Trento, 2 dicembre 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trento, 2 dicembre 2006"

Transcript

1 Seminario La gestione del dolore oncologico SALA COOPERAZIONE Trento, 2 dicembre 2006 IL RUOLO DELL INFERMIERE NELL ASSISTENZA DEL PAZIENTE AFFETTO DA DOLORE ONCOLOGICO IN OSPEDALE E TERRITORIO STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEL DOLORE Inf Federica Bresciani Servizio di cure domiciliari cure palliative Distretto Trento,Valle dei Laghi, Rotaliana, Paganella Inf Cristina Pontalti U.O. Oncologia Medica Ospedale S. Chiara (Trento) Inf Franca Dallapè Servizio Infermieristico Ospedale S.Lorenzo Borgo Valsugana (Trento)

2 IL DOLORE TOTALE SORGENTE SOMATICA DEPRESSIONE ANSIA RABBIA

3 VALUTAZIONE DEL DOLORE (ABCDE) ASK (CHIEDERE) ASSESS (VALUTARE) BELIEVE (CREDERE) CHOOSE (SCEGLIERE) DELIVER (INTERVENIRE) EMPOWER (DARE PIENI POTERI) ENABLE (METTERE IN GRADO ) AHRQ 2001

4 ASK - CHIEDERE A CHI? AL PAZIENTE ALLA FAMIGLIA AL CAREGIVER

5 ASK - CHIEDERE QUANDO? ACCETTAZIONE PRESA IN CARICO COMPARSA SINTOMO (DOLORE COME 5 PARAMETRO ) RIVALUTAZIONE (PERIODICA e DOCUMENTATA)

6 ASK - CHIEDERE COME? INDAGANDO TIPO DI DOLORE INTENSITA SEDE IRRADIAZIONE

7 ASK - CHIEDERE COME? INDAGANDO TEMPO DI COMPARSA FATTORI ALLEVIANTI / AGGRAVANTI ANDAMENTO NEL TEMPO BENEFICIO DELLE TERAPIE (PQRST)

8 ASK CHIEDERE COME? ATTRAVERSO STRUMENTI DI VALUTAZIONE IDONEI AUTOVALUTAZIONE ETEROVALUTAZIONE AGS, 2002

9 Scale autovalutazione I metodi di valutazione si basano sulla descrizione verbale o analogica che il paziente riesce a dare del proprio dolore, i limiti pertanto sono posti soprattutto dalle capacità cognitive e comunicative e dall età del paziente. Si definiscono anche soggettive o self report

10 AUTOVALUTAZIONE Paziente = fonte primaria Attenzione deficit sensoriali, visivi,uditivi deficit di comunicazione differenze socio culturali setting adatto domande semplici rispetto dei tempi gestualità non influenzare la risposta del paziente utilizzare la scala di valutazione più idonea AGS, 2002

11 Scale autovalutative VAS (Visual Analogue Scale) Scala analogico visiva VDS (Verbal Descriptor Scale) Scala descrittiva semplice dell intensità del dolore NRS (Numeric Pain Intensity Scale) Scala numerica da 1 a 10 dell intensità del dolore PRS (Happy Face Pain Rating Scale) Scala a faccine ad uso prevalentemente pediatrico

12

13 Happy Face Pain Rating Scale 6-8 aa

14 Scala VAS Caratteristica Vantaggi Svantaggi Rappresenta l ampiezza visiva del dolore che il paziente crede di avvertire; può assumere la forma di scala del sollievo Semplicità; facilmente ripetibile Indipendenza dalla lingua Utilizzabile dai 7 anni di età Monodimensionale -Tendenza al raggruppamento ai numeri centrali Limiti imposti con gli estremi assoluti Risposte influenzate da caratteristiche psicofisiche Tasso di insuccesso del 7% Richiede coordinazione visiva e motoria

15 Scala NRS Caratteristica Vantaggi Valore numerico singolo 0=nessun dolore 10= peggior dolore possibile Elimina la necessità della condizione visiva e motoria Concorda con la VAS Facilmente compresa dal paziente Svantaggi Tasso di insuccesso del 2%

16 Scala VDS Caratteristica Intensità del dolore definita (assente, lieve ecc.) Le distanze tra i termini si definiscono uguali Vantaggi Svantaggi Molto semplice Maggiore probabilità di completamento, maggior accuratezza Sensibile alla posologia dei farmaci, al sesso e alle differenze etniche Ristretto numero di termini per la definizione del dolore

17 Strumenti multidimensionali Brief Pain Inventory (BPI) Mc Gill Pain Questionairre (MPQ) Pain Perception Profile Diario

18 Strumenti di valutazione del dolore multidimensionali Brief Pain Inventory (BPI) è uno strumento di valutazione del dolore facile da usare e quantifica sia l intensità del dolore sia la disabilità che esso provoca nel paziente. Consiste in una serie di domande (descrittori) inerenti l intensità del dolore e la conseguente limitazione funzionale. Tali domande indagano gli aspetti delle precedenti 24 ore (ubicazione, intensità, impatto del dolore sulla vita del paziente, tipo ed efficacia di alcuni trattamenti). Il BPI abbisogna dai 5 ai 15 minuti per la compilazione. Esiste una versione italiana : Breve questionario per la valutazione del dolore

19

20 SELEZIONE DELLA VERSIONE ITALIANA DEL BRIEF PAIN INVENTORY Valuti il suo dolore facendo un cerchio intorno al numero che meglio descrive l intensità del suo dolore peggiore nelle ultime 24 ore Nessun Il dolore più forte dolore che possa immaginare Valuti il suo dolore facendo un cerchio intorno al numero che meglio descrive l intensità del suo dolore più lieve nelle ultime 24 ore Nessun Il dolore più forte dolore che possa immaginare Valuti il suo dolore facendo un cerchio intorno al numero che meglio descrive l intensità del suo dolore in media nelle ultime 24 ore Nessun Il dolore più forte dolore che possa immaginare Valuti il suo dolore facendo un cerchio intorno al numero che meglio descrive quanto dolore ha in questo momento Nessun Il dolore più forte dolore che possa immaginare Da Martini C, Caraceni A

21 Strumenti di valutazione del dolore multidimensionali Mc Gill Pain Questionairre (MPQ) E lo strumento multidimensionale maggiormente utilizzato nei casi di dolore oncologico rispetto a tutte le scale in uso. E basato su parole che il paziente seleziona per descrivere il suo dolore Può essere associato con altri strumenti di valutazione per migliorare l accuratezza dell accertamento. Anche di questo strumento esiste una versione italiana e una versione breve

22 Caratteristiche Classifica 102 termini diversi che descrivono differenti aspetti del dolore. I termini sono suddivisi in tre classi maggiori, sensoriale, emotivo- affettiva, valutativa e 16 sottoclassi che contengono un gruppo di parole considerate qualitativamente simili. Vi è aggiunta una VDS, per misurare l intensità del dolore presente ed un disegno di un corpo umano, visto davanti e dietro, per indicare la localizzazione.

23 Caratteristiche Possiede una potenziale possibilità di aiutare nella diagnosi differenziale, in quanto ogni tipo di dolore è caratterizzato da una distinta costellazione di descrittori verbali. Tale possibilità può essere invalidata da alti livelli di ansia ed altri disturbi psicologici che possono produrre un alto punteggio della dimensione affettiva.

24 Versione italiana del MPQ

25

26 Misurazione psicofisica Nell'intento di accorciare la distanza fra approccio di laboratorio e approccio clinico alcuni hanno utilizzato i metodi di "cross-modality' per misurare l'esperienza del dolore. Secondo questo metodo, un'esperienza di dolore, rappresentata da una serie di termini che descrivono il dolore stesso, viene quantificata accoppiandola a uno stimolo che riguarda una diversa modalità sensitiva, come la forza di una stretta di mano, la durata di un evento, la lunghezza di una linea o l'altezza di una voce. In tale contesto, i termini descrittivi possono essere utilizzati come risposte da scegliere da parte dei soggetti esposti agli stimoli nocivi. Il concetto di proporzionalità è centrale nell'esecuzione del procedimento. Questa tecnica probabilmente determina meno errori e fornisce risultati più coerenti rispetto alle misurazioni con le scale per categorie. E' inoltre in grado di classificare il dolore per più di una dimensione.

27 Misurazione psicofisica PPP In laboratorio, le tecniche psicofisiche sono state utilizzate per i test farmacologici. I termini descrittivi vengono spesso utilizzati in quanto le parole scelte possono produrre scale obiettive di significati verbali. Ad esempio il Pain Perception Profile contiene tre serie di termini descrittivi, con 12 termini per ciascuna serie, tratti dall'mpq. Questi termini rifletterebbero l'intensità del dolore nonché le qualità affettive e sensitive. Con tecniche psicofisiche, a ciascuna serie viene assegnato un valore, per poi attribuire a ciascuna componente una scala di rapporto.

28 Diari Un modo pratico ed ampiamente utilizzato per valutare i comportamenti da dolore è quello di chiedere ai pazienti di tenere un diario giornaliero delle loro attività. Solitamente i pazienti registrano il numero di volte che compiono delle attività specifiche (ad esempio sedere, camminare, stare distesi, in piedi) e quanto tempo dedicano ad esse. Il diario del dolore (o tecnica dei resoconti soggettivi) è una esposizione personale orale o scritta delle esperienze e del comportamento giornaliero. Si tratta di una quantificazione indiretta ma spesso si è dimostrata sufficientemente attendibile e utile per analizzare giornalmente i mutamenti delle condizioni patologiche e la risposta alla terapia Tale tipo di misurazione è dipendente dalla accurata registrazione degli eventi.

29 Il punto di riflessione su questi strumenti Gli strumenti per la valutazione del dolore sono molteplici, alcuni dei quali validati anche in lingua italiana. Il loro utilizzo più appropriato, fino ad oggi, è stato all interno di specifici studi nel setting della ricerca clinica sul dolore. Studi ad hoc hanno cercato di definire i tempi e la frequenza della somministrazione degli strumenti descritti, con riferimento preciso, per esempio, al dolore attuale o a quello medio delle ultime 24 ore o dell ultima settimana. Si ritiene che le misurazioni più valide ed aderenti alla realtà siano rappresentate o dalla media dei valori di tre misurazioni quotidiane di dolore attuale, cioè presente al momento stesso della rilevazione, o, in caso di impossibilità ad eseguire ripetuti monitoraggi nella giornata, dalla rilevazione del dolore peggiore, che probabilmente rimane la variabile con maggiore significato clinico (ad esempio, per individuare tempestivamente la necessità di un cambio terapeutico).

30 Il punto di riflessione su questi strumenti Il numero di episodi di breakthrough pain (dolore episodico intenso in una condizione di analgesia farmacologicamente controllata) e il numero di volte in cui è stato necessario somministrare farmaci al bisogno (rescue dose = dose addizionale di farmaci), costituiscono due ulteriori parametri di cui tenere conto nella valutazione complessiva del dolore. La valutazione del dolore ha significato se è assicurata la massima visibilità di tale rilevazione, mediante presenza degli strumenti con la valutazione del dolore nella cartella clinica del paziente.

31 Scale di eterovalutazione Valutano specifici indici comportamentali e fisiologici in risposta ad uno stimolo doloroso derivandone un punteggio secondo l intensità del dolore. Si definiscono anche oggettive e rappresentano l analisi comportamentale associata ai parametri fisiologici

32 Scale di eterovalutazione Vengono utilizzate nel caso in cui l autovalutazione, anche assistita, non sia possibile o affidabile (demenza, alterazione del sensorio, età..) Si basano sull osservazione di componenti fisiche o comportamentali potenzialmente indicative di dolore Sono validate solo in alcuni Paesi (Francia, Belgio ) o per determinate tipologie di pazienti (pazienti affetti da demenza ) Presentano rischio di disomogeneità nella rilevazione AGS, 2002

33 Scale eterovalutative Sono composte da item che valutano la persona a riposo e durante il movimento o le cure. Ogni scala è correlata di lessico e indicazioni scritte per l utilizzo. FLACC scala pediatrica (neonati a termine-7 anni) ECS Scala Comportamentale Semplificata (francese) adulti ECPA Scala Comportamentale di Valutazione dell Anziano (francese) Echelle DOLOPLUS 2 Valutazione comportamentale del dolore negli anziani CNPI Cecklist of Nonverbal Pain Indicator (anglosassone) APS Abbey Pain Scale (australiana)

34 FLACC (Merkel et al, 1997) (si tratta se dolore sup= a 5) (full term neonate 7 years) Punteggio Volto Face Espressione neutra o sorriso Smorfie occasionali,espressione disinteressata Aggrottamento ciglia,da costante a frequente,tremore del mento Gambe Legs Posizione normale o rilassata Movimenti delle gambe a scatti o scalcianti,muscoli tesi Scalcia e ritrae le gambe in modo più frequente Attività Activity Posizione normale e tranquilla, si muove naturalmente Si agita, si dondola avanti e indietro, è teso Inarcato e rigido, si muove a scatti Pianto Cray Assenza di pianto Geme e piagnucola, lamenti occasionali Piange in modo continuo, urla e singhiozza, si lamenta frequentemente Consolabile Consolability Soddisfatto, rilassato E rassicurato dall abbraccio, dal tono della voce, è distraibile Difficoltà a consolarlo e confortarlo

35 Ecpa Echelle (esempio) Scala ECPA (Scala comportamentale per anziani) Cognome Nome Servizio Data PUNTEGGIO TOTALE (su 32): I OSSERVAZIONI PRIMA DELLE CURE 1º Espressione del viso: SGUARDO e MIMICA0: Viso disteso1: Viso preoccupato2: Ogni tanto il soggetto fa delle smorfie3: Sguardo spaventato e/o viso contratto4: Espressione completamente irrigidita 2º POSIZIONE SPONTANEA a riposo(ricerca di un atteggiamento o di una posizione antalgica)0: Nessuna posizione antalgica1: Il soggetto evita una posizione specifica2: Il soggetto sceglie una posizione antalgica3: Il soggetto ricerca una posizione antalgica senza trovarla4: Il soggetto rimane immobile, immobilizzato dal dolore 3º MOVIMENTI (o MOBILITA ) del paziente (fuori dal e/o a letto)0: Il soggetto si muove o non si muove come al solito*1: Il soggetto si muove come al solito* ma evita alcuni movimenti2: Lentezza, rarità di movimenti contrariamente alle sue abitudini*3: Immobilità contrariamente alle sue abitudini*4: Rarità di movimenti** o molta agitazione, contrariamente alle sue abitudini* 4º RAPPORTO CON GLI ALTRI Si tratta di qualunque tipo di rapporto: sguardo, gesti, espressioni.0: Stesso tipo di contatto come al solito*1: Contatto più difficile da stabilire rispetto al solito*2: Evita il rapporto contrariamente al solito*3: Assenza di qualsiasi contatto contrariamente al solito*4: Indifferenza totale contrariamente al solito*

36 Ecpa Echelle (esempio) II OSSERVAZIONI DURANTE LE CURE 5º Anticipazione ANSIOSA alle cure0: Il soggetto non mostra ansia1: Angoscia allo sguardo, sensazione di paura2: Soggetto agitato3: Soggetto aggressivo4: Grida, sospiri, gemiti 6º Reazioni durante la MOBILIZZAZIONE0: Il soggetto si lascia muovere o si muove senza prestare particolare importanza1: Il soggetto ha uno sguardo attento e sembra temere la mobilizzazione o le cure2: Il soggetto si trattiene con le mani o guida i movimenti durante la mobilizzazione e le cure3: Il soggetto adotta una posizione antalgica durante la mobilizzazione o le cure4. Il soggetto si oppone alla mobilizzazione o alle cure 7º Reazioni durante le CURE delle ZONE DOLOROSE0: Nessuna reazione durante le cure1: Reazione esclusivamente durante le cure2: Reazione al TATTO delle zone dolorose3: Reazione allo SFIORAMENTO delle zone dolorose4: L approccio alle zone risulta impossibile 8º LAMENTI espressi DURANTE le cure0: Il soggetto non si lamenta1: Il soggetto si lamenta se l addetto alle cure si rivolge a lui2: Il soggetto si lamenta in presenza di un addetto alle cure3: Il soggetto geme o si lamenta silenziosamente quando viene curato4: Il soggetto urla o si lamenta molto quando viene curato

37 Doloplus 2 (esempio) Valutazione comportamentale del dolore negli anziani Cognome:Nome: Servizio:DATE Osservazione comportamentale A LIVELLO SOMATICO 1. Lamenti somatici Nessun lamento Lamenti presenti solo se sollecitati Lamenti spontanei occasionali Lamenti spontanei continui 2. Posizioni antalgiche a riposo Nessuna posizione antalgicail soggetto evita occasionalmente alcune posizioni Posizione antalgica permanente ed efficaceposizione antalgica permanente inefficace 3. Protezione delle zone dolorose Nessuna protezione Protezione alla sollecitazione che non impedisce il proseguimento dell esame o delle cure Protezione alla sollecitazione che impedisce qualsiasi tipo di esame o cura Protezione a riposo in assenza di sollecitazione

38 Doloplus 2 (esempio) A LIVELLO PSICOMOTORIO 6. Pulizia personale e/o fase di abbigliamento Capacità abituali invariate Capacità abituali leggermente ridotte (con alcune precauzioni ma in modo completo)capacità abituali molto ridotte, poiché la pulizia personale e/o la fase di abbigliamento risultano difficili e parziali La pulizia personale e/o la fase di abbigliamento si rendono impossibili poiché il malato esprime la sua opposizione a qualsiasi tentativo 7. Movimenti Capacità abituali invariate Capacità abituali attive limitate (il malato evita alcuni movimenti, diminuisce il proprio perimetro percorso per le passeggiate) Capacità abituali attive e passive limitate (anche se aiutato il malato limita i propri movimenti) Movimento impossibile, qualsiasi mobilizzazione comporta un opposizione

39 Doloplus 2 (esempio) A LIVELLO PSICOSOCIALE 8. Comunicazione Invariata Intensificata (la persona attrae l attenzione in modo insolito) Ridotta (la persona si isola) Assenza o rifiuto di qualsiasi tipo di comunicazione 9. Vita sociale Partecipazione abituale alle diverse attività (pasti, animazioni, laboratori terapeutici)partecipazione alle diverse attività solo in caso di sollecitazione Rifiuto parziale alla partecipazione alle diverse attività Rifiuto della vita sociale

40 Il punto di riflessione su questi strumenti L'esperienza del dolore è impossibile da misurare direttamente e l'osservatore, quindi, deve inevitabilmente basarsi sulla descrizione del dolore fatta dal paziente e dimostrarne la fondatezza osservando il comportamento associato. Il comportamento espresso durante il dolore può comprendere i lamenti, l'assunzione di farmaci o la ricerca di un trattamento, la compromissione delle funzioni fisiche o sociali e le manifestazioni legate al dolore fisico, quali smorfie facciali, gemiti o il massaggio della parte dolente. Molte di queste azioni possono essere obiettivamente analizzate e quantizzate. La misurazioni obiettiva del comportamento associato al dolore può dar luogo a errori dovuti a numerose variabili, tra cui l'influenza dell'esaminatore sul comportamento del paziente, il ruolo del coniuge o di altre persone vicine al paziente. L'atteggiamento tenuto durante il dolore può essere rinforzato e mantenuto dall'osservazione, nonostante il miglioramento della sensazione dolorifica. La cognizione che il comportamento associato al dolore può persistere per ragioni diverse da quelle che lo hanno causato, può aggiungere ulteriori difficoltà alla misurazione oggettiva.

41 BELIEVE -CREDERE Perché l infermiere deve credere al paziente? Quali difficoltà può incontrare l infermiere nel credere al paziente (personali, interpretative, organizzative )

42 Perché l infermiere deve credere al paziente Per la definizione di dolore (esperienza spiacevole descritta in tali termini) Perché l infermiere trova indicazioni nel Codice Deontologico e nel Profilo Professionale.

43 L assistenza infermieristica è di natura relazionale Art.1.2 Profilo professionale l infermiere è responsabile dell assistenza generale infermieristica..attività di natura tecnica, relazionale ed educativa. Art.1.2 CD...l assistenza infermieristica... si realizza attraverso interventi... di natura relazionale Art.4.2 CD L infermiere ascolta, informa, coinvolge la persona Art.4.5 CD L infermiere garantisce le informazioni relative al piano di assistenza ed adegua il livello di comunicazione

44 L infermiere si prende cura nel rispetto Art.1.3 CD La responsabilità dell infermiere consiste nel curare e prendersi cura Art.2.3 CD L infermiere riconosce che tutte le persone hanno diritto ad uguale considerazione e le assiste indipendentemente... Art.2.4 CD L infermiere agisce tenendo conto dei valori, nonchè della cultura, etnia e sesso

45 L infermiere attiva le risorse Art.2.6 CD l infermiere orienta la sua azione all autonomia e al bene dell assistito, di cui attiva le risorse Art.4.3 CD L infermiere, rispettando le indicazioni espresse dall assistito, ne facilita i rapporti con la comunità e le persone per lui significative, che coinvolge nel piano di cura.

46 IN CONCLUSIONE Assistenza di natura relazionale Prendersi cura nel rispetto Attivare le risorse Hanno in sé il concetto di CREDERE E caratterizzano una RELAZIONE DI TIPO PROFESSIONALE

47 QUALI DIFFICOLTA E QUALI POSSIBILI RISPOSTE DIFFICOLTA PERSONALI (sviluppare corrette abilità comunicative) DIFFICOLTA INTERPRETATIVE (sviluppare capacità di ascolto attivo) DIFFICOLTA ORGANIZZATIVE (lavoro d èquipe art. 2.5; 4.4; 5.1 Codice Deontologico dell Infermiere)

48 CHOOSE - SCEGLIERE TERAPIA PERSONALIZZATA CONTROLLO SINTOMI ED EFFETTI COLLATERALI (RIVALUTAZIONE) VALUTAZIONE RISORSE (PERSONALI, FAMILIARI, TECNICHE)

49 DELIVER - INTERVENIRE Intervenire in modo tempestivo inizio precoce della valutazione e/o terapia conoscenza della storia naturale della malattia gestione e prevenzione degli effetti collaterali

50 DELIVER - INTERVENIRE Intervenire in modo logico e coordinato All interno dell èquipe Tra ospedale territorio - ospedale

51 EMPOWER DARE POTERI AL PAZIENTE (paziente unico esperto della propria malattia, con le proprie aspettative, credenze ) ALLA FAMIGLIA

52 IL RUOLO DELL INFERMIERE NELLA VALUTAZIONE DEL DOLORE E fondamentale perché: Una mancata valutazione del dolore porta ad uno scarso ed inadeguato trattamento Un dolore non alleviato ma alleviabile genera sofferenza inutile Rilevare costantemente la presenza del sintomo dolore comunica al paziente che siamo interessati anche a questo aspetto e che può sentirsi libero di riferirlo

53 L ospedale S.Chiara di Trento ha terminato nel secondo semestre 2005 il percorso d adeguamento agli standard della Joint Commission International ottenendo l accreditamento d eccellenza

54 Il Comitato Ospedale Senza Dolore COSD ha lavorato per l accreditamento elaborando linee guida sul dolore coerenti con gli standard JCI e le azioni per la loro applicazione

55 Core principles of Pain Assessment and Management JCAHO Joint Commission on Accreditation of Healthcare Organization. Dec 2001 Il paziente ha diritto ad appropriato accertamento e gestione del dolore; il dolore (dovrebbe essere) è stimato il tutti i pazienti Il dolore è soggettivo, per questo il self-report del paziente è l indicatore più affidabile; il clinico deve accettare e rispettare senza dubbi questo self-report I segni oggettivi fisiologici e comportamentali non sono così specifici e sensibili; tali osservazioni non dovrebbero sostituire il self-report a meno che il paziente sia incapace di comunicare L accertamento e gli strumenti dovrebbero essere appropriati per la popolazione-paziente in studio; considerazioni speciali devono essere tenute presenti per pazienti con difficoltà comunicative. I membri della famiglia, quando possibile devono essere inclusi nel processo di assessment.

56 Core principles of Pain Assessment and Management JCAHO Joint Commission on Accreditation of Healthcare Organization. Dec 2001 Il dolore può esistere anche quando non può essere trovata alcuna causa fisica;per questo i dolori senza causa identificabile non dovrebbero essere attribuiti a cause psicologiche Pazienti diversi sperimentano livelli diversi del dolore rispetto a stimoli comparabili; per questo non esiste un dolore di soglia uniforme La tolleranza al dolore varia fra e all interno degli individui e dipende da fattori quali l ereditarietà, il livello di energia, le abilità di coping, le pregresse esperienze di dolore

57 Core principles of Pain Assessment and Management JCAHO Joint Commission on Accreditation of Healthcare Organization. Dec 2001 I pazienti con dolore cronico possono essere più sensibili al dolore ed agli altri stimoli Il dolore non alleviato presenta conseguenze avverse; per questo i clinici dovrebbero incoraggiare le risposte del dolore nel paziente che è riluttante a descrivere il dolore, che lo nega quando probabilmente è presente, o che non riesce a seguire i trattamenti prescritti Il dolore è una esperienza sensoriale ed emotiva sgradevole, quindi l accertamento dovrebbe essere indirizzato ad aspetti del dolore fisico e psicologico.

58 Gli standard JCI sul dolore - COP 17: I pazienti sono supportati nell efficace gestione del dolore - COP 18: Il dolore è valutato in tutti i pazienti - COP 19: I pazienti vengono educati sul dolore e sulla gestione del dolore e dei sintomi come parti integranti del trattamento.

59 Care of patient 18 (COP 18) IL DOLORE E VALUTATO IN TUTTI I PAZIENTI

60

61 Regolo in uso presso l APSS di Trento

62

63 2 dic F DS F FD 2 dic LG

64 BIBLIOGRAFIA AGS The management of persistent pain in older person. JAGS 2002; 50/S205-S224. Bonadonna. Medicina Oncologica (7th ed.), Milano,Masson. C.R. Rogers.La terapia centrata sul cliente, Martinelli,1970 Codice Deontologico dell Infermiere. Comitato Centrale, Febbraio E.A. Moya,E. Vegni. La visita medica centrata sul paziente, In atti del convegno Il tempo in oncologia.raffaello Cortina Editore, 2000 Joan Dominigan Wentz.Assessing pain at the end of life. Nursing 2003;33 (8) Justine Soscia. Assessing pain in cognitively impaired older adults with cancer. Clinical Journal Of Oncology Nursing 2003;7 (2) Management of cancer pain.clinical practice guideline, number 35.AHRQ publication n.02 E002. Rockville MD: Agency for Health Care Research and Quality.US Department of Health and Human Services. Ottobre 2001 Regolamento concernente l individuazione della figura e del relativo profilo professionale dell infermiere. D.M. 14 settembre 1994, n. 739 (1) Tursky B, Jainner LD, Friedinan R. The pain perception profile: a psychophysical approach to the assessment of pain report. BehavTher 1982; 13: NPC National Pharmaceutical Council, inc; JCAHO Monograph Pain:Current Anderstanding of Assessment, Management, and Treatment December 2001

65 Letture consigliate 1) Valutazione, diagnosi e trattamento del dolore da cancro. A cura di: Mercadante S, Ripamonti C. Masson, Milano, ) Libro Italiano di Cure Palliative. A cura di: Amadori D, De Conno F.Poletto Editore, Roma, ) Il dolore da cancro. Manuale pratico della European School of Oncology. A cura di: De Conno F, Caraceni A.Raffaello Cortina Editore, Milano, ) World Health Organization: Cancer pain relief with a guide to opioid availability. World Health Organization, Geneva, ) Management of pain. Oxford Textbook of Palliative Medicine.Doyle D, Hanks GWC, MacDonanld N (Eds). Oxford University Press, Oxford, ) Cure palliative e assistenza domiciliare in oncologia medica.organizzazione, costi, ricerca. Amadori D, Maltoni M, Fabbri M. Pensiero Scientifico Editore, Roma, 1999

66 GRAZIE PER L ATTENZIONE

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore. Loreta Zenatti

La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore. Loreta Zenatti 9-10 Aprile Madonna di Campiglio La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore Loreta Zenatti La persona con dolore è la protagonista principale Che coinvolge tutti

Dettagli

LE PRINCIPALI SCALE DI VALUTAZIONE DEL DOLORE

LE PRINCIPALI SCALE DI VALUTAZIONE DEL DOLORE Azienda USL di Ferrara Ospedale del Delta U.O. di Medicina Interna DH Oncologico LE PRINCIPALI SCALE DI VALUTAZIONE DEL DOLORE a cura di M. Mangolini Master in Oncologia e Cure Palliative IL DOLORE Il

Dettagli

Congresso Regionale A.N.I.M.O.

Congresso Regionale A.N.I.M.O. Congresso Regionale A.N.I.M.O. Qualità e responsabilità Applicazione in medicina interna IL DOLORE Valutazione e strumenti Inf. Montaniero Roberto U.O. Medicina Interna P.O. S. Maria del Popolo degli Incurabili

Dettagli

REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE

REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE OSPEDALE CIVILE DI CONEGLIANO AZIENDA U.L.S.S N.7 REGIONE DEL VENETO IL DOLORE

Dettagli

La valutazione del dolore nell anziano affetto da demenza

La valutazione del dolore nell anziano affetto da demenza La valutazione del dolore nell anziano affetto da demenza di Angelo Benedetti*, Lidia Annamaria Tomaselli** La scarsa propensione alla valutazione del dolore nell anziano affetto sia da demenza che da

Dettagli

Il percorso regionale: progettazione azioni e prospettive future. Stefania Taddei

Il percorso regionale: progettazione azioni e prospettive future. Stefania Taddei Il percorso regionale: progettazione azioni e prospettive future Stefania Taddei Progetto obiettivo proposto nel 2012 Progetto Regionale Finanziato per il 2013 Il presente documento è stato predisposto

Dettagli

Presentazione di Nicola Torina Infermiere di Sala Operatoria IL Dolore e le Scale di misurazione

Presentazione di Nicola Torina Infermiere di Sala Operatoria IL Dolore e le Scale di misurazione Presentazione di Nicola Torina Infermiere di Sala Operatoria IL Dolore e le Scale di misurazione Nulla e e cosi facilmente sopportabile come il dolore degli altri Rochefoucauld Concetto di dolore L International

Dettagli

Il dolore tra corpo e psiche

Il dolore tra corpo e psiche Il dolore tra corpo e psiche L infermiere e il monitoraggio del dolore Eugenia Malinverni Torino, 5 ottobre 2013 Scuola di applicazione dell esercito, via Arsenale 22 All interno della relazione: Inquadramento

Dettagli

PIANO STRATEGICO PER IL CONTROLLO DEL DOLORE SUL TERRITORIO Alcune interessanti indagini europee sul dolore L assistenza domiciliare cure palliative Protocollo sedazione palliativa al domicilio REVIEW

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE NEL PAZIENTE AFFETTO DA NEOPLASIA POLMONARE Guia Castagnini Raffaella Speranza U. CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE A.O. SAN GERARDO MONZA - FINALITA ED OBIETTIVI

Dettagli

Infermieri UF Cure Palliative ASL 9 Hospice Roberto Ciabatti GROSSETO

Infermieri UF Cure Palliative ASL 9 Hospice Roberto Ciabatti GROSSETO Infermieri UF Cure Palliative ASL 9 Hospice Roberto Ciabatti GROSSETO PROPOSTA DI ELABORAZIONE DI UNO STRUMENTO PER IL RILIEVO DEL DOLORE NEI PAZIENTI CON IMPAIRMENT COGNITIVO INFERMIERI Manuela Giannini

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

DOLORE E DEMENZA: la valutazione Dr.ssa Francesca Frangipane Centro di Neurogenetica Lamezia Terme 29 ottobre 2013

DOLORE E DEMENZA: la valutazione Dr.ssa Francesca Frangipane Centro di Neurogenetica Lamezia Terme 29 ottobre 2013 INTESTAZIONE CORSO DOLORE E DEMENZA: la valutazione Dr.ssa Francesca Frangipane Centro di Neurogenetica Lamezia Terme 29 ottobre 2013 Number of clinical and experimental publications on pain in dementia,

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

PROGETTO GIOBBE. RSA SENZA DOLORE Teatro Casa di Cura Beato Palazzolo - Bergamo 2 APRILE 2014. Dr. Francesco Locati Direttore Sociale ASL

PROGETTO GIOBBE. RSA SENZA DOLORE Teatro Casa di Cura Beato Palazzolo - Bergamo 2 APRILE 2014. Dr. Francesco Locati Direttore Sociale ASL PROGETTO GIOBBE. RSA SENZA DOLORE Teatro Casa di Cura Beato Palazzolo - Bergamo 2 APRILE 2014 Dr. Francesco Locati Direttore Sociale ASL Il dolore Il dolore è una delle principali malattie che si incontrano

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

1. Scala di valutazione comportamentale (Scala FLACC) (Merkel et al., 1997) (neonato-7 anni).

1. Scala di valutazione comportamentale (Scala FLACC) (Merkel et al., 1997) (neonato-7 anni). Scale di valutazione 1. Scala di valutazione comportamentale (Scala FLACC) (Merkel et al., 1997) (neonato-7 anni). 0 1 2 F Face Espressione neutra Smorfie occasionali, Aggrottamento (volto) o sorriso o

Dettagli

La valutazione del dolore in RSA. Luisa Guglielmi Venerdì, 16 settembre 2005

La valutazione del dolore in RSA. Luisa Guglielmi Venerdì, 16 settembre 2005 La valutazione del dolore in RSA Luisa Guglielmi Venerdì, 16 settembre 2005 INTRODUZIONE Il dolore è un problema frequente in RSA: gli studi di prevalenza riferiscono percentuali di sintomatologia dolorosa

Dettagli

Questionario per indagine nazionale conoscitiva data di avvio: marzo 2015

Questionario per indagine nazionale conoscitiva data di avvio: marzo 2015 IL DOVERE E IL DIRITTO DI DARE VOCE E CURA AL DOLORE DELLA PERSONA NON IN GRADO DI RIFERIRLO Questionario per indagine nazionale conoscitiva data di avvio: marzo 2015 Il dolore è il più soggettivo tra

Dettagli

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio Dott. Gianfranco Conati U.O.C. Geriatria Ospedale Civile

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 REGIONE VENETO Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 TITOLO DEL PROGETTO Monitoraggio del dolore e dell efficacia della terapia antalgica nel paziente oncologico seguito in DH o ambulatorio CONCORSO

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 Etica delle cure palliative in oncologia S Miniato 19/10/13 La morte affronto clinico? Per l uomo l delle culture passate, la morte aveva la forma di

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

Dolore oncologico:adozione di uno strumento per la rilevazione e monitoraggio del dolore

Dolore oncologico:adozione di uno strumento per la rilevazione e monitoraggio del dolore Dolore oncologico:adozione di uno strumento per la rilevazione e monitoraggio del dolore A.O. San Camillo-Forlanini U.O.S.D. Formazione Permanente e Aggiornamento Continuo Roma Marzo-Aprile-Maggio 2011

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Coordinatore Infermieristico Reparto Hospice Residenziale/Domiciliare Dott. Fabio Durazzo

Coordinatore Infermieristico Reparto Hospice Residenziale/Domiciliare Dott. Fabio Durazzo Coordinatore Infermieristico Reparto Hospice Residenziale/Domiciliare Dott. Fabio Durazzo L'uso del giudizio clinico nell'erogazione della cura, per consentire alle persone di migliorare, mantenere o recuperare

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

IL RUOLO DELL'INFERMIERE IN UN OSPEDALE SENZA DOLORE. Suor Antonella Guarini

IL RUOLO DELL'INFERMIERE IN UN OSPEDALE SENZA DOLORE. Suor Antonella Guarini IL RUOLO DELL'INFERMIERE IN UN OSPEDALE SENZA DOLORE Suor Antonella Guarini O.M.S....definisce il dolore : esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole, associata ad un danno tissutale potenziale e reale,

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore: un problema, un mistero Il dolore l animale lo evita,

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI:

LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI: LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI: SPUNTI TEORICI E STRATEGIE DI INTERVENTO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA 5 dicembre 2012 Federica Vandelli, Fabiana Zani STRUTTURA DELL

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI ASSISTENZA PSICOLOGICA AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI dott.ssa Carmela Tanese (Taranto) psiconcologa con il supporto incondizionato di Persone famiglie Spesso le persone le famiglie

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE CON GRANDI INSUFFICIENZE D ORGANO END STAGE

ASPETTI PSICOLOGICI NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE CON GRANDI INSUFFICIENZE D ORGANO END STAGE GRANDI INSUFFICIENZE D ORGANO END STAGE : CURE INTENSIVE E/O CURE PALLIATIVE? Aula Magna Nuovo Arcispedale S. Anna Cona, Ferrara - Sabato 4 Ottobre 2014 ASPETTI PSICOLOGICI NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE

Dettagli

InterRAI HC integrata con la Medicina Legale Il rispetto per il Cittadino

InterRAI HC integrata con la Medicina Legale Il rispetto per il Cittadino InterRAI HC integrata con la Medicina Legale Il rispetto per il Cittadino Giancarlo Iannello Direttore Sociale della ASL di Lodi Roma, 23 settembre 2015 Il progetto dell ASL di Lodi: VMD e riconoscimento

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Dott.ssa Simona Di Giovanni Psicologa Psicoterapeuta familiare Convegno 9 giugno 2012 Tivoli Indice argomenti Reazioni e vissuti alla diagnosi di tumore

Dettagli

Le cure palliative domiciliari

Le cure palliative domiciliari Le cure palliative domiciliari Associazione per l Assistenza Domiciliare Oncologica - ONLUS VERONA Medicina palliativa...il meglio possibile, quando tutto ormai sembra impossibile... CHE COSA SONO LE CURE

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze

Azienda Sanitaria Firenze Azienda Sanitaria Firenze Giornate Mediche di Santa Maria Nuova 203 ESPERIENZA PROFESSIONALE del PERSONALE SANITARIO che INTERAGISCE con il SURVIVOR Convivere con la malattia avanzata al Domicilio e in

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA

SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA Considerazioni preliminari La raccolta di dati si riferisce alle persone non autosufficienti, cioè a coloro che subiscono una perdita permanente,

Dettagli

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato?

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? Firenze 29 novembre 2007 Ketty Vaccaro Perché tornare a parlare di Alzheimer A sette anni dalla realizzazione dell indagine Censis

Dettagli

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Bergamo, 10 ottobre 2013 Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Dr. Pierangelo Spada Direzione delle Professioni

Dettagli

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Affrontare il Dolore cronico in ambito clinico. Licia Serra Centro Sociale Oncologico ASS1 4 marzo 2010 Definizione di DOLORE Un esperienza

Dettagli

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa Dott. Mario Berardi SIMG Perugia OBIETTIVI E INDICATORI Analisi del processo assistenziale al paziente

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

IV CONVEGNO PUBBLICO SULL ALZHEIMER E LA PATOLOGIA COGNITIVA RICONOSCERE E CURARE IL DOLORE NELLA PERSONA CON DEMENZA

IV CONVEGNO PUBBLICO SULL ALZHEIMER E LA PATOLOGIA COGNITIVA RICONOSCERE E CURARE IL DOLORE NELLA PERSONA CON DEMENZA IV CONVEGNO PUBBLICO SULL ALZHEIMER E LA PATOLOGIA COGNITIVA RICONOSCERE E CURARE IL DOLORE NELLA PERSONA CON DEMENZA Sabato 20 settembre 2014 Affrontare il dolore all Ipab di Vicenza: un progetto multidisciplinare

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

INDICE. Premessa. Overview a livello dell Unione Europea. Focus sulla cura del dolore cronico negli anziani

INDICE. Premessa. Overview a livello dell Unione Europea. Focus sulla cura del dolore cronico negli anziani INDICE Premessa Overview a livello dell Unione Europea Focus sulla cura del dolore cronico negli anziani Definizione Epidemiologia e impatto sociale Criticità Proposta: Diritti dei cittadini over 65 con

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA GIOVANNI XXIII

ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA GIOVANNI XXIII Animazione come strumento di stimolazione cognitiva e di contrasto ai disturbi psico-affettivi. Bologna 26 Maggio 2010 ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

Anziani e rischio nutrizionale

Anziani e rischio nutrizionale Firenze, 5 ottobre 2011 Anziani e rischio nutrizionale Fattori fisiologici Fattori patologici PREVALENZA MALNUTRIZIONE PROTEICO-ENERGETICA PER DIFETTO FINO A 85% Fattori socio-economici Fattori psicologici

Dettagli

L A GE G S E T S I T ON O E N E TE T R E R R I R TO T R O I R ALE L E DE D L E L PA P Z A I Z EN E T N E T

L A GE G S E T S I T ON O E N E TE T R E R R I R TO T R O I R ALE L E DE D L E L PA P Z A I Z EN E T N E T 2 Convegno COSiPS LA GESTIONE TERRITORIALE DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANTONIO TOTO ASSISTENZA MEDICA NEL TERRITORIO REGIONE LAZIO DECRETI DEL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA 24 dicembre

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

IMPARARE A DIRSI ADDIO

IMPARARE A DIRSI ADDIO IMPARARE A DIRSI ADDIO Quando la vita volge al termine: guida per familiari, operatori sanitari, volontari Se avete paura, leggete questo libro. Questo libro parla di un argomento proibito. Parla di una

Dettagli

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Novembre 2007 Gennaio 2008 M. Gibertoni, R. Padovani Centro per l Autismo, ASL di Modena Comportamento problema:

Dettagli

pet therapy - «Progetto Ciko» Daria Da Col Dirigente infermieristica SSD Cure Palliative con Hospice Ospedale Niguarda Cà Granda di Milano

pet therapy - «Progetto Ciko» Daria Da Col Dirigente infermieristica SSD Cure Palliative con Hospice Ospedale Niguarda Cà Granda di Milano pet therapy - «Progetto Ciko» Daria Da Col Dirigente infermieristica SSD Cure Palliative con Hospice Ospedale Niguarda Cà Granda di Milano «progetto Ciko» - Hospice Niguarda 1.sinergia tra pet therapy

Dettagli

Comprendere il processo del decesso

Comprendere il processo del decesso Governo dell'australia occidentale Ministero della Salute WA Cancer and Palliative Care Network (Rete sulla cura del cancro e le cure palliative dell'australia occidentale) Comprendere il processo del

Dettagli

Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative. Evoluzione scientifica e tecnologica

Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative. Evoluzione scientifica e tecnologica I percorsi formativi per lo sviluppo dell assistenza infermieristica territoriale Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative Evoluzione

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano DONATO Giuseppe*, FURNARI Giacomo, ZACCARI Clara ^ *medico di Medicina Generale (MMG) presso ASL RmF-distretto 2, medico referente

Dettagli

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa A cura della Rete europea per i diritti e i doveri dei pazienti e degli operatori sanitari della Association

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

Prof.ssa Ilaria Castelli

Prof.ssa Ilaria Castelli Dipartimento di Scienze Umane e Sociali Università degli Studi di Bergamo Laurea Triennale in Scienze dell educazione Psicologia delle età della vita A.A. 2015/2016 - Primo semestre Prof.ssa Ilaria Castelli

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO ALESSANDRIA 28 MARZO 2013 DOTT.SSA DEMICHELIS M ONCOLOGIA MEDICA TORINO L'infermiere e la VALUTAZIONE DELL ANZIANO L INVECCHIAMENTO E processo attraverso il

Dettagli

l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale

l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale Esperienze di cure primarie l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale Centrale operativa territoriale: strumento di integrazione della filiera assistenziale Bologna, 31 marzo - 1 aprile 2014 Maria

Dettagli

Lo Sviluppo delle Cure Palliative nel Veneto

Lo Sviluppo delle Cure Palliative nel Veneto Lo Sviluppo delle Cure Palliative nel Veneto Dott. C. De Chirico Resp. Unità di Cure Palliative ULSS N 7 Segretario SICP Veneto Coordinamento Regionale Veneto per le Cure Palliative e la Lotta al Dolore

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

38. N.2/2011 - IO INFERMIERE

38. N.2/2011 - IO INFERMIERE L ambulatorio infermieristico: un nuovo modello organizzativo volto a rispondere alle nuove e crescenti necessità sanitarie della cittadinanza. Indagine conoscitiva condotta presso la ASL di Lecce 1 OMS,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Indicatori per l'invio allo psicologo dei caregivers di persone affette da demenza

Indicatori per l'invio allo psicologo dei caregivers di persone affette da demenza Indicatori per l'invio allo psicologo dei caregivers di persone affette da demenza Perchè questa dispensa Numerose sono ormai le ricerche che sottolineano i rischi a cui sono sottoposti i caregivers di

Dettagli