La valutazione del dolore negli anziani con declino cognitivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione del dolore negli anziani con declino cognitivo"

Transcript

1 Aggiornamenti La valutazione del dolore negli anziani con declino cognitivo Anna Brugnolli Coordinatore Corso di Laurea in Infermieristica Polo Trento Università di Verona Nei prossimi decenni aumenterà in modo sostanziale il numero di persone con più di 65 anni e una percentuale considerevole di questa popolazione svilupperà problemi di salute e patologie cronico-degenerative, che porteranno ad un aumento della sintomatologia dolorosa. Il dolore nell anziano raramente dipende da un unica causa, ma è generalmente il prodotto di più patologie croniche, potenzialmente debilitanti come le malattie osteoarticolari e vascolari, e di fattori psicologici e sociali che, pur non essendo i responsabili etiologici dello stimolo nocicettivo possono modulare la percezione e la risposta al dolore. Anche se da anni si sta studiando la relazione tra età e percezione del dolore, si conosce ancora molto poco su come l età modifica le componenti neuroanatomiche e neurochimiche e la relativa modulazione nel SNC legata alla percezione del dolore. Gli anziani sono affetti da vari problemi che provocano dolore indipendentemente dallo stato cognitivo: 1 circa l 80% degli anziani soffre di un disturbo cronico che provoca dolore, con una prevalenza di tale sintomo che varia dal 25% all 80% a seconda dell età, del contesto assistenziale e della popolazione studiata. 2, 3 La prevalenza di dolore negli anziani in RSA (nursing home) o altre strutture residenziali è tra il 45-50% e nel 70-80% dei casi l origine è muscolo-scheletrica. 4, 5 In un anziano su quattro, il dolore raggiunge livelli tali da impedire il normale svolgimento delle attività quotidiane. 6, 7 La prevalenza di dolore persistente sembra essere due volte più elevata negli ultrasessantenni rispetto alle persone di età inferiore. Questo provoca depressione, riduzione della socializzazione, disturbi del sonno, difficoltà nel movimento e deambulazione ed incremento dei costi di utilizzo dei servizi sanitari. 8 Negli Stati Uniti un ultrassessantacinquenne su cinque (18%) riceve terapia analgesica regolarmente e il 45% di questi sono stati visitati da tre o più medici nell ultimo anno a causa del dolore. 9 Anche nel nostro Paese il problema è molto diffuso: su un campione di 3046 soggetti anziani assistiti a domicilio in più di 25 ASL distribuite sul territorio nazionale, più del 40% degli ultrasessantacinquenni manifesta un dolore che interferisce con le comuni attività del vivere quotidiano; 10 questo si registra anche nel 33.3% di un campione di 237 anziani istituzionalizzati in RSA. 11 Questi dati contrastano con l idea, peraltro infondata ma abbastanza diffusa, che ipotizza una riduzione della percezione e della intensità del dolore con l avanzare dell età. Influenza del deficit cognitivo sulla rilevazione e gestione del dolore Non si hanno dati sufficienti in letteratura sulla prevalenza, sulle caratteristiche e sulla gestione del dolore negli anziani dementi. Probabilmente la causa è da ricercarsi nella difficoltà di valutare oggettivamente il dolore in questa popolazione. Ferrel et al (1995) 6 hanno riscontrato che il 60% di 217 pazienti istituzionalizzati con grave deterioramento cognitivo, Mini Mental State Examination (MMSE) medio di 12 ±7.9, aveva dolore cronico di tipo osteoarticolare che nella maggior parte dei casi non era riportato nelle cartelle cliniche. In un indagine di prevalenza 12 sul dolore in 523 anziani istituzionalizzati di età maggiore di 75 anni i tassi erano significativamente più bassi nei soggetti con demenza (rispettivamente 43% per qualsiasi tipo di dolore e 23% per dolore quotidiano) rispetto a quelli cognitivamente integri (60% e 40%). Sottotrattamento: Declino cognitivo ed età Il dolore è sottotrattato tra gli anziani ed in particolare tra quelli con declino cognitivo o di età >85 anni: solo un quarto degli anziani con dolore riceve un trattamento analgesico e gli ultra 85enni ricevono meno trattamenti rispetto 38 Assistenza infermieristica e ricerca, 2007, 26, 1

2 A. Brugnolli: La valutazione del dolore negli anziani con declino cognitivo ai meno anziani (OR 0.73; 95%CI ); la presenza di declino cognitivo diventa un elemento predittivo di sottotrattamento (OR aggiustato 0.80; 95%CI ). 10 Lo stesso fenomeno si osserva nei pazienti oncologici ultra 85enni rispetto a quelli di età inferiore (OR 1.40; 95%CI ) ed anche in questo studio la presenza di declino cognitivo è un elemento predittivo di sottotrattamento; 8 e tra gli anziani istituzionalizzati affetti da demenza rispetto ai non dementi (33% vs 47%, P 0.024). 12 Alle stesse conclusioni sono giunti Morrison et al: 13 in pazienti anziani con frattura di femore, il gruppo affetto da demenza riceveva un terzo del dosaggio di oppioidi rispetto ai non dementi. I grandi anziani (85 anni), e i pazienti con declino cognitivo hanno una minore probabilità di essere trattati con morfina o farmaci del 3 livello della scala dell OMS 8, 13, 10, 5 rispetto a quelli di età inferiore e cognitivamente integri. Le barriere I pazienti con demenza possono esprimere il loro dolore diversamente rispetto ai non dementi 14 e questo spiega la difficoltà a rilevarlo e, di conseguenza, il suo sottotrattamento. Ci si domanda quanto la diminuzione del trattamento antalgico, osservata in alcuni studi, 15, 16 nelle persone anziane dementi sia legata ad un effettiva diminuzione della sua percezione, ad una minore capacità di esprimerlo e di valutarlo da parte degli operatori. 7, 16, 17, 18 La ragione del sottotrattamento più citata è la sua non rilevazione, 8, 19 per motivi diversi, riconducibili sia alla stessa persona anziana che all operatore: concezioni errate sulla natura del dolore nell anziano fa parte dell essere e del diventare anziano, carenza di formazione dei professionisti, 2 paure sulla tossicità e gli effetti collaterali dei trattamenti farmacologici, 20, 21 mancanza di tempo e di ottimismo verso l efficacia del trattamento. 21 Altri fattori in particolare per le persone con deficit cognitivi sono il chiamare abitudinario delle persone anziane, la non risposta alle chiamate da parte dell equipe di cura, la capacità di identificare e valutare il dolore, la mancanza di strumenti di valutazione per le persone con deficit cognitivo e la difficoltà di linguaggio/comunicazione. 22, 6 Più di un quinto delle persone che vivono nelle istituzioni non sono in grado di rispondere sì o no quando viene posta loro una domanda, e così non possono riportare da sé il loro dolore. 6, 7 I pazienti con demenza grave e compromissione della comunicazione sono inoltre esclusi dagli studi sul dolore per la difficoltà di rilevarlo e valutare l eventuale efficacia dei trattamenti. Per esempio, il lavoro pionieristico di Ferrel et al. 6 sul dolore nei pazienti con declino cognitivo aveva escluso il 21% dei soggetti poiché erano muti o non responsivi, e non si poteva ottenere nessuna informazione significativa. La mancanza di abilità all uso del linguaggio è il principale fattore riconosciuto come confondente nell identificazione del dolore. Metodi di valutazione del dolore nell anziano con declino cognitivo Una buona valutazione è il presupposto per un buon trattamento. L American Pain Society considera il dolore il quinto segno vitale proprio per diffondere la consapevolezza che se il dolore viene valutato con lo stesso zelo e sistematicità dei segni vitali, è più probabile che venga trattato. Una regolare e sistematica valutazione è anche prevista dagli standard per il controllo del dolore della Joint Commission on Accreditation of Health Care Organizations del 2000 e nelle raccomandazioni dell American Geriatrics Society del Il momento in cui si valuta il dolore è importante per cercare di ridurre gli effetti dello stato cognitivo sulla sua rilevazione. La valutazione deve essere sistematica, immediata non a posteriori (perdita della memoria a breve termine) e sia a riposo che durante o immediatamente dopo il movimento/attività. I differenti strumenti per la valutazione del dolore rientrano in due tipologie principali: multidimensionali e unidimensionali che valutano un unico aspetto del dolore. È difficile trovare uno strumento di valutazione veloce e semplice, ma anche onnicomprensivo, pertanto il miglior compromesso consiste nell usare più strumenti in base alle esigenze del paziente. 9 Il dolore nell anziano può essere valutato con strumenti di auto-valutazione (self-report), l osservazione del comportamento e la rilevazione di condizioni fisiologiche (pressione arte- Assistenza infermieristica e ricerca, 2007, 26, 1 39

3 Aggiornamenti riosa, battito cardiaco). La valutazione tramite strumenti di auto-valutazione è considerata il gold standard, ma questa modalità non può essere sempre adottata negli anziani. Disorientamento, confusione acuta e deficit di comunicazione, deficit visivi, di udito e di parola possono ostacolare la capacità di compilare le tabelle o i diari del dolore; demenza o malattie neurologiche, barriere culturali o credenze errate nell anziano non permettono una completa partecipazione alla sua valutazione. 23 Fra i self report o strumenti autocompilati, le scale di intensità sono quelle più utilizzate negli anziani, anche se il dolore è una esperienza multidimensionale. Fra queste, le più studiate sono la NRS o scala di intensità numerica e la VDS o scala di intensità con descrittori verbali. La scala numerica dell intensità (NRS) sembra avere valenze comuni a culture diverse ed è considerata valida ed affidabile sugli adulti di tutte le età con dimensione cognitiva intatta, mentre c è discussione sul suo uso in persone con deficit cognitivi. In alcuni studi è stata dimostrata la sua accettabilità in anziani con declino cognitivo medio- moderato 24, 25, 5 mentre in altri 26, 6 gli anziani con declino cognitivo moderato non erano in grado di utilizzarla (rispettivamente il 50% e 53%). Queste differenze possono essere collegate al diverso stato cognitivo (MMSE 18 in Chibnall & Tait, nello studio di Ferrel, 6 inferiore a 15 in Wynne 26 ) che rende complesso il pensiero astratto necessario per attribuire un numero all intensità di dolore provato. La scala verbale dell intensità (VDS) consiste di una lista di aggettivi che descrivono i livelli di intensità del dolore ed è la più raccomandata per le persone anziane con declino cognitivo moderato. 27, 23 Gli strumenti (PPI - Present Pain Intensità Scale, Scala verbale di intensità di McGill) che si basano su compiti cognitivi semplici (riconoscere, abilità di indicare) vengono compilate più facilmente anche da popolazioni con deficit cognitivi medio-gravi: nel 51% in Ferrel et al., 6 73% in Wynne et al., 26 79% in Krulewitch et al. 28 e 100% in Kaasalaleinen & Crook. 29 Le espressioni facciali sono una scala di facile utilizzo clinico ed originariamente create per la misurazione del dolore dei bambini. Negli anziani sono state utilizzate la scala delle espressioni facciali pediatrica di Wonk -Backer e quella adattata per l adulto di Bieri. 30 I maggiori vantaggi dell utilizzo delle espressioni facciali è che possono essere facilmente tradotte, di facile comprensione per persone straniere e di facile somministrazione. I maggiori svantaggi sono la misurazione delle emozioni piuttosto che l intensità del dolore e la difficoltà di utilizzo per le persone con deficit cognitivi: solo la metà di 37 ospiti affetti da demenza moderata erano in grado di usare la scala di Wong 26 e il 76% di 156 ospiti con demenza lieve- moderata era in grado di usare la scala di Bieri, ma solo il 41% fra quelli con declino più severo. 28 I risultati dimostrano come le scale di self-report possono essere adoperate nelle persone affette da demenza in grado di comunicare, in particolare quelle basate su descrittori verbali, e che attualmente non esiste una soglia cognitiva per definire il loro campo di utilizzo. Quando l anziano non è in grado di comunicare il dolore, ci si basa sulla valutazione del caregiver, sanitario o familiare (proxy report). Gli operatori sanitari tendono a sottostimare il dolore negli anziani con declino cognitivo. Ad esempio i medici di residenze per anziani sono in grado di rilevare la presenza di dolore nel 43% dei pazienti in grado di comunicare e solo nel 17% di quelli non in grado di comunicare. 19 In alcuni casi la valutazione degli infermieri e dei pazienti coincide 31 in altri le valutazioni sono contrastanti. 32 Questo può dipendere dalla formazione sulla valutazione del dolore nella persona anziana e dal grado di conoscenza dell anziano. 19, 31, 32 I caregiver familiari, contrariamente agli operatori sanitari, tendono a sovrastimare il dolore. Gli strumenti osservativi sono una alternativa ai self report. Le persone anziane con deficit cognitivi tali da non permettere una comunicazione efficace con il mondo che li circonda, non sono in grado nemmeno di comunicare ed esprimere il loro dolore. Dagli studi sul comportamento degli anziani con dolore, sono stati identificati una serie di indicatori comportamentali che le linee guida dell American Geriatric Society, 9 hanno sintetizzato in 6 categorie (Tabella1). 40 Assistenza infermieristica e ricerca, 2007, 26, 1

4 A. Brugnolli: La valutazione del dolore negli anziani con declino cognitivo Tabella 1 - Comportamenti di dolore nelle persone con declino cognitivo 9 Espressioni facciali Lieve aggrottamento delle ciglia, espressione triste Smorfie, fronte corrugata, occhi chiusi o serrati Qualsiasi espressione anomala Ammiccamento rapido Verbalizzazioni, vocalizzi Sospiri, lamenti, gemiti Borbottio, cantilena, chiamare Respiro rumoroso Richiesta di aiuto Espressioni verbali aggressive Movimenti del corpo Postura rigida, tesa, guardinga Agitazione Aumento del cammino su e giù, dondolamenti Movimenti limitati Cambiamenti nella marcia o nella mobilità Cambiamenti nelle interazioni interpersonali Aggressività, opposizione alle cure Diminuzione delle interazioni sociali Atteggiamenti socialmente inappropriati o aggressivi Ritrosia Cambiamenti nelle attività abituali o routine Rifiuto del cibo, cambiamenti dell appetito Aumento periodi di riposo Cambiamenti del sonno e dei modelli di riposo Improvvisa cessazione delle attività abituali Aumento del vagabondaggio Cambiamenti dello stato mentale Pianto o essere in lacrime Aumento della confusione Irritabilità o angoscia Questi indicatori comportamentali costituiscono la base di molti strumenti di valutazione del dolore negli anziani con demenza grave. 33 Esiste una varietà di strumenti ma la maggior parte non è stato sufficientemente validato né dal punto di vista psicometrico né clinico. Nella Tabella 2 vengono descritte le caratteristiche e le modalità di utilizzo di questi strumenti. Lo svantaggio degli strumenti osservativi è la necessaria assunzione che i segni, normalmente indicativi di dolore come le smorfie, la fronte corrugata, sono espressioni di dolore anche nei pazienti anziani con demenza. Comportamenti meno ovvi o atipici in pazienti affetti da demenza, ad esempio l assenza di una postura rilassata del corpo, uno degli indicatori comportamentali utilizzati nelle scale, potrebbe anche essere espressione della sintomatologia extrapiramidale dell Alzheimer. Per tale motivo, nelle persone con demenza la valutazione del dolore deve avvenire sia attraverso l osservazione di comportamenti tipici di dolore (espressioni facciali,..), che la valutazione di comportamenti più fini (cambiamenti interazioni interpersonali, stato mentale, respiro rumoroso) o di cambiamenti nelle attività usuali (mangiare, riposo/sonno). Gli strumenti con più indicatori hanno una maggiore probabilità di diagnosticare il dolore quando presente (maggiore sensibilità). L inclusione di indicatori fini di comportamento non verbale (cambiamenti nelle interazioni interpersonali, delle attività/consuetudini e dello stato mentale) aumentano la probabilità di identificare il dolore anche quando non è presente (falsi positivi-ridotta specificità). Allo stato attuale gli strumenti di valutazione da utilizzare per selezionare la presenza di dolore dovrebbero comprendere sia quelli tipici, detti anche grossolani, che quelli fini. La PAINAD e DOLOPLU2 si basano prevalentemente su indicatori di comportamenti specifici come ad esempio l espressione facciale. PACSLAC è la sola scala che utilizza indicatori che colgono lievi modifiche di comportamento. Alcuni strumenti comportamentali prevedono anche la rilevazione delle reazioni fisiologiche del sistema nervoso autonomo al dolore, come l aumento della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca. Queste reazioni non si sono rivelate utili e particolarmente sensibili. Solo uno stimolo doloroso di alta intensità provoca un aumento della pressione sistolica, mentre uno stimolo doloroso di medio-bassa intensità non determina incrementi significativi nei pazienti con demenza. 33, 43, 44 Questi risultati hanno due importanti implicazioni cliniche: le risposte del sistema simpatico nei pazienti con demenza possono indicare un dolore di alta intensità ma l assenza di risposta non riflette l assenza di dolore. 33, 44 La maggior parte delle scale cercano di misurare, oltre alla presenza di dolore, anche l intensità, attraverso la classificazione dei comportamenti. Questo approccio però solleva interrogativi sulla validità. In assenza di autovalutazione, l interpretazione dell intensità del dolore è effettuata da un altra persona (familiare, infermiere,..): gli infermieri, la famiglia/caregiver e il personale di supporto possono riconoscere la presenza, ma non l inten- Assistenza infermieristica e ricerca, 2007, 26, 1 41

5 Aggiornamenti Tabella 2 - Caratteristiche degli strumenti per la valutazione degli anziani non in grado di comunicare 34, 35, 36 Strumento Scopo Descrizione Interpretazione punteggio Tempo di compilazione Commento Durata e momento di osservazione Doloplus2 37 Misurare la gravità 3 sottoscale e un totale di 10 item Il punteggio massimo è di Si compila velocemente È stato testato in diversi contesti, per del dolore reazioni somatiche (5 item): disturbi 30 punti. Ogni item: 6 punti cronici, acuti e di cure palliative in somatici, posture protettive a riposo, a riposo e 6 durante il Francia e Svizzera. Le reazioni protezione di una zona, espressione, movimento. osservate sono sostenute dalla modello di riposo, reazioni psicomotorie Per ogni item è previsto un letteratura. (2 item): lavarsi e vestirsi, mobilità, punteggio di gravità del Lo strumento è basato sull ipotesi che reazioni psicosociali (3 item): dolore di 4 punti (da 0 a 3). i caregiver possono definire l intensità comunicazione, vita sociale e problemi Un punteggio totale di 5 è del dolore negli anziani. di comportamento il valore limite per definire la presenza di dolore DS-DAT - Misurare frequenza, 9 comportamenti Ogni item misura la presenza / Il tempo di compilazione È stato testato su anziani con e senza Discomfort in intensità e durata respiro rumoroso, vocalizzazioni, assenza di discomfort. non è riportato. declino cognitivo sia in ospedale che Dementia of the del discomfort espressioni facciali, espressione Se presente viene attribuito un È necessario attendere 15 in contesto a lungo termine. Alzheimer s Tipe 38 di tristezza, smorfie, aggrottamento punteggio da 0 a 3 per minuti prima di iniziare Si basa sull ipotesi che il dolore delle ciglia, linguaggio del corpo, frequenza, durata ed intensità. l osservazione di un possibile determina discomfort; ma che il tensione, agitazione Punteggio massimo 27 che evento di discomfort (es. discomfort non possa essere considerato corrisponde ad un alto grado mobilizzazione) Osservazione espressione di dolore. L uso nella di discomfort di 5 minuti. pratica clinica non è semplice per la Osservazione solo a riposo. complessità dello strumento. Checklist of Misurare la presenza/ 6 comportamenti Ogni situazione prevede una Richiede circa 20 minuti anche È stato testato su anziani con e senza Nonverbal Pain assenza di Vocalizzazioni risposta dicotomica presente se non è stato formalmente declino cognitivo ospedalizzati per Indicators (CNPI) 23, 29 comportamenti Smorfie facciali o fronte corrugata, (1 punto)/ assente (0 punti). valutato il tempo di frattura di femore. osservabili di dolore digrignare, sostenersi/appoggiarsi, Il punteggio massimo è di 12: compilazione. I sei comportamenti sono sostenuti agitazione/inquietudine, frizionare/ 6 punti a riposo e 6 durante Osservazione a riposo e dalla letteratura come pure la doppia massaggiare una zona il movimento. durante il movimento. rilevazione (riposo/movimento). Non è descritto come È sia breve che facile da usare: questo interpretare il punteggio totale la rende utile nella pratica clinica. Gli indicatori sono sensibili nel cogliere il dolore durante il movimento, meno per il dolore di fondo o a riposo. Pain Assessment In Misurare la gravità 5 comportamenti Per ogni item è previsto un Breve tempo di compilazione È stato testato in contesti a lungo Advanced Dementia del dolore la respirazione punteggio di 3 punti (da 0 5 minuti di osservazione termine e su pazienti con Demenza grave. Scale (PAINAD) 40 le vocalizzazioni negative a 2), con un punteggio totale Prevede 3 delle 6 categorie di espressioni facciali massimo di 10. comportamenti non verbali di dolore linguaggio del corpo descritti dalle linee guida dell AGS. livello di consolazione del paziente Sono presenti alcuni indicatori non molto specifici come respirazione e consolabilità ma utili per pazienti che non possono usare il linguaggio corporeo Non sono presi in considerazione i cambiamenti più fini (stato mentale, cambiamenti nelle attività,...). Di facile comprensione e semplice da usare per operatori e caregiver. Si basa sull ipotesi che i caregiver possono definire l intensità del dolore negli anziani. 42 Assistenza infermieristica e ricerca, 2007, 26, 1

6 A. Brugnolli: La valutazione del dolore negli anziani con declino cognitivo Tabella 2 - Segue Strumento Scopo Descrizione Interpretazione punteggio Tempo di compilazione Commento Durata e momento di osservazione Checklist per la Misurare la presenza/ Checklist con 4 sottoscale e di Ogni item prevede una Breve tempo di compilazione Contempla le 6 categorie di valutazione del assenza di 60 item risposta dicotomica presente (meno di 5 minuti). comportamenti non verbali di dolore dolore di anziani comportamenti Espressioni facciali (13) (1 punto)/ assente (0 punti). Non dichiarato tempo di descritti dalle linee guida dell AGS. 9 con limitata capacità osservabili di dolore Movimenti del corpo/attività (20) Punteggio totale 60 punti. osservazione. Checklist di comportamenti clinicamente a comunicare Socialità/personalità/umore (12) Non è descritto come utili per definire il dolore. Facile e Pain Assessment Indicatori fisiologici/cambiamenti interpretare il punteggio semplice da usare. Checklist for Senior dell alimentazione e del sonno/ totale. Comprende sia indicatori tipici che with Limited Ability vocalizzazioni (15) fini. to Communicate - Ideata senza il contributo dei pazienti. PACSLAC 41 Gli item sono stati costruiti attraverso l esperienza degli infermieri esperti. Non-Comunicative Misurare la presenza 4 sezioni Non fornisce dei criteri per Poco tempo per la compilazione Utilizzabile dal personale di supporto Patient s Pain e l intensità del 1. osservazione del dolore durante stabilire la bassa/alta intensità Tempo di osservazione nei pazienti con demenza. Si basa Assessment dolore situazioni assistenziali (lavarsi, del dolore e non è definita corrisponde al tempo di sull assunzione che i caregiver possono Instrument vestirsi, posizionamento...) l interpretazione del punteggio svolgimento delle attività definire l intensità del dolore negli (NOPPAIN) presenza/assenza di dolore, totale. assistenziali quotidiane anziani. È stata ideata e validata 6 item (parole, espressioni facciali, (almeno 5 minuti): passaggi attraverso l osservazione, da parte di agitazione...) posturali, mettere a letto, aiuto infermieri, su videoregistrazioni 3. intensità dei comportamenti di vestirsi,... di pazienti e non in contesti clinici. dolore (scala Likert a 6 punti) Dolore valutato sia a riposo Di difficile utilizzo per anziani che non 4. valutazione dell intensità attraverso che durante il movimento. si muovono, totalmente dipendenti e il termometro del dolore in stadi avanzato di malattia. Abbey Pain Scale 43 Misurare la severità 6 comportamenti Il punteggio massimo è di minuto Strumento studiato e usato su anziani del dolore acuto, Vocalizzazioni Per ogni item c è un punteggio utilizzare qualora vi sia affetti da demenza in contesti di cura cronico, incidente Espressioni del viso di 4 punti (assente 0, lieve 1, il sospetto di dolore. a lungo termine. Gli indicatori Cambiamenti del linguaggio corporeo moderato 3, severo 4). Non definito il tempo di utilizzati sono descritti nelle linee Cambiamenti del comportamento Il punteggio ottenuto si osservazione guida dell American Geriatric Society. 9 Modificazioni fisiologiche interpreta come segue: Include anche indicatori non (Temperatura, PA, FC, pallore) nessun dolore 0-2; lieve: 3-7; osservazionali come i cambiamenti e fisiche (aree di pressione, moderato: 8-13; fisiologici ed etiologici che non trovano artrite, contratture,...) grave maggiore di 14. un supporto razionale nel dolore cronico. Strumento di facile utilizzo e rapido Lo strumento è basato sull assunzione che i caregiver possono definire in modo affidabile l intensità del dolore negli anziani. 34, 35, 36 Assistenza infermieristica e ricerca, 2007, 26, 1 43

7 Aggiornamenti sità, del dolore degli anziani con declino cognitivo. 45, 46 La variabilità individuale di comportamenti nell esprimere il dolore ne rende difficile l interpretazione. Le qualità psicometriche di questi metodi sono state valutate da Herr et al. 34 e Zwakhalen et al. 35 attraverso l analisi di: fondamenti teorici delle voci, grandezza e rappresentatività della popolazione anziana, facilità di somministrazione, affidabilità e validità. Molti strumenti hanno delle potenzialità ma ne va ancora studiato l uso nella pratica clinica ed in specifici contesti. Le scale PANAID, PACSLAC; DOLOPLUS hanno qualità psicometriche discrete e migliori rispetto alle altre scale; 35 nello studio di Herr et al. 34 le scale con maggiori qualità psicometriche sono la DS-DAT e la NOPPAIN. Conclusioni Il dolore nell anziano rimane un problema di difficile valutazione, sia per alcune modificazioni della fisiopatologia del dolore legate all invecchiamento, sia per le differenti capacità espressive legate alla progressiva perdita delle facoltà cognitive. Le difficoltà di valutazione del dolore sono maggiori, e spesso insormontabili, nei dementi o con gravi limitazioni delle facoltà di comunicazione. Questo induce in molti casi a sottovalutare e non trattare il dolore. Sono stati sperimentati e proposti numerosi strumenti che possono contribuire ad una migliore interpretazione del dolore in persone con deficit cognitivo. Nella pratica clinica, la selezione degli strumenti per valutare il dolore nella demenza si basa sulla capacità del paziente di comunicare verbalmente il dolore. Si raccomanda di usare strumenti con un linguaggio semplice, come la scala con i descrittori verbali, domande la cui risposta sia sì-no e l attento ascolto dei frammenti di parola e, in particolare negli anziani con deficit cognitivo, di usare scale osservazionali e valutare il dolore provato al momento e non retrospettivamente (perdita memoria a breve termine) e sia a riposo che durante, o subito dopo, il movimento. Sulla base degli studi analizzati si può sintetizzare il seguente approccio per la valutazione del dolore in questa popolazione: 44 Assistenza infermieristica e ricerca, 2007, 26, 1 Prevedere e sospettare dolore in presenza di: patologie muscolo - scheletriche, osteoarticolari, vascolari, neoplastiche; comportamento anomalo senza ragioni apparenti; riduzione dell appetito, sindrome depressiva, problemi d insonnia, cambiamenti nelle capacità funzionali, agitazione o rifiuto verso le cure e/o l attività. Osservare e documentare il comportamento di abituale degli anziani con grave declino cognitivo e a rischio di dolore. La conoscenza della persona è importante per la rilevazione del dolore nei pazienti con demenza. Rilevare, attraverso l osservazione, indizi non verbali di dolore e cambiamenti comportamentali non usuali (tipizzare i comportamenti di dolore). Monitorare il dolore in modo sistematico e ad intervalli regolari utilizzando un elenco di indicatori comportamentali. I comportamenti associati a dolore dovrebbero essere osservati sia a riposo che durante l attività, come i trasferimenti, cambi di postura, e con la palpazione delle zone sospettate doloranti. Selezionare lo strumento che include indicatori fini di comportamento non verbale, di facile utilizzo e adatto al tipo di popolazione. Se non si è certi della presenza di dolore, può essere giustificato intervenire (con farmaci o altri interventi per ridurlo) e valutare se la persona mostra sollievo. Bibliografia 1 Horgas AL, Elliott AF. Pain assessment and management in persons with dementia. Nurs Clin North Am 2004; 39: Ferrel BA, Ferrell BR, Osterweil D. Pain in the nursing home. J Am Geriatr Soc 1990; 38: Gaston-Johansson F, Johansson F, Johansson C. Pain in the elderly: prevalence, attitudes and assessment. Nurs Home Med 1996; 4: Fox PL, Raina P, Jadad AR. Prevalence and treatment of pain in older adults in nursing homes and other long-term care institutions: a systematic review. JAMC 1999; 160: Pautex S, Michon A, Guedire M, Emond H, Le Lous P, Samaras D, et al. Pain in severe dementia: selfassessment or observational scales? J Am Geriatr Soc 2006; 54: Ferrell BA, Ferrell BR, Rivera L. Pain in cognitively impaired nursing home patients. J Pain Symptom Manage 1995; 19:

8 A. Brugnolli: La valutazione del dolore negli anziani con declino cognitivo 7. Parmelee PA, Smith B, Katz IR. Pain complaints and cognitive status among elderly institution residents. J Am Geriatr Soc 1993; 41: Bernabei R, Gambassi G, Lapane K et al. Management of pain in elderly patients with cancer. JAMA 1998; 279: American Geriatrics Society. The management of persistent pain in older persons. J Am Geriatr Soc 2002; 6 (suppl 50): s Landi F, Onder O, Cesari M, et al. Pain Management in Frail, Community-Living Elderly Patients. Arch Intern Med 2001; 161: Monti M, Moretti D, Conti A, et al. Prevalenza del dolore cronico in anziani istituzionalizzati in residenza sanitaria assistenziale. Rivista Italiana di Cure Palliative 2006; 2: Mäntyselkä P, Hartikainen S, Louhivuori-Laako K, Sulkava R. Effect of dementia on perceived daily pain in home-dwelling elderly people: a population-based study. Age Ageing 2004; 33: Morrison RS, Siu AL. A comparison of pain and its treatment in advanced dementia and cognitively intact patients with hip fracture. J Pain Symptom Manage 2000; 19: Herr K, Decker S. Assessment of pain in older adults with severe cognitive impairment. Ann Long Term Care 2004;12: Horgas AL, Tsai PF. Analgesic drug prescription and use in cognitively impaired nursing home resident. Nurs Res 1998; 47: Scherder E, Bouma A. Visual Analogue Scales for Pain Assessment in Alzheimer s Disease. Gerontology 2000; 46: Simons S, Malabar R. Assessing pain in elderly patients who cannot respond verbally. J Adv Nurs 1995; 22: Porter FL, Malhotra KM, Wolf CM, Morris JC, Miller JP, Smith MC. Dementia and response to pain in the elderly. Pain 1996; 68: Sengastaken EA, King SA. The problem of Pain and its detection among geriatric nursing home residents. J Am Geriatr Soc 1993; 41: Allcock N, McGarry J, Elkan R. Management of pain in older people within the nursing home: a preliminary study. Health Soc Care Community 2002; 10: Weiner DK, Rudy TE. Attitudinal barriers to effective treatment of persistent pain in nursing home residents. J Am Geriatr Soc 2002; 50: Chatten C. Break up the pain chain. Journal of Dementia Care 1995; 9/10: Feldt K. Check list of nonverbal pain indicators. Pain Manag Nurs 2000b; 1: Manz B, Mosler R, Nusser-Gerlach M, et al. Pain assessment in the cognitively impaired and unimpaired elderly. Pain Manag Nurs 2000; 1: Chibnall JT, Tait R. Pain assessment in cognitively impaired and unimpaired older adults: a comparation of four scale. Pain 2001; 92: Wynne C, Ling S, Remsburg R. Comparison of pain assessment instruments in cognitively intact and cognitively impaired nursing home residents. Geriatric Nurs 2000; 21: Feldt K, Warne MA, Ryden MB. Examining pain in aggressive cognitively impaired elders. J Gerontol Nurs 1998; 24(11): Krulewitch H, London MR, Skakel VJ Lundstet GJ Thomason H, Brummel-Smith K. Assessment of pain in cognitively impaired older adults: A comparation of pain assessment tools and their use by non-professional caregiver. J Am Geriatr Soc 2000; 48: Kaasalainen S, Crook J. An exploration of Seniors ability to report pain. Clin Nurs Res 2004; 13: Herr KA, Mobily P, Kohout F, Wagenaar D. Evaluation of the faces pain scale for use with the elderly. Clin J Pain 1998; 14: Engle VF, Graney MJ, Chan A. Accuracy and bias of licensed practical nurse and nursing assistant rating of nursing home residents pain. J Gerontol 2001; 56: M Horgas AL, Dunn K. Pain in nursing home residents: comparation of residents report and nursing assistant perception. J Gerontol Nurs 2001; 27: Scherder E, Oosterman J, Swaab D, Herr K, Ooms M, Ribbe M, Sergeant J, Pickering G, Benedetti F. Recent developments in pain in dementia. BMJ 2005; 330: Herr K, Bjoro K, Decker S. Tools for Assessment of Pain in Nonverbal Older Adults with Dementia: A State of the Science Review. J Pain Symptom Manage 2006; 31: Zwakhalen S, Hamers J, Huijer Abu-Saad J, Berger M. Pain in elderly people with severe dementia: A systematic review of behavioural pain assessment tools. BMC Geriatr 2006; 6(3). 36. Smith M. Pain Assessment in Nonverbal Older Adults with Advanced Dementia. Perspect Psychiatr Care 2005; 41(3): Lefebre-Chapiro L. Doloplus group: The Doloplus 2 scale-evaluating pain in the elderly. Europ Pall Care 2001; 8: Hurley AC, Volicer BJ, Hanrahan PA, Houde S, Volicer L. Assessment of discomfort in Advanced Alzheimer patients. Res Nurs Health 1992; 15: Feldt K. Improving Assessment and Treatment of Pain in Cognitively Impaired Nursing Home Residents. Annals of Long-Term Care: Clinical Care and Aging 2000a; 8: Warden V, Hurley AC, Volicer L. Development and Psychometric evaluation of the Pain Assessment In Advanced Dementia Scale (PAINAD). J Am Med Dir Assoc 2003; 4(1): Fuchs-Lacelle S, Hadjistavropoulos HD. Development and preliminary validation of the Pain Assessment Checklist for Seniors with Limited Ability to Communicate (PACSLAC). Pain Manag Nurs 2004; 5(1): Snow AL, Weber JB, O Malley KJ, Cody M, Beck C, Bruera E, Ashton C, Kunik ME. NOPPAIN: a nursing assistant-administered pain assessment instrument for use in dementia. Dement Geriatr Cogn Disord 2004; 17: Price DD. Psychological and neural mechanisms of the affective dimension of pain. Science 2000; 288: Rainero I, Vighetti S, Bergamasco B, Pinessi L, Benedetti F. Autonomic responses and pain perception in Alzheimer s disease. Eur J Pain 2000; 4: Fisher SE, Burgio LD, Thorn BE, et al. Pain assessment and management in cognitively impaired nursing home residents: Association of certified nursing assistant pain report, minimum data set pain report, and analgesic medication use. J Am Geriatr Soc 2002; 50: Manfredi PL, Breuer B Meier DE Libow L. Pain Assessment in elderly patients with severe dementia. J Pain Sympt Manage 2003; 25: Assistenza infermieristica e ricerca, 2007, 26, 1 45

Infermieri UF Cure Palliative ASL 9 Hospice Roberto Ciabatti GROSSETO

Infermieri UF Cure Palliative ASL 9 Hospice Roberto Ciabatti GROSSETO Infermieri UF Cure Palliative ASL 9 Hospice Roberto Ciabatti GROSSETO PROPOSTA DI ELABORAZIONE DI UNO STRUMENTO PER IL RILIEVO DEL DOLORE NEI PAZIENTI CON IMPAIRMENT COGNITIVO INFERMIERI Manuela Giannini

Dettagli

DOLORE E DEMENZA: la valutazione Dr.ssa Francesca Frangipane Centro di Neurogenetica Lamezia Terme 29 ottobre 2013

DOLORE E DEMENZA: la valutazione Dr.ssa Francesca Frangipane Centro di Neurogenetica Lamezia Terme 29 ottobre 2013 INTESTAZIONE CORSO DOLORE E DEMENZA: la valutazione Dr.ssa Francesca Frangipane Centro di Neurogenetica Lamezia Terme 29 ottobre 2013 Number of clinical and experimental publications on pain in dementia,

Dettagli

La gestione del dolore non espresso

La gestione del dolore non espresso Firenze, 29 Giugno 2013 La gestione del dolore non espresso Marco Trabucchi Università di Roma Tor Vergata Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Associazione Italiana Psicogeriatria 1 Vecchiaia, sofferenza

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore. Loreta Zenatti

La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore. Loreta Zenatti 9-10 Aprile Madonna di Campiglio La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore Loreta Zenatti La persona con dolore è la protagonista principale Che coinvolge tutti

Dettagli

LE PRINCIPALI SCALE DI VALUTAZIONE DEL DOLORE

LE PRINCIPALI SCALE DI VALUTAZIONE DEL DOLORE Azienda USL di Ferrara Ospedale del Delta U.O. di Medicina Interna DH Oncologico LE PRINCIPALI SCALE DI VALUTAZIONE DEL DOLORE a cura di M. Mangolini Master in Oncologia e Cure Palliative IL DOLORE Il

Dettagli

Strumenti e modalità. 46 Pubblicazioni. di valutazione del dolore nel paziente con sindrome da demenza N.13/2015 IJN

Strumenti e modalità. 46 Pubblicazioni. di valutazione del dolore nel paziente con sindrome da demenza N.13/2015 IJN 4 Pubblicazioni N.13/201 IJN Marco Vercilli Infermiere, Università degli Studi di Milano, Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea in Infermieristica sez. Policlinico RN, Faculty Nursing Science,

Dettagli

La valutazione del dolore nell anziano affetto da demenza

La valutazione del dolore nell anziano affetto da demenza La valutazione del dolore nell anziano affetto da demenza di Angelo Benedetti*, Lidia Annamaria Tomaselli** La scarsa propensione alla valutazione del dolore nell anziano affetto sia da demenza che da

Dettagli

Articolo originale. Matteo Storti

Articolo originale. Matteo Storti Articolo originale Vol. 100, N. 9, Settembre 2009 Pagg. 405-409 La validazione di una scala di accertamento del dolore in pazienti con decadimento cognitivo: la scala Abbey nella versione italiana Matteo

Dettagli

Il Dolore nella persona anziana: progetti ed esperienze

Il Dolore nella persona anziana: progetti ed esperienze Il Dolore nella persona anziana: progetti ed esperienze Massimo Monti RSA e Hospice ASP Pio Albergo Trivulzio - Milano Corso Formazione AO Papa Giovanni XXIII Bergamo, 5 Ottobre 2013 In 1950, there were

Dettagli

È evidente che... La valutazione del dolore nella persona anziana affetta da decadimento cognitivo severo

È evidente che... La valutazione del dolore nella persona anziana affetta da decadimento cognitivo severo 16 La valutazione del dolore nella persona anziana affetta da decadimento cognitivo severo a cura di Valeria Gaffuri * il dolore è un fenomeno complesso che è caratterizzato dalla soggettività di chi ne

Dettagli

Congresso Regionale A.N.I.M.O.

Congresso Regionale A.N.I.M.O. Congresso Regionale A.N.I.M.O. Qualità e responsabilità Applicazione in medicina interna IL DOLORE Valutazione e strumenti Inf. Montaniero Roberto U.O. Medicina Interna P.O. S. Maria del Popolo degli Incurabili

Dettagli

La valutazione del dolore in RSA. Luisa Guglielmi Venerdì, 16 settembre 2005

La valutazione del dolore in RSA. Luisa Guglielmi Venerdì, 16 settembre 2005 La valutazione del dolore in RSA Luisa Guglielmi Venerdì, 16 settembre 2005 INTRODUZIONE Il dolore è un problema frequente in RSA: gli studi di prevalenza riferiscono percentuali di sintomatologia dolorosa

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

IV CONVEGNO PUBBLICO SULL ALZHEIMER E LA PATOLOGIA COGNITIVA RICONOSCERE E CURARE IL DOLORE NELLA PERSONA CON DEMENZA

IV CONVEGNO PUBBLICO SULL ALZHEIMER E LA PATOLOGIA COGNITIVA RICONOSCERE E CURARE IL DOLORE NELLA PERSONA CON DEMENZA IV CONVEGNO PUBBLICO SULL ALZHEIMER E LA PATOLOGIA COGNITIVA RICONOSCERE E CURARE IL DOLORE NELLA PERSONA CON DEMENZA Sabato 20 settembre 2014 Affrontare il dolore all Ipab di Vicenza: un progetto multidisciplinare

Dettagli

Il dolore tra corpo e psiche

Il dolore tra corpo e psiche Il dolore tra corpo e psiche L infermiere e il monitoraggio del dolore Eugenia Malinverni Torino, 5 ottobre 2013 Scuola di applicazione dell esercito, via Arsenale 22 All interno della relazione: Inquadramento

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Il percorso regionale: progettazione azioni e prospettive future. Stefania Taddei

Il percorso regionale: progettazione azioni e prospettive future. Stefania Taddei Il percorso regionale: progettazione azioni e prospettive future Stefania Taddei Progetto obiettivo proposto nel 2012 Progetto Regionale Finanziato per il 2013 Il presente documento è stato predisposto

Dettagli

PROGETTO GIOBBE. RSA SENZA DOLORE Teatro Casa di Cura Beato Palazzolo - Bergamo 2 APRILE 2014. Dr. Francesco Locati Direttore Sociale ASL

PROGETTO GIOBBE. RSA SENZA DOLORE Teatro Casa di Cura Beato Palazzolo - Bergamo 2 APRILE 2014. Dr. Francesco Locati Direttore Sociale ASL PROGETTO GIOBBE. RSA SENZA DOLORE Teatro Casa di Cura Beato Palazzolo - Bergamo 2 APRILE 2014 Dr. Francesco Locati Direttore Sociale ASL Il dolore Il dolore è una delle principali malattie che si incontrano

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

PIANO STRATEGICO PER IL CONTROLLO DEL DOLORE SUL TERRITORIO Alcune interessanti indagini europee sul dolore L assistenza domiciliare cure palliative Protocollo sedazione palliativa al domicilio REVIEW

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario Gruppo di Studio La cura nella fase terminale della vita La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario FLAVIA CARETTA Dipartimento

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE

REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE OSPEDALE CIVILE DI CONEGLIANO AZIENDA U.L.S.S N.7 REGIONE DEL VENETO IL DOLORE

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO ALESSANDRIA 28 MARZO 2013 DOTT.SSA DEMICHELIS M ONCOLOGIA MEDICA TORINO L'infermiere e la VALUTAZIONE DELL ANZIANO L INVECCHIAMENTO E processo attraverso il

Dettagli

InterRAI HC integrata con la Medicina Legale Il rispetto per il Cittadino

InterRAI HC integrata con la Medicina Legale Il rispetto per il Cittadino InterRAI HC integrata con la Medicina Legale Il rispetto per il Cittadino Giancarlo Iannello Direttore Sociale della ASL di Lodi Roma, 23 settembre 2015 Il progetto dell ASL di Lodi: VMD e riconoscimento

Dettagli

La depressione nell anziano. Dott. Antonella Deponte Psicologia sociale dell anziano Facoltà di Psicologia, Università di Trieste A.A.

La depressione nell anziano. Dott. Antonella Deponte Psicologia sociale dell anziano Facoltà di Psicologia, Università di Trieste A.A. La depressione nell anziano Dott. Antonella Deponte Psicologia sociale dell anziano Facoltà di Psicologia, Università di Trieste A.A. 2007/2008 1 La depressione nell anziano Definizione e forme cliniche

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano DONATO Giuseppe*, FURNARI Giacomo, ZACCARI Clara ^ *medico di Medicina Generale (MMG) presso ASL RmF-distretto 2, medico referente

Dettagli

Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010. A. Zagari 1

Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010. A. Zagari 1 Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010 A. Zagari 1 Dimissione protetta Definizione È la dimissione di un utente che necessita di prestazioni sanitarie o socio-sanitarie erogabili

Dettagli

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno Le demenze Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno LE DEMENZE DEFINIZIONE 1. La demenza definisce uno stato di progressivo decadimento delle funzioni cognitive prodotto da una patologia cerebrale

Dettagli

I BISOGNI DI ASSISTENZA DELL ANZIANO FRAGILE

I BISOGNI DI ASSISTENZA DELL ANZIANO FRAGILE I BISOGNI DI ASSISTENZA DELL ANZIANO FRAGILE Rossana Pezzotta Lecco, 1 ottobre 2010 Anziani FRAGILI? ROSSANA PEZZOTTA FRAGILE che si rompe facilmente o cede alla minima sollecitazione; debole, gracile,

Dettagli

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio Dott. Gianfranco Conati U.O.C. Geriatria Ospedale Civile

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Ministero della salute

Ministero della salute Ministero della salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Guida alla Redazione dei Progetti CCM 2010 Allegato 1 TITOLO: La definizione del case-mix nelle cure domiciliari:

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli

LA RELAZIONE CON IL PAZIENTE ANZIANO DISABILE O DEMENTE

LA RELAZIONE CON IL PAZIENTE ANZIANO DISABILE O DEMENTE Incontro di formazione rivolto ad ASA, OTA ed OSS Fondazione Madre Cabrini - Sant Angelo Lodigiano (LO) Giovedì 4 maggio 2006 LA RELAZIONE CON IL PAZIENTE ANZIANO DISABILE O DEMENTE GIOVANNA CIPRIANI Psicologa

Dettagli

Presentazione di Nicola Torina Infermiere di Sala Operatoria IL Dolore e le Scale di misurazione

Presentazione di Nicola Torina Infermiere di Sala Operatoria IL Dolore e le Scale di misurazione Presentazione di Nicola Torina Infermiere di Sala Operatoria IL Dolore e le Scale di misurazione Nulla e e cosi facilmente sopportabile come il dolore degli altri Rochefoucauld Concetto di dolore L International

Dettagli

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza

Dettagli

La PEG nel paziente anziano demente: il punto di vista del Geriatra

La PEG nel paziente anziano demente: il punto di vista del Geriatra La PEG nel paziente anziano demente: il punto di vista del Geriatra Dr. A. Zurlo U.O. Geriatria e Ortogeriatria AOUFE Convegno L Appropriatezza in Endoscopia Digestiva Ferrara 25/11/2011 La letteratura

Dettagli

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Indice Presentazione xiii Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Capitolo 1 L anziano in Italia, diritti e questioni etiche 3 1.1 Essere anziani oggi in Italia 3 1.2 I diritti 6 1.3 Invecchiare bene 10

Dettagli

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato?

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? Firenze 29 novembre 2007 Ketty Vaccaro Perché tornare a parlare di Alzheimer A sette anni dalla realizzazione dell indagine Censis

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

Trento, 2 dicembre 2006

Trento, 2 dicembre 2006 Seminario La gestione del dolore oncologico SALA COOPERAZIONE Trento, 2 dicembre 2006 IL RUOLO DELL INFERMIERE NELL ASSISTENZA DEL PAZIENTE AFFETTO DA DOLORE ONCOLOGICO IN OSPEDALE E TERRITORIO STRUMENTI

Dettagli

Prof.ssa Ilaria Castelli

Prof.ssa Ilaria Castelli Dipartimento di Scienze Umane e Sociali Università degli Studi di Bergamo Laurea Triennale in Scienze dell educazione Psicologia delle età della vita A.A. 2015/2016 - Primo semestre Prof.ssa Ilaria Castelli

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

IL PROGETTO PERSONALIZZATO: dalla proposizione alla verifica

IL PROGETTO PERSONALIZZATO: dalla proposizione alla verifica IL PROGETTO PERSONALIZZATO: dalla proposizione alla verifica Cagliari, 10 dicembre 2008 Paola Mele Il PUNTO UNICO D ACCESSO D per la presa in carico Segnalazione Ospedale Front Front Office Office 1 Livello

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO A.D.A. - Associazione Diritti Anziani Ente Nazionale a carattere assistenziale D.M. n 59/C24029(A)142 del 10/01/2001 Via Matteotti n 20/1-38100 Trento C.F. 96051750220 Tel. 0461/376114 Fax 0461/376199

Dettagli

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B.

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. Salehi 16.30 La rete integrata socio-sanitaria per le demenze

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA RIVOLTA A PERSONE ANZIANE IN CONDIZIONE DI FRAGILITA E A DISABILI GRAVI Presentazione a cura

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

L assistenza Infermieristica Ospedaliera, Domiciliare E In RSA

L assistenza Infermieristica Ospedaliera, Domiciliare E In RSA IL PAZIENTE CON DEMENZA: STARTEGIE INTEGRATE DI CURA E ASSISTENZA L assistenza Infermieristica Ospedaliera, Domiciliare E In RSA Dott.ssa Enedina Gravina DEMENZA La demenza è un condizione di disfunzione

Dettagli

ANALISI RETROSPETTIVA DEI PAZIENTI PRESI IN CARICO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) PER PERSONE CON DEMENZA (ADIDEM) E LORO CAREGIVER

ANALISI RETROSPETTIVA DEI PAZIENTI PRESI IN CARICO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) PER PERSONE CON DEMENZA (ADIDEM) E LORO CAREGIVER VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 7 novembre 2014 ANALISI RETROSPETTIVA DEI PAZIENTI PRESI IN CARICO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Le cure domiciliari nel sistema di welfare in Italia e in Lombardia. Antonio Guaita Fondazione Golgi Cenci Abbiategrasso a.guaita@golgicenci.

Le cure domiciliari nel sistema di welfare in Italia e in Lombardia. Antonio Guaita Fondazione Golgi Cenci Abbiategrasso a.guaita@golgicenci. Le cure domiciliari nel sistema di welfare in Italia e in Lombardia Antonio Guaita Fondazione Golgi Cenci Abbiategrasso a.guaita@golgicenci.it titolo di proprietà o usufrutto gratuito in Lombardia per

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

Allegato 2. Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno. Indice. Premessa... 2. 1. Il processo di valutazione del bisogno...

Allegato 2. Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno. Indice. Premessa... 2. 1. Il processo di valutazione del bisogno... Allegato 2 Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno Indice Premessa... 2 1. Il processo di valutazione del bisogno... 2 2. Il triage... 3 3. La valutazione di secondo livello... 3 4.

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Attitudini e atteggiamento degli infermieri nei confronti dell'assistenza nutrizionale nell'anziano

Attitudini e atteggiamento degli infermieri nei confronti dell'assistenza nutrizionale nell'anziano LA RICERCA INFERMIERISTICA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE FUTURE Attitudini e atteggiamento degli infermieri nei confronti dell'assistenza nutrizionale nell'anziano BACKGROUND La malnutrizione nella persona

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI TRIAGE NEI PAZIENTI Infermiere Az. Osp. Univ. Policlinico di Modena Consigliere Gruppo Formazione Triage TRIAGE: Definizione delle priorità di trattamento dei pazienti sulla base della loro gravità clinica,

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE NEL PAZIENTE AFFETTO DA NEOPLASIA POLMONARE Guia Castagnini Raffaella Speranza U. CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE A.O. SAN GERARDO MONZA - FINALITA ED OBIETTIVI

Dettagli

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA DESTINATARI DEL SERVIZIO: Il Centro Diurno per Disturbi Cognitivi è una struttura che eroga servizi in sinergia con la Residenza Sanitaria Assistenziale posta in

Dettagli

Questionario per indagine nazionale conoscitiva data di avvio: marzo 2015

Questionario per indagine nazionale conoscitiva data di avvio: marzo 2015 IL DOVERE E IL DIRITTO DI DARE VOCE E CURA AL DOLORE DELLA PERSONA NON IN GRADO DI RIFERIRLO Questionario per indagine nazionale conoscitiva data di avvio: marzo 2015 Il dolore è il più soggettivo tra

Dettagli

ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA GIOVANNI XXIII

ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA GIOVANNI XXIII Animazione come strumento di stimolazione cognitiva e di contrasto ai disturbi psico-affettivi. Bologna 26 Maggio 2010 ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA

Dettagli

IL DOLORE DELL ANZIANO CON DEFICIT COGNITIVO REVISIONE CRITICA DELLA LETTERATURA

IL DOLORE DELL ANZIANO CON DEFICIT COGNITIVO REVISIONE CRITICA DELLA LETTERATURA Rassegna clinica IL DOLORE DELL ANZIANO CON DEFICIT COGNITIVO REVISIONE CRITICA DELLA LETTERATURA PAIN IN THE ELDERLY WITH A COGNITIVE DEFICIT Luca Ottolini Servizio Cure Palliative-Hospice, APSS Trento

Dettagli

Schema per la stesura dei Progetti CCM

Schema per la stesura dei Progetti CCM Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Schema per la stesura dei Progetti CCM Quadro 1 Elementi generali. Analisi della situazione iniziale MODELLI INNOVATIVI

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

La progressione clinica

La progressione clinica La progressione clinica I medici di fronte alla demenza nella donna e nell uomo Milano, 20 settembre 2014 Francesca Clerici Centro per il Trattamento e lo Studio dei Disturbi Cognitivi U.O. Neurologia

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Fragilità: Il malato psicogeriatrico

Fragilità: Il malato psicogeriatrico Fragilità: Il malato psicogeriatrico L eclatante aumento della durata della vita, in particolare nei paesi ad alto livello socio-economico, accanto all indubbio aspetto positivo ha portato con sé tutta

Dettagli

La Health Related Quality of Life (HRQoL): analisi dell evoluzione di un concetto

La Health Related Quality of Life (HRQoL): analisi dell evoluzione di un concetto La Health Related Quality of Life (HRQoL): analisi dell evoluzione di un concetto F. Ierardi*, L. Gnaulati*, F. Maggino^, S. Rodella*, E. Ruviglioni^ *Agenzia Regionale di Sanità della Toscana Osservatorio

Dettagli

È evidente che... Le scale utilizzate dall infermiere per valutare il dolore nella persona anziana con demenza grave

È evidente che... Le scale utilizzate dall infermiere per valutare il dolore nella persona anziana con demenza grave Le scale utilizzate dall infermiere per valutare il dolore nella persona anziana con demenza grave 23 A cura di Pozzi Francesca 1 il dolore è una sgradevole esperienza sensoriale ed emotiva, associata

Dettagli

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Roma, 15 luglio 2005 La Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

MODULO 2 BIS: DESCRIZIONE DEL CONTRIBUTO DI CIASCUNA UNITÀ OPERATIVA

MODULO 2 BIS: DESCRIZIONE DEL CONTRIBUTO DI CIASCUNA UNITÀ OPERATIVA MODULO 2 BIS: DESCRIZIONE DEL CONTRIBUTO DI CIASCUNA UNITÀ OPERATIVA (Si devono presentare tanti moduli 2 bis quante sono le Unità Operative coinvolte) UNITÀ OPERATIVA: Servizio di Psicologia RESPONSABILE

Dettagli

Implementazione strumento interrai- Home Care

Implementazione strumento interrai- Home Care Implementazione strumento interrai- Home Care Francesco Landi Dipartimento di Scienze Gerontologiche-Geriatriche Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica Sacro Cuore - Roma MODELLI INNOVATIVI PER

Dettagli

SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts

SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts INDICATORI 1 2 3 4 indice Condizioni generali: livelli di assistenza richiesti per le ADL( fare il bagno, di vestirsi, di usare i servizi igienici, mobilità,

Dettagli

LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE

LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE Strumenti di valutazione utilizzati per gli anziani o per i soggetti affetti da patologia geriatrica. INFERMIERA Aurora Muraca 19 novembre 2014 LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE

Dettagli

LESIONI DA DECUBITO Prevenzione e trattamento

LESIONI DA DECUBITO Prevenzione e trattamento LESINI DA DECUBIT Prevenzione e trattamento Modulo1 Lezione 3 LE SCALE DI VALUTAZINE DEL RISCHI Lo scopo di uno strumento di valutazione del rischio è quello di identificare gli individui a rischio di

Dettagli

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prof. Sergio Pecorelli Presidente, Agenzia Italiana del Farmaco Relazione tra consumo di farmaci e aspettativa di vita in

Dettagli