Schema guida per l anamnesi del sonno: aree principali d indagine e possibili domande

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schema guida per l anamnesi del sonno: aree principali d indagine e possibili domande"

Transcript

1 APPENDICI

2 Appendice A Schema guida per l anamnesi del sonno: aree principali d indagine e possibili domande Aree d indagine Domande Domande supplementari Presentazione del disturbo del sonno Pattern Può descrivere il suo sonno in una notte tipica? Tempo impiegato per addormentarsi? Numero e durata dei risvegli? Ore di sonno? Notti di questo tipo ogni settimana? Qualità Conseguenze diurne Sviluppo del disturbo del sonno Come giudica la qualità del suo sonno? Come influisce il sonno notturno sulla sua giornata? Si ricorda come sono iniziate le difficoltà di sonno? Ristoratore? Piacevole? Non riposante? Stanchezza? Sonnolenza? Mancanza di concentrazione? Irritabilità? Orari particolari del giorno? Eventi e circostanze? Quando e quante volte? Variazioni da allora? Fattori peggiorativi? Fattori attenuanti? Grado d impatto/interferenza? (segue) 2

3 APPENDICE A (continua) Aree d indagine Domande Domande supplementari Anamnesi remota dei disturbi del sonno Dormiva bene in precedenza? Sonno durante l infanzia? Sonno in età adulta? Natura degli episodi precedenti? Quando e quante volte? Risoluzione degli episodi precedenti? Stato di salute generale e anamnesi medica Psicopatologia e anamnesi dello stato psicologico Gode di buona salute? È il tipo di persona che di solito affronta bene i problemi? Malattie? Problemi cronici? Quando e quante volte? Recenti cambiamenti nello stato di salute? Problemi psicologici? Ansia o depressione? Quando e quante volte? Risorse personali? Tipo di personalità? Elementi di diagnosi differenziale Disturbo della respirazione correlato al sonno (SBD) Russa pesantemente? Arresto della respirazione durante il sonno? Movimenti periodici degli arti durante il sonno (PLMS) e sindrome delle gambe senza riposo (RLS) Le succede talvolta di scalciare ripetutamente durante la notte, o di non riuscire a tenere le gambe ferme? Sonnolenza diurna eccessiva? Difficoltà a stare seduto senza muovere le gambe? Disturbi del ritmo circadiano Sente il desiderio di dormire in orari inusuali? Troppo presto? Troppo tardi? (segue) 3

4 SCHEMA GUIDA PER L ANAMNESI DEL SONNO: AREE PRINCIPALI D INDAGINE E POSSIBILI DOMANDE (continua) Aree d indagine Domande Domande supplementari Parasonnie Le capita di fare cose strane durante il sonno? Descrizione comportamentale? In che momento della notte? Narcolessia Trattamenti attuali e precedenti Le succede talvolta di addormentarsi improvvisamente? Sta prendendo qualcosa per dormire? Tempi e luoghi? Collassi scatenati da emozioni? Riposo notturno scadente? Ora? In passato? Quando e quante volte? Che cosa ha funzionato? Che cosa ha provato di sua iniziativa? 4

5 Appendice B Diario del sonno ISTRUZIONI AL PAZIENTE Questo diario del sonno è stato ideato per fornire una registrazione della sua esperienza riguardo al sonno e dell utilizzo che fa di farmaci o alcol per favorire il sonno. Come vedrà, è possibile registrare le informazioni su sette notti (una settimana) in un unico modulo. Per favore, compili una colonna del diario ogni mattina, subito dopo essersi alzato. Si prenda qualche minuto per farlo, cercando di essere il più preciso possibile. Pur fornendo la valutazione più accurata possibile, cerchi di non prendere l abitudine di guardare l orologio durante la notte. ULTERIORI ISTRUZIONI AL CLINICO In fondo alla pagina, vi sono cinque riquadri nei quali potete inserire i valori medi per le variabili di latenza dell esordio del sonno (SOL: domanda 3), numero dei risvegli (WAKE: domanda 4), tempo di veglia dopo l esordio del sonno (WASO: domanda 5), periodo totale di sonno 1 (TST: domanda 6), tempo trascorso a letto (TIB: domanda 2 meno domanda 1) ed efficienza del sonno (SE: TST diviso per TIB, moltiplicato per 100). * Se preferite, calcolate voi stessi il TST [TIB meno (SOL più WASO)], invece di chiederlo al paziente. In tal caso, potete escludere la domanda 6 dal diario del sonno. 5

6 APPENDICE B Nome Settimana iniziale Misurazione del pattern del sonno 1. A che ora si è alzato questa mattina? 2. A che ora è andato a letto ieri sera? 3. Quanto tempo ha impiegato per addormentarsi (minuti)? 4. Quante volte si è svegliato durante la notte? 5. Quanto tempo è rimasto sveglio durante la notte (in totale)? 6. Quanto tempo ha dormito in tutto (ore/minuti)? 7. Quanto alcol ha assunto ieri sera? 8. Quante pillole per dormire ha preso? giorno giorno giorno giorno giorno giorno giorno Misurazione della qualità del sonno 1. Quanto si sente riposato questa mattina? Per nulla Moderata- Molto mente 2. Quanto è stato piacevole il sonno la scorsa notte? Per nulla Moderata- Molto mente Riservato al terapeuta SOL WAKE WASO TST TIB SE 6

7 Appendice C The Insomnia Severity Index Nome: Data: 1. Valuti la gravità attuale (ultime 2 settimane) dei suoi problemi d insonnia No Lieve Media Grave Molto grave a) Difficoltà ad addormentarsi b) Difficoltà a restare addormentato c) Risveglio troppo precoce Quanto si sente soddisfatto/insoddisfatto del suo attuale sonno? Molto Soddisfatto Neutro Non molto Molto soddisfatto soddisfatto insoddisfatto In quale misura ritiene che il problema di sonno interferisca con la sua efficienza diurna (per es., affaticamento diurno, capacità di svolgere lavoro/faccende di casa, concentrazione, memoria, umore ecc.)? Per nulla Un po Abbastanza Molto Moltissimo Quanto pensa che il suo problema di sonno sia evidente agli altri, in termini di peggioramento della qualità della sua vita? Per nulla Un po Abbastanza Molto Moltissimo

8 APPENDICE C 5. Quanto si sente preoccupato/stressato a causa del suo attuale problema di sonno? Per nulla Un po Abbastanza Molto Moltissimo Linee guida per il calcolo del punteggio e l interpretazione Sommate i punteggi di tutti e sette i punti (1a + 1b + 1c ) = Il punteggio totale va da 0 a 28; valutare come segue: 0-7 = assenza d insonnia clinicamente significativa 8-14 = insonnia al di sotto della soglia clinica = insonnia clinica (media gravità) = insonnia clinica (grave) C.M. Morin (1993). 8

9 Appendice D The Epworth Sleepiness Scale Quante probabilità ha di appisolarsi o addormentarsi nelle seguenti situazioni, invece di sentirsi solo stanco? Questa domanda si riferisce alla sua vita abituale negli ultimi tempi. Anche se non ha fatto alcune di queste cose recentemente, cerchi di immaginare ciò che sarebbe successo. Utilizzi la seguente scala per scegliere il numero più adeguato a ciascuna situazione. 0 = non mi sarei mai appisolato 1 = lieve probabilità di appisolarmi 2 = probabilità media di appisolarmi 3 = alta probabilità di appisolarmi Situazione Seduto a leggere Guardando la televisione Seduto, inattivo in un luogo pubblico (per es., teatro o convegno) In auto come passeggero per un ora senza interruzione Sdraiato a riposare, nel pomeriggio, quando le circostanze lo permettono Seduto a parlare con qualcuno Seduto tranquillamente dopo un pranzo senza alcol In auto, durante una fermata di qualche minuto nel traffico Probabilità di appisolarmi Da: M.W. Johns, A new method for measuring daytime sleepiness: The Epworth Sleepiness Scale. Sleep, 14, Copyright 1991, American Academy of Sleep Medicine. Per gentile concessione dell AASM in formato Textbook via copyright Clearance Center. 9

10 Appendice E The Pre-Sleep Arousal Scale ISTRUZIONI AL PAZIENTE Ci interessa scoprire come si sente, mentalmente e fisicamente, prima di addormentarsi. Descriva, per favore, con quale intensità prova o vive uno dei sintomi o situazioni sotto menzionati mentre tenta di dormire. Esprima la sua valutazione, cerchiando il numero appropriato. ULTERIORI ISTRUZIONI AL CLINICO È possibile ottenere due punteggi separati. Il primo riguardante la vigilanza cognitiva comprende la somma dei punti da 1 a 8, quello sulla vigilanza somatica comprende la somma dei punti da 9 a 16. Per nulla Un po Mediamente Molto Estremamente 1. Preoccupato di addormentarmi Penso agli eventi della giornata Pensieri deprimenti o ansiosi Preoccupato per questioni diverse dal sonno Mentalmente vigile, attivo (segue) 10

11 APPENDICE E (continua) Per nulla Un po Mediamente Molto Estremamente 6. Non riesco a liberarmi dei pensieri I pensieri continuano a correre nella mente Distratto da suoni e rumori ambientali Tachicardia, battito martellante o irregolare Sensazione corporea di agitazione e nervosismo Brevità di respiro o respirazione faticosa Sensazione di costrizione e tensione muscolare Sensazione di freddo a mani, piedi o in tutto il corpo Disturbi allo stomaco (crampi o nervosismo gastrico, bruciori, nausea, gas ecc.) Sudorazione ai palmi delle mani o in altre parti del corpo Sensazione di secchezza della bocca o della gola Da: Nicassio et al. The phenomenology of the pre-sleep state: The development of the Pre-Sleep Arousal Scale. Behaviour Research and Therapy, 23, Copyright 1985 Elsevier, riproduzione autorizzata. 11

12 Appendice F The Sleep Disturbance Questionnaire ISTRUZIONI AL PAZIENTE Ci interessa scoprire ciò che lei ritiene possa interferire con il suo sonno. Sono riportate dodici affermazioni comuni ottenute da persone che soffrono d insonnia. Impieghi pure uno o due minuti per dare ogni risposta e poi esprima la sua valutazione cerchiando il numero appropriato. ULTERIORI ISTRUZIONI AL CLINICO In base alle analisi fattoriali condotte (Espie et al, 1989; 2000), consigliamo di sommare i punti 1, 5 e 9 per ottenere un punteggio della tensione fisica e i punti 3, 7 e 11 per ottenere un punteggio dei problemi del pattern del sonno. I punti rimanenti (2, 4, 6, 8, 12) possono essere sommati per ottenere un punteggio dell ansia mentale, oppure suddivisi in vigilanza cognitiva (2, 6, 10) e sforzo per dormire (4, 8, 12). Quale le sembra il problema principale nelle notti in cui non dorme bene? (segni una risposta per ogni affermazione) Mai Raramente A volte Spesso Molto spesso 1. Non trovo una posizione confortevole a letto La mia mente continua a rimuginare (segue) 12

13 APPENDICE F (continua) Mai Raramente A volte Spesso Molto spesso 3. Non riesco ad avere una routine del sonno appropriata Mi sento troppo agitato dal non dormire Trovo fisicamente difficile lasciarmi andare I miei pensieri impiegano molto a districarsi Non sono abbastanza stanco al momento di andare a letto Cerco troppo intensamente di dormire Il mio corpo è troppo teso Non riesco a svuotare la mente Passo il tempo a leggere/guardare la televisione a letto quando dovrei dormire Mi preoccupo di non farcela domani se non dormo bene Qual è, dei precedenti problemi, il più importante nel suo caso? Numero Da: Espie et al., An evaluation of tailored psychological treatment for insomnia in terms of statistical and clinical measures of outcome. Journal of Behaviour Therapy and Experimental Psychiatry, 20, Copyright Elsevier, riproduzione autorizzata. 13

14 Appendice G Sleep Hygiene Practice Scale Per ciascuno dei seguenti comportamenti, segni il numero di giorni della settimana (0-7) in cui esercita tale attività o vive quell esperienza. Basi le sue risposte su quella che lei ritiene una settimana tipo. Indichi il numero di giorni o notti, in media, in cui lei: N. giorni/settimana 1. Fa un sonnellino 2. Va a letto affamato 3. Va a letto assetato 4. Fuma più di un pacchetto di sigarette in un giorno 5. Utilizza farmaci per dormire (su prescrizione medica o da banco) 6. Assume bevande contenenti caffeina (caffè, tè, cola) meno di 4 ore prima di andare a letto 7. Beve oltre 90 grammi di bevande alcoliche (per es., 3 cocktails, 2 birre o 3 bicchieri di vino) meno di due ore prima di andare a letto 8. Prende farmaci/sostanze contenenti caffeina meno di 4 ore prima di andare a letto 9. Mentre va a letto si preoccupa della sua incapacità di dormire 10. Durante il giorno si preoccupa della sua incapacità di dormire la notte 11. Assume alcol per favorire il sonno (segue) 14

15 APPENDICE G (continua) N. giorni/settimana 12. Fa attività fisica intensa meno di 2 ore prima di andare a letto 13. Il suo sonno è disturbato dalla luce 14. Il suo sonno è disturbato dal rumore 15. Il suo sonno è disturbato dal partner (indichi N/A se non ha un partner) 16. Dorme approssimativamente per lo stesso periodo ogni notte 17. Si riserva un periodo di relax prima di andare a letto 18. Fa attività fisica nel pomeriggio o in prima serata 19. Ha una temperatura notturna confortevole a letto/in camera da letto Da: Lacks, Behavioral treatment for persistent insomnia. Copyright 1987 by Pergamon Press, riproduzione autorizzata. 15

16 Appendice H Caffeine Knowledge Quiz * Per ciascuno dei seguenti punti, indichi se ritiene che contenga caffeina o un altra sostanza stimolante mettendo una S (sì) o una N (no) accanto al nome. Se non è sicuro, formuli un ipotesi. Se non ha mai sentito una sostanza, metta una X. Tè normale Dolce al cioccolato Bibite alla cola Aspirina Caffè normale Prodotti dietetici Analigesico per dolori mestruali Analigestico per emicrania Diuretici Limonata Decongestionante nasale Bibita Sprite Birra alla spina Whisky Versione originale da: Lacks, Behavioral treatment for persistent insomnia. Copyright 1987 by Pergamon Press. * Modificata e adattata. [N.d.C.]. 16

17 Appendice I Trascrizione delle istruzioni per il rilassamento (durata: 12 minuti) Gli esercizi registrati su questo nastro sono stati ideati per aiutarla a rilassarsi. Il rilassamento è un attività che si può imparare; è proprio come qualsiasi altra abilità, quindi non sia sorpreso se si rende conto che è necessaria molta pratica, perché lo stesso vale per qualsiasi cosa nuova impariamo. Pertanto, si eserciti. Lo faccia un paio di volte ogni giorno, specialmente all inizio. Ovviamente, desidererà utilizzare il rilassamento quando va a letto, per rilassarsi e poter così dormire, ma perché ciò avvenga è necessario che impari bene che cosa deve fare. La cosa migliore è fare pratica in un momento in cui sa che non verrà disturbato. Il nastro durerà minuti e perciò avrà bisogno di appartarsi almeno per la durata di questo periodo. Quando farà gli esercizi di rilassamento a letto avrà inizialmente bisogno di ascoltare il nastro, ma dopo aver imparato cosa fare sarà in grado di eseguirli semplicemente a mente. Gli esercizi veri e propri iniziano ora. Si metta disteso. Giaccia sdraiato, con mani e braccia lungo i fianchi. Chiuda gli occhi. Così va bene. Inizieremo semplicemente pensando al respiro. La respirazione aiuta a rilassarsi; più è profonda e rilassata, meglio si sentirà e avrà la sensazione di un maggior controllo su di sé. Quindi, inizi a fare alcuni respiri lenti e regolari. Respiri profondamente, riempia i polmoni; inspiri, trattenga il respiro per qualche secondo e si lasci andare, espiri di nuovo, un altro respiro profondo, riempiendo completamente i polmoni, trattenga il respiro e si rilassi, espiri. Continui secondo il suo ritmo, osservando che ogni volta che inspira i muscoli del torace si contraggono, mentre quando espira prova una sensazione di rilassamento. Può pensare alla parola relax, ogni volta che espira. Ciò le ricorderà che l espirazione aiuta a rilassarsi. Utilizzare questa parola l aiuterà anche a dire a se stesso di rilassarsi, ogni volta che ne avrà biso- 17

18 APPENDICE I gno. Scoprirà che il suo corpo inizia, piano piano, a rispondere. Respiri lentamente, regolarmente e profondamente; pensi alla parola relax ogni volta che espira; si goda semplicemente lo stare calmo e disteso e questi momenti per rilassarsi, concentrandosi allo stesso tempo sugli esercizi. Ora, vorrei che rivolgesse l attenzione alle braccia e alle mani stese lungo i fianchi. Vorrei che tendesse i muscoli delle mani e delle braccia, premendo le dita sui palmi e stringendo i pugni. Lo faccia ora con entrambe le mani. Senta la tensione nelle mani, nelle dita e nei polsi, senta la tensione negli avambracci. Noti la sensazione. Continui e ora si rilassi. Lasci cadere le mani. Le lasci libere; lasci che si rilassino. Respirando lentamente e profondamente noterà che le sue dita si allungheranno e cadranno, noterà che le mani e le braccia saranno più rilassate. Lasci che affondino nel materassino o nel letto, le lasci diventare pesanti. Respiri lentamente e profondamente, pensando alla parola relax ogni volta che espira e vedrà che le sue mani e le sue braccia si rilasseranno sempre di più, sempre di più... Le sue braccia e le sue mani sono pesanti e riposate. Lasci uscire l energia e la tensione che era nei muscoli, respirando lentamente e profondamente. Entrambe le mani, entrambe le braccia, pesanti, riposate e rilassate. Vorrei che ora portasse la sua attenzione al collo e alle spalle. Di nuovo, faremo in modo di portare collo e spalle in uno stato di rilassamento, dopo averli messi in leggera tensione. Vorrei che alzasse le spalle verso le orecchie. Lo faccia adesso: tiri su le spalle verso le orecchie. Senta la tensione attraverso la nuca, attraverso la schiena e le spalle. Senta la tensione, non contragga così tanto da provare dolore, ma mantenga una contrazione costante. Cerchi di notarla e ora la lasci andare si rilassi; torni a respirare lentamente e profondamente. Lasci che la tensione si sciolga, la lasci andare. Respiri profondamente e mentre lo fa osservi che la tensione, quasi come una corrente, scivola via dal collo, attraverso le spalle, giù lungo la parte superiore delle braccia, più giù fino a uscire dalle punte delle dita. Abbandona il suo corpo lasciando una sensazione di calore e di rilassamento in profondità, nei suoi muscoli. Respiri lentamente e profondamente e lasci che ciò avvenga. Lasci semplicemente andare la tensione. Se non le sembra che la tensione si sciolga, non cerchi di forzare le cose, se ne andrà da sola. Abbia fiducia. Respiri solo lentamente e profondamente e si lasci andare; ricordi di pensare alla parola relax ogni volta che espira. Utilizzi la parola relax per concentrarsi di più sulla sensazione di rilassamento, usi questa parola per tenere presente il successo che sta ottenendo nel rilassare il suo corpo. Vorrei che adesso si concentrasse sul viso, sulle mascelle e sulla fronte. Vorrei che creasse una certa tensione in queste parti del corpo facendo due 18

19 TRASCRIZIONE DELLE ISTRUZIONI PER IL RILASSAMENTO (DURATA: 12 MINUTI) cose contemporaneamente. Quello che deve fare è strizzare forte gli occhi e stringere i denti. Faccia queste cose insieme, adesso. Stringa i denti; senta la tensione nelle mascelle. Strizzi gli occhi; senta la tensione tutto intorno agli occhi, alla fronte, alle guance, in tutto il volto, c è tensione ovunque. Ora mantenga la tensione e si rilassi, inspirando dal naso ed espirando dalla bocca, lentamente e profondamente. Osservi come la fronte e poi le palpebre e le guance si distendono. Lasci che la bocca si apra leggermente. Lasci che tutta la testa diventi pesante e affondi nel cuscino; respiri lentamente e profondamente. Lasci che il rilassamento si diffonda su tutto il viso e in tutti i muscoli del volto. Lasci che le palpebre diventino pesanti e morbide, come la mascella e tutta la testa; respirando lentamente e profondamente, si goda il rilassamento che sente nel corpo. Si rilassi ogni volta che espira. Si rilassi un po di più ogni volta che espira. Adesso si concentri sulle gambe e sui piedi, voglio che crei in queste zone una certa tensione facendo due cose contemporaneamente; spinga le gambe verso il basso e tiri la punta delle dita dei piedi verso la testa. Faccia queste cose insieme, adesso. Tenda le gambe, le prema in basso e tiri le dita verso la testa. Senta la tensione nei piedi, nelle dita, nelle caviglie, nei muscoli delle gambe. Noti la tensione. Non esageri; semplicemente osservi quello che sente e si rilassi. Respiri ancora una volta, lentamente e profondamente; lasci solo che i suoi piedi cadano. Lasci che i muscoli cedano la loro energia, lasci sciogliere la tensione. Si lasci andare, respirando lentamente e profondamente. Osservi che i suoi piedi vogliono semplicemente cadere di lato. Noti come le sue gambe sembrino pesanti, come se non riuscisse a muoverle. Pesanti, riposate e rilassate. Appena un po più rilassate ogni volta che espira. Adesso si concentri sul suo corpo nell insieme; sostenuto dal letto, affondato in esso, ma sostenuto da esso. Ha lasciato scorrere via tutta la tensione dal suo corpo. Il suo corpo è riposato, a proprio agio. Si goda ogni respiro profondo che fa. Utilizzi questi pochi istanti, ora, per pensare a ogni parte del suo corpo che non sente del tutto rilassata e lasci uscire la tensione. Se ne andrà. Respiri lentamente e profondamente; pensi alla parola relax ogni volta che espira. Lasci che ogni residuo di tensione scorra via dalle mani, dalle braccia, dal collo e dalla schiena, pesanti, riposate e rilassate. Dal volto e dagli occhi, dalla fronte; lasci che i muscoli cedano la loro energia. Come una corrente di rilassamento che fluisce in tutto il corpo. Lasci che gambe e piedi si rilassino; affondino nel letto. Respiri lentamente e profondamente. Fra pochi istanti, questo nastro finirà, ma lei potrà continuare a rilassarsi. Se lo desidera, ripeta alcuni degli esercizi per conto suo, questa è una buona 19

20 APPENDICE I cosa. Potrebbe desiderare di godersi ancora questo stato di rilassamento. Potrebbe desiderare di pensare alla scena che vuole immaginare, o di costruirne altre che l aiuteranno a rilassarsi ulteriormente. Dipende da lei, ma continui comunque a rilassarsi. Il nastro si spegne ora automaticamente. 20

21 Appendice J The Sleep Behavior Self-Rating Scale ISTRUZIONI PER I PAZIENTI Questa scala di valutazione ci aiuta a comprendere le caratteristiche del vostro comportamento che precede l addormentamento. Impiegate pure alcuni minuti per compilarla, con la maggiore precisione possibile. Indicate, per favore, quanto spesso fate le cose che seguono mentre siete a letto prima di addormentarvi o quando siete in camera da letto. Compilate il modulo considerando quello che fate in una settimana tipica. Comportamento Mai Raramente Talvolta Spesso Molto spesso Leggere un libro o una rivista Guardare la televisione Ascoltare la radio Conversare con qualcuno Parlare al telefono Mangiare o bere Fumare Rispondete anche a queste domande: faccio sonnellini durante il giorno o la sera ho sonno quando vado a letto spengo la luce appena mi corico passo molto tempo sveglio a letto di notte (segue) 21

22 APPENDICE J (continua) Comportamento Mai Raramente Talvolta Spesso Molto spesso se non riesco ad addormentarmi entro circa 20 minuti mi alzo e vado in un altra stanza fino a che non ho di nuovo sonno mi alzo sempre alla stessa ora ogni mattina se non dormo bene la notte mi alzo comunque alla solita ora Da: Kazarian, Howe e Csapo, Development of the Sleep Behavior Self-Rating Scale. Behavior Therapy, 10, Copyright 1979 by Association for Advancement of Behavior Therapy, riproduzione autorizzata dall editore, modificata. 22

23 Appendice K Sommario del piano terapeutico di programmazione del sonno ISTRUZIONI AL CLINICO Potete riprodurre questo foglio riassuntivo come promemoria da consegnare ai vostri pazienti. Tenete presenti gli elementi applicativi descritti nel testo e nella tabella Calcolate la durata attuale del vostro periodo di sonno e pianificate di trascorrere a letto la stessa quantità di tempo. 2. Decidete un orario preciso in cui alzarvi di mattina e mettetelo in pratica. 3. Stabilite un momento soglia per andare a letto, sottraendo la durata del sonno dall ora in cui vi alzate, e non coricatevi fino a quel momento. 4. Distendetevi per dormire solo quando vi sentite assonnati, comunque sempre dopo il momento soglia stabilito. 5. Seguite questo programma sette giorni/notti la settimana. 6. Se non vi siete addormentati entro 15 minuti, alzatevi a andate in un altra stanza. Fate qualcosa di rilassante e tornate a letto quando avete di nuovo sonno. Ripetete l operazione se non riuscite ancora a dormire o se vi svegliate durante la notte. 7. Modificate la nuova programmazione per un massimo di 15 minuti la settimana, in base alla vostra efficienza del sonno. 8. Non usate il letto per nient altro che per dormire (e per l attività sessuale) e spegnete subito la luce quando andate a letto. 9. Non fate sonnellini durante il giorno o la serata. 23

24 Appendice L Calcolo dell esigenza di sonno per il programma di restrizione del sonno Innanzitutto, scrivete negli spazi riportati qui sotto la quantità di tempo in cui ritenete di avere effettivamente dormito in ciascuna delle ultime 10 notti, ricavando il dato dal vostro diario del sonno (potrebbe essere più semplice convertire il tempo in numero totale di minuti per notte). In secondo luogo, sommate la durata totale del sonno di tutte queste notti. In terzo luogo, dividete il totale per 10, così da ottenere la durata media del vostro sonno notturno. Notte Quantità di sonno Quantità totale di tempo in 10 giorni = Durata media del sonno = /10 = 24

25 Appendice M Modulo di automonitoraggio dei pensieri correlati al sonno Situazione Pensieri automatici Emozioni Guardare la televisione Devo assolutamente dormire un po di sera questa notte, ho tanto da fare domani Ansia 80% 25

26 Appendice N Dysfunctional Beliefs and Attitudes about Sleep Questionnaire * Nome Cognome Data Qui di seguito troverà delle affermazioni che si riferiscono a idee che le persone possono avere sul sonno. Vorremmo sapere fino a che punto lei è d accordo con ciascuna frase. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Sotto ogni affermazione troverà una riga. A seconda di quanto lei è d accordo con ciò che ha letto, indichi, con un segno (/) un punto della riga stessa, cercando di non mettere sempre il segno sugli estremi. Esempio: Per nulla Pienamente d accordo d accordo / 1. Ho bisogno di 8 ore di sonno per sentirmi fresco, riposato e per poter funzionare bene durante il giorno * Da: Coradeschi, Novara e Morin, Dysfunctional Beliefs and Attitudes about Sleep Questionnaire : versione italiana ed analisi della fedeltà. Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale, 6, 33-44, per gentile concessione. 26

27 APPENDICE N Esempio: Per nulla Pienamente d accordo d accordo / 2. Quando non dormo a sufficienza durante la notte, ho bisogno di recuperare il sonno perso facendo un pisolino il giorno o dormendo di più la notte seguente 3. Dal momento che sto invecchiando ho bisogno di dormire di meno 4. Sono preoccupato che mi possa venire un esaurimento nervoso se rimango una o due notti senza dormire 5. Sono preoccupato che l insonnia cronica possa avere gravi conseguenze per la salute fisica 6. Stando più tempo a letto, di solito, dormo di più e mi sento meglio il giorno dopo 7. Quando ho delle difficoltà ad addormentarmi, oppure a riaddormentarmi dopo essermi svegliato durante la notte, dovrei rimanere a letto e provare con più insistenza 27

28 DYSFUNCTIONAL BELIEFS AND ATTITUDES ABOUT SLEEP QUESTIONNAIRE Esempio: Per nulla Pienamente d accordo d accordo / 8. Sono preoccupato di poter perdere il controllo sulla mia capacità di dormire 9. Dal momento che sto invecchiando, dovrei andare a letto prima la sera 10. Dopo una notte in cui non ho dormito bene, so che questo interferirà con le mie attività del giorno dopo 11. Per essere ben sveglio e per funzionare bene durante il giorno, credo che farei meglio a prendere un sonnifero piuttosto che passare una notte di cattivo sonno 12. Quando durante il giorno mi sento nervoso, depresso o ansioso è soprattutto perché non ho dormito bene la notte prima 13. Siccome il mio compagno di letto si addormenta appena tocca il cuscino e non si sveglia per tutta la notte, anche io dovrei essere capace di fare lo stesso 28

29 APPENDICE N Esempio: Per nulla Pienamente d accordo d accordo / 14. Sono convinto che l insonnia sia, in fondo, la conseguenza dell invecchiamento e che non si possa fare molto per questo problema 15. Ho paura di morire nel sonno 16. Quando dormo bene una notte, so che la notte seguente dovrò pagarne le conseguenze 17. Quando dormo male una notte, i miei orari di sonno saranno sballati per l intera settimana 18. Senza una buona notte di sonno, riesco a malapena a funzionare il giorno dopo 19. Non posso mai prevedere se avrò un sonno buono o cattivo 20. Sono poco capace di gestire le conseguenze negative di un sonno disturbato 29

30 DYSFUNCTIONAL BELIEFS AND ATTITUDES ABOUT SLEEP QUESTIONNAIRE Esempio: Per nulla Pienamente d accordo d accordo / 21. Quando mi sento stanco, senza energia, o anche, mi sembra di non funzionare bene durante il giorno, di solito è perché non ho dormito bene la notte prima 22. La notte vengo sommerso da pensieri e spesso sento di non aver controllo su questa mente che corre 23. Sento di poter vivere lo stesso una vita soddisfacente nonostante le difficoltà nel dormire 24. Credo che l insonnia sia essenzialmente il risultato di un cattivo equilibrio della chimica del corpo 25. Sento che l insonnia sta rovinando la mia capacità di godermi la vita e mi impedisce di fare ciò che voglio 26. Bere qualcosa di alcolico prima di coricarsi è una buona soluzione per i problemi di sonno 30

31 APPENDICE N Esempio: Per nulla Pienamente d accordo d accordo / 27. La sola soluzione per l insonnia sono le medicine 28. Il mio sonno continua a peggiorare, e non credo che qualcuno possa aiutarmi 29. Di solito, si può vedere dal mio aspetto fisico quando non ho dormito bene 30. Evito o annullo i miei impegni (sociali, familiari), dopo una notte di sonno scadente riservato all esaminatore Punteggio Totale (0-100) 31

Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative

Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative possono cambiare? Emozioni= stati mentali e fisiologici

Dettagli

Art. 25 Obblighi del Medico Competente

Art. 25 Obblighi del Medico Competente Sezione II Titolo I capo III Valutazione dei rischi Art. 28 Co.1 Oggetto della valutazione dei rischi deve riguardare tutti i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C ALLEGATO 5 Cod. paz.: Data compilazione / / Centro Clinico QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C Lo scopo di questa ricerca è quello di comprendere meglio i problemi legati all assunzione

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

I familiari dei pazienti depressi: domande e risposte di Salvatore Di Salvo

I familiari dei pazienti depressi: domande e risposte di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it I familiari dei pazienti depressi: domande e risposte di Salvatore Di Salvo

Dettagli

Disturbi d ansia. Questo foglio descrive I disturbi d ansia e come cercare aiuto.

Disturbi d ansia. Questo foglio descrive I disturbi d ansia e come cercare aiuto. Disturbi d ansia Questo foglio descrive I disturbi d ansia e come cercare aiuto. Molte persone che soffrono di depressione, hanno anche problemi di ansia. Esempi comuni di problemi d ansia comprendono

Dettagli

LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO

LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO ESERCIZI FASE DELL ATTENZIONE Il cliente sarà coinvolto nel processo di auto se prestiamo attenzione Es.1: prestare

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa National Community Education Initiative Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa Asking Questions Can Help: An aid for people seeing the palliative care team Italian

Dettagli

Cos è la cefalea cronica quotidiana?

Cos è la cefalea cronica quotidiana? Lifting The Burden Campagna mondiale di informazione per la lotta contro la cefalea Cos è la cefalea cronica quotidiana? Cos'è la cefalea cronica quotidiana? "Ho iniziato ad avere mal di testa che comparivano

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

Apnea da sonno: una lunga sofferenza prima della diagnosi

Apnea da sonno: una lunga sofferenza prima della diagnosi EDIZIONE //// 1/2013 Apnea da sonno: una lunga sofferenza prima della diagnosi Fatti riguardanti l apnea da sonno In Svizzera circa 150 000 persone soffrono di apnea da sonno I sintomi più frequenti sono:

Dettagli

ADIS-R Sezione attacchi di panico* (Anxiety Disorders Interview Schedule-R)

ADIS-R Sezione attacchi di panico* (Anxiety Disorders Interview Schedule-R) ADIS-R Sezione attacchi di panico* (Anxiety Disorders Interview Schedule-R) Adattamento italiano di Mario Di Pietro PARTE I VALUTAZIONE GENERALE E DIAGNOSI DIFFERENZIALE 1. Le è accaduto di provare un

Dettagli

LE SCHEDE SANITARIE. Dottore mio figlio non dorme!

LE SCHEDE SANITARIE. Dottore mio figlio non dorme! Dottore mio figlio non dorme! Quali sono i disturbi del sonno nel bambino? I disturbi del sonno si presentano in maniera diversa nelle differenti età. Nei primi 3 anni di vita prevale l insonnia mentre

Dettagli

TUO FIGLIO E DIPENDENTE DALLE TECNOLOGIE? Test per bambini dai 7 ai 10 anni

TUO FIGLIO E DIPENDENTE DALLE TECNOLOGIE? Test per bambini dai 7 ai 10 anni TUO FIGLIO E DIPENDENTE DALLE TECNOLOGIE? Test per bambini dai 7 ai 10 anni 1) Vostro figlio preferisce dedicarsi ad attività online oppure all utilizzo del computer e videogiochi, piuttosto che dedicarsi

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Dott.ssa Elena Luisetti Psicologa- Psicoterapeuta. Dott.ssa Ildiko Matyàs Psicologa- Psicoterapeuta in formazione

Dott.ssa Elena Luisetti Psicologa- Psicoterapeuta. Dott.ssa Ildiko Matyàs Psicologa- Psicoterapeuta in formazione Dott.ssa Elena Luisetti Psicologa- Psicoterapeuta Dott.ssa Ildiko Matyàs Psicologa- Psicoterapeuta in formazione I disturbi d ansia rappresentano il disagio mentale più diffuso nella società moderna sia

Dettagli

RASSEGNA STAMPA: NUTRIZIONE E BENESSERE A cura di www.integratorinutrizionali.it - infoline: 347 3712411

RASSEGNA STAMPA: NUTRIZIONE E BENESSERE A cura di www.integratorinutrizionali.it - infoline: 347 3712411 NUTRIZIONE CELLULARE: QUELLO CHE IL TUO MEDICO DEVE SAPERE Parla il Dr. David B. Katzin, M.D., Ph.D. specialista in Scienza della Nutrizione, Fisiologia, Cardiovascolare e Medicina interna (...) Io sono

Dettagli

FORMAZIONE UMANA GLOBALE

FORMAZIONE UMANA GLOBALE FORMAZIONE UMANA GLOBALE Effetti di un ciclo di otto sessioni di Meditazione Vigile (Mindfulness) sulla qualità di vita, la riduzione del livello di stress e il miglioramento di alcune abilità cognitive

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

COME GESTIRE LO STRESS

COME GESTIRE LO STRESS COME GESTIRE LO STRESS Una domanda che spesso viene posta dagli arbitri è: Come faccio dopo un momento di difficoltà a ridurre lo stress di quel momento e a ritrovare la concentrazione necessaria a continuare

Dettagli

DISTURBI D ANSIA IN ETÀ EVOLUTIVA. Dott.ssa Elena Luisetti Dott.ssa Chiara Raffognato Aprile 2012

DISTURBI D ANSIA IN ETÀ EVOLUTIVA. Dott.ssa Elena Luisetti Dott.ssa Chiara Raffognato Aprile 2012 DISTURBI D ANSIA IN ETÀ EVOLUTIVA Dott.ssa Elena Luisetti Dott.ssa Chiara Raffognato Aprile 2012 ANSIA IN ETA EVOLUTIVA Il disturbo d ansia è la diagnosi più ricorrente entro i 16 anni! 10% Quando l ansia

Dettagli

Tecniche di emergenza contro attacchi di panico e forte ansia www.zeroansia.it

Tecniche di emergenza contro attacchi di panico e forte ansia www.zeroansia.it Tecniche di emergenza contro attacchi di panico e forte ansia www.zeroansia.it L'ansietà è un sottile rivolo di paura che si insinua nella mente. Se incoraggiata, scava un canale nel quale tutti gli altri

Dettagli

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica Tutti noi abbiamo dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, dovuti a cause conosciute come per esempio lo stress o il superlavoro, questa stanchezza

Dettagli

DISINTOSSICAZIONE E DRENAGGIO

DISINTOSSICAZIONE E DRENAGGIO DISINTOSSICAZIONE E DRENAGGIO Disintossicazione e drenaggio sono due termini sempre più di moda negli ultimi anni. Non esiste giornale, radio o canale televisivo che non abbia almeno una pubblicità di

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma Il movimento è fondamentale per il soggetto anziano per mantenere o riacquistare l indipendenza e l autosufficienza. Spesso l atteggiamento della persona di una certa età è di sfiducia e rassegnazione:

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE

LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE Seconda Università di Napoli Università di Salerno LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE Dott.ssa Monica Siniscalchi Psicologa Psicoterapeuta IL CIBO SIMBOLO DELLA VITA L idea del cibo deriva da eventi che

Dettagli

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO E stato terribile, la mia casa è distrutta, il tetto è rimasto su solo sopra la mia camera.. Aspetti che tutto crolli. Quando ci sono state le altre scosse, pensavo

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

Giornata Mondiale del Sonno (World Sleep Day ) 14 Marzo 2014

Giornata Mondiale del Sonno (World Sleep Day ) 14 Marzo 2014 Giornata Mondiale del Sonno (World Sleep Day ) 14 Marzo 2014 o La giornata Mondiale del Sonno è un evento con cadenza annuale inteso ad aumentare la coscienza dei disturbi del sonno e l impatto negativo

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Casi pratici di comunicazione per il farmacista

Casi pratici di comunicazione per il farmacista Casi pratici di comunicazione per il farmacista 1 Premessa e Punti di vista Un futuro farmacista viene addestrato, ma vuol dire la sua opinione La storia Farmacia lunedì mattina ore 8.15 Buon giorno. Si

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta.

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta. Cognome : Nome: Data : Istruzioni Sono state elaborate sotto forma di questionario a scelta multipla alcune tipiche situazioni professionali dell assistenza domiciliare. Vengono proposte tre situazioni

Dettagli

L Ansia, Attacchi di panico e La terapia Cognitivo Comportamentale

L Ansia, Attacchi di panico e La terapia Cognitivo Comportamentale L Ansia, Attacchi di panico e La terapia Cognitivo Comportamentale Stefania Stocchino Psicologa, Scuola di Specialità Cognitiva-Comportamentale Infermiera Ospedale San Giovanni Battista di Torino. Viviamo

Dettagli

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE di Daniela Morandi Prefazione di Barry Sears. Con la partecipazione di Claudio Belotti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-409-3 Prefazione del dottor Barry

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD Confronto fra due forme di psicoterapia cognitivo comportamentale ospedaliera per i disturbi dell alimentazione Gentile paziente, la Casa di Cura Villa Garda

Dettagli

Comprendere il processo del decesso

Comprendere il processo del decesso Governo dell'australia occidentale Ministero della Salute WA Cancer and Palliative Care Network (Rete sulla cura del cancro e le cure palliative dell'australia occidentale) Comprendere il processo del

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

Laboratorio di Psicologia dello Sviluppo Dipartimento di Psicologia & Scuola Universitaria Interfacoltà Scienze Motorie 1

Laboratorio di Psicologia dello Sviluppo Dipartimento di Psicologia & Scuola Universitaria Interfacoltà Scienze Motorie 1 Laboratorio di Psicologia dello Sviluppo Dipartimento di Psicologia & Scuola Universitaria Interfacoltà Scienze Motorie 1 Università degli Studi di Torino a.a. 2005/2006 SILVIA CIAIRANO, EMANUELA RABAGLIETTI

Dettagli

RIABILITAZIONE DONNE OPERATE AL SENO Informazioni utili

RIABILITAZIONE DONNE OPERATE AL SENO Informazioni utili RIABILITAZIONE DONNE OPERATE AL SENO Informazioni utili 2 Ad oggi il carcinoma alla mammella è il tumore più frequente nelle donne. Il trattamento si avvale di varie strategie, chirurgiche e mediche e

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

DALLE LINEE GUIDA. ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche

DALLE LINEE GUIDA. ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche DALLE LINEE GUIDA BORGOMANERO, 20.10.2012 ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche Dr.ssa Gorizia Ariana ESPOSITO Psicologa,

Dettagli

MORNINGNESS-EVENINGNESS QUESTIONNAIRE Versione Auto-Somministrata (MEQ-SA)

MORNINGNESS-EVENINGNESS QUESTIONNAIRE Versione Auto-Somministrata (MEQ-SA) MORNINGNESS-EVENINGNESS QUESTIONNAIRE Versione Auto-Somministrata (MEQ-SA) Nome: Data: La preghiamo di rispondere alle domande pensando ai Suoi normali ritmi e alle Sue abitudini quando sta bene. 1. A

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo

Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo L attacco di panico sembra essere per il malato una duplice condanna: da un lato i sintomi che imperversano, dall altro quasi la ferma certezza

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro.

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Alcol e droghe sul lavoro Perché dire NO Non vogliamo vietare nulla Mettiamo le cose in chiaro: non

Dettagli

Allungati e Respira Programma Parti dal Diaframma

Allungati e Respira Programma Parti dal Diaframma TEST PAUSA CONTROLLO (PC) VALUTAZIONE TOLLERANZA CO2 origine test: Metodo Buteyko 2014 Tutti i diritti riservati www.allungatierespira.com Il test della PC è stato elaborato dal Dott.Buteyko, medico che

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Epidemiologia Disturbi dell Umore Prevalenza Maschi/ femmine Età di esordio Depressione

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Stanchezza al volante

Stanchezza al volante Stanchezza al volante Guida sveglio upi Ufficio prevenzione infortuni Ti bruciano gli occhi o sbadigli continuamente mentre sei al volante? Fermati e fai una turbosiesta di 15 minuti. Deve guidare solo

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione 106 22. Il pianto Sessione 22 IL PIANTO Introduzione Molte madri cominciano a dare aggiunte inutili perché il loro bambino piange. Tuttavia le aggiunte spesso non fanno piangere di meno un bambino, che

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

Modello del Circolo Vizioso del Panico (Clark 1986) - 1

Modello del Circolo Vizioso del Panico (Clark 1986) - 1 Modello del Circolo Vizioso del Panico (Clark 1986) - 1 Secondo il modello cognitivo del DP gli attacchi di panico si verificano quando gli individui percepiscono alcune sensazioni corporee come molto

Dettagli

FATTORI DI RISCHIO ORGANIZZATIVO E STRESS LAVORO CORRELATO. ALCUNI ESEMPI DI RICERCA FRANCO FRACCAROLI UNIVERSITA DI TRENTO

FATTORI DI RISCHIO ORGANIZZATIVO E STRESS LAVORO CORRELATO. ALCUNI ESEMPI DI RICERCA FRANCO FRACCAROLI UNIVERSITA DI TRENTO FATTORI DI RISCHIO ORGANIZZATIVO E STRESS LAVORO CORRELATO. ALCUNI ESEMPI DI RICERCA FRANCO FRACCAROLI UNIVERSITA DI TRENTO 1. EFFETTI NEGATIVI DEL LAVORO ORGANIZZATO E' il 23esimo dipendente che si

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI I principali fattori di rischio vanno ricercati in : una scarsa conoscenza ed applicazione dei principi ergonomici; una mancanza di informazione e di consapevolezza

Dettagli

L alunno con ADHD: proposte operative

L alunno con ADHD: proposte operative L alunno con ADHD: proposte operative Laura Dentella Ilaria Rota Centro per l Età Evolutiva - Bergamo Il bambino con ADHD: Alla scuola dell infanzia Alla scuola primaria Alla scuola secondaria Sintesi

Dettagli

Problemi di salute 11

Problemi di salute 11 Problemi di salute 11 Comunicazione: Come si sente? Mi sento male: mi gira la testa, ho mal di pancia e mi fa male la gola. Vado in spiaggia due volte al mese. Si accomodi!/accomodati! In caso di malattia

Dettagli

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! Dott. Simone Agostini, Medico Veterinario Ambulatorio Veterinario San Giorgio in Bosco tel. 0499450520-3478941059 Come sicuramente moltissimi

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Lola Fabbri. persolog italy Emme Delta Group. Strumenti e modelli di Stress management. Managing Director

Lola Fabbri. persolog italy Emme Delta Group. Strumenti e modelli di Stress management. Managing Director Strumenti e modelli di Stress management Lola Fabbri Managing Director persolog italy Emme Delta Group Lo Stress: da nemico ad alleato Modena, 9 luglio 2013 www.persolog.it Stress e Percezione Quanto ti

Dettagli

Dispense tratte dal manuale Inail

Dispense tratte dal manuale Inail Dispense tratte dal manuale Inail Relazionare tenendo conto dei seguenti punti: Quali sono i possibili disturbi dovuti al lavoro al videoterminale? Cosa si può fare per evitarli? (posizione del monitor

Dettagli

Sento le voci Ricerca e Studio sulle allucinazioni uditive Cristina Contini Enrico Molinari Maria Quarato Alessandro Salvini

Sento le voci Ricerca e Studio sulle allucinazioni uditive Cristina Contini Enrico Molinari Maria Quarato Alessandro Salvini Sento le voci Ricerca e Studio sulle allucinazioni uditive Cristina Contini Enrico Molinari Maria Quarato Alessandro Salvini QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL FENOMENO DELL UDIRE VOCI Se lei ha, o ha avuto,

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

Dott.ssa Ombretta Carlet Neuropsichiatra Infantile. Ass. La Nostra Famiglia Conegliano

Dott.ssa Ombretta Carlet Neuropsichiatra Infantile. Ass. La Nostra Famiglia Conegliano Dott.ssa Ombretta Carlet Neuropsichiatra Infantile Difficoltà di linguaggio o di comunicazione? La balbuzie in età evolutiva: -quali possibili conseguenze nei principali contesti educativi quali scuola

Dettagli

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani. Dottor Giuseppe Internullo Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Chirurgia della Mano e Microchirurgia Ortopedica Università di Modena. Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Dettagli

Livello A2 Unità 9 Sanità In questa unità imparerai:

Livello A2 Unità 9 Sanità In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 9 Sanità In questa unità imparerai: a comprendere testi orali e scritti sulla sanità a parlare della tua salute parole relative alla corpo umano e alla salute a usare il passato prossimo

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Alla ricerca di se stessi Federica Cortina 2 Titolo Alla ricerca di se stessi Autore Federica Cortina Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli