Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1"

Transcript

1 Indice Presentazione xiii Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Capitolo 1 L anziano in Italia, diritti e questioni etiche Essere anziani oggi in Italia I diritti Invecchiare bene Aspetti etici 10 Diritto a essere curato 11 Accanimento terapeutico 12 Eutanasia 13 Dichiarazioni anticipate di trattamento 13 Consenso informato 14 Contenzione 15 Maltrattamento 17 Capitolo 2 La società italiana del XXI secolo Le rivoluzioni del XX secolo Aspetti demografici 22 Gli anziani nel mondo 22 Anziani e disabilità Caratteristiche della popolazione anziana 25 in Italia Disabilità e vecchiaia 25 Bisogno di assistenza 26 Abitazioni degli anziani italiani L anziano e la famiglia 28 Il fenomeno badanti L anziano fragile 30 Capitolo 3 Modelli di Stato Sociale europei 33 e particolarità del modello italiano 3.1 Welfare State: cenni storici Modelli europei del welfare Il welfare state in Italia Stato sociale pubblico e privato La spesa sanitaria pubblica 42 Capitolo 4 La rete dei servizi per gli anziani I bisogni degli anziani e la domanda 43 di servizi 4.2 La rete dei servizi per gli anziani Servizi di assistenza domiciliare 47 Servizio di Assistenza Domiciliare (SAD) 49 Servizio di Assistenza Domiciliare 50 Integrata (ADI) Servizio di ospedalizzazione domiciliare 52 Telesoccorso/Teleassistenza Servizi di assistenza semi-residenziale 54 Centro Diurno Integrato (CDI) 54 Servizi per anziani offerti dai Comuni Servizi di assistenza residenziale 58 Servizi residenziali low cost: 60 housing sociale Capitolo 5 La valutazione multidimensionale 63 (VMD) 5.1 Valutazione multidimensionale 63 Unità di Valutazione Geriatrica (UVG) 64 e Multidimensionale (UVM)

2 viii Indice ISBN Case Manager Scale utilizzate nella Valutazione 67 Multidimensionale [Appendice 1] MMSE Mini Mental State Examination 68 Indice di Barthel Activities of daily 68 living Situazione funzionale TINETTI Scale Scala di valutazione 68 dell equilibrio e dell andatura GDS Geriatric Depression Scale 70 Indice di comorbilità CIRS Strumenti e metodi per la classificazione 71 multidimensionale degli anziani [Appendice 2] Metodo RUG (Resource Utilization Groups) 71 Metodo SOSIA (Scheda di Osservazione 71 Intermedia Assistenza) Metodo SVaMA (Valutazione 71 multidimensionale dell adulto e ) Scheda BINA (Breve Indice di Non 72 Autosufficienza) 5.4 Il ruolo dei professionisti 72 nella valutazione multidimensionale Geriatra 72 Infermiere 73 Assistente sociale 73 Fisioterapista L équipe multidisciplinare che assiste 74 l anziano Educatore professionale 74 Operatore socio-sanitario (OSS) 74 Unità 2 Assistere l anziano nelle funzioni 77 compromesse Capitolo 6 Assistere l anziano con declino cognitivo e/o demenza Declino cognitivo 79 Stile di vita e declino cognitivo Stato confusionale acuto 81 (delirium) 6.3 Demenze Assistere l anziano con declino cognitivo 86 e demenza Stadi della demenza Assistenza infermieristica all anziano con declino cognitivo o demenza: 87 diagnosi NANDA-I, Il caregiver di un anziano con demenza 91 Residenze specializzate per l assistenza 92 all anziano affetto da demenza: Nuclei Alzheimer Caso clinico Stress familiare nell assistere 94 una persona anziana con morbo di Alzheimer Capitolo 7 Assistere l anziano con compromissione 99 della mobilità 7.1 Attività motoria e processi 99 di invecchiamento L attività fisica consigliata all anziano Cause di ridotta mobilità Effetti della riduzione della mobilità 101 sull anziano 7.4 Sindrome da immobilizzazione 103 o ipocinetica Cause precipitanti la sindrome 104 da immobilizzazione Prevenire l insorgenza della sindrome 104 da immobilizzazione Costruire un ambiente di vita protesico 104 per l anziano Favorire e incentivare le relazioni 105 Educare l anziano al corretto utilizzo 105 dei presidi di supporto alla mobilizzazione Mantenere e rinforzare le abilità motorie 106 Mantenere un buono stato nutrizionale 109 e di idratazione Prevenire l insorgenza di lesioni 110 da pressione Prevenire la stasi di secrezioni respiratorie 112 Prevenire l insorgenza di contratture 113 muscolari e blocchi articolari Prevenire la stipsi e valutare la funzione 114 urinaria Mantenere l anziano vigile e cosciente L assistenza infermieristica all anziano 115 con compromissione della mobilità: diagnosi NANDA-I, Caso clinico Riabilitazione dopo ictus 118 cerebrale di un uomo con responsabilità familiari Capitolo 8 Assistere l anziano a rischio di cadute Epidemiologia delle cadute Valutazione del rischio di cadere 122 Strumenti per valutare il rischio di caduta 124 Tinetti Balance Scale 124 Berg Balance Scale (BBS) 124 Timed Up and Go Test (TUG) 124

3 ISBN Indice ix Scala di Conley 125 Scala di Morse 125 Scala Stratify Prevenire le cadute Prevenire o limitare i danni conseguenti 127 a caduta 8.5 Sorvegliare il fenomeno cadute Assistenza infermieristica all anziano 129 a rischio di cadute: diagnosi NANDA-I, Capitolo 9 Assistere l anziano con pluripatologie Epidemiologia della comorbilità Effetti della comorbilità sull anziano Patologie più ricorrenti 137 Malattie respiratorie croniche: bronchite, 137 asma ed enfisema Malattie cardiocircolatorie: scompenso 139 cardiaco, ipertensione, arteriosclerosi, angina e infarto Patologie osteoarticolari 140 Diabete 141 Morbo di Parkinson 143 Anemie Assistenza infermieristica all anziano 145 affetto da pluripatologie: diagnosi NANDA-I, Caso clinico Assistenza a un uomo con molteplici problemi cronici di salute 148 Capitolo 10 Assistere l anziano che assume 151 più farmaci (polifarmacoterapia) 10.1 Evidenze della polifarmacoterapia Rischi conseguenti l assunzione 152 di più farmaci Reazioni avverse causate dall assunzione 152 di farmaci (ADR) Interazioni farmacologiche 153 Non adesione al regime terapeutico 155 Assunzione di farmaci inappropriati Prevenire la patologia iatrogena Avvertenze per la polifarmacoterapia 158 Errori nella somministrazione/ autosomministrazione delle terapie 158 Errori nella conservazione dei farmaci 159 Farmaci e cadute 159 Registrazione dei farmaci somministrati 159 all anziano 10.5 Assistenza infermieristica all anziano 160 che assume più farmaci: diagnosi NANDA-I, Capitolo 11 Assistere l anziano con depressione Prevalenza della depressione Manifestazioni di depressione Valutare la gravità di uno stato 166 depressivo 11.4 Curare un anziano depresso Conseguenze della depressione Assistenza infermieristica all anziano 170 depresso: diagnosi NANDA-I, Capitolo 12 Assistere l anziano con incontinenza 173 urinaria e/o fecale 12.1 Epidemiologia dell incontinenza 173 Costi sociali ed economici 174 dell incontinenza 12.2 Incontinenza urinaria 175 (IU) Accertamento dell incontinenza urinaria 178 Trattamento dell incontinenza urinaria Incontinenza fecale (IF) 179 Accertamento dell incontinenza fecale 179 Trattamento dell incontinenza fecale Ausili per l incontinenza Assistenza infermieristica all anziano 183 con incontinenza urinaria e/o fecale: diagnosi NANDA-I, Caso clinico Uomo con incontinenza 187 urinaria dopo un intervento alla prostata Capitolo 13 Assistere l anziano con stipsi Stipsi 191 Cause di stipsi 192 Epidemiologia della stipsi 192 Complicanze della stipsi Prevenire la stipsi 193 Accertamento della stipsi 194 Diario intestinale 195 Dieta per prevenire la stipsi 196

4 x Indice ISBN Curare una stipsi che non risponde 197 ai soli cambiamenti di stile di vita Impiego dei lassativi Rimuovere un fecaloma Assistenza infermieristica all anziano 202 con stipsi: diagnosi NANDA-I, Educare e stimolare l anziano 202 a riconoscere i comportamenti che inibiscono la stipsi Prevenire le complicanze della stipsi 202 Educare l anziano a una responsabile 202 e corretta gestione dei lassativi Eseguire correttamente le procedure 203 di supporto all eliminazione Capitolo 14 Assistere l anziano con problemi 205 nutrizionali e di idratazione 14.1 Malnutrizione 205 Prevalenza della malnutrizione Disidratazione 207 Complicanze della disidratazione Accertamento della malnutrizione Conseguenze della malnutrizione Prevenire la malnutrizione 211 Monitorare i segni di malnutrizione 211 Fattori ambientali 212 Fattori biologici Impiego di integratori nella nutrizione 213 Supportare l assunzione degli integratori 213 prescritti 14.7 Alimentazione artificiale (NA) 214 Nutrizione enetrale 215 Nutrizione parenterale 217 Questioni etiche connesse 218 all alimentazione artificiale 14.8 Assistenza infermieristica all anziano 219 con problemi nutrizionali e di idratazione: diagnosi NANDA-I, Capitolo 15 Assistere l anziano morente Morire nel XXI secolo Operatori dei servizi che erogano 223 assistenza ai malati terminali 15.3 Assistere il morente: questioni etiche Accompagnare l anziano morente Cure palliative all anziano terminale Assistenza infermieristica all anziano 229 morente: diagnosi NANDA-I, Caso clinico Assistenza palliativa a un uomo anziano con particolare attenzione al suo comfort 233 Appendici Scale di valutazione multidimensionale 239 A.D.L. (Index of Indipendence in Activities 239 of Daily Living) I.A.D.L. (Instrumental Activities of Daily 240 Living Scale) Mini Mental State Examination (M.M.S.E.) 241 Indice di comorbilità (CIRS) 243 The Gottfries-Brane-Steen scale (GBS) 244 Global Deterioration Scale (GDS) 249 Clinical Dementia Rating scale (CDR) 251 estesa Geriatric Depression Scale (GDS) 252 Hamilton rating scale for depression 253 Scala di valutazione delle attività 256 della vita quotidiana (Barthel Index) CIRS Scala di valutazione della severità 257 e della comorbilità Scala di valutazione dell equilibrio 258 e dell andatura (Tinetti) Berg Balance Scale, 1989, validazione Scala Conley di valutazione del rischio 263 di caduta dell assistito Scala di Morse per la valutazione 263 del rischio di caduta Stratify strumento di valutazione del rischio 264 di caduta degli assistiti Scheda di valutazione dell autosufficienza 265 Breve Indice di Non Autosufficienza (BINA) Scala Norton Plus di valutazione del rischio 266 di sviluppare lesioni da decubito Scala Braden di valutazione del rischio 267 di sviluppare lesioni da decubito Mini Nutritional Assessment (MNA) Sistemi regionali di classificazione 271 della dipendenza e del relativo carico assistenziale utilizzati in Italia Scheda di valutazione multidimensionale 272 longitudinale VAL.GRAF. FVG 2004

