XI CONGRESSO NAZIONALE SIPC ATTACCAMENTO, ALESSITIMIA E DEPRESSIONE IN PSICOGERIATRIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XI CONGRESSO NAZIONALE SIPC ATTACCAMENTO, ALESSITIMIA E DEPRESSIONE IN PSICOGERIATRIA"

Transcript

1 XI CONGRESSO NAZIONALE SIPC ATTACCAMENTO, ALESSITIMIA E DEPRESSIONE IN PSICOGERIATRIA Dott. Francesco Imbesi Dott.ssa Pietra Romano Dott. Costanzo Gala

2 La ricerca Contesto di ricerca e campione Centro per la Diagnosi e la Cura della Depressione nell Anziano U.O. 51 Psichiatria - A.O. San Paolo - Milano. Dati clinici e anagrafici di 59 pazienti (età media 73.15; S.D 5.89), selezionati tra gli accessi del periodo maggio-settembre Criteri di inclusione Età maggiore di 65 anni. Capacità di svolgere i test self-report. Diagnosi di Depressione Maggiore, secondo DSM IV-TR. Criteri d esclusione Punteggio al Mini Mental State Examination (MMSE), inferiore a 22. Presenza di sintomi psicotici nell episodio depressivo. Presenza di Disturbi Psicotici nell attualità. Presenza di Disturbo Bipolare. Alto rischio suicidario. Tutti i dati sono stati utilizzati in forma anonima.

3 Strumenti di valutazione clinica 1. Attachment Style questionnaire (ASQ) (Feeney, Noller, Hanrahan, 1994; Fossati et al. 2003) 2. Mini Mental State Examination (MMSE) (Folstein et al, 1975) 3. Mini International Neuropsychiatric interview - Plus (M.I.N.I. PLUS) (Sheehan, Lecrubier, 1994, 1998) 4. Hamilton Rating Scale for Depression (HDRS, 17 item) (Hamilton, 1960) 5. Beck Depression Inventory II (BDI-II) (Beck, 1996) 6. Geriatric Depression Scale (GDS) (Yesavage et al, 1983) 7. Twenty-Item Toronto Alexithymia Scale (TAS-20) (Bagby et al, 1994; Bressi et al, 1996)

4 FINALITA CHE HA GUIDATO LO STUDIO OSSERVARE LA DEPRESSIONE DEI NOSTRI PAZIENTI DALLA PROSPETTIVA DELLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO PERCHE L ATTACCAMENTO?

5 E probabile che lo stile di attaccamento sia fortemente correlato: Al modo di segnalare il disagio nel setting clinico Alla modalità di risposta ad indicatori self-report di disagio psicologico Al numero di sintomi somatici non spiegabili riferiti A specifici comportamenti di malattia Al ricorso complessivo alle risorse sanitarie [MAUNDER R.G., HUNTER J.J. (2008), Attachment relationships as determinants of physical health. Journal of the American Academy of Psychoanalyis and Dynamic Psychiatry. 36, pp ]

6 Inoltre Chiare associazioni tra attaccamento adulto insicuro e depressione sono state riscontrate in numerosi studi [SIMPSON A.J., RHOLES W.S. (2004) Adult Attachment. Theory, Research, and Clinical Implications. The Guilford Press.] La ricerca fatica a differenziare uno stile specifico di attaccamento insicuro, su cui ci sia accordo nel riconoscergli un carattere di maggiore vulnerabilità alla depressione [BIFULCO A.T., MORAN P., BALL C., BERNAZZANI O. (2002) Adult Attachment Style. I. Its relationschip to clinical depression. Social Psychiatry and Psychiatric Epidemiology, 37, pp ]

7 L Attaccamento nell Anziano Alcune differenze rispetto ad altre fasce d età 1. La rete sociale degli anziani tende ad essere costituita quasi esclusivamente da figure relazionali altamente significative. Secondo la Teoria della Selettività Socio-Emozionale, la selezione è funzionale alla regolazione emotiva e la rete dovrebbe facilitare il mantenimento di opportuni livelli di attivazione emotiva. CHARLES S., CARSTENSEN L. (2008), Unpleasant situations elicit different emotional responses in younger and older adults. Psychology and Aging, 23, pp Per l importanza particolare che la regolazione emotiva assume in età avanzata e per le caratteristiche reti relazionali degli anziani il Sistema di Attaccamento sembrerebbe sollecitato in modo particolarmente forte in questa fascia d età JAIN E., LABOUVIE-VIEF G. (2010), Compensatory effects of emotion avoidance in adult development. Biological Psychology, 84, pp

8 Primo obiettivo Lo studio si propone una valutazione descrittiva delle dimensioni di attaccamento in un campione di soggetti anziani con depressione. L ipotesi è quella di trovare risultati coerenti con la letteratura e quindi l emergere di uno stile di attaccamento insicuro. Rispetto alla letteratura, meno coerente in questo senso, ci attendiamo di trovare indicazioni di correlazione con dimensioni dell attaccamento distanziante. Riteniamo infatti che questo stile, che fa del senso di autonomia e di indipendenza dagli altri (considerati difensivamente come non necessari) il proprio nucleo di senso, sia vulnerabile alla depressione di fronte alle perdite e alle ferite narcisistiche connesse all invecchiamento e alle richieste di adattamento a condizioni di salute, autonomia, status, evidentemente cambiate.

9 Profilo di Attaccamento del campione Medie dimensioni ASQ nel campione Fiducia Disagio Secondarietà Bisogno Preoccupazione Preoccupazione 29,86 Bisogno 23,22 Secondarietà 21,19 Disagio 37,83 Fiducia 32,59

10 Confronto del profilo ASQ del campione con i cut-off del campione normativo Medie cut-off 32, ,5 37,83 21, , ,86 Fiducia Disagio Secondarietà Bisogno Preoccupazione Il 59% dei soggetti supera il 75 percentile Il 30% dei soggetti del campione si colloca in un area critica oltre il 90 e il 95 percentile

11 Conclusioni primo obiettivo L elevazione della dimensione Secondarietà delle Relazioni caratterizza il profilo di attaccamento del campione come tendente ad uno Stile Distanziante. In primo piano compare la sottostante dimensione Evitamento dell Attaccamento (riflette il grado in cui le persone limitano intimità e interdipendenza dagli altri) Lo stile evitante-distanziante potrebbe rappresentare un fattore di rischio in età avanzata, quando la rete sociale tende ad essere costituita quasi esclusivamente da figure relazionali altamente significative e il normale declino porta ad un incremento del grado di dipendenza fisica e psicologica. Quando non si riescono più a mantenere gli standard di autonomia e prestazioni desiderati, è possibile si facciano strada autocritica e sentimenti di basso valore di sé, che divengono le basi della depressione. In soggetti depressi con stile di attaccamento distanzante, l inabilità a sollecitare vicinanza e aiuto, può poi sfociare in conflitti con le figure di attaccamento e divenire ulteriore fonte di distress: riconoscere di avere bisogno del loro supporto, infatti, entra in contrasto con la tensione verso l indipendenza su cui poggia il senso positivo di sé delle persone con questo stile. Ciò può valere anche nel rapporto con il curante.

12 Secondo obiettivo Altro obiettivo che lo studio si propone è quello di verificare eventuali differenze nelle manifestazioni psicopatologiche correlabili a differenti profili di attaccamento.

13 Fattorializzazioni delle scale depressive cui si è fatto ricorso Soluzione fattoriale della scala Hamilton a 17 item per la depressione Pancheri P., Picardi A., Pasquini M. et al (2002) Psychopathological Dimensions of Depression: A Factor Study of the 17-item Hamilton Depression Rating Scale in Unipolar Depressed Outpatients. Journal of Affective Disorders, 2002, 68, pp Soluzione fattoriale della Geriatric Depression Scale Adams K.B., Matto H.C., Sanders S. (2004) Confirmatory Factor Analysis of the Geriatric Depression Scale. The Gerontologist, Dec 2004, 44 (6), pp Soluzione fattoriale della scala Beck Depression Inventory II Ward L.C. (2006) Comparison of factor structure models for the Beck Depression Inventory-II. Psychological Assessment, 18, pp Quilty L.C, Bagby R.M., Zhang K.A. (2010) The Latent Structure of the Beck Depression Inventory-II in Outpatients with Major Depression. Psychological Assessment, 22 (3), pp

14 Dimensioni di Attaccamento e manifestazioni sintomatologiche di depressione Medie Preoccupazione Bisogno Secondarietà Disagio Fiducia 29,86 23,22 21,19 37,83 32,59 Si può affermare che la dimensione evitante GDS-Cognitive Imp Secondarietà per le Relazioni risulti associata alla valutazione di depressione da GDS-Cognitive parte dei clinici Imp (che non si evidenzia per le altre dimensioni) cui 0.32 contribuiscono in modo specifico le manifestazioni BDI-II Somatic Factor sintomatologiche del 0.32 fattore Ansia-Psichica della Hamilton totale HDRS-17. La dimensione Quindi, Bisogno la dimensione Approvazione, Secondarietà potrebbe della Relazione associarsi potrebbe a difficoltà associarsi a livello ad cognitivo agitazione (Cognitive La Hamilton Ansia-Psichica (irrequietezza Impairment dimensione della Preoccupazione associata GDS) ad ansia), e per quindi le Relazioni colpa ai (sentire sintomi di potrebbe aver difficoltà associarsi trascurato di concentrazione, a sensazioni qualche persona sensazione di difficoltà significativa; di a mente idee livello di non colpa; lucida, cognitivo vivere difficoltà (Cognitive Impairment della GDS) e la malattia nel prendere come una le decisioni; punizione; con quindi ai sintomi difficoltà di concentrazione, delirio più di preoccupazione colpa); perdita per parziale, problemi dubbia fisici o sino a sensazione di mente non lucida, difficoltà nel completa non riuscire della a capacità pensare introspettiva; ad altro, sensazione ansia di prendere le decisioni psichica sforzo o (tensione impossibilità ed irritabilità, a fare qualsiasi preoccupazione cosa, sonno per disturbato, questioni riduzione secondarie, o perdita manifestazioni dell appetito, di calo apprensione, ponderale.(somatic timore Factor manifesto) della BDI-II)

15 Conclusioni secondo obiettivo Le associazioni trovate tra Dimensioni dell Attaccamento e Depressione confermano quelle riferite in un altro studio in cui è stato utilizzato lo stesso strumento di valutazione dimensionale dell Attaccamento (ASQ) [STRODL E., NOLLER P. (2003) The relationship of adult attachment dimensions to depression and agoraphobia. Personal Relationships, 10, pp ] Le dimensioni risultano essere: Preoccupazione per le Relazioni Bisogno di Approvazione Secondarietà delle Relazioni Appare possibile attendersi sulla base del profilo di attaccamento delineato da queste tre dimensioni pattern sintomatologici depressivi definiti

16 Terzo obiettivo Ultimo obiettivo è la valutazione della dimensione di personalità Alexithymia, della sua prevalenza e delle sue associazioni con le dimensioni dell attaccamento da un lato, e con le manifestazioni depressive dall altro.

17 In letteratura. 1. In quanto dimensione di personalità associata con deficit nel processamento cognitivo e nella regolazione degli affetti, l Alexithymia è stata correlata all Attaccamento Insicuro. [MEINS E., HARRIS-WALLER J., LLOYD A. (2008) Understanding alexithymia: Associations with peer attachment style and mind-mindedness. Personality and Individual Differences, 45, pp ] 2. Sembrerebbe emergere un associazione positiva tra Alexithymia ed età. [HENRY J.D., PHILLIPS L.H, MAYLOR E.A., HOSIE J., MILNE A.B., MEYER C. (2006) A new conceptualization of alexuthymia in the general adult population: implications for research involving older adults. Journal of Psychosomatic Research (60), pp ] [MATTILA A.K., SALMINEN J.K., NUMMI T., JOUKAMAA M. (2006) Age is strongly associated with alexithymia in the general population. Journal of Psychosomatic Research, 61, pp ] 3. Sembrerebbe emergere una strettissima correlazione tra depressione e Alexithymia, per cui i livelli di prevalenza di questo tratto risultano molto elevati BAMONTI P.M., HEISEL M.J., TOPCIU R.A., FRANUS N., TALBOT N.L., DUBERSTEIN P.R. (2010), Association of alexithymia and depression symptom severity in adults aged 50 years and older. American Journal of Geriatric Psychiatry, 18(1), pp

18 Punteggi medi del campione alla TAS-20 Medie TAS-20 FATT 3 FATT 2 FATT 1 TAS totale TAS totale FATT 1 FATT 2 FATT Media TAS totale = DS = Il 45.8% dei soggetti risulta superare il cut-off per il tratto alessitimico

19 Associazioni tra dimensioni di Attaccamento e Alexithymia ASQ - medie 29,86 Preoccupazi 23,22 Bisogno 21,19 Secondarietà 37,83 Disagio 32,59 Fiducia Dimensioni ASQ e TAS-20: associazioni 0.29 FATT 1 TAS totale FATT 1 FATT 2 FATT 3 TAS totale TAS totale FATT 2 Nessuna associazione significativa

20 Terzo obiettivo Prime conclusioni Come atteso, tutte le dimensioni insicure risultano associate all Alexithymia Le associazioni appaiono più complesse se si osservano le dimensioni di attaccamento più ansiose La dimensione sicura di attaccamento Fiducia non mostra associazioni con l Alexithymia, che ci si sarebbe invece attese negative

21 Assiciazioni tra Dimensione Alessitimica e manifestazioni depressive Associazioni TAS-20 (medie) e sintomi depressivi HAM tot HAM core FATT 3 FATT 2 FATT HAM tot HAM ansia ps BDI-II tot BDI-II cognitive BDI-II Somatic TAS totale HAM tot HAM ansia ps BDI-II somatic GDS - WAV

22 Terzo obiettivo - conclusioni L Alexithymia, sia misurata complessivamente, che con ognuno dei suoi tre fattori, risulta associata ad almeno una misura complessiva di depressione Il terzo fattore dell Alexithymia (Tendenza verso un orientamento cognitivo esterno ed operatorio), che in altri studi non appare significativo per la depressione, ma che sembra risultare più presente negli anziani, nel nostro campione si associa positivamente sia alla misura complessiva di depressione che a sintomi core quali umore depresso, perdita di interesse e capacità, rallentamento

23 La difficoltà ad identificare le emozioni ed a distinguerle da sensazioni di attivazione somatica (Fattore 1) sembra associarsi ad una tendenza a rispondere in modo diffuso e non differenziato alla BDI-II La difficoltà a denominare le emozioni (Fattore 2), spesso considerata fondamentale per la depressione si associa nel nostro campione all Ansia Psichica (irrequitezza, tensione e irritabilità, preoccupazione, colpa, riduzione capacità introspettive), a sua volta correlata alla dimensione di attaccamento Secondarietà delle Relazioni emersa come caratterizzante il profilo di attaccamento del campione.

24 Grazie per l attenzione

La depressione nell anziano. Dott. Antonella Deponte Psicologia sociale dell anziano Facoltà di Psicologia, Università di Trieste A.A.

La depressione nell anziano. Dott. Antonella Deponte Psicologia sociale dell anziano Facoltà di Psicologia, Università di Trieste A.A. La depressione nell anziano Dott. Antonella Deponte Psicologia sociale dell anziano Facoltà di Psicologia, Università di Trieste A.A. 2007/2008 1 La depressione nell anziano Definizione e forme cliniche

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI?

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? CHE COSA E L ETA DI INSORGENZA? Vi sono vari criteri, non univoci, per definire l età di insorgenza

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

MORBO DI RAYNAUD: STUDIO DEI MECCANISMI PSICOLOGICI DELLA FORMA PRIMARIA

MORBO DI RAYNAUD: STUDIO DEI MECCANISMI PSICOLOGICI DELLA FORMA PRIMARIA CENTRO DI AIUTO PSICOLOGICO www.aiutopsicologico.it Dott. Carla Anna Durazzi MORBO DI RAYNAUD: STUDIO DEI MECCANISMI PSICOLOGICI DELLA FORMA PRIMARIA Questa ricerca prende l avvio dalla convinzione che

Dettagli

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Screening Psicometrico psicometria L approccio globale Il test di psicometria giunge a complemento della produzione Dietosystem nell Area Nutrizionale. Esso va ad

Dettagli

Psichiatria e Medicina di Base

Psichiatria e Medicina di Base Psichiatria e Medicina di Base Giulio Perugi Istituto G. de Lisio - Carrara Sono fermamente convinto che, per il bene della medicina generale, lo studio della psichiatria debba essere inclusa nella pratica

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

Valutazione della depressione/ansia

Valutazione della depressione/ansia Lezioni 7 & 8 Valutazione della depressione/ansia Per quanto riguarda la sfera psicoaffettiva dell'anziano, la patologia più frequente in questa categoria di persone risulta essere la depressione. Inoltre

Dettagli

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

Valutazione psicodiagnostica

Valutazione psicodiagnostica Valutazione psicodiagnostica L importanza della diagnosi Per favorire la condivisione e la comunicazione tra professionisti (in ambito clinico e forense) Per dirigere e orientare il progetto di terapia

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

La progressione clinica

La progressione clinica La progressione clinica I medici di fronte alla demenza nella donna e nell uomo Milano, 20 settembre 2014 Francesca Clerici Centro per il Trattamento e lo Studio dei Disturbi Cognitivi U.O. Neurologia

Dettagli

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Facoltà di Psicologia 2 La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Disturbi dell alimentazione (DSM-IV-TR): Anoressia

Dettagli

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Curriculum Studi Dott.ssa Romina Oppici Nata a Biella (BI) il 03/01/1984 Psicologa Clinica Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Esperienza professionale 12/1/2015 Conduzione

Dettagli

Fragilità: Il malato psicogeriatrico

Fragilità: Il malato psicogeriatrico Fragilità: Il malato psicogeriatrico L eclatante aumento della durata della vita, in particolare nei paesi ad alto livello socio-economico, accanto all indubbio aspetto positivo ha portato con sé tutta

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO in PSICODIAGNOSTICA CLINICA E PERITALE. 4 edizione

CORSO DI PERFEZIONAMENTO in PSICODIAGNOSTICA CLINICA E PERITALE. 4 edizione HUMANITAS - SCUOLA DI PSICODIAGNOSTICA E VALUTAZIONE PSICOLOGICA CORSO DI PERFEZIONAMENTO in PSICODIAGNOSTICA CLINICA E PERITALE anno accademico 2012-13 4 edizione Direttore: Prof. Carlo Saraceni Referente

Dettagli

SCHEMA THERAPY nel trattamento

SCHEMA THERAPY nel trattamento seminariodi due giorni SCHEMA THERAPY nel trattamento dei DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE RELATRICE Vartouhi Ohanian Consultant Clinical Psychologist In collaborazione con Schema Therapy UK Un organizzazione

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA GIOVANNI XXIII

ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA GIOVANNI XXIII Animazione come strumento di stimolazione cognitiva e di contrasto ai disturbi psico-affettivi. Bologna 26 Maggio 2010 ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006)

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Disturbi d Ansia in età prescolare Disturbi d Ansia in età di latenza Depressione in adolescenza Depressione in età di latenza ANSIA DEPRESSIONE Disturbi

Dettagli

cinzia.bressi@unimi.it

cinzia.bressi@unimi.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CINZIA BRESSI Indirizzo VIA ALZAIA NAVIGLIO PAVESE, 32 - MILANO Telefono 0039-02.58101915 E-mail cinzia.bressi@unimi.it Nazionalità

Dettagli

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Epidemiologia Disturbi dell Umore Prevalenza Maschi/ femmine Età di esordio Depressione

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

Due obiettivi principali:

Due obiettivi principali: Massa E., Conti L., Amadori F., Pierini P., Silvestre V., Vona M. terzocentro@iol.it @ www.terzocentro.it Inclusione dei familiari nel trattamento del paziente grave. Due obiettivi principali: Potenziare

Dettagli

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA PROGRAMMA DEL CORSO 14/11/2014 Comorbilità e aspetti associati alle difficoltà e ai disturbi dell apprendimento: un introduzione

Dettagli

CARATTERISTICHE PRIMARIE

CARATTERISTICHE PRIMARIE IL PERCORSO DI PRESA IN CARICO MULTIMODALE DEL DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E IPERATTIVITA. L INTERVENTO PSICOLOGICO Risultati di un esperienza pilota Dott.ssa Vanzin Laura Dott.ssa Valli Angela

Dettagli

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma Obiettivi e punti di vista e presentazioni Ansia Pensiero irrazionale e psicosi Impulsività

Dettagli

Progetto di ricerca Dal Dentista col Sorriso

Progetto di ricerca Dal Dentista col Sorriso Progetto di ricerca Dal Dentista col Sorriso Dott. Massimo CALABRÒ, medico, odontoiatra Dott. Giovanni GIUGNI, medico, odontoiatra Dott. Andrea GIUGNI, medico, odontoiatra Dott. Giuseppe Rombolà CORSINI,

Dettagli

Analisi della dimensione inclusiva dell offerta formativa e delle misure di accompagnamento dei giovani 14-18 anni con disagio. Incontri territoriali

Analisi della dimensione inclusiva dell offerta formativa e delle misure di accompagnamento dei giovani 14-18 anni con disagio. Incontri territoriali Analisi della dimensione inclusiva dell offerta formativa e delle misure di accompagnamento dei giovani 14-18 anni con disagio Incontri territoriali Nell ambito della attività dell ISFOL dal 2006 è attivo

Dettagli

L importanza del lavoro psicoterapeutico sui modelli d attaccamento adulto

L importanza del lavoro psicoterapeutico sui modelli d attaccamento adulto L importanza del lavoro psicoterapeutico sui modelli d attaccamento adulto La Teoria dell Attaccamento fornisce una cornice teorica con una solida base empirica, che consente di comprendere aspetti importanti

Dettagli

Programma di inclusione sociale per pazienti all esordio: condivisione di attività ; lavoro, studio, volontariato

Programma di inclusione sociale per pazienti all esordio: condivisione di attività ; lavoro, studio, volontariato Programma di inclusione sociale per pazienti all esordio: condivisione di attività ; lavoro, studio, volontariato Corso Regionale Esordi Psicotici: 5 Modulo Emanuela Ferri Considerato che: L esordio si

Dettagli

Le valutazioni Moderatori G. Capobianco - M. Turno

Le valutazioni Moderatori G. Capobianco - M. Turno Le valutazioni Moderatori G. Capobianco - M. Turno I disturbi Psicocomportamentali Gabriele Carbone Neurologo Responsabile Centro Demenze Unità Alzheimer Italian Hospital Group Guidonia (Roma) Valutazione

Dettagli

Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) Disturbo Bipolare. Dal sito : http://www.terzocentro.it

Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) Disturbo Bipolare. Dal sito : http://www.terzocentro.it Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Disturbo Bipolare Che cos è il disturbo bipolare Il disturbo bipolare, anche conosciuto come malattia maniaco depressiva

Dettagli

GNOCCHI» IL PROGETTO E LE MODALITÀ DI MISURAZIONE DEI

GNOCCHI» IL PROGETTO E LE MODALITÀ DI MISURAZIONE DEI EHEALTH 4 ALL «PREVENZIONE DELLA DISABILITÀ NELL ANZIANO: L APPROCCIO INNOVATIVO INTEGRATO DI FONDAZIONE DON GNOCCHI» IL PROGETTO E LE MODALITÀ DI MISURAZIONE DEI RISULTATI PROGETTUALI ING. G. POZZA DIRETTORE

Dettagli

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder 1 1. COS E ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder E Un disturbo evolutivo dell autoregolazione del comportamento che si manifesta soprattutto con difficoltà di mantenimento dell attenzione, gestione

Dettagli

amadeelisabetta.sarzi@ospedaleniguarda.it

amadeelisabetta.sarzi@ospedaleniguarda.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ELISABETTA SARZI AMADÉ Indirizzo A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda Piazza Ospedale Maggiore, 3 20162 Milano Telefono 02-6444-7416 02-6444-2371 E-mail

Dettagli

Recessione economica e Disturbi Depressivi

Recessione economica e Disturbi Depressivi Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Recessione economica e Disturbi Depressivi L Associazione per la Ricerca sulla

Dettagli

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza NASCITA PSICOLOGICA E ASPETTI RELAZIONALI NEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza Le stime della prevalenza dei Disturbi Specifici dell Apprendimento variano dal 2 al 10%

Dettagli

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI ASSISTENZA PSICOLOGICA AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI dott.ssa Carmela Tanese (Taranto) psiconcologa con il supporto incondizionato di Persone famiglie Spesso le persone le famiglie

Dettagli

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Affettività disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Semeiotica psichiatrica - 6 TIZIANA SCIARMA Affettività conscia inconscia

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

I luoghi. Welfare e demenza: una proposta di lavoro per un assunzione (forte) di responsabilità LE NORME SULL INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO

I luoghi. Welfare e demenza: una proposta di lavoro per un assunzione (forte) di responsabilità LE NORME SULL INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO Welfare e demenza: una proposta di lavoro per un assunzione (forte) di responsabilità Fabio Cembrani*,Veronica Cembrani** * Unità Operativa Medicina Legale, Azienda provinciale per i Servizi Sanitari di

Dettagli

CONSEGUENZE PSICOLOGICHE DELLA MANIPOLAZIONE EMOTIVA

CONSEGUENZE PSICOLOGICHE DELLA MANIPOLAZIONE EMOTIVA CONSEGUENZE PSICOLOGICHE DELLA MANIPOLAZIONE EMOTIVA Dott.ssa Annalisa Barbier, PhD Psicologo - Indirizzo Clinico e di Comunità Dottore di Ricerca in Neuropsicologia Socio Fondatore dell Associazione «La

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

In memoria di Silvia Ciairano

In memoria di Silvia Ciairano 5 Marzo 2014 Consiglio dei Seniores Città di Torino Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Torino IL PROGETTO «ACT ON AGEING» INVECCHIARE ATTIVAMENTE Una potenziale strategia per affrontare

Dettagli

Dal 1/1/2013 al 31/12/2013. Tra i quali tre ragazzi sono entrati una seconda volta. Presenza media giornaliera. 28 detenuti

Dal 1/1/2013 al 31/12/2013. Tra i quali tre ragazzi sono entrati una seconda volta. Presenza media giornaliera. 28 detenuti Dal 1/1/2013 al 31/12/2013 139 Tra i quali tre ragazzi sono entrati una seconda volta Presenza media giornaliera 28 detenuti 10,56% 6,34% 5,63% 9,16% 11,27% 14 anni 15 anni 16 anni 17 anni 18 anni 19 anni

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Fonti e forme di disagio psicologico di

Fonti e forme di disagio psicologico di LA MEDICINA D URGENZA TRA MENTE E CORPO Giornate di Studio Milano 7 8 9 Giugno 2012 Cripta Aula Magna Università Cattolica del Sacro Cuore Fonti e forme di disagio psicologico di medici e infermieri in

Dettagli

ALLEGATO N 1. Testo: Luigi D Isa PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA ed. Hoepli

ALLEGATO N 1. Testo: Luigi D Isa PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA ed. Hoepli ALLEGATO N 1 Anno scolastico 2013/2014 Classe 5 D Disciplina: Docente: PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA TERESA STAGLIANO Testo: Luigi D Isa PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA ed. Hoepli Ore di lezione settimanali:

Dettagli

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA ASSOCIAZIONE ReintrAs Trauma, Onlus Associazione italiana per l assistenza e il reintegro socio-lavorativo delle vittime di incidenti stradali e sul lavoro Via Pasquale Galluppi, 8-00136 Roma Tel. 06.39910668

Dettagli

INDAGINE SUL LIVELLO DI STRESS NEI FAMILIARI CAREGIVERS DI PERSONE CON DISABILITA'

INDAGINE SUL LIVELLO DI STRESS NEI FAMILIARI CAREGIVERS DI PERSONE CON DISABILITA' INDAGINE SUL LIVELLO DI STRESS NEI FAMILIARI CAREGIVERS DI PERSONE CON DISABILITA' A. Ferrari*, M. Salati** D. Folloni *** * Responsabile SOS Residenza Psichiatrica Guastalla, Dipartimento Salute Mentale

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

In buone mani. Quaderni CADIAI 17. Percorsi di ricerca a sostegno della cura

In buone mani. Quaderni CADIAI 17. Percorsi di ricerca a sostegno della cura A cura del Settore Residenze Anziani e del Settore Socio Assistenziale di CADIAI In buone mani Percorsi di ricerca a sostegno della cura Rabih Chattat, Marie Christine Melon Anna Chiara Achilli, Stefano

Dettagli

Associazione di Psicologia Cognitiva. Scuola di Psicoterapia Cognitiva S.r.l. Questionario sull efficacia della formazione in Psicoterapia Cognitiva

Associazione di Psicologia Cognitiva. Scuola di Psicoterapia Cognitiva S.r.l. Questionario sull efficacia della formazione in Psicoterapia Cognitiva Associazione di Psicologia Cognitiva Scuola di Psicoterapia Cognitiva S.r.l. Questionario sull efficacia della formazione in Psicoterapia Cognitiva Presentazione Stiamo raccogliendo dati sull'efficacia

Dettagli

Paolo Calvarese C.so Rosselli, 194 10141 Torino. psipa@libero.it

Paolo Calvarese C.so Rosselli, 194 10141 Torino. psipa@libero.it INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Paolo Calvarese C.so Rosselli, 194 10141 Torino Telefono 011.38.60.07 Cellulare 339.63.28.074 E-mail psipa@libero.it Luogo di nascita Foggia Data di nascita 19/08/1973

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3 INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA X XII XIII PREFAZIONE 3 C A P I T O L O 1 PROSPETTIVE EPISTEMOLOGICHE IN PSICOLOGIA CLINICA 9 1.1 Ragioni e necessità di un

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

ROMA, 12-13 MARZO 2016

ROMA, 12-13 MARZO 2016 Associazione di Psicologia Cognitiva Scuola di Psicoterapia Cognitiva s.r.l SCUOLA DI PSICOTERAPIA COGNITIVA S.R.L. ASSOCIAZIONE DI PSICOLOGIA COGNITIVA Direttore delle scuole : Prof. Francesco Mancini

Dettagli

Psicofisiologia della Salute (A.A. 20010-11) 11) Stress e Coping. Alessandro Mingarelli Dipartimento di Psicologia

Psicofisiologia della Salute (A.A. 20010-11) 11) Stress e Coping. Alessandro Mingarelli Dipartimento di Psicologia Psicofisiologia della Salute (A.A. 20010-11) 11) Stress e Coping Alessandro Mingarelli Dipartimento di Psicologia Rapporto Mente e corpo Ippocrate: relazione tra personalità e malattia Modello Bio-Psico

Dettagli

Correlazioni dell alessitimia con i sintomi e il funzionamento interpersonale nei disturbi di personalità: uno studio preliminare

Correlazioni dell alessitimia con i sintomi e il funzionamento interpersonale nei disturbi di personalità: uno studio preliminare Correlazioni dell alessitimia con i sintomi e il funzionamento interpersonale nei disturbi di personalità: uno studio preliminare ANTONINO CARCIONE 1,2, ANTONIO SEMERARI 1,2, PAUL H LYSAKER 3, GIANCARLO

Dettagli

Rischio Psicosociale. Prima parte:

Rischio Psicosociale. Prima parte: Rischio Psicosociale Prima parte: 1. La salute in ambito lavorativo: un bene individuale e collettivo irrinunciabile 2. Il rischio da stress e la nuova normativa Accordo Europeo del 8-10- 2004; D.Lgs 9-4-2008

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Fondazione Mantovani

Fondazione Mantovani Fondazione Mantovani Onlus Promuove Prevenzione e Cura della Demenza di Alzheimer: la sfida del Center on Aging dell Università di Miami - USA 16 OTTOBRE 2015 ORE 9:30-13:30 COLLEGIO OBLATI MISSIONARI

Dettagli

Indicatori per l'invio allo psicologo dei caregivers di persone affette da demenza

Indicatori per l'invio allo psicologo dei caregivers di persone affette da demenza Indicatori per l'invio allo psicologo dei caregivers di persone affette da demenza Perchè questa dispensa Numerose sono ormai le ricerche che sottolineano i rischi a cui sono sottoposti i caregivers di

Dettagli

di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia

di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia Le cause psichiatriche di perdita di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia Alessandra Alciati U.O. Psichiatria I Ospedale Universitario L.Sacco, Milano L IPOTESI PSICHIATRICA DELLA Subentra quando

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT del 2004 riportano che circa 2,6 milioni di persone con

Dettagli

I familiari dei pazienti depressi: domande e risposte di Salvatore Di Salvo

I familiari dei pazienti depressi: domande e risposte di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it I familiari dei pazienti depressi: domande e risposte di Salvatore Di Salvo

Dettagli

Aggiornamenti in Audiovestibologia Varese, 11 marzo 2015 Demenza e Sordità Marco Mauri

Aggiornamenti in Audiovestibologia Varese, 11 marzo 2015 Demenza e Sordità Marco Mauri Aggiornamenti in Audiovestibologia Varese, 11 marzo 2015 Demenza e Sordità Marco Mauri Università degli Studi dell Insubria- DBSV U.O. Neurologia e Stroke Unit Ospedale di Circolo - Varese Alzheimer with

Dettagli

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

Dettagli

Ricerca corrente. Linea 3: Riabilitazione psichiatrica. Responsabile Scientifico: Jorge Perez, Massimo Gennarelli

Ricerca corrente. Linea 3: Riabilitazione psichiatrica. Responsabile Scientifico: Jorge Perez, Massimo Gennarelli 060-108:Layout 1 25/02/09 18:17 Pagina 60 Responsabile Scientifico: Jorge Perez, Massimo Gennarelli I disturbi mentali rappresentano un importante problema di salute pubblica, infatti è stato dimostrato

Dettagli

Studi osservazionali Le caratteristiche psicologiche dei pazienti con diagnosi di sincope vasovagale: studio osservazionale su sessanta soggetti

Studi osservazionali Le caratteristiche psicologiche dei pazienti con diagnosi di sincope vasovagale: studio osservazionale su sessanta soggetti Studi osservazionali Le caratteristiche psicologiche dei pazienti con diagnosi di sincope vasovagale: studio osservazionale su sessanta soggetti Maria Bonadies 1, Michela Di Trani 1, Luigi Solano 1, Francesca

Dettagli

4 SYS Srl Informatica dal 1987

4 SYS Srl Informatica dal 1987 RE.S.@SS @MB SYS.@MB Gestionali per la S@nità Soluzioni software per la s@nità del futuro C.@.D. 4 SYS Srl Informatica dal 1987 Viale Palmiro Togliatti, 13 00053 Civitavecchia (Roma) Tel. : 0766.547181

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Della Valentina

Curriculum Vitae Paolo Della Valentina Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome PAOLO DELLA VALENTINA Telefono +39-3451353298 E-mail dr.paolodellavalentina@gmail.com Nazionalità Italiana Tipo di professione Psicologo Clinico e Psicoterapeuta

Dettagli

La malattia allo specchio

La malattia allo specchio SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda USL di Ferrara IL RUOLO DELLA PSICONCOLOGIA Maria Giulia Nanni Luigi Grassi Sezione di Clinica Psichiatrica, Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico

Dettagli

Indicazioni di Buona Pratica Clinica nella Depressione Perinatale Prevenzione, diagnosi e trattamento della psicopatologia perinatale

Indicazioni di Buona Pratica Clinica nella Depressione Perinatale Prevenzione, diagnosi e trattamento della psicopatologia perinatale Dipartimento di Neuroscienze Direttore: Prof. Claudio Mencacci Corso di Porta Nuova 23, 20121 Milano Tel. 0263631 Indicazioni di Buona Pratica Clinica nella Depressione Perinatale Prevenzione, diagnosi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fax E-mail MARIA PONTILLO maria.pontillo@opbg.net maria.pontillo@uniroma1.it Nazionalità Data di nascita

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PUO NON ESSERE PATOLOGICO. DIVENTA PATOLOGICO QUANDO CREA DIPENDENZA NEL SOGGETTO E PROCURA SOFFERENZA INDICE DI PATOLOGIA STA NEL FATTO

Dettagli

PSICHIATRIA DI LIAISON INTERNA ED ESTERNA: UN ESPERIENZA A. Norsa, F. Bilone, C. Nicotra, C. A. Robotti

PSICHIATRIA DI LIAISON INTERNA ED ESTERNA: UN ESPERIENZA A. Norsa, F. Bilone, C. Nicotra, C. A. Robotti PSICHIATRIA DI LIAISON INTERNA ED ESTERNA: UN ESPERIENZA A. Norsa, F. Bilone, C. Nicotra, C. A. Robotti Premessa La psichiatria di consultazione (e collegamento) si occupa delle applicazioni delle teorie

Dettagli

Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA

Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA G. Martinotti Addictive Behaviours Unit Istituto di Psichiatria e Psicologia Università Cattolica del Sacro Cuore Roma L outcome in psicoterapia La valutazione

Dettagli

MILANO ottobre 2015 - gennaio 2016 LA CONSULENZA TECNICA PSICHIATRICA IN MEDICINA LEGALE E IL GIUDIZIO DI IDONEITA PSICHICA - 30 ECM -

MILANO ottobre 2015 - gennaio 2016 LA CONSULENZA TECNICA PSICHIATRICA IN MEDICINA LEGALE E IL GIUDIZIO DI IDONEITA PSICHICA - 30 ECM - MILANO ottobre 2015 - gennaio 2016 LA CONSULENZA TECNICA PSICHIATRICA IN MEDICINA LEGALE E IL GIUDIZIO DI IDONEITA PSICHICA - 30 ECM - Obiettivi Presentazione corso Il corso si propone come un occasione

Dettagli

SPORTELLO PSICOPEDAGOGICO - ITI COBIANCHI - VERBANIA Dott.ssa Elisabetta Perelli Cippo

SPORTELLO PSICOPEDAGOGICO - ITI COBIANCHI - VERBANIA Dott.ssa Elisabetta Perelli Cippo SPORTELLO PSICOPEDAGOGICO - ITI COBIANCHI - VERBANIA Dott.ssa Elisabetta Perelli Cippo Lo Sportello Psicopedagogico nasce, con questo nome, nella metà degli anni 70 insieme all istituzione della maxi-sperimentazione

Dettagli

DALLA PSICOPATOLOGIA ALL ABUSO DI SOSTANZE

DALLA PSICOPATOLOGIA ALL ABUSO DI SOSTANZE DALLA PSICOPATOLOGIA ALL ABUSO DI SOSTANZE Dist. Ansia Dist. Bipolare Schizofrenia Altri Uso/Abuso Caffeina Tabacco Alcool Droghe illecite SOSTANZE DI SCELTA NEI DISTURBI PSICHICI D.Bipolare + Alcool Cocaina

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli