Il lown in R.S.A, la terapia del sorriso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il lown in R.S.A, la terapia del sorriso"

Transcript

1 R.S.A. Virginia Grandi C Il lown in R.S.A, la terapia del sorriso Sabrina Stinziani, M. Christine Melon QUADERNI CADIAI

2 Questo lungo progetto, inteso come ricerca intervento, iniziato nel 2006 e appena terminato, ha visto la collaborazione di molte persone che ne hanno condiviso gli obiettivi e che a vario titolo hanno contribuito alla realizzazione di un percorso così composito e complesso. Vorremmo ringraziare uno per uno tutti i giovani clownterapeuti, che ora si sono diplomati e che gratuitamente sono venuti nel nostro servizio, per i nostri anziani, facendo quello che meglio sanno fare e per cui hanno studiato: farci sorridere e spalancare gli occhi dalla sorpresa! Grazie alla professoressa Alessandra Farneti e al dr. Andrè Casaca, formatori e clownterapeuti che diffondono la clownterapia, e al professor Rabih Chattat, che si è occupato dell elaborazione dei dati statistici e che accompagna ormai da qualche anno il nostro lavoro. Un riconoscimento importante va attribuito a tutto il personale della RSA Virginia Grandi per la capacità che ha avuto di accogliere e sostenere questo progetto decisamente divergente. Dopo molti anni di lavoro in ambito assistenziale, si corre sempre il rischio di scivolare nella routine e non vedere più le possibilità di cambiamento. Tutto il gruppo di lavoro del servizio invece, dal responsabile alle assistenti di base, dalle coordinatrici di nucleo alle infermiere, passando, ovviamente, per l animatrice, è stato capace di fare esattamente il contrario: farsi coinvolgere e partecipare attivamente ad un progetto molto innovativo, che ha chiesto a tutti di rinunciare ai propri abituali schemi relazionali per fare entrare la risata, lo stupore, la sorpresa tra i propri strumenti di lavoro.

3 I ntroduzione L esperienza in oggetto è stata condotta presso una struttura residenziale situata in un comune della provincia di Bologna, San Pietro in Casale. La gestione della Residenza Sanitaria Assistenziale Virginia Grandi è affidata a CADIAI dall Ente Gestore GE.R.S.A. (Gestione Residenze Sanitarie Assistenziali) in convenzione con l Azienda USL di Bologna, Distretto Pianura Est. Tutti gli anziani inseriti usufruiscono del Contributo Sanitario Regionale. La Residenza Sanitaria Assistenziale (60 posti letto di cui 6 temporanei) è un servizio a valenza sanitaria e socio-assistenziale, riservato ad anziani non autosufficienti che necessitano anche di assistenza sanitaria continuativa. I posti temporanei sono destinati a ricoveri riabilitatitivi o a ricoveri di sollievo. L occupazione del posto temporaneo prevede un mese di ricovero a totale carico dell Azienda USL, più un potenziale mese di proroga a parziale carico del familiare. La struttura offre servizi alberghieri, assistenza tutelare, assistenza infermieristica sulle 24 ore, presenza quotidiana di un medico specialista e due volte la settimana di un medico fisiatra, servizio di fisioterapia e riabilitazione, servizio di animazione, accesso plurisettimanale di una psicologa. Gli anziani che accedono alle Residenze Sanitarie Assistenziali presentano solitamente una grave compromissione dello stato funzionale, accompagnata da pluripatologie e/o da importanti deficit cognitivi, spesso associati a gravi disturbi del comportamento. Per oltre il 60% dei casi si tratta di malati di demenza di tipo primario, già in fase moderata o grave, con un pesante deficit di tutte le memorie, disturbi del linguaggio di varia intensità, aprassia, difficoltà nel controllo motorio e posturale, incontinenza bisfinteriale, limitazioni del visus e turbe della deglutizione. I familiari di questi anziani sono solitamente molto presenti nella vi- 1

4 QUADERNI CADIAI ta delle strutture e spesso molto provati dalla fatica pregressa della cura, dalla sofferenza per la separazione e dal peso emotivo della malattia del congiunto. Gli operatori che più direttamente se ne occupano hanno spesso un bagaglio professionale non esaustivo e necessitano di interventi di formazione e di sostegno per sopportare il peso della cura di anziani così compromessi. Rilevante è ormai l apporto di personale straniero, portatore di lingue e di culture diverse, mentre gli anziani ospitati nelle nostre strutture sono solidamente radicati nel territorio e nella cultura operaia o contadina locale e si esprimono, quando ancora riescono a parlare, prevalentemente in dialetto. In linea generale, tuttavia, il tipo di canale più utilizzato negli scambi comunicativi è certamente quello non verbale, fatto di sguardi, gesti e suoni. VII La motivazione che ci ha spinto ad intraprendere questa avventura è che i gruppi di lavoro apparivano emotivamente molto provati nell espletamento del loro lavoro quotidiano, con evidenti resistenze psichiche che si esprimevano a volte in comportamenti e atteggiamenti cognitivi (stereotipi, profezie che si auto-avverano, ecc.) che rendevano ancora più difficili le relazioni interpersonali, in particolare quelle con i familiari. La finalità del percorso era quella di trovare un modo diverso di lavorare, in un clima più leggero e disteso, che aiutasse l operatore a rispondere in maniera adeguata alle trasformazioni e ai continui aggiustamenti richiesti dal lavoro con anziani gravemente compromessi. Si voleva anche riscoprire un modo semplice per entrare in relazione con l ospite anziano, e in particolare con l ospite molto grave o con disturbi del comportamento, attraverso modalità comunicative di tipo non verbale: posture del corpo, mimica facciale, gestualità, contatto oculare, sguardo, contatto corporeo. Grazie a un aumento del benessere percepito e a un miglioramento del clima si sperava inoltre di influire indirettamente sui livelli di stress e di ansia esperiti dai familiari. 2

5 Considerazioni preliminari La fiducia, la gioia, il rilassamento, il pensiero positivo, la capacità di saper ridere e di potersi divertire indipendentemente dalla propria età anagrafica, sono elementi sempre più importanti in un ambito assistenziale, che consentono di migliorare l interazione nei rapporti interpersonali creando nell ambiente di lavoro un clima più disteso e collaborativo, che dia risposte qualitative sempre più attente alle esigenze degli anziani e dei loro familiari. Ridere, specialmente nelle situazioni critiche e disperate, libera una serie di neurotrasmettitori endorfinici che possono capovolgere emozionalmente la più difficile delle situazioni. Ridere fa bene non solo ai muscoli del volto, ma anche al diaframma, ai visceri, migliora la circolazione sanguigna, e incrementa le difese del sistema immunitario. Il riso fa aumentare la produzione di quegli ormoni - endorfine ed encefaline - che sono considerati i neurotrasmettitori del benessere. Durante una risata e quando ci si diverte si attivano aree corticali e sottocorticali che hanno importantissime connessioni con tutto il nostro corpo. Ridere fa bene al tono dell umore, all apparato cardiocircolatorio e respiratorio, migliora l ossigenazione del sangue e funziona come perfetto esercizio aerobico: in particolare, incrementa l'apporto di ossigeno ai polmoni, aumenta la resistenza cardio-polmonare, rilassa i muscoli, massaggia gli organi interni, migliora la circolazione sanguigna, favorisce il sonno calmo e rilassato. Nella nostra esperienza, le feste e i momenti di socializzazione hanno sempre riscosso grande gradimento da parte degli anziani, dei familiari e degli operatori: con questo progetto abbiamo cercato di documentare e registrare l esperienza del ridere come terapia, con dati oggettivi che potessero validare statisticamente i risultati raggiunti. 3

6 Obiettivi Sperimentare un modo semplice per entrare in relazione con l anziano e in particolare con l anziano molto deteriorato e con gravi disturbi del comportamento. Alleggerire e sdrammatizzare gli spazi, i tempi e i ruoli assistenziali, attraverso un attività anche ludica. Acquisire maggiori conoscenze teoriche e competenze pratiche rispetto alle diverse modalità comunicative da utilizzare con l anziano cognitivamente deteriorato: comunicazione attraverso il corpo (mimica, gestualità, postura, tono), uso del suono, del tatto, del colore, della vista, ecc. Apprendere nuove modalità di scambio con i familiari degli anziani. Misurare scientificamente l efficacia della terapia del sorriso. 4

7 ostruzione e descrizione Cdel progetto Il primo passo è stato quello di effettuare un corso di formazione rivolto agli operatori sui principi teorici e sulle applicazioni cliniche della clownerie. Il corso è stato tenuto da una docente dell Università degli Studi di Bologna, Corso di Laurea in Scienze della Formazione e da un docente del Corso di Alta Formazione post laurea sulla clownerie. Gli anziani sono stati informati del fatto che un gruppo di clown avrebbe condotto cinque feste/laboratorio all interno della struttura. Successivamente abbiamo effettuato un primo incontro con i familiari per la spiegazione e la condivisione del percorso. Sono anche stati prodotti volantini e cartelloni per pubblicizzare l iniziativa. Il gruppo sperimentale comprendeva tutti gli anziani della struttura, tutti gli operatori addetti all assistenza, buona parte degli infermieri professionali e tutto lo staff di coordinamento. Prima dell avvio dei laboratori è stato rilevato il grado di burnout di tutti gli operatori (MBI-Maslach Burnout Inventory), la frequenza e l intensità dei disturbi comportamentali e psichiatrici di ogni singolo anziano (NPI di Cummings) e il grado di disagio psicologico degli operatori associato alla presenza di tali disturbi (NPI-D, Caregiver Distress Scale). Prima e dopo ciascun laboratorio sono stati rilevati i parametri sanitari 1 degli anziani che vi avevano partecipato. Alla fine dell intero percorso sono stati risomministrati i test MBI, NPI e NPI-D. 1 Per la rilevazione dei parametri vitali e sanitari sono stati utilizzati uno sfigmomanometro, un orologio da polso per valutare la frequenza cardiaca, un ossimetro per misurare la saturazione dell ossigeno nel sangue, un reflettometro e 95 destrostick per le prove glicemiche. 5

8 QUADERNI CADIAI Sono state organizzate cinque sessioni-laboratorio di due ore ciascuna, condotte da clown formati dal Corso di Alta Formazione dell Università di Bologna. I clown hanno coinvolto familiari, operatori e anziani nel grande salone della struttura, che era stato opportunamente preparato, intrattenendoli con tecniche di micro-magia, improvvisazioni, mimo, drammatizzazioni, interazioni faccia a faccia, canti, giochi, uso di oggetti, trucchi, travestimenti, palloncini, ecc. Nel caso di anziani particolarmente gravi o allettati, la carovana dei clown ha lavorato direttamente nelle loro camere, adeguando le modalità di interazione al contesto che gli si presentava di volta in volta. VII Nell ultima festa-laboratorio è stata coinvolta una rappresentanza dell Associazione Amarcord al cafè, un gruppo di Auto Mutuo Aiuto (AMA) per familiari di anziani affetti da demenza del territorio di San Pietro in Casale, con l obiettivo di potenziare ulteriormente il raccordo fra la struttura e il territorio circostante. Ogni singola festa-laboratorio è stata filmata per trarne dei microframmenti video da analizzare con gli operatori (microvideoanalisi 2 ) nell ambito del percorso formativo previsto nel 2007, per trovare insieme a loro (apprendimento attivo) le interazioni anziano/clown più positive, focalizzando l attenzione in particolare sulle modalità di comunicazione non verbale. A conclusione dell intero percorso sono state somministrate schede di rilevazione del gradimento sia ai familiari, sia agli operatori, sia agli anziani in grado di rispondere. 6 2 La videomicroanalisi, come lo stesso termine indica, è l analisi di un Videotape a livello sottile (micro). Questa tecnica ha avuto origine dalle ricerche sullo sviluppo infantile di George Downing (psicologo e ricercatore del Dip.to di Psichiatria Infantile dell Ospedale Salpetrière di Parigi) che ha elaborato un modello di intervento in cui si utilizza la visione dei video insieme ai genitori per sostenere e sviluppare la loro capacità di relazionarsi al bambino.

9 Fasi di realizzazione Prima fase Realizzazione di un corso di formazione teso a fornire maggiori competenze teoriche e conoscenze pratiche relativamente alle diverse modalità di comunicazione con l anziano (comunicazione non verbale, comunicazione attraverso il corpo, l uso del suono, del tatto, del colore e della vista) e ad apprendere i costrutti teorici che sono alla base della clownerie e delle sue diverse applicazioni. Il corso è stato tenuto dalla dr.ssa Alessandra Farneti dell Università degli studi di Bologna e dal dr. Andrè Casaca, che ha condotto la parte pratica/esperienziale del corso, nella sua qualità di clown-terapeuta. Al corso, che ha avuto una durata di 24 ore, hanno partecipato complessivamente 38 operatori. Al termine del corso è stato somministrato un questionario di fall-out a tutti i partecipanti. Un momento del corso di formazione degli operatori Seconda fase Somministrazione di tutte le schede pre-test Terza fase Realizzazione di cinque feste/laboratorio con i clown 3 e rilevazione dei dati sperimentali sugli anziani Quarta fase Somministrazione di tutte le schede re-test e del questionario di gradimento a tutti i soggetti coinvolti 3 La collaborazione dell Università è stata fornita a titolo gratuito, sia per quanto riguarda la conduzione delle festelaboratorio da parte di clownterapeuti, sia per il processo di elaborazione dei dati. 7

10 QUADERNI CADIAI VII Quinta fase Elaborazione statistica dei dati raccolti e successiva divulgazione Sesta fase Condivisione dei risultati ottenuti e degli effetti osservati con i familiari degli anziani, con gli ospiti in grado di partecipare e con gli operatori della struttura nel corso di un incontro plenario appositamente organizzato. 8

11 Aspetti innovativi da segnalare L aver introdotto - con una valenza e una dignità terapeutica - il riso, il comico, la leggerezza in un ambiente solitamente caratterizzato dal dolore e dalla malattia. L aver sperimentato scientificamente la possibilità di intervenire in modo efficace con le tecniche della clownerie su soggetti molto diversi dall utenza tradizionale di questo approccio. L aver impiegato parametri di tipo sanitario per valutare le modificazioni intervenute negli ospiti molto deteriorati e quindi non in grado di esprimere verbalmente le loro emozioni e l eventuale benessere percepito. L aver coinvolto tutti i soggetti interessati (anziani, operatori, familiari) in un esperienza comune finalizzata al miglioramento della qualità di vita di ciascuno e al miglioramento della qualità di un servizio erogato/fruito. L aver sfruttato l esperienza concreta anche come modalità di formazione e apprendimento attivo degli operatori (videomicroanalisi). 9

12

13 Risultati attesi Un aumento del benessere percepito, almeno nell immediato, da parte di tutti i soggetti coinvolti. Una conferma scientifica dell effetto delle sessioni di laboratorio con i clown sul cambiamento del clima percepito in struttura dagli ospiti, dai familiari e dagli operatori. Una variazione oggettivamente misurata dei valori corporei degli anziani in base alla presenza dei clown, prima e dopo ogni sessione e per tutta la durata del progetto. Una riduzione del grado di stress e di burnout degli operatori dopo la partecipazione alle feste-laboratorio. L apprendimento di nuovi modi di stare in relazione con l ospite usando modalità corporee e non verbali, sia grazie all osservazione informale del lavoro dei clown, sia attraverso il corso di formazione che ha previsto due moduli pratici esperienziali. Una riduzione per intensità, gravità o grado di stress prodotto sugli operatori dei sintomi psichiatrici e comportamentali degli anziani. 11

14 Criteri di valutazione il cambiamento del clima percepito in struttura è stato verificato attraverso lo strumento dell osservazione sistematica sul campo hic et nunc e attraverso le registrazioni video e le foto digitali che hanno registrato ogni singola nuova interazione e i comportamenti verbali e non verbali i parametri vitali e i relativi mutamenti sono stati valutati con strumenti statistici e test di significatività il grado di stress e di burnout è stato registrato con test psicologici riproducibili i nuovi apprendimenti degli operatori sono stati verificati durante il corso di formazione dai docenti e sono sottoposti a verifica ogni volta che insorge un problema di relazione: le situazioni vengono analizzate in gruppo con la tecnica del problem solving i sintomi psichiatrici e comportamentali degli anziani sono stati registrati prima e dopo la partecipazione alle feste-laboratorio dei clown con un test neuropsichiatrico in uso nella letteratura nazionale e internazionale il grado di benessere percepito dagli ospiti e dai familiari durante e dopo le feste è stato valutato attraverso un questionario di gradimento 12

15 Analisi statistiche Per l analisi dei dati è stato utilizzato il pacchetto statistico SPSS versione 13.0 e il pacchetto statistico STAT.5. Inizialmente è stata effettuata una analisi descrittiva dei dati attraverso indici di frequenza, medie e deviazioni standard. Secondariamente è stata applicata la ANO- VA Multivariata, TRA gruppi ed ENTRO i soggetti (pre-post test) Le variabili dipendenti nell analisi entro i soggetti sono rappresentate per il MBI, per l UCLA NPI e NPI-D, dalla fase pre-test e dalla fase post-test. Per l analisi tra i gruppi si è tenuto conto della diversa appartenenza di gruppo (operatori e ospiti dei nuclei verde, giallo, blu, più lo staff). I dati dei parametri fisiologici raccolti sono stati analizzati con il T-Test per misure ripetute. (Per motivi di spazio alleghiamo solo i grafici e le tabelle più significativi, ma chi fosse interessato, può prenderne visione presso l RSA Virginia Grandi ). QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE: 1. Come giudichi in generale, la presenza di un clown in RSA per Anziani? Molto utile Utile Poco utile Inutile Dannosa Non risponde 13

16 QUADERNI CADIAI VII 2. Nel corso della giornata quando è più utile la presenza di un clown? 4 persone rispondono al mattino; 33 persone rispondono al pomeriggio; 1 persona risponde alla sera; 4 persone non rispondono 3. La presenza di un clown in RSA secondo te: 20 Per nulla 15 Poco 10 5 Abbastanza Molto Moltissimo 0 rasserena l ospite rasserena il familiare rasserena l operatore rasserena l ambiente Non risponde 4. La presenza di un clown può intralciare il lavoro? 1 persona risponde di si 37 persone rispondono di no 3 persone non rispondono 5. Hai gradito la presenza dei clown nella nostra RSA? persone rispondono di si 2 persone rispondono di no 1 persona non risponde

17 6. tu sei: Compilazione del questionario di gradimento Ospiti 15 Familiari Operatori Infermieri Altre categorie MBI-Maslach Burnout Inventory L analisi statistica evidenzia che non ci sono differenze significative né tra gruppi, né entro i soggetti, tuttavia si rileva un andamento diverso tra i gruppi: per esempio il nucleo 1 v, -e in parte il nucleo 2 g, registra un aumento degli indici esaurimento emotivo e depersonalizzazione, ma è anche il gruppo che a distanza di tempo registra l aumento maggiore rispetto alla variabile realizzazione personale sul lavoro. Questo andamento può essere indicativo di una maggiore reattività, che può portare il gruppo ad oscillare tra posizioni di forte stanchezza o, all opposto, di grande soddisfazione professionale. È doveroso sottolineare che nel periodo di tempo in cui si è sviluppata la ricerca, in RSA sono state effettuate le rotazioni di alcuni operatori tra i nuclei e questa decisione è stata vissuta da qualcuno in maniera punitiva, portando inizialmente ad un aumento del malcontento. Questo dato in parte potrebbe spiegare le oscillazioni dei valori verso un aumento del grado di stress; condizione opposta a quella attesa, ma si sa in una RSA e quindi come nel nostro caso in una situazione ecologica, la complessità degli accadimenti può incidere a diversi livelli sulla quotidianità. Un altro aspetto da considerare è che nel tempo della ricerca, alcuni anziani sono cambiati: una parte è peggiorata dal punto di vista clinico-assistenziale, una parte è deceduta, lasciando il passo a nuovi ospiti in ingresso. Senza dimenticare anche che tutto il progetto può essere stato vissuto da alcuni operatori come un sovraccarico di lavo- 15

18 QUADERNI CADIAI ro, e questo aspetto si ricollega ad una delle maggiori criticità che si rilevano in alcune situazioni di comunità, e cioè la difficoltà di coinvolgere tutti gli operatori. Tornado ai dati dell MBI, si registra che il nucleo 3 b, ha la tendenza a rimanere stabile nel tempo rispetto a tutti i valori raccolti, il che fa ipotizzare una forte stabilità delle dinamiche di gruppo, che però se portate all estremo possono diventare difese eccessive. Il gruppo 4 s invece è il gruppo che mostra la tendenza attesa: infatti il grado di EE e DP, diminuisce dopo le sessioni con i clown, e questo aspetto è comprensibile in quanto è il gruppo che forse in parte era il più motivato a fare la ricerca e aveva maggiori aspettative a riguardo. NPI-UCLA Nell analisi Multivariata si registrano diversi dati significativi rispetto ad una diminuzione della sintomatologia che appare inferiore sia per gravità, sia per frequenza dopo la sperimentazione con i clown. Nello specifico appaiono diminuiti in maniera significativa nel confronto pre-post i seguenti disturbi: Deliri (p.025, pre-post) Agitazione/Aggressività (p.00009), con un effetto interazione (p ) v. grafico Depressione Disforia (p.0003) Ansia (P.002) Apatia Indifferenza (p ) Irritabilità e Labilità dell umore (p.0001), con un effetto interazione (p.002) v.g. Attività motoria aberrante (p.018) Disturbi del sonno (p.004) VII Disturbi dell alimentazione (p.01) Totale sintomatologia frequenza per gravità (p ) e un effetto interazione (p.00001) vedi grafico Riassumendo quindi si registra una diminuzione di 9 disturbi su 12 tra il prima e il dopo, con alcuni effetti di interazione significativa. Non si sono evidenziati cambiamenti significativi rispetto alle allucinazioni, alla disinibizione e al sintomo dell euforia, ma in parte anche perché i valori registrati in partenza erano già molto bassi, per una quasi assenza di questi tipi di disturbi. 16

19 Agitazione Aggressività - Effetto Interazione nucleo g nucleo v nucleo b Irritabilità Labilità - Effetto Interazione 5,5 5 4,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 Totale frequenza per gravità ed effetto interazione nucleo g nucleo v nucleo b nucleo g nucleo v nucleo b 17

20 QUADERNI CADIAI NPI-D NPI-D, quantifica il grado di stress dei sintomi dell utente sul caregiver, e in questo caso sul disagio psicologico degli operatori coinvolti nella cura e nella gestione assistenziale. L analisi multivariata evidenzia una netta diminuzione dello stress percepito da parte degli operatori rispetto ai sintomi manifestati dagli ospiti, effetto che rispecchia la diminuzione della sintomatologia registrata con la scala NPI. Nello specifico c è una diminuzione significativa dello stress (registrata prima e dopo), rispetto alla percezione dei seguenti sintomi: Deliri (p.02), VII Agitazione/Aggressività (p.00004), Depressione Disforia (p.00001), Ansia (P.001), Apatia indifferenza (p.002), Irritabilità e labilità dell umore (p.0004), Attività motoria aberrante (p.04) Disturbi del sonno (p.0001) Disturbi dell alimentazione (p.02) Punteggio totale disagio psicologico (p ) Diminuzione del disagio psicologico totale dell operatore ,15 5,68 11,62 5,18 9, nucleo v nucleo g nucleo b Prima Dopo 18

21 PARAMETRI SANITARI L analisi dei parametri sanitari ha riguardato i valori della glicemia, dell ossimetria, della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa di alcuni ospiti prima e dopo ogni festa-laboratorio. I dati raccolti sono stati analizzati con il T-di Student per misure ripetute e hanno evidenziato quanto segue: per la glicemia non si sono riscontrate differenze significative entro i soggetti e alcuni ospiti durante lo studio, sono stati esclusi perché non risultavano compensati. l analisi statistica dei valori registrati per la frequenza cardiaca, non evidenzia nulla di significativo. l analisi dei valori dell ossimetria, non ha evidenziato nulla si significativo forse anche per l esiguo campione, tuttavia per tutti e 4 gli ospiti monitorati, e in tutti i giorni dopo il laboratorio con i clown, si osserva un aumento dei valori che si avvicinano a 99. anche per l analisi dei valori della pressione arteriosa non evidenzia nulla di statisticamente significativo. 19

22

23 Considerazioni conclusive Verifica dell efficacia attraverso lo strumento dell osservazione: dopo le varie feste con i clown, gli anziani hanno ricordato l evento e hanno richiesto di riattivare l esperienza; anche diversi familiari hanno gradito e apprezzato il nostro sforzo di creare un ambiente allegro e sereno dove potersi curare, ma anche divertire; alcuni utenti gravemente compromessi sia cognitivamente, sia fisicamente, esprimevano gioia, sorpresa, allegria e partecipazione durante le interazioni con i clown (riportiamo l esempio di un anziana che per molte ore al giorno presenta vocalizzi continuativi e che durante i laboratori ha mostrato interesse e attenzione focalizzata sui clown, con conseguente cessazione della vocalizzazione); 21

24 QUADERNI CADIAI dopo il primo incontro con i clown, un altra anziana molto grave è apparsa da subito molto più attenta, vigile e reattiva all ambiente circostante. Durante la festa laboratorio si voltava a guardare il viso dei clown e orientava il capo verso le fonti sonore, mostrando agli operatori potenzialità che nessuno pensava potesse ancora avere (e per il nostro modello di lavoro questo risultato, di per sé, basterebbe da solo a giustificare l intero intervento). Sulle capacità scoperte in quest anziana stiamo ora lavorando nello specifico del suoi PAI (Piano Assistenziale Individualizzato) per elaborare un VII progetto confezionato su misura per le sue competenze e abilità residue; tutti gli operatori hanno apprezzato il corso di formazione, sia per i contenuti innovativi, sia perché hanno capito che obiettivo del progetto era anche un aumento del loro benessere professionale, non solo della qualità del servizio erogato; questo tipo di intervento è facilmente applicabile sia con gli anziani molto deteriorati, sia con anziani che mantengono ancora una discreta cognitività e senso di realtà. L analisi statistica dei dati raccolti ci porta ad alcune conclusioni: il grado di burnout degli operatori non è diminuito in maniera analoga per tutti i gruppi di lavoro, anzi l MBI ha evidenziato una netta differenza tra i 4 gruppi indagati e questo ci indica che un progetto così ampio deve prevedere in futuro il coinvolgimento specifico per ogni nucleo -studiato appositamente- in base caratteristiche del gruppo stesso, alle motivazioni e alle aspettative dei singoli. 22

25 L NPI e l NPI-D mostrano entrambi una netta diminuzione significativa, sia della maggior parte della sintomatologia degli anziani, sia del grado di disagio psicologico ad essa correlato, esperito dall operatore. Infine l analisi dei parametri sanitari, ci dimostra che ridere ai nostri anziani ha fatto bene! L ossigenazione del sangue, infatti, è migliorata in tutti e quattro i soggetti monitorati e dopo ciascuna sessione con i clown. Fra le criticità registriamo il fatto che è molto impegnativo tenere insieme tutti gli attori sociali (anziani, operatori e familiari) coinvolti in questo tipo di intervento, visto l alto numero di soggetti impegnati in tutto il processo, che nel nostro specifico ammontavano a circa 120 persone. È molto probabile che un tipo di approccio così alternativo, basato sulla leggerezza e sul sorriso, fatichi ad affermarsi come un vero trattamento terapeutico nella mente di chi è abituato ad associare la cura con la fatica, con la rinuncia, con la sofferenza. Occorre interrogarsi sulla costruzione di un percorso formativo/informativo che possa mettere i familiari degli anziani nella condizione di apprezzare e di sfruttare appieno la possibilità di curare con il sorriso. Un altro nodo problematico riguarda le modalità di coinvolgimento dei familiari. La risposta che abbiamo ottenuto è stata nettamente inferiore alle nostre aspettative, sia in termini quantitativi, sia per la qualità del coinvolgimento. 23

26

27 Allegati UCLA Neuropsychiatric Inventory (NPI) Cummings JL, Mega M, Gray K, Rosemberg-Thompson S, Carusi DA, Gornbei J: Neurology 1994; 44: Due scale per la valutazione di frequenza (0-4) e gravità (1-3) di 12 domini psicopatologici che si manifestano con frequenza e variabilità nella demenza Alzheimer. Una terza scala (NPI-D) quantifica l impatto dei sintom i comportamentali sullo stress del caregiver (0-5). Sommando i valori di gravità e frequenza per ogni dominio psicopatologico, si assegna un punteggio globale. Domini psicopatologici 1. Deliri: Il paziente crede cose che non sono vere? Per esempio, insiste sul fatto che qualcuno sta cercando di fargli del male o di rubargli qualcosa. 2. Allucinazioni: Il paziente ha allucinazioni, cioè vede o sente cose che non esistono? Sembra vedere, sentire o provare cose non presenti? 3. Agitazione/Aggressività: Il paziente ha periodi durante i quali rifiuta di collaborare o durante i quali non si lascia aiutare dagli altri? È difficile da gestire? 4. Depressione/Disforia: Il paziente sembra essere triste o depresso? 5. Ansia: Il paziente è molto nervoso, allarmato, spaventato senza veri motivi? Sembra molto teso o agitato? È impaurito dal rimanere lontano da voi? 6. Esaltazione/Euforia: Il paziente è eccessivamente felice o allegro senza motivo? 7. Apatia/Indifferenza: Il paziente ha interesse verso il mondo che lo circonda? Ha perso interesse nel fare le cose o è meno motivato ad iniziare cose nuove? 8. Disinibizione: Il paziente sembra agire impulsivamente senza pensarci? Fa o dice cose che di solito non dice o non fa in pubblico? Fa cose imbarazzanti? 9. Irritabilità/Labilità: Il paziente si irrita o si arrabbia con facilità? Il suo umore è molto variabile? È impaziente in modo anormale? 10. Attività motoria: Il paziente continua a camminare, continua a fare e rifare le stesse cose come aprire i cassetti, oppure sposta in continuazione gli oggetti o attorciglia le stringhe o i lacci? 11. Sonno: Il paziente presenta disturbi del sonno? Sta alzato, vaga per la casa durante la notte, si veste e si sveste, disturba il sonno dei familiari? 12. Alimentazione: Il paziente presenta disturbi dell alimentazione come alterazioni dell appetito, alterazioni delle abitudini o delle preferenze alimentari. Ha subito variazioni di peso? 25

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI Lavorare con cura PERCORSO FORMATIVO E DI AGGIORNAMENTO PER GLI A.S.A. E O.S.S. IMPIEGATI NEI SERVIZI DOMICILIARI AMBITI TERRITORIALI VAL SERIANA E VAL SERIANA

Dettagli

LO STRESS LAVORO- CORRELATO IN OSPEDALE: IL PUNTO DI VISTA DELLO PSICOLOGO

LO STRESS LAVORO- CORRELATO IN OSPEDALE: IL PUNTO DI VISTA DELLO PSICOLOGO LO STRESS LAVORO- CORRELATO IN OSPEDALE: IL PUNTO DI VISTA DELLO PSICOLOGO Dott.ssa Patrizia Portolan, Azienda Ospedaliera S. Maria degli Angeli Dott. Luca Libanora, Dott.ssa Valentina Partenio Trieste

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

Il massaggio pediatrico cinese sui punti di agopuntura massaggio di un neonato bambino più grande bambini ospedalizzati

Il massaggio pediatrico cinese sui punti di agopuntura massaggio di un neonato bambino più grande bambini ospedalizzati Silvia Guerra Note introduttive/1 Nella medicina cinese, la pelle è l organo che nel neonato media tutti i processi fisiologici ed i rapporti con l esterno, assumendo grandi potenzialità terapeutiche.

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Catalogo delle Agenzie formative

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

Un Naso Rosso per Sognare Vip Verbano Onlus

Un Naso Rosso per Sognare Vip Verbano Onlus Spett.le RSD Fondazione Piatti Onlus San Fermo - Varese Oggetto: Richiesta di collaborazione per Servizio di Volontariato (Clownterapia) L Associazione di Volontariato Un Naso Rosso per Sognare - Vip Verbano

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti.

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Obiettivi: 1. Autoconsapevolezza: Saper riconoscere sul nascere e monitorare le proprie emozioni, saper essere consapevoli

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO A.D.A. - Associazione Diritti Anziani Ente Nazionale a carattere assistenziale D.M. n 59/C24029(A)142 del 10/01/2001 Via Matteotti n 20/1-38100 Trento C.F. 96051750220 Tel. 0461/376114 Fax 0461/376199

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. È individuata la figura professionale dell operatore socio-sanitario. 2. L operatore socio-sanitario è

Dettagli

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato ASPP Addetto ai servizi di protezione e prevenzione ANALISI DOCUMENTALE Lettura dell organizzazione del lavoro (organigramma, flussi produttivi,

Dettagli

Fondo Sanitario Regionale anno 2009 PROGETTI SPECIALI DI COMPETENZA REGIONALE

Fondo Sanitario Regionale anno 2009 PROGETTI SPECIALI DI COMPETENZA REGIONALE Fondo Sanitario Regionale anno 2009 PROGETTI SPECIALI DI COMPETENZA REGIONALE DESCRIZIONE ANALITICA DEI PROGETTI Dati Generali del progetto Titolo TEMPO ALLE FAMIGLIE Sperimentazione di Servizi di Sollievo

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore. Loreta Zenatti

La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore. Loreta Zenatti 9-10 Aprile Madonna di Campiglio La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore Loreta Zenatti La persona con dolore è la protagonista principale Che coinvolge tutti

Dettagli

L ASSISTENTE SOCIALE E LE SUE MALATTIE PROFESSIONALI

L ASSISTENTE SOCIALE E LE SUE MALATTIE PROFESSIONALI L ASSISTENTE SOCIALE E LE SUE MALATTIE PROFESSIONALI 1 L ASSISTENTE SOCIALE La professione di assistente sociale è sempre più investita di: responsabilità programmatorie di coordinamento di costruzione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

LE TECNICHE UTILIZZATE

LE TECNICHE UTILIZZATE STUDIO DI PSICOLOGIA PESCARA DR. LUCA DI VENANZIO PSICOLOGO Il benessere è un tuo diritto! LE TECNICHE UTILIZZATE! ! Lo studio psicologico del Dr. Di Venanzio si occupa degli interventi di sostegno psicologico

Dettagli

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato?

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? Firenze 29 novembre 2007 Ketty Vaccaro Perché tornare a parlare di Alzheimer A sette anni dalla realizzazione dell indagine Censis

Dettagli

La valutazione del dolore nell anziano affetto da demenza

La valutazione del dolore nell anziano affetto da demenza La valutazione del dolore nell anziano affetto da demenza di Angelo Benedetti*, Lidia Annamaria Tomaselli** La scarsa propensione alla valutazione del dolore nell anziano affetto sia da demenza che da

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA.

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA. FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA di concerto con IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA SOCIALE VISTO il decreto

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

Psiconcologi e Assistenti Sociali

Psiconcologi e Assistenti Sociali LA PRESA IN CARICO INFERMIERISTICA: LE PRINCIPALI CRITICITÀ Rapporti con Psiconcologi e Assistenti Sociali Rita Reggiani Torino, 23 Settembre 2015 CPSI CAS AO Ordine Mauriziano di Torino Psiconcologo e

Dettagli

- I risultati della ricerca - Maria Borcsa

- I risultati della ricerca - Maria Borcsa - I risultati della ricerca - Maria Borcsa Quadro generale 1. Storia della ricerca sul burn-out 2. Definizione del costrutto: Cos è il burn-out? 3. Aspetti diagnostici 4. Quando sopraggiunge il burn-out?

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Congresso Regionale A.N.I.M.O.

Congresso Regionale A.N.I.M.O. Congresso Regionale A.N.I.M.O. Qualità e responsabilità Applicazione in medicina interna IL DOLORE Valutazione e strumenti Inf. Montaniero Roberto U.O. Medicina Interna P.O. S. Maria del Popolo degli Incurabili

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER CONVEGNO La Malattia di Alzheimer: gli aspetti clinici e l alleanza terapeutica Sabrina Spaggiari Centro Delegato Disturbi Cognitivi Distretto Sud/Est Lunedì, 24 settembre

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE Mantova Professione per la vita: L INFERMIERE Scegliere un lavoro che ti permette di essere protagonista nella vita vera, di essere un punto di riferimento per gli altri e di esercitare importanti responsabilità,

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CLASSI PRIME La famiglia nella società Le nuove famiglie e le varie tipologie Una famiglia per crescere e dialogare La teoria

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

Non ti scordar Cafè. un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati.

Non ti scordar Cafè. un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati. Non ti scordar Cafè un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati. Quando le nostre esistenze sono in frantumi, e non ricordiamo più neanche qual è la prima lettera dell alfabeto, la mossa

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino Pianezzola Giulia In questi ultimi anni le adozioni nazionali

Dettagli

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO ELENIA Via Ungaretti, 84 62100 Macerata (Mc) Tel. 0733.33844 (r.a.) Fax 0733.33811 segreteriaoss@grupposinergie.com CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO INFORMATIVA GENERALE & SCHEDA D ISCRIZIONE CORSO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: IRCCS Fondazione Stella Maris - Pisa 2) Codice di accreditamento: NZ03552 3) Albo e classe di

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC)

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) POLITICA CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) U.O. RIABILITAZIONE PSICHIATRICA RESIDENZA FRA MOSE BONARDI L unità di recupero e rieducazione funzionale Fra Mose Bonardi è una struttura per la riabilitazione

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

LE PRINCIPALI SCALE DI VALUTAZIONE DEL DOLORE

LE PRINCIPALI SCALE DI VALUTAZIONE DEL DOLORE Azienda USL di Ferrara Ospedale del Delta U.O. di Medicina Interna DH Oncologico LE PRINCIPALI SCALE DI VALUTAZIONE DEL DOLORE a cura di M. Mangolini Master in Oncologia e Cure Palliative IL DOLORE Il

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

Indicatori per l'invio allo psicologo dei caregivers di persone affette da demenza

Indicatori per l'invio allo psicologo dei caregivers di persone affette da demenza Indicatori per l'invio allo psicologo dei caregivers di persone affette da demenza Perchè questa dispensa Numerose sono ormai le ricerche che sottolineano i rischi a cui sono sottoposti i caregivers di

Dettagli

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione ISRAA ISTITUTO PER SERVIZI DI RICOVERO E ASSISTENZA AGLI ANZIANI WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione RETE ALZHEIMER TREVISO: UN MODELLO DI INTERVENTO A DOMICILIO

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils

OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils LAURA PALEARI Psicologa Psicoterapeuta OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils PREMESSA Con il sopraggiungere

Dettagli

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Gentile Signora, gentile Signore, La nostra Azienda sta conducendo un indagine tra i pazienti ricoverati per valutare la qualità dei

Dettagli

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le regioni e province autonome di Trento e Bolzano, per la

Dettagli

Assistenza e sostegno al Caregiver del malato di Alzheimer

Assistenza e sostegno al Caregiver del malato di Alzheimer Istituto di Psicologia Funzionale di Brescia e Coop. PAESE Assistenza e sostegno al Caregiver del malato di Alzheimer A cura della dr.ssa Passarini M.Luisa Bergamo -Settembre 2009 A cura di Cooperativa

Dettagli

Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via........... Altri problemi clinici ventilazione polmonare assistita coma o stato neuro vegetativo

Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via........... Altri problemi clinici ventilazione polmonare assistita coma o stato neuro vegetativo Data:1/11/2004 Pag. 1 di 7 Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via.. Anamnesi patologia remota Anamnesi patologia prossima Altri problemi clinici nessuno ventilazione polmonare assistita tracheostomia

Dettagli

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Il presente Percorso Formativo è riconosciuto dal CSA di Bologna Scuola Elementare M. Longhena (BO) 14-22 2006 Premessa

Dettagli

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Affettività disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Semeiotica psichiatrica - 6 TIZIANA SCIARMA Affettività conscia inconscia

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo FONDAZIONE OPERA IMMACOLATA CONCEZIONE ONLUS CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO INTEGRATO LA SPERANZA Il servizio consiste nell ospitare ed assistere 15 persone dei Comuni di Bozzolo e limitrofi, dalle 8.00

Dettagli

Centro Le Pozzette, Villa Verucchio 27.01.12. Dott.ssa Ilenia Zanotti

Centro Le Pozzette, Villa Verucchio 27.01.12. Dott.ssa Ilenia Zanotti LA STIMOLAZIONE COGNITIVA PER IL BENESSERE DELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA Centro Le Pozzette, Villa Verucchio 27.01.12 Dott.ssa Ilenia Zanotti COS E LA STIMOLAZIONE COGNITIVA La Stimolazione Cognitiva

Dettagli

ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA GIOVANNI XXIII

ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA GIOVANNI XXIII Animazione come strumento di stimolazione cognitiva e di contrasto ai disturbi psico-affettivi. Bologna 26 Maggio 2010 ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Art. 1 - DEFINIZIONE L assistenza domiciliare è costituita dal complesso di prestazioni di

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

"Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie

Con...Tatto PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie "Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie 1 "Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili

Dettagli

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI:

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI: ALLEGATO 1 Programma CORSO OSS 1000 ore Il programma analitico è suddiviso in moduli ed unità didattiche secondo le UC di riferimento; ore di aula complessive 450. Per i soggetti che intendono erogare

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

GAS definizione degli obiettivi specifici per ogni singola area

GAS definizione degli obiettivi specifici per ogni singola area GAS definizione degli obiettivi specifici per ogni singola area Unità di Riabilitazione Gravi Disabilità dell Età Evolutiva Az.Osp. S.Maria Nuova Reggio Emilia Direttore prof. Adriano Ferrari In riabilitazione

Dettagli

PROGETTO INTEGRATO DI CONSULENZA PSICOLOGICA, DISASSUEFAZIONE DAL FUMO E TRAINING AUTOGENO A SUPPORTO DI PAZIENTI CARDIOPATICI E DEI LORO FAMILIARI

PROGETTO INTEGRATO DI CONSULENZA PSICOLOGICA, DISASSUEFAZIONE DAL FUMO E TRAINING AUTOGENO A SUPPORTO DI PAZIENTI CARDIOPATICI E DEI LORO FAMILIARI PROGETTO INTEGRATO DI CONSULENZA PSICOLOGICA, DISASSUEFAZIONE DAL FUMO E TRAINING AUTOGENO A SUPPORTO DI PAZIENTI CARDIOPATICI E DEI LORO FAMILIARI 2004-2012 Il progetto presentato inizialmente presso

Dettagli

Catalogo Welfare. Attività formative e servizi

Catalogo Welfare. Attività formative e servizi Catalogo Welfare Attività formative e servizi Irecoop Emilia Romagna, in qualità di ente di formazione di emanazione di Confcooperative Emilia Romagna, dal 1979 sviluppa progetti di formazione a servizio

Dettagli

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI PROF.SSA LUISA BARTORELLI Direttore Centro Alzheimer della Fondazione Roma CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI La sfida che la crescita esplosiva della popolazione anziana pone

Dettagli

IL BURN-OUT NEI MEDICI

IL BURN-OUT NEI MEDICI IL BURN-OUT NEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE DI MODENA Prevalenza e variabili correlate MARIA STELLA PADULA, ENRICA FERRETTI *, ELENA SVAMPA **, ROBERTO D AMICO ***, MARCO VENUTA ****, GIAN PAOLO GUARALDI

Dettagli

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011 L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre figure mv - 2010-2011 è l operatore che, al termine di specifica formazione professionale consegue un attestato di qualifica ed è abilitato

Dettagli

ATTIVAZIONE SERVIZI DI SUPPORTO AD ANZIANI AFFETTI DA DEMENZA E AD ANZIANI FRAGILI CAPITOLATO

ATTIVAZIONE SERVIZI DI SUPPORTO AD ANZIANI AFFETTI DA DEMENZA E AD ANZIANI FRAGILI CAPITOLATO ATTIVAZIONE SERVIZI DI SUPPORTO AD ANZIANI AFFETTI DA DEMENZA E AD ANZIANI FRAGILI CAPITOLATO OGGETTO L Amministrazione intende offrire alla popolazione anziana affetta da demenza o fragile un sistema

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli