MANDATO PARALLELO DI STUDIO APPARTAMENTI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI E SERVIZI A LOCARNO-SOLDUNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANDATO PARALLELO DI STUDIO APPARTAMENTI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI E SERVIZI A LOCARNO-SOLDUNO"

Transcript

1 SCCI GRUPPO DI ACCOMPAGNAMENTO MANDATO PARALLELO DI STUDIO APPARTAMENTI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI E SERVIZI A LOCARNO-SOLDUNO RAPPORTO ALLA COMMITTENZA LOCARNO, 29 SETTEMBRE 2014

2 _ 1. CONSEGNA Consegna dei lavori In data 1 settembre 2014 si è svolta la presentazione dei lavori dei 4 Team di architetti che hanno confermato la loro partecipazione. Un formulario con le specifiche di questa consegna è stato firmato dai concorrenti: Studio Giovanzana-Montorfani, progetto Triblock Studio Lands, progetto Le terrazze Studio Vannini-Pelfini, progetto 4 torri Studio Cotti e Partners Il GdA dopo aver constatato la completezza dei documenti consegnati, ha messo a confronto i 4 lavori presentati. Controllo preliminare L arch. Paolo Kaehr ha provveduto ad effettuare i controlli preliminari formali sui progetti presentati. Il controllo è avvenuto a più riprese tra il 2 settembre e il 12 settembre. La tabella con i controlli è stata spedita per mail al sig. Marco Meschiari (BdS) e al sig. Gabriele Catti per visione e riflessione. I progetti sono stati anche visionati dal perito della BdS assieme al sig. Marco Meschiari, che ha in seguito steso una tabella sulla relazione costi/benefici di ogni progetto. I progetti sono anche stati visionati dal arch. Rovere dell UT Locarno, dal sig. Gabriele Fattorini dir. Pro Senectute Ticino e Moesano, dal sig. Gabriele Balestra dir. ALVAD, dal sig. Danilo Forini dir. Pro Infirmis. Le tabelle dei controlli: - Tabella Excel per la comparazione dei costi e degli indicatori - Tabelle Excel sulla valutazione dei costi benefici Sono consegnate alla committenza allegato a questo rapporto. Il rapporto del GdA senza gli allegati sarà spedito ai concorrenti a conclusione della procedura di mandato parallelo. 2

3 _ 2. ESAME DEI PROGETTI Il gruppo di accompagnamento si è riunito in data 16 settembre 2014 e ha analizzato i 4 progetti esprimendo qui di seguito le sue riflessioni. Progetto Triblock Situazione e relazione con l intorno Edificio compatto costituito da tre corpi di fabbrica di 7 livelli fuori terra e un livello interrato. Costruito al centro del terreno. I corpi di fabbrica ospitano gli appartamenti ed i commerci e lo spazio coperto e chiuso che si forma tra gli edifici è dedicato alla circolazione, verticale (2 lift e 2 scale) e orizzontale. Questo grande atrio non manca di interesse specialmente verso sud, ma risulta essere troppo scuro verso nord dove sembra che la luce naturale manchi. La forma del complesso è leggermente irregolare con il corpo verso ovest che segue la direzione del confine privato. Questo adattamento è considerato come riuscito in quanto si creano spazi interni dinamici e le premesse per una situazione di entrata. Lo spazio libero rimanente è diviso chiaramente in due settori: Settore pubblico vero via D. Galli Settore privato verso nord. Questa separazione chiara non si è concretizzata con proposte di qualità, specialmente per la parte pubblica. L arretramento delle entrata principale fino verso metà del terreno, fatto che giustifica il carattere pubblico di questo settore, chiede un ben diverso trattamento. L entrata non può avvenire all interno di un posteggio. I giardini davanti alle superfici commerciali non si giustificano e un carattere più urbano dello spazio esterno è auspicato. Rispetto delle norme di PR Il progetto tiene già in conto il supplemento del 5% concesso ad edifici con alta qualità termica ( sono ca 225 m2). Le logge chiuse ai lati non sono state computate nella SUL. La giustezza della interpretazione delle NAPR è stata confermata anche da un parere interno chiesto all UT di Locarno: anche se chiusi da vetri i balconi non sono computati nella SUL purché non riscaldati. Almeno il 20% della superficie del terreno non deve essere occupata neppure da costruzioni interrate, e questo è rispettato. 3

4 _ Costruzione e espressione architettonica La costruzione è costruita essenzialmente in cemento armato sia per i muri portanti che per le solette. I carichi verticali sono condotti a terra in maniera lineare e logica per cui dal punto di vista costruttivo l edificio è esemplare e semplice. Muri portanti di 20 cm di spessore Solette di 25 cm di spessore ( 30 al PT) La costruzione è isolata termicamente all esterno mediante un cappotto e all interno con il riempimento delle intercapedini delle pareti divisorie in cartongesso. Gli impianti sono concentrati in fasce sovrapposte per cui tutti i locali che necessitano di impianti sanitari sono sovrapposti. Anche da questo punto di vista il progetto è esemplare. L espressione architettonica è fortemente influenzata dalla forma compatta del blocco edilizio e dalla chiusura laterale dei balconi che diventano così delle logge chiuse ai lati. Questo senso di chiusura è rafforzato dalla decisione di adottare tende verticali (non inclinate) a protezione delle logge. Se aggiungiamo la grafica piuttosto piatta scelta per la rappresentazione, ne risulta un immagine di uno stabile con facciate chiuse a filo. La potenzialità spaziale delle logge vuote non è stata sfruttata. Interessante per contro la presenza della grande terrazza al piano attico verso sud che modula il piano tetto: il blocco a sud risulta terminare con un piano attico interessante. Qualità energetica Le riflessioni sulla qualità termica sull impiantistica sono molto approfondite. La costruzione è pensata per soddisfare la classe CECE A/B Isolamento termico : 15 cm esterno + 5 cm interno. Spessore muro completo ca 45 cm. Serramenti : Alu con vetri tripli La particolarità del concetto è la presenza di un impianto di ricambio d aria per le zone senza finestre (servizi) degli appartamenti; senza arrivare alla complessità richiesta di un sistema di ventilazione Minergie, si propone un ricambio di aria per evitare depressioni all interno dei locali con aspirazione. L aria immessa è preriscaldata mediante l estrazione del calore dall aria aspirata. Questo impianto automatico e di facile uso (non richiede manipolazioni da parte dell abitante) apporta una sicura qualità agli appartamenti. Riscaldamento Interamente con energie rinnovabili : PdC acqua-acqua, 12 sonde termiche 140 m di profondità. Pannelli solari termici a ricarica del terreno e per l H2= calda. Spazio per impianto fotovoltaico (sono fuori dal concetto energetico e dal preventivo). 4

5 _ Funzionalità PT dedicato alla parte comunitaria : Centro sociosanitario a Nord-Ovest-Est Asilo nido a Ovest Commerci a sud (2x) Locali comuni ad Est 258 m2 111 m2 82 m2 Il centro sociosanitario che è la funzione più importante anche in dimensione, è sistemato nel retro del palazzo e il tragitto per arrivare all entrata è lungo. Si deve entrare nello stabile, passare davanti all asilo nido per raggiungere il centro. Questa sistemazione non è stata giudicata come ottimale. Ai piani superiori: 22 app 2,5 loc 10 app 3,5 loc 12 app 3,5 loc, più grandi Mono orientati ( o Est o Ovest o Sud) Serviti dall atrio centrale Piante flessibili Possiedono tutti una grande e profonda loggia Accanto alle indubbie qualità delle piante sono emersi nell esame alcuni punti che non sono ottimali: - Il corridoio buio non lascia entrare luce negli appartamenti. - Alcuni appartamenti hanno zone d entrata troppo grandi - La lavanderia sul tetto che occupa un posto di un appartamento è poco comprensibile. Meglio sarebbe accorparla con la grande terrazza (molto bella) Sostenibilità dei costi L esposizione e l analisi dei costi è seria e approfondita. I costi sono completi : Costo esposto dal progettista Fr. 17'819'200 IVA compresa Costo al m3 CCC FR/m3 Volume 22'200 m3 Rapporto costi/benefici e sostenibilità investimento vedi rapporto sig. Marco Meschiari 5

6 _ Progetto Le Terrazze Situazione e relazione con l intorno L edificio è concepito come un villaggio composto da spazi di circolazione aperti e spazi abitabili, commerci o abitazioni, chiusi. Il tutto su 7 piani fuori terra e un piano interrato. Gli spazi chiusi sono raggruppati in due volumi molto semplici, paralleli tra di loro ed un poco sfalsati in direzione nord-sud. Gli spazi aperti li avvolgono e terminano sia a nord che sud con ampie terrazze che sono luoghi di incontro e centri di attività sociali. Questo concetto si esprime con una grande qualità spaziale al piano terreno dove l autore riesce ad proporre questa organizzazione e questa gerarchia in maniera coerente e avvincente: il grande spazio vuoto possiede un chiaro accento pubblico e grazie anche al ben riuscito rapporto con via D. Galli lascia trasparire una interessante vita fatta di incontri e di opportunità. I contenuti pubblici a questo livello ne saranno sicuramente avvantaggiati. L edificio, posto al centro dell area, è circondato da un area verde che non è stata ancora precisata nella sua funzionalità. Ai piani superiori il concetto si ripete per cui scale, corridoi e lift ( 1 solo), terrazze di uso comune si trovano all aperto e in parte neppure protette dai venti e dalle correnti d aria. L ultimo corridoio al 7 piano non è coperto. Questa proposta non è purtroppo accettabile: riteniamo che per lo meno i corridoi di uso obbligato (quelli che calcolano nella SUL) devono essere chiusi, sebbene possono anche non essere riscaldati. Le terrazze comuni devono essere protette dai venti, che in questa zona alla foce di una valle importante, possono essere anche forti. Certo che la chiusura di questi corridoi aumenta il volume chiuso dell edificio e i relativi costi. Abbiamo l impressione che questa tipologia sia più adatta per altri usi. Si ritiene che il corridoio aperto è nell ottica dell anziano un passo indietro per quanto riguarda le condizioni di abitabilità normali, rispetto alla sua attuale residenza media, che immaginiamo con corridoi chiusi e scale coperte. Costruzione e espressione architettonica La costruzione è essenzialmente in cemento armato : pilastri portanti con un ritmo di m 8,5 x 6,00 sostengono anche grazie ad architravi le solette in cemento armato. Questa tecnica necessita molto probabilmente l uso di dispositivi raffinati (precompressione) per contenere lo spessore delle solette e garantire l effetto di leggerezza della costruzione. I carichi sono condotti a terra con logica e semplicità. I tamponamenti sono poi eseguiti con mattoni in beton cellulare leggero (Ytong). I balconi aggettanti possiedono tutti il necessario taglio termico ad eliminazione dei ponti termici. La lunghezza di questi dispositivi (costosi) è comunque molto importante. 6

7 _ La struttura è rivestita con un cappotto esterno di 12 cm per cui lo spessore del muro perimetrale si avvicina a 35 cm. L espressione architettonica, che sottolineiamo ben riuscita, è determinata dai grandi spazi di circolazione vuoti ed aperti e dai balconi che corrono tutto attorno all edificio, anche davanti ai muri pieni (profondità in questi luoghi 60 cm), dal gioco creato dagli spazi di doppia altezza. I balconi sono protetti da ringhiere in metallo e rinverditi in maniera sistematica a formare una specie cortina (tenda) verde. Altro punto notevole : la estrema semplicità dei due volumi chiusi e riscaldati. Qualità energetica Lo standard dichiarato è Minergie A-ECO: significa un edificio che consuma meno energia di quanto produce, sempre calcolato sulla media annuale. Minergie A richiede un involucro meno performante che per Minergie P ma deve essere completato da un impianto fotovoltaico per la produzione di corrente elettrica. Questo impianto non gode dei sussidi federali perché serve a far ottenere i sussidi Minergie. Infatti è stato calcolato, pensiamo, nella stima dei costi sotto il capitolo diversi. Riscaldamento Non ci sono dati che spiegano in dettaglio il funzionamento dell impianto di riscaldamento. Si accenna unicamente ad una termopompa aria-acqua. La distribuzione è pensata a radiatori. Funzionalità PT dedicato alla parte comunitaria : Centro sociosanitario a Ovest di 245 m2 Asilo nido a Est 120 m2 Commerci a sud 140 m2 Buona raggiungibilità specialmente del centro sociosanitario che potrebbe anche essere completato con un piccolo bar. Buone anche le posizioni degli altri due spazi. Ai piani superiori: 16 app 2,5 loc, ca 60 m2 18 app 3,5 loc, ca 80 m2 2 app 4,5 loc, ca 100 m2 4 app 1,5 loc, ca 40 m2 Mono orientati ( o Est o Ovest) ma con possibilità di avere luce anche dal corridoio Serviti dall atrio centrale Piante flessibili Possiedono tutti un balcone Lavanderie e cantine ai piani ma all esterno. Corridoio, lift (1) e scale all esterno (2). I corridoi aperti e scoperti al 7 piano non sono adatti per la tipologia di persone che si vuole ospitare. 7

8 _ Sostenibilità dei costi L esposizione e l analisi dei costi è presentata in maniera ermetica e non abbastanza dettagliata per essere facilmente ricostruibile. I costi sono troppo sintetici e sommari per poter essere confrontati con i costi degli altri progetti: Costo esposto dal progettista Fr. 12'900'200 IVA compresa Costo al m3 CCC FR/m3 Volume 16'600 m3 NB : il costo contenuto deriva anche dal basso volume indicato! Sul dato del volume si nutre qualche dubbio. Alcuni controlli a campione hanno dato risultati differenti: il volume costruito considerando la chiusura dei balconi che servono per arrivare all appartamento, si aggira piuttosto attorno a 20'000 m3 e non a 16'600 m3 come indicato nella relazione tecnica. Con questa correzione il costo di costruzione dell edificio con la sistemazione esterna pure calcolato sulla base di Fr. 770 al m3 dovrebbe aggirarsi attorno a Fr. 16'170'000.- e non a Fr. 12'900'000.- come indicato, molto vicino al costo degli altre proposte che possiedono anche una volumetria di ca 20'000 m3. Queste sono analisi approssimative che indicano comunque che in questa proposta esiste un problema costi che deve essere sicuramente approfondito. Rapporto costi/benefici e sostenibilità investimento vedi rapporto Marco Meschiari che però ha considerato il costo indicato dal progettista. Progetto 4 Torri Situazione e relazione con l intorno 4 torri di altezza differenziata ( a due a due, 7 piani fuori terra verso nord, 5 verso sud) immerse in un parco verde con disegno libero. Ogni torre è dedicata all abitazione di una ben precisa fascia di età (!). Al piano terreno sono sistemate le strutture pubbliche che sono raggiungibili dai sentieri disegnati nel parco. Una grande piastra sotterranea che occupa quasi tutto l areale ospita non solo i posti auto ma anche spazi di accoglienza e di servizio. In pratica il grande parco altro non è che il tetto verde di una autorimessa. Le 4 torri sono inserite in due fasce parallele a via D. Galli e sono leggermente sfalsate verso Ovest in ragione della forma irregolare del terreno. In questo tipo di impianto è fondamentale la transizione tra il pubblico e il privato: in pratica il passaggio dalla strada via D.Galli alle entrate principali deve essere risolto in maniera decisa univoca e di qualità. L entrata deve essere leggibile e unica. 8

9 _ Con un impianto di questo tipo il luogo più naturale per organizzare l entrata principale è lo spazio tra le due torri sulla strada. Ma nel progetto 4 torri in questo luogo troviamo una rampa per le auto - un buco- ed un muro concavo che è la negazione stessa dell entrata. Questa decisione ci sembra veramente sbagliata anche perché le due entrate pedonali che sono organizzate a lato di questo abbassamento, sono molto deboli e difficilmente riconoscibili. L entrata dovrà essere ristudiata in modo radicale, rampa per l autorimessa compresa. Pensiamo anche solo al problema del trasporto degli anziani al Centro socio-assistenziale e dei bambini all asilo nido. La proposta di spostare questa accoglienza al piano inferiore (autorimessa) per motivi di privacy è inaccettabile. Rispetto delle norme di PR L esame del progetto ha confermato che il rispetto è assicurato: la distanza tra gli edifici è rispettata, le altezze pure. Da controllare il rispetto della superficie libera filtrante del 20%. Costruzione e espressione architettonica La costruzione è essenzialmente in cemento armato sia per i muri portanti che per le solette. Il cemento armato è a faccia vista esterno. I carichi verticali delle torri sono condotti a terra dal nucleo delle scale e da un certo numero di lame portanti. Al Piano terreno la costruzione si snellisce obbligando le pareti del 1 piano ad assumere funzioni di trave-parete rovesce. I grandi balconi con bordi rialzati a mò di parapetto sono parte integrante della costruzione ma a prima vista necessitano di più sostegni di quanti sono stati previsti. Non sono state aggiunte note sulla costruzione secondaria (separazioni) a parte la facciata (di cui parleremo più avanti) e il rivestimento interno dei muri Muri portanti di ca 30 cm di spessore Solette di ca 25 cm di spessore La costruzione è isolata termicamente all interno mediante rivestimento che in alcuni casi è proposto anche come parete esterna con il marchio di Stiferite. Questo materiale è un pannello sandwich che racchiude come componente isolante una schiuma espansa, con una molto bassa conducibilità termica ( y dichiarato = 0,023 W/mK). Esso è adatto per rivestimenti, per pavimenti per tetti ma non ha la solidità per essere proposta come parete esterna. L espressione architettonica è fortemente influenzata dai balconi aggettanti che sono piegati ai lati a formare il parapetto, e dal tamponamento leggero (Stiferite) che è rientrante rispetto alla costruzione in CA. Questo tamponamento leggero quando costituisce parete esterna ha uno spessore di 12,5 cm e non è indicata la costruzione. La proposta di questo materiale e di questo spessore come parete esterna è inaccettabile dal punto di vista costruttivo. 9

10 _ Qualità energetica Non è proposto una classe energetica speciale per cui si presume che la qualità raggiunta sia quella del RUEN (il minimo che si deve rispettare). In questo modo non si ha diritto al supplementi di SUL (che è del 5%) Isolamento termico : 12 cm interno. Spessore muro completo 32 cm Serramenti : Alu con vetri tripli Riscaldamento Interamente con energie rinnovabili : PdC acqua-acqua, 3 sonde termiche 140 m di profondità. La relazione tecnica del progetto lascia trasparire una certa diffidenza verso i provvedimenti di risparmio energetico spinti e il ricorso completo ad energie rinnovabili. Funzionalità PT dedicato alla parte comunitaria : Centro sociosanitario a Nord di 250 m2 con spazio coperto dedicato Asilo nido a Sud di 92 m2 Commerci a sud di 98 m2 Il centro sociosanitario che è la funzione più importante anche in dimensione, è sistemata nel retro del complesso e la sua entrata raggiungibile dopo aver percorso a piedi il giardino. Non esiste un adeguato spazio di interscambio al piano terreno dove i famigliari possono far scendere gli ospiti, lasciare l auto e accompagnarli al centro. Questo spazio è sistemato al piano inferiore in un luogo senza luce naturale. L entrata dell asilo nido è senz altro più agevole ma la insufficienza dei parcheggi temporanei penalizzano la struttura. Ai piani superiori: 40 app 3,5 loc di ca 80 m2 Diversi orientamenti, liberi 4 ascensori 4 scale Lavanderie situate al margine nord del complesso, possiedono luce naturale anche se sono al piano -1. Gli abitanti dei due palazzi a sud devono percorrere a piedi tutta l autorimessa per raggiungere la lavanderia. Si ritiene che il concetto 4 torri debba essere portato avanti di conseguenza per cui ogni torre deve essere dotata di una lavanderia e di servizi adatti in modo da favorire il senso 10

11 _ di appartenenza a una delle torri ( che è casa mia!) che è così importante in questa età. Sostenibilità dei costi L esposizione e l analisi dei costi è seria e approfondita. I costi sono completi : Costo esposto dal progettista Fr. 17'889'800 IVA compresa Costo al m3 CCC FR/m3 Volume m3 E il progetto più caro e non è una sorpresa se pensiamo ai 4 ascensori, alle 4 scale e alla frammentazione del volume. Per la sua struttura edilizia questo progetto presenta sicuramente un interesse economico per la Cooperativa che in caso di bisogno potrebbe vendere una torre a terzi. Rapporto costi/benefici e sostenibilità investimento vedi rapporto Marco Meschiari. Progetto Cotti e Partners Situazione e relazione con l intorno Edificio compatto a corte di due livelli dedicati alla parte sociale e commerciale, al quale sono stati sovrapposti due parallelepipedi in legno dedicati all abitazione. Allineato su via D. Galli con il quale è molto ben relazionato, il volume è aperto verso l interno e chiuso verso l esterno. Lo spazio rimanente esterno verso sud, ha chiaramente un carattere pubblico. Verso via Galli è sistemata una generosa situazione d entrata che possiede una grande qualità spaziale. La parte settentrionale, è dedicata ad un uso privato ma che permette anche l incontro degli abitanti del centro (orti, giardini ecc.). La qualità del progetto è di aver saputo individuare (direi ritagliare) uno spazio privilegiato nella corte interna: definita da due lati dall edificio di due livelli (nord-sud) e dagli altri due da un edificio di 7 piani (est-ovest) ma con un grande squarcio al secondo livello, non assume il carattere di cortile interno chiuso e scuro, ma quello di spazio definito, luminoso e soleggiato. Questo spazio ha la qualità per diventare il luogo di identificazione dell edificio. La sfida è stata ben risolta in quanto attorno alla corte si svolge tutta la vita sociale del centro : sono sistemate le entrate degli appartamenti, del centro socio assistenziale, dell asilo nido e dei commerci. 11

12 _ La possibilità di avere 4 perni di circolazione verticale ( due che si estendono su tutti gli otto livelli, 2 che servono unicamente la parte commerciale) conferisce all insieme una grande dote di flessibilità. I due parallelepipedi in legno che sovrastano lo zoccolo ospitano la parte abitativa. I 40 appartamenti possiedono orientamento differenziato e quindi offrono una grande quantità di opzioni. Spettacolari sono gli appartamenti risolti verso sud! Rispetto delle norme di PR La costruzione in legno necessita di un incremento delle distanze da altri edifici. Cosa che gli autori hanno recepito ed espresso con chiarezza sul piano di situazione. La distanza della parte aggettante sud di ml 3.00 da Via Domenico Galli ( dal secondo piano in su) è conforme al PR. Secondo la legislazione in vigore dal 2005 è possibile costruire una casa con struttura in legno con una altezza fino a 6 piani. Il progetto prevede una struttura in legno di 5 piani appoggiata su una struttura in muratura di 2 piani. Noi pensiamo che lo spirito della prescrizione è rispettata, salvo indicazioni contrarie da parte dei competenti uffici. Costruzione ed espressione architettonica La costruzione è chiaramente suddivisa in due materiali con la loro specifica espressione architettonica: Zoccolo in cemento armato sia per i muri portanti che per le solette. I carichi verticali sono condotti a terra in maniera lineare e logica per cui da punto di vista costruttivo l edificio è esemplare e semplice. Lo zoccolo ha una espressione di sostegno e i pieni prevalgono. Le finestre diventano grossi squarci e non buchi nel muro e questo da allo zoccolo il suo aspetto adeguato. Parte sovrapposta in legno : costruzione e rivestimento. La parte in legno è appoggiata e grandi vuoti dello zoccolo al 1 livello ( terrazze e stenditoi) accentuano questo stato di levitazione che marca ancora di più il distacco dei materiali. Muri portanti parte in legno di cm di spessore Solette in legno di 44 cm di spessore Muri portanti parte in beton con isolamento interno : ca 35 cm Solette ca 25 cm La costruzione è isolata termicamente all esterno mediante un cappotto per la parte in legno e all interno per la parte in beton. Il cappotto riveste la costruzione anche sotto i pavimenti delle parti contro esterno in modo da minimizzare i ponti termici.gli impianti sono concentrati in fasce sovrapposte ma tutti a livello primo piano devono essere deviati orizzontalmente verso le discese verticali chi si trovano nelle zone delle scale. L espressione architettonica è fortemente influenzata da questa scelta di materiali, che rispecchiano le funzioni, ed è a prima vista conseguente con le intenzioni dei progettisti ed il carattere dell immobile. 12

13 _ Qualità energetica Si propone la qualità Minergie ma senza la certificazione, corrisponde ad un CECE A/B e quindi si può pensare di rivendicare il supplemento del 5% per la SUL. Ciò che manca per la certificazione è la presenza della ventilazione controllata meccanica. La scelta etica del materiale legno che ha un profilo ecologico neutro è molto apprezzata. Riscaldamento Interamente con energie rinnovabili : PdC aria-acqua, pannelli fotovoltaico, collettori solari. Distribuzione mediante radiatori. Funzionalità PT dedicato alla parte comunitaria. Tutti gli spazi possiedono l entrata della corte. Alcune superfici sono situate al 1 piano : Centro sociosanitario a Est di 212 m2 Sala multiuso abitanti 89 m2 Superfici commerciale a Ovest 154 m2 Entrata asilo nido 43 m2 Primo piano: Studio medico a nord affacciato a sud Studio fisio Asilo nido a sud Lavanderie, stenditoi comuni e terrazze 108 m2 108 m2 302 m2 Questa proposta prevede una superficie commerciale più ampia che le tre altre proposte e appartamenti correttamente dimensionati, ma senza spazi persi. La parte commerciale è molto interessante ma costituisce un fattore di rischio. L asilo nido così come proposto è discutibile. La parte pubblica ha un ottimo carattere urbano, è ben relazionata con la via D. Galli e si apre su uno spazio di scambio, la corte, che è molto interessante. Ai piani superiori: 20 app 3,5 loc, m2 20 app 2,5 loc, m2 Possiedono diversi orientamenti, alcuni quasi solo a nord. Possiedono sicuramente anche loro una certa qualità ma le aperture laterali (Est-Ovest) già esistenti, devono essere migliorate. Gli appartamenti rivolti a sud sono spettacolari! Balconi in tutti gli appartamenti. Ben serviti da due scale e da due lift 13

14 _ Sostenibilità dei costi L esposizione e l analisi dei costi è abbastanza approfondita. I costi sono abbastanza completi : Costo esposto dal progettista Fr. 15' IVA compresa Costo al m3 CCC FR/m3 Volume m3 Rapporto costi/benefici e sostenibilità investimento vedi rapporto sig. Marco Meschiari. Rapporto finale Il gruppo di accompagnamento dopo aver ancora visionato singolarmente tutti i 4 progetti si è riunito per esprimere le considerazioni finali e deliberare. Il GdA dopo profonda discussione, dopo aver ponderato attentamente qualità e problematiche di ognuna delle 4 soluzioni, decide all unanimità di proporre per la realizzazione il progetto Cotti e Partners. Il progetto convince per la sua pianta innovativa dove l aspetto comunitario (zoccolo) e privato (lame) hanno una espressione adeguata e riuscita e per la qualità dello spazio che è la sintesi del concetto : quella corte realizzata come un ottimo amalgama di cortile (pubblico) e giardino (privato) in cui tutti gli attori si ritrovano e possiede tutte le premesse per diventare lo spazio che identifica l intervento. Il GdA ringrazia gli autori degli altri tre progetti partecipanti i quali con le indubbie qualità riscontrate anche nelle loro proposte hanno permesso di svolgere un serio lavoro di analisi, di confronto e di approfondimento che ha condotto alla selezione del progetto che meglio interpreta le esigenze della committenza. Il presente rapporto verrà trasmesso all indirizzo dei committenti con la raccomandazione di approfondire e sviluppare il progetto proposto. 14

ANDREA FASOLA 6928 Gravesano

ANDREA FASOLA 6928 Gravesano * I materiali definiti nelle immagini sono indicativi INQUADRAMENTO GENERALE * I materiali definiti nelle immagini sono indicativi FRONTE NORD - ACCESSO * I materiali definiti nelle immagini sono indicativi

Dettagli

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007)

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Per problemi con il programma di calcolo si deve considerare principalmente la guida all uso della scheda operativa per il calcolo

Dettagli

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria Possiamo considerare l architetto austriaco un pioniere dell architettura solare, avendo egli svolto da oltre venti anni attività di ricerca

Dettagli

RESIDENZA LA VIGNA Via Legobbe CH - 6710 Biasca

RESIDENZA LA VIGNA Via Legobbe CH - 6710 Biasca RESIDENZA LA VIGNA Via Legobbe CH - 6710 Biasca 9 APPARTAMENTI ECOLOGICI MINERGIE SU MISURA PER TE CONSEGNA PREVISTA FINE 2016 Appartamenti da 2 1/2 & 4 1/2 locali Gennaio 2015 LA VIGNA Progettazione,

Dettagli

Residenza San Michele - Via Pometta - 6500 Bellinzona. Tel: + 41 (0)91 826 23 14 Informazioni e Vendita: REMAX, 6500 Bellinzona Sig.

Residenza San Michele - Via Pometta - 6500 Bellinzona. Tel: + 41 (0)91 826 23 14 Informazioni e Vendita: REMAX, 6500 Bellinzona Sig. Residenza San Michele www.residenzasanmichele.ch Consegna: Estate 205 DOVE SI TROVA BELLINZONA 0 Stazione FFS 2 Asilo Comunale 6 5 9 4 7 2 3 3 4 5 6 7 8 Scuole Elementari Comunali Scuole Medie Liceo

Dettagli

Residenza Via Zorzi. Residenza Via Zorzi Via F. Zorzi, 6500 Bellinzona

Residenza Via Zorzi. Residenza Via Zorzi Via F. Zorzi, 6500 Bellinzona Pr C im on av se er gn a a: 20 12 Residenza Via Zorzi Promotore: WOHNBAUTEN AG Impresa Generale: Architetto: Informazioni e Vendita: IMMOSTUDIO KARSCH & PARTNERS Studio d architettura 6500 BELLINZONA Sergio

Dettagli

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Il laterizio costituisce il principale materiale da costruzione della casa. La scelta di adottare elementi naturali e sostenibili

Dettagli

Magnifico appartamento di 4 ½ locali alla Residenza Parco Carona inserito in un parco di 13'000 m2 a Ciona-Carona

Magnifico appartamento di 4 ½ locali alla Residenza Parco Carona inserito in un parco di 13'000 m2 a Ciona-Carona Magnifico appartamento di 4 ½ locali alla Residenza Parco Carona inserito in un parco di 13'000 m2 a Ciona-Carona Nel 2013 il comune di Carona si è aggregato alla Nuova Lugano. Carona è situata tra i monti

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

Residenza Matrix LUGANO. pagina 1 / 12 14.03.2014

Residenza Matrix LUGANO. pagina 1 / 12 14.03.2014 LUGANO 14.03.2014 pagina 1 / 12 UBICAZIONE pagina 2 / 12 PIANO SITUAZIONE SCALA 1:500 Via M. Boschetti Alberti Entrata autorimessa Via Giuseppe Bagutti RESIDENZA CONCHIGLIA via alla Campagna Via Ferri

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

DOCET Software di Diagnosi e Certificazione Energetica di Edifici Residenziali Esistenti

DOCET Software di Diagnosi e Certificazione Energetica di Edifici Residenziali Esistenti DOCET Software di Diagnosi e Certificazione Energetica di Edifici Residenziali Esistenti PROTOCOLLO DI ISPEZIONE del sistema edificio-impianto (AUDIT) Versione 1.07.10 Ultimo aggiornamento Ottobre 2007

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto.

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto. IMMOBILARE DAL ZIN S.R.L. Ogni cosa che vedo e faccio prende senso in uno spazio della mente dove regna la stessa calma di qui, la stessa penombra, lo stesso silenzio percorso da fruscii di foglie. I.

Dettagli

La Rampa Progetto villa singola in classe A Noceto (Pr)

La Rampa Progetto villa singola in classe A Noceto (Pr) La Rampa Progetto villa singola in classe A Noceto (Pr) Albinia Tre srl via Roma 12/2 25049 ISEO (Bs) tel. 030-981959 - fax 030-9868498 www.pelli.it - www.larampa.net email: albiniatre@pelli.it Inserimento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA/ARCHITETTONICA INCARTO PER LA DOMANDA DI COSTRUZIONE

RELAZIONE TECNICA/ARCHITETTONICA INCARTO PER LA DOMANDA DI COSTRUZIONE NUOVO EDIFICIO ABITATIVO PLURIFAMILIARE COMUNE DI MASSAGNO MAPPALE 575 PROPRIETARI : Sigg. Marchi Costanzo e Cecilia ( Japal) VIA MOTTA 80 6900 MASSAGNO ISTANTE: Engineering consulting promotion s.a.g.l.

Dettagli

Un edificio che segue il sole Sorge in

Un edificio che segue il sole Sorge in minergie Luce naturale, comfort e un fabbisogno energetico minimo Da qualche mese Bellinzona vanta un moderno edificio plurifamiliare che gode di un elevato benessere abitativo nel rispetto dei più elevati

Dettagli

Osservatorio Fillea sulla Casa Scheda di censimento Alloggio sostenibile

Osservatorio Fillea sulla Casa Scheda di censimento Alloggio sostenibile Osservatorio Fillea sulla Casa Scheda di censimento Alloggio sostenibile Regione Lombardia Progetto RDB Casa- Sistema innovativo e flessibile di edilizia sociale idustrializzata Scheda Milano n. 23 Fonte

Dettagli

Residenziale VIA RICCIONE

Residenziale VIA RICCIONE Residenziale VIA RICCIONE MODENA SUD, in prossimità di via Forlì, parte privata del Comparto Salvo D Acquisto est, realizziamo palazzina signorile di sole 6 unità abitative Modena zona SALVO D ACQUISTO

Dettagli

CASA D'ABITAZIONE BI-FAMIGLIARE Città di Mendrisio sezione di Capolago mapp. no. 604 propr. Sig.ri Juliana e Mauro Mordasini

CASA D'ABITAZIONE BI-FAMIGLIARE Città di Mendrisio sezione di Capolago mapp. no. 604 propr. Sig.ri Juliana e Mauro Mordasini ARCHITETTO M. MORDASINI ING.OTIA/STS M.BIANCHI CH-6826 Riva San Vitale Tel. 079 221 54 08 Fax 091 648 21 15 CASA D'ABITAZIONE BI-FAMIGLIARE Città di Mendrisio sezione di Capolago mapp. no. 604 propr. Sig.ri

Dettagli

La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio

La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio Tesi di laurea triennale in Architettura per il progetto, Politecnico di Torino; Candidata: Elisa Sirombo Relatore: Guglielmina

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt. 26 47 62 63 Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato

Dettagli

Il complesso edilizio NEGOZI. Il nuovo segno sul territorio della città di Udine

Il complesso edilizio NEGOZI. Il nuovo segno sul territorio della città di Udine Il complesso edilizio MERIDIANA si compone di 6 piani per un totale di 50 mila metri cubi con tre differenti destinazioni d uso: Spazi commerciali sono disponibili al piano terra e 1 piano Uffici e ambienti

Dettagli

DIRETTIVA TECNICA CASACLIMA

DIRETTIVA TECNICA CASACLIMA DIRETTIVA TECNICA CASACLIMA Marzo 2009 La presente Direttiva tecnica entra in vigore il 1 Marzo 2009 ed é valida fino alla data di pubblicazione di un aggiornamento della stessa. Le disposizioni della

Dettagli

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO Clara PISTONI - Giovanna CARIA IMPIANTO DATI GENERLI CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO INFORMAZIONI INTRODUTTIVE 2 COMUNE CERMENATE

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle superfici trasparenti

Dettagli

Premessa essenziale per un corretta valutazione dell opera è la valutazione sul clima di risorse limitate,

Premessa essenziale per un corretta valutazione dell opera è la valutazione sul clima di risorse limitate, modulo 377 361 Venti ALLOGGI in affitto a canone sostenibile: un esempio che supera il concetto di NET ZERO ENERGY BUILDING. A Borgo San Lorenzo, in Toscana, progetto di Riccardo Roda SILVIO PAPPALETTERE

Dettagli

residenza fina via Arcioni 8 Bellinzona TICINO SVIZZERA 02/10/12

residenza fina via Arcioni 8 Bellinzona TICINO SVIZZERA 02/10/12 residenza fina via Arcioni 8 Bellinzona TICINO SVIZZERA 02/10/12 BELLINZONA Bellinzona é città capitale del Canton Ticino e capoluogo del distretto omonimo di 17.690 abitanti e si trova sulla sponda del

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

mirasole bellinzona architetto leonardo modena info@leonardomodena.com www.a4ml.net

mirasole bellinzona architetto leonardo modena info@leonardomodena.com www.a4ml.net 3569 mirasole bellinzona architetto leonardo modena info@leonardomodena.com www.a4ml.net Bellinzona è la città capitale del Canton Ticino, ha una popolazione di circa 18.000 abitanti. Si trova in una posizione

Dettagli

Residenze studentesche per la Scuola di Economia di Londra

Residenze studentesche per la Scuola di Economia di Londra Maria De Santis Tecnologia mac cormac jamieson prichard Residenze studentesche per la Scuola di Economia di Londra Potenziare un edificio per residenze studentesche diventa per Mac Cormac l occasione per

Dettagli

p. 4 UBICAZIONE p. 5 PROGETTO p. 8 PROSPETTO p. 10 PIANO CANTINA p. 12 PIANO TERRA p. 13 PRIMO PIANO p. 15 SECONDO PIANO p. 16 DESCRIZIONE TECNICA E

p. 4 UBICAZIONE p. 5 PROGETTO p. 8 PROSPETTO p. 10 PIANO CANTINA p. 12 PIANO TERRA p. 13 PRIMO PIANO p. 15 SECONDO PIANO p. 16 DESCRIZIONE TECNICA E p. 4 UBICAZIONE p. 5 PROGETTO p. 8 PROSPETTO p. 10 PIANO CANTINA p. 12 PIANO TERRA p. 13 PRIMO PIANO p. 15 SECONDO PIANO p. 16 DESCRIZIONE TECNICA E QUALITÀ COSTRUTTIVA p. 18 NOTE DI CARATTERE GENERALE

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA INERENTE LA VERIFICA DEI REQUISITI INCENTIVATI

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA INERENTE LA VERIFICA DEI REQUISITI INCENTIVATI INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA INERENTE LA VERIFICA DEI REQUISITI INCENTIVATI Lo schema di relazione tecnica proposto nel seguito contiene le informazioni minime necessarie

Dettagli

TESSERETE RESIDENZA AL SOLE EDIFICIO D. Dati del terreno Descrizione del progetto Materiali da costruzione

TESSERETE RESIDENZA AL SOLE EDIFICIO D. Dati del terreno Descrizione del progetto Materiali da costruzione TESSERETE RESIDENZA AL SOLE EDIFICIO D Dati del terreno Descrizione del progetto Materiali da costruzione RELAZIONE TECNICA DATI DEL PROGETTO Mappale no. 214-216-429-430(vedi nuovo piano parcellare) Superficie

Dettagli

CASE BELLE DA VIVERE E DA GUARDARE IN PRONTA CONSEGNA

CASE BELLE DA VIVERE E DA GUARDARE IN PRONTA CONSEGNA CASE BELLE DA VIVERE E DA GUARDARE IN PRONTA CONSEGNA RESIDENZA I VIGNETI 10 MILANO VIA RIPAMONTI 234/a TEL. 02-33610415 email: informazioni@czcase.it IL PROGETTO La Residenza I Vigneti 10 si trova in

Dettagli

RESIDENZA LE TERRAZZE Via Franco Zorzi CH - 6500 Bellinzona

RESIDENZA LE TERRAZZE Via Franco Zorzi CH - 6500 Bellinzona RESIDENZA LE TERRAZZE Via Franco Zorzi CH - 6500 Bellinzona 8 APPARTAMENTI ECOLOGICI MINERGIE SU MISURA PER TE CONSEGNA PREVISTA SETTEMBRE 2014 AGGIORNAMENTO 2014 ArchiSuisse SA Progettazione Costruzione

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

6 APPARTAMENTI VISTA LAGO

6 APPARTAMENTI VISTA LAGO 6 APPARTAMENTI VISTA LAGO w w w. v i l l a m e t a. c h il concetto EDIFICAZIONE DI 6 APPARTAMENTI SU 5 LIVELLI. La Residenza è ubicata in zona collinare, nel comune di Orselina, con una generosa apertura

Dettagli

Viale Giusti, 593 55100 - Lucca Tel. +39 0583 955662 Fax +39 0583 91163 www.repartner.it

Viale Giusti, 593 55100 - Lucca Tel. +39 0583 955662 Fax +39 0583 91163 www.repartner.it Viale Giusti, 593 55100 - Lucca Tel. +39 0583 955662 Fax +39 0583 91163 www.repartner.it Loc. Al Poggione - Via del Poggione Diecimo - Borgo a Mozzano (LU) Tel. +39 0583 835140 Fax. +39 0583 835230 www.ciprianocostruzioni.it

Dettagli

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE SENIGALLIA LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE RINASCE UN AREA DI SENIGALLIA Si chiama RESIDENZE SAN SEBASTIANO. Un nome che già appartiene all identità cittadina: San Sebastiano è il nome dell antistante

Dettagli

Attestato Certificazione Energetica (A.P.E.) - D.M. 26/6/09 e s.m.ii. CHECK LIST per gli edifici esistenti

Attestato Certificazione Energetica (A.P.E.) - D.M. 26/6/09 e s.m.ii. CHECK LIST per gli edifici esistenti 1 Attestato Certificazione Energetica (A.P.E.) - D.M. 26/6/09 e s.m.ii. CHECK LIST per gli edifici esistenti 1 - DATI GENERALI UBICAZIONE: ANNO DI COSTRUZIONE:... PROPRIETARI: RESIDENZA:.... C.F.:......DATI

Dettagli

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL UNITÀ IMMOBILIARE 2.1 Caratteristiche estrinseche dell edificio in cui è ubicata l unità immobiliare L

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELLA SEDE MANI TESE ONG - MILANO

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELLA SEDE MANI TESE ONG - MILANO RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELLA SEDE MANI TESE ONG - MILANO Arch. Piero Basilico RISANARE : UNA SCELTA OBBLIGATA RISANARE : UNA SCELTA POSSIBILE RISANARE : UNA SCELTA CONVENIENTE? Analisi del layout

Dettagli

Il risanamento dell edificio ABZ Sihlfeld, Arch. R. Schaffner, Zurigo

Il risanamento dell edificio ABZ Sihlfeld, Arch. R. Schaffner, Zurigo Il risanamento dell edificio ABZ Sihlfeld, Arch. R. Schaffner, Zurigo Paolo Kaehr arch. Dipl ETH SIA/OTIA, SUPSI-ISAAC, Gruppo gestione edifici Con la collaborazione di Djiana Bajic, MSc Arch ETH Fotografia

Dettagli

Risparmio e benessere Nuovi appartamenti a Senago

Risparmio e benessere Nuovi appartamenti a Senago Risparmio e benessere Nuovi appartamenti a Senago COMUNE DI SENAGO BANDO PUBBLICO DEL 07/11/2007 ASSEGNAZIONE DI AREE IN DIRITTO DI SUPERFICIE PER UN INTERVENTO DI EDILIZIA CONVENZIONATA NELL AMBITO PEEP

Dettagli

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Telefono/fax: 0534521104 http://centrocisa.it/ email : cisa@comune.porrettaterme.bo.it Pianoro 13 giugno 2007 L isolamento degli edifici: un esempio dell

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: COMMERCIALE-DIREZIONALE RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso

Dettagli

Uffici e laboratori Blaas Bolzano / monovolume architecture + design /

Uffici e laboratori Blaas Bolzano / monovolume architecture + design / 46 / Luoghi di produzione ecocompatibili Uffici e laboratori Blaas Bolzano / monovolume architecture + design / / 1/ QUALITÀ DELL AMBIENTE ESTERNO Orientamento dell edificio che favorisce il comfort interno

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d VERIFICA DEL C d 1 1) Determinazione del Coefficiente di dispersione volumico Cd [W/m 3 K] Rif. normativo: UNI 10379 - App. E UNI 7357 Calcolo del Coefficiente di dispersione volumico Cd con: Φtr, p Cd

Dettagli

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE MOTTO:LA NAVICELLA DELL INGEGNO 1 PRINCIPI GUIDA GENERALI Il progetto prevede la demolizione del fabbricato

Dettagli

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio ATOMO 1 I PONTI TERMICI Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni dell edificio elementi opachi elementi vetrati PONTI TERMICI I ponti termici

Dettagli

residenza twino 5 moderne unità unifamiliari minergie a rivera promozione thermonova, rivera >>> telefono +41 91 9306623 >>> email info@thermonova.

residenza twino 5 moderne unità unifamiliari minergie a rivera promozione thermonova, rivera >>> telefono +41 91 9306623 >>> email info@thermonova. residenza twino 5 moderne unità unifamiliari minergie a rivera architetto >>> leonardomodena.com promozione thermonova, rivera >>> telefono +41 91 9306623 >>> email info@thermonova.ch vista aerea da ovest

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DI UN EDIFICIO ESISTENTE

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DI UN EDIFICIO ESISTENTE 1 CERTIFICAZIONE ENERGETICA DI UN EDIFICIO ESISTENTE Caso in esame: Appartamento con impianto autonomo sito all ultimo piano di un condominio Roma, 17/05/2012 QUALI SONO GLI ELEMENTI NECESSARI PER OTTENERE

Dettagli

ARZO - VIA LUIGI GIUDICI NUOVO STABILE ABITATIVO CON 3 APPARTAMENTI

ARZO - VIA LUIGI GIUDICI NUOVO STABILE ABITATIVO CON 3 APPARTAMENTI ARZO - VIA LUIGI GIUDICI NUOVO STABILE ABITATIVO CON 3 APPARTAMENTI PLANIMETRIA ARZO - VIA LUIGI GIUDICI NUOVO STABILE ABITATIVO CON 3 APPARTAMENTI Luogo Nella bella zona collinare di Arzo, soleggiata

Dettagli

RESIDENZA GINETTA nuovi e moderni appartamenti in vendita nel verde di Morbio Inferiore

RESIDENZA GINETTA nuovi e moderni appartamenti in vendita nel verde di Morbio Inferiore RESIDEZA GIETTA nuovi e moderni appartamenti in vendita nel verde di Morbio Inferiore RESIDEZA GIETTA PRESETAZIOE La Comunione Ereditaria Rasman di Morbio Inferiore intende realizzare su un terreno di

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

Residenza vista lago di alto standing, in zona residenziale pregiata molto tranquilla e soleggiata con comodo accesso alla città, fermata bus

Residenza vista lago di alto standing, in zona residenziale pregiata molto tranquilla e soleggiata con comodo accesso alla città, fermata bus RESIDENZA MIRAVALLE LUGANO MASSAGNO Residenza vista lago di alto standing, in zona residenziale pregiata molto tranquilla e soleggiata con comodo accesso alla città, fermata bus cittadino a 150 m. Scuole,

Dettagli

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI BRESCIA VIA CUCCA, 16 PALAZINA DEMANIALE ALLOGGIO EBS0034 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

Studio Tecnico Barbero Associati

Studio Tecnico Barbero Associati Dott. Arch. Luigi Barbero Dott. Ing. Arch. Giuseppe Barbero Spett.le Comune di Valenza OGGETTO: Relazione tecnico-illustrativa dell area a Valenza, SUE C25 del PRGC. L area SUE C25, oggetto del presente

Dettagli

Rilevazioni consumi. L Agenda. SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto SCUOLE

Rilevazioni consumi. L Agenda. SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto SCUOLE L Agenda SCUOLE Rilevazioni SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto Ing. Antonio Smaldore ACLI Anni Verdi Regionale schede rilevazioni P.I. Gino

Dettagli

residenziale aguila-alcatel, madrid, 2003-07

residenziale aguila-alcatel, madrid, 2003-07 Il progetto Aguila-Alcatel, promosso dalla Empresa Municipal de Vivienda, prevede la realizzazione di 1420 appartamenti popolari. in un area degradata in prossimità di Atocha; il progetto è ambizioso e

Dettagli

C.F./P.IVA: 03916390960

C.F./P.IVA: 03916390960 Via Cadore 60 20831 SEREGNO (MB) Tel. 0362/221843 Fax 0362/220942 C.F./P.IVA: 03916390960 COMPLESSO RESIDENZIALE ITACA OGGETTO: Edificazione complesso residenziale Itaca, n 4 unità abitative con strada

Dettagli

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE 29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE INTRODUZIONE L idea per la nuova biblioteca di maranello, nasce innanzitutto da due

Dettagli

KLIMAHOUSE PUGLIA Convegno CasaClima Ridare valore, ridare futuro

KLIMAHOUSE PUGLIA Convegno CasaClima Ridare valore, ridare futuro KLIMAHOUSE PUGLIA Convegno CasaClima Ridare valore, ridare futuro Esempio di CasaClima A Nature: dettagli e costi OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE PER LA CERTIFICAZIONE "CASACLIMA A" Efficienza dell involucro

Dettagli

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO Villa singola di pregio 35 1.22,00 382,00 TABELLA RIASSUNTIVA DEI COSTI E PERCENTUALI D INCIDENZA COD. OPERA PREZZI IN URO % 01 Impianto di cantiere e scavi 02 Struttura

Dettagli

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 ENERGY MANAGER Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 Ing. Antonio Mazzon Esempio: EDIFICIO RESIDENZIALE Edificio di tipo residenziale (2 pian1: categoria E1 del DPR

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

La Casa Passiva. Un lavoro: Verachi _ Rosso

La Casa Passiva. Un lavoro: Verachi _ Rosso La Casa Passiva Un lavoro: Verachi _ Rosso Le Case Passive sono edifici che hanno un fabbisogno annuale di riscaldamento minimo. La casa è detta passiva perché la somma degli apporti passivi di calore

Dettagli

RESIDENZA VEDÒ, LUGANO-PREGASSONA

RESIDENZA VEDÒ, LUGANO-PREGASSONA RESIDENZA VEDÒ, LUGANO-PREGASSONA Amministrazione e vendita INTERFIDA SA STUDIO GEST SA www.studiogest.ch RESIDENZA VEDÒ, PREGASSONA La residenza Vedò è situata in zona residenziale e tranquilla soleggiata

Dettagli

Coefficiente di altezza di piano

Coefficiente di altezza di piano PREMESSA. Il sottoscritto... è stato incaricato di procedere alla perizia estimativa delle varie unità immobiliari componenti lo stabile situato in...... per la formazione delle tabelle dei valori millesimali

Dettagli

Complesso residenziale ecologico a Vienna

Complesso residenziale ecologico a Vienna Progetti Claudio Renato Fantone* Spesso architettura ecologica è una definizione di cui si abusa e si equivoca nei dibattiti e nelle realizzazioni edilizie. Molte costruzioni vengono, infatti, denominate

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche dei supercondominio di via Cividali/via Pasubio Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio SCALE / nomenclatura SCALE / segni convenzionali. TIPOLOGIE DI SCALE. Problemi geometrici fra rampe successive. SCALE / RAPPRESENTAZIONE elementi di completamento. SCHEMI STRUTTURALI COMPARATIVI PER SCALE

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 1 CRITERI GENERALI... 4 2 UNITA

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

La natura non è un posto da visitare, è casa nostra

La natura non è un posto da visitare, è casa nostra Una grande magnolia, un oasi verde in città, un corso d acqua, un foglio bianco. La natura non è un posto da visitare, è casa nostra gary Snider il progetto nasce così, con una sfida: dare vita a un nuovo

Dettagli

Ristrutturazione di un edificio in via Zenale, Milano

Ristrutturazione di un edificio in via Zenale, Milano Progetti Roberto Gamba filippo taidelli Ristrutturazione di un edificio in via Zenale, Milano Sezione schematica dell intervento. Nella pagina a fianco: la facciata su strada, affiancata al volume sul

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE 2009 STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE Arch. Riccardo Giacobazzi CISA Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale 15/09/2009 INDICE Introduzione... pag. 3 Analisi energetica della struttura.....pag.

Dettagli

NUOVI INTERVENTI COSTRUTTIVI IN EDILIZIA AGEVOLATA

NUOVI INTERVENTI COSTRUTTIVI IN EDILIZIA AGEVOLATA C O O P E R A T I V A P O R T A R O M A N A NUOVI INTERVENTI COSTRUTTIVI IN EDILIZIA AGEVOLATA L O C A L I T À A C Q U A B I A N C A - V I T E R B O UNA OFFERTA DI PRIMA SCELTA AD UN PREZZO IMBATTIBILE!

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE SOC. IMMOBILIARE VIALE CALLET S.R.L. INTERVENTO DI EDILIZIA RESIDENZIALE VIA OSOPPO N 41 TORINO DESCRIZIONE DELLE OPERE Soc.Immobiliare viale Callet s.r.l. C.so Stati Uniti n. 41 10129 Torino tel. 011-390389

Dettagli

Giardini d inverno. un progetto di luce

Giardini d inverno. un progetto di luce Giardini d inverno un progetto di luce [ cos è un giardino d inverno ] detto anche veranda, serra bioclimatica o serra solare Il piacere è potersi godere la bellezza della natura, nell intimità di una

Dettagli

NUOVA PALAZZINA DI 5 APPARTAMENTI A GRONO 4 appartamenti da 4 ½ locali 1 appartamento da 3 ½ locali

NUOVA PALAZZINA DI 5 APPARTAMENTI A GRONO 4 appartamenti da 4 ½ locali 1 appartamento da 3 ½ locali NUOVA PALAZZINA DI 5 APPARTAMENTI A GRONO 4 appartamenti da 4 ½ locali 1 appartamento da 3 ½ locali SITUAZIONE - 6537 GRONO N APPARTAMENTO TIPO 01 3 ½ LOCALI Ubicazione Grono, zona a Nord, residenziale

Dettagli

Il quartiere solare di Linz

Il quartiere solare di Linz Il quartiere solare di Linz di Giordana Castelli La città solare di Linz è un caso di eccellenza dal punto di vista della sostenibilità sociale ed ambientale ed è il risultato della volontà dell amministrazione

Dettagli

da hotel tradizionale a ClimaHotel

da hotel tradizionale a ClimaHotel da hotel tradizionale a ClimaHotel Concetto energetico Progetto impianti termoidraulici ed elettrici Direzione lavori impianti Consulenza e calcoli CasaClima Energytech INGEGNERI s.r.l. www.energytech.it

Dettagli

BeauClimat: il sistema di certificazione energetica in VdA

BeauClimat: il sistema di certificazione energetica in VdA BeauClimat: il sistema di certificazione energetica in VdA Il sistema di certificazione energetica in Valle d Aosta Le basi teoriche/tecniche per rilevare i dati sugli edifici esistenti Breve riepilogo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO CON PIANO DI RECUPERO RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA Ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d uso e recupero del sottotetto Fabbricato sito

Dettagli

DOMUS SOLIS PUBBLICATO DA STOLFA 10 FEBRUARY 12

DOMUS SOLIS PUBBLICATO DA STOLFA 10 FEBRUARY 12 Caso studio : DOMUS SOLIS Sito web : http://www.construction21.eu/italia/ DOMUS SOLIS PUBBLICATO DA STOLFA 10 FEBRUARY 12 Tipologia di progetto : Nuova costruzione Tipo di edificio : Condominio di altezza

Dettagli

Costruire con sole, vento, acqua

Costruire con sole, vento, acqua Costruire con sole, vento, acqua Il progetto D.A.R.E. BIO per un architettura sostenibile a Cecina La certificazione energetica degli edifici Roberto Bianco Cecina - 4 maggio 2006 DIRETTIVA EUROPEA SUL

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICI RESIDENZIALI MULTIPIANO CON INCREMENTO VOLUMETRICO RICCARDO GULLI SAIE 24.10.2014

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICI RESIDENZIALI MULTIPIANO CON INCREMENTO VOLUMETRICO RICCARDO GULLI SAIE 24.10.2014 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICI RESIDENZIALI MULTIPIANO CON INCREMENTO VOLUMETRICO RICCARDO GULLI SAIE 24.10.2014 TEMATICA RIQUALIFICAZIONE PRESTAZIONALE ED ARCHITETTONICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

Tipologie edilizie e costi

Tipologie edilizie e costi Parcheggi 8-10-2007 11:46 Pagina 18 o- o PROGETTARE TECNOLOGIA Progetto Realizzazione Gestione 18 Tipologie edilizie e costi Parcheggi: quanto costa realizzarli Quanto costa realizzare un parcheggio fuori

Dettagli

UNA RESIDENZA COMODA E TRANQUILLA CON GIARDINO

UNA RESIDENZA COMODA E TRANQUILLA CON GIARDINO UNA RESIDENZA COMODA E TRANQUILLA CON GIARDINO Prime impressioni e sensazioni: Spazio, luminosità e gradevolezza dei materiali. Ubicazione: Indirizzo Località/Borgata/Zona Comune e Provincia Regione Destinazione

Dettagli

VERIFICA ENERGETICA CLUB ECCELLENZA ENERGETICA CNA

VERIFICA ENERGETICA CLUB ECCELLENZA ENERGETICA CNA CLUB ECCELLENZA ENERGETICA CNA Committente Indirizzo Comune sig. Via.. Monte San Pietro edificio Villetta composta da 2 unità immobiliari e 2 piani fuori terra, costruito negli anni 70. Involucro Pareti

Dettagli

Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica)

Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica) Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica) Per i partecipanti in omaggio 1 SACERT SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER CERTIFICATORI COSA È SACERT R SACERT (Sistema per l'accreditamento

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 5/2/2010

Dettagli