3). 2. La sensibilità visiva Le informazioni provenienti dai campi visivi correlati con le oscillazioni posturali e il movimento è un feedback per il controllo posturale. Studi clinici hanno dimostrato che le oscillazioni posturali aumentano del 30% in assenza dell input visivo (occhi chiusi) durante il mantenimento della stazione eretta. Con l aumento dell età sopra i 50 anni si assiste a dei cambiamenti con declino dell acuità visiva, della sensibilità e adattamento buio luce, e della percezione del senso di profondità, suscettibilità a sviluppare patologie (Cataratta, degenerazione maculare, glaucoma, retinopatie, ipovisione, presbiopia e altre alterazioni refrattarie) (3). 12

11 Queste condizioni cliniche impoveriscono l input visivo creando difficoltà nel percepire le informazioni spaziali e nell esplorazione delle distanze. Il disturbo del senso di profondità e del senso di contrasto risulterebbero come dei fattori di rischio per le cadute multiple per incapacità delle persone anziane di distinguere ostacoli come: scale, radici di alberi per terra, marciapiede, superfici irregolari (3). 3. La funzione vestibolare Il sistema vestibolare è sensibile ad accelerazioni angolari (canali semicircolari) e alle rotazioni (sistema otolitico, utricolo e sacculo) del capo, e queste informazioni contribuiscono al controllo posturale attraverso i movimenti correttivi evocati dal riflesso vestibolo oculare e dai collegamenti vestibolo spinali. Le ricerche cliniche affermano che esiste una perdita della funzionalità vestibolare normalmente con l invecchiamento. Questa ipofunzione del sistema vestibolare spesso si osserva sui problemi posturali, sulla deambulazione, e sull aumento di cadute (3). Però alcuni studi hanno trovato che l incidenza delle cadute non era elevata nelle persone anziane con disfunzione vestibolare diagnosticata (3). Questo potrebbe avvenire secondo i ricercatori perché il sistema nervoso centrale si adatta ad utilizzare gli input visivi e propriocettivi per compensare l assenza degli input vestibolari utilizzando strategie correttive. 13

12 1.3 Modificazione delle vie nervose e dei centri nervosi di controllo Con l invecchiamento non c è solo una degradazione degli input sensoriali ma anche dei cambiamenti nei meccanismi di funzionamento nel sistema nervoso centrale che potrebbero ridurre l abilità di compensare in caso di input sensoriali discordanti (3). Dai risultati dello studio di Hay et.al (3) si evidenziò che durante la stazione eretta sotto costante input visivo, e sottoponendo la persona ad una perturbazione tramite vibrazione tendinea, si è visto che nei soggetti anziani c era un incapacità di reintegrare rapidamente le informazioni propriocettive per stabilizzare l equilibrio (3). I risultati di uno studio dei ricercatori Deshpande and Patla (9) dimostrarono che quando gli input vestibolari sono discordanti con gli input visivi durante la deambulazione utilizzando uno stimolatore galvanico vestibolare, il riposizionamento dell input vestibolare era meno effettivo nei soggetti anziani che nei giovani. La traiettoria della deambulazione nei soggetti anziani dopo la stimolazione vestibolare è stata eccessivamente influenzata, invece dai soggetti giovani è stata messa in azione una perfetta integrazione degli input discordanti per mantenere una direzione accurata del capo nella deambulazione (9). Gli autori suggeriscono che il sistema nervoso centrale dei soggetti anziani potrebbe non essere più in grado di ottenere una risposta vestibolare accurata anche in presenza dell input visivo. 14

13 1.4 Il sistema motorio e la stabilità posturale 1. La forza muscolare La massa muscolare diminuisce considerevolmente tra i 20 e gli 80 anni con una successiva riduzione dell attivazione delle fibre muscolari veloci (3). La forza muscolare è solitamente mantenuta fino alla quinta-sesta decade di vita per proseguire con una accelerata perdita fino al 50% nell età di 80 anni (3). Questo influisce sulla velocità e sulla organizzazione dell attivazione muscolare per la stabilità posturale. Esaminando il tempo e la forza muscolare richiesta per il superamento di ostacoli per il mantenimento dell equilibrio i ricercatori Schultz et.al (10) hanno trovato che negli anziani c è un aumento del rischio di cadute con lesioni per un ritardo di attivazione muscolare e per una forza muscolare diminuita. Questa ridotta capacità di generare una rapida forza muscolare potrebbe limitare l abilità di rispondere velocemente ad una perdita di equilibrio aumentando il rischio di caduta. Una riduzione della forza muscolare degli estensori del ginocchio, dei flessori dorsali della tibio-tarsica e degli estensori dell anca sono correlati con un aumento del rischio di caduta (3). 2. Tempo di reazione L abilità di reagire rapidamente in caso di cambiamenti posturali inaspettati o rapidi è importante per il mantenimento dell equilibrio e nel prevenire la caduta. Dai 20 ai 60 anni si assiste ad un aumento di velocità del 25% del tempo di reazione, ma dopo i 60 anni c è una diminuzione significativa del tempo di reazione per il mantenimento dell equilibrio (3). La diminuzione del tempo di reazione è un fattore di rischio per le cadute negli anziani (3). Questa riduzione del tempo di reazione nei soggetti anziani potrebbe avere come causa anche i cambiamenti correlati del sistema nervoso centrale e periferico con perdita di mielina creando così una diminuzione dell acuità sensoriale e impoverimento delle risposte motorie. 15

14 1.5 La stabilità posturale nella performance fisica 1. La stabilità posturale L invecchiamento fisiologico è associato ad una diminuzione dell abilità nel mantenimento della stabilità posturale statica oppure è considerato una risposta ad una inaspettata perturbazione. Il controllo delle oscillazioni posturali include una continua attività muscolare (primariamente dal piede all anca) come risposta integrata agli input sensitivi. Le oscillazioni posturali aumentano approssimativamente dopo i 30 anni (3). Nella direzione laterale, questo effetto età correlato è più pronunciato, suggerendo che il controllo posturale sul piano laterale è particolarmente problematico nei soggetti anziani. 2. Il passo volontario Mentre il centro di massa si muove in avanti nei limiti della stabilità, potrebbe essere presa la decisione di fare un passo avanti e aumentare la dimensione della base di appoggio o cadere (3). La performance dell andatura volontaria è stata misurata in diversi modi. Così Medell e Alexander (11) valutarono nel loro studio la capacità dei soggetti giovani e anziani di fare un passo rapido in avanti, a destra, a sinistra o all indietro. La performance dei partecipanti nello studio è stata valutata tramite la scala Activities-Specific Balance Confidence (ABC), e misurando la forza muscolare degli arti inferiori. Gli autori conclusero che avevano trovato nei soggetti anziani un declino delle abilità di eseguire rapidamente dei passi nelle varie direzioni per prevenire una possibile caduta. La performance dell andatura secondo gli autori è strettamente legata con le altre valutazioni dell equilibrio e del rischio di caduta. In uno studio di follow-up si 16

15 evidenziò che gli anziani che avevano avuto una caduta negli ultimi 12 mesi avessero una lunghezza massimale del passo più corta (11). Questi studi suggeriscono che il tempo di reazione del passo per ristabilire l equilibrio potrebbe aiutare a individuare gli anziani con rischio di caduta. 3. Controllo dell equilibrio nella perturbazione Il controllo dell equilibrio è stato valutato anche come risposta di una perturbazione inaspettata. I soggetti anziani sono meno capaci di controllare il loro equilibrio in caso di perturbazioni, che i soggetti giovani: questo è stato dimostrato sui test di equilibrio su piattaforme destabilizzanti con stimoli perturbanti (3). Dalle valutazioni si è visto che i soggetti anziani avevano bisogno di eseguire più passi per rimettersi in equilibrio in risposta a perturbazioni, che i soggetti giovani. (3) l passi protettivi nei soggetti anziani sono meno efficienti nell arrestare le perturbazioni indotte, parzialmente dovute ad una lunghezza del passo inadeguata e ad uno sbilanciamento dell appoggio del piede in direzione laterale (3). Così gli anziani rispondono con i passi protettivi velocemente ad una perturbazione inaspettata dell equilibrio (3), perché loro sono meno capaci di integrare efficacemente le informazioni sensoriali in ordine per ristabilire in modo appropriato passi protettivi appropriati in lunghezza e direzione. La diminuzione dell acuità sensoriale, l aumento del tempo di elaborazione a livello centrale delle informazioni sull equilibrio, la diminuzione della forza muscolare, l aumento della rigidità delle articolazioni e della latenza nella risposta muscolare riflessa volontaria, potrebbero contribuire all impoverimento delle risposte motorie per prevenire le cadute nei soggetti anziani. 17

16 4. I cambiamenti dell andatura I cambiamenti dell andatura con l aumento dell età sono molto comuni. I soggetti anziani tendono a camminare con una minore velocità, con un passo più corto, con una base più allargata, con un aumentata proposizione del tempo speso nella fase di doppio appoggio. Non è ancora chiaro però se questi cambiamenti sono una conseguenza di limitazione fisica o un adattamento strategico per prevenire la perdita dell equilibrio. Questi pattern spazio-temporali dell andatura sono più comuni negli anziani che hanno avuto esperienze di cadute che in quelli senza esperienze di cadute (3). Le alterazioni cinematiche e cinetiche osservate nelle persone anziane, includono una riduzione dell angolo articolare dell anca, riduzione della velocità angolare della parte bassa del tronco, riduzione del range articolare dell articolazione tibiotarsica, aumento dell inclinazione anteriore del bacino (pelvic tilt), aumento del momento di estensione dell anca durante la fase oscillatoria del passo, aumento dell energia muscolare richiesta negli arti inferiori per mantenere l equilibrio (3). Dagli studi eseguiti sulla valutazione dell andatura sui soggetti anziani si e visto che loro adottano strategie per superare gli ostacoli con una velocità minore e con un passo più corto che nei soggetti giovani. Permane il rischio più alto di caduta quando devono passare degli ostacoli quando l attenzione è divisa (3). Le persone anziane sono anche meno capaci di utilizzare i pattern motori fisiologici per evitare la perdita dell equilibrio(3). Questo indicherebbe che i soggetti anziani potrebbero essere ad alto rischio di caduta per la difficoltà di attivare le diverse strategie (strategia d anca e della caviglia) per evitare o superare gli ostacoli (3) 18

17 Capitolo 2. Cadute e Fratture Le cadute degli anziani rappresentano una priorità per la sanità pubblica a causa della loro frequenza, del ricorso all istituzionalizzazione che è associato ai suoi esiti, dell elevata probabilità di causare o aggravare disabilità e dell elevata mortalità. Rappresentano la prima causa di incidente domestico nonché la prima causa di ricovero e decesso per incidente domestico. Mentre negli uomini le lesioni che portano al decesso sono prevalentemente il trauma cranico e la frattura degli arti inferiori, nelle donne la causa prevalente di morte è rappresentata dalla sola frattura degli arti inferiori. In termini percentuali, le fratture degli arti inferiori costituiscono il 29% delle cause di morte dei maschi e il 68% delle femmine; il trauma cranico costituisce causa di morte nel 29% dei maschi e nel 14% delle femmine. Il fenomeno delle cadute nell anziano ha quindi un rilevante impatto sanitario, sociale ed economico (2). 19

18 2.1 Epidemiologia delle cadute Le cadute rappresentano il 78% degli incidenti domestici e costituiscono la causa prevalente di ricorso al pronto soccorso 56%. (1) Si registrano circa morti in seguito a cadute tra gli anziani nelle regioni della EU. (1) I soggetti con età uguale o superiore agli 80 anni hanno una mortalità di 6 volte maggiore rispetto a quella che si verifica nella fascia d età anni, poiché questi non solo sono maggiormente a rischio caduta ma anche più fragili degli altri (1). Gli infortuni tra gli anziani generano costi sanitari elevati. La fonte principale dei costi ospedalieri sono le fratture, principalmente dell anca (1). Ogni anno, circa 1 anziano su 10 ricorre ad assistenza medica in seguito ad un infortunio, per un totale di 8 milioni di infortuni nella EU. Le cadute sono la prima causa di infortuni tra i soggetti con età superiore ai 65 anni (1). In molti paesi dell Unione Europea, le cadute sono responsabili del 75% delle richieste di cure mediche da parte dei pazienti. (2) Gli adulti più anziani vengono ospedalizzati per infortuni legati a cadute, cinque volte più di frequente rispetto ad infortuni dovuti ad altre cause (1) L età è il principale fattore di rischio per tutti gli infortuni. Ogni anno cadono il 30% dei soggetti over 65 ed il 50% di quelli over 80. (1) Gli adulti più anziani che cadono una volta, hanno una probabilità doppia o tripla di cadere ancora nell arco dello stesso anno (1) Per le donne over 55 e gli uomini over 65, i tassi età specifici di mortalità ed ospedalizzazione dovuti ad infortuni aumentano esponenzialmente con l età. Più di 1/3 delle donne va incontro ad una o più fratture osteoporotiche nella corso della vita, la maggior parte dovute a cadute (1). Le cadute hanno diverse componenti causali che includono l osteoporosi legata a particolari condizioni climatiche e nutrizionali, la qualità delle abitazioni e le caratteristiche della mobilità (2). 20

19 Il 25% circa di coloro che cadono vanno incontro ad infortuni che riducono la mobilità e l indipendenza ed aumentano il rischio di morte prematura. I tassi di cadute tra i soggetti istituzionalizzati sono molto più elevati di quelli che si registrano in comunità (2). Approssimativamente il 50% di cadute tra gli anziani si presenta nell abitazione (2). Negli Stati Uniti nel 2004 il 39,8% di tutti i ricoveri negli ospedali per lesioni accidentali era dovuto a cadute, che rappresentavano la prima causa di morte per lesioni accidentali (1) e l 1,9% di tutte le cause di morte. In Canada i ricoveri per lesione da caduta ammontano al 54,4% di tutti i ricoveri per trauma e al 75,7% di tutti i decessi avvenuti in ospedale di pazienti ricoverati per trauma (1). Nel mondo nel 2006 una persona su dieci ha più di 60 anni; nel 2050 una persona su cinque avrà più di 60 anni e tra gli anziani le donne saranno in maggioranza (55%) (1). Ogni anno circa un terzo dei soggetti che hanno più di 65 anni è vittima di una caduta e fra gli anziani che risiedono in strutture di vario genere la percentuale è ancora maggiore. Infatti, si calcola che l incidenza delle cadute nelle case di cura e negli ospedali sia 2-3 volte superiore rispetto a quella delle cadute che avvengono nell abitazione, e anche le complicazioni sono maggiori (1). 21

20 2.2 Fattori di rischio di caduta La presenza dei seguenti fattori di rischio aumenta il rischio di cadere (1) 1- Storia di precedenti cadute 2- Paura di cadere 3- Polifarmacoterapie e assunzione di farmaci sedativi-ipnotici 4- Alterazione della mobilità 5- Alterazione della vista 6- Rischi domestici 7- Isolamento sociale Altri fattori di rischio: storie di malattie o accidenti del sistema cardiovascolare, depressione, demenza, epilessia, diminuzione della forza muscolare (degli estensori del ginocchio), confusione, utilizzo di lenti multifocali, artrite e artrosi, utilizzo di ausili per camminare. 22

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento INFERMIERISTICA CLINICA IN AREE SPECIALISTICHE - INTEGRATIVO INFERMIERISTICA IN AREA GERIATRICA A. A. 2009/2010 Dott. ssa Margherita Andrigo Portogruaro APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

Dettagli

Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili

Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili CENTRO DI RIABILITAZIONE VIA BOLZANO 1 B GENOVA TEL. 010 3203600 www.gruppofides.it Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili Dott.ssa Renata Carro Fisioterapista Cadute in casa delle

Dettagli

LA CADUTA DELL ANZIANO

LA CADUTA DELL ANZIANO LA CADUTA DELL ANZIANO A cura di: Dott. ssa E. Sartarelli Dott. S. Cittadini Possiamo definire EQUILIBRIO con le parole del Prof. Giorgio Guidetti come il rapporto ottimale tra un soggetto e l ambiente

Dettagli

RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI:

RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI: RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI: il caso della prevenzione e gestione della caduta del paziente nelle strutture sanitarie 2 edizione 15 Novembre 2012 Ministero della Salute

Dettagli

Chi sono i nostri utenti

Chi sono i nostri utenti Chi sono i nostri utenti anziani con età > 65/70 anni Con polipatologie Con cadute ripetute in anamnesi Già con storia di fr. di femore Con accidenti del sistema cardiovascolare Con esiti di ictus cerebri

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 I l termine diabete mellito indica un insieme di malattie metaboliche, diverse fra loro per eziopatogenesi, caratterizzate da iperglicemia

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

European Innovation Partnership on Healthy and Active Ageing Independent living

European Innovation Partnership on Healthy and Active Ageing Independent living Direzione Generale Sanità European Innovation Partnership on Healthy and Active Ageing Independent living AZIONI DI REGIONE LOMBARDIA Marina Bonfanti Liliana Coppola - Maria Gramegna Direzione Generale

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

VIET TAI CHI e la mia salute

VIET TAI CHI e la mia salute VIET TAI CHI e la mia salute Autore: VIVIANA ALEXANDRA DURE 1 PRIMA PARTE Molte volte sentiamo parlare di malattie rare, per tante di queste purtroppo non ci sono cure. E nella ricerca che molti hanno

Dettagli

ATTIVITA FISICA ADATTATA (AFA) Linee guida asl2 Lucca Dicembre 2009

ATTIVITA FISICA ADATTATA (AFA) Linee guida asl2 Lucca Dicembre 2009 ATTIVITA FISICA ADATTATA (AFA) Linee guida asl2 Lucca Dicembre 2009 Per attività fisica adattata (AFA) si intendono programmi di esercizio non sanitari svolti in gruppo appositamente predisposti per cittadini

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Programma: Promozione di interventi mirati ad incidere sui rischi infortunistici in ambito domestico tra gli anziani e bambini di 0-4 anni Identificativo della Linea

Dettagli

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO Traduzione Angela Corbella Si riportano i principali strumenti descritti nelle Linee Guida NICE 1 (National Institute for Clinical Excellence)

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi

UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi OSTEOPOROSI PATOLOGIA SISTEMICA E PROGRESSIVA DELLO SCHELETRO CON DIMINUZIONE DELLA MASSA OSSEA,

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Cibo e Salute: Giornata di prevenzione dell Osteoporosi della CRI.

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Cibo e Salute: Giornata di prevenzione dell Osteoporosi della CRI. CROCE ROSSA ITALIANA SCHEDA DI APPROFONDIMENTO Il Consigliere del Presidente Nazionale Prof. Giuliano Da Villa Cell. 3355499265 e-mail: ciboesalute@cri.it CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE Cibo e

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

Laureata in Scienze della Riabilitazione, Specializzata in Rieducazione Vestibolare e rieducazione posturale secondo Mezieres

Laureata in Scienze della Riabilitazione, Specializzata in Rieducazione Vestibolare e rieducazione posturale secondo Mezieres A cura di Rossana Tatangelo dott.ssa in Fisioterapia Laureata in Scienze della Riabilitazione, Specializzata in Rieducazione Vestibolare e rieducazione posturale secondo Mezieres Controllo antigravitario

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Allegato 1 alla D.G.R. n. 11/7 del 21.3.2006 Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Le prestazioni afferenti alla branca specialistica di medicina

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

LA BIOMEDICA POSTURALE

LA BIOMEDICA POSTURALE LA POSTUROLOGIA LA BIOMEDICA POSTURALE La posturologia è la scienza che studia la posizione del corpo umano nello spazio. Nel corpo umano esiste un sistema posturale che viene informato della posizione

Dettagli

Le CAdute non SPIegaTe nell Anziano

Le CAdute non SPIegaTe nell Anziano Le CAdute non SPIegaTe nell Anziano Linee Guida ESC Update 2004 Reale o apparente perdita di coscienza Anamnesi, esame obiettivo, PA clino e orto, ECG standard Sincope (ipoperfusione cerebrale globale)

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Corso di Formazione ATTIVITÀ MOTORIA ED ESERCIZIO FUNZIONALE NEI GRANDI ADULTI Milano, 5 Ottobre 2013 L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Filippini Federico Dottore Magistrale

Dettagli

Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua. anni

Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua. anni Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua 50 1964 2014 anni Il Centro di Terapia in Acqua di Villa Maria Il Centro di Fisioterapia Riabilitativa in Acqua (idrochinesiterapia) di Villa Maria è

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

Programma della Back School ed esercizi di ginnastica antalgica in acqua: risultati a confronto. Alessandro Sale

Programma della Back School ed esercizi di ginnastica antalgica in acqua: risultati a confronto. Alessandro Sale Programma della Back School ed esercizi di ginnastica antalgica in acqua: risultati a confronto Alessandro Sale Valutazione dell efficacia della Back School in soggetti affetti da rachialgia cronica In

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Psicologia e sicurezza stradale

Psicologia e sicurezza stradale Psicologia e sicurezza stradale Molteplici sono i dati sugli incidenti stradali che compaiono quotidianamente sulla stampa, specialmente nei periodi dei grandi esodi. I dati ISTAT, comunque allarmanti,

Dettagli

Valutazioni posturali computerizzate

Valutazioni posturali computerizzate Valutazioni posturali computerizzate Sistema D.B.I.S. L'esame biometrico digitalizzato è effettuato con il Sistema D.B.I.S. (Digital Biometry Images Scanning) che integra i dati acquisiti da varie strumentazioni

Dettagli

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Indice Presentazione xiii Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Capitolo 1 L anziano in Italia, diritti e questioni etiche 3 1.1 Essere anziani oggi in Italia 3 1.2 I diritti 6 1.3 Invecchiare bene 10

Dettagli

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta Zanetti E*., Zani M*., Negri E.^, Trabucchi M.* *Gruppo

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia L equilibrio armonico tra mente e corpo CRM Terapia Corpo e mente in perfetta armonia, per ritrovare la salute Dopo anni di ricerca nella prevenzione e cura

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Cifosi, mobilità, equilibrio e disabilità

Cifosi, mobilità, equilibrio e disabilità Cifosi, mobilità, equilibrio e disabilità Is kyphosis related to mobility, balance, and disability? Eum R, Leveille SG, Kiely DK, Kiel DP, Samelson EJ, Bean JF Am J Phys Med Rehabil. 2013 Nov;92(11):980-9.

Dettagli

La gestione del rischio: le cadute in ospedale

La gestione del rischio: le cadute in ospedale CORSO DI FORMAZIONE PER INFERMIERI e OSTETRICHE La gestione del rischio: le cadute in ospedale Dott. Enrico Malinverno Resp. Qualità & Sviluppo SITRA Servizio Qualità Aziendale A.O. Ospedale di Circolo

Dettagli

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich Attività Adattata Lezione 1 a.a. 2013-2014 Monica Emma Liubicich Secondo le Nazioni Unite i disabili nel mondo sono 650 milioni: 10% della popolazione In Italia circa 3.000.000, il 4,8% della popolazione

Dettagli

PROGETTO ANZIANI FRAGILI

PROGETTO ANZIANI FRAGILI CENTRO BERNSTEIN VERONA PROGETTO ANZIANI FRAGILI responsabile del progetto: MENEGHINI DARIO COS E L INVECCHIAMENTO? COSA COMPORTA? Invecchiamento: difficoltà nel rispondere adeguatamente agli stimoli di

Dettagli

ALLENAMENTO DELL EQUILIBRIO Influenza sulla forza e decadimento propriocettivo nel giocatore di pallacanestro

ALLENAMENTO DELL EQUILIBRIO Influenza sulla forza e decadimento propriocettivo nel giocatore di pallacanestro ALLENAMENTO DELL EQUILIBRIO Influenza sulla forza e decadimento propriocettivo nel giocatore di pallacanestro Relatore MARCO ARMENISE: preparatore fisico Pallacanestro Varese La scelta dello studio Molti

Dettagli

Dott. Massimiliano Mariani (D.O.)

Dott. Massimiliano Mariani (D.O.) Centro Osteopatico di Terapia Manuale e Riabilitativa Dott. Massimiliano Mariani (D.O.) Cervicalgie e Cervicobrachialgie Cefalee Disturbi Posturali Epicondiliti Dorsalgie Colpo della Strega Dolori Viscerali

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN (quadrante inferiore) DATA : 5-6 ottobre, 30 novembre e 1 dicembre LUOGO

Dettagli

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA Pasquale Gallina Dottore in Fisioterapista Master in Riabilitazione dei Disordini MuscoloScheletrici OMT Orthopedic Manipulative Therapist LE FASI DELL ETÀ EVOLUTIVA

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

!""#$#"!%&'#(#)!&!*!""!"!&

!#$#!%&'#(#)!&!*!!!& !""#$#"!%'##)!!*!""!"! +,-./00-+/,123244256423616078/1)-9:8/56$/8/;62 4-../006+,-+-8/806 ;7#$'?"'@#$70A$

Dettagli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE È UNA TECNICA DI INTERVENTO MANUALE CHE AGISCE ATTRAVERSO I PIEDI E CONSENTE ALLA PERSONA DI RITROVARE L EQUILIBRIOL PSICO-FISICO

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

I BISOGNI DI ASSISTENZA DELL ANZIANO FRAGILE

I BISOGNI DI ASSISTENZA DELL ANZIANO FRAGILE I BISOGNI DI ASSISTENZA DELL ANZIANO FRAGILE Rossana Pezzotta Lecco, 1 ottobre 2010 Anziani FRAGILI? ROSSANA PEZZOTTA FRAGILE che si rompe facilmente o cede alla minima sollecitazione; debole, gracile,

Dettagli

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA ASSOCIAZIONE ReintrAs Trauma, Onlus Associazione italiana per l assistenza e il reintegro socio-lavorativo delle vittime di incidenti stradali e sul lavoro Via Pasquale Galluppi, 8-00136 Roma Tel. 06.39910668

Dettagli

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro Anni 2011-2012 A cura di: Antonella Sutera Sardo Maria Antonietta Soccio Marilena Adamo Elisa Defezza Pierina Mancuso, Vincenzo Nocera Vilma

Dettagli

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 STIAMO COI PIEDI PER TERRA GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 Le cadute che possono verificarsi in casa, per la strada, in ospedale o presso le strutture per anziani o disabili sono un grave problema

Dettagli

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia STRATEGIA STABILOMETRIA, TEST ISOCINETICO, BIOMECCANICA

Dettagli

L identità del professionista in sanità tra qualità e spesa: tra le nebulose degli strumenti di cura

L identità del professionista in sanità tra qualità e spesa: tra le nebulose degli strumenti di cura www.fondazioneistud.it L identità del professionista in sanità tra qualità e spesa: tra le nebulose degli strumenti di cura 12 maggio 2011 Maria Giulia Marini Fondazione ISTUD La sfida per i servizi sanitari

Dettagli

programma di formazione professionale

programma di formazione professionale programma di formazione professionale Corsi Ufficiali di Certificazione BodyCode System BodyCode System Main Center Via Lambertesca 16, 50122 Firenze tel +39 055 213329 - fax +39 055 280212 www.bodycodesystem.com

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni Percorso riabilitativo per pazienti operati di protesi di ginocchio

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Recessione economica e Disturbi Depressivi

Recessione economica e Disturbi Depressivi Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Recessione economica e Disturbi Depressivi L Associazione per la Ricerca sulla

Dettagli

UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI

UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI Dispensa realizzata in occasione della prima sessione DEL CORSO DI FORMAZIONE 2011 per persone affette da patologie neuromuscolari e

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO CHIETI PESCARA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO CHIETI PESCARA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO CHIETI PESCARA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'università "G. D'Annunzio" di Chieti-Pescara sono istituiti a partire

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Congresso Regionale A.N.I.M.O.

Congresso Regionale A.N.I.M.O. Congresso Regionale A.N.I.M.O. Qualità e responsabilità Applicazione in medicina interna IL DOLORE Valutazione e strumenti Inf. Montaniero Roberto U.O. Medicina Interna P.O. S. Maria del Popolo degli Incurabili

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile 1 Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

IL REGISTRO MIELOLESIONI

IL REGISTRO MIELOLESIONI IL REGISTRO MIELOLESIONI Riguardo al progetto-studio sotto riportato è stato espresso (in modo informale) interesse, dal ministro MARTINI, alla sua applicazione a livello nazionale. L'onorevole Francesca

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA Ft GABRIELLA PISU Dipartimento Recupero e Riabilitazione Funzionale A.S.O. CTO-M.Adelaide Direttore: Dott.ssa M.V. Actis 2 Corso

Dettagli

M O D E L L O P E R I L

M O D E L L O P E R I L M O D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome AIRAGHI BARBARA Data di nascita 12/08/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Medico fisiatra Numero telefonico

Dettagli

CURRICULUM PERSONALE DR. PIETRO ALONGI FISIOTERAPISTA

CURRICULUM PERSONALE DR. PIETRO ALONGI FISIOTERAPISTA CURRICULUM PERSONALE DR. PIETRO ALONGI FISIOTERAPISTA COGNOME, NOME, LUOGO E DATA DI NASCITA: ALONGI PIETRO -nato a PALERMO il 14/12/76 RESIDENZA: Palermo - Via Spinasanta 210 - cap 90147 - Tel: 091-6726744

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE COME AGISCE IL CRO SYSTEM? Ottimizza la performance muscolare potenziando marcatamente la sensibilità propriocettiva, ovvero la raccolta di informazioni da muscoli, articolazioni ed ossa, su cui si basa

Dettagli

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

Dettagli

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI PROF.SSA LUISA BARTORELLI Direttore Centro Alzheimer della Fondazione Roma CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI La sfida che la crescita esplosiva della popolazione anziana pone

Dettagli

LESIONI SCHELETRICHE

LESIONI SCHELETRICHE LESIONI SCHELETRICHE LESIONI MUSCOLO - SCHELETRICHE Anatomia dell APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano è costituito da 208 ossa di diversi tipi: OSSA BREVI (es.vertebre) OSSA PIATTE (es. SCAPOLA, BACINO)

Dettagli

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici.

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Ogni seduta deve essere iniziata con particolare cautela, onde saggiare la reattività del soggetto ed evitare

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO A.D.A. - Associazione Diritti Anziani Ente Nazionale a carattere assistenziale D.M. n 59/C24029(A)142 del 10/01/2001 Via Matteotti n 20/1-38100 Trento C.F. 96051750220 Tel. 0461/376114 Fax 0461/376199

Dettagli

La sigla ABR sta per Advanced Biomechanical Rehabilitation, cioè Riabilitazione Biomeccanica Avanzata e l ideatore del metodo è Leonid Blyum..

La sigla ABR sta per Advanced Biomechanical Rehabilitation, cioè Riabilitazione Biomeccanica Avanzata e l ideatore del metodo è Leonid Blyum.. Come funziona il metodo ABR? La ABR Belgio insegna la tecnica ABR a genitori ed assistenti: il metodo è indirizzato a chi ha subito un danno a livello celebrale e si basa su una scrupolosa strategia riabilitativa

Dettagli

Meglio informati sul mal di schiena

Meglio informati sul mal di schiena Meglio informati sul mal di schiena 11309-270801 www.mepha.ch Quelli con l arcobaleno Quelli con l arcobaleno Armonia alterata Quando i tendini, i legamenti, i muscoli e le articolazioni cessano di funzionare

Dettagli

LE CONDIZIONI DI SALUTE

LE CONDIZIONI DI SALUTE LE CONDIZIONI DI SALUTE Condizione di salute della popolazione Con l evolversi del concetto di salute a livello internazionale da un approccio biomedico ad un modello multidimensionale, maturato in particolare

Dettagli

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore: un problema, un mistero Il dolore l animale lo evita,

Dettagli