5 ISBN Indice xi VAOR-assistenza domiciliare integrata 291 (VAOR- ADI 2.0) Scheda di Osservazione Intermedia 308 dell Assistenza (S.OS.I.A.) Regione Lombardia Scheda di rilevazione R.U.G. (Resource 314 Utilization Groups) 3. Linee guida di Heidelberg 325 per la promozione dell attività fisica per le persone anziane 4. Linee guida per la promozione, lo sviluppo 330 e il coordinamento degli interventi regionali per l erogazione delle cure palliative e terapia del dolore sul territorio nazionale (Legge 15 marzo 2010 n. 38, art. 3) Glossario 333 Bibliografia 339 Indice analitico 345

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

OBIETTIVI, AZIONI, OPPORTUNITA. Firenze 5 ottobre 2011. Ministero della Salute - CCM Area Sostegno a progetti strategici di interesse nazionale

OBIETTIVI, AZIONI, OPPORTUNITA. Firenze 5 ottobre 2011. Ministero della Salute - CCM Area Sostegno a progetti strategici di interesse nazionale Il monitoraggio della qualità dell assistenza in RSA: validazione di un set integrato e multidimensionale di indicatori quality ed equity oriented ad elevata fattibilità di rilevazione e trasferibilità

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo AZIENDA USL 2 LUCCA Corso di aggiornamento La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo Capannori, 25 maggio 2013 I percorsi di valutazione dell anziano Dott. Marco Farnè Responsabile

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

I BISOGNI DI ASSISTENZA DELL ANZIANO FRAGILE

I BISOGNI DI ASSISTENZA DELL ANZIANO FRAGILE I BISOGNI DI ASSISTENZA DELL ANZIANO FRAGILE Rossana Pezzotta Lecco, 1 ottobre 2010 Anziani FRAGILI? ROSSANA PEZZOTTA FRAGILE che si rompe facilmente o cede alla minima sollecitazione; debole, gracile,

Dettagli

La presa in carico integrata ospedale territorio: garanzia per la continuità di cura

La presa in carico integrata ospedale territorio: garanzia per la continuità di cura Un modello di governance sociosanitaria nel territorio: il Punto Unico d Accesso e la presa in carico della persona Cagliari 10 dicembre 2008 La presa in carico integrata ospedale territorio: garanzia

Dettagli

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio Dott. Gianfranco Conati U.O.C. Geriatria Ospedale Civile

Dettagli

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione Dott. Gianni Vicario - Laziosanità ASP Contesto ELEVATA COMPLESSITA ASSISTENZIALE

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

La valutazione multidimensionale

La valutazione multidimensionale La valutazione multidimensionale Lucia Pavignano Anno 2010 La valutazione multidimensionale geriatrica (VMD) (1) L assessment geriatrico viene definito come una valutazione multidimensionale-interdisciplinare

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B.

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. Salehi 16.30 La rete integrata socio-sanitaria per le demenze

Dettagli

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI PROF.SSA LUISA BARTORELLI Direttore Centro Alzheimer della Fondazione Roma CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI La sfida che la crescita esplosiva della popolazione anziana pone

Dettagli

LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE

LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE Strumenti di valutazione utilizzati per gli anziani o per i soggetti affetti da patologia geriatrica. INFERMIERA Aurora Muraca 19 novembre 2014 LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE

Dettagli

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE

Dettagli

Responsabile Centro Demenze Unità Alzheimer, Italian Hospital Group di Guidonia, Roma UN MODELLO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER

Responsabile Centro Demenze Unità Alzheimer, Italian Hospital Group di Guidonia, Roma UN MODELLO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER DOTT. GABRIELE CARBONE Responsabile Centro Demenze Unità Alzheimer, Italian Hospital Group di Guidonia, Roma UN MODELLO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER La malattia di Alzheimer (MA)

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO ALESSANDRIA 28 MARZO 2013 DOTT.SSA DEMICHELIS M ONCOLOGIA MEDICA TORINO L'infermiere e la VALUTAZIONE DELL ANZIANO L INVECCHIAMENTO E processo attraverso il

Dettagli

IL PERCORSO ASSISTENZIALE NELL AREA TERRITORIALE STEFANO MANTOVANI

IL PERCORSO ASSISTENZIALE NELL AREA TERRITORIALE STEFANO MANTOVANI 57 CONGRESSO NAZIONALE S.I.G.G. 13 CORS0 PER INFERMIERI MILANO, 22-23 NOVEMBRE 2012 IL PERCORSO ASSISTENZIALE NELL AREA TERRITORIALE STEFANO MANTOVANI LA DIMISSIONE PROTETTA Nella Dimissione Protetta è

Dettagli

RUOLO DELL AMBULATORIO GERIATRICO NELLA RETE DEI SERVIZI PER L ANZIANO: UN ESPERIENZA NELLA ASL 3 GENOVESE

RUOLO DELL AMBULATORIO GERIATRICO NELLA RETE DEI SERVIZI PER L ANZIANO: UN ESPERIENZA NELLA ASL 3 GENOVESE Torino 27 30 Novembre 2013 RUOLO DELL AMBULATORIO GERIATRICO NELLA RETE DEI SERVIZI PER L ANZIANO: UN ESPERIENZA NELLA ASL 3 GENOVESE C.Pizzorni, L.Sampietro, A.Bongiovanni, E.Bennati, A.Puma, C.Ivaldi

Dettagli

Il contributo dei Centri di servizio per anziani a supporto della domiciliarità: alcune esperienze a livello locale

Il contributo dei Centri di servizio per anziani a supporto della domiciliarità: alcune esperienze a livello locale I Centri di servizio per anziani come luoghi di integrazione Padova 27 marzo 2015 Il contributo dei Centri di servizio per anziani a supporto della domiciliarità: alcune esperienze a livello locale PROGETTO

Dettagli

Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010. A. Zagari 1

Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010. A. Zagari 1 Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010 A. Zagari 1 Dimissione protetta Definizione È la dimissione di un utente che necessita di prestazioni sanitarie o socio-sanitarie erogabili

Dettagli

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta Zanetti E*., Zani M*., Negri E.^, Trabucchi M.* *Gruppo

Dettagli

L Anziano fragile. Omeostenosi. Omeostenosi. Non a caso. Sebbene. Dopo i 75 anni incidenza esponenziale di Anziani Fragili (Studio ILSA)

L Anziano fragile. Omeostenosi. Omeostenosi. Non a caso. Sebbene. Dopo i 75 anni incidenza esponenziale di Anziani Fragili (Studio ILSA) Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione - Catania Unità Operativa Complessa di Geriatria Direttore: Marcello Romano L Anziano fragile Dopo i 75 anni incidenza esponenziale di

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

ANALISI RETROSPETTIVA DEI PAZIENTI PRESI IN CARICO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) PER PERSONE CON DEMENZA (ADIDEM) E LORO CAREGIVER

ANALISI RETROSPETTIVA DEI PAZIENTI PRESI IN CARICO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) PER PERSONE CON DEMENZA (ADIDEM) E LORO CAREGIVER VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 7 novembre 2014 ANALISI RETROSPETTIVA DEI PAZIENTI PRESI IN CARICO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Punto Unico di Accesso Socio-SanitaroSanitaro nella provincia di Modena Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Il Punto Unico d'accesso Socio Sanitario (PUASS) è una modalità organizzativa

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 1. La Fondazione Ospedale Marchesi nella rete dei servizi.

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

I servizi per gli anziani: come rispondono nelle varie Regioni alla domanda di assistenza. Analisi di casi

I servizi per gli anziani: come rispondono nelle varie Regioni alla domanda di assistenza. Analisi di casi Progetto di ricerca finalizzata ex art. 12 del D.Lgs. 502/92: La condizione dell anziano non autosufficiente Analisi comparativa delle attuali forme di tutela e delle potenziali prospettive. I servizi

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano Ernesto Palummeri Dipartimento Interaziendale di Gerontologia e Geriatria ASL 3 Genovese

Dettagli

SOLE DI GALLURA. Realtà, progetti e questioni aperte in Sardegna > di GIANFRANCO NIZZARDO * - LUCIA NOTARANGELO **

SOLE DI GALLURA. Realtà, progetti e questioni aperte in Sardegna > di GIANFRANCO NIZZARDO * - LUCIA NOTARANGELO ** ISTITUZIONI RSA < SOLE DI GALLURA Realtà, progetti e questioni aperte in Sardegna > di GIANFRANCO NIZZARDO * - LUCIA NOTARANGELO ** ANCHE IN SARDEGNA LE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI SONO STRUTTURE

Dettagli

Metodi e strumenti per l assistenza alla continenza dipendente

Metodi e strumenti per l assistenza alla continenza dipendente SIGG 49 Congresso Nazionale Firenze 3-7 novembre 2004 Metodi e strumenti per l assistenza alla continenza dipendente Bruno Bernardini UO Riabilitazione 2 Dipartimento di Riabilitazione e Lungodegenza EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi Tedaldi Laura Coordinatore Infermieristico Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata Ferrara 22 Ottobre 2011 1 Grave Disabilità articolo 3 Legge 104/1992

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Archivio Corsi. Area clinica/medica/specialistica

Archivio Corsi. Area clinica/medica/specialistica Archivio Corsi Area clinica/medica/specialistica Pianeta anziano: la gestione della complessità Argomenti di geriatria L amore e la sessualità nell anziano Disturbi cognitivi nell anziano Vita dell anziano

Dettagli

CARTELLA UTENTE WEB 1. PACCHETTO BASE

CARTELLA UTENTE WEB 1. PACCHETTO BASE CARTELLA UTENTE WEB Cartella Utente Web e la soluzione innovativa per la gestione della Cartella Socio- sanitaria integrata che si avvale del nuovo approccio internet al fine di rendere più semplice la

Dettagli

DEMENZA DI ALZHEIMER: dalle cure all assistenza

DEMENZA DI ALZHEIMER: dalle cure all assistenza DEMENZA DI ALZHEIMER: dalle cure all assistenza Organizzazione del CDC nell ULSS 3: dati di attività Dott. Mario ZERILLI Responsabile Neuropsicologia Clinica Adulti e Anziani AZIENDA SANITARIA ULSS 3 Obiettivi

Dettagli

Progetto Mattoni e LEA Nell Assistenza Geriatrica del SSN

Progetto Mattoni e LEA Nell Assistenza Geriatrica del SSN 52 Congresso SIGG Firenze 2007 Progetto Mattoni e LEA Nell Assistenza Geriatrica del SSN Enrico Brizioli Responsabile Scientifico Mattone n. 12 (Prestazioni residenziali) Coordinatore sottogruppo Socio-Sanitario

Dettagli

Gli interventi delle professioni sanitarie

Gli interventi delle professioni sanitarie Gli interventi delle professioni sanitarie 19 febbraio 2015 Dott. BALDINI CLAUDIO Direttore UOC Direzione Professioni Sanitarie Territoriali ASL 11 EMPOLI 23/02/2015 1 Secondo me la missione delle cure

Dettagli

RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI:

RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI: RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI: il caso della prevenzione e gestione della caduta del paziente nelle strutture sanitarie 2 edizione 15 Novembre 2012 Ministero della Salute

Dettagli

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Conoscere Le funzioni attribuite agli esperti quali componenti della Commissione per la valutazione finale del

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Casa di Cura "Villa delle Querce" di Nemi

Casa di Cura Villa delle Querce di Nemi Casa di Cura "Villa delle Querce" di Nemi Cognome...Nome...Data di nascita... PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIDUALE Ordinario DH Riabilitazione Cardiologica Il paziente viene inserito in un percorso di recupero

Dettagli

IL PROGETTO PERSONALIZZATO: dalla proposizione alla verifica

IL PROGETTO PERSONALIZZATO: dalla proposizione alla verifica IL PROGETTO PERSONALIZZATO: dalla proposizione alla verifica Cagliari, 10 dicembre 2008 Paola Mele Il PUNTO UNICO D ACCESSO D per la presa in carico Segnalazione Ospedale Front Front Office Office 1 Livello

Dettagli

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI TRIAGE NEI PAZIENTI Infermiere Az. Osp. Univ. Policlinico di Modena Consigliere Gruppo Formazione Triage TRIAGE: Definizione delle priorità di trattamento dei pazienti sulla base della loro gravità clinica,

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI:

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI: ALLEGATO 1 Programma CORSO OSS 1000 ore Il programma analitico è suddiviso in moduli ed unità didattiche secondo le UC di riferimento; ore di aula complessive 450. Per i soggetti che intendono erogare

Dettagli

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA RIVOLTA A PERSONE ANZIANE IN CONDIZIONE DI FRAGILITA E A DISABILI GRAVI Presentazione a cura

Dettagli

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE INDICE assegno di cura per anziani non autosufficienti... 3 assegno di cura per disabili non autosufficienti... 4 voucher sociale... 5 servizio assistenza

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente Le cure domiciliari nella rete dei servizi Rosella Petrali Direzione Generale Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale Regione Lombardia

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Fragilità e autosufficienza Definizione di disabilità Prevalenza di disabilità Definizione di fragilità Fisiopatologia della fragilità Clinica della fragilità Interventi assistenziali www.fisiokinesiterapia.biz

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 POPOLAZIONE LIGURE Abitanti: Provincia Totale Maschi Femmine IM 221885 106286 115599 SV

Dettagli

PERSONE CON DISABILITA GRAVISSIME IN CONDIZIONE DI DIPENDENZA VITALE

PERSONE CON DISABILITA GRAVISSIME IN CONDIZIONE DI DIPENDENZA VITALE Piano operativo territoriale per l attuazione integrata degli interventi in favore di persone in condizione di dipendenza vitale, con gravi disabilità o anziani non autosufficienti, e di sostegno della

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA

LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA IPOTESI DI UNA PROPOSTA FORMATIVA: IL PARERE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE Alberto Marsilio * Il tema della morte e più in generale quello della fine della vita

Dettagli

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. È individuata la figura professionale dell operatore socio-sanitario. 2. L operatore socio-sanitario è

Dettagli

La medicina del buon senso. ADR (Adverse Drug Reactions) Prevalenza

La medicina del buon senso. ADR (Adverse Drug Reactions) Prevalenza L appropriatezza diagnostica tra evidenze e buon senso Savigliano, 11 Giugno 2011 Pazienti in trattamento cronico con farmaci: 60% ne assume due tipi La medicina del buon senso 25% assumono 4 o più tipi

Dettagli

L infermiere casemanager

L infermiere casemanager L infermiere casemanager Valentina Sangiorgi U.C.S.C. di Roma Policlinico Universitario A.Gemelli Firenze 29-11/1-12-2007 La riorganizzazione delle cure primarie e l integrazione del sistema L aumento

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 1000 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO CARTA DEI SERVIZI UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO Sportello al pubblico presso il Servizio di Assistenza Domiciliare Castelfranco

Dettagli

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE DISABILITA E SETTING

SCHEDA VALUTAZIONE DISABILITA E SETTING SCHEDA VALUTAZIONE DISABILITA E SETTING ASSISTENZIALE-RIABILITATIVO(ver. 2.5) Per informazioni sulla compilazione contattare il 0718003276 o scrivere a o.mercante@inrca.it COGNOME NOME M F Data nascita

Dettagli

Dott.ssa Laura Calcara Dott.ssa Julie Lidia Citarrella U.O.C. Integrazione Socio-Sanitaria ASP PALERMO. Le dimissioni protette: esperienze sul campo

Dott.ssa Laura Calcara Dott.ssa Julie Lidia Citarrella U.O.C. Integrazione Socio-Sanitaria ASP PALERMO. Le dimissioni protette: esperienze sul campo Dott.ssa Laura Calcara Dott.ssa Julie Lidia Citarrella U.O.C. Integrazione Socio-Sanitaria ASP PALERMO Le dimissioni protette: esperienze sul campo Il territorio dell ASP Palermo Comprende la provincia

Dettagli

La gestione delle cronicità e delle riacutizzazioni sul territorio

La gestione delle cronicità e delle riacutizzazioni sul territorio La gestione delle cronicità e delle riacutizzazioni sul territorio Dott. Roberto Lacava 57 CONGRESSO NAZIONALE SIGG Milano, (MiCo) 21-24 novembre 2012 Continuity of care Secondo l OMS, la continuità delle

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: LUIGI CATERINO

ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: LUIGI CATERINO ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: LUIGI CATERINO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome/Nome CATERINO LUIGI Indirizzo Via Giotto, 87 AVERSA Telefono 081 5001215

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON PREMESSA

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON PREMESSA Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Giovanni Chiabà San Giorgio di Nogaro CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON Gentile Utente, PREMESSA il presente documento Carta

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG Esami ematochimici: emocromo, glicemia, creatinina, ALT, Colesterolo, Trigliceridi, Na, K, Cl, VES, TSH reflex, Dosaggio vit B12

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA DESTINATARI DEL SERVIZIO: Il Centro Diurno per Disturbi Cognitivi è una struttura che eroga servizi in sinergia con la Residenza Sanitaria Assistenziale posta in

Dettagli

RESIDENZIALITA E ANZIANI

RESIDENZIALITA E ANZIANI Residenzialità Solidale e Amministrazioni di Sostegno RESIDENZIALITA E ANZIANI Dott. Lorenzo Sampietro Demografia in pillole La Liguria è la Regione che ha la più alta percentuale di anziani 26,8% con

Dettagli

URGENTE DATI ANAGRAFICI DEL PAZIENTE. Cognome... Nome...

URGENTE DATI ANAGRAFICI DEL PAZIENTE. Cognome... Nome... HOSPICE DI ABBIATEGRASSO VIA DEI MILLE N. 8/10 20081 ABBIATEGRASSO (MI) TEL. 02/94963802 FAX 02/94962279 SITO: www.hospicediabbiategrasso.it EMAIL: info@hospicediabbiategrasso.it La presente richiesta

Dettagli

Congresso Nazionale AICM - Firenze Il paziente Anziano Fragile

Congresso Nazionale AICM - Firenze Il paziente Anziano Fragile Congresso Nazionale AICM - Firenze Il paziente Anziano Fragile Dr.ssa Cristiana GIACANI Infermiere Case Manager Geriatrico Azienda Ospedaliera Sant Andrea LA POPOLAZIONE ITALIANA AL 01 GENNAIO 2011 HA

Dettagli

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE L Operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria, oltre a svolgere tutte le attività tipiche dell Operatore Socio

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011 L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre figure mv - 2010-2011 è l operatore che, al termine di specifica formazione professionale consegue un attestato di qualifica ed è abilitato

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla R. S. A. S A N G I U S E P P E (RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE) Via delle Ande n. 11 20151 Milano (MI) Tel. 02/33400809 02/38008727 Fax 02/33404144 E-mail : rsa.sangiuseppe@hsr.it S C H E D A I N F

Dettagli

L UTILIZZO DELLA BINA-FAR DA PARTE DELLE CASE RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E DEI CENTRI DIURNI PER ANZIANI

L UTILIZZO DELLA BINA-FAR DA PARTE DELLE CASE RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E DEI CENTRI DIURNI PER ANZIANI L UTILIZZO DELLA BINA-FAR DA PARTE DELLE CASE RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E DEI CENTRI DIURNI PER ANZIANI (servizi accreditati e convenzionati) Prima parte per UVG ed incontri preparatori

Dettagli

Gli standard del personale nel servizio residenziale per l anziano l non autosufficiente

Gli standard del personale nel servizio residenziale per l anziano l non autosufficiente ARAT (Associazione Residenze Anziani Toscana) Gli standard del personale nel servizio residenziale per l anziano l non autosufficiente Firenze 24 Febbraio 2014 A cura di Giancarlo Girolami Chiara Bartolini

Dettagli