VALUTAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALUTAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER"

Transcript

1 VALUTAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER Prof. C. Caltagirone*, Dott. R. Perri** *Cattedra di Neurologia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata ** IRCCS S. Lucia - Roma La malattia di Alzheimer è una grave affezione degenerativa del Sistema Nervoso Centrale che si manifesta in genere alle soglie della terza età e le cui cause non sono a tutt oggi del tutto conosciute. Una importante proporzione di anziani (all incirca tra il 3 e il 5% di tutti coloro che nelle società cosiddette avanzate hanno superato i 65 anni di età) sono affetti da una qualche forma di compromissione delle funzioni cognitive di eziologia e gravità variabili; almeno la metà di questi individui sono affetti da malattia di Alzheimer. La malattia determina una progressiva e insidiosa compromissione di diversi aspetti delle funzioni cognitive quali la memoria, l attenzione, il linguaggio e produce invariabilmente una progressiva difficoltà nello svolgimento degli atti della vita quotidiana. Le conseguenze di questa patologia sono devastanti sia per i pazienti che ne sono affetti sia per coloro che se ne occupano e determinano un peso economico crescente per il nostro Paese, visto l alto numero di anziani che ne sono colpiti (si stima che in Italia circa persone ne siano affette) con costi diretti e indiretti valutati nell ordine di migliaia di miliardi. La malattia di Alzheimer rappresenta una sfida non solo per medici e scienziati, ma anche per tutta la comunità soprattutto quando si tenga conto del fenomeno del progressivo invecchiamento della popolazione e della necessità di fronteggiare il peso sociologico, sociale e sanitario che ne deriva. In una società che si prefigga degli obiettivi di ordinato sviluppo civile che non perdano di vista le necessità di vaste aree della popolazione, la consapevolezza della dimensione e della gravità del feno- 1

2 meno dovrebbe produrre non solo interventi programmatori di politica sanitaria e sociale, ma anche scelte indirizzate a potenziare le risorse da dedicare alla ricerca scientifica sia in ambito clinico che nel campo della ricerca di base. Nel nostro Paese questo è vero solo in minima parte, anche se nella comunità civile sembra ormai farsi largo la convinzione che gli investimenti nella ricerca sono un presupposto irrinunciabile non solo per lo sviluppo delle conoscenze, ma anche per individuare strategie innovative che contribuiscano a fornire risposte adeguate alle pressanti necessità dei malati e delle loro famiglie. L esordio della malattia è spesso insidioso e può passare del tutto inosservato per lungo tempo. Frequentemente i pazienti o i loro familiari si rivolgono al medico di base o allo specialista con la richiesta di indagare su una sintomatologia caratterizzata da disturbi della memoria e dell attenzione, difficoltà nello svolgere i compiti della propria attività quotidiana o nel campo lavorativo, soprattutto di fronte a situazioni non consuete, o quando vengano richieste strategie non usuali per la soluzione di compiti più conosciuti. Il paziente può lamentare una modificazione del tono dell umore spesso improntato ad incertezza e pessimismo, oppure alternato ad ingiustificato e a volte superficiale benessere e ottimismo. In questi casi solo una corretta ed esaustiva raccolta delle informazioni relative all intera storia clinica del paziente, ed un esame clinico accurato permettono di formulare il sospetto diagnostico di una malattia che determina un deterioramento intellettivo e di avviare le procedure necessarie per l accertamento delle cause alla base della condizione clinica. Una volta escluse quelle cause generali internistiche (endocrinologiche, dismetaboliche, ematologiche, etc.) che possono produrre una delle forme di deterioramento cognitivo cosiddette secondarie (dovute cioè a cause primariamente extracerebrali), il compito del medico è quello di avviare degli accertamenti rivolti primariamente ad esplorare l efficienza delle funzioni cognitive ed a valutare da un punto di vista neuroradiologico le condizioni dell encefalo del paziente. Nonostante il favore di cui godono le indagini morfologico-strutturali basate su metodiche neuroradiologiche come la TAC e la RMN dell encefalo, la loro utilità risiede nella alta affidabilità da esse posseduta nell escludere altre possibili alternative eziologiche (come affezioni focali o diffuse dell encefalo) e nella loro capacità di identificare condizioni potenzialmente trattabili (valga per tutte il caso dell idrocefalo normotensivo). In ogni caso il loro contributo alla soluzione del complesso problema clinico della diagnosi differienziale tra malattia di Alzheimer e il normale processo di invecchiamento cerebrale e la loro utilità nel differenziare la malattia da altre condizioni degenerative associate a demenza, rimane, in definitiva, limitato e controverso. Di particolare utilità appare invece la valutazione neuropsicologica destinata ad accertare l efficienza intellettiva ed in particolare ad individuare eventuali difficoltà in prestazioni cognitive quali memoria, attenzione, linguaggio, orientamento spazio-temporale, esplorazione dello spazio o altre abilità visuo-spaziali. In base ai risultati dell esame neuro-cognitivo è possibile di solito riconoscere la presenza di un decadimento 2

3 delle funzioni intellettive e, soprattutto, identificare il profilo qualitativo di compromissione mettendo per esempio in luce aree di maggiore o minore efficienza. Il fine che ci si propone è naturalmente quello di riconoscere il prima possibile la presenza di un deterioramento intellettivo compatibile con la diagnosi di malattia di Alzheimer. La diagnosi di tale malattia è, infatti, di grande importanza allo scopo di escludere il più rapidamente possibile quelle condizioni di decadimento cognitivo che facciano riferimento a condizioni trattabili come nelle demenze secondarie, o per identificare quelle forme di depressione dell età involutiva che spesso si presentano con caratteristiche di inibizione comportamentale tali da far sospettare una demenza. Ovviamente, una volta riconosciuta su base clinica e strumentale la presenza di una sintomatologia che faccia riferimento ad una possibile malattia di Alzheimer, è necessario procedere con un atteggiamento di attenzione clinica costante, allo scopo di mettere in atto quei provvedimenti farmacologici e/o riabilitativi che si sono dimostrati promettenti, ma, anche, per poter disporre di un adeguato follow-up che permetterà, nello spazio di un periodo compreso tra sei mesi ed un anno, di formulare la diagnosi, sia pure su base clinica, in maniera dapprima probabile e successivamente certa. Per porre diagnosi di malattia di Alzheimer, in accordo con i criteri guida generalmente riconosciuti come validi a questo fine (vedi a questo proposito International Classification of Disease ICD o Diagnostic and Statistic Manual of Mental Disorders DSM-IV 1994), deve essere documentata la presenza di un deterioramento caratterizzato da declino delle funzioni mnesiche (più evidente nell apprendimento della nuova informazione, sebbene nei casi più gravi possa essere compromessa anche la rievocazione dell informazione già acquisita) e un deterioramento del giudizio e del pensiero (ad esempio della capacità di programmare e organizzare) e del processamento generale delle informazioni. La diagnosi è resa più certa dall evidenza di deficit di funzioni corticali (quali l afasia, l agnosia, l aprassia) che tuttavia, soprattutto nelle fasi iniziali, non sono necessariamente presenti. Tali disturbi, che non devono essere accompagnati da alterazioni dello stato di coscienza, devono essere manifesti da un periodo minimo di sei mesi, altrimenti, per periodi di osservazione più brevi, si deve porre un giudizio di probabilità e non di certezza. Nel sospetto di malattia di Alzheimer appare perciò di fondamentale importanza poter obiettivare e quantificare il declino delle abilità cognitive quali la memoria, le capacità di giudizio e di ragionamento, e poter verificare l eventuale presenza di disturbi afasici, agnosici, aprassici, etc., mediante la somministrazione di batterie standardizzate di test neuropsicologici espressamente studiate al fine di porre una diagnosi precoce di demenza sia mediante una quantificazione del deterioramento (che sia valutabile al netto di differenze imposte dalle diverse condizioni di età e di scolarità dei soggetti esaminati), sia, nell ambito di questo, mediante l individuazione di specifici profili cognitivi. Solo strumenti di questo genere possono infatti permettere, con un ragionevole grado di 3

4 sicurezza, di differenziare condizioni diverse dalla malattia di Alzheimer che tuttavia presentano caratteristiche comuni ad essa. Nella diagnosi differenziale si deve prima di tutto considerare la necessità di discriminare le fisiologiche modificazioni delle capacità cognitive legate all invecchiamento dalle alterazioni di una demenza in fase iniziale. Con l invecchiamento si realizza, infatti, un declino delle funzioni cognitive, più evidente nella nona decade di vita, che tuttavia è difficilmente differenziabile dagli stati patologici e ciò è tanto più difficile quanto più il soggetto è anziano e quanto più è scarso il suo livello socioculturale.. L' esame, in soggetti anziani normali e in pazienti con demenza degenerativa, di svariate competenze cognitive quali la memoria, il linguaggio, le capacità visuo-spaziali, il ragionamento ha evidenziato infatti la difficoltà nel trovare segni caratteristici o markers della demenza degenerativa che permettano di distinguere l' invecchiamento normale da quello patologico da un punto di vista qualitativo e non solo quantitativo (Gainotti 1984). Anche da un punto di vista anatomo-patologico queste due condizioni presentano notevoli somiglianze. La malattia di Alzheimer ha, infatti, due markers neuropatologici visibili all esame microscopico dell encefalo: formazioni extracellulari conosciute come placche neuritiche o senili e formazioni intracellulari, visibili con il metodo dell impregnazione argentica, chiamate zone neurofibrillari (neurofibrillary tangles). E tuttavia ben noto da molti anni che queste manifestazioni non sono esclusive della malattia ma sono presenti comunemente anche nel corso dell invecchiamento naturale dell encefalo anche se con una distribuzione topografica ed una densità di lesioni differenziabili. Queste osservazioni indurrebbero a pensare all esistenza di un continuum fra la condizione fisiologica dell invecchiamento e la degenerazione alzheimeriana, in cui solo differenze quantitative sono responsabili delle due diverse condizioni. Un recente lavoro (Carlesimo et al. 1997) ha tuttavia evidenziato che se alcune funzioni cognitive quali l'apprendimento procedurale, la memoria implicita, la memoria immediata o l'oblio della memoria episodica, mostrano o non sostanziali cambiamenti o un lento declino passando dai soggetti giovani a quelli anziani e superanziani (di età superiore agli 80 anni) fino ai pazienti affetti da malattia di Alzheimer; altre funzioni, invece, come quelle che richiedono l'utilizzo di strategie semantiche di codifica nella memoria episodica, presentano un deficit specifico nei pazienti dementi e una sostanziale stabilità nei soggetti normali di ogni età. Quest'ultimo dato suggerisce perciò una discontinuità qualitativa e non solo quantitativa fra il fisiologico processo di invecchiamento e la condizione patologica alla base della demenza di Alzheimer e indica un possibile marker cognitivo per la differenziazione del decadimento intellettivo legato all'età rispetto a quello causato dalla degenerazione alzheimeriana. Da questi dati si evince la notevole importanza rivestita, nel processo diagnostico, da un'accurata valutazione neuropsicologica specificamente rivolta al soggetto anziano e che quindi tenga presente la facile stancabilità e ridotta motivazione ad eseguire prove lunghe e non sufficientemente diversificate fra di loro, composta di strumenti di cui siano 4

5 disponibili dati normativi e di validazione (Caltagirone et al. 1995). Tale valutazione, inoltre, dovrà essere volta, oltre che a quantificare, anche a differenziare i deficit nelle diverse aree cognitive, per evidenziare profili di deterioramento diversi da quelli compatibili con una malattia di Alzheimer. L'individuazione di differenti pattern neuropsicologici appare fondamentale soprattutto per la diagnosi differenziale di quelle forme di demenza in cui né la clinica, né gli esami neuroradiologici o di laboratorio forniscono dati discriminativi, come spesso avviene nelle forme di pseudo-demenza depressiva, difficilmente differenziabili dalle forme iniziali di demenza degenerativa. I sintomi depressivi, infatti, sono frequenti all'esordio di una demenza degenerativa, mentre i pazienti affetti da depressione molto frequentemente lamentano sintomi come la perdita di memoria e il disorientamento temporale, che sono caratteristici della demenza. La necessità di determinare se questi segni siano legati ad una condizione di demenza iniziale o ad uno stato depressivo è particolarmente frequente nella popolazione anziana, principale bersaglio delle patologie dementigene. Si stima infatti che più del 40% della popolazione sopra i 60 anni riporti sintomi depressivi e che nel 20% dei casi siano presenti sentimenti di riduzione delle proprie capacità di ragionamento, di attenzione e di memoria (Des Rosiers et al. 1995). All'esame neuropsicologico dei pazienti depressi, tuttavia, i disturbi mnesici non si accompagnano generalmente ad ulteriori deficit di tipo cognitivo (Caltagirone et al. 1985) che sarebbero invece presenti nelle forme degenerative sin dal loro primo manifestarsi (Jacobs et al. 1995). Batterie testistiche studiate per una diagnosi precoce e validate su popolazioni di pazienti di lingua italiana sono la batteria dello S.M.I.D. (Studio Multicentrico Italiano sulle Demenze) (Bracco et al. 1990) e la M.O.D.A. (Milan Overall Dementia Assessment) (Brazzelli et al. 1994) che fornisce un punteggio complessivo sommatorio dei risultati di due scale di autonomia e di orientamento e delle prestazioni in una breve batteria neuropsicologica. Uno strumento studiato appositamente per discriminare con un elevato grado di accuratezza i soggetti dementi dai soggetti normali anziani, nonché per fornire informazioni sulle caratteristiche qualitative del deficit cognitivo eventualmente presente nel paziente indagato, è la B.D.M. (Batteria per il Deterioramento Mentale) (Caltagirone et al. 1979). La Batteria per il Deterioramento Mentale è composta di 7 test che forniscono 8 punteggi complessivi: 4 sono espressione dell'elaborazione di materiale verbale e 4 derivano dall'elaborazione di materiale visuopercettivo. I test sono stati appositamente scelti per fornire informazioni circa l'efficienza funzionale di svariati ambiti cognitivi: aspetti diversi delle capacità mnesiche (memoria a breve termine per dati visuo-percettivi, fruibilità del magazzino di memoria semantico-lessicale, memoria a lungo termine episodica per informazioni verbali e memoria a breve e lungo termine per materiale verbale); capacità prassico-costruttive (con prove che si differenziano per il diverso impegno richiesto nella pianificazione dell'attività grafica); capacità linguistiche di alto livello ed infine 5

6 capacità di ragionamento logico-concettuale. Un innegabile pregio della B.D.M. è la praticità: il materiale testistico è infatti agevolmente riproducibile e trasportabile ed il tempo necessario per la somministrazione dell'intera batteria è ragionevolmente contenuto (45-75 min) (Caltagirone et al. 1995). La B.D.M. ha dimostrato nel corso degli anni la sua validità non solo per discriminare pazienti dementi da soggetti normali, ma anche per individuare profili differenziali di compromissione neuropsicologica in gruppi di pazienti affetti da varie patologie neurologiche (oltre alla malattia di Alzheimer, le encefalopatie multi-infartuali, l'idrocefalo normoteso, il morbo di Parkinson ecc.) (Gainotti et al. 1980; Caltagirone et al. 1989). In particolare, la B.D.M. ha dimostrato di essere provvista di un buon valore diagnostico nel distinguere dementi in fase iniziale da depressi pseudo-dementi, evidenziando in questi una caduta selettiva nelle prove di memoria verbale a differenza dei pazienti affetti da malattia di Alzheimer che presentano una compromissione omogenea di tutte le funzioni cognitive esplorate dalla batteria (Caltagirone et al. 1985). Un altro più recente lavoro (Carlesimo et al. 1995) ha mostrato la specificità dei singoli test della B.D.M. ad indagare ambiti cognitivi diversi, consentendo così di individuare deficit selettivi di determinate funzioni. Quest'ultimo aspetto appare importante soprattutto nella diagnosi delle forme degenerative focali, nelle quali ad un deterioramento progressivamente ingravescente di una singola funzione cognitiva non si accompagnano per molti anni problemi intellettivi più generalizzati. Se l uso di strumenti come la B.D.M. trova specifica indicazione nella fase diagnostica, una volta posta e confermata la diagnosi di malattia di Alzheimer, è necessario poter disporre di strumenti che permettano, oltre che di seguire l evoluzione del deterioramento nel tempo, anche di valutare il grado di interferenza che la patologia e la sua evoluzione hanno nel contesto ambientale del soggetto. Accanto alla valutazione delle capacità cognitive del paziente sarà quindi necessario affiancare una valutazione clinica degli aspetti non cognitivi della demenza, al fine di valutarne l impatto nel vissuto sociale e sull autonomia di esecuzione di attività strumentali, mediante l uso di scale che quantificano il livello di deficit funzionale del soggetto nelle sue varie dimensioni psico-fisiche quali lo stato dell'umore, il ritmo sonno-veglia, la continenza, l'autonomia nel vestirsi, nella cura dell'igiene personale o nell'alimentazione. Questi aspetti, infatti, possono essere fonte di grande preoccupazione per i familiari del paziente e possono incidere fortemente sulla possibilità di gestione della malattia in un ambiente familiare. La presenza di alterazioni in alcuni di questi ambiti, inoltre, può richiedere interventi terapeutici specifici, come il trattamento con psicofarmaci di disturbi quali l agitazione, la depressione o le psicosi, frequentemente riscontrabili in questi soggetti. L importanza di una valutazione congiunta degli aspetti cognitivi e comportamentali della malattia di Alzheimer si affianca, inoltre, alla necessità di poter confrontare nel tempo le diverse valutazioni effettuate in uno stesso soggetto, sia perché i sintomi non cognitivi non sono necessariamente sempre presenti in un singolo 6

7 paziente, sia per poter esprimere un giudizio sull entità del peggioramento o del miglioramento di alcuni o di tutti i sintomi cognitivi e comportamentali a seguito di trattamenti specifici. Quest ultimo aspetto assume una particolare importanza nella sfera della sperimentazione farmacologica. Negli ultimi anni, infatti, si sono moltiplicati gli sforzi della comunità scientifica internazionale per trovare strategie terapeutiche efficaci nella malattia di Alzheimer. Momento fondamentale di questo sforzo è ovviamente la sperimentazione clinica di nuovi farmaci antidemenza, attraverso trials farmacologici che non possono prescindere dall utilizzo di scale di valutazione globale delle capacità del paziente demente e dalla possibilità di compararle nel tempo. Per seguire nel tempo le modificazioni nel grado di deterioramento si possono utilizzare brevi test che valutano lo stato mentale del soggetto. Tra questi il più utilizzato è il Mini Mental State Examination (Folstein 1975). Questo tipo di test ha il vantaggio di poter essere somministrato in tempi brevi e di essere meno impegnativo per le risorse attentive del paziente rispetto ad una batteria completa di test neuropsicologici, così da poter essere usato anche nelle fasi più avanzate della demenza. Scale cliniche di valutazione che si basano sia sugli aspetti cognitivi che su quelli comportamentali della demenza più frequentemente utilizzate e disponibili in versione italiana sono: la CDR (Clinical Dementia Rating Scale) (Hughes et al. 1982); la CIBIC-Plus (Clinician Interview- Based Impression of Change ) derivata dalla CIBI (Clinician Interview- Based Impression Change) (Knopman et al. 1994); l ADAS-Cog (Alzheimer s Disease Assessment Scale) (Rosen et al. 1984) e la CGI (Clinical Global Impression) (Guy 1976). Sono scale che affiancano ad una più o meno approfondita valutazione dello stato cognitivo, una raccolta di informazioni sullo stato comportamentale del soggetto derivate sia dall osservazione diretta del paziente (grado di cooperazione nell esecuzione di test cognitivi; tipo di interazione medico-paziente durante una conversazione con l esaminatore; presenza di segni manifesti o latenti di ansietà, depressione, allucinazioni o deliri) che da interviste ai suoi familiari (riguardo al grado di autonomia del paziente sia nell ambito familiare che sociale in diverse attività; riguardo al ritmo sonno-veglia, all alimentazione, ai disturbi dell umore, all igiene personale etc.), in modo da poter fornire un punteggio globale di gravità della demenza, basato sostanzialmente sull impressione clinica dell esaminatore. Alcune di queste, inoltre, come la CIBIC-Plus, espressamente studiata per accertare, in modo affidabile, un cambiamento globale della condizione clinica del soggetto demente in seguito alla somministrazione di farmaci antidemenza, forniscono i criteri in base ai quali valutare la presenza e l entità di eventuali peggioramenti o miglioramenti. Perché le valutazioni risultino il più possibile affidabili, inoltre, vengono generalmente previsti precisi intervalli fra un osservazione e l altra e si richiede che l esaminatore e il familiare da cui vengono raccolte le notizie siano sempre gli stessi. 7

8 In conclusione è utile sottolineare ancora una volta l importanza di poter disporre di strumenti neuropsicologici diversificati che permettano specifiche determinazioni e valutazioni di differenti aspetti della patologia alzheimeriana. Se, infatti, nella fase diagnostica e di accertamento di questa patologia, sono indispensabili approfondite valutazioni quantitative e qualitative del profilo cognitivo di deterioramento, queste, con il passare del tempo possono risultare eccessivamente gravose per le capacità attentive del soggetto più gravemente deteriorato e soffrire di un effetto pavimento che le rende meno adatte in una fase successiva. Al contrario, strumenti che permettono una valutazione clinica globale del paziente demente, se trovano nella fase iniziale scarsa indicazione (a causa dell elevata percentuale di falsi negativi che presentano nella diagnosi precoce delle forme di demenza lieve) diventano preziosi strumenti per il suo successivo follow-up. La determinazione dello stato mentale del soggetto mediante valutazioni rapide e poco onerose per le sue risorse cognitive, infatti, ne permettono la somministrazione anche nelle fasi più avanzate di malattia, mentre l attento approfondimento degli aspetti comportamentali del paziente demente rappresenta un momento fondamentale per assicurargli un efficace assistenza e fornire costantemente adeguate risposte terapeutiche e di sostegno al paziente e ai suoi familiari. BIBLIOGRAFIA American Psychiatric Association (1994). Diagnostic and Statistic Manual of Mental Disorders, 4 th ed., Washington, DC. Bracco L., Amaducci L., Pedone D., Bino G., Lazzaro M.P., Carella F., D'Antona R., Gallato R. and Denes G. (1990) Italian Multicentre Study on Dementia: a neuropsychological test battery for assessing Alzheimer's disease. Journal of Psychiatric Research 3: Brazzelli M., Capitani E., Della Sala S., Spinnler H., Zuffi M. (1994) A neuropsychological instrument adding to description of patients with suspected cortical dementia: the Milan overall dementia assessment. Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry 57: Caltagirone C., Gainotti G., Carlesimo G. A., Parnetti L., e il Gruppo per la standardizzazione della Batteria per il Deterioramento Mentale (1995) Batteria per la valutazione del Deterioramento Mentale (parte I): descrizione di uno strumento di diagnosi neuropsicologica. Archivio di Psicologia, Neurologia e Psichiatria 4: Caltagirone C., Carlesimo G.A., Nocentini U. and Vicari S. (1989) Differential aspects of cognitive impairment in patients suffering from Parkinson' s and Alzheimer' s disease: a neuropsychological evaluation. International Journal of Neuroscience 44:

9 Caltagirone C., Benedetti N., Nocentini U., Gainotti G. (1985) Demenza e pseudodemenza depressiva: diagnosi differenziale su base neuropsicologica. Archivio di Psicologia, Neurologia e Psichiatria 46: Caltagirone C., Gainotti G., Masullo C. and Miceli G. (1979) Validity of some neuropsychological tests in the assessment of mental deterioration. Acta Psychiatrica Scandinavia 60: Carlesimo G.A., Mauri M., Graceffa M.S., Fadda L., Loasses A., Lorusso S., Caltagirone C. (1997) Memory performances in young, elderly and very elderly healthy individuals vs. Alzheimer's disease patients: evidence for discontinuity between normal and pathological aging. Journal of Clinical and Experimental Neuropsychoology, in corso di pubblicazione. Carlesimo G.A., Caltagirone C., Fadda L., Marfia G., Gainotti G., e il Gruppo per la standardizzazione della batteria per il Deterioramento Mentale (1995) Batteria per la valutazione del Deterioramento Mentale (parte III): analisi dei profili qualitativi di compromissione cognitiva. Archivio di Psicologia, Neurologia e Psichiatria 4: Des Rosiers G., Hodges J.R. and Berrios G. (1995) The neuropsychological differentiation of patients with very mild Alzheimer' s disease and/or major depression. Journal of American Geriatric Society 43: Folstein M.F., Folstein S.E., McHigh P.R. (1975) "Mini Mental State": a pratical method for grading the cognitive state of patients for the clinician. Journal of Psychiatric Research 12: Gainotti G. (1984) Neuropsychological features of normal aging and of degenerative dementia. In Brain Pathology, vol. 1, edito da G. Pilleri e F. Tavaglini, p Gainotti G., Masullo C., Caltagirone C., Miceli G. (1980) Patterns of neuropsychological impairment in various diagnostic types of dementia. In Amaducci L. (ed.) Aging of the brain and dementia Raven Press, New York. Guy W. (1976) Clinical Global Impression. In ECDEU Assessment Manual for Psychopharmacology, revised. Rockville MD: US Department of Health Education and Welfare, 1976: Hughes C.P., Berg L., Danziger W.L., Coben L.A. and Martin R.L. (1982). A new clinical scale for the staging of dementia. British Journal of Psychiatry 140: Jacobs D.M., Sano M., Dooneief G., Marder K., Bell K.L and Stern Y. (1995) Neuropsychological detection and characterization of preclinical Alzheimer' s disease. Neurology 45: Knopman D.S., Knapp M.J., Gracon S.I. and Davis C.S. (1994) The Clinician Interview-Based Impression (CIBI): a clinician' s global change rating scale in Alzheimer' s disease. Neurology 44: Rosen W.G., Mohs R., Davis K. (1984) A new rating scale for Alzheimer disease. American Journal of Psychiatry 141: World Health Organization (1992). The ICD-10 Classification of Mental and Behavioural Disorders. World Health Organization, Geneva. 9

10 SCALE DI PIÙ FREQUENTE UTILIZZO PER LA VALUTAZIONE GLOBALE DEL PAZIENTE DEMENTE Prof. C. Caltagirone*, Dott. R. Perri** *Cattedra di Neurologia Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" **IRCCS S. Lucia - Roma La scelta nell'uso dei diversi strumenti volti a monitorare il progressivo declino delle condizioni cognitive e comportamentali del paziente affetto da malattia di Alzheimer, deve essere dettata dalle necessità del clinico (assistenza diretta al malato e ai suoi familiari) o del ricercatore (valutazione dell'efficacia dei trattamenti specifici) nonché dalla gravità della demenza. Nelle forme di grave deterioramento, infatti, valutazioni approfondite dello stato cognitivo del soggetto possono essere impossibili e ricorrere a strumenti di rapida informazione può risultare perciò di maggiore utilità. Scale che forniscono una misura globale della gravità della demenza possono essere utili sia per seguire il decorso della malattia che per confrontare campioni di pazienti nei diversi studi. Scale specificamente rivolte alla valutazione e quantificazione delle capacità del paziente a svolgere le comuni attività della vita quotidiana e/o a valutare la presenza di sintomi quali depressione, agitazione, allucinazioni, forniscono informazioni di importante rilevanza clinica essendo questi i sintomi che possono maggiormente interferire con le possibilità di gestione del paziente da parte dei suoi familiari. Qui di seguito verranno brevemente illustrate le scale di più frequente utilizzo e le loro indicazioni principali. Il Mini Mental State Examination (Folstein 1975) rappresenta un rapido e sensibile strumento per l'esplorazione della funzione cognitiva e delle sue modificazioni nel tempo, applicabile anche in forme di grave deterioramento. Richiede per la somministrazione un tempo variabile di 5-10 minuti ed è costituito da 11 items che esplorano la memoria a breve e medio termine, il linguaggio, l'orientamento temporo-spaziale, l'attenzione, il calcolo e la prassia. 12

11 Il punteggio totale, dato dalla somma dei punteggi che il paziente ha ottenuto a ciascun item, può andare da un minimo di 0 (massimo deficit cognitivo) ad un massimo di 30 (nessun deficit cognitivo). Il punteggio soglia è e la maggior parte delle persone anziane non dementi ottengono punteggi raramente al di sotto di 24 (Bowling 1995). Tuttavia i valori dei punteggi cut-off riportati in studi recenti (Anthony et al. 1984; Dick et al. 1984; Davous et al. 1987; Mant et al. 1988; O'Connor et al. 1989; Li et al. 1989; Zhang et al. 1990) variano notevolmente nei diversi lavori, in quanto fattori come l'età e la scolarità contribuiscono significativamente alle variazioni dei punteggi attesi nella popolazione normale. Per tale motivo è utile ricorrere a correzioni dei punteggi ottenuti al MMSE per l'età e la scolarità del soggetto. Sono disponibili, a questo scopo, correzioni validate su un campione casuale di persone della popolazione italiana (Measso et al. 1993). Scale che coniugano l'esplorazione cognitiva con quella comportamentale mediante indagini strutturate sono l'adas-cog (Alzheimer Disease Assessment Scale) (Rosen et al. 1984) e la CDR (Clinical Dementia Rating Scale ) (Hughes et al. 1982). L'ADAS-Cog richiede un tempo di somministrazione di minuti. È costituito da due scale una cognitiva e una non cognitiva che possono essere somministrate insieme o separatamente a seconda delle necessità. L'approfondita valutazione sia degli aspetti cognitivi che comportamentali della demenza la rendono uno degli strumenti più utilizzati sia a scopi clinici che di ricerca. La parte cognitiva dell'adas, preceduta da una breve conversazione con il paziente su argomenti neutrali come il tempo, la colazione del paziente ecc, consiste di 12 test atti a valutare la memoria a breve e medio termine (rievocazione di parole; riconoscimento di parole; apprendimento delle istruzioni di un test); l'orientamento temporo-spaziale; il linguaggio (abilità verbale, difficoltà di denominazione nel linguaggio spontaneo, comprensione del linguaggio parlato, denominazione di oggetti e dita, esecuzione di comandi); la prassia; l'attenzione e la concentrazione. Il punteggio della maggior parte dei test cognitivi viene assegnato sulla base di stime (ratings) cliniche effettuate dall'esaminatore nel corso della conversazione e della sessione testistica. I punteggi della parte cognitiva dell'adas vanno da zero, che equivale ad assenza di errore ovvero di deficit, a un massimo di 75, che indica invece un deficit grave in tutti i test. La parte non cognitiva dell'adas comprende la valutazione della presenza o assenza di depressione, pianto, deliri, allucinazioni, deambulazione compulsiva, aumento dell attività motoria e grado di cooperazione durante i test. Il punteggio a ciascuna fi queste aree comportamentali (così come per i ratings della parte cognitiva) viene assegnato in un range da 0 (nessun deficit ad un test o assenza di uno specifico comportamento) a 5 (deficit di massima gravità ad un test o comparsa molto 13

12 frequente di un comportamento). Il punteggio per la parte non cognitiva, risultante dalla somma ai punteggi assegnati nelle sette sezioni comportamentali, può andare da 0 a 35. Il punteggio totale (cognitivo più comportamentale) varia da 0 a 110. In pratica alla parte cognitiva poche persone, persino fra i non dementi ottengono un punteggio di zero (assenza di deficit) poiché i test di memoria sono sufficientemente difficili da far commettere alcuni errori anche alle persone normali. Studi longitudinali americani su pazienti affetti da malattia di Alzheimer hanno mostrato che i punteggi della parte cognitiva dell ADAS aumentano in media di 9 punti l anno. Il tasso di cambiamento è più lento nei pazienti molto lievi e in quelli con una demenza grave rispetto ai pazienti con forme moderate di deterioramento (Stern et al. 1994), mentre i punteggi della parte non cognitiva dell ADAS generalmente non mostrano un incremento con la progressione della demenza come invece avviene con i punteggi della parte cognitiva (Zec et al. 1992). La Clinical Dementia Rating Scale (CDR Hughes et al. 1982) fornisce una scala per la classificazione clinica globale della demenza. Anche in questo caso vengono prese in considerazione diverse aree di esplorazione sia cognitive ( orientamento, memoria, capacità di giudizio e di risoluzione dei problemi) che comportamentali (attività quotidiane e capacità di interazione sociale). Richiede un tempo di somministrazione di 1-2 ore. All inizio viene utilizzata un intervista strutturata e standardizzata per raccogliere informazioni sulla storia clinica del soggetto, che prevede parti specifiche per la valutazione del linguaggio. In seguito al paziente vengono dati compiti di memoria, orientamento, calcolo ecc. altrettante informazioni sulle diverse aree indagate vengono raccolte dai familiari del soggetto. Sia l intervista al paziente che le domande ai familiari sono in parte orientate a valutare la presenza di depressione. I punteggi assegnati vanno da 0 (assenza di deficit) a 3 (demenza grave). I punteggi 1 e 2 corrispondono a demenza lieve e moderata. Un punteggio di 0.5 viene assegnato in caso di demenza dubbia. L utilità della CDR è rappresentata dal fatto che fornisce una scala di valutazione che prende in considerazione molte caratteristiche di un determinato paziente rendendosi particolarmente pratica in quelle situazioni in cui si vogliano studiare globalmente le funzioni cognitive e comportamentali di un soggetto anziano. In tale contesto è applicabile sia nell ambito di forme lievi che di forme severe di demenza e a soggetti che non sono né chiaramente sani né chiaramente dementi. Scale di valutazione espressamente studiate come strumenti di valutazione affidabili per accertare un cambiamento nello stato clinico del soggetto demente durante trattamenti farmacologici sono la CGI (Clinical Global Impression) (Guy 1976) e la CIBIC-Plus (Clinician Interview Based Impression of Change) derivata dalla CIBI (Clinician Interview Based Impression Change) (Knopman et al. 1994). 14

13 La CGI è stata ampiamente utilizzata negli ultimi 20 anni per la misurazione di effetti farmacologici clinicamente significativi nelle sperimentazioni e non solo quelle specificamente rivolte al trattamento della malattia di Alzheimer. Si basa sostanzialmente sull impressione che l esaminatore, sulla base della sua esperienza, ricava del grado di severità della malattia e del grado di miglioramento globale presentato dal paziente assegnando a ciascuno di questi aspetti un punteggio che varia da 0 a 7. Un terzo item è volto ad assegnare un punteggio indice dell efficacia di uno specifico trattamento sulla base dell effetto terapeutico (presenza di un miglioramento di grado notevole, moderato o lieve, assenza di miglioramento, presenza di peggioramento) e degli effetti collaterali (assenti, presenti ma che non interferiscono con le prestazioni del paziente, presenti e che interferiscono o prevalgono sulle prestazioni del paziente). Di più recente utilizzo e specificamente costruita per l utilizzo in trials farmacologici di farmaci antidemenza, è la CIBIC-Plus che consiste di due interviste semistrutturate che permettono al medico di raccogliere, sia dal paziente sia da chi assiste il malato, le informazioni necessarie per formulare un impressione globale di cambiamento dello stato cognitivo e comportamentale del soggetto. La somministrazione può richiedere un tempo variabile di 1-2 ore. Una valutazione di partenza in cui sono registrate le informazioni ottenute separatamente dal paziente e poi dall accompagnatore, viene utilizzata come riferimento per i giudizi (ratings) che verranno formulati ai follow-up successivi. L intervista al paziente, che deve avvenire sempre prima di quella all accompagnatore, prevede una valutazione cognitiva del grado di orientamento del soggetto, della memoria, del linguaggio, della prassia e delle capacità di giudizio. La valutazione comportamentale è volta ad indagare la presenza o assenza di allucinazioni, deliri, cambiamenti nel tono dell umore, la presenza di disturbi del sonno e dell appetito, le capacità di autonomia nelle attività della vita quotidiana ed il grado di partecipazione alla vita sociale. Le stesse informazioni vengono successivamente raccolte dal familiare o dalla persona deputata generalmente ad accudire il paziente. Per il confronto fra i dati ottenuti alla baseline e quelli ottenuti ai controlli successivi, la CIBIC-Plus fornisce una scala di punteggi in un intervallo da 1 (notevolmente migliorato) a 7 (notevolmente peggiorato) con 4 che rappresenta l assenza di cambiamenti rispetto alla baseline. Lo scopo principale della CIBIC-Plus è quello di formulare un impressione globale, e cioè una valutazione olistica del paziente nel corso di trattamenti sperimentali di farmaci antidemenza. Perciò nulla impedisce al clinico di indagare in modo sistematico le aree cognitive comportamentali e funzionali mediante altri strumenti quali il MMSE o l ADAS-Cog. Tuttavia, nel corso di un trial farmacologico, per permettere un giudizio indipendente sui 15

14 cambiamenti globali presentati dal paziente, le valutazioni della CIBIC-Plus non devono essere influenzate dalle prestazioni alle altre scale utilizzate e per tale motivo è generalmente richiesto che vengano effettuate da esaminatori diversi. Perché le valutazioni della CIBIC-Plus risultino il più possibile affidabili, inoltre, si richiede che l esaminatore e il familiare da cui vengono raccolte le notizie siano sempre gli stessi sia alla baseline che ai successivi controlli. BIBLIOGRAFIA Anthony J.C., Leresche L., Niaz U. et al. (1982). Limits of the Mini Mental State as a screening test for dementia and delirium among hospital patients. Psychological Medicine 12: Bowling A. (1995) Measuring Disease. A review of disease-specific quality of life measurement scale. Open University Press, Buckingham, Philadelphia pp Dovous P., Lamour Y., Debrand E. et al. (1987). A comparative evaluation of the short orientation memory concentration test of cognitive impairment. J Neurol Neurosur and Psychiatry 50: Folstein M.F., Folstein S.E., McHigh P.R. (1975) "Mini Mental State": a pratical method for grading the cognitive state of patients for the clinician. Journal of Psychiatric Research 12: Gagnon M., Letenneur L., Dartigues J., et al. (1990) Validity of the Mini Mental State Examination as a screening instrument for cognitive impairment and dementia in French elderly community residents. Neuroepidemiology 9: Guy W. (1976) Clinical Global Impression. In ECDEU Assessment Manual for Psychopharmacology, revised. Rockville MD: US Department of Health Education and Welfare, 1976: Hughes C.P., Berg L., Danziger W.L., Coben L.A. and Martin R.L. (1982). A new clinical scale for the staging of dementia. British Journal of Psychiatry 140: Li G., Shen Y.C., Zhao Y.V., et al. (1989) An epidemiological survey of age-related dementia in an urban area of Beijing. Acta Psychiatrica Scandinavica 79: Knopman D.S., Knapp M.J., Gracon S.I. and Davis C.S. (1994) The Clinician Interview- Based Impression (CIBI): a clinician' s global change rating scale in Alzheimer' s disease. Neurology 44: Mant A., Eyland E.A., Pond D.C., et al. (1988) Recognition of dementia in general practice: Comparison of general practitioner s opinions with assessment using the Mini Mental State Examination and the Blessed Dementia Rating Scale. Family Practice 5:

15 Measso G., Cavarzeran F., Zappalà G., et al. (1993) Il Mini Mental State Examination: studio normativo di un campione random della popolazione italiana. Developmental Neuropsychology 9: O Connor D.W., Pollit P.A., Hyde J.B., et al. (1989) The reliability and validity of the Mini Mental State in a British community survey. J Psychiatric Res 23: Rosen W.G., Mohs R., Davis K. (1984) A new rating scale for Alzheimer disease. American Journal of Psychiatry 141: Stern R.G., Mohs R.C., Davidson M., et al. (1994) A longitudinal study of Alzheimer s disease: measurement, rate, and predictors of cognitive deterioration. Am J Psychiatry 151: Zec R.F., Landreth E.S., Vicari S.K., et al. (1992) Alzheimer Disease Assessment Scale: a subtest analysis. Alzheimer Disease Association Disorder 6: Zhang M., Katzman R., Salomon D., et al. (1990) The prevalence of dementia Alzheimer s disease in Shangai, China: Impact of age, gender and education. Ann Neurology 27:

16 18

17 19

18 20

19 CHIUDA GLI OCCHI 21

20 22

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA. Strumenti per la valutazione del paziente con demenza

REGIONE EMILIA ROMAGNA. Strumenti per la valutazione del paziente con demenza REGIONE EMILIA ROMAGNA Strumenti per la valutazione del paziente con demenza ottobre 2000 2 1. Introduzione 5 Valutazione delle funzioni cognitive 9 Mini Mental State Examination (MMSE) 11 Severe Impairment

Dettagli

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI 90 STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEI DISTURBI COGNITIVI: UTILITÀ E LIMITI DI IMPIEGO Marianna Amboni CEMAND, Università di Salerno IDC Hermitage-Capodimonte, Napoli

Dettagli

Le valutazione neuropsicologica. Camillo Marra Clinica della Memoria

Le valutazione neuropsicologica. Camillo Marra Clinica della Memoria Le valutazione neuropsicologica Camillo Marra Clinica della Memoria Roma 19.3.2015 Affidabilità del test neuropsicologico nella diagnosi differenziale di demenza Lo studio dei profili quantitativi e qualitativi

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Dal deterioramento psico-cognitivo alle demenze: www.demenzemedicinagenerale.net. Proposta per un modello operativo/formativo per la Medicina Generale

Dal deterioramento psico-cognitivo alle demenze: www.demenzemedicinagenerale.net. Proposta per un modello operativo/formativo per la Medicina Generale Alessandro Pirani 1, Lucia Benini 2, Rita Marchi 2, Bruno Franco Novelletto 3, Riccardo De Gobbi 3 1 MMG, AUSL FE, SIMG, Ferrara, Centro Delegato Disturbi Cognitivi, Distretto Ovest, AUSL Ferrara; 2 MMG

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

NON È PIÙ LUI, NON È PIÙ LEI

NON È PIÙ LUI, NON È PIÙ LEI NON È PIÙ LUI, NON È PIÙ LEI Malattia di Alzheimer Una guida per le famiglie per un assistenza ottimale al malato Premessa 3 L importante rete di servizi residenziali e domiciliari presente nella nostra

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA

Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Quando ti guardo sono

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition

Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition Autori Alan S. Kaufman e Nadeen L. Kaufman Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 anni a 18 anni e 11 mesi Tempo di somministrazione Subtest

Dettagli

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Enrico Savelli U.O.NPI Ausl Rimini Roma, 5 Novembre 2011 Nonostante i formidabili progressi realizzati nell ultimo decennio nel campo delle Neuroscienze:

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2. manuale e protocollo manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.1 gerard schippers theo broekman angela buchholz edizione italiana giorgio nespoli emanuele

Dettagli

Quando Studiare il DAT

Quando Studiare il DAT Quando Studiare il A.Piccardo, E.O. Ospedali Galliera F. Nobili Università di Genova 123 I-FP-CIT (SCAN ) Pre-sinaptico FP- CIT Post-sinaptico Non interazione tra farmaci dopaminergici e imaging In presenza

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LA RIABILITAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA DEMENZA: UN APPROCCIO PRATICO PER LE R.S.A.

LA RIABILITAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA DEMENZA: UN APPROCCIO PRATICO PER LE R.S.A. Laboratorio di Epidemiologia e Neuroimaging e UO Alzheimer IRCCS San Giovanni di Dio - FBF LA RIABILITAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA DEMENZA: UN APPROCCIO PRATICO PER LE R.S.A. Marina Boccardi

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

Valutazione del Delirium in Terapia Intensiva (CAM-ICU) MANUALE DI ISTRUZIONI

Valutazione del Delirium in Terapia Intensiva (CAM-ICU) MANUALE DI ISTRUZIONI Valutazione del Delirium in Terapia Intensiva (CAM-ICU) MANUALE DI ISTRUZIONI Edizione revisionata di ottobre 2010 - traduzione italiana di settembre 2011 Questo manuale è rivolto ai professionisti sanitari

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Demenza. B- I deficit interferiscono significativamente sulle attività della vita quotidiana

Demenza. B- I deficit interferiscono significativamente sulle attività della vita quotidiana Le Demenze Demenza A- Presenza di deficit cognitivi multipli caratterizzati da: 1) compromissione mnesica apprendimento e richiamo 2) uno o più dei seguenti: a) afasia b) aprassia c) agnosia d) deficit

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE

NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE Regione Emilia-Romagna NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE AFFETTE DA DEMENZA Quando ti guardo sono terrorizzata dall idea che tutto ciò finirà ben presto. Conosciamo

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli