Trento, 2 dicembre 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trento, 2 dicembre 2006"

Transcript

1 Seminario La gestione del dolore oncologico SALA COOPERAZIONE Trento, 2 dicembre 2006 IL RUOLO DELL INFERMIERE NELL ASSISTENZA DEL PAZIENTE AFFETTO DA DOLORE ONCOLOGICO IN OSPEDALE E TERRITORIO STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEL DOLORE Inf Federica Bresciani Servizio di cure domiciliari cure palliative Distretto Trento,Valle dei Laghi, Rotaliana, Paganella Inf Cristina Pontalti U.O. Oncologia Medica Ospedale S. Chiara (Trento) Inf Franca Dallapè Servizio Infermieristico Ospedale S.Lorenzo Borgo Valsugana (Trento)

2 IL DOLORE TOTALE SORGENTE SOMATICA DEPRESSIONE ANSIA RABBIA

3 VALUTAZIONE DEL DOLORE (ABCDE) ASK (CHIEDERE) ASSESS (VALUTARE) BELIEVE (CREDERE) CHOOSE (SCEGLIERE) DELIVER (INTERVENIRE) EMPOWER (DARE PIENI POTERI) ENABLE (METTERE IN GRADO ) AHRQ 2001

4 ASK - CHIEDERE A CHI? AL PAZIENTE ALLA FAMIGLIA AL CAREGIVER

5 ASK - CHIEDERE QUANDO? ACCETTAZIONE PRESA IN CARICO COMPARSA SINTOMO (DOLORE COME 5 PARAMETRO ) RIVALUTAZIONE (PERIODICA e DOCUMENTATA)

6 ASK - CHIEDERE COME? INDAGANDO TIPO DI DOLORE INTENSITA SEDE IRRADIAZIONE

7 ASK - CHIEDERE COME? INDAGANDO TEMPO DI COMPARSA FATTORI ALLEVIANTI / AGGRAVANTI ANDAMENTO NEL TEMPO BENEFICIO DELLE TERAPIE (PQRST)

8 ASK CHIEDERE COME? ATTRAVERSO STRUMENTI DI VALUTAZIONE IDONEI AUTOVALUTAZIONE ETEROVALUTAZIONE AGS, 2002

9 Scale autovalutazione I metodi di valutazione si basano sulla descrizione verbale o analogica che il paziente riesce a dare del proprio dolore, i limiti pertanto sono posti soprattutto dalle capacità cognitive e comunicative e dall età del paziente. Si definiscono anche soggettive o self report

10 AUTOVALUTAZIONE Paziente = fonte primaria Attenzione deficit sensoriali, visivi,uditivi deficit di comunicazione differenze socio culturali setting adatto domande semplici rispetto dei tempi gestualità non influenzare la risposta del paziente utilizzare la scala di valutazione più idonea AGS, 2002

11 Scale autovalutative VAS (Visual Analogue Scale) Scala analogico visiva VDS (Verbal Descriptor Scale) Scala descrittiva semplice dell intensità del dolore NRS (Numeric Pain Intensity Scale) Scala numerica da 1 a 10 dell intensità del dolore PRS (Happy Face Pain Rating Scale) Scala a faccine ad uso prevalentemente pediatrico

12

13 Happy Face Pain Rating Scale 6-8 aa

14 Scala VAS Caratteristica Vantaggi Svantaggi Rappresenta l ampiezza visiva del dolore che il paziente crede di avvertire; può assumere la forma di scala del sollievo Semplicità; facilmente ripetibile Indipendenza dalla lingua Utilizzabile dai 7 anni di età Monodimensionale -Tendenza al raggruppamento ai numeri centrali Limiti imposti con gli estremi assoluti Risposte influenzate da caratteristiche psicofisiche Tasso di insuccesso del 7% Richiede coordinazione visiva e motoria

15 Scala NRS Caratteristica Vantaggi Valore numerico singolo 0=nessun dolore 10= peggior dolore possibile Elimina la necessità della condizione visiva e motoria Concorda con la VAS Facilmente compresa dal paziente Svantaggi Tasso di insuccesso del 2%

16 Scala VDS Caratteristica Intensità del dolore definita (assente, lieve ecc.) Le distanze tra i termini si definiscono uguali Vantaggi Svantaggi Molto semplice Maggiore probabilità di completamento, maggior accuratezza Sensibile alla posologia dei farmaci, al sesso e alle differenze etniche Ristretto numero di termini per la definizione del dolore

17 Strumenti multidimensionali Brief Pain Inventory (BPI) Mc Gill Pain Questionairre (MPQ) Pain Perception Profile Diario

18 Strumenti di valutazione del dolore multidimensionali Brief Pain Inventory (BPI) è uno strumento di valutazione del dolore facile da usare e quantifica sia l intensità del dolore sia la disabilità che esso provoca nel paziente. Consiste in una serie di domande (descrittori) inerenti l intensità del dolore e la conseguente limitazione funzionale. Tali domande indagano gli aspetti delle precedenti 24 ore (ubicazione, intensità, impatto del dolore sulla vita del paziente, tipo ed efficacia di alcuni trattamenti). Il BPI abbisogna dai 5 ai 15 minuti per la compilazione. Esiste una versione italiana : Breve questionario per la valutazione del dolore

19

20 SELEZIONE DELLA VERSIONE ITALIANA DEL BRIEF PAIN INVENTORY Valuti il suo dolore facendo un cerchio intorno al numero che meglio descrive l intensità del suo dolore peggiore nelle ultime 24 ore Nessun Il dolore più forte dolore che possa immaginare Valuti il suo dolore facendo un cerchio intorno al numero che meglio descrive l intensità del suo dolore più lieve nelle ultime 24 ore Nessun Il dolore più forte dolore che possa immaginare Valuti il suo dolore facendo un cerchio intorno al numero che meglio descrive l intensità del suo dolore in media nelle ultime 24 ore Nessun Il dolore più forte dolore che possa immaginare Valuti il suo dolore facendo un cerchio intorno al numero che meglio descrive quanto dolore ha in questo momento Nessun Il dolore più forte dolore che possa immaginare Da Martini C, Caraceni A

21 Strumenti di valutazione del dolore multidimensionali Mc Gill Pain Questionairre (MPQ) E lo strumento multidimensionale maggiormente utilizzato nei casi di dolore oncologico rispetto a tutte le scale in uso. E basato su parole che il paziente seleziona per descrivere il suo dolore Può essere associato con altri strumenti di valutazione per migliorare l accuratezza dell accertamento. Anche di questo strumento esiste una versione italiana e una versione breve

22 Caratteristiche Classifica 102 termini diversi che descrivono differenti aspetti del dolore. I termini sono suddivisi in tre classi maggiori, sensoriale, emotivo- affettiva, valutativa e 16 sottoclassi che contengono un gruppo di parole considerate qualitativamente simili. Vi è aggiunta una VDS, per misurare l intensità del dolore presente ed un disegno di un corpo umano, visto davanti e dietro, per indicare la localizzazione.

23 Caratteristiche Possiede una potenziale possibilità di aiutare nella diagnosi differenziale, in quanto ogni tipo di dolore è caratterizzato da una distinta costellazione di descrittori verbali. Tale possibilità può essere invalidata da alti livelli di ansia ed altri disturbi psicologici che possono produrre un alto punteggio della dimensione affettiva.

24 Versione italiana del MPQ

25

26 Misurazione psicofisica Nell'intento di accorciare la distanza fra approccio di laboratorio e approccio clinico alcuni hanno utilizzato i metodi di "cross-modality' per misurare l'esperienza del dolore. Secondo questo metodo, un'esperienza di dolore, rappresentata da una serie di termini che descrivono il dolore stesso, viene quantificata accoppiandola a uno stimolo che riguarda una diversa modalità sensitiva, come la forza di una stretta di mano, la durata di un evento, la lunghezza di una linea o l'altezza di una voce. In tale contesto, i termini descrittivi possono essere utilizzati come risposte da scegliere da parte dei soggetti esposti agli stimoli nocivi. Il concetto di proporzionalità è centrale nell'esecuzione del procedimento. Questa tecnica probabilmente determina meno errori e fornisce risultati più coerenti rispetto alle misurazioni con le scale per categorie. E' inoltre in grado di classificare il dolore per più di una dimensione.

27 Misurazione psicofisica PPP In laboratorio, le tecniche psicofisiche sono state utilizzate per i test farmacologici. I termini descrittivi vengono spesso utilizzati in quanto le parole scelte possono produrre scale obiettive di significati verbali. Ad esempio il Pain Perception Profile contiene tre serie di termini descrittivi, con 12 termini per ciascuna serie, tratti dall'mpq. Questi termini rifletterebbero l'intensità del dolore nonché le qualità affettive e sensitive. Con tecniche psicofisiche, a ciascuna serie viene assegnato un valore, per poi attribuire a ciascuna componente una scala di rapporto.

28 Diari Un modo pratico ed ampiamente utilizzato per valutare i comportamenti da dolore è quello di chiedere ai pazienti di tenere un diario giornaliero delle loro attività. Solitamente i pazienti registrano il numero di volte che compiono delle attività specifiche (ad esempio sedere, camminare, stare distesi, in piedi) e quanto tempo dedicano ad esse. Il diario del dolore (o tecnica dei resoconti soggettivi) è una esposizione personale orale o scritta delle esperienze e del comportamento giornaliero. Si tratta di una quantificazione indiretta ma spesso si è dimostrata sufficientemente attendibile e utile per analizzare giornalmente i mutamenti delle condizioni patologiche e la risposta alla terapia Tale tipo di misurazione è dipendente dalla accurata registrazione degli eventi.

29 Il punto di riflessione su questi strumenti Gli strumenti per la valutazione del dolore sono molteplici, alcuni dei quali validati anche in lingua italiana. Il loro utilizzo più appropriato, fino ad oggi, è stato all interno di specifici studi nel setting della ricerca clinica sul dolore. Studi ad hoc hanno cercato di definire i tempi e la frequenza della somministrazione degli strumenti descritti, con riferimento preciso, per esempio, al dolore attuale o a quello medio delle ultime 24 ore o dell ultima settimana. Si ritiene che le misurazioni più valide ed aderenti alla realtà siano rappresentate o dalla media dei valori di tre misurazioni quotidiane di dolore attuale, cioè presente al momento stesso della rilevazione, o, in caso di impossibilità ad eseguire ripetuti monitoraggi nella giornata, dalla rilevazione del dolore peggiore, che probabilmente rimane la variabile con maggiore significato clinico (ad esempio, per individuare tempestivamente la necessità di un cambio terapeutico).

30 Il punto di riflessione su questi strumenti Il numero di episodi di breakthrough pain (dolore episodico intenso in una condizione di analgesia farmacologicamente controllata) e il numero di volte in cui è stato necessario somministrare farmaci al bisogno (rescue dose = dose addizionale di farmaci), costituiscono due ulteriori parametri di cui tenere conto nella valutazione complessiva del dolore. La valutazione del dolore ha significato se è assicurata la massima visibilità di tale rilevazione, mediante presenza degli strumenti con la valutazione del dolore nella cartella clinica del paziente.

31 Scale di eterovalutazione Valutano specifici indici comportamentali e fisiologici in risposta ad uno stimolo doloroso derivandone un punteggio secondo l intensità del dolore. Si definiscono anche oggettive e rappresentano l analisi comportamentale associata ai parametri fisiologici

32 Scale di eterovalutazione Vengono utilizzate nel caso in cui l autovalutazione, anche assistita, non sia possibile o affidabile (demenza, alterazione del sensorio, età..) Si basano sull osservazione di componenti fisiche o comportamentali potenzialmente indicative di dolore Sono validate solo in alcuni Paesi (Francia, Belgio ) o per determinate tipologie di pazienti (pazienti affetti da demenza ) Presentano rischio di disomogeneità nella rilevazione AGS, 2002

33 Scale eterovalutative Sono composte da item che valutano la persona a riposo e durante il movimento o le cure. Ogni scala è correlata di lessico e indicazioni scritte per l utilizzo. FLACC scala pediatrica (neonati a termine-7 anni) ECS Scala Comportamentale Semplificata (francese) adulti ECPA Scala Comportamentale di Valutazione dell Anziano (francese) Echelle DOLOPLUS 2 Valutazione comportamentale del dolore negli anziani CNPI Cecklist of Nonverbal Pain Indicator (anglosassone) APS Abbey Pain Scale (australiana)

34 FLACC (Merkel et al, 1997) (si tratta se dolore sup= a 5) (full term neonate 7 years) Punteggio Volto Face Espressione neutra o sorriso Smorfie occasionali,espressione disinteressata Aggrottamento ciglia,da costante a frequente,tremore del mento Gambe Legs Posizione normale o rilassata Movimenti delle gambe a scatti o scalcianti,muscoli tesi Scalcia e ritrae le gambe in modo più frequente Attività Activity Posizione normale e tranquilla, si muove naturalmente Si agita, si dondola avanti e indietro, è teso Inarcato e rigido, si muove a scatti Pianto Cray Assenza di pianto Geme e piagnucola, lamenti occasionali Piange in modo continuo, urla e singhiozza, si lamenta frequentemente Consolabile Consolability Soddisfatto, rilassato E rassicurato dall abbraccio, dal tono della voce, è distraibile Difficoltà a consolarlo e confortarlo

35 Ecpa Echelle (esempio) Scala ECPA (Scala comportamentale per anziani) Cognome Nome Servizio Data PUNTEGGIO TOTALE (su 32): I OSSERVAZIONI PRIMA DELLE CURE 1º Espressione del viso: SGUARDO e MIMICA0: Viso disteso1: Viso preoccupato2: Ogni tanto il soggetto fa delle smorfie3: Sguardo spaventato e/o viso contratto4: Espressione completamente irrigidita 2º POSIZIONE SPONTANEA a riposo(ricerca di un atteggiamento o di una posizione antalgica)0: Nessuna posizione antalgica1: Il soggetto evita una posizione specifica2: Il soggetto sceglie una posizione antalgica3: Il soggetto ricerca una posizione antalgica senza trovarla4: Il soggetto rimane immobile, immobilizzato dal dolore 3º MOVIMENTI (o MOBILITA ) del paziente (fuori dal e/o a letto)0: Il soggetto si muove o non si muove come al solito*1: Il soggetto si muove come al solito* ma evita alcuni movimenti2: Lentezza, rarità di movimenti contrariamente alle sue abitudini*3: Immobilità contrariamente alle sue abitudini*4: Rarità di movimenti** o molta agitazione, contrariamente alle sue abitudini* 4º RAPPORTO CON GLI ALTRI Si tratta di qualunque tipo di rapporto: sguardo, gesti, espressioni.0: Stesso tipo di contatto come al solito*1: Contatto più difficile da stabilire rispetto al solito*2: Evita il rapporto contrariamente al solito*3: Assenza di qualsiasi contatto contrariamente al solito*4: Indifferenza totale contrariamente al solito*

36 Ecpa Echelle (esempio) II OSSERVAZIONI DURANTE LE CURE 5º Anticipazione ANSIOSA alle cure0: Il soggetto non mostra ansia1: Angoscia allo sguardo, sensazione di paura2: Soggetto agitato3: Soggetto aggressivo4: Grida, sospiri, gemiti 6º Reazioni durante la MOBILIZZAZIONE0: Il soggetto si lascia muovere o si muove senza prestare particolare importanza1: Il soggetto ha uno sguardo attento e sembra temere la mobilizzazione o le cure2: Il soggetto si trattiene con le mani o guida i movimenti durante la mobilizzazione e le cure3: Il soggetto adotta una posizione antalgica durante la mobilizzazione o le cure4. Il soggetto si oppone alla mobilizzazione o alle cure 7º Reazioni durante le CURE delle ZONE DOLOROSE0: Nessuna reazione durante le cure1: Reazione esclusivamente durante le cure2: Reazione al TATTO delle zone dolorose3: Reazione allo SFIORAMENTO delle zone dolorose4: L approccio alle zone risulta impossibile 8º LAMENTI espressi DURANTE le cure0: Il soggetto non si lamenta1: Il soggetto si lamenta se l addetto alle cure si rivolge a lui2: Il soggetto si lamenta in presenza di un addetto alle cure3: Il soggetto geme o si lamenta silenziosamente quando viene curato4: Il soggetto urla o si lamenta molto quando viene curato

37 Doloplus 2 (esempio) Valutazione comportamentale del dolore negli anziani Cognome:Nome: Servizio:DATE Osservazione comportamentale A LIVELLO SOMATICO 1. Lamenti somatici Nessun lamento Lamenti presenti solo se sollecitati Lamenti spontanei occasionali Lamenti spontanei continui 2. Posizioni antalgiche a riposo Nessuna posizione antalgicail soggetto evita occasionalmente alcune posizioni Posizione antalgica permanente ed efficaceposizione antalgica permanente inefficace 3. Protezione delle zone dolorose Nessuna protezione Protezione alla sollecitazione che non impedisce il proseguimento dell esame o delle cure Protezione alla sollecitazione che impedisce qualsiasi tipo di esame o cura Protezione a riposo in assenza di sollecitazione

38 Doloplus 2 (esempio) A LIVELLO PSICOMOTORIO 6. Pulizia personale e/o fase di abbigliamento Capacità abituali invariate Capacità abituali leggermente ridotte (con alcune precauzioni ma in modo completo)capacità abituali molto ridotte, poiché la pulizia personale e/o la fase di abbigliamento risultano difficili e parziali La pulizia personale e/o la fase di abbigliamento si rendono impossibili poiché il malato esprime la sua opposizione a qualsiasi tentativo 7. Movimenti Capacità abituali invariate Capacità abituali attive limitate (il malato evita alcuni movimenti, diminuisce il proprio perimetro percorso per le passeggiate) Capacità abituali attive e passive limitate (anche se aiutato il malato limita i propri movimenti) Movimento impossibile, qualsiasi mobilizzazione comporta un opposizione

39 Doloplus 2 (esempio) A LIVELLO PSICOSOCIALE 8. Comunicazione Invariata Intensificata (la persona attrae l attenzione in modo insolito) Ridotta (la persona si isola) Assenza o rifiuto di qualsiasi tipo di comunicazione 9. Vita sociale Partecipazione abituale alle diverse attività (pasti, animazioni, laboratori terapeutici)partecipazione alle diverse attività solo in caso di sollecitazione Rifiuto parziale alla partecipazione alle diverse attività Rifiuto della vita sociale

40 Il punto di riflessione su questi strumenti L'esperienza del dolore è impossibile da misurare direttamente e l'osservatore, quindi, deve inevitabilmente basarsi sulla descrizione del dolore fatta dal paziente e dimostrarne la fondatezza osservando il comportamento associato. Il comportamento espresso durante il dolore può comprendere i lamenti, l'assunzione di farmaci o la ricerca di un trattamento, la compromissione delle funzioni fisiche o sociali e le manifestazioni legate al dolore fisico, quali smorfie facciali, gemiti o il massaggio della parte dolente. Molte di queste azioni possono essere obiettivamente analizzate e quantizzate. La misurazioni obiettiva del comportamento associato al dolore può dar luogo a errori dovuti a numerose variabili, tra cui l'influenza dell'esaminatore sul comportamento del paziente, il ruolo del coniuge o di altre persone vicine al paziente. L'atteggiamento tenuto durante il dolore può essere rinforzato e mantenuto dall'osservazione, nonostante il miglioramento della sensazione dolorifica. La cognizione che il comportamento associato al dolore può persistere per ragioni diverse da quelle che lo hanno causato, può aggiungere ulteriori difficoltà alla misurazione oggettiva.

41 BELIEVE -CREDERE Perché l infermiere deve credere al paziente? Quali difficoltà può incontrare l infermiere nel credere al paziente (personali, interpretative, organizzative )

42 Perché l infermiere deve credere al paziente Per la definizione di dolore (esperienza spiacevole descritta in tali termini) Perché l infermiere trova indicazioni nel Codice Deontologico e nel Profilo Professionale.

43 L assistenza infermieristica è di natura relazionale Art.1.2 Profilo professionale l infermiere è responsabile dell assistenza generale infermieristica..attività di natura tecnica, relazionale ed educativa. Art.1.2 CD...l assistenza infermieristica... si realizza attraverso interventi... di natura relazionale Art.4.2 CD L infermiere ascolta, informa, coinvolge la persona Art.4.5 CD L infermiere garantisce le informazioni relative al piano di assistenza ed adegua il livello di comunicazione

44 L infermiere si prende cura nel rispetto Art.1.3 CD La responsabilità dell infermiere consiste nel curare e prendersi cura Art.2.3 CD L infermiere riconosce che tutte le persone hanno diritto ad uguale considerazione e le assiste indipendentemente... Art.2.4 CD L infermiere agisce tenendo conto dei valori, nonchè della cultura, etnia e sesso

45 L infermiere attiva le risorse Art.2.6 CD l infermiere orienta la sua azione all autonomia e al bene dell assistito, di cui attiva le risorse Art.4.3 CD L infermiere, rispettando le indicazioni espresse dall assistito, ne facilita i rapporti con la comunità e le persone per lui significative, che coinvolge nel piano di cura.

46 IN CONCLUSIONE Assistenza di natura relazionale Prendersi cura nel rispetto Attivare le risorse Hanno in sé il concetto di CREDERE E caratterizzano una RELAZIONE DI TIPO PROFESSIONALE

47 QUALI DIFFICOLTA E QUALI POSSIBILI RISPOSTE DIFFICOLTA PERSONALI (sviluppare corrette abilità comunicative) DIFFICOLTA INTERPRETATIVE (sviluppare capacità di ascolto attivo) DIFFICOLTA ORGANIZZATIVE (lavoro d èquipe art. 2.5; 4.4; 5.1 Codice Deontologico dell Infermiere)

48 CHOOSE - SCEGLIERE TERAPIA PERSONALIZZATA CONTROLLO SINTOMI ED EFFETTI COLLATERALI (RIVALUTAZIONE) VALUTAZIONE RISORSE (PERSONALI, FAMILIARI, TECNICHE)

49 DELIVER - INTERVENIRE Intervenire in modo tempestivo inizio precoce della valutazione e/o terapia conoscenza della storia naturale della malattia gestione e prevenzione degli effetti collaterali

50 DELIVER - INTERVENIRE Intervenire in modo logico e coordinato All interno dell èquipe Tra ospedale territorio - ospedale

51 EMPOWER DARE POTERI AL PAZIENTE (paziente unico esperto della propria malattia, con le proprie aspettative, credenze ) ALLA FAMIGLIA

52 IL RUOLO DELL INFERMIERE NELLA VALUTAZIONE DEL DOLORE E fondamentale perché: Una mancata valutazione del dolore porta ad uno scarso ed inadeguato trattamento Un dolore non alleviato ma alleviabile genera sofferenza inutile Rilevare costantemente la presenza del sintomo dolore comunica al paziente che siamo interessati anche a questo aspetto e che può sentirsi libero di riferirlo

53 L ospedale S.Chiara di Trento ha terminato nel secondo semestre 2005 il percorso d adeguamento agli standard della Joint Commission International ottenendo l accreditamento d eccellenza

54 Il Comitato Ospedale Senza Dolore COSD ha lavorato per l accreditamento elaborando linee guida sul dolore coerenti con gli standard JCI e le azioni per la loro applicazione

55 Core principles of Pain Assessment and Management JCAHO Joint Commission on Accreditation of Healthcare Organization. Dec 2001 Il paziente ha diritto ad appropriato accertamento e gestione del dolore; il dolore (dovrebbe essere) è stimato il tutti i pazienti Il dolore è soggettivo, per questo il self-report del paziente è l indicatore più affidabile; il clinico deve accettare e rispettare senza dubbi questo self-report I segni oggettivi fisiologici e comportamentali non sono così specifici e sensibili; tali osservazioni non dovrebbero sostituire il self-report a meno che il paziente sia incapace di comunicare L accertamento e gli strumenti dovrebbero essere appropriati per la popolazione-paziente in studio; considerazioni speciali devono essere tenute presenti per pazienti con difficoltà comunicative. I membri della famiglia, quando possibile devono essere inclusi nel processo di assessment.

56 Core principles of Pain Assessment and Management JCAHO Joint Commission on Accreditation of Healthcare Organization. Dec 2001 Il dolore può esistere anche quando non può essere trovata alcuna causa fisica;per questo i dolori senza causa identificabile non dovrebbero essere attribuiti a cause psicologiche Pazienti diversi sperimentano livelli diversi del dolore rispetto a stimoli comparabili; per questo non esiste un dolore di soglia uniforme La tolleranza al dolore varia fra e all interno degli individui e dipende da fattori quali l ereditarietà, il livello di energia, le abilità di coping, le pregresse esperienze di dolore

57 Core principles of Pain Assessment and Management JCAHO Joint Commission on Accreditation of Healthcare Organization. Dec 2001 I pazienti con dolore cronico possono essere più sensibili al dolore ed agli altri stimoli Il dolore non alleviato presenta conseguenze avverse; per questo i clinici dovrebbero incoraggiare le risposte del dolore nel paziente che è riluttante a descrivere il dolore, che lo nega quando probabilmente è presente, o che non riesce a seguire i trattamenti prescritti Il dolore è una esperienza sensoriale ed emotiva sgradevole, quindi l accertamento dovrebbe essere indirizzato ad aspetti del dolore fisico e psicologico.

58 Gli standard JCI sul dolore - COP 17: I pazienti sono supportati nell efficace gestione del dolore - COP 18: Il dolore è valutato in tutti i pazienti - COP 19: I pazienti vengono educati sul dolore e sulla gestione del dolore e dei sintomi come parti integranti del trattamento.

59 Care of patient 18 (COP 18) IL DOLORE E VALUTATO IN TUTTI I PAZIENTI

60

61 Regolo in uso presso l APSS di Trento

62

63 2 dic F DS F FD 2 dic LG

64 BIBLIOGRAFIA AGS The management of persistent pain in older person. JAGS 2002; 50/S205-S224. Bonadonna. Medicina Oncologica (7th ed.), Milano,Masson. C.R. Rogers.La terapia centrata sul cliente, Martinelli,1970 Codice Deontologico dell Infermiere. Comitato Centrale, Febbraio E.A. Moya,E. Vegni. La visita medica centrata sul paziente, In atti del convegno Il tempo in oncologia.raffaello Cortina Editore, 2000 Joan Dominigan Wentz.Assessing pain at the end of life. Nursing 2003;33 (8) Justine Soscia. Assessing pain in cognitively impaired older adults with cancer. Clinical Journal Of Oncology Nursing 2003;7 (2) Management of cancer pain.clinical practice guideline, number 35.AHRQ publication n.02 E002. Rockville MD: Agency for Health Care Research and Quality.US Department of Health and Human Services. Ottobre 2001 Regolamento concernente l individuazione della figura e del relativo profilo professionale dell infermiere. D.M. 14 settembre 1994, n. 739 (1) Tursky B, Jainner LD, Friedinan R. The pain perception profile: a psychophysical approach to the assessment of pain report. BehavTher 1982; 13: NPC National Pharmaceutical Council, inc; JCAHO Monograph Pain:Current Anderstanding of Assessment, Management, and Treatment December 2001

65 Letture consigliate 1) Valutazione, diagnosi e trattamento del dolore da cancro. A cura di: Mercadante S, Ripamonti C. Masson, Milano, ) Libro Italiano di Cure Palliative. A cura di: Amadori D, De Conno F.Poletto Editore, Roma, ) Il dolore da cancro. Manuale pratico della European School of Oncology. A cura di: De Conno F, Caraceni A.Raffaello Cortina Editore, Milano, ) World Health Organization: Cancer pain relief with a guide to opioid availability. World Health Organization, Geneva, ) Management of pain. Oxford Textbook of Palliative Medicine.Doyle D, Hanks GWC, MacDonanld N (Eds). Oxford University Press, Oxford, ) Cure palliative e assistenza domiciliare in oncologia medica.organizzazione, costi, ricerca. Amadori D, Maltoni M, Fabbri M. Pensiero Scientifico Editore, Roma, 1999

66 GRAZIE PER L ATTENZIONE

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA DEL DOLORE

ANATOMIA E FISIOLOGIA DEL DOLORE COS E IL DOLORE In termini fisiopatologici moderni il dolore corrisponde ad una "sensazione spiacevole e ad una esperienza emozionale ed affettiva associata a danno dei tessuti o descritto nei termini

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli