CARTA DEI SERVIZI RSA VIA BARONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI RSA VIA BARONI"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI Pag. 1/25 CARTA DEI SERVIZI RSA VIA BARONI Aggiornata a Novembre 2013 RSA VIA BARONI Via Costantino Baroni, 57/A MILANO TEL FAX mail : 1

2 Pag. 2/25 IL SETTORE A NZIANI NZIANI COOPSELIOS OOPSELIOS Il Settore Anziani rappresenta oltre il 70% dell attività complessiva di Coopselios. La ricerca costante di metodologie di assistenza e cura innovative, l individuazione di proposte di servizi diversificati e flessibili, il miglioramento continuo della qualità dei servizi, sono gli elementi caratteristici del Settore Anziani. Questi elementi, unitamente alla capacità di analisi dei bisogni della popolazione anziana e di collaborazione con le Istituzioni Pubbliche, rendono il Settore Anziani di Coopselios un partner affidabile e in grado di co-progettare servizi e strutture complesse. Addetti all Assistenza, Responsabili delle Attività Assistenziali, Infermieri Professionali, Terapisti della Riabilitazione, Medici, Coordinatori Responsabili di Struttura/Servizio, Educatori, Animatori, Psicologi, Logopedisti, Assistenti Sociali: queste le professionalità degli operatori che, impegnati quotidianamente nei servizi, mettono a disposizione la loro competenza per assistere, curare e riabilitare migliaia di persone anziane. PRINCIPI GUIDA DEL SETTORE ANZIANI Nel rispetto del codice etico adottato dal consigli odi amministrazione di Coopselios in data 16 settembre 2009 (vedi allegato), Coopselios si ispira ai seguenti principi: L umanizzazione e la personalizzazione dell'assistenza sulla base dei bisogni e abitudini di ogni singolo individuo; Il mantenimento e il recupero dell autonomia individuale; La valorizzazione e il mantenimento di relazioni con le risorse presenti nei servizi ed in modo particolare con i familiari; L integrazione del servizio con il territorio nel quale è collocato; La valorizzazione degli interventi di socializzazione, relazione, e animazione; La cura degli spazi nei quali vengono svolti i diversi servizi; La valorizzazione il supporto e la formazione del personale dei diversi servizi; L integrazione fra le varie figure professionali presenti nei servizi e il lavoro d equipe; LA STRUTTURA TECNICO GESTIONALE DEL SETTORE ANZIANI Il Settore Anziani di Coopselios si avvale di uno Staff Tecnico composto dal Responsabile Tecnico di Settore, i Responsabili Tecnici di Produzione di ogni area territoriale, i Coordinatori delle strutture residenziali e dei servizi territoriali con la finalità di: Affinare e migliorare la qualità dei servizi erogati; Ricercare, individuare e garantire parametri organizzativo / gestionali innovativi, in linea con le normative del settore e coerenti con i bisogni sempre in evoluzione della popolazione anziana; Garantire l attività di coordinamento tecnico e operativo dei diversi servizi. 2

3 Pag. 3/25 CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO PRESSO LA RSA BARONI VISITE DI PARENTI E CONOSCENTI C Le strutture sono aperte alle visite dalle ore 8.00 alle ore In circostanze particolari, concordate con il Responsabile della struttura, i parenti potranno trattenersi con gli ospiti, anche in altri orari, compreso quello notturno. Durante la permanenza nella residenza - onde salvaguardare il diritto alla riservatezza ed al riposo degli ospiti, nonché il lavoro degli operatori - i Sigg.ri visitatori sono tenuti al massimo rispetto dei suggerimenti indicati dalla struttura e delle comuni norme di correttezza e di riservatezza. RAPPORTI CON IL VOLONTARIATO Riconoscendo le funzioni di utilità sociale del volontariato reso dai singoli cittadini o da associazioni, le strutture, ne promuovono l apporto e l utilizzo coordinato, tenendo conto delle finalità istitutive del servizio. L attività di volontariato è, in ogni caso, esclusivamente integrativa, mai sostitutiva di quella del personale della struttura. REGOLE DI VITA COMUNITARIA Il fumo Per disposizione di legge e soprattutto per rispetto della salute propria e delle altre persone è assolutamente vietato fumare nelle stanze, nei corridoi, nei soggiorni ed in genere in tutti i locali della struttura. Individuazione e cambio del posto letto e del posto a tavola La camera e il posto a tavola saranno individuati al momento dell ingresso dai responsabili della struttura, in base alla disponibilità e alle esigenze della vita comunitaria, tenendo presente il sesso, le caratteristiche e i bisogni psicofisici dell anziano. In seguito potranno avvenire modifiche nell assegnazione della camera o del posto a tavola, previa informazione allo stesso e ai familiari, per motivate ragioni gestionali e/o relative alle esigenze di vita comunitaria e/o di tutela dell anziano. 3

4 Pag. 4/25 Personalizzazione delle camere Viene favorita la possibilità di recare con sé, nella propria camera, oggetti e piccole suppellettili, nel rispetto delle norme di sicurezza degli ambienti e nei limiti strutturali dello spazio vitale, previo accordo con il Responsabile di struttura. Utilizzo di tv, radio e apparecchiature E consentito l uso di apparecchiature radiofoniche o televisive nelle camere purché il volume non arrechi disturbo alla quiete della struttura e sia stato espresso assenso da parte di chi condivide la stanza. Non è consentito l utilizzo in camera o in altri locali della struttura di fornelli a combustibile e apparecchiature elettriche. Uscite dalla residenza L anziano in grado di uscire autonomamente dalla residenza, può farlo previa sottoscrizione di una dichiarazione di esonero della struttura da ogni responsabilità. Anche nel caso in cui l anziano venga accompagnato nell uscita da familiari o loro delegati, la dichiarazione deve essere sottoscritta da questi ultimi che comunicheranno l uscita al personale del reparto. RAPPORTI CON LE FAMIGLIE La famiglia è considerata una risorsa nel processo di cura e assistenza dell anziano. Per tale ragione il familiare riceve tutte le informazioni sanitarie e assistenziali sul proprio congiunto. Il Coordinatore convoca almeno annualmente una riunione con tutti i familiari per illustrare il programma annuale delle attività e i risultati dei sondaggi di soddisfazione sul servizio. Annualmente viene consegnato ai familiari un Questionario sul grado di soddisfazione dei familiari per la valutazione del livello di soddisfazione sul servizio erogato. I risultati del questionario saranno resi noti all utenza. Collaborazione tra familiari e residenza I rapporti tra i familiari ed il personale della struttura devono essere improntati al reciproco rispetto e comprensione. I familiari sono tenuti a collaborare con la residenza per quanto afferisce: alla tenuta del cambio stagionale degli indumenti non collocabili in struttura; al rinnovo degli abiti, delle calzature e degli indumenti qualora si renda necessario; alla collaborazione per l accompagnamento del congiunto a visite mediche programmate all esterno della struttura; 4

5 Pag. 5/25 al disbrigo delle pratiche amministrative, pensionistiche e simili relative all anziano; al mantenimento di relazioni significative con il proprio congiunto ricoverato; a rientri o visite alla famiglia o al nucleo parentale assumendosi le responsabilità associate alle uscite dalla struttura; ad evitare l assistenza diretta sull ospite, se non autorizzati; a limitare l uso dei telefonini durante la permanenza in struttura; a non avvicinarsi, per motivi igienici, al carrello dei pasti; a non portare all anziano medicinali, bevande alcoliche, o alimenti. All interno della struttura si e dato vita al Cimitato Parenti. INFORMAZIONI CHIARE E TRASPARENTI Ogni addetto è dotato di cartellino di riconoscimento recante nome, cognome e qualifica. Vengono organizzate, previo appuntamento, visite guidate di preingresso con la finalità di fornire informazioni dettagliate sul servizio offerto e di visitare i locali della residenza. Le addette alla Reception sono disponibili dalle 8.00 alle 20.00, dal lunedì alla domenica, per fornire informazioni sulla struttura e prendere appuntamenti per visite alla RSA. RETTA E DEPOSITO CAUZIONALE La tabella sotto riportata indica le rette in vigore presso la RSA, al netto del contributo sanitario regionale. All'ingresso verrà versato a titolo di deposito cauzionale infruttifero un importo pari all'ammontare di una mensilità, che sarà restituito alla fine della degenza Annualmente il gestore si impegna a rilasciare, ai richiedenti aventi diritto, la certificazione attestante gli oneri sostenuti dall'ospite per prestazioni a rilievo sanitario e di assistenza specifica da utilizzarsi in sede di dichiarazione dei redditi. Nel Nucleo dedicato alle demenze viene applicata una retta più alta in quanto lo standard assistenziale è maggiore rispetto alla RSA. Le modalità di pagamento sono descritte nel contratto di accoglienza nell ART. 6: il pagamento avverrà Entro e non oltre il settimo giorno dal ricevimento della fattura e, comunque, non oltre il giorno 20 (venti) di ogni mese successivo a quello di riferimento, il CLIENTE si obbliga a versare a COOPSELIOS un importo complessivo pari al prodotto ottenuto moltiplicando l ammontare della retta giornaliera, indicata all art. 3, per il numero di giornate fatturabili del mese precedente come determinate all articolo 2. 5

6 Pag. 6/25 L ammontare della retta nella RSA Baroni in vigore da Settembre 2013 Nucleo Alzheimer Stanza singola Retta giornaliera ( piu iva 4% 3.81) Stanza doppia Retta giornaliera ( piu iva 4% 3.40) RSA Stanza singola Retta giornaliera (più iva 4% 3.20) Stanza doppia Retta giornaliera (piu iva 4% 2.97) Stanza doppia con balcone Retta giornaliera (piu iva 4% 3.05) Stanza doppia uso singola Retta giornaliera (più 4% 6.10) SERVIZI ESCLUSI ED INCLUSI DALLA RETTA Servizi Inclusi Esclusi Servizio socio sanitario Servizio medico Servizio fisioterapico e riabilitativo AL MOMENTO DELL INGRESSO IN STRUTTURA L ANZIANO DIVENTA ASSISTITO DELLA RSA BARONI 6

7 Pag. 7/25 Servizio di assistenza psicologica Servizio di piccola manutenzione Servizio di Reception LA STRUTTURA È DOTATA DI UN MANUTENTORE INTERNO CHE PROVVEDE ALLE PICCOLE MANUTENZIONI NECESSARIE Servizio di trasporto in ambulanza per visite specialistiche ESCLUSO LA STRUTTURA ORGANIZZA IL TRASPORTO CHE RESTA A PAGAMENTO DELL OSPITE Uso del telefono in camera Servizio di guardaroba e lavanderia LA STRUTTURA HA DOTATO OGNI CAMERA DI PRESA TELEFONICA E APPARECCHIO IN STANZA MA SOLO PER LAVAGGIO CAPI TRATTABILI AD ACQUA ESCLUSO IMPORTO PER LE TELEFONATE EFFETTUATE ESCLUSO PER TUTTI I CAPI TRATTABILI CON LAVAGGIO A SECCO Servizio di animazione Parrucchiere / Barbiere Accompagnamento per visite specialistiche all esterno della struttura UN TRATTAMENTO MENSILE DI TAGLIO E PIEGA ESCLUSO OGNI ULTERIORE TRATTAMENTO OLTRE A QUELLO MENSILE ESCLUSO Trasporti per arrivo in RSA o per dimissioni presso altra struttura o a domicilio ESCLUSO Servizio di custodia valori Assistenza durante i ricoveri ospedalieri PER PICCOLE SOMME ESCLUSO 7

8 Pag. 8/25 Servizio di podologia Servizi alberghieri: ristorazione e di pulizia ambienti TRATTAMENTO PROGRAMMATO SU INDICAZIONE MEDICA ESCLUSO ULTERIORI TRATTAMENTI SU RICHIESTA DELL ANZIANO O FAMILIARE RESTANO A TOTALE CARICO DELL OSPITE, NUCLEO ALZHEIMER Il nucleo Alzheimer è collocato al piano terra ed è composto da 20 posti letto (due stanze singole e nove doppie, tutte con servizi igienici in camera e quattro dotate di balcone affacciato al giardino). Offre servizi integrati agli anziani affetti da demenza e da Alzheimer. L'orientamento all assistenza si ispira al modello Gentlecare elaborato dalla terapista occupazionale Moyra Jones e basato sull elaborazione di piani di intervento individualizzati, a creare un ambiente tale da favorire l utilizzo delle abilità residue, evitando al contempo di creare ansia, stress o disagio. Per poter realizzare questo progetto assistenziale sarà garantito all'interno del nucleo lo standard stabilito dalla vigente normativa ( 1220 minuti/sett/anziano). Altri tipi di approcci vengono attuati come per esempio L approccio Capacitante. -da ogni porta di accesso al nucleo si può entrare solo previa digitazione di apposito codice numerico, così anche per l'uscita dal nucleo stesso -il nucleo è dotato di giardino dedicato rispetto alla RSA e appositamente recintato. - il nucleo e dotato di palestra propia NORME DI SALVAGUARDIA Durante la permanenza dell anziano in struttura la RSA non risponde: dello smarrimento o furto di oggetti preziosi e somme ingenti di denaro. Fermo quanto sopra e per solo rispetto del principio di precauzione, COOPSELIOS dichiara di essere assicurata per la RCT presso primaria compagnia di assicurazione per massimali adeguati al rischio che essa corre nell esercizio della sua attività; dello smarrimento e/o rotture delle protesi dentarie indossate da ospiti con problemi cognitivi; dello smarrimento di capi personali dell ospite, e del danneggiamento di capi delicati. In caso di ricovero ospedaliero, il personale della RSA ne darà tempestiva comunicazione ai familiari referenti o chi per essi. Nel caso il numero degli indumenti portati il giorno 8

9 Pag. 9/25 dell ingresso sia inferiore a quello necessario, il personale assistenziale potrà temporaneamente fare indossare all anziano indumenti di proprietà della struttura. STANDARD DI QUALITA,, I MPEGNI E MPEGNI E PROGRAMMI Coopselios ritiene fondamentale definire gli impegni e gli standard di servizio che si assume nei confronti degli ospiti. Coopselios garantisce all interno delle residenze per anziani i seguenti standard di qualità. Attività di animazione e di socializzazione: Il servizio si impegna a garantire quotidianamente secondo apposito programma lo svolgimento di attività di animazione e di feste programmate mensilmente e annualmente. Si impegna inoltre a realizzare almeno due eventi all anno che vedano coinvolti i familiari e/o il volontariato e/o il territorio. Igiene e cura della persona: è garantita all ospite quotidianamente. Continuità assistenziale: In caso di dimissione presso altro servizio o a domicilio Coopselios assicura la predisposizione di apposita scheda socio assistenziale di continuità. Procedure/protocolli/istruzioni sanitarie e assistenziali: il servizio s impegna ad utilizzare procedure/protocolli/istruzioni, formalizzati in forma scritta e osservati da tutti gli operatori, in grado di assicurare lo svolgimento di tutte le attività previste secondo le migliori prassi e la massima efficacia. Coopselios attua tutte le indicazioni definite nella normativa vigente ( 3540 del 30/05/2012 Regione Lombardia). PROGRAMMI PERSONALIZZATI Piani Assistenziali Individuali (PAI): La struttura si impegna a garantire all anziano la redazione di un PAI che viene verificato almeno due volte all anno e in caso di mutate condizioni psicofisiche dell anziano. PERSONALE Formazione del personale neo assunto Formazione del personale neo assunto: Coopselios si impegna a garantire la realizzazione di un piano personalizzato di addestramento per ogni neo assunto e l aggiornamento al personale attraverso la pianificazione e realizzazione di attività formative c/o ogni struttura. 9

10 Pag. 10/25 CONTROLLO DEI FORNITORI Coopselios, ad ogni consegna, si impegna ad effettuare un controllo qualitativo e quantitativo sui prodotti/servizi forniti. Le eventuali non conformità rilevate, verranno utilizzate dall Ufficio Acquisti per valutare il grado di affidabilità dei fornitori delle strutture. Quando necessario verranno aperte azioni correttive compresa l esclusione del fornitore dall albo aziendale. MECCANISMI DI TUTELA E DI VERIFICA Incontri con i familiari: Il Responsabile di struttura presiede a periodici incontri con i familiari per valutare il grado di efficienza dei servizi, la soddisfazione dell utenza e per raccogliere segnalazioni, suggerimenti, osservazioni e reclami. Procedure di reclamo: L ospite o i suoi familiari hanno il diritto di sporgere un reclamo ogniqualvolta si verifichi il mancato rispetto dei propri diritti. Il reclamo può essere sporto in vari modi: Colloquio con il personale della struttura di riferimento Colloquio diretto con il Responsabile di struttura Reclamo scritto: la struttura mette a disposizione delle cartoline preaffrancate che il familiare può autonomamente prelevare presso la bacheca di ingresso sotto l indicazione Cartoline per reclami. L Ufficio Assicurazione Qualità provvederà a inoltrare il reclamo ricevuto al Coordinatore. Il Coordinatore avrà il compito di eseguire una valutazione del reclamo, di predisporre una eventuale istruttoria e di comunicare la disponibilità ad effettuare entro 5 giorni dalla data di presa in carico del reclamo stesso un incontro con il cliente che ha inoltrato la contestazione. Al termine dell incontro il Coordinatore redigerà un verbale indicando la valutazione dell evento, l individuazione delle cause, le eventuale azioni intraprese. Il verbale dovrà essere firmato dal Coordinatore e sottoscritto per presa visione dal cliente. Copia della risposta sarà inviata all Ufficio Assicurazione Qualità che, una volta verificatene la correttezza e l efficacia, registrerà la chiusura del reclamo. Questionari di soddisfazione sul servizio erogato Questionari di soddisfazione sul servizio erogato: Il livello di soddisfazione degli ospiti e dei familiari viene misurato mediante la somministrazione annuale di questionari telefonici che indagano il gradimento delle prestazioni sanitarie, assistenziali, riabilitative, di animazione, alberghiere, dell ambiente della struttura, della comunicazione e informazione. Anche gli operatori della residenza e l eventuale committenza (es. ASL, Comuni) sono soggetti a monitoraggi annuali di soddisfazione. 10

11 Pag. 11/25 Divulgazione pubblica dei risultati: Coopselios si impegna a fornire i dati relativi al monitoraggio degli standard di qualità, dei reclami, dei questionari di gradimento agli ospiti e ai familiari attraverso diffusione dei risultati dell indagine di soddisfazione. Modalità di verifica degli impegni assunti con la presente Carta dei Servizi: con periodicità almeno annuale, ogni Responsabile Tecnico di Produzione d area, mediante un controllo sul campo verificherà il rispetto degli impegni assunti con l introduzione della carta dei servizi. LA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE La Residenza Sanitaria Assistenziale (R.S.A.) di Via Baroni si pone come presidio socio - sanitario - riabilitativo - assistenziale di carattere residenziale, permanente o temporaneo, rivolto a persone anziane che abbiano compiuto i 65 anni di età e che siano giunte allo stato di non autosufficienza fisica e/o psichica per le quali non sia possibile, anche tramite altri servizi domiciliari, la permanenza presso il proprio domicilio,accogliamo anche persone che non abbiamo raggiunto i 65 anni ma che presentato gli stessi problemi sociosanitari previo richiesta deroga da parte del ASL. L accoglienza è rivolta agli anziani residenti in Lombardia. Per i ricoveri di anziani residenti fuori Regione l accoglienza in struttura su posto accreditato è subordinata all autorizzazione della propria ASL di appartenenza (la pratica burocratica resta a carico del richiedente). La RSA opera nel rispetto dell autonomia individuale e della riservatezza personale, favorendo la partecipazione degli ospiti e dei loro familiari alla vita comunitaria. Organizza attività ricreative e di socializzazione. Promuove l integrazione territoriale, favorendo momenti ed occasioni di incontro e solidarietà. Accoglie, riconoscendone il valore sociale, l apporto del volontariato, integrandolo nei propri programmi di intervento. L RSA offre un adeguato livello di comfort abitativo, di assistenza sanitaria e riabilitativa, al fine di recuperare e mantenere, al più alto livello possibile, tutte le capacità fisiche, mentali, affettive e relazionali degli ospiti e favorire, se possibile, la possibilità di ritorno al domicilio. Ricettività e convenzioni/accreditamenti La RSA di via Baroni ha ottenuto l accreditamento con Delibera della Giunta Regionale della Lombardia n del 13/10/2009. L RSA dispone complessivamente di 100 posti letto per anziani. I ricoveri possono essere temporanei o definitivi. 11

12 Pag. 12/25 Storia L RSA di Via Baroni è una struttura edificata dall attuale proprietà Vivere Insieme su un area di proprietà dell Aler (l ente delle case popolari di Milano). I lavori di costruzione iniziati nel 2003 sono terminati nel giugno Collocazione geografica La RSA è ubicata a Milano, al numero civico 57/A di Via Costantino Baroni, nelle vicinanze della Zona Rozzano/Gratosolio. L RSA è facilmente raggiungibile dalla Tangenziale Ovest: uscita Milano Via Dei Missaglia. Con mezzi pubblici: antistante la struttura passa il bus n 79, poco distante la linea del metro-tranvia di superficie che collega con Piazzale Abbiategrasso (linea verde). Descrizione della struttura La struttura si sviluppa nel seguente modo: Piano interrato: presenti i servizi di cucina, lavanderia/stireria, depositi, parcheggio, camera ardente e locali tecnici. Piano terra: reception, uffici, nucleo dedicato Demenze (20 posti letto), centro diurno integrato, all esterno ampio giardino e parcheggio. Piano primo: due nuclei residenziali da 20 posti letto ciascuno, dotati di servizi indipendenti, sala pranzo e soggiorno di piano, palestra di piano, infermeria. Piano secondo: due nuclei residenziali da 20 posti letto ciascuno, dotati di servizi indipendenti, sala pranzo e soggiorno di piano, palestra di piano, infermeria. Piano terzo: palestra con servizi e spogliatoi, locale culto. Le camere sono in totale n 55 e tutte dotate di bagno, impianto per l erogazione dell ossigeno, presa per il televisore e telefono; 20 sono dotate di terrazzo personale. Le camere singole sono 10 e le doppie 45. Tutti i locali sono dotati di ricircolo di aria rinfrescata. La struttura è dotata di n 4 ascensori. All interno della struttura vi sono spazi riservati alla vita di relazione e socializzazione, alla cura della persona, ai servizi di supporto e ausiliari come: sala polivalente reception attiva sette giorni su sette sale da pranzo soggiorni di nucleo sale tv 12

13 Pag. 13/25 zona bar giardino e parcheggio esterno e seminterrato palestra bagni assistiti in ogni nucleo locale di culto ambulatori medici Dotazioni della struttura ra Arredi ed attrezzature devono essere adatti ad ospiti non deambulanti e non autosufficienti. Come previsto dalla DGR 7435/2001, circ. n 33 Direz. Gen. Fam. E Solid. Soc , circ. n 12 Direz. Gen. Fam. E Solid. Soc , la RSA ha come dotazione iniziale, rispetto al numero di anziani che la struttura avrà a regime: 100% letti a tre settori e due snodi, di cui 50% elettrici e 50% oleodinamici 50% materassi ad aria con compressore per il trattamento dei pazienti allettati o a rischio di decubiti e cuscini antidecubito per carrozzine 40% deambulatori 70% carrozzine (varie tipologie e larghezze) segnaletica necessaria a favorire gli spostamenti nella RSA. Come si accede Per l accoglimento degli anziani è necessario presentare domanda d ingresso sul modulo reperibile in RSA presso la Reception. Le addette consegneranno il modulo e daranno le indicazioni necessarie per la compilazione dello stesso. Alla domanda andranno allegati i documenti richiesti nell Elenco documenti / materiali / indumenti / esami per accesso al servizio. Un apposita Commissione composta dal Medico di Reparto, dal Responsabile Sanitario, dal Caposala e dal Coordinatore valuta la domanda d ingresso e la colloca nella relativa graduatoria. I criteri per l inserimento in graduatoria sono: rilevanza dei bisogni sanitari e sociali; risorse familiari di supporto; residenza; compatibilità delle caratteristiche dell anziano con l organizzazione; data di presentazione della domanda Per i residenti fuori Regione, v. quanto specificato nel capitolo Ricettività e convenzioni/accreditamenti (pag.14). Al momento dell ingresso l anziano deve essere dotato di un corredo personale che sarà cifrato in struttura. La dotazione iniziale va integrata in riferimento alle esigenze di degenza e in base al cambio di stagione. 13

14 Pag. 14/25 La Scansione della Giornata L organizzazione del lavoro degli operatori della RSA è articolata sui sette nuclei residenziali, in modo da garantire la massima flessibilità gestionale della giornata. La giornata si articola, in linea di massima, come segue: ore : sveglia e igienizzazione degli ospiti dalle ore 8.30: prima colazione ore : attività animative e motorie ore 10.30: pausa e piccola merenda dalle ore 12.00: pranzo ore 13.15: riposo ore 14.30: mobilizzazione ore 15.45: merenda ore 16.00: attività ricreative e motorie ore /19.00 cena dalle ore preparazione per la notte IL LAVORO CON L AL ANZIANO Predisposizione Piano Assistenziale Individuale (PAI) Entro la prima settimana dall'ingresso si riunisce l'equipe per la redazione del primo PAI successivamente dopo un mese dall ingresso si riunisce di nuovo per l'aggiornamento. Il PAI viene elaborato sulla base delle informazioni raccolte: a seguito del monitoraggio delle condizioni dell anziano; attraverso la somministrazione di alcune Scale di Valutazione Multidimensionale (es. scale per valutare il rischio di insorgenza di lesioni da decubito, il rischio di cadute, il rischio nutrizionale, scale per valutare il grado di autonomia, e per valutare la presenza di disturbi cognitivi e dell umore). Coerentemente alle problematiche individuate a seguito di questa valutazione, l'équipe determina gli obiettivi che si intendono raggiungere, definendo contestualmente il tipo di prestazioni da erogare e le figure incaricate allo svolgimento delle stesse. Il PAI, una volta redatto, viene archiviato nel FASAS a disposizione di tutto il personale dedicato all assistenza, per garantire la conoscenza degli obiettivi da raggiungere e le attività da svolgere. Il PAI viene verificato almeno semestralmente, salvo mutamenti delle condizioni dell anziano che ne richiedono un immediata revisione. 14

15 Pag. 15/25 DIMISSIONI Dimissioni volontarie: L ospite che desidera lasciare la struttura deve darne comunicazione al Coordinatore di struttura con preavviso di almeno una settimana. L ospite può venire dimesso con le modalità riportate nella DGR 8496/2008 e come indicato nel contratto di accoglienza. Al momento della dimissione la struttura predisporrà apposita relazione socioassistenziale e sanitaria per garantire la continuità assistenziale dell anziano. Verranno riconsegnati gli originali dei documenti personali portati al momento dell ingresso e le eventuali somme, depositate dall anziano o dai familiari, destinate alle spese personali. Il posto letto, il relativo armadio e comodino saranno liberati dagli effetti personali dell anziano. Tali oggetti saranno tenuti, se non ritirati subito dai familiari, presso la residenza per un massimo di giorni 30, scaduto tale termine Coopselios si solleva da qualsiasi responsabilità circa il ritrovamento delle cose. Decesso: se l ospite decede in struttura, Coopselios mette a disposizione la camera ardente della struttura. La scelta dell impresa di pompe funebri, deputata ad occuparsi anche della vestizione della salma e dell allestimento della camera ardente, spetta ai familiari, così come le incombenze relative alla cerimonia funebre e alla tumulazione. Il Gruppo di Lavoro La struttura è organizzata in settori/reparti a ciascuno dei quali è assegnata una dotazione organica dedicata che prevede un mix di figure professionali ritenute necessarie a garantire l erogazione di un servizio di qualità e, quindi, stabilmente assegnata a prestare servizio nello stesso. Nel caso di assenze prolungate (maternità, malattie lunghe, aspettative, ecc.) la dotazione viene integrata con personale supplente. La dotazione organica, conforme alla normativa regionale (DGR 14 Dicembre 2001 n 7/7435 e DGR 7 Aprile 2003 n 12618), è considerata un valido indicatore della qualità del servizio erogato. Il personale, elencato nella tabella sotto riportata, è organizzato in turni di lavoro, nel rispetto dei diritti dei lavoratori al riposo settimanale, alle ferie e agli altri permessi previsti dal contratto di lavoro ( contratto collettivo nazionale delle cooperative sociali). Settore Qualifica Ente di appartenenza Amministrativo Sociale Coordinatore Assistente Sociale Coopselios Coopselios 15

16 Pag. 16/25 Socio - assistenziale Sanitario e riabilitativo Alberghiero Operatori socio - assistenziali Coopselios Animatore Coopselios Responsabile Sanitario Coopselios Medici Coopselios Infermieri Professionali Coopselios Caposala Coopselios Operatori socio - sanitari Coopselios Fisioterapista Coopselios Psicologo Coopselios Podologo Coopselios Cuoco SO.VITE SPA Aiuto cuoco SO,VITE SPA Guardarobiere Copselios Ausiliari Coopselios Manutentore Coopselios Centraliniste Coopselios STANDARD ASSISTENZIALI Si specifica che lo STANDARD minimo di assistenza erogato in RSA è di almeno 901 minuti per ospite a settimana ripartito fra le figure professionali previste, così come prescritto dalla DGR 7435/2001 e dalla DGR 12618/2003 all. A. DESCRIZIONE DEI SERVIZI Servizi sanitari e riabilitativi, forniture protesiche La responsabilità delle prestazioni sanitarie appartiene al medico, cui fanno capo per gli aspetti tecnici, le attività infermieristiche e riabilitative. Viene erogata l'assistenza medica generica, infermieristica e riabilitativa, nonché la fornitura di ausili per incontinenti, ed ogni tipo di farmaco, gas medicale e materiale sanitario senza ulteriore onere a carico dell'ospite. Sono escluse le prestazioni mediche specialistiche, di diagnostica strumentale e quelle relative all'assistenza protesica erogabile nell'ambito del SSN (vedasi DGR 7435/2001, all. C). 16

17 Pag. 17/25 Attività di medicina Il medico ha la responsabilità di effettuare valutazioni globali dei bisogni sanitari dell ospite e di predisporre un assistenza personalizzata di tipo medico e farmacologico, assistenza che viene continuamente rivista e valutata; ha inoltre il compito di stabilire l eventuale necessità di visite specialistiche, di esami diagnostici o di ricovero ospedaliero. Dopo la visita medica generale effettuata in occasione dell ingresso, viene aperta un FASCICOLO SOCIO SANITARIO ASSISTENZIALE (FASAS) in cui vengono registrati tutti gli interventi di tipo sanitario effettuati sull ospite e, su appositi moduli vengono registrate tutte le terapie di tipo farmacologico. All ingresso sarà cura della struttura provvedere alla revoca del MMG, l ospite diventerà assistiti della RSA. La Reperibilità medica diurna e notturna è garantita sulle 24 ore, giorni festivi inclusi. Attività di riabilitazione e rieducazione motoria È finalizzata al recupero e al mantenimento del più elevato grado di autonomia funzionale. Il fisioterapista presente in struttura effettua trattamenti su indicazione medica. Fornisce inoltre al personale assistenziale formazione periodica riguardante la corretta gestione dell ospite in base alle capacità motorie residue, le indicazioni di postura a letto e in carrozzina, la modalità d uso degli ausili. Assistenza infermieristica L Assistenza infermieristica offre copertura per tutte le 24 ore. E presente un Caposala. Gli Infermieri hanno il compito di seguire il medico nelle sue attività, effettuare medicazioni, prelievi, somministrare le terapie prescritte, di garantire la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostico- terapeutiche, prenotare eventuali visite specialistiche o esami diagnostici, curare la tenuta dei farmaci. Le attività infermieristiche sono svolte in modo integrato con il personale socio assistenziale insieme al quale sono pianificati gli interventi per il raggiungimento degli obiettivi fissati per ciascun ospite nel Piano Assistenziale Individuale. Servizi socio assistenziali Il servizio viene garantito 24 ore su 24 dagli operatori socio assistenziali che hanno il compito di supportare ed aiutare l ospite in tutte quelle attività che non è più in grado di svolgere autonomamente. Le prestazioni garantite sono: aiuto per l alzata dal letto e per coricarsi; aiuto per l igiene intima, igiene personale, bagno; aiuto per la fruizione dei servizi igienici; aiuto per le necessità riferite all incontinenza; aiuto per vestirsi e svestirsi; aiuto per l assunzione dei cibi; aiuto per la deambulazione e la mobilizzazione; aiuto per lo svolgimento di tutte le attività che lo stato di disagio rende difficoltose o di difficile realizzazione; 17

18 Pag. 18/25 sorveglianza; socializzazione; riordino del letto e pulizia delle suppellettili (armadio e comodino). Gli operatori socio assistenziali sono coordinati dalle Referenti delle attività assistenziali. Servizio di segretariato sociale Per le attività di segretariato sociale relative agli ospiti provvederà ad occuparsene l Assistente Sociale, ad esempio degli adempimenti burocratici relativi all ottenimento della residenza e/o al cambio del medico. Servizio di portineria Il servizio di portineria/reception si cura dell accoglienza e di far conoscere ai visitatori la realtà operativa della RSA. La Reception è aperta dalle 8,00 alle 20,00 dal lunedì alla domenica ed è presidiata da personale disponibile a fornire informazioni sulla struttura compresa la distribuzione di materiale informativo circa i servizi e le prestazioni offerte. Su richiesta vengono organizzate visite guidate nella struttura. Il servizio di portineria consegna agli ospiti la corrispondenza personale e trasmette le telefonate a loro dirette. Servizio di assistenza psicologica Lo psicologo collabora nella definizione di un "quadro diagnostico" di ogni nuovo ingresso; contribuisce a favorire l inserimento dell ospite attraverso attività di affiancamento, osservazione clinica e, al bisogno, colloqui a valenza supportiva atti allo scopo; fornisce sostegno alle famiglie in difficoltà a gestire la relazione con il proprio congiunto, anche attraverso periodici incontri psico-educazionali e fornisce consulenza e supervisione psicologica agli operatori. Inoltre, in collaborazione con il medico, realizza interventi di sostegno psicologico agli ospiti. Servizio di animazione, ricreativo - culturale e occupazionale La RSA concepisce l animazione come una delle attività che contribuiscono a garantire il benessere globale della persona; a tal fine tutta l'equipe collabora per rendere più mirata l attività stessa. L attività di animazione viene coordinata e svolta da una specifica figura professionale, che collabora con operatori, fisioterapista e psicologa. L animatore costruisce il progetto educativo individuale basandosi sulla raccolta biografica fatta all ingresso con i parenti e in particolare su interessi, abitudini e passioni dell anziano. In questo modo vengono proposte attività specifiche rispondenti ai bisogni e alle inclinazioni dei singoli, consolidando anche le abilità che permangono. Le attività di animazione, individuali, in piccolo e grande gruppo, prevedono: Attività individuali specifiche; 18

19 Pag. 19/25 Attività legate alla sfera cognitiva; Attività artistiche e creative; Attività di intrattenimento. Servizio alberghiero Prevede la ristorazione, lavanderia e guardaroba, pulizia e sanificazione dei locali, manutenzione. Servizio di ristorazione I pasti vengono confezionati all interno della struttura, utilizzando i locali della cucina interna. Il servizio è affidato all Azienda So.Vite Spa di Giussago ( PV) che provvede sia all approvvigionamento delle materie prime che all approntamento dei pasti. SO.VITE Spa fornisce inoltre consulenza dietistica e garantisce, dietro prescrizione medica, la preparazione di menu personalizzati e di diete speciali. La colazione prevede: latte, caffè, te, biscotti, fette biscottate, marmellata. Per il pranzo e la cena è prevista la possibilità di scelta: almeno due scelte per primo: piatto del giorno e alternativa fissa (pastina, semolino, riso in bianco; almeno due scelte per il secondo: piatto del giorno e alternativa fissa (affettati e formaggi misti); almeno due scelte per il contorno: verdura cotta e verdura cruda); frutta di stagione. Il menu è articolato su quattro settimane, varia con l avvicendarsi delle stagioni e subisce modifiche, sempre debitamente comunicate, nei giorni festivi e per le festività infrasettimanali. Nella bacheca attigua alla sala pranzo e in quella dell ingresso viene esposto quotidianamente il menu del giorno a completamento di quello esposto settimanalmente. I pasti vengono trasportati ai reparti attraverso appositi carrelli termici che consentono di mantenere i cibi ad una temperatura adeguata, come previsto dalla normativa HACCP che regola la preparazione degli alimenti secondo criteri di sicurezza e qualità. Servizio di lavanderia e guardaroba Il servizio prevede: l l l il ritiro, il lavaggio, l asciugatura, la stiratura, la riparazione in caso di necessità degli indumenti intimi e personali, purché lavabili ad acqua; la consegna degli indumenti puliti e la sistemazione negli armadi personali dell ospite; la siglatura dei capi al momento dell ingresso (con sistema di etichettatura a caldo) di un nuovo ospite e l eventuale integrazione. 19

20 Pag. 20/25 Il lavaggio della biancheria piana (lenzuola, federe, tovagliato, ecc.) è affidato a ditta esterna di lavanolo, il personale interno provvede al ritiro e alla consegna del pulito ai piani e nei vari nuclei. E garantito il frequente cambio della biancheria del letto e degli asciugamani. Le guardarobiere sono presenti in struttura dal lunedì alla domenica in orario diurno. Servizio di pulizia locali La pulizia e la sanificazione dei locali della struttura è svolta da personale interno che provvede alla pulizia quotidiana dei locali interni ed esterni della RSA. Periodicamente è effettuato lo smaltimento dei rifiuti speciali e il servizio di derattizzazione e disinfestazione da apposite ditte specializzate. Servizio di manutenzione nzione Il servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria di tutti gli impianti viene effettuato da ditte specializzate esterne con le modalità e la periodicità richieste dalle normative vigenti. Viene garantita in caso di emergenza la reperibilità sulle 24 ore. Le piccole manutenzioni sono gestite tramite l apporto di un manutentore interno. Gli impianti presenti in struttura sono: impianto elettrico gas medicali impianto di refrigerazione e unità di trattamento aria impianto di irrigazione telefonia impianto di sollevamento impianto antincendio Servizio di assistenza e conforto spirituale La RSA assicura il rispetto e l esercizio dei diritti sociali, religiosi e politici. Per chi lo desidera, vengono organizzate le funzioni religiose secondo il rito cattolico. In particolare viene celebrata la S. Messa c/o la cappella della struttura con cadenza settimanale e durante le festività. Si accolgono anche richieste di assistenza spirituale da parte di altre confessioni religiose. Servizi accessori (parrucchiere rucchiere e barbiere, podologia, trasporti) Servizio parrucchiere/barbiere: La struttura fornisce gratuitamente il servizio di taglio e piega dei capelli per ogni ospite una volta al mese. Il servizio viene fornito presso gli appositi locali collocati al piano terra. Frequenze maggiori o prestazioni aggiuntive (es. colore, permanente, ecc.) sono a totale carico dell ospite secondo il tariffario esposto in struttura. 20

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Distretto Di Casalecchio Di Reno CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Carta dei Servizi Il testo della Carta dei servizi è stato condiviso dal Gruppo Tecnico costituito ai sensi della L.R. 377/2004, istituito

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Gentili Ospiti, Cittadini e Istituzioni, abbiamo il piacere di presentare la Carta dei Servizi della Casa Sabate, struttura dedicata al benessere

Gentili Ospiti, Cittadini e Istituzioni, abbiamo il piacere di presentare la Carta dei Servizi della Casa Sabate, struttura dedicata al benessere Gentili Ospiti, Cittadini e Istituzioni, abbiamo il piacere di presentare la Carta dei Servizi della Casa Sabate, struttura dedicata al benessere fisico, m entale e sociale di tutte le persone che desiderano

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Partner unico, vantaggi infiniti.

Partner unico, vantaggi infiniti. Partner unico, vantaggi infiniti. Affidabilità, la nostra missione. Un unico interlocutore per molteplici servizi: è questa la forza di Tre Sinergie, azienda che opera nel settore del global service e

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

CONTRATTO di prestazione di servizi

CONTRATTO di prestazione di servizi CONTRATTO di prestazione di servizi tra CLENEAR S ROSY di Nappi Maria Rosaria con sede in Via Moncenisio, 27-20031 Cesano Maderno (MI) E Nome Cognome. luogo e data di nascita residenza o domicilio.. codice

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO)

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli