Un amico animale contribuisce al benessere dell anziano? Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un amico animale contribuisce al benessere dell anziano? Introduzione"

Transcript

1 Un amico animale contribuisce al benessere dell anziano? Introduzione L essere anziani oggi può significare molte cose: prima di tutto bisogna stabilire quando si diventa anziani in una società protesa al mito dell eterna giovinezza. In passato si era anziani dal pensionamento in poi, cioè circa dai 65 anni ma oggettivamente non c è una data d inizio dell invecchiamento. Possiamo definire un periodo preciso in cui finisce la crescita corporea ma non quella psicologica, cosí possiamo dire che il declino corporeo inizia dal momento in cui si conclude la crescita, ma non possiamo certo dire che incominci l invecchiamento in senso psicologico. Si diventa, dunque, anziani quando ci si percepisce come tali. Talvolta puó essere un insight improvviso, talvolta una lenta presa di coscienza. Simon De Beauvoir descrive il momento in cui ha compreso per la prima volta di non essere piú giovane, raccontando del suo smarrimento il giorno in cui le fu offerto il posto a sedere in autobus (De Beauvoir, 1971). Le condizioni della vecchiaia sono anch esse molto varie perché entrano in gioco tante e tali variabili da rendere molto difficile ogni generalizzazione. Alcuni anziani vivono bene il loro invecchiamento limitandosi a ridurre le attività che svolgevano ma continuando ad impegnarsi attivamente in molti settori, altri si abbandonano alla depressione e si ritirano in solitudine. Questo dipende in buona misura dalla presenza o meno di una rete familiare di supporto sia psicologico che pratico. Nelle città, in particolare, gli anziani che vivono soli, e che non hanno più né amici né parenti, sono numerosissimi. Sono situazioni drammatiche, di povertà spesso nascosta e sopportata dignitosamente: potremmo forse dire che gli unici veri poveri della nostra società opulenta sono gli anziani. Molti anziani lottano con gli spiccioli, spesso malati e senza assistenza, costretti alla fine al ricovero in reparti protetti di strutture tristissime (Laicardi, Pezzati, 2000). In questa situazione il legame che si stabilisce fra l anziano e un animale domestico può essere un incentivo a vivere meglio.. Sono circa cinquant anni (Levinson, 1953) che la psichiatria e la psicologia si interessano dei benefici che gli animali possono apportare in caso di patologie o di situazioni di deprivazione affettiva. Che l animale possa essere un mezzo per migliorare la comunicazione, o per facilitare la tolleranza di frustrazioni (come nel caso dei carcerati, per esempio), è un dato acquisito e accettato. Nelle terapie infantili la presenza di un animale puó aiutare il bambino ad esprimere sentimenti ed emozioni. Giá Freud, del resto, usava la sua cagnetta come co-terapeuta, affidandole il compito di segnalare al paziente la fine della seduta e Mary Bonaparte ha dedicato un intero volume al particolare rapporto fra Freud e i suoi cani. La maggior parte delle ricerche, tuttavia, è rivolta agli interventi di pet therapy, o in italiano UTAC (Uso Terapeutico degli Animali da Compagnia), attività terapeutica effettuata con animali addestrati, sperimentata soprattutto in America, su popolazioni diverse di soggetti: dagli adolescenti a rischio, agli anziani ricoverati in istituto, ai bambini artistici, ai carcerati ecc Tale terapia è 1

2 organizzata secondo uno schema rigido di intervento, che può avere scadenze giornaliere, settimanali o mensili, ma è pur sempre circoscritta nel tempo, ed è svolto con animali che non appartengono ai soggetti. Si tratta di solito di cani che vengono accompagnati dagli addestratori presso le istituzioni in cui vivono i soggetti. Molto più rari sono i lavori che indagano sulla relazione spontanea che si stabilisce con gli animali con cui si convive. Sembra, dunque molto importante distinguere l uso terapeutico (Siegel, 1990; Del Negro, 1998) dall effetto terapeutico spontaneo che l animale può avere in contesti domestici. Il legame fra il padrone e il suo animale è paragonato, in letteratura, al legame di attaccamento che si stabilisce con i bambini, ovviamente fatte le opportune distinzioni. In quest ottica vorrei portare un piccolo contributo alle ricerche che indagano sullo stato psicofisico degli anziani che possiedono un animale domestico. Infatti, anche se esistono molte ricerche straniere su questo tema, in Italia sono scarsissime, per non dire assenti. Il lavoro che presento è la continuazione di una precedente ricerca (Farneti, 2004) che ha costituito il punto di partenza di un progetto di intervento finanziato dalla Provincia di Bologna: l obiettivo è quello di costruire una rete di competenze complementari (psicologi, veterinari, educatori, assistenti sociali, addestratori ecc ) capaci di aiutare persone anziane sole, che desiderino un animale, ad accettarne l affido. In tal modo si potrebbero lentamente svuotare i canili e i gattili e, nel contempo, migliorare le condizioni di vita di una vasta popolazione di soggetti. C è qualche speranza che l opinione pubblica si stia sensibilizzando lentamente al problema. L accordo fra Governo e Regioni del 28 febbraio 2003 menziona, fra le altre iniziative, quella di permettere agli anziani ricoverati in istituto di portare con sé i propri animali domestici. Non è ancora detto che ciò sia possibile né in quanto tempo, ma è già un piccolo passo avanti. In un paese in cui ci sono sette milioni di cani e sette milioni e mezzo di gatti e in cui si spendono 980 milioni di euro per il loro mantenimento e 1600 per cure veterinarie, sembra difficile credere che sia così arduo destinare aiuti a coloro che non possono permettersi, per ragioni di salute o economiche, di avere la compagnia di un animale. Ipotesi della ricerca L ipotesi del lavoro è che la qualità della vita degli anziani che possiedono animali domestici sia migliore di quella degli anziani che non li possiedono, sia da un punto di vista fisico che psichico che sociale. E stato dimostrato, infatti, che occuparsi di un animale aiuta gli anziani a: 1.) vivere più centrati sul presente, senza rifugiarsi nel passato; 2.) migliora i rapporti sociali; 3) ha effetti benefici sullo stato di salute. Gli animali più frequentemente ospitati in casa sono cani e gatti, e, pur essendo entrambi degli ottimi terapeuti hanno caratteristiche peculiari. La scelta dell uno o dell altro può essere dettata da simpatia o da necessità: si sa che le dinamiche 2

3 relazionali sono molto diverse col cane e col gatto. I primo è un animale che vede nel padrone il capo branco e ad esso si sottomette, stabilendo così un legame di forte dipendenza; il secondo è un animale solitario che rivede nel padrone la madre, con la quale ha sperimentato, nei primi tempi della vita, quello che resterà l unico forte legame di attaccamento. Il rapporto col gatto sarà perciò più conflittuale (con la madre la relazione è di solito molto centrata sulla sfera emotiva ma meno sulle regole!) ma anche più intenso. Molte volte l anziano sceglie un gatto, anche se preferirebbe un cane, perché non ha l energia necessaria ad accudirlo. Sia il cane che il gatto, tuttavia, hanno un effetto positivo sulle relazioni sociali dell anziano. Se l animale è un cane, il padrone è costretto a frequenti passeggiate, durante le quali incontra altri possessori di cani coi quali instaura lunghe conversazioni che prendono l avvio dal racconto delle prodezze dei propri animali; se è un gatto, oltre a permette al padrone di avere un essere vivente che ha bisogno di cure, che innesca profondi legami di attaccamento, può diventare oggetto di conversazione coi vicini o con i figli e i nipoti (Rogers & Boltz, 1992; Marchesini, 2000). Possiamo inoltre ipotizzare che le migliori condizioni psichiche, prodotte dal possesso di un animale, consentano anche una maggiore apertura verso gli altri. Anche in questo senso, dunque, gli animali fungono da lubrificanti sociali. Il sentirsi utili e amati e l avere rapporti sociali più intensi hanno naturalmente effetti benefici anche sullo stato di salute. Sia considerando parametri soggettivi (attraverso interviste basate sulle rappresentazioni degli anziani), che fisiologici (relativi all incidenza o recidivanza di malattie cardiovascolari), si sono ottenute numerose conferme empiriche che gli anziani che possiedono animali sono più longevi, reagiscono meglio alle malattie, hanno meno bisogno del medico e mantengono uno stato psicologico soddisfacente (Garrity et al., 1989; Siegel, 1990; Miller et al.,!992; Jennings et al., 1998; Raina et al., 1999). E stato spesso obiettato che in fondo gli animali sono solo sostituti di quel calore umano e di quell affetto che gli anziani non hanno più e che sarebbe meglio potenziare i loro rapporti familiari e offrire loro condizioni di vita più adeguate, piuttosto che preoccuparsi di affidar loro un animale. Questo è certamente vero, ma, dal momento che è molto più difficile rendere agli anziani gli affetti che hanno perso, o ricostruire un tessuto sociale soddisfacente (soprattutto nelle situazioni in cui sono relegati in casa a causa di malattie e invalidità), allora perché non dar loro un piccolo aiuto e un piccolo grande amore? Un animale offre un affetto diverso da quello umano, più semplice naturalmente, ma più totale. Un cane o un gatto non chiedono ai loro padroni altro che di esistere e non danno giudizi sul loro aspetto o sulle loro condizioni mentali. L accettazione incondizionata non può venire da altri uomini ma è, soprattutto per alcune categorie di soggetti, molto importante. Metodologia. Il lavoro si basa su tre strumenti: 3

4 a) Due questionari, strutturati ad hoc: il primo, rivolto agli anziani che possiedono animali, è composto di 56 domande, di cui alcune riguardanti lo stato di salute e la composizione familiare dell anziano, alcune la relazione con i propri animali, alcune la vita sociale e affettiva; il secondo, composto di 32 domande, rivolto agli anziani che non possiedono animali, è identico al primo nella parte che riguarda la salute e la vita sociale del soggetto mentre nella seconda indaga sull atteggiamento degli anziani intervistati verso gli animali. La formulazione del questionario è stata preceduta da alcune interviste libere condotte a domicilio, con anziani che possedevano animali domestici. La costruzione del questionario ha preso spunto dagli argomenti trattati spontaneamente dai soggetti intervistati; b) il Symptom Questionnaire di Fava Kellner, composto di otto scale: quattro relative al malessere psicologico, (ansia, depressione, ostilità e sintomi somatici), quattro il benessere (rilassatezza, contentezza, disponibilità verso gli altri). E importante sottolineare che le scale definite di benessere sono costruite in modo tale che le risposte da contare siano sempre quelle contrassegnate da vero, come nelle scale di malessere: per esempio si chiede di dire se è vero o falso che ci si sente spesso stanchi. In tal modo, dato che anche le scale di benessere si basano su sintomi nevrotici, più basso è il punteggio ottenuto, più alto è il grado di benessere E stato scelto questo strumento perché è agile, di facile comprensione, e comporta un tempo abbastanza breve per la somministrazione. Gli anziani in genere sono propensi a raccontare ma non amano troppo essere sottoposti a test e prove, che li mettono subito in uno stato di ansia e diffidenza. Il Symptom Questionnaire è inoltre in grado di fornire indicazioni sulle eventuali patologie dei soggetti e risponde perfettamente alle esigenze di questo lavoro che intende sondare soprattutto le rappresentazioni che gli anziani hanno della loro vita, piuttosto che i dati oggettivi. La raccolta dei dati è stata svolta a domicilio da alcuni ricercatori che venivano presentati agli anziani da amici e conoscenti e che venivano così accolti positivamente. Dopo un primo colloquio di presentazione, si procedeva (nello stesso giorno o in giorni successivi) alla somministrazione del questionario che veniva sempre compilato insieme allo sperimentatore. Spesso le domande fornivano l occasione per spaziare su altri terreni e la visita poteva durare anche alcune ore. In un secondo incontro, laddove è stato possibile effettuarlo, si presentava il Symptom Questionnaire. Il campione Il campione è costituito globalmente da 279 anziani dei due sessi di età comprese fra i 70 e i 90, suddivisi in quattro sottocampioni: 165 possiedono animali (98 F. e 67 M.) e 114 no (69 F. e 45 M.). Ad essi è stato somministrato il questionario. 4

5 Il Symptom Questionnaire è stato somministrato solo ad un sottocampione di 223 soggetti perché non sempre è stato possibile effettuare due visite domiciliari consecutive a causa di variabili di disturbo di diverso genere (malattie, rifiuto, ecc ). Il campione è così composto: 123 anziani che possiedono animali (75 F. e 48 M.) e 100 no (femmine 41, maschi 23). Il campione è completamente casuale, reperito attraverso catene di conoscenze e centri-anziani. Il range di età è molto ampio, anche se la maggior parte dei soggetti si colloca fra i 70 e gli 80 anni, così come è diversa l estrazione socioculturale e la composizione familiare. I risultati. a. ) Le risposte al questionario L analisi dei questionari conferma i risultati delle ricerche condotte in altri paesi. Complessivamente possiamo affermare che gli anziani che possiedono animali affermano di avere meno problemi di quelli che non li possiedono. Si riporteranno qui di seguito, per brevità, solo le risposte alle domande ritenute più indicative. Per quanto attiene le altre domande, si tenterà di fare una sintesi qualitativa dei risultati più interessanti. Delle domande relative allo stato di salute, sono state scelte quella in cui l anziano elenca le malattie di cui soffre e quella in cui gli si chiede di valutare se la presenza di un animale ha qualche effetto sulla salute. Si può constatare che, benché le patologie indicate siano le stesse nei due sottocampioni, il rapporto fra il numero dei soggetti e il numero di malattie elencate è nettamente superiore nei soggetti che non hanno animali e che i disturbi di tipo psichico sono molto più frequenti nei non possessori. La maggior parte dei soggetti, inoltre, concorda nel riconoscere che la compagnia di un animale può migliorare le condizioni di salute del padrone (Tav. 1. e 2.). Le risposte alle domande del questionario, relative all assunzione di farmaci e al numero di ricoveri subiti, confermano, inoltre, che gli anziani che possiedono un animale subiscono un numero di ricoveri e assumono una quantità du farmaci significativamente più bassi di quelli che non li posseggono. Gli anziani proprietari di animali, inoltre, escono molto più degli altri: la maggior parte almeno una volta, o più volte, al giorno. Un alta percentuale di soggetti, anche quelli che non possiedono animali, è convinta che possedere un animale sia positivo per la vita sociale degli anziani (Rogers & Boltz, 1992). (Tav. 3. e 4.). Infine si può notare che le qualità dell animale più menzionate dai proprietari appartengono alla sfera dell affettività. Essi infatti li definiscono affettuosi, sensibili, fedeli, capaci di dare amore ecc. (Tav. 5). Questi risultati confermano che il legame con l animale costituisce un valido sostegno per chi sperimenta lunghi periodi di solitudine. Si tratta, con molta probabilità di un animale umanizzato, come emerge dalle domande più specifiche sulla qualità del rapporto: gli anziani, infatti affermano di parlare con i loro animali, convinti che essi capiscano; pensano che gli animali siano in grado di 5

6 consolarli quando sono tristi e qualcuno arriva a dire che li ama più dei figli. Cani e gatti sono anche fonte di preoccupazione per i loro padroni che temono di perderli. E interessante notare che chi ha avuto animali in passato ritiene che quello posseduto attualmente sia più intelligente, più simpatico e più docile: questa sembra essere la stessa dinamica che viene innescata dalla nascita dei nipoti, che sono sempre giudicati dai nonni bambini più intelligenti di quelli del passato. Richiesti di valutare su una scala da 0 a 10 l affetto che provano per i loro animali, infine, gli anziani indicano 10 nel 90% dei casi. b.) I risultati del Symptom Questionnaire. Il primo dato da rilevare è che tutto il campione rientra nella norma. I punteggi ottenuti sono conformi a quelli della popolazione media e non rilevano alcuna patologia grave né nei possessori che nei non possessori. (Canestrari, 1981) Un analisi della varianza a quattro vie mostra, tuttavia, differenze significative nei sottocampioni. La variabile che ha maggior effetto è il possesso di un animale, che incide in modo significativo su tutte le scale, mentre la variabile sesso incide solo se la si incrocia con il possesso e con i sintomi di malessere. Un successivo confronto delle medie alle singole scale, effettuato con t. di Student, mostra poi che le uniche scale in cui i sottocampioni non si differenziano sono quelle relative alla ostilità e alla disponibilità. entrambi i sottocampioni manifestano buona disponibilità e scarsa ostilità. Questo dato sembra sottolineare ancora una volta che l amore per gli animali non comporta affatto un atteggiamento negativo verso i propri simili, come spesso si sostiene. Al contrario, la letteratura psicologica ha già da tempo dimostrato una forte correlazione fra maltrattamenti agli animali e maltrattamenti ai bambini, tanto da utilizzare il maltrattamento agli animali come un possibile indizio per scoprire famiglie maltrattanti. Un ulteriore confronto, all interno dei due sottocampioni (possessori vs. non possessori) mostra poi che non ci sono differenze significative fra maschi e femmine, tranne che alla scala di benessere nel gruppo dei non possessori: in questo caso le anziane mostrano maggiori sintomi di malessere rispetto ai maschi (Miller et al., 1992) Nella precedente ricerca, si erano evidenziate differenze fra maschi e femmine sia nelle risposte al questionario, sia nelle scale del Symptom Questionnaire. (Farneti, 2004). Conclusioni La ricerca conferma i dati delle ricerche, condotte in altri stati, sulla positività della convivenza con un animale domestico negli anziani. I benefici maggiori sembrano essere legati ad una forte stimolazione psicologica e affettivoemozionale. Quello che appare piú significativo nel nostro campione, infatti, è la differenza nell autopercezione. Gli anziani che possiedono animali, infatti, pur riferendo di avere le stesse malattie degli altri, si percepiscono come più sani, dichiarano di 6

7 assumere meno farmaci e di consultare meno il medico, di subire meno ricoveri in ospedale. Trattandosi di dati raccolti con questionari e test di autovalutazione, non siamo in grado di confrontare i risultati con dati oggettivi: per esempio gli anziani parlano genericamente di pressione alta o di disturbi cardiaci o di depressione, ma non viene espressa la gravità del disturbo. I dati soggettivi andrebbero confermati da un indagine clinica che prendesse in considerazione cartelle cliniche ed esami di laboratorio. Tuttavia, dal punto di vista psicologico è già un dato rilevante che i soggetti che possiedono animali si considerino più sani degli altri. Il Symptom Questionnaire non fa che confermare che chi possiede un animale si sente meglio di chi non lo possiede: manifesta un minor numero di sintomi d ansia e di sintomi somatici, di essere meno depresso e, globalmente, più soddisfatto del suo stato. Per quanto attiene poi la relazione con il proprio animale, gli anziani mostrano un fortissimo livello di attaccamento, senza differenze fra maschi e femmine. Sembra che quell effetto rivitalizzante che ha sul nonno la nascita di un nipotino, sia prodotto, seppure in altri termini, anche dall arrivo di un animale. E probabile che esso sia fortemente umanizzato e investito di quell affettività che l anziano, non può più riversare su figli e nipoti che non hanno più bisogno di lui. Si tratta del prendersi cura e del sentirsi importanti e necessari alla sopravvivenza di un altro essere vivente. Spesso ci si raccomanda di non umanizzare l animale ma, da un punto di vista psicologico, dovremmo chiederci se non è proprio l umanizzazione a rendere così importante la presenza in casa di un cane o di un gatto. Sappiamo che per l anziano i problemi principali sono la solitudine e la perdita di autostima: l animale è il compagno ideale perché non ci chiede come siamo né vuole da noi altro che affetto e cure. Se l anziano si convince che il suo cane o il suo gatto sono come bambini, hanno un intelligenza particolare e possono comprenderlo e rispondergli, questo non farà che aumentare gli effetti benefici della relazione. Rimane un dubbio di fondo sui risultati di questo lavoro: è possibile che le differenze così evidenti fra chi possiede un animale e chi non lo possiede siano la causa piuttosto che l effetto dell essere proprietari di animali? In altri termini: la scelta di prendere con sé un animale, di accudirlo, di preoccuparsi per la sua salute, di fare sacrifici per portarlo a spasso ecc potrebbe anche essere dovuta ad un migliore stato psico-fisico precedente. Chi è molto depresso e ansioso e afflitto da sintomi somatici con molta probabilità fa fatica a decidere di prendere con sé un animale. E vero che i soggetti del nostro campione non manifestano al Symptom Questionnaire, punteggi che li discostino dalla media nazionale tanto da definirli come portatori di patologie: le differenze significative rimangono all interno dei sottocampioni. D altra parte, per una conferma dei dati presentati, sono necessarie ricerche longitudinali in cui si possa verificare il cambiamento prodotto dalla presenza di un animale in soggetti che presentino qualche sintomo di depressione o di malessere psico-fisico, come del resto è già stato fatto in altri studi su pazienti degenti in istituzioni o affetti da patologie ad insorgenza improvvisa, come 7

8 l infarto del miocardio (Corson & Corson, 1982; Friedman & Thomas, 1998; Friedman et al., 1980; Raina et al. 1990). Bibliografia Canestrari, R. (a cura di) (1982) Nuovi metodi in psicometria. Firenze, O.S. Corson, S.A., Corson, E.O.L. (1981) Companion Animals as Bonding Catalists in Geriatric Institutions. In: Interrelation between People and Pet. Charles Thomas, Springfield. De Beauvoir, S. (1971) La terza età. Einaudi, Torino Del Negro, E. (1998) Pet Therapy: un metodo naturale, un programma di riabilitazone e rieducazione psicoaffettiva. Milano, Angeli. Farneti, A. (2004) La qualità della vita degli anziani che possiedono animali. In A.A.V.V. Tra Pet Therapy e Pet Education. L approccio multidisciplinare: quail obiettivi, quali competenze? II Seminario Convegno. Pubblicazione della Provincia di Bologna, pag Friedman, E. Thomas, A.S. (1998) Pet Ownership, Social Support, and One- Year Survival After Acute Myocardial Infarction in the Cardiac Arhythmia Suppression Trial. In: Cindy, C. Wilson Companion animals in human healt, pag Sage Publications, Thousand Oaks, CA, USA. Friedmann, E., Katcher, A. H., Lynch, J. J., Thomas, S. U. (1980) Animal Companions and one-year survival of patients discharge from a coronary care unit. Public Health Reports, 95, pag Garrity, T. F., Stallones, L., Marx, M.B., Johnson, T.P. (1989) Pet ownership and attachment as supportive factors in the health of the elderly. Anthrozoo, 3, pag Laicardi, C., Pezzati, L. (2000) Psicologia dell invecchiamento e della longevità. Bologna, Il Mulino. Marchesini, R. (2000) Vivere con gli animali in cittá. Bologna, Calderoni Miller, D., Staats, S., Partlo, C. (1992) Discriminating positive and negative aspects of pet interaction: sex differences in older population. Social Indicators Research, Dec., 27, pag Raina, P., Walter-Towes, D., Bonnett, B., Woodward, C. Abernathy, T. (1999) Influence of Companion Animals on the Physical and Psychological Health of Older People: An Analysis of a One-Year Longitudinal Study. Journal of the American Geriatric Society. Mar., 47, pag Rogers, J., Boltz, R.P. (1992) The role of pet dogs in casual conversations of elderly adults. The Journal of Social Psychology, 133, pag Siegel, J.M. (1990) Stressful life events and use of physician services among the elderly: the moderating rol of pet ownership. Journal of Personality and Social Psychology, 58, pag Si ringraziano le dottoresse Silvia Boccaletti, Silvia Oberoi, Sara Paoloni, Eleonora Monetti, Simona Zini, per aver permesso lo svolgimento di questa ricerca. Esse hanno infatti raccolto le interviste e i questionari nel corso dello 8

9 svolgimento della loro tesi di laurea, recandosi personalmente di casa in casa per incontrare gli anziani in un ambiente favorevole. Il Symptom Questionnaire Medie ottenute dai soggetti alle singole scale dai soggetti dei quattro sottocampioni a.) Scale di malessere Ansia Anziane con animali 5.41 Anziane senza animali 7.98 Anziani con animali 5.22 Anziani senza animali 7.13 Depressione Anziane con animali 5.00 Anziane senza animali 8.58 Anziani con animali 4.85 Anziani senza animali 7.08 Sintomi somatici Anziane con animali 5.92 Anziane senza animali 8.98 Anziani con animali 5.95 Anziani senza animali 7.06 Ostilità Anziane con animali 3.14 Anziane senza animali 4.34 Anziani con animali 4.18 Anziani senza animali 3.86 b.) Scale di benessere Rilassatezza Anziane con animali 1.64 Anziane senza animali 2.58 Anziani con animali 1.14 Anziani senza animali

10 Benessere Anziane con animali 3.28 Anziane senza animali 4.00 Anziani con animali 2.20 Anziani senza animali 3.77 Contentezza Anziane con animali 1.78 Anziane senza animali 2.98 Anziani con animali 1.18 Anziani senza animali 3.02 Disponibilità Anziane con animali 0.37 Anziane senza animali 0.40 Anziani con animali 0.33 Anziani senza animali 0.57 Punteggi ottenuti alle singole scale dai due campioni (possessori di animali vs. non possessori) senza distinzione di sesso. Variabili Media Media Valore g.d.l. p. non poss. poss. t. Stud. Ansia Depressione Sint. som Ostilità n.s. Relax Content Benessere Disponibilità n.s. Dottoressa Alessandra Farneti Dipartimento di Psicologia Università di Bologna 10

11 Tav. 1. Malattie che si attribuiscono i soggetti Reum. Card. Gastr.. Psich. Altro Tot. N.SS. SS./Tot. Poss Non poss. Tot Tav. 2.) L animale migliora le condizioni di salute degli anziani? Sì % No % Non so % Tot. Poss Non poss Tot Chi quadrato= P=.0000 Tav. 3.) Chi possiede un animale esce di più Uscite Mensili % Sett. % Giorn. % Più volte al giorno % Tot. Posses sori. Non possessori Tot Chi quadrato= P=.0000

12 Tav. 4.) L animale facilita i rapporti sociali? Sì No Non so Tot. Possessori Non possessori Tot Chi quadrato= 9.5 P=.0000 Tav. 5) Qualità attribuite dai proprietari ai loro animali Affettuosità % Vivacità % Qualità fisiche % Tutto % Tot

PROGETTO INTEGRATO DI CONSULENZA PSICOLOGICA, DISASSUEFAZIONE DAL FUMO E TRAINING AUTOGENO A SUPPORTO DI PAZIENTI CARDIOPATICI E DEI LORO FAMILIARI

PROGETTO INTEGRATO DI CONSULENZA PSICOLOGICA, DISASSUEFAZIONE DAL FUMO E TRAINING AUTOGENO A SUPPORTO DI PAZIENTI CARDIOPATICI E DEI LORO FAMILIARI PROGETTO INTEGRATO DI CONSULENZA PSICOLOGICA, DISASSUEFAZIONE DAL FUMO E TRAINING AUTOGENO A SUPPORTO DI PAZIENTI CARDIOPATICI E DEI LORO FAMILIARI 2004-2012 Il progetto presentato inizialmente presso

Dettagli

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale ! " " #$%&''& (% % )*+ %&,-...''/ Nota Metodologica %0"1'.0"1 2 &34,3 $!"# " $!% &' ( )* + ),-+ +.. +! ++ +./0112" "*0".. -*3*4/ 4141"051012"-*3*4/6.0(

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato?

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? Firenze 29 novembre 2007 Ketty Vaccaro Perché tornare a parlare di Alzheimer A sette anni dalla realizzazione dell indagine Censis

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI ASSISTENZA PSICOLOGICA AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI dott.ssa Carmela Tanese (Taranto) psiconcologa con il supporto incondizionato di Persone famiglie Spesso le persone le famiglie

Dettagli

Progetto A Scuola con Il Cane

Progetto A Scuola con Il Cane Progetto A Scuola con Il Cane 2013-2014 Educazione, Attività e Terapia Assistita dal cane per gli alunni degli Istituti Comprensivo Statali di Messina Di Associazione 4 Zampe per Amico Pet Therapy Messina

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA GIOVANNI XXIII

ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA GIOVANNI XXIII Animazione come strumento di stimolazione cognitiva e di contrasto ai disturbi psico-affettivi. Bologna 26 Maggio 2010 ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA

Dettagli

Il massaggio pediatrico cinese sui punti di agopuntura massaggio di un neonato bambino più grande bambini ospedalizzati

Il massaggio pediatrico cinese sui punti di agopuntura massaggio di un neonato bambino più grande bambini ospedalizzati Silvia Guerra Note introduttive/1 Nella medicina cinese, la pelle è l organo che nel neonato media tutti i processi fisiologici ed i rapporti con l esterno, assumendo grandi potenzialità terapeutiche.

Dettagli

LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE

LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE Seconda Università di Napoli Università di Salerno LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE Dott.ssa Monica Siniscalchi Psicologa Psicoterapeuta IL CIBO SIMBOLO DELLA VITA L idea del cibo deriva da eventi che

Dettagli

Prof.ssa Ilaria Castelli

Prof.ssa Ilaria Castelli Dipartimento di Scienze Umane e Sociali Università degli Studi di Bergamo Laurea Triennale in Scienze dell educazione Psicologia delle età della vita A.A. 2015/2016 - Primo semestre Prof.ssa Ilaria Castelli

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

Recessione economica e Disturbi Depressivi

Recessione economica e Disturbi Depressivi Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Recessione economica e Disturbi Depressivi L Associazione per la Ricerca sulla

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

RUOLO DEI CARE GIVERS

RUOLO DEI CARE GIVERS RUOLO DEI CARE GIVERS Antonella Surbone, MD PhD FACP Professor of Medicine New York University Novi Ligure, January 16 th, 2009 Demographics of ageing Elderly population in the US people > 65 are the

Dettagli

Istruzioni per la somministrazione del CRIq

Istruzioni per la somministrazione del CRIq Istruzioni per la somministrazione del CRIq La compilazione del CRIq richiede la capacità di condurre una intervista semistrutturata. Si tratta di una raccolta di informazioni e di dati relativi all intera

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli

ANALISI QUESTIONARI CUSTOMER SATISFACTION 2010 SERVIZIO SAD ANZIANI AREA CONTROLLO STRATEGICO E COMUNICAZIONE SERVIZIO SOCIALE ANZIANI

ANALISI QUESTIONARI CUSTOMER SATISFACTION 2010 SERVIZIO SAD ANZIANI AREA CONTROLLO STRATEGICO E COMUNICAZIONE SERVIZIO SOCIALE ANZIANI ANALISI QUESTIONARI CUSTOMER SATISFACTION 2010 SERVIZIO SAD ANZIANI AREA CONTROLLO STRATEGICO E COMUNICAZIONE SERVIZIO SOCIALE ANZIANI FERRARA 15 DICEMBRE 2010 1 Premessa Uno degli aspetti che maggiormente

Dettagli

PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE NELLA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA

PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE NELLA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE NELLA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA Francesco Tramonti Peculiarità della malattia L intervento psicologico non può prescindere da una valutazione delle principali caratteristiche

Dettagli

La societa come ambiente di relazione: il ruolo sociale dell anziano

La societa come ambiente di relazione: il ruolo sociale dell anziano Atti del convegno ATTI DEL CONVEGNO La societa come ambiente di relazione: il ruolo sociale dell anziano Dott. Renzo Scortegagna, Università di Padova La società contemporanea ha riservato molta attenzione

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza NASCITA PSICOLOGICA E ASPETTI RELAZIONALI NEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza Le stime della prevalenza dei Disturbi Specifici dell Apprendimento variano dal 2 al 10%

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA BED: Binge Eating Disorder o Disturbo da alimentazione incontrollata (circa il 30% degli obesi) Abbuffate ricorrenti per almeno 2 giorni/settimana per almeno

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

Valutazione di efficacia nei servizi di tele- assistenza: l esperienza dell e-care Scompenso Cardiaco

Valutazione di efficacia nei servizi di tele- assistenza: l esperienza dell e-care Scompenso Cardiaco Valutazione di efficacia nei servizi di tele- assistenza: l esperienza dell e-care Scompenso Cardiaco Serena Broccoli, Gerardo Lupi, Walther Orsi Programma salute Anziani Milano, 17 ottobre 2008 Studio

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE) Allegato n. 2 Circ. 61/2011 1. Titolo Intervento Schema Intervento Titolo IV PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

Dettagli

Scuole di formazione APC e SPC Sede: Roma, viale Castro Pretorio 116, Roma Tel. 06 44704193 Articolo pubblicato su www.apc.it e su www.scuola-spc.

Scuole di formazione APC e SPC Sede: Roma, viale Castro Pretorio 116, Roma Tel. 06 44704193 Articolo pubblicato su www.apc.it e su www.scuola-spc. Qual è il destino professionale dei diplomati in psicoterapia della scuola della Associazione di Psicologia Cognitiva e della Scuola di Psicoterapia Cognitiva srl? Francesca Baietta, Michela Carreri, Daniele

Dettagli

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1.1. Verso una definizione della psicologia clinica Definire che cosa si intenda per psicologia clinica non è compito facile in quanto essa è una materia

Dettagli

Pelo, piume o squame: in Svizzera, i nostri amici animali sono molto amati!

Pelo, piume o squame: in Svizzera, i nostri amici animali sono molto amati! Pelo, piume o squame: in Svizzera, i nostri amici animali sono molto amati! Secondo l Ufficio federale di statistica, il 30% delle case svizzere possiede un animale domestico. 1.38 milioni di gatti e 500'000

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII a LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII a LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII a LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa delle Senatrici AMATI, GRANAIOLA, MATTESINI, CIRINNA', VALENTINI Norme in materia di attività e terapie assistite dagli animali

Dettagli

Nuovo identikit dello spettatore Fruizione cinematografica in sala e downloading da Internet

Nuovo identikit dello spettatore Fruizione cinematografica in sala e downloading da Internet Indagine realizzata con il contributo della Direzione Generale Cinema Ministero per i Beni e le Attività Culturali Presentazione dei risultati Roma, 6 febbraio 2007 Premessa L ANICA ha chiesto all'istituto

Dettagli

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV)

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) In collaborazione con: Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) L Associazione Tiziana Vive A seguito del recente drammatico episodio di femminicidio che ha sconvolto la

Dettagli

TRASVERSALE. Premessa

TRASVERSALE. Premessa Analisi del funzionamento della filiera del cane nel Comune di Roma e suo impatto sulla economia cittadina in termini di opportunità formative e possibilità occupazionali A cura di Ottobre 2006 Premessa

Dettagli

Questionario di gradimento del Servizio di Assistenza Domiciliare

Questionario di gradimento del Servizio di Assistenza Domiciliare ASP CENTRO SERVIZI ALLA PERSONA & SERENA SOC. COOP. ONLUS Questionario di gradimento del Servizio di Assistenza Domiciliare Rielaborazione e analisi dei dati raccolti A cura di MICOL NERI Ferrara 12 settembre

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

In memoria di Silvia Ciairano

In memoria di Silvia Ciairano 5 Marzo 2014 Consiglio dei Seniores Città di Torino Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Torino IL PROGETTO «ACT ON AGEING» INVECCHIARE ATTIVAMENTE Una potenziale strategia per affrontare

Dettagli

PROTOCOLLO ADOZIONE CANI

PROTOCOLLO ADOZIONE CANI PROTOCOLLO ADOZIONE CANI Partendo dal testo del Decreto legislativo 43/2010 della Regione Lazio che al punto E.2 recita Un adozione consapevole e responsabile rappresenta uno strumento essenziale per far

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Verona Effetti della musicoterapia nella gestione del dolore da cancro: revisione della letteratura Relatore:Assunta Biasi Laureanda:

Dettagli

Conoscersi è l esperienza tonificante per liberare le proprie potenzialità ed indirizzarsi verso un futuro migliore

Conoscersi è l esperienza tonificante per liberare le proprie potenzialità ed indirizzarsi verso un futuro migliore Area IL VALORE DI UN TEST L equipe orientamento del Centro Studi Evolution propone una serie di di concreta utilità e dall alto valore scientifico. Una valutazione oggettiva è alla base di ogni serio e

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

LE CONOSCENZE SUL TEMA HIV E LA RAPPRESENTAZIONE DEL MALATO INDAGINE SULLA POPOLAZIONE ITALIANA

LE CONOSCENZE SUL TEMA HIV E LA RAPPRESENTAZIONE DEL MALATO INDAGINE SULLA POPOLAZIONE ITALIANA LE CONOSCENZE SUL TEMA HIV E LA RAPPRESENTAZIONE DEL MALATO INDAGINE SULLA POPOLAZIONE ITALIANA GfK Eurisko Milano, 29 Settembre 2014 Premessa e obiettivi dell indagine Verificare presso la popolazione

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA. Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE

RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA. Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE Il Progetto Vesta è uno studio osservazionale multicentrico su soggetti

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin)

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Lunedì 12 settembre venerdì 16 settembre 2011 GLI ITALIANI

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia

Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia R A F F A E L L A M I C H I E L I Segretario Nazionale Società Italiana Medicina Generale Nonostante il titolo della mia relazione sia Il ruolo di sentinella

Dettagli

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca Ondina Greco Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla famiglia Università Cattolica, Milano ondina.greco@unicatt.it Provincia di Lecce Corso

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Questionario Service Standard CoC CTCY. Familiari

Questionario Service Standard CoC CTCY. Familiari Questionario Service Standard CoC CTCY Familiari QUESTIONARIO SUGLI STANDARD DELLE COMUNITA PER MINORI RIVOLTO AI FAMILIARI DEGLI UTENTI OSPITI Simone Bruschetta Catania, 2012 Versione ridotta per i familiari

Dettagli

Meglio i farmaci o i prodotti naturali?

Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Sondaggio Ecoseven / 4 RS 03.11 Giugno 2011 NOTA INFORMATIVA Universo di riferimento Popolazione italiana, maschi e femmine, 18-60 anni, utenti domestici di internet

Dettagli

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute.

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Campagna informativa sulle dipendenze patologiche Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Cari cittadini, è con orgoglio che vi presento la prima di dieci Campagne di Comunicazione sanitaria

Dettagli

Osservatorio sulle Differenze

Osservatorio sulle Differenze Comune di Bologna Assessorato scuola, formazione e Politiche delle differenze Osservatorio sulle Differenze Sintesi della ricerca: L integrazione scolastica delle seconde generazioni di stranieri nelle

Dettagli

LO STRESS LAVORO- CORRELATO IN OSPEDALE: IL PUNTO DI VISTA DELLO PSICOLOGO

LO STRESS LAVORO- CORRELATO IN OSPEDALE: IL PUNTO DI VISTA DELLO PSICOLOGO LO STRESS LAVORO- CORRELATO IN OSPEDALE: IL PUNTO DI VISTA DELLO PSICOLOGO Dott.ssa Patrizia Portolan, Azienda Ospedaliera S. Maria degli Angeli Dott. Luca Libanora, Dott.ssa Valentina Partenio Trieste

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Per il gruppo di ricerca Crisalide: Cesare Cislaghi*, Giuseppe Costa**, Simona Olivadoti* *Agenas, **Università di Torino

Per il gruppo di ricerca Crisalide: Cesare Cislaghi*, Giuseppe Costa**, Simona Olivadoti* *Agenas, **Università di Torino La crisi economica fa male alla salute? I trend sociali e di salute nella serie storica dell Indagine annuale Istat sugli aspetti della vita quotidiana. Per il gruppo di ricerca Crisalide: Cesare Cislaghi*,

Dettagli

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA QUESTIONARIO Obiettivo: indagare il grado di soddisfazione dei cittadini sui servizi

Dettagli

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI GIORNATE DI SUPPORTO ALLA FORMAZIONE DEI REFERENTI PER LA DISLESSIA DELLA LOMBARDIA 22 Aprile 2008 DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI Rosy Tavazzani Montani PERCHE L INSEGNANTE DOVREBBE

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Studio udito nazionale Risultati

Studio udito nazionale Risultati Studio udito nazionale Risultati 18.02.2013 Partner dello studio: Indice Summary Introduzione Finalità Progetto dello studio Motivi per i quali sino a ora non si porta alcun apparecchio acustico e motivi

Dettagli

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa National Community Education Initiative Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa Asking Questions Can Help: An aid for people seeing the palliative care team Italian

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 8 CONVEGNO ANNUALE INDICATORI DI PERFORMANCE E QUALITÀ DI VITA IN RSA: EVIDENZE EMPIRICHE DALL OSSERVATORIO

OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 8 CONVEGNO ANNUALE INDICATORI DI PERFORMANCE E QUALITÀ DI VITA IN RSA: EVIDENZE EMPIRICHE DALL OSSERVATORIO OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 8 CONVEGNO ANNUALE INDICATORI DI PERFORMANCE E QUALITÀ DI VITA IN RSA: EVIDENZE EMPIRICHE DALL OSSERVATORIO Antonio Sebastiano Direttore Osservatorio RSA Castellanza,

Dettagli

Violenza sommersa, violenza invisibile: l esperienza degli Spazi ascolto Anteas Roma e Provincia Relatrice: d.ssa Tania Tocci *

Violenza sommersa, violenza invisibile: l esperienza degli Spazi ascolto Anteas Roma e Provincia Relatrice: d.ssa Tania Tocci * Violenza sommersa, violenza invisibile: l esperienza degli Spazi ascolto Anteas Roma e Provincia Relatrice: d.ssa Tania Tocci * Quando un po di tempo fa mi è stato chiesto Tania te la senti di fare un

Dettagli

Il servizio sociale in dialisi. GAETANO BARRA assistente sociale

Il servizio sociale in dialisi. GAETANO BARRA assistente sociale Il servizio sociale in dialisi GAETANO BARRA assistente sociale Il servizio sociale con gli emodializzati Il servizio sociale nel reparto di emodialisi è un serio momento di riflessione sulla patologia

Dettagli

FREQUENZA DEGLI STUDENTI DEL QUINTO MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITÀ E SESTO ANNO DELLA FACOLTÀ DI

FREQUENZA DEGLI STUDENTI DEL QUINTO MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITÀ E SESTO ANNO DELLA FACOLTÀ DI Formazione FREQUENZA DEGLI STUDENTI DEL QUINTO E SESTO ANNO DELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITÀ DI GENOVA PRESSO GLI STUDI DEI MMG: IMPRESSIONI E COMMENTI ANDREA STIMAMIGLIO, RICCARDO

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Pronto! Io ci sono ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A01 OBIETTIVI DEL PROGETTO Con il Progetto la P.A Ente Corpo Volontari Protezione Civile

Dettagli

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI COMUNICATO STAMPA LA FAMIGLIA COME SPECCHIO DELLA REALTA PRIMI RISULTATI DELL INDAGINE RISORSA FAMIGLIA. INDAGINE SULLE FAMIGLIE PISTOIESI: CASA, LAVORO, BILANCIO DELL OSSERVATORIO SOCIALE PROVINCIALE

Dettagli

IL BURN-OUT NEI MEDICI

IL BURN-OUT NEI MEDICI IL BURN-OUT NEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE DI MODENA Prevalenza e variabili correlate MARIA STELLA PADULA, ENRICA FERRETTI *, ELENA SVAMPA **, ROBERTO D AMICO ***, MARCO VENUTA ****, GIAN PAOLO GUARALDI

Dettagli

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO A.D.A. - Associazione Diritti Anziani Ente Nazionale a carattere assistenziale D.M. n 59/C24029(A)142 del 10/01/2001 Via Matteotti n 20/1-38100 Trento C.F. 96051750220 Tel. 0461/376114 Fax 0461/376199

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

Health Promoting Hospitals

Health Promoting Hospitals Health Promoting Hospitals La rete Aziendale degli ospedali per la promozione della salute e la salute degli operatori Daniele Tovoli, Patrizia Beltrami Gli standard HPH e il Sistema Qualità Bologna 27

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

Curriculum vitae di Manuela Rijillo

Curriculum vitae di Manuela Rijillo Curriculum vitae di Manuela Rijillo Informazioni personali Istruzione Nazionalità: Italiana Data di nascita: 23 Settembre 1977 Luogo di nascita: Catanzaro Residenza: Modena 1996 Liceo Scientifico Wiligelmo

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore. Loreta Zenatti

La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore. Loreta Zenatti 9-10 Aprile Madonna di Campiglio La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore Loreta Zenatti La persona con dolore è la protagonista principale Che coinvolge tutti

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO

DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO La sicurezza di genere nell ambiente di lavoro: benessere organizzativo e mobbing. Casistica e politiche di prevenzione Francesca Larese Filon La parità tra uomini e donne deve

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli