RESIDENZE PER ANZIANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESIDENZE PER ANZIANI"

Transcript

1 SALVATORE LOMBARDO RESIDENZE PER ANZIANI GUIDA ALLA PROGETTAZIONE III EDIZIONE

2 @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on line: filodiretto con gli autori le risposte degli autori a quesiti precedenti files di aggiornamento al testo possibilità di inserire il proprio commento al libro. L'indirizzo per accedere ai servizi è:

3 INDICE Introduzione...pag. XV 1. GLI ANZIANI 1.1. Generalità...» La definizione di anziano...» Le problematiche relative all alloggio...» Gli aspetti demografici...» Generalità...» Le forti differenze territoriali nel quadro dell invecchiamento...» L aumento delle famiglie con anziani...» Le cause dell invecchiamento demografico...» Le cause di emarginazione e d isolamento...» Gli aspetti fisici e l ambiente costruito...» La non autosufficienza...» Gli anziani...» I disabili...» La riduzione della capacità di prestazione massima...» Le malattie specifiche della vecchiaia e l invecchiamento...» Le cadute nell anziano...» I fattori ambientali e comportamentali. Gli incidenti domestici...» Gli ausili per la deambulazione...» I criteri di valutazione dell autonomia funzionale...» L Unità di Valutazione Geriatrica...» I criteri di valutazione dell autosufficienza...» La classificazione del soggetto in base al grado di autosufficienza...» La classificazione internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute...» I cenni sulle forme dell handicap motorio e sensoriale...» L obesità...» I tipi d obesità...» Gli anziani e la disabilità...» Gli accorgimenti e gli ausili ergonomici...» I dati antropometrici...» I percentili...» Gli ambiti spaziali e funzionali...» Il concetto di barriera architettonica...» Le persone su sedia a ruote...» Gli spazi di manovra...» I limiti di presa. Gli ambiti spaziali...» L approccio frontale e laterale...» Le persone deambulanti...» Gli spazi funzionali per i soggetti che fanno uso di ausili deambulatori...» La fascia prestazionale...» I non vedenti e gli ipovedenti...» I segnalatori per l individuazione degli ostacoli...» Gli accorgimenti negli spazi esterni...» I CENNI STORICI SULLE STRUTTURE ASSISTENZIALI 2.1. La nascita della geriatria...» I poveri...» Il medioevo...» L ospedale medievale...» Le trasformazioni del Quattrocento e del Cinquecento...» Il Seicento...» Il Settecento...» Il Pio Albergo Trivulzio...» La nuova sede...» L Ottocento...» 58

4 VI RESIDENZE PER ANZIANI Generalità...» Gli aspetti progettuali...» Le case di ritiro...» L area e l edificio...» Gli alloggi...» I locali igienici...» La cappella...» Il refettorio...» La cucinetta di piano...» I corridoi...» Le scale...» L infermeria...» Gli ospizi di carità per i poveri o ricoveri di mendicità (gerontocomi)...» Le linee generali...» Le caratteristiche distributive...» Le caratteristiche tipologiche...» I refettori e il soggiorno comune per padiglione...» I dormitori...» L infermeria...» I servizi generali...» La biblioteca...» Legislazione sull assistenza agli anziani: cenni storici...» Leggi 3 agosto 1862, n. 753 e 17 luglio 1890, n » La legge 22 ottobre 1971, n » Il D.P.R. 15 gennaio 1972, n. 9...» La legge 5 agosto 1978, n » La legge 23 dicembre 1978, n » La legge 11 marzo 1988, n » Il D.M. 29 agosto 1989, n » Gli standard delle strutture residenziali e integrazioni funzionali...» La legge 17 febbraio 1992, n » La legge 5 febbraio 1992, n » I SERVIZI APERTI E LE STRUTTURE RESIDENZIALI PER GLI ANZIANI 3.1. I servizi socio-assistenziali per gli anziani...» Il quadro normativo...» I servizi aperti...» L assistenza alla vita di relazione...» L assistenza domiciliare...» Generalità...» Le prestazioni erogate...» L assistenza domiciliare integrata...» Il servizio di telesoccorso/telecontrollo...» L apparecchiatura...» L assistenza abitativa...» L erogazione di contributi economici...» Lo svolgimento di servizi per l integrazione sociale...» I centri diurni...» Generalità...» L articolazione funzionale...» Gli spazi per le attività culturali e di svago...» I laboratori per la comunità...» Le finalità...» Gli spazi per la preparazione e la distribuzione dei pasti...» Gli spazi per i servizi di assistenza alla persona...» Gli spazi per i servizi sanitari e riabilitativi...» Gli spazi esterni...» I servizi residenziali...» Generalità...» Le residenze in base al grado di autosufficienza...» Le residenze per anziani non autosufficienti...» Le residenze per anziani autosufficienti...» I requisiti progettuali comuni...» 105

5 Indice VII Le camere da letto...» Il nucleo abitativo...» La ricettività massima...» La localizzazione...» La connotazione non ospedaliera...» L alloggio integrato o autonomo...» Generalità...» L articolazione funzionale...» La comunità alloggio...» Generalità...» La capacità ricettiva...» L articolazione funzionale...» Il quadro normativo...» La casa famiglia...» Generalità...» La ricettività...» L articolazione degli spazi...» La casa di riposo...» Generalità...» L articolazione funzionale...» Il quadro normativo...» La casa albergo...» Generalità...» L articolazione funzionale...» Il quadro normativo...» La casa protetta...» Generalità...» L articolazione funzionale...» Il quadro normativo...» I centri per le vacanze...» Le residenze sanitarie assistenziali...» Generalità...» Le finalità di servizio socio-sanitario territoriale...» La tipologia di utenza...» La valutazione multidimensionale per l inserimento...» I livelli di assistenza...» I livelli di assistenza sanitaria...» I livelli di assistenza sociale...» Gli aspetti edilizi...» I requisiti generali...» I requisiti organizzativi...» L articolazione degli spazi funzionali...» Gli standard dimensionali...» Le disposizioni particolari per i nuclei per pazienti malati Alzheimer...» La capacità ricettiva...» Linee guida del Ministero della Sanità sulle residenze sanitarie assistenziali...» Linee guida della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (SIGG)...» Gli orientamenti attuali sulle residenze per anziani...» I servizi e strutture residenziali per anziani in alcuni Paesi esteri...» La Francia...» La Svezia...» La Danimarca...» L Inghilterra...» L Olanda...» La Norvegia...» La Germania...» Gli Stati Uniti...» Il Canada...» L ALLOGGIO 4.1. Le tipologie edilizie...» Le case a ballatoio e a galleria...» Le case a schiera...» Le case in linea...» 165

6 VIII RESIDENZE PER ANZIANI Le case a torre...» Le case unifamiliari binate...» Gli alloggi...» La camera...» Il numero dei posti letto...» I mini appartamenti...» Gli aspetti generali...» Le superfici minime degli alloggi...» L arredo...» I percorsi per l accessibilità: i passaggi liberi tra gli spazi funzionali...» Le esigenze dei soggetti obesi...» Il colore degli ambienti...» Il colore e la percezione dello spazio costruito...» Gli infissi...» Le porte...» Le caratteristiche costruttive e dimensionali...» Gli spazi antistanti e retrostanti le porte...» I disimpegni e le porte e le uscite poste in linea o pareti ortogonali...» Gli infissi esterni...» I pavimenti...» I terminali degli impianti elettrici di comando e di segnalazione...» Le altezze consigliate...» Le altezze consigliate per la presa di oggetti o l azionamento di comandi...» I sistemi di allarme impiantistici...» La protezione dai rumori provenienti dai percorsi collettivi o dai servizi di nucleo...» Gli spazi componenti l alloggio...» L ingresso...» La camera da letto...» Lo spazio funzionale...» Lo spazio funzionale per l assistenza sanitaria...» Gli spazi funzionali nel caso di impiego di sollevatori...» Gli armadi...» Il letto...» Le cassettiere...» I comodini...» Le tipologie...» La cucina e l angolo cottura...» Le tipologie di cucine...» I percorsi e la progettazione ergonomica...» Le caratteristiche degli arredi...» L illuminazione...» Il soggiorno-pranzo...» Le sedie...» Le poltrone e i divani...» I tavoli...» I servizi igienici...» I requisiti prestazionali...» Le caratteristiche degli apparecchi sanitari...» Il lavabo...» Lo specchio...» Il wc e il bidet...» La doccia...» Le vasche per bagno...» I maniglioni di sicurezza...» Le modalità di approccio al wc...» Generalità...» Le modalità di trasferimento...» La stabilità del soggetto...» Le modalità di trasferimento nella vasca per bagno...» Le modalità di trasferimento nella doccia...» Le modalità di accostamento al lavabo...» L ubicazione dei locali igienici nelle camere...» Gli impianti elettrici. Il controllo dei provvedimenti di sicurezza nei bagni...» 235

7 Indice IX La classificazione delle zone bagno...» I divieti e i provvedimenti di sicurezza...» Gli ostacoli...» Le tipologie...» I balconi, le terrazze e le logge...» Lo spazio di manovra...» Il dislivello e la soglia tra interno ed esterno...» Le caratteristiche dei parapetti...» Il ripostiglio...» I SERVIZI DI NUCLEO ABITATIVO 5.1. Il nucleo abitativo...» La movimentazione manuale dei carichi...» Gli obblighi dei datori di lavoro...» L informazione e la formazione dei lavoratori...» Gli elementi di riferimento...» Gli spazi funzionali...» Il locale per il bagno assistito...» L igiene del paziente non o parzialmente autosufficiente...» Il bagno a letto...» Il locale igienico...» Le caratteristiche dimensionali e distributive...» Le modalità di accesso e l immersione in vasca...» L illuminazione, il colore e la temperatura...» Le vasche ed ausili per il bagno assistito...» Le tipologie...» Le modalità di immersione nelle vasche sollevabili...» Le caratteristiche tecnico-prestazionali...» Gli spazi funzionali...» Il locale per vuotatoio e lavapadelle...» I cenni sulla disinfezione di presidi ospedalieri...» La disinfezione tradizionale dei presidi per l eliminazione...» I metodi di lavaggio...» I lavapadelle automatici...» La cucina di nucleo...» Il pranzo...» Generalità...» I tavoli...» Gli spazi funzionali...» Il soggiorno...» Generalità...» I requisiti e le distanza dagli alloggi...» La sala TV...» I servizi igienici...» Le caratteristiche e la localizzazione...» La rubinetteria...» I locali per il personale infermieristico ed ausiliario...» Gli spazi...» Il locale per il riposo...» I depositi di nucleo...» Il deposito per le attrezzature ed ausili per la deambulazione...» Il deposito per la biancheria pulita...» Il deposito per la biancheria sporca...» Il deposito dei materiali di consumo...» Le prescrizioni antincendio locali adibiti a deposito di materiale combustibile per le esigenze giornaliere dei reparti...» I SERVIZI E GLI SPAZI DI VITA COLLETTIVA 6.1. Generalità...» L ingresso e la portineria: la hall...» 283

8 X RESIDENZE PER ANZIANI Generalità...» Le aree funzionali...» L accesso...» Le porte...» Le scale...» Le rampe...» Lo spazio per l attesa...» Le cassette per la posta e il telefono pubblico...» I banconi e i piani di appoggio della reception...» Le apparecchiature automatiche...» L angolo bar...» Le norme regolatrici...» Le caratteristiche dei locali adibiti alla somministrazione di alimenti e bevande annessi a circoli privati..» I requisiti sanitari generali per il rilascio di autorizzazione sanitaria (art. 2, legge n. 283/1962)...» Il locale dispensa/magazzino...» I servizi igienici per il personale...» Lo spogliatoio...» I servizi igienici per il pubblico...» Il bancone...» Le caratteristiche costruttive...» Gli uffici per l amministrazione...» Il nucleo funzionale...» Le prescrizioni progettuali...» Gli arredi...» I servizi di cura della persona...» Le attività...» Le attività di acconciatore e di estetista...» L articolazione degli spazi...» Le strutture edilizie...» I pavimenti e i rivestimenti...» L illuminazione e l areazione...» I locale per acconciatore...» I locale per estetista...» L igiene degli arredi e delle suppellettili...» Il locale per il culto...» Generalità...» Gli aspetti progettuali...» Le attività occupazionali...» Generalità...» L articolazione degli spazi...» Gli arredi...» L orticultura e il deposito per gli attrezzi...» La sala polivalente...» Le prescrizioni antincendio...» La distribuzione dei posti a sedere...» L affollamento massimo e la capacità di deflusso...» L ubicazione...» Le comunicazioni con gli altri ambienti...» Le strutture portanti e i materiali di rivestimento e di arredo...» Le misure per l evacuazione in caso di emergenza. Il numero delle uscite...» Il sistema delle vie di uscita...» Generalità...» La larghezza delle vie di uscita...» La lunghezza delle vie di uscita...» Le porte...» Il soggiorno comune...» Generalità...» L articolazione per aree funzionali...» Il pranzo comune...» I servizi igienici collettivi...» Gli spazi esterni attrezzati...» Gli orientamenti progettuali...» L illuminazione...» 326

9 Indice XI La necessità dei punti di riferimento...» I sistemi per le chiamate di soccorso...» La scelta delle specie vegetali...» La recinzione e le barriere antirumore fonoassorbenti o fonoriflettenti...» Le barriere vegetali antirumore...» Le pavimentazioni delle aree pedonali...» I requisiti tecnico-prestazionali...» Il requisito antisdrucciolevole...» Il colore...» Le pavimentazioni lapidee...» Le pavimentazioni per non vedenti. Il sistema LOGES...» I codici base del sistema LOGES...» I codici complementari...» I percorsi pedonali...» I criteri generali di progettazione...» Le caratteristiche dimensionali e prestazionali...» Gli spazi di sosta...» La collocazione lungo i percorsi...» I sistemi di seduta...» Le caratteristiche prestazionali...» Gli aspetti di socializzazione...» Gli appoggi ischiatici...» Le fontanelle d acqua potabile...» I cestini per rifiuti...» Le fioriere e le aiuole...» I sistemi di informazione e di guida...» I cartelli...» L informazione tattile. Le mappe tattili...» Il campo da bocce...» Le aree di parcheggio a raso...» Generalità...» La delimitazione...» I requisiti per l accessibilità...» Le dimensioni minime degli stalli riservati...» Le strisce di delimitazione degli stalli di sosta...» I SERVIZI GENERALI 7.1. Generalità...» La lavanderia...» L ubicazione e le particolarità edilizie...» Il dimensionamento...» Il parametro kg/ora di biancheria da trattare...» Il parametro numero dei letti...» Le zone di trattamento della biancheria e il flusso di produzione...» Le apparecchiature...» Il lavaggio: lavabiancheria e lavacentrifuga...» L asciugatura: gli essiccatori...» La stiratura: mangani, presse e tavoli...» Le norme per gli impianti termici...» Il guardaroba generale...» Le prescrizioni antincendio...» La cucina...» La ristorazione collettiva...» Le prescrizioni normative...» Il dimensionamento...» Gli spazi funzionali...» L ingresso, lo scarico e il deposito delle derrate...» La preparazione della carne...» La preparazione delle verdure...» La preparazione del pesce...» La pasticceria...» La preparazione dei piatti freddi...» 379

10 XII RESIDENZE PER ANZIANI La preparazione delle bevande...» La zona cottura...» La zona lavaggio pentole e stoviglie...» Il locale per deposito rifiuti...» Esempi di piccole cucine per comunità...» Le caratteristiche costruttive generali dei locali...» L aerazione dei luoghi di lavoro chiusi. La ventilazione...» L illuminazione naturale ed artificiale dei luoghi di lavoro...» La temperatura dei locali...» I pavimenti...» Le pareti e il soffitto...» Gli scarichi e le tubazioni...» I separatori statici di oli/grassi animali e vegetali...» HCCP: il manuale di corretta prassi igienica...» I requisiti generali per i locali...» I requisiti specifici all interno dei locali in cui i prodotti alimentari vengono preparati, lavorati o trasformati...» I requisiti per l apparecchiatura...» Le aree di deposito dei rifiuti...» Gli aspetti specifici riguardanti le residenze per anziani...» Il numero dei pasti...» Il trasporto dei pasti...» La centrale termica...» Generalità...» Gli impianti termici alimentati da combustibili gassosi...» I locali di installazione...» I luoghi di installazione degli apparecchi...» L installazione degli apparecchi all aperto...» Limitazioni per gli apparecchi alimentati con gas a densità maggiore di 0,8 (GPL)..» L installazione in locali esterni...» Le aperture di aerazione...» Le limitazioni delle aperture di aerazione per gli apparecchi alimentati con gas a densità maggiore di 0,8...» Le specifiche per le superfici delle aperture di aerazione...» L installazione in fabbricati destinati ad altro uso o in locali facenti parte dell edificio servito...» Le regole generali per l ubicazione...» Le limitazioni dell ubicazione di apparecchi alimentati con gas a densità maggiore di 0,8...» I divieti per l ubicazione dei locali...» Le caratteristiche costruttive...» La disposizione degli impianti all interno dei locali...» L accesso...» Le porte...» Impianti termici alimentati da combustibili liquidi...» L installazione in fabbricati destinati ad altro uso o in locali facenti parte dell edificio servito» Le regole generali per l ubicazione...» Le aperture di aerazione...» Le caratteristiche costruttive...» La disposizione degli impianti all interno dei locali...» L accesso...» Le porte...» Il deposito di combustibile liquido...» L ubicazione...» La capacità...» Le modalità di installazione...» L accesso e le comunicazioni...» Aperture di aerazione...» Le porte...» Le caratteristiche dei serbatoi...» Gli impianti di condizionamento e di ventilazione...» Generalità...» Le specifiche tecniche...» 423

11 Indice XIII 7.6. La centrale idrica...» Generalità...» La vasca d accumulo...» I criteri generali per dimensionamento della riserva idrica...» L impianto elettrico...» I depositi...» I locali destinati a deposito di materiale combustibile aventi superficie non superiore a 50 m 2...» I locali destinati a deposito di materiale combustibile con superficie massima di 500 m 2...» I depositi di sostanze infiammabili...» Gli alloggi e i servizi per il personale...» I SERVIZI SANITARI ED AUSILIARI 8.1. I servizi sanitari...» L ambulatorio medico...» Gli impianti elettrici...» Gli arredi...» Le strutture per il recupero e la rieducazione funzionale...» Le finalità...» I requisiti minimi strutturali...» I requisiti minimi tecnologici...» La chinesiterapia...» La palestra...» La fisioterapia...» La fisioterapia strumentale...» L idroterapia...» Il nucleo funzionale...» Le vasche...» Il trattamento massoterapico...» Il trattamento podologico...» I servizi ausiliari: la camera mortuaria...» Gli spazi funzionali...» I requisiti minimi impiantistici...» La localizzazione...» Le caratteristiche costruttive...» GLI SPAZI DI CONNESSIONE E LE PRESCRIZIONI ANTINCENDIO 9.1. L accessibilità o la visibilità degli edifici e la normativa antincendio...» La suddivisione in compartimenti antincendio...» Le attività a rischio di incendio elevato...» Le cause e i pericoli di incendio più comuni...» Gli apparecchi di riscaldamento individuali o portatili...» Il carico di incendio specifico di progetto...» La sicurezza antincendio nelle strutture sanitarie, pubbliche e private...» Generalità...» L assoggettabilità delle Case per anziani al D.M. 18 settembre » La classificazione delle strutture ricettive per anziani...» Gli obiettivi...» Le distanze e le altezze ai fini antincendio...» Le altezze ai fini antincendio...» La distanza di sicurezza...» La distanza di sicurezza esterna...» La distanza di sicurezza interna...» La distanza di protezione...» L affollamento e l esodo...» La capacità di deflusso o di sfollamento...» La densità di affollamento...» Il massimo affollamento...» Il modulo d uscita...» I sistemi di protezione antincendio passiva...» La resistenza al fuoco...» Il filtro a prova di fumo...» 463

12 XIV RESIDENZE PER ANZIANI Lo spazio scoperto...» Il luogo sicuro...» Lo spazio calmo...» Il corridoio cieco...» Il percorso orizzontale protetto...» L intercapedine antincendio...» Le scale...» Le tipologie previste dalla normativa antincendio...» La scala di sicurezza esterna...» La scala a prova di fumo...» La scala a prova di fumo interna...» La scala protetta...» L ammissibilità di una sola scala per gli edifici esistenti...» L aerazione...» Le caratteristiche prestazionali e dimensionali...» Le specifiche tecniche...» Gli ascensori e i montalettighe...» Generalità...» Le caratteristiche dimensionali...» Le caratteristiche prestazionali...» I requisiti di sicurezza...» Le prescrizioni antincendio per i vani di corsa...» Il vano di corsa...» Il vano aperto...» Il vano protetto...» Il vano a prova di fumo...» Gli accessi al locale del macchinario, agli spazi del macchinario e/o alle aree di lavoro...» L aerazione del vano di corsa, dei locali del macchinario, delle pulegge di rinvio e/o degli ambienti contenenti il macchinario...» Le misure di protezione attiva...» I vani di corsa per l ascensore antincendio...» Il vano di corsa per l ascensore di soccorso...» Le norme di esercizio...» I servoscala...» Generalità...» Le tipologie e le dimensioni...» I dislivelli superabili...» Le altezze libere sopra il servoscala...» Le caratteristiche costruttive...» I dispositivi di sicurezza...» Le piattaforme elevatrici...» Le caratteristiche costruttive e dimensionali...» La C.M. 14 aprile 1997, n » I corridoi e i passaggi di uso collettivo...» La lunghezza delle vie d uscita al piano...» Le caratteristiche delle vie d uscita...» Le larghezze utili...» I disimpegni e le porte e le uscite poste in linea o pareti ortogonali...» I corrimano, le fasce paracolpi e paraspigoli...» Le caratteristiche costruttive...» La segnaletica e i sistemi di allarme...» La segnaletica di sicurezza...» I segnali luminosi...» I segnali acustici...» I sistemi di allarme per le strutture ricettive...» Le istruzioni di sicurezza da esporre a ogni piano della struttura ricettiva...» Le istruzioni da esporre in ciascuna camera o alloggio...» La regola tecnica del D.M. 18 settembre » Il soccorso alle persone disabili in caso d incendio...» Le misure riferite alla disabilità sensoriale...» Le linee guida della C.M. 1 marzo 2002, n. 4...» 530 Indice analitico...» 535

13 Introduzione La presente edizione del manuale sulle residenze per anziani, interamente riscritta, può considerarsi come il naturale completamento di un processo di maturazione professionale e personale nell ambito della ricerca e dello studio su un argomento dalle problematiche sempre più attuali. La nuova visione delle problematiche e delle esigenze emerse riguardo agli spazi abitativi per gli anziani e i portatori di handicap è molto lontana dalle passate considerazioni. È lo spazio abitativo correttamente progettato e completato da una corretta gestione ed assistenza socio-sanitaria a porsi come il punto focale del volume. Certe considerazioni di ordine progettuale si fondano sull effettiva presa visione e sulla constatazione delle reali e potenziali esigenze degli anziani. Con l aumento delle badanti e soprattutto con l incremento dei costi per il ricovero, si assiste a una rivalutazione dell alloggio per l anziano coordinata anche con l assistenza domiciliare integrata, che determina un calo dei ricoveri nelle residenze collettive, quindi, la residenza dell anziano non deve essere intesa soltanto la RSA o la cosiddetta casa di riposo ma anche la propria casa. Uno dei problemi significativi degli alloggi, per esempio, è costituito dai servizi igienici e dalla cucina che dovrebbero essere adeguati alle mutate esigenze fisiche dovute all avanzare dell età, a patologie o a disabilità fisiche e sensoriali. Chiaramente anche l arredamento deve subire qualche modifica, come l eliminazione di tappeti e altri arredi che possono causare cadute, una più funzionale disposizione dei mobili in modo da assicurare passaggi di larghezza idonea in caso di sedia a rotelle, ecc. Progettare per una persona anziana equivale a progettare in funzione di precise esigenze ambientali e domestiche apparentemente molto distanti, ma in realtà più vicine di quanto si pensi. Il progettista deve comportarsi come un attore, cercando di calarsi nella parte dello spettatore-fruitore, in questo caso l anziano con seri problemi fisico-motori, per rendersi effettivamente conto della reale funzionalità delle sue proposte. Per questi motivi, nel testo si è dato ampio spazio agli alloggi e ai servizi: nucleo abitativo, collettivi e generali (cucina, lavanderia, ecc.), riportando diversi esempi reali e fornendo il maggior numero di informazioni sull argomento. Si evidenzia che negli altri paesi europei, come per esempio l Olanda, la Germania, la Francia, la Danimarca e l Inghilterra, l attenzione verso gli anziani e i disabili è concreta ed efficace a differenza dell Italia, caratterizzata da molteplici leggi e regolamenti regionali e statali in perenne aggiornamento. Palermo, febbraio 2009

14 1 Gli anziani 1.1. GENERALITÀ Le considerazioni che seguono hanno come obiettivo primario evidenziare i bisogni del soggetto anziano e i deficit fisici dovuti all avanzare dell età relazionati allo spazio costruito; chiaramente bisogna considerare caso per caso. Gli aspetti demografici, significativi sul piano della programmazione a grande scala dei servizi per gli anziani, hanno un ruolo secondario per le finalità progettuali di questo testo. Il caso pratico assistenziale, il più delle volte, è caratterizzato da difficoltose barriere burocratiche, imputabili alle diverse interpretazioni legislative del funzionario pubblico preposto all erogazione del servizio: si tratta di situazioni che mettono a dura prova la volontà e i mezzi economici delle famiglie che devono assistere un componente anziano, avvalendosi del supporto pubblico, specie se effettivamente in possesso dei requisiti normativi. In sintesi, gli anziani, oltre ai problemi fisici dovuti all avanzare dell età, devono essere in grado di superare la difficile applicazione e l interpretazione di leggi da parte delle commissioni mediche o dei funzionari pubblici preposti all erogazione dei servizi, in altre parole agli acciacchi dell età bisogna aggiungere anche la burocrazia di matrice italica. Altro problema che emerge dalla cronaca è quello dell assistenza sanitaria ospedaliera pubblica LA DEFINIZIONE DI ANZIANO Convenzionalmente si ritiene anziana la persona che ha superato i anni, perché in quest età generalmente s interrompe l attività lavorativa. Tale concetto non è condivisibile in quanto l interruzione del lavoro non è conseguenza diretta dell invecchiamento dell individuo, ma un esigenza di carattere socio-economico e politico; a riprova di ciò si assiste ad un costante rallentamento nel processo di invecchiamento individuale. Il limite di 60 anni può essere giustificato dall importanza che nella realtà sociale riveste il ruolo del lavoratore: l abbandonare tale ruolo, l inadeguatezza della pensione, i cambiamenti di abitudini e di comportamento che tale evento comporta, giustificano sufficientemente il considerare gli ultrasessantenni come l utenza potenziale degli interventi socio-assistenziali a favore degli anziani. Chiaramente i bisogni di tale popolazione non sono omogenei nelle diverse classi d età: ben diversa è la condizione del soggetto ses-

15 2 RESIDENZE PER ANZIANI santenne da quella dell ultrasettantacinquenne, più esposto ai processi involutivi, alla perdita dell autonomia, all isolamento e, quindi, più spesso bisognoso di assistenza 1. Le popolazioni vecchie sono caratterizzate dall avere circa il 10% degli abitanti con età superiore ai 65 anni. Ma ulteriori problemi assistenziali riguardano le popolazioni più vecchie aventi età superiore ai anni, destinate a diventare sempre più numerose e che necessitano di particolari interventi assistenziali. I dati statistici fanno emergere che sono le donne a costituire la grande maggioranza della popolazione anziana poiché si riscontra una più alta mortalità negli uomini; infatti, la probabilità che un uomo possa raggiungere i 65 anni di età oscilla intorno all 80%, a differenza del 90% per la donna. Pertanto, il progettista di strutture residenziali per anziani dovrà tenere conto di tali considerazioni Le problematiche relative all alloggio Premettendo che non tutte le persone anziane si trasferiscono volontariamente o sono trasferite dai familiari in strutture residenziali collettive pubbliche o private, esiste anche il caso di anziani che continuano a vivere nella propria casa, assistiti dai familiari, e in alcuni casi, quando le condizioni fisiche lo richiedono, può essere richiesto il trasferimento in strutture sanitario-assistenziali dove ricevere prestazioni. Per l anziano il trasferimento in una diversa struttura abitativa costituisce un evento sicuramente traumatizzante perché lo costringe a modificare le proprie abitudini di vita e, soprattutto, a fare fronte «al senso di inutilità e di frustrazione che deriva dal suo ricovero in alcune di queste strutture residenziali». Inoltre, in alcune strutture ci si può trovare a coabitare con soggetti con problemi fisicomentali, spesso dimessi dagli ospedali psichiatrici e di età a volte al di sotto dei anni. Ciò spiega anche il verificarsi di un maggior numero di decessi dopo il loro trasferimento in strutture residenziali specifiche. Quando si parla di strutture di ricovero bisogna riferirsi anche agli alberghi, alle pensioni e agli appartamenti adattati in maniera discutibile che funzionano come vere e proprie case di riposo; queste strutture sfuggono in genere ai rilevamenti statistici, ai controlli degli organi sanitari ed amministrativi competenti e poco si sa sul livello di assistenza offerto agli ospiti. Spesso si tratta di strutture non idonee, localizzate in vecchi appartamenti di edifici con presenza di barriere architettoniche, servizi igienici inadeguati alle condizioni fisiche degli ospiti, impianti elettrici non a norma, il tutto completato da personale assistenziale di fortuna. La soluzione ottimale sarebbe quella di non allontanare l anziano dal proprio contesto residenziale, in modo che possa conservare i legami con le persone ed i luoghi; deve comunque considerarsi l effettiva efficienza dei servizi socio-assistenziali per garantirgli la necessaria protezione, specie durante il periodo estivo quando le città si spopolano. «La casa rappresenta il luogo delle radici della persona: è la casa del corpo ma anche la casa dell anima»; a tal fine, nelle strutture residenziali collettive, devono essere garanti- 1 Friuli-Venezia-Giulia: L.R. 19 maggio 1988, n. 33, Allegato 3. La presente legge è stata abrogata dall art. 65, comma 1, lett. h), L.R. 31 marzo 2006, n. 6 ad eccezione del comma 4 dell art. 22.

16 1. Gli anziani 3 te ottimali condizioni abitative, ambientali e psicologiche consentendo di conservare agli ospiti, in primo luogo, la propria individualità. Il controllo delle condizioni psico-fisiche degli anziani che continuano a vivere nelle loro abitazioni può essere effettuato mediante il sistema di telecontrollo-telesoccorso; tale forma di assistenza, permette di conservare la propria libertà individuale e nel contempo fà sì che si possa intervenire in tempo utile in caso di malesseri fisici o anche psichici, che altrimenti richiederebbero il ricovero in apposite strutture sanitarie assistenziali per anziani non assistibili a domicilio GLI ASPETTI DEMOGRAFICI Generalità Il prolungamento della vita media per effetto del miglioramento delle condizioni di vita dell individuo (alimentari, abitative, assistenziali, prevenzione di malattie, ecc.) è un fenomeno non solo italiano ma di tutti i Paesi industrializzati. L aumento della speranza di vita alla nascita è ormai consolidata nel nostro paese: attualmente per le donne raggiunge oltre gli 82,9 anni. Questo comporta un aumento notevole della popolazione anziana che, però, non si distribuisce omogeneamente in tutte le regioni con conseguenti differenti necessità di modulazione dell offerta dei servizi sanitari. Previsioni demografiche attendibili mostrano un continuo aumento del numero delle persone anziane (ultra-65enni) e molto anziane (ultra-85enni). Per le considerazioni seguenti si definisce indice di vecchiaia il rapporto tra la popolazione di età 65 anni e più e la popolazione di età 0-14 anni (per cento). L Istat, nel Rapporto Annuale 2005, rileva che per effetto di una fecondità particolarmente bassa, che ha causato negli anni la progressiva riduzione numerica delle nuove generazioni e dell allungamento della sopravvivenza, che garantisce alle vecchie generazioni una permanenza in vita sempre più lunga, l invecchiamento della popolazione, con le relative ripercussioni in campo sociale ed economico, rimane una delle principali caratteristiche del Paese. Nel 1980 risiedevano in Italia oltre 7 milioni di persone con 65 anni di età e più, pari al 13,1% della popolazione. Al 1 gennaio 2005 la popolazione di 65 anni e più è superiore agli 11 milioni (19,5%), di cui il 59% è costituito da donne. Aumenta, analogamente, la percentuale di popolazione con 80 anni e più: la popolazione dei cosiddetti grandi vecchi nel 2005 rappresenta il 5% del totale (ossia quasi tre milioni), mentre nel 1980 rappresentava appena il 2,1%. Lo squilibrio della popolazione in favore delle età più elevate è ancora più rilevante, se si considera che la riduzione dei livelli di fecondità negli ultimi 25 anni ha comportato un calo costante della popolazione dei giovani d età fino a 14 anni, scesa nel 2005 a rappresentare il 14,1% del totale, contro il 22,6% del Conseguentemente il rapporto tra anziani di 65 anni e più e giovani fino a 14 anni di età ha mostrato anch esso un costante aumento negli anni, dal 58% del 1980 al 138% del Nel medesimo periodo la popolazione in età attiva, tra i 15 e i 64 anni, si è mantenuta pressoché stabile, passando dal 64 al 66% (tabella 1.1).

17 4 RESIDENZE PER ANZIANI Tabella 1.1. Indicatori di struttura della popolazione per anno e ripartizione geografica Struttura della popolazione Indice di Anni per classi di età vecchiaia ripartizioni geografiche 1º gennaio º gennaio º gennaio º gennaio º gennaio º gennaio 2004 Nord-ovest Nord-est Centro Sud Isole Italia 0-14 anni 22,6 16,8 14,3 14,2 14,2 14,1 12,9 13,2 13,1 16,3 15,6 14, anni 64,4 68,5 67,6 67,1 66,8 66,6 66,3 66,2 66,0 66,8 66,9 66,4 65 anni e più 13,1 14,7 18,1 18,7 19,0 19,2 10,8 20,5 21,0 16,9 17,6 19,5 80 anni e più 2,1 3,1 3,9 4,4 4,6 4,8 (a) 57,9 87,6 126,6 131,4 133,8 135,9 1º GENNAIO ,2 160,6 5,6 155,5 5,5 160,5 4,1 103,7 4,3 112,6 5,0 137,8 Indice di dipendenza strutturale (b) 55,4 46,0 48,0 49,1 49,8 50,1 50,8 50,9 51,6 49,7 49,6 50,6 (Fonte: Istat, Rilevazione della popolazione residente comunale per sesso, anno di nascita e stato civile) (a) Popolazione di età 65 anni e più su popolazione di età 0-14% (b) Popolazione di età 0-14 e 65 anni e più su popolazione di età 15-64% (c) Popolazione di età 65 anni e più su popolazione di età 15-64% (d) Media delle età ponderata con la popolazione Indice di dipendenza anziani (c) 20,3 21,5 26,8 27,9 28,5 28,9 31,3 31,0 31,8 25,3 26,3 29,3 Età media popolazione (d) 35,9 38,6 41,4 41,9 42,2 42,3 43,8 43,6 43,7 40,0 40,7 4, Le forti differenze territoriali nel quadro dell invecchiamento L invecchiamento della popolazione in Italia è ritenuto un fenomeno complesso, soprattutto di tipo territoriale; infatti, non avviene uniformemente ma con sostanziali differenze fra Nord e Sud. Ciò è dovuto anche alla riduzione e al differente tasso di natalità, che comporta rilevanti ripercussioni sul piano sanitario, economico e sociale per i problemi derivanti dall individuazione e dalla successiva soddisfazione dei bisogni mediante specifici servizi assistenziali e residenziali. A rendere eterogeneo il quadro sull invecchiamento della popolazione concorre in maniera determinante la forte differenziazione territoriale. Sebbene allargato a tutte le aree del Paese, il fenomeno è più pronunciato nel Centro-Nord, dove la percentuale di giovani fino a 14 anni si è andata ulteriormente riducendo, fino a raggiungere in media il valore del 13%. Nel Mezzogiorno giovani e anziani sono numericamente in equilibrio, ma con una chiara tendenza verso un ulteriore processo d invecchiamento della popolazione. Per effetto della struttura demografica della Sardegna, la situazione è leggermente più sfavorevole nelle Isole che al Sud. Nel primo caso, infatti, la quota di giovani è del 15,6%, mentre quella degli anziani è pari al 17,6%; nel secondo si registrano invece, rispettivamente quote del 16,3 e 16,9%. La Liguria è la regione con la più alta quota di anziani (26,5%) e, contemporaneamente, quella con la più bassa quota di giovani fino a 14 anni d età (10,9%). All estremo opposto si colloca la Campania, con la più bassa quota di anziani (15,1%) e la più alta di giovani (17,7%). Analizzando la situazione delle province, dunque, l invecchiamento della popolazione costituisce un fenomeno caratterizzato da una variabilità ancora più elevata, che non segue solo la classica differenziazione tra un Centro-Nord più anziano e un Mezzogiorno più giovane, ma si differenzia notevolmente anche all interno delle singole regioni (figura 1.1).

18 1. Gli anziani 5 Figura 1.1 Popolazione di 65 anni e più per provincia al 1 gennaio 2005 (valori percentuali) (fonte: Istat, Rilevazione della popolazione residente comunale per sesso, anno di nascita e stato civile) L aumento delle famiglie con anziani Dal punto di vista dei cambiamenti nella struttura delle famiglie, in vent anni si è registrata una forte contrazione delle famiglie con almeno un bambino e senza anziani (dal 35,6% nel 1983 al 22,1% nel 2003) e in particolare della tipologia coppia con figli e madre casalinga (che perde 10,5 punti percentuali); contemporaneamente si è osservata un espansione delle famiglie con almeno un anziano e senza bambini (dal 24,5% al 35,0%), che ha riguardato soprattutto gli anziani soli (6,5 punti percentuali in più) e le famiglie di due componenti e almeno un anziano (3,6 punti percentuali in più). Si tenga inoltre conto che, come messo in evidenza nel Rapporto dello scorso anno, le reti di aiuto informale hanno sempre avuto un ruolo di fondamentale rilievo nel nostro Paese, tanto che il modello di welfare italiano continua a basarsi sulla disponibilità della famiglia nel sostegno ai soggetti vulnerabili, come per esempio gli anziani o le persone con disabilità. Nell arco di vent anni si è assistito alla riduzione della quota di famiglie che riceve aiuti informali (passando dal 23,3% del 1983 al 16,7% del 2003). La diminuzione delle famiglie assistite ha comportato una riorganizzazione del sistema di supporto informale. Solo le famiglie con bambini al di sotto dei 14 anni con madre occupata e quelle con persone

19 6 RESIDENZE PER ANZIANI affette da gravi limitazioni della propria autonomia ricevono più aiuti che in passato, mentre per tutte le altre tipologie di famiglie si osserva una contrazione del supporto proveniente dall esterno delle mura domestiche. Dal punto di vista territoriale sono le regioni del Nord-Est ad avere una maggiore incidenza di persone che offrono aiuto (27,4%), seguite da quelle del Nord-Ovest (23,8%). Il divario a sfavore del Mezzogiorno, particolarmente marcato in passato, si è tuttavia ridotto fino al 2003: in effetti, la proporzione di persone che offrono aiuto è cresciuta più rapidamente nelle aree in cui le reti di aiuto erano meno forti. La tabella 1.2 riporta per entrambi i sessi la speranza di vita a 60 anni e la speranza di vita libera da disabilità a 65 e a 75 anni. Tabella 1.2. Speranza di vita a 60 anni e speranza di vita libera da disabilità a 65 e a 75 anni Anno 1999 Speranza di vita Speranza di vita Speranza di vita libera da disabilità Maschi Femmine alla nascita 75,5 81,8 a 60 anni 19,7 24,3 a 65 anni 13,8 15,1 a 75 anni 7,4 7,7 (Fonte: Istat) Figura 1.2 Speranza di vita alla nascita per sesso e regione Anno 2005 (a) (fonte: Istat, Sistema di nowcast per indicatori demografici) In Italia gli ultra sessantenni che nel 1955 erano stimati , nel 1995 erano ; si prevede che nell anno 2015 essi raggiungeranno i 13 milioni e mezzo e che il numero degli ultra ottantenni sarà di circa 2 milioni e mezzo. In tale prospettiva il

20 1. Gli anziani % di una generazione potrà raggiungere gli ottanta e i novanta anni 2. Al suo interno la popolazione anziana presenta aspetti molto differenziati a causa di diverse implicazioni, sia biologiche che socio-culturali. Tabella 1.3. Evoluzione della popolazione italiana dal 1950 ad oggi e previsione fino al 2040 (valori assoluti in milioni di abitanti) Tasso medio annuo [%] sulla popolazione Classi Ammontare Incremento [%] italiana di età < 60 anni 60 e più 80 e più 41,3 5,8 0,5 44,7 12,5 2,1 28,1 19,5 4,8 +3,4 +6,7 +1,6 16,7 +7,0 +2,7-1,0 +1,0 +1,9-1,0 +1,0 +1,9 12,3 1,2 21,9 3,7 41,0 10,1 (Fonte: Elaborazione CNR-IRP su dati ONU, Per la previsione è stata considerata la variante media che prevede per il quinquennio una vita media pari a 82,7 anni (77,5 quella del ) e un numero medio di figli per donna pari a 1,8 (1,3 quello del )) Le cause dell invecchiamento demografico Dei fattori che determinano l invecchiamento demografico, prescindendo da dati numerici che risultano sempre mutevoli, si ritengono più significativi informazioni di ordine qualitativo più che quantitativo. Tabella 1.4. Le cause dell invecchiamento demografico disagi sociali diminuzione della natalità Sociali flussi migratori: esodo di giovani; rientro di anziani progressi nell igiene Sanitarie progressi nella prevenzione e nella terapia (Fonte: Lumia V., Elementi di assistenza geriatrica, NIS, Roma 1982) diminuzione della mortalità Figura 1.3 Tassi di incremento annuo della popolazione anziana e della popolazione totale (fonte: Anziani. Relazione biennale al Parlamento sulla condizione dell anziano Presidenza del Consiglio dei Ministri. Dipartimento per gli Affari sociali, Roma 1998) 2 Regione Sicilia: Decr.Pres.Reg. 11 maggio 2000, Piano sanitario regionale 2000/2002. G.U.R.S. 2 giugno 2000, n. 26, s.o.

DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA

DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA DATI GENERALI DATI GENERALI DELLA STRUTTURA RESIDENZIALE ANAGRAFICA GENERALE DATI EVENTUALI CORRETTIVI

Dettagli

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 gennaio 2000 Gazzetta Ufficiale 21 marzo 2000, n. 67 Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali,

Dettagli

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Indice Allegato A - Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Le prestazioni erogate in hospice sono un complesso integrato di prestazioni sanitarie assistenziali ed alberghiere, fornite in maniera continuativa per 24 ore al giorno per 7 giorni alla settimana, rivolte

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI Servizio 3 Politiche del Lavoro, I - 61121 Pesaro - Via Mazzolari, 4 della Formazione, Sociali, Tel. 0721.3592531/2507/2503 Culturali e Turismo Fax 0721.33930 PEC: provincia.pesarourbino@legalmail.it P.O.

Dettagli

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi Residenza Sanitaria Assistenziale Vivere Insieme Quarenghi Il gruppo di lavoro La struttura è organizzata in settori, a ciascuno dei quali è assegnata una organica dotazione, qualitativa e quantitativa,

Dettagli

Congresso regionale SIGG 2012

Congresso regionale SIGG 2012 Congresso regionale SIGG 2012 15 dicembre 2012, Brescia Università degli Studi di Brescia - Facoltà di Medicina e Chirurgia LE CURE DOMICILIARI ALL ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Servizio di Adattamento degli

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Le unità ambientali : definizione

Le unità ambientali : definizione Le unità ambientali : definizione Le unità ambientali (UA) rappresentano insiemi di attività compatibili funzionalmente e strettamente relazionate tra di loro in rapporto alle modalità di fruizione da

Dettagli

SCHEDA GUIDA: UNITA D OFFERTA SOCIALI E SOCIO-SANITARIE NORMATIVA DI RIFERIMENTO

SCHEDA GUIDA: UNITA D OFFERTA SOCIALI E SOCIO-SANITARIE NORMATIVA DI RIFERIMENTO SCHEDA GUIDA: UNITA D OFFERTA SOCIALI E SOCIO-SANITARIE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Quadro normativo Con l approvazione della Legge Regionale n. 3 del 12/03/2008 Governo della rete degli interventi e dei

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene ALBERGHI Tipologia di locali che devono essere presenti (condizione minima richiesta per alberghi ad una *): A Locale ricevimento portineria informazioni B camere C servizi igienici comuni/servizi igienici

Dettagli

STRUTTURA RICETTIVA - DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA

STRUTTURA RICETTIVA - DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA STRUTTURA RICETTIVA - DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA AFFITTACAMERE PROFESSIONALE AFFITTACAMERE NON PROFESSIONALE CASA E APPARTAMENTI VACANZE RESIDENZE D EPOCA (*) Al COMUNE DI FAUGLIA Il sottoscritto Cognome

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA La casa albergo Liberty è composta da 15 appartamenti bilocali (camera doppia, soggiorno-cucina con divano letto matrimoniale, bagno) dotati di tutti i comfort,

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

6. Dati dimensionali degli alloggi

6. Dati dimensionali degli alloggi 10 I Una Comunità per Crescere - Milano 6. Dati dimensionali degli alloggi La superficie residenziale deve essere così distribuita in base alla slp: alloggi tipo A: quadri-trilocali da 100 mq di slp, max

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1. PREMESSA L edificio in esame è soggetto alle prescrizioni tecniche di cui alla Legge 9 gennaio 1989, n 13 e relativo regolamento d attuazione D.M. LL.PP., 14 giugno 1989, n 236. Nel caso specifico è

Dettagli

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DELLA NEURO-RIABILITAZIONE SPINALE

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DELLA NEURO-RIABILITAZIONE SPINALE Corso di Formazione teorico-pratico 8 febbraio 2013 L INNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DELLA NEURO-RIABILITAZIONE SPINALE SAV e CTVAI DUE PROGETTI PER L AUTONOMIA arch. Tiziana Cretti 1 il Il Servizio

Dettagli

PROGETTO GESTIONALE DEL SERVIZIO N 1

PROGETTO GESTIONALE DEL SERVIZIO N 1 CASA DELL'ANZIANO G. VADA VIA G. MARCONI 22 VERZUOLO tel. 0175 85444 fax 0175 750958 e-mail CASA.RIPOSO@COMUNE.VERZUOLO.CN.IT PROGETTO GESTIONALE DEL SERVIZIO N 1 Periodo di riferimento Anno 2011 2013

Dettagli

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 Invecchiare è l unico modo per non morire giovani Woody Allen Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 2 Un po di

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI Allegato A Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data in vigore del Regolamento Regionale 7 dicembre

Dettagli

FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO

FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO de 8.2 LIVELLI PRESTAZIONALI E PRESCRIZIONI SPECIFICHE [1]

Dettagli

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato Studio Tecnico Ing. MASSIMO CECCARINI Cod. Fisc. CCC MSM 56H14 G999V Part. I.V.A. 00036530970 Viale V. Veneto, 13 59100 PRATO Tel. e Fax 0574 29062 / 607600 Prato, li 27/12/10. e-mail: studiomcmp@conmet.it

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

PROGETTO GESTIONALE TRIENNIO 2011-2013 OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS

PROGETTO GESTIONALE TRIENNIO 2011-2013 OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS 1 PROGETTO GESTIONALE TRIENNIO 2011-2013 2 S O M M A R I O 1. Introduzione 2. Destinatari 3. Presa in carico 4. Metodo 5. Rilevazione dei bisogni 6. Verifica e valutazione 7. Continuità progettuale 8.

Dettagli

Casa di Riposo REGINA MARGHERITA. Piano COMUNITÀ ALLOGGIO

Casa di Riposo REGINA MARGHERITA. Piano COMUNITÀ ALLOGGIO Casa di Riposo REGINA MARGHERITA Piano COMUNITÀ ALLOGGIO Indice 1 Premessa Le COMUNITA ALLOGGIO...2 2 La Comunità Alloggio della Casa di Riposo Regina Margherita...3 2.1 Suddivisione in moduli...3 2.2

Dettagli

RIABILITARE (L)A CASA

RIABILITARE (L)A CASA CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA Accessibilità e Domotica: quali le norme e gli strumenti? Disability Manager 21-22-23 NOVEMBRE 2013 Centro Servizi Villa delle Magnolie e Park

Dettagli

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. È individuata la figura professionale dell operatore socio-sanitario. 2. L operatore socio-sanitario è

Dettagli

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali REQUISITI BASE Gli obblighi di norma si riducono a poche prescrizioni che sinteticamente sono: C D A Il lavabo deve essere di tipo a mensola,

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

MINI ALLOGGI PROTETTI

MINI ALLOGGI PROTETTI MINI ALLOGGI PROTETTI La Casa di Soggiorno per Anziani di Bedizzole dispone di un complesso di recente ristrutturazione, adiacente alla struttura principale ma completamente autonomo nel quale sono collocati

Dettagli

ASILI NIDO:STRUTTURE DEDICATE ALLO SVILUPPO PSICO-FISICO DEI BAMBINI DA 0 A 3 ANNI

ASILI NIDO:STRUTTURE DEDICATE ALLO SVILUPPO PSICO-FISICO DEI BAMBINI DA 0 A 3 ANNI Quaderno ASILI NIDO:STRUTTURE DEDICATE ALLO SVILUPPO PSICO-FISICO DEI BAMBINI DA 0 A 3 ANNI a cura di Ing. M. Bergamini commissione Antincendio: edilizia civile/aree a rischio visto da Ing. M. Babudri

Dettagli

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE I tecnici: Ing. Marco Galperti Geom. Fabio Drufovka PREMESSE Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni

Dettagli

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Generalità Il presente intervento ha interessato un lotto localizzato nel territorio del Comune di Calestano,

Dettagli

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica)

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica) REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO Articolo 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento disciplina la forma di ricettività denominata Albergo Diffuso nei centri storici urbani, di cui all articolo 12,

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

Realizzare l adattabilità

Realizzare l adattabilità PROGETTARE UNA CITTA OSPITALE Ciclo di incontri sulla progettazione accessibile Realizzare l adattabilità Bergamo, 24 settembre 2015 ADATTABILITA 1. Definizioni, riferimenti normativi 2. Come si progetta

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. Allegato A) al DM n. 43

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. Allegato A) al DM n. 43 MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Allegato A) al DM n. 43 Standard minimi qualitativi e linee guida relative ai parametri tecnici ed economici 1. Finalità La realizzazione di alloggi e residenze

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI PISA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA ROSELLINI Via Rosellini,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VIGILANZA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI ADULTI CON NUMERO DI OSPITI FINO AD UN MASSIMO DI SEI, DENOMINATE

LINEE GUIDA PER LA VIGILANZA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI ADULTI CON NUMERO DI OSPITI FINO AD UN MASSIMO DI SEI, DENOMINATE COMUNE DI CENTO LINEE GUIDA PER LA VIGILANZA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI ADULTI CON NUMERO DI OSPITI FINO AD UN MASSIMO DI SEI, DENOMINATE CASE FAMIGLIA PER ANZIANI E DISABILI ADULTI

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

Viva gli Anziani! Viva gli Anziani! Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Milano. Via Mario Bianco 20. Referente per il progetto

Viva gli Anziani! Viva gli Anziani! Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Milano. Via Mario Bianco 20. Referente per il progetto Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Via Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Referente per il progetto Comunità di Sant Egidio ONLUS Via Lanzone 13 20123 cf 97549060156 tel 0286451309

Dettagli

SEZIONE C PRESIDI DI RIABILITAZIONE ESTENSIVA DEI SOGGETTI PORTATORI DI DISABILITA FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI

SEZIONE C PRESIDI DI RIABILITAZIONE ESTENSIVA DEI SOGGETTI PORTATORI DI DISABILITA FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI SEZIONE C, TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI PER LE STRUTTURE CHE EROGANO PRESTAZIONI IN REGIME RESIDENZIALE E/O SEMIRESIDENZIALE Trattasi di presidi che erogano prestazioni sanitarie specialistiche

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli

Albenga accessibile. Ci Vado ad Occhi Chiusi OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI

Albenga accessibile. Ci Vado ad Occhi Chiusi OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI Ci Vado ad Occhi Chiusi Albenga accessibile OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI Progetto cofinanziato da Comunità Europea Regione Liguria Comune di Albenga In collaborazione con Unione Italiana dei

Dettagli

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi Finanziamenti e contributi I contributi per abbattimento barriere architettoniche e acquisto di presidi e ausili Silvia Pellegrini (Comune di Parma) Rappresentano un opportunità per i cittadini che devono

Dettagli

REQUISITI E PRESTAZIONI DEL SISTEMA AMBIENTALE

REQUISITI E PRESTAZIONI DEL SISTEMA AMBIENTALE REQUISITI E PRESTAZIONI DEL SISTEMA AMBIENTALE SCHEDA DI ANALISI PRESTAZIONALE DEL SISTEMA AMBIENTALE Unità immobiliare Planimetria edificio e contesto: orientamento e caratteri del sito SCHEDA DI ANALISI

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N.

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici TITOLO I - SCOPI E CAMPO DI

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31)

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA -

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ai sensi del comma 4 dell art. 77 del D.P.R. 380/01 come modificato dal D.lgs 301/02, L. 13/1989 e D.M.

Dettagli

(ai sensi della legge 9/1/1989, n. 13) Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a a il abitante (1) in qualità di proprietario affittuario altro (2)

(ai sensi della legge 9/1/1989, n. 13) Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a a il abitante (1) in qualità di proprietario affittuario altro (2) DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI ESISTENTI ALLA DATA DELL 11 AGOSTO 1989 (ai sensi della legge 9/1/1989, n.

Dettagli

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto)

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236. " Prescrizioni tecniche necessarie a

Dettagli

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE TABELLA B (Art. 38) PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE 1. Buono stato di conservazione e manutenzione dell immobile 2. Arredamento delle unità abitative funzionale e di buona fattura 3. Un locale

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA.

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA. FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA di concerto con IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA SOCIALE VISTO il decreto

Dettagli

abbattimento delle Barriere Architettoniche

abbattimento delle Barriere Architettoniche Laurea Specialistica in Ingegneria Edile abbattimento delle Barriere Architettoniche Progettazione e sicurezza dei luoghi di lavoro Disabili Il primo provvedimento italiano inerente le barriere architettoniche

Dettagli

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli

Protocollo C H I E D E

Protocollo C H I E D E Protocollo Marca da Bollo. 16,00 Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

Roma, 02 ottobre 2007

Roma, 02 ottobre 2007 RISOLUZIONE N. 275/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 02 ottobre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello art. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 IVA Aliquota agevolate- n. 41-bis) della Tabella

Dettagli

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA Presentazione L organizzazione dei Servizi Sociali a favore

Dettagli

Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. La Giunta regionale. omissis. Delibera

Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. La Giunta regionale. omissis. Delibera Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). Definizione dei requisiti tecnici relativi alle strutture ricettive extraalberghiere - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. (1) Pubblicata nel B.U. Marche 24 settembre

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Comune di Caneva Provincia di Pordenone LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PALESTRA CENTRO STUDI DI VIA MARCONI PROGETTO ESECUTIVO ALL. E: RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

Dettagli

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO L edilizia residenziale privata: problemi e soluzioni di vivibilità Geom. Silvia Trolli CAAD di Reggio Emilia Bologna, 18 maggio 2012 CAAD - Centri per l Adattamento

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

Scheda Accessibilità SCHEDA DI RILEVAMENTO. Scheda di Accessibilità Struttura Ricettiva Struttura Ricettiva ACCESSO ALLA STRUTTURA

Scheda Accessibilità SCHEDA DI RILEVAMENTO. Scheda di Accessibilità Struttura Ricettiva Struttura Ricettiva ACCESSO ALLA STRUTTURA Scheda Accessibilità SCHEDA DI RILEVAMENTO Scheda di Accessibilità Struttura Ricettiva Struttura Ricettiva me della struttura logia Categoria Comune Provincia Indicare, se possibile, se la struttura sia

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MINI ALLOGGI ASSISTITI

REGOLAMENTO DEI MINI ALLOGGI ASSISTITI A.S.P. CASA di RIPOSO SAN GIUSEPPE Azienda di Servizi alla Persona Largo della Vittoria, 20 26031 Isola Dovarese (CR) REGOLAMENTO DEI MINI ALLOGGI ASSISTITI Approvato con deliberazione n. 7 del 7.03.2012

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. Delibera:

LA GIUNTA REGIONALE. Delibera: APPROVAZIONE SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE L'INDICAZIONE DEGLI STANDARD GESTIONALI E STRUTTURALI DI: CASE DI RIPOSO CASE ALBERGO, COMUNITÀ ALLOGGIO PER ANZIANI E COMUNITÀ ALLOGGIO PER HANDICAPPATI Deliberazione

Dettagli

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive PROVINCIA DI SAVONA Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive La scheda è realizzata e gentilmente concessa da: Cooperativa Jonathan Livingston c/o Unità Spinale Unipolare - Ospedale Santa Corona

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Anche un solo gradino all ingresso può compromettere l accessibilità del locale alle persone che utilizzano la carrozzina. ACCESSIBILITÀ

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Il Sistema H.A.C.C.P. Il Sistema H.A.C.C.P., applicabile ad

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO A ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1

Dettagli

A. STANDARD ORGANIZZATIVI PER SERVIZI GIA FUNZIONANTI E DI NUOVA APERTURA

A. STANDARD ORGANIZZATIVI PER SERVIZI GIA FUNZIONANTI E DI NUOVA APERTURA COMUNE DI PERUGIA CENTRO PER BAMBINE/BAMBINI E FAMIGLIE Caratteristiche: E un servizio con caratteristiche educative, ludiche, culturali e di aggregazione sociale; prevede la presenza contemporanea di

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli