MANDATO PARALLELO DI STUDIO APPARTAMENTI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI E SERVIZI A LOCARNO-SOLDUNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANDATO PARALLELO DI STUDIO APPARTAMENTI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI E SERVIZI A LOCARNO-SOLDUNO"

Transcript

1 SCCI GRUPPO DI ACCOMPAGNAMENTO MANDATO PARALLELO DI STUDIO APPARTAMENTI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI E SERVIZI A LOCARNO-SOLDUNO RAPPORTO ALLA COMMITTENZA LOCARNO, 29 SETTEMBRE 2014

2 _ 1. CONSEGNA Consegna dei lavori In data 1 settembre 2014 si è svolta la presentazione dei lavori dei 4 Team di architetti che hanno confermato la loro partecipazione. Un formulario con le specifiche di questa consegna è stato firmato dai concorrenti: Studio Giovanzana-Montorfani, progetto Triblock Studio Lands, progetto Le terrazze Studio Vannini-Pelfini, progetto 4 torri Studio Cotti e Partners Il GdA dopo aver constatato la completezza dei documenti consegnati, ha messo a confronto i 4 lavori presentati. Controllo preliminare L arch. Paolo Kaehr ha provveduto ad effettuare i controlli preliminari formali sui progetti presentati. Il controllo è avvenuto a più riprese tra il 2 settembre e il 12 settembre. La tabella con i controlli è stata spedita per mail al sig. Marco Meschiari (BdS) e al sig. Gabriele Catti per visione e riflessione. I progetti sono stati anche visionati dal perito della BdS assieme al sig. Marco Meschiari, che ha in seguito steso una tabella sulla relazione costi/benefici di ogni progetto. I progetti sono anche stati visionati dal arch. Rovere dell UT Locarno, dal sig. Gabriele Fattorini dir. Pro Senectute Ticino e Moesano, dal sig. Gabriele Balestra dir. ALVAD, dal sig. Danilo Forini dir. Pro Infirmis. Le tabelle dei controlli: - Tabella Excel per la comparazione dei costi e degli indicatori - Tabelle Excel sulla valutazione dei costi benefici Sono consegnate alla committenza allegato a questo rapporto. Il rapporto del GdA senza gli allegati sarà spedito ai concorrenti a conclusione della procedura di mandato parallelo. 2

3 _ 2. ESAME DEI PROGETTI Il gruppo di accompagnamento si è riunito in data 16 settembre 2014 e ha analizzato i 4 progetti esprimendo qui di seguito le sue riflessioni. Progetto Triblock Situazione e relazione con l intorno Edificio compatto costituito da tre corpi di fabbrica di 7 livelli fuori terra e un livello interrato. Costruito al centro del terreno. I corpi di fabbrica ospitano gli appartamenti ed i commerci e lo spazio coperto e chiuso che si forma tra gli edifici è dedicato alla circolazione, verticale (2 lift e 2 scale) e orizzontale. Questo grande atrio non manca di interesse specialmente verso sud, ma risulta essere troppo scuro verso nord dove sembra che la luce naturale manchi. La forma del complesso è leggermente irregolare con il corpo verso ovest che segue la direzione del confine privato. Questo adattamento è considerato come riuscito in quanto si creano spazi interni dinamici e le premesse per una situazione di entrata. Lo spazio libero rimanente è diviso chiaramente in due settori: Settore pubblico vero via D. Galli Settore privato verso nord. Questa separazione chiara non si è concretizzata con proposte di qualità, specialmente per la parte pubblica. L arretramento delle entrata principale fino verso metà del terreno, fatto che giustifica il carattere pubblico di questo settore, chiede un ben diverso trattamento. L entrata non può avvenire all interno di un posteggio. I giardini davanti alle superfici commerciali non si giustificano e un carattere più urbano dello spazio esterno è auspicato. Rispetto delle norme di PR Il progetto tiene già in conto il supplemento del 5% concesso ad edifici con alta qualità termica ( sono ca 225 m2). Le logge chiuse ai lati non sono state computate nella SUL. La giustezza della interpretazione delle NAPR è stata confermata anche da un parere interno chiesto all UT di Locarno: anche se chiusi da vetri i balconi non sono computati nella SUL purché non riscaldati. Almeno il 20% della superficie del terreno non deve essere occupata neppure da costruzioni interrate, e questo è rispettato. 3

4 _ Costruzione e espressione architettonica La costruzione è costruita essenzialmente in cemento armato sia per i muri portanti che per le solette. I carichi verticali sono condotti a terra in maniera lineare e logica per cui dal punto di vista costruttivo l edificio è esemplare e semplice. Muri portanti di 20 cm di spessore Solette di 25 cm di spessore ( 30 al PT) La costruzione è isolata termicamente all esterno mediante un cappotto e all interno con il riempimento delle intercapedini delle pareti divisorie in cartongesso. Gli impianti sono concentrati in fasce sovrapposte per cui tutti i locali che necessitano di impianti sanitari sono sovrapposti. Anche da questo punto di vista il progetto è esemplare. L espressione architettonica è fortemente influenzata dalla forma compatta del blocco edilizio e dalla chiusura laterale dei balconi che diventano così delle logge chiuse ai lati. Questo senso di chiusura è rafforzato dalla decisione di adottare tende verticali (non inclinate) a protezione delle logge. Se aggiungiamo la grafica piuttosto piatta scelta per la rappresentazione, ne risulta un immagine di uno stabile con facciate chiuse a filo. La potenzialità spaziale delle logge vuote non è stata sfruttata. Interessante per contro la presenza della grande terrazza al piano attico verso sud che modula il piano tetto: il blocco a sud risulta terminare con un piano attico interessante. Qualità energetica Le riflessioni sulla qualità termica sull impiantistica sono molto approfondite. La costruzione è pensata per soddisfare la classe CECE A/B Isolamento termico : 15 cm esterno + 5 cm interno. Spessore muro completo ca 45 cm. Serramenti : Alu con vetri tripli La particolarità del concetto è la presenza di un impianto di ricambio d aria per le zone senza finestre (servizi) degli appartamenti; senza arrivare alla complessità richiesta di un sistema di ventilazione Minergie, si propone un ricambio di aria per evitare depressioni all interno dei locali con aspirazione. L aria immessa è preriscaldata mediante l estrazione del calore dall aria aspirata. Questo impianto automatico e di facile uso (non richiede manipolazioni da parte dell abitante) apporta una sicura qualità agli appartamenti. Riscaldamento Interamente con energie rinnovabili : PdC acqua-acqua, 12 sonde termiche 140 m di profondità. Pannelli solari termici a ricarica del terreno e per l H2= calda. Spazio per impianto fotovoltaico (sono fuori dal concetto energetico e dal preventivo). 4

5 _ Funzionalità PT dedicato alla parte comunitaria : Centro sociosanitario a Nord-Ovest-Est Asilo nido a Ovest Commerci a sud (2x) Locali comuni ad Est 258 m2 111 m2 82 m2 Il centro sociosanitario che è la funzione più importante anche in dimensione, è sistemato nel retro del palazzo e il tragitto per arrivare all entrata è lungo. Si deve entrare nello stabile, passare davanti all asilo nido per raggiungere il centro. Questa sistemazione non è stata giudicata come ottimale. Ai piani superiori: 22 app 2,5 loc 10 app 3,5 loc 12 app 3,5 loc, più grandi Mono orientati ( o Est o Ovest o Sud) Serviti dall atrio centrale Piante flessibili Possiedono tutti una grande e profonda loggia Accanto alle indubbie qualità delle piante sono emersi nell esame alcuni punti che non sono ottimali: - Il corridoio buio non lascia entrare luce negli appartamenti. - Alcuni appartamenti hanno zone d entrata troppo grandi - La lavanderia sul tetto che occupa un posto di un appartamento è poco comprensibile. Meglio sarebbe accorparla con la grande terrazza (molto bella) Sostenibilità dei costi L esposizione e l analisi dei costi è seria e approfondita. I costi sono completi : Costo esposto dal progettista Fr. 17'819'200 IVA compresa Costo al m3 CCC FR/m3 Volume 22'200 m3 Rapporto costi/benefici e sostenibilità investimento vedi rapporto sig. Marco Meschiari 5

6 _ Progetto Le Terrazze Situazione e relazione con l intorno L edificio è concepito come un villaggio composto da spazi di circolazione aperti e spazi abitabili, commerci o abitazioni, chiusi. Il tutto su 7 piani fuori terra e un piano interrato. Gli spazi chiusi sono raggruppati in due volumi molto semplici, paralleli tra di loro ed un poco sfalsati in direzione nord-sud. Gli spazi aperti li avvolgono e terminano sia a nord che sud con ampie terrazze che sono luoghi di incontro e centri di attività sociali. Questo concetto si esprime con una grande qualità spaziale al piano terreno dove l autore riesce ad proporre questa organizzazione e questa gerarchia in maniera coerente e avvincente: il grande spazio vuoto possiede un chiaro accento pubblico e grazie anche al ben riuscito rapporto con via D. Galli lascia trasparire una interessante vita fatta di incontri e di opportunità. I contenuti pubblici a questo livello ne saranno sicuramente avvantaggiati. L edificio, posto al centro dell area, è circondato da un area verde che non è stata ancora precisata nella sua funzionalità. Ai piani superiori il concetto si ripete per cui scale, corridoi e lift ( 1 solo), terrazze di uso comune si trovano all aperto e in parte neppure protette dai venti e dalle correnti d aria. L ultimo corridoio al 7 piano non è coperto. Questa proposta non è purtroppo accettabile: riteniamo che per lo meno i corridoi di uso obbligato (quelli che calcolano nella SUL) devono essere chiusi, sebbene possono anche non essere riscaldati. Le terrazze comuni devono essere protette dai venti, che in questa zona alla foce di una valle importante, possono essere anche forti. Certo che la chiusura di questi corridoi aumenta il volume chiuso dell edificio e i relativi costi. Abbiamo l impressione che questa tipologia sia più adatta per altri usi. Si ritiene che il corridoio aperto è nell ottica dell anziano un passo indietro per quanto riguarda le condizioni di abitabilità normali, rispetto alla sua attuale residenza media, che immaginiamo con corridoi chiusi e scale coperte. Costruzione e espressione architettonica La costruzione è essenzialmente in cemento armato : pilastri portanti con un ritmo di m 8,5 x 6,00 sostengono anche grazie ad architravi le solette in cemento armato. Questa tecnica necessita molto probabilmente l uso di dispositivi raffinati (precompressione) per contenere lo spessore delle solette e garantire l effetto di leggerezza della costruzione. I carichi sono condotti a terra con logica e semplicità. I tamponamenti sono poi eseguiti con mattoni in beton cellulare leggero (Ytong). I balconi aggettanti possiedono tutti il necessario taglio termico ad eliminazione dei ponti termici. La lunghezza di questi dispositivi (costosi) è comunque molto importante. 6

7 _ La struttura è rivestita con un cappotto esterno di 12 cm per cui lo spessore del muro perimetrale si avvicina a 35 cm. L espressione architettonica, che sottolineiamo ben riuscita, è determinata dai grandi spazi di circolazione vuoti ed aperti e dai balconi che corrono tutto attorno all edificio, anche davanti ai muri pieni (profondità in questi luoghi 60 cm), dal gioco creato dagli spazi di doppia altezza. I balconi sono protetti da ringhiere in metallo e rinverditi in maniera sistematica a formare una specie cortina (tenda) verde. Altro punto notevole : la estrema semplicità dei due volumi chiusi e riscaldati. Qualità energetica Lo standard dichiarato è Minergie A-ECO: significa un edificio che consuma meno energia di quanto produce, sempre calcolato sulla media annuale. Minergie A richiede un involucro meno performante che per Minergie P ma deve essere completato da un impianto fotovoltaico per la produzione di corrente elettrica. Questo impianto non gode dei sussidi federali perché serve a far ottenere i sussidi Minergie. Infatti è stato calcolato, pensiamo, nella stima dei costi sotto il capitolo diversi. Riscaldamento Non ci sono dati che spiegano in dettaglio il funzionamento dell impianto di riscaldamento. Si accenna unicamente ad una termopompa aria-acqua. La distribuzione è pensata a radiatori. Funzionalità PT dedicato alla parte comunitaria : Centro sociosanitario a Ovest di 245 m2 Asilo nido a Est 120 m2 Commerci a sud 140 m2 Buona raggiungibilità specialmente del centro sociosanitario che potrebbe anche essere completato con un piccolo bar. Buone anche le posizioni degli altri due spazi. Ai piani superiori: 16 app 2,5 loc, ca 60 m2 18 app 3,5 loc, ca 80 m2 2 app 4,5 loc, ca 100 m2 4 app 1,5 loc, ca 40 m2 Mono orientati ( o Est o Ovest) ma con possibilità di avere luce anche dal corridoio Serviti dall atrio centrale Piante flessibili Possiedono tutti un balcone Lavanderie e cantine ai piani ma all esterno. Corridoio, lift (1) e scale all esterno (2). I corridoi aperti e scoperti al 7 piano non sono adatti per la tipologia di persone che si vuole ospitare. 7

8 _ Sostenibilità dei costi L esposizione e l analisi dei costi è presentata in maniera ermetica e non abbastanza dettagliata per essere facilmente ricostruibile. I costi sono troppo sintetici e sommari per poter essere confrontati con i costi degli altri progetti: Costo esposto dal progettista Fr. 12'900'200 IVA compresa Costo al m3 CCC FR/m3 Volume 16'600 m3 NB : il costo contenuto deriva anche dal basso volume indicato! Sul dato del volume si nutre qualche dubbio. Alcuni controlli a campione hanno dato risultati differenti: il volume costruito considerando la chiusura dei balconi che servono per arrivare all appartamento, si aggira piuttosto attorno a 20'000 m3 e non a 16'600 m3 come indicato nella relazione tecnica. Con questa correzione il costo di costruzione dell edificio con la sistemazione esterna pure calcolato sulla base di Fr. 770 al m3 dovrebbe aggirarsi attorno a Fr. 16'170'000.- e non a Fr. 12'900'000.- come indicato, molto vicino al costo degli altre proposte che possiedono anche una volumetria di ca 20'000 m3. Queste sono analisi approssimative che indicano comunque che in questa proposta esiste un problema costi che deve essere sicuramente approfondito. Rapporto costi/benefici e sostenibilità investimento vedi rapporto Marco Meschiari che però ha considerato il costo indicato dal progettista. Progetto 4 Torri Situazione e relazione con l intorno 4 torri di altezza differenziata ( a due a due, 7 piani fuori terra verso nord, 5 verso sud) immerse in un parco verde con disegno libero. Ogni torre è dedicata all abitazione di una ben precisa fascia di età (!). Al piano terreno sono sistemate le strutture pubbliche che sono raggiungibili dai sentieri disegnati nel parco. Una grande piastra sotterranea che occupa quasi tutto l areale ospita non solo i posti auto ma anche spazi di accoglienza e di servizio. In pratica il grande parco altro non è che il tetto verde di una autorimessa. Le 4 torri sono inserite in due fasce parallele a via D. Galli e sono leggermente sfalsate verso Ovest in ragione della forma irregolare del terreno. In questo tipo di impianto è fondamentale la transizione tra il pubblico e il privato: in pratica il passaggio dalla strada via D.Galli alle entrate principali deve essere risolto in maniera decisa univoca e di qualità. L entrata deve essere leggibile e unica. 8

9 _ Con un impianto di questo tipo il luogo più naturale per organizzare l entrata principale è lo spazio tra le due torri sulla strada. Ma nel progetto 4 torri in questo luogo troviamo una rampa per le auto - un buco- ed un muro concavo che è la negazione stessa dell entrata. Questa decisione ci sembra veramente sbagliata anche perché le due entrate pedonali che sono organizzate a lato di questo abbassamento, sono molto deboli e difficilmente riconoscibili. L entrata dovrà essere ristudiata in modo radicale, rampa per l autorimessa compresa. Pensiamo anche solo al problema del trasporto degli anziani al Centro socio-assistenziale e dei bambini all asilo nido. La proposta di spostare questa accoglienza al piano inferiore (autorimessa) per motivi di privacy è inaccettabile. Rispetto delle norme di PR L esame del progetto ha confermato che il rispetto è assicurato: la distanza tra gli edifici è rispettata, le altezze pure. Da controllare il rispetto della superficie libera filtrante del 20%. Costruzione e espressione architettonica La costruzione è essenzialmente in cemento armato sia per i muri portanti che per le solette. Il cemento armato è a faccia vista esterno. I carichi verticali delle torri sono condotti a terra dal nucleo delle scale e da un certo numero di lame portanti. Al Piano terreno la costruzione si snellisce obbligando le pareti del 1 piano ad assumere funzioni di trave-parete rovesce. I grandi balconi con bordi rialzati a mò di parapetto sono parte integrante della costruzione ma a prima vista necessitano di più sostegni di quanti sono stati previsti. Non sono state aggiunte note sulla costruzione secondaria (separazioni) a parte la facciata (di cui parleremo più avanti) e il rivestimento interno dei muri Muri portanti di ca 30 cm di spessore Solette di ca 25 cm di spessore La costruzione è isolata termicamente all interno mediante rivestimento che in alcuni casi è proposto anche come parete esterna con il marchio di Stiferite. Questo materiale è un pannello sandwich che racchiude come componente isolante una schiuma espansa, con una molto bassa conducibilità termica ( y dichiarato = 0,023 W/mK). Esso è adatto per rivestimenti, per pavimenti per tetti ma non ha la solidità per essere proposta come parete esterna. L espressione architettonica è fortemente influenzata dai balconi aggettanti che sono piegati ai lati a formare il parapetto, e dal tamponamento leggero (Stiferite) che è rientrante rispetto alla costruzione in CA. Questo tamponamento leggero quando costituisce parete esterna ha uno spessore di 12,5 cm e non è indicata la costruzione. La proposta di questo materiale e di questo spessore come parete esterna è inaccettabile dal punto di vista costruttivo. 9

10 _ Qualità energetica Non è proposto una classe energetica speciale per cui si presume che la qualità raggiunta sia quella del RUEN (il minimo che si deve rispettare). In questo modo non si ha diritto al supplementi di SUL (che è del 5%) Isolamento termico : 12 cm interno. Spessore muro completo 32 cm Serramenti : Alu con vetri tripli Riscaldamento Interamente con energie rinnovabili : PdC acqua-acqua, 3 sonde termiche 140 m di profondità. La relazione tecnica del progetto lascia trasparire una certa diffidenza verso i provvedimenti di risparmio energetico spinti e il ricorso completo ad energie rinnovabili. Funzionalità PT dedicato alla parte comunitaria : Centro sociosanitario a Nord di 250 m2 con spazio coperto dedicato Asilo nido a Sud di 92 m2 Commerci a sud di 98 m2 Il centro sociosanitario che è la funzione più importante anche in dimensione, è sistemata nel retro del complesso e la sua entrata raggiungibile dopo aver percorso a piedi il giardino. Non esiste un adeguato spazio di interscambio al piano terreno dove i famigliari possono far scendere gli ospiti, lasciare l auto e accompagnarli al centro. Questo spazio è sistemato al piano inferiore in un luogo senza luce naturale. L entrata dell asilo nido è senz altro più agevole ma la insufficienza dei parcheggi temporanei penalizzano la struttura. Ai piani superiori: 40 app 3,5 loc di ca 80 m2 Diversi orientamenti, liberi 4 ascensori 4 scale Lavanderie situate al margine nord del complesso, possiedono luce naturale anche se sono al piano -1. Gli abitanti dei due palazzi a sud devono percorrere a piedi tutta l autorimessa per raggiungere la lavanderia. Si ritiene che il concetto 4 torri debba essere portato avanti di conseguenza per cui ogni torre deve essere dotata di una lavanderia e di servizi adatti in modo da favorire il senso 10

11 _ di appartenenza a una delle torri ( che è casa mia!) che è così importante in questa età. Sostenibilità dei costi L esposizione e l analisi dei costi è seria e approfondita. I costi sono completi : Costo esposto dal progettista Fr. 17'889'800 IVA compresa Costo al m3 CCC FR/m3 Volume m3 E il progetto più caro e non è una sorpresa se pensiamo ai 4 ascensori, alle 4 scale e alla frammentazione del volume. Per la sua struttura edilizia questo progetto presenta sicuramente un interesse economico per la Cooperativa che in caso di bisogno potrebbe vendere una torre a terzi. Rapporto costi/benefici e sostenibilità investimento vedi rapporto Marco Meschiari. Progetto Cotti e Partners Situazione e relazione con l intorno Edificio compatto a corte di due livelli dedicati alla parte sociale e commerciale, al quale sono stati sovrapposti due parallelepipedi in legno dedicati all abitazione. Allineato su via D. Galli con il quale è molto ben relazionato, il volume è aperto verso l interno e chiuso verso l esterno. Lo spazio rimanente esterno verso sud, ha chiaramente un carattere pubblico. Verso via Galli è sistemata una generosa situazione d entrata che possiede una grande qualità spaziale. La parte settentrionale, è dedicata ad un uso privato ma che permette anche l incontro degli abitanti del centro (orti, giardini ecc.). La qualità del progetto è di aver saputo individuare (direi ritagliare) uno spazio privilegiato nella corte interna: definita da due lati dall edificio di due livelli (nord-sud) e dagli altri due da un edificio di 7 piani (est-ovest) ma con un grande squarcio al secondo livello, non assume il carattere di cortile interno chiuso e scuro, ma quello di spazio definito, luminoso e soleggiato. Questo spazio ha la qualità per diventare il luogo di identificazione dell edificio. La sfida è stata ben risolta in quanto attorno alla corte si svolge tutta la vita sociale del centro : sono sistemate le entrate degli appartamenti, del centro socio assistenziale, dell asilo nido e dei commerci. 11

12 _ La possibilità di avere 4 perni di circolazione verticale ( due che si estendono su tutti gli otto livelli, 2 che servono unicamente la parte commerciale) conferisce all insieme una grande dote di flessibilità. I due parallelepipedi in legno che sovrastano lo zoccolo ospitano la parte abitativa. I 40 appartamenti possiedono orientamento differenziato e quindi offrono una grande quantità di opzioni. Spettacolari sono gli appartamenti risolti verso sud! Rispetto delle norme di PR La costruzione in legno necessita di un incremento delle distanze da altri edifici. Cosa che gli autori hanno recepito ed espresso con chiarezza sul piano di situazione. La distanza della parte aggettante sud di ml 3.00 da Via Domenico Galli ( dal secondo piano in su) è conforme al PR. Secondo la legislazione in vigore dal 2005 è possibile costruire una casa con struttura in legno con una altezza fino a 6 piani. Il progetto prevede una struttura in legno di 5 piani appoggiata su una struttura in muratura di 2 piani. Noi pensiamo che lo spirito della prescrizione è rispettata, salvo indicazioni contrarie da parte dei competenti uffici. Costruzione ed espressione architettonica La costruzione è chiaramente suddivisa in due materiali con la loro specifica espressione architettonica: Zoccolo in cemento armato sia per i muri portanti che per le solette. I carichi verticali sono condotti a terra in maniera lineare e logica per cui da punto di vista costruttivo l edificio è esemplare e semplice. Lo zoccolo ha una espressione di sostegno e i pieni prevalgono. Le finestre diventano grossi squarci e non buchi nel muro e questo da allo zoccolo il suo aspetto adeguato. Parte sovrapposta in legno : costruzione e rivestimento. La parte in legno è appoggiata e grandi vuoti dello zoccolo al 1 livello ( terrazze e stenditoi) accentuano questo stato di levitazione che marca ancora di più il distacco dei materiali. Muri portanti parte in legno di cm di spessore Solette in legno di 44 cm di spessore Muri portanti parte in beton con isolamento interno : ca 35 cm Solette ca 25 cm La costruzione è isolata termicamente all esterno mediante un cappotto per la parte in legno e all interno per la parte in beton. Il cappotto riveste la costruzione anche sotto i pavimenti delle parti contro esterno in modo da minimizzare i ponti termici.gli impianti sono concentrati in fasce sovrapposte ma tutti a livello primo piano devono essere deviati orizzontalmente verso le discese verticali chi si trovano nelle zone delle scale. L espressione architettonica è fortemente influenzata da questa scelta di materiali, che rispecchiano le funzioni, ed è a prima vista conseguente con le intenzioni dei progettisti ed il carattere dell immobile. 12

13 _ Qualità energetica Si propone la qualità Minergie ma senza la certificazione, corrisponde ad un CECE A/B e quindi si può pensare di rivendicare il supplemento del 5% per la SUL. Ciò che manca per la certificazione è la presenza della ventilazione controllata meccanica. La scelta etica del materiale legno che ha un profilo ecologico neutro è molto apprezzata. Riscaldamento Interamente con energie rinnovabili : PdC aria-acqua, pannelli fotovoltaico, collettori solari. Distribuzione mediante radiatori. Funzionalità PT dedicato alla parte comunitaria. Tutti gli spazi possiedono l entrata della corte. Alcune superfici sono situate al 1 piano : Centro sociosanitario a Est di 212 m2 Sala multiuso abitanti 89 m2 Superfici commerciale a Ovest 154 m2 Entrata asilo nido 43 m2 Primo piano: Studio medico a nord affacciato a sud Studio fisio Asilo nido a sud Lavanderie, stenditoi comuni e terrazze 108 m2 108 m2 302 m2 Questa proposta prevede una superficie commerciale più ampia che le tre altre proposte e appartamenti correttamente dimensionati, ma senza spazi persi. La parte commerciale è molto interessante ma costituisce un fattore di rischio. L asilo nido così come proposto è discutibile. La parte pubblica ha un ottimo carattere urbano, è ben relazionata con la via D. Galli e si apre su uno spazio di scambio, la corte, che è molto interessante. Ai piani superiori: 20 app 3,5 loc, m2 20 app 2,5 loc, m2 Possiedono diversi orientamenti, alcuni quasi solo a nord. Possiedono sicuramente anche loro una certa qualità ma le aperture laterali (Est-Ovest) già esistenti, devono essere migliorate. Gli appartamenti rivolti a sud sono spettacolari! Balconi in tutti gli appartamenti. Ben serviti da due scale e da due lift 13

14 _ Sostenibilità dei costi L esposizione e l analisi dei costi è abbastanza approfondita. I costi sono abbastanza completi : Costo esposto dal progettista Fr. 15' IVA compresa Costo al m3 CCC FR/m3 Volume m3 Rapporto costi/benefici e sostenibilità investimento vedi rapporto sig. Marco Meschiari. Rapporto finale Il gruppo di accompagnamento dopo aver ancora visionato singolarmente tutti i 4 progetti si è riunito per esprimere le considerazioni finali e deliberare. Il GdA dopo profonda discussione, dopo aver ponderato attentamente qualità e problematiche di ognuna delle 4 soluzioni, decide all unanimità di proporre per la realizzazione il progetto Cotti e Partners. Il progetto convince per la sua pianta innovativa dove l aspetto comunitario (zoccolo) e privato (lame) hanno una espressione adeguata e riuscita e per la qualità dello spazio che è la sintesi del concetto : quella corte realizzata come un ottimo amalgama di cortile (pubblico) e giardino (privato) in cui tutti gli attori si ritrovano e possiede tutte le premesse per diventare lo spazio che identifica l intervento. Il GdA ringrazia gli autori degli altri tre progetti partecipanti i quali con le indubbie qualità riscontrate anche nelle loro proposte hanno permesso di svolgere un serio lavoro di analisi, di confronto e di approfondimento che ha condotto alla selezione del progetto che meglio interpreta le esigenze della committenza. Il presente rapporto verrà trasmesso all indirizzo dei committenti con la raccomandazione di approfondire e sviluppare il progetto proposto. 14

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

MUNICIPIO di MASSAGNO. Messaggio Municipale N. 2201

MUNICIPIO di MASSAGNO. Messaggio Municipale N. 2201 MUNICIPIO di MASSAGNO Messaggio Municipale N. 2201 concernente l alienazione della particella n. N.N. ex 207 RFD Massagno per la realizzazione di un edificio parzialmente offerto ad anziani Onorando Consiglio

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI I soffitti, le volte e i solai sono le strutture murarie che

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Per le tue segnalazioni su edifici scrivi a: energia@legambiente.it. Le Città monitorate dal Legambiente

Per le tue segnalazioni su edifici scrivi a: energia@legambiente.it. Le Città monitorate dal Legambiente PREMESSA "Tutti in classe A" e' una nuova campagna di Legambiente che ha un obiettivo preciso: sensibilizzare sull'importanza dell'efficienza energetica in edilizia. Vogliamo farlo attraverso uno strumento

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura.

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura. FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72 Benessere da vivere. Su misura. 2 Qualità e varietà per la vostra casa Maggior comfort abitativo costi energetici ridotti cura e manutenzione minime FINSTRAL produce

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne 3 Sintesi perfetta fra isolamento termico, tecnica e design Le finestre e le porte di oggi non solo devono

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Costruire con la canapa in ITALIA

Costruire con la canapa in ITALIA Costruire con la canapa in ITALIA OLVER ZACCANTI anab architetturanaturale officinadelbuoncostruire@yahoo.it Costruire con la canapa in Italia pannelli in fibra di canapa per isolamenti Pareti divisorie

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

Un nuovo metodo di elaborazione per rappresentazioni tecniche del modello ancora più realistiche

Un nuovo metodo di elaborazione per rappresentazioni tecniche del modello ancora più realistiche Visualizzazione: immagini con linee nascoste e ombre Un nuovo metodo di elaborazione per rappresentazioni tecniche del modello ancora più realistiche Sempre più spesso i committenti e i responsabili del

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Le distanze legali tra pareti finestrate con particolare riguardo al computo di balconi e sporgenze

Le distanze legali tra pareti finestrate con particolare riguardo al computo di balconi e sporgenze Le distanze legali tra pareti finestrate con particolare riguardo al computo di balconi e sporgenze La norma di base sulle distanze legali contenuta nel Codice civile ed il suo rapporto con i regolamenti

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE

Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE 8 1 4 6 7 8 7 1 4 2 Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE INTRODUZIONE MAPEI, azienda leader mondiale nella produzione di

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI LA GUIDA DEL CONSUMATORE L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI Testi: Pieraldo Isolani Hanno collaborato i componenti del Gruppo di Lavoro Internazionale Riccardo Comini - ADICONSUM Italia Dario

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio 2 3 4 Tipo 10 e Tipo 15 Affidabilità per i centri commerciali Appositamente studiati per i centri commerciali, i

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

FORM. superiori a 80 cm. 1,1 4,2 L-2,2 L

FORM. superiori a 80 cm. 1,1 4,2 L-2,2 L FORM FORM è un calorifero estremamente versatile ed elegante grazie alla forma particolare dei collettori e alle dimensioni dei tubi radianti, decisamente ridotte (ø1 mm). Form è prodotto in due modelli:

Dettagli

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Seminario 8 novembre 2012 Die Naturkraft aus Schweizer Stein Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Mirko Galli Arch. Dipl. ETH physarch sagl, Viaganello FLUMROC AG Postfach

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Norma SIA 380/1:2009 Presentazione del metodo di calcolo

Norma SIA 380/1:2009 Presentazione del metodo di calcolo Istituto Sostenibilità Applicata Ambiente Costruito Dipartimento Ambiente Costruzioni e Design Norma SIA 380/1:2009 Presentazione del metodo di calcolo Ing. Sergio Tami, docente SUPSI-DACD e libero professionista

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli