Marche. Scheda normativa sulle Unità di valutazione distrettuale Aggiornata al 20 agosto 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marche. Scheda normativa sulle Unità di valutazione distrettuale Aggiornata al 20 agosto 2012"

Transcript

1 Marche. Scheda nrmativa sulle Unità di valutazine distrettuale Aggirnata al 20 agst 2012 Questa nuva scheda aggirna una precedente del 2005, aggiungend le indicazini nrmative emanate in questi ultimi anni. La più recente legislazine ne ricnferma il fndamentale rul, assegnand alle UVI la respnsabilità della definizine dell apprpriatezza dei percrsi. Ciò che purtrpp nn sembra cambiare è la mdalità di funzinament di quest strument. La regine Marche cntinua ad attardarsi nella definizine (peraltr bbligatria) di griglie di valutazine al fine della individuazine della miglire rispsta ai bisgni. La distanza, in gran parte dei territri della regine, tra i bisgni della pplazine e l fferta territriale di servizi sci sanitari, ltre al frte ritard culturale degli stessi servizi, cntinua a blccare gni trasparente percrs vlt ad individuare la rispsta più adeguata ai bisgni. Le UV, diventan quindi trpp spess, l strument per tale razinament. Si tende a nn rilevare il bisgn, a nn renderl evidente e ricnscibile, csì da pterl appiattire sull fferta presente. Csì presentavam nel 2005 la scheda nrmativa. Rispett a quel test è cambiat il nme dell Unità valutativa: nn più distrettuale, ma integrata e il dat dell assistenza sanitaria nelle RP cnvenzinate. Per il rest nn è mutata la sstanza del quadr cmplessiv. Di seguit viene riprtata la principale nrmativa della regine Marche sulle Unità di Valutazine Distrettuale (UVD), csì da ffrire a tutti i sggetti interessati (peratri sci sanitari, cmpnenti UVI, funzinari degli enti lcali, amministratri, utenti, assciazini di tutela, ecc.), il quadr di riferiment legislativ reginale. L UVD rappresenta infatti un snd fndamentale nella definizine dei percrsi più apprpriati nella assistenza di malati (in particlare anziani nn autsufficienti) che necessitan di cntinuità assistenziale. La nrmativa reginale nn lascia dubbi su rul e funzine delle UVD nella indicazine della definizine dei percrsi. Sl dp,quella valutazine, ad esempi nel sistema residenziale, è pssibile identificare la struttura che per la tiplgia delle prestazini ergate, può garantire la rispsta adeguata ai bisgni della persna nn autsufficiente. Purtrpp mlt, trpp spess le UVD dimentican di essere un strument tecnic cmpst da prfessinisti che sulla base delle prprie cmpetenze valutan quale intervent è più giust per la persna e invece finiscn per assumere una valenza aziendale. Esse sn infatti parte di un settre direttamente cinvlt nella rispsta da dare; a secnda dell esit della valutazine, l azienda cui appartengn deve infatti assumere nn assumere neri finanziari. Se dalla valutazine ne discende che la persna nn è curabile a dmicili e necessita di una struttura residenziale le diverse sluzini hann ricadute ben diverse sul sistema dei servizi e sulle cmpetenza finanziarie degli enti. Si pensi quant pesa sul fnd sanitari (e di cntr sul fnd sciale e sull utente) un ricver in Casa di rips, in Residenza prtetta in RSA. Ciò che le UVD nn pssn dimenticare è che il lr mandat è quell indicat dalla nrmativa e nn quell richiest più men esplicitamente dalle direzini aziendali. Se il sistema scisanitari dei servizi è strutturalmente, per scelta e nn per cas (ltre 4000 sn gli anziani nn autsufficienti acclti in strutture per autsufficienti cn qualche decina di minuti di assistenza girnaliera), incapace di rispndere alle esigenze di questi cittadini ccrre che i lr bisgni sian presentati per quell che sn e nn furtivamente ccultati. Una vlta accertate le esigenze sarann le Istituzini cmpetenti a dver rispndere del mancat intervent. Nta. Nella scheda, nn vengn riprtati tutti i riferimenti nrmativi reginali riguardanti le UVD. Nn sn riprtati quelli antecedenti le nrme riprtate (vedi DGR: 3240/1992, 105/1996, ecc...). Riferimenti al rul e alla funzine delle UVD sn rinvenibili anche in altre parti delle nrme citate in altri atti reginali (vedi Reglament 1/2004, Disciplina in materia di autrizzazine delle strutture e dei servizi sciali a cicl residenziale e semiresidenziale, nella parte riguardanti le strutture per anziani. Nell specific della Residenza Prtetta, il riferiment alla UVD viene csì declinat: La valutazine delle cndizini e dei livelli di nn autsufficienza è effettuata dalla Unità Valutativa Distrettuale (UVD) integrata cn prfessinalità sciali

2 dell Ambit Territriale attravers l utilizz bbligatri di medesime scale di valutazine multidimensinali individuate dalla Regine Marche. Le parti evidenziate sn redazinali. (Fabi Ragaini) Per un apprfndiment sul tema segnaliam Anziani nn autsufficienti. Valutazine, presa in caric, percrsi assistenziali Piemnte. Unità valutativa e Pian Assistenziale Individuale ASL 5 Cllegn. Reglament UVG Venet. La scheda per la valutazine della nn autsufficienza Venet. Anziani nn autsufficienti. Prfili e livelli intensità assistenziale L.r. 20/10/1998, n Pian sanitari reginale 1998/ La Unità Valutativa Distrettuale Il Gvern della Salute a livell Distrettuale presuppne una cstante azine di verifica dell adeguatezza della rispsta in relazine ai bisgni e alla dispnibilità dei servizi assistenziali. Obiettivi principali di questa azine sn: a) rganizzare e rendere cmpiutamente accessibili i servizi che cstituiscn la rete differenziata dell fferta, garantend il lr utilizz apprpriat; b) rilevare e classificare le cndizini di bisgn per pter disegnare il percrs ideale di trattament del paziente. In particlare questa secnda azine richiede l intervent di una équipe prfessinale, cn cmpetenze multidisciplinari, che sia in grad di leggere le esigenze di pazienti cn bisgni sanitari e sciali cmplessi. Una lettura di quest tip è necessaria anche per altre fasce di pplazine fragile, cme i prtatri di handicap, i pazienti affetti da malattie sciali, i pazienti psichiatrici, i pazienti cn dipendenze da alcl, drghe e farmaci etc. Per quest mtiv è necessari prgrammare un apprcci multidisciplinare alle situazini di scmpens sci-sanitari, tramite una Unità Valutativa di Distrett (U.V.D), che affrnta tali situazini e prgramma interventi sci-sanitari crdinati e cerenti al fine di : prevenire l scmpens sci-sanitari (passaggi dall stat di autsufficienza alla dipendenza); prendere in caric il paziente (attravers l sprtell per la salute); definire percrsi ttimali e supprtare le scelte. La U.V.D. è cmpsta da: medic di distrett cn funzini di crdinatre: medic di medicina generale infermiere prfessinale ; assistente sciale peratre referente delle aree di tutela ( 4.2.4) ed è integrata di vlta in vlta dalle figure prfessinali necessarie: medici specialisti peratri sanitari specialisti di settre L intervent della UVD avverrà su prpsta di a) medic di famiglia; b) struttura spedaliera alla vigilia di una dimissine prtetta; c) assistente sciale; d) altri sggetti del SSN e in particlare del servizi plifunzinale del distrett. Attravers quest strument, che andrà attivat in gni Distrett, viene definit il percrs assistenziale del paziente tra le seguenti strutture : Servizi Ambulatriali (Pliambulatri, Servizi specialistici).

3 Servizi Dmiciliari (ADI, ADP, assistenza infermieristica, assistenza sciale), Case di Rips Residenze Prtette, Strutture Residenziali (RSA, RSM) semiresidenziali Ospedale, La UVD al termine di una valutazine multidimensinale, individua la figura prfessinale (respnsabile del cas case-manager) che sarà il punt di riferiment del cittadin nel percrs individuat. La dinamica del percrs presuppne la cntinuità della tutela sci-sanitaria del paziente e l us dell spedale per le sle patlgie critiche e la diagnstica cmplessa, indirizzand rapidamente il paziente alle altre strutture per tutti i servizi cmpatibili L assistenza dmiciliare integrata Il distrett, rappresenta il lug della valutazine dei prcessi clinic-assistenziali e delle cndizini sci-ecnmiche e della ergazine dei servizi assistenziali e dei presidi. Tale cmpit è asslt dall Unità di Valutazine Distrettuale ha il cmpit di identificare per ciascun sggett la sluzine assistenziale più adatta tra quelle dispnibili indicare altri percrsi assistenziali. L ADI, ltre che per il livell assistenziale integrat, si definisce per la capacità di attivare dinamiche assistenziali in grad di cnsentire: access rapid e semplificat al servizi ergazine persnalizzata sulla base dei bisgni e nel prpri ambiente di vita, secnd un pian di intervent assistenziale di prestazini di: - medicina generale - medicina specialistica - cure infermieristiche - riabilitazine - assistenza tutelare e alla persna - supprt psiclgic e/ spirituale (anche attravers il vlntariat) respnsabilizzazine e crdinament da parte del MMG del paziente nella attivazine delle risrse assistenziali e sanitarie, infermieristiche e specialistiche, in accrd cn i piani di valutazine elabrati a livell di UVD. DGR 606/ Linee guida sulle cure dmiciliari Unità valutativa distrettuale (UVD) L Unità Valutativa di gni Distrett è cstituita da : - Il medic respnsabile delle cure dmiciliari ( crdinatre/respnsabile dell UVD ) ; - Il medic di Medicina Generale curante dell assistit ( Respnsabile clinic del paziente) ; - Un infermiere prfessinale ( Respnsabile delle cure infermieristiche ); - L assistente sciale referente del cas dei Servizi Sciali dell Ambit Territriale. Per la segreteria rganizzativa, l UVD si avvale di un peratre tecnic. L'Unità Valutativa è integrata di vlta in vlta da altre figure prfessinali, sanitarie e sciali, specialiste del settre : medici specialisti, tecnici della riabilitazine, medic spedalier in cas di dimissine prtetta, psiclg, educatre prfessinale. Per i pazienti ultra sessantacinquenni, l specialista di riferiment è il geriatra. L'Unità Valutativa è "... un'équipe prfessinale, cn cmpetenze multidisciplinari, che sia in grad di leggere le esigenze di pazienti cn bisgni sanitari e sciali cmplessi e cn il cmpit di -... b) rilevare e classificare le cndizini di bisgn per pter disegnare il percrs ideale di trattament del paziente (Legge Reginale Pian Sanitari Reginale 1998/2000 -paragraf ). Cstituisce in sstanza il filtr della dmanda e ha il cmpit di identificare per ciascun sggett la sluzine assistenziale più adatta tra quelle dispnibili indicare altri percrsi assistenziali. Per pter svlgere tali cmpiti, l'uvd si relazina cstantemente cn i servizi territriali e cn gli Uffici di Prmzine Sciale presenti nel distrett. Spettan in particlare all'unità Valutativa i seguenti cmpiti:

4 - Valutazine dell'autsufficienza dei pazienti da ammettere all'adi; - Valutazine Multi Dimensinale (VMD) dei bisgni assistenziali dei pazienti e dei lr nuclei familiari ( il pian assistenziale deve essere cndivis cn il paziente e cn il nucle familiare e da essi sttscritt ) - Ammissini e dimissini relative all'adi; - Definizine del percrs assistenziale dei paziente nel sistema residenziale; - Elabrazine dei Pian Assistenziale Individuale Persnalizzat cmprendente: a) gli biettivi assistenziali da raggiungere b) le mdalità di raggiungiment degli biettivi assistenziali c) la tiplgia degli interventi d) la frequenza degli accessi dei singli peratri MMG, infermiere, fisiterapista, peratre sci sanitari, ecc.) e) la durata presumibile degli interventi assistenziali - Elabrazine del Pian di Lavr dei singli cmpnenti dell'équipe perativa assistenziale tempi e lughi dell'intervent, turni, rari di access ecc. - Verifica dell andament del Pian Assistenziale - Discussine in grupp degli eventuali prblemi emersi nel crs dell'assistenza - Individuazine del respnsabile del cas ("... La UVD al termine di una valutazine multidimensinale individua la figura prfessinale - respnsabile del cas case manager - che sarà il punt di riferiment del cittadin nel percrs individuat. -Legge Reginale 34/98 - Pian Sanitari Reginale 1998/ paragraf ) Gli strumenti di lavr dell'unità Valutativa sn: - le riunini di valutazine e di verifica - le scale di valutazine dell'autsufficienza - la cartella di assistenza dmiciliare e in particlare il diari clinic - i respnsabili del cas - il lavr di grupp centrat sugli biettivi - i rapprti cn la Segreteria rganizzativa delle cure dmiciliari - i rapprti cn gli uffici di prmzine sciale - i rapprti cn il nucle perativ delle cure dmiciliari (équipe assistenziale). L'Unità valutativa rispnde direttamente al Direttre del Distrett che si raccrda all'ambit Territriale attravers il su Crdinatre. La riunine dell'unità Valutativa ha, per il medic di MG che vi partecipa, il valre di un access ADI. Deliberazine n Pian sanitari reginale Le prirità di svilupp Qualificare la capacità di presa in caric territriale. Le funzini chiave in tal sens sn quelle, già descritte dal II PSR, di Sprtell per la Salute e di Valutazine (Unità Valutative Distrettuali). Per quant riguarda gli Sprtelli per la Salute, questi si realizzerann nn cme semplici CUP, ma valrizzand le figure di Base (MMG e PLS, ma anche Cnsultri Familiari e Uffici di Prmzine Sciale che dvrann diventare il punt unic di access alla rete dei servizi), ai quali ccrrerà prvvedere un efficace sistema di relazini verticali (cn le strutture dipartimentali e spedaliere) ed rizzntali (sviluppand il raccrd cn le strutture ambulatriali ed i setting di lavr integrat fra le diverse figure), sviluppand la pssibilità di accedere per via telematica alle dispnibilità del sistema cmplessiv dell'fferta. Rispett alla UVD, questa si articla secnd schemi cstitutivi elastici, cn il nucle di base cstituit dal medic di distrett, il MMG, l infermiere prfessinale, l assistente sciale e generalmente il geriatra, stante la prevalente tiplgia dell utenza, valrizzand le esperienze cndtte nelle varie frme di cure dmiciliari e in specifici settri (es.: Salute Mentale, Matern infantile, ecc.)

5 DGR 1322 del Prtcll d intesa sulla nn autsufficienza Viene indicat l stess percrs descritt nel Prgett Obiettiv Anziani DGR 1566 del Prgett Obiettiv Anziani La valutazine. Fatte salve le situazini urgenti, gli interventi di assistenza e di cura sci-sanitari vengn dispsti sulla base della frmulazine di una valutazine a cura dell UVD. Questa si cmpne nella sua cnfigurazine minima del Medic di distrett, MMG, Infermiere prfessinale, Assistente Sciale dell Ambit Territriale e generalmente il Geriatra ( P.S.R. 2003/2006 pag. 81), gnun dei quali ha facltà di richiedere l intervent di specialisti delle discipline sanitarie (su richiesta del MMG) sciali (su richiesta dell'a.s.). L UVD si avvale di strumenti di: valutazine clinic-funzinale; strumenti ADL e IADL; Scheda di valutazine sciale; inltre, se necessari, di mini mental test. Appare anche pprtun adttare su base sistematica strumenti in grad di individuare cn tempestività i nuclei famigliari a maggir rischi di stress assistenziale, nde pter adttare interventi di slliev e sstegn di quei caregiver, al fine di ridurre il rischi di istituzinalizzazine e mantenere gli interventi a favre dell anzian nn autsufficiente il più pssibile in regime di dmiciliarità Cstituzine delle UVD. Le mdalità rganizzative dell UVD sn quelle già indicate nelle linee guida per l ADI, ma deve essere cnfermata e raffrzata nel rul la presenza delle cmpnenti di servizi sciale. Quand è necessari il passaggi attravers l UVD. L UVD è respnsabilmente attivata dagli peratri di base (MMG Assistente Sciale) quand si rende necessaria una valutazine di tip specialistic in presenza di situazini cmplesse. La prgettazine percrs. L esit della valutazine prdtta dalla UVD si sstanzia in: - punteggi di nn autsufficienza - valutazine multidimensinale che rienta la richiesta di prestazini ed al temp stess la definizine del regime (setting perativ) più idne alle esigenze dell utente - valutazine delle capacità assistenziali da parte del nucle famigliare (Indice COPE simili), al fine di verificare la cnsistenza della rete di supprt. - cmpete ai servizi sciali di cmuni dell ambit territriale l accertament delle cndizini ISEE. Il prgett stilat dall UVD definisce il percrs di assistenza e di cura, le figure respnsabili, i servizi che prvvedn alle prestazini, la durata del percrs stess. Il mnitraggi dei percrsi assistenziali. Il prgett definisce altresì i tempi e le respnsabilità di mnitraggi del percrs assistenziale e le scadenze di cnferma di revisine del percrs stess. Il ventagli dei servizi. Individuate le necesità terapeutic-assistenziali, l UVD definisce, sulla base della valutazine del prfil di autnmia individuale, di autnmia sciale e cnsiderand le risrse effettivamente dispnibili, il più crrett regime di ergazine delle prestazini necessarie. Le prestazini necessarie pssn essere frnite anche da prduttri diversi, spettand alla UVD la prpsta e la verifica della integrazine tra i sggetti delle prestazini assistenziali e di cura. Essend il manteniment a dmicili dell anzian un biettiv priritari della prgrammazine reginale, l UVD, avvalendsi sprattutt della cmpnente sciale, attiva gli strumenti di sstegn, di slliev e di affiancament del nucle familiare che pssn favrire l ergazine delle prestazini in regime di dmiciliarità, senza per quest cmprmettere la stabilità psic-fisica dei famigliari maggirmente impegnati nell assistenza all anzian nn autsufficiente. Giacché il prgett assistenziale definisce un percrs attravers le diverse risrse di cura e di assistenza, pssn essere previsti tant interventi articlati secnd una lgica staging, per la quale, in relazine alle effettive necessità dell assistit e del su nucle familiare, in cnsiderazine di situazini transitrie particlari, può essere prevista l alternanza la successine dei regimi di cura e assistenza. Al temp stess, è pssibile integrare, quand utile, necessari e dispnibile, l intervent a cavall dei regimi dmiciliare e diurn semi-residenziale.

6 L utilizz temprane del regime residenziale è pssibile in situazini che richiedan una maggire intensività degli interventi, vver quand vi sia una tempranea impssibilità della famiglia a garantire il regime di tutela dmiciliare e nn vi sian pssibilità di affiancament della famiglia stessa. La cmpartecipazine ai csti. All att della prgettazine dei percrsi assistenziali, sulla base del sistema tariffari, si prvvede a distinguere quali sian i csti a valere sui fndi sciale e sanitari. Per i sli csti sciali, e sulla base del sistema ISEE, viene stabilita la quta a caric del utente e quella a caric dell Ente Lcale. Funzini infrmative. L UVD partecipa del sistema infrmativ reginale cntribuend alla tenuta ed all aggirnament del registr anagrafic della nn autsufficienza, al quale afferiscn le ntizie derivanti dalla attività di valutazine, di prgettazine e di mnitraggi, ed alla registrazine delle infrmazini prdtte attravers tali attività. Si tratta quindi di predisprre un sistema infrmativ in rete che sia alimentat dalle infrmazini relative a: - esiti della valutazine - percrs assistenziale prgettat e realizzat - csti imputabili su base tariffaria - mnitraggi DGR 323/2005, Accrd cn le rganizzazini sindacali sulle residenze sciali e adzine degli atti relativi alla riqualificazine delle residenze sci-sanitarie per anziani nn autsufficienti. Allegat C. ART. 8 - Unità Valutativa Distrettuale (UVD) COMPONENTI L UVD è cstituita da: - Medic del distrett (crdinatre/respnsabile dell UVD). - Medic di Medicina Generale curante dell assistit (Respnsabile clinic del paziente). - Infermiere Prfessinale. - Assistente Sciale referente del cas dei Servizi Sciali del Cmune di residenza dell assistit. - Altre figure prfessinali, sanitarie e sciali, specialiste del settre: medici specialisti, terapisti della riabilitazine, medic spedalier, geriatra, psiclg, che la integran a seguit di specifiche necessità del cas clinic. COMPITI Spettan all UVD i seguenti cmpiti: - Valutazine del grad di autsufficienza dell assistit - Valutazine Multi Dimensinale dei bisgni assistenziali del paziente e del nucle familiare - Elabrazine del pian assistenziale individuale persnalizzat (P.A.I.), che specifica gli biettivi assistenziali, la tiplgia degli interventi, la durata della degenza, la tiplgia dell ammissine (D.P.O., rdinaria, di slliev ), l scadenzari delle verifiche. - Ammissine e dimissine dalla Struttura Prtetta Il grad di autsufficienza e i bisgni assistenziali sn definiti attravers l utilizz delle scale di valutazine multidimensinali individuate dalla Regine Marche 1 negli allegati 1 e 2 dell allegat A della DGR 606/2001). VII. Rete scisanitaria Deliberazine n Pian sanitari reginale Allegati 1 e 2 dell allegat A della DGR 606/2001.

7 Area lgica della valutazine integrata sciale e sanitaria Va ricndtta al Direttre di Distrett e al Crdinatre di Ambit la respnsabilità: a) dell unica Unità Valutativa Integrata (UVI) nelle sue mlteplici articlazini; b) di tutte le funzini di valutazine cllegate alle prestazini cmplesse ergate sul territri; c) di tutte le attività valutative seppur diversamente articlate per aree d intervent (fasce d età, patlgie, discipline mediche). Atti specifici della Giunta, predispsti cn la partecipazine ed il cinvlgiment dei sggetti interessati, sentita la Cmmissine Cnsiliare cmpetente, darann indicazini per una strutturazine unitaria della valutazine sciale e sanitaria da parte dell UVI sulla base dei seguenti criteri: - attribuzine all UVI dei cmpiti di: esame della situazine clinica e sciale di un singl cas; valutazine delle necessità assistenziali sciali e sanitarie; individuazine del referente frmale della presa in caric (case manager); predispsizine del prgett individuale di intervent; mnitraggi dell evluzine dell intervent e individuazine di eventuali variazini del prgett di cura. - nmina del respnsabile dell UVI cn att di intesa tra il Direttre di Distrett ed il Crdinatre d Ambit; - cstituzine nell Unità Valutativa di un nucle fiss (frmat da peratri sanitari, prvenienti dal Distrett e dai Dipartimenti Clinici, e da peratri sciali, prvenienti dall Ambit territriale e dai Cmuni); - integrazine dell UVI cn cmpnenti attivati in funzine delle specifiche cmpetenze. - assicurare che l UVI si attivi: VIII. Rete territriale nel cas di bisgni assistenziali cmplessi che richiedan l intervent delle strutture di riferiment distrettuale, l ergazine di cure dmiciliari di servizi residenziali. (Il bisgn assistenziale cmpless, nn è riferit tant alla gravità della patlgia, ma alla multidisciplinarietà dell intervent); quand si evidenzi il cas di un utente che necessiti di una presa in caric cngiunta crdinata da parte di diversi servizi interni ed esterni alla Zna Territriale; nel cas di bisgni sci-sanitari cmplessi che necessitin l intervent degli enti lcali di strutture del terz settre; quand nn è chiar il servizi cmpetente di una presa in caric; quand è necessari attivare risrse strardinarie rispett a quant pianificat nel budget (ad esempi la smministrazine di nuvi farmaci e presidi prtesici nn in tariffari). In un prgett reingegnerizzazine del Distrett tre cnsiderazini cstituiscn la base essenziale per gni tip di strategia: il sistema territriale deve girare attrn al paziente e nn attrn alla rganizzazine; l rganizzazine è flessibile e adattabile a secnda delle esigenze della pplazine di riferiment; la cnfigurazine dell intervent in un ttica di rete cstituisce l biettiv precipu di svilupp del sistema territriale. L svilupparsi di queste tre tematiche cstituisce il cardine per giungere alla definizine di un sistema della accglienza territriale che trasfrmi il vincl della dispersine dei presidi e della frammentazine della ergazine in una rete capace di guidare il cittadin attravers i servizi medesimi determinand le mdalità di accglienza sulla base di funzini diffuse prima ancra che di strutture dedicate. Per raggiungere tali biettivi è necessari sffermarsi su alcuni prerequisiti fndamentali: 1. l access al sistema: la prta di access al sistema, cntrariamente a quant attualmente in essere deve essere unica; il Distrett deve cnfigurarsi cme il cntenitre lgic della funzine di cntrll dell access. Oggi l access è pssibile per varie vie, la valutazine è spess ripetuta, i benefici sn cndizinati da accessi plurimi ed ancra da plurime valutazini che frammentan l individu sttpnendl spess a peregrinazini tra i servizi e a prestazini ripetute;

8 2. la valutazine: l Unità Valutativa Integrata (UVI), ggi UVD è una categria lgica che può declinarsi cme l rientatre dei percrsi sanitari e sci sanitari cmplessi. L UVI nn cnfigura sltant un mment clinic, ma interpreta anche la respnsabilità di allcare le risrse; è l UVI che stabilisce l ambit di cura in cui va psizinat il cas cmpless, nn garantend sl l access, ma anche e sprattutt la apprpriatezza tra i vari ambiti di cura, garantend anche la cntinuità dell assistenza. Rappresenta inltre l unica via di access, per i casi cmplessi, alla residenzialità, all Assistenza Dmiciliare Integrata (ADI), alla semiresidenzialità; 3. l fferta in Rete: il ptere di cnnessine del Distrett cnfigura una rete di fferta unica; l insieme integrat Distrett Ospedale Ambit sciale diventa una struttura articlata, ma unica, di fferta. La valutazine L Unità Valutativa Integrata (UVI) Gli aspetti rganizzativi e gestinali che l intervent di valutazine affrnta sn: ricnduzine ad un unica funzine valutativa (UVI) dei bisgni cmplessi; garanzia della mgeneità delle attività valutative seppur diversamente articlate per aree d intervent (fasce d età, patlgie discipline mediche); esame della situazine clinica e sciale di un singl cas; valutazine delle necessità assistenziali sciali e sanitarie; individuazine del referente frmale della presa in caric (case manager); predispsizine del prgett individuale di intervent; mnitraggi dell evluzine dell intervent e definizine delle eventuali variazini del prgett di cura. Attivazine - Mtivi e mdalità Nella attuale rganizzazine del Distrett l Unità Valutativa Integrata (UVI) è un rganism pluridisciplinare che all intern della rete curante territriale esercita la funzine di definire, secnd i criteri di apprpriatezza ed equità, il pian assistenziale per tutti clr che necessitan di un intervent sci sanitari al di furi delle strutture spedaliere. L U.V.I. pera cn la metdlgia del lavr di grupp, nn prevede al su intern rapprti gerarchici cnslidati basand la esplicitazine del su mandat sul cnfrnt tra pari. Grazie alla VMD (valutazine multidimensinale) si individuan i bisgni dell'utente, in md da stilare il Pian Assistenziale Individualizzat (PAI). L scp è quell di superare una lgica del lavr prestazinale cinvlgend tutti gli attri in prgetti sulla persna. II PAI è un strument che deve cnsentire, da una parte di delineare delle linee guida che si indirizzan vers un assistenza individualizzata e ben rganizzata, e dall altra di rappresentare un ttim strument di cmunicazine rganizzativa tra tutti clr che, a vari titl, si ccupan del sggett fragile. La VMD ci si riferisce a 4 aree: SANITARIA FUNZIONALE MENTALE O COGNITIVA SOCIALE Per gnuna di queste aree, sn utilizzati specifici test, che cnsentn di identificare il prfil dell utente. In relazine alla cmpnente sanitaria, il Distrett è rdinariamente rappresentat nell U.V.I. da: Direttre di Distrett su delegat; Medic di Medicina Generale dell assistit Medic di Medicina Generale facente parte delle frme assciative di Medicina Generale dell Equipe Territriale; Respnsabile Infermieristic del Distrett su delegat. La presa in caric e la cntinuità dell assistenza La presa in caric rappresenta una pzine strategica attravers cui il distrett cmpetente esercita la funzine di gvern della dmanda riducend le vie di fuga. La cntinuità assistenziale è la funzine di indirizzare, aiutare ed assistere il paziente/utente nel percrs all intern della rete curante che insiste sul su territri e nell inter sistema sanitari. Nella definizine e nell articlazine dei percrsi e dei prcessi di presa in caric e cntinuità dell assistenza la dimensine dell integrazine sci-sanitaria è essenziale.

9 Per perseguire una crretta integrazine nella presa in caric e cntinuità dell assistenza è necessari superare da un lat gli stacli interni alla rganizzazine spess in balia di variabili di cntest che ne strumentalizzan e devian le ptenzialità, dall altr da una cnslidata autreferenzialità dei gruppi prfessinali che tendn a ricnscersi nella lr identità prfessinale più che nel sistema integrat dei servizi sanitari e sciali. È necessari quindi ritrnare a mdalità cmpartecipate di prgrammazine strategica ve la funzine di direzine definisca linee entr cui la pianificazine venga prtata a termine cn la piena cllabrazine e cndivisine degli peratri che devn cndividere e cnscere le strategie e gli biettivi a questi sttesi, attravers una lettura nn sl ecnmicistica ma anche prestazinale del setting assistenziale. La valrizzazine ecnmica dei percrsi cnslidati, la lr cmparazine e la lr reingegnerizzazine prmuverà l adzine delle migliri pratiche e determinerà un trend vers cui assestare la prduzine in una priezine che cniughi qualità ed efficienza. Rirganizzazine dell fferta Nella strutturazine dell fferta appare indispensabile sttlineare cme, anche nell ambit di servizi territriali, sia imprtante cnsiderare le intercnnessini tra bacini di utenza necessari a garantire cngiuntamente servizi di qualità e adeguate ecnmie di scala. Occrre cnsiderare quali servizi attivare a livell di Distrett, quali nella Zna e cstruire in Area vasta un prcess che deve impegnare il sistema dei servizi sanitari cn una frte regia partecipata. La prgettualità sulla residenzialità utilizzerà l esperienza della prima implementazine sulla qualificazine della assistenza residenziale agli anziani nn autsufficienti, facente parte della DGR 1566/04. Gli elementi cnscitivi che sn emersi rispett ai cntenuti delle cnvenzini e alle mdalità di ergazine delle prestazini, cn riferiment al persnale e agli altri centri di cst in seguit all applicazine della DGR 704/06, permetterann di cstruire un quadr cmplet della situazine e, quindi, ffrire le indicazini per ririentare il sistema sia dal punt di vista della allcazine delle risrse che delle necessarie evluzini. E imprtante attivare anche nel settre delle Cure Dmiciliari l analisi/mnitraggi e la rirganizzazine delle prcedure di intervent in una prspettiva unitaria e cerente a livell aziendale, secnd il seguente schema di lavr: 1. definizine dell intervent; 2. criteri di ammissine; 3. criteri di dimissine; 4. attivazine dei percrsi residenziali; 5. rganizzazine assistenziale. Ptrann in particlare essere presi in cnsiderazine temi già ggett di valutazine in ambit reginale quali: Minimum Data Set, sistema degli indicatri e sistema infrmativ per le Cure Dmiciliari; sistema di classificazine dei pazienti e tiplgie Cure Dmiciliari; meccanismi di rganizzazine e funzinament delle segreterie rganizzative e dell UVD per le Cure Dmiciliari; sistema di cntabilità analitica; rapprti tra il sistema delle Cure Dmiciliari e Dipartiment delle Prfessini (Art. 8, L.R.13/03); meccanismi di Cntinuità Ospedale-Territri e Percrsi Assistenziali nelle Cure Dmiciliari; qualità percepita. Una rivisitazine glbale del sistema delle cure dmiciliari ed un adeguament della nrmativa vigente appain imprcrastinabili anche al fine di determinare quali sian i livelli reginali minimi su cui prgrammare la ergazine di prestazini.

10 DGR Mdell di cnvenzine residenze prtette anziani IX. Rete territriale Deliberazine n Pian scisanitari reginale La valutazine: l Unità Valutativa Integrata (UVI), è una categria lgica che può declinarsi cme l rientatre dei percrsi sanitari e sci sanitari cmplessi. L UVI nn cnfigura sltant un mment clinic, ma interpreta anche la respnsabilità di allcare le risrse; è l UVI che stabilisce l ambit di cura in cui va psizinat il cas cmpless, nn garantend sl l access, ma anche e sprattutt la apprpriatezza tra i vari ambiti di cura, garantend anche la cntinuità dell assistenza. Rappresenta inltre l unica via di access, per i casi cmplessi, alla residenzialità, all Assistenza Dmiciliare Integrata (ADI), alla semiresidenzialità; (La valutazine multidisciplinare è peraltr esplicitata dal cmma B dell articl10 del Patt della salute cme unica mdalità di access al sistema dmiciliare e residenziale); I prcessi scisanitari Ptenziament e rirganizzazine cmplessiva del sistema di valutazine della nn autsufficienza nell ambit delle Unità Valutative Integrate, quali punti unici integrati sci-sanitari per la valutazine, la presa in caric e la dimissine dell anzian, e quali sndi per l biettiv dell apprpiatezza delle prestazini

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Rendiam prduttive le riunini Per prgettare un mdell di scula: un apprcci culturale e filsfic un elabrazine pedaggica una prgettazine didattica frti cnscenze disciplinari L autnmia è: respnsabilità innvazine

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati PROPOSTA DI LEGGE N. 4091 D iniziativa dei deputati SANTULLI, ARACU, BIANCHI CLERICI, CARLUCCI, GALVAGNO, GARAGNANI, LICASTRO SCARDINO, ORSINI, PACINI, PALMIERI, RANIERI Statut dei diritti degli insegnanti

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010 Nta tecnica riferita alla nta M.I.U.R. prt. n. 8409 del 30 lugli 2010 Oggett: Istruzini amministrativ-cntabili per le istituzini ggett di dimensinament. Le Istituzini sclastiche, per quant attiene all

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN Frmatre Multimediale METODOLOGIA METACOGNITIVA DEI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL APPRENDIMENTO E DELLA

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO PREVENZIONE EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGIO ALLETTATO 1. Intrduzine ed biettivi 3 2 Sinssi delle raccmandazini 4 3. Ictus cerebri ischemic acut 10 3.1 Prfilassi meccanica 10 3.2 Prfilassi

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ringraziamenti Diverse persne hann cntribuit a quest lavr. Tra queste ringrazi l Avv. Rsari Salnia, che nel nstr ambiente, è cnsiderat il miglir giuslavrista di Rma ed il su

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Eurpass Infrmazini persnali Cgnme(i/)/Nme(i) Gentili Marc Cittadinanza italiana Sess Occupazine desiderata/settre prfessinale Maschile Espert Senir Esperienza prfessinale Date Lavr psizine

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015.

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015. REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denminat Scpri l'azerbaijan e vinci un bigliett per Exp2015. 1. SOCIETA PROMOTRICE Simmetric SRL Via V. Frcella 13, 20144 Milan P.IVA 05682780969 (di seguit la Prmtrice

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq Rma, 29-30-31 ttbre 2003, EUR, Palazz dei Cngressi DOMANDA DI AMMISSIONE A BIBLIOCOM BIBLIOTEXPO 2003 cmpilare in gni sua parte Dati aziendali DATI DELL AZIENDA TITOLARE DELLO STAND DATI PER LA FATTURAZIONE

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile Strategia Energetica Nazinale: per un energia più cmpetitiva e sstenibile Marz 2013 Premessa Il cntest nazinale e internazinale di questi anni è difficile ed incert. La crisi ecnmica ha investit tutte

Dettagli

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE,

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, CHIAVE PER LA CRESCITA BLU COM & CAP MARINA-MED #5 SEMINARIO DI CAPITALIZZAZIONE 12 &13 Maggi, 2015 Firenze (Regines Tscana- Italia) Luca Girdan Hall, Palazz Medici

Dettagli

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014 Annual General Meeting AGM 36 Aprile 2014 Erasmus Student Netwrk Annual General Meeting 2014 Milan Italia COS'E' ESN? Erasmus Student Netwrk (ESN) è una delle più grandi assciazini studentesche in Eurpa.

Dettagli

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE PREMESSA PREMESSA I Servizi via internet, cellulare e telefn le permettn di perare in md semplice e dirett cn la Banca, dvunque lei sia, a qualsiasi ra del girn, scegliend di vlta in vlta il canale che

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA La nuva Strategia Energetica Nazinale per un energia più cmpetitiva e sstenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA Settembre 2012 La Nuva Strategia Energetica Nazinale Premessa Il cntest nazinale e

Dettagli

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi Via Renat Cesarini, 58/60 00144 Rma Via Scrate 26-20128 - Milan P. IVA: 01508940663 CCIAA: 11380/00/AQ Cisc, Juniper and Micrsft authrized Trainers Esame 70 291: (Btcamp Crs MS-2276 e crs MS-2277 ) Crs

Dettagli

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

Allegato all'articolo Taglialeggi

Allegato all'articolo Taglialeggi Allegat all'articl Taglialeggi Tip att Titl dispsizi ni da abrgare 1 R.D. 773 18/06/1931 Apprvazine del test unic delle leggi di Le persne che hann l'bblig di prvvedere all'istruzine art. 12, elementare

Dettagli

IL TESTO ARGOMENTATIVO

IL TESTO ARGOMENTATIVO IL TESTO ARGOMENTATIVO 1. LA STRUTTURA DI UN TESTO ARGOMENTATIVO La struttura base del test argmentativ può essere csì schematizzata: PROBLEMA TEMATICA CONFUTAZIONE DELLE SIN CONCLUSIONE Questa struttura,

Dettagli

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione referente e-mail PEC referente identificatre titl descrizi Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre Affari Gerali Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre

Dettagli

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA?

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Analysis N. 284, Aprile 2015 EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Stefan M. Trelli La tragedia avvenuta nel Canale di Sicilia, cn circa 700 persne che si teme abbian pers

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI II REPARTO- COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 2 Uffici- Trattamenti ecnmici del persnale all'ester All.8 Indirizz Pstale: Via XX

Dettagli

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO RELATIVA AL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE INDICE 1. Elenc mduli richiamati... 4 2. Riferimenti... 4 3. Scp e generalità... 5 4. Camp di applicazine... 5 5. Standard specifici...

Dettagli

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it Cndizini Generali sit SOSartigiani.it 1. Premesse 1.1 Il presente accrd è stipulat in Italia tra il Dtt. Lrenz Caprini, via Garibaldi 2, Trezzan Rsa 20060 Milan, ideatre di SOSartigiani.it di seguit denminat

Dettagli

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5 TELEFONIA MOBILE 5 Realizzat da azienda cn sistema di gestine per la qualità certificat ISO 9001:2008 Smmari 1. PREMESSA... 4 1.1 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SIM IN CONVENZIONE AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI...

Dettagli

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5.

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5. 1. Lessiclgia vs terminlgia... 4 2. Lessic cmune e lessic specialistic... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni strici... 6 5. La nrmazine terminlgica... 7 6. Dalla lessicgrafia alla termingrafia, dai

Dettagli

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione )

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione ) CERTIFICATI BIANCHI (TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TEE) (Fnte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmi energetic, le rinnvabili termiche e la cgenerazine ) 1) MECCANISMO

Dettagli

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014 Deliberazine G.C. nr. 14 dd. 23.01.2014 Pubblicata all'alb cmunale il 31.01.2014 OGGETTO: Adzine pian triennale di prevenzine della crruzine (p.t.p.c.) ai sensi della legge n. 190 del 06.11.2012. Deliberazin

Dettagli

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI MARTINA ZIPOLI Sess Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazinalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE Archelga press cantieri di scav prgrammat ed emergenza, cn ruli di respnsabile

Dettagli

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti Ver.1.0.20101105 Cntenuti SOAP QWERTY 1. Per la Vstra Sicurezza... 4 2. Prfil del telefn... 7 3. Prim utilizz... 9 Installare la SIM Card... 9 Installare la Memry card... 11 Installare la Batteria... 12

Dettagli

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner Engineering Prcess Owner ING. FABIO GIANOLA Dati Anagrafici Nat a Milan il 25/11/1968. Nazinalità: Italiana Residenza: Milan Prfessine: Da Nvembre 2013 Amministratre Unic di I.Q.S. Ingegneria Qualità e

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H Manuale d us Manuale d us EPIC 10 cdice articl 5400321-03 Rev. H INDICE Indice... 1 Intrduzine... 4 1. Cnfezine... 5 1.1 Elenc dei cmpnenti del sistema... 5 1.2 Dati Tecnici... 5 2. Descrizine dell apparecchiatura...

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

Approcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestione rischio asset rinnovabili

Approcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestione rischio asset rinnovabili Mercati energetici e metdi quantitativi: un pnte tra Università e Aziende 22-23 Maggi, Padva Apprcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestine rischi asset rinnvabili Manuele Mnti, Ph.D.

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Becomingossola.com. Politica della riservatezza

Becomingossola.com. Politica della riservatezza Becmingssla.cm Plitica della riservatezza Infrmativa per prentazini Aurive scietà cperatva sciale, sede legale Crs Cavallt 26/B Nvara, P.IVA 02101050033 Numer REA: NO 215498, e-mail inf@becmingssla.cm,

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO

DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO Avvis pubblic per la cncessine di cntributi ecnmici a sstegn di prgetti da attuare nelle Scule del Lazi - Presentazine n demand delle prpste prgettuali ALLEGATO A - Prgetti Esclusi - Scadenza 27 febbrai

Dettagli

anno scolastico/school YEAR 2015/2016

anno scolastico/school YEAR 2015/2016 MODULO D ISCRIZIONESERVIZIO TRASPORTO ALUNNI PER LE FAMIGLIE DELLA CANADIAN SCHOOL OF MILAN SCHOOL BUS APPLICATION FORM FOR THE STUDENTS OF CANADIAN SCHOOL OF MILAN ann sclastic/school YEAR 2015/2016 SCRIVERE

Dettagli

Nota Metodologica Applicazione Regolamento sul RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E CONFERIMENTO DI INCARICHI (D.L. 112/08, Art. 18)

Nota Metodologica Applicazione Regolamento sul RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E CONFERIMENTO DI INCARICHI (D.L. 112/08, Art. 18) STAFF RISRSE UMANE Nota Metodologica Applicazione Regolamento sul RECLUTAMENT DEL PERSNALE E CNFERIMENT DI INCARICHI (D.L. 112/08, Art. 18) NTA METDLGICA SCREENING Servizio Gestione Risorse 1 PREMESSA

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini eurpei REQUISITI GENERALI Per pter sstenere un'iniziativa dei cittadini eurpei ccrre essere cittadini dell'ue (cittadini di un Stat membr) e aver raggiunt

Dettagli

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali)

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Ausl Roma H UO Assistenza Domiciliare, Senescenza Disabilità Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Troverai altre utili informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO Scuola elementare istituto comprensivo Adro Classi seconde a.s. 2003 2004 TRASFRMAZINI: DALL UVA AL VIN BIETTIV: sservare, porre domande, fare ipotesi e verificarle. Riconoscere e descrivere fenomeni del

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità

Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità Advancing Integration for a Dignified Ageing Progetto AIDA Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni Grilamid Pliammide 12 Tecnplimer per le massime prestazini Indice 3 Intrduzine 4 Cnfrnt cn altre pliammidi 5 Nmenclatura Grilamid 6 Esempi di impieghi 8 Caratteristiche tipi Grilamid 10 Prprietà 20 Dati

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas www.siemens.cm/medium-vltage-switchgear Quadri fissi cn interruttre autmatic tip NXPLUS C fin a kv, islati in gas Quadri di media tensine Catalg HA 5. 0 Answers fr infrastructure and cities. R-HA5-6.tif

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Il primo documento internazionale per la definizione della sensibilitá al glutine

Il primo documento internazionale per la definizione della sensibilitá al glutine Il prim dcument internazinale per la definizine della sensibilitá al glutine Cnsensus Cnference n Gluten Sensitivity, Lndn 11/12 Februar 2011 Prfessr Alessi Fasan, M.D., Prfessr f Pediatrics, Medicine

Dettagli